1.1 IL PROGETTO L AZIENDA E LA SUA STORIA I PRODOTTI LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA IPOTESI ASSUNTE 14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1 IL PROGETTO...4 1.2 L AZIENDA E LA SUA STORIA. 8 1.3 I PRODOTTI. 10 1.4 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 13 2.1 IPOTESI ASSUNTE 14"

Transcript

1 Business plan e Piano industriale Bilanci Previsionali Analisi effettuata nel mese di gennaio 2013 a cura dello Studio Commerciale Dott. Alberto Rossi C.so Magenta n. 95 Rimini (RN)

2 SOMMARIO NO DISCLOSURE E DISCLAIMER 3 1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO IL PROGETTO L AZIENDA E LA SUA STORIA I PRODOTTI LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA LE IPOTESI ASSUNTE IPOTESI ASSUNTE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI ANALISI ECONOMICA ANALISI PATRIMONIALE ANALISI FINANZIARIA CONCLUSIONI 34 ALLEGATI 36 BILANCI PREVISIONALI Conto economico previsionale analitico Stato patrimoniale previsionale analitico Budget di cassa mensile Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 2

3 NO DISCLOSURE E DISCLAIMER Nel ricevere questo documento, vi impegnate a mantenere e garantire la massima riservatezza sulle informazioni ivi contenute, e su quelle di cui verrete a conoscenza, anche solo verbalmente, nel corso di eventuali ulteriori indagini e/o incontri, nonchè a restituire immediatamente, su richiesta del First Plus srl, tutto il materiale ricevuto senza trattenere alcuna copia. Questo documento non dovrà essere fotocopiato, riprodotto o distribuito, per intero o in parte, né citato in documenti ufficiali, senza il preventivo consenso scritto del First Plus srl. Il presente Business plan è stato redatto secondo ipotesi, dati e indicazioni formulate e fornite dai titolari del First Plus srl, alla luce delle informazioni note, della situazione in essere e di quanto poteva essere ragionevolmente supposto, al momento della sua stesura. Si precisa che, in conformità con l incarico ricevuto, tali informazioni sono state assunte dai materiali redattori acriticamente, ovvero senza svolgere alcun controllo in merito alla correttezza, completezza e validazione dei dati e informazioni ricevute. Sebbene siano state adottate tutte le necessarie cautele per un accurata e diligente stesura dei dati e delle analisi contenute nel presente documento, né First Plus srl, né i materiali redattori, si assumono alcuna responsabilità sulla correttezza, completezza e validità dei dati evidenziati e delle proiezioni formulate, né sulla completezza del presente documento, e non forniscono alcuna garanzia, espressa o implicita, in ordine alle informazioni in esso contenute., Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 3

4 1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO 1.1 Il Progetto La First Plus srl attualmente svolge la propria attività in locali assunti in locazione, aventi una superficie complessiva di circa 500 mq, tra uffici e magazzini. Il forte sviluppo che la società ha avuto negli ultimi anni, hanno determinato volumi operativi e di fatturato che hanno completamente saturato gli attuali spazi fisici a disposizione dell azienda. Pertanto, per poter mantenere anche i futuro gli alti tassi di crescita aziendale che si stanno registrando anche nel 2011, è necessario dotarsi di una sede molto più ampia, avente una superficie di almeno quadri. Per tale ragione, la strategia aziendale prevede di trasferirsi, possibilmente entro il , in locali idonei a supportarne la crescita e più adeguati alla dimensione raggiunta dall azienda. Il presente Business Plan, quindi, è stato redatto al fine di rappresentare l evoluzione della First Plus srl nei prossimi anni, alla luce delle linee strategiche di sviluppo aziendale previste per il futuro, incluso il trasferimento in una nuova sede sociale ed operativa. La nuova sede consentirà non solo di ottimizzare l efficienza dei vari reparti aziendali, ma di avere a disposizione spazi molto più ampi da adibire a magazzino. Ciò consentirà, in particolare, di allargare ulteriormente la gamma delle categorie merceologiche offerte (ad esempio il comparto alimentare biologico e naturale), sfruttando ancora meglio le potenzialità del proprio marchio. Più in dettaglio, il progetto aziendale prevede di acquistare entro il mese di settembre 2011 un immobile già esistente, e di ristrutturarlo per adeguarlo alle esigenze e finalità aziendali. I lavori potrebbero essere terminati entro il mese di giugno Il trasferimento nella nuova sede sociale, pertanto, avverrebbe con decorrenza luglio Tuttavia, per tutto il 2012 si è preferito prevedere di non rilasciare gli attuali locali, in modo da gestire con più gradualità il trasloco. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 4

5 L investimento riguarderà anche il nuovo arredamento, attrezzature per il magazzino, e un ulteriore ammodernamento delle apparecchiature elettroniche. Con la nuova sede la First Plus srl avrà a disposizione complessivamente mq , così divisi: - uffici per mq. 400; - magazzino per mq Il costo complessivo di acquisto dell immobile e delle successive opere di ristrutturazione è stato stimato in circa iva (incluso spese direzione lavori). Le spese di trasloco sono state quantificate in circa iva. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 5

6 Per finanziare tutto quanto sopra previsto, il progetto prevede il ricorso alle seguenti fonti finanziarie: - operazione di leasing immobiliare: importo di , durata diciotto anni, tasso 4,75 %, maxi-canone del 10% da erogarsi nel mese di settembre 2011, contestualmente all acquisto dell immobile da ristrutturare; riscatto del 10%; i canoni mensili decorreranno dal , data in cui la nuova sede diverrà operativa. A partire da settembre 2011 e sino al la società di leasing effettuerà il pagamento di acconti alla società che gestirà la ristrutturazione, in base ai SAL, che sono stati ripartiti in ugual misura nei vari mesi; negli allegati bilanci previsionali, gli oneri finanziari relativi a tale pre-finanziamento, quantificati al tasso del 4,75%, sono stati inseriti alla voce Altri oneri finanziari. Pertanto, dal mese di gennaio 2013 verrà eliminato l attuale canone di locazione di circa annui. Il First Plus srl si appresta anche a realizzare un progetto di riorganizzazione della propria situazione finanziaria e dell esposizione a breve verso il sistema bancario. In particolare: - tra settembre e ottobre 2011, accensione di un mutuo di della durata di 12 anni (di cui i primi due di preammortamento), al tasso del 5,50%, garantito da ipoteche su beni personali dei soci; - contestuale chiusura di alcuni affidamenti a breve; Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 6

7 - conseguenziale rilascio di alcune controgaranzie prestate sia dalla società ( ) che da parte dei Soci ( ); - aumento del capitale sociale per , pari proprio alle controgaranzie liberatesi in capo ai Soci; tale aumento si aggiunge a quello già già effettuato in data Le suddette operazioni determineranno un netto rafforzamento patrimoniale della Società e un profondo riequilibrio della situazione finanziaria, come verrà meglio illustrato nel Capitolo 3. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 7

8 1.2 L azienda e la sua storia La First Plus srl nasce nel 1984 come realtà tra le più importanti strutture industriali del proprio settore. L'esperienza maturata nei 20 anni di attività, congiunta a continui interventi di innovazione tecnologica degli impianti e dei sistemi produttivi, ha consentito di raggiungere elevati standard qualitativi e produttivi, tale da rendere il prodotto leader del settore. Nel 2006 si decide di trasformare la società da Snc in Srl ma rimane sempre a conduzione famigliare. La First Plus srl coltiva le tradizioni e gli antichi sapori della meravigliosa terra emiliana, e grazie ai brillanti risultati ed obbiettivi aziendali raggiunti negli anni, ha esteso l'attività di produzione anche nella zona di Parma. Forte delle tradizioni ed esperienze relative alla lavorazione artigianale, riesce a trasmettere ad ogni suo prodotto quelle proprietà tipiche delle zone dei colli emiliani come ad esempio: gli aromi, i sapori, il colore, il gusto, la dolcezza, il profumo e la fragranza. La potenzialità produttiva annuale è di circa kg. pari a prodotti. soci: La società ha al momento un capitale di , detenuto dai seguenti - Signor Alfa, quota del 75% - Signor Beta, quota del 25% Oltre al suddetto capitale sociale, il patrimonio netto è composto da finanziamenti soci vincolati a futuro aumento del capitale sociale, per , e riserve per , per un totale di Pertanto, dopo che sarà stato effettuato l aumento di capitale sociale di , a seguito del rilascio delle controgaranzie, il patrimonio netto salirà a Il Consiglio di Amministrazione è invece così composto: - Signor Carlo Bianchi - Presidente - Signor Mario Verdi Consigliere - Signora Carla Brambilla - Consigliere Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 8

9 Nella successiva tabella sono state sintetizzate alcune macro-grandezze economiche e patrimoniali della società. 31/12/ /12/ /12/2010 Vendite Reddito operativo ROI 5,16% 2,83% 3,84% Capitale sociale Capitale netto Capitale investito Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 9

10 1.3 I prodotti Nel settore in cui opera la società, il bacino di approvvigionamento è dato da un 35/40% di prodotto locale che viene stockato nelle celle frigorifere societarie. Per il rimanente 60/65% del prodotto viene importato direttamente dalla Francia, in quanto il rapporto qualità/prezzo è più conveniente. Nel corso degli anni la struttura produttiva è stata più volte potenziata ed ammodernata. Nel 1995 viene costruito un nuovo impianto per aumentare notevolmente i volumi produttivi. Nel 2001 si procede nuovamente all ampliamento della sede, costruendo un nuovo magazzino di lavorazione con annesse celle frigorifere di stoccaggio. Tutto ciò permetterà alla società di poter incrementare notevolmente il volume d affari. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 10

11 First Plus srl dedica costantemente tempo ed ingenti investimenti per essere all avanguardia nelle nuove tecnologie. L acquisto e l utilizzo di nuovi macchinari permettono una produzione completamente automatizzata ed un controllo sull intero processo produttivo, riuscendo a garantire ai clienti prodotti altamente affidabili. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 11

12 L azienda oggi esporta all estero l ottanta per cento della propria produzione, guadagnando un posto di spicco tra i grandi produttori mondiali. Filiali nel Mondo Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 12

13 1.4 La struttura organizzativa Come illustrato nel seguente diagramma, gli acquisti delle materie prime e degli accessori, oltre al coordinamento ed al marketing, vengono svolti direttamente all interno della società; la produzione, il controllo di qualità e la distribuzione vengono eseguiti in outsourcing, ma comunque sempre sotto la continua ed attenta supervisione del management. ORGANIGRAMMA Questo, invece, è l organigramma aziendale: Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 13

14 2. LE IPOTESI ASSUNTE In questo Capitolo vengono illustrate le ipotesi che sono state assunte ai fini dello sviluppo dei bilanci previsionali. Ciò consentirà al lettore di effettuare un attenta analisi critica di tutto quanto è stato supposto nella costruzione degli Piani economico-finanziari. Ricavi E stato prudentemente previsto un consolidamento degli attuali volumi operativi, prevedendo un aumento di fatturato del 5% nei primi tre esercizi, del 3% e del 2% in quelli successivi. Tali incrementi includono anche l effetto dell aumento dei prezzi. Anni Storico Tipo Mix P r o d u z i o n e b e n i Fatturato previsionale (Valori espressi in Euro) Previsionali Var./Mix % 5 % / 9 9 % Var./Mix % / 9 9 % Var./Mix % / 9 9 % Var./Mix % / 9 9 % Var./Mix % / 9 9 % L a v o r a z i o n i c / t e r z i 0 % 5 % / 0 % 5 % / 0 % 5 % / 0 % 3 % / 0 % 2 % / 0 % Totale , 0 0 % , 9 9 % , 9 9 % , 9 9 % , 9 9 % Ai fini finanziari, sono state applicate le attuali condizioni di incasso. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 14

15 Acquisti e Consumi Ai fini della costruzione del Budget degli Acquisti e dei Consumi, si è fatto sostanziale riferimento alle attuali percentuali di ricarico. E stato tuttavia tenuto conto che la forbice ricavi/costi possa risentire delle turbolenze che caratterizzano alcune commoditys. Ai fini finanziari, sono state applicate le attuali condizioni contrattuali di pagamento. Scorte di magazzino I decisi aumenti di fatturato previsti anche nei prossimi esercizi, determineranno un aumento delle scorte, la cui stima è illustrata nella tabella successiva. Si consideri, che l assortimento e disponibilità del prodotto sono tra i primari fattori critici di successo nel settore. In tal senso, occorre segnalare che la First Plus srl può contare su numerosi importanti contratti di merci in c/ vendita. In tal modo, i prodotti in magazzino a disposizione della società sono molto superiori a quelli che risultano dalla sola lettura dei volumi di scorte riferite alle merci acquistate. Scorte di magazzino Tipologia Anni (Valori espressi in Euro) Storico Previsionali In tale modo, da una parte è garantito un forte assortimento di prodotti, ma dall altra parte ciò non si riflette in assorbimento della liquidità aziendale. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 15

16 Peraltro si segnala che le condizioni con cui la società acquista i propri prodotti, prevedono il reso dell invenduto, senza limiti di tempo né di quantità. Pertanto, ciò ripara la società dai rischi di obsolescenza del magazzino. Il Costo del lavoro E stato previsto un adeguato incremento dell organico, coerentemente con i programmi di sviluppo operativi della società. Dettaglio Risorse Umane Dirigenti Impiegati Operai Totale Le assunzioni riguarderanno sia il reparto amministrativo, ma soprattutto quello produttivo. Costo del lavoro (Valori in Euro) (Incluso T.f.r.) Storico Previsionali Impiegati Operai Totale Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 16

17 Altri costi di produzione Non sono state previste significative variazioni rispetto allo scorso esercizio, a parte un calo dei costi energetici per via del loro attuale andamento sui mercati. Il dettaglio completo dei costi previsti è disponibile nel Conto economico analitico allegato alla presente relazione. Costi commerciali Non sono state previste significative variazioni rispetto allo scorso esercizio. Nella tabella seguente si evidenziano i principali costi. Il dettaglio completo dei costi previsti è disponibile nel Conto economico analitico allegato alla presente relazione. Altri Costi Commerciali Tipologia Anni (Valori espressi in Euro) Storico Previsionali P r o v v i g i o n i P u b b l i c i t a ' e S p o n s o r i z z a z i o n i M o s t r e, F i e r e e C o n v e g n i P u b b l i c i t a v a r i e P u b b l i c i t à s i t o M o s t r e, F i e r e e C o n v e g n i T r a s p o r t i I t a l i a B u o n i o m a g g i o S p e s e p r o m o z i o n Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 17

18 Altri costi e Spese generali La tabella che segue riepiloga i principali costi amministrativi e generali. Non sono state previste significative variazioni rispetto allo scorso esercizio. Il dettaglio completo dei costi previsti è disponibile nel Conto economico analitico allegato alla presente relazione. Tipologia Principali Costi di struttura e Spese Generali Anni Storico (Valori espressi in Euro) Previsionali O n e r i c a r t e c r e d i t o L o c a z i o n i, A f f i t t i e N o l i S p e s e e l a b o r a z i o n e d a t i S p e s e i m b a l l i F o r m a z i o n e p e r s G e s t i o n e s i t o Il Piano degli Investimenti La tabella che segue riepiloga gli investimenti per i quali si prevede l acquisto diretto, senza ricorrere, cioè, a contratti di leasing. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 18

19 Piano degli Investimenti (Valori espressi in Euro) % Amm.to C O S T R U Z I O N I L E G G E R E I M P I A N T I V A R I E A T T R E Z Z A T U R E A R R E D I E M O B I L I M A C C H I N E E L E T T R O N M E Z Z I T R A S P O R T O M A N U T. B E N I D I T E R Z I S O F TW A R E Totale A ciò si aggiungono i contratti di leasing attualmente in essere, che sono ovviamente stati previsti sia nei piani economici che in quelli finanziari: il costo complessivamente imputato a ciascun esercizio (canoni + quota del maxicanone) è indicato nel Conto economico analitico allegato in fondo alla presente relazione. Piano dei Leasing* (Valori espressi in Euro) % Amm.to Totale *incluso la quota annua di competenza del maxi-canone Si ricorda che i principali contratti sono quelli che si riferiscono all acquisto dell immobile, i cui canoni annui variano dai del 2011 ai del Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 19

20 E stata anche prevista l acquisizione di un autovettura a giugno 2012, costo di , con leasing della durata di 48 mesi. Aspetti finanziari e fiscali Ai fini dell elaborazione del budget di cassa mensile e del piano finanziario, allegati in fondo alla presente relazione, oltre alla dinamica degli incassi e pagamenti relativi ai costi e ricavi d esercizio, ed al pagamento dei canoni di leasing, sono state anche previste le seguenti operazioni: - nel mese di ottobre 2011, è stata prevista l accensione di un mutuo di della durata di 12 anni (di cui i primi due di preammortamento), al tasso del 5,50%, garantito da ipoteche su beni personali dei soci; - contestuale chiusura di alcuni affidamenti a breve; - conseguenziale rilascio di alcune controgaranzie prestate sia dalla società ( ) che da parte dei Soci ( ); - aumento del capitale sociale per , pari proprio alle controgaranzie liberatesi in capo ai Soci; tale aumento si aggiunge a quello già già effettuato in data Si precisa che nel corso del 2011 non sono state pagate i canoni di leasing immobiliari per un importo, alla data di stesura della presente relazione, di circa E stato però previsto un graduale piano di pagamento, così strutturato: - Luglio Settembre Ottobre Tutto il saldo è stato previsto entro il mese di dicembre Nel corso del 2011, grazie all effetto delle suddette operazioni, è stato previsto il pagamento di debiti di fornitura pregressi scaduti e che risultavano impagati al Si precisa che i risultati d esercizio esposti nei bilanci previsionali sono già al netto di Ires e Irap, calcolata in misura intera. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 20

21 Ai fini iva è stata considerata l aliquota del 10% sulle vendite e quella media di circa il 11,30% sugli acquisti. I crediti iva che annualmente si generano, sono stati portati in compensazione nell anno successivo. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 21

22 3. ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI Nel presente capitolo verranno illustrati i bilanci previsionali frutto delle ipotesi descritte nel Capitolo 2. I risultati economico-finanziari ottenuti saranno accuratamente analizzati attraverso i più moderni sistemi di analisi e diagnosi economico-finanziaria allo scopo di pervenire ad un giudizio sulla fattibilità e convenienza del progetto. Per far ciò si farà ricorso alle seguenti tecniche: analisi di composizione percentuale applicate agli schemi riclassificati del Conto economico e dello Stato patrimoniale; analisi per indici; analisi per flussi. Questo metodologie sono perfettamente complementari tra loro, integrando analisi di tipo statico con altre di tipo più dinamico. Gli aspetti che verranno esaminati sono riconducibili a tre macrocategorie: analisi della solidità aziendale, ovvero accertamento del grado di equilibrio che caratterizza l assetto patrimoniale in termini di corretto e fisiologico rapporto tra Impieghi (Attività) e Fonti (Passività e Capitale netto), e del grado di dipendenza finanziaria da fonti esterne; analisi della solvibilità aziendale, cioè esame della situazione finanziaria corrente e verifica del corretto ed equilibrato rapporto tra entrate e uscite monetarie a breve; analisi della gestione reddituale, cioè del grado di redditività complessiva e indagine sui fattori che la determinano. I principali indici di bilancio che verranno illustrati nelle successive tabelle, saranno commentati anche attraverso frecce colorate aventi il seguente significato: - freccia rossa: il valore dell indice è squilibrato; - freccia gialla: il valore dell indice è insufficiente; - freccia verde: il valore dell indice è positivo. La direzione della freccia, inoltre, indica il trend dell indice nei vari anni esaminati: - freccia su: trend positivo; - freccia giù: trend negativo; - freccia orizzontale: indice costante. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 22

23 3.1 Analisi Economica Le seguenti indagini sono finalizzate a valutare l attitudine dell azienda a remunerare in misura congrua sia il capitale proprio che le fonti esterne di finanziamento. Nella tabella che segue vengono sintetizzati i Piani economici ottenuti. Conto economico (Valori espressi in Euro) An n i Storico Previsionali C. E R i c a vi o p e ra t i vi netti V a r. Rim. Pr o dotti e Sem il A c quis ti P ro dotto fi ni to L a v o ri i n Economia V a l o re de l la P ro d uz ione V a r. Rim. Me r c i / Ma t. Pr i m e A c quis ti Me r c i / Ma t. P rim e C o s ti v ari p e r S ervizi L a v o ra z i oni Estern e V a l o re Ag g i unto C o s to l a v o ro M. O.L A m m o r tam enti mate r iali A m m o r tam enti immate ri a li A c c a ntonam enti R i s u ltato O pe r a ti vo O n e r i Fi n anziari P r o v e nti F inanziari G e s ti one Stra o rd inari a G e s ti one n on o p erati v a I m pos t e R i s u ltato N etto L analisi effettuata si riferisce ai bilanci relativi agli esercizi 2010/2015 e conferma che la redditività della società si attesta su livelli sicuramente discreti. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 23

24 Si tenga infatti presente, che nel Conto economico di ciascun anno sono stati considerati canoni di leasing immobiliare che variano dai del 2011 ai del L altalenanza dei redditi è proprio dovuto al progressivo aumento di tali canoni di leasing. Si ricorda, che tali utili sono già al netto dei canoni di leasing sull immobile, ed anche netto della fiscalità determinata applicando le vigenti aliquote ordinarie Ires e Irap. Per una migliore lettura dei risultati ottenuti, è bene fare ricorso ai principali indicatori di analisi economica, che vengono riepilogati nella tabella successiva. Indicatori di redditività INDICI ANNI Storico Previsionali Trend Reddito Netto ROE Reddito Netto/Mezzi Propri 4,44% 6,05% 14,64% 10,87% 9,53% 8,94% Reddito Operativo ROI Reddito Operat./Capit. Invest. ROS Reddito Operat./Fatturato N. Turnover Capitale Investito Fatturato/Capitale Investito ROD (return on debts) Oneri Finanz./Capitale Terzi Incidenza Consumi su Fatturato Incid. Costo lavoro/fatturato 3,45% 4,58% 5,84% 5,02% 4,77% 4,72% 3,98% 4,52% 5,48% 4,67% 4,41% 4,34% 0,86 1,01 1,06 1,07 1,08 1,08 3,75% 3,00% 1,26% 1,28% 1,24% 1,11% 72,31% 77,70% 78,07% 77,88% 77,79% 77,61% 6,25% 5,67% 5,47% 5,41% 5,44% 5,54% Oneri Finanz.N./Valore Pr. 3,13% 2,09% 0,73% 0,71% 0,64% 0,52% Quasi tutti gli indicatori assumono valori discreti. Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 24

25 Nella tabella successiva il ROE viene scomposto nelle sue princiapli componenti. R.O.E. ROS TURNOVER LEVERAGE GEST.STR.- RO Fatturato Fatturato Cap. Inv. Cap. Inv Cap.Netto FI N. Ris. Lordo RO GEST. FI SC. RN Ris.Lordo 2010=4,44% 3,98% 0,86 8,64 0,10 1, =6,05% 4,52% 1,01 4,57 0,48 0, =14,64% 5,48% 1,06 4,13 0,84 0, =10,87% 4,67% 1,07 3,84 0,81 0, =9,53% 4,41% 1,08 3,53 0,82 0, =8,94% 4,34% 1,08 3,25 0,84 0,62 Il Roe attuale è determinato da un buon ROS (marginalità sulle vendite), con un effetto leva discreto e mitigato dall incidenza degli oneri finanziari. Successivamente all operazione in argomento, l effetto leva ritorna su valori ottimali e così anche l assorbimento del reddito operativo da parte di componenti extra-caratteristiche. La tabella successiva riguarda la stima degli oneri finanziari previsti nei futuri esercizi. Dettaglio Oneri finanziari Euro/ A breve A M/L Totale Sono evidenti i benefici che deriveranno dalla riorganizzazione finanziaria che si sta per attuare. L incidenza degli oneri finanziari sul fatturato passa dal 3,13% del 2010, all 1,03% prevista già nel Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 25

26 Analisi Patrimoniale. Scopo della presente analisi, è quello di segnalare se sussistono le condizioni fondamentali di equilibrio finanziario dell impresa: l omogeneità tra la natura del capitale investito e quella delle fonti di finanziamento utilizzate; l esistenza di equilibrio tra l entità del capitale netto e quella dei capitale di terzi; un equilibrato rapporto tra capitale di terzi oneroso e non oneroso. Nella tabella successiva viene riassunta la struttura del Capitale investito della Società, e delle relative fonti di finanziamento, ottenuta riclassificando i bilanci previsionali. Stato Patrimoniale (Valori espressi in Euro) An n i Storico Previsionali S. P Liquidità Finanziarie Clienti e Crediti diversi Risconti attivi Magazzino ATTIVO CORRENTE I mmobil. Materiali Fondi Ammortamento I mmobil. Immateriali I mmobil. Finanziarie ATTIVO FISSO CAPITALE INVESTITO Debiti finanz. a breve Fornitori e Debiti div PASSIVO CORRENTE Debiti Finanziari a ML Altri debiti a ML PASSIVO CONSOLIDATO MEZZI PROPRI Via dello Sviluppo e del Progresso, 7/A Modena (MO) 26

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli