LO SVILUPPO DI UNA START UP DI SERVIZI: IL CASO FRAGRANCE DESIGNER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO SVILUPPO DI UNA START UP DI SERVIZI: IL CASO FRAGRANCE DESIGNER"

Transcript

1 LO SVILUPPO DI UNA START UP DI SERVIZI: IL CASO FRAGRANCE DESIGNER 1. L AVVIO DI UNA START UP: DALL IDEA ALLA REALIZZAZIONE 1.1 Introduzione Diventare imprenditore L analisi e la valutazione di una business idea Il segmento di mercato Il sistema prodotto Il sistema competitivo La struttura organizzativa Il business plan L acquisizione delle risorse finanziarie I Business Angels I Venture Capitalists Gli incubatori Uno sguardo all imprenditoria femminile Autoimprenditorialità Il lancio del prodotto: le politiche di marketing IL CASO FRAGRANCE DESIGNER 2.1 Introduzione Il profilo aziendale

2 2.3 La nascita dell azienda Mettersi in proprio Prodotti/servizi, concorrenza e target La nascita di una fragranza Principali scelte strategiche di marketing Pubblicità e promozione Considerazioni sui rapporti con le piccole e le grandi imprese Progetti e obiettivi futuri Analisi sull andamento del fatturato Portfolio dei successi aziendali Foto CONCLUSIONI 3.1 Conclusioni generali La parola all imprenditrice Claudia Scattolini BIBLIOGRAFIA SITOGRAFIA

3 1. L AVVIO DI UNA START UP: DALL IDEA ALLA REALIZZAZIONE Sommario: 1.1 Introduzione; 1.2 Diventare imprenditore; 1.3 L analisi e valutazione di una business idea; Il segmento di mercato; Il sistema prodotto; Il sistema competitivo; La struttura organizzativa; 1.4 Il business plan; 1.5 L acquisizione delle risorse finanziarie; I Business Angels; I Venture Capitalists; Gli incubatori; Uno sguardo all imprenditoria femminile; Autoimprenditorialità; 1.6 Il lancio sul mercato: le politiche di marketing 1.1 Introduzione Con la parola start up si identifica un azienda giovane, solitamente appena costituita, nella quale i processi organizzativi sono ancora in corso. Il periodo iniziale corrisponde per queste nuove aziende ad un elevata criticità nella gestione: le scelte che un imprenditore si ritrova a dover affrontare alla partenza sono veramente tante e di importanza peculiare per la riuscita del business. C è chi ritiene che proprio il superamento di questa fase sia garanzia della perdurabilità futura del progetto imprenditoriale 1. Avere una bella idea e decidere di portarla sul mercato non è sufficiente. La nascita di una nuova impresa costituisce, infatti, un momento critico nello svolgimento dell attività economica, rappresentando, invero, il passo decisivo di una fase lungo la quale si progetta e si realizza, con prospettive di medio- lungo termine, una nuova attività organizzata 2. La realtà dimostra come una buon parte delle nuove imprese non riesca a sopravvivere e superare i primi anni di vita. Le cause di questo elevato tasso di mortalità possono essere riscontrate in diversi fattori: la superficiale o addirittura assente pianificazione, la mancanza 1 DE BLASIO F. (2005), Profili gestionali strategici caratteristici delle PMI, Economia, Azienda e Sviluppo, Bari, CACUCCI EDITORE, anno III, n 1 2 PRETI P. (1991), L organizzazione della piccola impresa, Milano, Egea 3

4 del business plan, la poca attenzione nelle ricerche e nello studio del mercato e da ultima la mancanza di una giusta valutazione delle risorse finanziare necessarie all investimento. Conseguentemente a tutte le problematiche esposte precedentemente le decisioni che riguardano la fase di avvio devono essere prese con la massima attenzione e pensate in maniera profonda. Già dall inizio dell analisi infatti possono emergere alcuni dei problemi chiave a cui si dovrà andare poi incontro in seguito. Se in passato un azienda poteva essere gestita sulla base dell intuizione e delle attitudini dell imprenditore, oggi invece la complessità che governa i mercati e la rapidità con sui si susseguono i cambiamenti e le innovazioni rendono insufficienti queste doti. Ecco perché è fondamentale che prima di lanciare un nuovo prodotto o servizio ci sia un buon lavoro di progettazione dietro, perché alla fine ne varrà la riuscita di tutto il progetto. 1.2 Diventare imprenditore Decidere un giorno di diventare imprenditori non è certamente una decisione da prendere improvvisamente. Prima di intraprendere una scelta di questo tipo bisogna riflettere a lungo; va ponderata bene. I mesi che seguiranno non saranno per niente rosei anzi, ci sarà un percorso di organizzazione e preparazione che porterà via tempo e comporterà sforzi notevoli e consistenti, nella speranza che possano nell arco di un breve periodo essere ripagati. Purtroppo c è la possibilità che l idea non si realizzi causando per l imprenditore instabilità finanziaria, perdita di denaro e di fiducia che potranno sfociare negativamente anche nell ambito dei rapporti personali e familiari. Detto ciò, è giusto ribadire, in ogni caso, che non tutti sono fatti per poter diventare imprenditori di successo. Si tratta di una questione che racchiude in se molti fattori: è l insieme di motivazioni, atteggiamenti, capacità e attitudini. Indubbiamente un adeguata formazione scolastica è un buon trampolino di partenza per risvegliare gli spiriti imprenditoriali. Tra le caratteristiche e i motivi principali che spingono una persona ad intraprendere questa carriera le più rilevanti si possono riassumere con i seguenti: 4

5 Il desiderio di realizzare qualcosa con le proprie forze e di ottenere in questo modo dei risultati tangibili. L imprenditore quando si mette in proprio lo fa come una sorta di autorealizzazione di se stesso, è la voglia di dimostrare che è riuscito a realizzare un idea senza dipendere da nessun altro, solo dalle proprie forze, con la propria personalità e il proprio io (Parolini, 1991 e Formaper, 2001). Anche il desiderio di autonomia innesca la voglia di intraprendere questo percorso, infatti è sicuramente una soluzione per deviare dalla stanchezza quotidiana di essere dei lavoratori dipendenti o un modo per evadere dalla rigidità e dalla chiusura dei propri datori di lavoro (Parolini, 1991 e Azzariti, 2001). Un altro fattore fondamentale è la propensione al rischio (Parolini, 1991). Gli imprenditori consapevoli di quello che scelgono di fare, sanno bene che in futuro molto probabilmente i trend e i comportamenti di consumo potranno cambiare ed evolveranno, e perciò questi soggetto dovranno essere in grado di affrontare stress e preoccupazioni che ne deriveranno. Ciò nonostante gli imprenditori non sono degli sprovveduti, solitamente fissano degli obiettivi stimolanti ma non irraggiungibili, fissano traguardi che siano per loro stimolanti ma fattibili in quanto non amano il gioco d azzardo e accettano solo rischi calcolati e situazioni nelle quali sono in grado di influenzare il risultato 3. Anche la capacità di relazionarsi è un punto cardine per questo tipo di lavoro. Gestire un impresa significa entrare in contatto continuamente con clienti, con fornitori, con le banche e con gli enti pubblici. Saper comportarsi con ognuna di queste figure è essenziale affinché il business prenda piede e si sviluppi con un discreto successo. L imprenditore deve avere tra le sue caratteristiche proprio la capacità di leadership, deve essere in grado di creare un ambiente di lavoro stimolante, un buon clima, deve saper spronare e motivare le persone che lavorano con lui (Parolini, 1991). Altri fattori importanti sono l innovatività e l apertura al cambiamento: l imprenditore deve avere la capacità di intravedere il futuro cercando di leggere i segnali di possibili evoluzioni dell ambiente (tecnologico, di mercato, sociologico, politico) e dare, di 3 PAROLINI P. (1991), Diventare imprenditori. Dal business plan all avvio di una nuova impresa, Milano, Le Guide, Il sole 24 ore 5

6 conseguenza una risposta anticipata in termini di prodotto, processo e sistema organizzativo (www.ilnuovoimprenditore.com, Maggio 2011). Infine non possono mancare la fiducia in se stessi, l autostima e la motivazione: queste tre caratteristiche racchiudono tutte le convinzioni, i valori, le leve psicologiche e i motivi reali che spingono un individuo a cominciare un percorso e a voler raggiungere risultati sempre migliori. Realizzare un impresa è un percorso arduo che richiede senza dubbio molti sacrifici e anche grandi cambiamenti. Per superare queste difficoltà servono determinazione e perseveranza, doti che nascono appunto da un forte desiderio di raggiungere un determinato obiettivo (Parolini, 1991 e Formaper, 2001). Oltre a questa serie di fattori esistono poi delle considerazioni più generali che spingono allo sviluppo dell imprenditoria, e sono da ricercarsi non più in ambito personale o caratteriale ma riguardano la società e il momento storico che si sta vivendo. Con la crisi che ormai incombe da qualche anno e l elevato tasso di disoccupazione italiano (che secondo i dati ISTAT 4 è dell 8%, quello totale, e del 27.6% quello che riguarda i giovani) il decidere di mettersi in proprio è diventata una soluzione di self-employment, l unica molte volte che soddisfi la necessità di recuperare reddito. 4 Occupati e Disoccupati (30 Settembre 2011), 6

7 Andamento del tasso di disoccupazione totale secondo le indagini ISTAT fino ad Agosto L incapacità del sistema di produrre occupazione si sta diffondendo e con essa la creazione appunto dell auto-impiego: dove si sfruttano in modo imprenditoriale le occasioni che il mercato offre, spesso occupando gli spazi interstiziali lasciati liberi dall attività delle imprese più grandi, se da un lato è l unica soluzione al problema disoccupazione, dall altro costituisce sicuramente una opportunità di sbocco e di espressione delle potenzialità personali 6. Come accennato all inizio la decisione di diventare imprenditore e di lanciare la propria start up sul mercato comporta anche una serie di caratteristiche meno positive. Prima di 5 Tasso di disoccupazione (1 Ottobre 2011), 6 FORMAPER (2003), Donne creano impresa, Milano, Sperling & Kupfer Editori 7

8 tutto non si ha uno stipendio fisso, anzi, soprattutto in fase iniziale, gli esborsi che dovranno essere fatti - costi burocratici, costi di produzione, costi di promozione,ecc - saranno molto elevati e consistenti. Un imprenditore non ha orari regolari, il tempo libero per dedicarsi ad altro, o quello riservato alla famiglia verrà diminuito, perché è lui il diretto responsabile nei confronti del cliente per quel che riguarda la consegna del prodotto o l erogazione del servizio. Nella sua nuova attività tutto dipende da lui,tutto è nelle sue mani. In questo periodo si ritroverà a ricoprire ogni sorta di ruolo e mestiere: dal magazziniere al fattorino, dall autista al centralinista. Una volta valutati i pro e i contro, le possibilità di successo o di insuccesso dipenderanno da diverse ragioni tra cui il settore in cui si andrà a competere, la formula imprenditoriale, la validità e la meticolosità della propria progettazione, l impegno. Fondamentale però affinché l impresa abbia il vantaggio sperato è il concetto di allineamento 7 : si deve scegliere un attività in linea con i proprio valori, con le proprie passioni, con le proprie aspirazioni. Bisogna scegliere un progetto in sintonia con i propri gusti. Gli obiettivi personali non possono essere discordi dalle priorità dell azienda. Se molte aziende non superano i primi anni di vita è anche per questo, si deve scegliere qualcosa in cui si crede pienamente, perché su di esso si dovrà spendere molto tempo e di solito fare quello che non piace, non porta a nulla di soddisfacente. Di liste che elencano le qualità dell imprenditore tipo ce ne sono molte, sicuramente tra i requisiti più importanti che emergono ci sono: lo spirito d iniziativa, la voglia di fare e l intraprendenza e la fantasia. Ma anche ottimismo e realismo allo stesso tempo. L imprenditore poi deve essere un soggetto con una buona abilità e capacitò organizzativa. Infine deve essere una persona determinata che decide di impegnarsi seriamente per raggiungere qualcosa che gli sta a cuore. È possibile, o meglio probabile, che una persona non abbia al momento di scegliere tutte queste caratteristiche ed è proprio per questo che l autovalutazione è molto importante, affinché ognuno si renda conto delle qualità che già possiede, quelle da migliorare e su cui lavorare e quelle da acquisire completamente. 7 ARDENGHI G. (30 Luglio 2009), Creare una start up di successo: da dove iniziare, 8

9 Il primo passo dunque per l avvio di una start up è il prendere consapevolezza se si è portati o meno per avanzare lungo la strada dell imprenditoria, con tutti i lati ad essa connessi, positivi o negativi che siano. Valutare l idea, redigere il business plan, trovare le risorse finanziarie opportune, lanciare il prodotto sono solo i passi successi di questa importante decisione. 1.3 L analisi e la valutazione di una business idea Per poter avere successo nell intraprendere un nuovo business si deve avere una buona idea. Nel contesto economico su cui ci si affaccia oggi avere una semplice brillante illuminazione non è più sufficiente ma è necessario che idea e impresa vengano appositamente pianificate. Ciò permette di acquisire sicurezza in ciò che si andrà a fare, e la sicurezza aumenta di molto le possibilità di riuscita dell iniziativa 8. La prima fase fondamentale dunque, nel processo di avvio di una start up, è l analisi della business idea. Quest ultima è data dall insieme delle scelte strategiche fondamentali che descrivono un progetto imprenditoriale 9. Essa è l espressione di una superiorità in qualcosa (nelle conoscenze, nelle competenze, nelle persone, ecc; o ancora meglio, in una combinazione tra questi e altri elementi) che genera per l impresa vantaggi sul mercato. Le principali aree da valutare quando si analizza una business idea sono (Norman, 1983): il segmento di mercato, il sistema prodotto offerto, il sistema competitivo e la struttura organizzativa. Una qualsiasi dissonanza all interno di queste aree deteriora l efficienza e l efficacia della business idea Il segmento di mercato 8 FORMAPER (2003), Donne creano impresa, Milano, Sperling & Kupfer Editori 9 PRANDINA D. (2001), Start up. Il manuale di riferimento per iniziare un nuovo business, Milano, Il sole 24 ore 9

10 È bene sottolineare che un impresa non può soddisfare tutto il mercato, voler essere tutto per tutti spesso porta a un offerta che non è l ideale per nessuno e a un basso livello di soddisfazione della clientela 10. Perciò si deve identificare con estrema chiarezza il tipo di clienti ai quali rivolgersi e quali dei loro bisogni soddisfare. A tal fine si dovrà valutare una serie di fattori come l evoluzione del comportamento del consumatore e dei suoi gusti; il profilo tipo dell acquirente (quanto, dove, come e perché acquista); nonché alcuni elementi che influenzano le dimensioni del mercato. Alla fine sarà opportuno fare la stima dei volumi complessivi di vendita del bene/servizio che si intende lanciare Il sistema prodotto Questo descrive l offerta che l azienda propone al mercato obiettivo prescelto. Un sistema prodotto ben configurato presenta dei vantaggi competitivi che spingono i consumatori a privilegiare l offerta dell azienda rispetto a quella degli altri concorrenti presenti sul mercato 11. Gli elementi che fanno parte di questo sistema sono riconducibili a quattro categorie: elementi materiali (che riguardano le qualità intrinseche del prodotto, l aspetto estetico, la disponibilità di prodotti accessori e la possibilità di avere gadget o omaggi), elementi immateriali (connessi al prestigio nell uso del prodotto), i servizi (di base, complementari e accessori) e infine gli elementi economici (prezzo, modalità e termini di pagamento, garanzie, costi) Il sistema competitivo Quando si fa un analisi sulla concorrenza è rilevante stabilire che bisogna tenere conto di tutte le possibili forze competitive che possono influenzare il livello di redditività del 10 PRANDINA D. (2001), Start up. Il manuale di riferimento per iniziare un nuovo business, Milano, Il sole 24 ore 11 PRANDINA P. (2001), Start up: il manuale di riferimento per iniziare un nuovo business, Il sole 24 ore 10

11 settore scelto, non solo i diretti concorrenti ma anche fornitori, clienti con elevato potere contrattuale e produttori di prodotti sostitutivi La struttura organizzativa Le decisioni in merito a questo aspetto sono forse le più difficili da prendere all avvio di una nuova impresa. Se gli aspetti precedenti con intelligenza e fantasia possono essere scaltramente risolti dall imprenditore, il problema della struttura aziendale risulta peculiare e spesso irreversibile. Saper scegliere la giusta struttura aziendale significa saper prendere decisioni relative alla localizzazione, alla configurazione delle strutture di approvvigionamento, a quelle di risorse e sviluppo, ma anche quella produttiva e commerciale, nonché di tutte le questioni riguardanti l assetto organizzativo e i contatti con le altre aziende. Una volta analizzata, in questo modo, l idea imprenditoriale si può procedere e passare alla valutazione della sua validità. Questa può essere effettuata da un finanziatore, da un potenziale partner ma anche dall imprenditore stesso. Il soggetto designato dovrà passare in rassegna tutte le informazioni riguardanti le tendenze di sviluppo del mercato su cui si andrà a lavorare, il sistema prodotto e la capacità di gestire la complessa struttura aziendale. L esito dell analisi sarà il frutto di un giudizio complessivo dei tre ambiti elencati: solo se c è simbiosi tra le diverse sfere la valutazione potrà essere favorevole e si potrà procede alla redazione del business plan. 1.4 Il business plan Effettuata l analisi sulla fattibilità della business idea e consci che questa ha avuto esito positivo occorrerà poi realizzare un progetto ben articolato detto business plan. Spesso in questa operazione l imprenditore, non avendo le conoscenze necessarie relative a tutti i settori da prendere in considerazione si fa affiancare da persone qualificate e competenti 11

12 che si mettono a disposizione per dargli la giusta consulenza. L importanza di questo documento è da molti sottovalutata, andando a compromettere così la riuscita del progetto. Tra i motivi principali per redigere un business plan forse il più importante è che questo scritto aiuta nella realizzazione stessa dell impresa perché, in un certo senso obbliga a seguire un percorso predeterminato che consente di porsi tutta una serie di domande e quindi di chiarirsi le idee su molti aspetti che probabilmente non sarebbero stati presi in considerazione. 12 Il business plan è un analisi dettagliata che prende in esame tutte le aree di attività di un impresa, è una mappa che spiega che cos è e a che cosa va incontro la nascente attività. È il documento che in primis deve evidenziare la visione (che cosa si vuole essere) e la missione (ciò che si vorrà realizzare) dell impresa. Una sorta di bussola direzionale. Tra le altre valenze è uno strumento di verifica che permette la valutazione dei risultati che si sono ottenuti una volta trascorso un po di tempo e, uno strumento di comunicazione dell idea: tutte le imprese quando nascono necessitano di fondi o finanziamenti almeno per la fase di avvio, il piano di attività è il metodo più professionale per presentare l idea a potenziali finanziatori, a banche e agli istituti di credito. Affinché le informazioni trasmesse dal business plan siano efficaci devono essere chiare, credibili e comprensibili. Tutti gli aspetti devono essere strutturati in maniera organica e coerente, senza dimenticare nessuna delle informazioni necessarie. 13 Strutturalmente il business plan è formato da due parti: una descrittiva, concernente le informazioni sul tipo di impresa, sui soci, sulla iniziativa che si intende intraprendere, sull unità produttiva, sul ciclo produttivo, sul mercato di riferimento e sulle politiche di marketing; e una numerica che, con riferimento all impresa nel suo complesso sviluppi i prospetti relativi agli stati patrimoniali, ai conti economici ed ai flussi finanziari, per ciascuno degli esercizi ipotizzati. Nella realtà non esiste uno schema fisso da seguire per la stesura del piano, quello che segue è uno delle possibili tracce utilizzate. Ciò nonostante l elaborazione di un business plan in fase di start up generalmente presenta caratteristiche diverse ( ) perché in fase 12 FORMAPER (2003), Donne Creano Impresa, Milano, Sperling & Kupfer Editori 13 FORMAPER (2003), Donne Creano Impresa, Milano, Sperling & Kupfer Editori 12

13 iniziale la predisposizione del business plan di breve- medio- lungo periodo si concretizza in un operazione complessa proprio in considerazione del fatto che non esistono dati storici a supporto. 14 Analiticamente il business plan è cosi strutturato: a. Indice. Il business plan deve avere il suo indice come se si trattasse di un libro vero e proprio. Questo consente di condurre il lettore nei diversi punti di trattazione e di approfondimento. b. Executive summary. È l essenza del documento, è una sorta di anteprima che contiene gli argomenti che saranno poi analizzati in dettaglio nelle varie sezioni in cui è composto il documento. Affinché la sintesi sia efficace l executive summary dovrebbe essere scritto solo dopo aver completato il plan, poiché solo dopo che si ha una visione ampia e nitida su quello che si andrà a fare si potrà parlarne in modo eloquente ed esaustivo. c. Profilo organizzativo aziendale. È la sezione in cui si deve riportare la denominazione dell azienda, la sua sede legale, il settore di attività e la forma giuridica assunta. È necessario descrivere in breve la collocazione geografica degli stabilimenti produttivi, le sedi secondarie, le unità all estero e la tipologia di attività svolta. Per ciò che attiene invece ai promotori del progetto ne potranno essere illustrate le esperienze professionali e i ruoli rivestiti. d. Mercato e competitors. Qui si dovrà definire la domanda del prodotto o del servizio e le opportunità per l imprenditore di collocarsi su questo mercato. Sarà utile inserire un analisi sul mercato con uno sguardo al settore in generale, con la relativa sintesi dell andamento di mercato e la descrizione delle fonti della domanda e del modo in cui essa viene soddisfatta. Una volta fatto questo bisognerà individuare i segmenti o target definendone la natura e l importanza. Infine dovrà essere fatta un analisi della concorrenza considerando concorrenti attuali e potenziali, valutando di ognuno punti di forza e di debolezza. e. Prodotto e servizi. In questo paragrafo si farà il quadro dell intera offerta aziendale. Specificati i bisogni che si andranno a soddisfare verrà descritta la gamma dei prodotti offerti, senza entrare però in un livello di dettaglio troppo elevato, evitando quindi di scivolare nello specifico e nel tecnico. Le cose principali che devono essere indicate sono le 14 SIMONE M. (2004), Un piano per le start up, Milano, Largo Consumo, vol. 24,fasc. 7-8, pagg

14 caratteristiche fisiche dei prodotti/servizi, le possibilità d uso e di impiego, lo stato di sviluppo del prodotto e in che cosa prodotti e servizi si differenziano dalla concorrenza. f. Piano operativo. Si riferisce alle modalità con cui l azienda intende realizzare i propri prodotti e erogare i propri servizi. In questa sezione si parlerà dei problemi relativi all organizzazione del lavoro, del capitale, al modo in cui procurarsi le materie prime, ai comportamenti da adottare con i fornitori e alle tecniche di produzione da usare. Il piano operativo dovrà contenere spiegazioni riguardo a come si intende sviluppare il prodotto, a quale sarà l assistenza post-vendita, quali servizi verranno offerti al cliente nel momento successivo all acquisto e infine dovranno essere menzionati tutti quei fattori di influenza esterni con i relativi rischi e opportunità. g. Piani di marketing. Rappresenta la parte più ricca del business plan. Mostra l insieme delle scelte strategiche e delle azioni che l azienda ha intenzione di seguire per raggiungere gli obiettivi che si è prefissata. Solitamente le decisioni più importanti a riguardo sono quelle che concernono il marketing mix: prodotto, prezzo, distribuzione, promozione. h. Prospetti economico-finanziari. Si sostanzia nella redazione di bilanci previsionali, composti da conto economico, rendiconto finanziario e stato patrimoniale, riferiti ad un orizzonte temporale di durata variabile. È l ultimo aspetto da valutare e forse il più importante. Consiste nel quantificare i costi da sostenere per mandare avanti l azienda e prevedere, in base alle stime relative alle potenzialità del mercato su quanto potranno attestarsi i ricavi per riuscire così a prevedere se l impresa sarà in grado di produrre un utile e quanto sarà il suo ammontare. i. Allegati. Il documento di pianificazione può contenere alla fine una documentazione di supporto. Questa sarà utile al fine di rendere valide le informazioni contenute nel piano o ad aggiungerne ancora di più importanti. Gli allegati posso essere di vario tipo: articoli di giornale, ricerche o documenti relativi al settore, indagini di mercato trovate in internet o su giornali specializzati, e glossario. Ma quando si parla del connubio impresa start up e business plan emergono alcune problematiche alle quali si può andare incontro in sede di impostazione del piano, tra queste, quelle che richiedono un attenzione maggiore sono quelle inerenti la scelta 14

15 dell orizzonte prospettico da utilizzare e alla stima delle variabili economicopatrimoniali. 15 Per quel che concerne il primo punto, pur non esistendo uno standard di riferimento, in caso di start up si utilizza un orizzonte temporale di medio lungo periodo, che in genere si aggira sui 10 anni. Se si scegliesse un periodo più breve non si potrebbe dire nulla di certo riguardo l esito dell andamento degli investimenti iniziali. Per quanto riguarda il secondo punto, l obiettivo non è di ottenere e prevedere valori determinati con estrema esattezza ma si cerca di analizzare l andamento globale della struttura aziendale nel corso del tempo e di verificarne in particolare se, come e quando, l azienda sia nelle condizioni di reagire di fronti a determinati accadimenti che possano manifestarsi nel corso della gestione L acquisizione delle risorse finanziarie Uno dei problemi fondamentali che scoraggia i futuri imprenditori è sicuramente la necessità di trovare il denaro e i capitali necessari per sostenere e sviluppare il proprio business. Aziende, progetti, iniziative per nascere o per crescere hanno bisogno di investimenti. Due sono le opportunità che si presentano dinnanzi a questi soggetti: o fare ricorso al capitale di rischio o al capitale di debito. Il capitale di debito è quello che una banca eroga per il suo utilizzo, attraverso la concezione di un fido o di un affidamento di conto corrente al soggetto che ne ha fatto domanda. Per i neo o potenziali imprenditori reperire risorse finanziarie per realizzare i propri investimenti è particolarmente difficile, a causa del fatto che essi non si trovano a gestire aziende già consolidate sul mercato, ma bensì realtà che presentano semplicemente un idea, il loro know-how, e che operano per lo più legati alle nuove tecnologie. 17 Le banche sono per questo serie di motivazioni molto diffidenti nel dare loro il credito necessario, esigendo una serie di garanzie che questi soggetti ancora non hanno e non possono dare. Uno spiraglio lo si ha però nel settore del finanziamento alle imprese in fase 15 SIMONE M. (2004), Un piano per le start up, Milano, Largo Consumo, vol. 24, fasc. 7-8, pagg SIMONE M. (2004), Un piano per le start up, Milano, Largo Consumo, vol. 24, fasc. 7-8, pagg CECE E. (24 Marzo 2010), Venture Capital: finanziamenti per start up innovative, 15

16 di avvio che, se pur in un momento di crisi generale, è quello che sicuramente rallentando meno rispetto agli altri e quello su cui i giovani imprenditori stanno maggiormente optando. Business Angel, Venture Capitalists e Incubatori sono la speranza per le imprese al fine di reperire il capitale necessario per il loro sviluppo I Business Angels I Business Angels o meglio conosciuti come investitori informali sono manager, imprenditori, consulenti, ex titolari di impresa che apportano capitali propri, capacità imprenditoriali, esperienze manageriali e una fitta rete di relazioni per favorire l avvio di impresa. Sono soggetti che decidono di investire parte delle proprie risorse in business in cui vedono buone prospettive di successo da realizzare in un arco di tempo limitato Aiutano la start up prescelta in modo da guadagnare dalla vendita parziale o totale della stessa, non limitandosi a dare però solo un apporto monetario ma anche un servizio di consulenza e di sostegno. Due sono le caratteristiche principali emerse dall analisi di questi soggetti: la prima è che preferiscono investire o nella propria regione e nel territorio locale limitrofo, oppure direttamente all estero piuttosto che in altre regioni italiane; la seconda è che prediligono investire in imprese ad alto contenuto tecnologico (come elettronica, High-tech ed energie rinnovabili). Quello dei Business Angels è un settore che pur non essendo presente da molto tempo in Italia ha ormai superato la sua fase pionieristica. Infatti come dimostra il grafico l entità degli investimenti è decisamente aumentata. 16

17 Indagine IBAN sull ammontare degli investimenti seed e early stage in Italia dal 2000 al Le motivazioni che spingono gli angeli a soccorrere le start up sono svariate: dalle più economiche, come conseguire un elevato ritorno sul investimento o contribuire allo sviluppo economico della propria comunità e delle nuove generazioni di imprenditori, a quelle più personali come la sensazione di sentirsi ancora attivi. Sono soggetti che privilegiano il rapporto personale e fiduciario e mostrano un complesso di interessi che non sono solo quelli meramente economici. Spesso la loro attività è parte di una strategia, che non sempre vede il capital gain come prioritario. 19 Farsi affiancare dai Business Angels dà alle start up una serie di vantaggi che in assenza non avrebbero. Tra questi: - il rafforzamento patrimoniale; - il miglioramento dei rapporti con il sistema degli istituti di credito; 18 CENNAMO D. (12 maggio 2010), L Angel Investing italiano supera la fase pionieristica, 19 GIOLI G, MODER P. & DOLCI M. (2000), Internet start up: come si avvia un'impresa su Internet: l'idea, il business plan, la ricerca dei finanziatori, il management!, Milano, Apogeo 17

18 - l aumento delle credibilità degli imprenditori; - lo sviluppo di una rete di relazioni più ampia; - la possibilità di avere consulenza finanziaria e servizi strategici di marketing e contabili. I gruppi principali di Business Angels italiani sono due: l IBAN (Italian Business Angels Network) e l IAG (Italian Angels for Growth). Entrambi aderiscono all EBAN, il network europeo dei Business Angels. Il primo, l IBAN, è una associazione italiana che rappresenta gli investitori informali nel capitale di rischio. Si tratta di un ente no-profit che non svolge attività di tipo operativo. È strutturata in modo che ogni zona si organizzi in una B.A.N (rete locale) ossia una struttura che permette ai Business Angels di sviluppare i contatti, i rapporti e le conoscenze con gli imprenditori alla ricerca di denaro e di competenze di management. Il secondo gruppo, l IAG, nasce nel 2007 come associazione senza scopo di lucro frutto della collaborazione di nove soci fondatori. I valori dello IAG sono l internazionalità, il profitto, la compartecipazione, l imprenditorialità, l innovazione e il merito. È un associazione che ha l obiettivo di finanziare progetti ad alto contenuto di innovazione e di successo nella speranza che in un periodo di cinque anni i Business Angels possano ricevere un feedback, anche monetario positivo. Il presidente di questo gruppo, Francesco Marini Clarelli, è stato eletto a Varsavia a Maggio 2011, dall EBAN come the best Angel of the year. Dall indagine IBAN del emerge quella che è la figura tipo del Business Angels italiano (sempre più in linea con quello anglosassone). Si tratta di un soggetto maschile, con un età media sui 49 anni, residente nel Nord Italia, con un elevato titolo di studio e una notevole esperienza in campo imprenditoriale. Il Business Angels tipo ha un patrimonio liquido personale attorno a , se ha già fatto degli investimenti non intende fermarsi anzi ne farà degli altri, oltre ai soldi si concentra nell apporto di strategia aziendale e nei contatti, entrando attivamente nel management team dell impresa. È una persona alla ricerca dell autorealizzazione personale più che caratterizzata dalla sete di guadagno ed anche per questo non pone particolare attenzione agli aspetti fiscali del suo investimento. Infine è interessato soprattutto a settori quali l ICT, le biotecnologie ed il Med- Tech; prima 20 Sintesi Survey 2009, 18

19 di scegliere esamina in media 5 progetti e per quanto riguarda la durata dell investimento questa si aggira attorno ai 4 anni (anche se ultimamente la percentuale dei disinvestimenti dopo 2 o 3 anni è aumentata) I Venture Capitalists Fino agli anni 80, il Venture Capital era un apporto di capitale azionario da parte di soggetti specializzati, in una prospettiva temporale di medio-lungo termine realizzato nei confronti di aziende non quotate e con un elevato potenziale di sviluppo e di crescita in termini di nuovi prodotti, servizi e di nuove tecnologie. Il Venture Capitalist, a differenza delle altre tipologie di finanziatori, ha una partecipazione in genere temporanea, in quanto il suo obiettivo non è quello di assumere il controllo dell impresa ne tantomeno quello di una persona che mira ad aumentare le sue quote di partecipazione. Questo soggetto spera invece, con il suo aiuto finanziario e di conoscenze utile allo sviluppo dell impresa, di aumentarne il valore e in sede di dismissione di ottenere un consistente guadagno. Con il passare degli anni, le caratteristiche del Venture Capital sono cambiate differenziandosi sia per quanto riguarda il sistema imprenditoriale di riferimento sia a seconda del grado di evoluzione dei mercati. In ogni caso l obiettivo rimane l'acquisizione di partecipazioni significative in imprese, in ottica di medio lungo-termine, e il conseguente obiettivo di sviluppo finalizzato al raggiungimento di una plusvalenza sulla vendita delle azioni, ma la presenza delle ulteriori caratteristiche ha assunto connotati molto variabili. 21 Il capitale di rischio permette alle imprese che ne usufruiscono di avere un appoggio in più come sostenimento nella fase di avvio, ma può essere utilizzato anche per lo sviluppo di piani economici, di nuove strategie e di nuove acquisizioni finanziarie. Inoltre il supporto dell investitore può comprendere anche un consistente apporto di know-how manageriale che aiuta nella crescita aziendale esterna attraverso contratti, investimenti e collaborazioni. L intervento di un investitore in capitale di rischio si può inserire in una o più fasi del processo di sviluppo di un progetto. Due sono i tipi di operazioni: - early stage financing (o partecipazione allo stadio iniziale del progetto) 21 Il capitale di rischio, Venture capital & Private Equity, 19

20 - expansion financing ( o partecipazione allo sviluppo) Trattandosi di una start up quello su cui è importante soffermarsi è il primo stadio. L attività di investimento in early stage financing è suddivisa in tre tipologie di intervento: - Seed financing. È la fase di sperimentazione, dove l efficacia dell idea non è stata ancora dimostrata, e tanto meno la variabilità tecnica del prodotto/servizio. L imprenditore qui spesso è un singolo inventore, una famiglia o un gruppo di amici. Il rischio è ancora molto elevato e di conseguenza l apporto finanziario è abbastanza contenuto. - Start up financing. È la fase di avvio al progetto. Lo stadio in cui si finanzia l inizio dell attività produttiva oggetto dell idea di business. Qui si è già superata la fase di sperimentazione, il prodotto ha già un prototipo solitamente e la sua brevettazione e l ingegnerizzazione sono state concluse. Per quanto riguarda il ritorno commerciale invece, questo è ancora sospeso e rimane ancora da valutare. Sia l investimento che il tasso di rischio sono elevati. - First stage financing. È la fase in cui il progetto è già avviato ma sono da verificare i concreti risultati del progetto. Il tasso di rischio in questa fase comincia ad abbassarsi anche se l apporto finanziario è ancora elevato Gli incubatori Gli incubatori sono un altro metodo che le start up, in fase iniziale hanno per reperire il capitale di rischio. O meglio, questi, a differenza dei Venture Capitalists o dei Business Angel però non apportano capitali ma si occupano di dare l aiuto necessario ad un progetto di impresa affinché questo si realizzi. Sono delle società, delle divisioni aziendali che hanno una serie di competenze di finanza, di strategia, di marketing che si impegnano a seguire le giovani imprese fin dall inizio monitorando il loro progresso e aiutandole a sviluppare il loro business, lanciandole in qualche caso anche in Borsa. Il loro scopo principale dunque è di fornire alle nuove iniziative imprenditoriali tutto ciò che possa aiutarle a nascere e crescere, offrendo spazi fisici dove poter muovere i primi 20

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli