Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è"

Transcript

1 Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è assolutamente essenziale nelle malattie croniche e negli schemi terapeutici per le patologie degenerative. Senza la regolazione degli organi si raggiungerebbero solo risultati superficiali a lungo termine. 1

2 Gli obbiettivi di questa lezione consistono nel comprendere appieno la cellula come unità vivente, facente parte di un organo o tessuto che svolge determinate funzioni all interno dell organismo umano. La disfunzione cellulare comporta una disfunzione dell organo o, peggio, la necrosi del tessuto colpito e conseguenti patologie degenerative. Per cogliere la necessità del supporto organico e cellulare dobbiamo comprendere innanzitutto la salute della cellula. 2

3 Un organismo vivente è ben più della semplice somma delle singole cellule di cui è composto. Nonostante ciò, la cellula rimane il mattone di costruzione principale del tessuto e il suo corretto funzionamento è essenziale per la vita dell intero organismo. 3

4 Virchow ( ) affermò che la cellula è la più piccola unità vivente dell'organismo umano. Egli correlò le malattie croniche alla disfunzione cellulare, che oggigiorno, e certamente nella omotossicologia, è un punto di vista applicabile quando si valuta l approccio terapeutico della malattia. In realtà, ci allontaniamo dal semplice punto di vista della malattia cellulare, nel senso che valutiamo la cellula e la matrice come unità funzionale. Pischinger usò questa espressione che suona ancora attuale: La cellula è un astrazione. 4

5 Dopo la fecondazione, durante le prime fasi della rapida divisione cellulare, alcune cellule migrano all interno della blastula dando origine a 3 strati germinali: Endoderma, Mesoderma e Ectoderma. Questo stadio dell embriogenesi prende il nome di stadio della Gastrula. Zigote Morula (sfera composta da cellule di blastomeri) Blastula (oltre 100 cellule) Gastrula Gli strati germinali si formano durante la fase di gastrulazione. L ectoderma darà origine a : 1. Cute e annessi cutanei 2. Sistema nervoso autonomo 3. Sistema nervoso centrale Il mesoderma darà origine a : 1. Ossa e muscoli 2. Sistema urogenitale 3. Mesenchima (tessuto connettivo) 4. Sistema cardiovascolare L endoderma darà origine a : 1. Tratto gastrointestinale 2. Sistema respiratorio 3. Ghiandole endocrine 5

6 6

7 Nella lezione IAH AC Istologia e fisiologia della matrice abbiamo spiegato in dettaglio la matrice extracellulare. La cellula presenta una matrice su due livelli: la matrice intracellulare e la matrice nucleare interna. Ciò che in biologia cellulare prende il nome di filamenti intermedi è di fatto una struttura intracellulare che svolge una funzione di filtro biofisico nella cellula, al pari della struttura di proteoglicani dello spazio extracellulare. I componenti cellulari come il nucleo e i mitocondri sono mantenuti in sede da questa struttura, che ha inoltre una funzione protettiva. Le sostanze che penetrano nella cellula possono rimanere intrappolate in questa struttura, il cosiddetto citoscheletro. 7

8 La struttura del citoscheletro funziona come una matrice intracellulare, trasferendo informazioni e sostanze nella cellula, proteggendo fisicamente le strutture intracellulari e, da ultimo, stabilizzando i principali componenti cellulari come l apparato del Golgi (che secerne sostanze cellulari specifiche), il nucleo (che contiene il materiale genetico della cellula) e i mitocondri (che forniscono l energia alla cellula). 8

9 I mitocondri sono i principali fornitori di micro-energia della cellula vivente, essenzialmente sotto forma di ATP. Carboidrati (glucosio), proteine (aminoacidi) e grassi (acidi grassi) partecipano al percorso metabolico del ciclo di Krebs e della catena respiratoria per generare ATP, nonché CO2 e H2O come sottoprodotti. Questa energia viene utilizzata dalla cellula per soddisfare ogni sua funzione. Questa conversione si basa essenzialmente sul ciclo di Krebs, noto anche come ciclo dell acido citrico, come pure sulla catena respiratoria. 9

10 I mitocondri, attraverso un processo metabolico estremamente complesso, convertono glucosio (zuccheri), aminoacidi e acidi grassi (utilizzando l ossigeno) in ATP, il carburante cellulare. Se questo ciclo viene bloccato o i mitocondri vengono danneggiati, una conseguenza immediata è la disfunzione cellulare. Se questo processo si verifica contemporaneamente in un grande numero di cellule dello stesso tessuto o organo può svilupparsi una condizione critica. 10

11 Il nucleo della cellula rappresenta l organo principale della cellula. All interno del nucleo sono codificati i comandi genetici della cellula sotto forma di un codice genetico complesso, attivato o disattivato come un sistema binario. Ciascun gene svolge un particolare compito all interno della cellula e, una volta innescato, le funzioni della cellula reagiscono di conseguenza. L interno del nucleo è ben protetto grazie al rivestimento del reticolo endoplasmatico, all envelope nucleare e a una matrice nucleare interna che funge da filtro biofisico. Riassumendo, si può affermare che il nucleo: - è una entità racchiusa da una membrana - contiene materiale genetico - il quale contiene i cromosomi - che contengono i geni - che sono organizzati come molecole o filamenti di DNA In ultimo, la cellula è gestita attraverso l espressione dei geni. 11

12 Lo scienziato James Oschman ha elaborato il concetto di matrice vivente, definita come la rete molecolare, costantemente interconnessa, composta dal tessuto connettivo, dal citoscheletro e dalle matrici nucleari dell intero organismo (*). Oschman ipotizza che questa matrice vivente sia una specie di autostrada attraverso cui distribuire in tutto l organismo informazioni regolatorie, fondamentali, e tutto ciò in maniera immediata, alla velocità della luce. Attraverso questa matrice le informazioni vengono condivise contemporaneamente da tutte le cellule, a livello extracellulare, intracellulare e nucleare interno. La matrice nucleare è costituita da filamenti interni, che formano una rete fisica tridimensionale, agendo contemporaneamente come sistema di trasmissione e filtro biofisico. Tully L. Energy Medicine in Therapeutics and Human Performance. By James Oschman. The Journal of Alternative and Complementary Medicine. April 2004, 10(2):

13 La funzione di filtraggio e trasmissione dei mediatori e di altri vettori di informazioni può avvenire a 3 livelli/tipi di matrice nell organismo umano (come precedentemente evidenziato). La matrice extracellulare o ECM è particolarmente nota nella medicina convenzionale come struttura istologica, come pure nella medicina complementare come campo di regolazione e trasmissione. La matrice intracellulare (il citoscheletro), che agisce come trasmettitore di informazioni e filtro biofisico, è accettata dalla medicina convenzionale ma è tuttavia meno conosciuta dal medico generico. Spesso si osserva un deposito intracellulare di omotossine a livello di questa matrice intracellulare. Nuovo, e per lo più sconosciuto, è invece il concetto di matrice nucleare, una fine rete strutturata di filamenti che agisce come conduttore di informazioni e filtro fisico. 13

14 Sebbene svolgano funzioni estremamente complesse, persino le cellule umane di maggior dimensione sono molto piccole. Il globulo rosso è una delle cellule più piccole del corpo umano, nell ordine di circa 6-8 micron. Le cellule di tessuti e organi costituiscono una cooperazione sinergica di miliardi di cellule, ognuna organizzata come unità indipendente, ma simultaneamente a contatto con TUTTE le altre cellule del corpo. La quantità di informazioni scambiate è enorme, non solo per il numero di cellule, ma anche per la complessità e la varietà delle informazioni inviate e ricevute. 14

15 15

16 Le cellule possono essere incluse in una membrana basale, come nelle strutture tissutali, come osservato ad esempio nella struttura di un organo. Gli scambi di sostanze avvengono principalmente per diffusione. Stiamo parlando dell ambiente extracellulare (ECM), dello spazio intercellulare (tra le cellule) e dello spazio intracellulare (nella cellula o nel suo nucleo). 16

17 Le cellule non sono sempre incluse in una membrana basale. Possono far parte di una struttura tissutale globale (per es. fibroblasti) o possono muoversi liberamente (per es. cellule ematiche). Le cellule, incluse o non incluse, sono circondate da una matrice, che veicola informazioni da una cellula o sistema a un altra cellula o sistema. Questa matrice protegge inoltre la cellula da qualsiasi carico tossico agendo da filtro biofisico. Ricordiamo che la matrice extracellulare è: - L ambiente diretto e immediato di OGNI cellula dell organismo - L area di trasmissione per la maggior parte dei messaggi di comando e delle interazioni tra i sistemi corporei - La sede dell autoregolazione e dell alterazione corporea - La sede dell infiammazione - La sede di deposito La purezza della matrice extracellulare è essenziale per la qualità di vita della cellula. Per informazioni più dettagliate sulla funzione della matrice e sull ambiente extracellulare consultare la lezione IAH AC Istologia e fisiologia della matrice. 17

18 La disfunzione cellulare si verifica per numerose ragioni, ma il risultato finale è lo stesso: se persiste nel tempo, la disfunzione cellulare provocherà infine patologie degenerative croniche. 18

19 Molti dei seguenti fattori possono essere all origine della disfunzione cellulare: Blocchi fisici a livello dell ECM che ostacolano il passaggio delle sostanze nutritive dalla circolazione sanguigna alla cellula, passando attraverso la matrice, nonché il percorso contrario compiuto dai prodotti metabolici, cioè dalle cellule alla matrice e da qui al sistema venoso e/o al sistema linfatico. La mancanza di una quantità sufficiente di ossigeno induce ipossia e il malfunzionamento dei mitocondri, con una minore produzione di energia. Blocco dei processi enzimatici e ostruzione della corretta trasmissione di informazioni per la gestione dei vari processi metabolici e funzionali. Danno cellulare diretto per traumi di varia origine. Formazione di radicali liberi durante i processi infiammatori o di radicali liberi di altra origine che ossidano direttamente le strutture cellulari. Deposito intracellulare di omotossine, come metalli pesanti, o persino microrganismi come virus, che sfruttano la cellula come ospite. 19

20 Questa lista elenca le cause principali di lesione cellulare o morte cellulare. Accanto alla dose acuta a cui la cellula viene esposta, non dovremo dimenticare gli effetti di bioaccumulazione cronica di dosi minori ma ripetute. 20

21 In termini di morte cellulare, è necessario fare la netta distinzione tra due processi di natura completamente diversa: apoptosi e necrosi. L apoptosi è un NORMALE processo di morte cellulare, che ha essenzialmente lo scopo di sostituire le cellule in un ambiente pluricellulare. L apoptosi previene la permanenza di cellule vecchie e non più funzionali, impedendo loro di disturbare il funzionamento delle cellule più giovani e sane. Si tratta di una morte cellulare preprogrammata, presente in natura nei processi e nei cicli vitali. La necrosi è una morte cellulare PATOLOGICA prematura, dovuta a numerose cause e numerosi agenti che danneggiano o distruggono la cellula. La necrosi è una delle principali caratteristiche delle patologie degenerative. 21

22 Una cellula che funziona regolarmente può manifestare direttamente uno stato di necrosi a causa di una lesione o di variazioni di tempo o intensità. Ma anche esposizioni meno intense o più brevi causano mutazioni adattative nella cellula, fino a manifestare caratteristiche degenerative che, se prolungate, causano anch esse una necrosi. La necrosi è una condizione irreversibile (morte cellulare) che può essere causata da agenti distruttivi acuti (lesione, anossia, ) oppure da attacchi distruttivi ripetuti a lungo termine. 22

23 La morte cellulare, in un organismo adulto sano, è essenzialmente compensata dalla mitosi cellulare. D altro canto la proliferazione incontrollata delle cellule deve essere inibita dalla morte cellulare. Questo fenomeno regolatorio, in cui lo stato di salute deve essere in equilibrio tra mitosi cellulare e morte cellulare prende il nome di omeostasi. Al fine di preservare l omeostasi, interviene l apoptosi. La necrosi può rappresentare un fattore di disturbo per l omeostasi, essendo una morte cellulare patologica non programmata. 23

24 Ripristinare o preservare una funzione cellulare fisiologica o normale è uno degli obbiettivi del trattamento omotossicologico. Ecco perché, specialmente nei programmi di trattamento dei disturbi degenerativi cronici, il supporto organico e cellulare è considerato il terzo pilastro del trattamento omotossicologico. 24

25 In qualsiasi approccio di trattamento olistico si devono prendere in considerazione 4 livelli fondamentali: Questi 4 livelli sono: 1. Il livello interstiziale. In istologia si tratta del cosiddetto spazio extracellulare (ECM), che è l ambiente diretto della cellula vivente. Informazioni dettagliate sull istologia e sulla fisiologia dello spazio interstiziale sono consultabili nella lezione IAH di riferimento IAH AC Istologia e fisiologia della matrice. È importante comprendere che la qualità di vita della cellula dipende dalla purezza o dallo stato funzionale di questo ambiente interstiziale. A questo livello, i problemi causeranno una disfunzione cellulare e, conseguentemente, una successiva disfunzione organica. 2. Il livello cellulare riguarda la condizione della cellula stessa, il funzionamento della cellula e la sua interazione con altre cellule attraverso il sistema di trasmissione dei messaggi, gestito attraverso la ECM o il sistema interstiziale. Le cellule generano prodotti di scarto che un sistema interstiziale ben funzionante ha il compito di smaltire. Tutte le cellule, nel loro insieme, formano un sistema omogeneo integrato che prende il nome di organo. Il funzionamento dell organo è direttamente correlato alle condizioni delle cellule. 3. Il livello organico riguarda la sinergia delle cellule. Questa sinergia è costituita dalle interazioni che l organo manifesta con altri organi e tessuti dello stesso sistema olistico. Grazie al sistema psiconeuroendocrinoimmunologico (PNEI), ogni organo, persino ogni cellula, è influenzata da emozioni e pensieri e viceversa: una disfunzione organica influenza lo stato emozionale degli esseri viventi (pensiamo al condizionamento dei sintomi clinici sulle emozioni del paziente, dolore, febbre, nausea, ecc.). 4. Il livello mentale è l essenza dell essere umano ma non dovrebbe essere isolato nell approccio terapeutico. Sebbene i 3 pilastri dell omotossicologia abbiano un effetto diretto sui primi 3 livelli, influenzeranno direttamente o indirettamente anche lo stato mentale del paziente. Hanno inoltre un impatto a livello mentale attraverso la PNEI. Di fatto, i quattro livelli sono correlati l uno con l altro, dalla punta della piramide e dalla punta fino alla base. Contrariamente alla medicina convenzionale che ha tendenzialmente un livello di approccio selettivo e di divisione, la medicina omotossicologica è una medicina olistica e tiene conto di tutti e quattro i livelli. 25

26 Applicando i tre pilastri dell omotossicologia nella nostra strategia di trattamento riduciamo il rischio dell evoluzione patologica progressiva (evoluzione degli effetti intossicanti verso organi e tessuti più importanti). Il drenaggio e la disintossicazione (1 pilastro) purificano la matrice e quindi anche l ambiente cellulare diretto. La terapia di regolazione immunitaria (2 pilastro) protegge il paziente da reazioni infiammatorie iperattive. L attività e il funzionamento della cellula è ottimizzato grazie all ossigenazione cellulare. Il supporto della funzione cellulare (3 pilastro) induce un miglioramento fisiologico del tessuto che, a sua volta, riduce i sintomi e migliora la qualità della vita. 26

27 Informazioni più dettagliate sul primo pilastro del trattamento sono consultabili nella lezione di riferimento IAH AC Drenaggio e disintossicazione. Il secondo pilastro è accuratamente illustrato nella lezione di riferimento IAH AC Immunomodulazione. Il terzo pilastro, supporto cellulare e regolazione degli organi, è l argomento di questa lezione e sarà ulteriormente descritto nelle prossime diapositive. 27

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

Biologia Cellulare e DNA «Bigino»

Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Giulio Barigelletti www.baveno.net Premesse 2 Sempre più frequentemente si sente parlare di DNA, Proteine, Amminoacidi, etc., relazionati all esistenza dell essere umano.

Dettagli

L ORIGINE DEI TESSUTI

L ORIGINE DEI TESSUTI L ORIGINE DEI TESSUTI Tutte le cellule dell organismo derivano dallo zigote Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo: A, stadio a 2 pronuclei; E, stadio a circa 16 cellule B, stadio a 2 blastomeri;

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

Drenaggio e disintossicazione

Drenaggio e disintossicazione Drenaggio e disintossicazione IAH AC Drenaggio e disintossicazione I tre pilastri dell omotossicologia sono drenaggio e disintossicazione, immunomodulazione e supporto organico e cellulare. Drenaggio e

Dettagli

Note introduttive sullo Scenar

Note introduttive sullo Scenar Note introduttive sullo Scenar Informazioni estratte da letture di Dott. A.N.Revenko, dott.ssa G.V.Subbotina, Dott. I.V.Semikatov Una delle più frequenti domande che ci sentiamo porre dai pazienti è: quale

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

Differenziamento Cellule Staminali

Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Tutte le cellule hanno funzioni di base Respirazione, crescita, divisione, sintesi La maggior parte ha inoltre delle capacità particolari 200 differenti

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia L equilibrio armonico tra mente e corpo CRM Terapia Corpo e mente in perfetta armonia, per ritrovare la salute Dopo anni di ricerca nella prevenzione e cura

Dettagli

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC DEEP OSCILLATION Il principio d azione Attrazione elettrostatica tra mano/applicatore e il tessuto del paziente Movimento = impulsi di attrazione

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI

EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI Asp 2- Caltanissetta- Dott.ssa G. Di Franco Dirigente medico U.O. Radioterapia San Cataldo RADIAZIONI IONIZZANTI Radiazioni capaci di causare direttamente o indirettamente

Dettagli

Il ciclo cellulare La divisione cellulare

Il ciclo cellulare La divisione cellulare Il ciclo cellulare La divisione cellulare Il ciclo cellulare Meccanismo con cui si riproducono tutti gli organismi viventi La durata del ciclo varia moltissimo a seconda del tipo cellulare Cellule che

Dettagli

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO Tessuto epiteliale TESSUTO Ogni cellula del nostro organismo ha lo stesso patrimonio genetico ma, allora, perché ogni cellula è diversa da un altra? Del messaggio genetico ricevuto ogni cellula legge un

Dettagli

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana Department of Human Anatomy and Physiology Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione

Dettagli

SCUOLA DI TERAPIA NEURALE CORSO TRIENNALE DI FORMAZIONE IN TERAPIA NEURALE PER MEDICI

SCUOLA DI TERAPIA NEURALE CORSO TRIENNALE DI FORMAZIONE IN TERAPIA NEURALE PER MEDICI SCUOLA DI TERAPIA NEURALE CORSO TRIENNALE DI FORMAZIONE IN TERAPIA NEURALE PER MEDICI TERAPIA NEURALE La Terapia Neurale secondo Huneke, estremamente importante nella pratica medica quotidiana, presuppone

Dettagli

Gli effetti terapeutici della luce del sole

Gli effetti terapeutici della luce del sole Il Sole: nostro amico Gli effetti terapeutici della luce del sole Nonostante i suoi numerosi effetti dannosi, una corretta esposizione al sole fa anche bene. Diversi sono infatti i suoi benefici sia sul

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

Campi magnetici. in terapia fisica

Campi magnetici. in terapia fisica Campi magnetici in terapia fisica I Campi Magnetici Pulsanti propriamente detti (cioè i CMP dotati di opportune ed efficaci caratteristiche in termini di dose, frequenza, modalità di emissione, modalità

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE Tutti i tipi cellulari presenti sul nostro pianeta appartengono ad uno di due gruppi fondamentali: procarioti ed eucarioti. I termini procariota (dal greco pro

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

TEST BIOLOGIA 1 ANNO ABEI Da inviare a connesso@alice.it entro e non oltre il 6 novembre 2015

TEST BIOLOGIA 1 ANNO ABEI Da inviare a connesso@alice.it entro e non oltre il 6 novembre 2015 1) I batteri sono organismi: a- bicellulari b- monocellulari c- pluricellulari 2) I virus: a- possono riprodursi solo nell acqua b- possono riprodursi solo sulla superficie di una cellula c- possono riprodursi

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Le cellule staminali (SC), embrionali (ES) e somatiche o adulte (SSC) sono cellule dotate della singolare proprietà di rinnovarsi mantenendo

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA SAPERI CONTENUTI Fisica: - La Luce - Le onde e i suoni - Meccanica (forze, leve, moti) Chimica: - Principi di chimica generale

Dettagli

Farmaci composti. IAH AC Farmaci composti IAH 2007

Farmaci composti. IAH AC Farmaci composti IAH 2007 Farmaci composti IAH AC Farmaci composti 1 Obiettivi Conoscere le diverse forme strutturali con cui vengono realizzati i farmaci composti Correlare la struttura specifica di un farmaco composto alla relativa

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELL UOMO

ALIMENTAZIONE NELL UOMO ALIMENTAZIONE NELL UOMO Alimentazione e Nutrizione Corpo umano come macchina chimica che utilizza l energia chimica degli alimenti (quando si spezzano i legami chimici tra gli atomi che formano le macromolecole

Dettagli

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato).

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato). SISTEMI ENERGETICI LE FONTI ENERGETICHE MUSCOLARI I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dell energia chimica ( trasformazione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s.

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2O13-2014 Materia : Chimica e Biologia Classe : II sez. B Rimini,05/06/2014

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

JOURNAL CLUB Maria Elena Conidi

JOURNAL CLUB Maria Elena Conidi JOURNAL CLUB Maria Elena Conidi MITOCONDRI «organelli citoplasmatici presenti nelle cellule eucariotiche» Molteplici funzioni: 1) metabolismo energetico con la produzione di ATP (ciclo di Krebs e Fosforilazione

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Il Taping Neuromuscolare

Il Taping Neuromuscolare Studio medico di riabilitazione Sarita Il Taping Neuromuscolare Il Taping Neuromuscolare è una tecnica basata sui processi di guarigione naturale del corpo. I muscoli non sono solo legati ai movimenti

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

ORIGINE DI UN NUOVO ORGANISMO FECONDAZIONE SEGMENTAZIONE GASTRULAZIONE ORGANOGENESI

ORIGINE DI UN NUOVO ORGANISMO FECONDAZIONE SEGMENTAZIONE GASTRULAZIONE ORGANOGENESI ORIGINE DI UN NUOVO ORGANISMO FECONDAZIONE SEGMENTAZIONE GASTRULAZIONE ORGANOGENESI La Fecondazione Processo con cui due cellule sessuali (gameti) si uniscono per formare un nuovo individuo cha ha un genoma

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE ACIDO = molecola contenente atomi di idrogeno capaci di rilasciare in soluzione ioni idrogeno (H( + ) BASE = ione o molecola che può accettare uno ione idrogeno

Dettagli

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del metabolismo o richieste per altre funzioni basali Nei mammiferi

Dettagli

Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA

Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA Sommario Che cos'è la sclerosi multipla? Chi viene colpito? Che cosa causa la sclerosi multipla? La sclerosi multipla è ereditaria? Come progredisce la malattia? IMPORTANTE:

Dettagli

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici.

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione. L ossidazione è un processo estremamente

Dettagli

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza.

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza. Nell ambito del progetto GENETICA e DNA sono stati studiati gli aspetti della medicina rigenerativa in riferimento alle cellule staminali. Il 24 aprile 2012 ci siamo recati presso il Dipartimento di Istologia

Dettagli

Modulo di Patologia Generale

Modulo di Patologia Generale A.A. 2009/2010 Modulo di Patologia Generale dott.ssa Vanna Fierabracci ricevimento: su appuntamento Tel 050 2218533 e-mail: v.fierabracci@med fierabracci@med.unipi.itit Dipartimento di Patologia Sperimentale,

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Respirazione cellulare

Respirazione cellulare Respirazione cellulare L equazione generale della respirazione C 6 H 12 O 6 + 6 O 2! 6 CO 2 + 6 H 2 O + 36 ATP 1 molec zucchero 6 molec ossigeno 6 molec anidride carbonica 6 molec acqua + = + + 36 molecole

Dettagli

Danno cellulare ipossico ed ischemico

Danno cellulare ipossico ed ischemico Danno cellulare ipossico ed ischemico ipossia: meno ossigeno, ma nutrienti costanti ischemia: mancato apporto ematico = ossigeno + nutrienti (substrati glicolisi), oppure ostacolo al deflusso venoso in

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi 1 La divisione cellulare Permette agli organismi di accrescersi e sostituire le cellule morte ed è alla base della riproduzione.

Dettagli

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente.

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. CHE COS E LA CELLULA? La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. DA COSA SONO COSTITUITE LE CELLULE? Tutte le

Dettagli

NUTRIGENOMICA :foresight bio-tecnologico Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com : www.egocreanet.it ; www.edscuola.it/lre.html

NUTRIGENOMICA :foresight bio-tecnologico Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com : www.egocreanet.it ; www.edscuola.it/lre.html NUTRIGENOMICA :foresight bio-tecnologico Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com : www.egocreanet.it ; www.edscuola.it/lre.html http://www.medicinalive.com/wp-content/uploads/2008/07/nutrigenomica.jpg Ippocrate

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas 1 Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas Capitolo 7 Enzimi, le macchine della vita Piccole macchine regolano la funzione del corpo umano in un orchestrazione perfetta e a velocità

Dettagli

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA FUNZIONE E IL PROCESSO La funzione di un sistema o evento fisiologico è il perché il sistema esiste. Il processo indica la modalità attraverso

Dettagli

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1 SLA e mitocondri sporadica attività del Complesso II e IV stress ossidativo genetica SOD1 citosolica e mitocondriale Huntington e mitocondri attività del Complesso II e III acido 3-nitropropionico (C2)

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

estetica PEFS... Meglio conosciuta come cellulite.

estetica PEFS... Meglio conosciuta come cellulite. estetica My special Special Care care PEFS... Meglio conosciuta come cellulite. La PEFS Panniculopatia - Edemato - Fibro - Sclerotica Numerose ricerche scientifiche compiute con l ausilio di biopsie del

Dettagli

Trattamento omotossicologico dell artrosi

Trattamento omotossicologico dell artrosi Trattamento omotossicologico dell artrosi IAH AC - Trattamento omotossicologico dell artrosi IAH 2007 Nella società moderna, il processo di invecchiamento ha creato una piramide rovesciata della popolazione

Dettagli

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI 1 Obiettivi della lezione 1) Capire come l organismo converta il cibo che ingeriamo in ATP per fornire ai muscoli l energia che essi necessitano per contrarsi. 2) Esaminare

Dettagli

CHOLLEY PHYTOCELL BOOSTER

CHOLLEY PHYTOCELL BOOSTER CHOLLEY PHYTOCELL BOOSTER CHOLLEY PHYTOCELL BOOSTER: prodigioso prodotto cosmetico caratterizzato da un effetto lifting e da un intensa azione anti-rughe. Sfrutta le ultimissime innovazioni della bioingegneria

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

ESISTONO DUE TIPI DI SECREZIONE

ESISTONO DUE TIPI DI SECREZIONE ESOCITOSI ESISTONO DUE TIPI DI SECREZIONE SECREZIONE COSTITUTIVA (modalità continua): - proteine, glicoproteine e glicolipidi di membrana - proteine, glicoproteine e proteoglicani della matrice extracellulare

Dettagli

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione selettiva nell evoluzione

Dettagli

ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE

ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE ANTIOSSIDANTE Sostanza che, pur presente in concentrazione ridotta rispetto al substrato ossidabile, può prevenire o ritardare l ossidazione iniziata da un fattore proossidante.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

D NE N E E E DI D SPA

D NE N E E E DI D SPA S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale Ospedaliera Aziendale S.S. Polo Riabilitativo Levante Dr.ssa Monica Santangelo Genova 27 Novembre 2014 LE PATOLOGIE MUSCOLO- TENDINEE DI SPALLA NELLO SPORT La terapia

Dettagli

logo.jpg 18F-FDG Vari lavori hanno dimostrato che l accumulo di FDG correla con il Ki-67 MARKER DI PROLIFERAZIONE

logo.jpg 18F-FDG Vari lavori hanno dimostrato che l accumulo di FDG correla con il Ki-67 MARKER DI PROLIFERAZIONE logo.jpg 18F-FDG 18F-FDG Entrata glucosio nelle cellule Segue due vie: diffusione facilitata (in presenza di eccesso) trasporto attivo Na-dipendente (richiede energia) logo.jpg FDG si accumula in base

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Statale «Via Silvestri 301» Programma di BIOLOGIA Classe 2 a A Indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA n.1 Titolo La cellula La struttura della cellula La teoria

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

Danni Biologici da radiazioni ionizzanti

Danni Biologici da radiazioni ionizzanti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Danni Biologici da radiazioni ionizzanti Qualità delle radiazioni Dose Danno biologico Limiti di legge Confronto fra esposizioni

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti Anno scolastico 2014-2015 Programma svolto Docente: Silvana Venditti Disciplina: Scienze Naturali Classe : IV sez. E - Indirizzo Linguistico ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI E DEGLI OBIETTIVI SECONDO UNITA

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I I TRASPORTI ATTRAVERSO MEMBRANE BIOLOGICHE Movimenti di piccoli soluti attraverso le membrane 2 categorie generali Trasporto

Dettagli

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Membrane epiteliali: sono membrane di rivestimento Membrane

Dettagli

OBESITA. 11 Aprile 2013

OBESITA. 11 Aprile 2013 OBESITA 11 Aprile 2013 L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall eccessivo accumulo di tessuto adiposo nell organismo ed è causata da fattori ereditari e non ereditari che determinano un introito

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli.

Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli. Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli. I capelli sani danno risalto alla bellezza A prima vista i capelli non sembrerebbero avere effettivamente alcuna rilevanza sostanziale sotto il profilo

Dettagli

Gli organi emettono quindi frequenze, che danno informazioni che possono essere fisiologiche o patologiche. Il Test Kinesiologico permette di captare

Gli organi emettono quindi frequenze, che danno informazioni che possono essere fisiologiche o patologiche. Il Test Kinesiologico permette di captare Lo studio da me effettuato è stato condotto utilizzando alcune delle metodiche che uso nel mio studio, cioè il Vegatest e il sistema chinesiologico INTEGRA. Il metodo Vegatest è stato sviluppato dal dott.

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

Bioingegneria Elettronica I

Bioingegneria Elettronica I Bioingegneria Elettronica I Cenni alla fisiologia delle cellule e dei sistemi biologici A. Bonfiglio La cellula struttura generale La cellula Struttura generale della cellula Composizione dei liquidi intracellulare

Dettagli

http://sds.coniliguria.it 1

http://sds.coniliguria.it 1 Aspetti metabolici dell esercizio fisico Genova 22 gennaio 2011 A cura di Attilio TRAVERSO http://sds.coniliguria.it 1 L allenamento produce modificazioni fisiologiche (adattamenti) in quasi tutti i sistemi

Dettagli

DERMOSMILE. Completa il tuo sorriso con un trattamento antiage per il tuo viso. Radiofrequenza, Peeling, Veicolazione transdermica. Il ringiovanimento

DERMOSMILE. Completa il tuo sorriso con un trattamento antiage per il tuo viso. Radiofrequenza, Peeling, Veicolazione transdermica. Il ringiovanimento Radiofrequenza, Peeling, Veicolazione transdermica. Il ringiovanimento del viso nello studio dentistico. Trattamenti effettuati Completa il tuo sorriso con un trattamento antiage per il tuo viso da medici

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Embryology. Early development from a phenomenological point of view. Bolk s Companions for the study of medicine www.louisbolk.org

Embryology. Early development from a phenomenological point of view. Bolk s Companions for the study of medicine www.louisbolk.org Tratto da: Guus van der Bie, M.D. Embryology. Early development from a phenomenological point of view Bolk s Companions for the study of medicine www.louisbolk.org Traduzione a cura di: Stefano Cecchi

Dettagli

La riproduzione cellulare

La riproduzione cellulare La riproduzione cellulare La riproduzione è una proprietà fondamentale dei viventi, che si manifesta a partire dalle singole cellule. Attraverso la riproduzione viene assicurata la continuità della vita.

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

Ingegneria delle tecnologie per la salute. Anatomia e istologia umana. Cenni di Biologia

Ingegneria delle tecnologie per la salute. Anatomia e istologia umana. Cenni di Biologia Ingegneria delle tecnologie per la salute Anatomia e istologia umana Cenni di Biologia Macromolecole: Glucidi Lipidi Proteine Acidi nucleici glucidi Monosaccaridi: glucosio, fruttosio, galattosio, desossiribosio,

Dettagli