CANELLI YACHTS BUSINESS PLAN!!! Redatto in data 10/2/2014 dal dott. Edoardo Ceccarelli e dall Ing. Maurizio Marzocca

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CANELLI YACHTS BUSINESS PLAN!!! Redatto in data 10/2/2014 dal dott. Edoardo Ceccarelli e dall Ing. Maurizio Marzocca"

Transcript

1 CANELLI YACHTS BUSINESS PLAN Redatto in data 10/2/2014 dal dott. Edoardo Ceccarelli e dall Ing. Maurizio Marzocca 1

2 Indice Presentazione del progetto pag. 3 1 La Start-Up pag. 4 2 I prodotti pag Atmosphere La concorrenza dell Atmosphere 25 pag Atmosphere 35 pag La concorrenza dell Atmosphere 35 pag Atmosphere 38 pag La concorrenza dell Atmosphere 38 pag Il listino prezzi pag Il management, il personale e le strutture pag Il mercato - considerazioni generali pag Il mercato nautico italiano e internazionale - dati pag Analisi della domanda pag Piano di marketing pag Piano di sviluppo e realizzazione per il 1 anno pag Fabbisogno finanziario e previsioni di vendita in Italia e all estero pag Area Finanziaria pag Piano degli investimenti pag Budget delle vendite per i primi cinque anni Vendite in fatturato pag Vendite in volumi 8.3 Conto economico previsionale pag Previsioni di cassa su base mensile per il primo anno pag Previsioni di cassa su base mensile per il secondo anno pag Previsioni di cassa su base mensile per il terzo anno pag Previsioni di cassa su base mensile per il quarto anno pag Previsioni di cassa su base mensile per il quinto anno pag Stato patrimoniale previsionale per i primi cinque anni pag. 32 2

3 Presentazione del progetto Il presente business plan ha lo scopo di presentare a possibili investitori il progetto necessario per l avvio di una start-up per la costruzione e commercializzazione di imbarcazioni a motore, Canelli Yachts s.r.l. I promotori sono il dott. Edoardo Ceccarelli (recapito ) e l ing. Maurizio Marzocca ( ). Il primo con esperienze pluriennali nel campo commerciale e marketing per aziende nautiche. Il secondo con esperienza nella progettazione e nella direzione lavori per la costruzione di imbarcazioni a motore. Il progetto prevede per il primo anno la costruzione del prototipo dell Atmosphere 35, un natante di 10,72 mt di lunghezza fuori tutto e di 9,24 mt di lunghezza scafo. Negli anni successivi è prevista la costruzione dell Atmosphere 38, anch esso un natante che presenta una lunghezza fuori tutto di 12,56 mt e una lunghezza scafo di 9,99 mt. Inoltre, dal terzo anno in poi, la gamma si amplia con un 25 piedi e con un 45 piedi. Del 25 e del 35 sono previste anche delle versioni fisherman, con un allestimento interno più semplice e più adatto al differente utilizzo dell imbarcazione. La Canelli Yachts s.r.l. prevede di puntare molto sul Green quindi sull attenzione all ambiente con innovazioni dal punto di vista del loro limitato impatto ambientale che si realizza attraverso specialmente innovazioni di prodotto. Il cliente avrà la possibilià di scegliere motori ibridi per navigare a emissione zero, con motori entrofuoribordo FNM o Steyr. La Canelli Yachts s.r.l. è stata costituita in data 19/12/2012. La sede legale è sita in Roma, Via Luca Signorelli, Il capitale sociale è stato interamente versato e i conferimenti apportati sono i seguenti: - Stampo Scafo per un valore di ,00 euro - Stampo Coperta (da rifare) per un valore di ,00 euro - Sito internet con concept imbarcazioni per un valore di ,00 euro - Marchio registrato presso C.C.I.A.A. di Roma per un valore di 2.000,00 euro Il totale dei conferimenti è pari a ,00 euro I progetti delle imbarcazioni (Atmosphere 25, FishHook 25, Atmosphere 35, FishHook 35, Atmosphere 38 e Innovatio 36) non sono stati conferiti poiché devono essere completati. Nei piani di sviluppo della Canelli Yachts è previsto l affidamento della produzione, almeno per i primi 3 anni, conto terzi. Il cantiere che realizzerà le imbarcazioni è già stato identificato, Letec di Casoria, specializzata già nella produzione di mobili per la nautica. La produzione sarà seguita dall Ing. Maurizio Marzocca che si occuperà anche delle scelte dei materiali da impiegare nonché dell accessoristica. (Il presente Business Plan è stato redatto nel rispetto delle Linee Guida di Redazione del Business Plan approvate dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili in data 5 maggio 2011). 3

4 1. LA START-UP La Canelli yachts s.r.l. ha come obiettivo quello di realizzare inizialmente tre imbarcazioni a motore nell arco di 3 anni da presentare sul mercato: l Atmosphere 25, l Atmosphere 35 e 38, che soddisfino la crescente domanda di imbarcazioni di dimensioni sotto i 10 metri a seguito di un rinnovato interesse da parte del diportista nautico per barche di facile gestione, con costi di esercizio contenuti, di limitato impatto ambientale e con un buon rapporto qualità/prezzo. Tuttavia, è previsto dal quinto anno di attività la realizzazione di un 45 piedi con le stesse caratteristiche delle barche più piccole (la progettazione prenderà avvio al 4 anno di attività). La realizzazione della prima imbarcazione, l Atmosphere 35, sarà il perno per la crescita commerciale della società che ha messo nel bilancio previsionale per il primo anno un consistente investimento in attività promozionali quali fiere, pubblicità su riviste specializzate nonché redazionali da parte di queste ultime. Visto l andamento del mercato nautico italiano, la Canelli Yachts, almeno per i primi 2/3 anni, si concentrerà sulla creazione di una rete commerciale all estero e il consolidamento dei rapporti con i partner commerciali in Italia, che hanno dimostrato un estremo interesse per un imbarcazione innovativa sia dal punto di vista di design ma anche dal punto di vista funzionale. 2. I PRODOTTI 2.1 ATMOSPHERE 25 L Atmosphere 25 è il piccolo della gamma prevista inizialmente dal Management della Canelli Yachts. Le caratteristiche estetiche non differiscono dalle sorelle maggiori pur presentando delle peculiarità dovute alle dimensioni. Ha una lunghezza fuori tutto di 7,51 mt ed una lunghezza scafo d 7,03 mt. La larghezza è di 2,55 mt. Sono state previste due versioni dell Atmosphere 25 ovverosia un vero e proprio tender non cabinato (Atmosphere 25 Sport) che può montare motori entrofuoribordo e entrobordo; la seconda versione invece è un piccolo cabinato (Atmosphere 25 Classic) ed anch esso può montare gli entrofuoribordo o fuoribordo. ATMOSPHERE 25 Sport EFB 4

5 ATMOSPHERE 25 Classic EFB E un imbarcazione molto versatile che si differenzia dalla concorrenza per essere una barca più ricercata e con molti optional di serie (come la toilette, la cucina esterna, il tavolo a scomparsa). Sono previste varie motorizzazioni. Riguardo alle versioni EFB il cliente ha la possibilità di scegliere tra un solo motore da 265hp o due motori da 130hp o 140hp o 150hp. Per ciò che riguarda la versione FB è previsto un monomotore da 300hp. Tuttavia, rimane sempre a scelta del cliente la possibilità di montare un motore più potente o 2 motori fuoribordo. Mentre l Atmosphere 25 Sport è un vero e proprio tender e sottocoperta è prevista solo una piccola toilette, l Atmosphere 25 classic ha sottocoperta una cuccetta matrimoniale e una toilette. Quest ultima è un imbarcazione che può essere sfruttata anche per un weekend. La cucina in entrambe le barche è completamente esterna e si posiziona vicino al tavolo a scomparsa a poppa. A completare la gamma è stato progettato il FishHook 25, che presenta le stesse caratteristiche tecniche del Atmosphere 25 Sport EFB, ma, come indica il nome, è una barca da pesca: 5

6 I prezzi di vendita sono: Modello Motorizzazioni Prezzo 1 x 175hp - Suzuki FB x 150hp - Suzuki FB Atmosphere 25 Sport 1 x 220hp Mercruiser Benzina - EFB x 205hp FNM Sterndrive Hybrid - EFB x 130hp Mercruiser QSD 2.8 DTS - EFB x 140hp Volvo Penta D3 - EFB Modello Motorizzazioni Prezzo 1 x 175hp - Suzuki - FB x 150hp - Suzuki - FB x 220hp Mercruiser Benzina - EFB Atmosphere 25 Classic 1 x 205hp FNM Sterndrive Hybrid - EFB x 220hp Mercruiser QSD 2.8 S DTS - EFB x 130hp Mercruiser EFB x 140hp Volvo Penta EFB Modello Motorizzazioni Prezzo FishHook 25 1 x 175hp - Suzuki FB x 150hp - Suzuki FB LA CONCORRENZA DELL ATMOSPHERE 25 In questa tabella abbiamo preso in considerazione la concorrenza dell Atmosphere 25 Classic EFB: Cantiere Modello L.f.t. Larghezza Posti letto Motori Prezzo Capelli Cap 25 WA 7,35 2,54 2 1x Frauscher 757 St Tropez 7,57 2,25-1x Lamberti Yama 26 8,37 2,87 4 Solo scafo Mano Marine 25 EFB 7,8 2,79 4 1x

7 Di seguito analizziamo la concorrenza dell Atmosphere 25 Classic FB ( i prezzi indicati si riferiscono al solo scafo): Cantiere Modello L.f.t. Larghezza Posti letto Motori Prezzo Analizzare la concorrenza tra i 25 è molto complesso poiché i cantieri per tenere il prezzo allettante non danno optional che poi però si rivelano obbligatori facendo lievitare il prezzo finale. Inoltre l allestimento interno è scarno. La Canelli Yachts al contrario prevede per il 25 gli optional indispensabili ed inoltre un allestimento accurato che si avvicina alle sorelle maggiori. 2.3 L ATMOSPHERE 35 L Atmosphere 35 si presenta come un natante a motore di facile gestione, di facile manutenzione, con costi di esercizio contenuti e con un impatto ambientale estremamente ridotto. L Atmosphere 35 ha una lunghezza fuori tutto di 10,72 mt. e una lunghezza scafo di 9,24 mt. La larghezza è di 3,40 mt. Abbiamo previsto due versioni per l Atmosphere 35, una con due motori fuoribordo da 170cv o 190cv, e una versione con motori entrofuorbordo da 190cv o 220cv. In particolare, la versione con i piedi poppieri verrà proposta con i nuovi motori Mercruiser da 170hp che si presentano estremamente parchi nei consumi e nelle emissioni. Il mercato è ora molto attento alla questione ambientale e questo tipo di motorizzazione viene incontro all esigenza di preservazione dell ambiente marino nonché costituisce un vantaggio per quanto riguarda il contenimento dei costi di esercizio della barca. La barca si presenta come un open puro quindi si è previsto in coperta un prendisole a prua, una consolle di guida centrale, una cucina completamente esterna, un tavolo con relative sedute che può diventare anche un altro prendisole a poppa. Sottocoperta troviamo una cabina open-space con un letto matrimoniale a prua, una toilette e un letto largo a poppa. Il target di clienti di riferimento dell Atmosphere 35 sono quindi due: 1) Coppia anche con figli che utilizza l imbarcazione per crociere di breve o media durata. 2) Chi possiede una casa al mare e utilizza la barca per uscite giornaliere anche con amici. 3) Tender per megayacht 7 Capelli Cap 25 open 7,35 2, Mano Marine 25 FB 8,37 2, Ranieri Atlantis 26 7,55 2, Canelli Yachts Atmosphere 25 7,51 2,

8 ATMOSPHERE 35 Il listino prezzi dell Atmosphere 35 Modello Motorizzazioni Prezzo 2 x 175hp Suzuki - FB x 200hp Suzuki - FB x 220hp Mercruiser - Benzina - EFB Atmosphere 35 2 x 170hp Mercruiser QSD 2.0 S - EFB x 205hp FNM Sterndrive Hybrid x 170hp Volvo Penta D3 - EFB x 200hp Mercruiser QSD 2.8 DTS S - EFB x 220hp Volvo Penta D3 - EFB

9 ATMOSPHERE 35 - Gli interni FishHook 35 9

10 Il listino prezzi del FishHook 35 Modello Motorizzazioni Prezzo 2 x 175hp - Suzuki - FB FishHook 35 2 x 200hp - Suzuki - FB x 225hp - Suzuki - FB LA CONCORRENZA DELL ATMOSPHERE 35 La crisi internazionale ha ridotto il numero di produttori di imbarcazioni da diporto, in particolare in Italia. La concorrenza resta comunque consistente ed occorre considerare anche produttori esteri. In realtà, nel settore nautico è difficile parlare di vera e propria concorrenza, essendo le imbarcazioni estremamente diversificate in termini di spazi e di concezione funzionale. Per l Atmosphere 35 abbiamo individuato 2 concorrenti diretti e alcuni cantieri che propongono una barca simile ma con funzionalità e design diversi. 1) Fiart Mare. Il 33 Seawalker è il nuovo nato della Fiart Mare, società storica della nautica italiana con sede a Napoli. Il Seawalker costituisce un balzo in avanti per la società che ha affrontato la crisi abbandonando modelli ormai dal design troppo classico e varando questa imbarcazione che si presenta maneggevole e di design curato. Punti di forza: brand affermato gamma di prodotti per la fidelizzazione del cliente prezzo competitivo Punti di debolezza: qualità di costruzione non elevata brand non associato a qualità 2) HanseGroup è un gruppo industriale tedesco, basato a Greifswald nel nord della Germania, specializzata nella produzione di imbarcazioni a vela. E entrata da 4 anni nella produzione di imbarcazioni a motore acquisendo il marchio Fjord. Il primo modello a motore sotto questo marchio è stato il Fjord 40 e dopo poco è stato varato il Fjord 36 (la cui sigla fa apparire il prodotto più grande dell Atmosphere 35) tuttavia analizzando la lunghezza fuori tutto le due imbarcazioni sono molto simili. 10 Punti di forza: società industrializzata e ben capitalizzata brand alquanto affermato network di rivenditori altamente qualificato Punti di debolezza: prodotti costosi (Fjord 40 parte da ) necessità di potenti motorizzazioni e consumi importanti

11 Cantiere Modello L.f.t. Larghezza Posti letto Carburante (litri) Motori Prezzo Arcoa Canot ,04 2-2x Capelli Cap 32 WA 9,7 3 2x200FB Fiart Mare 33 Seawalker 10,9 3, x220 VP Fjord Fjord 36 Open 10,8 3, x220 VP Frauscher 1017GT 10,17 2, x JMarine Jmarine 960 9,6 2, x190 VP Rio Yachts Espera 34 9,99 3, x265 VW Sessa Marine Key Largo , x320 benz L ATMOSPHERE 38 L Atmosphere 38 è una imbarcazione più importante rispetto al 35 pur presentando le stesse caratteristiche di layout. Se l Atmosphere 35 ha un target di clienti che utilizzano la barca per uscite giornaliere o per crociere di un weekend. L Atmosphere 38 è rivolta soprattutto a un target di clienti che vogliono utilizzare la barca in modo più completo. L Atmosphere 38 ha una lunghezza fuoritutto di 12,56 mt e una lunghezza scafo di 9,99 mt. Può essere motorizzato con due motori entrofuoribordo da 220cv, da 260cv o massimo 300cv. Anche in questo caso lasciando il cliente libero di decidere quale motore scegliere, la Canelli Yachts proporrà l imbarcazione con 2 Mercruiser da 220hp. ATMOSPHERE 38 11

12 Sottocoperta l Atmosphere 38 presenta un letto matrimoniale a prua e un letto alla francese a poppa oltre alla toilette. Esternamente il progetto prevede con un grande prendisole a prua una consolle di guida centrale. Un ampia cucina a L. Un tavolo con divanetti contrapposti e un prendisole a poppa che copre la sala macchine. Il target di clienti di riferimento dell Atmosphere 38 sono: 1) Coppia senza figli che utilizza l imbarcazione per crociere di lunga durata. 2) Coppia con figli piccoli che vuole la barca per crociere brevi o weekend. La barca ha un dislocamento stimato a secco di kg. Ha un immersione di 0,67 mt ed ha una capacità di carburante di 800 lt. mentre il serbatoio dell acqua è di 300 lt. Verrà omologata in Categoria B e con una portata massima di 12 persone. La barca è proposta al prezzo di listino di euro con due Mercruiser da 220hp. Nella seguente tabella sono evidenziate le motorizzazioni consigliate: Modello Motorizzazioni Prezzo (solo barca) 2 x 220hp Mercruiser Benzina - EFB x 220hp Mercruiser QSD 2.8 DTS S - EFB Atmosphere 38 2 x 220hp Volvo Penta D3 - EFB x 250hp FNM Sterndrive Hybrid x 270hp Mercruiser QSD 4.2 DTS S - EFB x 260hp Volvo Penta D4 - EFB La lista di accessori è nutrita e permette la totale personalizzazione dell imbarcazione. Sono previsti come accessori a scelta: aria condizionata, autopilota, dotazioni di sicurezza, elica di prua, gruppo elettrogeno, GPS, Hard Top in VTR, kit ormeggio, luci subacque, luci a led pozzetto e hard top, passerella telescopica, radio stereo CD, teak in pozzetto, scafo colore metallizzato, tendalino, VHF. ATMOSPHERE 38 - Gli interni 12

13 2.6 LA CONCORRENZA DELL ATMOSPHERE 38 A livello di design e funzionalità, l Atmosphere 38 ha solo due prodotti che possono essere considerati concorrenti diretti. Riguardo invece alla lunghezza e alla tipologia di imbarcazione ovverosia il segmento degli open a motore troviamo altre quattro società che operano attualmente. Indichiamo di seguito l analisi effettuata dalla Canelli Yachts dei punti di forza e di debolezza dei concorrenti, prenderemo in considerazione i due concorrenti diretti e i quattro concorrenti che si avvicinano al prodotto Atmosphere 38: 1) Fjord Boats è già stato analizzato tra i concorrenti dell Atmosphere 35 e con il Fjord 40 si pone in concorrenza diretta con l Atmosphere 38. Punti di forza: società industrializzata e ben capitalizzata brand alquanto affermato network di rivenditori altamente qualificato Punti di debolezza: prodotti costosi (Fjord 40 parte da ) necessità di potenti motorizzazioni e consumi importanti 2) Alenyacht è un produttore di imbarcazioni a motore in Turchia, ad Istanbul. Il Tender 42 può essere paragonato per funzionalità e design all Atmosphere 38 nonostante sia per dimensioni alquanto più grande. Punti di forza: imbarcazione di alta qualità gamma di prodotti per la fidelizzazione del cliente Punti di debolezza: brand poco conosciuto network di rivenditori estremamente limitato gamma di prodotti non coerente I concorrenti diretti dell Atmosphere 38 sono stati appena analizzati ma come abbiamo già accennato vi sono altri cantieri che per lunghezza di imbarcazione e per categoria (open a motore intorno agli 12 metri di l.f.t.) possono essere comunque considerati concorrenti. Nella seguente tabella possiamo fare un confronto fra i vari concorrenti. Cantiere Modello L.f.t. Larghezza Posti letto Carburante (litri) Motori Prezzo Alenyacht Tender 42 12,91 3, x Airon Marine Airon ,5 3, x Atlantis Verve 11,93 3, x Fjord Fjord 40 Open 11,99 3, x310 VP Mano Marine 38,50 sport 12,05 3, x Salpa 38,5 12,15 3, x320 MCM

14 Dalla tabella si evince quindi che Canelli Yachts si pone con l Atmosphere 38 su una fascia di prezzo molto al di sotto del Fjord 40 (che però monta motori più potenti) e dal Tender 42 di Alenyacht mentre è in linea con gli altri concorrenti che però non eccellono nella qualità di costruzione. La Canelli Yachts presenta quindi i seguenti punti di forza e di debolezza: Punti di forza: buon rapporto qualità/prezzo contatti già avviati per la commercializzazione design di prodotto innovativo Punti di debolezza: brand nuovo gamma da completare 2.7 I PREZZI Dalle precedenti tabelle e dalla concorrenza possiamo affermare che la Canelli Yachts, pur garantendo un elevato standard qualitativo, riesce a essere o in linea o addirittura inferiore ai prezzi di vendita dei concorrenti. Per l agente sono previste commissioni pari al 4% sul prezzo di vendita effettivo con un limite imposto per ciò che riguarda lo sconto da praticare al cliente finale pari al massimo del 10%. Per i concessionari invece vi è una commissione di partenza del 20% sul prezzo di listino che aumenta all incremento del numero di barche acquistate da ogni singolo concessionario: 1 barca 20% 2 barche 25% 3-4 barche 30% Sul prezzo di listino la prassi vuole che si faccia al cliente finale uno sconto intorno al 10% senza permute. Il concessionario ha quindi un margine che si aggira intorno al 10-20%. 3. IL MANAGEMENT, IL PERSONALE E LE STRUTTURE La società ha due soci fondatori, elencati di seguito, che hanno maturato una notevole esperienza nel mercato nautico sebbene in campi diversi: Dott. Edoardo Ceccarelli, Amministratore Unico: è stato export-manager per la Gagliotta Srl, direttore commerciale e marketing per la Grand Azur GMBH e export-manager per la Mustang Marine. Laureato in Scienze Politiche ha svolto un Master presso l Istituto Commercio Estero per l internazionalizzazione delle piccole e medie imprese. Lingue: inglese, francese, spagnolo, tedesco scolastico. Ing. Maurizio Marzocca, Responsabile Tecnico: cinque anni di esperienza come ingegnere presso Gagliotta Srl e fondatore della STC, società di consulenza ingegneristica in campo nautico e navale. Laureato in ingegneria navale. Il piano di sviluppo della Canelli Yachts sarà suddiviso in due momenti principali. I primi tre anni, la Canelli Yachts intende affidare la costruzione del prototipo dell Atmosphere 35 e del FishHook 35 nonché delle imbarcazioni successive conto terzi. Il cantiere costruttore è la società Letec di Ruggiero Sparice sita in Casoria (NA) in via Monviso 5. All interno del 14

15 cantiere la Canelli Yachts avrà in comodato d uso gratuito uno spazio dove poter dirigere i lavori. Il responsabile dei lavori sarà l Ing. Marzocca sotto la cui direzione la Letec avrà il compito di costruire i manufatti in vetroresina e di allestire le imbarcazioni, secondo le specifiche illustrate precedentemente. La responsabilità del rapporto con i fornitori di accessori e motori sarà invece direttamente della Canelli Yachts nella persona dell Ing. Marzocca. La scelta di operare conto terzi è dettata dall esigenza di produrre il prototipo in tempi brevi e con capacità produttive già consolidate. Cosa che sarebbe sicuramente più complessa ed onerosa se si dovesse avviare un cantiere ex-novo. Tuttavia, a partire dal quarto anno abbiamo previsto l affitto di un capannone in proprio (600/800mq) sempre in Campania pur mantenendo l impostazione produttiva iniziale cioè di costruire le imbarcazioni con squadre esterne specializzate nella produzione di manufatti in vetroresina e per l allestimento delle barche. La responsabilità della produzione sarà affidata sempre all Ing. Marzocca. Contiamo inoltre di poter assumere due figure professionali per poter affrontare meglio il mercato italiano ed estero, quindi un addetto commerciale che possa coadiuvare l Amministratore e una segretaria. Nel contempo, è previsto l affitto di un posto barca in un noto porto della Campania o del Lazio per poter mostrare e far provare le imbarcazioni a clienti e dealer. Il passaggio dalla produzione conto terzi ad una produzione interna pur affidandoci a società o squadre esterne per la vetroresina e l allestimento, è dettato dall esigenza di aver un maggiore controllo in un momento in cui contiamo di produrre un numero più elevato di imbarcazioni. Nei primi 12 mesi di attività, la Canelli Yachts avrà due dipendenti ovverosia l amministratore, Edoardo Ceccarelli, che si occuperà del commerciale e del marketing e il direttore dei lavori, l Ing. Maurizio Marzocca. La vetroresina delle imbarcazioni e l allestimento delle stesse saranno affidate a squadre esterne mentre gli acquisti e i rapporti con i fornitori saranno diretti dal direttore dei lavori. Riguardo alle garanzie sulle imbarcazioni, sia nei primi tre anni sia negli anni successivi, la Canelli yachts stipulerà contratti di fornitura riguardo alla vetroresina e all allestimento che prevedano la garanzia sui manufatti per 2 anni. Il cliente finale avrà quindi questa garanzia alla quale si aggiungono tutte le garanzie previste dai fornitori riguardo all accessoristica e ai motori. Le garanzie verranno espletate esclusivamente presso il cantiere costruttore. 3.1 IL PIANO DI MARKETING Se quello descritto è il piano di sviluppo della produzione, il piano di sviluppo commerciale della Canelli Yachts prevede un iniziale focalizzazione sulla creazione della rete di vendita all estero (canale distributivo) in particolare in Francia, Palma de Mallorca (dove soggiornano i tedeschi) in Croazia e a Malta. L obiettivo all estero è quello di trovare partner commerciali che possano generare vendite e al contempo affermare il marchio. D altra parte, occorre avere una base in ciascun paese in modo tale da studiare strategie condivise con chi ha più esperienza del mercato specifico. A livello promozionale, l obiettivo per i primi 12 mesi è quello di partecipare alla Salone Nautico di Cannes che si svolge a Settembre e dove si intercettano potenziali clienti da tutta Europa e non solo. In queste occasioni, il punto focale è costituito dalla ricerca di compratori ma soprattutto di partner locali che siano interessati alla promozione del prodotto nei rispettivi mercati. Negli anni successivi l impegno fieristico deve essere aumentato in modo da poter imporre il marchio su nuovi mercati e nuovi sbocchi A tal proposito risulta estremamente interessante il 15

16 Salone di Montecarlo (per la sezione tender), quello di Split (Croazia) e il Salone di Duesseldorf, uno dei più importanti al mondo che attira visitatori internazionali. Inoltre, è importante impostare una campagna pubblicitaria su riviste estere (in collaborazione con partner locali) e anche riviste italiane. In quest ultimo caso, le riviste più accreditate sono Barche (con cui l Amministratore ha già da anni ottimi rapporti), Vela e Motore e Motonautica. La strategia in questo caso prevede inoltre redazionali con la prova dell imbarcazione. Come già accennato vi sarà inoltre una intensa promozione attraverso il direct mail. La Canelli Yachts ha a disposizione un database clienti di oltre 3000 nominativi sia italiani che stranieri a cui verrano inviate , brochure e note informative sull attività del neocostituito cantiere. Inoltre, verranno utilizzati i social network per la promozione del prodotto, ovverosia facebook, twitter nonché i portali dedicati alle barche come mondialbroker e youboats.com. 16

17 4. IL MERCATO - CONSIDERAZIONI GENERALI Fino a tre anni fa il mercato nautico era considerato dagli investitori un mercato estremamente interessante che non conosceva crisi e che anzi ha attirato quelli che vengono definiti gli avventurieri della nautica. Con barriere d ingresso alquanto basse, il mercato ha attirato molti investitori che non conoscevano affatto il mercato e la sua realtà. La nautica ha quindi avuto un surplus di offerta per il proliferare di operatori inesperti e poco preparati. Tuttavia, la crisi economica di questi ultimi anni ha portato alla chiusura di un numero consistente di aziende nautiche prime fra tutte quelle che non avevano stabilito una reale strategia di espansione all estero. Questo è il punto focale su cui il management della Canelli Yachts fa affidamento. Il mercato estero è l obiettivo principale su cui lavorare, cercando comunque sbocchi anche in Italia ma solo nel medio-lungo termine. D altra parte, occorre considerare che la concorrenza italiana si è drasticamente ridotta e le start-up godono quindi di un vantaggio insperabile fino a solo pochi anni fa. Inoltre, il design italiano e l alta qualità associata alle imbarcazioni italiane è un vantaggio competitivo che difficilmente potrà essere annullato da produzioni provenienti dall estero. La Canelli Yachts intende quindi far leva sul design italiano e sulla qualità dei materiali impiegati, mantenendo un buon rapporto qualità/prezzo. Sulla base di questi tre elementi il management crede fermamente nella capacità di far fronte alla concorrenza e imporsi nel segmento degli open sotto i 10 metri di lunghezza, che risulta essere attualmente il segmento più attraente per il diportista. Infatti, le misure del Governo Monti in campo fiscale hanno ulteriormente aggravato la situazione ripristinando la c.d. tassa di stazionamento per tutte le imbarcazioni a vela e motore superiori o uguali ad una lunghezza scafo di 10 metri. Ciò ha determinato un aumento dell attrattiva delle imbarcazioni sotto i 10 metri. Sebbene la tassa di stazionamento sia stata abolita dal Governo Letta almeno per le imbarcazioni fino a 14 metri, il fatto che il l utente finale si stia dirigendo verso unità più piccole è dovuto anche ad un aumento nel costo del carburante. Una barca più piccola significa infatti minor costi di gestione e consumi di carburante ridotti. 4.1 IL MERCATO NAUTICO ITALIANO E INTERNAZIONALE - DATI Il mercato nautico italiano negli ultimi due anni ha risentito in modo estremamente marcato della crisi economica. Se infatti la produzione nazionale per il mercato nazionale in termini di fatturato è passata da del 2010 a del 2012, la produzione nazionale per il mercato estero ha avuto un decremento molto più contenuto passando da del 2010 a al Questi dati sono ancora meglio comprensibili se si fa riferimento alle importazioni italiane che sono crollate del 62,7% tra il 2011 e il 2012 mentre l export italiano ha subito solo una piccola battuta di arresto indicato da un saldo della bilancia commerciale del settore nautico ampiamente positivo anche nel 2012 e pari a (Fonte: UCINA - La Nautica in Cifre ) Ciò significa che il mercato italiano è stato quello più penalizzato dalla congiuntura economica negativa. La congiuntura negativa internazionale ha certamente colpito tutta l Europa, tuttavia le export italiane verso l UE costituiscono 1/3 delle export totali (dato del 2012). Significa 17

18 quindi che comunque le barche italiane hanno buoni sbocchi nell Unione Europea. Il primo paese europeo importatore del prodotto nautico made in Italy è la Francia con il 31,85% (su tot. UE), seguita dal Regno Unito con il 20,32% e da Malta con l 16,42% e poi Paesi Bassi, Spagna, Cipro e Germania (in termini di fatturato). Nel 2012, si confermano, rispetto al 2011, le esportazioni verso gli le Americhe pari al 48,22% del totale delle esportazioni. In questo continente i partner più importanti sono gli Stati Uniti, le Isole Vergini Britanniche, le Cayman e il nuovo mercato per eccellenza che è costituito dal Brasile. Dalle statistiche si ricava che l export italiano verso i paesi europei non UE, l Oceania, l Africa e i paesi asiatici ha una quota del 15% del totale delle export. Tuttavia, si sta assistendo ad una crescita evidente delle potenzialità delle economie del gruppo BRIC. Abbiamo già evidenziato la crescita dell export nautico verso il Brasile ma anche la Cina, l India e la Russia stanno diventando uno sbocco naturale per il design e la qualità delle imbarcazioni italiane. Tab Cantieristica italiana 2012 (valori in ) - Fonte Ucina - La nautica in cifre 2013 Anno Produzione nazionale per il mercato nazionale (a) Produzione nazionale per l export (b) Produzione nazionale (a+b) Importazioni (c) Saldo export-import Fatturato globale (a+b+c) Var% ,3% -29,6% -35,5% -62,7% -36,6% 5 ANALISI DELLA DOMANDA Per avere un analisi puntuale della domanda potenziale per i prodotti della Canelli Yachts dobbiamo valutare i segmenti. Analizzando la seguente tabella, vediamo che il segmento delle unità EB e EFB in cui rientrano le tre imbarcazioni della Canelli Yachts è il più interessante in termini di fatturato, tralasciando l analisi del segmento del fuoribordo in cui si inseriscono il FishHook 25 e il FishHook

19 Tab Le unità vendute 2012 in termini di fatturato - Fonte: La nautica in cifre 2013 Segmento Produzione per mercato nazionale (a) Produzione per mercato estero (b) Produzione nazionale (a+b) Import (c) Fatturato globale (a+b+c) Unità FB Unità EB e EFB Unità pneumatiche Unità a vela Unità minori (< 2,5 m) Totale Sulla base di queste tabelle possiamo quindi affermare che la Canelli Yachts si posiziona in un segmento che risulta essere il più interessante dal punto di vista della domanda potenziale ma anche dal punto di vista del fatturato globale. Dalla tabella seguente possiamo desumere i paesi dove le imbarcazioni EB e EFB trovano sbocco. Tab Export italiano per continente e per fatturato - Unità con EB e EFB Fonte: Ucina - La nautica in cifre 2013 (valori rettificati dic. 2012) Continente Unità esportate Valore in Euro Africa America Asia Oceania Paesi Unione Europea Altri paesi europei Totale Dalla tabella 1.3 possiamo individuare i due continenti che al momento sono più ricettivi riguardo ai nostri prodotti ovverosia l America e i paesi dell Unione Europea. Nel continente americano le esportazioni sono state concentrate negli Stati Uniti con 269 unità vendute e nelle Isole Vergini Britanniche. 19

20 Tab Export italiano nei Paesi U.E. - Unità con EB e EFB Fonte: Ucina - La nautica in cifre 2013 (valori rettificati dic. 2012) Paese Unità esportate Valore in Euro Austria Belgio Ceca Repubblica Cipro Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Grecia Irlanda Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Paesi Bassi Polonia Portogallo Regno Unito Romania Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Ungheria Totale I paesi dell Unione Europea costituiscono ancora un ottimo sbocco per il prodotto italiano. In particolare, la Francia, il Regno Unito e la Germania costituiscono i tre principali paesi seguiti dai Paesi Bassi e dall Austria (in termini di unità vendute). Riguardo ai paesi europei non U.E. occorre considerare la Svizzera con 103 unità vendute, la Croazia con 33 unità vendute e la Turchia con 39 unità vendute (cfr. tab 1.5). 20

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA IMPRESA

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche Allegato 2 Provincia di Viterbo Assessorato Formazione Professionale e Politiche per il lavoro Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche BUSINESS PLAN Denominazione Impresa: Data 1 Indice 1 La società

Dettagli

DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE

DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE UN OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO MODULO DI VALUTAZIONE DELLA NUOVA INIZIATIVA IMPRENDITORIALE PER ACCESSO AI SERVIZI DEGLI INCUBATORI DI IMPRESA DI: GROSSETO SCARLINO MASSA MARITTIMA

Dettagli

Tre diversi sistemi per proteggere l innovazione in Europa. Quale adottare?

Tre diversi sistemi per proteggere l innovazione in Europa. Quale adottare? 1 Tre diversi sistemi per proteggere l innovazione in Europa. Quale adottare? Roberto Dini Torino, 13 Maggio 2014 2 Brevetto Unitario e Tribunale Unificato dei Brevetti Regolamento(EU) No. 1257/2012 del

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1 Creditreform Italia 1 Creditreform in Europa Creditreform nata in Germania nel 1879 Servizi di Informazioni Commerciali, Recupero Crediti e Marketing 543.000.000 fatturato totale 170.000 clienti 200 sedi

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

La convenzione tra CONFAPI INDUSTRIA e Cribis D&B è nata per soddisfare le seguenti esigenze:

La convenzione tra CONFAPI INDUSTRIA e Cribis D&B è nata per soddisfare le seguenti esigenze: La convenzione tra CONFAPI INDUSTRIA e Cribis D&B è nata per soddisfare le seguenti esigenze: Report su aziende Italia - Estero Liste marketing Italia - Estero 1. Per le piccole imprese e i professionisti

Dettagli

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE parte riservata: CODICE data Alla Direzione Patrimonio Immobiliare Appalti Ufficio Acquisti richiedente struttura RITENUTE l inserimento Si chiede cortesemente di provvedere

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen.

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen. Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico Presentazione Franchising www.sargreen.com info@sargreen.com 1 Sommario Il Franchising... 2 Mission Franchising... 2 Il settore

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 Ricavi netti: +1,3% a 106,7 milioni di euro Ricavi netti dei primi nove mesi 2003: +2,6% a 384,5 milioni di euro In ottobre la crescita

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI Progettare l Internazionalizzazione d impresa COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI 20 21 ottobre 2009 Principali incentivi per l internazionalizzazione: PROGRAMMI DI PENETRAZIONE COMMERCIALE ALL'ESTERO

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

Questionario sui fabbisogni. di servizi per l internazionalizzazione delle aziende

Questionario sui fabbisogni. di servizi per l internazionalizzazione delle aziende Via Valentini, 14-59100 Prato tel. 0574 4551 - fax 0574 604595 www.ui.prato.it e-mail: uip@ui.prato.it Questionario sui fabbisogni di servizi per l internazionalizzazione delle aziende L IMPRESA E I MERCATI

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014.

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014. Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php Dati di maggio 2014. Questo articolo presenta gli sviluppi che hanno avuto

Dettagli

STRATEGIE COMMERCIALI

STRATEGIE COMMERCIALI STRATEGIE COMMERCIALI Le differenti strategie tra Mercato Italia e Estero di Michele Ghibellini ORIGINI AZIENDA Fondate nel 1948 da Airaghi Ezio con l obiettivo di progettare e produrre macchine e ricambi

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

Export Development Export Development

Export Development Export Development SERVICE PROFILE 2014 Chi siamo L attuale scenario economico nazionale impone alle imprese la necessità di valutare le opportunità di mercato offerte dai mercati internazionali. Sebbene una strategia commerciale

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE 2016 PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE KING HOLIDAYS C È 2 AMBIZIONE nel desiderio di soddisfare le agenzie di viaggi e i loro clienti FORZA risultato di un duro allenamento nel turismo ESPERIENZA da 24 anni

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI?

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? INFORMAZIONI SULL AZIENDA Pagina 1 1. Dimensione del fatturato in euro (con riferimento al Bilancio 2013) Fino a 2 milioni di euro di fatturato Oltre 2 milioni e fino

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA.

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. I rincari del carburante non rappresentano più una sorpresa per gli automobilisti italiani. I prezzi della

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Che cos è l impresa simulata?

Che cos è l impresa simulata? Che cos è l impresa simulata? E una metodologia didattica che intende riprodurre all interno di un corso di studi il concreto modo di operare di un azienda negli aspetti che riguardano: l organizzazione

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI E SERVIZI A SOSTEGNO DELLA NASCITA DI NUOVE REALTÀ IMPRENDITORIALI O DI AUTO IMPIEGO IN FAVORE DI GIOVANI STRANIERI CITTADINI DI PAESI NON APPARTENENTI ALL UNIONE EUROPEA

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff:

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff: BUSINESS PLAN SOCIETA XYZ Maggio 2014 Aprile 2017 A. ASPIRAZIONI, SETTORE, STRATEGIE E OPPORTUNITA La società ha sede nella città di Scutari, in Albania ed opera nel settore calzaturiero, nello specifico

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ALLEGATO A ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ACCESSO ALL INCUBATORE DI IMPRESE START FORMULARIO DI PRESENTAZIONE

Dettagli

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE Alessandro Russo Università degli studi di Catania Corso di Economia e Gestione delle Imprese IL RUOLO DEL MANAGER FINANZIARIO Ruolo del manager finanziario quale intermediario

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

BUSINESS PLAN 2010. NO Royalties, NO Fee D Ingresso

BUSINESS PLAN 2010. NO Royalties, NO Fee D Ingresso BUSINESS PLAN 2010 NO Royalties, NO Fee D Ingresso Negli ultimi due anni l offerta della distribuzione automatica ha fatto registrare una crescita a doppia cifra, anche nello scenario attuale che vede

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

FONDO UNICO REGIONALE DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI GARANZIA REGIONALE PER LE PMI

FONDO UNICO REGIONALE DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI GARANZIA REGIONALE PER LE PMI UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 Asse VII Sistemi Produttivi Obiettivo Specifico 7.1 Obiettivo Operativo 7.1.3 Linea di Intervento 7.1.3.1 Migliorare le condizioni

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio?

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio? Copyright 2008 The Companies srl Capitolo 5 Il conto economico e la misurazione dei costi Problemi Problema 5-1 Ace SpA opera in un economia con alti livelli inflazionistici. Il 1 gennaio l indice dei

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA. Tema di: ECONOMIA AZIENDALE

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA. Tema di: ECONOMIA AZIENDALE BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA Anno 1999 CORSO SPERIMENTALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La riduzione dei tassi di interesse e l avanzamento

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Ci sono tecnologie più evolute per non perdersi.

Ci sono tecnologie più evolute per non perdersi. Ci sono tecnologie più evolute per non perdersi. È il momento di aggiornare il tuo sistema di navigazione Audi. Gamma A7 Sportback. Ciclo combinato: consumo di carburante (l/100 km): 5,1-8,2; emissioni

Dettagli

Il Business Plan. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli

Il Business Plan. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli STRATEGIA AZIENDALE MARKETING ANALITICO Il Business Plan Una sintesi finale Piano di marketing per il prodotto

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

Ipotesi su ulteriori costi relativi alla produzione ed alla gestione dell'azienda in generale

Ipotesi su ulteriori costi relativi alla produzione ed alla gestione dell'azienda in generale Presentare i budget settoriali, il budget economico ed il budget patrimoniale della azienda Alfa spa, impresa industriale, che si è costituita per produrre e vendere il prodotto X. con riferimento all'anno

Dettagli