Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi"

Transcript

1 Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi

2

3 Introduzione La diffusione della televisione digitale in Europa Negli ultimi 18 mesi il digitale ha compiuto passi decisivi in Europa 1. Quasi la metà delle abitazioni televisive in Europa occidentale ha ormai un accesso alla TV digitale rispetto a un terzo di fine Sono infatti 80 milioni le abitazioni munite di almeno un decoder digitale, con una crescita di quasi il 50% rispetto al dicembre Se il satellite rimane la modalità di accesso più popolare, la televisione digitale terrestre (Tdt) registra i tassi di crescita più elevati, grazie al successo della nuova offerta in alcuni grandi paesi. Nel Regno Unito il digitale terrestre ha già superato il satellite, pay e free, diventando in assoluto la prima piattaforma distributiva, davanti al satellite e al terrestre analogico, con 9,1 milioni di accessi primari (oltre 12 milioni se si considerano anche il secondo e terzo televisore). Anche in Francia e Spagna la diffusione del digitale ha avuto notevole impulso. La Tdt è così divenuta la seconda piattaforma digitale in Europa. Oltre a una multicanalità gratuita, la Tdt offre anche contenuti e servizi a pagamento. E così in Italia, in Olanda, in Francia, in Finlandia e in Svezia. Alcuni paesi hanno già realizzato lo switch off: il Lussemburgo, l Olanda, la Finlandia e la Svezia hanno spento le trasmissioni analogiche terrestri. Nuove piattaforme come l Adsl e le reti mobili, si stanno affermando come efficaci canali di distribuzione per la fornitura di contenuti. Dopo un inizio incerto, l Iptv comincia a presentare dati interessanti: a giugno 2007 gli abbonati a servizi Iptv in Europa occidentale erano circa 3.5 milioni. La Francia è il mercato più vivace per l Iptv: otto sono le offerte di altrettanti operatori, che complessivamente attraggono quasi 2 milioni di abbonati. Anche in Spagna la Iptv si sta affermando anche grazie all offerta di Imagenio, il servizio di Telefònica, che a giugno 2007 aveva abbonati. 1 In questo capitolo i dati attribuiti a Europa, se non diversamente specificato, si riferiscono a Europa occidentale: 15 paesi UE, Norvegia e Svizzera. 1

4 Capitolo 1: Diffusione della televisione digitale in Europa In Europa occidentale la penetrazione della televisione digitale presso le famiglie dotate di televisore ha raggiunto a fine giugno il 48%, pari a circa 80 milioni le famiglie su un totale di 166 milioni. Rispetto alla fine del 2006, si tratta di una crescita del 7%. Diffusione della TV digitale in Europa Occidentale per piattaforma - giugno 2007 Digitale 48% Tdt 15,8% Analogico 52% Satellite 20,8% Iptv 2,1% Cavo 9,3% Fonte: ITMedia Consulting Il satellite è ancora la piattaforma più diffusa: poco meno di 35 milioni di famiglie pari al 21% di tutte le abitazioni televisive. Il satellite rappresenta il 43% della ricezione digitale, prevalentemente a pagamento. La ricezione via satellite è in crescita, +10% dalla fine del 2006, anche se il ritmo complessivo di crescita di questa piattaforma è molto inferiore a quello della televisione digitale terrestre, che nello stesso periodo registra un incremento del +24%. Rispetto alla fine del 2005 la crescita è dell 87%, a un tasso di crescita annuo composto del 41% in tre anni. Il cavo, per contro, è ancora indietro nel processo di digitalizzazione. Questo perché la conversione della rete al digitale richiede forti investimenti e perché gli utenti di cavo analogico dispongono comunque di un offerta multicanale comparabile, per capacità, alla rete digitale terrestre. Nei Paesi massicciamente cablati, come la Germania, la maggior parte della rete resta analogica. A giugno 2007 in Europa erano poco più di 15 milioni le famiglie abbonate a servizi digitali via cavo, comunque in crescita rispetto alla fine del

5 Dtv in Europa occidentale mln abitaizoni ,6 21,7% 41,6 27,6% 55,6 33,3% 79,6 67,9 48% 40,7% 60% 50% 40% 30% % 20% % 0 0% Q2007 Fonte: ITMedia Consulting Nonostante i primi segnali di crescita, l Iptv resta ancora una piattaforma televisiva marginale a livello europeo. Tra fine 2006 e giugno 2007, le famiglie abbonate sono passate da 2 a 3,5 milioni, pari al 2.1% del totale. La diffusione però è rilevante solo in alcuni paesi: la Francia conta quasi 2 milioni di abbonati, la Spagna quasi mezzo milione e l Italia abbonati. Austria, Olanda, Belgio, Svezia sono gli altri mercati in cui questa piattaforma ha riscosso risultati apprezzabili, e che complessivamente contano oltre abbonati. Il processo di transizione verso il digitale è dunque irreversibile: le abitazioni solo analogiche sono in calo: da oltre 110 milioni alla fine del 2005, a 98 milioni alla fine del 2006, a 86 milioni a giugno 2007, pari al 52% del totale. Il Regno Unito è il mercato più avanzato per quanto riguarda la diffusione della Tv digitale: a giugno 2007 l 84% delle famiglie riceve la televisione digitale, più del doppio degli altri grandi paesi Germania, Francia, Italia e Spagna, dove la penetrazione della Tv digitale raggiunge, nello stesso periodo, il 40%. I cinque Paesi presentano caratteristiche diverse, ma trend simili. Nel Regno Unito, la Tdt ha superato il satellite digitale, e lo sopravanza di molto, se il confronto si limita alla piattaforma a pagamento via satellite, BSkyB, escludendo quindi le

6 famiglie che ricevono il satellite digitale in chiaro. Se si considerano inoltre anche le abitazioni dotate di più di un accesso digitale, la Tdt è presente in 12 milioni di famiglie. Osservando i trend, mentre Tdt cresce a un ritmo costante di quasi il 20% l anno, il satellite e il cavo frenano la crescita: dal 6% al 2% in più per il satellite, dalla fine del 2005 a giugno del 2007, dall 11% al 3% per il cavo digitale nello stesso periodo. A fine 2007, si stima una penetrazione della Tv digitale presso le abitazioni britanniche vicina al 90%. 12 Evoluzione Dtv nel Regno Unito Tdt 10 mln di abitazioni Satellite Analogico terrestre 2 Cavo digitale/iptv 0 Cavo analogico E2007 Fonte: Ofcom; elaborazioni ITMedia Consulting 4

7 Evoluzione Dtv nel Regno Unito 100% 90% 88,6% 80% 70% 60% 54,4% 62,6% 71,8% 78,6% 50% 40% 30% 20% 10% 0% E2007 Cavo digitale/iptv Satellite Tdt Analogico terrestre Cavo analogico Nel Regno Unito, a giugno restavano meno di 4 milioni di abitazioni analogiche terrestri da convertire. Lo switch off è iniziato in una regione settentrionale dell Inghilterra, la Cumbria, dove il 17 ottobre è stato spento prima il segnale analogico di BBC2 e poi, a novembre, gli altri canali analogici. Le altre regioni seguiranno lo stesso percorso nei prossimi cinque anni. Nel Regno Unito rimane limitata la diffusione dell Iptv, anche se nel corso dell ultimo anno Tiscali ha acquistato e ristrutturato l offerta di Homechoice, pioniere dell IPTV nel mercato inglese, e nuovi servizi sono stati lanciati, compreso quello di BT. In Francia la televisione digitale raggiunge, a giugno 2007, il 41.5%, delle famiglie, poco meno di 10 milioni di abitazioni,con tassi di crescita del 36% dalla fine del 2005 e del 10% nei sei mesi dalla fine del La Tdt, lanciata nel marzo 2005 ha già superato il satellite: il 19.5% contro il 18.9% delle abitazioni satellitari e il 15% delle famiglie abbonate a un bouquet satellitare. Il successo della Tv via Adsl in Francia, 1,8 milioni a giugno 2007, pari al 7.5% del totale, è ascrivibile alla ricchezza dell offerta di base, con 100 canali digitali, alla possibilità di ricevere i 18 canali in chiaro della Tdt grazie a e decoder ibridi messi a disposizione dagli operatori, e al costo competitivo dei servizi: l offerta triple play costa 5

8 30 al mese. L offerta ibrida Iptv/Tdt nei grafici seguenti viene attribuita per intero all IPTV, anche se i programmi più popolari sono in realtà usufruiti via etere terrestre. 18 Evoluzione Dtv in Francia Analogico terrestre mln di abitazioni Satellite Cavo analogico Cavo digitale/ Iptv Tdt E2007 Fonte: elaborazione ITMedia Consulting. Dati in valori assoluti non de-duplicati 6

9 Evoluzione Dtv in Francia 100% 80% 60% 58,6% 40% 20% 17,5% 24,1% 27,7% 40,8% 0% E2007 Cavo digitale/iptv Satellite digitale Tdt Analogico terrestre Cavo analogico Sono ancora 9.4 milioni le famiglie da convertire alla tecnologia digitale, ma con i ritmi di crescita attuali, non è azzardato stimare che alla fine dell anno la penetrazione della Tv digitale si avvicini al 60%. La Germania sta recuperando il ritardo nel processo di digitalizzazione, che è determinato dalla massiccia presenza di cavo analogico: alla metà del 2007, la percentuale di abitazioni equipaggiate con almeno un ricevitore digitale è salita al 40%, rispetto al 32% di dodici mesi prima, con un incremento di 4 milioni di abitazioni. Sono 14.8 milioni le abitazioni collegate ad almeno un decoder digitale, e gli apparecchi con ricevitore integrato sono sempre più diffusi. Circa il 20% delle abitazioni digitali continua ad utilizzare anche la tecnologia analogica per vedere la televisione.. Il cavo, la piattaforma televisiva più diffusa, presente nel 54% delle abitazioni, è ancora prevalentemente analogico, nonostante gli investimenti dei tre maggiori operatori nella digitalizzazione della rete. Solo il 16% della rete cavo è digitale (3.2 milioni di famiglie). Questo corrisponde comunque ad un aumento del 28% rispetto all anno precedente, quando le abitazioni dotate di cavo digitale erano 2.5 milioni. Va però sottolineato che il cavo analogico consente un offerta multicanale gratuita analoga a quella digitale terrestre 7

10 (30/40 canali), e pertanto l incentivo a passare al digitale è molto meno forte che non nel caso della televisione terrestre. In Germania 16 milioni di famiglie ricorrono ancora al cavo analogico. Per contro, la maggior parte delle abitazioni equipaggiate di antenna satellitare o terrestre è già convertita al digitale: il 57% delle abitazioni satellitari, equivalenti a 9 milioni di famiglie [+36% rispetto all anno precedente], e l 86% delle abitazioni terrestri, pari a 3.6 milioni di famiglie, esattamente il doppio rispetto a dodici mesi prima. Sono 3 milioni le abitazioni che utilizzano unicamente la Tdt per la ricezione del segnale televisivo. L introduzione della Tdt in Germania ha fatto registrare un aumento nella percentuale di abitazioni che ricevono la televisione terrestre. In Germania l Iptv è ancora poco diffusa, nonostante esistano almeno tre offerte concorrenti. Tuttavia, secondo stime della Commissione per l Accesso Digitale Gsdz, circa 1.6 milioni di persone guardano la televisione attraverso una Tv card inserita nel il pc. In questi casi, il segnale televisivo proviene comunque da una delle reti nominate: cavo, satellite, terrestre. 25 Evoluzione Dtv in Germania 20 mln di abitazioni Satellite Cavo analogico 5 Tdt 0 Cavo digitale Iptv Analogico terrestre E2007 Fonte: GSDZ, elaborazioni ITMedia Consulting. Dati in valori assoluti non de-duplicati 8

11 Evoluzione Dtv in Germania 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 9,8% 16,8% 25,7% 30,6% 42,8% 0% E2007 Cavo digitale Satellite Tdt Analogico terrestre Cavo analogico Le abitazioni analogiche sono ancora molte in Germania, oltre 22 milioni tra tutte le piattaforme, ma il completamento dello switch off terrestre non dovrebbe risentirne, poiché le abitazioni terrestri sono quasi completamente convertite, ne rimangono circa Cavo e satellite analogici rappresentano comunque un ambiente multicanale. È possibile, pertanto, che la Germania riesca a spegnere le trasmissioni analogiche in anticipo rispetto alla data pianificata, il La Spagna sta recuperando il ritardo nel processo di digitalizzazione grazie alla televisione digitale terrestre e, in misura minore, all Iptv. A metà del 2007 la penetrazione della Tv digitale raggiunge circa il 40% del totale, +20% rispetto alla fine del 2006 e quasi il doppio in più rispetto alla fine del Entro la fine del 2007 tale percentuale potrebbe arrivare quasi al 50% delle abitazioni. La Tdt è diventata la piattaforma digitale più diffusa, dopo essere stata rilanciata come piattaforma in chiaro nel novembre A giugno 2007, 3.1 milioni di abitazioni erano dotate di ricevitori per la Tdt, pari al 19.4% del totale: una crescita del 30% rispetto alla fine del Il satellite digitale invece cresce lentamente: nell ultimo anno il numero di abbonati al bouquet a pagamento Digital+ è sostanzialmente invariato. Interessante è il mercato dell Iptv: la Spagna è il secondo mercato europeo per diffusione di questa piattaforma, grazie ai abbonati di Imagenio. Oltre a Imagenio, sono disponibili 9

12 altre 3 offerte commerciali da parte di altrettanti operatori. Infine l operatore cavo Ono ha quasi un milione di abbonati a servizi televisivi digitali. Evoluzione Dtv in Spagna milioni di abitazioni Analogico terrestre Tdt 2 0 Satellite Cavo digitale/iptv Cavo analogico E2007 Fonte: elaborazioni ITMedia Consulting. Dati in valori assoluti non de-duplicati 10

13 Evoluzione Dtv in Spagna 100% 90% 80% 70% 60% 50% 48,5% 40% 34,0% 30% 20% 10% 12,9% 14,1% 20,9% 0% E2007 Cavo digitale/iptv Satellite digitale Tdt Analogico terrestre Cavo analogico Nel complesso sono quindi 6.5 milioni le abitazioni spagnole dotate di accesso alla televisione digitale, e più o meno altrettante sono le abitazioni legate alle trasmissioni televisive terrestri in tecnica analogica. Infine, l Italia ha un livello di penetrazione della televisione digitale di circa il 45% a giugno A giungo 2007 erano 4.5 milioni le abitazioni dotate di un ricevitore per la televisione digitale terrestre, pari al 19,2% delle abitazioni TV. Il satellite raccoglie 5.8 milioni di famiglie, di cui 4.2 milioni abbonate a servizi a pagamento. Infine in Italia è attivo uno dei primi operatori nell ambito dei servizi triple play, Fastweb, che, insieme ad Alice di Telecom Italia, rappresenta l offerta del mercato Iptv in Italia. Complessivamente, le due società hanno circa abbonati a servizi televisivi con protocollo Ip. 11

14 25 Evoluzione Dtv in Italia 20 mln abitazioni Analogico terrestre 5 Satellite Tdt 0 Cavo/Iptv E2007 Fonte: elaborazioni ITMedia Consulting Evoluzione Dtv in Italia 100% 80% 60% 40% 36,2% 42,4% 49,7% 23,7% 20% 16,4% 0% E2007 Cavo/Iptv Satellite Tdt Analogico terrestre 12

15 Capitolo 2: Diffusione della televisione digitale terrestre In Europa Occidentale, a fine 2006, le abitazioni Tdt erano 21 milioni, pari al 13% del totale delle abitazioni televisive e a oltre il 31% delle abitazioni digitali. A giugno 2007, il numero di abitazioni Tdt è arrivato a 26 milioni con una crescita del 24% in sei mesi. Rispetto alla fine del 2005 la penetrazione della Tdt in Europa è aumentata dell 87%. Alcuni paesi dove però la televisione terrestre era marginale - hanno già completato lo switch off delle trasmissioni analogiche terrestri: Lussemburgo, Olanda, Svezia e Finlandia. In Finlandia il 35% delle abitazioni ( famiglie) sono state convertite alla tecnica digitale tra il 2001 e il 1 settembre La tabella 1 fornisce i dati di penetrazione della Tdt nei 5 Paesi presi in considerazione. Tabella 1: Penetrazione della Tdt giugno 2007 Penetrazione Francia Germania Italia Regno Unito Spagna % Tdt Giugno % 9.9% 19.1% 35.9% 19.4% Fonti: GSDZ, Ofcom, Impulsa Tdt, elaborazioni ITMedia Consulting Nel Regno Unito oltre un terzo delle abitazioni televisive 9.1 milioni di famiglie- accede alla televisione digitale terrestre. Dal 2002 sono stati venduti 20.6 milioni di ricevitori per la televisione digitale terrestre, e 18 milioni sono effettivamente in uso nelle abitazioni delle famiglie britanniche. Di questi più di 6 milioni sono televisori digitali integrati e 14.5 milioni di set top box. Nel secondo trimestre del 2007, il 40% degli apparecchi venduti era destinato al secondo televisore ed il 21% alla sostituzione di un precedente ricevitore. Il 39% dei decoder Tdt venduti nel periodo hanno rappresentato l incremento netto nel numero di abitazioni Tdt, pari a unità. Nel Regno Unito la Tdt è il driver della crescita degli accessi digitali, essendo responsabile, nell ultimo trimestre per cui si dispongono dati (2 trimestre 2007), dell 84% della crescita nella penetrazione della Tv digitale. Il numero dei televisori principali che utilizzano la Tdt è più che doppio rispetto a quelli analogici terrestri. Nel corso dell ultimo anno, sono stati venduti 3.3 milioni di Idtv, di cui nei soli tre mesi da marzo a giugno Attualmente, i 13

16 televisori integrati rappresentano il 49% dei ricevitori Tdt acquistati, e il 52% degli apparecchi televisivi. Vendite di ricevitori Tdt nel Regno Unito - milioni milioni 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 3Q2006 4Q2006 1Q2007 2Q2007 Stb Idtv Fonte: Ofcom. Per il Regno Unito i dati disponibili si riferiscono unicamente a decoder esterni e televisori digitali integrati e non a ricevitori integrati in altri device In Francia, invece, sono 4.7 milioni, a giugno 2007, le abitazioni dotate di almeno un ricevitore per la Tdt, che raggiunge così una penetrazione del 19.5% sull insieme delle abitazioni televisive, una crescita media del 34% ogni trimestre dal lancio avvenuto a marzo Gli utenti della televisione digitale terrestre comprendono anche abitazioni abbonate ad uno dei bouquet a pagamento disponibili attraverso la Tdt. Queste rappresentano l 1.6% delle abitazioni televisive francesi. Sul mercato, dal momento del lancio nel marzo 2005, sono stati venduti 8.2 milioni di apparecchi per ricevere la Tdt. Il mercato francese è interessante per la varietà dei dispositivi per la ricezione della televisione digitale terrestre. Oltre ai set top box, peraltro disponibili anche in modelli economici (circa 25 ), ci sono in commercio ricevitori portatili, e device integrati in pc o lettori Dvd. Inoltre, gli operatori Iptv includono nelle loro offerte decoder ibridi che permettono di ricevere anche i canali in chiaro della televisione digitale terrestre. A giugno 2007 nelle abitazioni francesi vi erano quasi 2.5 milioni di decoder ibridi. 14

17 3000 Vendite ricevitori Tdt in Francia - migliaia ' Q2006 2Q2006 3Q2006 4Q2006 1Q2007 Stb Altro (Idtv, decoder ibridi ) Fonte: elaborazioni ITMedia Consulting Inoltre, la nuova legge sull audiovisivo, adottata a maggio 2007, dispone che entro la fine del 2008 tutti i televisori in commercio devono essere in grado di ricevere segnali televisivi ad alta definizione. In Germania la ricezione televisiva su rete terrestre è marginale rispetto ad altre modalità. La Germania ha seguito un approccio regionale allo switch off, lanciando i servizi in momenti diversi secondo il Land. Così, nella regione di Berlino-Brandenburgo lo spegnimento del segnale analogico è avvenuto già nell agosto del La Tdt ha consentito di incrementare la penetrazione di questa modalità di ricezione: se due anni fa il numero complessivo di abitazioni televisive terrestri, analogiche e digitali, era 3.3 milioni, a giugno 2007 erano 3.6 milioni, pari al 9.9% del totale, quasi il doppio rispetto all anno precedente e una volta e mezzo rispetto alla fine del Tra le abitazioni attrezzate di decoder Tdt, in 3 milioni la televisione terrestre è la modalità principale di accesso alla televisione. Ad oggi sono solo abitazioni analogiche terrestri da convertire, e l operatore del servizio pubblico Ard ha pianificato il completamento dello switch over già entro la fine del La Tdt in Germania è più diffusa del cavo digitale: rappresenta: il 23% delle abitazioni digitali contro il 20% del cavo. Nelle zone 15

18 urbane, dove è disponibile un offerta di 30 canali, si è notato un incremento della ricezione terrestre. Anche nelle regioni in cui lo switch off è già stato realizzato, la penetrazione della Tdt continua ad aumentare, arrivando, nell area di Berlino, fino al 19.4%. Le differenze nel livello di penetrazione dipendono principalmente dalla disponibilità dei contenuti. Tuttavia, l incremento nell adozione della Tdt non ha prodotto grandi perdite per le altre modalità di trasmissione televisiva. La rilevanza della televisione digitale terrestre rimane quindi ancora limitata. In Spagna, dopo il fallimento di Quiero TV, piattaforma Tdt a pagamento, il rilancio della Tdt è avvenuto a novembre 2005, con l offerta simultanea di venti canali in chiaro. A un mese dal lancio, le abitazioni Tdt erano già , 4.4% del totale. La conversione delle abitazioni terrestri alla tecnologia digitale è continuata a ritmi sostenuti anche nel 2006, tanto che alla fine dell anno il numero di abitazioni dotate di decoder Tdt era salito a 2.3 milioni, pari 14.4%. A giugno 2007 erano 3.1 milioni le abitazioni digitali terrestri, pari a una penetrazione del 19.4% e il 30% in più rispetto a sei mesi prima. Dal lancio, la Tdt ha aumentato la propria diffusione presso le famiglie a un tasso medio superiore al 100%. Vendite ricevitori Tdt in Spagna - ' ' Q2006 4Q2006 1Q2007 2Q2007 Fonte: Impulsa Tdt Stb Altro (Idtv, decoder ibridi ) Secondo alcune stime, gli apparecchi Tdt venduti sul mercato spagnolo tra marzo 2003 e giugno 2007 sono 5.8 milioni. Di questi circa 3.6 milioni sono installati, inclusi i secondi televisori. L 82% dei ricevitori sono decoder esterni, anche se sono in aumento le vendite di televisori con decoder integrato. Nei mesi di maggio e giugno 2007 le vendite di Idtv hanno superato quelle dei set top box. Infine 16

19 una quota piccola ma crescente del mercato riguarda decoder integrati in lettori Dvd e in Pc. Infine in Italia la Tdt è la seconda piattaforma digitale per diffusione, dopo il satellite. I ricevitori Tdt venduti tra febbraio 2004 e giugno 2007 sono oltre 5,6 milioni. Il 41% dei decoder venduti ha goduto degli incentivi in vigore per il 2004 e 2005, e limitatamente alle Regioni coinvolte nei primi switch off locali, Val d Aosta e Sardegna, per il In Italia, in linea con quanto accade negli altri paesi, crescono le vendite di televisori digitali integrati, o ricevitori Tdt integrati in altri apparecchi elettronici. Dei 5.6 milioni di ricevitori Tdt venduti fino a giugno 2007, l 11%, pari a unità sono integrati in altri apparecchi. I restanti 4.9 milioni sono decoder esterni, quasi tutti interattivi. Ma il fenomeno è destinato a crescere. Nel secondo trimestre del 2007 le vendite di apparati integrati ha superato quella dei decoder esterni. Nel 2007, per questo tipo di apparati è stato previsto un incentivo all acquisto, sotto forma di detrazione fiscale nella misura del 20% del costo sostenuto. Da febbraio 2009 tutti i televisori venduti dovranno incorporare un sintonizzatore digitale. Vendite decoder Tdt in Italia - migliaia ' Q2006 4Q2006 1Q2007 2Q2007 Stb Altro (Idtv, decoder ibridi ) Fonte: elaborazioni ITMedia Consulting su dati Gfk Conclusioni Nel territorio dell Europa Occidentale, quasi il 40% delle abitazioni televisive è ormai digitale. 17

20 Il satellite è ancora il mezzo più diffuso per ricevere la Tv digitale. La televisione digitale terrestre è la seconda piattaforma più diffusa, ma con un tasso di crescita molto superiore a quello del satellite. I cablo operatori sono in ritardo in questo processo: per loro è importante l upgrade delle reti, per poter affrontare efficacemente la concorrenza delle altre piattaforme, e degli operatori di Tlc che stanno entrando nel mercato con offerte triple play che combinano video, dati e voce. I cinque grandi paesi esaminati presentano alcune specificità, ma i trend sono simili. Il Regno Unito si distingue per un livello di penetrazione della Tv digitale decisamente superiore, pari all 84% a giugno La Tdt è già la prima piattaforma digitale, avendo superato anche il satellite. La Francia, pur con tassi di penetrazione più bassi, presenta una situazione analoga. La Tdt supera già il satellite. La Germania si distingue per la marginalità della televisione terrestre, la cui digitalizzazione comunque è quasi completata, avendo convertito al digitale l 86% delle abitazioni terrestri. In Italia la Tdt non ha ancora superato il satellite, anche se il trend è quello di una costante crescita della penetrazione Tdt. I motivi del rallentamento della crescita della penetrazione Tdt verranno analizzati nei capitoli successivi. Nei paesi in cui la televisione analogica terrestre era la principale modalità di accesso, la Tdt rappresenta il driver della crescita dell accesso alla tecnologia digitale. Così è stato nel Regno Unito, e altrettanto sta accadendo in Francia, Spagna e Italia. Nei paesi in cui era già disponibile un ampia offerta multicanale a basso costo su altre piattaforme, come ad esempio il cavo in Olanda e in Germania, il lancio dei servizi di televisione digitale terrestre ha comunque incrementato la percentuale di abitazioni equipaggiate per la ricezione terrestre. 18

21 Dotazione multichannel 5 paesi: De, Fr, IT, Sp, Uk : SO in UK e Italia e SO europeo Tdt mln abitazioni : SO in Germania Satellite 2011: SO in Francia. Cavo/Iptv : Inizia l'obbligo di vendita di Idtv e Hdtv in Francia e Italia. La Tdt supera il satellite Analogico terrestre Fonte: elaborazione ITMedia Consulting I dati successivi al 2007 costituiscono previsioni e sono elaborati sull ipotesi del mantenimento delle attuali tendenze di mercato e di fatti rilevanti prevedibili. Non sono presi in considerazione cambiamenti o shock che dovessero eventualmente intervenire a modificare tale scenario 19

22 Dotazione multichannel 5 paesi: De, Fr, It, Sp, Uk 100% 90% 80% 70% 2012: SO in UK e Italia e SO europeo 60% 50% 2011: SO in Francia. 40% 2010: SO in 30% Germania 2009: Inizia l'obbligo di 20% vendita di Idtv in Italia e Hdtv in Francia. La Tdt supera il satellite 10% 2008: Inizia l'obbligo di vendita di Idtv in Francia 0% Cavo/Iptv Satellite Tdt Analogico terrestre Da oggi alla data dello switch off europeo, nel 2012, la crescita nell adozione della tecnica digitale sarà realizzata per lo più dalla Tdt. Alcuni interventi normativi, inoltre, rafforzano questa tendenza: è il caso di Francia e Italia, dove dal 2009 ci sarà l obbligo di includere, nei nuovi apparati televisivi immessi in commercio i tuner digitali. Anche cavo e satellite cresceranno, ma a ritmi meno sostenuti. L incentivo al passaggio al digitale è meno forte: satellite e cavo analogici sono già multicanali. L upgrade avverrà più gradualmente per coloro che vogliono usufruire di un offerta più ampia e nel caso del cavo di altri servizi (banda larga, servizi on demand). Anche la pay tv, primo driver della crescita digitale, ha comunque un limite, costituito dalla propensione a spendere per contenuti televisivi. Con l approssimarsi delle date previste per lo spegnimento dei segnali analogici ci sarà, nei paesi coinvolti, un ulteriore slancio all adozione della Tdt, che nel 2012, in un ambiente oramai completamente multicanale, sarà la modalità di ricezione televisiva più diffusa in Europa. 20

IL PRESENTE LAVORO È STATO REALIZZATO DALL ASSOCIAZIONE DGTVI CON IL

IL PRESENTE LAVORO È STATO REALIZZATO DALL ASSOCIAZIONE DGTVI CON IL IL PRESENTE LAVORO È STATO REALIZZATO DALL ASSOCIAZIONE DGTVI CON IL CONTRIBUTO DELLE SEGUENTI SOCIETÀ (IN ORDINE ALFABETICO): - BOOZ ALLEN HAMILTON (HA CURATO IN PARTICOLARE IL CAPITOLO 7 E LA PARTE IV)

Dettagli

CAPITOLO QUARTO Il digitale terrestre nei quattro maggiori mercati TV europei

CAPITOLO QUARTO Il digitale terrestre nei quattro maggiori mercati TV europei 87 CAPITOLO QUARTO Il digitale terrestre nei quattro maggiori mercati TV europei Diffusione e dotazione Il digitale terrestre è la piattaforma più diffusa Il fenomeno delle sovrapposizioni Dotazione. La

Dettagli

Consiglio di amministrazione DGTVi: Andrea Ambrogetti (Mediaset)

Consiglio di amministrazione DGTVi: Andrea Ambrogetti (Mediaset) 1 DGTVi è l associazione italiana per lo sviluppo della tv digitale terrestre costituita da Rai, Mediaset, Telecom Italia Media, DFree, FRT e Aeranti-Corallo. L'Associazione ha l'obiettivo di promuovere

Dettagli

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE L ITALIA DELL E-FAMILY RAPPORTO 2005 In collaborazione con Niche Consulting EXECUTIVE SUMMARY 1.1 LA TECNOLOGIA IN CASA: NEL 2004 UNA CRESCITA DIFFERENZIATA Per quasi un decennio e fino al 2003 la diffusione

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale

Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale Europäische Hochschulschriften - Reihe XL 91 Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale von Benedetta Prario 1. Auflage Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale

Dettagli

Linee Guida ANITEC. L adeguamento degli impianti per la ricezione della TV digitale terrestre nelle strutture alberghiere

Linee Guida ANITEC. L adeguamento degli impianti per la ricezione della TV digitale terrestre nelle strutture alberghiere L adeguamento degli impianti per la ricezione della TV digitale terrestre nelle strutture alberghiere Linee Guida ANITEC Realizzate con il patrocinio di: Novembre 2009 Introduzione Questa breve guida è

Dettagli

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane 1 semestre 2005 Primo rapporto semestrale sulla penetrazione della tv digitale. Le fonti: dichiarazioni

Dettagli

Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 2010

Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 2010 RÉPUBLIQUE FRANÇAISE Giugno 211 Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 21 Caratteristiche degli operatori Salvo precisazione contraria, le cifre presentate in questo documento

Dettagli

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre?

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Il digitale terrestre, la cui sigla è DTT, è il nuovo sistema che sarà utilizzato per diffondere il segnale televisivo e che adotta la tecnica digitale, simile

Dettagli

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO III Edizione Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche la Tv Analogica DIGITALE CHIARO L Adiconsum spiega come prepararsi alla transizione verso la tv digitale 2011: LIGURIA, TOSCANA, UMBRIA e MARCHE

Dettagli

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat?

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat? Che cos è TivùSat? TivùSat è la piattaforma digitale satellitare gratuita italiana realizzata da Tivù s.r.l. (Rai 48,25%, Mediaset 48,25% e Telecom Italia Media 3,5%). TivùSat nasce come piattaforma complementare

Dettagli

Presentazione del Rapporto e-family 2007 INDICE 2. LA FILIERA INFORMATICA SI CONSOLIDA 3. MIGRAZIONI TELEFONICHE E BUNDLING DI SERVIZI

Presentazione del Rapporto e-family 2007 INDICE 2. LA FILIERA INFORMATICA SI CONSOLIDA 3. MIGRAZIONI TELEFONICHE E BUNDLING DI SERVIZI Presentazione del Rapporto e-family Roma, 13 marzo 27 Presentazione del Rapporto e-family Roma, 13 marzo 27 Intervento di Giancarlo Presentazione Lizzeri amministratore del Rapporto e-family delegato 27

Dettagli

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

LA SVOLTA DIGITALE XII Rapporto Annuale

LA SVOLTA DIGITALE XII Rapporto Annuale LA SVOLTA DIGITALE XII Rapporto Annuale Welcome to the new TV Augusto Preta, Senior Partner FNSI, Roma, 30 ottobre 2014 Introduzione Turning Digital, giunto alla dodicesima edizione, è un analisi globale

Dettagli

Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto. sistema wimarine

Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto. sistema wimarine Internet, TV, webcam, telecontrollo, intrattenimento a bordo e da remoto sistema wimarine Wimarine box Schema moduli Wimarine box Internet Video locale remoto GPS Controllo parametri fisici TV Il cuore

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Le tariffe per l abbonamento ADSL in Europa: analisi su prezzi e velocità proposti dai principali Provider europei INDICE p. 1 1. Le tariffe ADSL in Europa e in

Dettagli

La Svolta Digitale Verso un ambiente multi-piattaforma

La Svolta Digitale Verso un ambiente multi-piattaforma La Svolta Digitale Verso un ambiente multi-piattaforma Augusto Preta Direttore Generale Il mercato TV in Europa TV market revenues 2005 80 60 32,5 34,2 +2.8% 35,1 bln 40 17,6 18,0 +2% 18,4 20 19,8 21,9

Dettagli

ADICONSUM. IV Edizione. Si spegne in: Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO.

ADICONSUM. IV Edizione. Si spegne in: Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO. Test Noi Consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente. Anno XXIV - numero 20 del 10 aprile 2012. Direttore: Pietro Giordano - Direttore responsabile: Francesco

Dettagli

Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale

Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale IP/08/1397 Bruxelles, 25 settembre 2008 Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale In che modo l'unione europea potrà garantire l'accesso

Dettagli

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Dalla televisione digitale di prima generazione alla Ip-TV Guido Salerno Aletta Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Il passaggio al digitale nella telefonia mobile e nella televisione inizia dal

Dettagli

La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012

La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012 Sintesi del Rapporto 1 La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012 Ulteriore peggioramento della

Dettagli

Domande e risposte sulla conferenza stampa del 9.03.2010. Informazioni generali sul nuovo portfolio DTV

Domande e risposte sulla conferenza stampa del 9.03.2010. Informazioni generali sul nuovo portfolio DTV Domande e risposte sulla conferenza stampa del 9.03.2010. Informazioni generali sul nuovo portfolio DTV Perché cablecom cambia l offerta digital tv? Le crescenti esigenze dei nostri clienti richiedono

Dettagli

LA BATTAGLIA DEI DIRITTI: IL CONTENT AUDIOVISIVO NEL NUOVO SCENARIO DELLA CONVERGENZA TLC+MEDIA INDICE DELLA RICERCA

LA BATTAGLIA DEI DIRITTI: IL CONTENT AUDIOVISIVO NEL NUOVO SCENARIO DELLA CONVERGENZA TLC+MEDIA INDICE DELLA RICERCA LA BATTAGLIA DEI DIRITTI: IL CONTENT AUDIOVISIVO NEL NUOVO SCENARIO DELLA CONVERGENZA TLC+MEDIA INDICE DELLA RICERCA Obiettivi e struttura del rapporto PARTE PRIMA: IL MERCATO (I) I principali mercati

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VITA, DI GIOVAN PAOLO, VIMERCATI e ZANDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 DICEMBRE 2009 Misure per favorire la

Dettagli

1. LA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE PERMETTE DI ESTENDERE LA MULTICANALITA A TUTTA LA POPOLAZIONE

1. LA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE PERMETTE DI ESTENDERE LA MULTICANALITA A TUTTA LA POPOLAZIONE 1. LA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE PERMETTE DI ESTENDERE LA MULTICANALITA A TUTTA LA POPOLAZIONE La Televisione digitale terrestre (Tdt) con un offerta gratuita può avere un ruolo centrale nell estensione

Dettagli

Il mercato dei ricevitori DTT in Italia e le azioni di indirizzo svolte da DGTVi

Il mercato dei ricevitori DTT in Italia e le azioni di indirizzo svolte da DGTVi Convegno SAT Expo Il mercato dei ricevitori DTT in Italia e le azioni di indirizzo svolte da DGTVi Giovanni VENUTI Telecom Italia 28 Settembre 2006 - Vicenza 1 Le vendite di Decoder Digitale Terrestre

Dettagli

ConnectedTV: TV e Web imparano a convivere?

ConnectedTV: TV e Web imparano a convivere? OSSERVATORIO Nuove forme di distribuzione radiotelevisiva: piattaforme cross mediali e servizi web oriented Associazione per la convergenza nei servizi di comunicazione ConnectedTV: TV e Web imparano a

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2 Mercato libero dell energia elettrica e del gas: evoluzione dalla liberalizzazione, passaggi dal servizio di Maggior Tutela e confronto con altri Paesi europei. Indice: Indice; p. 1 Introduzione; p. 2

Dettagli

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it IPTV IPTV, o Internet Protocol Television è il generico acronimo per una serie di sistemi con i quali i segnali televisivi, o genericamente i contenuti video, sono distribuiti agli utenti utilizzando tecnologie

Dettagli

IL DIGITALE TERRESTRE: LA TIVU SI VEDE MEGLIO SE SAI COME USARLA. Regione del Veneto - Direzione Comunicazione e Informazione 1

IL DIGITALE TERRESTRE: LA TIVU SI VEDE MEGLIO SE SAI COME USARLA. Regione del Veneto - Direzione Comunicazione e Informazione 1 IL DIGITALE TERRESTRE: LA TIVU SI VEDE MEGLIO SE SAI COME USARLA 1 Che cos è il digitale terrestre? E la nuova tecnologia del futuro che utilizza segnali digitali come già avviene per Internet e la telefonia

Dettagli

Analyst Meeting. Milano, 20 Marzo 2007

Analyst Meeting. Milano, 20 Marzo 2007 Analyst Meeting Milano, 20 Marzo 2007 UNA NUOVA CORPORATE IDENTITY LE RAGIONI I cambiamenti realizzati La nuova realtà del Gruppo oggi Posizionamento e linee guide strategiche I CAMBIAMENTI REALIZZATI

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

ADIC NSUM. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL. Speciale progetto Digitale Chiaro. Cosa serve per vedere i programmi 3D

ADIC NSUM. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL. Speciale progetto Digitale Chiaro. Cosa serve per vedere i programmi 3D ADIC NSUM Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL In questo numero: Speciale progetto Digitale Chiaro 4 a EDIZIONE Telcomunicazioni Ci siamo: la Tv entra definitivamente nell era

Dettagli

Caratteristiche degli operatori

Caratteristiche degli operatori RÉPUBLIQUE FRANÇAISE Luglio 2013 Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche e postali in Francia Dati 2012 Caratteristiche degli operatori Salvo ulteriori precisazioni, i dati contenuti in questo

Dettagli

INDICE GENERALE PREFAZIONE 5 PREMESSA 7 INTRODUZIONE 9. PRIMA PARTE: RICEVITORI DIGITALI 11 1. Fondamenti della tecnologia digitale 11

INDICE GENERALE PREFAZIONE 5 PREMESSA 7 INTRODUZIONE 9. PRIMA PARTE: RICEVITORI DIGITALI 11 1. Fondamenti della tecnologia digitale 11 INDICE GENERALE PREFAZIONE 5 PREMESSA 7 INTRODUZIONE 9 PRIMA PARTE: RICEVITORI DIGITALI 11 1. Fondamenti della tecnologia digitale 11 A 2. La TV è connessa (Connected TV) 17 3. Gli apparati per la visione

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV

Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV Lo sviluppo dell IPTV in Italia Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV Mercato IPTV Italia Dati in migliaia 1000 900 800 700 600 500 400 300 200 100 0 939 745 587 263

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Rilevazione omnibus 2010 : Internet nelle economie domestiche della Svizzera. Gli internauti svizzeri preoccupati per i pericoli di Internet

Rilevazione omnibus 2010 : Internet nelle economie domestiche della Svizzera. Gli internauti svizzeri preoccupati per i pericoli di Internet Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 04.02.2011, 9:15 16 Cultura, media, società dell'informazione, sport N. 0352-1101-10 Rilevazione omnibus

Dettagli

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Relazione Osservatorio ANFoV, in collaborazione con Baker & McKenzie. Integrazione e convergenza di servizi e piattaforme

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita 1 Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita L Osservatorio semestrale della Società dell Informazione, realizzato da Federcomin, analizza semestralmente lo stato e le dinamiche

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL CLIENTE RELATIVA AL SERVIZIO IPTV DI TELECOM ITALIA

CARTA DEI SERVIZI PER IL CLIENTE RELATIVA AL SERVIZIO IPTV DI TELECOM ITALIA CARTA DEI SERVIZI PER IL CLIENTE RELATIVA AL SERVIZIO IPTV DI TELECOM ITALIA 1 - Introduzione La presente Carta dei Servizi è rivolta alla clientela che fruisce del servizio di comunicazione elettronica

Dettagli

Pag 1 di 10 26 gennaio 09

Pag 1 di 10 26 gennaio 09 Giorno 1 Terzo rapporto sulla TV digitale terrestre Un nuovo operatore Sat:Tivù L offerta di contenuti La tecnologia (lato utente) Il Ministero delle Comunicazioni (FUB) Giorno 2 AGCOM (Corrado Calabrò)

Dettagli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero IEM-Fondazione Rosselli La mission Quinto Summit sull Industria della Comunicazione IL DECIMO RAPPORTO IEM Riunire

Dettagli

L ITALIA DELLA E-FAMILY

L ITALIA DELLA E-FAMILY L ITALIA DELLA E-FAMILY 27 Gennaio 3 CASA E TECNOLOGIA : LA RICERCA SULLA E-FAMILY! RICERCA INIZIATA NEL 1995, EFFETTUATA IN DUE EDIZIONI ANNUALI! CAMPIONE DI 5. FAMIGLIE E DI 14.4 INDIVIDUI! LA FAMIGLIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL CLIENTE RELATIVA AL SERVIZIO ALICE HOME TV DI TELECOM ITALIA

CARTA DEI SERVIZI PER IL CLIENTE RELATIVA AL SERVIZIO ALICE HOME TV DI TELECOM ITALIA CARTA DEI SERVIZI PER IL CLIENTE RELATIVA AL SERVIZIO ALICE HOME TV DI TELECOM ITALIA 1 - Introduzione La presente Carta dei Servizi è rivolta alla clientela che fruisce del servizio di comunicazione elettronica

Dettagli

l Inserto Nuova procedura per l accertamento dell invalidità civile e dell handicap n. 5 - maggio 2010 Argomenti

l Inserto Nuova procedura per l accertamento dell invalidità civile e dell handicap n. 5 - maggio 2010 Argomenti Argomenti A cura di Roberta Lorenzoni Dipartimento Previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Nuova procedura per l accertamento dell invalidità civile e dell handicap Digitale terrestre: informazioni utili Notizie

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer Abstract Illustrazione nuove possibilità di utilizzare la televisione digitale come uno

Dettagli

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO Relazione introduttiva dell avv. Marco Rossignoli Coordinatore di Aeranti-Corallo e Presidente Aeranti Milano 3 novembre 2009 Il passaggio al digitale

Dettagli

Lo switch over da broadcast a ultra broadband

Lo switch over da broadcast a ultra broadband Lo switch over da broadcast a ultra broadband Gli autori e i produttori audiovisivi sono stakeholder interessati al successo del Strategia italiana per la banda ultralarga e della Strategia per la crescita

Dettagli

Il mercato francese dei prodotti audiovisivi e digitali

Il mercato francese dei prodotti audiovisivi e digitali ICE - AGENZIA Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Parigi Il mercato francese dei prodotti audiovisivi e digitali 2014 ICE Parigi Fonte : CSA

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete REPORT SULLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA SETTEMBRE 2013 1 A. Consistenze e caratteristiche generali della rete Tav.1 Evoluzione della rete di distribuzione carburanti 2000 2005 2010 2011 Autostradali

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Roma, 9 luglio 2013 AGENDA 2 Introduzione L ecosistema digitale: la dieta degli italiani

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Governo. elettronico. Il cosiddetto e-government può facilitare l interazione con i soggetti maggiormente esposti al rischio di incendi domestici?

Governo. elettronico. Il cosiddetto e-government può facilitare l interazione con i soggetti maggiormente esposti al rischio di incendi domestici? Governo elettronico Il cosiddetto e-government può facilitare l interazione con i soggetti maggiormente esposti al rischio di incendi domestici? Colin Thomas, DMS, MIFireE Oxfordshire Fire & Rescue Service

Dettagli

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE SINTESI DELLO STUDIO Marzo 2010 Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE TERA Consultants Lo studio è stato condotto da TERA

Dettagli

Lunedì 4 marzo 2002. Amministratore Delegato E-Venture

Lunedì 4 marzo 2002. Amministratore Delegato E-Venture Seminario Lunedì 4 marzo 2002 Amedeo Levorato Amministratore Delegato E-Venture Embedded Internet Da Media a Mezzo Chi guarda le auto che passano? 1 Lo scenario macroeconomico L economia europea ha vissuto

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE Tv digitale terrestre, internet a banda larga, ricezione dei telefoni cellulari, ma anche possibilità di

Dettagli

Il Progetto Italia Digitale Tecnologie e Servizi: un rapporto in continua evoluzione. 18 Maggio 2010 - Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari - Milano

Il Progetto Italia Digitale Tecnologie e Servizi: un rapporto in continua evoluzione. 18 Maggio 2010 - Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari - Milano Il Progetto Italia Digitale Tecnologie e Servizi: un rapporto in continua evoluzione 18 Maggio 2010 - Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari - Milano 1 Italia Digitale oggi: Le Famiglie La penetrazione della

Dettagli

TERZO RAPPORTO SULLA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE IN EUROPA. Parte III - Schede di sintesi. (aggiornamento dicembre 2008)

TERZO RAPPORTO SULLA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE IN EUROPA. Parte III - Schede di sintesi. (aggiornamento dicembre 2008) TERZO RAPPORTO SULLA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE IN EUROPA Parte III - Schede di sintesi (aggiornamento dicembre 2008) ASCOLTI. Il futuro è chiaro sulla Tdt In Italia, al Dicembre 2008, il consumo di

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA. Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. COMUNICATO STAMPA Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. Il Consiglio di Amministrazione esamina i risultati al 31 dicembre

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003 Overview OECD Communications Outlook : 2003 Edition Prospettive delle comunicazioni dell'ocse : Edizione 2003 Le note di sintesi

Dettagli

Offerta Televisiva. Generalità

Offerta Televisiva. Generalità Offerta Televisiva Generalità Quadro Generale Cambiamenti a livello delle filiera televisiva Accanto alla tradizionale modalità di diffusione terrestre (satellitare, TV via cavo,...) l offerta di contenuti

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NOTA A CURA DELLA DIVISIONE SALUTE, ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO (OCSE), A SEGUITO DI RICHIESTA

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

Siena, 5 dicembre 2005. La Televisione Digitale Terrestre. Tecnologie e Servizi. Opportunità e Prodotti.

Siena, 5 dicembre 2005. La Televisione Digitale Terrestre. Tecnologie e Servizi. Opportunità e Prodotti. Siena, 5 dicembre 2005 La Televisione Digitale Terrestre. Tecnologie e Servizi. Opportunità e Prodotti. Giuseppe Burschtein Vice Presidente Fondazione Sistema Toscana La missione della Fondazione La Fondazione

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Il sistema televisivo in Europa: mercato, fonti di finanziamento, modelli, regole e strutture

Il sistema televisivo in Europa: mercato, fonti di finanziamento, modelli, regole e strutture : mercato, fonti di finanziamento, modelli, regole e strutture Il sistema televisivo in Europa Osservatorio sulla comunicazione e i media della Fondazione per la Sussidiarietà Responsabili della ricerca:

Dettagli

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV Commissione IX Trasporti, Poste e Telecomunicazioni CAMERA dei DEPUTATI Atti dell'unione europea. Proposta di decisione del Parlamento

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione CAPITOLO I Informazioni complessive sul campione I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING Informazioni complessive sul campione 1. Descrizione In questa sezione

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli