Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers Curricolo: 1MPA (maturità post afc) Anno: 1. anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers. 26.08.02. Curricolo: 1MPA (maturità post afc) Anno: 1. anno"

Transcript

1 Materia: Informatica Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers Curricolo: 1MPA (maturità post afc) Ore lezione settimanali: 1 Ore lezione annue: 36 Al termine del corso lo studente è in grado di: argomenti: La valutazione dello studente avviene nel modo seguente: 1. Ricapitolare e approfondire l uso di Excel. 2. Ricapitolare e approfondire l uso di PowerPoint. E effettuare presentazioni efficaci. 3. Approfondire alcune tematiche a scelta riguardo a Internet: sito, ricerca, rischi, database. Situazioni problema risolti principalmente con l uso di Excel; Presentazioni multimedia e video; Ricerche efficaci; consapevolezza dei rischi e come evitarli; prove scritte, almeno 2 per semestre applicazione e partecipazione attiva alle lezioni esecuzione puntuale dei lavori assegnati; eventuali lavori di ricerca e/o presentazioni degli allievi Livello di attitudine (tassonomia): 4 CPS: 1.12, 1.4, 1.14 CM: 2.1, 2.2, 2.5, 2.6, 2.8 Supporti didattici necessari: PC, dispense su carta e digitale. CPS : competenze personali e sociali Aggiornato da: POL Data: 26 agosto 2013 N:\iso\1Sistema Gestione Qualità\08. OBIETTIVI DI INSEGNAMENTO\OBIETTIVI D'INSEGNAMENTO \SMP 1 POST dal 13-14\ML 2-02 maturità post AFC informatica.docx

2 Modulo di lavoro Pagina 1 di 2 Materia: Contabilità Curricolo: MPOST Ore lezione settimanali: 4.0 Ore lezione annue: Al termine del corso lo studente è in grado di: 1. Conoscere e applicare la contabilizzazione (compresa la chiusura) di operazioni in valuta estera. 2. Conoscere e capire la necessità di effettuare le operazioni tipiche della chiusura. 3. Sviluppare i concetti relativi alle gestioni estranee. 4. Analizzare la struttura del capitale di una Società anonima e la politica di impiego del risultato. 5. Analizzare il conto annuale: Bilancio, Conto economico e Allegato e sviluppare i concetti di valutazione aziendale minima secondo il CO. 6. Elaborare la gestione di un magazzino e la contabilizzazione con il metodo dell inventario permanente. 7. Elaborare ed interpretare il Conto dei flussi di liquidità. 8. Sviluppare il concetto di analisi contabile. 9. Sviluppare il concetto di contabilità analitica. argomenti: Ripresa concetto di contabilità come strumento informativo. Valuta estera: tenuta del conto a 4 colonne con assestamento di chiusura. Le operazioni di chiusura: ripresa ratei e risconti, accantonamenti, correzione valore dei crediti, ammortamenti, tripartizione conto merci (compresa analisi merci: scorta media, indice di rotazione, permanenza media). Le gestioni estranee: ripresa operazioni correnti e di chiusura della gestione immobili e titoli, compravendita immobili, rendimento immobili e rendimento titoli. La chiusura dei conti e la ripartizione dell utile: esercizi completi (bilancio iniziale, giornale, mastro, bilancio finale) per società di persone e anonime. Ripetizione tabella impiego del risultato e relative registrazioni, utilizzo del conto Riserve legali da utili. Il conto annuale: presentazione dell allegato secondo il nuovo diritto contabile. I principi contabili e valutazioni secondo CO: approfondimento. La permanenza dell inventario: scheda di magazzino con i metodi LIFO, FIFO e PREZZO MEDIO, registrazioni in contabilità generale tenendo conto anche dell IVA. La valutazione dello studente avviene nel modo seguente: Attraverso 3 prove scritte per semestre. Viene applicata la scala di valutazione valida per gli esami di maturità. La sufficienza viene raggiunta con il 55% dei punti totali.

3 Modulo di lavoro Pagina 2 di 2 Livello di attitudine (tassonomia): 3 CPS: 1.9, 1.12, 1.13 CM: 2.1, 2.2 Il conto dei flussi di liquidità: il concetto di cash flow (calcolo con metodo diretto e indiretto), il conto dei flussi di liquidità (fondo mezzi liquidi) suddiviso in cash flow operativo, cash flow da investimenti e cash flow de finanziamenti. Analisi contabili: bilancio e conto economico strutturati, calcolo e interpretazione dei principali indici di solidità, liquidità e redditività. Contabilità analitica: conto economico per prodotto, analisi costo-volume-profitto. Supporti didattici necessari: calcolatrice Documentazione: Manuale Contabilità per competenze e dispense CPS: competenze personali e sociali Aggiornato da: MAL Data: settembre 2013

4 Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers Materia: Diritto Curricolo: MPost dal Ore lezione settimanali: 2.0 Ore lezione annue: 73 Al termine del corso lo studente è in grado di: 1. Distinguere il concetto di società scaturito da vicende socio economiche quale fondamentale astrazione giuridica. 2. Conoscere e comprendere la nozione di contratto e le principali norme giuridiche applicandole nel contratto di compravendita, locazione e/o lavoro. 3. Conoscere le forme giuridiche delle società e sapersi orientare nella scelta del modello ideale da utilizzare nel BP. 4. Conoscere e saper utilizzare gli strumenti previsti dalla Legge federale sull esecuzione e il fallimento. Livello di attitudine (tassonomia): 3 CPS: 1.4, 1.9, 1.12, 1.13 CM: 2.1, 2.2, 2.5, 2.6 argomenti: - Il legame tra società e di diritto (esempi tratti da vicende dell attualità). - Parte speciale del Codice delle obbligazioni: analisi contratto di compravendita, differenza contratto di leasing; contratto di locazione e/o di lavoro individuale, legge protezione dati. - Il registro di commercio e le forme giuridiche delle aziende: società di persone e società di capitali; vantaggi e svantaggi delle varie forme; approfondimento struttura SA. - La legge esecuzione e fallimenti: procedura introduttiva, esecuzione in via di pignoramento, di realizzazione di pegno e di fallimento. - Elaborazione BP (2 semestre) Supporti didattici necessari: articoli di giornale, casi pratici, libro, dispense, estratti RC, formulari UEF, CCS, CO La valutazione dello studente avviene nel modo seguente: prove scritte o orali, almeno 2 per semestre applicazione e partecipazione alle lezioni esecuzione puntuale dei compiti lavoro di ricerca e presentazione degli allievi CPS: competenze personali e sociali Aggiornato da: COY - PUM Data:

5 Modulo di lavoro Pagina 1 di 2 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers Materia: Economia aziendale Curricolo: MPost dal Ore lezione settimanali: 2.0 Ore lezione annue: 73.0 Al termine del corso l apprendista è in grado di: argomenti: La valutazione dell apprendista avviene nel modo seguente: 1. Essere in grado sviluppare strategie efficaci utilizzando il marketing mix, grazie all analisi di casi di marketing riguardanti prodotti o servizi che si conosce bene. Marketing Mix (analisi approfondita delle 4P: prodotto: qualità, proprietà, utilità, presentazione, servizio, - prezzo: concorrenza, potere d acquisto del consumatore, fattori psicologici, sconti, - politica distributiva: vedi obiettivo pubblicità/promozione: canale pubblicitario, obiettivi della pubblicità (AIDA), costo, effetto pubblicitario prove scritte, almeno 2 per semestre applicazione e partecipazione attiva alle lezioni esecuzione puntuale di eventuali compiti eventuali lavori di ricerca e/o presentazioni degli allievi 2. Essere in grado di descrivere il sistema delle assicurazioni sociali e valutarne le conseguenze per un azienda 3. Essere in grado di individuare e intraprendere le tappe necessarie e gli elementi costitutivi di un bilancio e un conto economico previsionale Le assicurazioni: ripresa del concetto di assicurazione con particolare riferimento alle assicurazioni sociali quale strumento di politica del personale Le principali assicurazioni obbligatorie e facoltative di un azienda Elaborazione di un conto economico e un bilancio previsionale da applicare a una azienda scelta CPS : competenze personali e sociali

6 Modulo di lavoro Pagina 2 di 2 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers Spiegare il contenuto e lo scopo di un businessplan. Il businessplan (il concetto di businessplan). Elaborare il proprio business plan Livello di attitudine (tassonomia): 2,5 CPS: 1.4,1.5,1.6,1.10,1.11,1.13, 1.16 CM: 2.1,2.2,2.4,2.6,2.7,2.11,2.12 Supporti didattici necessari: dispense Aggiornato da: GAF Data: dicembre 2013

7 Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 Materia: Economia politica Curricolo: MPost dal Ore lezione settimanali: 2.0 Ore lezione annue: 73 Al termine del corso lo studente è in grado di: argomenti: La valutazione dello studente avviene nel modo seguente: 1. Capire le problematiche della scienza economica. Comprendere le relazioni tra i diversi soggetti economici. Conoscere ed analizzare gli obiettivi e gli strumenti di politica economica. Sapere utilizzare le conoscenze acquisite per spiegare avvenime nti di attualità complessi. 2. Spiegare il contenuto e lo scopo di un businessplan. Elaborare il proprio business plan Descrizione de i processi macroeconomici di base: ruolo dello Stato e politiche economiche, e le attività relazionali ad essi connesse. Interpretazione di dati statistici. Analisi di avvenimenti di natura economico-politica, o temi di attualità: la povertà in svizzera, gli accordi bilaterali. Il businessplan (il concetto di businessplan). prove scritte, almeno 2 per semestre applicazione e partecipazione attiva alle lezioni esecuzione puntuale di eventuali compiti eventuali lavori di ricerca e/o presentazioni degli allievi CPS: competenze personali e sociali Livello di attitudine (tassonomia): 3 CPS: 1.9, 1.12, 1.13 CM: 2.1, 2.2 Supporti didattici necessari: dispense Aggiornato da: MOD,GAF Data: dicembre 2013

8 Materia: Geoeconomia Curricolo: SMC MPost Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers Ore lezione settimanali: 2 Ore lezione annue: 67 Al termine del corso l apprendista è in grado di: argomenti: La valutazione dell apprendista avviene nel modo seguente: 1. Riconoscere le interazioni fra le risorse naturali e lo sviluppo economico; 2. Dimostrare comprensione per le altre culture e società; 3. Riconoscere le interdipendenze fra i Paesi Industrializzati, i Paesi Emergenti e i Paesi in Via di Sviluppo 4. Riconoscere l importanza della globalizzazione nei vari campi (economico, sociale) 5. Riconoscere le interazioni fra la protezione ambientale, lo sviluppo economico e la solidarietà sociale Livello di attitudine (tassonomia): 2-5 CPS: 1.6, 1.9, 1.12, 1.13 CM: 2.1, 2.2, 2.5 Settori economici: potere di acquisto, geografia della produzione e peso dei tre settori, l agricoltura e i principali prodotti agricoli, l industria e i principali prodotti minerari, il terziario e il commercio; Globalizzazione: la suddivisione geoeconomica del mondo, i principali rapporti economico-commerciali fra i Paesi Industrializzati e i Paesi in Via di Sviluppo, motori e storia della globalizzazione, fenomeni e prodotti globali, opportunità e rischi della globalizzazione; Approfondimento: ricerca su un tema di attualità (per es. inerente lo sviluppo sostenibile, i problemi ambientali, i problemi dei Paesi in Via di Sviluppo, il turismo ) Supporti didattici necessari: dispense prove scritte incluse anche le attività situazioni-problema : 2 nel primo semestre; lavoro di ricerca a gruppi con consegna di un documento ed ev. presentazione orale davanti alla classe: uno nel secondo semestre applicazione e partecipazione attiva alle lezioni; esecuzione puntuale dei compiti; tassonomia, CPS, CM): CPS: competenze personali e sociali Aggiornato da: AGU Data: ottobre 2013

9 Modulo di lavoro Pagina 1 di 2 Materia: Inglese Curricolo: MPost dal Ore lezione settimanali: 5.0 Ore lezione annue: Al termine del corso lo studente è in grado di: temi: Competenza Ascoltare : Revisione dei principali temi trattati: saper comprendere informazioni globali di TV, radio, media Lavoro e azienda concernenti temi economici, culturali e scientifici; Situazioni quotidiane capire la maggior parte di un film a condizione che si parli la lingua standard; Temi di attualità capire messaggi da segreterie telefoniche, annunci vari Temi a partire da testi proposti dal docente che riguardano la vita professionale e non; capire le istruzioni e descrizioni di procedimenti; Business English: seguire e comprendere i punti salienti di riunioni e telefono, , memos, formulari, annunci vari, conferenze; accordi, seguire e comprendere i punti essenziali di corsi di formazione. consolidamento delle nozioni di corrispondenza Competenza Leggere : commerciale di base (offerta, richiesta d offerta, ordinazione, reclamo, pagamento, sollecito di capire i punti essenziali di testi semplici di vario genere (promemoria, prenotazioni, telefonate, offerte, reclami, pagamento, inviti, scuse,...) con i mezzi ausiliari; capire testi economici, professionali, culturali e scientifici a Durante il corso vengono trattati le seguenti strutture seconda del livello linguistico richiesto; grammaticali: capire testi scientifici come verbali e rapporti, prospetti, annunci, articoli di giornale; Revisione generale dei principali temi trattati profillo E capire un testo contemporaneo in prosa. Competenza Parlare : Revisione dei principali tempi verbali, Present saper prendere accordi, lasciare messaggi, condurre una conversazione telefonica, scrivere brevi mail, promemoria Perfect Continuous,Past Perfect Simple e compilare formulari; Ripresa e approfondimento verbi modali saper reagire in maniera adeguata; Passivo (revisione) saper fare una presentazione orale argomentativa in modo logico, coerente e coeso; Condizionali: revisione del condizionale 0,1,2; saper parlare delle proprie attività; condizionale 3; unless, in case, provided, saper discutere, esprimere e sostenere la propria opinione Revisione di Reported speech & Indirect questions La valutazione dell apprendista avviene nel modo seguente: Prove scritte: almeno 3 per semestre, che verifichino le competenze di ascolto, lettura e scrittura; saranno verificate anche le conoscenze grammatica e di vocabolario. Prove orali: una presentazione orale a semestre (almeno una individuale) rispettando le consegne e scadenze previste. Applicazione e partecipazione attiva alle lezioni e atteggiamento consono all apprendimento in una scuola professionale. Esecuzione puntuale dei compiti. tassonomia, CPS, CM) : CPS : competenze personali e sociali

10 Modulo di lavoro Pagina 2 di 2 in modo elaborato su temi che riguardano la sfera professionale, economica, scientifica e culturale; saper riferire oralmente da una lingua all altra le informazioni più importanti di testi vari e grafici in ambito professionale e non; saper riferire da una lingua all altra le informazioni più importanti emerse da un colloquio o da un testo scritto. Competenza Scrivere : saper riferire per iscritto da una lingua all altra le informazioni più importanti di testi vari e grafici in ambito professionale e non; saper riferire per iscritto da una lingua all altra le informazioni più importanti emerse da un colloquio; sapere scrivere semplici annotazioni di telefonate, mail, fax, promemoria, richieste, lettere commerciali e non. In generale: disporre di un vocabolario di base e specifico per eseguire i compiti; disporre di strutture grammaticali per eseguire i compiti; sapere utilizzare il dizionario mono/bilingue e internet; sapere applicare le strategie di lettura; sapere cercare sinonimi e opposti; sapere porre le domande correttamente per verificare la comprensione del messaggio; sapere reagire con termini appropriati quando non si capisce; sapere riformulare, con perifrasi, i concetti e le parole che non si conoscono; saper migliorare e/o correggere i propri testi anche con mezzi ausiliari. Livello di attitudine (tassonomia): 5 CPS: 1.1,1.3,1.5,1.6,1.8,1.9,1.12,1.13,1.14 CM: 2.1,2.2,2.3,2.5,2.7,2.9,2.12 Per le lingue, livello del PEL: B2 Linking words Verb patterns (to/-ing) Phrasal verbs Supporti didattici necessari: Business English booklet, dispense, materiali autentici e/o adattati, quaderno grammatica e vocaboli, internet, dizionario bilingue ev. monolingue Aggiornato da: PAC Data: settembre 2013

11 Materia: Italiano Curricolo: Mpost dal Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers Ore lezione settimanali: 5.0 Ore lezione annue: Al termine del corso l apprendista è in grado di: 1. conoscere la storia della lingua e della letteratura italiana; 2. conoscere e capire alcuni tipi di testo con le rispettive caratteristiche, le tecniche fondamentali di redazione, le basi dell espressione; 3. analizzare i vari tipi di testo trattati; 4. impostare un testo (orale o scritto) secondo una struttura logica; 5. saper collegare tra loro testi appartenenti a tipologie diverse attraverso un lavoro di analisi e di sintesi; 6. saper valutare le proprie soluzioni per diverse situazioni comunicative. Livello di attitudine (tassonomia): 6 CPS: 1.1, 1.4, 1.5, 1.6, 1.7, 1.12, 1.13, 1.14, 1.15 CM: 2.1, 2.2, 2.5, 2.6, 2.8, 2.11 argomenti: storia della lingua e della letteratura italiana dalle Origini ai nostri giorni; lettura, analisi, produzione scritta e orale di testi di varie tipologie - pragmatici e letterari (poesia, prosa, teatro); esercizi linguistici (comprensione e redazione); morfosintassi; presentazione orale: comunicazione efficace mediata da supporto informatico; comunicazione e media: tecniche e strategie. Supporti didattici necessari: Documentazione fornita dal docente Ev. vocabolario personale, La valutazione dell apprendista avviene nel modo seguente: prove scritte, almeno tre per semestre: produzione di testi, comprensione di testi e controllo delle conoscenze; applicazione e partecipazione attiva alle lezioni; esecuzione puntuale dei compiti e relativi controlli; eventuali lavori di ricerca e/o presentazioni orali e/o scritte degli allievi. Legenda delle competenze (IL 2-01 CPS : competenze personali e sociali Aggiornato da: MAD Data:

12 Modulo di lavoro Pagina 1 di 2 Materia: Matematica Curricolo: MPost dal Ore lezione settimanali: 5 Ore lezione annue: Al termine del corso lo studente è in grado di: 1. conoscere, capire e applicare le regole del calcolo numerico alla risoluzione di espressioni 2. conoscere, capire e applicare le regole del calcolo algebrico alla semplificazione di espressioni algebriche 3. conoscere capire e applicare i procedimenti risolutivi ai vari tipi di equazioni 4. conoscere, capire e applicare le teorie della matematica finanziaria analizzare ed elaborare delle soluzioni per i problemi mediante le equazioni, le funzioni e le conoscenze di matematica finanziaria 5. conoscere capire e applicare i procedimenti risolutivi ai vari tipi di disequazioni 6. conoscere, capire e applicare le teorie della matematica finanziaria 7. conoscere e interpretare i grafici di funzione e applicare i metodi appresi 8. analizzare ed elaborare delle soluzioni per i problemi mediante le funzioni e le argomenti: Calcolo numerico: espressioni numeriche, potenze con esponente intero e loro proprietà, notazione scientifica. Calcolo algebrico: operazioni tra polinomi, prodotti notevoli, scomposizione di un polinomio in fattori, semplificazione di espressioni con le frazioni algebriche. Equazioni: di primo grado, di secondo grado, fratte, sistemi di equazioni fino 2x2, messa in equazione di problemi. Funzioni: definizione, le funzioni lineare, e affine, funzione inversa, risoluzione grafica di problemi, la parabola, intersezione retta-retta, intersezione retta-parabola. Matematica finanziaria: calcolo percentuale, capitalizzazione semplice, capitalizzazione composta, tassi equivalenti, rendite anticipate e posticipate e valore attuale. Disequazioni: di primo grado, sistemi di La valutazione dello studente avviene nel modo seguente: prove scritte, almeno 2 per semestre applicazione e partecipazione attiva alle lezioni esecuzione puntuale dei compiti eventuali lavori di ricerca e/o presentazioni degli allievi CPS : competenze personali e sociali

13 Modulo di lavoro Pagina 2 di 2 conoscenze di matematica finanziaria 9. conoscere i grafici delle funzioni esponenziali e logaritmo 10. conoscere, capire e applicare le regole di calcolo per risolvere le equazioni esponenziali e logaritmiche 11. conoscere capire e applicare le formule delle progressioni 12. conoscere capire e applicare le formule del montante delle rendite anticipate e posticipate; come pure del valore attuale disequazioni di primo grado ad una e due incognite. Programmazione lineare: problemi di ottimizzazione. La funzione esponenziale e logaritmo: definizione e rappresentazione grafica, regole di calcolo, equazioni esponenziali e logaritmiche, applicazione alla risoluzione di problemi di matematica finanziaria. Progressioni aritmetiche e geometriche 13. analizzare e capire i problemi e applicare le tecniche di calcolo per la risoluzione Livello di attitudine (tassonomia): 3 CPS: 1.9, 1.12, 1.13 CM: 2.1, 2.2 Supporti didattici necessari: manuale, dispense Aggiornato da: CAR Data: 26 settembre 2013

14 Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 Materia: Storia della cultura e delle arti Curricolo: MPost dal Materia complementare: ore lezione sett. 2.0 / annue 73 Al termine del corso lo studente è in grado di: argomenti: La valutazione dello studente avviene nel modo seguente: 1. Comprendere i molteplici significati sottesi al concetto di arte. 2. Analizzare opere d arte tenendo conto del contesto storico, stilistico e culturale. 3. Conoscere e descrivere le caratteristiche stilistiche proprie dei periodi esaminati 4. Riconoscere le modalità di esecuzione delle opere esaminate 5. Esaminare direttamente le specificità di opere d arte della regione. Che cos è l arte? Introduzione al concetto di arte e alle sue tipologie (pittura, scultura, architettura, ev. altre forme). Osservare e valutare l aggetto artistico: principi fondamentali di analisi dell opera d arte. Introduzione ad alcuni periodi della storia dell arte, a partire dall arte medioevale. Le tecniche artistiche e la terminologia tecnica: mosaico, affresco, vetrate, miniature, ecc. Visite a monumenti artistici della regione prove scritte, almeno 2 per semestre applicazione e partecipazione attiva alle lezioni eventuali lavori di ricerca e/o presentazioni degli allievi eventuale valutazione delle prestazioni nei lavori di gruppo CPS: competenze personali e sociali Livello di attitudine (tassonomia): 3 CPS: 1.9, 1.12, 1.13 CM: 2.1, 2.2 Supporti didattici necessari: dispense, monografie artistiche Aggiornato da: MOR Data: settembre 2013

15 Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 Materia: Storia e civica Curricolo: MPost dal Ore lezione settimanali: 3 Ore lezione annue: Al termine del corso lo studente è in grado di: 1. Conoscere le caratteristiche dei fenomeni principali della seconda metà del XX secolo 2. Saper trasferire e applicare alla realtà odierna quanto appreso 3. Capire e analizzare documenti storici, articoli e testi di varia natura, corredandone, sintetizzandone e valutandone i contenuti. 4. Comprendere e analizzare temi di interesse politico-sociale, sviluppare criteri di valutazione e proporre la propria opinione in modo corretto. 5. Selezionare in modo efficace e critico le fonti di informazioni per elaborare una ricerca. Livello di attitudine (tassonomia): 6 CPS: 1.4, 1.7, 1.9, 1.12, 1.13, 1.16 CM: 2.1, 2.5, 2.8 Durante il corso vengono trattati i seguenti argomenti: L evoluzione degli equilibri internazionali dopo il 1945: dalla Guerra fredda al crollo dei regimi comunisti; la decolonizzazione; la società del miracolo economico : boom demografico, movimento studentesco e femminista (anni 60-70); diritti civili ecc. Istituzioni politiche e fatti di attualità a livello nazionale e internazionale Realizzazione di una ricerca con presentazione orale su un tema legato al programma previsto. Supporti didattici necessari: dispense fornite dai docenti La valutazione dello studente avviene nel modo seguente: attraverso prove scritte (4, di cui 2 nel primo semestre) e una presentazione orale (preparata in gruppo ma valutata individualmente); in base all impegno e all interesse dimostrati, alla partecipazione attiva alle lezioni e al rispetto delle scadenze. CPS: competenze personali e sociali Aggiornato dal gruppo di materia Data: 4 settembre 2014

16 Modulo di lavoro Pagina 1 di 1 Materia: Storia e civica Curricolo: MPost dal Ore lezione settimanali: 3 Ore lezione annue: Al termine del corso lo studente è in grado di: 1. Conoscere le caratteristiche dei fenomeni principali della seconda metà del XX secolo 2. Saper trasferire e applicare alla realtà odierna quanto appreso 3. Capire e analizzare documenti storici, articoli e testi di varia natura, corredandone, sintetizzandone e valutandone i contenuti. 4. Comprendere e analizzare temi di interesse politico-sociale, sviluppare criteri di valutazione e proporre la propria opinione in modo corretto. 5. Selezionare in modo efficace e critico le fonti di informazioni per elaborare una ricerca. Livello di attitudine (tassonomia): 6 CPS: 1.4, 1.7, 1.9, 1.12, 1.13, 1.16 CM: 2.1, 2.5, 2.8 Durante il corso vengono trattati i seguenti argomenti: L evoluzione degli equilibri internazionali dopo il 1945: dalla Guerra fredda al crollo dei regimi comunisti; la decolonizzazione; la società del miracolo economico : boom demografico, movimento studentesco e femminista (anni 60-70); diritti civili ecc. Istituzioni politiche e fatti di attualità a livello nazionale e internazionale. Realizzazione di una breve ricerca individuale su un tema legato al programma previsto. Supporti didattici necessari: dispense fornite dai docenti La valutazione dello studente avviene nel modo seguente: attraverso prove scritte: almeno 2 durante il primo semestre; 1 prova scritta e la ricerca individuale durante il secondo semestre; in base all impegno e all interesse dimostrati, alla partecipazione attiva alle lezioni e al rispetto delle scadenze. CPS: competenze personali e sociali Aggiornato dal gruppo di materia Data: 18 settembre 2013

17 Modulo di lavoro Pagina 1 di 2 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers Materia: Tedesco Curricolo: Mpost dal Ore lezione settimanali: 5.0 Ore lezione annue: Al termine del corso l apprendista è in grado di: conoscere, comprendere e applicare le regole della grammatica trattata nel secondo anno. capire comunicazioni e conversazioni quotidiane nella lingua standard. capire testi e articoli su problemi di attualità e afferrarne i punti di vista. sviluppare per iscritto lettere o temi esprimendo il proprio punto di vista su temi di attualità o di interesse personale e generale. argomenti : società moderna i media usi e costumi mondo del consumo la pubblicità la salute economia e mondo del lavoro La valutazione dell apprendista avviene nel modo seguente: attraverso almeno 4 prove scritte per semestre; le prove valutano le tre competenze linguistiche: leggere ascoltare e scrivere nel primo e nel secondo semestre è richiesta una presentazione orale (in gruppo o individuale) su un argomento di attualità, con lucidi e altri mezzi adeguati in base alla partecipazione attiva in classe, all impegno dimostrato esprimere oralmente situazioni preparate, imposte e come pure improvvisate le varie dipendenze mobilità e ambiente verifica e consegna puntuale dei compiti assegnati in classe Strutture grammaticali: Konjunktiv II passato passivo comparativo e superlativo relativo desinenze degli aggettivi formazione delle parole frasi subordinate temporali e finali CPS : competenze personali e sociali Temi professionali: interpretare statistiche ML 2-02 MPost tedesco dal 13-14

18 Modulo di lavoro Pagina 2 di 2 ML 2-02 Obiettivi d insegnamento Vers redigere il proprio curriculum vitae mediazione linguistica risolvere problemi nell ambito professionale corrispondenza commerciale e comunicazione scritta: lettere e , annotazioni, messaggi, memo Livello di attitudine (tassonomia): 3 CPS: 1.9, 1.12, 1.13 CM: 2.1, 2.2 Per le lingue, livello del PEL: B2 Supporti didattici necessari: manuale Begegnungen B1, Angebot Deutsch,materiale autentico(articoli di giornali e video), dizionario, schede per la preparazione all esame orale Aggiornato dal gruppo di tedesco Data: ML 2-02 MPost tedesco dal 13-14

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa Concorso per l assunzione di un/a direttore/direttrice scolastico/a con un grado di occupazione al 100% per le scuole elementari e dell infanzia dall anno scolastico 2015-2016 Il Municipio di Novaggio

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli