13. La Fondazione Bioparco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "13. La Fondazione Bioparco"

Transcript

1 13. L Fondzione Bioprco In questo cpitolo si propone un sintesi dell prim fse dello studio condotto dll Agenzi sull Fondzione Bioprco di Rom e pubblicto nel mese di Febbrio L nlisi, per il momento limitt i principli spetti istituzionli ed economico finnziri desumibili dll lettur dei bilnci, srà complett nel corso del 2008 gurdndo lle crtteristiche qulittive e di efficci del servizio. In prticolre, in quest sede viene trtteggit l stori del Girdino zoologico dll su fondzioni i giorni nostri evidenzindo le problemtiche che hnno portto nel tempo ripensre le modlità di gestione. Successivmente è esminto lo strumento Fondzione con riferimento i suoi elementi crtterizznti. Infine sono presi in considerzione lcuni dti del bilncio (esercizio 2006 e 2005), considerndo e l possibilità di introdurre un differente metodo di contribuzione d prte del Comune di Rom per produrre mggiore efficienz. 1 L versione integrle dello studio è disponibile sul sito dell Agenzi (www.genzi.rom.it). 333

2 Cpitolo Dl Girdino Zoologico ll Fondzione Bioprco Inugurto ll presenz del Sindco Nthn, il Girdino Zoologico di Rom nsce il 5 gennio del 1908 d oper di un gruppo di finnzitori che fondno l Società Anonim per il Girdino Zoologico, con lo scopo di crere un luogo di ttrzione e spettcolo, per mezzo dell collezione funistic. Già dopo pochi nni, tuttvi, lo Zoo di Rom un lento declino che si cerc invno di rginre ttrverso l rricchimento quntittivo dell collezione funistic puntndo soprttutto sull rrità delle specie ospitte. Più recentemente, negli nni 90 l llor Sindco Frncesco Rutelli ssume l impegno per l estinzione dell struttur di Vill Borghese, che si trduce nel progetto di riconversione dell struttur secondo i suggerimenti forniti d un Commissione Scientific che elbor il documento progrmmtico pprovto poi d Giunt e Consiglio Comunle. Nel 1997 nsce così il Bioprco S.p.A. i cui soci sono il Comune di Rom (quot 51%), un società del Gruppo Cost (quot 39%) ed il Gruppo Cecchi Gori (quot 10%). Il Comune di Rom conserv l proprietà degli nimli ed un congru prtecipzione finnziri m rinuncindo tuttvi ttrverso un specific convenzione prsocile ll mggiornz dei membri nel Consiglio di Amministrzione. Il Comune rimne obbligto inoltre d erogre i contributi per i primi quttro nni di gestione (33 milirdi delle vecchie lire), nonché fr fronte l costo del personle non trnsitto ll S.p.A. (circ cinque milirdi e mezzo di lire l nno). L trsformzione dell gestione del girdino zoologico ssume nel pnorm delle esternlizzzioni vvite dl Comune di Rom un posto di prticolre importnz. Si trtt inftti del primo cso di trsformzione che dott il modello di società di cpitli e che vede il coinvolgimento di prtner privti, selezionti in funzione delle loro cpcità di prtecipzione gli obiettivi gestionli dell nuov società chimti grntire: d un lto, il rggiungimento dei fini divulgtivi, culturli e scientifici che giustifichino il mntenimento dell struttur in un contesto di equilibrio economico; dll ltro, il benessere e l corrett conservzione degli nimli ospitti. Dl momento dell su costituzione i risultti conseguiti dll società Bioprco non si sono rivelti in line con le previsioni contenute nello Studio di Prefttibilità e nel Business Pln. In prticolre, le previsioni sono risultte ttendibili dl lto dei costi, m si sono rivelte eccessivmente ottimiste dl lto dei ricvi. Vi fu un sottovlutzione si dell concorrenz proveniente dll plurlità di ttrzioni turistiche dell città di Rom, si dei tempi necessri ricostituire l immgine fortemente compromess durnte l precedente gestione. Ad esempio, i visittori nel 2002 sono stti inferiori di oltre il 50% rispetto lle previsioni riportte dl Mster Pln. Anzi, un percentule prossim l 50% di visittori mncnti rispetto lle previsioni, si riscontr per tutti gli nni di gestione del Bioprco (vedere Figur 13.1). 334

3 L Fondzione Bioprco Fig Confronto tr il numero di visittori previsti ed effettivo per il periodo In questo periodo gli obiettivi di utonomi finnziri non sono quindi stti conseguiti, con l conseguenz di grvre sul bilncio comunle un costo nnuo non previsto di 2,5 milioni di Euro (più IVA) prtire dll nno 2002, per un totle di ,00 Euro (più IVA) nell rco dei sei nni di vigenz del contrtto. A tle importo è necessrio ggiungere i costi per il completmento del pino degli investimenti quntificti pri circ 31 milioni di Euro per tutto il decennio nel Mster Pln 2. Il ricorso per ben due volte ll umento del cpitle socile per fr fronte lle perdite subite, nonché ll definizione di un nuovo Contrtto di servizio 3, non contribuirono risollevre le sorti dell struttur, tnto d mettere in dubbio l degutezz form giuridic dell Società per Azioni per il perseguimento degli obiettivi strtegici di ntur pubblic che crtterizzno l missione dell struttur. È in questo contesto che nsce Fondzione Bioprco, che dedic prticolre ttenzione l cmbimento dell mission ziendle pssndo d un impostzione profit, tipic delle Società per zioni, d un non profit orientt l servizio pubblico con prticolre ttenzione lle temtiche socili. In quest trsformzione si è cercto di concilire gli spetti positivi dell S.p.A. (orgnizzzione, efficienz, progrmmzione), con le forti motivzioni socili derivnti dlle finlità previste dllo sttuto. L strtegi utilizzt 2 Agenzi per il controllo e l qulità dei servizi pubblici locli del Comune di Rom, Prere sul contrtto di servizio tr Comune di Rom e Bioprco Anni , Dicembre Approvto con Deliberzione G.C. n. 265 del 26 mggio

4 Cpitolo 13 dll Fondzione Bioprco, in line con l evoluzione degli zoo di tutto il mondo, è quell di ssumere un ruolo determinnte in cmpo conservzionistico si direttmente, ttrverso l riproduzione di specie minccite, si indirettmente trmite l educzione e l sensibilizzzione del pubblico Aspetti istituzionli e gestionli L Fondzione Bioprco di Rom, qule person giuridic di diritto privto senz fini di lucro, risponde i principi ed llo schem giuridico di un Fondzione di prtecipzione 4 che costituisce un modello giuridico istituzionle innovtivo in qunto ssomm lle prerogtive dell fondzione clssic (dove domin l elemento ptrimonile) quelle dell ssocizione (crtterizzt dl rpporto fiducirio tr i soci, il cosiddetto intuitus persone ). Si trtt di uno strumento prticolrmente idoneo fvorire l collborzione tr il settore pubblico e quello privto, in qunto l Ente pubblico prtecipnte mntiene un serie di poteri di indirizzo e controllo, pur configurndosi come soggetto di diritto privto con vntggi di ntur procedurle ed orgnizztiv. Le crtteristiche di tle istituto sono di seguito elencte 5 : costituzione d ptrimonio di destinzione struttur pert; l tto costitutivo è un contrtto plurilterle con comunione di scopo che può ricevere l desione di ltre prti oltre quelle originrie (rt c.c.); l struttur pert consente l vrizione del numero dei contrenti senz rendere necessri l modific del contrtto; possono frne prte Stto, Regioni, enti pubblici e privti, con il diritto di nominre i loro rppresentnti nel consiglio di mministrzione; ll su ttività possono derire ltri soggetti che, in qulità di prtecipnti, contribuiscono ll soprvvivenz dell ente con somme di denro, prestzioni di lvoro volontrio o donzioni di beni mterili e immterili; ttrverso un composizione definit di orgni, viene grntit l proporzionlità tr tipologi di contributo e prtecipzione ll ttività. Diversmente che in un impres for profit nell fondzione di prtecipzione: i soggetti finnzitori e prtecipnti ll fondzione, gestori dell medesim, non si ttendono controprtite proporzionli lle risorse erogte, come ccde nell s.p.. (questo signific che un impres che prtecip ll Fondzione non può svolgere ttività lucrtiv o pretendere un gudgno direttmente nel e dll Ente); le ttività opertive dell fondzione non si misurno in termini di profitto economico, pur dottndosi economicità ed efficci di gestione; In prticolre, le motivzioni che hnno indotto l trsformzione dell Bioprco S.p.A. in un Fondzione di Prtecipzione sono riconducibili lle seguenti: utilizzo di uno sttus legle differente d quello di ziend e mggiormente rppresenttivo, nell immginrio pubblico, dell tutel di un pubblico interesse; ricerc di prtnership tr i diversi soggetti; finlità di fundrising; gevolzioni d un punto di vist fiscle 6. Il primo obiettivo d rggiungere, dunque, è quello dell tutel degli interessi pubblici. L nomin del Presidente e di ben 4 dei 5 membri del Consiglio di Amministrzione d prte del Sindco può essere considert in questo senso un grnzi, considerto come l Presidente ed l Consiglio spettino tutti gli tti di ordinri e strordinri mministrzione, compres l nomin del Direttore Generle dell Fondzione. V tuttvi rilevto come d oggi l Fondzione è costituit di soli Fondtori promotori e pertnto l obiettivo di prtnership e/o llrgmento degli interessi socili d ltri soggetti non è stto in reltà perseguito. 4 L Fondzione di Prtecipzione è un istituto giuridico di diritto privto che costituisce il nuovo modello itlino di gestione di inizitive nel cmpo culturle e non profit in genere, diffuso negli ultimi nni ed oggi sempre più utilizzto diversi livelli. E un istituto senz scopo di lucro l qule si può derire pportndo denro, beni mterili o immterili, professionlità o servizi. 5 Le informzioni qui riportte provengono dl sito 6 Trsformzione in Fondzione dell Società per Azioni Bioprco dell rticolo 2500-septies del Codice Civile - Vrizione di bilncio. Deliberzione n. 141/

5 L Fondzione Bioprco Dl punto di vist fiscle l trsformzione del Bioprco S.p.A. in Fondzione h indubbimente prodotto dei benefici derivnti dl regime gevolto di cui godono gli enti non commercili. L principle voce tributri per il 2006 dell fondzione Bioprco è stt costituit dlle imposte reltive ll Irp (pri Euro per l ttività istituzionle e Euro per l ttività commercile), mentre l impost sul reddito delle società (IRES) è stt pri Euro. Gli orgni dell Fondzione Bioprco previsti dllo sttuto sono il Presidente, il Consiglio di mministrzione, il Comitto di vigilnz 7, il Comitto Scientifico 8 ed il Collegio del Prtecipnti 9. Il Presidente viene nominto dl Sindco ed h l legle rppresentnz dell Fondzione. Il Consiglio di Amministrzione, cui spett l ordinri e l strordinri mministrzione, è composto d lmeno cinque membri fino d un mssimo di undici ed il Comune di Rom nomin l mggiornz dei componenti. Le finlità che l fondzione Bioprco intende perseguire sono volte : vlorizzre il Bioprco di Rom come centro di educzione mbientle e nturlistic; fvorire l conservzione di specie in vi di estinzione; promuovere il Bioprco come sede di ricerc scientific; fvorire lo sviluppo di un vst ed eterogene cultur mbientle; promuovere il Bioprco come centro di funzionle di collegmento e sviluppo di inizitive legte problemi culturli, eductivi, scientifici; promuovere progetti di dozione e di cooperzione tr l Itli e il Sud del mondo per uno sviluppo comptibile. Per il rggiungimento degli scopi istituzionli, l fondzione provvede ll gestione del Bioprco e delle sue strutture secondo criteri di efficienz ed economicità. L ssetto ptrimonile dell Fondzione di prtecipzione è costituito d un fondo ptrimonile (fondo di dotzione e ptrimonio rendit) e d un fondo di gestione per le ttività. In prticolre, il Fondo ptrimonile dell Fondzione Bioprco è costituito dl cpitle socile dell trsformt Bioprco S.p.A. e dl diritto di uso e godimento, conferito dl Comune di Rom medinte comodto grtuito dell durt di 99 nni, dell insieme dei beni, degli impinti, delle strutture, degli nimli costituenti il complesso Bioprco. Le risorse disponibili per l gestione sono costituite (Fondo di gestione) dll rendit del Fondo Ptrimonile, di proventi delle ttività economiche e finnzirie, svolte direttmente o indirettmente dll Fondzione, dl contributo nnuo di Euro del Comune di Rom e d contributi pubblici e liberlità privte. All tto dell costituzione dell Fondzione venne risolto utomticmente il Contrtto di Servizio tr Comune di Rom e Bioprco S.p.A.. Tle tto d vviso dell Agenzi h costituito un elemento debole in qunto risult, in questo nuovo equilibrio dei rpporti tr le prti, del tutto impossibile ncorre l gestione dell Fondzione stndrd quliquntittivi vlutbili o grntire un rpporto rmonico e responsbile tr i soggetti costituenti l Fondzione, pur rimnendo gli stessi del soggetto istituzionle precedente. A tl proposito si sottoline l esempio dell Fondzione Music per Rom che, oltre l contributo nnule dell Amministrzione pri 3,6 milioni di Euro in qulità di socio fondtore, percepisce un ulteriore contributo di 5 milioni di Euro collegto però d un ben preciso contrtto di servizio. 7 Controll l derenz delle ttività dell fondzione ll legge, llo sttuto e l pubblico interesse ed è composto d tre componenti nominti dl Sindco. 8 Orgno consultivo composto d cinque membri nominti dl Sindco tr persone prticolrmente qulificte e di comprovt esperienz nei cmpi di ttività dell fondzione. 9 Nominto nel cso in cui il numero dei prtecipnti si superiore cinque, è composto d tutti i prtecipnti dell fondzione, può formulre preri e proposte sulle ttività, progrmmi ed obiettivi dell fondzione. 337

6 Cpitolo Anlisi dell ndmento gestionle L nlisi dell ndmento gestionle prende in esme il bilncio reltivo l 2006 effettundo un confronto con il solo esercizio 2005 in qunto l trsformzione d società per zioni fondzione è vvenut metà del Nel prosieguo verrnno riportte lcune considerzioni sintetiche sull domnd, sull nlisi dei ricvi e dei costi, sul ptrimonio e sull sostenibilità economico-finnziri dell società. Verrnno infine dte lcune indiczioni l fine di migliorre l gestione dell fondzione e stimolre l efficienz e l economicità dell fondzione. Anlisi dell domnd In ssenz di vlide lterntive in quest nlisi l domnd viene pprossimt dl numero di visittori che nnulmente usufruisce dei servizi dell struttur. Nell Fig ne viene presentto l ndmento temporle che mostr un tendenz ltlennte con due picchi: nel 2003 con 504 mil visittori e nel 2006 con 592 mil visittori. Il numero di visittori medio nnuo si è ttestto nell ultimo triennio intorno i 480 mil, mentre per l intero periodo l medi scende 430 mil. Fig Visittori del Bioprco nel periodo

7 L Fondzione Bioprco Rispetto lle previsioni contenute nel Pino economico-previsionle per gli nni dell Fondzione 10, si osserv che i visittori nel 2004 e nel 2005 sono stti inferiori di circ 100 mil unità nche rispetto llo scenrio più sfvorevole, mentre il 2006 mostr un vlore mggiore dell previsione senz interventi di ristrutturzione m inferiore rispetto quell ottimistic (con interventi di ristrutturzione) (Tv. 13.1). Tv Confronto tr il numero di visittori del Bioprco con il numero di visittori previsto nel Pino economico-previsionle (dti in miglii) Visittori Previsione visittori (Scenrio con nuovi interventi di ristrutturzione) Previsione visittori (Scenrio senz nuovi interventi di ristrutturzione) Visittori Anlisi delle entrte L nlisi delle entrte per l nno 2006 mostr un forte dipendenz di contributi in conto esercizio versti dl Comune di Rom che rppresentno l second fonte di entrt e vlgono d soli il 37% del vlore dell produzione (Tv. 13.2). Tv Entrte dell Fondzione negli nni 2006 e 2005 (Euro) Tipologi entrte 2005 % 2006 % Ricvi d ttività istituzionle ,7% ,2% (ticket visittori + contributi ziende e privti) di cui per ricvi mostr ,8% ,6% Ricvi d ttività ccessori ,9% ,2% (merchndising) Contributo per ttività istituzionle ,4% ,0% (Comune di Rom) Altri ricvi (vedi not) ,0% ,7% Totle % % 10 Il Pino economico e previsionle è llegto ll Deliberzione CC del 26 luglio 2004 Trsformzione in Fondzione dell Società per Azioni Bioprco. 11 Per qunto concerne l voce ltri ricvi, l importo ssomm l concessione ll utilizzo di spzi interni (E 5.400), i ricvi derivti d mnifestzioni orgnizzte per conto del Comune di Rom ed ltri enti(e ), ricvi d ddebiti (E ) e l riftturzione delle spese sostenute per il rifcimento delle strutture dedicte l Centro disbili (E ). 339

8 Cpitolo 13 Se si esclude dll voce Altri ricvi l riftturzione delle spese sostenute per il rifcimento delle strutture dedicte l Centro disbili, evento non ripetibile e imputto in bilncio si nei costi che nei ricvi, non emergono sostnzili vrizioni rispetto l Il contributo per le ttività istituzionli rimne in prticolre nel 2006 sostnzilmente invrito, mentre le entrte derivnti di biglietti e di contributi erogti d privti ed ziende non sono sufficienti coprire i costi correnti, con l conseguenz che il rpporto tr ricvi e costi istituzionli è pri l 62% e in crescit di un solo punto percentule rispetto l 2005 (Tv. 13.3). Tv Bilncio dell gestione delle ttività istituzionli negli nni 2006 e 2005 (Euro) Gestione Istituzionle Vr. % 2006/05 Ricvi d ttività istituzionle ,7% Costi per ttività istituzionle ,1% Cpcità di utogestione 61,2% 62,2% Si noti come ll umento del 26% degli ingressi registrto nel biennio non si corrisposto un nlogo umento degli incssi d biglietteri (Tv. 13.4), come risultto dell politic degli ingressi grtuiti ttut in corrispondenz di grndi eventi (Epifni e Notti binche), con l conseguente riduzione dei ricvi per visittore (-23%). Considerndo i soli visittori pgnti tli differenze si riducono, m si osserv comunque che d un umento dei visittori del 9% h corrisposto un diminuzione del ricvo per visittore dell 1,3%. Tv Confronto tr ricvi e visittori complessivi e pgnti nel 2006 e nel 2005 (Euro) Ricvi d vendite Vr. % 2006/05 Visittori complessivi Ricvi d biglietti ,8% Visittori ,8% Ricvi/visittori 6,94 5,66-22,7% Visittori pgnti Ricvi d biglietti ,8% Visittori ,0% Ricvi/visittori 8,46 8,35-1,3% Un contributo positivo l complessivo equilibrio economico-finnzirio giunge in ogni cso tuttvi dll gestione delle ttività ccessorie (ricvi d merchndising, d sponsorizzzione, d cnoni di concessione), nche se dl confronto con il 2005 si registr nel 2006 un riduzione del 57% del contributo netto derivnte d tli ttività, che tuttvi è d porre in relzione ll ffidmento dell gestione vvenuto nel mrzo del punto vendit ll società Novmus del gruppo Thesuron del qule non è stto possibile conoscere il corrispettivo versto 12 (Tv. 13.6). Si teng presente che i ricvi d nego- 12 Dll lettur del Conto economico non è stto possibile evincere se l ffidmento dell gestione del punto vendit si vvenuto o meno dietro l corresponsione di un cnone. 340

9 L Fondzione Bioprco zio per visittore conseguiti nel 2005 si sono ssestti 0,40 Euro/visittore, ben l di sotto di qunto previsto dl Pino economico-previsionle nche nell ipotesi meno ottimistic (0,59 Euro/visittore) 13. Tv Bilncio dell gestione delle ttività ccessorie (Euro, 2006 e 2005) Gestione ccessori Vr. % 2006/05 Ricvi d ttività ccessori ,0% Costi per ttività ccessori ,3% Ricvi/costi 2,5 1,6-56,8% Ricvi netti per visittore 0,57 0,17-70,2% Per i ricvi generti d ttività d sponsorizzzione, se si confront qunto effettivmente relizzto con qunto previsto dl Pino economico-previsionle si osserv che nel 2005 il vlore, pri 166 mil Euro, si è ssestto ppen sopr l ipotesi meno ottimistic (senz nuovi interventi di mnutenzione) pri 155 mil Euro, mentre nel 2006 il ricvo è stto di circ 30 mil Euro inferiore ll sogli più bss previst (Euro contro Euro ) 14. È evidente come solo un forte umento dei visittori pgnti consentirebbe di rggiungere un equilibrio economico-finnzirio non dipendente in misur sensibile dll contribuzione pubblic. Tle risultto non sembr perseguibile nel breve-medio periodo e potrebbe inoltre non essere sostenibile dl punto di vist gestionle e orgnizztivo, nche in considerzione dei fini socili perseguiti dll Fondzione l cui relizzzione non può misurrsi esclusivmente in termini economici. Anlisi dei costi Complessivmente i costi reltivi ll produzione mmontno Euro (Tv. 13.6). Sottrendo tli costi l totle delle entrte si ottiene un Ebitd (MOL) positivo di circ 478 mil Euro ed un differenz tr vlore e costi dell produzione di circ 256 mil Euro. Il confronto con il 2005 evidenzi per l Ebitd un vrizione trscurbile mentre un decremento del 4,4% dell differenz tr il vlore e i costi dell produzione. Questo risultto mostr comunque come vi sino spzi per l rinegozizione del contributo versto ogni nno dl Comune di Rom. Tv Confronto tr vlore e costi dell produzione nel 2006 e nel 2005 (Euro) Indici /2005 Vlore dell Produzione ,7% Costo totle dell Produzione ,3% EBITDA (MOL) ,1% VALORE DELLA PRODUZIONE ,4% COSTI DELLA PRODUZIONE 13 Il vlore di 0,40 Euro/visittore si ottiene dl rpporto tr il vlore riportto nel bilncio 2005 dei ricvi d merchndising - pri Euro e il numero dei visittori per il 2005 (pri ). 14 I vlori dei ricvi d sponsorizzzione per il 2005 ed il 2006 sono riportti nei bilnci delle due nnulità. 341

10 Cpitolo 13 Nell Tv. 13.7, l fine di permettere un più omogeneo confronto tr i due esercizi, sono stte eliminte dll voce ltri costi le spese sostenute per il rifcimento delle strutture dedicte l Centro Disbili (tle vlore, come detto prim, è stto imputto in bilncio si tr i ricvi che tr i costi). Complessivmente i costi sono umentti del 2% e l voce che mggiormente h inciso rigurd quell reltiv ll cquisto di mterie prime per l ttività istituzionle (24,5%), mentre si osserv un diminuzione del costo reltivo l personle (-9,3%). Tv Costi totli dell produzione: confronto 2006 e 2005 (Euro) Costo totle dell produzione 2005 % 2006 % 2006/2005 Acquisto di mterie prime sussidirie, ,5% ,0% 24,5% consumo e merci per ttività istituzionle Servizi per ttività istituzionle ,7% ,5% 4,8% Godimento beni di terzi ,4% ,4% 10,7% Personle ,9% ,7% -9,3% ) slri e stipendi ttività istituzionle ,9% ,8% 2,4% c) oneri socili ttività istituzionle ,8% ,0% -0,6% e) trttmento fine rpporto ,7% ,8% -1,7% f) ltri costi ,4% ,1% -957,0% Ammortmenti e svlutzioni ,2% ,1% 4,9% Vrizioni delle rimnenze ,2% ,6% -156,1% Oneri diversi di gestione ,8% ,3% 8,5% Costi per l ttività ccessori ,3% ,4% -3,3% Totle ,0% ,0% 1,9% Not.: per il 2006 l netto delle spese sostenute per il rifcimento delle strutture dedicte l Centro Disbili. In termini ssoluti invece l voce sevizi per ttività istituzionle è quell che h il peso mggiore. Per quest rgione nell Tv se ne riport l composizione, evidenzindo l forte incidenz dei costi per consulenze (17,2% dei costi complessivi per servizi), mnutenzioni (12,7%), pulizi (9,6%) e servizi i visittori (14,1%). Rispetto l 2005 il costo dei servizi è umentto di qusi il 5% e le voci che più hnno inciso su tle dinmic sono quelle reltiv ll pubblicità (60,7% rispetto l 2005) e lle consulenze (10,7%). Tv Costo per servizi per ttività istituzionle: confronto 2006 e 2005 (Euro) Voci di costo 2005 % 2006 % 2006/2005 Consulenze ed ltri servizi professionli ,2% ,2% 10,7% Cnoni e consumo per erogzioni di energi ,3% ,3% 13,7% Spese postli ed utenze telefoniche ,8% ,8% 3,5% Emolumenti e spese per gli orgni socili ,4% ,6% -1,5% Premi ssicurtivi ,1% ,1% -1,5% 342

11 L Fondzione Bioprco Tv Costo per servizi per ttività istituzionle: confronto 2006 e 2005 (Euro) (segue) Voci di costo 2005 % 2006 % Mnutenzione ,7% ,5% -15,7% Viggi e trsferte ,5% ,9% -82,8% Girdinggio ,7% ,5% 11,0% Pulizi ,6% ,4% 6,8% Vigilnz ,1% ,2% 0,2% Servizio i visittori ,1% ,6% -12,4% Servizi vri ,1% ,0% 5,3% Trsporti ,2% ,3% -54,1% Pubblicità ,3% ,4% 60,7% Spese di rppresentnz ,2% ,3% -43,2% Servizi per mnifestzioni ,0% ,7% -31,3% Stmp biglietti d ingresso ,8% ,7% 8,0% Scmbi e trsporti di nimli ,8% ,5% 41,7% Servizi per il personle ,3% ,8% -7,7% Totle ,0% % 4,8% L Fondzione crtterizzt d un cert rigidità dei costi e gli spzi di mnovr per l loro riduzione sono dunque molto limitti. Escludendo l voce personle che, comunque non ppre incidere eccessivmente (34%), economie di bilncio possono eventulmente ricondursi lle consulenze, i servizi esternlizzti o i non meglio specificti ltri costi. Lddove un intervento sui costi non fosse prticbile, si dovrebbe di conseguenz gire sul lto dei ricvi, che tuttvi nell ipotesi di copertur integrle dei costi richiederebbe l ppliczione di un triff medi intorno i 12 Euro, con un crescit del 40%. Posto che un umento mrcto del prezzo del biglietto non srebbe uspicbile visti i fini socili d perseguire, l obiettivo dovrebbe trdursi in un umento dei visittori e/o in un più efficce ricerc di sponsorizzzioni. In definitiv, l sostenibilità economico-finnziri dell Fondzione Bioprco dipende in mnier decisiv dl contributo pubblico nnule versto dl Comune di Rom (Fig. 13.3). Gurdndo l biennio 2005/2006, si osserv come l pporto pubblico rppresenti l 89% delle entrte, mentre l contribuzione dei privti e delle ziende si ttest d ppen il 7% e gli sponsor l 4%. Tli percentuli non hnno subito un vrizione sostnzile nei due nni e fnno ritenere che l ttività di fund rising e di sponsorship uno degli elementi crtterizznti l Fondzione - non si stt in reltà perseguit. 343

12 Cpitolo 13 Fig Distribuzione percentule dei contributi pubblici e privti (nni 2006 e 2005) Un ipotesi per un nuovo meccnismo di contribuzione Dll nlisi dell situzione economico-finnziri dell Fondzione si cpisce come, seppure non si uspicbile - dti i fini socili - rggiungere un condizione di utosufficienz rispetto ll contribuzione pubblic, si tuttvi possibile prevedere dei meccnismi che incentivino un mggiore efficienz gestionle. In meccnismo di contribuzione bsto sul price cp sperimentto in pssto, non sembr ver prodotti gli effetti desiderti, determinndo solo un progressivo incremento delle risorse finnzirie trsferite nnulmente dl comune di Rom (in virtù dell indicizzzione ll inflzione e dell esiguità del coefficiente di recupero efficienz previsto l 3%). Un nuovo meccnismo potrebbe essere bsto sul criterio dello shdow tolls, in vi di principio in grdo di ssicurre il perseguimento delle finlità pubbliche e l tempo stesso un mggiore efficienz gestionle: Cx = t1*n1 + t2*n2+ +tn*nn + CF Dove: C x rppresent il contributo totle versto dl Comune di Rom nell nno x-esimo; t n l integrzione triffri riconosciut dl Comune di Rom per l ctegori di utente considerto (disbile, nzino, ecc.); n n il numero di utenti per l ctegori considert; CF il contributo fisso versto dl Comune di Rom per il perseguimento di lcune finlità pubbliche (quli l tutel degli nimli, l ricerc scientific, ecc.). In sostnz l contributo fisso (opportunmente ridotto) si ggiunge in sostnz un meccnismo incentivnte commisurto ll cpcità di perseguimento dei fini socili dell struttur. In ltre prole, lddove il visittore fosse costituito d esempio d un lunno di un scuol di Rom, il comune riconoscerà ll fondzione un triff ombr, d concordrsi ovvimente tr le prti. Un integrzione minore verrà invece riconosciut nel cso il visittore si 344

13 L Fondzione Bioprco d esempio un nzino che pghi già ll fondzione un prte del biglietto di ingresso. Questo meccnismo induce l fondzione Bioprco ricercre un mggiore efficienz nell propri gestione in qunto i costi non vengono ripinti dl Comune di Rom. Al contempo si ottiene l effetto di mssimizzre l qulità e l offert dei servizi verso i cittdini, considerto che tnto mggiori srnno i visittori del Bioprco tnto mggiori srnno le integrzioni verste dl Comune (soprttutto nel cso di specifici trget di utenti). L prte di contribuzione fiss, di contro, può essere legt in prte ll ttivzione di conservzione delle risorse funistiche ed in prte legt ll ttività di ricerc dell fondzione e finnzit sull bse di progetti di ricerc pprovti dl Comune di Rom 15. L metodologi del toll-pricing ipotizzt rppresent nturlmente solo uno dei possibili meccnismi di incentivzione verso un mggiore efficienz gestionle d prte dell Fondzione Bioprco 16. Quello che interess sottolinere è che ttrverso meccnismi nloghi si spinge il mngement (nel cso specifico dell Fondzione) d doperrsi ffinché le condizioni di erogzione del Servizio, si dl punto di vist qulittivo che d quello quntittivo, migliorino l fine di ottenere mggiori introiti. 15 Esemplificndo: se oggi l Fondzione ottiene un trsferimento d prte del Comune pri circ 3 milioni di Euro, si ipotizz che tle trsferimento diretto veng ridotto 2 milioni di Euro, legndo l quot rimnente ll cpcità ttrttiv dimostrt dll Fondzione. In tl modo, il mngement srà stimolto l rggiungimento di stndrd sempre superiori, nche perché l crescere dell efficci e dell efficienz gestionle umenterebbe il livello di trsferimento riconosciuto dl Comune: insomm qunto più si è efficienti tnto più ci si rricchisce, o, ltrimenti, tnto più risprmi l Ente finnzitore. 16 Un ltr form incentivnte potrebbe rigurdre d esempio l sponsorship ttrverso il cosiddetto mtching grnt: ogni somm reperit ttrverso l ttività di ricerc di sponsor viene utomticmente trdott in un nlogo contributo comunle. 345

14 346 Cpitolo 13

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio "Mercury Premier"

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio Mercury Premier Grzie per vere cquistto uno dei migliori motori fuoribordo sul mercto che si rivelerà un ottimo investimento per l nutic d diporto. Il fuoribordo è stto fbbricto d Mercury Mrine, leder internzionle nel

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura .S.: - - IC GIOVNNI XXIII/CESTE MIICBC (CF: ) nno Finnzirio: Ftture registro unico Ftture trovte: Numero- Dt Prg Reg Procoll o /B - -- /B - -- /B - -- Tipo Doc fttur fttur fttur Numero Fttur V- /M Dt Fttur

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0 Ctlogo generle Process Het 2014 /15 L soluzione giust per ogni ppliczione. Versione 4.0 We know how. Leister Technologies AG, Corporte Center, Kegiswil, Schweiz Leister Technologies AG, Stilimento di produzione,

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STTLE "SLVTORE TODRO" 96011 UGUST (SR) - Via Gramsci - 0931/993733-0931/511970

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE:

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: DAI MODELLI TRADIZIONALI AI NUOVI APPROCCI REAL-TIME TEMPERATURE MINIMUM PREDICTION: FROM TRADITIONAL MODELS TO NEW APPROACHES Stefno Dll Nor 1, Emnuele

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL Libro di Mormon RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER MANO DI MORMON TRATTO DALLE TAVOLE DI NEFI

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

a) Dopo che avrò dormito starò meglio

a) Dopo che avrò dormito starò meglio SA00001 Qul è il complemento predictivo del soggetto nell frse: Mrio scoltv silenzioso, ffscinto dlle prole del professore? SA00002 Qule delle seguenti frsi contiene un predicto SA00003 Qul è l ttributo

Dettagli

Il dato è pubblicato nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento.

Il dato è pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento. llegato 1 mministrazione "Comune di Cervaro" Data di compilazione "28/01/15" COMPLETEZZ COMPLETEZZ DEL LLEGTO 1 LL DELIER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/2014 PULICZIONE RISPETTO GLI GGIORNMENTO

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni Memorie >> Titnio e ue leghe INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni I. Rmpin, K. Brunelli, M. Dlà In queto lvoro ono tti ottenuti rivetimenti di Ni

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

Assisi, la sua terra e chi se ne prende cura. Le aziende dei prodotti tipici in vetrina

Assisi, la sua terra e chi se ne prende cura. Le aziende dei prodotti tipici in vetrina Assisi, l su terr e ci se ne rende cur. Le ziende dei rodotti tiici in vetrin Assisi è un città internzionle voct l turiso, nce l gricoltur di qulità rresent un volno iortnte er l su econoi. Assisi, l

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta...

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta... OMPILR PRT LL UTORIT' FISLI Numero progressive della lista delle dichiarazioni ricevute IHIRZION I FINI LL TRMINZION LL IMPOST SUL PTRIMONIO - unità di abitazione o alloggi, locali destinati al tempo libero

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 UNITÀ DIDATTICA 7 CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE IN QUESTA UNITÀ IMPAREREMO... onosere le norme he regolno il iritto

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15] Indie 1 Clolo omintorio 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Permutzioni...........................................

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

MANUALE. GUIDA RAPIDA Alla ricarica con le impostazioni dell'ultimo programma

MANUALE. GUIDA RAPIDA Alla ricarica con le impostazioni dell'ultimo programma MNULE CONGRTULZIONI per l'acquisto di un nuovo professionale a tecnologia switc. Questo modello fa parte di una serie di professionali di CTEK SWEDEN B ed è dotato della tecnologia di ricarica delle batterie

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale Biliotec Tecnic Knuf 05/2006 L cutic con Knuf Indice 1. Introduzione...4 2. Suoni e rumori...5 Glorio...5 Rumori erei...5 Rumori impttivi...6 Tempo di rivererzione (T60)...6 Fonoiolmento e fonoorimento...7

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli