GAL SAVUTO SCHEMA DI BUSINESS PLAN. accesso alle misure a investimento PER LE DOMANDE D AIUTO INERENTI ATTIVITÀ AZIENDALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GAL SAVUTO SCHEMA DI BUSINESS PLAN. accesso alle misure a investimento PER LE DOMANDE D AIUTO INERENTI ATTIVITÀ AZIENDALI"

Transcript

1 GAL SAVUTO SCHEMA DI BUSINESS PLAN PER LE DOMANDE D AIUTO INERENTI ATTIVITÀ AZIENDALI accesso alle misure a investimento 1

2 Indice IDEA PROGETTUALE 4 A. DATI ANAGRAFICI E DI SINTESI 5 A.1. CARATTERISTICHE SOGGETTIVE DEL PROPONENTE 5 A.2. PRESENTAZIONE DELL'IMPRESA 5 A.2.1. Composizione societaria (in caso di società) 5 A.2.2. Modello gestionale dell'azienda (indicare i responsabili della gestione con le rispettive funzioni) 6 A.2.3. Ubicazione dell'unità produttiva interessata dall'iniziativa 6 A.2.4. Breve storia dell'impresa 6 A.2.5. Notizie sulla situazione finanziaria (esposizione debitoria e creditizia) 7 B. L AZIENDA (SITUAZIONE ATTUALE) 8 B.1. RISORSE AZIENDALI (STRUTTURA ATTUALE) 8 B.1.1. Terreni aziendali 8 B.1.2. Immobili 8 B.1.3. Macchine ed attrezzature in dotazione 9 B.1.4. Bestiame allevato 9 B.1.5. Immobilizzazioni immateriali 9 B Diritti di produzione 9 B a.Quote latte 9 B b.Vitivinicolo 10 B Regime Pagamento unico 10 B.1.6. Manodopera aziendale 10 B.1.7. Formazione dell imprenditore agricolo 10 B.2. PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE 11 B.2.1. Attività connesse 12 B.3. PROMOZIONE 12 B.3.1. Le scelte promozionali 12 B.4. ORGANIZZAZIONE/GESTIONE 12 B.4.1. L utilizzo di servizi di consulenza 12 C. DATI ECONOMICI DELL AZIENDA 13 C.1. CONTO ECONOMICO CONSUNTIVO (ULTIMI DUE ESERCIZI) 13 C.2. STATO PATRIMONIALE CONSUNTIVO (ULTIMI DUE ESERCIZI) 14 C.3. ANALISI DI BILANCIO 15 D. ANALISI SWOT 16 D.1. DIAGNOSI INTERNA (PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA DELL AZIENDA) 16 D.2. SCENARI ESTERNI (MINACCE ED OPPORTUNITÀ) 18 D.3. RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO 20 E. IL PROGETTO IMPRENDITORIALE 21 E.1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO 21 E.1.1. Descrizione sintetica del progetto imprenditoriale 21 E.1.2. Strategia di sviluppo implementata nel progetto 21 E Prodotti/servizi 21 E Canali distributivi, mercati di riferimento e modalità di vendita 21 E Organizzazione dei fattori produttivi e dei cicli di produzione 21 E a.Processi produttivi conseguenti all implementazione del progetto imprenditoriale 21 E b.Introduzione e/o miglioramento di processi produttivi finalizzati all aumento del valore aggiunto 21 E c. Introduzione di processi finalizzati alla produzione in azienda di energia da fonti rinnovabili 21 E d.Introduzione di interventi finalizzati alla sostenibilità ambientale dell attività aziendale 22 E e.Organizzazione del lavoro 22 E f. Programma degli investimenti e relativo piano finanziario 23 F. DATI ECONOMICI PROSPETTICI DELL AZIENDA 24 F.1. RICAVI DI VENDITA A REGIME 24 F.2. ATTIVITÀ CONNESSE A REGIME 24 F.3. CONTO ECONOMICO PREVISIONALE 25 F.4. STATO PATRIMONIALE PREVISIONALE 26 F.5. GRIGLIA DEI DIFFERENZIALI DEL RENDIMENTO ECONOMICO DELL AZIENDA 27 2

3 I DATI CONTENUTI NEL PRESENTE DOCUMENTO DEVONO ESSERE COERENTI CON I CONTENUTI DEL FASCICOLO AZIENDALE LA CUI COSTITUZIONE È OBBLIGATORIA PER TUTTE LE AZIENDE AI SENSI DEL DPR 503/1999 E DEL D. L. VO 99/2004. DATI DI BASE RELATIVI ALLA DOMANDA D AIUTO NUMERO BAR CODE NOMINATIVO CUAA PARTITA IVA/CODICE FISCALE MISURA 3

4 IDEA PROGETTUALE Motivazione di base della proposta (max 5 righe): Obiettivi del piano di investimento in relazione ai fabbisogni aziendali (max 5 righe): Strategia che si intende implementare nel progetto imprenditoriale (max 7 righe): Interventi programmati in relazione agli obiettivi ed oggetto del presente progetto: 4

5 SCHEMA DI BUSINESS PLAN A. DATI ANAGRAFICI E DI SINTESI (*) A.1. CARATTERISTICHE SOGGETTIVE DEL PROPONENTE Denominazione azienda Forma giuridica Codice Fiscale: Partecipazione a forme associative SI NO Partita IVA: Sede legale: Prov. Cap. via e numero civico n. civ. Tel. Fax. Sede amministrativa: Prov. Cap. via e numero civico n. civ. Tel. Fax. Titolare: Sesso F M Luogo e data di nascita: Titolo di studio Legale rappresentante e qualifica: Sesso F M Luogo e data di nascita: Titolo di studio A.2. PRESENTAZIONE DELL'IMPRESA A.2.1. Composizione societaria (in caso di società) PARTITA IVA DENOMINAZIONE O CODICE FISCALE QUOTA % C.U.A.A. della cooperativa o altra forma associativa (*) I dati inseriti devono essere coerenti con i contenuti del fascicolo aziendale 5

6 A.2.2. Modello gestionale dell'azienda (indicare i responsabili della gestione con le rispettive funzioni) NOMINATIVI FUNZIONE IN AZIENDA A.2.3. Ubicazione dell'unità produttiva interessata dall'iniziativa Comune di Prov. Cap. Via Tel. Fax. A.2.4. Breve storia dell'impresa Descrivere brevemente la storia dell impresa in relazione all avvio, ad eventuali esperienze pregresse dei soggetti fondatori, a principali eventi (es. trasformazione, finanziamenti ottenuti, progetti di ampliamento, ecc.), all organizzazione, alla produzione ed ai mercati di riferimento, ai fattori critici di successo, ecc. n.civ. A.2.4a Descrizione attività agrituristica Descrivere brevemente l attività agrituristica già in essere o in fase di organizzazione all avvio indicando le dotazioni aziendali per le quali si è iscritti all albo, informazioni circa la tipologia di fruitori, il collegamento con il sistema locale di riferimento. 6

7 A.2.5. Notizie sulla situazione finanziaria (esposizione debitoria e creditizia) Affidamenti bancari - BREVE PERIODO (fido c/c - cambiale agraria - anticipi su crediti/contributi ecc...): Banca Tipo finanziamento Importo accordato Utilizzo * (se fido c/c) Data concessione Scadenza Garanzie prestate * indicare utilizzo medio del fido di c/c da parte dell impresa 7

8 Affidamenti bancari MEDIO/LUNGO PERIODO (oltre i 18 mesi): Banca Tipo finanziamento Data stipula Durata (+ n. rate) Importo iniziale Scadenza Debito residuo Garanzie prestate 1) 2) 3) 4) 5) Finalità dei finanziamenti bancari: Leasing: Società Macchinario Data stipula Valore Importo rata Num. rate Scadenza Crediti di natura pubblica vantati: Tipo contributo Importo credito vantato Data presentazione Ente pubblico pagatore Esito * * A: esito positivo (richiesta contributo accolta); R: in attesa di risposta B. L AZIENDA (SITUAZIONE ATTUALE) B.1. RISORSE AZIENDALI (STRUTTURA ATTUALE) B.1.1. Terreni aziendali Descrizione TOTALE PROPRIETÀ AFFITTO COMODATO SAT (ettari) SAU TOTALE (ettari) ALTRO (SPECIFICARE) B.1.2. Immobili TIPOLOGIA DI IMMOBILI* ANNO DI COSTRUZIONE ANNO ULTIMA RISTRUTTURAZIONE MQ COMPLESSIVI * Compilare una riga per ogni immobile. 8

9 B.1.3. Macchine ed attrezzature in dotazione TIPOLOGIA DI MACCHINARIO* ANNO DI PRODUZIONE ANNO DI ACQUISTO * Compilare una riga per ogni macchinario/attrezzatura. Bestiame allevato B.1.4. TIPOLOGIA N. CAPI N. UBA* Bovini Ovini Caprini Bufalini Suini Avicunicoli Equini Altre categorie (specificare) * Riportare per ogni specie la quantità media annuale, espressa in Unità di Bestiame Adulto (UBA). Per quest ultima specificare, in parentesi, anche il n dei capi da latte. B.1.5. Immobilizzazioni immateriali B Diritti di produzione B a. Quote latte MATRICOLA/CODICE Quota (Q.li) Valore 9

10 B b. Vitivinicolo MATRICOLA/CODICE Diritto a produrre (Ha) Valore B Regime Pagamento unico Tipo di titolo Numero titoli Valore B.1.6. Manodopera aziendale TIPOLOGIA DI MANODOPERA N ADDETTI Ore totali UL* Manodopera familiare Manodopera salariata fissa Manodopera salariata avventizia Manodopera impiegatizia fissa Manodopera impiegatizia part time Altro (spec.). TOTALE *UL: Unità Lavorativa annua (pari a 2200 ore annue) B.1.7. Formazione dell imprenditore (campo obbligatorio)* ANNO DI OTTENIMENTO ATTESTATI/ QUALIFICHE/ ABILITAZIONI ISTITUTO/ENTE DI FORMAZIONE CHE HA RILASCIATO LA QUALIFICA LIVELLO DI IMPORTANZA PER L AVVIO E LA GESTIONE DELL INIZIATIVA PROPOSTA alto medio basso * Indicare titoli di studio, corsi di formazione e perfezionamento seguiti dopo la formazione scolastica. 10

11 B.2. PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE (CORRISPONDENTE AI DATI CONTABILI DELL ULTIMO ANNO DI ESERCIZIO CHIUSO) Prodotto/servizio Metodo di produzione* Certificazioni ** Mercato Dati economici Intese Prodotto Area Prezzo commerciali e venduto Prodotto Processo geografica di Canale/cliente unitario Ricavo*** forme di Quantità riferimento U.M. medio valorizzazione venduta Incidenza su ricavi totali * Metodo di produzione: convenzionale, biologico, basso impatto, artigianale, ecc. ** Certificazioni di prodotto (marchi territoriali, altre certificazioni); certificazioni di processo (EMAS, ISO, altre certificazioni) *** Al netto dell IVA Totale 11

12 B.2.1. Attività connesse Indicare il fatturato derivante da altre attività connesse e/o diversificazioni. Agriturismo Bed & breakfast Contoterzismo Artigianato Attività ricreative Produzione di energia rinnovabile Fattoria didattica Altro (specificare) ATTIVITA FATTURATO ( ) TOTALE B.3. PROMOZIONE TIPOLOGIA B.3.1. Le scelte promozionali Volantinaggio Affissioni Passaggi su media locali (Radio, TV) Stampa locale e/o nazionale Depliant Sito internet Presentazioni di prodotti Partecipazione a fiere Altro N MEDIO DI INIZIATIVE ANNUALI TOTALE COSTO MEDIO SOSTENUTO IVA ESCLUSA (EURO) B.4. ORGANIZZAZIONE/GESTIONE TIPOLOGIA B.4.1. Servizi di consulenza normalmente utilizzati nell anno di esercizio Contabile Tecnica agronomica Inserimento di controlli di qualità Commercializzazione dei prodotti Gestione finanziaria Partecipazione a sistemi di tracciabilità di filiera Presentazioni di prodotti e marketing Commercializzazione estera Altro TOTALE sostenuto. COSTO MEDIO SOSTENUTO IVA ESCLUSA (EURO) 12

13 C. DATI ECONOMICI DELL AZIENDA (gli schemi utilizzati evidentemente potranno essere modificati/integrati adattandoli alla tipologia/situazione aziendale, riportando una riclassificazione coerente per la determinazione esaustiva dell analisi di bilancio) C.1. CONTO ECONOMICO CONSUNTIVO (ULTIMI DUE ESERCIZI CHIUSI) FARE DOPPIO CLIK PER ENTRARE NEL FOGLIO ELETTRONICO Voce del conto economico riclassificato A) RICAVI NETTI DI VENDITA B) Anticipazioni colturali e Rimanenze finali C) Anticipazioni colturali e Rimanenze iniziali D) Altri ricavi e proventi (incluso contributi quota esercizio) Esercizio (ANNO...) Esercizio (ANNO...) D) VALORE DELLA PRODUZIONE(A+B-C+D) - - E) Costi delle materie prime, merci e servizi F) Spese generali e fondiarie G) VALORE AGGIUNTO (D-E-F) - - H) Salari e stipendi I) Oneri sociali L) VALORE AGGIUNTO NETTO (G-H-I) - - M) Ammortamenti e Accantonamenti N) REDDITO OPERATIVO (L-M) - - O) Ricavi non caratteristici P) Costi non caratteristici Q) Proventi straordinari R) Oneri straordinari S) Proventi finanziari T) Interessi e oneri finanziari U) REDDITO ANTE IMPOSTE (N+O-P+Q-R+S-T) - - V) Imposte W) REDDITO NETTO (U-V) - - X) Contributi PAC Z) REDDITO NETTO + CONTRIBUTI PAC (W+X) - - Flussi di cassa a) Reddito netto + Contributi PAC (Z) - - b) Ammortamenti c) Accantonamento TFR e altri accantonamenti d) Rimborso quote capitale finanziamenti (medio/lungo termine) in essere Margine netto di liquidità (a+b+c-d)

14 C.2. STATO PATRIMONIALE CONSUNTIVO (ULTIMI DUE ESERCIZI CHIUSI) FARE DOPPIO CLIK PER ENTRARE NEL FOGLIO ELETTRONICO Stato Patrimoniale consuntivo riclassificato Esercizio (ANNO...) Esercizio (ANNO.) CAPITALE FONDIARIO (A) - - Terreni (da VAM regionale 2008), impianti e fabbricati rurali Piantagioni Fondi ammortamento CAPITALE AGRARIO (B) - - Macchine e attrezzature Bestiame (latte/carne/riproduzione) Fondi ammortamento attrezzature IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE (C) - - Partecipazioni, Titoli immobilizzati, Risconti pluriennali IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI (D) - - Immobilizzazioni immateriali (tra cui anche Quote latte, diritti PAC, ecc.) Fondi ammortamento DISPONIBILITA' FINANZIARIE (E) - - Rimanenze finali e Anticipazioni colturali finali LIQUIDITÀ DIFFERITE Crediti a breve termine a clienti e anticipi a fornitori Crediti verso altri (tributari, crediti d'imposta, ecc.) LIQUIDITÀ IMMEDIATE Banca c/c e cassa RATEI E RISCONTI (F) PASSIVITÀ CORRENTI (G) - - Debiti a breve termine ( tributari e previdenziali, debiti diversi) Debiti bancari a breve termine Fornitori PASSIVITÀ CONSOLIDATE (H) - - Debiti a medio e lungo termine Mutui ACCANTONAMENTI (I) - - Accantonamenti e risconti passivi pluriennali MEZZI PROPRI (M) - - Capitale netto Riserve Utili esercizi precedenti Utile/perdita di esercizio IMPIEGHI FINANZIARI FONTI DI FINANZIAMENTO CAPITALE INVESTITO (A+B+C+D+E+F) CAPITALE ACQUISITO (G+H+I+M)

15 C.3. ANALISI DI BILANCIO (ULTIMO ESERCIZIO CHIUSO) Tipologia di indice Valore ROI = reddito operativo/ capitale investito netto (patrimonio netto + mezzi finanziari di terzi) *100 ROE = risultato d esercizio/patrimonio netto *100 MOL = reddito operativo ante ammortamenti/fatturato *100 Incidenza oneri finanziari = oneri finanziari/fatturato *100 Indipendenza finanziaria = capitale proprio/totale attivo *100 Indice di liquidità = attivo circolante (crediti + liquidità) /passività a breve (fornitori + debiti a breve + banche BT) Indice produttività del lavoro = fatturato/numero di addetti Incidenza costo personale = costo personale (compensi +oneri sociali +TFR) /costi totali Altri indici 15

16 D. ANALISI SWOT D.1. DIAGNOSI INTERNA (PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA DELL AZIENDA) Aree funzionali dell impresa Punti di forza Punti di debolezza Capitale Umano competenze professionali modello gestionale ricambio generazionale Capitale Fisico dimensione aziendale immobili strumentali macchine ed attrezzature 16

17 Offerta massa critica qualità differenziazione produttiva diversificazione delle attività aziendali Mercati canali e modalità di vendita attività promozionale Performance economica redditività costi 17

18 D.2. SCENARI ESTERNI (MINACCE ED OPPORTUNITÀ) Contesti Minacce Opportunità Istituzionale PAC PSR Altro (distretto, strada del vino, ecc.) Altre politiche (Nazionali e regionali) Territoriale Dotazione infrastrutturale (materiale ed immateriale) Disponibilità di servizi per le aziende Competitivo 18

19 Struttura della concorrenza Grado di concentrazione dell offerta Commerciale Caratteristiche della domanda Caratteristiche dei canali distributivi 19

20 D.3. RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO Indicare brevemente (max 15 righe) l impatto degli investimenti in termini di risultati raggiunti, di miglioramento competitivo, di nuovi mercati, ecc. 20

21 E. IL PROGETTO IMPRENDITORIALE E.1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO E.1.1. Descrizione sintetica del progetto imprenditoriale (descrivere l idea progettuale che il soggetto proponente intende realizzare mettendo in evidenza il collegamento con gli obiettivi individuati e con gli elementi di maggior rilievo emersi nell analisi SWOT - Punto D) Max 30 righe E.1.2. Strategia di sviluppo implementata nel progetto E Servizi/attività di diversificazione (descrivere i servizi e le attività di diversificazione che si intendono realizzare in relazione ai fabbisogni di mercato che si intendono soddisfare) max 10 righe Introduzione di nuovi servizi/attività Miglioramento dei servizi già realizzati dall impresa E Canali promozionali, mercati di riferimento e modalità di connessione con il contesto locale (descrivere le strategie funzionali al progetto imprenditoriale) max 10 righe E Sinergie con l organizzazione dei fattori produttivi e dei cicli di produzione aziendali E a. Processi produttivi conseguenti all implementazione del progetto imprenditoriale (descrivere le attività ed i processi produttivi precisando l impatto che i nuovi investimenti avranno sugli stessi) E b. Introduzione e/o miglioramento di processi produttivi finalizzati all aumento del valore aggiunto aziendale (descrivere eventuali attività innovative anche in termini di capacità di miglioramento della competitività aziendale) max 10 righe E c. Introduzione di processi finalizzati alla produzione in azienda di energia da fonti rinnovabili (descrivere l eventuale implementazione di impianti per la produzione in azienda di energia da fonti rinnovabili, precisando il dimensionamento dello stesso) max 10 righe 21

22 E d. Introduzione di interventi finalizzati alla sostenibilità ambientale dell attività aziendale (descrivere eventuali interventi volti al risparmio energetico, idrico ed al miglioramento del paesaggio) max 10 righe E e. Organizzazione del lavoro (struttura e dimensionamento del personale aziendale previsto dopo la realizzazione del progetto imprenditoriale situazione a regime) max 5 righe 22

23 E f. Programma degli investimenti e relativo piano finanziario Interventi per i quali si richiede il cofinanziamento Tipologie (Opere edili, Attrezzature/arredi e/o sistemi informatici, Infrastrutture sportivo-ricreative, Sistemazioni esterne e allestimento di percorsi, Spese tecniche, Altre spese generali, ecc.) CONTRIBUTO PUBBLICO RICHIESTO Totale (A) QUOTA PRIVATA ( ) Totale (B) COSTO TOTALE (A+B) DISTRIBUZIONE % Costo totale del programma di investimento 100%. 23

24 F. DATI ECONOMICI PROSPETTICI DELL AZIENDA F.1. RICAVI DI VENDITA A REGIME (ANNO DI ENTRATA A REGIME OVVERO DELL ESERCIZIO DI OTTENIMENTO DEL MASSIMO RENDIMENTO DEGLI INVESTIMENTI IN PROGETTO) I DATI DEVONO CORRISPONDERE CON QUANTO RIPORTATO AL SUCCESSIVO PUNTO F3 Prodotti e servizi Prodotto venduto Unità di misura Quantità (A) Prezzo unitario medio* (B) Canale di vendita uro (C=AxB) Ricavi % Totale 100 * Per i prezzi fare riferimento agli indici previsionali riportati dalle fonti statistiche ufficiali (ISTAT, ISMEA, ecc.) oppure ai prezzi di mercato dimostrabili. Detti indici previsionali vanno applicati ai prezzi unitari medi utilizzati per la determinazione dei ricavi di vendita riportati in B.2. F.2. ATTIVITÀ CONNESSE A REGIME Indicare il fatturato derivante da altre attività connesse e/o diversificazioni. ATTIVITA FATTURATO ( ) Agriturismo Bed & breakfast Conto terzismo Artigianato Attività ricreative Produzione di energia rinnovabile Fattoria didattica Altro (specificare) TOTALE 24

25 F.3. CONTO ECONOMICO PREVISIONALE - I dati riportati dovranno tener conto degli investimenti attuati (es. quote ammortamento, ecc.), del finanziamento ottenuto (es. 50% quota ammortamento nella voce altri ricavi, ecc.), dei mezzi finanziari a copertura della quota privata (es. rimborso quote capitale finanziamenti a medio/lungo termine, interessi/oneri finanziari, ecc.) Esercizio a regime (ANNO.) Voce del conto economico riclassificato A) RICAVI NETTI DI VENDITA B) Anticipazioni colturali e Rimanenze finali C) Anticipazioni colturali e Rimanenze iniziali D) Altri ricavi e proventi (incluso contributi quota esercizio) D) VALORE DELLA PRODUZIONE(A+B-C+D) - E) Costi delle materie prime, merci e servizi F) Spese generali e fondiarie G) VALORE AGGIUNTO (D-E-F) - H) Salari e stipendi I) Oneri sociali L) VALORE AGGIUNTO NETTO (G-H-I) - M) Ammortamenti e Accantonamenti N) REDDITO OPERATIVO (L-M) - O) Ricavi non caratteristici P) Costi non caratteristici Q) Proventi straordinari R) Oneri straordinari S) Proventi finanziari T) Interessi e oneri finanziari U) REDDITO ANTE IMPOSTE (N+O-P+Q-R+S-T) - V) Imposte W) REDDITO NETTO (U-V) - X) Contributi PAC Z) REDDITO NETTO + CONTRIBUTI PAC (W+X) - Flussi di cassa a) Reddito netto + Contributi PAC (Z) - b) Ammortamenti c) Accantonamento TFR e altri accantonamenti d) Rimborso quote capitale finanziamenti (medio/lungo termine) in essere Margine netto di liquidità (a+b+c-d) - 25

26 F.4. STATO PATRIMONIALE PREVISIONALE - I dati riportati dovranno tener conto degli investimenti attuati (es. incremento valore delle immobilizzazioni, dei fondi ammortamento, ecc.), del finanziamento ottenuto (es. residuo contributo in risconti pluriennali tra le fonti di finanziamento), dei mezzi finanziari a copertura della quota privata (es. incremento debiti a medio/lungo termine, apporto di nuovo capitale proprio, ecc.) Stato Patrimoniale consuntivo riclassificato Esercizio a regime (ANNO.) CAPITALE FONDIARIO (A) - Terreni (da VAM regionale 2008), impianti e fabbricati rurali Piantagioni Fondi ammortamento CAPITALE AGRARIO (B) - Macchine e attrezzature Bestiame (latte/carne/riproduzione) Fondi ammortamento attrezzature IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE (C) - Partecipazioni, Titoli immobilizzati, Risconti pluriennali IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI (D) - Immobilizzazioni immateriali (tra cui anche Quote latte, diritti PAC, ecc.) Fondi ammortamento DISPONIBILITA' FINANZIARIE (E) - Rimanenze finali e Anticipazioni colturali finali LIQUIDITÀ DIFFERITE Crediti a breve termine a clienti e anticipi a fornitori Crediti verso altri (tributari, crediti d'imposta, ecc.) LIQUIDITÀ IMMEDIATE Banca c/c e cassa RATEI E RISCONTI (F) PASSIVITÀ CORRENTI (G) - Debiti a breve termine ( tributari e previdenziali, debiti diversi) Debiti bancari a breve termine Fornitori PASSIVITÀ CONSOLIDATE (H) - Debiti a medio e lungo termine Mutui ACCANTONAMENTI (I) - Accantonamenti e risconti passivi pluriennali MEZZI PROPRI (M) - Capitale netto Riserve Utili esercizi precedenti Utile/perdita di esercizio IMPIEGHI FINANZIARI FONTI DI FINANZIAMENTO CAPITALE INVESTITO (A+B+C+D+E+F) CAPITALE ACQUISITO (G+H+I+M)

27 F.5 GRIGLIA DEI DIFFERENZIALI DEL RENDIMENTO ECONOMICO DELL AZIENDA Tipologia di indice Valore consuntivo* (A) ROI = reddito operativo/ capitale investito netto (patrimonio netto + mezzi finanziari di terzi) *100 ROE = risultato d esercizio/patrimonio netto *100 MOL = reddito operativo ante ammortamenti/fatturato *100 Incidenza oneri finanziari = oneri finanziari/fatturato *100 Indipendenza finanziaria = capitale proprio/totale attivo *100 Altri indici *Riprendere dal Punto C.3 ** Calcolare a partire dai dati dei precedenti punti F3 ed F4 Valore prospettico** (B) Variazione percentuale ( C = (B-A)/A x 100) MIGLIORAMENTO RENDIMENTO GLOBALE DELL AZIENDA - Descrivere l impatto dell investimento in termini di miglioramento del rendimento globale dell azienda attraverso la valutazione dei risultati economico-finanziari a partire dagli indici sopra calcolati, attraverso l indicazione di altri importanti risultati di tipo qualitativo. 27

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT)

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 9 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 1399

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Le caratteristiche del software GAIA

Le caratteristiche del software GAIA Gestione Aziendale delle Imprese Agricole La presentazione del nuovo software INEA per la gestione economica dell azienda agricola Milano, 11 Settembre 2008 Le caratteristiche del software GAIA Antonio

Dettagli

Criteri generali di valutazione del credito

Criteri generali di valutazione del credito Guida per l impresa agricola Criteri generali di valutazione del credito Indice dei contenuti PREMESSA...3 1. L IMPRESA E IL SUO BUSINESS...5 GLI ELEMENTI DESCRITTIVI DELL IMPRESA...5 L assetto giuridico

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio 1 Parte I La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Si proceda a collocare le voci sotto elencate riprese dal bilancio di esercizio 2009

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

La riclassificazione dei prospetti di bilancio: il caso Cinque S.p.A.

La riclassificazione dei prospetti di bilancio: il caso Cinque S.p.A. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: il caso Cinque S.p.A. Parte I La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Si proceda a collocare le voci sotto elencate riprese dal bilancio di esercizio

Dettagli

Intraprendendo. www.intraprendendo.com

Intraprendendo. www.intraprendendo.com Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

Mis.123 PIANO AZIENDALE INVESTIMENTO DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI

Mis.123 PIANO AZIENDALE INVESTIMENTO DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Mis.123 PIANO AZIENDALE INVESTIMENTO DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI PIANO AZIENDALE DELLA MISURA 123 Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali A. Situazione di

Dettagli

ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI

ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI indicare: - gli obiettivi individuati per lo sviluppo delle attività aziendali; - l'eventuale programma degli investimenti previsti

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Premessa Il caso dell impresa ALFA S.R.L.

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche.

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA? 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti

Dettagli

Business Plan Online 1.0 Misura 123. Guida per il compilatore

Business Plan Online 1.0 Misura 123. Guida per il compilatore Business Plan Online 1.0 Misura 123 Guida per il compilatore 1 Il Business Plan on line... 4 Il Menù principale... 6 Sezione 1 - Sezione generale... 8 1.1 Anagrafica...8 1.2 Progetto...11 1.4 Gestione

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento Straordinario n.1 al BOLLETTINO UFFICIALE n. 2 del 20 gennaio 2009 Sped. in A.P - art.2 comma 20/c legge 662/96 - Filiale di Cagliari REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI INDICE 1. Sintesi del progetto imprenditoriale. In che cosa consiste il progetto proposto;

Dettagli

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO 2013 Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO Cognome Nome Sesso Codice fiscale Nato in provincia Comune di Data nascita Doc. riconoscimento Numero INFORMATIVA Con la presente si comunica

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA COMUNE DI CESENA SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE SPORTELLO UNICO - SERVIZIO TECNICO RICHIESTA APPROVAZIONE DI PIANO DI RICONVERSIONE AZIENDALE (PRA) PRG 2000 NdA, art. 77 Regolamento Edilizio

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Impianti e Macchinari 3.043 Attrezzature industriali 1.500 Automezzi 2.900 Fabbricati Industriali Mobili e Arredi 12.900 2.000 22.343

Dettagli

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA FATTORI CONDIZIONI PRODUTTIVE BENI E SERVIZI PRODOTTI USCITE MONETARIE O AUMENTO DI DEBITI AZIENDA ENTRATE MONETARIE

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE AGRICOLE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE AGRICOLE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE AGRICOLE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un

Dettagli

ALLEGATO C6. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a

ALLEGATO C6. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a ALLEGATO C6 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTI SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007-2013

Dettagli

BERGAMO MERCATI SPA BERGAMO VIA BORGO PALAZZO N. 207 CAPITALE SOCIALE EURO 103.292,00.= I.V.

BERGAMO MERCATI SPA BERGAMO VIA BORGO PALAZZO N. 207 CAPITALE SOCIALE EURO 103.292,00.= I.V. BERGAMO MERCATI SPA BERGAMO VIA BORGO PALAZZO N. 207 CAPITALE SOCIALE EURO 103.292,00.= I.V. ISCRITTA NEL REGISTRO IMPRESE DI BERGAMO AL N. 02517500167 (Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 05, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A.

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. A cura di A.N.I.N.S.E.I. www.aninsei.it Soluzione a cura dei proff. Biscontin Franco e Carnio

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

- Business Plan DENOMINAZIONE IMPRESA ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN

- Business Plan DENOMINAZIONE IMPRESA ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN Avviso Pubblico 2 BANDO Invito a presentare proposte per progetti finalizzati alla creazione e sviluppo di imprese innovative attraverso l inserimento

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato un Business plan completo di Bilancio previsionale, Rendiconto

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA Che cos'è: Il Subentro in agricolturaè uno degli incentivi in favore dell autoimprenditorialità previsti dal Titolo I del Decreto 185/2000 con funzioni attribuite

Dettagli

linee guida per la compilazione del Business Plan 1/11 Linee Guida per la compilazione del Business Plan

linee guida per la compilazione del Business Plan 1/11 Linee Guida per la compilazione del Business Plan linee guida per la compilazione del Business Plan / Linee Guida per la compilazione del Business Plan Business Plan / La presente guida illustra le modalità di compilazione del Business Plan da parte dell

Dettagli

Aiuti alla Ristrutturazione

Aiuti alla Ristrutturazione Piano di Ristrutturazione Industriale 1/13 Aiuti alla Ristrutturazione Piano di Ristrutturazione Industriale (ai sensi dell Allegato B punto 10 al D.M. del Ministro dello Sviluppo Economico 25 febbraio

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

GUIDA PRATICA. Criteri generali di valutazione della capacità di credito delle PMI

GUIDA PRATICA. Criteri generali di valutazione della capacità di credito delle PMI GUIDA PRATICA Criteri generali di valutazione della capacità di credito delle PMI Indice CARO CLIENTE...3 1. L IMPRESA E IL SUO BUSINESS...6 Gli elementi descrittivi dell impresa...6 L impresa e il suo

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un Associazione

Dettagli

Spettabile Fondazione La Fornace dell Innovazione Via Strada Muson, 2/c 31011 Asolo (TV)

Spettabile Fondazione La Fornace dell Innovazione Via Strada Muson, 2/c 31011 Asolo (TV) Domanda di ammissione all iniziativa: Il talento delle Idee. Piccole imprese crescono Spettabile Fondazione La Fornace dell Innovazione Via Strada Muson, 2/c 31011 Asolo (TV) OGGETTO: Il talento delle

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei

Dettagli

FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO. Bilancio al 31/12/2014

FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO. Bilancio al 31/12/2014 Sede in VIA SAN FRANCESCO DA PAOLA, 3-10123 TORINO (TO) Fondo di dotazione Euro 100.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A)

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

POR Obiettivo 3 Misura D3

POR Obiettivo 3 Misura D3 SCHEMA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE Sintetica presentazione del progetto imprenditoriale, excutive summary, di poche pagine (2 o 3) da cui emergono gli elementi

Dettagli

ALLEGATO C1. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI PORTANTI Art. 12 comma 12 lett. a SCHEDA 1

ALLEGATO C1. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI PORTANTI Art. 12 comma 12 lett. a SCHEDA 1 ALLEGATO C1 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI PORTANTI Art. 12 comma 12 lett. a SCHEDA 1 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile utilizzato Ordinario

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. microcredito

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. microcredito GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL microcredito P.O.R. Campania FSE 2007-2013 La presente guida è stata redatta al fine di facilitare la compilazione e l invio della domanda di finanziamento

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti:

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti: ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM) SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO La Contabilità gestionale

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Convenzione MPS-MIVA: Aziende vitivinicole clienti dei Vivaisti associati MIVA

Convenzione MPS-MIVA: Aziende vitivinicole clienti dei Vivaisti associati MIVA Siena, 2009 Spett.le MIVA Moltiplicatori Italiani Viticoli Associati Via Volterrana 57 50124 FIRENZE FI C. Att. Fabio Burroni Oggetto: Collaborazione Banca MontePaschi con MIVA Signori, in relazione allo

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI NUORO BILANCIO di previsione triennale per gli anni 2014/2016

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI NUORO BILANCIO di previsione triennale per gli anni 2014/2016 Allegato 22: Bilancio di Previsione Triennale Stato patrimoniale previsionale attivo 2014 2015 2016 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 1) Costi di impianto e di ampliamento 2) Costi di ricerca, di sviluppo

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

BILANCIO DI ESERCIZIO AL 30/09/2013

BILANCIO DI ESERCIZIO AL 30/09/2013 FONDAZIONE CARNEVALE VIAREGGIO PIAZZA MAZZINI 22-55049 VIAREGGIO (LU) Codice fiscale 01218810461 Partita iva 01218810461 Codice CCIAA LU Numero R.E.A. 126615 Capitale Sociale 0,00 non i.v. Forma giuridica

Dettagli

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO Sede in VIA TRIBUNALI SNC - 83031 ARIANO IRPINO (AV) Codice Fiscale 02318880644 - Numero Rea AVELLINO 150113 P.I.: 02318880644 Capitale Sociale Euro 1.067.566

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

Sito internet: Bilancio al 31/12/2010

Sito internet: Bilancio al 31/12/2010 CONSORZIO ASI LECCE Sede in: ZONA INDUSTRIALE - 73100 - LECCE (LE) Codice fiscale: 00380090753 Partita IVA: 00380090753 Capitale sociale: Euro 1.170.960,53 Capitale versato: Euro 1.170.960,53 Registro

Dettagli

TIPOLOGIA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE IMPRESA GIA COSTITUITA PROMOTORE

TIPOLOGIA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE IMPRESA GIA COSTITUITA PROMOTORE Allegato B FORMULARIO Per la partecipazione all Avviso Pubblico peril sostegno e lo sviluppo di imprese nel settore delle attività culturali e creative - Art. 7 L.R. 13/2013 TIPOLOGIA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE

Dettagli

GALEN SOC. MUTUA COOP.VA / FONDO SANITARIO INTEGRATIVO - Bilancio al 31/12/2013

GALEN SOC. MUTUA COOP.VA / FONDO SANITARIO INTEGRATIVO - Bilancio al 31/12/2013 GALENO SOC. MUTUA COOP.VA/ FONDO SANITARIO INTEGRATIVO. Sede in: VIA G.BATTISTA DE ROSSI N.12-00161 - ROMA (RM) Codice fiscale: 04273791006 Partita IVA: 04273791006 Capitale sociale: Euro 272.428,00 Capitale

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Sintesi di Stato Patrimoniale Attivo 31.12.2011 31.12.2012

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

LURA AMBIENTE S.P.A.

LURA AMBIENTE S.P.A. LURA AMBIENTE S.P.A. Sede in VIA LAINATE 1200-21042 CARONNO PERTUSELLA (VA) Codice Fiscale 02259590129 - Numero Rea VA 000000242557 P.I.: 02259590129 Capitale Sociale Euro 120.000 i.v. Forma giuridica:

Dettagli