REGGIOBATTELACRISI Lʼesperienza RE UP della Provincia di Reggio Emilia RE UP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGGIOBATTELACRISI Lʼesperienza RE UP della Provincia di Reggio Emilia RE UP"

Transcript

1 REGGIOBATTELACRISI Lʼesperienza RE UP della Provincia di Reggio Emilia RE UP

2 Questo volume è stato realizzato da Manuela Brusoni e Veronica Vecchi, docenti della Scuola di Management dell Università Bocconi, per la Provincia di Reggio Emilia. Il volume è stato realizzato con il supporto di Francesca Casalini e Niccolò Cusumano. L impaginazione e la grafica del volume sono state realizzate da Niccolò Alessandri.

3 SOMMARIO Prefazione Introduzione Parte I - RUOLO DELLA PA A SUPPORTO DELLO SVILUPPO Alcuni spunti di riflessione Il ruolo della PA per lo sviluppo e la competitività Un possibile percorso per l attuazione delle politiche di sviluppo a livello locale I gap dello sviluppo e il managerial flow Parte II - L INIZIATIVA RE UP PROMOSSA DALLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Il contesto economico territoriale e il piano anti-crisi RE UP dietro le quinte La prima edizione RE UP 2010 Gli obiettivi La struttura del programma Il bando di selezione La selezione delle idee imprenditoriali La formazione e l accompagnamento La valutazione finale e il finanziamento a fondo perduto I risultati della prima edizione La seconda edizione RE UP 2012/13 Il bando di selezione La selezione delle idee imprenditoriali La formazione e l accompagnamento I risultati della seconda edizione Conclusioni Parte III - LE VOCI DI RE UP Il tutor La coach I partecipanti Le voci fuori campo Bibliografia

4 PREFAZIONE Presidente della Provincia di Reggio Emilia Sonia Masini Per diventare imprenditori, non basta un idea di business vincente o un finanziamento se questi non sono accompagnati da un adeguata formazione sulle dinamiche aziendali e del mercato, dal coraggio con cui li si affronta, dalla capacità di misurare rischi e opportunità. La Provincia di Reggio Emilia ha promosso in questi anni una serie di iniziative volte a sostenere la creazione di posti di lavoro, in particolare per i giovani e le donne. Lo ha fatto con RE UP, puntando sulle idee innovative dei giovani reggiani; lo ha fatto con il progetto sul microcredito per incentivare l imprenditoria femminile; lo ha fatto con lo sportello autoimprenditoria attivo nei Centri per l impiego per affiancare le persone che vogliono aprire una nuova impresa. Un impegno che ha portato alla nascita di una cinquantina di attività che, a loro volta, hanno creato molti posti di lavoro. 3 Reggio Emilia è diventata una delle province più dinamiche e ricche anche grazie ai propri imprenditori e costituisce l esempio di un modello di successo dove il sistema locale ha saputo trainare, con forte autonomia dal contesto nazionale, crescita, sviluppo, benessere. È la storia dell esperienza emiliana che mostra come politiche locali adeguate possano contrastare e invertire situazioni nazionali non positive. La lezione di questa storia, pur essendo completamente mutate le condizioni, è ancora di grande attualità e andrebbe assunta come uno dei parametri di riferimento per attuare le politiche europee previste dalla multilevel governance: favorire nuova crescita e coesione come prevede la strategia di Lisbona. Essa è una realtà pienamente europea, di quell Europa più avanzata in cui il mix im-

5 presa, servizi pubblici qualificati, coesione sociale e territoriale costituisce ancora un vantaggio competitivo notevole. È un patrimonio da difendere e rigenerare, perché tra i migliori al mondo. È stato un impegno grande, dal dopoguerra ad oggi, che continua incessantemente anche nel mezzo della durissima crisi economica: a Reggio Emilia si continua a ingegnarsi, a innovare. Anche il progetto avviato dalla Provincia di Reggio Emilia e giunto alla sua seconda edizione, RE UP, dimostra che le competenze, la creatività, le intelligenze, la voglia di scommettere sul futuro non mancano. Non ci sono soltanto cervelli in fuga, ci sono anche tanti giovani che restano qui, in Italia, che cercano di inventarsi nuove imprese o di riconvertire e rilanciare quelle familiari, giovani che hanno nuove idee e nuove competenze e vanno sostenuti, accompagnati nelle forme giuste. 4 Si deve avere fiducia in quello che sappiamo fare e pretendere che sia riconosciuta la propensione all ingegno, alla realizzazione della propria vocazione: bisogna premiare chi ha iniziativa e sa e vuole mettersi in gioco affrontando i necessari sacrifici. La Provincia di Reggio Emilia, rispetto ai compiti tradizionali dell ente in materia di lavoro, ha scelto di compiere un passo ulteriore e di essere al fianco di quanti vogliano fare impresa, nella consapevolezza del sistema virtuoso che si può attivare quando progetti giusti incrociano la domanda del mercato. Da qui, dalla fiducia in se stessi e da una visione del futuro, si può ripartire per creare nuove opportunità; il successo delle nuove imprese testimonia che è ancora possibile farcela, basta non arrendersi.

6 INTRODUZIONE Questo volume ha l obiettivo di illustrare e discutere il progetto RE UP, intrapreso dalla Provincia di Reggio Emilia nell ambito di un ampio programma con il quale ha cercato di dare una risposta alla crisi che ha colpito duramente il sistema produttivo reggiano e che ha messo in discussione il paradigma di riferimento su cui l economia della provincia si era sempre fondata. RE UP, acronimo di Reggio Emilia per le imprese start up, è un iniziativa volta alla promozione dell innovazione e della creatività d impresa attraverso l accompagnamento e il supporto di giovani imprese innovative. Il supporto all imprenditorialità è elemento fondamentale all interno degli obiettivi di competitività e sviluppo, che sempre più costellano i programmi elettorali, catalizzando le risorse e l attenzione di coloro che definiscono le politiche pubbliche, e la cui criticità è sempre più spesso ribadita dalle imprese e dalle loro associazioni di riferimento. Se tali obiettivi sembrano essere definiti in modo chiaro a livello europeo, non sempre a livello nazionale e locale le amministrazioni pubbliche riescono a tradurli in programmi e azioni efficaci. 5 Il progetto RE UP condotto dalla Provincia di Reggio Emilia, invece, si differenzia e si contraddistingue per un approccio nuovo, volto alla chiusura di alcuni gap che spesso ostacolo a livello locale un allocazione mirata delle risorse verso programmi realmente capaci di generare risultati per i loro destinatari. Il presente lavoro si pone l obiettivo di mettere in evidenza come un processo manageriale, nella definizione e nell implementazione di programmi e progetti di sviluppo locale, sia essenziale per generare quegli impatti che attuino con successo le aspirazioni delle politiche regionali, nazionali e comunitarie.

7 Infine esso può fornire un supporto metodologico e operativo a tutte le amministrazioni locali italiane, che, basandosi sull esperienza della Provincia di Reggio Emilia, vogliano derivarne utili spunti per personalizzare un proprio progetto a supporto dell imprenditorialità e dello sviluppo economico del territorio. Si ritiene, infatti, che il progetto RE UP della Provincia di Reggio Emilia costituisca un esempio di come un amministrazione sia riuscita, partendo dall analisi delle specificità e dei fabbisogni territoriali, a realizzare un programma di supporto allo start up d impresa, che, benché mirato, possa generare effetti positivi sulla capacità del territorio di avviare nuove attività imprenditoriali. 6

8 PARTE I RUOLO DELLA PA A SUPPORTO DELLO SVILUPPO* *Questa sezione è un riadattamento di Vecchi et al e di Brusoni e Vecchi 2012

9 ALCUNI SPUNTI DI RIFLESSIONE Il tema dello sviluppo imprenditoriale è considerato una delle determinanti più importanti dello sviluppo economico locale e, per tale motivo, deve ricoprire un ruolo fondamentale nella definizione e nell implementazione delle politiche pubbliche. Il supporto all imprenditorialità è anche una delle principali priorità nelle politiche dell Unione Europea tese al rilancio della competitività e della crescita, così come si evince dal piano strategico Europa Queste politiche devono essere programmate e implementate principalmente a livello regionale attraverso la gestione dei Fondi Strutturali Europei, i quali sono co-finanziati dagli stati membri e dalle regioni (secondo il cosiddetto principio di addizionalità) e gestiti in autonomia dalle seconde, coerentemente con le loro priorità territoriali (secondo il principio di concentrazione) [1]. Dato l interesse diffuso nei confronti dell imprenditorialità quale elemento essenziale delle politiche di sviluppo locale, risulta meritevole di sempre maggiore attenzione il dibattito sulle azioni che le amministrazioni pubbliche e altri attori locali (le camere di commercio, le associazioni di imprese, le agenzie per lo sviluppo, e così via) dovrebbero implementare per massimizzare il raggiungimento dei loro obiettivi strategici. 8 Tale dibattito è al centro anche dell interesse della letteratura accademica, dalla quale provengono alcuni suggerimenti molto specifici, che riguardano: Iniziative di venture capital miste pubblico-privato [2] ; Incubatori [3] ; Programmi di supporto mirati per nuove imprese ad alto potenziale di crescita [4] ; Do not harm approach, che prescrive un approccio di tipo non invasivo da parte della Pubblica Amministrazione [5].

10 Qualunque sia la linea di intervento prescelta, il livello locale, con le sue articolazioni istituzionali, dovrebbe rappresentare la cinghia di trasmissione delle politiche di sviluppo definite a livello macro strutturale e il territorio, inteso come il luogo in cui si realizzano gli interventi. Spesso, però, l interazione di fattori quali la complessità delle problematiche a cui dare risposta, la molteplicità degli stakeholder coinvolti, la presenza di ingenti risorse finanziarie stanziate nell ambito dei programmi di competitività e sviluppo (molti dei quali cofinanziati dai fondi strutturali) ha determinato risultati sub ottimali: problematiche complesse sono state affrontate attraverso iniziative concepite con un approccio di breve termine finalizzato a dimostrare la capacità di spesa delle risorse piuttosto che all investimento [6]. E, infatti, i più recenti dati sulla competitività del nostro Paese mostrano una situazione molto critica: tra i paesi OECD, l Italia si classifica al terzultimo posto nel 2013 e anche nel 2014 nella scala della World Bank che misura la facilità di fare business [7] ed è considerata un innovatore moderato dallo European Innovation Scoreboard [8]. 9

11 IL RUOLO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA Evidenze dalla letteratura Negli ultimi due decenni, abbiamo assistito, specialmente in Europa, a una crescente rilevanza degli attori a livello regionale e locale nell implementazione delle politiche pubbliche per lo sviluppo economico, in conseguenza di alcune tendenze, tra cui: Il decentramento delle competenze e la crescente autonomia delle autorità territoriali [9] ; Il ruolo centrale ricoperto dai fondi strutturali dell Unione Europea, il cui funzionamento è basato sui principii di sussidiarietà e di governance a più livelli [10]; Il processo di globalizzazione, che, in generale, ha colpito il lavoro e l economia, costringendo gli attori a livello locale a battersi per predisporre e implementare azioni a supporto delle comunità e dei sistemi produttivi del loro territorio [11] ; nei paesi sviluppati, inoltre, la globalizzazione e il passaggio a un economia basata sulla conoscenza (la cosiddetta knowledge-based economy) [12] hanno reso le politiche monetarie e fiscali tradizionali meno efficaci, stimolando gli organi governativi a tutti i livelli a pensare a nuove politiche per il supporto dell imprenditorialità [13]. 10 Di conseguenza, è sempre più rilevante il numero di attori coinvolti nella definizione e nell implementazione delle politiche di sviluppo locale [14], attori che molto spesso si collocano al di fuori della tradizionale giurisdizione e operano secondo modelli di governance a network [15], stimolando lo sviluppo di varie forme di partnership (orizzontali o inter-organizzative, e verticali o inter-governative) [16], all interno delle quali la collaborazione è determinante per il successo dell implementazione [17]. Nonostante si attribuisca un ruolo centrale agli attori a livello territoriale e si cerchino casi concreti che ne possano rappresentare evidenze empiriche, la letteratura sul tema dello sviluppo, assimilando le teorie provenienti da altre discipline [18] come la macroeconomia e l imprenditorialità, si concentra principalmente su quelle determinanti delle politiche che si considerano più adatte ai fini dello sviluppo economico e della competitività. Sebbene si invochino politiche più efficaci [19] e si cerchi di analizzare i

12 programmi pubblici per lo sviluppo [20], l approccio adottato in letteratura è sempre di tipo macrostrutturale, mancante nell indicare chiaramente le adeguate azioni manageriali da intraprendere. In alcuni casi, in particolare quando ci si riferisce all area geografica italiana a noi ben nota, si osservano numerosi e controversi risultati, nonché esempi fuorvianti riferiti a casi trattati troppo superficialmente [21], probabile conseguenza della volontà degli autori di condurre ricerche esaustive in termini di numero di osservazioni considerate. Da altri autori, invece, provengono alcuni interessanti spunti ai quali ispirarsi: un sistema basato sui risultati per legittimare le amministrazioni coinvolte nelle politiche di sviluppo locale [22] e il suggerimento offerto da Cheshire e Magrini [23] di investire in interventi value added, a valore aggiunto, che prevedono un utilizzo delle risorse pubbliche per l erogazione di servizi reali o per il miglioramento degli asset materiali e immateriali del territorio (investimenti in educazione e formazione, infrastrutture, miglioramenti del quadro normativo e regolamentare), piuttosto che in interventi pure waste, di mero spreco di risorse (marketing territoriale e promozione), o zero sum, a somma zero (attrazione degli investimenti basata su incentivi fiscali o finanziari). 11 In ogni caso, ciò che è utile evidenziare dalla letteratura qui analizzata è che la pubblica amministrazione, soprattutto quella locale, può avere un ruolo importante in relazione all implementazione delle politiche di sviluppo. Ruolo che non si deve limitare alla traduzione acritica di un piano in un azione fine a se stessa, ma che deve essere motivato e articolato sulla base delle specifiche caratteristiche del territorio. Spunti di riflessione, definiti secondo un approccio di management, per le pubbliche amministrazioni chiamate a implementare politiche e programmi di sviluppo, possono essere rappresentati dalle otto regole suggerite da Waits, Kahalley e Heffernon [24], di seguito sintetizzate e commentate.

13 1 Pensare in termini di processi di sviluppo, non di agenzie di sviluppo. Il supporto allo sviluppo non dovrebbe esaurirsi nell istituzione di un soggetto ad hoc; esso dovrebbe piuttosto fondarsi sulla costruzione e alimentazione di reti di attori capaci di attivare e gestire processi convergenti. 2 Pensare al sistema, non ad azioni specifiche. Incubatori, parchi tecnologici, fondi di venture capital non rappresentano soluzioni valide di per sè; essi possono essere il punto di arrivo di programmi di sviluppo o strumenti da inserire in una programmazione definita sulla base delle esigenze del territorio e delle imprese. 3 Pensare ai building blocks, non ai dettagli. Il successo dei programmi di sviluppo dipende dalla loro capacità di rispondere alle reali esigenze di sviluppo del territorio e dalla verifica dell esistenza delle cosiddette condizioni igieniche. Concentrare le risorse sui dettagli risponde solo a logiche contingenti e di ricerca del consenso. 4 Pensare ai cluster, non alla singole imprese. L individuazione di soluzioni mirate per rispondere alle esigenze delle singole imprese o di poche di esse (come il caso dell aiuto finanziario) non consente di creare le condizioni per la nascita o il rafforzamento di un sistema locale competitivo. 5 Pensare in termini di bisogni delle imprese, non di spesa. L efficacia dei programmi di sviluppo dipende dalla capacità di raccogliere, analizzare e sintetizzare i fabbisogni delle imprese e non dal finanziamento di soluzioni sperimentate, magari anche con risultati soddisfacenti, in altre realtà territoriali Pensare in qualità di catalizzatori, non di esecutori. Le amministrazioni dovrebbero agire come registi e coordinatori di un sistema di attori, ai quali demandare, in funzione dei ruoli istituzionali e competenze, la gestione di iniziative e programmi complementari. 7 Pensare in termini di aree economiche, non in base ai confini amministrativi. I programmi di sviluppo, quando definiti in funzione delle esigenze delle imprese, dovrebbero essere concepiti in relazioni ad aree economiche, indipendentemente dai confini amministrativi. 8 Pensare agli impatti e all accountability, non alla quantità. La programmazione di nuove iniziative di sviluppo dovrebbe fondarsi anche sull analisi dei risultati e degli impatti generati dai programmi conclusi, la cui performance non dipende certamente dalla quantità di risorse investite o imprese supportate o finanziati.

14 UN POSSIBILE PERCORSO PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE DI SVILUPPO A LIVELLO LOCALE Il modello Condizioni-Azioni-Risultati Sulla base della letteratura e dell osservazione di molteplici casi nell ultimo decennio, è possibile definire un modello articolato in tre passaggi, che può essere utile per guidare l azione delle amministrazioni pubbliche nello sviluppo locale. C O N D I Z I O N I Infrastrutture Legittimazione & Coevoluzione Semplificazione A Z I O N I P A Servizi Locali Formazione Finanziamenti R I S U L T A T I Retention Innovazione Attrattiva Completitività 13 Le condizioni di sistema rappresentano i fattori igienici, ovvero gli elementi da cui non si può prescindere per avviare efficaci programmi di sviluppo, anche di tipo imprenditoriale. Una volta generato l humus, le amministrazioni possono definire il portafoglio di attività e servizi, in modo coerente ai fabbisogni e alle specificità del territorio, diversificando, ove necessario, le azioni. Tra le condizioni di sistema si ritengono particolarmente importanti una dotazione infrastrutturale adeguata, la riduzione del red tape, ovvero della burocrazia eccessiva, il riconoscimento dell amministrazione pubblica stessa quale partner privilegiato nei processi di sviluppo delle imprese e la coevoluzione tra attori pubblici e privati. Fonte: Rielaborazione da Brusoni e Vecchi 2009a

15 In relazione alle infrastrutture, va detto che esse rappresentano l ossatura di un sistema competitivo: si tratta non solo di infrastrutture di trasporto, ma soprattutto di telecomunicazione, di ricerca e di formazione, quali università e laboratori. Essi sono considerati un fattore igienico, un elemento su cui fare leva per stimolare la competitività: purtroppo molto spesso l infrastruttura hard è stata considerata il punto di arrivo e non di partenza delle politiche pubbliche di sviluppo. In relazione al red tape, ovvero alle azioni per la semplificazione amministrativa, è importante evidenziare che molte sono state le azioni intraprese in questa direzione, non sempre caratterizzate da una reale capacità di rispondere in modo efficace alle esigenze delle imprese [25]. E fondamentale evidenziare che non basta definire un sistema snello di norme e regolamenti, o adottare soluzioni che hanno dimostrato di funzionare in altri contesti, ma che è necessario individuare, a livello di sistema amministrativo e territoriale locale, soluzioni condivise, tra pubblico e privato, basate su una comprensione delle reali esigenze locali. A tal proposito si sono dimostrate efficaci iniziative pilota promosse congiuntamente da amministrazioni locali e associazioni imprenditoriali volte a promuovere servizi alla creazione di impresa o attività di controllo più flessibili, definite sulla base dell incontro tra obblighi normativi e peculiarità del tessuto produttivo locale [26]. 14 La coevoluzione può essere declinata nella capacità di ascolto del territorio e nella definizione di percorsi di sviluppo integrati. Raggiungere obiettivi collettivi non dipende, infatti, semplicemente dall azione di un unico soggetto, quanto piuttosto dal contributo di una pluralità di attori, sia pubblici sia privati, ognuno portatore di specifiche risorse, di tipo economico, di consenso, di conoscenze, ecc. L efficacia dell azione pubblica dipende, infatti, dalla capacità di coinvolgimento, coordinamento e integrazione di tutti i soggetti che possono utilmente contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo. Fondamentale a questo fine è il mettersi nei panni dei propri interlocutori, attraverso indagini e ricognizioni, al fine di comprendere meglio i fabbisogni del territorio e delle imprese per la programmazione del mix più adeguato di servizi e risorse finanziarie, riducendo quindi il gap tra domanda e offerta. In relazione al portafoglio delle attività che possono essere gestite, quale modalità per implementare le politiche pubbliche di sviluppo, è possibile far

16 riferimento a tre categorie: servizi reali, servizi finanziari e formazione. Nella categoria servizi reali rientrano quelli erogati dalle agenzie di sviluppo, le agenzie per l attrazione di investimenti, per l innovazione e le organizzazioni che operano a supporto dell internazionalizzazione delle imprese, i parchi scientifici e tecnologici, ma anche quelli erogati attraverso forme di partnership con università e centri di ricerca. Si tratta, cioè, di servizi che possono supportare la creazione di impresa, oppure piani di sviluppo, processi di innovazione o strategie di internazionalizzazione. Generalmente si tratta di servizi che non si trovano sul mercato, oppure, quando esistono, sono difficilmente accessibili, anche per gli elevati costi, oppure sono standardizzati e quindi non in grado di supportare efficacemente le aziende di un sistema produttivo o di un territorio. Nella categoria servizi finanziari rientrano gli strumenti di finanza agevolata in tutte le loro forme, dai contributi a fondo perduto alle altre forme di agevolazione più efficienti, quali i contributi in conto capitale sociale o in conto interessi o il venture capital misto pubblico privato. La formazione, sia degli operatori pubblici sia di quelli privati, assume un ruolo importante. In relazione alla formazione degli amministratori e funzionari pubblici può essere emblematico quanto citato da Porter [27], secondo cui le amministrazioni hanno la necessità di fare investimenti per saper fare investimenti. La formazione orientata agli operatori privati risulta fondamentale per supportare la loro capacità di fare impresa e di fare innovazione. Spesso il finanziamento e il coordinamento di programmi di formazione mirati e innovativi può essere ben più efficace di un supporto di tipo finanziario. Gli interventi formativi congiunti, per operatori pubblici e privati, rappresentano poi un altro ambito di azione di rilevante importanza, specie a supporto della progettazione di nuovi servizi rivolti alle imprese. La creazione di un terreno comune di conoscenze e la condivisione di un lessico appropriato risulta essere un efficace agente di facilitazione, che assicura un più agevole percorso di comprensione dei fabbisogni e di condivisione di attività e risultati. 15

17 I GAP DELLO SVILUPPO E IL MANAGERIAL FLOW Non sempre, come si è già detto, le azioni pubbliche a supporto dello sviluppo vengono definite e implementate in modo efficace. È pertanto necessario che le pubbliche amministrazioni responsabili dell implementazione di tali politiche definiscano non solo che cosa fare, ma anche quando farlo, con che grado di intensità, con chi. Serve cioè un sistema di lenti con cui analizzare il contesto di riferimento, gli elementi che lo caratterizzano e le loro interazioni. Questo sistema di lenti può essere rappresentato dal modello dei gap [28], in cui sono state sistematizzate le osservazioni condotte dagli autori nel corso degli ultimi quattro anni. Tale schema non ha solo finalità di tipo descrittivo delle possibili aree di debolezza e di limitata efficacia degli interventi pubblici. Esso, piuttosto, è stato definito con finalità di tipo diagnostico. GAP DI PROGRAMMAZIONE Gap dovuto a un frazionamento di programmi, progetti e strumenti di supporto allo sviluppo, spesso concepiti in una logica di spesa e non di investimento, recentemente esasperato anche dall incertezza finanziaria. 16 GAP DI GOVERNANCE Gap causato dalla difficoltà di coordinamento tra i soggetti che intervengono in diversi ambiti di sviluppo territoriale con responsabilità spesso sovrapposte, concorrenti e frammentate. GAP DI SELEZIONE Gap identificabile in una scarsa propensione a concentrare le risorse finanziarie e gli interventi in poche iniziative strategiche. Da ciò deriva un illusione di equità distributiva, che tuttavia non è in grado di generare impatti duraturi e percepibili per la polverizzazione delle risorse finanziarie a cui dà luogo. GAP DI COLLABORAZIONE E INTEGRAZIONE Gap identificabile nella difficoltà di promuovere iniziative capaci di mettere a sistema le risorse umane e finanziarie del pubblico e del privato, attivando quel volano di sviluppo che, al contrario, iniziative parcellizzate, portate avanti in autonomia dal pubblico o dal privato, non sono in grado di generare. GAP DI CONOSCENZA E ASCOLTO Gap da cui dipende una scarsa capacità di progettare e gestire interventi in grado di rispondere ai fabbisogni delle imprese, accentuato spesso da una marcata asimmetria informativa che riduce la capacità di accesso delle imprese ai servizi e agli incentivi pubblici. Fonte: Rielaborazione da Brusoni e Vecchi 2010a

18 I gap rappresentano delle categorie logiche rilevanti per condurre un analisi del contesto territoriale, da cui possono essere individuati percorsi di intervento fattibili e indicazioni utili per concentrare azioni e risorse. Spesso, infatti, la definizione di interventi pubblici a supporto dello sviluppo segue logiche di tipo contingente, fondate sulla ricerca di un consenso immediato, influenzate da pressioni esterne o guidate dalla volontà di realizzare una iniziativa differente, e magari migliore, rispetto a programmi gestiti da altre istituzioni sul territorio. Inevitabilmente questo approccio può condurre a interventi pure waste, ovvero di spreco di risorse, come definiti da Cheshire e Magrini [29] o può alimentare quella polverizzazione di azioni e risorse che non consente di creare la massa critica necessaria per supportare un rilancio di competitività. Come strumento di diagnosi, i gap posso essere quindi utilizzati per analizzare in modo specifico le caratteristiche che essi assumono nel territorio di riferimento, per comprendere il grado di influenza che ogni attore istituzionale può avere rispetto alla loro chiusura o risoluzione e per orientare gli interventi prioritari. L utilizzo dei gap durante il processo diagnostico consente di avviare un percorso di definizione delle soluzioni con il coinvolgimento dei destinatari finali, nella formulazione dei fabbisogni, e degli stakeholder rilevanti, eventualmente in un percorso a fasi progressive, che consenta all attore promotore di consolidare la sua legittimazione. 17 E importante sottolineare che soltanto l applicazione di capacità e metodi manageriali può supportare la chiusura dei gap o prevenirne la manifestazione. In questo senso, è importante distinguere i fattori abilitanti in due ambiti: le managerial actions, le tipologie di azioni essenziali per realizzare/implementare un programma o progetto di sviluppo, e i managerial assets, che possono essere considerati un valore caratterizzante e abilitante per generare un risultato. Essendo le managerial actions e i managerial assets degli elementi dinamici e interrelati, la loro azione sinergica verso la chiusura dei gap può essere paragonata a una sorta di flusso manageriale (managerial flow) che abilitala definizione e l implementazione di programmi e progetti di sviluppo. Il managerial flow può rappresentare dunque un metodo di lavoro per gli enti a livello locale per tradurre gli orientamenti politici in progetti e in azioni.

19 GAP DI PROGRAMMAZIONE CONOSCENZA DEI PROBLEMI E CONSAPEVOLEZZA DELLE POSSIBILI SOLUZIONI LEADERSHIP E LEGITTIMAZIONE ANALISI CONTESTO LOCALE Fabbisogni, Aspettative, Risorse GAP DI GOVERNANCE ANALISI DEL CONTESTO ESTERNO Trend, Esperienze, Pratiche MONITORAGGIO E REVISIONE GAP DI SELEZIONE 18 DESIGN E IMPLEMENTAZIONE PROGETTI MANAGERIAL ACTION APPRENDIMENTO E RIORIENTAMENTO MANAGERIAL ASSET GAP DI COLLABORAZIONE E INTEGRAZIONE GAP DI CONOSCENZA E ASCOLTO Fonte: Rielaborazione da Brusoni e Vecchi 2013

20 NOTE [1] Ansell, 2000; Bachtler e Mendez, [2] Aernoudt, 1999; Lerner, 1999; Mason, 2009; Murray, [3] Acs and Szerb, 2007; Aernoudt, 2004; Pena, 2002; Sternberg e Wennekers, [4] Mason e Brown, 2011; Shane, [5] Hospers et al., [6] Brusoni e Vecchi, 2010a. [7] Doing Business 2012 e [8] Hollanders e Es-Sadki, [9] Pollit et al., [10] Governa e Salone, 2004; Percoco e Giove, 2009; Pichierri, [11] Ansell e Gash, [12] Cooke, [13] Audretsch, 2004; Gilbert et al., [14] Agranoff e McGuire, [15] Agranoff e McGuire, 1998; Ansell, 2000; Cooke e Morgan, [16] Marks, 1992; Percoco e Giove, [17] Ansell e Gash, 2007; O Toole, 1995, [18] Becattini, [19] Karlsson e Andersson, 2009, p.127. [20] OECD, 2010; Storey, [21] tra gli altri: Ansell, 2000; Storey e Theter, [22] Malecki, 2002; Rondinelli, [23] Cheshire e Megrini 2012 [24] Waits, Kahalley e Heffernon, [25] Brusoni e Vecchi, 2009b. [26] Brusoni e Vecchi, [27] Porter, [28] Brusoni e Vecchi, 2008 e 2010a. [29] Cheshire e Megrini

21 PARTE II L INIZIATIVA RE UP PROMOSSA DALLA PROVINCIA REGGIO EMILIA

22 IL CONTESTO ECONOMICO SOCIALE E IL PIANO ANTI-CRISI L iniziativa RE UP è nata nell ambito di un ampio programma messo in atto dalla Provincia di Reggio Emilia per contrastare gli effetti della profonda crisi economica che ha colpito il territorio nel Quello che era uno tra i territori più ricchi e sviluppati d Italia e d Europa a inizio 2009 ha dovuto affrontare un calo dell industria locale (in particolare della meccanica e della ceramica), con un tasso di disoccupazione cresciuto in pochi mesi e un tasso di giovani inoccupati quasi raddoppiato. Benché colpita fortemente dalla crisi, la situazione della provincia reggiana era comunque migliore rispetto alla media nazionale. Nel corso del 2009 è stato avviato un piano di interventi di portata rilevante per molti aspetti: la molteplicità delle azioni programmate, il numero di stakeholder coinvolti e l ammontare delle risorse investite. Le linee di azione del piano comprendevano: ammortizzatori sociali, formazione, microimprenditoria femminile, accesso al credito alle imprese e servizi reali, innovazione e rilancio economico, legalità e trasparenza, contrasto alla povertà, aiuti alle famiglie. Le azioni sono state progettate e gestite attraverso il tavolo anticrisi, che raccoglieva i quarantacinque comuni della Provincia, le associazioni di categoria, la camera di commercio, i sindacati e, di volta in volta, altri attori rilevanti, quali, a titolo di esempio, le banche locali, la Fondazione Cassa di Risparmio di Reggio Emilia Pietro Manodori, la Banca Europea per gli Investimenti, operatori del micro-credito. 21 Nell ambito dell ampio piano messo in atto dalla Provincia, il progetto RE UP è finalizzato a supportare la nascita di nuove imprese.

23 RE UP è stato concepito sin dall inizio non come iniziativa volta a sovvenzionare idee imprenditoriali o start up di impresa, ma piuttosto come percorso di accompagnamento volto a supportare i neo o aspiranti imprenditori nella messa a punto della propria idea imprenditoriale. Alla base di RE UP c è la convinzione che il finanziamento di una generica idea di business potrebbe non essere efficiente ed efficace (sia nella prospettiva dell allocazione di risorse pubbliche, sia nella prospettiva dello sviluppo del territorio). Molto più coerente appare, invece, un accompagnamento specifico e personalizzato finalizzato a verificare e rafforzare la bontà delle idee imprenditoriali, la loro fattibilità e finanziabilità. Al termine del percorso, alle idee imprenditoriali migliori è stata riconosciuta la possibilità di beneficiare di un finanziamento provinciale a fondo perduto (definito sulla base del business plan elaborato) e di essere inseriti nel network dei business angel e venture capital, grazie al coinvolgimento di IBAN, Associazione Italiana dei Business Angles, e AIFI, Associazione Italiana del Venture Capital e Private Equity. Il successo dell iniziativa ha portato la Provincia a realizzare una seconda edizione, nel

24 RE UP DIETRO LE QUINTE La necessità di rispondere alla crisi del sistema produttivo, le ristrettezze e i vincoli finanziari, la necessità di salvaguardare la forte legittimazione acquisita negli anni hanno indotto la Provincia a riflettere attentamente sull appropriatezza delle sue azioni. Il problema, infatti, non era l individuazione delle politiche di intervento, quanto piuttosto la scelta e la messa in funzione degli strumenti più adeguati per supportare le imprese, i lavoratori, i giovani e le famiglie. Per ridurre i margini di errore, evitare quelle trappole che in altri contesti avevano compromesso l efficacia dell azione pubblica e per catalizzare risorse e idee, la Provincia ha adottato il modello del gap per analizzare il contesto e ha definito e gestito il progetto RE UP secondo l approccio del managerial flow. In particolare, alcune scelte effettuate dalla Provincia sono state dettate dalla volontà di chiudere alcuni gap al fine di impostare il progetto in modo più coerente all obiettivo di supportare la nascita di imprese innovative. 23 GAP MANAGERIAL ACTION MANAGERIAL ASSET PROGRAMMAZIONE GOVERNANCE SELEZIONE COLLABORAZIONE E INTEGRAZIONE CONOSCENZA E ASCOLTO Analisi dei fabbisogni delle imprese reggiane attraverso il tavolo anticrisi; Analisi degli orientamenti politici europei, della letteratura sul tema e delle principali esperienze condotte. Condivisione dell iniziativa nell ambito del Tavolo anticrisi e regia unica. Coinvolgimento di rappresentanti dei potenziali investitori nella selezione delle imprese, condotta sulla base di un primo business plan di impresa. Coinvolgimento di potenziali investitori. (banche, investitori informali business angels) Coinvolgimento di esperti durante la progettazione di RE UP e durante l accompagnamento alle imprese; Ascolto continuo dei fabbisogni delle imprese e valutazione dell apprendimento. Acquisizione degli elementi per caratterizzare RE UP come azione di supporto all innovazione e all imprenditorialità basata sull erogazione di servizi reali, quali l accompagnamento. Progettazione di una iniziativa che non si ponesse in sovrapposizione ma in sinergia con quelle avviate dalla Regione (legittmazione) Selezione di imprese ad alto potenziale di sviluppo. Facilitazione dell incontro tra domanda e offerta di investimenti; Acquisizione di feedback (anche informali) sulla bontà dei business plan. Calibrazione dell accompagnamento; Rimodulazione in itinere dell accompagnamento e supporto customizzato; Acquisizione dei feedback per riprogettazione seconda edizione.

25 L impostazione e la gestione del progetto RE UP secondo il metodo proposto dal managerial flow hanno consentito alla Provincia di Reggio Emilia di realizzare un iniziativa di supporto allo start up di impresa che si distinguesse dai programmi generalmente avviati in questo ambito dalle amministrazioni italiane, soprattutto con riferimento a questi elementi: selezione e personalizzazione degli interventi; integrazione del contributo finanziario (erogato al termine del percorso e calibrato sulla base del business plan) con lo sviluppo di competenze distintive finalizzate al rafforzamento delle capacità imprenditoriali e manageriali dei partecipanti; attivazione della leva finanziaria pubblico privato, attraverso la facilitazione dell incontro tra le imprese start up e i potenziali investitori; monitoraggio delle imprese per ridurne la mortalità post intervento e per capitalizzare l esperienza ai fini di future iniziative. 24

26 LA PRIMA EDIZIONE RE UP 2010 Gli Obiettivi L iniziativa RE UP è stata concepita in un ottica di sviluppo locale, al fine di contribuire a rilanciare l economia reggiana. La Provincia di Reggio Emilia ha adottato un approccio manageriale per la realizzazione di un progetto che contribuisse efficacemente a fertilizzare il territorio facilitando la nascita di ulteriori idee imprenditoriali. Sviluppare una cultura imprenditoriale nel territorio e supportare altri imprenditori, specialmente giovani, nella crea- zione di nuove imprese. Riorientare le competenze professionali di professionisti o manager a rischio di disoccupazione o in uscita dal mercato del lavoro per diventare tutor di imprese start up. 25 OBIETTIVI DI SVILUPPO Attrarre investimenti sul territorio accrescendo la qualità della domanda di capitale per la realizzazione di idee di business. Sviluppare una cultura del corporate venturing come canale alternativo ai metodi tradizionali per la crescita aziendale e lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali. Individuare il potenziale di innovazione del territorio reggiano e quindi le opportunità per nuove attività imprenditoriali anche con l obiettivo di fornire indicazioni alla Provincia e agli altri stakeholder istituzionali per orientare azioni future.

27 Agli obiettivi di sviluppo fanno seguito anche una serie di obiettivi specifici che l amministrazione si è posta nei confronti dei destinatari diretti del progetto. Attraverso RE UP la Provincia ha inteso formare, accompagnare e incubare le imprese partecipanti al programma affinché potessero affrontare con maggiore consapevolezza le prime fasi del loro percorso imprenditoriale, realizzando pienamente il loro potenziale. Sviluppare lo spirito imprenditoriale dei destinatari della formazione. OBIETTIVI SPECIFICI Fornire ai destinatari gli strumenti idonei a sfruttare commercialmente la propria idea imprenditoriale. Sviluppare nei destinatari una mentalità orientata al mercato esterno e recettiva dell innovazione. Accompagnare i destinatari nelle prime fasi (costituzione e start-up) del loro percorso imprenditoriale. 26

28 La Struttura del Programma Le idee imprenditoriali candidate al bando sono state selezionate secondo le modalità proprie dei business angel e venture capital, sulla base di alcuni criteri, tra cui: innovatività dell idea imprenditoriale; sostenibilità, completezza e coerenza del business plan; potenziale grado di interesse per i finanziatori privati; sostenibilità ambientale e pari opportunità. L attività formativa, di durata di circa 6 mesi, è stata incentrata sulle tematiche del business plan e sugli adempimenti normativi e fiscali per l avvio e la gestione d impresa. Il successivo percorso di accompagnamento, che si è svolto in collaborazione con IBAN, è stato prevalentemente dedicato alla redazione dei business plan, alla risoluzione di alcuni problemi legati allo sviluppo dei prodotti/servizi e alla preparazione degli incontri con gli investitori. Ciascun partecipante ha terminato la fase di accompagnamento avendo realizzato un business plan completo, un set di slides e un elevator pitch, elementi fondamentali per sostenere la fase successiva di presentazione finale. Durante la fase conclusiva del progetto, infatti, tutte le iniziative in gara sono state giudicate da una commissione tecnica, che ha attribuito un punteggio sulla base di alcune valutazioni, tra cui: la potenzialità del successo imprenditoriale; l appetibilità finanziaria, anche in considerazione di un eventuale interesse espresso dai business angel; il percorso formativo compiuto nell ambito del progetto e l effettiva crescita manageriale. Proprio il punteggio ottenuto in sede di valutazione finale ha permesso di assegnare alle iniziative migliori un contributo finanziario erogato a fondo perduto. 27 Fase 5 Fase 4 Fase 3 Fase 2 Erogazione di un finanziamento a fondo perduto Presentazione dei Business Plan Accompagnamento e Coaching Formazione in aula Fase 1 Scouting e Screening delle prime idee imprenditoriali

29 Il Bando di Selezione La prima edizione del progetto, avviata nell aprile del 2010 con la pubblicazione di un bando per la selezione di 10 idee imprenditoriali, ammetteva la partecipazione di: Neo Imprese costituite da non più di 3 anni Persone fisiche, singole o in gruppi di 3 individui al massimo 28 Ai fini della candidatura al bando, ai neo/aspiranti imprenditori era richiesta una breve descrizione dell idea imprenditoriale, ed era specificato che i progetti imprenditoriali selezionati avrebbero seguito un percorso di formazione e accompagnamento finalizzato alla stesura di un business plan, i cui costi sarebbero stati interamente sostenuti della Provincia di Reggio Emilia. Il bando, inoltre, prevedeva la possibilità che al termine della fase di formazione e accompagnamento i progetti migliori ricevessero un finanziamento a fondo perduto dalla Provincia.

30 La Selezione delle Idee Imprenditoriali Le idee imprenditoriali candidate al bando sono state selezionate sulla base dei seguenti criteri: Bontà dell idea progettuale; Innovatività dell idea imprenditoriale; Sostenibilità, completezza e coerenza del Business Plan; Potenziale grado di interesse per i finanziatori privati; Sostenibilità ambientale; Pari opportunità. 29 Le 10 idee partecipanti al programma, selezionate tra un gruppo di 20 candidature, coinvolgevano settori molto diversi tra loro:

31 ENERGIA 3PROGETTI BIOMEDICALE 2PROGETTI TECNOLOGIA COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE 1PROGETTO SICUREZZA 1PROGETTO 30 SIDERURGIA 1PROGETTO ELETTRONICA 1PROGETTO ALIMENTARE 1PROGETTO

32 La formazione e l accompagnamento Per l attività di formazione e accompagnamento, completamente gratuita per i destinatari e sovvenzionata con un finanziamento proveniente dal Fondo Sociale Europeo (FSE), è stato selezionato attraverso bando di concorso l ente di formazione reggiano CIS. CIS Scuola per la gestione d impresa, in partenariato con AIFI e IBAN, è stato il soggetto erogatore dell attività di formazione e accompagnamento. Il progetto formativo, invece, è stato coordinato da un Comitato tecnico scientifico, costituito da tre membri nominati dal partenariato e da un membro rappresentante della Provincia. Una volta insediato, il Comitato ha incontrato i dieci imprenditori selezionati per comprendere i fabbisogni formativi e organizzare in maniera proficua le attività previste dal progetto. Il percorso formativo si è composto di 80 ore d aula, organizzate in 10 giornate nel periodo maggio giugno 2010, alle quali si sono aggiunte 2 giornate di follow-up nel mese di novembre Più specificatamente, il programma di formazione si è articolato secondo il seguente ordine: ORE BUSINESS PLANNING +16 ORE AGGIUNTIVE DI FOLLOW UP ORE ADEMPIMENTI NORMATIVI E FISCALI ORE ICT ELEMENTI BASE ORE SOFT SKILLS IMPRENDITORIALI ORE ACQUISTI E NEGOZIAZIONE

33 Il percorso di accompagnamento, coordinato dal Presidente di IBAN Paolo Anselmo, si è concentrato sul perfezionamento del business model, sul completamento del business plan e sulla preparazione degli incontri con gli investitori. In questa fase, durante la quale erano previsti incontri individuali dedicati a ogni progetto imprenditoriale, sono emerse criticità particolarmente rilevanti rispetto a due idee progettuali, i cui titolari hanno scelto di concludere anticipatamente la partecipazione al progetto, essendo venute meno le condizioni di fattibilità tecnica. 32

34 La Valutazione finale e il Finanziamento a Fondo Perduto L attività di accompagnamento è culminata in una valutazione finale dei progetti imprenditoriali da parte di una commissione di valutazione, la quale ne ha valutato la bontà sulla base dei seguenti criteri: La potenzialità del successo imprenditoriale della iniziativa, alla luce dei Business Plan presentati. L appetibilità finanziaria dell iniziativa, anche in considerazione dell interesse espresso dai Business Angels. Il percorso formativo compiuto nell ambito del progetto ed effettiva crescita manageriale. 33 La sostenibilità ambientale del progetto. La presenza femminile nell impresa. A seguito della fase valutativa finale, i progetti partecipanti sono stati coinvolti in una giornata di presentazione pubblica, che è stata occasione per la Provincia per illustrare l iniziativa e i suoi esiti alla cittadinanza e agli stakeholder del territorio. A seguito dell evento di presentazione finale, la Giunta Provinciale ha accolto le proposte della commissione di valutazione assegnando un finanziamento totale di , erogati a fondo perduto in maniera proporzionale al punteggio ottenuto da ogni singolo progetto.

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

ReStartApp PIANO DIDATTICO COS È RESTARTAPP

ReStartApp PIANO DIDATTICO COS È RESTARTAPP PIANO DIDATTICO ReStartApp PIANO DIDATTICO COS È RESTARTAPP ReStartApp è un incubatore temporaneo di impresa per il rilancio dell economia appenninica. Un campus residenziale della durata di tre mesi insediato

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS Corsi di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa Le startup, in special modo quelle caratterizzate da processi, servizi

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

Torino Social Innovation.

Torino Social Innovation. Torino Social Innovation. Un programma di lavoro per la città e la giovane imprenditorialità. Le città e le comunità urbane sono al centro di un acceso dibattito politico-istituzionale europeo, che le

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

La competitività territoriale: Discordanza fra assetti istituzionali e i fabbisogni dei sistemi territoriali Veronica vecchi

La competitività territoriale: Discordanza fra assetti istituzionali e i fabbisogni dei sistemi territoriali Veronica vecchi La competitività territoriale: Discordanza fra assetti istituzionali e i fabbisogni dei sistemi territoriali Veronica vecchi 1 I PUNTI DI DEBOLEZZA SCARSE CAPACITA DI PROJECT MANAGEMENT DI FORMULAZIONE

Dettagli

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA MEMORIA DI GIUNTA Linee guida per il più efficace utilizzo degli strumenti di Ingegneria Finanziaria per favorire l accesso al credito delle P.M.I. del Lazio 1) PREMESSA I Fondi di Ingegneria Finanziaria

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Move Your Future Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Progetto corso sperimentale indirizzo imprenditorialità L attuale situazione di mercato pone la

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

START CUP CALABRIA 2015 REGOLAMENTO. Articolo 1. Definizione dell iniziativa

START CUP CALABRIA 2015 REGOLAMENTO. Articolo 1. Definizione dell iniziativa START CUP CALABRIA 2015 REGOLAMENTO Articolo 1 Definizione dell iniziativa La Start Cup Calabria 2015 (in breve: SCC) è una competizione tra persone quali studenti, laureati, ricercatori, docenti, neo-imprenditori

Dettagli

FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti)

FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti) FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti) Le piccole e medie imprese svolgono un ruolo molto importante nell economia italiana e ne costituiscono una ricchezza fondamentale. Spesso il rapporto

Dettagli

DALL IDEA AL PITCH: COME DARE VITA AD UNA STARTUP - PROGETTO PER SUPPORTARE LA CREAZIONE DI NUOVE STARTUP E LO SVILUPPO DELLE NUOVE AZIENDE MANTOVANE

DALL IDEA AL PITCH: COME DARE VITA AD UNA STARTUP - PROGETTO PER SUPPORTARE LA CREAZIONE DI NUOVE STARTUP E LO SVILUPPO DELLE NUOVE AZIENDE MANTOVANE DALL IDEA AL PITCH: COME DARE VITA AD UNA STARTUP - PROGETTO PER SUPPORTARE LA CREAZIONE DI NUOVE STARTUP E LO SVILUPPO DELLE NUOVE AZIENDE MANTOVANE Obiettivi del progetto Un percorso per chi decide di

Dettagli

Bologna, 01 Giugno 2016

Bologna, 01 Giugno 2016 Via Toscana 19/a 40069 Zola Predosa (BO) Tel. +39 051 31 60 311 Fax +39 051 31 60 399 e-mail: info@improntaetica.org www.improntaetica.org Bologna, 01 Giugno 2016 Oggetto: Consultazione pubblica per l

Dettagli

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO Marco Malagoli, Chiara Capelli AICQ Comitato Ambiente ABSTRACT Nel presente lavoro viene esaminato il collegamento logico tra qualità e sviluppo sostenibile, in

Dettagli

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL)

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) Feedback report Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) 13 febbraio 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: Telefono: Fax: Direzione Didattica -2 Circolo Niscemi Via Calatafimi,

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

SCENARIO DI RIFERIMENTO

SCENARIO DI RIFERIMENTO Confindustria Verona e Cim&Form S.r.l., in collaborazione con CO.MARK S.p.A., propongono una nuova opportunità rivolta alle aziende veronesi che vogliono potenziare, con una specifica attività formativa

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE 40 ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE Le attività di accoglienza ed di MARINA COSTA Negli incontri di formazione nel progetto Sportello per il Microcredito si sono affrontate diverse

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Corso di alta formazione Manager per l innovazione turistica

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ACADEMY WAKE UP PESARO

AVVISO PUBBLICO ACADEMY WAKE UP PESARO 0 AVVISO PUBBLICO ACADEMY WAKE UP PESARO SELEZIONE IDEE DI IMPRESA O START-UP DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLE QUALI OFFRIRE UN PERCORSO DI SMART COACHING 1. PREMESSA L Agenzia per l Innovazione

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE REGIONANDO 2001 REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: BIOINDUSTRY PARK

Dettagli

Allegato parte integrante - 1 ALLEGATO 1)

Allegato parte integrante - 1 ALLEGATO 1) Allegato parte integrante - 1 ALLEGATO 1) PIANO DI INTERVENTO PER FAVORIRE IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEI LAVORATORI FRUITORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI E DEI LAVORATORI IN STATO DI DISOCCUPAZIONE DI IMPRESE

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI FEMMINILI - PROGETTO OVER 40 ANNO 2013. Disposizioni generali

BANDO DI CONCORSO PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI FEMMINILI - PROGETTO OVER 40 ANNO 2013. Disposizioni generali BANDO DI CONCORSO PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI FEMMINILI - PROGETTO OVER 40 ANNO 2013 Disposizioni generali Art. 1 Azione dell intervento La Camera di Commercio di Reggio Emilia, su indicazione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

COORDINATE PER CRESCERE

COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE E COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE CHI SIAMO Attraverso un approccio integrato, una struttura flessibile e una spiccata preparazione professionale, Consilia offre

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

SOCIAL MENTE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

SOCIAL MENTE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE SOCIAL MENTE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE ATTENZIONE! LA SCADENZA PER L INVIO DEI MODULI DI ISCRIZIONE È STATA PROROGATA AL 23 MAGGIO 2015; ALLA GARA DI IDEE POTRANNO PARTECIPARE FINO A 10 GRUPPI. 1. PREMESSA

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT PROGRAMMA OPERATIVO FSE BASILICATA 2007-2013

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT PROGRAMMA OPERATIVO FSE BASILICATA 2007-2013 Supporto tecnico organizzativo alle PES FSE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT PROGRAMMA OPERATIVO FSE BASILICATA 2007-2013 Servizio di supporto tecnico organizzativo alle

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE

LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE FORMAZIONE PER I DIRIGENTI CORSI GRATUITI 2011 Piano Formativo LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE (FDIR 3136) QUALE FORMAZIONE PER I DIRIGENTI NEL CONTESTO ATTUALE? E risaputo

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

AVVISO di SELEZIONE. Summer School in organizzazione e management d impresa Scuola per il capitale umano e l imprenditoria a Pavia SIPavia

AVVISO di SELEZIONE. Summer School in organizzazione e management d impresa Scuola per il capitale umano e l imprenditoria a Pavia SIPavia AVVISO di SELEZIONE Summer School in organizzazione e management d impresa Scuola per il capitale umano e l imprenditoria a Pavia SIPavia Pag. 1 di 12 INDICE 1. OBIETTIVI E PRINCIPI DELL INIZIATIVA pag.

Dettagli

Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi

Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi Attività dirette al rafforzamento degli Uffici addetti alle politiche e alla gestione del personale delle Amministrazioni degli Enti Locali delle

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020 Obiettivo Tematico 1 - Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione Obiettivo Tematico 10 - Istruzione e Formazione IL

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

TERRE DI SIENA CREATIVE

TERRE DI SIENA CREATIVE Amministrazione Provinciale di Siena BANDO DI CONCORSO TERRE DI SIENA CREATIVE Data pubblicazione : 8 NOVEMBRE 2012 1. Oggetto e finalità L Amministrazione Provinciale di Siena, APEA s.r.l. e la CCIAA

Dettagli

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme Fondazione ISTUD IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme SVILUPPARE E GESTIRE IN MANIERA VINCENTE LA TUA IDEA DI BUSINESS In collaborazione con: I soci della Fondazione ISTUD sono: AMIAT - AZIENDA MULTISERVIZI

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

REPORT SUI RISULTATI DEI PERCORSI FORMATIVI

REPORT SUI RISULTATI DEI PERCORSI FORMATIVI REPORT SUI RISULTATI DEI PERCORSI FORMATIVI Sommario. I percorsi formativi di Impresa creativa: missione possibile.... Formazione e consulenza ad hoc per giovani creativi.... Rimini.... Cesena.... Faenza....

Dettagli

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE OBIETTIVI Obiettivo della Città di Torino è attivare una misura di accompagnamento e sostegno alla realizzazione di progetti imprenditoriali

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com BUSINESS DEVELOPMENT noesisweb.com Guidiamo le persone nel diventare attori principali della propria realtà, costruendo, negli ambiti professionali e di vita privata, un mondo al quale sia piacevole appartenere

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli