1. Dal computer ad un sistema informa1vo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Dal computer ad un sistema informa1vo"

Transcript

1 Corso di Laurea in Matema1ca Dipar9mento di Matema9ca e Fisica Sistemi per l elaborazione delle informazioni 1. Dal computer ad un sistema informa1vo Dispense del corso IN530 prof. Marco Liverani Computer Modello di Von Neumann (1945) Unità di input Unità di output Unità di input CPU Memoria Unità di output Unità Logico- Aritme0ca Unità di Controllo CPU System Bus Memoria M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 1

2 Computer CPU: Unità di sistema, bus, Processore Intel/AMD,... Memoria: RAM, hard disk,... Unità di input: Tas9era, mouse, modem,... Unità di output: Monitor, modem, stampante, altoparlante,... CD, chiaveye USB, DVD, sono unità di memoria di massa removibili, che possono essere usate per riversare da9 da un computer (output) e immeyerli in un altro (input) Computer M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 2

3 Computer Negli anni si è assis9to ad un processo evolu9vo nella struyura dei sistemi informa9ci Periodo U1lizzo Elaborazione Da1 Linguaggi Memoria RAM Calcolo numerico 1970 Calcolo numerico, archiviazione 1980 Elaboraz. locale (contabilità, archiviazione) 1990 Elaboraz. locale su PC e worksta9on UNIX 2000 Servizi ges9onali informa9zza Servizi ges9onali, u9lity e social Centralizzata su grandi computer (mainframe) Centralizzata su mini computer Decentralizzata su personal computer Decentralizzata su PC o worksta9on o piccoli server (modalità client/ server) Centralizzata su grandi server Decentralizzata su mol9 server e anche su client Sul server, su nastro Sul server, su hard disk, su Floppy disk Sui personal computer su hard disk, Floppy disk, mini disk Su server e delocalizzata su PC e worksta9on Centralizza9 su SAN/NAS accessibili in rete Decentralizza9 su mol9 server (cloud) Linguaggio Macchina, Assembler Assembler, Cobol, Fortran Cobol, Fortran, Basic, Pascal, C Visual Basic, C/ C++, Java, ASP, Perl Java, C/C++, C#, MS.net Java, C/C++, C#, MS.net, Python Memoria di massa Rete 1-16 KByte < 10 MByte No 64 KByte < 50 MByte No, terminali alfanumerici seriali KByte MByte Modem seriali, connessioni a banche da9 640 Kbyte 8/16/64 MByte 4-64 GByte GByte GByte Gbyte 250 Gbyte, TByte Protocollo TCP/ IP, rete locale, rete Internet bassa velocità Rete Internet alta velocità Rete Internet wireless alta velocità Sistemi informa1vi Salvo che per usi streyamente personali, i computer sono inseri9 nell ambito di un sistema informa1vo, ossia di un complesso di computer, programmi, infrastruyure di rete ed altri strumen9, collega9 e integra9 fra loro, che permeyono di ges9re ed elaborare da9 ed informazioni di vario genere per supportare le finalità dell organizzazione (azienda, associazione, ente pubblico, dipar9mento, laboratorio, ecc.) in cui il sistema informa9vo è realizzato Di fayo i moderni sistemi informa9vi aziendali, basa9 su strumen9 ed infrastruyure informa9che, sos9tuiscono ed estendono i sistemi informa9vi non eleyronici, né automa9zza9, che venivano comunque u9lizza9 in precedenza: archivi cartacei o su altri suppor9, strumen9 di misurazione e documen9 in cui tracciare le misurazioni, ecc. La struyura dei sistemi informa9vi aziendali è evoluta negli anni, di pari passo con l evoluzione della tecnologia informa9ca: Dai sistemi centralizza1 basa9 su un unico grande computer (anni 50-60) Ai sistemi dipar1mentali, più piccoli e accessibili contemporaneamente da più postazioni di lavoro (terminali) da mol9 uten9 contemporaneamente (anni 70-80) Ai sistemi distribui1 su numerosi soyosistemi client/server (anni 80/ 90) Ai sistemi distribui1 su re1 geografiche private ad alte prestazioni (anni 90/2000) Ai sistemi virtualizza1, distribui9 su locazioni che spaziano anche oltre i confini nazionali e basa9 sulle cosiddeye infrastruyure di cloud compu1ng (oggi e nel prossimo futuro) M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 3

4 Digressione: anche i videogiochi hanno seguito un percorso simile 1979: andavo a casa di un compagno di scuola per giocare a Pong/Squash sul suo televisore Digressione: anche i videogiochi hanno seguito un percorso simile 1985: con i compagni di scuola scambiavamo floppy disk e casseye con i videogiochi per i nostri home computer M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 4

5 Digressione: anche i videogiochi hanno seguito un percorso simile 1995: con i colleghi in ufficio giocavamo insieme a Doom, ciascuno sul proprio PC, u9lizzando la rete locale Digressione: anche i videogiochi hanno seguito un percorso simile 2014: con gli amici (ma anche altri sconosciu9) giochiamo ovunque a Candy Crush, ciascuno sui propri computer/tablet/smartphone, u9lizzando la rete Internet M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 5

6 : Sistemi informa1vi centralizza1 su un grande computer Grandi elaboratori centralizza9, piuyosto fragili, difficili da programmare, possono eseguire un solo programma alla volta La programmazione è esclusivamente di 9po batch, ossia senza alcuna interazione tra l uomo e la macchina se non l inserimento del programma e dei da9 in input ayraverso schede perforate e la res9tuzione degli errori o dell output su una stampante al termine dell elaborazione Per usare il computer si prenota un job, si preparano le schede (cen9naia, migliaia) con una perforatrice e si esegue il job, recandosi presso il CED (centro elaborazione da9) I computer sono costosi, fragili e dunque pochi possono permeyerseli (grandi en9 statali, grandi aziende, ecc.) : Sistemi informa1vi centralizza1 su un grande computer Utenti Operatore M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 6

7 1970: mainframe e minicomputer connessi con terminali Fine anni 60, anni 70: introduzione di nuovi grandi computer mainframe più robus9 e ad alte prestazioni, con più memoria, capacità mul1- tasking, interconnessione con terminali alfanumerici per consen9re a più uten9 contemporaneamente di u9lizzare il sistema Parallelamente vengono introdor computer più piccoli e meno costosi, denomina9 minicomputer, con sistemi opera9vi più semplici e maggiore interatvità con l utente Sui minicomputer vengono introdoye le prime interfacce utente grafiche; viene sviluppato il sistema opera9vo UNIX e il linguaggio C I minicomputer o computer dipar9mentali, sono meno costosi dei predecessori, quindi più diffusi, contribuiscono allo sviluppo della cultura informa9ca Si usano per archiviazione ed elaborazione di da9 (contabilità, finanza, calcolo scien9fico) L utente accede al sistema con un terminale alfanumerico (poi, successivamente, grafico) e digita il programma o lo carica dalla memoria di massa; il programma è sia batch che interarvo e permeye all utente di inserire da9 in input a run 9me 1970: mainframe e minicomputer connessi con terminali Mainframe Storage Minicomputer Storage Non è una rete! Connessione seriale Connessione seriale Terminali seriali Terminali seriali Utenti dipartimento A Utenti dipartimento B M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 7

8 1970: mainframe e minicomputer connessi con terminali Local Area Network (LAN) Questa è una rete: ma è riservata a connessioni (lente) fra server Mainframe Storage Minicomputer Storage Connessione seriale Connessione seriale Terminali seriali Terminali seriali Utenti dipartimento A Utenti dipartimento B 1970: mainframe e minicomputer connessi con terminali Internet (Wide Area Network - WAN) Internet inizia alla fine degli anni 70: lenta, costosa, riservata a pochi, per il trasferimento di file Mainframe Storage Minicomputer Storage Connessione seriale Connessione seriale Terminali seriali Terminali seriali Utenti dipartimento A Utenti dipartimento B M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 8

9 1980: micro computer, personal computer, home computer La miniaturizzazione della tecnologia, l abbarmento dei cos9 e la standardizzazione delle componen9, consentono di portare il computer sulla scrivania degli uten9 (e nelle loro case) Vengono realizza9 programmi che permeyono di operare sul computer senza saper programmare il computer (fogli eleyronici, programmi di videoscriyura, schedari eleyronici), sviluppando archivi di da9, procedure di calcolo, ecc. Il computer (non più il terminale) finisce sulla scrivania dell utente: una CPU (4-8 MHz) una memoria RAM di pochi Kbyte (8-16 Kbyte) una memoria di massa (prima floppy disk, poi nastri e hard disk di piccola capacità: 10/20 Mbyte) una tas9era ed un monitor connessi direyamente al computer (24 righe da 80 colonne di testo, o grafica a 3 colori 320x200 pixel) stampan9 ad aghi collegate al computer su porta parallela Sistemi opera9vi mono utente, mono task, interfaccia a comandi alfanumerici, poca grafica Memoria di massa RAM CPU ,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 0, : micro computer, personal computer, home computer Ognuno ha un computer (non un terminale) con i propri file e i propri programmi M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 9

10 1980: micro computer, personal computer, home computer I computer non comunicano fra di loro (a che servirebbe? J ) Ognuno è autonomo! Se proprio serve si usano i floppy disk 1980: micro computer, personal computer, home computer Inizia la telema1ca : con un modem i computer possono scambiarsi file usando la linea telefonica M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 10

11 1980: micro computer, personal computer, home computer Si arvano servizi telema9ci on- line per scambio file, messaggi e consultazioni banche da9 BBS (Bulletin Board System) 1990: worksta1on, re1 locali, Internet, sistemi client/server Il processo di frammentazione dei computer si interrompe e si inverte: si sente la necessità di condividere da9 e fare in modo che più uten9 contemporaneamente possano operare sulle stesse informazioni: si realizzano i sistemi client/server Si diffondono i Rela%onal Database Management Systems (RDBMS) e il linguaggio SQL Il potenziamento dei personal computer o la miniaturizzazione dei mini computer, porta alla realizzazione delle worksta1on e dei server dipar1mentali Nasce il sistema opera9vo Linux, da una costola di UNIX Tur i sistemi opera9vi sono mul1tasking, mul1 utente e integra9 con i servizi di rete Si sviluppano e si diffondono le interfacce utente grafiche (GUI Graphical User Interface) con l uso di finestre, icone, menù a tendina e l introduzione del mouse come nuovo disposi9vo di input Si introducono le re9 locali LAN (Local Area Network) basate sul protocollo TCP/IP Internet aumenta la propria diffusione, si riducono i cos9, aumentano le prestazioni (u9lizzo di linee dedicate per aziende, modem su linea telefonica per professionis9 e usi personali) La Sicurezza Informa1ca, con la diffusione delle re9 pubbliche, delle connessioni con le re9 private e con l uso di sistemi aper9, emerge come aspeyo cruciale nello sviluppo dei sistemi informa9vi M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 11

12 1990: worksta1on, re1 locali, Internet, sistemi client/server Linee seriali Rete (LAN) Terminali Workstation PC (client) 1990: worksta1on, re1 locali, Internet, sistemi client/server I server e i servizi offer9 diventano numerosi e si mol9plicano; nasce un vero e proprio sistema informa9vo CED (centro elaborazione da9) Linee seriali Rete (LAN) Terminali Workstation PC (client) PC (client) Cresce a dismisura il numero di uten9 e di client e la necessità di collegarli al sistema informa9vo M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 12

13 1990: worksta1on, re1 locali, Internet, sistemi client/server Internet Rete (WAN) Linee seriali Rete (LAN) Terminali Workstation PC (client) Linee seriali Rete (LAN) PC (client) Terminali Workstation PC (client) PC (client) 1990: worksta1on, re1 locali, Internet, sistemi client/server ELABORAZIONE CENTRALIZZATA ELABORAZIONE CLIENT / SERVER Sistema Operativo Sistema Operativo Sistema Operativo Programma Programma Programma SERIALE Servizio di connessione remota RETE RETE TERMINALE EMULATORE DI TERMINALE Sistema Operativo Client Programma Client Sistema Operativo Client M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 13

14 2000: sistemi informa1ci web- based La tecnologia web si diffonde anche in ambito aziendale e diventa un paradigma per lo sviluppo delle applicazioni aziendali (sistemi intranet) e per il pubblico (portali Internet) La tecnologia web nasce per pubblicare e condividere documen9, contenu1 sta1ci; poi evolve per consen9re la fruizione di contenu9 costrui1 dinamicamente dal server sulla base della richiesta del client (es.: l elenco dei libri di un determinato autore presen9 in un archivio di una biblioteca) La tecnologia web è un evoluzione e un ibridazione di elaborazione centralizzata e client/ server l elaborazione avviene prevalentemente sul server l utente si collega mediante un client molto durle (web browser) mediante cui si possono u9lizzare applicazioni diverse l elaborazione server è più efficiente e permeye la connessione di mol9ssimi client contemporanei Le applicazioni vengono costruite sulla base di un architeyura deya three 1er (tre stra9): 1. Livello di presentazione dei da9: web server che comunica con il web client ayraverso il protocollo HTTP e codificando le informazioni con il linguaggio HTML 2. Livello applica9vo: applica9on server che esegue la business logic dell applicazione 3. Livello da9: il database server che ges9sce l archiviazione e l estrazione dei da9 In configurazioni più semplici i livelli 1 e 2 vengono unifica9 in un solo strato (web server e applica9on server) 2000: sistemi informa1ci web- based Database 3. Data Layer Application 2. Application Layer Web 1. Presentation Layer User Client M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 14

15 2010: Archite\ure SOA, Virtualizzazione, Cloud compu1ng L evoluzione ulteriore è quella della razionalizzazione dell archite\ura applica1va, meyendo a fayor comune di più applicazioni singole operazioni u9li più in generale, come servizi offer9 al sistema informa9vo U9lizzando tecnologie compa9bili con le architeyure web based, vengono implementate archite\ure orientate ai servizi (SOA Service Oriented Architectures): basate su uno strato applica9vo, deyo enterprise bus, dedicato allo scambio delle informazioni tra lo strato applica1vo che implementa la business logic e lo strato dei servizi, che offre un implementazione coerente ed efficiente di singole operazioni Dal punto di vista hardware si fa spazio un conceyo già implementato su grandi mainframe: la virtualizzazione Vengono sviluppa9 nuovi sistemi opera9vi, der hypervisor, che permeyono di ospitare su una stessa macchina più macchine virtuali server, con sistemi opera9vi e configurazioni diverse Le risorse hardware dell host vengono ripar9te dall hypervisor sulle diverse macchine virtuali arve Dalla fusione di architeyure SOA e della virtualizzazione nasce e si definisce il cosiddeyo cloud compu0ng: la virtualizzazione evolve aggregando su un unico host hardware mol9 server fisici, meyendo a fayor comune tuye le risorse disponibili e poi suddividendole sulle macchine virtuali arve le architeyure SOA evolvono offrendo servizi evolu9 oltre il confine del sistema informa9vo aziendale 2010: Archite\ure SOA, Virtualizzazione, Cloud compu1ng ArchiteYure orientate ai servizi (Service Oriented Architectures) Si iden9ficano funzioni atomiche u9li per la realizzazione di diverse applicazioni più complesse (es.: estrazione dei da9 anagrafici di una persona, calcolo del prezzo ayuale di un prodoyo presente in magazzino, calcolo dell estrayo conto di un determinato conto bancario, ecc.) Si definiscono le modalità con cui tali funzioni possono essere u9lizzate: quali applicazioni possono richiamarle, quali parametri vengono forni9 in input, quali da9 vengono prodor in output e con quali forma9 Si implementa una infrastruyura di enterprise service bus, configurato per acceyare l iscrizione alla fruizione di un servizio da parte di un applicazione e la distribuzione del risultato Si implementano le funzioni come Web Service (WS) che comunicano con il protocollo SOAP (Simple Object Applica0on Protocol) e si comportano come descriyo nel WSDL (Web Service Descrip0on Language) Il service bus può supportare dei processi più ar9cola9, orchestrando l ordine con cui vengono invoca9 i diversi servizi; il processo viene implementato da un BPM (business process manager) e viene descriyo con linguaggi analoghi a BPEL (Business Process Execu0on Language) Per la codifica dei messaggi scambia9 con i Web Service (chiamata del WS e passaggio dei parametri; res9tuzione dell output dal WS), si u9lizza la codifica XML (extensible Markup Language) Vantaggi disaccoppiamento dello strato applica9vo dalle operazioni elementari: possono evolvere indipendentemente le une dalle altre M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 15

16 2010: Archite\ure SOA, Virtualizzazione, Cloud compu1ng Database 4. Data Layer Application 3. Service Layer Enterprise Service Bus Application 2. Application Layer Web 1. Presentation Layer User Client 2010: Archite\ure SOA, Virtualizzazione, Cloud compu1ng Virtualizzazione delle infrastruyure server Per ridurre i cos9 delle infrastruyure server e rendere più flessibile la configurazione dei sistemi server, permeyendo anche una allocazione dinamica delle risorse hardware per potenziare i servizi più cri9ci, vengono virtualizza1 i server, permeyendo di configurare più server so}ware su uno stesso host hardware fisico Si sviluppano nuovi sistemi opera9vi chiama9 hypervisor (es.: VMware Vsphere) che permeyono l installazione non di programmi, ma di interi sistemi opera9vi, offrendo ai sistemi opera9vi ospita9 tuye le interfacce (virtualizzate) verso le diverse componen9 hardware del computer: CPU, RAM, filesystem, rete, porte seriali, ecc. Più server virtuali possono operare contemporaneamente su uno stesso host fisico I singoli server virtuali possono essere spen9 senza alcun impayo sull host fisico e possono essere sposta9 facilmente da un host hardware ad un altro I server virtuali comunicano tra di loro e con i computer esterni all host fisico, u9lizzando i normali protocolli di rete Vantaggi: risparmi nei cos9 dell hardware semplificazione delle infrastruyure fisiche nei CED semplificazione delle procedure di backup e di disaster recovery ecc. M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 16

17 2010: Archite\ure SOA, Virtualizzazione, Cloud compu1ng Host fisico (server hardware) Hypervisor virtuale 1 Sistema operativo server virtuale 2 Sistema operativo server Programma 1 Programma 2 Programma 1 Programma 2 Programma n Programma n User Client 2010: Archite\ure SOA, Virtualizzazione, Cloud compu1ng La virtualizzazione dei sistemi e la standardizzazione di infrastruyure service oriented trova la sua naturale evoluzione nel Cloud compu1ng: Infrastructure As A Service (IAAS): si acquista (o si predispone nel proprio CED) un infrastruyura IT virtualizzata come se fosse un qualunque altro servizio, pagando un canone in base alle risorse (virtuali) di cui è composta l infrastruyura; l installazione del so}ware di base e del so}ware applica9vo è a carico del cliente Placorm As A Service (PAAS): si acquista un infrastruyura IT virtualizzata con ambien9 per l esecuzione di applicazioni e la ges9one di database, già predispos9, su cui eseguire le proprie applicazioni realizzate secondo l architeyura applica9va prevista dalla piayaforma cloud stessa Sodware As A Service (SAAS): si acquista la possibilità di u9lizzare, in una configurazione personalizzata ed esclusiva, un so}ware completo; i da9 sono archivia9 sui database del fornitore di servizi cloud I servizi cloud possono essere implementa9 internamente o acquista9 da un fornitore in modalità esclusiva (private cloud), ovvero è possibile u9lizzare un infrastruyura cloud usata contemporaneamente anche da altri, con i dovu9 criteri di protezione dei da9 e delle applicazioni (public cloud) I servizi cloud richiedono comunque un infrastruyura di networking sicura ed efficiente Vantaggi: risparmi nei cos9 di acquisto dell hardware semplificazione nella predisposizione di intere infrastruyure possibilità di arvare, potenziare/ridurre, disarvare le infrastruyure in base alle esigenze, senza inves9men9 in appara9 hardware riduzione degli inves9men9 economici alle sole efferve necessità ecc. M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 17

18 2010: Archite\ure SOA, Virtualizzazione, Cloud compu1ng Infrastruttura Cloud IAAS (Infrastructure As A Service) Infrastruttura Cloud PAAS (Platform As A Service) Infrastruttura Cloud SAAS (Software As A Service) virtuale 1 Sistema operativo server virtuale 2 Sistema operativo server Application virtuale Database Virtuale Filesystem e altri servizi virtuali Applicazione / Servizio 1 Programma 1 Programma 1 Programma 2 Programma 1 Programma 2 Programma 2 Database 1 Database 2 Filesystem Servizio 1 Applicazione / Servizio 2 Database h Programma n Programma m Programma k Servizio p Applicazione / Servizio n LAN virtuale Internet VPN Internet VPN Internet VPN LAN aziendale LAN aziendale LAN aziendale User Client User Client User Client 2020: espansione del Cloud compu1ng, Internet of Things Oggi è quasi impossibile pensare di u1lizzare un computer non connesso in rete con altri computer; è difficile pensare anche all uso di un computer non connesso ad Internet I servizi cloud stanno diventando pervasivi: il personal computer (o lo smart device ) diventa un terminale mul9mediale di applicazioni e servizi di accesso a da9 residen9 presso enormi server farm dei fornitori di servizi cloud, dislocate in più località del pianeta La rete per conne\ere i client è wireless, la differenza tra rete telefonica e rete da9 è ormai inesistente; in par9colare la disponibilità e l efficienza del servizio di rete diventa cruciale I da9 sono presso le infrastruyure cloud, più affidabili di quelle locali, ma ges9te da altri: problemi di sicurezza, privacy/riservatezza, disponibilità; di fondamentale importanza sono anche i contrar di servizio ed i service level agreement (SLA) Il prossimo passo è quello di meyere in rete ogger che fino ad oggi avevano una loro funzione d uso autonoma: automobili, orologi, singoli apparecchi presen9 nelle abitazioni (frigorifero, lavatrice, lavastoviglie, clima9zzatore, impianto eleyrico, sensori, ecc.) Si viene a creare una rete di ogger: Internet of Things (IOT) Per realizzarla pienamente: Servono re1 wireless ancor meno costose e più efficien1, servono protocolli di comunicazione con la possibilità di ges9re un numero di indirizzi enorme (IPv6) Servono regole chiare per la ges1one delle informazioni, sempre più personali, sempre più riservate, sempre più necessarie per la vita di tur i giorni Serve maggiore formazione e maggiore consapevolezza degli uten9 e dei gestori dei sistemi informa9vi M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 18

19 Bibliografia essenziale 1 Daniel P. Bovet, Introduzione all architequra dei calcolatori, Zanichelli, Brian W. Kernighan, D is for Digital, DisforDigital.net, Noam Nisan, Shimon Schocken, The Elements of Compu0ng Systems, The MIT Press, Roger Young, How Computers Work, second edi9on, Lotontech, 2009 (hyp://www.fastchip.net/howcomputerswork/p1.html) Farm ARUBA di Arezzo Aruba è oggi uno dei primi e dei principali fornitori di servizi di cloud compu0ng in Italia M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 19

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

So.ware. Insieme di programmi che perme6ono al calcolatore di eseguire determinate funzionalità Si dis,ngue tra:

So.ware. Insieme di programmi che perme6ono al calcolatore di eseguire determinate funzionalità Si dis,ngue tra: Sistemi opera,vi So.ware Insieme di programmi che perme6ono al calcolatore di eseguire determinate funzionalità Si dis,ngue tra: So.ware di sistema: Sistema Opera,vo So.ware applica,vo: Applicazioni Programma

Dettagli

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it.

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it. Concetti base dell ICT Conoscere il computer ed il software di base Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Fase 1 Information technology Computer Tecnologia utilizzata per la realizzazione

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia I sistemi virtuali nella PA Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia Indice I sistemi virtuali Definizione di Cloud Computing Le tecnologie che li caratterizzano La virtualizzazione

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 02

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 02 Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I Laerte Sorini laerte@uniurb.it Lezione 02 Introduzione E virtualmente impossibile per la persona media trascorrere 24 ore senza usare direttamente o indirettamente

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI Il Software Software di Base Sistema Operativo (Software di base essenziale) Software di base non essenziale Utility Driver Software applicativi (Applicazioni)

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE E RETI DI COMUNICAZIONE 11 2/001.0

SISTEMI DI ELABORAZIONE E RETI DI COMUNICAZIONE 11 2/001.0 SISTEMI DI ELABORAZIONE E RETI DI COMUNICAZIONE 11 2/001.0 HARDWARE TUTTI I COMPONENTI TANGIBILI DI UN ELABORATORE UNITÀ CENTRALE MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT PERIFERICHE DI OUTPUT (Processore

Dettagli

Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo

Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo Nome:... Cognome... Telefono... 1. Il millennium bug è: % Un problema hardware di tutti i computer al cambio del millennio % Un problema del software di tutti i

Dettagli

Con questo termine si individuano tutti i componenti fisici dei sistemi informatici. Tutto quello che si può toccare è hardware.

Con questo termine si individuano tutti i componenti fisici dei sistemi informatici. Tutto quello che si può toccare è hardware. 2008-10-28 - pagina 1 di 7 Informatica (Informazione Automatica) memorizzare elaborazione trasmissione (telematica) Complessità operazione testo audio immagini video realtà virtuale memorizzare 1 10 100

Dettagli

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo O mentre ci sono più risposte corrette per le domande con il simbolo

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte, mentre ci sono più risposte corrette per le domande con

Dettagli

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw.

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw. Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ 2 3 Il Cloud Computing si definisce consuetamente secondo due distinte accezioni: 1. un di carattere tecnologico 2. l altra

Dettagli

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione Prof. Michele Barcellona Hardware Software e Information Technology Informatica INFOrmazione automatica La scienza che si propone di raccogliere,

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Virtualizzazione e Cloud Computing

Virtualizzazione e Cloud Computing Virtualizzazione e Cloud Computing 12 marzo 2015 Claudio Bizzarri claudio@bizzarri.net Ordine degli Ingegneri di Pistoia La virtualizzazione Macchine reali e macchine virtuali Vantaggi della virtualizzazione

Dettagli

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro Introduzione alle tecnologie informatiche Strumenti mentali per il futuro Panoramica Affronteremo i seguenti argomenti. I vari tipi di computer e il loro uso Il funzionamento dei computer Il futuro delle

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY

INFORMATION TECNOLOGY PROGETTAZIONE CLASSI PRIMA A E B CONCETTI DI BASE INFORMATION TECNOLOGY SIGNIFICATO DI INFORMATION TECNOLOGY il sistema informatico La classificazione dei computer in base all uso Principali componenti

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 2 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it LE MEMORIE - 1 MEMORIA CENTRALE (O PRINCIPALE) Da questa memoria l unità centrale estrae i dati che servono per eseguire i programmi

Dettagli

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l IL CLOUD COMPUTING Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l Agenda. - Introduzione generale : il cloud computing Presentazione e definizione del cloud computing, che cos è il cloud computing, cosa serve

Dettagli

Tecnologia dei Sistemi Informativi. architettura s.i. 1

Tecnologia dei Sistemi Informativi. architettura s.i. 1 Tecnologia dei Sistemi Informativi architettura s.i. 1 Sistema Informativo comprende risorse umane è fortemente integrato con il sistema organizzativo è essenziale per il funzionamento dell'azienda architettura

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Laboratorio di Informatica - CLEF 7 Ci sono due modi per non

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S.

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S. UFFICIO S. I. R. S. CAPITOLATO TECNICO Specifiche tecniche e funzionali ALLEGATO C1 Pagina i di 14 Indice 1. Scopo del Documento...3 2. Architettura infrastruttura multi-tier Regionale...4 2.1 Ambiente

Dettagli

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software WEB-BASED MANAGEMENT SOFTWARE C-Light è l applicazione per la gestione locale (intranet) e remota (internet) di ogni impianto d automazione integrabile

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Scienze della comunicazione L 20 LABORATORIO INFORMATICA APPLICATA. Le reti di calcolatori

Scienze della comunicazione L 20 LABORATORIO INFORMATICA APPLICATA. Le reti di calcolatori Scienze della comunicazione L 20 LABORATORIO INFORMATICA APPLICATA Laerte Sorini 2 Le reti di calcolatori I ntroduzione E virtualmente impossibile per la persona media trascorrere 24 ore senza usare direttamente

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

Laboratorio di Informatica I

Laboratorio di Informatica I Struttura della lezione Lezione 1: Le Architetture Distribuite Vittorio Scarano Algoritmi e Strutture Dati: Algoritmi Distribuiti Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno Le architetture distribuite

Dettagli

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Il Personal Computer. Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare. www.vincenzocalabro.it 1

Il Personal Computer. Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare. www.vincenzocalabro.it 1 Il Personal Computer Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare www.vincenzocalabro.it 1 Cos è Il Personal Computer è un elaboratore di informazioni utilizzato da un singolo utente. Le informazioni

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Il Sistema Operativo Gerarchia del software

Dettagli

Introduzione alle Applicazioni Web

Introduzione alle Applicazioni Web Introduzione alle Applicazioni Web di Mary Ercolini Con il termine Applicazione Web si intende un applicazione risiedente in un Server Web alla quale si accede tramite un browser Internet o un altro programma

Dettagli

Sommario. iii. Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi. Parte I - Concetti... 1. Capitolo 1 - L hardware del PC...

Sommario. iii. Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi. Parte I - Concetti... 1. Capitolo 1 - L hardware del PC... iii Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi Parte I - Concetti... 1 Capitolo 1 - L hardware del PC... 5 1.1 Il processore, la scheda madre e la memoria... 7 1.1.1 Il processore...7 1.1.2

Dettagli

MODULO 1. Testo 1.02. 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale

MODULO 1. Testo 1.02. 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale MODULO 1 Testo 1.02 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale 2. Come possono essere classificati in modo corretto i componenti fisici e

Dettagli

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi C Cloud computing Cloud storage Prof. Maurizio Naldi Cos è il Cloud Computing? Con cloud computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio, di memorizzare/

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Gli appunti sono disponibili per tutti gratis sul sito personale del Prof M. Simone al link: www.ascuoladi.135.it nella pagina web programmazione, sezione classi

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi Calcolo numerico e programmazione Sistemi operativi Tullio Facchinetti 25 maggio 2012 13:47 http://robot.unipv.it/toolleeo Sistemi operativi insieme di programmi che rendono

Dettagli

Test di informatica. 1504 QUALE TRA I DISPOSITIVI DI MEMORIA ELENCATI HA LA CAPACITÀ PIÙ ELEVATA? a) Floppy disk b) Cd-Rom c) DVD Risposta corretta:

Test di informatica. 1504 QUALE TRA I DISPOSITIVI DI MEMORIA ELENCATI HA LA CAPACITÀ PIÙ ELEVATA? a) Floppy disk b) Cd-Rom c) DVD Risposta corretta: Test di informatica 1501 QUAL È L'UNITÀ DI MISURA PER MISURARE LA CAPIENZA DELL'HARD DISK? a) Bit b) Kbyte c) Gigabyte 1502 CHE COS'È UN BYTE? a) Un insieme di 256 bit b) Un gruppo di 8 bit c) Un carattere

Dettagli

1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore

1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore 1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore Insegnamento di Informatica Elisabetta Ronchieri Corso di Laurea di Economia, Universitá di Ferrara I semestre, anno 2014-2015 Elisabetta Ronchieri (Universitá)

Dettagli

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte 1. Quale delle seguenti affermazioni è corretta? Nella trasmissione a commutazione di pacchetto: Sulla stessa linea

Dettagli

LE RETI: STRUMENTO AZIENDALE

LE RETI: STRUMENTO AZIENDALE LE RETI: STRUMENTO AZIENDALE INDICE -Introduzione -La rete e i principali tipi di rete -La rete delle reti: Internet -Evoluzione tecnologica di internet: cloud computing -Vantaggi della cloud all interno

Dettagli

Hitachi Systems CBT S.p.A.

Hitachi Systems CBT S.p.A. Hitachi Systems CBT S.p.A. EasyCloud : Cloud Business Transformation LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL RINNOVAMENTO AZIENDALE Accompagniamo aziende di ogni dimensione e settore nella trasformazione strategica

Dettagli

Chi deve sapere cosa. Gli argomenti della lezione. Idoneità informatica e Sistemi informatici Parte preliminare

Chi deve sapere cosa. Gli argomenti della lezione. Idoneità informatica e Sistemi informatici Parte preliminare Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Economia - Bologna CLEA, CLED, CLEF Prof. Jacopo Di Cocco Idoneità informatica e Sistemi informatici Parte preliminare Saper usare un calcolatore in

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Classi di elaboratori

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Classi di elaboratori 2011-2012 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) 12 Classi di elaboratori Lez. 12 1 Gli elaboratori, sebbene tutti riconducibili ad uno stesso

Dettagli

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN MODULO 1 Testo 1.03 1. In una istruzione, un operando è: % Il dato su cui operare % L indirizzo di memoria di un dato su cui operare % Il tipo di operazione da eseguire % Il risultato di una istruzione

Dettagli

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti 22 domande, 7 pagine Cognome e nome Matricola Turno di Laboratorio Domande con risposta multipla 1 Quanti byte occupa

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C.

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C. Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CDROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono

Dettagli

Sistemi di Video Sorveglianza

Sistemi di Video Sorveglianza Sistemi di Video Sorveglianza WEB Based Technology Il sistema di video-sorveglianza è basato su un sistema di visualizzazione-registrazione costituito da un Camera Server e da una o più telecamere Digitali

Dettagli

Il Sistema Operativo (1)

Il Sistema Operativo (1) E il software fondamentale del computer, gestisce tutto il suo funzionamento e crea un interfaccia con l utente. Le sue funzioni principali sono: Il Sistema Operativo (1) La gestione dell unità centrale

Dettagli

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1 Introduzione al Networking Introduzione Al giorno d oggi il Networking non è più un sistema riservato solo alle aziende di enormi dimensioni, ma interessa anche i piccoli uffici, le scuole e le case. Infatti

Dettagli

VER. 1 SETT 13 SISTEMA GESTIONALE PER IL LABORATORIO HLA

VER. 1 SETT 13 SISTEMA GESTIONALE PER IL LABORATORIO HLA SISTEMA GESTIONALE PER IL LABORATORIO HLA INDICE Caratteristiche Sistemi Operativi e configurazione LAN Client/Server Caratteristiche minime computer Database utilizzato Interfacciamento bidirezionale

Dettagli

Reti di Calcolatori: una LAN

Reti di Calcolatori: una LAN Reti di Calcolatori: LAN/WAN e modello client server Necessità di collegarsi remotamente: mediante i terminali, ai sistemi di elaborazione e alle banche dati. A tal scopo sono necessarie reti di comunicazione

Dettagli

Registro dell'insegnamento

Registro dell'insegnamento Registro dell'insegnamento Anno accademico 2015/2016 Prof. ALESSANDRO MARTINELLI Settore inquadramento null - null Scuola Scienze della Salute Umana Dipartimento NEUROSCIENZE, AREA DEL FARMACO E SALUTE

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 INFORMATICA: Hardware e Software Alunno: Classe: 1 C 08 novembre 2011 prof. Mimmo Corrado Effettua i seguenti calcoli nel sistema binario:

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

2. Componen1 di un sistema informa1vo aziendale

2. Componen1 di un sistema informa1vo aziendale Corso di Laurea in Matema1ca Dipar9mento di Matema9ca e Fisica per l elaborazione delle informazioni 2. Componen1 di un sistema informa1vo aziendale Dispense del corso IN530 prof. Marco Liverani Stru;ura

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

www.praim.com L EVOLUZIONE DEL THIN CLIENT ll terminale per l architettura VDI Torino Lingotto 19 Novembre 2008

www.praim.com L EVOLUZIONE DEL THIN CLIENT ll terminale per l architettura VDI Torino Lingotto 19 Novembre 2008 L EVOLUZIONE DEL THIN CLIENT ll terminale per l architettura VDI Torino Lingotto 19 Novembre 2008 CompuMaster S.r.l. Via Zambra 4 38100 TRENTO ITALY CompuMaster Inc 16 Gleasondale Road Stow MA 01775 USA

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

Interstudio L INGEGNERE NELLE NUVOLE. App, WEB App e Cloud. ing. Sauro Agostini. Architectural & Engineering Software. venerdì 11 ottobre 13

Interstudio L INGEGNERE NELLE NUVOLE. App, WEB App e Cloud. ing. Sauro Agostini. Architectural & Engineering Software. venerdì 11 ottobre 13 Architectural & Engineering Software L INGEGNERE NELLE NUVOLE App, WEB App e Cloud ing. Sauro Agostini Mitterand 1981 Reagan Battaglin Alice IBM PC 5150 Alonso C ERA UNA VOLTA IL DOS Non è una rivoluzione,

Dettagli

Gartner Group definisce il Cloud

Gartner Group definisce il Cloud Cloud Computing Gartner Group definisce il Cloud o Cloud Computing is a style of computing in which elastic and scalable information technology - enabled capabilities are delivered as a Service. Gartner

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

L informatica comprende:

L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Altri testi di consultazione Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Testo di riferimento G.Coulouris, J.Dollimore and T.Kindberg Distributed Systems: Concepts and Design IV Ed., Addison-Wesley 2005

Dettagli

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro Architetture per le applicazioni web-based Mario Cannataro 1 Sommario Internet e le applicazioni web-based Caratteristiche delle applicazioni web-based Soluzioni per l architettura three-tier Livello utente

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli