Il ruolo delle banche e le crisi aziendali: tra relazioni di clientela e regole prudenziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo delle banche e le crisi aziendali: tra relazioni di clientela e regole prudenziali"

Transcript

1 Il ruolo delle banche e le crisi aziendali: tra relazioni di clientela e regole prudenziali Scuola di Economia Università di Urbino Carlo Bo Urbino, 20 Novembre 2013 Prof. Alessandro Berti Il deterioramento del portafoglio prestiti e le scelte della banca finanziatrice: alcune premesse Prof. Alessandro Berti 2 1

2 Il credito problematico e la gestione del rischio Il credito problematico, specialmente, ma non solo, nell ambito delle banche locali, è stato affrontato all interno di una logica stretta tra due estremi: la necessità di salvaguardare la relazione ; la tutela delle ragioni creditorie della banca. Prof. Alessandro Berti 3 Il credito problematico e la gestione del rischio Non di rado la scelta è caduta sul primo dei due aspetti del problema, con motivazioni che vanno dalla anzianità della relazione (cliente storico), alla moralità della persona (buon nominativo, conosciuto, appartenente a famiglia di soci etc..), fino soprattutto alla consistenza delle garanzie. Prof. Alessandro Berti 4 2

3 Il credito problematico e la gestione del rischio Ne è risultato un approccio al problema ibrido che, mentre è ancorato al localismo o agli aspetti commerciali come criterio ultimo, dimentica che il parametro di riferimento delle scelte aziendali è la tutela del patrimonio, quale tutela diretta per i depositanti. All interno di tale modalità di affronto, non di rado si è scelto di ricorrere alle garanzie quale soluzione alternativa, rendendo digeribili operazioni sbagliate alla radice. Prof. Alessandro Berti 5 Il credito problematico e la gestione del rischio Nonostante l elevato valore dei collaterali, come testimoniato di recente anche dal servizio studi di Mediobanca, le garanzie di natura immobiliare non risolvono il problema della qualità del credito, poiché sono di lunga escussione e, soprattutto, caratterizzate da un bassissimo grado di liquidità. Prof. Alessandro Berti 6 3

4 Il credito problematico e la gestione del rischio In particolare, le garanzie di natura immobiliare, mostrano tutta la loro inadeguatezza laddove siano considerate perfetti sostituti della capacità di reddito e di rimborso, poiché: in sede ispettiva subiscono una falcidia variabile tra il 20% ed il 30%; il lungo periodo di escussione rende necessaria l attualizzazione del valore degli incassi futuri, che vedono così diminuire significativamente il loro ammontare. Prof. Alessandro Berti 7 Il credito problematico e la gestione del rischio Poiché il problema non può essere risolto in chiave meramente definitoria, anche se è certamente utile, in quanto realistico, chiamare le cose con il loro nome, si pone la questione di come mettere in sicurezza (prima ancora che il credito, del quale vanno gestiti gli aspetti problematici), lo stesso processo del credito, al fine di: anticipare i problemi in fase di istruttoria; gestire e monitorare il rischio successivamente. Prof. Alessandro Berti 8 4

5 Il credito problematico e la gestione del rischio Sinteticamente: spesso il rischio delle posizioni deteriorate è stato sottovalutato fin dalla prima istruttoria, per mancanza di adeguato approfondimento di determinate caratteristiche dell impresa (sottocapitalizzazione, sovra-indebitamento, eccesso di investimenti); se nella fase di prima istruttoria il merito di credito è stato misurato in base alle garanzie e non ai flussi di cassa, difficilmente si verificheranno miglioramenti in seguito; Prof. Alessandro Berti 9 Il credito problematico e la gestione del rischio se l impresa affidata si caratterizzava fin dall inizio per margini modesti e/o ampiezza del CCNO, il suo merito di credito non poteva essere elevato, neppure in tempi migliori ; la presenza di fattori di rischio settoriale (i.e. autotrasporti, edilizia etc ) andrebbe evidenziata sin dalla prima istruttoria, al fine di preselezionare le classi di rischio; l analisi andamentale e gli indicatori di anomalia non possono trovare smentita nella storicità del rapporto; Prof. Alessandro Berti 10 5

6 Il credito problematico e la gestione del rischio come si può agevolmente notare ripercorrendo il passato recente, i rimedi alla crisi solo di rado hanno natura meramente finanziaria, quasi sempre assumendo, invece, le caratteristiche di natura economica che richiedono l intervento diretto dell imprenditore; per tale ragione, una gestione del credito problematico improntata semplicemente a dilazionare la restituzione nel tempo, mediante consolidamenti e/o moratorie, non solo non è efficace, ma rischia di ampliare il problema; Prof. Alessandro Berti 11 Il credito problematico e la gestione del rischio conseguentemente non vi è soluzione alla crisi d impresa e risoluzione dei problemi legati al credito deteriorato che possa vedere come unico protagonista la banca (in posizione di attesa); per questo la credibilità dei piani di risanamento e delle procedure alternative al fallimento può risiedere unicamente in significativi e credibili segnali di discontinuità, soprattutto sotto il profilo economico. Prof. Alessandro Berti 12 6

7 La qualità del credito: l attività di controllo Prof. Alessandro Berti 13 Alcuni dati Le sofferenze alimentate dalla crisi economica riguardano soprattutto imprese, che non rientrano alle scadenze pattuite. Gli ultimi dati dell Abi, di luglio 2013, indicano 139,8 miliardi il valore delle sofferenze lorde. Il 7,2% di tutti i prestiti concessi. La cifra netta, che tiene conto delle perdite già contabilizzate, ha invece superato i 70 miliardi. Preoccupa la progressione. Solo tra luglio 2012 e luglio 2013 i "crediti cattivi" sono aumentati di 25,5 miliardi e dal 2009 ad oggi la loro consistenza è aumentata di quasi il 60%. Prof. Alessandro Berti 14 7

8 Alcuni dati Alle sofferenze si sommano gli incagli, un "limbo", proprio dell'ordinamento italiano, dove languono finanziamenti su cui iniziano a verificarsi mancati pagamenti. Pesano inoltre, seppur in minor misura, prestiti ormai scaduti (e non ripagati) e i finanziamenti ristrutturati. Secondo i dati di Bankitalia, i crediti deteriorati arrivano a 260 miliardi. Prof. Alessandro Berti 15 Riferimenti normativi: IAS 39 Al fine di meglio comprendere la ratio della normativa di vigilanza applicata in materia di credito problematico, si rende opportuno fare riferimento ai principi ispiratori del bilancio degli Istituti di Credito e degli Intermediari Finanziari, in particolare per quanto riguarda lo IAS 39. Prof. Alessandro Berti 16 8

9 IAS 39 approfondimenti La principale novità dello IAS 39 è rappresentata dal criterio del fair value all interno dell impianto legale alla base della redazione dei bilanci delle imprese. Questo criterio viene ritenuto in grado di poter evidenziare, più e meglio del costo, il contributo offerto dagli strumenti finanziari alla formazione del capitale di funzionamento e del risultato economico dell esercizio. Il costo, dal canto suo, viene relegato nel processo valutativo ad un ruolo subalterno, che verrà applicato soltanto nell ipotesi in cui il trattamento preferenziale (ossia il fair value) non risulti attendibilmente determinabile. Prof. Alessandro Berti 17 IAS 39 approfondimenti In definitiva, il fair value da eccezione diviene la regola. Esso può essere tradotto in italiano come valore equo e la definizione che ne rende lo IAS 39 è la seguente: corrispettivo al quale un bene può essere scambiato, o una passività estinta, tra parti consapevoli e disponibili in una transazione equa. Prof. Alessandro Berti 18 9

10 IAS 39 approfondimenti Si parla di un legame forte ma non di identità tra il fair value ed il valore di mercato in quanto nella definizione proposta manca un automatico riferimento al valore di mercato, anche se questo ultimo rappresenta il miglior parametro per il raggiungimento dell attendibilità e della riscontrabilità richieste dal fair value. Prof. Alessandro Berti 19 IAS 39 approfondimenti La leadership del valore di mercato, tuttavia, risulta incontrastata fino a quando si è in presenza di un mercato attivo; in mancanza di esso, è possibile, per il calcolo del fair value, riferirsi a transazioni aventi ad oggetto operazioni simili. Qualora prezzi di mercato o transazioni comparabili siano indisponibili, lo IAS 39 permette l adozione nella misurazione del fair value di modalità di calcolo alternative quali: l attualizzazione dei futuri flussi monetari, perizie di stima, ecc. Prof. Alessandro Berti 20 10

11 IAS 39 approfondimenti Nelle attività originate dall impresa rientra la categoria delle attività create dall impresa (crediti verso clienti, prestiti erogati direttamente). Contabilmente queste attività devono essere valutate al costo con imputazione a conto economico delle eventuali perdite durevoli di valore. Prof. Alessandro Berti 21 IAS 39 approfondimenti Lo IAS 39 obbliga le banche all effettuazione delle svalutazioni solo per perdite durevoli; esso stabilisce che un attività finanziaria ha subito una perdita durevole di valore se il suo valore contabile è maggiore del valore di realizzo stimato. La verifica dell esistenza di una perdita durevole di valore deve essere effettuata ad ogni chiusura di bilancio. I criteri di quantificazione della perdita sono differenziati a seconda che le attività siano valutate al costo ovvero al fair value. Prof. Alessandro Berti 22 11

12 IAS 39 approfondimenti I problemi per il settore bancario sono emersi in quanto i principi contabili generano forti fluttuazioni dell andamento dei risultati di bilancio e ai risultati contabili è legato tanto il patrimonio di vigilanza delle banche quanto il rating delle imprese affidate. Il patrimonio di vigilanza (parametro fondamentale per determinare il limite di attività che una banca può svolgere) considera tra gli addendi le riserve e il fondo rischi bancari generali, cioè voci alimentate dagli utili d esercizio, e fra i minuendi le rettifiche, l avviamento, le altre immobilizzazioni immateriali, l eventuale perdita d esercizio. Prof. Alessandro Berti 23 IAS 39 approfondimenti Sulla base dell attuale normativa i principi contabili impattano sul patrimonio di vigilanza attraverso la maggiore volatilità di risultato, con conseguente minore capacità di accantonamento a riserva o a fondo rischi bancari dell utile. Un esempio è rappresentato dagli intangibili. Infatti mentre la normativa ante-ias eliminava qualunque impatto degli intangibili sul patrimonio di vigilanza, i nuovi principi contabili prevedono per gli intangibili un test di impairment, ossia una valutazione almeno annuale per verificare l effettiva tenuta dei valori iscritti in bilancio, con la conseguenza che nel caso di un eventuale deterioramento degli stessi la svalutazione passa in conto economico (p.es. Monte Paschi). Prof. Alessandro Berti 24 12

13 IAS 39 approfondimenti In base allo IAS 39, tali accantonamenti si riferiscono alle perdite in cui esiste obiettiva evidenza di deperimento economico per eventi che si sono verificati dopo l iscrizione iniziale del credito. La contabilizzazione avviene solo quando si verifica un evento che genera una perdita. In questo modo può accadere che gli accantonamenti riferiti ai crediti non siano sufficienti, e quindi dovrà essere accantonata una parte di utili non distribuiti, così riducendo in parte il patrimonio di vigilanza. Prof. Alessandro Berti 25 IAS 39 approfondimenti Per le banche, oltre tale effetto negativo, si evidenzia anche la necessità di predisporre sistemi preposti non solo alla determinazione del deperimento economico dei crediti, ma anche in grado di mantenere memoria del rating creditizio inizialmente attribuito a ciascuna esposizione, al fine di verificare l eventuale miglioramento o peggioramento intervenuto alla successiva data di valutazione. L effetto congiunto ha imposto vincoli e quindi comportamenti che ha condotto le banche ad essere sempre più interessate ad essere erogatori del servizio del credito piuttosto che proprietari del credito stesso. Da qui la quantità di portafoglio dismesso dalla gestione delle banche, molto considerevole, attraverso la cartolarizzazione. Prof. Alessandro Berti 26 13

14 Conseguenze sull operatività bancaria: le rilevazioni delle posizioni rischiose Il sistema del controllo interno deve contemplare: la predisposizione di regole che disciplinino la periodicità, le modalità e gli strumenti da utilizzare nell analisi delle anomalie; la sistematicità dell analisi dei dati anomali, sulla base dei flussi informativi disponibili; l esistenza di una regolamentazione disciplinante la cadenza, la casistica e le modalità di redazione delle relazioni periodiche e puntuali che devono essere effettivamente prodotte ed archiviate; l adeguatezza delle modalità di utilizzo degli strumenti adottati per la misurazioni del rischio. Prof. Alessandro Berti 27 Valutazione del portafoglio crediti e corretta esposizione delle classi di rischio Il sistema del controllo interno: deve agire in base a criteri di valutazione, gestione e classificazione dei crediti anomali preventivamente deliberati dal CdA, conformemente ai criteri civilistici (IAS 39) e in ottemperanza delle segnalazioni di Vigilanza; seguendo le modalità e le tempistiche per l opportuna rappresentazione delle proposte di classificazione dei crediti al CdA; Prof. Alessandro Berti 28 14

15 Valutazione del portafoglio crediti e corretta esposizione delle classi di rischio con adeguata distinzione dei crediti verso la clientela in funzione del grado di rischio (crediti in bonis, ristrutturati, incagli, sofferenze), dandone completa informazione nella nota integrativa. Inoltre, le metodologie di determinazione delle svalutazioni collettive su crediti anomali devono essere adeguate e supportate da documenti che attestino la condivisione tra Ufficio Contabilità, Servizio Controllo Crediti e Direzione. Prof. Alessandro Berti 29 Tempestiva applicazione delle procedure di intervento sulle posizioni anomale La regolamentazione interna deve contenere indicazioni precise circa i termini e le modalità di intervento in caso di anomalia. Le procedure di intervento devono essere messe in atto in modo corretto e tempestivo e devono avere come finalità quella di normalizzare le posizioni anomale rilevate. Prof. Alessandro Berti 30 15

16 Elementi di valutazione delle Esposizioni Ristrutturate La ridefinizione della struttura creditoria e la determinazione dei piani di rientro non devono comportare alcuna novazione, remissione, effetti liberatori connessi alle obbligazioni. Tali operazioni devono essere congrue rispetto alla capacità di rimborso del cliente. La variazione dello status della posizione deve essere tempestivamente comunicata alla Centrale dei Rischi. Alla prima inadempienza da parte del debitore, a seconda del grado di anomalia rilevato, l intera esposizione deve essere classificata fra le sofferenze o le partite incagliate. Prof. Alessandro Berti 31 Le crisi d impresa: motivazioni, natura e cause Prof. Alessandro Berti 32 16

17 Le cause della crisi d impresa ed i riflessi sull evoluzione del valore di credito dell impresa affidata A prescindere dalle distinzioni teoriche, in linea di principio si può affermare che esistono squilibri di tipo economico e di tipo finanziario; i primi si evidenziano nell ambito del conto economico, ma derivano fondamentalmente da carenze ed inadeguatezze della formula competitiva aziendale che si riflettono nella inconsistenza o negatività del risultato operativo; i secondi, quasi sempre collegati ai primi (salvo eccezioni: p.e. problemi di incasso legati alla recessione) si evidenziano soprattutto nella situazione patrimoniale e si concretizzano nel venir meno del flusso di risorse finanziarie generato dalla gestione corrente destinato a fronteggiare ordinatamente gli impegni verso i creditori. Prof. Alessandro Berti 33 La determinazione del valore di credito: alcune precisazioni Il valore di credito di un impresa rappresenta l ammontare massimo di affidamenti (siano essi già stati erogati o possano essere deliberati ex-novo) che l impresa stessa è in grado di sostenere. Il concetto di sostenibilità può essere assimilato anche a quello di compatibilità, ovvero del rapporto di proporzione che dovrebbe esistere fra dimensione aziendale, fatturato, redditività, indebitamento finanziario. Prof. Alessandro Berti 34 17

18 La determinazione del valore di credito: alcune precisazioni Il valore di credito di un impresa, inoltre, può essere definito in funzione: 1. della capacità dell impresa di fronteggiare ordinatamente le uscite per adempiere alle proprie obbligazioni passive, grazie all autofinanziamento; 2. dell esistenza di attivi smobilizzabili (titoli, disponibilità liquide etc); 3. del quoziente di indebitamento; 4. delle garanzie; 5. della possibilità di ingresso di nuovi finanziatori in sostituzione di quelli vecchi. Prof. Alessandro Berti 35 La determinazione del valore di credito: alcune precisazioni È tuttavia evidente che dal punto di vista del finanziatore, a meno che non ci si trovi in presenza di situazioni di crisi o difficoltà conclamate, da risolvere mediante consolidamenti del debito, apprensione di garanzie, ricapitalizzazioni, dismissioni di cespiti, il valore di credito dipende unicamente dalla capacità di rimborso, storica, attuale e prospettica. Sia le garanzie, sia i disinvestimenti, come anche l ingresso di nuovi finanziatori sono infatti modalità relativamente anomale di rientro dal debito. Infine, quanto al rapporto di indebitamento, se il valore storico è privo di significato, l unico dato che rileva è la volontà e, soprattutto, la possibilità, per l imprenditore, di ricapitalizzare e rafforzare l impresa. Prof. Alessandro Berti 36 18

19 Gli squilibri di natura economica Problemi della matrice prodottomercato-tecnologia; aumento dei costi variabili (peggioramento della leva operativa conseguente alla riduzione del margine variabile); aumento dei costi fissi (peggioramento della leva operativa conseguente all innalzamento del break-even); perdite di natura straordinaria. Prof. Alessandro Berti 37 Gli squilibri di natura finanziaria La sottocapitalizzazione; la crescita aziendale finanziata con forte ricorso alla leva del debito; il forte peso assunto dal capitale circolante netto operativo; operazioni (e cause) di natura straordinaria. Prof. Alessandro Berti 38 19

20 Gli squilibri di natura finanziaria La sottocapitalizzazione: endemica nelle Pmi italiane; misurabile nel rapporto di indebitamento (non nel valore degli immobili presenti nell attivo); priva di un valore ideale di riferimento (inesistente), quanto piuttosto segnale sia dell impegno imprenditoriale, sia della passata capacità di creare ricchezza, destinandola al rafforzamento dell impresa; significativa in termini dinamici e non statici (nel bilancio il patrimonio netto è solo una rappresentazione contabile di ricchezza immessa/ creata). Prof. Alessandro Berti 39 Squilibri di natura finanziaria: forte crescita con elevata leva finanziaria La crescita a debito: si verifica spesso, a prescindere da una seria analisi di fattibilità e di compatibilità del percorso intrapreso; viene favorita/accompagnata dalla speculazione immobiliare degli anni scorsi; è stata oggetto di preferenza acritica in relazione alla crescita per linee esterne ed all acquisto dei c.d. intangibles; si caratterizza per la mancanza di correlazione logica fra costo dell investimento e rendimento del medesimo, spesso basso o nullo. Prof. Alessandro Berti 40 20

21 Squilibri di natura finanziaria: l incidenza del capitale circolante netto operativo L incidenza del capitale circolante netto operativo: il noto effetto spugna del ccno è amplificato dalla crescita del fatturato, da cui dipende, e dalle politiche commerciali espansive; l effetto depressivo per la liquidità è tanto più elevato quanto minore è la redditività lorda sulle vendite; allontana, fino a renderla irraggiungibile, la generazione di cassa nelle aziende che si caratterizzano per margini modesti; si compone di variabili non sempre modificabili da parte dell impresa, specie se Pmi. Prof. Alessandro Berti 41 Squilibri di natura finanziaria: altre cause Altre cause, anche di natura straordinaria: acquisizioni effettuate con la tecnica del LBO (leverage buy out) cioè a debito; recesso e liquidazione di uno o più soci; conflitti nella compagine azionaria; intervento dell autorità giudiziaria; modifiche legislative (per esempio, la messa fuori norma di determinate produzioni alimentari). Prof. Alessandro Berti 42 21

22 Gli effetti della crisi: le perdite In generale, si può affermare che gli squilibri generano perdite ed aumentano i debiti finanziari: le perdite hanno anzitutto un significato economico e solo secondariamente di tipo giuridico (riduzione del patrimonio); le perdite rappresentano la peggiore delle ragioni di fabbisogno, spesso occultate attraverso manovre contabili; in mancanza di interventi di ricapitalizzazione, le perdite generano fabbisogno in tendenziale ed abnorme crescita. Prof. Alessandro Berti 43 Gli effetti della crisi: le perdite In relazione al monitoraggio del rischio di credito si pongono problemi di comprensione ed analisi della vastità della crisi: le perdite spesso emergono quando è impossibile nasconderle (ma erano già presenti in bilanci precedenti); le perdite non risultano nel conto economico, ma sono manifeste nell andamento anomalo del circolante netto. Prof. Alessandro Berti 44 22

23 Gli effetti della crisi: le perdite In sintesi: le perdite devono essere determinate in base ad una ricognizione approfondita, non tanto per una questione contabile (il riflesso sul patrimonio netto è solo una conseguenza contabile), quanto piuttosto per comprendere le ragioni delle medesime; le perdite, in effetti, possono collocarsi a livello di MOL o di risultato operativo e derivare da motivazioni differenti; il giudizio che se ne trarrà circa la fattibilità del processo di fuoriuscita dalla crisi sarà, ovviamente, diverso. Prof. Alessandro Berti 45 I sintomi della crisi: la mancanza di liquidità e il valore del patrimonio netto La mancanza di liquidità: il problema della carenza di liquidità può originare da motivi economici e/o finanziari; il punto centrale da risolvere, nella fase diagnostica, riguarda la reversibilità (o temporaneità) della situazione illiquida; per esempio, la mancanza di liquidità che deriva da perdite è diversa da quella che origina dal circolante netto operativo. Prof. Alessandro Berti 46 23

24 I sintomi della crisi: la mancanza di liquidità e il valore del patrimonio netto La mancanza di liquidità in recessione. Il rischio di mancato pagamento delle proprie obbligazioni passive in maniera puntuale ed alle scadenze pattuite si verifica in presenza di: riduzione dei volumi delle vendite e degli incassi conseguenti; allungamento dei tempi di incasso o mancato incasso (insolvenza dei clienti); richiesta di rientro da parte delle banche. Prof. Alessandro Berti 47 I sintomi della crisi: la mancanza di liquidità e il valore del patrimonio netto La mancanza di liquidità in recessione. Si deve distinguere se si tratti di un puro e semplice rallentamento del ciclo economico nel breve termine, in attesa di una ripresa del ciclo, comprimendo il CCNO si potrebbe ottenere liquidità; oppure di una vera e propria crisi generalizzata, in tal caso ad una seria incapacità di vendere, si accompagna anche quella di incassare. Prof. Alessandro Berti 48 24

25 I sintomi della crisi: la mancanza di liquidità e il valore del patrimonio netto Il patrimonio netto negativo: rappresenta un limite giuridico all operatività aziendale; sotto il profilo della valutazione del merito di credito non è altro che un evidenza contabile; che tuttavia manifesta che il valore di liquidazione dell impresa è incapiente a far fronte alle obbligazioni assunte; e che la ricapitalizzazione può non bastare, da sola, a risolvere lo stato di difficoltà. Prof. Alessandro Berti 49 I sintomi della crisi: alcune indicazioni operative di prevenzione - fatturato + scorte e/o clienti= difficoltà ad incassare crediti inesigibili vendite a clientela marginale scorte di lento rigiro, invendibili o frutto di errori di produzione e/o commerciali politiche di bilancio = manipolazioni vi sono riscontri diretti in Centrale Rischi e dall andamentale. Prof. Alessandro Berti 50 25

26 I sintomi della crisi: alcune indicazioni operative di prevenzione Ma anche - fatturato + debiti di funzionamento= finanziamento forzoso della gestione posto a carico dei fornitori finanziamento forzoso della gestione posto a carico dell Erario e degli enti previdenziali il capitale circolante netto non varia, anzi, si riduce non vi sono riscontri diretti in Centrale Rischi né dall andamentale. Prof. Alessandro Berti 51 I sintomi della crisi d impresa La cattiva qualità del portafoglio clienti: è evidenziata dal livello del circolante netto sul fatturato e dalla sua dinamica nel tempo; è spesso causata dalla spasmodica ricerca di fatturato: l impresa, pur di avere un portafoglio bancabile, non fa attenzione alla puntualità dei clienti; dalla presenza di portafoglio gonfiato, ossia da fatture che non trovano riscontro nell attività di vendita. Prof. Alessandro Berti 52 26

27 I sintomi della crisi d impresa Le difficoltà economiche, che si sostanziano nel calo del fatturato e/o nel subire perdite d esercizio, si riflettono sui modi di utilizzo degli affidamenti ottenuti. Qualora le vendite siano in diminuzione e sia necessario pagare fornitori e personale, sarà inevitabile assistere ad una tensione nell utilizzo del conto corrente. Prof. Alessandro Berti 53 Le politiche di bilancio Per politiche di bilancio s intendono tutte quelle scelte mediante le quali si perviene a modificare in tutto o in parte, il risultato di esercizio. Qualora il risultato di esercizio risulti poco brillante o negativo, ciò avviene tramite mancate svalutazioni o rivalutazioni del tutto arbitrarie di attività, per esempio: le scorte, i crediti, le immobilizzazioni tecniche. Prof. Alessandro Berti 54 27

28 Le politiche di bilancio Il problema non è l individuazione delle politiche di bilancio in quanto tali, ma le difficoltà che esse nascondono, tipicamente di natura gestionale, quali: perdita di competitività; inefficienze; perdita di fatturato e scivolamento sotto il punto di pareggio; errori di produzione. Prof. Alessandro Berti 55 Le politiche di bilancio È bene ricordare che l analisi per indici non ha nessuna efficacia nelle situazioni di difficoltà, poiché in tali situazioni i valori ricompresi nelle attività correnti spesso sono oggetto di rivalutazioni o mancate svalutazioni effettuate e/o omesse al fine di avere un bilancio in utile. Si rileva che l esistenza di quozienti soddisfacenti è compatibile con situazioni caratterizzate da un fabbisogno finanziario crescente e derivante da negativi andamenti economici aziendali. Prof. Alessandro Berti 56 28

29 Le politiche di bilancio Da ciò discende che l utilizzo dell analisi per indici non permette di evidenziare le politiche di bilancio, poiché si tratta di analisi statica, che prescinde dalla variabile temporale in termini di interpretazione dinamica dei valori stessi, ovvero non analizza quali sono state le cause che hanno condotto un certo valore a posizionarsi su un dato livello nel tempo. Prof. Alessandro Berti 57 Le politiche di bilancio Se per analizzare il bilancio di un azienda si utilizza l analisi per flussi, le politiche di bilancio - tese a mascherare negativi risultati di gestione - non hanno alcun effetto nella rilevazione della liquidità prodotta (o assorbita) dalla gestione, poiché tale strumento ha la capacità di neutralizzare le politiche stesse. Prof. Alessandro Berti 58 29

30 Le politiche di bilancio Esempio: una sopravalutazione delle scorte, determina da un lato, un migliore risultato operativo, dall altro una maggiore rettifica da apportare al risultato operativo per pervenire a quello di cassa (autofinanziamento), poiché si verifica un incremento del CCNO. Prof. Alessandro Berti 59 Le politiche di bilancio E ancora: fatture da emettere false, determinano da un lato, un aumento dei ricavi e di conseguenza un aumento del risultato economico, dall altro un aumento dei crediti vs. clienti e quindi un incremento del ccno con effetto spugna depressivo della liquidità costi capitalizzati, determinano da un lato, una riduzione dei costi e quindi un aumento dei ricavi, dall altro un incremento delle immobilizzazioni immateriali acquisite nell esercizio, senza effetti sulla redditività e l efficienza. Prof. Alessandro Berti 60 30

31 I sintomi contabili della crisi d impresa Analizzando la dinamica dell autofinanziamento si nota che: le aziende in crisi presentano un flusso di cassa quasi sempre negativo (quand anche fosse positivo si tratterà di un accadimento occasionale); al contrario le aziende sane presentano un autofinanziamento quasi sempre positivo, ma il dato più importante è che le stesse riescono a mantenerlo nel tempo. Prof. Alessandro Berti 61 I sintomi contabili della crisi d impresa Inoltre: le aziende sane presentano variazioni del CCNO che solo in pochi casi portano ad un flusso di cassa negativo, mentre quelle in crisi sono caratterizzate da variazioni del CCNO considerevoli che rendono negativo l autofinanziamento. Prof. Alessandro Berti 62 31

32 I sintomi contabili della crisi d impresa Con riferimento alla dinamica del circolante è necessario fare alcune precisazioni: nelle aziende sane l utilizzo della leva del credito è soggetta a limitazioni, legate al mercato di appartenenza, alla forza contrattuale, alle necessità operative; nelle aziende in crisi, invece, si incontrano situazioni caratterizzate da elevata crescita dei debiti di funzionamento che è sintomo di: impossibilità di far fronte ai propri impegni, decisione di privilegiare le banche nei rimborsi. Prof. Alessandro Berti 63 I sintomi contabili della crisi d impresa L aumento dei debiti di funzionamento fa diminuire il CCNO, a prima vista ciò potrebbe essere interpretato positivamente per gli effetti che la variazione ha sulla produzione di liquidità. In realtà, un analisi più accurata consente di individuare una situazione che è in deterioramento in quanto il circolante diviene negativo per effetto del mancato pagamento dei fornitori. Prof. Alessandro Berti 64 32

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Industriali Avanzato Interventi privatistici

Economia e Gestione delle Imprese Industriali Avanzato Interventi privatistici Economia e Gestione delle Imprese Industriali Avanzato Interventi privatistici Accordi di ristrutturazione dei debiti (Art. 182 bis) Accordo di ristrutturazione con almeno il 60% dei creditori Deposito

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento 1. REGOLAMENTAZIONE, STABILITA E CRESCITA: QUALI PRIORITA? 2. QUALI VINCOLI «ESTERNI» ALL ATTIVITÀ DI EROGAZIONE

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Assistenza al Credito

Assistenza al Credito Assistenza al Credito GUIDA PRATICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio di banche nato per semplificare l uso dei prodotti bancari e migliorare le conoscenze finanziarie

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2014 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) Il candidato, dopo avere definito il concetto di business plan, ne specifichi la struttura

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati 1. Premessa Negli anni più recenti l economia italiana ha registrato una notevole contrazione.

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CARISMI CONVEGNI L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CENTRO STUDI I CAPPUCCINI 28 Marzo 2013 LA SOLUZIONE DELLE CRISI DI IMPRESA DOPO IL DECRETO SVILUPPO

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

L esperienza di UniCredit Corporate Banking nelle azioni di risanamento e restructuring della propria clientela

L esperienza di UniCredit Corporate Banking nelle azioni di risanamento e restructuring della propria clientela L esperienza di UniCredit Corporate Banking nelle azioni di risanamento e restructuring della propria clientela Tiziano Piemontesi Responsabile Area Restructuring & Monitoraggio Portafoglio Problematico

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

Cessione del quinto dello stipendio o della pensione e operazioni assimilate (CQS). Comunicazione.

Cessione del quinto dello stipendio o della pensione e operazioni assimilate (CQS). Comunicazione. AREA VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Classificazione VII 2 8 Oggetto Cessione del quinto dello stipendio o della pensione e operazioni assimilate (CQS). Comunicazione. Negli ultimi anni la Banca d Italia

Dettagli

Le operazioni di Factoring nel contesto degli IAS

Le operazioni di Factoring nel contesto degli IAS Le operazioni di Factoring nel contesto degli IAS Prof. Alessandro Gaetano Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia 1 Struttura dell intervento 1. Il Factoring: un inquadramento concettuale

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito Prof. Francesco Faraci Associato di Economia degli Intermediari Finanziari Facoltà di Economia

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori.

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. GIULIANO SOLDI

Dettagli

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Il bilancio Valutazioni ed analisi Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Focus sui principi contabili IAS 39 (valutazione di strumenti finanziari: crediti,

Dettagli

GUIDA PRATICA. Criteri generali di valutazione della capacità di credito delle PMI

GUIDA PRATICA. Criteri generali di valutazione della capacità di credito delle PMI GUIDA PRATICA Criteri generali di valutazione della capacità di credito delle PMI Indice CARO CLIENTE...3 1. L IMPRESA E IL SUO BUSINESS...6 Gli elementi descrittivi dell impresa...6 L impresa e il suo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione Principio contabile internazionale n. 30 (rivisto nella sostanza nei 1994) Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Il presente Principio contabile internazionale così

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

Analisi dei finanziamenti

Analisi dei finanziamenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei finanziamenti Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Analisi dei finanziamenti: l approccio dinamico 2. Analisi dei finanziamenti:

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Macchinari Agricoli S.p.A.

Progetto Rilancio: il caso Macchinari Agricoli S.p.A. Progetto Rilancio: il caso Macchinari Agricoli S.p.A. di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Si presenta il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio, è riuscita ad individuare la via migliore

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio

La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio di Silvia Tommaso (*) Si propone una simulazione di analisi quantitativa attraverso l esame dei prospetti di stato patrimoniale e conto

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Documento Unico di Programmazione 2014-2016

Documento Unico di Programmazione 2014-2016 COMUNE DI BOLOGNA Documento Unico di Programmazione 2014-2016 I nuovi strumenti della pianificazione strategica e operativa UNA GUIDA ALLA LETTURA 31 marzo 2014 Indice 1. L evoluzione della normativa

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013, Titolo

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012 CRISI

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

Il Fondo Italiano d Investimento

Il Fondo Italiano d Investimento Il Fondo Italiano d Investimento di Antonio Ricciardi (*) Nei prossimi mesi sarà operativo il Fondo Italiano di investimento, un fondo chiuso di private equity a sponsorship pubblica che ha l obiettivo

Dettagli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli IL FIDO BANCARIO Prof. Pietro Samarelli In questo modulo: il fido bancario e le sue classificazioni modalità di utilizzo regole tecniche e amministrative dei fidi la Centrale dei rischi i Confidi Basilea

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Letture di riferimento: Bertinetti, Paragrafo 2.1 Il rischio rilevante per l azienda Rischio =

Dettagli

LA DIAGNOSI DELLA CRISI: QUALI SEGNALI?

LA DIAGNOSI DELLA CRISI: QUALI SEGNALI? LA DIAGNOSI DELLA CRISI: QUALI SEGNALI? E possibile prevenire le crisi aziendali? La risposta non è semplice poiché le imprese sono organismi in continua evoluzione, inserite in un ambiente sempre più

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Master Bancario in Credit Restructuring

Master Bancario in Credit Restructuring Master Bancario in Credit Restructuring Sa - REA: MI1807105 Certificazione ISO Settore EA:37. Cert-DNV 17328-2006-AQ-MIL-SINCER - www.trainermkt.it info@trainermkt.it mod. ALT rev. 1 2 Premessa La difficoltà

Dettagli

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Rosella Sciolla Responsabile Direzione Crediti Regionale Piemonte Nord Valle d Aosta di UniCredit Banca Torino, 27 Maggio 2010 2 Basilea

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa

La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Dall ultima lezione L analisi

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

GESTIONE DEL CREDITO

GESTIONE DEL CREDITO GESTIONE DEL CREDITO SOMMARIO schema di sintesi chiarimenti costo del credito nelle valutazioni aziendali La gestione del credito commerciale dall inizio della crisi finanziaria sta diventando sempre più

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

GUIDA PRATICA A BASILEA 2

GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 Progetto realizzato da Confcommercio Cosenza Con il contributo della Regione Calabria La gestione del progetto è stata affida al C.A.T. - Centro Assistenza

Dettagli