Guida all utilizzo del software HEC-RAS.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida all utilizzo del software HEC-RAS. http://www.hec.usace.army.mil/software/software_distrib/hec-ras/hecrasprogram.html"

Transcript

1 Guida all utilizzo del software HEC-RAS

2 WORKING WITH HEC-RAS HEC-RAS è un software che consente il calcolo del profilo del pelo libero nel caso di moto stazionario (STEADY FLOW) e non stazionario (UNSTEADY FLOW). Il modello di calcolo viene applicato ad un PROJECT, costituito da tutto l insieme di dati che caratterizzano un sistema idrografico. I dati che compongono un project vengono suddivisi come segue: PLAN DATA: composto da uno specifico gruppo di geometric e flow data; GEOMETRIC DATA STEADY FLOW DATA UNSTEADY FLOW DATA NOTA: prima di iniziare il project occorre definire il Sistema di Misura SI o US.

3 EDIT Geometric Data Steady Flow Data Unsteady Flow Data Struttura dei Menu a Tendina OPTIONS Program Setup Default Parameters Unit System Convert Project HELP Contents Using HEC-RAS Help About HEC-RAS FILE New Project Open Project Save Project Save Project As Rename Project Delete project Project Summary RUN Steady Flow Analysis Unsteady Flow Analysis Hydraulic Design Functions VIEW Cross Sections Water Surface Profiles General Profile Plot Rating Curves X-Y-Z Perspective Plots Stage and Flow Hydrographs Hydraulic Property Plots

4 GEOMETRIC DATA I dati geometrici comprendono tutto l insieme delle informazioni atte a caratterizzare il corso d acqua (River System Schematic): sezioni topografiche ed opere in alveo (ponti, tombinature, brigl1e, traverse, etc.). Quando si inizia un nuovo progetto la finestra appare bianca. I passi da seguire sono: 1) cliccare RIVER REACH e disegnare il tratto di corso d acqua da monte verso valle; 2) inserire le sezioni cliccando il pulsante CROSS SECTION; 3) inserire i dati geometrici relativi alle opere presenti (BRDG/CULV, INLINE WEIR/SPILL, LATERAL WEIR/SPILL); 1 2 3

5 RIVER, REACH, RIVER STA individuano l ubicazione della sezione all interno del reticolo idrografico. Il valore numerico del River Sta è necessario per inserire le sezioni nel corretto ordine all interno del tratto. Il valore più alto corrisponde alla sezione più a monte, mentre quello più basso a quella più a valle. Per inserire una nuova sezione: 1) dal menu premere OPTIONS e scegliere ADD A NEW CROSS SECTION; 2) dare un numero alla nuova sezione per inserirla in modo corretto fra le altre presenti; CROSS SECTION

6 CREAZIONE DI UNA NUOVA CROSS SECTION Tutti i campi evidenziati nella finestra CROSS SECTION DATA devono essere compilati. Per inserire in memoria i nuovi dati deve essere cliccato il tasto APPLY DATA 1) coordinate X-Y della sezione, inserite procedendo da sinistra verso destra guardando valle (le X rappresentano una distanza progressiva); 2) distanza dalla sezione di valle; 3) valori del coeff. di resistenza n di Manning; 4) il primo campo corrisponde al valore della X in cui termina la golena sinistra (LOB), mentre il secondo a quello dove inizia la golena destra (ROB); 5) valori di default del coeff. di contrazione ed espanzione della sezione;

7 Prima di procedere ad inserire una nuova sez. è consigliabile controllare la correttezza di quella inserita visualizzandola graficamente, con il comando PLOT CROSS SECTION PLOT CROSS SECTION

8 OPZIONTIONS CROSS SECTION Premendo sul menu OPTIONS è possibile: 1) aggiungere, copiare, rinominare o cancellare una sezione; 2) aggiustare la quota Y, le distanze X o il coeff. di Manning; oppure ruotare la sezione (le sezioni sono rilevate ortogonalmente alle linee di corrente, questo può non essere vero nel caso dei ponti); 3) introdurre zone inattive ai fini del deflusso; inserire argini o ostruzioni; aggiungere una copertura; inserire una scala di deflusso nota; 4) modificare il valore del coeff. di resistenza lungo la sezione trasversale o la direzione verticale;

9 NORMAL INEFFECTIVE FLOW AREAS Rappresentano aree della sezione non attive ai fini del deflusso, dove la corrente ristagna (la velocità nella direzione della corrente è nulla o prossima a zero). Quando l altezza d acqua oltrepassa l altezza limite, quella specifica area non viene più considerata inattiva al deflusso. ineffective flow areas

10 MULTIPLE BLOCKED INEFFECTIVE FLOW AREAS Oltre alle normal ineffective flow areas è possibile inserire una o più BLOCKED INEFFECTIVE FLOW AREAS, che necessitano dell altezza e delle coordinate di inizio e di fine. Anche in questo caso la blocked area diviene attiva se l altezza d acqua la sormonta.

11 LEVEES Questa opzione consente di inserire un argine in un qualsiasi punto della sezione. In questo modo il flusso d acqua non può andare ad occupare la parte d alveo oltre l argine fintantoché il suo livello si mantiene inferiore alla quota massima dell argine stesso.

12 BLOCKED OBSTRUCTIONS Questa opzione consente di definire aree nella sezione inattive ai fini del deflusso in modo permanente. L effetto risultante è quello di diminuire la sezione liquida ed aumentare il perimetro bagnato. E possibile inserire normal o multiple blocked obstructions. ineffective flow areas

13 HORIZONTAL VARIATIONS IN n VALUES Con questa opzione è possibile inserire più di tre valori del coeff. di resistenza, al limite è possibile dare un valore di resistenza diverso a ciscun tratto della sezione.

14 VERTICAL VARIATIONS IN n VALUES Questa opzione consente di far variare il valore del coeff. di resistenza di Manning, oltre che orizzontalmente, anche lungo la verticale in funzione dell altezza d acqua o della portata liquida defluente.

15 BRIDGES AND CULVERTS Dopo aver completato l inserimento di tutte le sezioni, è possibile aggiungere i dati geometrici relativi a ponti e tombinature. HEC-RAS valuta le perdite di energia causate da queste strutture in 3 parti: 1) dovuta all espansione del flusso che si verifica immediatamente a valle; 2) dovuta alla opera stessa e 3) dovuta alla contrazione del flusso che si verifica immediatamente a monte. Per questo motivo devono essere definite 4 sez. per la modellazione L c deve essere tale che le linee di flusso siano approssimativamente parallele. Le sezioni 2 e 3 si trovano rispettivamente al piede di valle e di monte della struttura. In entrambe devono essere inserite le ineffective flow areas. L e deve essere tale che il flusso nella sez. 1 non risenta più della struttura,

16 Le & Lc L e viene calcolato come il prodotto tra il rapporto di espansione e la lunghezza media di ostruzione (media tra le distanze AB e CD). Nella tabella sottostante vengono forniti i campi di variazione del rapporto di espansione in funzione di vari valori del rapporto di restringimento della sezione (b/b) e del rapporto tra la scabrezza delle golene e quella dell alveo attivo (n ob /n c ). Per ciascun intervallo il valore estremo è associato al valore di portata più grande. Comunque il valore assunto da L e non deve troppo grande da rendere le perdite per espansione non modellizzabili correttamente. Generalmente viene consigliato di prendere Lc pari alla lunghezza media di ostruzione delle spalle del ponte.

17 INSERIMENTO DATI GEOMETRICI DI UN PONTE Per poter inserire i dati occorre cliccare sul pulsante BRDG/CULV e seguire la procedura qui riportata: 1) scegliere il corso d acqua ed il tratto dove inserire il ponte; 2) da options scegliere ADD A BRIDGE AND/OR CULVERT; 3) fornire un numero alla nuova sezione per inserire la struttura in modo corretto fra due sez. già presenti, che devono corrispondere rispettivamente alle sez. al piede di monte e di valle; 4) inserire tutti i dati richiesti in: a) Bridge deck; b) Pier; c) Sloping abutment; d) Bridge modelling approach;

18 Viene utilizzato per inserire la porzione di sezione occupata dal ponte. Distance: distanza tra il piede di monte del ponte e la sezione immediatamente a monte dello stesso; Width: larghezza del ponte lungo la direzione della corrente; Weir Coef: coef. utilizzato per il calcolo del flusso stramazzante sopra il ponte; Upstream/downstream station, high chord, low chord: fornisce rispettivamente la geometria di monte e di valle del ponte. Ad ogni valore della coordinata X deve corrispondere un valore dell estradosso e dell intradosso del ponte; BRIDGE DECK

19 BRIDGE PIERS Viene utilizzato per inserire una qualsiasi pila presente nella luce del ponte. Ogni pila deve essere inserita a parte per poter valutare in modo corretto l ammontare della perdita di energia ad essa dovuto.

20 Per inserire una spalla inclinata SLOPING BRIDGE ABUTMENTS

21 BRIDGE MODELLING APPROACH Premendo il pulsante BRIDGE MODELLING APPROCH si apre la seguente finestra, in cui è possibile scegliere gli strumenti di analisi per la modellazione del ponte nel caso rispettivamente di low flow e di high flow. LOW FLOW METHODS 1) Energy; 2) Momentum (si deve inserire Cd e K); 3) Yarnell; Se si utilizzano più metodi occorre specificare al programma di utilizzare quello che fornisce il valore della perdita maggiore. HIGH FLOW METHODS 1) Energy Only; 2) Pressure and/or Weir (si deve inserire i coef. per la risoluzione delle equazioni del flusso in pressione);

22 CROSS SECTION INTERPOLATION Talvolta si rende necessario incrementare il numero di sezioni disponibili (i.e. il cambiamento di velocità tra due sez. consecutive è troppo elevato per determinare in modo accurato il gradiente di energia). In questo caso è possibile utilizzare 3 differenti metodi: 1) inserimento manuale di una nuova sezione; 2) inserimento automatico di una o più sez. in un determinato tratto di corso d acqua (Within a Reach); 3) inserimento automatico di una o più sez. tra due sezioni consecutive (Between 2 XS s); 2 3

23 AUTOMATIC CROSS SECTION INTERPOLATION 1) inserimento automatico di nuove sezioni mediante interpolazione di quelle presenti in un determinato tratto di corso d acqua (XS Interpolation - Within a Reach). Si deve specificare corso d acqua, tratto, sezione di inizio a monte e di fine a valle interpolazione e la massima distanza tra le sezioni interpolate ) inserimento automatico di nuove sezioni mediante interpolazione di due sezioni consecutive (XS Interpolation - Between 2XS s). Si deve specificare corso d acqua, tratto, sezione di inizio a monte e di fine a valle interpolazione e la massima distanza tra le sezioni interpolate.

24 Le sezioni interpolate sono sono visualizzate con un colore più chiaro di quelle inserite manualmente e sono indicate da un codice numerico che termina con un asterisco (*). RISULTATI DELL INTERPOLAZIONE

25 ANALISI IN MOTO PERMANENTE-STEADY FLOW ANALYSIS L inserimento dei dati di portata avviene aprendo la finestra di dialogo STEADY FLOW DATA dal menu EDIT della finestra principale di Hec-Ras. Innanzitutto occorre definire il numero di profili da calcolare (max 500). Se sono presenti più tratti occorre inserire un valore di portata in ciascuna sezione (l ultima a monte) di ciascun tratto del corso d acqua. Tale valore di portata rimane costante fintantoché non si presenta un altro contributo. La portata può essere modificata in ogni sez. Inoltre in ciascuna sezione si deve inserire tanti valori di portata quanti sono i profili.

26 CONDIZIONI AL CONTORNO - BOUNDARY CONDITIONS Dopo aver inserito tutti i valori di portata necessari alla caratterizzazione idraulica dei tratti del corso d acqua, occorre definire per ciascuno di questi una condizione al contorno. Le condizioni al contorno sono necessarie per stabilire il livello iniziale della superficie libera, e quindi per avviare il processo di calcolo. Si possono individuare 3 differenti casi: 1) CORRENTE SUBCRITICA: è necessaria solo la condizione al contorno di valle; 2) CORRENTE SUPERCRITICA: è necessaria solo la condizione al contorno di monte; 3) CORRENTE MISTA: è necessaria la condizione al contorno sia a monte che a valle; cond. al contorno interna inserita automaticamente

27 POSSIBILI CONDIZIONI AL CONTORNO Per definire le condizioni al contorno è possibile utilizzare 4 differenti opzioni: 1) Known Water Surface Elevations: la cond. al contorno corrisponde ad un valore noto dell altezza d acqua inserito per ciascuno dei profili da calcolare; 2) Critical Depth: la cond. al contorno viene posta uguale alla profondità critica che il programma calcola per ciascuno dei profili; 3) Normal Depth: la cond. al contorno è uguale alla profondità di moto uniforme che il programma calcola per ciascuno dei profili. In questo caso si deve inserire la pendenza della linea dei carichi totali, che può essere approssimata mediante la pendenza del tratto di canale a monte; 4) Rating Curve: in questo caso occorre inserire una serie di valori noti di altezza d acqua e delle relative portate. La cond. al contorno, per ciascun profilo, viene ottenuta interpolando le altezze d acqua della scala di deflusso per il corrispondente valore di portata

28 AVVIO DELL ANALISI IN MOTO PERMANENTE Per avviare l analisi di moto permanente si deve premere STEADY FLOW ANALYSIS dal menu RUN della finestra principale di Hec-Ras. Per iniziare un nuovo progetto si deve premere NEW PLAN dal menu FILE della finestra Steady Flow Analysis. Ogni progetto è composto da uno specifico gruppo di dati geometrici ed idraulici precedentemente definiti. E possibile realizzare vari progetti utilizzando un unico insieme di dati geometrici per più insiemi di dati idraulici e viceversa. L ultimo passo prima di avviare l analisi (COMPUTE), consiste nel definire le caratteristiche della corrente (FLOW REGIME), che può essere subcritica, supercritica o mista (occorre verificare che le condizioni al contorno siano compatibili con il flow regime scelto).

29 Esempio 1 Effetto del restringimento d alveo per i > i c B = 76 ft attraversamento dello stato critico t 1 risalto b = 68 ft F 0 = 1.14 t 3

30 Esempio 2 Effetto del restringimento d alveo per i < i c B = 76 ft b = 71.5 ft F 0 = 0.78 attraversamento dello stato critico f 1 risalto

31 Esempio 3 Cambio di pendenza dell alveo t 2 f 2 risalto i f2 < i cr tratto 2: alveo fluviale corrente lenta i f3 > i cr tratto 3: alveo torrentizio corrente veloce i f3 > i cr tratto 3: alveo torrentizio corrente veloce

32 BRIDGE MODELLING APPROACH: C d Momentum Balance Method: in questo caso è necessario definire un valore da assegnare al coefficiente di drag C d. Alcuni valori caratteristici per varie tipologie di pile sono riportati nella seguente tabella:

33 BRIDGE MODELLING APPROACH: K Yarnell Equation: in questo caso è necessario definire un valore da assegnare al coefficiente K, funzione della forma della pila. Alcuni valori caratteristici per varie tipologie di pile sono riportati nella seguente tabella:

34 JUNCTION 1 Una confluenza viene formata in modo automatico quando vengono uniti due corsi d acqua. 1) nella prima finestra che compare viene richiesto il nome dell affluente e del tratto corrispondente; 2) nella seconda finestra viene richiesta la conferma della sezione da cui far iniziare il tratto di monte del corso d acqua principale; 2 4 3) nella terza finestra viene richiesto l inserimento di un nuovo nome per il tratto di corso d acqua principale a valle della confluenza; 4) nella quarta finestra viene richiesto il nome della confluenza.

35 JUNCTION I dati di una confluenza vengono inseriti cliccando il pulsante JUNCT. prima evidenziato e comprendono: descrizione, distanza dalle sezioni di monte e scelta del metodo di calcolo; Una confluenza può essere modellata secondo due metodi differenti: 1) METODO DELL ENERGIA: non tiene conto dell angolo di immissione del tributario e pertanto viene utilizzato quando la perdita di energia indotta dall angolo del tributario è trascurabile (nella maggior parte dei casi è possibile utilizzare questo metodo). 2) METODO DEL BILANCIO DELLA QUANTITÀ DI MOTO: viene utilizzato in tutte quelle situazioni in cui tale perdita non può essere trascurata. In questo caso occorre inserire nella colonna aggiuntiva l angolo dell affluente, mentre in corrispondenza del corso d acqua principale lo spazio deve essere lasciato bianco o deve essere inserito il valore nullo.

36 INLINE WEIRS AND GATED SPILLWAYS HEC-RAS consente di modellare briglie o traverse (overflow weirs), luci di fondo (gated spillways) disposte sia trasversalmente che lateralmente al corso d acqua. La superficie dello stramazzo può essere sia curva (ogee shape) che piana (broad crested shape) e le aperture delle gated spillways possono essere modellate sia come radial gate che vertical sluice gate. In aggiunta alle luci è possibile inserire anche una zona a soglia sfiorante. Esempio di una briglia con overflow weir e gated spillway, composta da 15 identiche aperture e da una soglia interamente stramazzante.

37 CREAZIONE DI UNA INLINE WEIR OR GATED SPILLWAY Per inserire i dati relativi alle inline weir e/o gated spillway occorre premere il pulsante INLINE WEIR/ SPILL dalla finestra dei GEOMETRIC DATA. Una volta cliccato, compare la finestra del data editor (riportata a fianco).

38 CREAZIONE DI UNA INLINE WEIR OR GATED SPILLWAY Per inserire una nuova opera si deve seguire la seguente procedura: 1) scegliere il corso d acqua ed il tratto dove inserire la struttura; 2) da options scegliere ADD A INLINE WEIR AND/OR GATED SPILLWAY; 3) fornire un numero alla nuova sezione per inserire la struttura in modo corretto fra due sez. già presenti, che devono corrispondere rispettivamente alle sez. al piede di monte e di valle; dopo aver premuto il pulsante OK la sezione immediatamente a monte della struttura comparirà nella finestra di dialogo. 4) inserire i dati relativi a WEIR / EMBANKMENT e se sono presenti i dati delle GATES

39 CREAZIONE DI UNA INLINE WEIR OR GATED SPILLWAY PILOT FLOW è una opzione che consente di definire una quantità minima di acqua che defluisce attraverso la struttura, poiché, per poter portare a compimento la simulazione, HEC-RAS necessita di un valore minimo di flusso che prosegue a valle dell opera. In questo modo è possibile garantire che ciò avvenga sempre per ogni valore di portata in cui è stato suddiviso l idrogramma di piena, anche per i valori più modesti (unsteady flow analysis).

40 INLINE WEIR STATION ELEVATION EDITOR Premere WEIR / EMBANKMENT per aprire la finestra utilizzata per l inserimento dei dati relativi alla porzione di sezione occupata dalla struttura. Distance: distanza tra il piede di monte della struttura e la sezione immediatamente a monte della stessa; Width: larghezza della parte superiore della struttura; Weir Coef: coeff. utilizzato per il calcolo del flusso stramazzante sopra la struttura, normalmente compreso tra 2.6 e 4 (broad crested-ogee shape); Station/elevation: geometria del profilo superiore della struttura. Le X non devono necessariamente essere uguali a quelle della sezione di monte, ma hanno la medesima origine. HEC- RAS chiude la superficie compresa tra le quote della sez. e quelle dell opera.

41 INLINE WEIR STATION ELEVATION EDITOR U.S Embankment SS: pendenza del terrapieno nel lato di monte della struttura (rapporto tra la distanza orizzontale e quella verticale); D.S Embankment SS : pendenza del terrapieno nel lato di valle della struttura (rapporto tra la distanza orizzontale e quella verticale); Weir Crest Shape: campo utilizzato per il calcolo del valore da assegnare al Weir Coef nel caso in cui si verifichi la sommergenza della lama stramazzante (cioè quando il rapporto tra l altezza d acqua sopra lo stramazzo nella parte a valle e il carico totale dell energia sopra lo stramazzo nella parte a monte è superiore a 0.67). All aumentare della sommergenza il programma provvede automaticamente a ridurre il valore da assegnare al Weir Coef;

42 INLINE WEIR STATION ELEVATION EDITOR: WEIR DATA Per il calcolo del valore del Weir Coef in funzione dell entità della sommergenza sono disponibili due differenti metodi a seconda della forma della superficie dello stramazzo: broad crested shape o ogee shape. Nel primo caso viene utilizzato il metodo sviluppato sulla base di una soglia stramazzante larga con sezione trapezoidale (FHWA, 1978). Nel secondo caso viene utilizzato uno dei metodi sviluppati per soglie stramazzanti curve (COE, 1965), che si basa sulla risoluzione del seguente diagramma. Occorre in questo caso inserire due ulteriori parametri: SPILLWAY APPROACH HEIGHT (P, altezza della soglia dello stramazzo rispetto alla quota media del fondo); DESIGN ENERGY HEAD (H 0, altezza del carico totale della portata di progetto rispetto alla soglia dello stramazzo). Premendo su C d è disponibile una opzione per il calcolo automatico del valore iniziale da fornire al Weir Coef.

43 Premere GATE dalla finestra INLINE WEIR AND/OR GATED SPILLWAY DATA per inserire i dati relativi alle eventuali aperture presenti. Gate Group: è possibile inserire fino a 10 gruppi di aperture in una singola opera, che possono contenere ciascuno sino a 25 identiche luci. E necessario inserire più gruppi quando le aperture sono caratterizzate da differenti forme, quote, dimensioni o coefficienti; Height/Width/Invert: altezza e larghezza della singola apertura e quota della soglia di inizio sfioro del gruppo di luci; Centerline Stations: valore della X in cui è posizionato l asse intermedio di ciascuna luce del gruppo di aperture; Weir Coef: coeff. utilizzato solo nel caso in cui il livello dell acqua è inferiore alla quota superiore dell apertura. INLINE GATE EDITOR

44 Gate Data: Discharge coefficient: coeff. compreso tra e rispettivamente per radial gates e sluice gates; Gate Type: scelta del tipo di apertura; Trunnion Exponent: utilizzato nel caso free flow per radial gate, generalmente pari a 0.16; Opening Exponent: utilizzato nel caso di free flow per radial gate, generalmente pari a 0.72; Head Exponent: utilizzato nel caso di free flow per radial gate, generalmente pari a 0.62; Trunnion Exponent: distanza T tra il centro di rotazione della paratoia e la soglia della luce; Orifice Exponent: coefficiente utilizzato nel caso l apertura sia fully submerged. INLINE GATE EDITOR

45 INLINE WEIR / GATED SPILLWAY MODELLING APPROACH Il programma utilizza due differenti sistemi di eq. per il calcolo della portata defluente a valle della struttura a seconda della forma dell apertura (sluice-radial gate), e tiene conto della forma della sup. dello stramazzo (broad crested-ogee shape) mediante il valore fornito al Weir Coef. Infine 4 differenti schemi di calcolo vengono adottati a seconda delle quattro diverse situazioni che si possono verificare: 1) Free Flow: il livello d acqua Z d non è sufficientemente elevato da causare un innalzamento di quello a monte Z u ; 2) Transition free flow - fully submerged (0.67<submergence<0.8); 3) Fully submerged (submerg.>0.8); 4) Weir flow: il livello della superficie d acqua a monte è uguale o inferiore alla quota superiore dell apertura. 1 4 radial gate sluice gate

46 INLINE WEIR / GATED SPILLWAY CROSS SECTIONS Il numero e le modalità di inserimento delle sezioni che devono essere utilizzate per ottenere una corretta modellazione dei fenomeni che avvengono in presenza di queste strutture, sono analoghe a quelle considerate in presenza dei ponti. Sono necessarie due sezioni in prossimità della struttura, immediatamente a valle e a monte, e due sezioni (una a monte ed una a valle) sufficientemente lontane dall opera di modo tale che il flusso non risenta della sua presenza.

47 INLINE WEIR/GATED SPILLWAY INEFFECTIVE FLOW AREAS Come nel caso dei ponti devono essere inserite, nelle due sezioni immediatamente a valle e a monte dell opera, le zone non attive ai fini del deflusso mediante il comando INEFFECTIVE FLOW AREAS. Seguendo lo schema riportato in figura, nel caso di una briglia di consolidamento la zona non attiva raggiunge la quota della soglia stramazzante, mentre il tratto dove sono presenti le aperture viene considerato sempre attivo.

48 EXPANSION AND CONTRACTION COEFFICIENTS Ai fini di una corretta stima delle perdite di carico, che si verificano in seguito al brusco restringimento operato dalla struttura, occorre inserire degli opportuni valori dei coefficienti di espansione e di contrazione. Nella tabella seguente vengono riportati i valori consigliati dei suddetti coefficienti nel caso di corrente subcritica per varie tipologie di restringimenti. Nel caso di corrente supercritica i valori di entrambi i coeff. devono essere scelti con maggiore cautela, per evitare una sovrastima delle perdite per contrazione e/o espansione. In generale i valori assunti da entrambi i coeff. devono essere minori (rispettivamente nel caso di transizioni graduali; e nel caso di transizioni più brusche).

49 UNSTEADY FLOW DATA Prima di poter eseguire una simulazione in moto vario occorre inserire tutte le condizioni al contorno (BOUNDARY CONDITIONS) sia esterne, a monte e a valle, che interne (ad esempio in corrispondenza di uno sfioratore laterale) in ciascun tratto dei corsi d acqua esaminati, ed inoltre devono essere definite le condizioni iniziali (INITIAL CONDITIONS) della portata liquida e dell area di espansione. Sia le condizioni al contorno che le condizioni iniziali vengono inserite premendo UNSTEADY FLOW DATA dal menu EDIT della finestra principale di HEC-RAS. BOUNDARY CONDITIONS: il nome del corso d acqua (RIVER), del tratto (REACH) ed il numero della sezione (RS) di tutte le cond. al contorno, che devono essere necessariamente definite, vengono inserite in modo automatico dal programma. In aggiunta, è possibile inserire altre cond. al contorno interne in qualsiasi sezione dei corsi d acqua precedentemente definiti. Le cond. al contorno per una determinata sezione vengono definite evidenziando la cella corrispondente e selezionando, successivamente, il tipo di condizione al contorno (BOUNDARY CONDITION TYPES) che si desidera adottare. Occorre notare che sono disponibili molte scelte per la definizione delle cond. al contorno, ma non tutte sono disponibili per ciascuna sezione.

50 UNSTEADY FLOW DATA EDITOR (BOUNDARY CONDITIONS)

51 BOUNDARY CONDITIONS: FLOW HYDROGRAPH La scelta Flow Hydrograph può essere utilizzata sia come cond. al contorno di monte che di valle. L inserimento manuale dei dati relativi ad un idrogramma di piena deve essere articolato nel modo seguente: 1) definizione del Data time interval (sono disponibili vari intervalli temporali); 2) scelta tra Use simulation time e Fixed Start Time: nel primo caso l istante di inizio dell idrogramma di piena coincide con l istante di inizio di ogni simulazione; nel secondo caso l idrogramma viene fatto iniziare in un istante temporale fisso; 3) definizione del numero di intervalli temporali: No. Ordinates; 4) inserimento dei valori di portata (Flow) che sono costanti in ciascun intervallo; 5) Critical boundary conditions: consente di fissare un valore max di variazione della portata tra uno step ed il successivo, in modo da rendere stabile la simulazione.

52 BOUNDARY CONDITIONS: STAGE HYDROGRAPH La scelta Stage Hydrograph può essere utilizzata sia come cond. al contorno di monte che di valle. L inserimento manuale dei dati relativi ad un idrogramma dei livelli idrometrici deve essere articolato seguendo la stessa procedura descritta per l inserimento dell idrogramma delle portate liquide.

53 BOUNDARY CONDITIONS: STAGE & FLOW HYDROGRAPH La scelta Stage and Flow Hydrograph può essere utilizzata sia come cond. al contorno di monte che di valle. In questo caso, fintanto che non inizia la serie dei valori di portata, come cond. al contorno vengono utilizzati i dati relativi alle altezze idrometriche. Questo tipo di condizione al contorno viene utilizzata quando si dispongono di alcuni valori misurati delle altezze idrometriche, ma non sufficienti a coprire il campo di analisi che si intende effettuare.

54 DOWNSTREAM BOUNDARY CONDITIONS Le scelte Rating Curve e Normal Depth possono essere utilizzate solo come cond. al contorno di valle. 1) Rating Curve: mediante questa scala di deflusso non è possibile descrivere il cappio di piena, in quanto ad ogni valore di altezza d acqua è possibile associare uno ed un solo valore della portata. Pertanto vengono compiuti degli errori nella simulazione in prossimità della cond. al contorno. Tali errori divengono sempre più rilevanti al diminuire dei valori della pendenza del corso d acqua; 2) Normal Depth: mediante l inserimento della pendenza della linea dei carichi totali viene calcolata l altezza di moto uniforme, utilizzata dopo come cond. al contorno. NOTA: in entrambi i casi le cond. al contorno devono essere posizionate ad una certa distanza a valle del tratto in studio, in modo tale da rendere trascurabili gli errori introdotti. 2 1

55 INTERNAL BOUNDARY CONDITIONS Le scelte Lateral Inflow Hydrograph, Uniform Lateral Inflow e Groundwater Interflow vengono utilizzate come cond. al contorno interne. 1) Lateral Inflow Hydrograph: viene simulato, in una determinata sezione, un contributo laterale di portata, descritto con un idrogramma di piena. Gli effetti hanno luogo dalla prima sez. a valle; 2) Uniform Lateral Inflow Hydrograph: viene simulato un contributo laterale di portata distribuito in modo uniforme tra due specifiche sezioni. Il contributo di portata viene descritto con un idrogramma di piena; 3) Groundwater Interflow: viene simulato, in un determinato tratto, uno scambio d acqua con la falda freatica. Il livello della falda è indipendente da quello del corso d acqua e deve essere inserito manualmente per ogni intervallo temporale. Inoltre deve essere specificato il coeff. di permeabilità di Darcy. 2

56 INTERNAL BOUNDARY CONDITIONS Le scelte Time Series of Gate Opening e Elevation Controlled Gate sono utilizzate come cond. al contorno per le luci di fondo. 1) Time Series of Gate Opening: deve essere inserita, per ogni gruppo di luci, la serie temporale del grado di apertura; 2) Elevation Controlled Gate: è possibile controllare il grado di apertura, in modo automatico, in funzione del livello d acqua a monte dell opera. 1 2 ATTENZIONE: aperture e/o chiusure troppo rapide delle luci possono causare l instabilità della soluzione delle eq. di moto vario.

57 INITIAL CONDITIONS Oltre alle BOUNDARY CONDITIONS devono essere specificate anche le INITIAL CONDITIONS del sistema, mediante le quali il programma avvia la simulazione in moto vario. Le cond. iniziali sono costituite dai valori iniziali della portata liquida e dai livelli d acqua già esistenti nelle eventuali aree di espansione presenti. Esistono due metodi per inserire le cond. iniziali: 1) Enter Initial flow distribution: inserimento di un unico valore di portata in ciascuna sezione (l ultima a monte) di ciascun tratto di corso d acqua. Dopo aver avviato la simulazione, il programma provvede a calcolare il profilo della corrente di moto permanente, determinando in questo modo un valore iniziale di altezza d acqua da assegnare a ciascuna sezione presente. Questa opzione richiede, inoltre, l inserimento di un valore iniziale dei livelli d acqua presenti nelle aree di espansione; 2) Use a Restart File: in questo caso le condizioni iniziali vengono fornite dal file di output (restart file) generato da una precedente simulazione. Questa opzione viene generalmente utilizzata quando il numero degli intervalli della simulazione è notevole e richiederebbe un tempo di esecuzione troppo elevato. In questo caso è possibile spezzare la simulazione in più periodi, utilizzando come cond. iniziale, in un determinato periodo, il risultato finale della simulazione del periodo precedente.

58 UNSTEADY FLOW DATA EDITOR (INITIAL CONDITIONS)

59 Per avviare l analisi di moto vario si deve premere UNSTEADY FLOW ANALYSIS dal menu RUN della finestra principale di Hec-Ras. Per iniziare un nuovo progetto si deve premere NEW PLAN dal menu FILE della finestra Unsteady Flow Analysis. UNSTEADY FLOW ANALYSIS Per poter avviare la simulazione occorre specificare: 1) Geometry & Unsteady Flow Files; 2) Programs to Run; 3) Simulate Time Window; 4) Computation Settings.

60 GEOMETRY PRE-PROCESSOR Il pre-processor è utilizzato dal programma per generare dalle caratteristiche geometriche di ciascuna sezione le grandezze idrauliche, al fine di rendere più rapida la simulazione di moto vario. In questo modo le variabili idrauliche non vengono calcolate in ciascuna iterazione, ma sono ricavate mediante interpolazione di quelle calcolate precedentemente. Queste ultime sono archiviate in tabelle o in scale di deflusso in funzione dell altezza d acqua, calcolate (di default) per 20 valori (+1 al fondo). La scelta di questi intervalli è molto importante: da un lato deve essere sufficientemente grande da coprire tutti i valori dei livelli che si verificano, e dall altro sufficientemente piccolo da fornire un grado di dettaglio adeguato ) default 40 max 50 2) default 40 max 50 3) default 10 max 20

61 COMPUTATION SETTINGS 1) Computation Interval: è uno dei più importanti parametri utilizzati per la simulazione in moto vario. L intervallo deve essere piccolo abbastanza da poter descrivere accuratamente la fase crescente e decrescente dell idrogramma di piena. Una regola generale è quella di utilizzare una durata dell intervallo al più uguale al tempo risultante dal rapporto della durata (in ore) della fase crescente dell idrogramma di piena (tempo compreso tra l istante iniziale e quello di picco) diviso 24. Inoltre, quando vengono inserite delle strutture (ponti, briglie, luci di fondo, etc.), occorre fornire dei valori dell intervallo di calcolo compresi tra 1 e 5 minuti, in modo tale da evitare di rendere instabile il sistema a seguito delle brusche variazioni dei livelli che si possono verificare tra due steps successivi (ad es. transizione da unsubmerged a submerged). Il computation interval deve essere poi modificato in modo tale da scegliere il valore più grande che risolve in modo accurato il sistema di equazioni. 2) Hydrograph Output Interval: viene utilizzato per definire gli intervalli degli idrogrammi dei livelli o delle portate utilizzati nella simulazione. Il valore di questo intervallo deve essere almeno uguale a quello inserito nel Data time interval, in modo tale da definire correttamente la forma degli idrogrammi senza perdere nessuna informazione; 3) Hydrograph Output Interval: definisce in quali intervalli temporali devono essere restituite le informazioni dettagliate sulle grandezze idrauliche calcolate. Infatti non è pensabile che si possa valutare tali valori per ciascun intervallo in cui è stato suddiviso l idrogramma di piena, in quanto il post-processor impiegherebbe troppo tempo per la sua esecuzione ed il file di output risultante occuperebbe troppa memoria.

62 SIMULATION OPTIONS 1) Stage and Flow Output Locations: consente di definire le sezioni in cui si desidera la restituzione delle grandezze idrauliche calcolate negli intervalli temporali precedentemente definiti (Hydrograph Output Interval); 2) Flow Distribution Locations: consente di definire le sezioni in cui si desidera calcolare la variazione spaziale delle grandezze idrauliche lungo la direzione trasversale. Infatti è possibile suddividere singolarmente, fino ad un massimo di 45 porzioni, LOB, ROB e Main Channel. 1 2

63 SIMULATION OPTIONS 1) Roughness Change Factors: consente di modificare il coeff. di resistenza di Manning al variare della portata. Si deve definire: il valore di portata da cui far avviare le modifiche; l incremento di portata ed il numero totale degli incrementi che si vuole effettuare; 1 2) Seasonal Roughness Change Factors: consente di modificare il coeff. di resistenza di Manning al variare della stagione. Occorre definire per ogni limite temporale, definito da un giorno ed un mese dell anno, un coeff. di resistenza. 2

64 CALCULATION OPTIONS AND TOLLERANCES Questa opzione consente di definire e/o di modificare le tolleranze utilizzate per la risoluzione dell equazione della quantità di moto. ATTENZIONE: l incremento dei valori di default delle tolleranze può portare ad errori nel calcolo dei profili della superficie libera. Theta implicit weighting factor: un valore di 0.6 fornisce una soluzione più accurata, ma il sistema è poco stabile; il contrario se viene scelto un valore pari a 1. Generalmente si inizia la simulazione con 1 e se la simulazione termina positivamente si diminuisce progressivamente il suo valore tendendo (finché possibile) a 0.6; Water surface calculation tolerance: scarto massimo tra il livello d acqua calcolato e quello assunto in una determinata sezione; Storage area elevation tolerance: scarto massimo tra il livello d acqua calcolato e quello assunto nell area di espansione; Maximum number of iterations: numero max di iterazioni eseguite per risolvere le eq. di moto vario al fine di soddisfare la tolleranza assegnata

65 CALCULATION OPTIONS AND TOLLERANCES Maximum number of warm up time series: prima di eseguire la simulazione in moto vario, il programma esegue una serie di simulazioni con portata costante (warm-up period), in modo da regolarizzare il profilo della superficie libera; Time step during warm up period (hours): viene definito il time step del periodo di riscaldamento che può essere inferiore a quello definito per l analisi in moto vario; Minimum time step for interpolation: il programma è in grado di interpolare gli intervalli dell idrogramma che sono stati inseriti, quando la fase crescente è troppo ripida. Tramite questa opzione si evita che il programma utilizzi time steps troppo piccoli; Maximum number of interpolated time steps: numero max di time steps che possono essere creati durante un processo di interpolazione; Weir flow stability factor: questo fattore è utilizzato per incrementare la stabilità della soluzione numerica attorno alla briglia. Più è elevato, più la sol. è stabile ma meno accurata.

66 ESEMPIO: CAPPIO DI PIENA Ex. 1 Ex. 2 Ex. 3 Ex. 1 Ex. 2 Ex. 3 Data time interval 10 min 4 hours 1 hour Starting date 07/04/ /04/ /04/ Ending date 08/04/ /04/ /04/ Duration time B [ft] V [ft/s] 16.3 hours hours hours

Corso di. UNICAL, 17 dicembre 2009. Ing. Vincenzo De Matteis. martedì 22 dicembre 2009 Il software HEC RAS 1

Corso di. UNICAL, 17 dicembre 2009. Ing. Vincenzo De Matteis. martedì 22 dicembre 2009 Il software HEC RAS 1 Corso di PROGETTAZIONE DI OPERE IDRAULICHE Il software HEC-RAS UNICAL, 17 dicembre 2009 Ing. Vincenzo De Matteis martedì 22 dicembre 2009 Il software HEC RAS 1 Il software HEC-RAS UNICAL, 10 dicembre 2009

Dettagli

Corso di. UNICAL, 17 dicembre 2009. Ing. Vincenzo De Matteis. martedì 22 dicembre 2009 Il software HEC RAS 1

Corso di. UNICAL, 17 dicembre 2009. Ing. Vincenzo De Matteis. martedì 22 dicembre 2009 Il software HEC RAS 1 Corso di PROGETTAZIONE DI OPERE IDRAULICHE Il software HEC-RAS UNICAL, 17 dicembre 2009 Ing. Vincenzo De Matteis martedì 22 dicembre 2009 Il software HEC RAS 1 SOFTWARE HEC U.S. Army Corps of Engineers,

Dettagli

RELAZIONE METODOLOGICA

RELAZIONE METODOLOGICA MODELLIZZAZIONE DEGLI EFFETTI IDRAULICI DEGLI INTERVENTI PREVISTI CON LE AZIONI B.3, B.4, B.5, B.6 nell ambito dell azione A.1 Approfondimenti idraulici e indagini geologiche, archeologiche e caratterizzazione

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

Parte sesta HEC RAS. 5.1.Introduzione. A cura dell Ing. Scorzini Annarita

Parte sesta HEC RAS. 5.1.Introduzione. A cura dell Ing. Scorzini Annarita Parte sesta HEC RAS A cura dell Ing. Scorzini Annarita Viene proposta una guida rapida per la valutazione dei profili di moto permanente per corsi d acqua naturali mediante il software HEC-RAS, disponibile

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE DEI BACINI LAGO DI VARESE, LAGO DI COMABBIO E PALUDE BRABBIA

IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE DEI BACINI LAGO DI VARESE, LAGO DI COMABBIO E PALUDE BRABBIA IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE DEI BACINI LAGO DI VARESE, LAGO DI ALLEGATO 1 ALLA RELAZIONE GENERALE MANUALE D USO DEL MODELLO CONDIVISO GIUGNO 2007 GRAIA srl

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Variante al Piano Strutturale relativa all'assetto urbanistico del Viale Leonardo da Vinci per la localizzazione del polo espositivo Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Giugno

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE INDICE 1. Premessa... 2 1.1. Dati di base utilizzati per l implementazione dei modelli idraulici... 2 2. Studi idrologici-idraulici di interesse effettuati sul territorio comunale... 4 2.1. Studi sul fiume

Dettagli

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto.

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto. Manuale operativo Multicompact 7 2. PREMESSA Il software Acquedotti consente la verifica di reti a maglie o aperte in ipotesi di moto permanente. Risultati del calcolo sono: portata, velocità e perdita

Dettagli

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche Indice 1 Equazioni fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Equazionedicontinuità... 2 1.3 Principio di conservazione della quantità di moto.... 5 1.4 Principiodiconservazionedellaenergia... 8 1.5 Considerazioniconclusive...

Dettagli

RELAZIONE DI IDRAULICA

RELAZIONE DI IDRAULICA Politecnico di Torino RELAZIONE DI IDRAULICA Relazione esercitazioni. Anno Accademico 2011/2012 Corso di Idraulica Professore: L. Ridolfi Studente: Eleonora Magnotta Matricola: 162010 1 INDICE ESERCITAZIONE

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 Modulo C. Manuale di utilizzo del Cc Trent2D C. MANUALE DI UTILIZZO DEL Cc Trent2D Il programma

Dettagli

ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGETTO DI UN ARGINATURA FLUVIALE. Gaetano Passaro

ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGETTO DI UN ARGINATURA FLUVIALE. Gaetano Passaro ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGETTO DI UN ARGINATURA FLUVIALE Studenti: Alessandro Serafini Docente: Corrado Paolo Mancini Gaetano Passaro Flavio Consolo Anno accademico 2011/2012 Sommario 1.INQUADRAMENTO

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA Capitolo 4 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA CARATTERISTICHE ENERGETICHE. CARICO IDRAULICO Nelle correnti a superficie libera l acqua scorre in canali aperti o chiusi (figura.), mantenendo una superficie a

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Utilizzo Software Bob-Cad Lavorazione pezzi in 3D

Utilizzo Software Bob-Cad Lavorazione pezzi in 3D Utilizzo Software Bob-Cad Lavorazione pezzi in 3D Esempio Superficie Sculturata Si costruisca una superficie 3D tabulando una curva ottenuta mediante un fillet dei due archi di circonferenza di centro

Dettagli

Comandi di Excel. Tasti di scelta rapida da Barra delle Applicazioni MAIUSC+F12 CTRL+N. dall utente MAIUSC+F1 ALT+V+Z

Comandi di Excel. Tasti di scelta rapida da Barra delle Applicazioni MAIUSC+F12 CTRL+N. dall utente MAIUSC+F1 ALT+V+Z 2.1 Primi passi con Excel 2.1.1 Introduzione Excel è il foglio elettronico proposto dalla Microsoft ed, in quanto tale, fornisce tutte le caratteristiche per la manipolazione dei dati, realizzazioni di

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Ing. Stefàna ROSSI. Via XX Settembre, 34-18038 Sanremo (IM) 1. PREMESSA... 1 2. DESCRIZIONE DEL TRATTO INDAGATO E DELLE AREE DI INTERVENTO...

Ing. Stefàna ROSSI. Via XX Settembre, 34-18038 Sanremo (IM) 1. PREMESSA... 1 2. DESCRIZIONE DEL TRATTO INDAGATO E DELLE AREE DI INTERVENTO... INDICE Pag. 1. PREMESSA... 1 2. DESCRIZIONE DEL TRATTO INDAGATO E DELLE AREE DI INTERVENTO... 2 2.1 IL TRATTO INDAGATO... 2 2.2 AREE OGGETTO DI INTERVENTO... 5 3. OPERE IN PROGETTO... 5 4. INQUADRAMENTO

Dettagli

http://www.otdr.it/fte7000a_72.html

http://www.otdr.it/fte7000a_72.html /fte7000a_72.html Rev.1 Giugno 2015 Pagina 1 CONOSCERE LO STRUMENTO TASTIERA CURSORE A/B Usare i tasti freccia SX o DX per spostare il cursore Zoom Propone in sequenza diversi ingrandimenti del tracciato

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Sistemi operativi: interfacce

Sistemi operativi: interfacce Sistemi operativi: interfacce I sistemi operativi offrono le risorse della macchina a soggetti diversi: alle applicazioni, tramite chiamate di procedure da inserire nel codice all utente, tramite interfaccia

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Lecce (dal 04 al 07 Febbraio 2014) e Foggia (dal 18 al 21 Febbraio 2014) I Semestre

Dettagli

Laboratorio di Chimica Fisica 04/03/2015. Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM)

Laboratorio di Chimica Fisica 04/03/2015. Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM) Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM) Origin lavora solo in ambiente Windows, ma ci sono degli omologhi per linux e apple. Sui computer del laboratorio è installato windows XP e troverete la

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 23 Adonis. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Organizzazione aziendale Lezione 23 Adonis. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Organizzazione aziendale Lezione 23 Adonis Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Creazione di un nuovo processo Per creare un nuovo modello in qualunque momento basta cliccare

Dettagli

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437 QUICK ANALYZER Manuale Operativo Versione 5.3 Sommario 1.0 Generalità... 2 CONTRATTO DI LICENZA... 3 2.0 Configurazione dei Canali... 4 2.1 Gestione DataLogger IdroScan... 7 3.0 Risultati di Prova... 9

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

Corso di Complementi di Scienza delle Costruzioni 2

Corso di Complementi di Scienza delle Costruzioni 2 Corso di Complementi di Scienza delle Costruzioni 2 Esercitazione n 1 Calcolo di una trave reticolare con il programma F.E.M. Straus7 Avviare il programma 1. Avviare il programma. 2. Dal menù File selezionare

Dettagli

MODELLAZIONE DEL SISTEMA IDRAULICO DELLA CASSA DI ESPANSIONE

MODELLAZIONE DEL SISTEMA IDRAULICO DELLA CASSA DI ESPANSIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Tesi di Laurea: ANNO ACCADEMICO 2006/2007 MODELLAZIONE DEL SISTEMA IDRAULICO DELLA CASSA

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 5 Cortina d Ampezzo, 8 gennaio 2009 FOGLIO ELETTRONICO Il foglio elettronico può essere considerato come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo

Dettagli

COME MODELLARE UN GUANCIALE CON NEWTEK LIGHTWAVE 3D Corso per principianti.

COME MODELLARE UN GUANCIALE CON NEWTEK LIGHTWAVE 3D Corso per principianti. COME MODELLARE UN GUANCIALE CON NEWTEK LIGHTWAVE 3D Corso per principianti. Questa mini lezione è strutturata in modo da agevolare gli utenti meno esperti di NewTek Lightwave 3D Nei successivi passaggi

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione PARAmeTRI DI SceLTA Di seguito sono dettagliate le informazioni da

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Esercizi di base per l apprendimento di LabView

Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizio 1 Conversione di temperatura Realizzare un VI in grado di convertire una temperatura impostata mediante un controllo di tipo knob da C a F Soluzione

Dettagli

Ricerca di criteri condivisi per la validazione dei modelli idraulici

Ricerca di criteri condivisi per la validazione dei modelli idraulici Bologna, 21 Ottobre 2011 Ricerca di criteri condivisi per la validazione dei modelli idraulici Tullio Tucciarelli e Costanza Aricò Gruppo di lavoro: Massimo Greco, Alessandro Valiani, Luigi Fraccarollo,

Dettagli

MANUALE UTENTE PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE METEL

MANUALE UTENTE PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE METEL MANUALE UTENTE PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE METEL Realizzato da METEL S.r.l. Metel Srl Via Govone, 66 20155 Milano Tel +39 02 34536118 Fax +39 02 34934145 Pagina 1 di 26 INDICE INDICE... 2 INSTALLAZIONE...

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico Capitolo 4 4.1 Il foglio elettronico Le più importanti operazioni richieste dall analisi matematica dei dati sperimentali possono essere agevolmente portate a termine da un comune foglio elettronico. Prenderemo

Dettagli

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e Controllo dei Rischi Geologici Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Master di II Livello in Analisi e mitigazione del rischio idrogeologico

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli

Microsoft Excel Lezione 2

Microsoft Excel Lezione 2 Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Excel Lezione 2 Esercitatore: Fabio Palopoli Formattazione del foglio di lavoro Cella [1/4 1/4] Formati numerici: menu Formato/Celle, scheda Numero Pulsante

Dettagli

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base INTRODUZIONE Nella versione 2.30.04 di Race Studio 2 è stata introdotta una nuova funzionalità relativa allo strumento di Analisi delle sospensioni presente all interno

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Definizione DEFINIZIONE

Definizione DEFINIZIONE Definizione Funzione reale di due variabili reali Indichiamo con R 2 l insieme di tutti i vettori bidimensionali. Dato un sottoinsiemed R 2, una funzione f: D R è una legge che assegna a ogni punto (x,

Dettagli

Tracciare percorsi con OCAD8 Checo 11.1.03

Tracciare percorsi con OCAD8 Checo 11.1.03 Tracciare percorsi con OCAD8 Checo 11.1.03 Panoramica generale Avvìo di un progetto di tracciamento percorsi Per avviare un progetto di tracciamento occorre creare un file progetto. Quindi vi si carica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Docente del corso prof. Mariangela Usai Introduzione all'uso di Comsol Multiphysics ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Progettare un Database Geografico con UML

Progettare un Database Geografico con UML Progettare un Database Geografico con UML Claudio Rocchini (rockini@tele2.it) Istituto Geografico Militare Introduzione In questa breve nota si vuole introdurre i principi di progettazione tramite il linguaggio

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

DOTT..ING. ANTONIO GARINO VIA BASSIGNANO 15 12100 CUNEO TEL 0171/634594 FAX 0171/634594 e-mail garino.antonio@libero.it COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO

DOTT..ING. ANTONIO GARINO VIA BASSIGNANO 15 12100 CUNEO TEL 0171/634594 FAX 0171/634594 e-mail garino.antonio@libero.it COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO PROPONENTE GAVOTTO Battista Dario Via Rosa Bianca 52 12082 MONDOVI Impianto idroelettrico PRESA SUL RIO CASOTTO LOCALITÀ MOLINI - CENTRALE

Dettagli

Premessa Se e stata installata la versione 1.0 del programma procedere alla rimozione dei seguenti elementi.

Premessa Se e stata installata la versione 1.0 del programma procedere alla rimozione dei seguenti elementi. Gestione Fatture V.1.1 Manuale d uso Premessa Se e stata installata la versione 1.0 del programma procedere alla rimozione dei seguenti elementi. Nella cartella Documents dell utente attivo, trovate la

Dettagli

Fontedir Fondo Pensione Complementare Dirigenti Gruppo Telecom Italia Calcolo Pensione pubblica - Istruzioni. CALCOLO PENSIONE PUBBLICA -Istruzioni

Fontedir Fondo Pensione Complementare Dirigenti Gruppo Telecom Italia Calcolo Pensione pubblica - Istruzioni. CALCOLO PENSIONE PUBBLICA -Istruzioni CALCOLO PENSIONE PUBBLICA -Istruzioni 1 INDICE Avviare l analisi... 3 Legenda... 3 Dati anagrafici... 4 Posizione lavorativa attuale/categoria... 5 Posizione lavorativa attuale/reddito... 6 Storia dei

Dettagli

LA FINESTRA DI GOAL (SCHERMATA PRINCIPALE E PANNELLO DEI COMANDI)

LA FINESTRA DI GOAL (SCHERMATA PRINCIPALE E PANNELLO DEI COMANDI) FUNZIONI DEL PROGRAMMA GOAL Il programma GOAL consente all utilizzatore di creare animazioni grafiche rappresentanti schemi, esercitazioni e contrapposizioni tattiche. Le animazioni create possono essere

Dettagli

GE Fanuc Automation. Page 1/12

GE Fanuc Automation. Page 1/12 GE FANUC Data Server FTP Server - Configurazione - Page 1/12 Revision History Version Date Author Notes 1.00 05-Jun-2002 M. Bianchi First release Summary 1 Introduzione... 3 1.1 Riferimenti... 3 2 Configurazione

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

Manuale Utente FAX SERVER

Manuale Utente FAX SERVER Manuale Utente FAX SERVER Manuale Utente FAX Server - Evolution 2015 Indice 1. Servizio Fax Server... 3 2. Tool Print and Fax... 4 2.1. Download Tool Print&Fax... 4 2.2. Setup e configurazione tool Print&Fax...

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Idraulica delle correnti: definizioni

Idraulica delle correnti: definizioni Idraulica delle correnti: definizioni Assumiamo un asse z verticale, positivo verso l alto, avente origine su un piano di riferimento orizzontale (nei calcoli per gli acquedotti si assume come riferimento

Dettagli

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Costruire formule in Excel Per gli utenti di altri programmi di foglio di calcolo, come ad esempio Lotus 1-2-3,

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO 1 RACCOLTA E VALIDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE 1.1 Cartografia e dati di base I dati cartografici e topografici di base per l aggiornamento

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Esempio di analisi con ANSYS-CFX 11

Esempio di analisi con ANSYS-CFX 11 Esempio di analisi con ANSYS-CFX 11 Enrico Nobile Francesco Pinto Dipartimento di Ingegneria Navale, del Mare e per l Ambiente DINMA, Sezione di Fisica Tecnica Facoltà di Ingegneria, Università di Trieste

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

Stress-Lav. Guida all uso

Stress-Lav. Guida all uso Stress-Lav Guida all uso 1 Indice Presentazione... 3 I requisiti del sistema... 4 L'installazione del programma... 4 La protezione del programma... 4 Per iniziare... 5 Struttura delle schermate... 6 Password...

Dettagli

5. MODULO DEI CARICHI ECCEZIONALI NEL SOFTWARE BRIDGE

5. MODULO DEI CARICHI ECCEZIONALI NEL SOFTWARE BRIDGE 5. MODULO DEI CARICHI ECCEZIONALI NEL SOFTWARE BRIDGE 5.1 Premessa L ausilio dell informatica è particolarmente utile poiché l ente preposto alla gestione dei ponti deve esaminare un grande numero di transiti

Dettagli

Microsoft Excel Nozioni di base

Microsoft Excel Nozioni di base Sistemi di elaborazione delle informazioni Microsoft Excel Nozioni di base Luca Bortolussi SOMMARIO Introduzione Interfaccia Excel Celle Immissioni dati Formattazione Gestione fogli di lavoro Formattazione

Dettagli

Revisione sistema di perimetrazione della pericolosità e del. rischio idrogeologico ed idraulico del conoide del Torrente

Revisione sistema di perimetrazione della pericolosità e del. rischio idrogeologico ed idraulico del conoide del Torrente COMUNE DI COLICO Revisione sistema di perimetrazione della pericolosità e del rischio idrogeologico ed idraulico del conoide del Torrente Perlino in Comune di Colico (LC) ALLEGATO VERIFICA IDRAULICA Lecco

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

CONTROLLO INSTALLAZIONE

CONTROLLO INSTALLAZIONE CONTROLLO INSTALLAZIONE 1 di 11 INDICE 1 CONTROLLO INSTALLAZIONE CMP... 3 2 CONTROLLO INSTALLAZIONE XFINEST... 7 3 GUIDA ALL'INSTALLAZIONE DI XFINEST 2012 SU SISTEMA OPERATIVO WINDOWS 8... 9 2 di 11 1

Dettagli

Impianto idroelettrico

Impianto idroelettrico Opere idrauliche Alberto Berizzi, Dipartimento di Elettrotecnica Politecnico di Milano 1 Impianto idroelettrico Permette di sfruttare un salto e una portata per azionare un motore idraulico (turbina),

Dettagli

DeltaLog5 - ShortForm Introduzione

DeltaLog5 - ShortForm Introduzione DeltaLog5 - ShortForm Introduzione Il programma DeltaLog5 permette di gestire dal proprio PC il fonometro HD2110 in modo semplice e intuitivo: è possibile avviare ed arrestare la memorizzazione, impostare

Dettagli

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini Excel 2000 1 Presentazione della barra degli strumenti di disegno La barra degli strumenti

Dettagli

09/10/2013. Potente strumento con cui elaborare calcoli e rappresentare i risultati. Giuseppe Guarino

09/10/2013. Potente strumento con cui elaborare calcoli e rappresentare i risultati. Giuseppe Guarino Potente strumento con cui elaborare calcoli e rappresentare i risultati 1 coordinata contenuto Fogli di Lavorio Zoom 2 3 4 5 Utilizzo avanzato 6 + + + 7 Risultato 8 Risultato Risultato 9 1) Larghezza colonne

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli