LO SVILUPPO DI UNA START UP DI SERVIZI: IL CASO FRAGRANCE DESIGNER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO SVILUPPO DI UNA START UP DI SERVIZI: IL CASO FRAGRANCE DESIGNER"

Transcript

1 LO SVILUPPO DI UNA START UP DI SERVIZI: IL CASO FRAGRANCE DESIGNER 1. L AVVIO DI UNA START UP: DALL IDEA ALLA REALIZZAZIONE 1.1 Introduzione Diventare imprenditore L analisi e la valutazione di una business idea Il segmento di mercato Il sistema prodotto Il sistema competitivo La struttura organizzativa Il business plan L acquisizione delle risorse finanziarie I Business Angels I Venture Capitalists Gli incubatori Uno sguardo all imprenditoria femminile Autoimprenditorialità Il lancio del prodotto: le politiche di marketing IL CASO FRAGRANCE DESIGNER 2.1 Introduzione Il profilo aziendale

2 2.3 La nascita dell azienda Mettersi in proprio Prodotti/servizi, concorrenza e target La nascita di una fragranza Principali scelte strategiche di marketing Pubblicità e promozione Considerazioni sui rapporti con le piccole e le grandi imprese Progetti e obiettivi futuri Analisi sull andamento del fatturato Portfolio dei successi aziendali Foto CONCLUSIONI 3.1 Conclusioni generali La parola all imprenditrice Claudia Scattolini BIBLIOGRAFIA SITOGRAFIA

3 1. L AVVIO DI UNA START UP: DALL IDEA ALLA REALIZZAZIONE Sommario: 1.1 Introduzione; 1.2 Diventare imprenditore; 1.3 L analisi e valutazione di una business idea; Il segmento di mercato; Il sistema prodotto; Il sistema competitivo; La struttura organizzativa; 1.4 Il business plan; 1.5 L acquisizione delle risorse finanziarie; I Business Angels; I Venture Capitalists; Gli incubatori; Uno sguardo all imprenditoria femminile; Autoimprenditorialità; 1.6 Il lancio sul mercato: le politiche di marketing 1.1 Introduzione Con la parola start up si identifica un azienda giovane, solitamente appena costituita, nella quale i processi organizzativi sono ancora in corso. Il periodo iniziale corrisponde per queste nuove aziende ad un elevata criticità nella gestione: le scelte che un imprenditore si ritrova a dover affrontare alla partenza sono veramente tante e di importanza peculiare per la riuscita del business. C è chi ritiene che proprio il superamento di questa fase sia garanzia della perdurabilità futura del progetto imprenditoriale 1. Avere una bella idea e decidere di portarla sul mercato non è sufficiente. La nascita di una nuova impresa costituisce, infatti, un momento critico nello svolgimento dell attività economica, rappresentando, invero, il passo decisivo di una fase lungo la quale si progetta e si realizza, con prospettive di medio- lungo termine, una nuova attività organizzata 2. La realtà dimostra come una buon parte delle nuove imprese non riesca a sopravvivere e superare i primi anni di vita. Le cause di questo elevato tasso di mortalità possono essere riscontrate in diversi fattori: la superficiale o addirittura assente pianificazione, la mancanza 1 DE BLASIO F. (2005), Profili gestionali strategici caratteristici delle PMI, Economia, Azienda e Sviluppo, Bari, CACUCCI EDITORE, anno III, n 1 2 PRETI P. (1991), L organizzazione della piccola impresa, Milano, Egea 3

4 del business plan, la poca attenzione nelle ricerche e nello studio del mercato e da ultima la mancanza di una giusta valutazione delle risorse finanziare necessarie all investimento. Conseguentemente a tutte le problematiche esposte precedentemente le decisioni che riguardano la fase di avvio devono essere prese con la massima attenzione e pensate in maniera profonda. Già dall inizio dell analisi infatti possono emergere alcuni dei problemi chiave a cui si dovrà andare poi incontro in seguito. Se in passato un azienda poteva essere gestita sulla base dell intuizione e delle attitudini dell imprenditore, oggi invece la complessità che governa i mercati e la rapidità con sui si susseguono i cambiamenti e le innovazioni rendono insufficienti queste doti. Ecco perché è fondamentale che prima di lanciare un nuovo prodotto o servizio ci sia un buon lavoro di progettazione dietro, perché alla fine ne varrà la riuscita di tutto il progetto. 1.2 Diventare imprenditore Decidere un giorno di diventare imprenditori non è certamente una decisione da prendere improvvisamente. Prima di intraprendere una scelta di questo tipo bisogna riflettere a lungo; va ponderata bene. I mesi che seguiranno non saranno per niente rosei anzi, ci sarà un percorso di organizzazione e preparazione che porterà via tempo e comporterà sforzi notevoli e consistenti, nella speranza che possano nell arco di un breve periodo essere ripagati. Purtroppo c è la possibilità che l idea non si realizzi causando per l imprenditore instabilità finanziaria, perdita di denaro e di fiducia che potranno sfociare negativamente anche nell ambito dei rapporti personali e familiari. Detto ciò, è giusto ribadire, in ogni caso, che non tutti sono fatti per poter diventare imprenditori di successo. Si tratta di una questione che racchiude in se molti fattori: è l insieme di motivazioni, atteggiamenti, capacità e attitudini. Indubbiamente un adeguata formazione scolastica è un buon trampolino di partenza per risvegliare gli spiriti imprenditoriali. Tra le caratteristiche e i motivi principali che spingono una persona ad intraprendere questa carriera le più rilevanti si possono riassumere con i seguenti: 4

5 Il desiderio di realizzare qualcosa con le proprie forze e di ottenere in questo modo dei risultati tangibili. L imprenditore quando si mette in proprio lo fa come una sorta di autorealizzazione di se stesso, è la voglia di dimostrare che è riuscito a realizzare un idea senza dipendere da nessun altro, solo dalle proprie forze, con la propria personalità e il proprio io (Parolini, 1991 e Formaper, 2001). Anche il desiderio di autonomia innesca la voglia di intraprendere questo percorso, infatti è sicuramente una soluzione per deviare dalla stanchezza quotidiana di essere dei lavoratori dipendenti o un modo per evadere dalla rigidità e dalla chiusura dei propri datori di lavoro (Parolini, 1991 e Azzariti, 2001). Un altro fattore fondamentale è la propensione al rischio (Parolini, 1991). Gli imprenditori consapevoli di quello che scelgono di fare, sanno bene che in futuro molto probabilmente i trend e i comportamenti di consumo potranno cambiare ed evolveranno, e perciò questi soggetto dovranno essere in grado di affrontare stress e preoccupazioni che ne deriveranno. Ciò nonostante gli imprenditori non sono degli sprovveduti, solitamente fissano degli obiettivi stimolanti ma non irraggiungibili, fissano traguardi che siano per loro stimolanti ma fattibili in quanto non amano il gioco d azzardo e accettano solo rischi calcolati e situazioni nelle quali sono in grado di influenzare il risultato 3. Anche la capacità di relazionarsi è un punto cardine per questo tipo di lavoro. Gestire un impresa significa entrare in contatto continuamente con clienti, con fornitori, con le banche e con gli enti pubblici. Saper comportarsi con ognuna di queste figure è essenziale affinché il business prenda piede e si sviluppi con un discreto successo. L imprenditore deve avere tra le sue caratteristiche proprio la capacità di leadership, deve essere in grado di creare un ambiente di lavoro stimolante, un buon clima, deve saper spronare e motivare le persone che lavorano con lui (Parolini, 1991). Altri fattori importanti sono l innovatività e l apertura al cambiamento: l imprenditore deve avere la capacità di intravedere il futuro cercando di leggere i segnali di possibili evoluzioni dell ambiente (tecnologico, di mercato, sociologico, politico) e dare, di 3 PAROLINI P. (1991), Diventare imprenditori. Dal business plan all avvio di una nuova impresa, Milano, Le Guide, Il sole 24 ore 5

6 conseguenza una risposta anticipata in termini di prodotto, processo e sistema organizzativo (www.ilnuovoimprenditore.com, Maggio 2011). Infine non possono mancare la fiducia in se stessi, l autostima e la motivazione: queste tre caratteristiche racchiudono tutte le convinzioni, i valori, le leve psicologiche e i motivi reali che spingono un individuo a cominciare un percorso e a voler raggiungere risultati sempre migliori. Realizzare un impresa è un percorso arduo che richiede senza dubbio molti sacrifici e anche grandi cambiamenti. Per superare queste difficoltà servono determinazione e perseveranza, doti che nascono appunto da un forte desiderio di raggiungere un determinato obiettivo (Parolini, 1991 e Formaper, 2001). Oltre a questa serie di fattori esistono poi delle considerazioni più generali che spingono allo sviluppo dell imprenditoria, e sono da ricercarsi non più in ambito personale o caratteriale ma riguardano la società e il momento storico che si sta vivendo. Con la crisi che ormai incombe da qualche anno e l elevato tasso di disoccupazione italiano (che secondo i dati ISTAT 4 è dell 8%, quello totale, e del 27.6% quello che riguarda i giovani) il decidere di mettersi in proprio è diventata una soluzione di self-employment, l unica molte volte che soddisfi la necessità di recuperare reddito. 4 Occupati e Disoccupati (30 Settembre 2011), 6

7 Andamento del tasso di disoccupazione totale secondo le indagini ISTAT fino ad Agosto L incapacità del sistema di produrre occupazione si sta diffondendo e con essa la creazione appunto dell auto-impiego: dove si sfruttano in modo imprenditoriale le occasioni che il mercato offre, spesso occupando gli spazi interstiziali lasciati liberi dall attività delle imprese più grandi, se da un lato è l unica soluzione al problema disoccupazione, dall altro costituisce sicuramente una opportunità di sbocco e di espressione delle potenzialità personali 6. Come accennato all inizio la decisione di diventare imprenditore e di lanciare la propria start up sul mercato comporta anche una serie di caratteristiche meno positive. Prima di 5 Tasso di disoccupazione (1 Ottobre 2011), 6 FORMAPER (2003), Donne creano impresa, Milano, Sperling & Kupfer Editori 7

8 tutto non si ha uno stipendio fisso, anzi, soprattutto in fase iniziale, gli esborsi che dovranno essere fatti - costi burocratici, costi di produzione, costi di promozione,ecc - saranno molto elevati e consistenti. Un imprenditore non ha orari regolari, il tempo libero per dedicarsi ad altro, o quello riservato alla famiglia verrà diminuito, perché è lui il diretto responsabile nei confronti del cliente per quel che riguarda la consegna del prodotto o l erogazione del servizio. Nella sua nuova attività tutto dipende da lui,tutto è nelle sue mani. In questo periodo si ritroverà a ricoprire ogni sorta di ruolo e mestiere: dal magazziniere al fattorino, dall autista al centralinista. Una volta valutati i pro e i contro, le possibilità di successo o di insuccesso dipenderanno da diverse ragioni tra cui il settore in cui si andrà a competere, la formula imprenditoriale, la validità e la meticolosità della propria progettazione, l impegno. Fondamentale però affinché l impresa abbia il vantaggio sperato è il concetto di allineamento 7 : si deve scegliere un attività in linea con i proprio valori, con le proprie passioni, con le proprie aspirazioni. Bisogna scegliere un progetto in sintonia con i propri gusti. Gli obiettivi personali non possono essere discordi dalle priorità dell azienda. Se molte aziende non superano i primi anni di vita è anche per questo, si deve scegliere qualcosa in cui si crede pienamente, perché su di esso si dovrà spendere molto tempo e di solito fare quello che non piace, non porta a nulla di soddisfacente. Di liste che elencano le qualità dell imprenditore tipo ce ne sono molte, sicuramente tra i requisiti più importanti che emergono ci sono: lo spirito d iniziativa, la voglia di fare e l intraprendenza e la fantasia. Ma anche ottimismo e realismo allo stesso tempo. L imprenditore poi deve essere un soggetto con una buona abilità e capacitò organizzativa. Infine deve essere una persona determinata che decide di impegnarsi seriamente per raggiungere qualcosa che gli sta a cuore. È possibile, o meglio probabile, che una persona non abbia al momento di scegliere tutte queste caratteristiche ed è proprio per questo che l autovalutazione è molto importante, affinché ognuno si renda conto delle qualità che già possiede, quelle da migliorare e su cui lavorare e quelle da acquisire completamente. 7 ARDENGHI G. (30 Luglio 2009), Creare una start up di successo: da dove iniziare, 8

9 Il primo passo dunque per l avvio di una start up è il prendere consapevolezza se si è portati o meno per avanzare lungo la strada dell imprenditoria, con tutti i lati ad essa connessi, positivi o negativi che siano. Valutare l idea, redigere il business plan, trovare le risorse finanziarie opportune, lanciare il prodotto sono solo i passi successi di questa importante decisione. 1.3 L analisi e la valutazione di una business idea Per poter avere successo nell intraprendere un nuovo business si deve avere una buona idea. Nel contesto economico su cui ci si affaccia oggi avere una semplice brillante illuminazione non è più sufficiente ma è necessario che idea e impresa vengano appositamente pianificate. Ciò permette di acquisire sicurezza in ciò che si andrà a fare, e la sicurezza aumenta di molto le possibilità di riuscita dell iniziativa 8. La prima fase fondamentale dunque, nel processo di avvio di una start up, è l analisi della business idea. Quest ultima è data dall insieme delle scelte strategiche fondamentali che descrivono un progetto imprenditoriale 9. Essa è l espressione di una superiorità in qualcosa (nelle conoscenze, nelle competenze, nelle persone, ecc; o ancora meglio, in una combinazione tra questi e altri elementi) che genera per l impresa vantaggi sul mercato. Le principali aree da valutare quando si analizza una business idea sono (Norman, 1983): il segmento di mercato, il sistema prodotto offerto, il sistema competitivo e la struttura organizzativa. Una qualsiasi dissonanza all interno di queste aree deteriora l efficienza e l efficacia della business idea Il segmento di mercato 8 FORMAPER (2003), Donne creano impresa, Milano, Sperling & Kupfer Editori 9 PRANDINA D. (2001), Start up. Il manuale di riferimento per iniziare un nuovo business, Milano, Il sole 24 ore 9

10 È bene sottolineare che un impresa non può soddisfare tutto il mercato, voler essere tutto per tutti spesso porta a un offerta che non è l ideale per nessuno e a un basso livello di soddisfazione della clientela 10. Perciò si deve identificare con estrema chiarezza il tipo di clienti ai quali rivolgersi e quali dei loro bisogni soddisfare. A tal fine si dovrà valutare una serie di fattori come l evoluzione del comportamento del consumatore e dei suoi gusti; il profilo tipo dell acquirente (quanto, dove, come e perché acquista); nonché alcuni elementi che influenzano le dimensioni del mercato. Alla fine sarà opportuno fare la stima dei volumi complessivi di vendita del bene/servizio che si intende lanciare Il sistema prodotto Questo descrive l offerta che l azienda propone al mercato obiettivo prescelto. Un sistema prodotto ben configurato presenta dei vantaggi competitivi che spingono i consumatori a privilegiare l offerta dell azienda rispetto a quella degli altri concorrenti presenti sul mercato 11. Gli elementi che fanno parte di questo sistema sono riconducibili a quattro categorie: elementi materiali (che riguardano le qualità intrinseche del prodotto, l aspetto estetico, la disponibilità di prodotti accessori e la possibilità di avere gadget o omaggi), elementi immateriali (connessi al prestigio nell uso del prodotto), i servizi (di base, complementari e accessori) e infine gli elementi economici (prezzo, modalità e termini di pagamento, garanzie, costi) Il sistema competitivo Quando si fa un analisi sulla concorrenza è rilevante stabilire che bisogna tenere conto di tutte le possibili forze competitive che possono influenzare il livello di redditività del 10 PRANDINA D. (2001), Start up. Il manuale di riferimento per iniziare un nuovo business, Milano, Il sole 24 ore 11 PRANDINA P. (2001), Start up: il manuale di riferimento per iniziare un nuovo business, Il sole 24 ore 10

11 settore scelto, non solo i diretti concorrenti ma anche fornitori, clienti con elevato potere contrattuale e produttori di prodotti sostitutivi La struttura organizzativa Le decisioni in merito a questo aspetto sono forse le più difficili da prendere all avvio di una nuova impresa. Se gli aspetti precedenti con intelligenza e fantasia possono essere scaltramente risolti dall imprenditore, il problema della struttura aziendale risulta peculiare e spesso irreversibile. Saper scegliere la giusta struttura aziendale significa saper prendere decisioni relative alla localizzazione, alla configurazione delle strutture di approvvigionamento, a quelle di risorse e sviluppo, ma anche quella produttiva e commerciale, nonché di tutte le questioni riguardanti l assetto organizzativo e i contatti con le altre aziende. Una volta analizzata, in questo modo, l idea imprenditoriale si può procedere e passare alla valutazione della sua validità. Questa può essere effettuata da un finanziatore, da un potenziale partner ma anche dall imprenditore stesso. Il soggetto designato dovrà passare in rassegna tutte le informazioni riguardanti le tendenze di sviluppo del mercato su cui si andrà a lavorare, il sistema prodotto e la capacità di gestire la complessa struttura aziendale. L esito dell analisi sarà il frutto di un giudizio complessivo dei tre ambiti elencati: solo se c è simbiosi tra le diverse sfere la valutazione potrà essere favorevole e si potrà procede alla redazione del business plan. 1.4 Il business plan Effettuata l analisi sulla fattibilità della business idea e consci che questa ha avuto esito positivo occorrerà poi realizzare un progetto ben articolato detto business plan. Spesso in questa operazione l imprenditore, non avendo le conoscenze necessarie relative a tutti i settori da prendere in considerazione si fa affiancare da persone qualificate e competenti 11

12 che si mettono a disposizione per dargli la giusta consulenza. L importanza di questo documento è da molti sottovalutata, andando a compromettere così la riuscita del progetto. Tra i motivi principali per redigere un business plan forse il più importante è che questo scritto aiuta nella realizzazione stessa dell impresa perché, in un certo senso obbliga a seguire un percorso predeterminato che consente di porsi tutta una serie di domande e quindi di chiarirsi le idee su molti aspetti che probabilmente non sarebbero stati presi in considerazione. 12 Il business plan è un analisi dettagliata che prende in esame tutte le aree di attività di un impresa, è una mappa che spiega che cos è e a che cosa va incontro la nascente attività. È il documento che in primis deve evidenziare la visione (che cosa si vuole essere) e la missione (ciò che si vorrà realizzare) dell impresa. Una sorta di bussola direzionale. Tra le altre valenze è uno strumento di verifica che permette la valutazione dei risultati che si sono ottenuti una volta trascorso un po di tempo e, uno strumento di comunicazione dell idea: tutte le imprese quando nascono necessitano di fondi o finanziamenti almeno per la fase di avvio, il piano di attività è il metodo più professionale per presentare l idea a potenziali finanziatori, a banche e agli istituti di credito. Affinché le informazioni trasmesse dal business plan siano efficaci devono essere chiare, credibili e comprensibili. Tutti gli aspetti devono essere strutturati in maniera organica e coerente, senza dimenticare nessuna delle informazioni necessarie. 13 Strutturalmente il business plan è formato da due parti: una descrittiva, concernente le informazioni sul tipo di impresa, sui soci, sulla iniziativa che si intende intraprendere, sull unità produttiva, sul ciclo produttivo, sul mercato di riferimento e sulle politiche di marketing; e una numerica che, con riferimento all impresa nel suo complesso sviluppi i prospetti relativi agli stati patrimoniali, ai conti economici ed ai flussi finanziari, per ciascuno degli esercizi ipotizzati. Nella realtà non esiste uno schema fisso da seguire per la stesura del piano, quello che segue è uno delle possibili tracce utilizzate. Ciò nonostante l elaborazione di un business plan in fase di start up generalmente presenta caratteristiche diverse ( ) perché in fase 12 FORMAPER (2003), Donne Creano Impresa, Milano, Sperling & Kupfer Editori 13 FORMAPER (2003), Donne Creano Impresa, Milano, Sperling & Kupfer Editori 12

13 iniziale la predisposizione del business plan di breve- medio- lungo periodo si concretizza in un operazione complessa proprio in considerazione del fatto che non esistono dati storici a supporto. 14 Analiticamente il business plan è cosi strutturato: a. Indice. Il business plan deve avere il suo indice come se si trattasse di un libro vero e proprio. Questo consente di condurre il lettore nei diversi punti di trattazione e di approfondimento. b. Executive summary. È l essenza del documento, è una sorta di anteprima che contiene gli argomenti che saranno poi analizzati in dettaglio nelle varie sezioni in cui è composto il documento. Affinché la sintesi sia efficace l executive summary dovrebbe essere scritto solo dopo aver completato il plan, poiché solo dopo che si ha una visione ampia e nitida su quello che si andrà a fare si potrà parlarne in modo eloquente ed esaustivo. c. Profilo organizzativo aziendale. È la sezione in cui si deve riportare la denominazione dell azienda, la sua sede legale, il settore di attività e la forma giuridica assunta. È necessario descrivere in breve la collocazione geografica degli stabilimenti produttivi, le sedi secondarie, le unità all estero e la tipologia di attività svolta. Per ciò che attiene invece ai promotori del progetto ne potranno essere illustrate le esperienze professionali e i ruoli rivestiti. d. Mercato e competitors. Qui si dovrà definire la domanda del prodotto o del servizio e le opportunità per l imprenditore di collocarsi su questo mercato. Sarà utile inserire un analisi sul mercato con uno sguardo al settore in generale, con la relativa sintesi dell andamento di mercato e la descrizione delle fonti della domanda e del modo in cui essa viene soddisfatta. Una volta fatto questo bisognerà individuare i segmenti o target definendone la natura e l importanza. Infine dovrà essere fatta un analisi della concorrenza considerando concorrenti attuali e potenziali, valutando di ognuno punti di forza e di debolezza. e. Prodotto e servizi. In questo paragrafo si farà il quadro dell intera offerta aziendale. Specificati i bisogni che si andranno a soddisfare verrà descritta la gamma dei prodotti offerti, senza entrare però in un livello di dettaglio troppo elevato, evitando quindi di scivolare nello specifico e nel tecnico. Le cose principali che devono essere indicate sono le 14 SIMONE M. (2004), Un piano per le start up, Milano, Largo Consumo, vol. 24,fasc. 7-8, pagg

14 caratteristiche fisiche dei prodotti/servizi, le possibilità d uso e di impiego, lo stato di sviluppo del prodotto e in che cosa prodotti e servizi si differenziano dalla concorrenza. f. Piano operativo. Si riferisce alle modalità con cui l azienda intende realizzare i propri prodotti e erogare i propri servizi. In questa sezione si parlerà dei problemi relativi all organizzazione del lavoro, del capitale, al modo in cui procurarsi le materie prime, ai comportamenti da adottare con i fornitori e alle tecniche di produzione da usare. Il piano operativo dovrà contenere spiegazioni riguardo a come si intende sviluppare il prodotto, a quale sarà l assistenza post-vendita, quali servizi verranno offerti al cliente nel momento successivo all acquisto e infine dovranno essere menzionati tutti quei fattori di influenza esterni con i relativi rischi e opportunità. g. Piani di marketing. Rappresenta la parte più ricca del business plan. Mostra l insieme delle scelte strategiche e delle azioni che l azienda ha intenzione di seguire per raggiungere gli obiettivi che si è prefissata. Solitamente le decisioni più importanti a riguardo sono quelle che concernono il marketing mix: prodotto, prezzo, distribuzione, promozione. h. Prospetti economico-finanziari. Si sostanzia nella redazione di bilanci previsionali, composti da conto economico, rendiconto finanziario e stato patrimoniale, riferiti ad un orizzonte temporale di durata variabile. È l ultimo aspetto da valutare e forse il più importante. Consiste nel quantificare i costi da sostenere per mandare avanti l azienda e prevedere, in base alle stime relative alle potenzialità del mercato su quanto potranno attestarsi i ricavi per riuscire così a prevedere se l impresa sarà in grado di produrre un utile e quanto sarà il suo ammontare. i. Allegati. Il documento di pianificazione può contenere alla fine una documentazione di supporto. Questa sarà utile al fine di rendere valide le informazioni contenute nel piano o ad aggiungerne ancora di più importanti. Gli allegati posso essere di vario tipo: articoli di giornale, ricerche o documenti relativi al settore, indagini di mercato trovate in internet o su giornali specializzati, e glossario. Ma quando si parla del connubio impresa start up e business plan emergono alcune problematiche alle quali si può andare incontro in sede di impostazione del piano, tra queste, quelle che richiedono un attenzione maggiore sono quelle inerenti la scelta 14

15 dell orizzonte prospettico da utilizzare e alla stima delle variabili economicopatrimoniali. 15 Per quel che concerne il primo punto, pur non esistendo uno standard di riferimento, in caso di start up si utilizza un orizzonte temporale di medio lungo periodo, che in genere si aggira sui 10 anni. Se si scegliesse un periodo più breve non si potrebbe dire nulla di certo riguardo l esito dell andamento degli investimenti iniziali. Per quanto riguarda il secondo punto, l obiettivo non è di ottenere e prevedere valori determinati con estrema esattezza ma si cerca di analizzare l andamento globale della struttura aziendale nel corso del tempo e di verificarne in particolare se, come e quando, l azienda sia nelle condizioni di reagire di fronti a determinati accadimenti che possano manifestarsi nel corso della gestione L acquisizione delle risorse finanziarie Uno dei problemi fondamentali che scoraggia i futuri imprenditori è sicuramente la necessità di trovare il denaro e i capitali necessari per sostenere e sviluppare il proprio business. Aziende, progetti, iniziative per nascere o per crescere hanno bisogno di investimenti. Due sono le opportunità che si presentano dinnanzi a questi soggetti: o fare ricorso al capitale di rischio o al capitale di debito. Il capitale di debito è quello che una banca eroga per il suo utilizzo, attraverso la concezione di un fido o di un affidamento di conto corrente al soggetto che ne ha fatto domanda. Per i neo o potenziali imprenditori reperire risorse finanziarie per realizzare i propri investimenti è particolarmente difficile, a causa del fatto che essi non si trovano a gestire aziende già consolidate sul mercato, ma bensì realtà che presentano semplicemente un idea, il loro know-how, e che operano per lo più legati alle nuove tecnologie. 17 Le banche sono per questo serie di motivazioni molto diffidenti nel dare loro il credito necessario, esigendo una serie di garanzie che questi soggetti ancora non hanno e non possono dare. Uno spiraglio lo si ha però nel settore del finanziamento alle imprese in fase 15 SIMONE M. (2004), Un piano per le start up, Milano, Largo Consumo, vol. 24, fasc. 7-8, pagg SIMONE M. (2004), Un piano per le start up, Milano, Largo Consumo, vol. 24, fasc. 7-8, pagg CECE E. (24 Marzo 2010), Venture Capital: finanziamenti per start up innovative, 15

16 di avvio che, se pur in un momento di crisi generale, è quello che sicuramente rallentando meno rispetto agli altri e quello su cui i giovani imprenditori stanno maggiormente optando. Business Angel, Venture Capitalists e Incubatori sono la speranza per le imprese al fine di reperire il capitale necessario per il loro sviluppo I Business Angels I Business Angels o meglio conosciuti come investitori informali sono manager, imprenditori, consulenti, ex titolari di impresa che apportano capitali propri, capacità imprenditoriali, esperienze manageriali e una fitta rete di relazioni per favorire l avvio di impresa. Sono soggetti che decidono di investire parte delle proprie risorse in business in cui vedono buone prospettive di successo da realizzare in un arco di tempo limitato Aiutano la start up prescelta in modo da guadagnare dalla vendita parziale o totale della stessa, non limitandosi a dare però solo un apporto monetario ma anche un servizio di consulenza e di sostegno. Due sono le caratteristiche principali emerse dall analisi di questi soggetti: la prima è che preferiscono investire o nella propria regione e nel territorio locale limitrofo, oppure direttamente all estero piuttosto che in altre regioni italiane; la seconda è che prediligono investire in imprese ad alto contenuto tecnologico (come elettronica, High-tech ed energie rinnovabili). Quello dei Business Angels è un settore che pur non essendo presente da molto tempo in Italia ha ormai superato la sua fase pionieristica. Infatti come dimostra il grafico l entità degli investimenti è decisamente aumentata. 16

17 Indagine IBAN sull ammontare degli investimenti seed e early stage in Italia dal 2000 al Le motivazioni che spingono gli angeli a soccorrere le start up sono svariate: dalle più economiche, come conseguire un elevato ritorno sul investimento o contribuire allo sviluppo economico della propria comunità e delle nuove generazioni di imprenditori, a quelle più personali come la sensazione di sentirsi ancora attivi. Sono soggetti che privilegiano il rapporto personale e fiduciario e mostrano un complesso di interessi che non sono solo quelli meramente economici. Spesso la loro attività è parte di una strategia, che non sempre vede il capital gain come prioritario. 19 Farsi affiancare dai Business Angels dà alle start up una serie di vantaggi che in assenza non avrebbero. Tra questi: - il rafforzamento patrimoniale; - il miglioramento dei rapporti con il sistema degli istituti di credito; 18 CENNAMO D. (12 maggio 2010), L Angel Investing italiano supera la fase pionieristica, 19 GIOLI G, MODER P. & DOLCI M. (2000), Internet start up: come si avvia un'impresa su Internet: l'idea, il business plan, la ricerca dei finanziatori, il management!, Milano, Apogeo 17

18 - l aumento delle credibilità degli imprenditori; - lo sviluppo di una rete di relazioni più ampia; - la possibilità di avere consulenza finanziaria e servizi strategici di marketing e contabili. I gruppi principali di Business Angels italiani sono due: l IBAN (Italian Business Angels Network) e l IAG (Italian Angels for Growth). Entrambi aderiscono all EBAN, il network europeo dei Business Angels. Il primo, l IBAN, è una associazione italiana che rappresenta gli investitori informali nel capitale di rischio. Si tratta di un ente no-profit che non svolge attività di tipo operativo. È strutturata in modo che ogni zona si organizzi in una B.A.N (rete locale) ossia una struttura che permette ai Business Angels di sviluppare i contatti, i rapporti e le conoscenze con gli imprenditori alla ricerca di denaro e di competenze di management. Il secondo gruppo, l IAG, nasce nel 2007 come associazione senza scopo di lucro frutto della collaborazione di nove soci fondatori. I valori dello IAG sono l internazionalità, il profitto, la compartecipazione, l imprenditorialità, l innovazione e il merito. È un associazione che ha l obiettivo di finanziare progetti ad alto contenuto di innovazione e di successo nella speranza che in un periodo di cinque anni i Business Angels possano ricevere un feedback, anche monetario positivo. Il presidente di questo gruppo, Francesco Marini Clarelli, è stato eletto a Varsavia a Maggio 2011, dall EBAN come the best Angel of the year. Dall indagine IBAN del emerge quella che è la figura tipo del Business Angels italiano (sempre più in linea con quello anglosassone). Si tratta di un soggetto maschile, con un età media sui 49 anni, residente nel Nord Italia, con un elevato titolo di studio e una notevole esperienza in campo imprenditoriale. Il Business Angels tipo ha un patrimonio liquido personale attorno a , se ha già fatto degli investimenti non intende fermarsi anzi ne farà degli altri, oltre ai soldi si concentra nell apporto di strategia aziendale e nei contatti, entrando attivamente nel management team dell impresa. È una persona alla ricerca dell autorealizzazione personale più che caratterizzata dalla sete di guadagno ed anche per questo non pone particolare attenzione agli aspetti fiscali del suo investimento. Infine è interessato soprattutto a settori quali l ICT, le biotecnologie ed il Med- Tech; prima 20 Sintesi Survey 2009, 18

19 di scegliere esamina in media 5 progetti e per quanto riguarda la durata dell investimento questa si aggira attorno ai 4 anni (anche se ultimamente la percentuale dei disinvestimenti dopo 2 o 3 anni è aumentata) I Venture Capitalists Fino agli anni 80, il Venture Capital era un apporto di capitale azionario da parte di soggetti specializzati, in una prospettiva temporale di medio-lungo termine realizzato nei confronti di aziende non quotate e con un elevato potenziale di sviluppo e di crescita in termini di nuovi prodotti, servizi e di nuove tecnologie. Il Venture Capitalist, a differenza delle altre tipologie di finanziatori, ha una partecipazione in genere temporanea, in quanto il suo obiettivo non è quello di assumere il controllo dell impresa ne tantomeno quello di una persona che mira ad aumentare le sue quote di partecipazione. Questo soggetto spera invece, con il suo aiuto finanziario e di conoscenze utile allo sviluppo dell impresa, di aumentarne il valore e in sede di dismissione di ottenere un consistente guadagno. Con il passare degli anni, le caratteristiche del Venture Capital sono cambiate differenziandosi sia per quanto riguarda il sistema imprenditoriale di riferimento sia a seconda del grado di evoluzione dei mercati. In ogni caso l obiettivo rimane l'acquisizione di partecipazioni significative in imprese, in ottica di medio lungo-termine, e il conseguente obiettivo di sviluppo finalizzato al raggiungimento di una plusvalenza sulla vendita delle azioni, ma la presenza delle ulteriori caratteristiche ha assunto connotati molto variabili. 21 Il capitale di rischio permette alle imprese che ne usufruiscono di avere un appoggio in più come sostenimento nella fase di avvio, ma può essere utilizzato anche per lo sviluppo di piani economici, di nuove strategie e di nuove acquisizioni finanziarie. Inoltre il supporto dell investitore può comprendere anche un consistente apporto di know-how manageriale che aiuta nella crescita aziendale esterna attraverso contratti, investimenti e collaborazioni. L intervento di un investitore in capitale di rischio si può inserire in una o più fasi del processo di sviluppo di un progetto. Due sono i tipi di operazioni: - early stage financing (o partecipazione allo stadio iniziale del progetto) 21 Il capitale di rischio, Venture capital & Private Equity, 19

20 - expansion financing ( o partecipazione allo sviluppo) Trattandosi di una start up quello su cui è importante soffermarsi è il primo stadio. L attività di investimento in early stage financing è suddivisa in tre tipologie di intervento: - Seed financing. È la fase di sperimentazione, dove l efficacia dell idea non è stata ancora dimostrata, e tanto meno la variabilità tecnica del prodotto/servizio. L imprenditore qui spesso è un singolo inventore, una famiglia o un gruppo di amici. Il rischio è ancora molto elevato e di conseguenza l apporto finanziario è abbastanza contenuto. - Start up financing. È la fase di avvio al progetto. Lo stadio in cui si finanzia l inizio dell attività produttiva oggetto dell idea di business. Qui si è già superata la fase di sperimentazione, il prodotto ha già un prototipo solitamente e la sua brevettazione e l ingegnerizzazione sono state concluse. Per quanto riguarda il ritorno commerciale invece, questo è ancora sospeso e rimane ancora da valutare. Sia l investimento che il tasso di rischio sono elevati. - First stage financing. È la fase in cui il progetto è già avviato ma sono da verificare i concreti risultati del progetto. Il tasso di rischio in questa fase comincia ad abbassarsi anche se l apporto finanziario è ancora elevato Gli incubatori Gli incubatori sono un altro metodo che le start up, in fase iniziale hanno per reperire il capitale di rischio. O meglio, questi, a differenza dei Venture Capitalists o dei Business Angel però non apportano capitali ma si occupano di dare l aiuto necessario ad un progetto di impresa affinché questo si realizzi. Sono delle società, delle divisioni aziendali che hanno una serie di competenze di finanza, di strategia, di marketing che si impegnano a seguire le giovani imprese fin dall inizio monitorando il loro progresso e aiutandole a sviluppare il loro business, lanciandole in qualche caso anche in Borsa. Il loro scopo principale dunque è di fornire alle nuove iniziative imprenditoriali tutto ciò che possa aiutarle a nascere e crescere, offrendo spazi fisici dove poter muovere i primi 20

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

Che cos'è il Business Plan?

Che cos'è il Business Plan? Che cos'è il Business Plan? Sintesi del percorso per un piano d'impresa. Di seguito viene riportato un percorso guidato per la stesura di un business plan: si tratta di una traccia esemplificativa sui

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO Definizioni e concetti generali 1.1 Che cos'è il business plan? Il business plan è un documento che riassume ed espone la rappresentazione dinamica e prevista dello sviluppo di un piano d impresa. Il business

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione alla figura del Business Angel Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione Imprenditorialità: definizione

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA pro FRANCESCA BERTAGNA Parmamoda D E L L E M I L I A R O M A G N A 2 L AZIENDA Un laboratorio di idee, abilità e tecniche: dalla formazione alle

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Imprese appena costituite o progetti d impresa (da non piu di 48 mesi) Operano in ambiti innovativi. Hanno una forte componente di R&S

Imprese appena costituite o progetti d impresa (da non piu di 48 mesi) Operano in ambiti innovativi. Hanno una forte componente di R&S Imprese appena costituite o progetti d impresa (da non piu di 48 mesi) Operano in ambiti innovativi Hanno una forte componente di R&S Hanno intensi piani di crescita (3-5 anni) Necessitano di apporti di

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management

di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management IL BILANCIO COME STRUMENTO DI MARKETING di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management Con le nuove metodologie e analisi che tendono a rilevare la relazione dell impresa con il suo ambiente

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) METTERSI IN PROPRIO

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO 1. L IMPRENDITORE e sue DEFINIZIONI. In Italia viene definito Imprenditore, a norma dell'articolo 2082 del Codice Civile: chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata

Dettagli

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma MASTER in MARKETING MANAGEMENT - 2012 BUSINESS MODEL & CUSTOMER

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO 2015 Career Management Skills

PROGETTO ORIENTAMENTO 2015 Career Management Skills PROGETTO ORIENTAMENTO 2015 Career Management Skills Il progetto Career Management Skills, ovvero capacità di gestione della propria carriera, nasce in un momento storico in cui l'orientamento non è più

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

1. I PRINCIPALI RISULTATI DELL INDAGINE DI PLACEMENT

1. I PRINCIPALI RISULTATI DELL INDAGINE DI PLACEMENT Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta, con specifico approfondimento del fenomeno

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale La finanza di start up: private equity e venture capital Anno accademico 2011 / 2012 Dott.ssa

Dettagli

FARE L IMPRESA Campus di Cesena 27 aprile, 5 e 7 maggio

FARE L IMPRESA Campus di Cesena 27 aprile, 5 e 7 maggio FARE L IMPRESA Campus di Cesena 27 aprile, 5 e 7 maggio Sei un neolaureato o laureando in cerca di opportunità? Hai un idea di impresa che vorresti provare a realizzare, ma non sai da dove iniziare? Vorresti

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PROGETTO

LINEE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PROGETTO LINEE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PROGETTO SOMMARIO Premessa Sezione 1 - Descrizione del soggetto proponente Sezione 2 - Descrizione del contesto di riferimento Sezione 3 - Descrizione generale

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª C l a s s e 5 ª Costruiamo insieme un Business plan di Stefano Fontana Seconda e ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta di come è fatto un Business plan. Dopo aver illustrato le competenze necessarie

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 2 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità semestrale 1 Numero e

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup Giornata di formazione sui brevetti Brescia, 29 febbraio 2012 Università degli Studi di Brescia Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

POLITICA DI INVESTIMENTO

POLITICA DI INVESTIMENTO POLITICA DI INVESTIMENTO Il presente documento è stato predisposto in osservanza al disposto di cui all'art. 8 del Regolamento Emittenti AIM / Mercato Alternativo del Capitale approvato da Borsa Italiana

Dettagli

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale (POR Puglia 2000-2006) 1 IL FONDO Il Fondo per il capitale di rischio ha come obiettivo l acquisizione di quote temporanee di minoranza

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Tema di: ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA I prodotti turistici si configurano come il risultato

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea In questo modulo sono

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE I PROCESSI AZIENDALI E PROGETTI UDA 3 I PRINCIPI DEL PROJECT MANAGEMENT

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli