1.1 IL PROGETTO L AZIENDA E LA SUA STORIA I PRODOTTI LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA IPOTESI ASSUNTE 14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1 IL PROGETTO...4 1.2 L AZIENDA E LA SUA STORIA. 8 1.3 I PRODOTTI. 10 1.4 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 13 2.1 IPOTESI ASSUNTE 14"

Transcript

1 Business plan e Piano industriale Bilanci Previsionali Analisi effettuata nel mese di gennaio 2013 a cura dello Studio Commerciale Dott. Alberto Rossi C.so Magenta n. 95 Rimini (RN)

2 SOMMARIO NO DISCLOSURE E DISCLAIMER 3 1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO IL PROGETTO L AZIENDA E LA SUA STORIA I PRODOTTI LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA LE IPOTESI ASSUNTE IPOTESI ASSUNTE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI ANALISI ECONOMICA ANALISI PATRIMONIALE ANALISI FINANZIARIA CONCLUSIONI 34 ALLEGATI 36 BILANCI PREVISIONALI Conto economico previsionale analitico Stato patrimoniale previsionale analitico Budget di cassa mensile Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 2

3 NO DISCLOSURE E DISCLAIMER Nel ricevere questo documento, vi impegnate a mantenere e garantire la massima riservatezza sulle informazioni ivi contenute, e su quelle di cui verrete a conoscenza, anche solo verbalmente, nel corso di eventuali ulteriori indagini e/o incontri, nonchè a restituire immediatamente, su richiesta del First Plus srl, tutto il materiale ricevuto senza trattenere alcuna copia. Questo documento non dovrà essere fotocopiato, riprodotto o distribuito, per intero o in parte, né citato in documenti ufficiali, senza il preventivo consenso scritto del First Plus srl. Il presente Business plan è stato redatto secondo ipotesi, dati e indicazioni formulate e fornite dai titolari del First Plus srl, alla luce delle informazioni note, della situazione in essere e di quanto poteva essere ragionevolmente supposto, al momento della sua stesura. Si precisa che, in conformità con l incarico ricevuto, tali informazioni sono state assunte dai materiali redattori acriticamente, ovvero senza svolgere alcun controllo in merito alla correttezza, completezza e validazione dei dati e informazioni ricevute. Sebbene siano state adottate tutte le necessarie cautele per un accurata e diligente stesura dei dati e delle analisi contenute nel presente documento, né First Plus srl, né i materiali redattori, si assumono alcuna responsabilità sulla correttezza, completezza e validità dei dati evidenziati e delle proiezioni formulate, né sulla completezza del presente documento, e non forniscono alcuna garanzia, espressa o implicita, in ordine alle informazioni in esso contenute., Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 3

4 1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO 1.1 Il Progetto La First Plus srl attualmente svolge la propria attività in locali assunti in locazione, aventi una superficie complessiva di circa 500 mq, tra uffici e magazzini. Il forte sviluppo che la società ha avuto negli ultimi anni, hanno determinato volumi operativi e di fatturato che hanno completamente saturato gli attuali spazi fisici a disposizione dell azienda. Pertanto, per poter mantenere anche i futuro gli alti tassi di crescita aziendale che si stanno registrando anche nel 2011, è necessario dotarsi di una sede molto più ampia, avente una superficie di almeno quadri. Per tale ragione, la strategia aziendale prevede di trasferirsi, possibilmente entro il , in locali idonei a supportarne la crescita e più adeguati alla dimensione raggiunta dall azienda. Il presente Business Plan, quindi, è stato redatto al fine di rappresentare l evoluzione della First Plus srl nei prossimi anni, alla luce delle linee strategiche di sviluppo aziendale previste per il futuro, incluso il trasferimento in una nuova sede sociale ed operativa. La nuova sede consentirà non solo di ottimizzare l efficienza dei vari reparti aziendali, ma di avere a disposizione spazi molto più ampi da adibire a magazzino. Ciò consentirà, in particolare, di allargare ulteriormente la gamma delle categorie merceologiche offerte (ad esempio il comparto alimentare biologico e naturale), sfruttando ancora meglio le potenzialità del proprio marchio. Più in dettaglio, il progetto aziendale prevede di acquistare entro il mese di settembre 2011 un immobile già esistente, e di ristrutturarlo per adeguarlo alle esigenze e finalità aziendali. I lavori potrebbero essere terminati entro il mese di giugno Il trasferimento nella nuova sede sociale, pertanto, avverrebbe con decorrenza luglio Tuttavia, per tutto il 2012 si è preferito prevedere di non rilasciare gli attuali locali, in modo da gestire con più gradualità il trasloco. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 4

5 L investimento riguarderà anche il nuovo arredamento, attrezzature per il magazzino, e un ulteriore ammodernamento delle apparecchiature elettroniche. Con la nuova sede la First Plus srl avrà a disposizione complessivamente mq , così divisi: - uffici per mq. 400; - magazzino per mq Il costo complessivo di acquisto dell immobile e delle successive opere di ristrutturazione è stato stimato in circa iva (incluso spese direzione lavori). Le spese di trasloco sono state quantificate in circa iva. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 5

6 Per finanziare tutto quanto sopra previsto, il progetto prevede il ricorso alle seguenti fonti finanziarie: - operazione di leasing immobiliare: importo di , durata diciotto anni, tasso 4,75 %, maxi-canone del 10% da erogarsi nel mese di settembre 2011, contestualmente all acquisto dell immobile da ristrutturare; riscatto del 10%; i canoni mensili decorreranno dal , data in cui la nuova sede diverrà operativa. A partire da settembre 2011 e sino al la società di leasing effettuerà il pagamento di acconti alla società che gestirà la ristrutturazione, in base ai SAL, che sono stati ripartiti in ugual misura nei vari mesi; negli allegati bilanci previsionali, gli oneri finanziari relativi a tale pre-finanziamento, quantificati al tasso del 4,75%, sono stati inseriti alla voce Altri oneri finanziari. Pertanto, dal mese di gennaio 2013 verrà eliminato l attuale canone di locazione di circa annui. Il First Plus srl si appresta anche a realizzare un progetto di riorganizzazione della propria situazione finanziaria e dell esposizione a breve verso il sistema bancario. In particolare: - tra settembre e ottobre 2011, accensione di un mutuo di della durata di 12 anni (di cui i primi due di preammortamento), al tasso del 5,50%, garantito da ipoteche su beni personali dei soci; - contestuale chiusura di alcuni affidamenti a breve; Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 6

7 - conseguenziale rilascio di alcune controgaranzie prestate sia dalla società ( ) che da parte dei Soci ( ); - aumento del capitale sociale per , pari proprio alle controgaranzie liberatesi in capo ai Soci; tale aumento si aggiunge a quello già già effettuato in data Le suddette operazioni determineranno un netto rafforzamento patrimoniale della Società e un profondo riequilibrio della situazione finanziaria, come verrà meglio illustrato nel Capitolo 3. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 7

8 1.2 L azienda e la sua storia La First Plus srl nasce nel 1984 come realtà tra le più importanti strutture industriali del proprio settore. L'esperienza maturata nei 20 anni di attività, congiunta a continui interventi di innovazione tecnologica degli impianti e dei sistemi produttivi, ha consentito di raggiungere elevati standard qualitativi e produttivi, tale da rendere il prodotto leader del settore. Nel 2006 si decide di trasformare la società da Snc in Srl ma rimane sempre a conduzione famigliare. La First Plus srl coltiva le tradizioni e gli antichi sapori della meravigliosa terra emiliana, e grazie ai brillanti risultati ed obbiettivi aziendali raggiunti negli anni, ha esteso l'attività di produzione anche nella zona di Parma. Forte delle tradizioni ed esperienze relative alla lavorazione artigianale, riesce a trasmettere ad ogni suo prodotto quelle proprietà tipiche delle zone dei colli emiliani come ad esempio: gli aromi, i sapori, il colore, il gusto, la dolcezza, il profumo e la fragranza. La potenzialità produttiva annuale è di circa kg. pari a prodotti. soci: La società ha al momento un capitale di , detenuto dai seguenti - Signor Alfa, quota del 75% - Signor Beta, quota del 25% Oltre al suddetto capitale sociale, il patrimonio netto è composto da finanziamenti soci vincolati a futuro aumento del capitale sociale, per , e riserve per , per un totale di Pertanto, dopo che sarà stato effettuato l aumento di capitale sociale di , a seguito del rilascio delle controgaranzie, il patrimonio netto salirà a Il Consiglio di Amministrazione è invece così composto: - Signor Carlo Bianchi - Presidente - Signor Mario Verdi Consigliere - Signora Carla Brambilla - Consigliere Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 8

9 Nella successiva tabella sono state sintetizzate alcune macro-grandezze economiche e patrimoniali della società. 31/12/ /12/ /12/2010 Vendite Reddito operativo ROI 5,16% 2,83% 3,84% Capitale sociale Capitale netto Capitale investito Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 9

10 1.3 I prodotti Nel settore in cui opera la società, il bacino di approvvigionamento è dato da un 35/40% di prodotto locale che viene stockato nelle celle frigorifere societarie. Per il rimanente 60/65% del prodotto viene importato direttamente dalla Francia, in quanto il rapporto qualità/prezzo è più conveniente. Nel corso degli anni la struttura produttiva è stata più volte potenziata ed ammodernata. Nel 1995 viene costruito un nuovo impianto per aumentare notevolmente i volumi produttivi. Nel 2001 si procede nuovamente all ampliamento della sede, costruendo un nuovo magazzino di lavorazione con annesse celle frigorifere di stoccaggio. Tutto ciò permetterà alla società di poter incrementare notevolmente il volume d affari. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 10

11 First Plus srl dedica costantemente tempo ed ingenti investimenti per essere all avanguardia nelle nuove tecnologie. L acquisto e l utilizzo di nuovi macchinari permettono una produzione completamente automatizzata ed un controllo sull intero processo produttivo, riuscendo a garantire ai clienti prodotti altamente affidabili. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 11

12 L azienda oggi esporta all estero l ottanta per cento della propria produzione, guadagnando un posto di spicco tra i grandi produttori mondiali. Filiali nel Mondo Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 12

13 1.4 La struttura organizzativa Come illustrato nel seguente diagramma, gli acquisti delle materie prime e degli accessori, oltre al coordinamento ed al marketing, vengono svolti direttamente all interno della società; la produzione, il controllo di qualità e la distribuzione vengono eseguiti in outsourcing, ma comunque sempre sotto la continua ed attenta supervisione del management. ORGANIGRAMMA Questo, invece, è l organigramma aziendale: Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 13

14 2. LE IPOTESI ASSUNTE In questo Capitolo vengono illustrate le ipotesi che sono state assunte ai fini dello sviluppo dei bilanci previsionali. Ciò consentirà al lettore di effettuare un attenta analisi critica di tutto quanto è stato supposto nella costruzione degli Piani economico-finanziari. Ricavi E stato prudentemente previsto un consolidamento degli attuali volumi operativi, prevedendo un aumento di fatturato del 5% nei primi tre esercizi, del 3% e del 2% in quelli successivi. Tali incrementi includono anche l effetto dell aumento dei prezzi. Anni Storico Tipo Mix P r o d u z i o n e b e n i Fatturato previsionale (Valori espressi in Euro) Previsionali Var./Mix % 5 % / 9 9 % Var./Mix % / 9 9 % Var./Mix % / 9 9 % Var./Mix % / 9 9 % Var./Mix % / 9 9 % L a v o r a z i o n i c / t e r z i 0 % 5 % / 0 % 5 % / 0 % 5 % / 0 % 3 % / 0 % 2 % / 0 % Totale , 0 0 % , 9 9 % , 9 9 % , 9 9 % , 9 9 % Ai fini finanziari, sono state applicate le attuali condizioni di incasso. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 14

15 Acquisti e Consumi Ai fini della costruzione del Budget degli Acquisti e dei Consumi, si è fatto sostanziale riferimento alle attuali percentuali di ricarico. E stato tuttavia tenuto conto che la forbice ricavi/costi possa risentire delle turbolenze che caratterizzano alcune commoditys. Ai fini finanziari, sono state applicate le attuali condizioni contrattuali di pagamento. Scorte di magazzino I decisi aumenti di fatturato previsti anche nei prossimi esercizi, determineranno un aumento delle scorte, la cui stima è illustrata nella tabella successiva. Si consideri, che l assortimento e disponibilità del prodotto sono tra i primari fattori critici di successo nel settore. In tal senso, occorre segnalare che la First Plus srl può contare su numerosi importanti contratti di merci in c/ vendita. In tal modo, i prodotti in magazzino a disposizione della società sono molto superiori a quelli che risultano dalla sola lettura dei volumi di scorte riferite alle merci acquistate. Scorte di magazzino Tipologia Anni (Valori espressi in Euro) Storico Previsionali In tale modo, da una parte è garantito un forte assortimento di prodotti, ma dall altra parte ciò non si riflette in assorbimento della liquidità aziendale. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 15

16 Peraltro si segnala che le condizioni con cui la società acquista i propri prodotti, prevedono il reso dell invenduto, senza limiti di tempo né di quantità. Pertanto, ciò ripara la società dai rischi di obsolescenza del magazzino. Il Costo del lavoro E stato previsto un adeguato incremento dell organico, coerentemente con i programmi di sviluppo operativi della società. Dettaglio Risorse Umane Dirigenti Impiegati Operai Totale Le assunzioni riguarderanno sia il reparto amministrativo, ma soprattutto quello produttivo. Costo del lavoro (Valori in Euro) (Incluso T.f.r.) Storico Previsionali Impiegati Operai Totale Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 16

17 Altri costi di produzione Non sono state previste significative variazioni rispetto allo scorso esercizio, a parte un calo dei costi energetici per via del loro attuale andamento sui mercati. Il dettaglio completo dei costi previsti è disponibile nel Conto economico analitico allegato alla presente relazione. Costi commerciali Non sono state previste significative variazioni rispetto allo scorso esercizio. Nella tabella seguente si evidenziano i principali costi. Il dettaglio completo dei costi previsti è disponibile nel Conto economico analitico allegato alla presente relazione. Altri Costi Commerciali Tipologia Anni (Valori espressi in Euro) Storico Previsionali P r o v v i g i o n i P u b b l i c i t a ' e S p o n s o r i z z a z i o n i M o s t r e, F i e r e e C o n v e g n i P u b b l i c i t a v a r i e P u b b l i c i t à s i t o M o s t r e, F i e r e e C o n v e g n i T r a s p o r t i I t a l i a B u o n i o m a g g i o S p e s e p r o m o z i o n Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 17

18 Altri costi e Spese generali La tabella che segue riepiloga i principali costi amministrativi e generali. Non sono state previste significative variazioni rispetto allo scorso esercizio. Il dettaglio completo dei costi previsti è disponibile nel Conto economico analitico allegato alla presente relazione. Tipologia Principali Costi di struttura e Spese Generali Anni Storico (Valori espressi in Euro) Previsionali O n e r i c a r t e c r e d i t o L o c a z i o n i, A f f i t t i e N o l i S p e s e e l a b o r a z i o n e d a t i S p e s e i m b a l l i F o r m a z i o n e p e r s G e s t i o n e s i t o Il Piano degli Investimenti La tabella che segue riepiloga gli investimenti per i quali si prevede l acquisto diretto, senza ricorrere, cioè, a contratti di leasing. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 18

19 Piano degli Investimenti (Valori espressi in Euro) % Amm.to C O S T R U Z I O N I L E G G E R E I M P I A N T I V A R I E A T T R E Z Z A T U R E A R R E D I E M O B I L I M A C C H I N E E L E T T R O N M E Z Z I T R A S P O R T O M A N U T. B E N I D I T E R Z I S O F TW A R E Totale A ciò si aggiungono i contratti di leasing attualmente in essere, che sono ovviamente stati previsti sia nei piani economici che in quelli finanziari: il costo complessivamente imputato a ciascun esercizio (canoni + quota del maxicanone) è indicato nel Conto economico analitico allegato in fondo alla presente relazione. Piano dei Leasing* (Valori espressi in Euro) % Amm.to Totale *incluso la quota annua di competenza del maxi-canone Si ricorda che i principali contratti sono quelli che si riferiscono all acquisto dell immobile, i cui canoni annui variano dai del 2011 ai del Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 19

20 E stata anche prevista l acquisizione di un autovettura a giugno 2012, costo di , con leasing della durata di 48 mesi. Aspetti finanziari e fiscali Ai fini dell elaborazione del budget di cassa mensile e del piano finanziario, allegati in fondo alla presente relazione, oltre alla dinamica degli incassi e pagamenti relativi ai costi e ricavi d esercizio, ed al pagamento dei canoni di leasing, sono state anche previste le seguenti operazioni: - nel mese di ottobre 2011, è stata prevista l accensione di un mutuo di della durata di 12 anni (di cui i primi due di preammortamento), al tasso del 5,50%, garantito da ipoteche su beni personali dei soci; - contestuale chiusura di alcuni affidamenti a breve; - conseguenziale rilascio di alcune controgaranzie prestate sia dalla società ( ) che da parte dei Soci ( ); - aumento del capitale sociale per , pari proprio alle controgaranzie liberatesi in capo ai Soci; tale aumento si aggiunge a quello già già effettuato in data Si precisa che nel corso del 2011 non sono state pagate i canoni di leasing immobiliari per un importo, alla data di stesura della presente relazione, di circa E stato però previsto un graduale piano di pagamento, così strutturato: - Luglio Settembre Ottobre Tutto il saldo è stato previsto entro il mese di dicembre Nel corso del 2011, grazie all effetto delle suddette operazioni, è stato previsto il pagamento di debiti di fornitura pregressi scaduti e che risultavano impagati al Si precisa che i risultati d esercizio esposti nei bilanci previsionali sono già al netto di Ires e Irap, calcolata in misura intera. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 20

21 Ai fini iva è stata considerata l aliquota del 10% sulle vendite e quella media di circa il 11,30% sugli acquisti. I crediti iva che annualmente si generano, sono stati portati in compensazione nell anno successivo. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 21

22 3. ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI Nel presente capitolo verranno illustrati i bilanci previsionali frutto delle ipotesi descritte nel Capitolo 2. I risultati economico-finanziari ottenuti saranno accuratamente analizzati attraverso i più moderni sistemi di analisi e diagnosi economico-finanziaria allo scopo di pervenire ad un giudizio sulla fattibilità e convenienza del progetto. Per far ciò si farà ricorso alle seguenti tecniche: analisi di composizione percentuale applicate agli schemi riclassificati del Conto economico e dello Stato patrimoniale; analisi per indici; analisi per flussi. Questo metodologie sono perfettamente complementari tra loro, integrando analisi di tipo statico con altre di tipo più dinamico. Gli aspetti che verranno esaminati sono riconducibili a tre macrocategorie: analisi della solidità aziendale, ovvero accertamento del grado di equilibrio che caratterizza l assetto patrimoniale in termini di corretto e fisiologico rapporto tra Impieghi (Attività) e Fonti (Passività e Capitale netto), e del grado di dipendenza finanziaria da fonti esterne; analisi della solvibilità aziendale, cioè esame della situazione finanziaria corrente e verifica del corretto ed equilibrato rapporto tra entrate e uscite monetarie a breve; analisi della gestione reddituale, cioè del grado di redditività complessiva e indagine sui fattori che la determinano. I principali indici di bilancio che verranno illustrati nelle successive tabelle, saranno commentati anche attraverso frecce colorate aventi il seguente significato: - freccia rossa: il valore dell indice è squilibrato; - freccia gialla: il valore dell indice è insufficiente; - freccia verde: il valore dell indice è positivo. La direzione della freccia, inoltre, indica il trend dell indice nei vari anni esaminati: - freccia su: trend positivo; - freccia giù: trend negativo; - freccia orizzontale: indice costante. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 22

23 3.1 Analisi Economica Le seguenti indagini sono finalizzate a valutare l attitudine dell azienda a remunerare in misura congrua sia il capitale proprio che le fonti esterne di finanziamento. Nella tabella che segue vengono sintetizzati i Piani economici ottenuti. Conto economico (Valori espressi in Euro) An n i Storico Previsionali C. E R i c a vi o p e ra t i vi netti V a r. Rim. Pr o dotti e Sem il A c quis ti P ro dotto fi ni to L a v o ri i n Economia V a l o re de l la P ro d uz ione V a r. Rim. Me r c i / Ma t. Pr i m e A c quis ti Me r c i / Ma t. P rim e C o s ti v ari p e r S ervizi L a v o ra z i oni Estern e V a l o re Ag g i unto C o s to l a v o ro M. O.L A m m o r tam enti mate r iali A m m o r tam enti immate ri a li A c c a ntonam enti R i s u ltato O pe r a ti vo O n e r i Fi n anziari P r o v e nti F inanziari G e s ti one Stra o rd inari a G e s ti one n on o p erati v a I m pos t e R i s u ltato N etto L analisi effettuata si riferisce ai bilanci relativi agli esercizi 2010/2015 e conferma che la redditività della società si attesta su livelli sicuramente discreti. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 23

24 Si tenga infatti presente, che nel Conto economico di ciascun anno sono stati considerati canoni di leasing immobiliare che variano dai del 2011 ai del L altalenanza dei redditi è proprio dovuto al progressivo aumento di tali canoni di leasing. Si ricorda, che tali utili sono già al netto dei canoni di leasing sull immobile, ed anche netto della fiscalità determinata applicando le vigenti aliquote ordinarie Ires e Irap. Per una migliore lettura dei risultati ottenuti, è bene fare ricorso ai principali indicatori di analisi economica, che vengono riepilogati nella tabella successiva. Indicatori di redditività INDICI ANNI Storico Previsionali Trend Reddito Netto ROE Reddito Netto/Mezzi Propri 4,44% 6,05% 14,64% 10,87% 9,53% 8,94% Reddito Operativo ROI Reddito Operat./Capit. Invest. ROS Reddito Operat./Fatturato N. Turnover Capitale Investito Fatturato/Capitale Investito ROD (return on debts) Oneri Finanz./Capitale Terzi Incidenza Consumi su Fatturato Incid. Costo lavoro/fatturato 3,45% 4,58% 5,84% 5,02% 4,77% 4,72% 3,98% 4,52% 5,48% 4,67% 4,41% 4,34% 0,86 1,01 1,06 1,07 1,08 1,08 3,75% 3,00% 1,26% 1,28% 1,24% 1,11% 72,31% 77,70% 78,07% 77,88% 77,79% 77,61% 6,25% 5,67% 5,47% 5,41% 5,44% 5,54% Oneri Finanz.N./Valore Pr. 3,13% 2,09% 0,73% 0,71% 0,64% 0,52% Quasi tutti gli indicatori assumono valori discreti. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 24

25 Nella tabella successiva il ROE viene scomposto nelle sue princiapli componenti. R.O.E. ROS TURNOVER LEVERAGE GEST.STR.- RO Fatturato Fatturato Cap. Inv. Cap. Inv Cap.Netto FI N. Ris. Lordo RO GEST. FI SC. RN Ris.Lordo 2010=4,44% 3,98% 0,86 8,64 0,10 1, =6,05% 4,52% 1,01 4,57 0,48 0, =14,64% 5,48% 1,06 4,13 0,84 0, =10,87% 4,67% 1,07 3,84 0,81 0, =9,53% 4,41% 1,08 3,53 0,82 0, =8,94% 4,34% 1,08 3,25 0,84 0,62 Il Roe attuale è determinato da un buon ROS (marginalità sulle vendite), con un effetto leva discreto e mitigato dall incidenza degli oneri finanziari. Successivamente all operazione in argomento, l effetto leva ritorna su valori ottimali e così anche l assorbimento del reddito operativo da parte di componenti extra-caratteristiche. La tabella successiva riguarda la stima degli oneri finanziari previsti nei futuri esercizi. Dettaglio Oneri finanziari Euro/ A breve A M/L Totale Sono evidenti i benefici che deriveranno dalla riorganizzazione finanziaria che si sta per attuare. L incidenza degli oneri finanziari sul fatturato passa dal 3,13% del 2010, all 1,03% prevista già nel Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 25

26 Analisi Patrimoniale. Scopo della presente analisi, è quello di segnalare se sussistono le condizioni fondamentali di equilibrio finanziario dell impresa: l omogeneità tra la natura del capitale investito e quella delle fonti di finanziamento utilizzate; l esistenza di equilibrio tra l entità del capitale netto e quella dei capitale di terzi; un equilibrato rapporto tra capitale di terzi oneroso e non oneroso. Nella tabella successiva viene riassunta la struttura del Capitale investito della Società, e delle relative fonti di finanziamento, ottenuta riclassificando i bilanci previsionali. Stato Patrimoniale (Valori espressi in Euro) An n i Storico Previsionali S. P Liquidità Finanziarie Clienti e Crediti diversi Risconti attivi Magazzino ATTIVO CORRENTE I mmobil. Materiali Fondi Ammortamento I mmobil. Immateriali I mmobil. Finanziarie ATTIVO FISSO CAPITALE INVESTITO Debiti finanz. a breve Fornitori e Debiti div PASSIVO CORRENTE Debiti Finanziari a ML Altri debiti a ML PASSIVO CONSOLIDATO MEZZI PROPRI Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 26

1.1 IL PROGETTO...4 1.2 L AZIENDA E LA SUA STORIA. 8 1.3 I PRODOTTI. 10 1.4 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 13 2.1 IPOTESI ASSUNTE 14

1.1 IL PROGETTO...4 1.2 L AZIENDA E LA SUA STORIA. 8 1.3 I PRODOTTI. 10 1.4 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 13 2.1 IPOTESI ASSUNTE 14 Business plan e Piano industriale Bilanci Previsionali 2011 2015 Analisi effettuata nel mese di gennaio 2011 a cura dello Studio Commerciale Dott. Alberto Rossi C.so Magenta n. 95 Rimini (RN) SOMMARIO

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto Report Analitico RICLASSIFICAZIONI - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto PROFILI DI ANALISI PER INDICI - A) Analisi dello sviluppo, dei

Dettagli

Il bilancio per non addetti

Il bilancio per non addetti Il bilancio per non addetti Analisi di bilancio Relazione del Dr. Luca De Stefani info@studiodestefani.com Analisi di bilancio Il bilancio d esercizio non Å sufficiente ad esprimere tutte le informazioni

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Premessa Il caso dell impresa ALFA S.R.L.

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Riclassificazione del bilancio

Riclassificazione del bilancio Riclassificazione del bilancio 02 2015-2016 Vedere sussidio didattico sul bilancio SIGNIFICATO DI RICLASSIFICAZIONE DEI DOCUMENTI DEL BILANCIO raggruppare i valori presenti nei documenti di bilancio in

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Riclassificazione del bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio RAGIONI DELLA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE raggruppare i valori delle attività e delle passività in poche

Dettagli

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA DATI CONOSCITIVI RILEVATI FONTE INFORMATIVA VALORI CONSIDERATI ( valutati con prudenza) forma giuridica S.r.L. macchinari ( linea completa di produzione ) 6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA -http://italian.alibaba.com

Dettagli

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVITA : RAGGRUPPARE GLI ELEMENTI ATTIVI DEL CAPITALE IN RELAZIONE ALLA LORO ATTITUDINE A PROCURARE MEZZI DI PAGAMENTO, ATTRAVERSO LA

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Impianti e Macchinari 3.043 Attrezzature industriali 1.500 Automezzi 2.900 Fabbricati Industriali Mobili e Arredi 12.900 2.000 22.343

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1 ANALISI DI BILANCIO Consiste nell analisi dei risultati aziendali mediante indici costruiti sulle informazioni contenute nel bilancio. Include indici di struttura finanziaria e indici di redditività. Riclassificazione

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Michele Pisani La redazione del bilancio preventivo modulo 4 Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Le macro-fasi di redazione del preventivo operazioni

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

La dinamica finanziaria

La dinamica finanziaria La dinamica finanziaria Analisi del bilancio per flussi. Il rendiconto finanziario Esame della dinamica finanziaria: finalità Valutare la capacita dell impresa di generare flussi finanziari e di adattare

Dettagli

Cash flow e capacità di rimborso

Cash flow e capacità di rimborso Cash flow e capacità di rimborso Descrizione 1. I fabbisogni finanziari I fabbisogni finanziari di una azienda sono determinati da: incremento delle attività; decremento delle passività. Appartiene alla

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Le analisi di bilancio

Le analisi di bilancio Le analisi di bilancio Salvatore Loprevite Dott. Salvatore Loprevite 1 Sommario 1) I principi generali di riclassificazione del Conto Economico: le aree della gestione aziendale e le configurazioni parziali

Dettagli

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30%

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30% Aspetto finanziario Aspetto economico Grado Grado di di indebitamento indebitamento Cap. Cap. Investito Investito Patr. Patr.. Netto Netto Indice Indice di di redditività redditività operativa operativa

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

EQUILIBRI DI GESTIONE

EQUILIBRI DI GESTIONE EQUILIBRI DI GESTIONE MAPPA DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI Gestione caratteristica Equilibrio economico Gestione extra-caratteristica costi ricavi oneri proventi di lungo periodo fonti impieghi Equilibrio

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Analisi di bilancio per indici di Lucia BARALE Materie: Economia aziendale (Classe 5 a IGEA) La verifica consente di valutare le conoscenze e le abilità acquisite dagli studenti sulla

Dettagli

Bilancio di esercizio

Bilancio di esercizio Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Contabilità direzionale Strumenti tecnico-contabili di supporto a rilevazione, organizzazione e interpretazione delle informazioni economico-finanziarie Budget Contabilità

Dettagli

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario.

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario. CASO DI STUDIO La società AG è stata costituita il 2 gennaio 2010, con capitale sociale di L. 400 mila euro interamente sottoscritto dalla holding del gruppo Aldegheri, operante nel settore agro-alimentare.

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

La gestione finanziaria dell impresa

La gestione finanziaria dell impresa La gestione finanziaria dell impresa di Emanuele Perucci Traccia di economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il problema della scelta delle fonti di finanziamento in relazione al fabbisogno

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro Direttiva 2003/51/CE D.Lgs. 32/2007 Le società di capitali italiane sono tenute a seguire

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria focus modulo 3 lezione 23 La gestione Il patrimonio di funzionamento L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria L azienda deve dotarsi di fonti di finanziamento idonee a coprire il fabbisogno finanziario

Dettagli

TAVOLA DEI PRINCIPALI INDICI DI BILANCIO

TAVOLA DEI PRINCIPALI INDICI DI BILANCIO SOMMARIO ANALISI STRUTTURALE ANALISI PER INDICI TAVOLA DEI PRINCIPALI INDICI DI BILANCIO Disposizioni varie Negli ultimi anni un numero sempre maggiore di operatori, interni e esterni all'azienda, ha rivolto

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 41 13.11.2013 Analisi di bilancio Analisi per indici, per margini e rendiconto finanziario Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie In moltissimi

Dettagli

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA BILANCIO DI ESERCIZIO 2011 Indice: Analisi economica Analisi patrimoniale finanziaria Conto economico riclassificato a valore aggiunto (tabella 1) Stato Patrimoniale riclassificato

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012 Esercitazione di riepilogo Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012 Conto Economico della Beta al 31/12/2012 1. Transazioni a. Il 2 settembre 2012 viene acquistato un brevetto per un valore di 35000

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo Datalogic redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali del progetto Sirio ) Tema di economia aziendale

Dettagli

Applicazione n. 2. Analisi della solidità e della liquidità

Applicazione n. 2. Analisi della solidità e della liquidità Applicazione n. 2 Analisi della solidità e della liquidità Alfa S.p.A. Bilancio separato al 31.12.2010 Stato patrimoniale 31.12.2010 31.12.2009 Attività non correnti Immobili, impianti e macchinari 7.418.159

Dettagli

Analisi di bilancio 2007-2008

Analisi di bilancio 2007-2008 Analisi di bilancio 2007-2008 1 L analisi di bilancio Svilupperemo l analisi di bilancio sulla base di un sistema integrato di indicatori Obiettivo 1) 1) Valutare andamento dell impresa nel nel suo suo

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi.

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi. Metodo per la stima del ROE e del ROI in un azienda operante nel settore tessile abbigliamento in funzione delle propria struttura di incasso e pagamento e della gestione delle rimanenze di magazzino.

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli