Gestire la crisi di liquidità con le procedure concorsuali dopo la Legge 134/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestire la crisi di liquidità con le procedure concorsuali dopo la Legge 134/2012"

Transcript

1 Gestire la crisi di liquidità con le procedure concorsuali dopo la Legge 134/2012 Ordine Dottori Commercialisti Tortona Dott. Marcello Pollio Studio Pollio & Associati Genova e Milano Commercialisti e revisori legali Tortona, 5 dicembre 2012

2 Quali esigenze delle imprese (in crisi) Liquidare Risanare valutare Uscire dal mercato e dissolvere l azienda Restare nel mercato e/o salvare l azienda proteggendo il patrimonio, l azienda e imprenditore (prendendo tempo per studiare la strategia) Ristrutturare il debito Nuova finanza

3 Quali strumenti (negoziali) della crisi Piano attestato art. 67, co.3, lett. d. STAND STILL PARZIALE Accordi Ristrutturazione art. 182 bis STAND STILL / automatic stay TOTALE Concordato Preventivo (e in bianco ) Concordato in Continuità Liquidazione fallimentare Consente di risanare/ ristrutturare (anche) in situazioni di insolvenza

4 IN IPOTESI DI CONTINUITA AZIENDALE IN IPOTESI DI LIQUIDAZIONE AZIENDALE in via extra giudiziale in via giudiziale in via extra giudiziale in via giudiziale Piano attestato di risanamento (ex art. 67 l.f.) o Accordi di ristrutturazione dei debiti (ex art. 182 bis l.f.) Concordato preventivo in continuità aziendale (ex art. 186 bis l.f.) Accordi di ristrutturazione dei debiti (ex art. 182 bis l.f.) Concordato preventivo liquidatorio (ex art. 160 l.f.)

5 Quale utilizzo nel triennio Incidenza della tipologia dello strumento rispetto agli accordi di continuità conclusi dal Gruppo MPS (Fonte Monte Paschi di Siena) Conc 0% Art. 182 bis 5% Altro 29% Art % Conc 1% Art. 182 bis 9% Altro 19% Art % Conc 7% Art. 182 bis 21% Altro 17% Art % Il piano di risanamento attestato nel quadriennio lo strumento preponderante di soluzione della crisi. Dopo la ulteriore riforma del 2010 è stato incentivato l utilizzo degli accordi 182 bis ed ha cominciato a prendere piede il concordato di continuità, ora definitivamente regolamentato dall art. 186 bis l.f. introdotto dalla L. 134/12.

6 L introduzione delle novità dal Decreto Crescita (in vigore dall ) ha stravolto l uso del concordato preventivo

7 Quando utilizzare i diversi strumenti Tutti gli strumenti richiedono un piano attestato Art. 182 bis e 186 bis L.F. Art. 160 liquidatorio L.F. Art. 118 L.F. Concordato Fallimentare Prima si sceglie di intervenire e maggiori sono le probabilità di salvataggio dell impresa e di tutela della continuità aziendale. OGGI l intervento anticipato per superare le crisi è agevolato dalle novità introdotte dal decreto crescita (DL 83/2012 conv. In L. 134/2012) soprattutto con il C.P. o ADR

8 Agenda ü Le novità «in pillole» del D.L. sviluppo ü Il nuovo meccanismo dell automatic stay e i «tempi» degli strumenti anti crisi ü Il Piano in continuità e la sua «credibilità» ü La generazione di liquidità attraverso la moratoria endo concorsuale ü Le novità in tema di concordato preventivo (liquidatorio e in continuità aziendale) ü Le nuove attestazioni e la responsabilità dei professionisti ü Le novità fiscali per il debitore e i creditori

9 Le novità «in pillole» del D.L. sviluppo

10 Quali finalità Quali interventi Evitare il fallimento delle imprese Strumenti negoziali per il superamento della crisi Sostenere la continuità aziendale Rafforzare la protezione immediata del patrimonio del debitore in crisi Anticipare la crisi evitando la liquidazione delle imprese Aumentare appeal fiscale strumenti negoziali non concorsuali Finanziamenti, pagamenti e tutela del capitale (accordi di ristrutturazione e concordato) Ruolo professionista attestatore Nuovo regime delle perdite del capitale sociale Agevolazioni fiscali per strumenti negoziati della crisi Le nuove disposizioni si applicano a procedure (e strumenti) introdotte (elaborati) a partire dall 11 settembre 2012 (agevolazioni fiscali a decorrere da esercizio 2012)

11 NUOVA DISCIPLINA PERDITE CAPITALE SOCIALE <<sterilizzazione>> (limitata nel tempo) del regime codicistico di tutela dell integrità del capitale sociale) dal dal deposito del ricorso introduttivo all omologazione del concordato o dell accordo di ristrutturazione sospensione della causa di automatico scioglimento della società (non si applicano ,, 2447; 2482 bis 4 5 6, 2482 ter. sospensione dei conseguenti obblighi, gravanti sugli amministratori, di messa in liquidazione e di compimento dei soli atti conservativi

12 PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO (facoltà di) Pubblicità del Piano nel R.I. (art. 67, c. 3, lett. d, l.f.) Vantaggi fiscali in caso di falcidia dei debiti (per il debitore) (art. 88, c. 4, tuir) Nuovi presupposti per professionista che attesta il piano e nuovi criteri di attestazione (art. 67, c. 3, lett. d, l.f.)

13 ACCORDI (E PRE-ACCORDI) DI RISTRUTTURAZIONE (estensione) automatic stay in caso di richiesta omologa (art. 182 bis, co. 3, l.f.) (introdotta) moratoria pagamento creditori estranei (art. 182 bis, co.1, l.f.) semplificata richiesta di pre-accordo di ristrutturazione (non necessario Piano) (art. 182 bis, co. 6, l.f.) (possibilità) passaggio dal (pre) accordo al concordato preventivo (percorso ad x - artt. 161, co. 6 e 182 bis, u.c., l.f.) Vantaggi fiscali in caso di falcidia dei debiti (per il debitore e per il creditore) (artt. 88, c. 4 e 102, c. 5 tuir)

14 CONCORDATO PREVENTIVO (1) (obbligo allegazione) Piano (art. 161, co. 2, lett. e, l.f.) (obbligo) nuova attestazione in caso di modifiche sostanziali proposta (art. 161, co. 3, l.f.) (introduzione) domanda di pre-concordato (art. 161, co. 6, l.f.) (possibilità) passaggio dal (pre)concordato all accordo di ristrutturazione (percorso ad X - artt. 161, co. 6 e 182 bis, u.c., l.f.) atti gestori (ordinari e straordinari) nel periodo interinale (art. 161, co. 7, l.f.) intensificazione automatic stay (art. 168, co. 1 e 3. l.f.)

15 CONCORDATO PREVENTIVO (2) (specifica disciplina) contratti pendenti (art. 169 bis, l.f.) formazione ed effetti votazione creditori (art. 178, l.f.) ruolo commissario giudiziale (art. 179, c. 3, l.f.) (estensione) cram down nel giudizio di omologa (art. 180, co. 4, l.f.) (decorrenza) effetti concordato omologato (artt. 168, co. 1 e 184, co. 1, l.f.) (specifica disciplina) concordato con continuità (art. 186 bis, l.f.)

16 FINANZIAMENTI E PAGAMENTI (*) (prededucibilità) finanziamenti esecutivi e funzionali (art. 182 quater, l.f.) (autorizzazione a contrarre) futuri finanziamenti prededucibili (art. 182 quinquies, l.f.) (autorizzazione al) pagamento di creditori anteriori strategici (art. 182 quinquies, co. 4 e 5, l.f.) (*) in caso di Accordi di ristrutturazione e Concordati

17 RUOLO PROFESSIONISTA ATTESTATORE (chiariti) modalità e requisiti nomina (precisata) oggetto attestazione (ed obbligo rilascio nuova attestazione) (ampliato) ruolo attestatore (ante e dentro le attestazioni) (introdotto) regime di responsabilità penale (art 236 bis l.f.)

18 FISCALITA PIANI ATTESTATI E ACCORDI Detassazione (parziale) «bonus» da ristrutturazione per il debitore (art. 88. co. 4. t.u.i.r.) Deduzione (immediata) perdita per il creditore (nell ambito di ADR) (art. 101 co. 5. t.u.i.r.)

19 Il nuovo meccanismo dell automatic stay e i «tempi» degli strumenti anti crisi

20 La protezione del patrimonio BLOCCO aggressioni creditori (ombrello protettivo) Domanda di pre accordo Art. 182 bis, co. 6, l.f. Domanda di concordato preventivo <<in bianco>> Art. 160, co. 6, l.f. Dalla pubblicazione del pre accordo nel R.I. (art. 182 bis) Dalla pubblicazione del ricorso nel RI (art. 168) Il decreto crescita ha intensificato la PROTEZIONE del patrimonio del debitore introducendo la domanda di concordato in bianco molto più semplice della documentazione prevista per richiesta pre accordo 182 bis

21 PIANO ATTESTATO: TEMPI (1) 67, III c., lett. d) Iscrizione R.I. efficacia immediata 30 gg

22 ACCORDI RISTRUTTURAZIONE: TEMPI (2) automa=c stay 182bis Prenotazione c.6 Udienza c.7 domanda di omologazione cc. 2-8 opposizioni c.4 Omologa entro i 30 gg pericolo ripresa azioni esecu.ve Omologa oltre i 30 gg 120 gg pagamento dissenzien= 30 gg

23 CONCORDATO PREVENTIVO: TEMPI (3) automa=c stay 160 ss. Prenotazione c gg deposito del piano aaestato c. 1 ca 60/90 gg Udienza 174 LF 20 gg Voto tardivo 174 LF ca 60/90 gg Opposizioni 180 LF omologa fino 12 mesi inizio pagamen= secondo piano 30 gg

24 Il Piano in continuità e la sua «credibilità»

25 GLI ELEMENTI DEL PIANO IN CONTINUITÀ piano industriale (commerciale, della produzione e degli investimenti) piano ristrutturazione dei debiti pregressi piano fonti finanziarie a supporto del risanamento proiezioni economico-finanziarie (conto economico previsionale, piano finanziario e stato patrimoniale previsionali) Rappresentazione della cassa (generata dalla continuazione dell attività e dalla dismissione di assets non strategici) al servizio dei debito da ristrutturare e beneficio della continuità aziendale rispetto alle ipotesi di liquidazione dei beni

26 L OBIETTIVO DI OGNI PIANO DI RISANAMENTO Ogni piano di risanamento che persegue obiettivi di continuità aziendale (piani attestati, accordi di risanamento o concordati preventivi con continuità) dovrebbe perseguire i seguenti obiettivi di massima: 1. Mantenere ove possibile una redditività positiva, evitando il formarsi di perdite tali da superare il limite minimo del capitale sociale (art. 2482ter o 2447 C.C.); 2. Generare una quantità di liquidità tale da soddisfare, per ogni anno di piano, le esigenze dei creditori, anche mediante le proposte del piano stesso; 3. Facilitare la riduzione tendenziale indebitamento; 4. Favorire il mantenimento e creazione di valore.

27 LA CREDIBILITÀ DI UN TURNAROUND PLAN Riguarda la dimensione industriale e non può prescindere dalla definizione di scenari previsionali prudenti conservativa evoluzione di ricavi e marginalità giustificabili in termini di: - ipotesi di ristrutturazione industriale - confronto con i trascorsi il piano è l oggetto principale della valutazione della funzione restructuring (banche)

28 Le novità in tema di concordato preventivo (liquidatorio e in continuità aziendale)

29 1) Effetti ex art. 168 L.F. - Divieto inizio o prosecuzione azioni esecutive - Divieto inizio o prosecuzione azioni cautelari - (correlata) Sospensione prescrizioni ed impedimento decadenze - Inefficacia acquisizione di titoli di prelazione (salva autorizzazione del giudice ex art. 167 l.f. (quindi dopo apertura procedura) - Inefficacia iscrizione ipoteche giudiziali iscritte nei 90 gg anteriori alla pubblicazione del ricorso nel R.I. Moratoria a carico dei creditori (tutti) anteriori per tutta la durata Pubbl. ricorso MORATORIA: 240 GG Omologa (definitività) X X + 1 (X + 1) (+ 60) Dep. ricorso

30 2) Il Piano di concordato: (art. 161, co. 2, lett. e) Documento separato dal ricorso, ad esso allegato e contenente la descrizione analitica delle modalità e dei tempi di adempimento della proposta Il contenuto del Piano è rimesso alla discrezione del debitore,in ragione del tipo di concordato (e di ristrutturazione del debito)

31 3) Distinzione tra «Piano» e «Proposta» Proposta e Piano sono elementi collegati ed indispensabili Offerta di impegno satisfattivo dei debiti, diverso da quello originario Programma di azioni e comportamenti per il realizzo della proposta ai creditori La Proposta deve poggiare sul Piano Connotazione giuridica Connotazione aziendalistica

32 4) Il concordato in bianco (art cc. 7 10) Consiste nel prenotare uno strumento negoziale di risoluzione della crisi (concordato preventivo o accordo di ristrutturazione) anticipando gli effetti TIPIZZATI del concordato (moratoria e protezione del patrimonio) Obiettivo è FAVORIRE il (tentativo) di superamento della crisi al riparo dalle aggressioni dei creditori

33 Lo schema di funzionamento ed il percorso «ad X» DOMANDA CP IN BIANCO X X + (da 60 a 120 gg. pror. di 60gg) Integro domanda per accedere al concordato (liquidatorio o con continuità) In alternativa Propongo omologa accordo di ristrutturazione Moratoria e protezione patrimonio Moratoria e protezione patrimonio proprie dello strumento che scelgo Non faccio nulla (mi espongo ad istanza di fallimento) Il termine per integrare la domanda: - è fissato dal giudice con apposito decreto - è di 60 gg (prorogabili di 60 gg) se è pendente una istanza di fallimento

34 Peculiarità istituto - Il termine (per integrare la domanda) dovrà essere fissato in base alle esigenze (motivate) del debitore - l ombrello protettivo dovrebbe agire come un vero e proprio AUTOMATIC STAY (senza potere discrezionale del tribunale) - Il debitore può continuare a gestire l impresa nel periodo interinale ma sotto il controllo del tribunale - La legge prevede dei meccanismi anti abuso e limitazioni di accesso Esistono già indirizzi e giurisprudenza sul corretto utilizzo dell istituto

35 Inammissibilità La domanda è inammissibile quando: Il debitore, nei 2 anni precedenti, ha presentato analoga domanda cui non ha fatto seguito l apertura del concordato o l omologazione dell accordo di ristrutturazione Tale preclusione non impedisce l accesso al ricorso per l ammissione al concordato

36 Contenuto minimo della domanda (ricorso) secondo l indirizzo più restrittivo (T. Tortona 8/10/2012) Art. 125 c.p.c. (chiara la domanda ) Visura Camerale (*) Determina ex art. 152 l.f. (*) 3 bilanci esercizi predenti (*) (Situazione aggiornata) Illustrazione e documentazione impegni negoziali di terzi e/o indicazioni elementi/informazioni imprescindibili per la fattibilità del piano Indicazione falcidia privilegiati, eventuale classamento e % soddisfo chirografari (x escludere simbolicità pagamento) Indicazioni atti negoziali di ordinaria amministrazione e costi gestori fino al deposito della proposta (eventuale) specifica autorizzazione al compimento di atti di straordinaria amministrazione (*) necessario, unitamente alla richiesta di concessione del termine

37 L obbligo di informativa periodica (1) Il decreto di assegnazione del termine: Deve sancire (a carico del debitore) un obbligo di informativa periodica (anche di natura finanziaria) sino alla scadenza del termine fissato In caso violazione, il tribunale può dichiarare la inammissibilità della domanda e, su istanza dei creditori o del PM, il fallimento del debitore (con sentenza reclamabile)

38 L obbligo di informativa periodica (2) T. Modena 14/9/2012 T. La Spezia 28/9/2012 Deposito mensile prospetto operazioni compiute nel periodo di importo unitario superiore ad una certa soglia, relative ad ordinaria amm.ne e agli oneri finanziari maturati nel periodo Deposito settimanale relazione scritta su atti di amministrazione compiuti e gestione finanziaria dell impresa. T. Asti 24/9/2012 Deposito mensile relazione avente ad oggetto l aggiornamento della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell impresa T. Bologna 4/10/2012 Deposito: (i) relazione economico e finanziaria mensile su andamento attività; (ii) relazione pagamenti effettuati nel periodo di importo superiore ad con indicazione destinatari; (iii) analitica descrizione atti di straordinaria amm.ne di cui si richieda eventuale autorizzazione T. Bolzano 25/9/2012 Relazione ogni 20 gg su (i) stato trattative in corso su dismissione assets; (ii) stato procedura recupero crediti fiscali; situazione economico-finanziaria; (iv) flussi di cassa in entrata ed in uscita T. Crotone 4/10/2012 Obbligo informativa periodica ogni 15 gg

39 La gestione dell interim Il debitore, nelle more dell integrazione della domanda: 1. Può compiere atti di straordinaria amministrazione (previa autorizzazione del tribunale) I crediti di terzi che eventualmente sorgono hanno natura prededucibile 1. Può compiere atti di ordinaria amministrazione

40 Linee guida del Tribunale di Milano Contenuto e forma domanda Allegati Semplice formulazione, in forma di ricorso (con obbligo assistenza legale) ed espressa richiesta concessione del termine. La domanda va comunicata al PM Oltre ai 3 bilanci degli esercizi precedenti (x verifica requisiti dimensionali), anche aggiornato certificato camerale Verifiche ed istruttoria Competenza territoriale, regolarità formale domanda e poteri del soggetto che la sottoscrive. Verifica che nei 2 anni precedenti non siano state depositate analoghe domanda con esito negativo Concessione termine Informativa periodica Il termine, in mancanza di richiesta specifica, deve essere concesso nel minimo (60 gg). Occorre sempre provvedimento collegiale. Atti istruttori a cura del Giudice relatore. In caso di istanza proroga, possibile anche rigetto de plano senza previa convocazione debitore. Da relazioni informative a report specifici, in funzione della rilevanza e del tipo di concordato

41 5) Contratti pendenti (nuovo art. 169 bis, L.F.) 1. Il debitore può chiedere autorizzazione a sciogliersi dai contratti in corso (o sospenderli per un periodo max di 120 gg.) 2. il creditore deve ricevere un equo indennizzo ed il suo credito e concorsuale tali principi non si applicano a talune fattispecie contrattuali: rapporti di lavoro subordinato contratti preliminari di compravendita trascritti (immobili ad uso abitativo acquirente o destinati a costituire la sede principale attività d impresa acquirente) contratti di locazione immobiliare (nei casi in cui il concordato sia richiesto dal locatore immobile) finanziamenti destinati

42 Il regime autorizzatorio L autorizzazione a sciogliersi dal (o sospendere il) contratto E richiesta nel ricorso per l accesso al concordato (anche in bianco), ovvero successivamente ed espressamente richiesta al Giudice Delegato Quis iuris se l atuorizzazione viene negata? Può certamente porsi un problema di fattibilità della proposta e del piano

43 6) Il concordato con continuità aziendale (nuovo art. 186 bis, L.F.) concordato preventivo con ristrutturazione (CPR) in cui il PIANO e la PROPOSTA si fondano sui flussi di cassa attesi dalla CONTINUITA AZIENDALE Esistono pochi precedenti applicativi per l assenza (ante decreto crescita) di una specifica disciplina

44 Vantaggi Possibilità di prenotarlo con la domanda in bianco Possibilità di moratoria pagamenti post omologa Possibilità di proseguire i contratti in corso (anche pubblici) e di sciogliere/sospendere quelli onerosi Possibilità di partecipare ad appalti pubblici anche in A.T.I. Possibilità di pagare i fornitori strategici anteriori in prededuzione Se nel corso della procedura cessa l attività d impresa, o diventa dannosa per i creditori, il concordato può essere revocato, salvo che il debitore non modifichi la proposta

45 Concetto giuridico di continuità nell art. 186 bis (ricorre quando il PIANO ex art. 161 prevede): 1) prosecuzione impresa da parte del debitore (continuità imprenditoriale) 2) cessione azienda in esercizio (discontinuità imprenditoriale) 3) conferimento azienda anche in new co (discontinuità imprenditoriale) Il piano può anche prevedere la liquidazione di beni NON FUNZIONALI all esercizio dell impresa (azienda) da risanare

46 Il Piano nel concordato con continuità (co. 2 lett. a e c) Il PIANO deve indicare: analitica indicazione di costi e ricavi attesi dalla prosecuzione dell attività, delle risorse finanziarie e della relativa copertura Aspetto tecnico obbligo di deposito di un turnaround plan Il PIANO può prevedere : moratoria fino a 1 anno dall omologa per il pagamento dei creditori prelatizi (salvo che vengano liquidati i beni su cui insiste la garanzia dei crediti). Aspetto giuridico relativo ai tempi di pagamento dei privilegiati

47 Come dimostrare la convenienza e permettere la consapevole votazione favorevole dei creditori? mettendo a confronto quale sia ATTIVO LIQUIDABILE ATTUALE e ATTIVO PROSPETTICO che verrà creato dalla ristrutturazione proposta con il C.P.

48 I creditori prelatizi Può essere prevista un PAGAMENTO PARZIALE soltanto alle condizione richieste dall art. 160, co. 2 (pagamento non inferiore a quello realizzabile in caso di liquidazione del bene su cui insiste la causa di prelazione) I prelatizi non hanno diritto di voto se il concordato con continuità ne prevede il pagamento integrale entro 1 anno dall omologa Se è prevista la liquidazione dei beni su cui insiste la prelazione, il creditore (prelatizio) deve essere pagato al momento della liquidazione del relativo bene

49 I creditori strategici (art. 182 quinques, co. 4 L.F.) - Il debitore che propone il concordato con continuità (*) può essere AUTORIZZATO dal tribunale A PAGARE CREDITORI ANTERIORI - e necessario che l ATTESTATORE attesti che le prestazioni di tali creditori siano essenziali per la prosecuzione dell attività d impresa e funzionali ad assicurare la migliore soddisfazione ai creditori (salvo che i pagamenti siano effettuati con nuova finanza apportata e con obbligo di restituzione postergata) (*) anche ai sensi dell art. 161, co. 6 (prenotazione del concordato ma con necessaria anticipazione del PIANO)

50 I contratti in corso di esecuzione (art. 186 bis, co. 3, L.F.) Il contraente (terzo) non può risolvere il contratto per effetto dell apertura (a carico del debitore) di un concordato con continuità La continuazione dei CONTRATTI PUBLICI (*) è ammessa SOLO se l Attestatore attesta: - conformità del Piano - ragionevole capacità di adempimento del debitore (*) anche nei confronti della cessionaria e/o conferitaria in caso di discontinuità imprenditoriale

51 Partecipazioni a nuove gare di appalto (art. 186 bis, co. 4, L.F.) Ma l impresa (ammessa al cp) DEVE presentare in gara: Attestazione del professionista terzo, circa la conformità del Piano e la ragionevole capacità di adempimento del contratto Dichiarazione di altro operatore (avente i requisiti per partecipare alla gara) di dare ausilio finanziario al concorrente (per la durata del contratto) e a subentrarvi se questi fallisce nel corso della gara o dopo la stipula del contratto, ovvero non sia più in grado di adempiere all appalto

52 L impresa in cp può concorrervi anche in A.T.I. (art. 186 bis, co. 5, L.F.) Condizioni (oltre a quelle di cui al co. 4): Non può essere capogruppo mandataria Le altre imprese in A.T.I. non devono essere assoggettate a procedure concorsuali In tal caso, la DICHIARAZIONE di ausilio finanziario e subentro può provenire da una delle imprese partecipanti all A.T.I.

53 Concordato in continuità e RUOLO bancario Quando il cp con continuità compete alla funzione di restructuring? Quando il Piano e la Proposta si fonda sulla capacità (diretta o indiretta) dell azienda a produrre cassa e quindi si rappresenta la POSSIBILITA DI RECUPERO DEL CREDITO Quando, di fronte ad un Piano liquidatorio, è necessario assistere il debitore nel tempo necessario alla liquidazione dell attivo

54 Creazione liquidità per la continuità aziendale (1) DOMANDA PRENOTATIVA EX ART. 161 Termine per la formalizzazione della proposta da 60 a 120 giorni (+ motivata proroga di 60) 60 giorni (+ motivata proroga di 60) LA DOMANDA DI CONCORDATO IN BIANCO Fattispecie Termine concesso dal giudice. Necessità di giustificare la richiesta di un termine superiore a 60 giorni. Quando al momento della domanda è pendente il procedimento per la dichiarazione di fallimento del debitore. Norma di riferimento Art. 161, sesto comma Art. 161, decimo comma Nessun termine (domanda inammissibile) Se l imprenditore, nei due anni precedenti, ha già presentato una domanda ai sensi del sesto comma senza che, successivamente, abbia fatto seguito l ammissione alla procedura di concordato preventivo o l omologazione dell accordo di ristrutturazione dei debiti. Art. 161, nono comma

55 Creazione liquidità per la continuità aziendale (2) DOMANDA PRENOTATIVA: GLI EFFETTI Gli effe2 prote2vi della domanda di concordato Fa2specie Decorrenza Sanzione Norma di riferimento Inizio azioni esecu=ve Prosecuzione di preceden= azioni esecu=ve Pubblicazione domanda di concordato in registro delle imprese Nullità Nullità Art. 168, primo comma Art. 168, primo comma Inizio azioni cautelari Nullità Art. 168, primo comma Prosecuzione di preceden= azioni cautelari Iscrizione di ipoteche giudiziali Iscrizione di ipoteche giudiziali Iscrizione di ipoteche volontarie non autorizzate 90 giorni prima della pubblicazione ricorso C.P. in R.I. Pubblicazione ricorso C.P. in R.I. Nullità Inefficacia rispeao ai creditori anteriori Inefficacia rispeao ai creditori anteriori Inefficacia rispeao ai creditori anteriori Art. 168, primo comma Art. 168, terzo comma Art. 168, terzo comma ArA. 167; 168, terzo comma

56 Le nuove attestazioni e la responsabilità dei professionisti

57 Criticità dell Attestatore L ESPERTO CHIAMATO AD ATTESTARE I PIANI DI RISANAMENTO RISPONDE PRIMO TRA TUTTI 1) Perché ora la posizione dell attestatore è chiaramente accentuata dai requisiti nomina: INDIPENDENZA 2) Perché deve validare i dati su cui si fonda il piano: VERIDICITA DATI AZIENDALI 3) Perché previsto uno specifico regime di responsabilità penale (art 236 bis l.f.): REATO FALSE ATTESTAZIONI E OMISSIONI INFORMAZIONI RILEVANTI 4) Perché il ruolo dell attestatore è più articolato nella valutazione dei processi di risanamento e continuità aziendale

58 Il requisito L INDIPENDENZA DELL ATTESTATORE Il professionista è INDIPENDENTE se: non è legato al debitore e a coloro che hanno interesse al risanamento da rapporti personali o professionali che possono compromettere l indipendenza di giudizio possiede i requisiti ex art c.c. (esclusione cause di ineleggibilità o decadenza da amministratore o sindaco) negli ultimi 5 anni non ha lavorato per il debitore o svolto consulenza (anche tramite proprio studio associato), o assunto carica di amministratore o organo di controllo Tali requisiti devono persistere quando rilasciata l attestazione pena la nullità dell attestazione e la responsabilità del professionista, accentuata se omette di riferire cause di incompatibilità anche dubbie

59 Atto conclusivo e formale di VALIDAZIONE del percorso anti crisi Funzione ed oggetto attestazione VERIDICITA DATI AZIENDALI: rispondenza al reale dei valori assunti alla base del Piano e della Proposta FATTIBILITA DEL PIANO: congruità e ragionevolezza azioni proposte ed assumptions e tenuta del Piano e della Proposta L ATTESTATORE deve essere EFFETTIVAMENTE TERZO rispetto al debitore e CRITICO su tutti gli aspetti del Piano, ponendo l accento sulle SENSITIVITY ANALYSIS per VALUTARE le conseguente dei VARI SCENARI sulla (astratta) fattibilità del Piano e della Proposta (vd. nuovi principi di del BP)

60 PER ATTENUARE LE RESPONSABILITÀ OCCORRE VERIFICARE CHE IL PIANO DI CONTINUITÀ AZIENDALI SEGUA LA <<BEST PRACTICE>> Il finanziamento alle imprese in crisi LINEE GUIDA (Versione definitiva )* Le cautele da attuare Principi previsti dal CNDEC in tema di Business Plan «Linee Guida al Piano Industriale» elaborate da Borsa Italiana (2003) * In corso di emanazione seconda edizione

61 I PRINCIPI PER LA CORRETTA ATTESTAZIONE Documenti di ricerca n. 114 Assirevi (richiamo ISAE 3400) Principi (procedure) di revisione legale in quanto compatibili Principi CNDCEC in tema di Business Plan Linee Guida a «ll finanziamento delle imprese in crisi» «Linee Guida al Piano Industriale» elaborate da Borsa Italiana (2003) Criteri ex art bis, c.c. in quanto compatibili (norma ora non più richiamata)

62 Piano attestato art. 67, co. 3, lett. d). Accordo ristrutturazione debiti art. 182 bis, co. 1 Pre accordo r.d. art. 182 bis, co. 6 dei veridicità dei dati aziendali e fattibilità del piano idoneo a consentire il risanamento dell esposizione debitoria dell impresa e ad assicurarne il riequilibrio della sua situazione finanziaria veridicità dei dati aziendali e attuabilità dell accordo di ristrutturazione dei debiti con particolare riferimento alla sua idoneità ad assicurare l integrale pagamento dei creditori estranei dichiarazione del professionista idoneità della proposta (cd. pre-accordo) se accettata, ad assicurare l integrale pagamento dei creditori con i quali non sono in corso trattative o che hanno comunque negato la propria disponibilità a trattare Finanza interinale art. 182 quinquies, co. 4 e 5! essenzialità per prosecuzione attività d impresa e funzionalità per assicurare miglior soddisfazione creditori (per richiesta di autorizzazione a pagare crediti anteriori per beni o servizi presentata con la domanda di concordato preventivo con continuità aziendale, anche ai sensi dell art. 161, sesto comma, o di domanda di omologazione o di proposta di accordo di ristrutturazione)

63 ! art. 161, co. 3 Conc. Prev. Con continuità aziendale art. 186 bis, co. 2 b), 3 e 4 a) Finanza interinale art. 182 quinquies co.1 veridicità dei dati aziendali e fattibilità del piano di concordato preventivo. Analoga relazione deve essere presentata nel caso di modifiche sostanziali della proposta o del piano (2) Per prosecuzione dell attività d impresa è funzionale al miglior soddisfacimento creditori (3) per continuazione contratti pubblici certificazione che è conforme al piano ed è ragionevole la capacità di adempimento del debitore (4) per partecipazione a procedure di assegnazione di contratti pubblici certificazione che è conforme al piano ed è ragionevole la capacità di adempimento del debitore funzionalità alla miglior soddisfazione dei creditori (nel caso di richiesta di autorizzazione a contrarre finanziamenti prededucibili ex art. 111 LF, presentata con la domanda di concordato preventivo, anche ai sensi dell art. 161, comma sesto, o con la domanda di omologazione di accordo di ristrutturazione o di pre-accordo)!

64 LE RESPONSABILITA CIVILE Responsabilità extracontrattuale verso soci, terzi e creditori Responsabilità contrattuale verso imprenditore PENALE nuovo REATO DA FALSE ATTESTAZIONI ex art. 236 bis L.F. PROFESSIONALE Diligenza in base a natura dell incarico (2407 c.c.) Attenuazione ex art c.c.

65 I «NUOVI» PROFILI PENALI (nuovo art. 236 bis, L.F.) Disciplinato il reato di FALSO IN ATTESTAZIONE E RELAZIONI Applicabile a tutte le attestazioni previste nell ambito di piani attestati, accordi di ristrutturazione e concordati preventivi il reato sussiste quando l attestatore espone INFORMAZIONI FALSE ovvero OMETTE DI RIFERIRE INFORMAZIONI RILEVANTI prevista reclusione da 2 a 5 anni e multa da ad previsto AUMENTO PENA se il fatto è commesso al fine di conseguire INGIUSTO PROFITTO per sé o per altri; previsto AUMENTO PENA SINO ALLA META se dal fatto consegue DANNO AI CREDITORI

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Giunta: U. G. D. C. E. C. 2011 2014 Delegato Nazionale: Dott. Gianvito Morretta Commissione: CONCORDATO PREVENTIVO PRESIDENTE DOTT. EDOARDO GRIMALDI

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/IR DEL 3 MARZO 2014 CONCORDATO IN BIANCO, PROCEDURA E ASPETTI DELLA GOVERNANCE

CIRCOLARE N. 38/IR DEL 3 MARZO 2014 CONCORDATO IN BIANCO, PROCEDURA E ASPETTI DELLA GOVERNANCE CIRCOLARE N. 38/IR DEL 3 MARZO 2014 CONCORDATO IN BIANCO, PROCEDURA E ASPETTI DELLA GOVERNANCE SOMMARIO: 1. Premessa. 2. La domanda, il piano e la proposta nell art. 161, sesto comma, l.f.. 3. Gli effetti.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LINEE-GUIDA PER IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE IN CRISI PRIMA EDIZIONE 2010 ( )

LINEE-GUIDA PER IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE IN CRISI PRIMA EDIZIONE 2010 ( ) LINEE-GUIDA PER IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE IN CRISI PRIMA EDIZIONE 2010 ( ) INDICE Premessa 1. La riduzione dell incertezza attraverso modelli di comportamento condivisi e virtuosi...... 3 2. Finalità

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

L ISTITUTO IN RAPPORTO ALLE PROCEDURE CONCORSUALI

L ISTITUTO IN RAPPORTO ALLE PROCEDURE CONCORSUALI L ISTITUTO IN RAPPORTO ALLE PROCEDURE CONCORSUALI Ringrazio il Presidente ed il Consiglio dell Ordine per l invito a partecipare a tale Convegno. Il titolo del mio intervento anticipa che lo stesso è volto

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014.

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014. CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA PRONTUARIO ADEMPIMENTI PUBBLICITARI IN MATERIA DI PROCEDURE CONCORSUALI Settima Edizione Gennaio 2014 CONTATTI LE CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

MODALITÀ DI DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 78 E 79 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207

MODALITÀ DI DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 78 E 79 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 MODALITÀ DI DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 78 E 79 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 182 del 6 agosto 2011) In occasione dell entrata in vigore

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli