REGGIOBATTELACRISI Lʼesperienza RE UP della Provincia di Reggio Emilia RE UP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGGIOBATTELACRISI Lʼesperienza RE UP della Provincia di Reggio Emilia RE UP"

Transcript

1 REGGIOBATTELACRISI Lʼesperienza RE UP della Provincia di Reggio Emilia RE UP

2 Questo volume è stato realizzato da Manuela Brusoni e Veronica Vecchi, docenti della Scuola di Management dell Università Bocconi, per la Provincia di Reggio Emilia. Il volume è stato realizzato con il supporto di Francesca Casalini e Niccolò Cusumano. L impaginazione e la grafica del volume sono state realizzate da Niccolò Alessandri.

3 SOMMARIO Prefazione Introduzione Parte I - RUOLO DELLA PA A SUPPORTO DELLO SVILUPPO Alcuni spunti di riflessione Il ruolo della PA per lo sviluppo e la competitività Un possibile percorso per l attuazione delle politiche di sviluppo a livello locale I gap dello sviluppo e il managerial flow Parte II - L INIZIATIVA RE UP PROMOSSA DALLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Il contesto economico territoriale e il piano anti-crisi RE UP dietro le quinte La prima edizione RE UP 2010 Gli obiettivi La struttura del programma Il bando di selezione La selezione delle idee imprenditoriali La formazione e l accompagnamento La valutazione finale e il finanziamento a fondo perduto I risultati della prima edizione La seconda edizione RE UP 2012/13 Il bando di selezione La selezione delle idee imprenditoriali La formazione e l accompagnamento I risultati della seconda edizione Conclusioni Parte III - LE VOCI DI RE UP Il tutor La coach I partecipanti Le voci fuori campo Bibliografia

4 PREFAZIONE Presidente della Provincia di Reggio Emilia Sonia Masini Per diventare imprenditori, non basta un idea di business vincente o un finanziamento se questi non sono accompagnati da un adeguata formazione sulle dinamiche aziendali e del mercato, dal coraggio con cui li si affronta, dalla capacità di misurare rischi e opportunità. La Provincia di Reggio Emilia ha promosso in questi anni una serie di iniziative volte a sostenere la creazione di posti di lavoro, in particolare per i giovani e le donne. Lo ha fatto con RE UP, puntando sulle idee innovative dei giovani reggiani; lo ha fatto con il progetto sul microcredito per incentivare l imprenditoria femminile; lo ha fatto con lo sportello autoimprenditoria attivo nei Centri per l impiego per affiancare le persone che vogliono aprire una nuova impresa. Un impegno che ha portato alla nascita di una cinquantina di attività che, a loro volta, hanno creato molti posti di lavoro. 3 Reggio Emilia è diventata una delle province più dinamiche e ricche anche grazie ai propri imprenditori e costituisce l esempio di un modello di successo dove il sistema locale ha saputo trainare, con forte autonomia dal contesto nazionale, crescita, sviluppo, benessere. È la storia dell esperienza emiliana che mostra come politiche locali adeguate possano contrastare e invertire situazioni nazionali non positive. La lezione di questa storia, pur essendo completamente mutate le condizioni, è ancora di grande attualità e andrebbe assunta come uno dei parametri di riferimento per attuare le politiche europee previste dalla multilevel governance: favorire nuova crescita e coesione come prevede la strategia di Lisbona. Essa è una realtà pienamente europea, di quell Europa più avanzata in cui il mix im-

5 presa, servizi pubblici qualificati, coesione sociale e territoriale costituisce ancora un vantaggio competitivo notevole. È un patrimonio da difendere e rigenerare, perché tra i migliori al mondo. È stato un impegno grande, dal dopoguerra ad oggi, che continua incessantemente anche nel mezzo della durissima crisi economica: a Reggio Emilia si continua a ingegnarsi, a innovare. Anche il progetto avviato dalla Provincia di Reggio Emilia e giunto alla sua seconda edizione, RE UP, dimostra che le competenze, la creatività, le intelligenze, la voglia di scommettere sul futuro non mancano. Non ci sono soltanto cervelli in fuga, ci sono anche tanti giovani che restano qui, in Italia, che cercano di inventarsi nuove imprese o di riconvertire e rilanciare quelle familiari, giovani che hanno nuove idee e nuove competenze e vanno sostenuti, accompagnati nelle forme giuste. 4 Si deve avere fiducia in quello che sappiamo fare e pretendere che sia riconosciuta la propensione all ingegno, alla realizzazione della propria vocazione: bisogna premiare chi ha iniziativa e sa e vuole mettersi in gioco affrontando i necessari sacrifici. La Provincia di Reggio Emilia, rispetto ai compiti tradizionali dell ente in materia di lavoro, ha scelto di compiere un passo ulteriore e di essere al fianco di quanti vogliano fare impresa, nella consapevolezza del sistema virtuoso che si può attivare quando progetti giusti incrociano la domanda del mercato. Da qui, dalla fiducia in se stessi e da una visione del futuro, si può ripartire per creare nuove opportunità; il successo delle nuove imprese testimonia che è ancora possibile farcela, basta non arrendersi.

6 INTRODUZIONE Questo volume ha l obiettivo di illustrare e discutere il progetto RE UP, intrapreso dalla Provincia di Reggio Emilia nell ambito di un ampio programma con il quale ha cercato di dare una risposta alla crisi che ha colpito duramente il sistema produttivo reggiano e che ha messo in discussione il paradigma di riferimento su cui l economia della provincia si era sempre fondata. RE UP, acronimo di Reggio Emilia per le imprese start up, è un iniziativa volta alla promozione dell innovazione e della creatività d impresa attraverso l accompagnamento e il supporto di giovani imprese innovative. Il supporto all imprenditorialità è elemento fondamentale all interno degli obiettivi di competitività e sviluppo, che sempre più costellano i programmi elettorali, catalizzando le risorse e l attenzione di coloro che definiscono le politiche pubbliche, e la cui criticità è sempre più spesso ribadita dalle imprese e dalle loro associazioni di riferimento. Se tali obiettivi sembrano essere definiti in modo chiaro a livello europeo, non sempre a livello nazionale e locale le amministrazioni pubbliche riescono a tradurli in programmi e azioni efficaci. 5 Il progetto RE UP condotto dalla Provincia di Reggio Emilia, invece, si differenzia e si contraddistingue per un approccio nuovo, volto alla chiusura di alcuni gap che spesso ostacolo a livello locale un allocazione mirata delle risorse verso programmi realmente capaci di generare risultati per i loro destinatari. Il presente lavoro si pone l obiettivo di mettere in evidenza come un processo manageriale, nella definizione e nell implementazione di programmi e progetti di sviluppo locale, sia essenziale per generare quegli impatti che attuino con successo le aspirazioni delle politiche regionali, nazionali e comunitarie.

7 Infine esso può fornire un supporto metodologico e operativo a tutte le amministrazioni locali italiane, che, basandosi sull esperienza della Provincia di Reggio Emilia, vogliano derivarne utili spunti per personalizzare un proprio progetto a supporto dell imprenditorialità e dello sviluppo economico del territorio. Si ritiene, infatti, che il progetto RE UP della Provincia di Reggio Emilia costituisca un esempio di come un amministrazione sia riuscita, partendo dall analisi delle specificità e dei fabbisogni territoriali, a realizzare un programma di supporto allo start up d impresa, che, benché mirato, possa generare effetti positivi sulla capacità del territorio di avviare nuove attività imprenditoriali. 6

8 PARTE I RUOLO DELLA PA A SUPPORTO DELLO SVILUPPO* *Questa sezione è un riadattamento di Vecchi et al e di Brusoni e Vecchi 2012

9 ALCUNI SPUNTI DI RIFLESSIONE Il tema dello sviluppo imprenditoriale è considerato una delle determinanti più importanti dello sviluppo economico locale e, per tale motivo, deve ricoprire un ruolo fondamentale nella definizione e nell implementazione delle politiche pubbliche. Il supporto all imprenditorialità è anche una delle principali priorità nelle politiche dell Unione Europea tese al rilancio della competitività e della crescita, così come si evince dal piano strategico Europa Queste politiche devono essere programmate e implementate principalmente a livello regionale attraverso la gestione dei Fondi Strutturali Europei, i quali sono co-finanziati dagli stati membri e dalle regioni (secondo il cosiddetto principio di addizionalità) e gestiti in autonomia dalle seconde, coerentemente con le loro priorità territoriali (secondo il principio di concentrazione) [1]. Dato l interesse diffuso nei confronti dell imprenditorialità quale elemento essenziale delle politiche di sviluppo locale, risulta meritevole di sempre maggiore attenzione il dibattito sulle azioni che le amministrazioni pubbliche e altri attori locali (le camere di commercio, le associazioni di imprese, le agenzie per lo sviluppo, e così via) dovrebbero implementare per massimizzare il raggiungimento dei loro obiettivi strategici. 8 Tale dibattito è al centro anche dell interesse della letteratura accademica, dalla quale provengono alcuni suggerimenti molto specifici, che riguardano: Iniziative di venture capital miste pubblico-privato [2] ; Incubatori [3] ; Programmi di supporto mirati per nuove imprese ad alto potenziale di crescita [4] ; Do not harm approach, che prescrive un approccio di tipo non invasivo da parte della Pubblica Amministrazione [5].

10 Qualunque sia la linea di intervento prescelta, il livello locale, con le sue articolazioni istituzionali, dovrebbe rappresentare la cinghia di trasmissione delle politiche di sviluppo definite a livello macro strutturale e il territorio, inteso come il luogo in cui si realizzano gli interventi. Spesso, però, l interazione di fattori quali la complessità delle problematiche a cui dare risposta, la molteplicità degli stakeholder coinvolti, la presenza di ingenti risorse finanziarie stanziate nell ambito dei programmi di competitività e sviluppo (molti dei quali cofinanziati dai fondi strutturali) ha determinato risultati sub ottimali: problematiche complesse sono state affrontate attraverso iniziative concepite con un approccio di breve termine finalizzato a dimostrare la capacità di spesa delle risorse piuttosto che all investimento [6]. E, infatti, i più recenti dati sulla competitività del nostro Paese mostrano una situazione molto critica: tra i paesi OECD, l Italia si classifica al terzultimo posto nel 2013 e anche nel 2014 nella scala della World Bank che misura la facilità di fare business [7] ed è considerata un innovatore moderato dallo European Innovation Scoreboard [8]. 9

11 IL RUOLO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA Evidenze dalla letteratura Negli ultimi due decenni, abbiamo assistito, specialmente in Europa, a una crescente rilevanza degli attori a livello regionale e locale nell implementazione delle politiche pubbliche per lo sviluppo economico, in conseguenza di alcune tendenze, tra cui: Il decentramento delle competenze e la crescente autonomia delle autorità territoriali [9] ; Il ruolo centrale ricoperto dai fondi strutturali dell Unione Europea, il cui funzionamento è basato sui principii di sussidiarietà e di governance a più livelli [10]; Il processo di globalizzazione, che, in generale, ha colpito il lavoro e l economia, costringendo gli attori a livello locale a battersi per predisporre e implementare azioni a supporto delle comunità e dei sistemi produttivi del loro territorio [11] ; nei paesi sviluppati, inoltre, la globalizzazione e il passaggio a un economia basata sulla conoscenza (la cosiddetta knowledge-based economy) [12] hanno reso le politiche monetarie e fiscali tradizionali meno efficaci, stimolando gli organi governativi a tutti i livelli a pensare a nuove politiche per il supporto dell imprenditorialità [13]. 10 Di conseguenza, è sempre più rilevante il numero di attori coinvolti nella definizione e nell implementazione delle politiche di sviluppo locale [14], attori che molto spesso si collocano al di fuori della tradizionale giurisdizione e operano secondo modelli di governance a network [15], stimolando lo sviluppo di varie forme di partnership (orizzontali o inter-organizzative, e verticali o inter-governative) [16], all interno delle quali la collaborazione è determinante per il successo dell implementazione [17]. Nonostante si attribuisca un ruolo centrale agli attori a livello territoriale e si cerchino casi concreti che ne possano rappresentare evidenze empiriche, la letteratura sul tema dello sviluppo, assimilando le teorie provenienti da altre discipline [18] come la macroeconomia e l imprenditorialità, si concentra principalmente su quelle determinanti delle politiche che si considerano più adatte ai fini dello sviluppo economico e della competitività. Sebbene si invochino politiche più efficaci [19] e si cerchi di analizzare i

12 programmi pubblici per lo sviluppo [20], l approccio adottato in letteratura è sempre di tipo macrostrutturale, mancante nell indicare chiaramente le adeguate azioni manageriali da intraprendere. In alcuni casi, in particolare quando ci si riferisce all area geografica italiana a noi ben nota, si osservano numerosi e controversi risultati, nonché esempi fuorvianti riferiti a casi trattati troppo superficialmente [21], probabile conseguenza della volontà degli autori di condurre ricerche esaustive in termini di numero di osservazioni considerate. Da altri autori, invece, provengono alcuni interessanti spunti ai quali ispirarsi: un sistema basato sui risultati per legittimare le amministrazioni coinvolte nelle politiche di sviluppo locale [22] e il suggerimento offerto da Cheshire e Magrini [23] di investire in interventi value added, a valore aggiunto, che prevedono un utilizzo delle risorse pubbliche per l erogazione di servizi reali o per il miglioramento degli asset materiali e immateriali del territorio (investimenti in educazione e formazione, infrastrutture, miglioramenti del quadro normativo e regolamentare), piuttosto che in interventi pure waste, di mero spreco di risorse (marketing territoriale e promozione), o zero sum, a somma zero (attrazione degli investimenti basata su incentivi fiscali o finanziari). 11 In ogni caso, ciò che è utile evidenziare dalla letteratura qui analizzata è che la pubblica amministrazione, soprattutto quella locale, può avere un ruolo importante in relazione all implementazione delle politiche di sviluppo. Ruolo che non si deve limitare alla traduzione acritica di un piano in un azione fine a se stessa, ma che deve essere motivato e articolato sulla base delle specifiche caratteristiche del territorio. Spunti di riflessione, definiti secondo un approccio di management, per le pubbliche amministrazioni chiamate a implementare politiche e programmi di sviluppo, possono essere rappresentati dalle otto regole suggerite da Waits, Kahalley e Heffernon [24], di seguito sintetizzate e commentate.

13 1 Pensare in termini di processi di sviluppo, non di agenzie di sviluppo. Il supporto allo sviluppo non dovrebbe esaurirsi nell istituzione di un soggetto ad hoc; esso dovrebbe piuttosto fondarsi sulla costruzione e alimentazione di reti di attori capaci di attivare e gestire processi convergenti. 2 Pensare al sistema, non ad azioni specifiche. Incubatori, parchi tecnologici, fondi di venture capital non rappresentano soluzioni valide di per sè; essi possono essere il punto di arrivo di programmi di sviluppo o strumenti da inserire in una programmazione definita sulla base delle esigenze del territorio e delle imprese. 3 Pensare ai building blocks, non ai dettagli. Il successo dei programmi di sviluppo dipende dalla loro capacità di rispondere alle reali esigenze di sviluppo del territorio e dalla verifica dell esistenza delle cosiddette condizioni igieniche. Concentrare le risorse sui dettagli risponde solo a logiche contingenti e di ricerca del consenso. 4 Pensare ai cluster, non alla singole imprese. L individuazione di soluzioni mirate per rispondere alle esigenze delle singole imprese o di poche di esse (come il caso dell aiuto finanziario) non consente di creare le condizioni per la nascita o il rafforzamento di un sistema locale competitivo. 5 Pensare in termini di bisogni delle imprese, non di spesa. L efficacia dei programmi di sviluppo dipende dalla capacità di raccogliere, analizzare e sintetizzare i fabbisogni delle imprese e non dal finanziamento di soluzioni sperimentate, magari anche con risultati soddisfacenti, in altre realtà territoriali Pensare in qualità di catalizzatori, non di esecutori. Le amministrazioni dovrebbero agire come registi e coordinatori di un sistema di attori, ai quali demandare, in funzione dei ruoli istituzionali e competenze, la gestione di iniziative e programmi complementari. 7 Pensare in termini di aree economiche, non in base ai confini amministrativi. I programmi di sviluppo, quando definiti in funzione delle esigenze delle imprese, dovrebbero essere concepiti in relazioni ad aree economiche, indipendentemente dai confini amministrativi. 8 Pensare agli impatti e all accountability, non alla quantità. La programmazione di nuove iniziative di sviluppo dovrebbe fondarsi anche sull analisi dei risultati e degli impatti generati dai programmi conclusi, la cui performance non dipende certamente dalla quantità di risorse investite o imprese supportate o finanziati.

14 UN POSSIBILE PERCORSO PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE DI SVILUPPO A LIVELLO LOCALE Il modello Condizioni-Azioni-Risultati Sulla base della letteratura e dell osservazione di molteplici casi nell ultimo decennio, è possibile definire un modello articolato in tre passaggi, che può essere utile per guidare l azione delle amministrazioni pubbliche nello sviluppo locale. C O N D I Z I O N I Infrastrutture Legittimazione & Coevoluzione Semplificazione A Z I O N I P A Servizi Locali Formazione Finanziamenti R I S U L T A T I Retention Innovazione Attrattiva Completitività 13 Le condizioni di sistema rappresentano i fattori igienici, ovvero gli elementi da cui non si può prescindere per avviare efficaci programmi di sviluppo, anche di tipo imprenditoriale. Una volta generato l humus, le amministrazioni possono definire il portafoglio di attività e servizi, in modo coerente ai fabbisogni e alle specificità del territorio, diversificando, ove necessario, le azioni. Tra le condizioni di sistema si ritengono particolarmente importanti una dotazione infrastrutturale adeguata, la riduzione del red tape, ovvero della burocrazia eccessiva, il riconoscimento dell amministrazione pubblica stessa quale partner privilegiato nei processi di sviluppo delle imprese e la coevoluzione tra attori pubblici e privati. Fonte: Rielaborazione da Brusoni e Vecchi 2009a

15 In relazione alle infrastrutture, va detto che esse rappresentano l ossatura di un sistema competitivo: si tratta non solo di infrastrutture di trasporto, ma soprattutto di telecomunicazione, di ricerca e di formazione, quali università e laboratori. Essi sono considerati un fattore igienico, un elemento su cui fare leva per stimolare la competitività: purtroppo molto spesso l infrastruttura hard è stata considerata il punto di arrivo e non di partenza delle politiche pubbliche di sviluppo. In relazione al red tape, ovvero alle azioni per la semplificazione amministrativa, è importante evidenziare che molte sono state le azioni intraprese in questa direzione, non sempre caratterizzate da una reale capacità di rispondere in modo efficace alle esigenze delle imprese [25]. E fondamentale evidenziare che non basta definire un sistema snello di norme e regolamenti, o adottare soluzioni che hanno dimostrato di funzionare in altri contesti, ma che è necessario individuare, a livello di sistema amministrativo e territoriale locale, soluzioni condivise, tra pubblico e privato, basate su una comprensione delle reali esigenze locali. A tal proposito si sono dimostrate efficaci iniziative pilota promosse congiuntamente da amministrazioni locali e associazioni imprenditoriali volte a promuovere servizi alla creazione di impresa o attività di controllo più flessibili, definite sulla base dell incontro tra obblighi normativi e peculiarità del tessuto produttivo locale [26]. 14 La coevoluzione può essere declinata nella capacità di ascolto del territorio e nella definizione di percorsi di sviluppo integrati. Raggiungere obiettivi collettivi non dipende, infatti, semplicemente dall azione di un unico soggetto, quanto piuttosto dal contributo di una pluralità di attori, sia pubblici sia privati, ognuno portatore di specifiche risorse, di tipo economico, di consenso, di conoscenze, ecc. L efficacia dell azione pubblica dipende, infatti, dalla capacità di coinvolgimento, coordinamento e integrazione di tutti i soggetti che possono utilmente contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo. Fondamentale a questo fine è il mettersi nei panni dei propri interlocutori, attraverso indagini e ricognizioni, al fine di comprendere meglio i fabbisogni del territorio e delle imprese per la programmazione del mix più adeguato di servizi e risorse finanziarie, riducendo quindi il gap tra domanda e offerta. In relazione al portafoglio delle attività che possono essere gestite, quale modalità per implementare le politiche pubbliche di sviluppo, è possibile far

16 riferimento a tre categorie: servizi reali, servizi finanziari e formazione. Nella categoria servizi reali rientrano quelli erogati dalle agenzie di sviluppo, le agenzie per l attrazione di investimenti, per l innovazione e le organizzazioni che operano a supporto dell internazionalizzazione delle imprese, i parchi scientifici e tecnologici, ma anche quelli erogati attraverso forme di partnership con università e centri di ricerca. Si tratta, cioè, di servizi che possono supportare la creazione di impresa, oppure piani di sviluppo, processi di innovazione o strategie di internazionalizzazione. Generalmente si tratta di servizi che non si trovano sul mercato, oppure, quando esistono, sono difficilmente accessibili, anche per gli elevati costi, oppure sono standardizzati e quindi non in grado di supportare efficacemente le aziende di un sistema produttivo o di un territorio. Nella categoria servizi finanziari rientrano gli strumenti di finanza agevolata in tutte le loro forme, dai contributi a fondo perduto alle altre forme di agevolazione più efficienti, quali i contributi in conto capitale sociale o in conto interessi o il venture capital misto pubblico privato. La formazione, sia degli operatori pubblici sia di quelli privati, assume un ruolo importante. In relazione alla formazione degli amministratori e funzionari pubblici può essere emblematico quanto citato da Porter [27], secondo cui le amministrazioni hanno la necessità di fare investimenti per saper fare investimenti. La formazione orientata agli operatori privati risulta fondamentale per supportare la loro capacità di fare impresa e di fare innovazione. Spesso il finanziamento e il coordinamento di programmi di formazione mirati e innovativi può essere ben più efficace di un supporto di tipo finanziario. Gli interventi formativi congiunti, per operatori pubblici e privati, rappresentano poi un altro ambito di azione di rilevante importanza, specie a supporto della progettazione di nuovi servizi rivolti alle imprese. La creazione di un terreno comune di conoscenze e la condivisione di un lessico appropriato risulta essere un efficace agente di facilitazione, che assicura un più agevole percorso di comprensione dei fabbisogni e di condivisione di attività e risultati. 15

17 I GAP DELLO SVILUPPO E IL MANAGERIAL FLOW Non sempre, come si è già detto, le azioni pubbliche a supporto dello sviluppo vengono definite e implementate in modo efficace. È pertanto necessario che le pubbliche amministrazioni responsabili dell implementazione di tali politiche definiscano non solo che cosa fare, ma anche quando farlo, con che grado di intensità, con chi. Serve cioè un sistema di lenti con cui analizzare il contesto di riferimento, gli elementi che lo caratterizzano e le loro interazioni. Questo sistema di lenti può essere rappresentato dal modello dei gap [28], in cui sono state sistematizzate le osservazioni condotte dagli autori nel corso degli ultimi quattro anni. Tale schema non ha solo finalità di tipo descrittivo delle possibili aree di debolezza e di limitata efficacia degli interventi pubblici. Esso, piuttosto, è stato definito con finalità di tipo diagnostico. GAP DI PROGRAMMAZIONE Gap dovuto a un frazionamento di programmi, progetti e strumenti di supporto allo sviluppo, spesso concepiti in una logica di spesa e non di investimento, recentemente esasperato anche dall incertezza finanziaria. 16 GAP DI GOVERNANCE Gap causato dalla difficoltà di coordinamento tra i soggetti che intervengono in diversi ambiti di sviluppo territoriale con responsabilità spesso sovrapposte, concorrenti e frammentate. GAP DI SELEZIONE Gap identificabile in una scarsa propensione a concentrare le risorse finanziarie e gli interventi in poche iniziative strategiche. Da ciò deriva un illusione di equità distributiva, che tuttavia non è in grado di generare impatti duraturi e percepibili per la polverizzazione delle risorse finanziarie a cui dà luogo. GAP DI COLLABORAZIONE E INTEGRAZIONE Gap identificabile nella difficoltà di promuovere iniziative capaci di mettere a sistema le risorse umane e finanziarie del pubblico e del privato, attivando quel volano di sviluppo che, al contrario, iniziative parcellizzate, portate avanti in autonomia dal pubblico o dal privato, non sono in grado di generare. GAP DI CONOSCENZA E ASCOLTO Gap da cui dipende una scarsa capacità di progettare e gestire interventi in grado di rispondere ai fabbisogni delle imprese, accentuato spesso da una marcata asimmetria informativa che riduce la capacità di accesso delle imprese ai servizi e agli incentivi pubblici. Fonte: Rielaborazione da Brusoni e Vecchi 2010a

18 I gap rappresentano delle categorie logiche rilevanti per condurre un analisi del contesto territoriale, da cui possono essere individuati percorsi di intervento fattibili e indicazioni utili per concentrare azioni e risorse. Spesso, infatti, la definizione di interventi pubblici a supporto dello sviluppo segue logiche di tipo contingente, fondate sulla ricerca di un consenso immediato, influenzate da pressioni esterne o guidate dalla volontà di realizzare una iniziativa differente, e magari migliore, rispetto a programmi gestiti da altre istituzioni sul territorio. Inevitabilmente questo approccio può condurre a interventi pure waste, ovvero di spreco di risorse, come definiti da Cheshire e Magrini [29] o può alimentare quella polverizzazione di azioni e risorse che non consente di creare la massa critica necessaria per supportare un rilancio di competitività. Come strumento di diagnosi, i gap posso essere quindi utilizzati per analizzare in modo specifico le caratteristiche che essi assumono nel territorio di riferimento, per comprendere il grado di influenza che ogni attore istituzionale può avere rispetto alla loro chiusura o risoluzione e per orientare gli interventi prioritari. L utilizzo dei gap durante il processo diagnostico consente di avviare un percorso di definizione delle soluzioni con il coinvolgimento dei destinatari finali, nella formulazione dei fabbisogni, e degli stakeholder rilevanti, eventualmente in un percorso a fasi progressive, che consenta all attore promotore di consolidare la sua legittimazione. 17 E importante sottolineare che soltanto l applicazione di capacità e metodi manageriali può supportare la chiusura dei gap o prevenirne la manifestazione. In questo senso, è importante distinguere i fattori abilitanti in due ambiti: le managerial actions, le tipologie di azioni essenziali per realizzare/implementare un programma o progetto di sviluppo, e i managerial assets, che possono essere considerati un valore caratterizzante e abilitante per generare un risultato. Essendo le managerial actions e i managerial assets degli elementi dinamici e interrelati, la loro azione sinergica verso la chiusura dei gap può essere paragonata a una sorta di flusso manageriale (managerial flow) che abilitala definizione e l implementazione di programmi e progetti di sviluppo. Il managerial flow può rappresentare dunque un metodo di lavoro per gli enti a livello locale per tradurre gli orientamenti politici in progetti e in azioni.

19 GAP DI PROGRAMMAZIONE CONOSCENZA DEI PROBLEMI E CONSAPEVOLEZZA DELLE POSSIBILI SOLUZIONI LEADERSHIP E LEGITTIMAZIONE ANALISI CONTESTO LOCALE Fabbisogni, Aspettative, Risorse GAP DI GOVERNANCE ANALISI DEL CONTESTO ESTERNO Trend, Esperienze, Pratiche MONITORAGGIO E REVISIONE GAP DI SELEZIONE 18 DESIGN E IMPLEMENTAZIONE PROGETTI MANAGERIAL ACTION APPRENDIMENTO E RIORIENTAMENTO MANAGERIAL ASSET GAP DI COLLABORAZIONE E INTEGRAZIONE GAP DI CONOSCENZA E ASCOLTO Fonte: Rielaborazione da Brusoni e Vecchi 2013

20 NOTE [1] Ansell, 2000; Bachtler e Mendez, [2] Aernoudt, 1999; Lerner, 1999; Mason, 2009; Murray, [3] Acs and Szerb, 2007; Aernoudt, 2004; Pena, 2002; Sternberg e Wennekers, [4] Mason e Brown, 2011; Shane, [5] Hospers et al., [6] Brusoni e Vecchi, 2010a. [7] Doing Business 2012 e [8] Hollanders e Es-Sadki, [9] Pollit et al., [10] Governa e Salone, 2004; Percoco e Giove, 2009; Pichierri, [11] Ansell e Gash, [12] Cooke, [13] Audretsch, 2004; Gilbert et al., [14] Agranoff e McGuire, [15] Agranoff e McGuire, 1998; Ansell, 2000; Cooke e Morgan, [16] Marks, 1992; Percoco e Giove, [17] Ansell e Gash, 2007; O Toole, 1995, [18] Becattini, [19] Karlsson e Andersson, 2009, p.127. [20] OECD, 2010; Storey, [21] tra gli altri: Ansell, 2000; Storey e Theter, [22] Malecki, 2002; Rondinelli, [23] Cheshire e Megrini 2012 [24] Waits, Kahalley e Heffernon, [25] Brusoni e Vecchi, 2009b. [26] Brusoni e Vecchi, [27] Porter, [28] Brusoni e Vecchi, 2008 e 2010a. [29] Cheshire e Megrini

21 PARTE II L INIZIATIVA RE UP PROMOSSA DALLA PROVINCIA REGGIO EMILIA

22 IL CONTESTO ECONOMICO SOCIALE E IL PIANO ANTI-CRISI L iniziativa RE UP è nata nell ambito di un ampio programma messo in atto dalla Provincia di Reggio Emilia per contrastare gli effetti della profonda crisi economica che ha colpito il territorio nel Quello che era uno tra i territori più ricchi e sviluppati d Italia e d Europa a inizio 2009 ha dovuto affrontare un calo dell industria locale (in particolare della meccanica e della ceramica), con un tasso di disoccupazione cresciuto in pochi mesi e un tasso di giovani inoccupati quasi raddoppiato. Benché colpita fortemente dalla crisi, la situazione della provincia reggiana era comunque migliore rispetto alla media nazionale. Nel corso del 2009 è stato avviato un piano di interventi di portata rilevante per molti aspetti: la molteplicità delle azioni programmate, il numero di stakeholder coinvolti e l ammontare delle risorse investite. Le linee di azione del piano comprendevano: ammortizzatori sociali, formazione, microimprenditoria femminile, accesso al credito alle imprese e servizi reali, innovazione e rilancio economico, legalità e trasparenza, contrasto alla povertà, aiuti alle famiglie. Le azioni sono state progettate e gestite attraverso il tavolo anticrisi, che raccoglieva i quarantacinque comuni della Provincia, le associazioni di categoria, la camera di commercio, i sindacati e, di volta in volta, altri attori rilevanti, quali, a titolo di esempio, le banche locali, la Fondazione Cassa di Risparmio di Reggio Emilia Pietro Manodori, la Banca Europea per gli Investimenti, operatori del micro-credito. 21 Nell ambito dell ampio piano messo in atto dalla Provincia, il progetto RE UP è finalizzato a supportare la nascita di nuove imprese.

23 RE UP è stato concepito sin dall inizio non come iniziativa volta a sovvenzionare idee imprenditoriali o start up di impresa, ma piuttosto come percorso di accompagnamento volto a supportare i neo o aspiranti imprenditori nella messa a punto della propria idea imprenditoriale. Alla base di RE UP c è la convinzione che il finanziamento di una generica idea di business potrebbe non essere efficiente ed efficace (sia nella prospettiva dell allocazione di risorse pubbliche, sia nella prospettiva dello sviluppo del territorio). Molto più coerente appare, invece, un accompagnamento specifico e personalizzato finalizzato a verificare e rafforzare la bontà delle idee imprenditoriali, la loro fattibilità e finanziabilità. Al termine del percorso, alle idee imprenditoriali migliori è stata riconosciuta la possibilità di beneficiare di un finanziamento provinciale a fondo perduto (definito sulla base del business plan elaborato) e di essere inseriti nel network dei business angel e venture capital, grazie al coinvolgimento di IBAN, Associazione Italiana dei Business Angles, e AIFI, Associazione Italiana del Venture Capital e Private Equity. Il successo dell iniziativa ha portato la Provincia a realizzare una seconda edizione, nel

24 RE UP DIETRO LE QUINTE La necessità di rispondere alla crisi del sistema produttivo, le ristrettezze e i vincoli finanziari, la necessità di salvaguardare la forte legittimazione acquisita negli anni hanno indotto la Provincia a riflettere attentamente sull appropriatezza delle sue azioni. Il problema, infatti, non era l individuazione delle politiche di intervento, quanto piuttosto la scelta e la messa in funzione degli strumenti più adeguati per supportare le imprese, i lavoratori, i giovani e le famiglie. Per ridurre i margini di errore, evitare quelle trappole che in altri contesti avevano compromesso l efficacia dell azione pubblica e per catalizzare risorse e idee, la Provincia ha adottato il modello del gap per analizzare il contesto e ha definito e gestito il progetto RE UP secondo l approccio del managerial flow. In particolare, alcune scelte effettuate dalla Provincia sono state dettate dalla volontà di chiudere alcuni gap al fine di impostare il progetto in modo più coerente all obiettivo di supportare la nascita di imprese innovative. 23 GAP MANAGERIAL ACTION MANAGERIAL ASSET PROGRAMMAZIONE GOVERNANCE SELEZIONE COLLABORAZIONE E INTEGRAZIONE CONOSCENZA E ASCOLTO Analisi dei fabbisogni delle imprese reggiane attraverso il tavolo anticrisi; Analisi degli orientamenti politici europei, della letteratura sul tema e delle principali esperienze condotte. Condivisione dell iniziativa nell ambito del Tavolo anticrisi e regia unica. Coinvolgimento di rappresentanti dei potenziali investitori nella selezione delle imprese, condotta sulla base di un primo business plan di impresa. Coinvolgimento di potenziali investitori. (banche, investitori informali business angels) Coinvolgimento di esperti durante la progettazione di RE UP e durante l accompagnamento alle imprese; Ascolto continuo dei fabbisogni delle imprese e valutazione dell apprendimento. Acquisizione degli elementi per caratterizzare RE UP come azione di supporto all innovazione e all imprenditorialità basata sull erogazione di servizi reali, quali l accompagnamento. Progettazione di una iniziativa che non si ponesse in sovrapposizione ma in sinergia con quelle avviate dalla Regione (legittmazione) Selezione di imprese ad alto potenziale di sviluppo. Facilitazione dell incontro tra domanda e offerta di investimenti; Acquisizione di feedback (anche informali) sulla bontà dei business plan. Calibrazione dell accompagnamento; Rimodulazione in itinere dell accompagnamento e supporto customizzato; Acquisizione dei feedback per riprogettazione seconda edizione.

25 L impostazione e la gestione del progetto RE UP secondo il metodo proposto dal managerial flow hanno consentito alla Provincia di Reggio Emilia di realizzare un iniziativa di supporto allo start up di impresa che si distinguesse dai programmi generalmente avviati in questo ambito dalle amministrazioni italiane, soprattutto con riferimento a questi elementi: selezione e personalizzazione degli interventi; integrazione del contributo finanziario (erogato al termine del percorso e calibrato sulla base del business plan) con lo sviluppo di competenze distintive finalizzate al rafforzamento delle capacità imprenditoriali e manageriali dei partecipanti; attivazione della leva finanziaria pubblico privato, attraverso la facilitazione dell incontro tra le imprese start up e i potenziali investitori; monitoraggio delle imprese per ridurne la mortalità post intervento e per capitalizzare l esperienza ai fini di future iniziative. 24

26 LA PRIMA EDIZIONE RE UP 2010 Gli Obiettivi L iniziativa RE UP è stata concepita in un ottica di sviluppo locale, al fine di contribuire a rilanciare l economia reggiana. La Provincia di Reggio Emilia ha adottato un approccio manageriale per la realizzazione di un progetto che contribuisse efficacemente a fertilizzare il territorio facilitando la nascita di ulteriori idee imprenditoriali. Sviluppare una cultura imprenditoriale nel territorio e supportare altri imprenditori, specialmente giovani, nella crea- zione di nuove imprese. Riorientare le competenze professionali di professionisti o manager a rischio di disoccupazione o in uscita dal mercato del lavoro per diventare tutor di imprese start up. 25 OBIETTIVI DI SVILUPPO Attrarre investimenti sul territorio accrescendo la qualità della domanda di capitale per la realizzazione di idee di business. Sviluppare una cultura del corporate venturing come canale alternativo ai metodi tradizionali per la crescita aziendale e lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali. Individuare il potenziale di innovazione del territorio reggiano e quindi le opportunità per nuove attività imprenditoriali anche con l obiettivo di fornire indicazioni alla Provincia e agli altri stakeholder istituzionali per orientare azioni future.

27 Agli obiettivi di sviluppo fanno seguito anche una serie di obiettivi specifici che l amministrazione si è posta nei confronti dei destinatari diretti del progetto. Attraverso RE UP la Provincia ha inteso formare, accompagnare e incubare le imprese partecipanti al programma affinché potessero affrontare con maggiore consapevolezza le prime fasi del loro percorso imprenditoriale, realizzando pienamente il loro potenziale. Sviluppare lo spirito imprenditoriale dei destinatari della formazione. OBIETTIVI SPECIFICI Fornire ai destinatari gli strumenti idonei a sfruttare commercialmente la propria idea imprenditoriale. Sviluppare nei destinatari una mentalità orientata al mercato esterno e recettiva dell innovazione. Accompagnare i destinatari nelle prime fasi (costituzione e start-up) del loro percorso imprenditoriale. 26

28 La Struttura del Programma Le idee imprenditoriali candidate al bando sono state selezionate secondo le modalità proprie dei business angel e venture capital, sulla base di alcuni criteri, tra cui: innovatività dell idea imprenditoriale; sostenibilità, completezza e coerenza del business plan; potenziale grado di interesse per i finanziatori privati; sostenibilità ambientale e pari opportunità. L attività formativa, di durata di circa 6 mesi, è stata incentrata sulle tematiche del business plan e sugli adempimenti normativi e fiscali per l avvio e la gestione d impresa. Il successivo percorso di accompagnamento, che si è svolto in collaborazione con IBAN, è stato prevalentemente dedicato alla redazione dei business plan, alla risoluzione di alcuni problemi legati allo sviluppo dei prodotti/servizi e alla preparazione degli incontri con gli investitori. Ciascun partecipante ha terminato la fase di accompagnamento avendo realizzato un business plan completo, un set di slides e un elevator pitch, elementi fondamentali per sostenere la fase successiva di presentazione finale. Durante la fase conclusiva del progetto, infatti, tutte le iniziative in gara sono state giudicate da una commissione tecnica, che ha attribuito un punteggio sulla base di alcune valutazioni, tra cui: la potenzialità del successo imprenditoriale; l appetibilità finanziaria, anche in considerazione di un eventuale interesse espresso dai business angel; il percorso formativo compiuto nell ambito del progetto e l effettiva crescita manageriale. Proprio il punteggio ottenuto in sede di valutazione finale ha permesso di assegnare alle iniziative migliori un contributo finanziario erogato a fondo perduto. 27 Fase 5 Fase 4 Fase 3 Fase 2 Erogazione di un finanziamento a fondo perduto Presentazione dei Business Plan Accompagnamento e Coaching Formazione in aula Fase 1 Scouting e Screening delle prime idee imprenditoriali

29 Il Bando di Selezione La prima edizione del progetto, avviata nell aprile del 2010 con la pubblicazione di un bando per la selezione di 10 idee imprenditoriali, ammetteva la partecipazione di: Neo Imprese costituite da non più di 3 anni Persone fisiche, singole o in gruppi di 3 individui al massimo 28 Ai fini della candidatura al bando, ai neo/aspiranti imprenditori era richiesta una breve descrizione dell idea imprenditoriale, ed era specificato che i progetti imprenditoriali selezionati avrebbero seguito un percorso di formazione e accompagnamento finalizzato alla stesura di un business plan, i cui costi sarebbero stati interamente sostenuti della Provincia di Reggio Emilia. Il bando, inoltre, prevedeva la possibilità che al termine della fase di formazione e accompagnamento i progetti migliori ricevessero un finanziamento a fondo perduto dalla Provincia.

30 La Selezione delle Idee Imprenditoriali Le idee imprenditoriali candidate al bando sono state selezionate sulla base dei seguenti criteri: Bontà dell idea progettuale; Innovatività dell idea imprenditoriale; Sostenibilità, completezza e coerenza del Business Plan; Potenziale grado di interesse per i finanziatori privati; Sostenibilità ambientale; Pari opportunità. 29 Le 10 idee partecipanti al programma, selezionate tra un gruppo di 20 candidature, coinvolgevano settori molto diversi tra loro:

31 ENERGIA 3PROGETTI BIOMEDICALE 2PROGETTI TECNOLOGIA COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE 1PROGETTO SICUREZZA 1PROGETTO 30 SIDERURGIA 1PROGETTO ELETTRONICA 1PROGETTO ALIMENTARE 1PROGETTO

32 La formazione e l accompagnamento Per l attività di formazione e accompagnamento, completamente gratuita per i destinatari e sovvenzionata con un finanziamento proveniente dal Fondo Sociale Europeo (FSE), è stato selezionato attraverso bando di concorso l ente di formazione reggiano CIS. CIS Scuola per la gestione d impresa, in partenariato con AIFI e IBAN, è stato il soggetto erogatore dell attività di formazione e accompagnamento. Il progetto formativo, invece, è stato coordinato da un Comitato tecnico scientifico, costituito da tre membri nominati dal partenariato e da un membro rappresentante della Provincia. Una volta insediato, il Comitato ha incontrato i dieci imprenditori selezionati per comprendere i fabbisogni formativi e organizzare in maniera proficua le attività previste dal progetto. Il percorso formativo si è composto di 80 ore d aula, organizzate in 10 giornate nel periodo maggio giugno 2010, alle quali si sono aggiunte 2 giornate di follow-up nel mese di novembre Più specificatamente, il programma di formazione si è articolato secondo il seguente ordine: ORE BUSINESS PLANNING +16 ORE AGGIUNTIVE DI FOLLOW UP ORE ADEMPIMENTI NORMATIVI E FISCALI ORE ICT ELEMENTI BASE ORE SOFT SKILLS IMPRENDITORIALI ORE ACQUISTI E NEGOZIAZIONE

33 Il percorso di accompagnamento, coordinato dal Presidente di IBAN Paolo Anselmo, si è concentrato sul perfezionamento del business model, sul completamento del business plan e sulla preparazione degli incontri con gli investitori. In questa fase, durante la quale erano previsti incontri individuali dedicati a ogni progetto imprenditoriale, sono emerse criticità particolarmente rilevanti rispetto a due idee progettuali, i cui titolari hanno scelto di concludere anticipatamente la partecipazione al progetto, essendo venute meno le condizioni di fattibilità tecnica. 32

34 La Valutazione finale e il Finanziamento a Fondo Perduto L attività di accompagnamento è culminata in una valutazione finale dei progetti imprenditoriali da parte di una commissione di valutazione, la quale ne ha valutato la bontà sulla base dei seguenti criteri: La potenzialità del successo imprenditoriale della iniziativa, alla luce dei Business Plan presentati. L appetibilità finanziaria dell iniziativa, anche in considerazione dell interesse espresso dai Business Angels. Il percorso formativo compiuto nell ambito del progetto ed effettiva crescita manageriale. 33 La sostenibilità ambientale del progetto. La presenza femminile nell impresa. A seguito della fase valutativa finale, i progetti partecipanti sono stati coinvolti in una giornata di presentazione pubblica, che è stata occasione per la Provincia per illustrare l iniziativa e i suoi esiti alla cittadinanza e agli stakeholder del territorio. A seguito dell evento di presentazione finale, la Giunta Provinciale ha accolto le proposte della commissione di valutazione assegnando un finanziamento totale di , erogati a fondo perduto in maniera proporzionale al punteggio ottenuto da ogni singolo progetto.

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli