Una via d uscita per la crisi d impresa? Il piano attestato di risanamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una via d uscita per la crisi d impresa? Il piano attestato di risanamento"

Transcript

1 Una via d uscita per la crisi d impresa? Il piano attestato di risanamento di Marcello Pollio (*) La vera esigenza delle imprese in difficoltà, siano esse in crisi finanziaria o economica, è quella della tutela e conservazione della continuità aziendale. Tale salvaguardia si scontra con la pericolosità e difficoltà di dimostrare la concreta realizzabilità di un percorso di risanamento e rilancio. Il legislatore della riforma fallimentare ha introdotto già dal 2005 la protezione degli atti, pagamenti e garanzie (concesse) posti in essere in esecuzione di un piano di risanamento attestato da un professionista qualificato che certifichi la ragionevolezza del piano stesso. La riforma della legge fallimentare offre oggi, dunque, nuove opportunità per affrontare e risolvere la crisi d impresa, alternative alla «classica» liquidazione concorsuale. Tra le nuove opportunità lo strumento più innovativo è certamente rappresentato dal piano stragiudiziale attestato di risanamento, strumento unilaterale di risoluzione della crisi reversibile che, se approntato per tempo e nel modo giusto, può scongiurare il rischio di insolvenza, ripristinare l equilibrio dell impresa e consentire il rilancio della stessa, (ri)conquistando la fiducia degli stakeholders. Uno strumento richiesto e apprezzato dal sistema creditizio, che permette di riattivare i rapporti bancari e anche (talvolta e spesso) ottenere nuova finanza, indispensabile al risanamento. Premessa Le esigenze di riformare la vecchia e oramai superata legge fallimentare del 42 (1) hanno condotto il legislatore a introdurre nuovi strumenti concorsuali (il piano attestato stragiudiziale di risanamento e gli accordi di ristrutturazione dei debiti) e modificare sostanzialmente il concordato preventivo, introducendo poi nel fallimento il nuovo concordato fallimentare. La fisionomia e le caratteristiche delle procedure concorsuali sono state così «stravolte» fornendo nuove opportunità per affrontare e risolvere la crisi d impresa, alternative alla classica liquidazione concorsuale, con finalità di anticipare la crisi irreversibile, privilegiare la tutela del going concern, il rilancio e la sopravvivenza delle imprese in crisi. Ciò rappresenta oggi una grande opportunità che deve essere sfruttata al meglio dagli imprenditori e dai manager, nonché dai professionisti che assistono le imprese in difficoltà (finanziaria o più grave). Il nuovo diritto fallimentare privilegia ora «strumenti di risanamento» volti a scongiurare l insolvenza e risanare l impresa in crisi, l utilizzo dei quali richiede la predisposizione di un vero e proprio piano di turnaround (di vario contenuto a seconda del tipo di strumento utilizzato e della gravità e tipo di crisi) da sottoporre (non sempre) ai creditori e che deve essere attestato e/o comunque va- (*) Socio Pollio & Associati Law and Tax Adviser, membro R4TURN restructuring for turnaround, commercialista e revisore contabile in Genova e Milano. (1) Ad opera del D.L. 14 marzo 2005, n. 35 (Decreto competitività), D.Lgs. 9 gennaio 2006, n. 5 (emanato in attuazione della delega contenuta nella legge di conversione del decreto competitività, la n. 80 del 14 maggio 2005) ed, in ultimo, del D.Lgs. 12 settembre 2007, n. 169 (c.d. Decreto correttivo). 12/

2 lidato da un esperto professionista terzo ed esterno all impresa stessa (2). In quest ottica, strumento fortemente innovativo (forse proprio il più innovativo) è il «piano di risanamento stragiudiziale attestato» disciplinato al terzo comma, lettera d) dell art. 67 l. fall.. Si tratta, per la verità, di uno strumento stragiudiziale che veniva già ampiamente utilizzato nel settore bancario e che era in qualche modo contenuto nelle convenzioni bancarie definite dal protocollo d intesa sottoscritto da molti associati ABI. La novità è che la riforma della legge fallimentare, o meglio dell istituto della revocatoria fallimentare, ha introdotto un meccanismo di tutela del risanamento, permettendo di attribuire al piano di risanamento stragiudiziale una validità che garantisce i creditori e l imprenditore dai rischi civili dell insolvenza e anche penali (se il piano concreto è idoneamente attestato, perché manca in tale ipotesi l elemento soggettivo necessario a configurare la responsabilità penale per dolo o colpa). Tale strumento, tuttavia, benché sia il solo a permettere la conservazione in efficienza delle aziende, inizia oggi ad essere meglio apprezzato e praticato, ancorché siano ancora molti a scarsamente conoscerne le peculiarità e ad averne compreso i pregi e l utilizzo. La (scarna) disciplina positiva: ratio della norma e natura dello strumento L art. 67, terzo comma, lett. d), l. fall., nello spirito di privilegiare la continuazione dell attività d impresa, stabilisce che sono esenti da revocatoria fallimentare - proteggendo in tal modo, nell ipotesi di insuccesso, i soggetti che hanno confidato nella riuscita del salvataggio aziendale - «gli atti, i pagamenti e le garanzie concessi su beni del debitore purché posti in essere in esecuzione di un piano che appaia idoneo a consentire il risanamento dell esposizione debitoria dell impresa e ad assicurare il riequilibrio della sua situazione finanziaria e la cui ragionevolezza sia, ai sensi dell articolo 2501 bis, quarto comma, c.c.,attestata da un professionista iscritto nel registro dei revisori contabili e che abbia i requisiti per assumere l incarico di curatore fallimentare». 72 Il piano attestato è un vero e proprio piano di turnaround, il quale deve permettere il risanamento dell impresa o meglio dell esposizione finanziaria e debitoria ed essere attestato da un professionista che ne validi la ragionevolezza. La ratio della norma è quella di salvaguardare gli atti esecutivi posti in essere nell ambito di un «attendibile» programma di risanamento aziendale, nel caso di insuccesso del programma e, quindi, di fallimento dell imprenditore che ha predisposto ed eseguito il piano. Tale salvaguardia si realizza, appunto, esonerando i terzi che hanno confidato nella bontà e riuscita del piano dalle conseguenze negative derivanti da un eventuale azione revocatoria fallimentare. Il piano attestato di risanamento rappresenta una forma di ristrutturazione dell impresa (e di rimozione dell insolvenza) che differisce fortemente sia dal concordato preventivo, sia dagli accordi di ristrutturazione ex art. 182 bis, l. f., essendo questi ultimi vere e proprie procedure (3), rispettivamente procedimentalizzata e «marcatamente privatistica», basate sulla composizione negoziale della crisi, e quindi sul consenso dei creditori. Il piano attestato non è una procedura concorsuale, non prevede il controllo e/o l intervento del tribunale, non è soggetto a regimi pubblicistici e, soprattutto, non deve essere per legge sottoposta ai creditori. Tuttavia senza una partecipazione attiva dei creditori qualsivoglia tentativo di risanamento non potrà mai sortire esito positivo. Gli imprenditori titolati ad utilizzare il piano attestato Il piano attestato di risanamento può essere predisposto da qualsiasi imprenditore «non piccolo» ai sensi del novellato art. 1, l. fall., ovvero qualunque operatore economico assoggettabile a fallimento, come tale potenzialmente rientrante nell applicazione della (2) In argomento, e per approfondimento, sia consentito il rinvio a Pollio (a cura), Gli accordi per gestire la crisi d impresa e la predisposizione del piano stragiudiziale di risanamento, Verona, 2009, 40 ss... (3) Espressamente «concorsuale» la prima. 12/2009

3 azione revocatoria fallimentare. Tali soggetti sono tutti gli imprenditori che superino anche uno solo dei tre seguenti parametri oggettivi: i) avere un attivo di bilancio superiore a euro negli ultimi tre anni, ii) avere avuto ricavi lordi negli ultimi tre anni superiori a euro medi e iii) avere debiti complessivi non scaduti superiori a euro. Sulla carta, lo strumento potrebbe essere utilizzato anche da soggetti «non fallibili», ancorché il suo utilizzo risulterebbe inutile almeno per gli effetti della esenzione da revocatoria fallimentare. Ciò nonostante potrebbe accadere che un soggetto al limite delle dimensioni per l assoggettamento a fallimento ritenga di adire lo strumento per evitare qualsivoglia rischio nell eventuale ipotesi di apertura della procedura concorsuale. In Tavola 1 uno schema riassume quanto esposto. Tavola 1 - Schema riassuntivo dell impresa (4), anche nell ipotesi in cui l impresa si trovi in uno stato di liquidazione volontaria. Infatti, l esclusiva eliminazione dello squilibrio finanziario e dell esposizione debitoria dell impresa (e, quindi, il semplice ripristino temporaneo della solvibilità del debitore senza alcun intervento volto ad una riqualificazione dei processi produttivi critici ovvero ad apportare cambiamenti sotto l aspetto economico e nell assetto organizzativo e produttivo della società), non può che condurre a risultati positivi esclusivamente di breve periodo. L art. 67 prevede poi l esistenza di un requisito di forma-contenuto, ovvero che il piano di risanamento (cioè la sua ragionevolezza) sia attestato ex ante da «un professionista iscritto nel registro dei revisori contabili e che abbia i requisiti previsti dall art. 28, lett. a) e b) ai sensi dell articolo 2501 bis, quarto comma, del codice civile». La figura del professionista e l attestazione sono quindi determinanti agli effetti che la redazione del piano innesca sotto il profilo dell esenzione da revocatoria (degli atti posti in essere in esecuzione del piano stesso). Gli obiettivi e i requisiti del piano Il nuovo art. 67 precisa che il piano deve possedere due requisiti tassativi, ovvero: 1)l uno strettamente di contenuto: consentire il risanamento dell esposizione debitoria e il ritorno all equilibrio finanziario dell impresa; 2)l altro di forma-contenuto: possedere l attestazione di ragionevolezza dell esperto. Il risanamento dell esposizione debitoria equivale ad una riduzione dell entità dei debiti, ovvero ad una rinegoziazione delle relative scadenze, idonee a riportare l impresa all equilibrio finanziario. Invero, al di là del dato normativo, la vera essenza del risanamento dell impresa è rappresentata, ad esclusione delle crisi di natura esclusivamente finanziaria, dall eliminazione di quelle patologie che producono una erosione del valore economico del capitale Caratteristiche e contenuti del piano: interventi e fasi del risanamento Il piano attestato di risanamento formalizza un percorso di turnaround, e come tale deve assumere le «sembianze» di un business plan della crisi (5), accogliendo dunque al suo interno un piano industriale, un piano economico ed un piano finanziario (con prospetto dei flussi totali di cassa). Quanto al contenuto, l attuazione del risanamento - sotto il profilo degli interventi economico-patrimoniali (invero non letteralmente richiesti dalla norma ma necessari per realizzare un effettivo risanamento del- (4) In tale ultimo senso Mandrioli, Il risanamento dell esposizione debitoria dell impresa ed il riequilibrio della situazione finanziaria, in Bonfatti (a cura di), L azione revocatoria, Milano, 2005, 150 secondo cui l utilizzo del piano di risanamento sarebbe compatibile anche con uno stato di liquidazione tout court, che conduca, quale contenuto finale del piano di risanamento, alla cessazione del soggetto che svolge l attività dell impresa. (5) Sul contenuto documentale del piano attestato ex art. 67 l.fall., si rinvia a Pollio, Gli accordi, cit.. 12/

4 l impresa in crisi) - può essere perseguita attraverso due tipologie di interventi: 1) intervento esterno: ricapitalizzazione della società da parte dei soci; conversione di debiti in capitale di rischio, mediante sottoscrizione di un aumento di capitale riservato; remissione totale o parziale dei debiti, mediante accordi di definizione e stralcio rinegoziazione delle condizioni dei finanziamenti in essere, in particolare ridefinizione dei tassi di interesse applicati erogazione di nuova finanza; riposizionamento dei debiti a breve in debiti a medio lungo termine mediante consolidamento del debito; 2) intervento interno: cessione di beni strumentali non strategici scelte imprenditoriali volte all aumento dell efficienza della struttura produttiva (riduzione di costi, aumento dei margini di redditività); autofinanziamento dell impresa mediante i flussi derivanti dalla gestione corrente. Il percorso di risanamento richiede, ovviamente, un attenta pianificazione, che trova espressione (e sintesi) nel c.d. action plan, che ha la funzione di individuare le attività e le iniziative da intraprendere per la realizzazione del progetto di risanamento, oltre alle tempistiche ed ai relativi responsabili. In tal modo si evidenziano due rilevanti fattori di successo del piano: a) arco temporale entro il quale l impresa deve raggiungere una condizione di equilibrio economico finanziario, il quale non dovrebbe superare i 3/5 anni (pari, cioè, al lasso temporale ritenuto dalla prassi aziendale sufficiente per verificare gli effetti economico-finanziari di interventi strutturali). b) identificazione della struttura e principi di governance, con particolare attenzione alla figura chiamata a gestire il processo di turnaround. La formalizzazione del business plan del risanamento, si articola in sei fasi: 1) raccolta dei dati di partenza relativi all impresa, finalizzata alla rappresentazione di una situazione patrimoniale ed economica iniziale redatta a valori correnti (al c.d. fair value). Si tratta, ovviamente, di un bilancio straordinario che deve dare contezza del 74 valore patrimoniale di partenza e delle performance reddituali di periodo; 2) individuazione delle cause della crisi e la riclassificazione dei bilanci pregressi; 3) predisposizione del piano industriale (o gestionale), in cui vengono descritti tutti gli interventi che riprogrammano l aspetto industriale/gestionale dell impresa, con lo scopo di riposizionare strategicamente l impresa sul mercato, per ottenere la razionalizzazione dell impresa, creare liquidità e soprattutto aumentare la percezione di valore dell impresa presso i terzi, riprendendo o mantenendo la fiducia degli stakeholders e in particolare dei finanziatori, ovvero le banche; 4) predisposizione del piano economico (previsionale), per determinare quali saranno i flussi di cassa della gestione tipica e della gestione straordinaria. Il piano dimostra, cioè, quali sono gli effetti del risanamento nella generazione della cassa che potrà servire a rimborsare il debito esistente all inizio del processo e il debito corrente (cioè quello generato dalla gestione del risanamento); 5) predisposizione del piano finanziario, ovvero il documento che traccia la nuova struttura finanziaria dell impresa dopo gli interventi ipotizzati, cercando di razionalizzare le fonti di finanziamento, ridurre il costo dell indebitamento e diminuire la dipendenza dell impresa dalle fonti esterne, o quanto meno, riequilibrare tale dipendenza ad un livello sostenibile; 6) predisposizione del prospetto dei flussi di cassa, documento di sintesi e più importante dell intero piano di risanamento, che permette di verificare l adeguatezza del piano a rimborsare i debiti. Gli elementi critici del risanamento Nella predisposizione di un piano di risanamento aziendale occorre tenere presente i fattori critici di seguito rappresentati, che possono determinare la riuscita o meno del risanamento. 1. Non esiste un modello standard di risanamento e non si può mai pensare che un piano, benché fatto bene, possa essere vincente a priori; 2. un piano industriale per il risanamento aziendale, non può mai reggere senza ade- 12/2009

5 guata struttura finanziaria. Ecco perché, insieme alla struttura finanziaria, il cash flow diviene centrale nelle scelte del risanamento, nella programmazione delle azioni e della tempistica; 3. senza sostegno delle fonti finanziarie, ovvero del sistema finanziario a supporto del capitale circolante dell impresa, qualsiasi risanamento aziendale risulta assai difficile. Occorre poi avere ben chiaro quali sono gli interventi da compiere e quali gli obbiettivi, così come occorre distinguere tra risanamento finanziario e ristrutturazione finanziaria. La ristrutturazione riguarda soltanto la riprogrammazione dei debiti (scadenza e/o entità) a causa del deterioramento delle condizioni economiche. Il risanamento, invece, consiste nel ridurre l esposizione debitoria, recuperare gli equilibri aziendali nel breve, medio e lungo periodo, per ritornare al valore dell impresa; 4. il piano non dovrebbe superare un arco temporale tra i 3 e 5 anni. Tale termine deve essere inteso per il ripristino della capacità dell impresa a far fronte ai propri impegni e, quindi, va riferito alle misure straordinarie che si intendono assumere (ad esempio dismissione dei cespiti, dismissione o razionalizzazione di linee produttive, messa in mobilità di dipendenti, ecc.). Non è invece necessario il rimborso, nello stesso termine, di tutte le passività in essere alla data della redazione del Piano, che possono essere invece consolidate e riscadenziate, con la previsione di un loro rimborso in termini più lunghi; 5. la durata del piano va sempre commisurata al ciclo economico ordinario della produzione ed al grado di coinvolgimento dei creditori. Minore è la condivisione da parte del ceto creditorio degli obiettivi del piano, minore dovrebbe essere la durata, pena l insuccesso del piano con lesione della par condicio creditorum; 6. le conclusioni del piano devono risultare chiare e precise, e sempre collegate ai fattori di rischio indicati nel piano, dando evidenza dei risultati numerici e contabili attraverso commenti e descrizioni di facile lettura, che non diano possibilità di controversa interpretazione; 7. il piano deve contenere la previsione di strategie alternative e multi orientate, affinché il risanamento possa raggiungere il suo scopo anche in presenza di variabili esterne che possano condizionare l attuabilità degli interventi e del percorso di risanamento. Il piano attestato è un business plan Al piano di risanamento si applicano, come accennato, i principi ed i criteri previsti per il business plan (6), risultando esso, quindi, un documento redatto nel rispetto dei principi generali che caratterizzano la finanza aziendale e composto di più parti distinte ma strettamente interconnesse, suddivise tra una prima sezione descrittiva ed una seconda sezione quantitativa. La sezione descrittiva riporta la dettagliata ed organica rappresentazione di quelli che sono i presupposti, il quadro di riferimento ed il contesto in cui opera l azienda, i prodotti ed i processi produttivi, la struttura societaria, le iniziative intraprese e da realizzare, le ipotesi a base delle proiezioni, le strategie e gli sviluppi procedurali della pianificazione ecc. La sezione quantitativa si compone di più documenti (ai quali si è già fatto cenno) complementari tra loro: 1) il piano industriale, prospetto nel quale vengono definite le varie ipotesi di riposizionamento strategico dell impresa e le relative condizioni di realizzabilità, nonché i vari interventi di ristrutturazione economica o operativa e di razionalizzazione dei costi, ovvero l insieme delle misure dirette a recuperare economicità attraverso il conseguimento di più elevati standard di efficienza in ordine alle normali operazioni di gestione. 2) Il piano finanziario e la ristrutturazione delle passività, avente ad oggetto la ristrutturazione finanziaria dell impresa e, quindi, l assetto della sua struttura finanziaria con l obiettivo di rendere credibile, nel breve periodo, la sopravvivenza, e nel medio lungo periodo, il definitivo rilancio, attraverso la creazione di nuovo valore economico. 3) Le proiezioni economico-finanziarie, parte conclusiva del piano che quantifica le possibili conseguenze economiche e finanziarie del Nota: (6) Cfr. Principi di redazione del business plan, approvati da CNDC (ora CNDCEC), Fondazione Aristeia, /

6 programma di risanamento formulato. Tali proiezioni si presentano attraverso: un bilancio, costituito da conto economico e stato patrimoniale previsionale. Tale strumento consente di verificare il raggiungimento dell equilibrio reddituale e successivamente il conseguimento di risultati economici positivi, e la fattibilità del programma, nell arco temporale considerato congruo (come detto, 3-5 anni); un rendiconto finanziario, che rappresenta la proiezione dei flussi finanziari, ossia la variazione della liquidità, dei crediti e debiti a breve scadenza; un prospetto dei flussi di cassa, che come detto, attraverso un costante e periodico confronto con le risorse disponibili, forniscono un importante indicatore nel breve del fabbisogno di liquidità. La best practice per la redazione del piano attestato I principi di redazione di un piano attestato di risanamento sono quelli adottati dalla prassi aziendalistica ai fini della redazione di un corretto ed adeguato business plan. Le fonti più autorevoli, a tale scopo, sono rappresentate soprattutto da: i principi generali di redazione del business plan approvati dal CNDC (ora CND- CEC); le Linee «Guida al Piano Industriale» elaborate da Borsa Italiana 2003; le Linee Guida a «Il Finanziamento delle imprese in Crisi» redatte in bozza da Assonime-Università di Firenze (7). Quanto, in particolare, ai principi generali di redazione del business plan, essi sono: il principio di chiarezza, inteso come semplicità di lettura e la comprensibilità. Il piano non deve essere ridondante ed eccessivo, né di dati né di documenti, ma rappresentare immediatamente l idea imprenditoriale, gli obiettivi posti, gli strumenti e le modalità per la realizzazione del progetto, nonché le risorse necessarie; il principio di completezza, inteso come inclusione nel piano di tutte le informazioni ritenute rilevanti per la comprensione del progetto, pur sempre nel soddisfacimento del principio di chiarezza. La completezza dev essere sia sostanziale, nel senso di individuare ed esaminare, nell ambito del progetto, le interferenze ed interazioni con l organizzazione aziendale nel suo complesso, sia formale, sotto il profilo dei documenti essenziali che devono andare a costituire il piano di risanamento; il principio di affidabilità, relativamente ai procedimenti di formazione delle proiezioni. L affidabilità si deve esplicare sia nella raccolta dei dati (che deve essere documentata), sia nella elaborazione degli stessi (che deve risultare sistematica e controllabile); il principio di attendibilità, tra i fattori fondamentali per la realizzabilità del piano. L attendibilità in un piano viene rilevata sia preliminarmente (nella fase di individuazione della tipologia e dell impiego di risorse, con riferimento alla congruità della scelta e della combinazione delle risorse per la realizzazione del processo produttivo), sia secondariamente (nei suoi obiettivi complessivi, con particolare riferimento agli scenari previsti e rappresentati, al fine di poter individuare le possibili aree di rischio e criticità. Il principio di neutralità, inteso come capacità del piano di contenere un informativa obiettiva e realistica. Il piano deve rappresentare la possibile evoluzione nel breve e medio periodo, obiettivamente prevista, della situazione aziendale, fino al raggiungimento di un nuovo punto di equilibrio da cui ripartire, anche nell ottica del futuro rilancio dell impresa Il principio di trasparenza, fortemente connesso a chiarezza ed affidabilità. Tale principio è rilevabile quando per ogni dato si deve poter identificare la fonte. e, soprattutto, quando ogni elemento del piano è ricostruibile a ritroso, anche attraverso l esame della carte di lavoro, della documentazione e l accesso alle informazioni utilizzate dal redattore il piano. In Tavola 2 viene riportato un esempio di indice di un piano attestato di risanamento. L attestazione del piano di risanamento Con l attestazione ex art. 67 l.f. del piano di Nota: (7) 16 maggio 2008 (in corso di adeguamento e integrazione nella versione non definitiva e in discussione del 2 aprile 2009) /2009

7 risanamento, l esperto è chiamato ad esprimere un giudizio sulla ragionevolezza e quindi sulla possibilità (astratta idoneità a) che il piano possa essere attuato con successo (8). Nota: (8) In argomento, cfr. CNDCEC, Documento 19 febbraio 2009, Osservazioni sul contenuto delle relazioni del professionista nella composizione negoziale della crisi d impresa, in Fall. 2009, 649 ss. Tavola 2 - Esempio di indice di un piano attestato di risanamento 12/

8 L esperto, nell attestare la ragionevolezza, garantisce indirettamente anche l attendibilità del piano e quindi la sua idoneità a perseguire il riequilibrio dell esposizione debitoria. Tale requisito estrinseco - oltre a conferire (in caso di giudizio positivo) credibilità al piano - dovrebbe pregiudicare la possibilità per il giudice di entrare nel merito dell idoneità del piano a consentire il risanamento dell esposizione debitoria dell impresa ed il riequilibrio della sua situazione finanziaria (9). In quest ottica, l attestazione del professionista dovrebbe rappresentare una garanzia per i terzi (e per i creditori in particolare): garanzia che può da questi essere «esperita» azionando la tutela risarcitoria in sede civile e, anche in ambito penale, laddove siano ravvisabili i reati della falsa attestazione/certificazione e della truffa sopra richiamati. Il giudizio di meritevolezza degli atti (intesi come atti, pagamenti e garanzie) compiuti in esecuzione del piano conferisce stabilità agli stessi in caso di successivo fallimento e scaturisce dalla valutazione positiva formulata dall esperto circa la sussistenza dei necessari presupposti richiesti dalla legge, ovvero: idoneità astratta a consentire sia il risanamento dell impresa, attraverso il ripristino di una condizione di normale esercizio (riequilibrio della situazione finanziaria), sia il pagamento di tutti i creditori, salvo gli eventuali diversi accordi conclusi singolarmente con ciascuno di essi (risanamento esposizione debitoria); concreta realizzabilità del programma. L attestazione del piano deve essere svolta ai sensi dell art. 67, co. 3 lett. d) l. fall. e, precisamente applicando i criteri, per quanto compatibili, stabiliti dall art bis c.c., per la verifica dell esistenza delle risorse finanziarie necessarie per il raggiungimento degli obiettivi del piano (giudizio di Ragionevolezza), richiamati dall art. 67, co. 3, lett. d). La best practice per il rilascio dell attestazione L attestatore, alla luce dei principi richiamati e imposti dalla norma, deve fare riferimento anch egli, per quanto applicabili e compatibili, a: 78 i principi previsti dal CNDC in tema di business plan; le Linee Guida a «Il Finanziamento delle imprese in Crisi» (bozza 16 maggio 2008) redatte da ODCEC - Università di Firenze - Assonime; le Linee «Guida al Piano Industriale» elaborate da Borsa Italiana 2003 per quanto concerne la redazione del piano nelle sue varie componenti; le principali indicazioni finalizzate alla prescrizione di «qualificati standard professionali» nell attività di attestazione (in particolare il documento di ricerca n. 114 di Assirevi che riporta e richiama lo International Standars on Assurance Engagements ISAE- 3400). Con riferimento alla emergente best practice (10) occorre evidenziare i principi cardine cui ciascun professionista deve attenersi nella svolgimento dell incarico di attestatore e nella formulazione del relativo giudizio, esemplificato in Tavola 3. Le procedure per il rilascio dell attestazione Secondo il dettato del ISAE 3400, operativamente, l attestatore deve rispettare la seguente procedura di lavoro: 1. acquisire appropriata conoscenza dell attività svolta dalla società al fine di valutare se tutte le ipotesi rilevanti per la formulazione dei dati previsionali siano state individuate; 2. effettuare un analisi dei principali indicatori aziendali nel loro andamento storico e prospettico, individuando gli eventuali aspetti di vulnerabilità e variabilità delle ipotesi sottostanti i dati previsionali; 3. accertare che i dati previsionali siano stati redatti sulla base di principi contabili omogenei rispetto a quelli utilizzati nella redazione dei bilanci storici; 4. accertare la coerenza dei dati previsionali (9) In tal senso si esprime anche L. Mandrioli, Struttura e contenuti dei «piani di risanamento» e dei «progetti di ristrutturazione» nel concordato preventivo e negli accordi di composizione stragiudiziale delle situazioni di «crisi», cit., 520. (10) Linee Guida a «Il Finanziamento delle imprese in Crisi» (bozza 16 maggio 2008) redatte da ODCEC - Università di Firenze - Assonime, in 12/2009

9 rispetto alle ipotesi, eseguendo sia la verifica dell accuratezza dei dati elaborati sia un analisi in merito alla coerenza interna di tali dati; 5. analizzare attentamente le variabili del piano che potrebbero modificare significativamente i risultati attesi; 6. valutare l adeguatezza dell analisi di sensitività in relazione alle più significative variabili, presentata rispetto a scenari più ottimistici e più pessimistici, con evidenza dell effetto sui dati previsionali relativi; 7. accertare l appropriata presentazione dei dati previsionali nei prospetti patrimoniali, finanziari ed economici, nonché l adeguatezza delle informazioni a poter comprendere i rischi connessi con gli eventi futuri la cui realizzazione è posta alla base del piano; 8. tenere conto della eventuale probabilità di errori, della conoscenza della società acquisita in occasioni precedenti, della competenza del management nella preparazione dei dati previsionali, della misura in cui i dati previsionali sono influenzati dal giudizio del management. Ai fini del giudizio di meritevolezza, occorre altresì porre in evidenza alcune considerazioni rilevanti, con riguardo a: attendibilità dei dati di partenza: che l esperto deve verificare con diligenza; ciò non lo rende responsabile in caso di difformità dei dati attestati rispetto a quelli reali, ma impone un elevato standard di professionalità e prudenza; verifica correttezza ipotesi base e congruità calcoli: la trasparenza nella esplicitazione dei criteri e delle modalità di costruzione del piano costituisce una condizione necessaria per l espressione di un giudizio positivo; adeguata analisi di sensitività e solidità del piano: il giudizio di ragionevolezza del piano risulta condizionato dalla maggiore o minore stabilità dei risultati indicati a fronte di una variazione dei parametri su cui il piano, e quindi i relativi risultati, si fondano. Nel piano, quindi, va indicata una chiara analisi di sensitività che dimostri quanto i risultati siano sensibili alle variazioni delle componenti/parametri utilizzati, al fine di consentire all esperto di valutare la solidità dei risultati economico-finanziari indicati; corretta gestione societaria: il risanamento economico e finanziario può realizzarsi solo in un contesto di corretta gestione societaria. Pertanto, nel caso in cui ci si trovi di fronte ad una situazione di perdita del capitale sociale, e soprattutto di potenziale causa di scioglimento della società, gli amministratori devono provvedere senza indugio alla convocazione dell assemblea ed il piano non può essere eseguito se il capitale sociale non viene riportato ai minimi di legge. Le eventuali modifiche al piano Laddove si verifichi uno scostamento rispetto alle previsioni ed il piano attestato non sia Tavola 3 - Giudizio di attestazione 12/

10 più attuabile, i principi di prassi (11) sottolineano la necessità della formulazione di un nuovo piano, che tenga conto degli eventi verificatisi i quali hanno reso impossibile l esecuzione del piano originario. Gli atti posti in essere in esecuzione di un piano non più «valido», in quanto non più idoneo al risanamento, non potrebbero infatti godere della protezione dalla revocatoria prevista dall art. 67 l. fall in caso di successivo fallimento dell impresa in crisi. In tal caso, la formulazione di un nuovo piano implica conseguentemente - laddove si intenda conferire anche al nuovo piano gli effetti protettivi di un piano attestato - la sottoposizione dello stesso ad un nuovo giudizio di attestazione. In tale circostanza non vi è alcuna preclusione - precisano i principi di prassi - a che la «nuova» attestazione sia resa dallo stesso professionista che ha attestato il piano originario. Il ricorso al medesimo professionista, anzi, è raccomandato nel quadro dell obiettivo, condiviso dai creditori, di un risparmio di tempi di costi, sempre ché ovviamente non siano venuti meno, in capo al professionista attestatore, i requisiti di indipendenza per la corretta formulazione del giudizio di attestazione. I requisiti di nomina e la responsabilità del professionista attestatore 80 L attestatore del piano di risanamento deve essere «un professionista iscritto nel registro dei revisori contabili e che abbia i requisiti previsti dall art. 28, lett. a) e b) ai sensi dell articolo 2501 bis, quarto comma, del codice civile». In relazione ai requisiti soggettivi dell esperto attestatore, ai fini del conferimento dell incarico è necessaria una duplice iscrizione: quella nell albo professionale di appartenenza (avvocato, dottore commercialista ed esperto contabile) e quella nel registro dei revisori (12). Sotto altro aspetto, il rinvio all art sexies, c.c. (da parte dell art bis, c.c., espressamente richiamato dall art. 67 l. fall.) deve intendersi (come anche precisato dal «correttivo») esclusivamente per quanto attiene ai criteri per la redazione della relazione, non anche per potere individuare i criteri di nomina dell esperto ed il connesso regime di responsabilità. Quanto ai profili soggettivi di tipicità (ed indipendenza) dell esperto, l attestatore deve essere un professionista indipendente, un soggetto «terzo» rispetto all impresa e all interesse di questa al risanamento. La legge non impedisce che il soggetto che predispone il piano possa essere anche il professionista consulente dell imprenditore. Tuttavia, ragioni di necessaria imparzialità e di tutela dei creditori fanno propendere per la soluzione di scegliere l esperto tra soggetti «indipendenti», che non abbiano (già) prestato consulenza all impresa in crisi. Tra l altro anche la best practice chiarisce - in punto di riattestazione di un (nuovo) piano che sostituisce l originario non più ragionevole - che la nuova attestazione può essere rilasciata anche dal vecchio attestatore, a condizioni che costui nel frattempo non abbia perso il requisito dell indipendenza verso l imprenditore in crisi. La nomina dell esperto è di competenza esclusiva dell imprenditore (non dell autorità giudiziaria), infatti, il richiamo operato dall art. 67, co. 3. lett. d). l.f. all art bis c.c. è esclusivamente riferito all utilizzo dei criteri di attestazione (13). Quanto al regime della «responsabilità», tale aspetto non è disciplinato nella legge fallimentare. La responsabilità, tuttavia, va inquadrata a prescindere dalla disciplina dell art sexies, c.c., prevista per l esperto incaricato di relazionare sulla congruità del rapporto di cambio nel- (11) Cfr. Il finanziamento alle imprese in crisi - Linee Guida, cit., 28 ss. (12) Sulla coerenza di tale scelta legislativa, cfr. Documento Aristeia n. 84, L esperto nelle procedure concorsuali, gennaio, 2008, ove ulteriori approfondimenti. (13) Si veda per tutti Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, circolare n. 3/IR del , La nomina del professionista che attesta il piano di risanamento. Così pure F. Dimundo, Note minime in tema di designazione dell esperto: ragionevolezza del piano di risanamento, in Fallimento, 2009, 76, in cui l A. commenta Trib. Milano 16 luglio 2008 (decreto), Ivi., 75, in adesione e conferma di Trib. Brescia 2 agosto Nella stessa linea cfr anche la giurisprudenza emergrente: Trib. Rimini (decr.) 20 febbraio 2009; Trib. Milano (decr.ti Sofinter Spa, Ansaldo Caldaie Spa, Europower Spa) 10 marzo 2009; Trib. Bologna (decr. Itea Spa) 15 aprile /2009

11 l ambito delle operazioni societarie di fusione, alla quale l art. 67 rinvia (come chiarito) soltanto sotto il profilo dei criteri della attestazione. Pertanto, operate le debite «attenuazioni» (14), il regime di responsabilità del perito attestatore dovrebbe essere il seguente: (1) sotto il profilo civilistico: extracontrattuale nei confronti dei soci, dei terzi e dei creditori danneggiati da un giudizio considerato irragionevole ed inadeguata, ovvero contrattuale nei confronti della società (imprenditore) che lo ha nominato. Tale regime dovrà poi essere coordinato con la disciplina sulla responsabilità del revisore (essendo il perito anche un revisore), dovendosi pertanto applicare i canoni della diligenza e della professionalità richiesti dalla natura dell incarico previsti dall art c.c. per i soggetti ai quali è affidato il controllo contabile (15); (2) sotto il profilo penalistico, l ambito di responsabilità dovrebbe essere quello dei delitti di falsità in atti ex art. 453 ss. c.p. e della truffa ex art. 640 c.p. Agli ambiti così delineati deve infine aggiungersi anche la responsabilità di tipo «disciplinare». Infatti il professionista attestatore - in quanto figura iscritta ad albi professionali - è soggetto alla vigilanza di enti pubblici (gli Ordini che curano la tenuta dell albo) e, come tale, deve rispettare precise regole deontologiche. Regole che se violate - e ciò si verifica in caso di commissione di un reato - implicano anche la comminazione di pesanti sanzioni disciplinare. (14) Ampi riferimenti in Pollio (a cura), Gli accordi per gestire la crisi d impresa e la predisposizione del piano stragiudiziale di risanamento, cit., Sotto il profilo civile, deve applicarsi la «clausola» ex art c.c., di limitazione di responsabilità (per il professionista iscritto ad albo professionale) ai casi di dolo o colpa grave, laddove nella relazione il perito si imbatta in problematiche tencico-valutative di speciale difficoltà. Sul sul versante penale, in assenza di una specifica previsione normativa, dovrebbe escludersi l applicazione della discplina sulla responsabilità del consultente tecnico (art. 64 c.p.c.), giacché il professionista attestatore non è un «ausiliare del giudice», ovvero un consulente che integra l attività del giudice, offrendogli le necessarie cognizioni tecniche nel corso di un procedimento giudiziario (15) Principi, invero, già applicabili ai sensi dell art. 1176, c.c. - titolato «Diligenza nell inadempimento» - in tema di mandato professionale, secondo cui «Nell adempimento delle obbligazioni inerenti all esercizio di un attività professionale, la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell attività esercitata». 12/

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI Milano, 15 settembre 2009 Dott. Matteo Durola INDICE Introduzione Il piano di risanamento ex

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

L attestazione del professionista case history

L attestazione del professionista case history L attestazione del professionista case history Genova, 16 maggio 2013 Dott. Marcello Pollio Senior Partner Pollio & Associati 1 LA RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE i nuovi strumenti del nuovo diritto concorsuale

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito Riccardo Tiscini Professore Associato di Economia Aziendale presso l Universitas Mercatorum Roma

Dettagli

I PIANI ATTESTATI DI RISANAMENTO E LA FUNZIONE DEL PROFESSIONISTA Taranto 27 gennaio 2011

I PIANI ATTESTATI DI RISANAMENTO E LA FUNZIONE DEL PROFESSIONISTA Taranto 27 gennaio 2011 I PIANI ATTESTATI DI RISANAMENTO E LA FUNZIONE DEL PROFESSIONISTA Taranto 27 gennaio 2011 I PRINCIPI DI REDAZIONE DEL PIANO E I CRITERI OSSERVATI DALL ASSEVERATORE Dott. Mario Tagarelli La best practice

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Normativa di riferimento modifiche -apportate dal legislatore al R.D.267/1942 (legge fallimentare

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Agenda Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa: - Ristrutturazioni in bonis - Piani

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010 La gestione di un processo di distressed M&A Modena 10 novembre 2010 Indice 1. Crisi d impresa e modalità d intervento 2. La gestione di un processo di ristrutturazione /distressed M&A e il ruolo dell

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Revisione Legale dei conti

Revisione Legale dei conti Revisione Legale dei conti L attuale normativa in tema di revisione legale (e problemi non ancora risolti) D.Lgs. 39/2010 Studio Duodo & Associati 1 Agenda: L attuale normativa in tema di revisione legale

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 Chiara Nappini Assegnista di ricerca in diritto commerciale nell Università di Siena

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Documento per la consultazione I PROCEDIMENTI DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO E DI LIQUIDAZIONE PER I SOGGETTI NON FALLIBILI. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ODCEC Torino Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO 1 PREMESSA Quanto segue rappresenta una prima analisi della normativa. Tale analisi è stata necessariamente

Dettagli

Sovraindebitamento di famiglie e imprese. Recenti normative e proposte per affrontare la crisi finanziaria e sociale

Sovraindebitamento di famiglie e imprese. Recenti normative e proposte per affrontare la crisi finanziaria e sociale Sovraindebitamento di famiglie e imprese. Recenti normative e proposte per affrontare la crisi finanziaria e sociale Avv. Paola Moreschini Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE E RISANAMENTO D IMPRESA SECONDO LA NORMATIVA FALLIMENTARE FALLIMENTARE

RISTRUTTURAZIONE E RISANAMENTO D IMPRESA SECONDO LA NORMATIVA FALLIMENTARE FALLIMENTARE RISTRUTTURAZIONE E RISANAMENTO D IMPRESA SECONDO LA NORMATIVA FALLIMENTARE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Genova, 10 febbraio 2010 Audiotorium Confindustria CENNI

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO Alla procedura di concordato preventivo possono accedere quei soggetti - già imprenditori commerciali privati non piccoli - cui è riservata la procedura di fallimento. Presupposto

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. CRISI D IMPRESA 1.1. Crisi e risanamento pag. 5 1.2. Le cause della crisi pag. 7 1.3. Gli indicatori della crisi pag. 12 1.4. Gli eventi scatenanti pag. 18 1.5. I modelli di intervento

Dettagli

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010 5 Novembre 2010, ore 11:18 Circolare n. 33 e 34 di Assonime Fallimento e ristrutturazione delle imprese in difficoltà, le indicazioni di Assonime Assonime fornisce nelle Circolare n. 33 e 34 dello scorso

Dettagli

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa INTRODUZIONE INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13 ANALISI PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa CAPITOLO 1 LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI RISTRUTTURAZIONE AZIENDALE NELLE PROCEDURE DI

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

abase Revisioni Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Forlì-Cesena

abase Revisioni Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Forlì-Cesena CRISI DI IMPRESA E CONTINUITA AZIENDALE: LA DIAGNOSI ATTRAVERSO L ANALISI FINANZARIA, I DOVERI E POTERI DEGLI AMMINISTRATORI E DEI SINDACI, LA FORMAZIONE DEL GIUDIZIO DEL REVISORE Fondazione dei Dottori

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI Federazione Artigiani Pensionati Italiani offre un servizio concreto ai suoi associati.

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on L INERZIA DEI COMMISSARI GIUDIZIALI E LIQUIDATORI DEL CONCORDATO PREVENTIVO: POSSIBILI RIMEDI Aprile 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Dott.ssa Lucia Savarese

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Dott.ssa Lucia Savarese Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Dott.ssa Lucia Savarese 05 Maggio 2011 1 Ciclo di vita di un processo di ristrutturazione Standstill interlocutorio Manovra definitiva 2 puntata Da 4 a 6 mesi

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NAPOLI COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO FALLIMENTARE SEMINARIO DI STUDI DEL 21 APRILE 2010 Il concordato preventivo ed il ruolo del professionista

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato

Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA Dott. Stefano Lunardi 31 gennaio 2014 Dallo standstill

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F..

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. Avv. Alessio Marchetti Pia Monza, 04 febbraio 2010 Esigenza Con l entrata in vigore del D.L. 14 marzo 2005 n.35 convertito in Legge 14 maggio 2005 l istituto

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE Clausola tipo 1 Definizioni L Assistenza telefonica e/o online ha ad oggetto un servizio di call center di helpline via telefonica e/o telematica (via email o web

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

Master Bancario in Credit Restructuring

Master Bancario in Credit Restructuring Master Bancario in Credit Restructuring Sa - REA: MI1807105 Certificazione ISO Settore EA:37. Cert-DNV 17328-2006-AQ-MIL-SINCER - www.trainermkt.it info@trainermkt.it mod. ALT rev. 1 2 Premessa La difficoltà

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA SOMMARIO CAPITOLO 1 ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA 1. Le ragioni della gestione privatistica dell insolvenza... 1 1.1. I rischi della negoziazione privata dell insolvenza

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Informativa ordinaria n. 8/2014

Informativa ordinaria n. 8/2014 Informativa ordinaria n. 8/2014 Sommario Premessa 2 La proroga del 770 sposta il ravvedimento sulle ritenute fiscali 2 Rimborsi più rapidi dall Agenzia con accredito diretto sul conto corrente 2 Indagini

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

Rendiconto Gestionale

Rendiconto Gestionale RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 CITTADINANZATTIVA ONLUS Signori Associati, il Rendiconto gestionale relativo all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 è stato redatto

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno ai sensi dell articolo 125-ter del Decreto Legislativo

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 06.02.2013 1 Articolo 1 OGGETTO

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione Alberto Tron Presidente Comitato Financial Reporting Standards ANDAF Crisi di impresa e informazione finanziaria: scenario di riferimento In questi

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Gli strumenti di risoluzione delle crisi bancarie: il bail-in

Gli strumenti di risoluzione delle crisi bancarie: il bail-in Gli strumenti di risoluzione delle crisi bancarie: il bail-in Francesca Passamonti Roma, 27 giugno 2012 Convegno ABI - Basilea 3 6/26/2012 1 Proposta di Direttiva CE sulla gestione delle crisi bancarie

Dettagli

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Oggetto: Cooperative sociali e fondazioni. Requisito del capitale sociale di cui all art. 98, comma 1, lett. b) del d.p.r. 21 dicembre 1999,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

L applicazione dei principi di revisione internazionali (ISA Italia) alle imprese di dimensioni minori

L applicazione dei principi di revisione internazionali (ISA Italia) alle imprese di dimensioni minori REVISIONE LEGALE Documento di ricerca n. 194 Assirevi Le attestazioni della Direzione In sostituzione del documento di ricerca n. 167, Assirevi ha pubblicato il documento di ricerca n. 194 che, alla luce

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli