LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013"

Transcript

1 Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 Consuenza Formazione Coaching LA LEADERSHIP ARCHETIPALE Quae è a distinzione tra un eader e un manager? Leader si nasce o si diventa? I tema dea eadership da sempre affascina i genere Umano sin dai tempi dei Greci e dei Romani. In questo articoo cerchiamo di dare dee risposte a queste importanti domande attraverso una dupice ettura de tema dea eadership: i quattro archetipi de eader e i sei ivei dea eadership. I quattro archetipi de Leader Car Gustav Jung, uno dei padri dea psicoogia moderna, definisce gi archetipi come modei universai che si esprimono attraverso simboi di grande potenza energetica. A di à dea diversità dee immagini, dei racconti, dei miti, gi archetipi rappresentano un insieme di reazioni e di strutture costanti ne tempo. Ne nostro modeo di eadership Archetipae gi archetipi de eader sono quattro: eader-re, eader- Amante, eader-mago e eader-guerriero. I eader-re fonda a sua eadership sua conoscenza tecnica, è di soito più competente dei propri coaboratori ed eccee nee orgogio de venditore Pagina 3 I Project manager e a gestione dei rischi Pagina 5 i nostri corsi bibiografia Pagina 7

2 attività di controo. Aggiorna continuamente a sua preparazione, è attento ai dettagi e manifesta doti naturai di equiibrio e auto controo. I eader-amante invece è considerato tae per a sua naturae capacità di stabiire con i coaboratori ottimi rapporti reazionai. Moto bravo a motivare, è di soito un buon ascotatore e riesce con faciità a sintonizzarsi emotivamente con i propri interocutori. I eader-mago ha una naturae capacità di gestire i cambiamento ed è animato da una potente Visione. Riesce a coinvogere i coaboratori in nuovi progetti ed è dotato di una forte componente di creatività. I eader-guerriero esercita a propria eadership attraverso i raggiungimento degi obiettivi. Ha naturai doti di auto discipina, organizzazione ed equità nea distribuzione dei i carichi di avoro tra i coaboratori. I Lato oscuro dea eadership Dopo aver esporato i punti di forza dei quattro archetipi, approfondiamo ora i ato nascosto dea eadership, per capire cosa accade quando i eader esaspera i propri punti di forza fino a fari diventare eementi di deboezza. I eader-re diventa Tiranno: tende infatti a non far crescere e Risorse evitando di deegare e di trasferire i proprio know-how ed esercita un micro controo invasivo su operato dei coaboratori. Nei casi più ecatanti si rifugia ne passato e rifiuta ogni proposta di cambiamento. I eader-amante quando degenera diventa Faso Savatore: tende a soffocare e risorse con troppe attenzioni, cerca di sostituirsi a oro nea risouzione dei probemi e ne impedisce, di fatto, a crescita e autonomia. Nea gestione de team i eader-amante che degenera tende a fare favoritismi, premiando o penaizzando i membri de gruppo in base a simpatie e antipatie personai. I eader-mago degenerando diventa Manipoatore: usa e sue doti persuasorie per imporre continui cambiamenti, anche quando non necessari e tende a spostare sempre in avanti gi obiettivi dei coaboratori. Questo suo atteggiamento porta ne tempo a rendere e Risorse frustrate e insoddisfatte. I eader-guerriero diventa Sadico e può spingersi fino ad umiiare i coaboratori che non raggiungono i target assegnati. Tende a sacrificare e reazioni umane a scapito degi obiettivi e può arrivare a seguire e procedure in modo quasi maniacae. Può anche essere disposto a toerare scorrettezze se queste portano comunque a raggiungimento dei risutati prefissati. I sei ivei dea eadership Tra i diversi approcci sua eadership queo che, a nostro avviso, rappresenta i modeo più evouto è queo dei sei ivei dea eadership, che abbiamo appreso direttamente da suo ideatore Robert Dits, tra i massimi esperti a mondo di Programmazione Neuro Linguistica (PNL). Immaginate una piramide, i cui vertice è rappresentato daa Visione che è idea de mondo a quae Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 desideriamo appartenere. I famoso discorso di Martin Luther King I have a dream rimane probabimente a migiore icona poitica de significato di Visione de eader poitico. I secondo iveo è rappresentato daa Missione de eader ovvero daa differenza che ui o ei, attraverso a sua unicità, può rappresentare per contribuire a reaizzare a sua Visione. La Missione risponde aa domanda cosa rende unico i eader? ed è strettamente connessa aa sua identità personae. I terzo iveo dea piramide è rappresentato dai Vaori e dae Convinzioni de eader. I vaori rappresentano ciò a cui i eader dà importanza. Nea nostra esperienza di numerose sessioni di coaching con i manager d azienda, i Vaori più ricorrenti sono: passione, etica, ibertà, sfida, sicurezza. Le Convinzioni invece riguardano ciò che i eader ritiene vero o faso, giusto o sbagiato. I Vaori e e Convinzioni sono a benzina che motiva i eader nei momenti di difficotà e che gi permette di trovare a forza per superare e difficotà. I iveo successivo dea piramide è rappresentato dae Capacità de eader, ciò che sa fare megio, e aree in cui eccee. Pensate ad esempio ad un project manager che deve quotidianamente rapportarsi con i diversi stakehoder de progetto: attraverso quai specifiche capacità può riuscire ad esprimere a megio a sua eadership? Certamente a capacità di comunicare efficacemente, unita a doti di negoziazione e di probem soving (per un approfondimento dee capacità de project manager si veda articoo successivo di Riccardo Parigi). Le capacità de eader si manifestano concretamente in specifici Comportamenti, che rappresentano i quinto iveo dea piramide. Essi descrivono e azioni attraverso e quai i eader esprime a sua eadership. L utimo iveo è rappresentato da Ambiente, ovvero i contesto ne quae i eader vive ed agisce a sua eadership. I modeo di Dits ci aiuta a dare una risposta a quesito iniziae: cosa distingue un eader da un manager? I manager esegue e fa eseguire dei compiti ed è quindi tipicamente focaizzato sui ivei di Ambiente, Comportamenti e Capacità e prediige e attività di controo e di organizzazione ne breve periodo. I eader invece ispira e azioni dei coaboratori ed esprime a sua eadership attraverso i ivei dea Visione, Missione, Vaori e Convinzioni. Prediige e attività di pianificazione ne ungo periodo e di motivazione e coinvogimento dee Risorse attraverso a forza de suo sogno. Guido Granchi, AD di Granchi & Partners 2

3 Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 orgogio de venditore Vendere o non vendere, questo è i probema: se sia più nobie d animo sopportare e difficotà e gi ostacoi de mercato o prender armi contro un mare di situazioni probematiche e combattendo disperdere... (ibera citazione ed interpretazione da Wiiam Shakespeare). L esperienza insegna che è proprio nei momenti difficii che dobbiamo tentare di trasformare i probemi in opportunità. Pariamo di vendita? Ed aora entriamo ne vivo. Per esempio: venditore si nasce o si diventa? E quai sono e doti che caratterizzano i fuoricasse dea vendita così ricercati dae aziende? Ed ancora: si può creare un team di buoni venditori che fanno go e insieme un centrocampo che supporta e favorisce e migiori performance? In venti anni di esperienza di avoro fianco a fianco con migiaia di venditori di aziende appartenenti ai più diversi settori merceoogici, abbiamo spesso sentito queste domande formuate dai venditori, dagi Area Manger o dai partecipanti ai nostri corsi. La nostra risposta concreta è decinata attraverso una metodoogia originae riassunta ne acronimo PR.O.M.E.TE.O. : PReparazione Orgogio Marketing Empatia TEmpo per vendere Obiezioni de ciente L approfondimento dea metodoogia di vendita Ma entriamo nei contenuti tecnici de acronimo. Un venditore ecceente deve conoscere moto bene i proprio prodotto/servizio e a sua adeguata PReparazione gi consente di proporo ad ogni ciente in maniera sartoriae, grazie aa conoscenza dei suoi bisogni espiciti ed impiciti. 3

4 Le performance eccezionai dei migiori venditori nascono da Orgogio di appartenere e avorare con impegno quotidiano per un azienda che deve necessariamente esprimere in modo coerente a propria Vision e Mission. La sacra fiamma dea motivazione a azione nasce quindi da una sincera condivisione e da un profondo aineamento tra i vaori personai de venditore e i vaori dea cutura aziendae. La conoscenza approfondita de prodotto/servizio deve essere affiancata da un costante e attento monitoraggio de mercato e dee strategie dea concorrenza, per poter argomentare efficacemente con a cientea spiegando i Fattori Critici di Successo dea propria azienda. I venditori ecceenti, in un mercato in continua evouzione, non possono ormai prescindere da conoscenze di base egate a Marketing ed a CRM (Customer Reationship Management). I venditore ecceente unisce pertanto aa propria competenza tecnica straordinarie doti reazionai con i ciente, o ascota, ne chiede costantemente i feedback e si premura di costruire - attraverso una profonda Empatia - un rapporto di fideizzazione ne tempo. Anche in questo caso sono importantissime e tecniche avanzate di comunicazione efficace che vaorizzano e risorse personai sia su piano professionae che su piano umano. Atro eemento che spesso distingue un venditore ecceente dagi atri è a capacità di vaorizzare a risorsa Tempo: ovvero saper focaizzare ne dettagio e attività urgenti e importanti. Fondamentae è ottimizzazione degi spostamenti e e tecniche di difesa dai adri de tempo che gi permettono di organizzare a giornata, a settimana e i mese. E quindi di dedicare e sue migiori risorse a mantenimento e ao sviuppo sistematico e continuativo de portafogio cienti. Difficimente a trattativa si concude positivamente se i venditore non riesce a gestire a megio e Obiezioni de ciente che vanno considerate non come nemiche ma come preziose aeate e vere opportunità da cogiere. I nostro venditore ecceente sa come accogiere i dubbi de ciente, gestire a megio e sue domande ed aspettative e quindi conduro efficacemente e con maestria verso a concusione positiva dea trattativa. Le fasi dea creazione e gestione dea rete vendita La metodoogia PR.O.M.E.TE.O. abbraccia tutte e fasi de processo di creazione e gestione dea rete vendita: daa ricerca aa seezione dei venditori, daa formazione sui prodotti o servizi aa fase di incontro co ciente per concudere con a fideizzazione di quest utimo ne tempo: vero patrimonio per azienda. Nea fase di start up dea creazione dea rete vendita è essenziae che azienda dedichi tempo a definire a megio a profiazione de candidato ideae: i tempo investito in questa attività sarà recuperato in termini di efficacia ed efficienza durante a seezione. La fase dea seezione è seguita daa formazione dei venditori sui prodotti e servizi e su mercato di riferimento. In questa fase è fondamentae che chi si occupa di tae attività riesca a trasferire aa forza vendita non soo informazioni tecniche ma soprattutto fiducia ed orgogio di appartenenza. Aiutare infatti i venditore a capire ed apprezzare a Visione, a Missione e i Vaori aziendai ha un importante infuenza sua sua motivazione. Così come ottimizzare e sue Capacità e tradure in Comportamenti efficaci su campo. In un mercato sempre più gobae ne quae i prodotti e i servizi si assomigiano sempre di più, a motivazione e orgogio dea risorsa Pioe umana dedicata è a vera chiave che può determinare a differenza nea chiusura positiva dea trattativa. La componente dea preparazione in azienda trova a sua naturae decinazione nea fase che precede incontro co ciente: a raccota di informazioni sui cienti e prospect unita ad una gestione strategica de proprio stato emotivo, aiutano i venditore ad accrescere a propria sicurezza ed autostima. Atro aspetto importante è i raccordo coordinato che i settore vendita deve costruire con i settore aziendae che o supporta, una vera e propria architettura funzionae che si esprime compessivamente di fronte a ciente: è qui infatti che i venditore propone se stesso e immagine aziendae. E qui che si esprime a megio a sintonia emotiva con i potenziae ciente, per fugare i suoi dubbi ed accogiere e sue eventuai paure o remore a acquisto. Questa rassicurazione passa non soo attraverso una soida preparazione su prodotto o su servizio ma soprattutto attraverso ascoto attivo e i feedback continuo con interocutore. Persuadere i prospect a diventare nostro ciente è più facie che fideizzaro ne tempo. Le tentazioni dea concorrenza sono sempre in agguato e dare per scontato che i ciente rimanga con noi per sempre è i modo migiore per... perdero! La fiducia dei cienti è come una pianta che va innaffiata e curata ogni giorno e questa cura spesso si traduce in un efficace azione ne tempo che genera up e cross seing: è proprio i marketing che ci insegna infatti che i migiori cienti possono confermarsi tra quei già acquisiti! I nostro modeo PR.O.M.E.TE.O. attinge aa mitoogia e si propone di forgiare uomo ed animaro con i fuoco attraverso una formazione pratica che aiuta a rete vendita a raggiungere gi obiettivi aziendai. Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 Massimo Tunzio Trainer, Coach e Counseor 4

5 Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 I Project manager e a gestione dei rischi Le capacità de Project Manager Qua è i ruoo di un project manager? Quai sono e sue competenze? Per quanto ovvio, a prima vautazione di un project manager riguarda a sua professionaità. E ci mancherebbe atro! La professionaità di un project manager è certamente a sua carta vincente, ma perché si possa esprimere a megio occorrono anche atre competenze personai. La capacità di comunicare con gi atri è, per esempio, una dee doti più importanti e apprezzate dagi stakehoder de progetto. Attenzione, abbiamo detto comunicare, non comandare. Anche per una motivazione pratica, quea di poter agire efficacemente in un tempo breve con i migiori risutati. Questo percorso porta con sé atre due competenze moto importanti: a capacità di gestione e a eadership. Forse niente di megio di un progetto da gestire può esprimere a eadership de PM, intesa come a capacità di coinvogere e persone per far emergere e capacità e e ecceenze di ciascuno. Un PM ecceente di fatto trasforma dee indicazioni estrinseche ( esecuzione di un ordine) in motivazioni intrinseche (i piacere di svogere un attività). Leadership e gestione sono due cose differenti: a prima ha una vaenza emozionae di grande rievanza, mentre a seconda attiene a aspetto organizzativo e, in quache modo, metodoogico. I Project Manager Competency Deveopement edito da PMI Institute integra e capacità già descritte con e abiità cognitive de PM. Ne prendersi carico di un progetto a PM è richiesta a capacità di vedero già reaizzato anche se questo è sotanto uno 5

6 schizzo su carta. È proprio sue capacità di chi sa immaginare che ci basiamo quando affidiamo a un architetto, un ingegnere, o a un responsabie de organizzazione aziendae a reaizzazione di una casa, un ponte, o dea perfetta decinazione de organigramma aziendae. I PM come attrattore de sistema progetto Ma di fatto, cosa fa un PM? Pensiamoo come i vero e proprio attrattore de sistema progetto. Attrattore è, come dice a paroa stessa, coui che porta verso di sé atrui competenze, ruoi e responsabiità. Attrarre richiama a concetto di caamita cioè que quacosa verso cui si va voontariamente (ed ecco che qui entra in scena a eadership) e verso cui si portano e proprie conoscenze, e proprie competenze, e proprie professionaità. Tra e atre capacità richieste ad un PM ci sono quee di essere ben bianciato fra e proprie competenze. Vediamoe divise in tre aree: a prima è quea dee competenze tecniche cioè quee che riguardano a parte strettamente professionae, gi strumenti e tecniche di project management e i raggiungimento degi obiettivi. La seconda è quea dee competenze organizzative/gestionai che vanno daa capacità di pianificazione a quea di coordinamento, souzione dei probemi, comunicazione e negoziazione. Le competenze personai riguardano a fessibiità di adattamento ae varie situazioni, a capacità di prendere decisioni in tempi rapidi e quee di rimanere in una situazione di equiibrio e dinamismo trasmettendo entusiasmo anche nei momenti di maggiore difficotà. Competenze de project manager 4Competenze tecniche: 4Competenze organizzative e gestionai: 4Competenze personai: competenze speciaistiche strumenti e tecniche di PM obiettivi di quaità, tempo e costo pianificazione e visione gobae coordinare risorse tecniche e umane probem sover eadership, comunicazione negoziazione competenze speciaistiche strumenti e tecniche di PM obiettivi di quaità, tempo e costo La gestione dei rischi de progetto Potremmo dire che non esiste progetto senza rischi che possono compromettere a reaizzazione. I rischio si può cacoare, perché prevede utiizzo di quacosa di intrinsecamente pericooso o accadimento di eventi ed azioni che possono essere ipotizzate, ma non necessariamente si verificheranno. Naturamente esistono dee profonde differenze sia sua probabiità che un evento accada, sia sue conseguenze più o meno disastrose che quest accadimento può portare. Sta a PM e a suo team i compito di identificare i rischi e questo o si fa tanto megio quanto più si agisce con una ampia apertura mentae. Da questa prospettiva aargata infatti, i PM non si imita a considerare i rischi propri de attività specifica, ma pone attenzione anche su rischi egati a sistema più generae come scenari poitici internazionai e crisi di settore. probabiità Matrice impatto-probabiità ata probabiità basso impatto area de rischio da gestire bassa probabiità basso impatto area de rischio accettabie impatto Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 ata probabiità ato impatto area de rischio inaccettabie bassa probabiità ato impatto area de rischio da vautare Attraverso a ettura dea probabiità di accadimento de rischio e impatto sua buona riuscita de progetto, a matrice impatto/probabiità aiuta i PM ad identificare e più efficaci azioni preventive o correttive per gestire a megio i rischi e e conseguenze ne medio e ungo termine. Neo specifico i PM può: accettare i rischio, ovvero assumere i iveo stimato di rischio senza reaizzare azioni di difesa: i PM conosce i rischi e ha consapevoezza dee conseguenze, ma non pone in essere azioni di difesa mitigare i rischio, ovvero ridurre e probabiità de verificarsi de evento e/o impatto de evento con azioni preventive (riguardano e misure di sicurezza per impedire i prodursi dei rischi e mirano aa riduzione dee probabiità) o protettive (riguardano a mitigazione dee conseguenze de danno, riducendone impatto) condividere i rischio, ovvero ridurre e conseguenze di un impatto troppo eevato, spostando su atri i rischio (assicurazioni, penai e garanzie) rifiutare i rischio, ovvero rimuoverne de tutto a causa: i PM in considerazione de ato indice di rischio e de rapporto sfavorevoe impatto/probabiità, non accetta a souzione e cambia direzione per evitare i probema. In concusione possiamo affermare che PM non si nasce, ma si diventa anche focaizzandosi sue proprie aree di migioramento e su desiderio di avorare in gruppo in modo piacevoe ed efficace. Riccardo Parigi Negoziatore e Crisis Manager, Formatore AIAS Academy (Associazione professionae Itaiana Ambiente e Sicurezza) 6

7 Vuoi approfondire gi argomenti di questo numero? Partecipa ai nostri corsi interaziendai. Gi appuntamenti di marzo e di aprie: 11/12 marzo - Miano La Leadership Archetipae 25/26 marzo - Roma I Project Manager protagonista de sistema progetto 08/09 aprie - Miano cambiamento aziendae sostenibie co Modeo S.P.E+.E-.D. 15/16 aprie - Miano La vendita a vaore aggiunto con a metodoogia PR.O.M.E.TE.O. 22/23 aprie - Roma I Team come sistema Info su Bibiografia degi articoi riportati in questo numero Car Gustav Jung Gi archetipi de inconscio coettivo (Boati Boringhieri, 1977) Robert Dits Leadership e visione creativa (Guerini e Associati, 1998) Guido Granchi - Fabrizio Pirovano Corso rapido di PNL per a vendita (De Vecchi Editore, 2011) Project Manager Competency Deveopement Framework (PMI Institute, 2007) Granchi & Partners Nuovi Modei di Coaching (De Vecchi Editore, 2012) Granchi & Partners Sr - via Arnabodi, Miano - Te: Fax: Consuenza Formazione Coaching

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

I miceti: da saprofiti a patogeni

I miceti: da saprofiti a patogeni I trattamento dee micosi di più frequente riscontro in Medicina Generae Perché occuparsi di micosi superficiai? } Le micosi superficiai (che coinvogono cute e mucose) rappresentano un capitoo rievante

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

House organ. La carta stampata non muore mai. di Roberto Morini

House organ. La carta stampata non muore mai. di Roberto Morini House organ La carta stampata non muore mai di Roberto Morini La carta nell era del web ovvero: mai usata tanta carta come da quando c è il computer I testi lunghi gli approfondimenti La grafica l impaginazione:

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli