5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi"

Transcript

1 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato progettato con pianta libera e completa libertà nella distribuzione degli spazi interni ed esterni. L accesso alle unità immobiliari avviene attraverso un ampio atrio centrale accessibile da Via dei Giustinelli. L atrio di 110 mq, compreso tra la vetrata d ingresso e una seconda con vista sul golfo, è arredato con materiali naturali: pavimento in pietra lavorata, rivestimenti in lastre ceramiche, legno e vetro. È articolato su due livelli ed ognuno dà accesso ad un vano scale; fra i due livelli sono posizionati un ampia scalinata ed un ascensore per portatori di handicap. Inoltre è stato previsto uno spazio coperto, a lato della hall, per lo sbarco auto e l ingresso privilegiato dedicato ai disabili. All esterno della vetrata a mare si trova un portico di 80 mq sostenuto da colonne multicolori con un laghetto su due livelli. In questo atrio si trova il bancone del portierato, che dispone, in adiacenza, di un alloggio dedicato a due vani con servizi. Gli spazi esterni prevedono, a valle della casa, un giardino erboso pianeggiante di 600 mq che si estende a copertura del parcheggio. La vegetazione ha uno strato di terra di spessore variabile di almeno 40 cm e un impianto d irrigazione automatico. Affacciata sul grande giardino, su un ampio spazio interno, si sviluppa la spa condominiale due livelli sotto l atrio. Si estende su una superficie di 190 mq ed è composta da un ampio spogliatoio con doccia e servizio igienico; da una piscina di circa 35 mq con vasca in acciaio inossidabile, affiancata da uno spazio relax con lettini; da una zona calda con sauna, bagno turco, solarium emozionali e docce; da una palestra con macchine per la preparazione atletica e da una zona esterna coperta da un porticato, adiacente al giardino. Oltre alla zona benessere, per quanto riguarda le pertinenze degli alloggi, si sviluppano le cantine al primo livello interrato e sono di dimensioni variabili, in media di circa 7 mq. Nel piano cantine sono stati inoltre ricavati la lavanderia condominiale di 10 mq e lo spazio dedicato al piccolo bricolage domestico. Al garage interrato si accede da Via dei Giustinelli. I 5 livelli di parcheggio sono sfalsati fra loro e collegati da brevi e agevoli rampe. I parcheggi sono prioritariamente riservati al condominio e poi per il restante al mercato esterno; sono suddivisi fra posti auto aperti e box di varia taglia. I box più grandi sono adiacenti ad un proprio spazio cantina. 38

2 L ultimo livello inferiore, cinque piani sotto l atrio, ha l uscita pedonale su piazza Cornelia Romana, in posizione molto comoda per raggiungere la vicina zona commerciale di Cavana. Ai lati dell atrio sono posizionati gli spazi di circolazione verticale: i due vani scale e gli ascensori danno accesso alle diverse unità abitative e ai cinque livelli interrati. La distribuzione al piano avviene centralmente dal vano scale permettendo agli appartamenti di svilupparsi in orizzontale da Via dei Giustinelli verso il lato mare così da consentire a tutti gli alloggi un affaccio sul suggestivo golfo di Trieste. Tutti gli appartamenti sono autonomamente raggiungibili da persone con handicap motori. A lato dell entrata al piano terra è prevista una zona di sosta veloce, coperta, riservata ai disabili, con accesso privilegiato all atrio. La costruzione ospiterà 17 appartamenti di diversa metratura, tra 90 e 260 mq cui si aggiungono ampie terrazze dai 20 mq in su; 90 box, posti auto e una zona benessere. Gli appartamenti saranno venduti a 8-10mila euro al metro quadrato, per un costo complessivo delle abitazioni tra i 600mila e i 2,4 milioni di euro. Il valore dei posti macchina si aggirerà attorno ai 70mila euro, mentre dai 90mila in su quello dei box. Agli ultimi livelli troviamo quattro attici a due piani, due dei quali dotati di altana sul tetto. Al piano terreno è ricavato un appartamento bi-piano con 50 mq di terrazza giardino. Un altro appartamento a due piani, molto movimentato, è inserito nel centro dell edificio. ALLOGGIO MQ MQ TERRAZZO 1 118,40 15, ,30 72, ,00 15, ,10 34, ,90 15, ,70 15, ,00 21, ,60 62, ,90 71, ,40 19, ,90 23, ,30 43, ,85 19, ,50 23, ,30 43, ,50 39, ,60 47,00 39

3 La distribuzione degli spazi interni, invece, è un requisito fondamentale che viene rispettato quando sono previsti all interno dell alloggio degli spazi che siano rispondenti alle esigenze dei nuclei familiari ai quali sono destinati. Tali spazi sono riconducibili a tre categorie omogenee per funzione di spazi: Spazi collettivi (40%): insieme degli spazi non specializzati dell alloggio previsti per essere fruiti da tutti gli utenti dell unità abitativa; Spazi individuali (40%): insieme degli spazi non specializzati dell alloggio previsti per essere fruiti da determinati componenti dell unità abitativa (spazi singoli, matrimoniale, doppi); Spazi di servizio (20%): insieme degli spazi dell alloggio destinati ad essere fruiti da tutti gli utenti dell unità abitativa (cucina, bagno, ripostiglio). Di norma gli spazi collettivi all interno della distribuzione di un singolo alloggio, vengono collocati a Sud per garantire una maggiore esposizione alla luce solare anche nei mesi invernali; mentre gli spazi individuali occupano una posizione più a Nord all interno della singola unità abitativa. Nel caso in analisi, però, questa regola non viene rispettata in quanto la distribuzione degli spazi risulta essere invertita. Questo è dovuto al fatto che l intero organismo edilizio residenziale gode di un panorama spettacolare sulla città e sul Golfo di Trieste e che viene quindi doverosamente valorizzato. Gli spazi collettivi sono stati così posizionati a Nord come i terrazzi per poter godere del paesaggio mozzafiato, punto di forza dell intero progetto. Anche se gli alloggi dell organismo edilizio sono di dimensioni variabili, sono stati analizzati per la distribuzione degli spazi il primo e il quarto piano. Essendo i piani dei due corpi dell O.E.R. sfalsati, il primo piano ospita due alloggi (10 e 11) nel fabbricato di nuova edificazione; mentre il quarto piano presenta due unità abitative nello stabile ristrutturato (6 e 7) e un alloggio unico nel nuovo edificio residenziale (15). ALLOGGIO 10 SPAZI MQ TOT. MQ % REL. COLLETTIVI Soggiorno + zona cottura 34,59 34,59 42% INDIVIDUALI Camera 1 14,57 25,42 32% Camera 2 10,85 DI SERVIZIO Bagno 1 4,63 Bagno 2 3,83 21,73 26% Disimpegno 13,27 PERTINENZE Terrazzo 19,80 DEGLI ALLOGGI Cantina 5,60 40,40 / Box macchina 15,00 ALLOGGIO 11 SPAZI MQ TOT. MQ % REL. COLLETTIVI Soggiorno + zona cottura 47,20 47,20 51% INDIVIDUALI Camera 1 15,00 27,29 30% Camera 2 12,29 DI SERVIZIO Bagno 1 6,36 Bagno 2 4,96 17,69 19% Disimpegno 6,37 PERTINENZE Terrazzo 23,50 DEGLI ALLOGGI Cantina 5,20 43,70 / Box macchina 15,00 40

4 41

5 42

6 ALLOGGIO 6 SPAZI MQ TOT. MQ % REL. COLLETTIVI Soggiorno 42,76 42,76 35% INDIVIDUALI Camera 1 13,17 Camera 2 13,25 47,42 38% Camera 3 21,00 DI SERVIZIO Bagno 1 6,31 Bagno 2 5,00 33,52 27% Cucina 9,00 Disimpegno 13,21 PERTINENZE Terrazzo 15,70 DEGLI ALLOGGI Cantina 5,40 36,10 / Box macchina 15,00 ALLOGGIO 7 SPAZI MQ TOT. MQ % REL. COLLETTIVI Soggiorno + zona cottura 49,00 49,00 50% INDIVIDUALI Camera 1 13,10 32,10 33% Camera 2 19,00 DI SERVIZIO Bagno 1 4,76 Bagno 2 4,65 16,81 17% Disimpegno 7,40 PERTINENZE Terrazzo 21,40 DEGLI ALLOGGI Cantina 5,20 41,60 / Box macchina 15,00 Risulta evidente come ci sia una netta separazione tra la zona giorno, situata a Nord per poter godere dello splendido panorama, e la zona notte, posizionata invece verso Sud. Gli alloggi sono molto diversi tra loro ed ognuno di essi presenta una distribuzione caratteristica. Nelle tabelle viene riportarla la divisione di ogni alloggio in spazi collettivi, individuali e di servizio. ALLOGGIO 15 SPAZI MQ TOT. MQ % REL. COLLETTIVI Soggiorno 63,00 63,00 35% INDIVIDUALI Camera 1 24,20 Camera 2 18,25 79,55 44% Camera 3 17,10 Camera 4 20,00 DI SERVIZIO Bagno 1 6,78 Bagno 2 6,28 Bagno 3 5,60 Bagno 4 2,12 38,72 21% Ripostiglio 3,40 Cucina 10,00 Disimpegno 4,54 PERTINENZE Terrazzo 43,80 DEGLI ALLOGGI Cantina 7,60 66,40 / Box macchina 15,00 43

7 44

8 45

9 Dimensionamento degli spazi Il dimensionamento degli spazi viene rispettato quando ogni singolo alloggio ha una dimensione corrispondente alle esigenze dei nuclei familiari, determinata in relazione alla funzione che all interno dello spazio si svolge. Ogni alloggio può essere classificato all interno di una categoria dimensionale in funzione dei metri quadrati utili di superficie. Le unità abitative dell O.E.R. presi in analisi presentano le seguenti dimensioni: Alloggio 10: 92,40 mq Alloggio 11: 103,90 mq Alloggio 6: 139,70 mq Alloggio 7: 113 mq Alloggio 15: 200,30 mq Tutti e cinque gli alloggi risultano rientrare nella categoria degli alloggi grandi, se consideriamo che questi comprendono alloggi di dimensioni maggiori ai 90 mq. Un'altra caratteristica da rispettare è il dimensionamento minimo dei singoli vani di un alloggio; nella tabella che segue vengono riportati i valori minimi richiesti per ogni vano e i valori reali dei vani dell organismo edilizio residenziale analizzato. ALLOGGIO VANI DIMENSIONI PREVISTE [mq] DIMENSIONI REALI [mq] VERIFICATO Spazio individuale singolo 9 10,85 SI Spazio individuale matrimoniale 12 14,57 SI 10 Spazio collettivo ,64 SI Angolo Cottura 5,40/8 6,95 SI Spazio individuale singolo 9 12,29 SI Spazio individuale matrimoniale 12 15,00 SI 11 Spazio collettivo ,90 SI Angolo Cottura 5,40/8 6,30 SI 46

10 ALLOGGIO VANI DIMENSIONI PREVISTE [mq] DIMENSIONI REALI [mq] VERIFICATO Spazio individuale singolo 9 13,17 SI Spazio individuale matrimoniale 12 21,00 SI 6 Spazio individuale doppio 12/14 13,25 SI Cucina 5,40/8 9,00 SI Spazio collettivo ,76 SI Spazio collettivo ,36 SI Spazio individuale matrimoniale 12 19,00 SI 7 Spazio individuale singolo 9 13,10 SI Angolo Cottura 5,40/8 9,64 SI Spazio individuale singolo 9 18,25 SI Spazio individuale matrimoniale 12 24,20 SI Spazio individuale doppio 12/14 17,10 SI 15 Spazio individuale doppio 12/14 20,00 Si Spazio collettivo ,00 SI Cucina 5,40/8 10,00 SI Risulta evidente come anche il requisito del dimensionamento dei vani di un alloggio venga soddisfatto dall organismo edilizio residenziale considerato. Essendo uno stabile di nuova edificazione e destinato ad una clientela agiata, gli spazi dimensionati sono molto maggiori rispetto alle direttive della normativa. Alcuni spazi individuali doppi possono essere classificati come tripli oppure potrebbero cambiare destinazione d uso e svolgere attività diverse (es.: studio, zona relax, ). 47

11 Un altro requisito fondamentale previsto dalla normativa è il dimensionamento degli spazi di circolazione. Quindi una verifica necessaria da effettuare è il rapporto alzata-pedata, che deve rispettare la norma 2a+p= cm. Per effettuare questa verifica si sono ricavati dalle tavole i dati relativi ai due corpi che compongono l organismo in esame: il dislivello, ottenuto sommando all altezza degli alloggi lo spessore del solaio, e la pedata che è stata misurata direttamente dagli esecutivi. Nel fabbricato di nuova edificazione, per ogni piano sono previsti 20 gradini con un altezza ottenuta sommando all altezza degli alloggi (2,90 ml) lo spessore del solaio (34,5 cm). Risulta quindi un alzata pari a 16,25 cm e una pedata di 30 cm. Si ottiene cosi 2a+p=62,5 cm, che rientra negli standard previsti dalla normativa. Nello stabile di cui è stata prevista la ristrutturazione invece, per ogni piano sono previsti 21 gradini con un altezza ottenuta sommando all altezza degli alloggi (2,90 ml) lo spessore del solaio (58 cm). Risulta quindi un alzata pari a 16,6 cm e una pedata di 28 cm. Si ottiene cosi 2a+p=61,2 cm, che è leggermente inferiore a quello consigliato dalla normativa. Il benessere ambientale risulta essere un requisito a cui devono rispondere le prestazioni dell O.E.R. in esame. All interno di ogni singolo alloggio devono essere create condizioni ottimali per lo svolgimento delle specifiche attività che possono essere di pertinenza del nucleo di utenza. Tali condizioni corrispondono a precisi valoro dei paramenti: temperatura, umidità, areazione, ventilazione, purezza dell aria, illuminazione naturale, rumore interno. In particolare il microclima interno è direttamente collegato ai parametri: temperatura, umidità relativa e purezza dell aria. La zona di benessere può essere individuata all interno dei limiti 30/70% di umidita e 18/27 ᵒC. E necessario che la temperatura possa assumere un valore variabile tra 21 e 26 ᵒC nel periodo invernale e tra 20 e 25 ᵒC nel periodo estivo. Tale temperatura è ottenuta con un opportuno impianto termico. Per quanto riguarda l illuminazione naturale invece, i vani scale sono illuminati, di giorno, utilizzando dei captatori di luce solare capaci di concentrarla in fibre ottiche, che la trasportano all interno dell edificio. Ove serve la luce diffusa è espansa da appositi corpi illuminanti. Il risultato è di avere illuminate zone cieche intercluse, con la luce del giorno, senza costo energetico. Inoltre per dare illuminazione naturale al centro degli appartamenti più grandi sono stati creati due pozzi di luce di 9 mq. La determinazione dei livelli di illuminazione minima per gli organismi edilizi residenziali sono regolarizzati dalla normativa attraverso la definizione del rapporto aeroilluminante. Questo rapporto impone che l area della superficie finestrata apribile non sia inferiore a 1/8 della superficie utile del pavimento. Nella tabella che segue viene dimostrato se tale requisito viene verificato. ALLOGGIO 10 VANI SUP.UTILE PAVIMENTO (mq) SUP. FINESTRATA (mq) RAPPORTO VERIFICATO Soggiorno 34,59 12,29 0,355 SI Camera 1 14,57 1,836 0,127 SI Camera 2 10,85 1,836 0,169 SI Bagno 1 4,63 / / / Bagno 2 3,83 / / / 48

12 ALLOGGIO 11 VANI SUP.UTILE PAVIMENTO (mq) SUP. FINESTRATA (mq) RAPPORTO VERIFICATO Soggiorno 47,20 13,80 0,292 SI Camera 1 15,00 2,10 0,140 SI Camera 2 12,29 2,10 0,171 SI Bagno 1 6,36 1,05 0,165 SI Bagno 2 4,96 1,69 0,341 SI ALLOGGIO 6 VANI SUP.UTILE PAVIMENTO (mq) SUP. FINESTRATA (mq) RAPPORTO VERIFICATO Soggiorno + cucina 51,76 19,17 0,370 SI Camera 1 13,17 1,69 0,128 SI Camera 2 13,25 1,69 0,128 SI Camera 3 21,00 1,69 0,081 NO Bagno 1 6,31 0,66 0,105 Si (*) Bagno 2 5,00 / / / ALLOGGIO 7 VANI SUP.UTILE PAVIMENTO (mq) SUP. FINESTRATA (mq) RAPPORTO VERIFICATO Soggiorno 49,00 22,92 0,468 SI Camera 1 13,10 1,69 0,129 SI Camera 2 19,00 1,69 0,089 NO Bagno 1 4,76 0,66 0,139 SI Bagno 2 4,65 / / / ALLOGGIO 15 VANI SUP.UTILE PAVIMENTO (mq) SUP. FINESTRATA (mq) RAPPORTO VERIFICATO Soggiorno + Cucina 73,00 22,71 0,311 SI Camera 1 24,20 3,67 0,152 SI Camera 2 18,25 2,30 0,126 SI Camera 3 17,10 2,30 0,135 SI Camera 4 20,00 3,37 0,169 SI Bagno 1 6,78 1,69 0,249 SI Bagno 2 5,60 1,05 0,188 SI 49

13 Dall analisi appena svolta si evince come il requisito di illuminazione naturale sia quasi sempre verificato e inoltre una nota molto positiva è il fatto che soprattutto negli spazi collettivi i rapporti siano molto maggiori rispetto a quelli minimi richiesti. Nel Decreto Ministeriale 5 luglio 1975 sulla determinazione dei livelli di illuminazione minimi, l art. 5 che stabilisce il rapporto aeroilluminante fa eccezione per gli spazi destinati ai servizi igienici (*), per i quali non è necessario che venga rispettato. Arredabilità Tale requisito prevede che in tutti gli alloggi debba essere garantito un sufficiente grado di arredabilità (tenuto conto dei vincoli edilizi e impiantistici) e si ritiene soddisfatto se nella progettazione degli spazi sono previste almeno due soluzioni differenti di arredo e se ogni soluzione è tale da non creare ostacoli all illuminazione naturale ed interferenze con gli impianti. La forma, la distribuzione e la posizione prevista dagli arredi e le attrezzature negli spazi non di servizio dovrà consentire un ampia gamma di opzioni d uso. E realizzato se: Nello spazio collettivo possono essere collocati un tavolo, delle poltrone corrispondenti al numero degli utenti e dei contenitori, Lo spazio individuale singolo deve contenere un letto singolo, un tavolo, un contenitore; Lo spazio individuale matrimoniale deve contenere un letto matrimoniale, un contenitore, un tavolo; Lo spazio individuale doppio deve contenere due letti singoli, un tavolo, dei contenitori; Lo spazio di servizio destinato all igiene personale è soddisfatto se contiene un WC, un bidet, un lavandino, una doccia/vasca; Lo spazio di servizio destinato alla produzione di cibo deve contenere dei moduli di lavoro, deve essere illuminato, areato e infrastrutturato. Rendering arredo interno Rendering arredo interno 50

14 51

15 52

16 53

17 54

18 Visitabilità Secondo quanto riportato nell art.2 del DM giugno 1989, per visitabilità si intende la possibilità, anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di accedere agli spazi di relazione e ad almeno un servizio igienico di ogni unità immobiliare. All art.3.4 a) si legge che il requisito di visitabilità si intende soddisfatto se il soggiorno o il pranzo, un servizio igienico ed i relativi percorsi di collegamento interni alle unità immobiliari sono accessibili. Secondo quanto riportato nell art , affinché il servizio igienico risulti fruibile da una persona con ridotta capacità motoria deve essere consentito almeno il raggiungimento di una tazza wc e di un lavabo. Lo spazio necessario all accostamento frontale della sedia a ruote al lavabo deve essere minimo di 80 cm misurati dal bordo del lavabo; lo spazio necessario all accostamento e al trasferimento laterale della sedia a ruote alla tazza wc deve essere minimo di 100 cm, misurati dall asse dell apparecchio sanitario. Altri requisiti importanti per la visitabilità, anche se non necessari, ma che l organismo edilizio analizzato risulta possedere sono: larghezza minima della porta d ingresso di 80 cm; larghezza minima dei corridoi di 100 cm; spazio per l accostamento frontale al lavabo; larghezza minima delle scale di 80 cm; ampia possibilità di manovra al piano terra. Oltre al requisito di visitabilità è necessario che l organismo residenziale in analisi soddisfi altri due requisiti spaziali: Accessibilità: si intende la possibilità, anche per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di raggiungere l'edificio e le sue singole unità immobiliari e ambientali, di entrarvi agevolmente e di fruire spazi e attrezzature in condizioni di adeguata sicurezza e autonomia; Adattabilità: Per adattabilità si intende la possibilità di modificare nel tempo lo spazio costruito a costi limitati, allo scopo di renderlo completamente ed agevolmente fruibile anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale. Per barriere architettoniche si intendono: gli ostacoli fisici che sono fonte di disagio per la mobilità di chiunque ed in particolare di coloro che, per qualsiasi causa, hanno una capacità motoria ridotta o impedita in forma permanente o temporanea; gli ostacoli che limitano o impediscono a chiunque la comoda e sicura utilizzazione di parti, attrezzature o componenti; la mancanza di accorgimenti e segnalazioni che permettono l'orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo per chiunque e in particolare per i non vedenti, per gli ipovedenti e per i sordi. Ai fini del superamento e dell eliminazione delle barriere architettoniche, dovrà essere garantito il requisito dell accessibilità agli spazi esterni e agli spazi comuni o di relazione e ad un WC, e il requisito dell adattabilità. 55

19 L organismo edilizio progettato presenta le seguenti caratteristiche: Gli eventuali dislivelli nei percorsi esterni vengono superati con una soglia 2,5 cm o con rampe di pendenza al 8%; L ascensore di ognuno dei due fabbricati risulta avere una cabina con dimensioni minime di 120 cm di profondità e 80 cm di larghezza; Le porte d accesso e le porte interne presentano una luce netta maggiore o uguale a 80 cm; le maniglie sono poste ad un altezza variabile da terra dagli 85 ai 95 cm; Le scale interne hanno una larghezza maggiore o uguale a 120 cm; I campanelli, i pulsanti di comando, i citofoni e gli altri terminali degli impianti sono installati alle dovute altezze (tra i 40 e 140 cm); Tutte le stanze adibite a locali abitabili presentano dimensioni tali da garantire l'accessibilità senza impegni specifici sul piano dell'arredamento; Nei terrazzi è garantita la rotazione di una sedia a rotelle di 360ᵒ. Gli spazi di manovra, atti a consentire determinati spostamenti alla persona su sedia a rotelle, sono i seguenti: Rotazione di 360ᵒ (Cambiamento di direzione) Rotazione di 180ᵒ (Inversione di direzione) Rotazione di 90ᵒ Svolta di 90ᵒ Inversione di direzione con manovre combinate La visitabilità dei servizi igienici non viene quasi mai garantita; ma in conclusione si può affermare che il fabbricato è accessibile e adattabile a costi contenuti alle necessità delle persone con ridotte o impedite capacità motorie. L adattabilità è ottenuta tramite l'esecuzione differita nel tempo di lavori che non modificano né la struttura portante né la rete degli impianti, garantendo pertanto il soddisfacimento dei requisiti previsti dalle norme. La disposizione dei servizi igienici dei vari alloggi analizzati può essere facilmente modificata al fine di soddisfare il superamento delle barriere architettoniche e il possibile utilizzo da parte dei portatori di handicap. 56

20 57

21 58

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BASILICATA POLO DI MATERA Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura (Classe 4/S) CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza)

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza) Prot. 27547 Lissone, 3/6/2016 DISPOSIZIONI IN MERITO ALL ACCESSIBILITÀ DEI DISABILI AI LOCALI O SPAZI IN EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO PREMESSO che l art. 1, del Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica di conformità alla L.S. n 13/89, D.M. n 236/89 e DGRV 509/ 10. Disposizioni per favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici. Proprietà/Locatore

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto)

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. " Prescrizioni tecniche necessarie a

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli:

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli: 1. PREMESSA Il presente progetto preliminare prevede la risoluzione sia delle problematiche evidenziate a seguito del verbale di sopralluogo effettuato dalla ASL 10 Firenze - Commissione di vigilanza sulle

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs)

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs) Mazzano (Bs) li, 27 febbraio 2012 Al Signor Sindaco del Comune di Mazzano (Bs) Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO

Dettagli

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA PERMESSO DI COSTRUIRE in parziale Sanatoria ed in Variante al P.d.C. n. 759/7 del 06/08/2010 EDIFICI A1 e A2 del P.U.O. PROGETTO PER NUOVE RESIDENZE IN

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236.

RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. "Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE

BARRIERE ARCHITETTONICHE Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) rea Servizi al Territorio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZI BRRIERE RCHITETTONICHE 1 DICHIRZIONE DI CONFORMIT I SENSI

Dettagli

Ci sono dei luoghi ai quali torniamo. Dopo una vacanza, dopo il lavoro o dopo tanto tempo, ci torniamo con piacere. Luoghi e dintorni nei quali, i

Ci sono dei luoghi ai quali torniamo. Dopo una vacanza, dopo il lavoro o dopo tanto tempo, ci torniamo con piacere. Luoghi e dintorni nei quali, i Ci sono dei luoghi ai quali torniamo. Dopo una vacanza, dopo il lavoro o dopo tanto tempo, ci torniamo con piacere. Luoghi e dintorni nei quali, i nostri sensi sono circondati da un affetto quotidiano.

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

COSTRUIAMO LA TUA CASA

COSTRUIAMO LA TUA CASA VENDITA DIRETTA - 0432 575379 Visione d insieme ville D ed E Due ville di pregio e qualità a Godia nella immediata periferia Nord-Est di Udine con vista diretta sulle prime propaggini delle Alpi Orientali

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di Alto Adige per tutti - www.altoadigepertutti. Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.it eccellente asfalto, cemento distanza dall'ingresso

Dettagli

REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE

REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE SCHEDA DI ANALISI PRESTAZIONALE DEL SISTEMA AMBIENTALE Unità immobiliare Planimetria edificio e contesto: orientamento e caratteri del sito SCHEDA DI ANALISI

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

1.INDICE DI AFFOLLAMENTO:

1.INDICE DI AFFOLLAMENTO: TIPOLOGIA ABITATIVA L abitazione è uno spazio organizzato, diviso in stanze in cui vive una famiglia. Può essere un appartamento o una casa autonoma. 1. APPARTAMENTO abitazione indipendente all interno

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATI: MULTISALA FITNESS OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 INQUADRAMENTO GENERALE I fabbricati oggetto dell attuale presentazione di variante

Dettagli

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda)

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda) Principali norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua ; Guida CEI 64-50 Guida

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto

MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto VENDITA MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto CHALET situato a Pecetto. Due ingressi indipendenti al piano rialzato danno la possibilità di accedere allo chalet. Al piano rialzato si trova un ampio soggiorno,

Dettagli

COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ASSSETTO DEL TERRITORIO SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE REALIZZAZIONE FABBRICATO EDILIZIA SPERIMENTALE IN ZONA GELSI FSC FONDO PER

Dettagli

Relazione tecnica. La proprietà dell immobile risulta della Società Città Nuova Srl con sede in Cagliari Via dei Falconi n. 45.

Relazione tecnica. La proprietà dell immobile risulta della Società Città Nuova Srl con sede in Cagliari Via dei Falconi n. 45. Oggetto: Variante alla concessione edilizia ai sensi dell Art. 5 della L.R. 04/2009 di un fabbricato ad uso residenziale sito a Quartu Sant Elena in via Dante angolo via Ravenna. Relazione tecnica Dati

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA HOTEL REGINA Via Torino, 6 - Forte dei Marmi (Lu) Tel. +39 0584.787.451 - info@hotelreginaforte.it - www.hotelreginaforte.it TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte

Dettagli

Pavimenti Tutti i pavimenti, in ciascun piano, sono piani e complanari e le pavimentazioni antisdrucciolevoli secondo le seguenti prescrizioni:

Pavimenti Tutti i pavimenti, in ciascun piano, sono piani e complanari e le pavimentazioni antisdrucciolevoli secondo le seguenti prescrizioni: 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

lide Elid Elid E VILLA Elide

lide Elid Elid E VILLA Elide VILLAElide Villa Elide sorge su un area di tremila metri quadrati che si affacciano direttamente sul Lago di Garda, più precisamente ad una distanza di circa settecento metri dal centro storico di Desenzano.

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO TAVOLA: 9 COMUNE DI SANSEPOLCRO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO Edificio Via N. Aggiunti n. 90 TITOLO TAVOLA: ASSEVERAZIONE L. 13/89 COMMITTENTE: FINTRUCKS S.p.a Ing. Bacchi Camillo PROGETTISTA: Dott. ENRICO

Dettagli

1. STRUTTURE 2. CHIUSURE ESTERNE

1. STRUTTURE 2. CHIUSURE ESTERNE SCOMPOSIZIONE TECNICA di un EDIFICIO Didattica nov122012 L involucro edilizio è un elemento architettonico che delimita l organismo costruttivo e strutturale, come fosse una scatola la cui funzione è di

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni tecniche di riferimento sono contenute nella circolare ministeriale

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE del 9/1/89 n. 13, D.M. del 14/6/89 n. 236, D.P.R. del 24/7/96 n.503 Dgrv n.509 del 2/3/2010 Allegato A Dgrv n.1428 del 6/9/2011 Allegato A e B RELAZIONE Tecnico- Illustrativa

Dettagli

abbattimento delle Barriere Architettoniche

abbattimento delle Barriere Architettoniche Laurea Specialistica in Ingegneria Edile abbattimento delle Barriere Architettoniche Progettazione e sicurezza dei luoghi di lavoro Disabili Il primo provvedimento italiano inerente le barriere architettoniche

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE DEVE ESSERE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

Altezze interne dei locali esistenti di vecchia costruzione

Altezze interne dei locali esistenti di vecchia costruzione Segnalazioni Settore Studi, Regolamenti e Programmi Attuativi in materia Urbanistica settembre 2003 Altezze interne dei locali esistenti di vecchia costruzione Altezze interne: la Regione cambia i minimi

Dettagli

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche COMUNE DI CANTU Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche dicembre 2015 REGOLAMENTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE ECONOMICA DEGLI

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici Distacchi stradali a) Per l < 7,00 m d = 5,00 m b) Per 7,00 m = l = 15,00 m d = 7,50 m c) Per l > 15,00 m d = 10,00

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA Poiché la nostra figura professionale in questa situazione è solo quella di tecnico-esecutivista e non di consulente progettuale, durante gli incontri che si terranno,

Dettagli

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a NOME STRUTTURA Hotel Domina Cassia LOCALITA Roma TELEFONO 0039 063035931 E-MAIL romacassia@domina.it DATA 11/02/2006 RESPONSABILE STRUTTURA SITO WEB www.dominaromacassia.com RILEVATORE Passetto L. LA STRUTTURA

Dettagli

Golf Homes Appartamenti per gli amanti del golf e della natura

Golf Homes Appartamenti per gli amanti del golf e della natura Golf Homes Appartamenti per gli amanti del golf e della natura EAGLE - BIRDIE - PAR - TEE - FAIRWAY - GREEN - DRIVER - PUTTER 335 39 88 39 - info@golfhomes.it - golfhomes.it Il contesto La villa, composta

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene ALBERGHI Tipologia di locali che devono essere presenti (condizione minima richiesta per alberghi ad una *): A Locale ricevimento portineria informazioni B camere C servizi igienici comuni/servizi igienici

Dettagli

LE NOSTRE PROPOSTE IMMOBILIARI DELLA SETTIMANA

LE NOSTRE PROPOSTE IMMOBILIARI DELLA SETTIMANA LE NOSTRE PROPOSTE IMMOBILIARI DELLA SETTIMANA MINIAPPARTAMENTI Udine (centro) PROPOSTA N.2009 MINI ALL'ULTIMO PIANO. In signorile condominio, al 7 ed ultimo piano, dotato di ascensore, disponiamo di un

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI sala polivalente/cento sociale ricreativo utilizzo di cicli Schema tratto da AA.VV., Enciclopedia pratica per PROGETTARE COSTRUIRE 8 ed. - Hoepli. pag. 28 ERGONOMIA E DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

Via Bonaventura Cavalieri, 9 11

Via Bonaventura Cavalieri, 9 11 Via Bonaventura Cavalieri, 9 11 In zona Massarenti, a due passi dall Ospedale S.Orsola, NUOVO contesto residenziale composto da tre palazzine con ampi spazi verdi comuni, architettura dal design moderno,

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

Livello 2 - Non sono previste modifiche al progetto precedentemente approvato.

Livello 2 - Non sono previste modifiche al progetto precedentemente approvato. RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Le modifiche cui si riferisce la presente richiesta di variante non sono sostanziali e sono conseguenti principalmente agli aggiustamenti progettuali per adeguarsi alle strutture

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA DEVE ESSERE PRESENTE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

Majestic Mansion sogno 08171, Sant Cugat del Valles, Spagna () Sup. 942 m2 / Appezzamento: 1168 m2 / Locali: 7 / Bagni: 7 Prezzo: 2.350.

Majestic Mansion sogno 08171, Sant Cugat del Valles, Spagna () Sup. 942 m2 / Appezzamento: 1168 m2 / Locali: 7 / Bagni: 7 Prezzo: 2.350. Tipo operazione Vendita Tipo di immobile Casa / Villa / Villetta Metratura 942 m2 Appezzamento 1168 m2 Locali 7 Bagni 7 Prezzo 2.350.000 Riferimento Pagina 1 di 27 Descrizione della proprietà Torre impressionante

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

Allegato A) MAGGIORAZIONE DEL COSTO MASSIMO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO PER GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE, RECUPERO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Allegato A) MAGGIORAZIONE DEL COSTO MASSIMO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO PER GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE, RECUPERO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Allegato A) MAGGIORAZIONE DEL COSTO MASSIMO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO PER GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE, RECUPERO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA 1) NUOVA COSTRUZIONE Di seguito sono indicate le opere,

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico Dipartimento di Altezza dei locali REQUISITI L altezza del locale,

Dettagli

L edificio oggetto di intervento è situato a Pisa, in via San Benedetto n.10/12.

L edificio oggetto di intervento è situato a Pisa, in via San Benedetto n.10/12. Progetto di ricerca Dottorato in Scienze e Tecniche dell Ingegneria Civile dell Università di Pisa su proposta di APES scpa su un campione di edifici di Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di

Dettagli

BUNGALOW TIPO B (max 4 persone)

BUNGALOW TIPO B (max 4 persone) Prezzi giornalieri campeggio 2014 05/04-12/07 12/07-23/08 23/08-30/09 Per persona 5.80 6.20 5.80 Bambini fino 2 anni gratis/free gratis/free gratis/free Bambini fino 6 anni 4.90 5.20 4.90 Piazzola per

Dettagli

GLI AMBIENTI DELLA CASA

GLI AMBIENTI DELLA CASA GLI AMBIENTI DELLA CASA La casa è da sempre il luogo dei nostri momenti più intimi, il riparo dal caos del mondo esterno, crogiolo di profumi, luci e colori che ci avvolgono in un senso di profondo benessere,

Dettagli

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO Mercoledì 16 ottobre 1996 L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO PREMESSA Tutti i provvedimenti che oggi fanno parte dell intero quadro di normative che regolamentano i comportamenti

Dettagli

Le unità ambientali : definizione

Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali (UA) rappresentano insiemi di attività compatibili funzionalmente e strettamente relazionate tra di loro in rapporto alle modalità di fruizione da

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Tabelle millesimali di condominio Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/0 Prof. Romano Oss Condominio: quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca dimensionamento tavoli per lettura/consultazione testi e ricerca per biblioteca o

Dettagli

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 . COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 oggetto : relazione tecnica ai sensi della Legge 13/89 allegata alla richiesta di permesso di costruire diretto convenzionato

Dettagli

el 1912 Ponte di Legno viene definita prima stazione italiana di turismo e sport invernali. Oggi è una stazione turistica attrezzata per tutto l

el 1912 Ponte di Legno viene definita prima stazione italiana di turismo e sport invernali. Oggi è una stazione turistica attrezzata per tutto l VILLA RAFFAELLA el 1912 Ponte di Legno viene definita prima stazione italiana di turismo e sport invernali. Oggi è una stazione turistica attrezzata per tutto l anno. Per l estate offre diverse alternative

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

VENDITA > APPARTAMENTI-CASE-ATTICI > Noventa di Piave (VE) Centro Appartamento, 2 camere, garage e cantina

VENDITA > APPARTAMENTI-CASE-ATTICI > Noventa di Piave (VE) Centro Appartamento, 2 camere, garage e cantina VENDITA > APPARTAMENTI-CASE-ATTICI > Noventa di Piave (VE) Centro Appartamento, 2 camere, garage e cantina DESCRIZIONE L immobile è ubicato nel centro del Comune di Noventa di Piave, in zona facilmente

Dettagli

BORGO IL POGGIOLO TODI (PG)

BORGO IL POGGIOLO TODI (PG) BORGO IL POGGIOLO TODI (PG) La seguente Offerta Immobiliare tratta la vendita di un complesso residenziale di nuova realizzazione dal nome BORGO IL POGGIOLO, ubicato nelle vicinanze di Todi (PG) da cui

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

Nuovo Regolamento Edilizio

Nuovo Regolamento Edilizio CITTA DI CESANO MADERNO PROVINCIA DI MILANO Nuovo Regolamento Edilizio Allegato tecnico LINEE GUIDA PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE modificato a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni

Dettagli