STUDIO DI FATTIBILITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO DI FATTIBILITÀ"

Transcript

1 STUDIO DI FATTIBILITÀ RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO Febbraio 2007 > Il Progetto di Massima > Il Piano Economico - Finanziario Comune di Modena

2 2

3 Indice INTRODUZIONE ANALISI DELLA DOMAND IL NUOVO CONCETTO DI BENESSERE GLI ELEMENTI UNIFICANTI DEL CONCETTO DI BENESSERE OFFERTA DI SERVIZI BENESSERE NEL COMUNE DI MODENA INDAGINE QUALITATIVA SULLA DOMANDA LA PENETRAZIONE DEI SERVIZI BENESSERE CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE IL PROGETTO DI MASSIMA IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO INVESTIMENTI RICAVI PREVISTI COSTI PREVISTI CONTO ECONOMICO PREVISIONALE STATO PATRIMONIALE PREVISIONALE FLUSSI DI CASSA PREVISIONALI CONCLUSIONI

4 INTRODUZIONE Il Programma di Riqualificazione Urbana della zona Nord della città costituisce di Modena nel campo della qualità urbana. Tale programma, per le sue stesse dimensioni operative, offre la possibilità di mettere in relazione un sistema complesso di interventi urbanistici realizzabili nel breve-medio termine con le potenzialità innovative che derivano dalla concezione di un disegno generale di ristrutturazione morfol urbana di riferimento. è sempre valorizzando collettiva, anche attraverso il controllo dei requisiti di forma e di immagine degli spazi pubblici principali. Questo progetto di qualità urbana dovrà conformazione dei luoghi di quello che sarà il nuovo centro di tutta la città posta a nord della ferrovia. Il processo di riqualificazione dunque, partendo dagli interventi urbanistici di immediata attuabilità ed assicurandone il buon coordinamento, dovrà produrre qualità morfologica ed estetica dello spazio urbano, che dal nuovo centro di progetto si diffonda nella zona Nord della città coinvolgendo anche gli interventi successivi, con una visione unitaria e non episodica delle potenzialità architettoniche dello spazio urbano globalmente inteso. Per la città questa è irripetibile che gli permette di correggere gli effetti negativi della periferia, in modo che la zona Nord di Modena non sia più identificata in una generica e confusa periferia di una città che è altrove, ma sarà una parte della città stessa. Poiché la realizzazione di un nuove centro è considerato come momento di Riqualificazione Urbana, è anche necessario che il sistema centrale dimostri capacità di promuovere il livello di qualità diffusa nel complesso degli interventi che Il percorso che meglio può garantire i risultati voluti, non solo in merito alla qualità intrinseca del progetto, ma anche in merito allo sviluppo della discussione, della partecipazione e della produzione culturale, è sicuramente il Concorso di 4

5 Progettazione per il nuovo Centro Urbano. Lo scopo del Concorso è chiaramente rappresentato dalla ricerca della soluzione morfologica-architettonia più appropriata per il sistema degli spazi collettivi primari che costituiranno il nuovo Centro Urbano della zona Nord della città. Il Concorso di Progettazione Comunale) ed il successivo Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica ex Mercato Bestiame della Stazione ed il Centro storico; ex fino alla tangenziale), è affidato il compito di creare le condizioni per estendere progressivamente da questo centro i valori della città. In par spazi pubblici principali di progetto ai quali si intende attribuire una precisa identità di luoghi urbani, da realizzare attraverso interventi puntuali e coordinati. Tale sequenza è composta da sette luoghi/temi collettivi principali: la nuova piazza della Stazione (I), la porta del Rondò del Canaletto (II), la passeggiata del Campolungo (III), la Piazza Architettonica Centrale (IV), il Giardino Pubblico di Mezzo (V), il Carrobbio del Soratore (VI) e la connessione della Darsena Nuova (VII). 5

6 Il Campolungo, insieme alla Piazza Architettonica immediatamente più a Nord, rappresenta il luogo centrale del nuovo quartiere residenziale previsto nel comparto ex Mercato del Bestiame e, come tale, dovrebbe anche diventare lo spazio collettivo di più ampia e regolare frequentazione Il Campolungo è un grande spazio aperto largo circa 70 metri e lungo 300, ha la forma di una grande vasca allungata, circondata dal portico pubblico con vocazione alberi preesistente. Nonostante le grandi dimensioni risulta essere uno spazio dificato circostante Forma e dimensione lo rendono un luogo in cui poter svolgere attività differenziate, anche come spazio dedicato al tempo libero ed al gioco. Ai suoi lati, ai piedi delle case che definiscono lo spazio pubblico, sono presenti spazi commerciali (negozi e servizi. Il progetto vincitore del Concorso di Progettazione ha formulato alcune ipotesi per articolare meglio gli usi degli spazi del Campolungo, ipotizzando la presenza di attività destinate non solo agli abitanti del quartiere, ma che esprimessero la vocazione di un luogo dedicato a tutti i cittadini. In particolare il progetto ha introdotto un edificio a forma di serra in ferro e vetro climatizzata, che può ospitare funzioni ed attività pubbliche. La serra è divisa in due corpi che si fronteggiano, lunghi indicativamente circa 90 metri e sormontati da di circa metri per ciascuno dei due corpi di fabbrica. La struttura si presta ad avere porzioni soppalcate, con un ulteriore incremento di spazi interni fruibili. Il progetto formulava anche are una struttura le cui forme riprendano quelle degli antichi edifici termali, intesi come luoghi pubblici legati alla cura ed al benessere del corpo e della mente e al relax della persona. 6

7 Il Progetto del Campolungo così delineato è un progetto unico, non replicato e non replicabile in altri luoghi della città, dispone di una forte attrattività a scala urbana, senza generare eccessivi carichi urbanistici e richiamo per tutta la città. La funzione pubblica del Progetto rappresenterà un punto non elitaria o di basso profilo. 7

8 Capitolo 1 ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA processo di ricerca abbastanza complesso. nel comune di Modena per valutare le potenzialità di un Campolungo di lavoro preventivato poiché i risultati parziali emersi dal set di indagini inizialmente previste si sono dimostrati molto ambigui, di difficile interpretazione e quindi non in grado di dare risposte univoche alle domande che motivavano il presente lavoro. Per costruire un quadro chiaro ed attendibile del mercato del benessere a Modena sono state così condotte quattro diverse tipologie di ricerche: la prima focalizzata sulla produzione scientifica e sulle analisi condotte in in modo da pervenire ad un inquadramento teorico e di conoscenze sul settore sufficientemente due indagini qualitative, dei focus group in particolare, che hanno interessato complessivamente 20 persone di cui è stato esplorato in profondità il vissuto per ciò che concerne i servizi benessere e in particolare le aspettative verso un nuovo centro benessere. un sondaggio sui centri benessere operanti in comune di Modena, al fine di definire un quadro più chiaro e dettagliato della platea dei competitori con cui il Centro Benessere del Campolungo andrà a confrontarsi. scopo era da un lato determinare la penetrazione dei servizi benessere presso la popolazione modenese e dal altro identificare le diverse tipologie di servizi richiesti da coloro che di questi trattamenti beneficiano; 8

9 I risultati delle quattro ricerche fanno luce su di un settore molto importante del tempo libero dei modenesi, ma decisamente poco conosciuto, quanto meno nella città di Modena. centro benessere tende a sfuocarsi nel momento in cui si tenta di darne una definizione precisa. A dispetto di questi elementi di indeterminatezza, il quadro che emerge mostra una realtà economica molto importante, con potenzialità ancora più rilevanti, in cui la capacità di stare sintonizzati con le esigenze della domanda gioca un ruolo assolutamente centrale. Lo sviluppo organico e coerente del lavoro di ricerca, illustrato nel presente ha realizzato al riguardo alcuni lavori di grande rilievo. Sempre a livello di inquadramento generale merita di essere citato anche il lavoro del Censis che però risulta ormai piuttosto datato e comunque meno significativo dal me del settore. I risultati delle ricerche sono invece assolutamente originali e molto probabilmente estensibili in larga misura alle altre realtà urbane della nostra regione. 3.1 Il nuovo concetto di benessere equilibrio complessivo in cui i diversi aspetti della persona: psicologici, (mente) relazionali, (ambiente e strutture sociali) fisici, (sport e movimento) nutrizionali, (cibo e bevande) della cura del corpo (massaggi, terapie, ecc). 9

10 sono in armonia al proprio interno e fra loro. Questa nuova concezione non è una moda passeggera, ha anzi un carattere strutturale e di lungo periodo, legato all aspirazione generale ad una nuova qualità della vita. Ciò è provato tanto dalla sua diffusione a fasce sempre più ampie della popolazione, quanto dal fatto che sta interessando praticamente tutto il sistema concetti della salute e del benessere. È importante osservare che questo fenomeno divide al proprio interno i vari settori produttivi s Entro certi limiti si può parlare di una vera e propria economia del benessere di cui fanno parte: I servizi della cura del corpo Le attività sportive ento La casa La componente spirituale sempre più accentuato di differenziazione e diversificazion e ma che molto probabilmente tenderà ad ampliarsi, con le esigenze del settore pubblico di ridurre la spesa sanitaria potenziando le azioni di prevenzione. Questa azione di differenziazione diversificazione è spinta prevalentemente dal 10

11 sistema produttivo alla ricerca di nuove opportunità di business e nicchie di mercato da sfruttare. 3.2 Gli elementi unificanti del concetto di benessere wellness, si riflette anche sul concett sempre più a dilatarsi e a sfrangiarsi, perdendo contorni precisi per acquisire innumerevoli contenuti individuali. Malgrado questa molteplicità di significati, è comunque possibile identificare degli elementi comuni. la quale il benessere non va solo attraverso fatica e sacrificio, ma il suo raggiungimento deve essere esso stesso fonte di piacere, divertimento e generatore di nuovi modelli di socialità. I fitness center in questo senso non sono più luoghi di sola fatica, ma luoghi in cui socializzare, divertirsi, dove sotto la guida di istruttori, che assumono talvolta il ruolo di veri e propri guru, vengono intrapresi dei percorsi che facilmente esulano dalla ricerca della semplice forma fisica per arrivare al benessere con sé e con gli altri. Una seconda componente comune alle varie nicchie è acqua. sono componenti essenziali, non solo dei centri benessere più attrezzati, ma sono entrati ormai, in modo imprescindibile, pervade ormai ogni momento del mondo del benessere. Altro elemento comune al significato di enessere è la ricerca di sensazioni ed emozioni attraverso la sollecitazione dei 5 sensi. I centri benessere oggi non sono solo dei semplici contenitori pensati per esprimere la massima funzionalità, ma devono anch sviluppo dei trattamenti a base di vino, di pietre calde, di cioccolato, di oli aromatici, ecc. Nulla è risparmiato per assicurare un impatto totalizzante ai fruitori del wellness.. Questo orientamento si manifesta con una duplice valenza: da un lato attenzione 11

12 con il minor contenuto possibile di artificialità. Alle esigenze della domanda appena descritte, il sistema delle imprese reagisce operando lungo quattro direzioni confermate, in qualche misura, anche dalla ricerca Integrazione funzionale. Una parte delle aziende del settore tende ad integrarsi in modo orizzontale. In termini concreti ciò significa allargare al massimo la gamma dei servizi offerti per soddisfare il maggior numero di esigenze del cliente. È la logica del supermercato che prevale in questo caso: accanto ai tipici trattamenti estetici vengono offerte attività di fitness, sport, pratiche di meditazione, ecc. Lo scopo da un lato è allargare al massimo la platea dei potenziali clienti, stimolando il ritorno del e, magari più attrattive in termini di numero di clienti, però meno soddisfacenti a livello economico. Specializzazione. La strategia in questo caso è opposta a quella precedente, invece di estendere la gamma dei servizi offerti aggregandone anche di molto distanti come massaggio praticate o in altro ambito delle tipologie di fitness praticate. Si vengono così a creare delle sorte di fun club di una medesima disciplina, verso cui convergono persone legate dalla passione per un certo tipo di attività. Il cross over. Può essere visto come il risultato della penetrazione delle attività benessere in altri momenti della vita quotidiana finora distanti da tali attività. Bio bar che offrono sedute di massaggio, shop di articoli alternativi che stimolano la prova degli articoli stessi, cardio-bar ecc. sono il segno della pervasività richiamata in precedenza delle attività del benessere. Da luoghi ad alta privacy a luoghi di spettacolo nascono come istituzioni ad alto livello di privacy. Sono cioè luoghi di prestanti) in pubblico. La nuova dimensione di un wellness sempre più pervasivo tende a dissolvere progressivamente anche questa delimitazione. Non stupiscono più quindi i centri socializzate e spettacolarizzate. Le quattro declinazioni del benessere: wellness, fitness, estetica e pampering. Le barriere che separavano fitness ed estetica si sono dissolte sotto due spinte convergenti, da un lato il progressivo indebolimento, fino alla sua pratica scomparsa, 12

13 ideologia non derivassero dalla sola pr alimentari, cosmetici, ecc.) e di servizi (massaggi, elettrostimolazione, chirurgia estetica, ecc.) che assicu Il pampering, invece è qualcosa di diverso, è la nuova frontiera del benessere: la personalizzazione estrema del servizio al cliente spinta fino al punto di fargli percepire di essere avvolto in un bozzolo di attenzioni alle sue esigenze ed al suo trasformarsi in esperienza, in questo decennio pare che il registro sia profondamente marketing, è anzi ben presente anche nelle strategie dei gestori dei centri benessere servizi benessere a Modena. 3.3 articolata in 5 fasi: a dei servizi benessere nel comune di Modena si è 1. identificazione di tutte le strutture presenti a Modena operanti nei settori del 2. selezione attraverso internet ed eventualmente con brevi interviste sauna, bagno turco e massaggi. 3. stesura del questionario somministrato attraverso intervista diretta ai titolari o gestori dei centri selezionati 4. interviste ai titolari o gestori dei centri selezionati condotte da professionisti 5. analisi delle risposte. Fra tutte le strutture identificate solo poche hanno accettato di rispondere in modo aperto al questionario loro proposto. Questa scarsa disponibilità si è manifestata in 13

14 particolare nei gestori delle strutture più piccole per cui, anche se le carenze informative sono importanti, queste non impediscono comunque di tracciare un quadro sufficientemente chiaro del settore La dimensione del fenomeno A Modena sono state iden peso significativo. Se si considera che il numero degli abitanti della città in età compresa fra i 20 ed i 70 anni sono circa 120 mila, ne risulta un rapporto di circa un centro benessere ogni abitanti. Una proporzione simile è stata rilevata anche in alcune delle città maggiori della regione, esaminate per trovare riscontro a questa proporzione. Fanno eccezione i nte influenzate dal turismo. A conferma di quanto è stato evidenziato precedentemente, a Modena fra le aziende del settore è diffusa una strategia che mira alla integrazione funzionale dei servizi offerti. Infatti, come risulta dalla tabella che segue, una sola struttura è specializzata nei soli servizi benessere, focalizzandosi su di una tipologia molto specifica (Hammam). SERVIZI N CENTRI BENESSERE Benessere 1 Benessere Estetica 4 Benessere Fitness 5 Benessere Fitness - Estetica 2 Tabella 1 - Mix dei servizi offerti dalle strutture che offrono servizi benessere nel comune di Modena Tutte le altre integrano i servizi benessere con attività diverse. Sono le due strutture di maggiore dimensione ad operare secondo la l spinta, offrendo contemporaneamente servizi: benessere, fitness, estetica ed assegnando ad essi superfici molto simili. Negli altri centri complementare al servizio principale offerto, sia questo sportivo, fitness o estetico. 14

15 a Modena, infatti, che le strutture maggiori hanno aperto benessere seguite a ruota da quasi tutte le altre I servizi offerti Il diverso approccio ai servizi benessere manifestato dalle strutture maggiori rispetto alle altre è il sintomo più evidente di un dualismo presente nel sistema di offerta modenese per ciò che concerne il wellness che porta a distinguere le due strutture maggiori da tutte le altre. I servizi offerti dalle prime sono nel complesso piuttosto tradizionali, tendono però a rea relax, idromassaggio, piscina, massaggi, sauna, bagno turco, aroma terapia, fanghi, solarium, servizi di specialisti. I centri più piccoli offrono invece o trattamenti basici (massaggi, fanghi, solarium) oppure tendono a specializzarsi su qualche specifica tipologia di servizio (Hammam, ecc) Il livello di attività dei centri Il dualismo fra grandi e piccole strutture a cui si è accennato emerge in grande evidenza nel momento in cui si analizzano i livelli di attività a cui operano i centri analizzati. Ogni mese le due strutture maggiori realizzano ognuna complessivamente circa prestazioni, contro le circa 200 dei competitori minori., la frequentazione mensile delle grandi strutture da parte del medesimo cliente è molto alta: questo torna, infatti, circa 8 12 volte. Negli altri centri il dato oscilla invece su numeri molto più bassi, fra 8 e 4, con una prevalenza della cifra minore. Sostanzialmente analoga ovunque è la permanenza nella struttura, pari a circa 1h 1,30h. Comuni a tutti gli intervistati sono anche le ore della giornata di massima frequenza: 15

16 12,30 14,30) e quelle del pomeriggio, immediatamente successive alla chiusura degli uffici, ma prima di cena (17,30 20,00). Nei centri maggiori i giorni di massima presenza della clientela sono 3 4 (da giovedì a sabato a cui si aggiunge anche il mercoledì), mentre nelle strutture minori i giorni di massima frequenza sono il venerdì ed il sabato. Sostanzialmente analoghe a tutti sono le prime 4 tipologie di trattamento richieste dai clienti: massaggi, cerette, solarium, trattamenti specifici (viso, corpo, ecc.) La clientela A parte il caso dei centri che praticano sport molto specifici, le donne sono le maggiori frequentatrici delle aree benessere con percentuali che variano fra il 60% e Nelle donne la massima presenza si ha per la classe di età compresa fra i anni, mentre gli uomini si concentrano nel decennio successivo. Tutti i clienti appartengono ad un ceto medio, medio superiore. strutture maggiori attraggono clientela da tutto il perimetro cittadino, mentre le strutture più piccole hanno una clientela in cui tendono a prevalere gli abitanti del quartiere in cui sono localizzate I centri benessere a Modena in prospettiva Per quanto concerne le intenzioni per il futuro, il sondaggio rileva una tendenza comune a tutti gli intervistati. Tutti mirano ad aumentare la personalizzazione ed il comfort dei trattamenti: 16

17 È facile osservare la cui si accennava nel precedentemente. Per altri aspetti, invece, le strade dei diversi gestori si dividono: sviluppo della fisioterapia e della riabilitazione, aumentare i trattamenti individuali a scapito delle attività collettive, pampering, Per quanto concerne infine il benessere in acqua, anche in questo caso si confrontano visioni diverse: i tipi di ginnastica + una piscina bassa per per finire con un lapidario: cqua!!! 3.4 Indagine qualitativa sulla domanda e la potenzialità che un ipotetico nuovo Centro sul focus group, una metodologia che meglio si adatta a raggiungere gli obiettivi prefissati essendo di tipo qualitativo/motivazionale. Gli obiettivi previsti dalla ricerca sono i seguenti: 17

18 Individuazione e percezione del concetto di ; Immagine e definizione di un Centro Benessere; V entri Benessere; Valutazione delle motivazioni che sottendono alla propensione attuale e potenziale di frequenza; Valutazione, vissuto e conoscenza dei Centri Benessere attuali; Valutazione e sviluppo di un nuovo Centro Benessere (in acqua) Metodologia e target Per lo svolgimento della ricerca sono stai condotti due focus groups, ognuno composto di 10 persone. I componenti dei due gruppi sono stati selezionati sulla base dei seguenti criteri: il primo focus group ha coinvolto users occasionali (meno di una volta al mese) di servizi benessere e/o centri benessere specifici, frequentatori, comunque, di centri estetici/palestre/centri sportivi (8 persone); il secondo invece si è focalizzato sugli users abituali (una o più volte al mese) di servizi benessere e/o centri benessere specifici, comunque attivi, sportivi (8 persone). I due collo. Come componenti di ognuno dei due gruppi sono state selezionati delle persone con le seguenti caratteristiche: Sesso: Età: CSE: 50% maschi 50% femmine dai 25 ai 60 anni equamente distribuiti media, medio-alta 18

19 Stato civile: Presenza figli: misto (single, in coppia, con figli) 60% senza 40%con figli (fra questi almeno un 50% a sua volta con figli sotto ai 14 anni) Il concetto di benessere Benessere è: Equilibrio psicofisico (armonia, star bene con se stessi e con gli altri) Relax e tranquillità ( silenzio per ricaricare le pile, superare lo stress) Il tempo ritrovato (per se e per fare le cose che piacciono) Rigenerarsi Salute (la condizione che ci si auspica dopo un evento avverso soprattutto fisico) ( azzurro, verde chiaro, rilassante, purificante. Fra le risposte pervenute dal target di riferimento viene citato anche il benessere economico ma con accezione negativa come elemento che contrasta, altera il reale senso di benessere, quello psico-fisico, poiché innesca, genera un meccanismo in ansia, agitazione. Insoddisfazione, mancanza di tempo, in una parola stress,. Tendenzialmente il concetto di benessere è legato ad una condizione di quiete, di tranquillità più che di dinamicità, di movimento, è legato a delle sensazioni inebrianti i i problemi del quotidiano, o almeno affrontare le preoccupazioni con una visione più distaccata e quindi facilitante la risoluzione). Notiamo come il concetto di benessere: 19

20 nel gruppo dei frequentatori occasionali (o vacanzieri), sia maggiormente legato TEMPO innanzi tutto quasi come un centro riabilitativo(almeno come sua primaria funzione!!) nel gruppo dei frequentatori abituali predomina invece la condizione RELAX, di rigenerarsi, di staccare la spina oltre a quella di più tempo e spazio per se. gruppi che porta: i primi a scegliere e a frequentare un Centro Benessere durante un week-end fuori città; secondi invece a prendere in considerazione i servizi benessere nel quotidiano anche in città ed anche per solo 1 ora o Immagine e vissuto di un centro benessere Il concetto prevalente di centro benessere è: Centro Benessere = coccole Centro Benessere = terme (acque termali) Centro Benessere = tutto ciò che crea relax luogo per ricaricarsi, spazio dove poter pensare solo a se, 20

21 cura del proprio IO, è il luogo di ti svuoti ed esci luogo di coccole per coccolarsi La prima immagine è quella di un centro termale, di una SPA dei romani, di un luogo avvicinamento, di conoscenza e di una piacevole scoperta dei Centri Benessere. Il pensiero va anche ai centri orientali, con tempi lenti, relax, movimenti ritmati, rituali e soprattutto PRIVACY, oppure ai centri estetici in generale che praticano soprattutto massaggi dolci. idromassaggio termale, dai percorsi in acqua, le cascate, i massaggi, il bagno turco, hammam. Analizzando i target notiamo come siano i frequentatori abituali ad associare un Centro Benessere più ad un miglioramento/mantenimento del proprio aspetto e della propria forma oltre che della propria mente (concetto dinamico). Per i frequentatori occasionali (vacanzieri), invece, il concetto di Centro Benessere è maggiormente legato a quello di centro termale, curativo, preventivo, dove si possono svolgere più attività e dove la cura della propria mente attraverso il corpo relax allontanando tutto il resto (concetto lento) ed meglio una vacanza, un week-end o almeno 3-4 ore!! Interesse, motivazioni alla frequentazione ed elementi di attrazione contro il logorio della vita moderna avvicinamento ai Centri Benessere dovuto ad una maggior presa di coscienza del 21

22 benessere del proprio corpo e del proprio spirito, ad una progressiva perdita dei iniziale equiparazione dei Centri Benessere ai centri termali vecchio stile cioè veri e propri centri di cura, anche se naturale, per alcune malattie. Oggi è il concetto di volere, di piacere che si sta sostituendo a quello di dovere, il idea di un prodotto costoso, di elite, ancora per pochi, la conoscenza dei servizi offerti è scarsa e a volte si vive il Centro Benessere prevalentemente attraverso il massaggio non avendo per questo alcun interesse, anzi rifiutandolo per un ripudio interiore delle mani di altri addosso a sé. Alcune motivazioni di frequentazione di un Centro Benessere sono già state in precedenza citate, fra le principali: è una filosofia di vita; idea di rigenerarsi, uscire come nuovi per essere coccolati ed avere un momento per sé; per essere felici ed in pace con se stessi; per dimenticare, lasciare tutti i problemi fuori dalla porta; per curiosità; ; per mantenersi giovani; perché si vive come una forma di benessere passivo. Possiamo, infatti, ulteriormente considerare il benessere sotto due diverse forme: BENESSERE ATTIVO: per scaricare la tensione movimento (sport e palestra). adrenalina attraverso il BENESSERE PASSIVO: per scaricare stress e ricaricarsi emotivamente, un momento per se stessi, per curare il corpo allo scopo di (Centro Benessere). Ciò che attrae di un Centro Benessere è: la possibilità di stare in un ambiente tranquillo, quasi meditativo; i ritmi lenti in contrasto con la frenesia della vita di tutti i giorni; 22

23 cqua in tutte le sue forme; la possibilità di provare nuove tecniche di massaggio; il personale dedicato, che ha interesse per il fruitore come individuo; coccolato, accudito, protetto (quasi un ritorno allo stato fetale) I centri benessere conosciuti come sono e dove primi Centri Benessere che vengono alla mente non sono quelli nella città di residenza ma quelli in località più lontane, centri di vacanza, rinomate località termali o metropoli. Si pensa di più alla vacanza, al week-end, si associano spazi aperti, ampi, con un bel paesaggio intorno e quindi i primi citati sono appunto centri termali noti o che comunque si sono evoluti, che offrono cioè oltre ai servizi benessere e di cura anche soggiorni, intrattenimento extra cure, ambiente giovane: ISCHIA; MERANO; SATURNIA; COMANO; BAGNI VIGNONE; ABANO; ed ancora i CENTRI ADLER, come catena innovativa di hotel + Centro Benessere da raggiungere per i modenesi con servizi benessere in camera e con la possibilità di usufruire di moltissima privacy, centri esteri in Turchia o in Marocco è un vero hammam!) o Parigi. Ultimi sono, Infine, i centri benessere di Roma e di Torino Si tratta di strutture grandi e spaziose, in genere eleganti se non proprio lussuose, le luci e le musiche soft, assente è la confusione, alcune volte sono hotel con spazi benessere o con servizi benessere in camera. Il silenzio, la scarsa promiscuità sono comunque sempre rispettati la parola privacy è fondamentale La situazione attuale a Modena A Modena, a detta soprattutto dei fruitori occasionali non è presente quasi nulla che si possa definire un vero e proprio Centro Benessere. Per loro non si può considerare tale, anche se è definito così, un centro estetico dove si pratica uno e 23

24 Il Jolly o lo Sporting offrono qualcosa in più ma sempre come servizi complementari e marginali a palestra, attività sportive o estetica e questa promiscuità di attività non a tutti piace. Il gruppo degli abituali accetta invece questi servizi come servizi benessere, non come veri Centri Benessere. Esiste da parte loro una maggiore propensione ed apertura mentale a questa integrazione fra benessere attivo e passivo: non potendo, anche se per poco, di moment fra benessere attivo e passivo è modenese sono: JOLLY, SPORTING, TERME SALVAROLA, HAMMAM MEDITERRANEO, BODY SUN, poi tanti piccoli centri estetici senza nome preciso dove si può trovare idromassaggio o massaggi di vario genere o cristallo-terapia o Aroma-terapia ecc I servizi offerti e il rapporto con i costi La conoscenza da parte degli intervistati dei servizi offerti è limitata, tranne che per due persone del campione di riferimento., il personale (specializzato, gentile, discreto ma attento) ed i rituali ad avere un ruolo dominante sui servizi stessi, di questi ultimi quelli più conosciuti, citati e più utilizzati sono: aree relax; idromassaggio; sauna e bagno turco; massaggi rilassanti; digitopressione; massaggi shiatsu; ginnastica dolce guidata. 24

25 E, quando presenti: piscine di vario genere (termale, salmastra, calda, percorsi flebologici); musico-terapia; aroma-terapia; cromo-terapia; cristallo-terapia; bagni nel fieno; massaggi con uso di elementi diversi (pietre, miele, cioccolato ecc,). Ed ancora: terapie olistiche con prevalenza della meditazione; terapie ayurvediche; hammam. Per quanto riguarda i costi, i servizi benessere sono considerati in generale cari, soprattutto se presi singolarmente, ma alcuni, quali le aree relax, le saune e sono inseriti in pacchetti o abbonamenti delle palestre dei club quindi considerati generalmente gratuiti. Per quei servizi che non si utilizzano in modo continuativo poter spendere maggiormente, per un massaggio, ad esempio, si può pagare, per fare un abbonamento a dieci sedute di meditazione o di ginnastica dolce anche, al giorno tutto compreso pacchetto vacanza nel weekend in hotel con Centro Benessere a Colà sul Lago di Garda. Certo non si tratta di servizi per tutti, rimangono escluse in particolare le famiglie con figli e chi individua, oltre che nella mancanza di tempo, anche nel costo, un motivo che può indurre alla minore e limitata frequentazione. Se parliamo invece di week-end o vacanze in luoghi con Centri Benessere la scelta, a detta degli intervistati, è ampia anche per quel che riguarda i prezzi soprattutto. A Modena prima di parlare di prezzi bisognerebbe parlare di servizi benessere 25

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

MEETING & CONFERENCE ENNA. www.hotelfedericoenna.it

MEETING & CONFERENCE ENNA. www.hotelfedericoenna.it MEETING & CONFERENCE ENNA www.hotelfedericoenna.it Ci presentiamo Il Federico II Palace Hotel Spa & Congress, sorge a Enna circondato da immense vallate che creano una cornice naturale di verde, ma anche

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO. RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014

COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO. RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014 COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014 Quando la climatizzazione si fa arte Mai come a casa propria ci si occupa del comfort con tanta passione, l estetica

Dettagli

Dall Altopiano di Piné

Dall Altopiano di Piné Dall Altopiano di Piné Trattamenti Beauty La Carezza Alpina Montagnaga di Piné Beauty Viso PULIZIA PROFONDA DEL VISO ALLA GENZIANA Trattamento esfoliante e purificante agli estratti rigeneranti della genziana

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Pulizia e igiene... semplicemente

Pulizia e igiene... semplicemente Aspirapolvere centralizzato www.sistemair.it Pulizia e igiene... semplicemente La forza del sistema sta nella sua semplicità: con un tubo flessibile pulisci tutta la casa! 4 2 3 1 1 Centrale aspirante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI

REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI indetto dalla scrivente Società Italo Britannica L. Manetti H. Roberts & C. per Azioni (di seguito la promotrice ) con sede legale in Firenze, Via Pellicceria, 8 - sede amministrativa in Calenzano (FI)

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli