Industrial Liaison Office

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Industrial Liaison Office"

Transcript

1 Industrial Liaison Office Ciclo di Seminari sull Innovazione e il Trasferimento Tecnologico 22 marzo 2011, Aula Amatucci - DIFA Pierluigi Argoneto

2 Breve presentazione ILO Favorire la fruibilità dei risultati della ricerca scientifica e tecnologica Incoraggiare partnership di lungo periodo fra mondo della ricerca e tessuto industriale Diffondere la cultura della innovazione e della protezione della proprietà intellettuale

3 Breve presentazione ILO Contatti

4 Outline Perché l innovazione tecnologica? Cosa è l innovazione tecnologica? Come si crea innovazione tecnologica?

5 Perché l innovazione tecnologica Evoluzione dei principali driver della competitività tra le imprese Innovazione Flessibilità Flessibilità Qualità Qualità Qualità Produttività Produttività Produttività Produttività Era della produzione di massa Anni fase della mass Customisation Anni Fase della mass customisation Anni Economia della conoscenza Dagli anni 90

6 Perché l innovazione tecnologica L innovazione tecnologica è un fattore molto importante nella crescita socio-economica di un sistema economico, infatti Le imprese ad alto livello tecnologico presentano il tasso più alto di crescita nella produttività e nell occupazione

7 Perché l innovazione tecnologica L innovazione tecnologica è il principale fattore competitivo in un economia basata sulla conoscenza

8 Che cosa è l innovazione tecnologica Il processo di innovazione, si articola attraverso tre concetti concatenati, ma distinti (Schumpeter): l invenzione; rappresenta una espressione di conoscenza che può concretizzarsi o meno in un applicazione; essa rappresenta un fatto di creatività scientifica di natura esogena (primo Schumpeter) o economica (Romer et al.); l innovazione; costituisce l espressione di agire economico capace di realizzare una nuova combinazione produttiva atta a produrre profitto; essa rappresenta un atto di creatività economica. diffusione dell innovazione; è la capacità degli operatori economici di imitare le soluzioni messe a punto dall innovatore ed è il meccanismo che limita il vantaggio competitivo dell innovatore.

9 Che cosa è l innovazione tecnologica In base a quanto detto è possibile: avere innovazione senza invenzione (creatività economica, senza creatività scientifica); avere una invenzione senza che da essa scaturisca un innovazione (mancanza di creatività economica). + Creatività scientifica Creatività economica = Innovazione

10 Che cosa è l innovazione tecnologica più sfumato è il significato del termine tecnologia; nell accezione più restrittiva coincide con la disciplina che studia le tecniche e le modalità di organizzarle, ove per tecnica deve intendersi l insieme degli strumenti, delle procedure e delle funzioni che possono essere utilizzate per produrre oggetti o per conseguire determinati obiettivi; nel significato più esteso la tecnologia diventa una forma di conoscenza che permette di trovare le risposte che rendono operative le tecniche in presenza di specifici vincoli ambientali.

11 Che cosa è l innovazione tecnologica L innovazione tecnologica può essere: di prodotto, quando si riferisce alla progettazione ed allo sviluppo di nuovi prodotti, oppure al miglioramento ed all assicurazione della qualità di prodotti attuali per renderli più competitivi; di processo, quando è orientata alla razionalizzazione ed al miglioramento del processo di produzione, attraverso l introduzione di automatizzazione, di flessibilità di metodologie di riduzione e razionalizazzione dei costi, etc;

12 Che cosa è l innovazione tecnologica Esistono inoltre diverse forme di innovazione: incrementale quando si traduce in modifiche di prodotti, processi o servizi esistenti (ad esempio una nuova generazione di microprocessori); radicale se concerne qualcosa di nuovo (ad esempio l innovazione del controllo numerico nelle macchine utensili);

13 secondo Schumpeter, l innovazione ha un andamento di tipo epidemiologico; infatti, la curva di diffusione dell innovazione ha la caratteristica propria delle malattie infettive, ed in essa si possono distinguere 5 fasi: Numero di imprese che adottano l innovazione Innovatori: sono le imprese che sviluppano l innovazione; l extra profitto è massimo e gli innovatori acquisiscono quote di mercato; tempo

14 Che cosa è l innovazione tecnologica Numero di imprese che adottano l innovazione Primi adattatori: sono le imprese che adottano quasi subito l innovazione; condividono un extra profitto elevato ed acquisiscono quote di mercato; tempo

15 Che cosa è l innovazione tecnologica Numero di imprese che adottano l innovazione Maggioranza iniziale: la possibilità di ottenere un extra profitto ancora presente induce un gran numero di aziende ad adottare l innovazione; tempo

16 Che cosa è l innovazione tecnologica Numero di imprese che adottano l innovazione Maggioranza successiva: sebbene l extra profitto stia via via riducendosi, le aziende continuano ad adottare l innovazione per non perdere ulteriori quote di mercato; tempo

17 Che cosa è l innovazione tecnologica Numero di imprese che adottano l innovazione Ritardatari: sono le aziende che adottano per ultime l innovazione; esse non godono dell extra profitto ed adottano l innovazione per non essere estromesse dal mercato. tempo

18 L extra profitto dell innovazione L extra-profitto dell imprenditore innovativo si riduce man mano che le aziende adottano la tecnologia, infatti 100% % Aziende che adottano la tecnologia Max Extra profitto Tempo Tempo L extra profitto è comunque temporaneo, in quanto in base al meccanismo di diffusione dell innovazione, tutte le imprese prima o poi adottano l innovazione annullando l extra-profitto.

19 Che cosa è l innovazione tecnologica Alcune evidenze empiriche alla teoria epidemiologica dell adozione dell innovazione: N u m b e r o f F i r m s AUTO TV TUBES TY PEWRITERS TRANSISTORS MPC SUPERS CALCULATORS I.C Years (f rom 1874 to 1990)

20 Come si crea l innovazione tecnologica L innovazione tecnologica si crea attraverso la valorizzazione economica della creatività scientifica. Generalmente, questo processo avviene attraverso le seguenti fasi: Ricerca di base Ricerca Applicata Ricerca Industriale Sviluppo Precompetitivo Industrializzazione

21 Come si crea l innovazione tecnologica Ricerca di base Per Ricerca di base si intende un attività volta all incremento della Conoscenza collettiva; La Ricerca di base non ha fini commerciali ed è pubblica; Il ritorno economico dell attività di Ricerca di base è a lunghissimo tempo e ad elevato rischio e pertanto questo tipo di ricerca è a carico di Enti Pubblici o grosse imprese industriali. Conoscenza Ricerca di base Conoscenza

22 Come si crea l innovazione tecnologica Ricerca Applicata Per Ricerca applicata di intende un attività finalizzata alla risoluzione di problemi scientifici e tecnologici di interesse applicativo; La Ricerca applicata non ha fini commerciali ed è pubblica; Il ritorno economico dell attività di Ricerca applicata è a lungo tempo e ad alto rischio e pertanto questo tipo di ricerca è a carico di Enti Pubblici o grosse imprese industriali. Conoscenza Ricerca applicata Conoscenza Finalizzata Dimostratori non comm.

23 Come si crea l innovazione tecnologica Ricerca Industriale per attività di ricerca industriale si intendono quelle dirette all acquisizione di nuove conoscenze finalizzate alla messa a punto di nuovi prodotti, processi produttivi o servizi ovvero al notevole miglioramento dei prodotti, processi produttivi o servizi esistenti; L attività di ricerca industriale ha fini commerciali; Ha un livello di rischio e di ritorno economico compatibile con la PMI ConoscenzaFinalizzata Ricerca industriale Conoscenza Finalizzata per usi comm. Prototipi comm. Sono tipiche attività di R.I.: l ingegnerizzazione della tecnologia; Ottimizzazione della tecnologia; Validazione e test;

24 Come si crea l innovazione tecnologica Sviluppo Precompetitivo Per sviluppo precompetitivo si intende il programma diretto alla progettazione, sperimentazione, sviluppo e preindustrializzazione di nuovi prodotti, processi o servizi ovvero di modifiche sostanziali a prodotti, linee di produzione e processi produttivi, che comportino sensibili miglioramenti delle tecnologie esistenti servizi esistenti; L attività ha fini commerciali; E compatibile con la PMI Conoscenza Finalizzata Prototipi comm. Sviluppo precompetitivo Progetto di tecn. comm. Progetto di prodotti comm. L attività di sviluppo precompetitivo coincide generalmente con la progettazione del prodotto e/o della tecnologia

25 Come si crea l innovazione tecnologica Industrializzazione Per industrializzazione dei risultati si intende il programma volto alla realizzazione degli investimenti, che sono strettamente collegati allo sfruttamento industriale dei risultati derivanti dal precedente programma di sviluppo precompetitivo Progetto di tecn. comm. Progetto di prodotti comm. Industrializzazione Attività comm.

26 Come si crea l innovazione tecnologica Ricerca di base Ricerca Applicata Ricerca Industriale Sviluppo Precompetitivo Industrializzazione Fini non commerciali Enti pubblici di ricerca Grandi Aziende HT Fini commerciali Grandi Aziende HT PMI Obiettivo: creare conoscenza Obiettivo: creare vantaggio competitivo

27 Come si crea l innovazione tecnologica In azienda, l innovazione tecnologica si crea attraverso specifici progetti di innovazione tecnologica. I progetti di innovazione tecnologica si possono classificare in base ai seguenti criteri: Il contesto in cui il progetto si svolge ed in particolare se coinvolge una sola organizzazione o più organizzazioni; L obiettivo del processo di innovazione, ovvero se il processo è volto a creare una nuova tecnologia o a riprodurne e diffonderne una esistente

28 Come si crea l innovazione tecnologica In base ai criteri esposti si ottiene la seguente classificazione: All interno dell organizzazione Contesto Progetti di R&D - Spin-off Trasferimento Tecnologico Tra organizzazioni diverse R&D contracting and outsourcing Technology licensing or selling Creare una tecnologia innovativa Riprodurre e/o diffondere tecnologie esistenti Obiettivo

29 Come si crea l innovazione tecnologica R&D Project - Spin-off R&D contracting and outsourcing Technology transfer Technology licensing or selling In questo tipo di progetti di innovazione tecnologica l obiettivo è quello di trasferire l innovazione da un laboratorio al mercato In questo tipo di progetti di innovazione tecnologica l obiettivo è quello di affidare lo sviluppo di innovazione tecnologica a terzi In questo tipo di progetti di innovazione tecnologica l obiettivo è quello di trasferire innovazione tecnologica all interno di diversi attori appartenenti alla stessa organizzazione In questo tipo di progetti di innovazione tecnologica l obiettivo è quello di acquisire innovazione da terzi

30 L integrazione di tecnologia e mercato L integrazione di Tecnologia e Mercato Come la variabile tecnologica può influenzare le scelte di mercato? Come la variabile tecnologica può sostenere la competitività delle imprese? Come la variabile tecnologica può sostenere le politiche di mercato?

31 Il Ciclo di vita della domanda Il ciclo di vita della domanda

32 Il Ciclo di vita della domanda e E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D è relativo alla fase di emersione di un nuovo bisogno nel mercato; tale bisogno emerge sempre più forte tant è che diversi produttori tentano di soddisfarlo con prodotti eterogenei; è una fase turbolenta di modifica dei prodotti e di alta concorrenza

33 Il Ciclo di vita della domanda e Ca crescita accelerata E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D è una fase di primo assestamento della concorrenza in cui i produttori superstiti tentano una standardizzazione dei prodotti; la crescita della domanda è ancora più sostenuta dell offerta

34 Il Ciclo di vita della domanda e Ca crescita accelerata Cd crescita decelerata E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D è una fase di assestamento della concorrenza in cui i produttori aumentano la standardizzazione dei prodotti; la crescita della domanda è inferiore alla crescita della disponibilità dell offerta, per cui la concorrenza diventa critica cosicché i produttori più deboli sono estromessi dal mercato

35 Il Ciclo di vita della domanda e Ca crescita accelerata Cd crescita decelerata M maturità E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D il bisogno ha raggiunto una fase di maturità; i clienti richiedono prodotti altamente standardizzati; la domanda non cresce più, ma si mantiene costante. I margini si riducono e la concorrenza soffre di sovrapproduzione e solo i concorrenti più organizzati restano nel mercato

36 Il Ciclo di vita della domanda e Ca crescita accelerata Cd crescita decelerata M maturità D declino E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D il bisogno ha raggiunto una fase di stanca; l interesse dei clienti si esaurisce; la domanda decresce. Tutti i concorrenti si accingono ad abbandonare il mercato.

37 il supporto della tecnologia E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D Forte innovazione tecnologica di prodotto, bassa innovazione tecnologica di processo

38 il supporto della tecnologia Ca crescita accelerata E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D La innovazione tecnologica è sempre molto importante; importanza crescente dell innovazione di processo

39 il supporto della tecnologia Ca crescita accelerata Cd crescita decelerata E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D Innovazione tecnologica di prodotto sempre meno importante; l innovazione tecnologica di processo diventa preponderante

40 il supporto della tecnologia Ca crescita accelerata Cd crescita decelerata M maturità E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D L innovazione tecnologica di processo è una fondamentale variabile competitiva

41 il supporto della tecnologia Ca crescita accelerata Cd crescita decelerata M maturità D declino E fase di sviluppo embrionale E Ca Cd M D Nessuna innovazione tecnologica è in grado di sostenere il prodotto

42 Il Ciclo di vita della domanda - tecnologia 1 2 L analisi precedente mostra l importanza della variabile tecnologia come supporto alle politiche di mercato di una azienda La domanda di uno specifico bisogno, può in realtà essere soddisfatta facendo ricorso a diverse tecnologie 3 In questo senso è possibile introdurre il concetto di ciclo di vita della domanda tecnologia

43 Il Ciclo di vita della domanda - tecnologia Quantità la domanda relativa ad uno specifico bisogno d può essere soddisfatta attraverso lo stesso prodotto realizzato con due tecnologie differenti (T1 e T2) d T1 T2 Tempo la curva del prodotto della tecnologia T2 soppianta quella della tecnologia T1 in quanto quest'ultimo prodotto meglio soddisfa le esigenze di mercato

44 Il Ciclo di vita della domanda - tecnologia Nei primi anni si utilizzavano i televisori a tubo catodico Quantità Un esempio di curva domanda - tecnologia è quello dell'evoluzione della domanda per i televisori (d) T1 d T2 Tempo Ora si sta sempre di più diffondendo il televisore al plasma

45 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Tecnologie stabili, fertili e turbolente Si indichi con: d, la curva del ciclo di vita della domanda; t, la curva del ciclo di vita della domanda - tecnologia; p t, la curva delle vendite del prodotto p realizzato con la tecnologia t.

46 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Tecnologie stabili Quantità d = t = p Tempo Le tecnologie stabili sono caratterizzate da tre curve praticamente coincidenti (in effetti nella fase embrionale la curva delle vendite e della domanda - tecnologia risultano leggermente in ritardo rispetto alla curva della domanda). Questo vuol dire che la tecnologia è in grado di soddisfare i bisogni per tutta la vita della domanda. Un esempio di questa situazione è quella di mercati di prodotti alimentari come zucchero e caffè.

47 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Tecnologie fertili Quantità d = t P1 t P2 t Tempo Le tecnologie fertili sono caratterizzate dalla presenza di diverse curve di prodotto che scaturiscono dalla stessa tecnologia. In questo caso la tecnologia è in grado di supportare innovazioni di prodotto che meglio si addicono a soddisfare la domanda. Un esempio di questa situazione è quella del mercato automobilistico, in cui un'intensa proliferazione di prodotti appartenenti alla stessa tecnologia, tenta di rivitalizzare un mercato stagnante.

48 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Tecnologie turbolente Quantità d P1 T2 P2 T2 P1 T1 P2 T1 T1 Tempo In questo caso la domanda d è supportata da diverse tecnologie, nel caso in questione T1 e T2; ciascuna di queste tecnologie è in grado di dar vita a diversi prodotti specifici. Esempi di questi settori sono quello dell'amplificazione di segnali elettronici deboli (tubi a vuoto, fisica dello stato solido - diodi e transistor, microprocessori) o, quello dell'editoria (stampa meccanica, semi elettronica) T2

49 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Il ciclo di vita della Tecnologia L uso della tecnologia in un dato prodotto comporta nel tempo un progressivo aumento delle sue prestazioni, secondo una curva che prende il nome di curva ad S per la singola tecnologia. Ciò è dovuto al fatto che con il passare del tempo la tecnologia incrementa il proprio contributo alle prestazioni del prodotto. %del livello raggiunto dalle prestazioni di un prodotto che ingloba la tecnologia Vecchiaia 100% Maturità Stato Embrionale Crescita Tempo

50 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Il ciclo di vita della Tecnologia Dall esame di una curva S per una data tecnologia si possono individuare 4 stadi: stadio embrionale; la tecnologia è ancora in fase di sviluppo e quindi essa fornisce una basso contributo al livello di performance del prodotto; essendo in fase di sviluppo, però, vi sono aspettative crescenti sui livelli di performance; stadio di crescita; la tecnologia comincia a standardizzarsi, sebbene sono presenti ancora ampi margini di miglioramento; il suo contributo al livello di performance del prodotto cresce con tassi elevati; le performance del prodotto dipendono notevolmente dal grado di sviluppo della tecnologia;

51 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Il ciclo di vita della Tecnologia stadio di maturità; cominciano ad affermarsi standard efficienti della tecnologia e i margini di miglioramento si riducono; il contributo al livello di performance del prodotto cresce con tassi più ridotti; le performance del prodotto dipendono sempre meno dal grado di sviluppo della tecnologia; stadio di vecchiaia; la tecnologia è completamente standardizzata e non esistono più margini di miglioramento tecnologico; le performance del prodotto non dipendono più dal grado di sviluppo della tecnologia;

52 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Il ciclo di vita della Tecnologia Una variante interessante della precedente curva S, è la curva S che rapporta gli investimenti in R&D per lo sviluppo di un prodotto, e le sue performance. %del livello raggiunto dalle prestazioni di un prodotto che ingloba la tecnologia Vecchiaia 100% Maturità Stato Embrionale Crescita Investimenti in R&D

53 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Il ciclo di vita della Tecnologia Anche in questo caso, è possibile individuare gli stadi precedenti. Dall analisi di tale curva si evidenzia come sia conveniente abbandonare una tecnologia prima che essa arrivi in vecchiaia.

54 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Il ciclo di vita della Tecnologia La curva S può essere riferita alla tecnologia sviluppata da ciascuna impresa presente nell arena competitiva. Si consideri ad esempio la seguente Figura: %del livello raggiunto dalle prestazioni di un prodotto che ingloba la tecnologia 100% Azienda B p 0 Frontiera Tecnologica Ritardo Tecnologico Distanza Tecnologica Azienda A Tempo in essa sono presenti: una prima curva S, che rappresenta la frontiera tecnologica, ovvero la curva S di un impresa, che relativamente alla tecnologia in considerazione è leader; Sono poi presenti le curve S dell azienda A e dell azienda B. t 0

55 Il mercato dell innovazione - L integrazione di tecnologia e mercato Il ciclo di vita della Tecnologia Si consideri il livello di performance p 0 ; risulta evidente che l azienda B raggiungerà il livello di performance p 0 in un tempo successivo ad A; tale delay è definito come ritardo tecnologico ; Si consideri adesso il tempo t 0 ; la differenza di performance registrata tra l azienda A e la B è la distanza tecnologica tra le due aziende. Dall esame della figura risulta evidente che: quanto più la curva S è spostata verso la frontiera tecnologica tanto più l azienda è innovativa; le curve S di tutti gli attori tendono a ricongiungersi alla curva di frontiera nella fase di vecchiaia della tecnologia, ovverosia, qualsiasi follower è in grado di raggiungere il leader al termine del ciclo di vita della tecnologia.

56 Come si finanzia oggi la ricerca industriale Il sistema locale Bandi regionali Il sistema nazionale Bandi nazionali Il sistema Europeo VII Programma Quadro

57 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano economicofinanziario Il piano di sviluppo del prodotto e/o della tecnologia Il piano degli investimenti Il piano organizzativo Il piano di marketing

58 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano di sviluppo del prodotto e/o della Tecnologia Obiettivi del piano Technology Assessment Product technology strategy Articolazione del piano

59 Come si imposta un progetto di ricerca industriale L obiettivo di un piano di innovazione tecnologica, dovrebbe essere associabile sempre ad un risultato economico misurabile per l azienda. Generalmente, l obiettivo è uno dei seguenti: Lo sviluppo e la commercializzazione di un nuovo prodotto che incorpora la tecnologia in oggetto; La modifica/sostituzione della tecnologia che sta alla base dei prodotti che l azienda attualmente commercializza; Lo sviluppo di una nuova tecnologia di produzione che, qualora messa in opera dall azienda consentirebbe l ottenimento di un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti

60 Come si imposta un progetto di ricerca industriale La fase di technology assessment si riferisce alla giustificazione della validità della tecnologia proposta. In particolare, il programma deve contenere i seguenti punti: La descrizione dello stato dell arte della tecnologia in questione; Come e per quali aspetti il programma in oggetto consente il superamento dello stato dell arte; Competenza e conoscenze dell azienda (o del gruppo di R&D) che possono garantire il successo del programma in questione

61 Come si imposta un progetto di ricerca industriale La fase di Product Technology Strategy La strategia per lo sviluppo di prodotti high-tech passa dalla definizione di due dimensioni fondamentali: la dimensione tecnologica; la dimensione marketing. Di ciò accenneremo nel seguito.

62 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Articolazione del piano il diagramma di Gantt: ID Nome del task Inizio Fine Durata Q1 03 Mar Q2 03 Apr May Jun Q3 03 Q4 03 Jul Aug Sep Oct Nov Dec Q1 04 Jan 1 Ricerca industriale 03/03/ /05/ w 2 Ottimizzazione della tecnologia 03/03/ /04/2003 5w Ingegnerizzazione della 3 24/03/ /05/2003 7w tecnologia 4 Validazione e test 28/04/ /05/2003 4w Report su fase di sviluppo 5 23/05/ /05/2003 0w industriale 6 Sviluppo competitivo 26/05/ /11/ w 7 Progettazione concettuale 26/05/ /07/2003 8w 8 Progettazione di dettaglio 09/07/ /09/2003 8w 9 Revisione del progetto 26/08/ /10/2003 6w 10 Ingegnerizzazione 01/09/ /11/ w 11 Analisi di fattibilità 12/06/ /10/ w Report finale su sviluppo 12 07/11/ /11/2003 0w precompetitivo 13 Industrializzazione 10/11/ /01/ w 14 Progettazione 10/11/ /12/2003 4w 15 Impianti e macchinari 01/12/ /01/2004 6w 16 Formazione del personale 10/11/ /01/ w

63 Come si imposta un progetto di ricerca industriale A ciascuna fase del piano di sviluppo del prodotto e/o della tecnologia, dovrà essere associata una descrizione dell output atteso, del team che parteciperà alla realizzazione della fase, del carico di lavoro espresso in mesi uomo e delle risorse materiali che saranno impiegate nella fase: Fase Descrizione Output atteso Durata della fase Team Carico di Lavoro (mesi uomo) Ricerca industriale Obiettivo elevare la performance della tecnologia a valore di Ottimizzazione della tecnologia riferimento Tecnologia ottimizzata 5 Progettista 0,5 Ricercatore senior 0,7 Ricercatore junior 2 Tecnico di laboratorio 2,5 Ingegnerizzazione della tecnologia Validazione e test Sviluppo competitivo Progettazione concettuale Progettazione di dettaglio Revisione del progetto Ingegnerizzazione Analisi di fattibilità Industrializzazione Progettazione Impianti e macchinari Formazione del personale Risorse % di occupazione delle risorse (riferita alla durata) Macchina di laboratorio XYZ 35%

64 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano di marketing Obiettivi del piano La strategia di marketing La griglia di innovazione del prodotto Il piano commerciale

65 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano di marketing L obiettivo del piano di marketing consiste nel dimostrare la coerenza tra la strategia di marketing e la strategia tecnologica e nel pianificare tutte le attività di marketing.

66 Come si imposta un progetto di ricerca industriale La griglia di innovazione del prodotto Relazionando le due dimensioni di innovazione del prodotto si ottiene la griglia di innovazione del prodotto. Unfocused New unrelated Dimensione Tecnologica Mixed New related Focused Major enhancement Highly constrained Minor improvment Livello I Livello II Livello III Livello IV Dimensione mkt

67 Come si imposta un progetto di ricerca industriale La griglia di innovazione del prodotto Nella figura, sono individuate le quattro strategie di base di innovazione di un prodotto. Dimensione Tecnologica Focused Unfocused New unrelated highly constrained; questa strategia è caratterizzata da piccoli cambiamenti nella core technology Mixed e da un mercato New related caratterizzato dagli stessi bisogni, lo stesso gruppo di consumatori e le stesse modalità di distribuzione; Major enhancement Highly constrained Minor improvment Livello I Livello II Livello III Livello IV Dimensione mkt

68 Come si imposta un progetto di ricerca industriale La griglia di innovazione del prodotto Nella figura, sono individuate le quattro strategie di base di innovazione di un prodotto. focused; questa strategia è caratterizzata dallo sviluppo di nuove tecnologie di base (nuovi componenti) Unfocused che affiancano la core New technology del prodotto; tali cambiamenti unrelated possono indurre un cambiamento in una delle dimensioni Mixed di mercato; Dimensione Tecnologica New related Focused Major enhancement Highly constrained Minor improvment Livello I Livello II Livello III Livello IV Dimensione mkt

69 Come si imposta un progetto di ricerca industriale La griglia di innovazione del prodotto Nella figura, sono individuate le quattro strategie di base di innovazione di un prodotto. Unfocused New unrelated Dimensione Tecnologica Mixed mixed; questa strategia è Focused caratterizzata dallo sviluppo di nuova core technology del prodotto; il cambiamento tecnologico è così radicale da Highly determinare cambiamenti constrained profondi nella dimensione marketing del prodotto; Livello I Livello II Livello III Livello IV New related Major enhancement Minor improvment Dimensione mkt

70 Come si imposta un progetto di ricerca industriale La griglia di innovazione del prodotto Nella figura, sono individuate le quattro strategie di base di innovazione di un prodotto. Unfocused New unrelated Dimensione Tecnologica Mixed unfocused; questa strategia è caratterizzata dallo sviluppo di nuove base technology del prodotto; poiché il radicale cambiamento Focusedtecnologico non riguarda generalmente la core technology, esso finisce per determinare la creazione di nuovi Highly prodotti che soddisfano bisogni diversi e che constrained necessitano di diversi canali distributivi Livello I Livello II Livello III Livello IV New related Major enhancement Minor improvment Dimensione mkt

71 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano commerciale Il piano commerciale deve prevedere i seguenti step: 1. La analisi del mercato di sbocco; 2. L analisi della concorrenza (nel mercato di sbocco); 3. La strategia di pricing del prodotto e/o della tecnologia; 4. Il piano di vendita; 5. Il piano commerciale.

72 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano commerciale La strategia di pricing Il piano deve chiarire quali politiche sono state seguite per la determinazione del prezzo del prodotto, in particolare: Se, con riferimento al mercato di sbocco, sia più opportuno utilizzare una strategia di pricing orientata al mercato o al costo ; Se è stata seguita una politica orientata al mercato, occorre specificare a quali prodotti concorrenti e/o sostitutivi si è fatto riferimento per la determinazione del prezzo di vendita proposto per il prodotto; Se è stata seguita una politica orientata al costo, occorre evidenziare sulla base di quali costi e con quali criteri di mark-up si è pervenuto al calcolo del prezzo del prodotto;

73 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano commerciale Il piano di vendita Dall analisi precedentemente svolta dovrebbe essere possibile elaborare degli scenari di vendita che portano alla stima del fatturato derivante dalla commercializzazione del nuovo prodotto/tecnologia nell orizzonte temporale di pianificazione del piano; Generalmente l analisi si limita a due scenari (ottimista e pessimista) o al massimo a tre (ottimista, neutro e pessimista).

74 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano commerciale Il piano di vendita L obiettivo è quello di stimare per ciascuno scenario: La probabilità (a priori) legata all accadimento dello scenario; La dinamica del prezzo del prodotto all interno dello scenario; La dinamica delle vendite all interno dello scenario; La dinamica del fatturato all interno dello scenario. Anni Prezzo 100,00 200,00 300,00 400,00 500,00 600,00 Volumi Fatturato , , , , , ,00 Prezzo 50,00 100,00 150,00 200,00 250,00 300,00 Volumi Fatturato , , , , , ,00 Scenario ottimista p = 40% Scenario pessimista p = 60%

75 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano organizzativo Obiettivi del piano La matrice delle responsabilità e dei compiti L organizzazione dei fattori produttivi

76 Come si imposta un progetto di ricerca industriale L obiettivo del piano organizzativo consiste: nella definizione e suddivisione dei compiti e delle responsabilità del progetto di sviluppo; nella determinazione delle disponibilità e dei carichi di lavoro delle risorse umane e materiali.

77 Come si imposta un progetto di ricerca industriale La matrice dei compiti e delle responsabilità è uno strumento manageriale per la gestione del personale in progetti caratterizzati da una certa complessità; Per ciascuna attività individuata nel Gantt del progetto occorre individuare il responsabile e il team di lavoro, identificando per ciascun componente il compito che egli riveste Personale impegnato nel progetto Fasi del progetto Responsabile Ricerc. A Ricerc. B Ricerc. C Tecn. A Tecn. B Tecn. C Ing. A Ing. B Ricerca industriale Ottimizzazione della tecnologia Ricercatore A Ingegnerizzazione della tecnologia Ricercatore A Validazione e test Ricercatore A Sviluppo competitivo Progettazione concettuale Ricercatore B Progettazione di dettaglio Ricercatore B Revisione del progetto Ricercatore B Ingegnerizzazione Ricercatore B Analisi di fattibilità Ricercatore B Industrializzazione Progettazione Ingegnere A Impianti e macchinari Ingegnere A Formazione del personale Ingegnere A

78 Come si imposta un progetto di ricerca industriale L organizzazione dei fattori produttivi consiste nel pianificare l utilizzo delle risorse umane e strumentali al fine di evidenziare la risorse critiche per il progetto e di verificare che l utilizzo pianificato delle risorse (carico di lavoro) sia sempre inferiore alla loro disponibilità (capacità) Fase di Ricerca industriale Personale impegnato nel progetto (mesi uomo) Mese Ricerc. A Ricerc. B Ricerc. C Tecn. A Tecn. B Tecn. C Ing. A Ing. B 1 0,8 0, ,75 0 0,6 2 0,8 0, ,75 0 0,6 3 0,5 0, ,5 0 0,3 Totali 70% 38% 0% 0% 0% 67% 0% 50%

79 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano degli investimenti Obiettivi del piano Il calcolo degli investimenti richiesti

80 Come si imposta un progetto di ricerca industriale L obiettivo del piano degli investimenti consiste nel: Determinare gli investimenti necessari a garantire lo sviluppo del prodotto e/o della tecnologia;

81 Come si imposta un progetto di ricerca industriale L approccio contabile da seguire per la valutazione di un progetto di ricerca e sviluppo è quello per progetto, in cui vanno contabilizzate alla voce investimenti tutte le spese specificatamente dedicate allo sviluppo del progetto; Secondo questo approccio sono da considerarsi investimenti: L acquisto di beni strumentali per la realizzazione del progetto (es. macchine per laboratori, etc ); Il costo delle risorse umane (ricercatori, tecnici, ingegneri), per la quota parte di costo specificatamente imputabile al progetto; Il costo dell utilizzo di beni strumentali esistenti per la quota parte destinata specificatamente al progetto; Materie prime, materiali di consumo, servizi e quant altro specificatamente destinato al progetto.

82 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Per il calcolo degli investimenti richiesti: 1. Si individuano le fasi del progetto che concorrono a determinare una macro-attività; 2. Si calcolano i costi di ciascuna macro-attività, suddivisi in costi per l acquisto di beni strumentali, costi per il personale, costi per l utilizzo di beni strumentali, costi per acquisto di materie prime, servizi e materiali di consumo;

83 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Per il seguente diagramma di Gantt: Mesi Fase Descrizione Output atteso Ricerca industriale Ingegnerizzazione della tecnologia Miglioramento delle performance Performance ottimizz. Validazione e test Validazione e test Tecnologia validata Sviluppo competitivo Progettazione concettuale e di Progettazione dettaglio del nuovo prodotto Progetto del prodotto Revisione del progetto con Revisione del progetto FMEA Revisione del progetto Ingegnerizzazione Ingegnerizzazione del prodotto Prodotto ingegnerizzato Industrializzazione Progettazione della Progettazione industrializzazione Progetto di industr. Acquisto e installazione Realizzazione Impianti e macchinari macchinari e impianti dell'investimento Durata della fase (mesi) I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII

84 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Prospetto calcolo costi: Acquisto Beni Strumentali Fase I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Ricerca industriale Sviluppo precompetitivo Industrializzazione Totale B.S Materie prime, servizi, beni di consumo I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Ricerca industriale Sviluppo precompetitivo Industrializzazione Totale MP, S, B.C Ricercatori (mesi uomo) I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Ricerca industriale 1,3 1,5 1,5 Sviluppo precompetitivo 1,5 1,5 1,5 1 0,8 0,5 Industrializzazione Totale Ricercatori 1,3 1,5 1,5 1,5 1,5 1,5 1 0,8 0, Ingegneri (mesi uomo) I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Ricerca industriale 0,8 0,8 1 Sviluppo precompetitivo 1 1,2 1,5 1,8 2 2 Industrializzazione Totale Ingegneri 0,8 0, ,2 1,5 1, Tecnici (mesi uomo) I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Ricerca industriale 1 1 1,5 Sviluppo precompetitivo 1, Industrializzazione Totale Tecnici 1 1 1,5 1, Costo Ricercatori (5000 /mese uomo) Costo Ingegneri (4000 /mese uomo) Costo Tecnici (2500 /mese uomo) Totale costo del personale Totale costi

85 Come si imposta un progetto di ricerca industriale Il piano economico-finanziario Obiettivi del piano Elaborazione del conto economico previsionale Elaborazione del piano di copertura finanziario Calcolo degli indici di performance del progetto

86 La gestione di progetti di Spin-off

87 La gestione dei progetti di spin-off Per spin-off si intende il trasferimento di tecnologia innovativa da un laboratorio (pubblico o privato) al mercato mediante la creazione di una azienda high-tech che usualmente viene indicata con il termine start-up. Rispetto ad un progetto di R&D, un progetto di spin-off ha le seguenti peculiarità: fine imprenditoriale; L obiettivo è la creazione di un azienda innovativa ed indipendente dalla struttura da cui si origina;

88 La gestione dei progetti di spin-off I progetti di spin-off possono essere classificati in funzione dell organizzazione da cui si origina lo spin-off che può essere un centro di ricerca pubblico o privato. Nel primo caso parleremo di spin-off accademici (o Public Research Organisation PRO spin-off ); Nel secondo caso parleremo di spin-off aziendali (o corporate spin-off);

89 La gestione dei progetti di spin-off In entrambi i casi, uno spin-off si sviluppa a partire dalla conoscenza ed in particolare dai risultati di ricerche condotte all interno di laboratori pubblici o privati. Il primo problema che quindi si deve affrontare nella elaborazione di un progetto di spin-off è quello della proprietà, e quindi dell utilizzabilità a fini imprenditoriali, di conoscenze e risultati scientifici acquisiti all interno di un laboratorio pubblico o privato.

90 La gestione dei progetti di spin-off Nel caso di PRO spin-off, molte istituzioni pubbliche si stanno orientando nell assegnare un valore pubblico ad un progetto di spin-off, e quindi nel consentire (in molti casi anche nel favorire) l utilizzazione personale a fini imprenditoriali di conoscenze e competenze scientifiche/tecnologiche acquisite presso PRO. Brevemente, le ragioni di questo orientamento sono: Lo spin-off, attraverso la creazione di un azienda (start-up), crea occupazione di alto valore aggiunto ; Lo spin-off favorisce il trasferimento della tecnologia dal laboratorio al mercato e da ciò trarrebbe beneficio tutta la collettività; Lo spin-off consente una maggiore diffusione della conoscenza e favorirebbe lo sviluppo di economie knowledge based

91 La gestione dei progetti di spin-off Nel caso di corporate spin-off, la possibilità di utilizzare conoscenze e tecnologie acquisite all interno dei laboratori di un azienda è funzione dell interesse dell azienda nello sviluppo della tecnologia e nell eventuale presenza di conflitto di interessi. Un modello che è spesso utilizzato nel caso di corporate spin-off è il seguente: Output della Ricerca E di interesse per la strategia di sviluppo dell azienda Avvio programma di R&D Avvio di uno spin-off: Volontario Non volontario

92 La gestione dei progetti di spin-off Come evidenziato nella slide precedente si possono avere: Spin-off volontari, quando è la stessa corporate che spinge i propri ricercatori alla formazione di uno spin-off; in questi casi la corporate può essere uno degli organismi finanziatori dello spinoff; Spin-off non volontari, quando lo spin-off nasce per iniziativa personale di ricercatori della corporate che abbandonano l azienda per fondare uno start-up; in questi casi si potrebbero avere dei conflitti con l azienda di origine nel qual caso esistano dei possibili conflitti di interesse tra la corporate e lo start-up

93 La gestione dei progetti di spin-off 2. Sia che lo spin-off si origini da un PRO o da una corporate, un progetto di spin-off può essere schematizzato secondo i seguenti macro-processi: Generazione dell idea di business dalla ricerca Finalizzazione del progetto di spin-off Lancio dello start-up Creazione di valore

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli