La valutazione del capitale economico di un azienda che produce veicoli industriali con il metodo Uec

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione del capitale economico di un azienda che produce veicoli industriali con il metodo Uec"

Transcript

1 La valutazione del capitale economico di un azienda che produce veicoli industriali con il metodo Uec 1 Premessa 2 La società oggetto di valutazione 3 Sintesi dei principali dati patrimoniali ed economici degli ultimi esercizi 4 I criteri di valutazione adottati 5 Patrimonio netto rivalutato (PNR) 6 Reddito medio normale atteso (Rmnp) 7 La determinazione autonoma del valore dell avviamento 8 Conclusioni: il valore delle quote alla data del 1 gennaio Premessa Il sottoscritto [...] ha ricevuto l incarico dalla società SH di procedere alla valutazione peritale volontaria delle quote rappresentanti il 100% del capitale sociale. La data di riferimento della valutazione peritale viene fissata al 1 gennaio La società oggetto di valutazione Storia della società La SH è un azienda basata su una internazionalità che nasce dall integrazione di differenti culture, risorse umane e industriali, che si sono consolidate negli ultimi anni, dando vita a un impresa omogenea e moderna. Essa infatti appartiene a una holding transnazionale, che si identifica come uno dei gruppi industriali più avanzati nella produzione di mezzi e attrezzature per la municipalità e che lega il proprio successo al forte impegno nei programmi di qualità, proiettati a radicali processi di innovazione. L azienda nasce nei primi anni Ottanta con un attività artigianale rivolta alla produzione di veicoli agricoli a trazione integrale; solo sul finire degli anni Ottanta essa assume una dimensione industriale, diventando società per azioni e impostando una vasta ristrutturazione organizzativa e finanziaria, premessa per l avvio di un massiccio piano di razionalizzazione e ammodernamento degli impianti produttivi e delle gamme di veicoli. Tale piano è destinato a culminare con la progettazione e il lancio di veicoli di nuova concezione, a trazione semplice e doppia, che rappresentano la definitiva consacrazione dell azienda alle posizioni di primo piano nel mercato specifico. 1

2 La gamma si sviluppa con rapidità e si completa verso la metà degli anni Ottanta. Questi anni però segnano notoriamente un passaggio difficile per il settore che è ripercorso negativamente sulla produzione; particolarmente difficili sono stati i riflessi finanziari, aggravati da un aumento dei costi di produzione e da una concorrenza sempre più agguerrita. I prodotti commercializzati e la struttura commerciale Nel corso del processo che ha visto la società impegnata alla integrazione e alla razionalizzazione della produzione tra veicoli e spazzatrici, gli sforzi sono stati tesi a far maturare le varie gamme di prodotti verso un fisiologico processo di evoluzione tecnica e di ampliamento dell offerta, nell ottica di una sempre maggiore specializzazione. L offerta di veicoli industriali è stata completamente rinnovata nell ultimo anno e concepita per offrire prestazioni industriali, ma con un livello di comfort e di maneggevolezza di tipo automobilistico e con ingombro limitato, per utilizzo soprattutto nelle aree urbane. I mezzi sono specificamente studiati per risolvere i problemi della percorrenza urbana e del trasporto leggero a breve raggio. Essi sono proposti con una gamma di oltre venti versioni, sviluppati su tre modelli base di massa a terra 3,5, 4,5, e 6 tonnellate, tutti a due e quattro ruote motrici, motori diesel turbo da 103 cavalli, in linea con le più avanzate disposizioni in materia di inquinamento, con tre varianti di passo e un abitacolo che si caratterizza per l intelligente mix tra design e progettazione. La produzione di spazzatrici, tutte rigorosamente aspiranti e montate su autotelaio di serie, è caratterizzata da prodotti innovativi, dalle performance straordinarie: una combinazione di potenza, affidabilità, estrema facilità d utilizzo ed elevato rendimento nella pulizia delle strade e dei bacini di raccolta. Il mercato La società è leader nella produzione di veicoli comunali. Il gruppo opera a livello internazionale nel settore della costruzione di macchine e veicoli. La casa madre fornisce prodotti convincenti dal punto di vista tecnico e servizi clienti per i partner più esigenti. Oltre alla produzione, offre una consulenza seria e competente e un assistenza affidabile. Cioè possibile grazie all addestramento e agli aggiornamenti continui dei collaboratori nonché all efficienza del centro ricambi con la massima disponibilità di magazzino. Il successo mondiale è stato possibile grazie all intensa collaborazione di una rete di distribuzione ben organizzata e punti di assistenza sul territorio nazionale e internazionale. Questo stretto legame con il mercato è il motivo per cui la società può reagire con rapidità ed efficacia a tutte le esigenze. Qualità e affidabilità sono i criteri fondamentali nella costruzione dei prodotti. 2

3 La struttura amministrativo-contabile, le scritture contabili e l altra documentazione raccolta La contabilità, tenuta dal proprio personale amministrativo a mezzo di sistemi elettrocontabili, debitamente controllata dal collegio sindacale, è apparsa ordinata e priva di irregolarità tali da pregiudicarne l attendibilità. La parte relativa alla gestione del personale dipendente è invece affidata a uno studio professionale esterno. La funzione contabile e amministrativa, pur essendo delegata ad alcuni impiegati della società, è comunque seguita anche da consulenti esterni, che hanno eseguito periodici controlli e verifiche contabili e fiscali, nonché dal collegio sindacale, che ha adeguatamente posto in essere la propria attività di controllo. In particolare si evidenzia che la società è oggetto di revisione. Questo aspetto importante ha fatto sì che non ci si è soffermati sulle procedure contabili adottate dalla società e si sono dati per correttamente tenuti i libri contabili e sociali previsti per legge o regolamento. In conclusione, l insieme delle procedure amministrative e contabili in essere, oggi come alla data di riferimento della presente perizia, oltre al lavoro svolto dai consulenti e dal collegio sindacale negli esercizi presiin considerazione ai fini della valutazione di stima, garantiscono un elevato (e quindi adeguato) livello di attendibilità dei dati contabili utilizzati nel processo valutativo. 3 Sintesi dei principali dati patrimoniali ed economici degli ultimi esercizi Attività (valori espressi in euro) (bozza) Imm. nette Imm. immateriali Imm. materiali Imm. finanziarie Att. circolante Magazzino Crediti Attività finanziarie Disponib. liquide Ratei e risconti Totale

4 Passività e patrimonio netto (valori espressi in euro) (bozza) Netto Capitale sociale Riserva legale Riserva da rivalutazione Altre riserve Utili/perdite portati a nuovo Utile/perdita Passività Fondi rischi e oneri Fondo Tfr Debiti Ratei e risconti Totale Conto economico (valori espressi in euro) (bozza) Valore della prod Costo della prod Proventi e oneri finanziari Rettifiche di valore di attività finanziarie Proventi e oneri straordinarie Utile ante imposte Imposte d esercizio Utile/perdita d esercizio I criteri di valutazione adottati Nel caso in oggetto è stato utilizzato il metodo dell Uec, dove la sigla indica l Unione europea degli Esperti Contabili Economici e Finanziari. Il metodo sostiene che nella determinazione del capitale economico occorre partire dalla riespressione a valori correnti degli elementi patrimoniali pertinenti all azienda da valutare. In particolare l attenzione viene focalizzata sui capitali necessari e su quelli accessori, cioè quei valori correnti degli elementi patrimoniali non operativi o oggetto di valutazione 4

5 autonoma. La valutazione analitico-patrimoniale sarà poi integrata dalla considerazione delle capacità reddituali prospettiche dell azienda (attraverso la determinazione del sovrareddito ). Il metodo patrimoniale semplice, che perviene alla determinazione del patrimonio netto rivalutato, costituisce quindi il punto di riferimento iniziale. Ai fini di tale valutazione è stata utilizzata una bozza del bilancio chiuso al Secondo questo approccio, il capitale economico è determinato quale somma algebrica del patrimonio netto rivalutato e del valore di avviamento (positivo o negativo), quest ultimo configurato attualizzando, per un periodo limitato e a un tasso appropriato, il differenziale di redditività (sovra/sottoreddito) che l azienda si stima potrà generare in futuro, rispetto a un livello giudicato normale. L attualizzazione dei sovraredditi è generalmente limitata nel tempo, poiché è ragionevole pensare che essi non permarranno a lungo; infatti soprattutto nei settori sufficientemente concorrenziali, la reazione dei concorrenti attuali e potenziali (nuovi entranti richiamati dalla presenza di sovraredditi) porterà nel medio/lungo termine, all erosione dei sovraredditi attesi. Anche eventuali sottoredditi non potranno permanere a lungo, poiché in caso contrario, risulterebbe snaturata l essenza stessa dell azienda quale istituto economico atto a perdurare nel tempo per il soddisfacimento delle aspettative di remunerazione dei prestatori di lavoro e dei conferenti il capitale di pieno rischio. In generale l orizzonte temporale limitato viene utilizzato nell ipotesi che la vita dell impresa sia limitata. Pur tuttavia, nelle valutazioni aziendali dell ultimo decennio, l orizzonte temporale è andato aumentando (7-9 anni e anche oltre) e talvolta è stata anche utilizzata la formula della rendita illimitata. Nel caso in oggetto, data la storia della società, e il principio di continuazione dell attività confermato dai piani aziendali, si è assunto un orizzonte temporale illimitato attualizzando l eventuale sovrareddito come precedentemente descritto a un determinato tasso di attualizzazione. Secondo questa impostazione, il valore della partecipazione sarà espresso dalla seguente formula: W = PNR + (Rmnp i PNR) / i + CA dove: W = valore del capitale economico PNR = patrimonio netto rivalutato Rmnp = reddito medio normalizzato prospettico i = tasso di redditività medio normale, riferibile sia al settore, sia alla specifica realtà dell impresa oggetto d indagine i = tasso di attualizzazione del sovrareddito (perpetua) CA = capitale accessorio: valore corrente degli elementi patrimoniali non operativi oggetto di valutazione autonoma. 5

6 Come sopra motivato, la valutazione si svolgerà attraverso due distinte fasi: a) una valutazione patrimoniale analitica con isolamento degli elementi relativi al capitale accessorio; b) un autonoma determinazione del valore del sovrareddito (avviamento). Vanno quindi, innanzitutto, analiticamente individuate, descritte e valutate tutte le attività; analogamente, vanno individuate e dettagliatamente elencate tutte le passività, con le stime appropriate che le diverse poste esigono. 5 Patrimonio netto rivalutato (PNR) Il patrimonio netto rivalutato può essere inteso come l ammontare delle risorse da investire per poter disporre di un analogo complesso di condizioni produttive patrimoniali, nello stato e nel luogo in cui si trovano al momento della valutazione. Infatti, il fine ultimo di questa operazione è quello di esprimere il valore corrente del patrimonio alla data di riferimento della valutazione e di quantificare il valore di sintesi patrimonio netto rettificato. A prescindere dalla metodologia che si utilizza per esprimere il capitale economico dell impresa, l apprezzamento della composizione qualiquantitiva del patrimonio dell azienda è un attività imprescindibile nell ambito del processo volto ad acquisire le informazioni necessarie per esprimere il capitale economico dell impresa. Si procederà con la valutazione dello stato patrimoniale redatto in ipotesi di funzionamento al Lo stato patrimoniale non è stato approvato dal consiglio di amministrazione della società ma rappresenta una apprezzabile stima di quello che sarà presto approvato. Lo stesso è stato firmato dal legale rappresentante e dal presidente del collegio sindacale, che hanno così attestato l ufficialità e la completezza degli elementi patrimoniali ivi rappresentati definendo anche i fatti e gli eventi rilevati in contabilità che concorrono alla rappresentazione patrimoniale, posto che potrebbero sempre essere modificati sino all approvazione definitiva del bilancio stesso. La valutazione del patrimonio netto rettificato avverrà dunque sui seguenti principi: 1. inventariazione degli elementi patrimoniali, secondo estensione e modalità che differiscono per tipologia dei medesimi e valutazione analitica dei singoli elementi dell attivo e del passivo che compongono il patrimonio; 2. evidenziazione degli elementi patrimoniali che non siano pertinenti all attività d impresa e valutazione separata dei medesimi attraverso la quale si giungerà alla quantificazione del capitale accessorio. 6

7 Lo stato patrimoniale alla data di riferimento della valutazione Si riporta di seguito lo stato patrimoniale ottenuto dalla società al Come detto, lo stesso, al momento della valutazione, non è stato approvato dal consiglio di amministrazione della società ma rappresenta una apprezzabile stima di quello che sarà presto presentato e approvato dall assemblea dei soci Attività Stato Patrimoniale al Imm. nette Imm. immateriali Imm. materiali Imm. finanziarie Att. circolante Magazzino Crediti Attività finanziarie Disponib. liquide Ratei e risconti Passività e patrimonio netto Netto Capitale sociale Riserva legale Riserva da rivalutazione Utili/perdite portati a nuovo Utile/perdita Passività La valutazione con il metodo patrimoniale semplice Con riferimento al 31 dicembre 2002, data di chiusura del bilancio di esercizio, si procede ora alla revisione delle singole poste di bilancio a alla espressione delle stesse a valori correnti. Nell analisi delle singole poste verranno evidenziati il valore iscritto a bilancio e la valutazione a valori correnti. Per ogni posta di bilancio, così come analiticamente individuata nel bilancio chiuso al , si è proceduto mettendo in evidenza il valore contabile (al netto degli eventuali fondi di rettifica: fondi ammortamento, fondi svalutazione) e la valutazione a valori correnti. 7

8 Per ogni voce di bilancio sarà esplicitato il criterio operativo di valutazione. I temi valutativi considerati riguardano le componenti tipiche di una azienda industriale. Dagli elementi patrimoniali strettamente necessari allo svolgimento del-la gestione aziendale sono stati estrapolati gli elementi patrimoniali non pertinenti allo svolgimento dell attività operativa aziendale, poiché ritenuti non strumentali all esercizio dell azienda, insieme alle componenti soggette a valutazione autonoma. La valorizzazione di tali componenti, al netto dell effetto fiscale, concorrerà separatamente alla formazione del valore del capitale economico. La migliore dottrina economico-aziendale, quella italiana come pure quella di estrazione anglosassone, è concorde nell affermare che l obiettivo della stima dell esperto debba consistere nella determinazione del cosiddetto valore generale, di quel valore cioè che in normali condizioni di mercato può essere considerato congruo per il capitale di un azienda, prescindendo dagli interessi delle eventuali parti in causa e dalla loro forza contrattuale. La revisione si è svolta con una metodologia consistente nel controllo di tutte le poste patrimoniali, tenendo conto della loro reale consistenza, nel contesto della specifica attività esercitata. Il sottoscritto perito, a seguito di espressa interrogazione, ha avuto for-male assicurazione che tutte le attività e le passività sotto evidenziate sono di pertinenza della società e che non esistono altre attività e/o passività iscritte o iscrivibili nella contabilità sociale. Attività B immobilizzazioni B.I. Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni immateriali nette rettificate euro Costi per Ricerca & Sviluppo Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro Tutti i costi capitalizzati risultano possedere una utilità futura residua e, quindi, il valore netto contabile risulta essere congruo. B.II. Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali nette rettificate euro B.II.1) Terreni Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro Nel 2002 sono stati venduti dei terreni inutilizzati e ne sono stati acquisiti dei nuovi. 8

9 B.II.1) - Fabbricati Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro Il valore netto contabile comprende anche le infrastrutture e i costi di ristrutturazione nonché gli incrementi di valore degli immobili a seguito di leggi di rivalutazione (fino al 1991). La quasi totalità della voce è costituita dai fabbricati nei quali si svolge l attività aziendale e per i quali si è utilizzato un coefficiente di ammortamento pari al 3%. Il valore contabile, discusso con la direzione della società, è ritenuto congruo. B.II.2) - Impianti e macchinari Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro Tale voce di bilancio viene ammortizzata dall azienda con una percentuale di ammortamento pari al 10%, che presuppone una vita utile di 10 anni. Gli impianti e macchinari che partecipano attualmente al processo produttivo sono stati acquisiti dalla società in tempi piuttosto recenti (dal 1996 al 2002). Si ritiene, pertanto, che i valori iscritti in bilancio siano congrui rispetto all obsolescenza effettiva e la vita utile residua dei beni. B.II.3) e B.II.4) Attrezzature industriali e commerciali e Altri beni Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro Per tutti questi beni le aliquote utilizzate sono ritenute congrue. In particolare, per quanto riguarda le macchine d ufficio, non si ritiene opportuno attribuire loro un maggior valore, nonostante abbiano terminato il processo d ammortamento, anche se sono ancora utilizzate dalla società, per due ordini di motivi: a) in primo luogo alcune macchine da ufficio elettroniche, pur avendo una vita utile residua di2o3 anni, hanno un valore di mercato pressoché nullo; b) in secondo luogo, dai colloqui intercorsi con il personale amministrativo si è palesata la volontà di dismettere e sostituire alcuni di questi beni nell esercizio in corso. Per gli automezzi, che la società utilizza per trasporti interni e per l effettuazione delle consegne, è stato utilizzato un coefficiente del 25%. Tale aliquota appare piuttosto elevata. Per questo motivo è apparso opportuno aumentare il valore degli automezzi di circa , soprattutto per rispecchiare il maggior valore di un automezzo iscritto in bilancio a euro, ma per l acquisto del quale la società ha ricevuto un offerta di circa euro. È intenzione della società dismettere questo bene e comprare due nuovi automezzi dalle dimensioni meno rilevanti e del valore di circa euro ognuno. 9

10 Attribuendo dei pesi a ogni singola voce, questi dati saranno successivamente utilizzati per rideterminare gli ammortamenti ordinari al fine della normalizzazione dei componenti reddituali. B.III. Immobilizzazioni finanziarie Immobilizzazioni finanziarie nette rettificate euro Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro Tale voce rappresenta depositi cauzionali versati a terzi. Il valore si ritiene congruo. C. Attivo circolante C.I. Rimanenze Rimanenze nette rettificate euro Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro La voce comprende la valorizzazione delle giacenze di materie prime, sussidiarie e di consumo, dei prodotti in corso di lavorazione e semilavorati di prodotti finiti e merci, come da inventario fisico. L elenco analitico delle giacenze con relativa valutazione non viene allegato alla perizia in quanto trattasi di parecchie migliaia di pagine. Lo stesso rimane a disposizione presso l azienda. Lo scarico di materiali per centro di costo e lo scarico di movimentazione avviene con valorizzazione a costo medio ponderato, con riferimento all intera vita dell articolo. Su questo punto si deve evidenziare che la casa madre impone una svalutazione delle merci e dei prodotti finiti, il cui effetto si aggiunge alla valutazione delle rimanenze secondo il metodo del costo medio ponderato. Il risultato correlato è una sottostima del valore delle rimanenze iscritte. L effetto globale di tale politica sarà analizzato nella parte dedicata alla normalizzazione del reddito. Ai fini della valutazione del PNR, prudenzialmente il maggior valore latente non viene considerato in aumento del PNR. C.II. Crediti Crediti rettificati euro C.II.1) Crediti esigibili entro l esercizio successivo Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro I crediti sono esposti al loro presunto valore di realizzo mediante l iscrizione di Fondi Svalutazione Crediti iscritti e gestiti ai sensi dell art. 71, comma 6, D.P.R. 917/1986. Inoltre, dai colloqui intercorsi con il management della società è emerso che, in base alle direttive che la capogruppo 10

11 impartisce, la società accantona un fondo rischi su crediti che eccede l aliquota fiscale del 5% sui crediti stessi, con l ovvia esclusione dei crediti infragruppo. Si è discusso di questo punto e, previa analisi dei criteri utilizzati dalla società per la determinazione del fondo svalutazione crediti, si ritiene che il valore netto contabile sia da ritenersi congruo. C.IV. Disponibilità liquide Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro Il valore è considerato congruo. Passività B. Fondo per rischi e oneri Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro Tale fondo comprende l indennità suppletiva alla clientela. Il valore si giudica congruo. C. Tfr C. Trattamento fine rapporto di lavoro subordinato Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro L accantonamento corrisponde all importo integrale delle competenze maturate a favore dei dipendenti in virtù delle norme e dei contratti collettivi vigenti. Si precisa che il Tfr risulta esposto al netto degli anticipi. Sulla base dei controlli effettuati si ritiene di potere utilizzare il dato contabile rilevato a bilancio il 31 dicembre La valutazione viene pertanto effettuata al valore nominale. D. Debiti D.1. Debiti esigibili entro l esercizio successivo Valore netto contabile euro Valutazione corrente euro I debiti verso fornitori (euro ) e banche (euro ) sono stati valutati al valore nominale e il dettaglio è disponibile presso l azienda. Si ritiene di potere utilizzare il dato contabile così come risulta al 31 dicembre Il patrimonio netto rivalutato risulterà dalla somma delle attività e delle passività analiticamente rivalutate. Di seguito vengono riepilogate le valutazioni attribuite alle attività e passività. 11

12 Attività Imm. nette Imm. immateriali Imm. materiali Imm. finanziarie Att. circolante Magazzino Crediti Disponib. liquide Totale Passività e patrimonio netto rivalutato Passività Fondi rischi e oneri Fondo Tfr Debiti PNR Pertanto, alla luce delle rettifiche effettuate sulle voci patrimoniali il valore del patrimonio netto rivalutato è pari a euro Si ricorda che il valore del patrimonio netto contabile al è pari a euro Reddito medio normale atteso (Rmnp) Al fine della determinazione del reddito medio sostenibile, si è fatto riferimento ai redditi attesi per i periodi relativi agli esercizi n, n+1, n+2, pari ai redditi netti normalizzati relativi al medesimo periodo. I redditi netti normalizzati relativi a tali periodi sono stati determinati sulla base dei risultati d esercizio stimati nel business plan predisposto dalla direzione, opportunamente normalizzati al fine di eliminare gli elementi straordinari e non ripetibili e di ripristinare la coerenza con le rettifiche patrimoniali effettuate, secondo quanto precedentemente descritto e con i valori reddituali relativi al capitale accessorio. I risultati di esercizio stimati nel business plan n-n+2 sono stati normalizzati per tenere conto delle seguenti voci: 1. risultati straordinari e/o componenti positivi/negativi di reddito non ripetibili; 2. componenti positivi/negativi di reddito connessi agli elementi patrimoniali non operativi o oggetto di valutazione autonoma; 3. normalizzazione degli ammortamenti relativi alle immobilizzazioni materiali in uso, al fine di tenere conto del valore corrente degli stessi; il punto di massimo rilievo in tema di normalizzazione del reddito riguarda, infatti, l eliminazione degli effetti delle politiche di bilancio, in 12

13 particolare di natura fiscale, giudicati distorsivi rispetto al fine della corretta misurazione dei risultati economici conseguiti. Tali rettifiche potranno dunque riguardare, per esempio, la capitalizzazione dei costi, le quote di ammortamento, la valorizzazione delle giacenze di magazzino o la costituzione di fondi rischi o di fondi oneri futuri; 4. ricalcolo delle imposte di competenza. Questa operazione risulta essere una fase molto importante del processo di normalizzazione, in quanto occorre quantificare il costo per imposte sulla base del nuovo reddito risultante dalla normalizzazione. Di seguito vengono analizzati e normalizzati i componenti positivi e negativi del reddito dell azienda oggetto di valutazione, evidenziando le problematiche e le soluzioni operative adottate. L analisi parte dai risultati previsionali che la società ha sottoposto. From Financial Reporting Management Reporting Amounts in Mio. Eur Year Status Actual Actual Actual Budget F Cast Budget Plan Plan Plan Date 31/12/99 31/12/00 31/12/01 31/12/01 30/09/02 15/11/02 30/06/02 30/06/02 30/06/02 Net sales 12,1 16,9 19,0 17,3 22,0 21,6 21,6 26,7 31,7 Net variation in stocks 0,2 0,0 1,2 0,0 0,8 0,0 0,0 0,0 0,0 Corporate output 12,3 16,9 20,2 17,3 22,8 21,6 21,6 26,7 31,7 Ebit (Op. result bef. int. and taxes) 0,6 0,7 0,7 1,0 0,8 1,2 1,2 1,7 2,1 % of net sales 4,5% 4,3% 3,7% 5,5% 3,8% 5,4% 5,7% 6,4% 6,6% Ebitda (Ebit bef. depr and amort.) 0,7 0,9 0,9 1,2 1,2 1,6 1,5 2,1 2,5 % of net sales 5,4% 5,5% 4,7% 6,7% 5,6% 7,2% 7,1% 7,9% 7,9% Financial result (interests, securities) 0,2 0,3 0,4 0,5 0,60 0,57 0,63 0,77 0,92 Other result 0,1 0,0 0,0 0,0 0,06 0,06 0,07 0,08 0,10 Result before taxes 0,3 0,4 0,3 0,5 0,2 0,53 0,5 0,9 1,1 Income taxes 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,3 0,4 Taxrate 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 37,0% 37,0% Net income for the year 0,3 0,4 0,3 0,5 0,2 0,5 0,5 0,5 0,7 % of net sales 2,1% 2,5% 1,6% 2,7% 0,8% 2,5% 2,5% 2,0% 2,1% Depreciation of tangible fixed assets 0,1 0,2 0,2 0,2 0,4 0,4 0,3 0,4 0,4 Amortisation of intangible assets 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Net variation of provisions 0,0 0,1 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Cash flow for the year 0,4 0,7 0,5 0,7 0,6 0,9 0,8 0,9 1,1 (segue) From Financial Reporting Management Reporting 13

14 % of net sales 2,9% 4,3% 2,6% 3,8% 2,6% 4,3% 3,8% 3,5% 3,4% Investments in fixed assets 0,1 0,6 0,0 0,2 1,4 0,3 0,3 0,3 0,3 R&D expense 0,0 0,3 0,3 0,4 0,6 0,6 0,5 0,6 0,7 % of net sales 0,0% 1,8% 1,6% 2,3% 2,7% 2,8% 2,3% 2,2% 2,2% Materials expense 9,7 12,5 14,6 12,7 17,1 15,8 15,7 19,4 23,0 % of corporate output 78,9% 74,0% 72,3% 73,4% 75,0% 73,3% 72,7% 72,7% 72,6% Personnel expense 1,6 1,8 2,1 2,0 2,5 2,6 2,5 3,0 3,5 % of corporate output 13,0% 10,7% 10,4% 11,6% 11,0% 12,0% 11,6% 11,2% 11,0% Accounts receivable 3,3 3,8 5,3 3,6 5,5 5,0 4,5 5,5 6,5 Accounts receivable in days of net sales 98,2 80,9 100,4 74,9 90,0 83,3 75,0 74,2 73,8 Inventories 3,3 3,6 6,0 3,9 6,5 5,5 5,0 5,8 6,5 Inventories in days of material expense 122,5 103,7 147,9 110,6 136,8 125,0 114,6 107,6 101,7 Tangible fixed assets 1,4 1,9 1,5 1,5 2,7 2,6 2,3 1,9 1,5 Bills and trade payables 3,0 3,3 5,4 2,5 5,5 5,5 3,0 3,5 4,0 Other short term liabilities (nonfinancial) 0,7 0,6 0,6 0,6 0,6 0,6 0,0 0,0 0,0 Advance payments from customers 305,0 5,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Net op. assets on closing date excl. 5,0 6,0 7,4 6,5 9,2 7,6 8,8 9,7 10,5 % of net sales 41,3% 35,5% 38,9% 37,6% 41,8% 35,2% 40,7% 36,3% 33,1% Net op. assets average excl. 3,1 4,7 6,9 6,5 7,3 7,9 7,7 8,8 10,1 % of net sales 25,6% 27,8% 36,3% 37,6% 33,3% 36,7% 35,6% 33,0% 31,9% Number of employees on closing date Ricavi Non si è proceduto a nessun tipo di aggiustamento su questa voce previsionale di ricavi per gli esercizi 2003, 2004 e Costi Provisions for risks on stock Su questo punto si deve evidenziare che la casa madre impone una svalutazione delle merci e dei prodotti finiti da aggiungere al costo medio ponderato. Questo fatto produce una sottovalutazione delle rimanenze iscritte. La successiva vendita di tali merci aumenta gradualmente i ricavi negli esercizi successivi, attraverso la variazione delle rimanenze. Si è proceduto pertanto a depurare l effetto dei maggiori accantonamenti operati dalla società per il 2003, 2004 e Depreciation In generale, la politica degli ammortamenti della società può incidere pesantemente sul risultato reddituale. 14

15 La prassi amministrativa di imputare a conto economico gli ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali e soprattutto materiali secondo le aliquote fiscalmente ammesse, che normalmente non consentono una ripartizione del costo pluriennale in funzione della vita utile delle immobilizzazioni, ha reso necessario rideterminare gli ammortamenti di competenza da inserire nel budget della società. Gli ammortamenti ordinari sui beni esistenti al 31 dicembre 2002 sono stati pertanto rideterminati in funzione della vita economica utile residua. Dagli incontri avuti con i referenti aziendali sono emerse le informazioni che hanno permesso di rideterminare gli ammortamenti secondo il valore corrente. L analisi del piano di investimento per il triennio , che risulta essere piuttosto contenuto, permette comunque di affermare che gli ammortamenti calcolati sui beni oggetto di investimento risultano congrui. Per quanto riguarda invece gli investimenti in beni strumentali ammortizzabili per il periodo , il forecast fornitoci dalla società riporta investimenti per valori rispettivamente di euro per anno. Pertanto agli ammortamenti rideterminati relativi ai beni esistenti alla data del , si dovranno aggiungere ammortamenti relativi ai beni acquistati nel corso del triennio L ammortamento totale dei beni ammortizzabili nel corso del triennio è previsto per importi pari a euro nel 2003, euro nel 2004 ed euro nel Dalle tabelle allegate si può desumere che il nuovo valore degli ammortamenti sui beni esistenti da inserire nei profitti normalizzati del triennio è il seguente: Per il 2003: Ammortamenti sui beni esistenti euro Ammortamenti sugli investimenti 0 Totale ammortamenti 2003 euro Per il 2004: Ammortamenti sui beni esistenti euro Ammortamenti sugli investimenti euro Totale ammortamenti 2004 euro Per il 2005: Ammortamenti sui beni esistenti euro Ammortamenti sugli investimenti euro Totale ammortamenti 2005 euro Il valore degli ammortamenti per il 2004 e il 2005 è stato calcolato rapportando il valore degli ammortamenti figurativi sugli immobili strumentali rivalutati al valore stimato per il 2003 e applicando la percentuale così ottenuta sui valori dei maggiori investimenti stimati per gli anni 2004 e

16 Dettaglio ammortamenti su beni esistenti al 31 dicembre 2002 Costo storico % Amm.to imputato Valore corrente % stimata Amm.to congruo Fabbricati ind. ord % % Macchinari ,5% ,5% Mobili ufficio ,0% ,0% Macc. ufficio ordinarie ,0% ,0% 223 Attrezzature e utensili % % Automezzi % % Impianti % % Macc. ufficio elett % % Beni inf. 500 euro 100% Provisions for risks on credits Dai colloqui intercorsi con il management della società è emerso che, in base alle direttive che la capogruppo impartisce, la società accantona un fondo rischi su crediti che eccede l aliquota fiscale del 5% sui crediti stessi, con l ovvia esclusione dei crediti intragruppo. Per motivi prudenziali si ritiene comunque di non dovere apportare nessuna modifica ai valori riportati dalla società. Selling costs Tra questi costi vi sono anche i costi relativi alle commissioni pagate alle società del gruppo per la vendita dei prodotti. Dal momento che tali importi sono calcolati a valori di mercato e dovrebbero essere corrisposti indipendentemente dall appartenenza al gruppo, non sono state effettuate modifiche su questa voce. Other trading costs Questa voce include anche costi relativi a royalties corrisposte al gruppo. Dato che tali importi sono stati calcolati a valori di mercato e dovrebbero essere corrisposti indipendentemente dall appartenenza al gruppo, non sono state effettuate modifiche su questa voce. Tax Il budget è stato depurato dall effetto fiscale. Il reddito medio normalizzato prospettico, ricalcolato come sopra specificato, è stato successivamente assoggettato alle imposte sul reddito, oggetto di specifica trattazione a seguito della definizione del reddito medio normalizzato ante imposte. Il reddito normalizzato scaturisce dal reddito evidenziato nel business plan opportunamente rettificato e integrato a seguito delle analisi prece- 16

17 dentemente esposte. Ai risultati così definiti è stata applicata un aliquota Irpeg pari al 34% e un aliquota Irap pari al 4,25%. Il reddito medio normalizzato prospettico netto, determinato nella maniera sopra evidenziata, sarà successivamente impiegato nella formula indicata in premessa. Normalizzazione del reddito Risultato di esercizio Imposte dell esercizio Utile ante imposte Normalizzazioni Storno provisions on risks Storno ammortamenti civilistici su immobili strumentali Storno provisions on risks on credits Storno administrative and general costs Rettifica amm. figurativi su immobili strum. Rivalutati Rettifica provisions on risks on credits rivalutati Rettifica administrative and general costs rettificati Reddito ante imposte normalizzato Imposte figurative su reddito normalizzato Irpeg Irap Totale imposte figurative n n+1 n Reddito netto normalizzato Media 462 Risultati economici: utile normalizzato (importi in euro) Utile normalizzato 2003 euro Utile normalizzato 2004 euro Utile normalizzato 2005 euro Pertanto, la media aritmetica semplice dell utile normalizzato assume il valore di euro La determinazione autonoma del valore dell avviamento 17

18 I periti, alla luce dei risultati sopra esposti, hanno proceduto quindi alla determinazione autonoma del valore dell avviamento seguendo la formula illustrata nel relativo paragrafo (si è già visto come la determinazione dell avviamento possa derivare dall applicazione della formula di seguito esplicitata): dove: A = (Rmnp i PNR) / i PNR = patrimonio netto rivalutato Rmnp = reddito medio normalizzato prospettico i = tasso di redditività medio normale, riferibile sia al settore, sia alla specifica realtà dell impresa oggetto d indagine i = tasso di attualizzazione del sovrareddito Il tasso i = tasso di redditività medio normale atteso è stato fissato al 7%. i = il suo valore è stato ipotizzato pari a 0,008. Si è visto che il reddito medio normale prospettico è pari a euro mentre il PNR è stato determinato nella misura di euro Dall applicazione di tali risultati alla formula si evince che la società produce un sovrareddito significativo: A = (Rmnp i PNR) / i A = [ ( %)] = ( )/0,08 = /0,08 = = Conclusioni: il valore delle quote alla data del 1 gennaio 2003 Determinati i due elementi rilevanti ai fini della stima del capitale economico della società negli importi di seguito indicati: a) PNR euro b) Sovrareddito euro Si procede alla determinazione del fondo imposte latenti. Si ricorda che il valore contabile del netto è pari a euro Il maggior valore attribuito alla partecipazione ammonta pertanto a euro e risulta dalla seguente formula: Maggior valore = W PNC = = Non rimane che applicare la variabile fiscale sul maggior valore così determinato. La teoria prevalente ritiene che l applicazione di un aliquota pari alla metà dei coefficienti di imposta attualmente applicati al reddito imponibile rappresenti una buona stima del carico fiscale del maggior valore determinato secondo la procedura esposta in questa perizia. Pertanto si applicherà al maggior valore un aliquota pari al 19% (Irpeg 18

19 nominale 34% e Irap nominale pari a 4,25%). Pertanto la variabile fiscale diminuisce il valore della partecipazione di euro Si attesta, pertanto, che il valore patrimoniale complessivo della società SH s.p.a., alla data del 1 gennaio 2003, ai sensi e per le finalità di cui alla premessa di questo studio, ammonta a euro = euro Il valore viene arrotondato in euro

2 Il patrimonio netto rettificato operativo (capitale operativo necessario)

2 Il patrimonio netto rettificato operativo (capitale operativo necessario) Il capitale accessorio (surplus assets). La normalizzazione del reddito (coerentemente alla definizione del capitale accessorio) 1 Premessa 2 Il patrimonio netto rettificato operativo (capitale operativo

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa La valutazione di un ramo d azienda che svolge l attività di manutenzione caldaie a domicilio, oggetto di conferimento. Il metodo reddituale a due fasi 1 L oggetto dell incarico 2 L oggetto della valutazione

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000 TEMI D ESAME N.1 QUESITO In data 1 gennaio 2005 Alfa S.p.A. ha acquistato una partecipazione dell 80% in Beta S.p.A., pagando un prezzo pari a euro 60.000. Il patrimonio netto contabile di Beta alla data

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE I CRITERI DI VALUTAZIONE APPLICABILI NELLA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO 1 IL BILANCIO DI ESERCIZIO DOCUMENTO CHE EVIDENZIA, PER CIASCUN ESERCIZIO, IL CAPITALE

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

Criticità dei metodi patrimoniali:

Criticità dei metodi patrimoniali: Criticità dei metodi patrimoniali: Valutano l azienda guardando al presente senza considerare le potenzialità future; A livello internazionale non sono considerati un vero e proprio metodo; In Italia sono

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità)

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità) Esercitazione II In data 28 Febbraio X la società Alfa S.p.A. acquista una partecipazione del 75% nella società Beta S.p.A. pagando un prezzo di euro 13.000. Lo stato patrimoniale della società controllata

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE

BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE Lezione n 9-10 Maggio 2013 Alberto Balducci IL SISTEMA CONTABILE DELL AZIENDA A.S.L. 2 OBIETTIVI DELL IMPIANTO CONTABILE DELL AZIENDA ASL 1) RILEVARE

Dettagli

IPOTESI DI RAPPORTO DI CAMBIO TRA CAFC S.P.A. E C.D.L. S.P.A. IN BASE ALLE VALUTAZIONI ECONOMICHE ALLA DATA DEL 31.12.2008

IPOTESI DI RAPPORTO DI CAMBIO TRA CAFC S.P.A. E C.D.L. S.P.A. IN BASE ALLE VALUTAZIONI ECONOMICHE ALLA DATA DEL 31.12.2008 IPOTESI DI RAPPORTO DI CAMBIO TRA CAFC S.P.A. E C.D.L. S.P.A. IN BASE ALLE VALUTAZIONI ECONOMICHE ALLA DATA DEL 31.12.2008 1. Premessa La sottoscritta è stata congiuntamente incaricata dalla società CAFC

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 Filatura di Pollone S.p.A. Sede in Pollone (BI), Via A. Botto n. 29 Capitale sociale: Euro 5.538.000,00 i.v. N.ro Reg. Imprese e Codice Fiscale 81020000022

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: CESSIONE DI AZIENDA O RAMO DI AZIENDA

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: CESSIONE DI AZIENDA O RAMO DI AZIENDA PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: CESSIONE DI AZIENDA O RAMO DI AZIENDA 1 Operazione di natura straordinaria che consiste nel trasferimento del complesso dei beni

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

Fatturato e Cash flow in crescita

Fatturato e Cash flow in crescita GRUPPO SOL COMUNICATO STAMPA RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO AL 31-12- 2005 Fatturato e Cash flow in crescita Fatturato consolidato: Euro 346 milioni (+7,5%) Cash Flow: Euro 56,3 milioni (+4 %) Utile

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Si determini, utilizzando il metodo unlevered discounted cash flow, il valore del capitale economico di un impresa alla data del 1 gennaio 2008 operante

Dettagli

RADIOLOGIACLINICASRL. Bilancio dell esercizio chiuso al 31/12/2013

RADIOLOGIACLINICASRL. Bilancio dell esercizio chiuso al 31/12/2013 RADIOLOGIACLINICASRL Bilancio dell esercizio chiuso al 31/12/2013 Sede legale VIA LUIGI CADORNA N. 19 PADOVA PD Iscritta al Registro Imprese di PADOVA C.F. e numero iscrizione 01506850286 Iscritta al R.E.A

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

Esempio n. 1 di valutazione d azienda (metodo reddituale)

Esempio n. 1 di valutazione d azienda (metodo reddituale) Esempio n. 1 di valutazione d azienda (metodo reddituale) I redditi attesi stimati sono: - reali; - normali; - netti e sono riportati nella tabella seguente. Importo 2013 Importo 2014 Importo 2015 VF 2015

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005 COMUNICATO STAMPA PREMUDA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005 RISULTATI CONSOLIDATI DI GRUPPO AL NETTO QUOTE DI TERZI Utile /mil 25,4 ( /mil 24,8 nel 2004) Cash

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2008

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2008 : IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2008 Amaro (UD), 16 marzo 2009 Ricavi consolidati: +20%, da 76,54 milioni di Euro a 91,73 milioni di Euro Primo margine consolidato: +32%,

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 Nota integrativa del bilancio al 31 dicembre 2011 ** ** ** I. STRUTTURA

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO S.P. SECONDO IL CRITERIO FINANZIARIO

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO S.P. SECONDO IL CRITERIO FINANZIARIO LA RICLASSIFICAZIONE DELLO S.P. SECONDO IL CRITERIO FINANZIARIO Università degli Studi Bari " Aldo Moro" - DISEMM Cdl Magistrale in Economia e Commercio Analisi di bilancio e controllo di gestione a.a.

Dettagli

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 41,40 % 10,72 % 286,19 %

= 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 41,40 % 10,72 % 286,19 % BETA SRL Indici di bilancio Bilancio abbreviato al 31/12/ Indici e margini di redditività ROE = 23) Utile (perdita) dell'esercizio / A) Patrimonio netto 41,40 10,72 286,19 L'indice misura la redditività

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Rozzano (MI), 27 Marzo 2012, h.17.20

COMUNICATO STAMPA Rozzano (MI), 27 Marzo 2012, h.17.20 COMUNICATO STAMPA Rozzano (MI), 27 Marzo 2012, h.17.20 Il Consiglio di Amministrazione di Biancamano Spa, riunitosi in data odierna, comunica che, a seguito di rettifiche e riclassifiche intervenute successivamente

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Corso di bilancio e principi contabili

Corso di bilancio e principi contabili Corso di bilancio e principi contabili Quinta lezione: Lo stato patrimoniale Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli 1 LO SCHEMA DELLO STATO PATRIMONIALE A SEZIONI DIVISE E CONTRAPPOSTE

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü Rigidità dello schema e sua struttura ü Attivo B) Immobilizzazioni ü Attivo C) Attivo circolante ü Attivo D) Ratei e risconti attivi ü Passivo A) Patrimonio netto ü Passivo B) Fondi per rischi e oneri

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro.

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro. NOTA INTEGRATIVA Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro. CRITERI DI FORMAZIONE Il seguente bilancio

Dettagli

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 In considerazione dei positivi risultati economico finanziari il CdA propone

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 Introduzione Il Bilancio al 31 Dicembre 2014 è formato dallo

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Spett. le Unicredit Banca Spa Polo Finanza Agevolata di Bologna (cod. 45130) Via Monte Grappa 8/e 40121 BOLOGNA BO Alla c.a. Sig.

Spett. le Unicredit Banca Spa Polo Finanza Agevolata di Bologna (cod. 45130) Via Monte Grappa 8/e 40121 BOLOGNA BO Alla c.a. Sig. 1 Parte riservata all Ente Gestore Richiesta di finanziamento a valere sul Foncooper Regione Emilia Romagna PROT. N. DATA PROT. Spett. le Unicredit Banca Spa Polo Finanza Agevolata di Bologna (cod. 45130)

Dettagli

Domande per il test di preselezione per l ammissione alla SSIS Indirizzo Economico Giuridico Pisa, 14 settembre 2006

Domande per il test di preselezione per l ammissione alla SSIS Indirizzo Economico Giuridico Pisa, 14 settembre 2006 Domande per il test di preselezione per l ammissione alla SSIS Indirizzo Economico Giuridico Pisa, 14 settembre 2006 CLASSE DI ABILITAZIONE 17/A DISCIPLINE ECONOMICO - AZIENDALI 1) La rilevazione di un

Dettagli

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato un Business plan completo di Bilancio previsionale, Rendiconto

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Bilancio d esercizio ART. 2423 Codice Civile Stato Patrimoniale Conto economico Nota integrativa ART.

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

La riclassificazione del Conto Economico

La riclassificazione del Conto Economico La riclassificazione del Conto Economico Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 La riclassificazione del Conto Economico È volta alla determinazione

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/243 DATA DI ENTRATA IN VIGORE 29. A eccezione dei paragrafi 23 e 24, il presente Principio contabile internazionale è entrato in vigore a partire

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MONZA E BRIANZA. Sede legale: Via G. Ferrari 39 20052 MONZA (MI) C.F. 94606270158

COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MONZA E BRIANZA. Sede legale: Via G. Ferrari 39 20052 MONZA (MI) C.F. 94606270158 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MONZA E BRIANZA Sede legale: Via G. Ferrari 39 20052 MONZA (MI) C.F. 94606270158 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 Premessa Il Bilancio che

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE Circolare informativa per la clientela n. 10/2014 del 27 marzo 2014 RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE SOMMARIO 1. CATEGORIE OMOGENEE... 2 2. CRITERI di VALUTAZIONE... 2 Criterio base...

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Premessa Il bilancio consuntivo dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, composto da Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.400,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: C.E.A.M. CULTURA E ATTIVITA' MISSIONARIA SRL VIA

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2013 Gli importi presenti sono espressi in Euro.

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2013 Gli importi presenti sono espressi in Euro. NOTA INTEGRATIVA Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2013 Gli importi presenti sono espressi in Euro. CRITERI DI FORMAZIONE Il seguente bilancio

Dettagli