Opportunità per il finanziamento dell efficientamento energetico negli impianti sportivi Eduardo Gugliotta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Opportunità per il finanziamento dell efficientamento energetico negli impianti sportivi Eduardo Gugliotta"

Transcript

1 Opportunità per il finanziamento dell efficientamento energetico negli impianti sportivi Eduardo Gugliotta

2 In 50 anni l ICS ha concesso circa mutui per 6,5 miliardi di euro: 52% al Nord, 23% al Centro e 25% al Sud e Isole. ICS finanzia tutti i tipi di impianti sportivi ed ha finanziato circa il 75% degli impianti sportivi in Italia.

3 Istituto per il Credito Sportivo Natura dell Ente Banca: istituita con Legge 24 dicembre 1957, n L Istituto, banca pubblica ai sensi e per gli effetti dell articolo 151 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, è Ente di diritto pubblico con gestione autonoma. La verifica del rispetto delle finalità pubbliche dell ICS spetta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri (o al Ministero dello Sport) al Ministero dell Economia e al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. ICS è soggetto alla vigilanza della Banca d Italia Enti fondatori Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.) Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

4 Altri Enti partecipanti Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. Assicurazioni Generali S.p.A. Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Dexia Crediop S.p.A. Intesa San Paolo S.p.A. UniCredit S.p.A. Banco di Sardegna S.p.A.

5 * Quote % Capitale 1. Ministero dell Economia e delle Finanze (80,438%) 2. CONI Servizi S.p.A. (6,702%) 3. Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. (2,214%) 4. Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. (1,724%) 5. Dexia Crediop S.p.A. (3,110%) 6. Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (1,480%) 7. Intesa San Paolo S.p.A. (1,264%) 8. Unicredit S.p.A. (1,264%) 9. Assicurazioni Generali S.p.A. (1,336%) 10. Banco di Sardegna S.p.A. (0,468%)

6 Con decreto del 6 marzo 2013 è stato annullato lo statuto del 2005 per poter procedere all approvazione di un nuovo statuto. L 8 agosto 2013 è stata approvata la direttiva per l approvazione del nuovo statuto. Con decreto interministeriale del 24 gennaio 2014 è stato approvato il nuovo statuto. I criteri indicati portano all attribuzione del capitale dell ICS per l 80% allo Stato (Ministero dell Economia), il 9% a CONI e Cassa DD.PP., il restante 11% a tutti gli altri partecipanti.

7 Natura dei finanziamenti dell ICS all impiantistica sportiva Mutui di scopo che beneficiano di agevolazioni pubbliche e che obbligano l Istituto per il Credito Sportivo a verificare l effettivo utilizzo delle somme erogate per la realizzazione delle opere sportive alle quali erano state destinate, pertanto: In fase di istruttoria è acquisito un parere in linea tecnicosportiva sul progetto delle opere da realizzare, espresso dagli organi tecnici periferici e centrali del C.O.N.I. con procedura on line CONI regionale per i progetti di importo fino a ,80 su esame tecnico-sportivo effettuato dalla Commissione Impianti Sportivi Regionale (CISR) Commissione Impianti Sportivi del CONI di Roma per i progetti con importo lavori superiore a ,80.

8 ATTIVITA FINANZIATE la costruzione, l'ampliamento, l'attrezzatura ed il miglioramento di impianti sportivi e/o strumentali all attività sportiva ivi compresa l acquisizione delle relative aree l acquisto di immobili da destinare ad attività sportive o strumentali a queste la promozione della cultura sportiva la gestione degli impianti sportivi e/o dell attività sportiva e la realizzazione di eventi sportivi iniziative di sostegno e sviluppo delle attività culturali l acquisto, la costruzione, la ristrutturazione ed il miglioramento di luoghi ed immobili destinati ad attività culturali o strumentali ad essa. L Istituto può finanziare ogni altra attività ed investimento connessi al settore dello sport e dei beni e delle attività culturali. ( )

9 Destinatari del credito Ogni altro soggetto pubblico o privato che persegua anche indirettamente, finalità sportive, ricreative e di sviluppo dei beni e delle attività culturali, ad esempio: Comuni, Province e Regioni Enti Pubblici Coni Servizi S.p.A. Federazioni Sportive Nazionali Società, Associazioni Sportive, Enti di promozione sportiva e Discipline Sportive Associate riconosciute dal C.O.N.I. Associazioni e società sportive non riconosciute dal CONI Parrocchie ed Enti ecclesiastici civilmente riconosciuti Associazioni e società senza personalità giuridica Società di gestione di impianti sportivi Società, Associazioni culturali, Fondazioni Enti di promozione culturale e dello spettacolo Persone fisiche (nel settore dei beni culturali)

10 Agevolazioni Fondo Speciale per contributi negli interessi sui mutui Fondo alimentato con il versamento da parte del C.O.N.I. dell aliquota del 2,45% calcolata sugli incassi lordi del concorso pronostici (Totocalcio, Totogol, ecc.). Contributi standard negli interessi in base a Convenzioni Enti locali 0,70% Privati ed enti pubblici diversi dagli Enti Locali 1,00% Sono previsti contributi più elevati per particolari tipologie di interventi

11 trasferimento di funzioni in materia di impiantistica sportiva alle Regioni minore disponibilità di risorse per agevolazioni (calo concorsi pronostici) favorire una migliore pianificazione a livello territoriale degli interventi Sviluppo dello strumento delle Convenzioni e dei Protocolli d intesa utilizzo mirato delle minori agevolazioni pubbliche

12 Convenzioni e Protocolli d intesa numero plafond Regioni: ,00 Province: ,13 Comuni: ,13 Federazioni Sportive Nazionali: ,00 Enti di Promozione Sportiva, Leghe Calcio e altri enti: ,00 Diocesi: ,00 ANCI, Agenzia del Demanio e ADSI ( ,00) Totale n ,26

13 Referenti Commerciali di Zona

14 Agevolazioni in conto interesse Impianti in zone colpite da particolari calamità naturali: Interventi di costruzione e ricostruzione, ristrutturazione, attrezzatura, miglioramento, completamento efficientamento energetico e messa a norma nei comuni Colpiti dal sisma del 20 maggio 2012 delle regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto Colpiti dagli eventi alluvionali della regione Sardegna dell ottobre 2013 Contributi in c/interessi 2% Enti locali e Soggetti privati (per mutui concessi entro il 31 dicembre 2014)

15 Agevolazioni in conto interesse Mutuo Energetico: investimenti per l efficientamento energetico degli edifici (compresi interventi per risparmi energetici come coibentazione e sostituzione di serramenti e infissi o caldaie a maggiore efficienza, pompe di calore) utilizzo delle fonti rinnovabili per la produzione di energia attraverso sistemi ecocompatibili (impianti fotovoltaici, collettori solari termici, impianti di cogenerazione ecc.) impianti d illuminazione a LED realizzazione di fondi in erba sintetica ad intaso vegetale al 100% realizzazione e/o sostituzione del tappeto erboso per campi da golf con specie macroterme Contributi in c/interessi 1,20% soggetti privati 0,80% enti locali

16 Oltre agli impianti fotovoltaici e solari termici l ICS può finanziare anche gli impianti di cogenerazione particolarmente indicati per l utilizzo sportivo: le piscine e i centri sportivi sono considerate utenze privilegiate per la cogenerazione in quanto caratterizzate da una domanda piuttosto costante nel tempo di energia termica e di energia elettrica.

17 Il corretto dimensionamento dell impianto di cogenerazione per massimizzare il rendimento, lo sfruttamento di tutta l energia prodotta (termica ed elettrica) e ridurre i costi di manutenzione espressi in /kwh, dovrebbe essere tarato sul fabbisogno termico di base (non quello di picco solitamente registrato nei mesi invernali).

18

19 Accordo volontario tra Ministero dell Ambiente e ICS (in attesa di sottoscrizione) Obiettivo Sostenere gli interventi di efficienza energetica nei settori dello sport e della cultura finalizzati a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra ed il consumo di acqua (carbon e waterfootprint) nell ambito del programma per la valutazione dell impronta ambientale Sono previsti dei contributi in c/interessi maggiorati per Enti locali e Soggetti privati

20 Pacchetto clima energia 2030 Commissione Europea 1. Riduzione CO2 (gas serra) del 40% rispetto al 1990 senza ricorrere a progetti realizzati nei paese terzi 2. Produzione di energia da fonti rinnovabili al 27% entro il Revisione della Direttiva 2012/27/Ue sull efficienza energetica

21 Agevolazioni in conto interesse Mutui necessari all attuazione delle direttrici d intervento del Piano Nazionale per la Promozione dell Attività Sportiva (PNAPAS): Mutui per impianti sportivi scolastici Mutui per impianti sportivi universitari Mutui per abbattimento barriere architettoniche Contributi in c/interessi 1,40% Enti locali 2,00% soggetti privati (per mutui concessi entro il 31 dicembre 2014)

22 FONDO DI GARANZIA PER GLI IMPIANTI SPORTIVI D.L. 22/6/2012 n. 83 Misure urgenti per la crescita del Paese Stanzia 5 milioni in aggiunta ai 13,1 mil. già c/o il Credito Sportivo = 18,1 milioni Amplia i beneficiari anche a ogni altro soggetto pubblico o privato che persegua anche indirettamente finalità sportive Gestito in base a criteri approvati dal Ministro dello Sport sentito il CONI (decreto 7/11/2013) Al fondo possono essere destinati ulteriori apporti forniti direttamente o indirettamente dallo Stato e da enti pubblici

23 FONDO DI GARANZIA PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Legge 27 dicembre 2013 n. 147 di stabilità per il 2014 Stanzia altri 45 milioni (10 milioni per il 2014, 15 milioni per il 2015 e 20 milioni per il 2016) L'Istituto per il credito sportivo amministra gli importi di cui sopra in gestione separata in base ai criteri approvati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri o del Ministro da lui delegato, sentiti il Ministro dell'interno e il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti previo parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e della Conferenza Stato - città ed autonomie locali, tenendo conto dell esigenza di assicurare interventi per la sicurezza strutturale e funzionale degli impianti sportivi e la loro fruibilità, nonché per il loro sviluppo e ammodernamento

24 FONDO DI GARANZIA PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Legge 27 dicembre 2013 n. 147 di stabilità per il 2014 i commi dal 303 al 305 introducono semplificazione delle procedure amministrative con tempi certi per l approvazione del progetto: 90 gg. per dichiarazione di pubblica utilità del comune 120 o 180 gg. per approvazione progetto definitivo Poteri sostitutivi in caso di superamento dei termini: Presidente consiglio dei ministri assegna ulteriori 30 gg. all ente e se decorsi inutilmente Presidente Regione nomina commissario per approvazione entro 60 gg. Consiglio dei ministri previo parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici approvazione entro 60 gg.

25

26 FONDO DI GARANZIA PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Regolamento e criteri Garanzia diretta per mutui fino a 15 anni Plafond disponibile per singolo Ente apportante pari a 4 volte l apporto Garanzia: non superiore all 80% dell ammesso per operazioni PPP 60% per interventi diversi limite per soggetto di ,00 ed 1/5 dell apporto Verifica di ammissibilità: requisiti sogg. e ogg., disponibilità area, parere CONI su progetto per concessionari preventivo assenso al subentro nel mutuo ex art. 159 D.lgs 163/2006 verifica indici di bilancio

27 FONDO DI GARANZIA PER GLI IMPIANTI SPORTIVI E stata richiesta la garanzia di ultima istanza dello Stato sul Fondo di garanzia gestito da ICS per poter ampliare il moltiplicatore a 8 o più. Ciò potrebbe consentire di garantire oltre ,00 di mutui per impianti sportivi.

28 FONDO DI GARANZIA PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Procedure di recupero ed attivazione Fondo Solo dopo avvio procedure di recupero del credito da parte della banca Tempistiche differenziate tra concessionari e altri soggetti Con liquidazione perdita alla banca il Fondo acquisisce il diritto di rivalersi sul cliente garantito ed è surrogato in tutti i diritti spettanti alla banca finanziatrice in relazione ad altre garanzie acquisite

29 Iniziativa cantieri per lo sport mutui a tasso zero su tutto il territorio nazionale Proposta ICS di utilizzo di fondi per l impiantistica sportiva Enti locali 500 mutui per ristrutturazione /realizzazione di spazi sportivi scolastici Importo max ,00 Durata massima 15 anni Enti locali e soggetti privati (utilizzo delle somme del Fondo per la capillare diffusione della pratica sportiva) 500 mutui per ristrutturazione /realizzazione di spazi sportivi Importo max ,00 Durata massima 15 anni EE.LL anni privati

30 FONDI COMUNITARI L ICS in quanto «istituzione finanziaria che persegue obiettivi di interesse pubblico sotto il controllo di un autorità pubblica» si candida a costituire Fondi o a gestire risorse comunitarie per realizzare impianti sportivi e interventi nel settore dei beni e delle attività culturali ed iniziative di efficientamento energetico, sia in campo sportivo che culturale. Tali strumenti finanziari sono attivabili in relazione a tutti gli obiettivi previsti nei Programmi Operativi Nazionali e Regionali da parte delle Autorità di Gestione dei fondi comunitari sia nazionali che regionali.

31 ENTI LOCALI domanda di mutuo, in carta semplice intestata ed a firma del Sindaco o del Dirigente competente parere tecnico espresso sul progetto dal Comitato Regionale del CONI a firma del Delegato Provinciale (per progetti con importo lavori fino ad ,80) ovvero dalla CIS - Commissione Impianti Sportivi - del CONI di Roma - Foro Italico relazione tecnica, quadro economico di spesa e computo metricoestimativo del progetto definitivo esecutivo in copia conforme e vistati dal CONI Regionale ovvero dalla CIS del CONI di Roma certificazione debitamente compilata in ogni sua parte e a firma dei Responsabili dei Servizi (Amministrativo e Tecnico), ciascuno per le attestazioni di competenza: approvazione progetto, stanziamento nel bilancio pluriennale degli oneri finanziari e di gestione, disponibilità area, rispetto limiti indebitamento e patto stabilità, durata e tasso

32 Gli interventi possono essere realizzati solo in presenza della necessaria copertura finanziaria La copertura finanziaria mediante i mutui concessi dall Istituto per il Credito Sportivo si perfeziona al momento della stipula del contratto di mutuo La sottoscrizione del contratto di mutuo in oggetto, avviene secondo la forma giuridica della scrittura privata mediante scambio di corrispondenza ed è subordinata alla ricezione della determina dirigenziale di assunzione del mutuo La garanzia è costituita da delegazione di pagamento a valere sulle entrate afferenti ai primi tre titoli di bilancio (art. 206 TUEL)

33 Ammortamento Di norma il 1 gennaio successivo alla stipula del mutuo. Sono ammesse le decorrenze anticipate o posticipate previste dal TUEL (art. 204) Rate semestrali scadenti il 30/6 e il 31/12 Erogazione mutuo Le somme mutuate sono interamente erogate, in possesso del contratto e della delega notificata al tesoriere, con valuta del giorno precedente l entrata in ammortamento e versate al tesoriere comunale o provinciale (o se c è contributo statale alla Sez. Provinciale della Tesoreria dello Stato). Sono possibili anticipazioni in preammortamento al tasso lordo di stipula.

34 Il mantenimento del contributo è vincolato al rispetto degli obblighi contrattuali e alla regolare esecuzione dei lavori verificata in corso d opera mediante: Relazioni periodiche del mutuatario o sopralluoghi Stati di Avanzamento Lavori e relativi certificato di pagamento Parcelle tecniche Fatture per acquisto attrezzature Al termine dei lavori: Collaudo tecnico amministrativo (importo lavori superiore a ) o certificato di regolare esecuzione (se inferiore) Certificato di omologazione Certificato di agibilità Parere per la verifica finale dei lavori ammessi rilasciato dal CONI Regionale

35 In caso di: Perizie di variante Mutamento di destinazione Utilizzo economie per nuove opere Documentazione da produrre: Delibera di approvazione dell organo decisionale o determina del responsabile del procedimento Elaborati progettuali Eventuale conferma dei contributi assegnati (da Regioni, Province, Stato) Parere favorevole del C.O.N.I.

36 I comuni e le province possono fornire la garanzia ai mutui contratti dai concessionari /gestori di impianti pubblici Art. 207, 3 co. TUEL (estratto) La garanzia fideiussoria può essere rilasciata anche a favore di terzi per l assunzione di mutui destinati alla realizzazione o alla ristrutturazione di opere a fini culturali, sociali o sportivi, su terreni di proprietà dell ente locale, purché siano sussistenti le seguenti condizioni: il progetto sia stato approvato dall ente locale e sia stata stipulata una convenzione con il soggetto mutuatario che regoli la possibilità di utilizzo delle strutture in funzione delle esigenze della collettività locale; la struttura realizzata sia acquisita al patrimonio dell ente al termine della concessione; la convenzione regoli i rapporti tra ente locale e mutuatario nel caso di rinuncia di questi alla realizzazione o ristrutturazione dell opera. Il rilascio di garanzia fidejussoria da parte dell ente locale equivale ad un ipotesi d indebitamento: gli interessi annuali relativi alle operazioni garantite concorrono alla formazione del limite di cui all art. 204 e non possono impegnare più di un quinto di tale limite.

37 Recenti difficoltà nel rilascio delle garanzie degli EE.LL. ai concessionari/gestori a seguito forte riduzione limiti capacità d indebitamento (legge di stabilità ha riportato all 8% per il 2014 il limite originariamente previsto al 4%) mutui a privati garantiti da comuni 100 importi in Mln di Euro anni

38 Recenti difficoltà nel rilascio delle garanzie degli EE.LL. ai concessionari/gestori Aumento utilizzo come forma di garanzia di contributi degli EE.LL. ceduti all ICS Utilizzo di contributi assegnati ai concessionari finalizzati alla costruzione Nel caso di contributi in conto gestione concessi al gestore dall EE.LL. e ceduti a garanzia del mutuo si deve prevedere nella concessione che in caso di revoca della stessa l ente si accollerà il finanziamento

39 Gli EE.LL. possono assicurare al concessionario il perseguimento dell equilibrio economico finanziario degli investimenti e della gestione anche mediante un prezzo da corrispondere anche per imposizione prezzi inferiori da praticare agli utenti. Per reperire le risorse necessarie per i trasferimenti in c/capitale a favore dei concessionari di lavori pubblici (artt. 143 e 153 D. Lgs 163/06) a titolo di prezzo si può contrarre un mutuo, poiché tali trasferimenti costituiscono investimenti per i quali è consentito agli EE.LL. contrarre mutui (art. 3 c. 18 lett. h L. 350/03 finanziaria per il 2004 ); Possono inoltre cedere in proprietà o in diritto di godimento beni immobili nella propria disponibilità, o allo scopo espropriati, la cui utilizzazione o valorizzazione sia necessaria all equilibrio economico-finanziario della concessione. Le modalità di utilizzazione o valorizzazione sono definite dall amministrazione all approvazione del progetto posto a base di gara o dello studio di fattibilità (art. 143 comma 5 D.Lgs 163/06).

40 SOGGETTI PRIVATI L ICS finanzia di norma soltanto interventi realizzati successivamente alla presentazione della domanda di finanziamento o comunque ultimati da non oltre 18 mesi dall inoltro della domanda di mutuo. Analisi di affidabilità del soggetto analisi storica: situazione economico/patrimoniale (bilanci/rendiconti) analisi previsionale: (business plan/previsioni di gestione) capacità di rimborso del finanziamento: (sostenibilità del debito) Capacità professionale del gestore: curriculum, organizzazione, struttura Analisi delle garanzie offerte

41 IL MERITO DI CREDITO Le principali ragioni di merito di credito sono: Il cash flow aziendale effettivamente disponibile per il servizio del debito Il capitale economico aziendale (ovvero il patrimonio effettivamente disponibile) che rappresenta l elemento a sostegno della solvibilità del debitore in caso di inaridimento del cash flow. LA GARANZIA Poiché la normale operatività si sviluppa prevalentemente sul medio e lungo termine, alle predette due ragioni di merito si affianca, quale terza ragione, una garanzia di adeguato valore e di provata sicurezza. La garanzia inoltre ha anche la funzione di rafforzare eventuali debolezze di una delle due ragioni principali. IL PRICING DELL OPERAZIONE Dalla combinazione dei predetti fattori di merito di credito e dalla durata del finanziamento richiesto viene determinata la rischiosità dell operazione. In relazione a detta rischiosità viene individuato il tasso da applicare all operazione.

42 SOCIETA Domanda di mutuo Atto costitutivo e statuto Bilanci approvati relativi agli ultimi tre esercizi, completi di nota integrativa, eventuali relazioni, verbali approvazione Piano di fattibilità dell investimento* Documento comprovante la disponibilità dell area interessata dall impianto da finanziare, di durata almeno pari a quella del mutuo Parere favorevole del CONI sul progetto definitivo/esecutivo (richiesto on line sul sito ) Permesso di costruire (o altro provvedimento equivalente), ai sensi della normativa vigente in materia urbanistica Progetto definitivo/esecutivo completo Documentazione relativa alle garanzie: ipoteca, fidejussione comunale, cessione crediti P.A., fidejussione bancaria, pegno

43 SOCIETA Piano di fattibilità dell investimento proiezione economico/finanziaria (conti economici, stati patrimoniali e flussi finanziari previsionali) a medio/lungo termine (almeno 5 anni) della società conseguenti la realizzazione dell iniziativa, indicando i criteri valutativi adottati per la determinazione dei dati di base origini e sviluppi della società organizzazione e struttura della società (includendo i dati anagrafici e il curriculum professionale dei protagonisti dell iniziativa) mercato di riferimento: analisi dell offerta e della domanda descrizione e caratteristiche dell iniziativa proposta, punti di forza e debolezza della nuova iniziativa rispetto all offerta esistente

44 Linee guida per il business plan 1. Executive summary introduzione 2. Struttura societaria 3. Management e figure chiave 4. Domanda 5. Offerta 6. Piano finanziario 7. Documentazione supplementare

45 Struttura societaria data di costituzione e ragione sociale, obiettivi societari nel breve periodo (1-2 anni) e nel medio lungo periodo (oltre i 2 anni) relativamente a: obiettivi sociali (p.e., fornire un servizio sportivo ad una certa fascia di clientela) ricavi, costi e profitti (p.e., numero di anni previsti per il pareggio di bilancio, politiche di gestione degli utili ecc) possibilità/ volontà di autofinanziamento da parte dei soci/ membri dell organizzazione punti di forza e debolezza derivanti dalla forma societaria scelta

46 Management e figure chiave presentazione del management, della proprietà (se non coincidente con il management stesso) e delle figure chiave dell organizzazione, con particolare evidenza di: conoscenze e specializzazioni di ciascuna figura anni di esperienza nel settore o in attività assimilabili definizione dei ruoli e delle responsabilità tra gli attori coinvolti riferiti alla forma societaria prescelta

47 Domanda definizione del/i segmento/i di clientela target definizione del mercato di riferimento e razionale ( p.e., mercato di riferimento coincidente con il comune di appartenenza a causa dell unicità del servizio offerto) dimensione del bacino d utenza attuale e potenziale identificazione e descrizione dei concorrenti attuali e potenziali che potrebbero assorbire parte della domanda: dimensione, reputazione e radicamento territoriale punti di forza e debolezza, stima del potenziale assorbimento della domanda

48 Offerta Offerta attuale descrizione qualitativa dei servizi primari offerti alla clientela target e coerenza tra domanda attuale ed offerta descrizione dei principali driver di costi e ricavi per ciascun servizio offerto presentazione dei vantaggi competitivi, dei punti di forza e di debolezza di tali servizi (nel contesto di riferimento) descrizione di eventuali servizi accessori (p.e. servizi legati al benessere o alla ristorazione) esistenza di eventuali campagne di marketing e loro coerenza con la domanda attuale

49 Segue offerta Sviluppi futuri dell offerta possibili miglioramenti dell offerta e/o integrazione della stessa con servizi accessori al fine di renderla coerente con l evoluzione attesa della domanda possibili cambiamenti dei driver di costi e ricavi legati allo sviluppo futuro dell offerta future campagne di marketing

50 Piano finanziario dimostrare la capacità di gestione dei flussi di cassa (durante la fase di realizzazione degli investimenti e a regime) dimostrare la solidità economica e patrimoniale prospettica dell iniziativa imprenditoriale evidenziare la capacità di copertura del debito nel tempo proiezione dei flussi di cassa relativi sia alla fase di realizzazione dell investimento che a quella di normale operatività andamento delle principali grandezze economiche e patrimoniali (es. indebitamento vs. capitali propri, EBITDA, EBIT e risultato netto, ecc.)

51 Documentazione supplementare fonti e dati relativi ad eventuali analisi di mercato effettuate tempistiche di dettaglio per l avvio delle attività foto e/o rappresentazioni del progetto/ attività da finanziare organigramma societario CV dei proponenti ecc..

52 ASSOCIAZIONI Rendiconti approvati relativi agli ultimi tre esercizi con eventuali allegati Piano di fattibilità dell investimento contenente: Una previsione gestionale dell Associazione (bilancio previsionale e proiezione dei flussi di cassa) a medio/lungo termine (almeno 5 anni), indicando i criteri valutativi adottati per la determinazione dei dati di base Informazioni sull attività svolta e sugli eventuali programmi futuri (includendo dati anagrafici e curriculum professionale delle posizioni direttive dell Associazione) Le associazioni senza personalità giuridica, dopo la concessione del mutuo, devono fornire il verbale, redatto in forma di atto pubblico, della seduta dell Assemblea dei soci avente ad oggetto: ratifica e conferma cariche sociali, poteri di rappresentanza degli organi amministrativi conferimento procura speciale per contratto mutuo conferma testo vigente Statuto Per la stipula del contratto vanno forniti: libro associati libro delle delibere dell assemblea libro delle delibere dell organo amministrativo Tutti regolarmente bollati, vidimati e aggiornati

53 Contratto di mutuo in forma di atto pubblico condizionato al perfezionamento delle garanzie Erogazioni su presentazione di S.A.L. Atti di erogazione per scrittura privata o bonifico seguito da nota di quietanza Atto di erogazione finale a saldo in forma di atto pubblico Preammortamento: Sino ad un massimo di 18 mesi A tasso variabile. Il tasso variabile viene determinato prendendo come riferimento EURIBOR 6 MESI 365 aumentato di una maggiorazione (spread) uguale a quella applicata ai tassi di interesse di ammortamento

54 le somme sono erogate previa acquisizione di Stati di Avanzamento Lavori predisposti dal direttore dei lavori l ufficio tecnico ICS verifica la conformità dei SAL al progetto presentato in fase istruttoria il C.O.N.I. effettua verifica finale con il Parere per la verifica finale dei lavori una volta completate le opere Tale parere rientra nelle spese tecniche finanziabili col mutuo

55 Condizioni dei finanziamenti Enti locali (limite massimo D.M. 20 settembre 2011) Mutui a tasso fisso di norma fino a 25 anni Durata Tasso applicato Fino a 10 anni Oltre 10 anni e fino a 15 anni Oltre 15 anni e fino a 20 anni Oltre 20 anni e fino a 25 anni I.R.S. 7 anni + 1,85 p.% I.R.S. 10 anni + 1,90 p.% I.R.S. 12 anni + 2,00 p.% I.R.S. 15 anni + 2,10 p.%

56 Enti locali Mutui a tasso variabile di norma fino a 25 anni Durata Euribor Spread Fino a 10 anni Euribor a 6 mesi 360 1,85% Oltre 10 anni e fino a 15 anni Euribor a 6 mesi 360 1,90% Oltre 15 anni e fino a 20 anni Euribor a 6 mesi 360 2,00% Oltre 20 anni e fino a 25 anni Euribor a 6 mesi 360 2,10%

57 Parrocchie Mutui a tasso fisso di norma fino a 20 anni Durata I.R.S. Spread Fino a 10 anni I.R.S. a 10 anni 2,40% Oltre 10 anni e fino a 15 anni I.R.S. a 15 anni 2,45% Oltre 15 anni e fino a 20 anni I.R.S. a 20 anni 2,70%

58 Parrocchie Mutui a tasso variabile di norma fino a 20 anni Durata Euribor Spread Fino a 10 anni Euribor a 6 mesi 365 2,40% Oltre 10 anni e fino a 15 anni Euribor a 6 mesi 365 2,45% Oltre 15 anni e fino a 20 anni Euribor a 6 mesi 365 2,70%

59 Soggetti privati e Enti pubblici diversi dagli Enti Locali Mutui di norma fino a 20 anni Mutui a tasso fisso Durata IRS Spread (*) Tutte le durate di pari durata min 3,75 % * "spread che sarà determinato in sede di esame del rischio dell'operazione di mutuo (soggetto, tipo d intervento, garanzia offerta, durata del mutuo)

60 Soggetti privati e Enti pubblici diversi dagli Enti Locali Mutui di norma fino a 20 anni Mutui a tasso variabile Durata Euribor Spread (*) Tutte le durate euribor a 6 mesi 365 Min 3,75% * "spread" che sarà determinato in sede di esame del rischio dell'operazione di mutuo (soggetto, tipo d intervento, garanzia offerta, durata del mutuo)

61 Sede Legale e Uffici : Via G. Vico, Roma Tel Fax Eduardo Gugliotta Tel

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 20 febbraio 2015. Regolamento recante disposizioni operative del Fondo di garanzia per le agevolazioni

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli