PROGRAMMA DI FORMAZIONE CONTINUA PER LE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI FORMAZIONE CONTINUA PER LE IMPRESE"

Transcript

1 DI FORMAZIONE CONTINUA PER LE IMPRESE SETTEMBRE 2014 LUGLIO 2015

2 CHI SIAMO p. 3 LA FORMAZIONE INTERAZIENDALE p. 4 LA FORMAZIONE AZIENDALE p. 6 IL COACHING INDIVIDUALE E DI GRUPPO p. 7 LA FORMAZIONE FINANZIATA p. 8 INFORMAZIONI GENERALI CORSI E SEMINARI settembre luglio 2015 p. 8 p.10

3 CHI SIAMO LA FORMAZIONE INTERAZIENDALE La società consortile per azioni ISFOR Istituto Superiore di Formazione e Ricerca si è costituita il 13 marzo 1989 per iniziativa dell Associazione Industriale Bresciana, del Collegio dei Costruttori Edili, della Confartigianato e dell Unione Agricoltori di Brescia, mentre l Università degli Studi di Brescia assicurava all istituto il proprio contributo scientifico, con lo scopo di potenziare la cultura d impresa e la crescita delle risorse umane delle aziende bresciane. In 25 anni di attività ISFOR 2000 si è radicata nel territorio attraverso l innovazione e l eccellenza dei suoi progetti formativi, la costante attenzione nei riguardi dell utenza e la flessibilità ed efficacia con cui risponde ai fabbisogni formativi espressi dalle imprese bresciane e lombardo-orientali, formando oltre persone, con una media di ore di formazione annuali. Per garantire una maggiore efficienza organizzativa, il 1 agosto 2014 ISFOR 2000 è confluita, per incorporazione, nella Fondazione AIB, insieme al Centro di Formazione AIB e al Liceo Internazionale per l Impresa Guido Carli, mantenendo invariato il suo obiettivo di assicurare un offerta formativa di alto profilo, aggiornata, personalizzata, a sostegno delle sfide competitive sui mercati nazionali ed internazionali che le imprese bresciane dovranno affrontare. La formazione interaziendale rappresenta solo una parte, non prevalente, dell offerta formativa di ISFOR Questo catalogo comprende le attività formative pianificate presso le aule e i laboratori della sede di via Pietro Nenni 30 a Brescia nel periodo settembre 2014 luglio Tali attività sono diversificate per segmenti di conoscenza e fasce di destinatari in relazione alla domanda di nuove professionalità, di competenze specialistiche e di modelli interpretativi della realtà sia macroeconomica che aziendale. Ad integrazione della presente offerta formativa, che le aziende si sono abituate a considerare come una sorta di inventario delle possibili azioni di sviluppo del proprio personale, saranno pianificati ulteriori corsi e seminari volti ad aggiornare e integrare la presente proposta in risposta agli stimoli provenienti dai fabbisogni di crescita aziendali. Con l obiettivo di agevolare lo sviluppo degli investimenti in formazione di qualità, la partecipazione alle attività formative a catalogo è favorita dai contributi erogati dall Associazione Industriale Bresciana per i propri associati, pari al 30% dell investimento in formazione, dalla Camera di Commercio di Brescia, da facilitazioni economiche per le aziende non bresciane e dai voucher messi a disposizione delle imprese attraverso i Conti Formazione aziendali finanziati con le risorse di Fondimpresa e Fondirigenti. La pianificazione degli interventi formativi a catalogo è suddivisa in cinque sezioni che rappresentano le principali aree funzionali d impresa. 3 4

4 AMMINISTRAZIONE, FINANZA, CONTROLLO DI GESTIONE E OPERAZIONI CON L ESTERO che comprende i filoni specialistici: Contabilità, bilancio e fiscalità d impresa. Controllo di gestione e budgeting. Operazioni con l estero. Amministrazione del personale. INNOVAZIONE, PROCESSI PRODUTTIVI E SI- CUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO che comprende i filoni specialistici: Formazione obbligatoria in materia di sicurezza. Innovazione. Organizzazione della produzione e miglioramento continuo. Approvvigionamenti e logistica. Sicurezza, tutela ambientale e igiene nei luoghi di lavoro. MARKETING, RELAZIONI COMMERCIALI E IMPRESA DIGITALE che comprende i filoni specialistici: Logiche e strumenti di marketing. Vendite e pianificazione commerciale. E-business e social media. ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE che comprende i filoni specialistici: Managerialità e perfezionamento delle abilità individuali. Gestione delle risorse umane. Funzioni di segreteria e di accoglienza. TECNOLOGIE INFORMATICHE che comprende i filoni specialistici: Grafica, gestione di siti web e tecnologia mobile. Applicativi CAD. Office automation. Sistemi operativi, servizi e sicurezza in rete. Ambienti di sviluppo, database e linguaggi. In ciascuna sezione le proposte formative sono articolare in funzione dei rispettivi destinatari; più in particolare: - i corsi propedeutici forniscono le conoscenze indispensabili per svolgere uno specifico ruolo aziendale con la necessaria professionalità e sono rivolti a neo assunti oppure a personale che proviene da altri settori aziendali e necessita di elementi conoscitivi basilari; - i corsi progrediti sviluppano tecniche e metodologie finalizzate a ottimizzare o a innovare le mansioni svolte nell ambito di uno specifico ruolo aziendale per quanti hanno già acquisito una significativa esperienza nella specifica funzione; - i seminari specialistici sono diretti a tutti coloro che, in possesso di una consolidata esperienza professionale, necessitano di aggiornamenti e approfondimenti delle loro competenze. LA FORMAZIONE AZIENDALE Oltre al complesso delle attività formative interaziendali, ISFOR 2000 offre alle imprese l opportunità di progettare specifici interventi formativi da realizzare in azienda. A tale riguardo le imprese possono contare sul supporto consulenziale articolato in tre fasi: innanzitutto l analisi preliminare delle reali esigenze e delle conseguenti metodologie didattiche più adeguate in funzione delle caratteristiche dei partecipanti; in seconda battuta, la progettazione di dettaglio dell attività formativa, adattando i contenuti alle peculiari necessità dell impresa committente; infine, l organizzazione e la realizzazione del programma didattico, con particolare attenzione al coinvolgimento dei partecipanti e ai risultati di customer satisfaction. Le attività formative aziendali si possono avvalere dei contributi dell Associazione Industriale Bresciana per i propri associati, pari al 30% dell investimento in formazione, e della Camera di Commercio di Brescia, oppure, in alternativa, ricorrendo alle risorse rese disponibili dai fondi interprofessionali, in particolare di Fondimpresa e Fondirigenti. 5 6

5 LA FORMAZIONE FINANZIATA ISFOR 2000 ha maturato una solida esperienza nella gestione di piani formativi aziendali e interaziendali finanziati da Fondimpresa e Fondirigenti, garantendo alle imprese un affidabile assistenza in tutte le fasi dell istruttoria: dalla progettazione condivisa e personalizzata alla pianificazione didattica, dalla cura del rapporto con il Fondo Interprofessionale alla rendicontazione. Gli specialisti di ISFOR 2000 sono disponibili a incontri informativi e non vincolanti finalizzati ad approfondire le opportunità formative favorite da Fondimpresa e Fondirigenti. IL COACHING INDIVIDUALE E DI GRUPPO Nel quadro delle attività aziendali spicca una metodologia formativa in grado di rispondere efficacemente ai fabbisogni manifestati, in particolare, dalle piccole e medie aziende. Si tratta del coaching, una modalità che si prefigge di valorizzare la similitudine esistente tra l allenamento e il processo formativo attraverso un rapporto individuale tra il coach (l allenatore) e il destinatario dell azione formativa. A partire da una puntuale analisi e definizione dei fabbisogni condotta con il vertice aziendale, il coaching proposto da ISFOR 2000, sperimentato con successo in numerose aziende del territorio, interviene nell organizzazione aziendale per avviare e portare a compimento progetti di sviluppo indirizzati verso obiettivi condivisi di crescita e cambiamento, attraverso un programma dettagliato e flessibile imperniato su azioni formative individuali e di gruppo. L attività di coaching, che si sviluppa attraverso brevi incontri svolti in azienda secondo un calendario concordato, prevede l assistenza continua da parte del coach individuato da ISFOR Anche l attività di coaching, come tutti gli interventi formativi programmati da ISFOR 2000, è sostenuta dalle agevolazioni disposte a livello territoriale Associazione Industriale Bresciana e Camera di Commercio di Brescia e dall opportunità dei finanziamenti offerti da Fondimpresa e Fondirigenti. In particolare, ISFOR 2000 supporta le imprese aderenti a Fondimpresa ad utilizzare: - il Conto Formazione aziendale, che costituisce un vero e proprio accantonamento aziendale generato da una quota dei contributi previdenziali versati dall impresa per conto dei propri dipendenti. Le risorse del Conto Formazione aziendale possono essere utilizzate con semplicità, rapidità e flessibilità organizzativa per la realizzazione di piani aziendali, condivisi dalle rappresentanze sindacali a livello aziendale o territoriale, destinati ad accrescere le competenze professionali di operai, impiegati e quadri. Le disponibilità del Conto Formazione aziendale possono essere utilizzate anche per la partecipazione a corsi e seminari interaziendali sotto forma di voucher. - il Conto di Sistema, che è un conto collettivo ideato per sostenere, in particolare, la formazione nelle aziende di piccole dimensioni, favorendo l aggregazione di imprese su piani formativi comuni, in ambito settoriale o territoriale, progettati e gestiti da ISFOR Queste risorse vengono utilizzate per finanziare piani formativi di durata annuale secondo una procedura di pubblicazione periodica di Avvisi, che consente massima trasparenza e pari opportunità di accesso. INFORMAZIONI GENERALI Per informazioni dettagliate sulle attività formative di ISFOR 2000, sulle modalità di iscrizione ai corsi e seminari del catalogo e sulle facilitazioni economiche: Centralino

6 CORSI E SEMINARI settembre luglio 2015 AMMINISTRAZIONE, FINANZA, CONTROLLO DI GESTIONE E OPERAZIONI CON L ESTERO INNOVAZIONE, PROCESSI PRODUTTIVI E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO MARKETING, RELAZIONI COMMERCIALI E IMPRESA DIGITALE ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE TECNOLOGIE INFORMATICHE

7 AMMINISTRAZIONE, FINANZA, CONTROLLO DI GESTIONE E OPERAZIONI CON L ESTERO CORSI E SEMINARI CORSI E SEMINARI settembre luglio 2015 CONTABILITÀ, BILANCIO E FISCALITÀ D IMPRESA OPERAZIONI CON L ESTERO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE LA CONTABILITÀ GENERALE E LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO LA CONTRATTUALISTICA INTERNAZIONALE L AMMINISTRAZIONE DELLE PAGHE E DEI CONTRIBUTI OBBLIGHI E ADEMPIMENTI IVA NELLE OPERAZIONI NAZIONALI L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA LA RETRIBUZIONE: CONCETTI E CALCOLO IL BILANCIO DI ESERCIZIO: SCELTE VALUTATIVE E PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI E INTERNAZIONALI IL BILANCIO CONSOLIDATO L ACCESSO AL CREDITO: STRATEGIE DI FINANZIAMENTO E BUSINESS PLANNING ASPETTI CONTABILI, AMMINISTRATIVI E FISCALI DEL MAGAZZINO LA LETTURA DEL BILANCIO PER NON ADDETTI PROCEDURE E OPERAZIONI DOGANALI OBBLIGHI E ADEMPIMENTI IVA NELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OBBLIGHI E ADEMPIMENTI IVA NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO INCASSI E CREDITI DOCUMENTARI NEI RAPPORTI CON L ESTERO CONSEGNE E TRASPORTI INTERNAZIONALI LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT IL BUDGET DEL PERSONALE PRIVACY IN AZIENDA: LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CONTROLLO DI GESTIONE E BUDGETING IL CONTROLLO DI GESTIONE E LA COSTRUZIONE DEL BUDGET GLI INCOTERMS NELLA COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE ORIGINE DELLE MERCI: IMPLICAZIONI OPERATIVE L ANALISI DEI COSTI NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA 11 12

8 AMMINISTRAZIONE, FINANZA, CONTROLLO DI GESTIONE E OPERAZIONI CON L ESTERO CORSI E SEMINARI CORSI E SEMINARI settembre luglio 2015 DATA INIZIO DI CIASCUNA EDIZIONE SPECIALIZZAZIONE TITOLO INCONTRI ORARIO SET OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO Operazioni con l'estero LA CONTRATTUALISTICA INTERNAZIONALE ott-14 Controllo di gestione e budgeting L'ANALISI DEI COSTI NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA ott-14 Contabilità, bilancio e fiscalità d'impresa L'ACCESSO AL CREDITO: STRATEGIE DI FINANZIAMENTO E BUSINESS PLANNING ott-14 Amministrazione del personale L AMMINISTRAZIONE DELLE PAGHE E DEI CONTRIBUTI (due edizioni) ott mag-15 Contabilità, bilancio e fiscalità d'impresa IL BILANCIO CONSOLIDATO ott-14 Contabilità, bilancio e fiscalità d'impresa OBBLIGHI E ADEMPIMENTI IVA NELLE OPERAZIONI NAZIONALI ott-14 Contabilità, bilancio e fiscalità d'impresa LA CONTABILITÀ GENERALE E LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO (due edizioni) nov apr-15 Amministrazione del personale IL BUDGET DEL PERSONALE nov-14 Operazioni con l'estero INCASSI E CREDITI DOCUMENTARI NEI RAPPORTI CON L ESTERO nov-14 Amministrazione del personale LA RETRIBUZIONE: CONCETTI E CALCOLO nov-14 Contabilità, bilancio e fiscalità d'impresa IL BILANCIO DI ESERCIZIO: SCELTE VALUTATIVE E PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI E INTERNAZIONALI nov-14 Operazioni con l'estero OBBLIGHI E ADEMPIMENTI IVA NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO dic-14 Operazioni con l'estero CONSEGNE E TRASPORTI INTERNAZIONALI dic-14 Operazioni con l'estero PROCEDURE E OPERAZIONI DOGANALI gen-15 Contabilità, bilancio e fiscalità d'impresa LA LETTURA DEL BILANCIO PER NON ADDETTI feb-15 Operazioni con l'estero OBBLIGHI E ADEMPIMENTI IVA NELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE feb-15 Controllo di gestione e budgeting IL CONTROLLO DI GESTIONE E LA COSTRUZIONE DEL BUDGET feb-15 Operazioni con l'estero LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT mar-15 Amministrazione del personale PRIVACY IN AZIENDA: LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI mar-15 Operazioni con l'estero GLI INCOTERMS NELLA COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE mar-15 Contabilità, bilancio e fiscalità d'impresa ASPETTI CONTABILI, AMMINISTRATIVI E FISCALI DEL MAGAZZINO mar-15 Operazioni con l'estero ORIGINE DELLE MERCI: IMPLICAZIONI OPERATIVE apr-15 Operazioni con l'estero L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA mag

9 AMMINISTRAZIONE, FINANZA, CONTROLLO DI GESTIONE E OPERAZIONI CON L ESTERO OPERAZIONI CON L'ESTERO LA CONTRATTUALISTICA INTERNAZIONALE Come cautelarsi negli scambi internazionali SEMINARIO SPECIALISTICO in collaborazione con Ufficio Internazionalizzazione - Associazione Industriale Bresciana E sempre opportuno, specie in momenti di crisi come quello attuale, affrontare il mercato estero con la consapevolezza che nasce dalla conoscenza non solo degli aspetti commerciali, ma soprattutto delle implicazioni legali nei rapporti con i partner stranieri. Il seminario si pone appunto l obiettivo di illustrare ai partecipanti, con ampio riferimento agli ultimi aggiornamenti della normativa e della giurisprudenza, le precauzioni, gli strumenti e i rimedi da adottare a partire dalla fase della negoziazione del contratto con partner stranieri. Ciò al fine di evitare o minimizzare i rischi insiti in una transazione con l estero, spesso causati dalla scarsa attenzione posta già in fase preliminare alla disciplina del contratto nel suo complesso e agli elementi concreti di tutela contro gli inadempimenti. Durante l intervento formativo è riservato ampio spazio alla discussione dei quesiti posti dai partecipanti i quali potranno sottoporre al relatore, anche successivamente alla frequenza al seminario, domande sintetiche che riceveranno una risposta personalizzata. Giulia Comparini Responsabili e addetti dell ufficio amministrativo, dell ufficio commerciale e personale che opera con l estero. Come affrontare il negoziato con un contraente straniero: i principali profili da considerare nella redazione, negoziazione e conclusione del contratto internazionale: la legge applicabile al contratto e le modalità di risoluzione delle controversie. L esame delle tipologie contrattuali più frequenti: la compravendita internazionale e l utilizzo delle condizioni generali; i contratti della distribuzione commerciale, in particolare agenzia, concessione di vendita e franchising: analisi delle clausole essenziali e suggerimenti operativi per la relativa redazione. DIDATTICO Una giornata (ore ) lunedì 6/10/14 475,00+IVA. 15

10 AMMINISTRAZIONE, FINANZA, CONTROLLO DI GESTIONE E OPERAZIONI CON L ESTERO CONTROLLO DI GESTIONE E BUDGETING L'ANALISI DEI COSTI NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Come introdurre la contabilità industriale in azienda CORSO PROPEDEUTICO Obiettivo del percorso formativo è individuare le motivazioni e le modalità che portano all introduzione, nelle piccole e medie imprese, di un sistema in grado di soddisfare, in modo tempestivo, i molteplici fabbisogni informativi dei diversi soggetti aziendali. Il corso pone particolare attenzione a due aspetti tra loro direttamente collegati: da un lato l individuazione dei fabbisogni da soddisfare con le informazioni prodotte dal controllo di gestione, con riferimento alle scelte operative di sfruttamento della capacità esistente, evidenziando le differenti configurazioni di costo e ricavo utili a fini decisionali; dall altro l analisi delle fasi che devono essere percorse concretamente per introdurre in azienda un sistema di contabilità industriale adeguato al grado di complessità gestionale esistente. L attenzione è posta sugli oggetti del sistema, sulle modalità per l aggregazione intermedia dei costi in funzione delle caratteristiche del processo di produzione economica e sulla corretta individuazione di criteri ottimali per l attribuzione dei costi ai singoli oggetti, momento critico e fondamentale per l attendibilità dei valori di costo ottenuti. Il corso si concentra, quindi, sugli aspetti fondamentali dei sistemi di controllo che normalmente rappresentano il punto di partenza per lo sviluppo di altri meccanismi e strumenti per il governo dell impresa e che, per questa ragione, devono essere progettati e realizzati con grande attenzione. Ivan Losio, Cesare Tagliapietra, Alessandro Franzoni, Crisula Laffranchi Responsabili ed addetti dell area amministrazione, finanza e controllo di piccole e medie imprese con un limitato grado di conoscenza del controllo di gestione. Controllo di gestione: caratteristiche e finalità Le finalità ed i criteri di progettazione del controllo di gestione nella piccola e media impresa. La contabilità direzionale come sistema informativo. Un approccio situazionale per la realizzazione: le scelte rilevanti. Costi e ricavi nei processi decisionali di breve periodo Le differenti classificazioni dei costi. Le informazioni rilevanti per decidere. L analisi differenziale. L analisi costi-volumi-risultati. La determinazione del rischio operativo. L effetto di leva operativa. La variabile finanziaria nelle decisioni di breve periodo. Il controllo del capitale circolante netto di prodotto. Sistema di contabilità industriale e analitica La progettazione e l introduzione: le finalità del sistema di contabilità industriale, i criteri di progettazione, i soggetti coinvolti, l approccio situazionale alla realizzazione, le scelte rilevanti, gli oggetti di riferimento. I centri di costo: la progettazione, la tipologia e la numerosità, le relazioni tra i centri di costo, l individuazione dei Cost driver, il centro di attività come oggetto intermedio di riferimento. Le configurazioni di costo: Full costing e Direct costing. Il costo strategicamente rilevante. I collegamenti con la contabilità generale. Nuove metodologie per ridurre e controllare i costi generali e di struttura Gli elementi di criticità nel controllo dei costi di struttura. L analisi dei costi per attività e la valutazione dei servizi forniti. DIDATTICO Quattro pomeriggi (ore ) giovedì 9/10/14, giovedì 16/10/14, giovedì 23/10/14, martedì 28/10/14 855,00+IVA con rilascio di attestato di frequenza. 16

11 AMMINISTRAZIONE, FINANZA, CONTROLLO DI GESTIONE E OPERAZIONI CON L ESTERO CONTABILITA, BILANCIO E FISCALITA D IMPRESA L'ACCESSO AL CREDITO: STRATEGIE DI FINANZIAMENTO E BUSINESS PLANNING Come comunicare con gli intermediari creditizi, autovalutarsi e verificare la sostenibilità del debito CORSO PROGREDITO L'attuale difficile congiuntura economica presenta una serie di sfide per le imprese: tra queste spicca il complesso e delicato rapporto con gli intermediari creditizi in una fase connotata da credit crunches. L intervento formativo si pone dunque l obiettivo di agevolare l accesso al credito attraverso lo sviluppo sia della capacità di analisi e di autovalutazione degli equilibri finanziari, sia delle competenze per stendere piani finanziari in grado di fornire gli strumenti di verifica e monitoraggio della capacità futura di copertura dei costi fissi e dei flussi finanziari fissi a servizio del debito. Particolare attenzione è dedicata all illustrazione degli elementi e delle tecniche necessarie per calibrare il migliore livello di indebitamento e per individuare la miscellanea ottimale degli strumenti finanziari più efficienti, traguardando consapevolmente gli orizzonti temporali di riferimento. Il percorso formativo è caratterizzato da un taglio didattico fortemente operativo, dal frequente ricorso ad analisi di casi aziendali e all utilizzo del foglio di calcolo elettronico per realizzare modelli di analisi e di business plan. Ivan Fogliata Imprenditori, direttori finanziari, responsabili amministrativi, responsabili della tesoreria. Comprensione dell operatività degli intermediari e miglioramento della comunicazione I vincoli all'attività bancaria imposti dalla normativa connessa a Basilea 3. La politica del credito della banca: capire per poter sviluppare un linguaggio comune al partner finanziario. Le politiche di comunicazione per fluidificare l'accesso al credito. La comunicazione della capacità di creare valore dell impresa quale primo fattore in grado di dimostrare il merito di credito. Cash Flow: la terza dimensione dell analisi di bilancio Costruzione ed interpretazione del cash flow statement, analisi dell'impresa per flussi di cassa, studio dell'impatto delle grandezze economiche e patrimoniali sulla liquidità dell'impresa. L'utilizzo del rendiconto finanziario dei flussi di cassa; indicatori finanziari di base; il debt service coverage ratio e l analisi per la comunicazione ai partner finanziari. La costruzione del rendiconto finanziario col metodo diretto ed indiretto. Il rendiconto finanziario per l analisi finanziaria: il free cash flow from operation ed il free cash flow to equity. Analisi di case histories per il confronto fra le informazioni desumibili da Stato Patrimoniale e Conto Economico vs. le informazioni desumibili dal rendiconto finanziario. Valutazione economica delle operazioni di finanziamento e struttura finanziaria ottima La corretta strutturazione del passivo. Le regole del debito da rispettare per evitare un indebitamento non sostenibile. Determinanti della struttura finanziaria ottima. I principi di finanziabilità di nuovi investimenti. L offerta degli intermediari finanziari: prodotti e caratteristiche. Il debito e l opportunità fiscale: le regole IRES ed IRAP ed il vantaggio fiscale del debito; il confronto mutuo e leasing sui finanziamenti a medio lungo termine. Comunicare il futuro dell impresa: planning nel lungo periodo Caratteristiche e scopi del Business Plan. Il problema della comunicazione qualitativa: la formulazione della strategia d impresa. La scelta dell orizzonte temporale del Business Plan. Analisi della situazione attuale e delle possibilità di sviluppo dei mercati in cui opera l azienda. Business planning nell'ottica dell'impresa e del partner bancario: la comunicazione dei piani finanziari. Prevedere i ricavi o i costi? La costruzione di modelli fixed costs based e stress testing degli stessi. Cenni ai problemi di turnaround ed il ruolo del business planning nella crisi di impresa. Costruzione del business plan Analisi di case histories per il confronto fra best e worst practices. I comuni errori nella pianificazione economico-finanziaria. Esercitazione pratica per la costruzione del business plan attraverso il foglio di calcolo elettronico. DIDATTICO Quattro mattinate (ore ) martedì 14/10/14, mercoledì 22/10/14, mercoledì 29/10/14, giovedì 6/11/14 855,00+IVA con rilascio di attestato di frequenza. 17

12 AMMINISTRAZIONE, FINANZA, CONTROLLO DI GESTIONE E OPERAZIONI CON L ESTERO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE L AMMINISTRAZIONE DELLE PAGHE E DEI CONTRIBUTI Come conteggiare le retribuzioni e redigere i prospetti previdenziali CORSO PROPEDEUTICO in collaborazione con Servizio Paghe di Assoservizi - Associazione Industriale Bresciana In un contesto economico sempre più dinamico e competitivo le aziende sentono la necessità di adottare strumenti di flessibilità e di attenta gestione del costo del lavoro, mantenendo un costante aggiornamento sull ampia normativa di riferimento nel campo dell amministrazione del personale e, in particolare, nel settore della gestione di paghe e contributi. In questo panorama è necessario che il personale incaricato della rilevazione e della contabilizzazione possieda un esauriente preparazione per effettuare con sicurezza i conteggi e per compilare la modulistica prescritta, destreggiandosi nelle principali disposizioni giuridiche, fiscali e previdenziali. Il corso fornisce pertanto ai partecipanti le competenze necessarie per coordinare i dati per la rilevazione delle retribuzioni, per effettuare i conteggi esatti nelle diverse situazioni aziendali in base al CCNL applicato, per scomporre e imputare gli importi dei listini paga, per compilare i rendiconti e i prospetti previdenziali e fiscali e, infine, per adottare le normative più recenti. Matteo Alberti Impiegati e incaricati del servizio rilevazione e contabilizzazione delle retribuzioni, addetti all area amministrativa, addetti al servizio personale. Introduzione: l avvio del rapporto di lavoro Fonti del diritto del lavoro; nozione di rapporto di lavoro subordinato. Costituzione del rapporto di lavoro: le parti del contratto, la durata del contratto, l instaurazione del rapporto. Esame delle diverse tipologie contrattuali. L apertura delle posizioni INPS e INAIL. L accentramento amministrativo e contributivo: le autorizzazioni; le condizioni. I libri obbligatori e i documenti di lavoro. Le procedure di assunzione: i contratti individuali di lavoro; il collocamento ordinario e obbligatorio. Lo svolgimento del rapporto di lavoro: obblighi e diritti del datore di lavoro e del lavoratore. Inquadramento contrattuale: mansioni, qualifiche e categorie. Il nuovo orario di lavoro: durata massima della prestazione, distribuzione dell orario, flessibilità, categorie particolari, il lavoro straordinario, il lavoro notturno. Il potere disciplinare nel rapporto di lavoro. Retribuzione Nozione, struttura, classificazione, forme, maturazione e tecniche di determinazione della retribuzione. Gli elementi fissi e variabili della retribuzione. La maturazione della retribuzione durante le assenze dal lavoro; aspetti giuridici e modalità di determinazione: festività, ferie e permessi, malattia, maternità e congedi parentali, infortunio sul lavoro, malattia professionale, congedo matrimoniale, permessi elettorali, diritto allo studio, altre assenze. Il calcolo dei contributi: retribuzione imponibile, contribuzione a carico dei lavoratori, contribuzione a carico dei datori di lavoro, riduzioni contributive, compilazione del modello DM 10/2 e del modello unificato di versamento. Cenni sulla previdenza complementare. Il calcolo dell IRPEF: retribuzione imponibile, tassazione ordinaria, tassazione separata per gli anni precedenti. Aspetti sanzionatori. Il trattamento contributivo e fiscale di Fringe Benefit: utilizzo dell autovettura, concessione dell alloggio, disciplina della mensa, altri Benefit. Esempi di calcolo e di compilazione del cedolino paga. Dalla retribuzione lorda alla retribuzione netta: cenni sul costo del lavoro. Cessazione del rapporto di lavoro subordinato Le competenze e il trattamento di fine rapporto: liquidazione delle ultime competenze, retribuzione utile ai fini del TFR, il calcolo del TFR, l anticipazione del TFR, la tassazione del TFR e delle indennità equivalenti. Adempimenti annuali Conguaglio fiscale e previdenziale, autoliquidazione INAIL, modello CUD, modello 770. DIDATTICO Otto mattinate (ore ) Prima edizione: mercoledì 15/10/14, venerdì 17/10/14, mercoledì 22/10/14, venerdì 24/10/14, giovedì 30/10/14, martedì 11/11/14, venerdì 14/11/14, giovedì 20/11/14 Seconda edizione: mercoledì 13/05/15, venerdì 15/05/15, martedì 19/05/15, venerdì 22/05/15, martedì 26/05/15, venerdì 29/05/15, mercoledì 10/06/15, venerdì 12/06/ ,00+IVA con rilascio di attestato di frequenza. 18

13 AMMINISTRAZIONE, FINANZA, CONTROLLO DI GESTIONE E OPERAZIONI CON L ESTERO CONTABILITÀ, BILANCIO E FISCALITÀ D'IMPRESA IL BILANCIO CONSOLIDATO Come interpretare la situazione economica, finanziaria e patrimoniale di un gruppo di imprese CORSO PROGREDITO Anche nella realtà della piccola e media impresa la struttura di "gruppo" ha assunto una notevole importanza in quanto consente di rappresentare in modo adeguato il risultato economico e la situazione patrimoniale e finanziaria dell unità economica complessa, composta da più imprese facenti capo ad un unico soggetto economico. L armonizzazione contabile in corso a livello internazionale ha indotto il legislatore europeo a riconoscere dal 1 gennaio 2005 i principi contabili dello IASB (International Accounting Standards Board) quale primaria fonte normativa per la redazione dei bilanci consolidati delle società i cui titoli sono quotati in borsa. Inoltre, tali principi stanno significativamente influenzando il processo di modernizzazione della normativa italiana. Prima di trattare le tecniche di consolidamento, il corso affronta gli argomenti propedeutici indispensabili alla comprensione logica del consolidamento e della portata informativa del bilancio consolidato. Tutti gli argomenti sono affrontati sulla base delle disposizioni del Decreto Legislativo 127/91 e dei principi contabili italiani ed internazionali in tema di consolidamento e sono sintetizzati attraverso lo svolgimento, con partecipazione attiva dei partecipanti, di numerose esercitazioni pratiche. A tutti i partecipanti viene distribuito un quaderno di esercizi per consentire il personale approfondimento delle tematiche trattate. Cinzia Tomassi Finetti Responsabili e addetti dell area amministrazione, finanza e controllo con sufficiente grado di conoscenza del bilancio di esercizio. Gruppi di imprese e area di consolidamento La definizione di gruppo di imprese e le differenti tipologie. La finalità e la struttura del bilancio consolidato. La regolamentazione italiana e i principi contabili nazionali e internazionali in tema di bilancio consolidato. Dall area di gruppo all area di consolidamento: l individuazione delle imprese da consolidare. Le cause di esclusione di controllate dal consolidamento. La data di consolidamento. L omogeneità della moneta di conto. Le operazioni preliminari al consolidamento. Casi riepilogativi. Criteri di consolidamento e valutazione delle partecipazioni Il consolidamento integrale. La determinazione e la destinazione della differenza di consolidamento positiva e negativa. Il consolidamento proporzionale. La valutazione delle partecipazioni non consolidate (criterio del patrimonio netto e del costo). Le tipologie di operazioni fra le imprese del gruppo. L eliminazione dei rapporti infragruppo. Casi riepilogativi. Forma, struttura del bilancio consolidato e operazioni di consolidamento Il conto economico e lo stato patrimoniale: gli adattamenti rispetto agli schemi del bilancio individuale. Il contenuto della nota integrativa consolidata. La relazione sulla gestione del gruppo. L eliminazione delle partecipazioni dirette. L eliminazione delle partite infragruppo. L eliminazione degli utili e delle perdite infragruppo nelle rimanenze e nelle immobilizzazioni. L eliminazione dei dividendi infragruppo. L attribuzione del risultato di esercizio e del patrimonio netto ai soci di minoranza. Casi riepilogativi. Bilanci consolidati successivi al primo La modifica dell area di consolidamento. La modifica della percentuale di partecipazione. L acquisizione e la perdita del controllo. L ammortamento o la valutazione delle differenze di consolidamento. Il trattamento delle imposte anticipate e differite. Il prospetto di raccordo tra il patrimonio netto e il risultato d esercizio della capogruppo e del gruppo. Il prospetto delle movimentazioni nel patrimonio netto di gruppo. Analisi economico-finanziaria del bilancio consolidato La lettura di alcuni bilanci consolidati. Le ragioni e le finalità dell analisi. I destinatari del bilancio consolidato. L interpretazione economica delle scelte di consolidamento. Gli effetti delle scelte di consolidamento sui valori di bilancio. Gli indici specifici costruiti sul bilancio consolidato. Il rendiconto finanziario consolidato. Il bilancio consolidato come strumento di supporto per l analisi di un azienda appartenente ad un gruppo. Impatto degli IAS/IFRS Individuazione elementi peculiari e principali differenze con la normativa italiana in merito a: area di consolidamento, criteri di redazione, metodi di consolidamento, rappresentazione delle partecipazioni, trattamento del Goodwill e del Badwill, imposte, prima applicazione. DIDATTICO Cinque pomeriggi (ore ) giovedì 16/10/14, venerdì 24/10/14, venerdì 31/10/14, venerdì 7/11/14, venerdì 14/11/ ,00+IVA con rilascio di attestato di frequenza. 19

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI SUL BILANCIO Articolo 2409-ter 1. Il revisore o la società incaricata del controllo contabile: a).; b) verifica se il bilancio di esercizio e, ove redatto,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

PROGRAMMA PERCORSO SEMINARIALE

PROGRAMMA PERCORSO SEMINARIALE PROGRAMMA PERCORSO SEMINARIALE 16 E 17 GENNAIO 2013 Metodologia Didattica STUDIO DEL SORBO SRL L'attività didattica si avvale di metodologie finalizzate a rendere il partecipante protagonista del processo

Dettagli