ALLEGATO A1 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A1 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A"

Transcript

1 ALLEGATO A1 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E PER IL TERRITORIO TRACCIA N. 1 Il Candidato progetti una capriata in legno massiccio (C30) avente schema strutturale all italiana (due montanti, una catena, due saette ed un monaco centrale). La configurazione geometrica è lasciata alla libera determinazione del Concorrente nel rispetto delle sotto-indicate prescrizioni dimensionali: luce L=10 m, freccia F=5 m e interasse fra elementi I=4 m. Ai fini della determinazione dei carichi si consideri: - Permanete portato: carico uniformemente ripartito pari a 15 kn/mq - Accidentale principale: come da Tabella 3.1.II delle Norme Tecniche sulle Costruzioni - Neve: Zona III, quota a s =250 m s.l.m. - Vento: Assente - Sisma Assente Il Candidato può assumere quanto non espressamente specificato dalla traccia sulla scorta dei valori comunemente impiegati nella pratica tecnica, purché la scelta sia opportunamente giustificata. TRACCIA N. 2 In un impianto di depurazione occorre realizzare un canale dissabbiatore che deve garantire una velocità di 0.30 m/s con portate variabili fra Qmin = 50 l/s e Qmax = 350 l/s. Si tenga presente che il collettore in ingresso all impianto di depurazione è un canale in gres a sezione circolare avente Diametro pari a 800 mm e pendenza longitudinale i = Si progetti la sezione del dissabbiatore e il restringimento di un venturimetro da collocare a valle di esso, in maniera da garantire un tirante hmax, opportunamente scelto in base ai dati suindicati, a valle del dissabbiatore in corrispondenza del passaggio della portata Qmax. Si valutino differenti forme della sezione del dissabbiatore. Si realizzino, utilizzando opportune scale grafiche, degli schemi rappresentativi dell opera, così come alcuni particolari esecutivi. Il candidato discuta, inoltre, possibili soluzioni tecnologiche alternative all uso del dissabbiatore a canale.

2 TRACCIA N. 3 Si prenda in esame il pendio riportato schematicamente nella figura sottostante. L= 22.5 m O H= 22.5 m Si calcoli, adottando il metodo Ordinario delle strisce (Metodo di Fellenius ovvero Svedese), il coefficiente di sicurezza relativo alla superficie di scivolamento circolare avente centro nel punto O (intersezione tra la verticale passante per il piede del pendio ed il piano orizzontale superiore). Il terreno costituente il pendio è omogeneo e dotato delle seguenti caratteristiche: peso dell unità di volume γ dry = 19.8 kn/m 3 (pendio asciutto) γ sat = kn/m 3 (pendio saturo) coesione c =22 kpa angolo d attrito φ =34 Si effettui il calcolo per i seguenti due casi: falda assente pendio interamente sommerso con pelo libero della falda coincidente con il piano orizzontale superiore Il calcolo dovrà essere svolto avvalendosi di calcolatrice tascabile (e non con impiego di software dedicato), dividendo il terreno in 15 strisce dello spessore di 1.5 m ciascuna. I dati numerici relativi a ciascuna striscia dovranno essere riportati in un opportuna tabella.

3 ALLEGATO A2 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA CIVILE TRACCIA N. 1 L'oggetto della progettazione è una struttura intelaiata in c.a. La struttura ha 5 piani con altezza interpiano pari a 3.2 m e planimetria riportata in figura. La destinazione d uso è civile abitazione. 6 m 6 m 6 m 6 m 6 m Il Candidato: 1. effettui il pre-dimensionamento degli elementi strutturali; 2. definisca le azioni di progetto secondo le Norme Tecniche per le Costruzioni, in particolare: - i carichi permanenti (strutturali e non strutturali); - l'azione sismica (definita, in maniera semplificata, come una forza statica equivalente applicata a ciascun telaio) Stato Limite di ag Fa T*c Danno (SLD) 0.10 g sec Salvaguardia della Vita (SLV) 0.25 g sec 3. effettui il calcolo delle sollecitazioni degli elementi della struttura; 4. descriva sinteticamente le verifiche necessarie per il raggiungimento dei requisiti prestazionali relativi allo Stato Limite ultimo SLV ed allo Stato Limite di Esercizio SLD. 5. progetti le armature della travata e della pilastrata maggiormente sollecitate (con disegni esecutivi in scala opportuna). 6. Si descrivano i criteri di progetto delle fondazioni.

4 Ai fini delle verifiche si definiscano le combinazioni delle azioni secondo le NTC Le caratteristiche dei materiali sono a scelta del candidato. TRACCIA N. 2 Si consideri la trave di fondazione di un telaio in c.a. per un edificio di 5 piani. Ciascun pilastro trasferisce i seguenti carichi. 260 kn 490 kn 510 kn 280 kn Carichi fissi 23 kn*m 12 kn*m 15 kn*m 25 kn*m 195 kn 368 kn 382 kn 210 kn Carichi variabili 43 kn*m 12 kn*m 15 kn*m 50 kn*m 5.20 m 4.50 m 5.60 m Si immagini la fondazione sovrapposta ad un banco di sabbie, aventi peso unitario secco pari a 17.5 kn/m 3, peso specifico dei grani pari a 2.68, e caratterizzate dal seguente profilo di una prova CPT. La falda idrica oscilla tra le profondità di 2 e 5 m dal p.c. Sulla base dei dati sopra forniti: Si progetti la trave di fondazione nel rispetto del D.M Si stimino i cedimenti e se ne verifichi la compatibilità; Si effettui il dimensionamento strutturale della trave.

5 TRACCIA N. 3 Il collettore in arrivo a un impianto di depurazione a servizio di 40'000 abitanti equivalenti, è costituito da una tubazione in gres avente sezione circolare con diametro D = 1200 mm e pendenza longitudinale i = Lo studio idrologico ha consentito la stima della massima portata bianca al prefissato periodo di ritorno, valutata in 490 l/s. Si dimensioni un manufatto scolmatore che, in corrispondenza di eventi meteorici, provveda all allontanamento delle portate eccedenti quella da trattare, e si realizzino alcuni grafici rappresentativi dell opera. Il candidato ha facoltà di integrare eventuali dati dovesse ritenere necessari.

6 ALLEGATO A3 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA ELETTRICA TRACCIA N kw 300 kw 500 kw P = A L 12 km I 8 km 11 km 13 km H G F 400 kw 10 km B 13 km C 9 km D 14 km E 350 kw 500 kw 400 kw Figura 1 Con riferimento allo schema unifilare di figura 1 e ai dati riportati in tabella I, supponendo la linea alimentata da entrambe le estremità ( interruttori B ed L chiusi), si richiede: 1) il progetto di massima e la verifica elettrica della linea aerea BL in conduttore di rame (distanza tra i conduttori 1200 mm) esercita a tensione nominale 20 kv, ammettendo una caduta di tensione massima del 4%. Successivamente, considerando la linea a sbalzo (interruttore B chiuso ed L aperto), si richiede: 2) la determinazione della massima caduta di tensione percentuale; 3) il calcolo delle potenze capacitive richieste localmente per rifasare tutti i carichi fino ad un fattore di potenza pari a 0.9; 4) la determinazione della massima caduta di tensione percentuale dopo il rifasamento localizzato dei carichi. Tabella I - Conduttori a corda di rame crudo per linee elettriche aeree Tipo di conduttore Sezione teorica [mm 2 ] Diametro [mm] Resistenza elettrica teorica a 20 C [Ω/m] 16/ / / / /

7 65/ / / / / / TRACCIA N. 2 Il candidato imposti il dimensionamento di un generatore sincrono trifase ad eccitazione amperiana e statore esterno che presenti le seguenti caratteristiche: Potenza apparente: 300kVA frequenza nominale: 50Hz tensione nominale: 1kV fattore di potenza: 0.8 rit velocità nominale: 1500 giri/min Connessione a stella Isolamento: classe F Come caratteristica magnetica del lamierino si utilizzi la seguente: TRACCIA N. 3 Il candidato progetti un sistema automatico per la misura dell energia che sia capace di misurare anche i disturbi della qualità dell alimentazione elettrica (PQ) in regime monofase. In particolare il sistema deve essere in grado di misurare potenze attiva e reattiva anche in condizioni di fornitura non sinusoidale con i seguenti dati di targa : potenza nominale 3 kw. tensione nominale 500 V frequenza nominale 50 Hz fattore di potenza nominale da -0.5 induttivo a 0,8 capacitivo

8 Analisi fino alla 50 armonica della 50Hz: Nello sviluppo del progetto si evidenzino i seguenti aspetti: - l architettura proposta; - l eventuale elaborazione delle informazioni acquisite (metriche, tempi di osservazione, tempi di integrazione, etc.); - le prestazioni in termini di risoluzione e accuratezza ottenibili; - le cause di incertezza presenti; - i vantaggi della soluzione proposta rispetto ad altre possibili.

9 ALLEGATO A4 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA GESTIONALE TRACCIA N. 1 Un giovane ingegnere gestionale spagnolo possiede un imbarcazione di sua proprietà con cui trasporta passeggeri dal porto di Ibiza a Formentera. La vita residua dell imbarcazione è di tre anni e il suo valore di libro è pari a 7500 (da ammortizzare nei 3 anni a quote costanti). PARTE 1 Dall inizio del primo anno lo stesso servizio verrà anche offerto gratuitamente da un traghetto di proprietà del comune di Formentera, al fine di incrementare il turismo. Pertanto l imprenditore non potrà più ottenere alcun ricavo dalla sua attività. Inoltre si consideri che: Il giovane ingegnere può impiegare diversamente l imbarcazione, proseguendo a tempo pieno in una attività autonoma di offerta di gite ai turisti, ottenendo i seguenti risultati economici: Anno 1 Anno 2 Anno 3 Ricavi Costi operativi variabili L imbarcazione può essere venduta all inizio dell anno 1 per un valore pari a Se interrompe la sua attività autonoma, il giovane ingegnere può essere assunto, con un contratto triennale di lordi l anno, dal comune di Formentera. Trascurando gli effetti fiscali, verificare se per il giovane ingegnere sia o meno conveniente proseguire nella sua attività autonoma, ipotizzando un costo opportunità del capitale del 7%. PARTE 2 Si ipotizzi adesso che il giovane ingegnere voglia ampliare la sua attività di trasporto passeggeri tra Ibiza e Formentera acquistando altre cinque imbarcazioni. Si progetti un business plan contenente le seguenti voci: analisi della domanda e analisi del settore (facendo riferimento alla SWOT analysis ed al modello delle cinque forze di Porter); descrizione dell impresa (in termini di prodotti/servizi, modello di business e modello organizzativo); piano di marketing e piano commerciale; analisi economico-finanziaria (contenente ipotesi di pianificazione, conto economico previsionale, stato patrimoniale previsionale, analisi dei flussi di cassa e valutazione dell investimento previsionale). Per ciascuna delle voci precedenti, il candidato effettui ipotesi realistiche, sia quantitative sia qualitative, argomentando le scelte effettuate. Le ipotesi effettuate dovranno dimostrare la capacità di ragionamento e di svolgimento dei punti specifici.

10 TRACCIA N. 2 La Spicy è una delle unità di misura mondiali della piccantezza del peperoncino. Supponete che il grado di piccantezza si possa rappresentare lungo un segmento di lunghezza unitaria [0;1] dove lo 0 rappresenta il peperoncino non piccante e l'1 indica il peperoncino super-piccante. Le aziende D e R sono le uniche due produttrici di salsa di peperoncino nell'isola. Ognuna è caratterizzata da una funzione di costo totale pari a TC(q i ) = cq i + F, dove i = D; R e produce una sola varietà del prodotto, che indichiamo con X D e X R, come nella figura seguente: Supponete che ogni consumatore della città abbia una propria varietà ideale preferita e acquisti un solo vasetto di salsa. Le preferenze dei consumatori sono per ipotesi distribuite uniformemente lungo il segmento. Ogni consumatore, oltre al prezzo del prodotto, deve anche "sopportare" una disutilità associata al fatto che non consuma la propria varietà ideale del prodotto: tale fattore si traduce in un costo unitario pari a t. Assumete che tali "costi" di trasporto siano lineari. a) Calcolate la funzione di costo totale di acquisto del prodotto dell'impresa D e dell'impresa R, per un generico consumatore le cui preferenze sono situate in x b) Calcolate la funzione di domanda delle due imprese. c) Trovate le funzioni di risposta ottima per le due imprese. d) Calcolate i prezzi di equilibrio per le due imprese. e) Determinate l'espressione dei profitti. f) Calcolate l'espressione dell'effetto diretto (scelta della posizione) e dell'effetto strategico (scelta del prezzo). Mostrate analiticamente e discutete quale dei due effetti prevale. g) Supponete che il costo c sia pari a 5, e che l'avversione dei consumato verso 1'acquisto di un peperoncino con grado di piccantezza diverso quello preferito sia rappresentata dal valore t = 2. Se l'impresa D decidesse di produrre una salsa di peperoncino con grado di piccantezza pari a 0,2 Spicy mentre l'impresa R decidesse di produrne una pari a 0,7 Spicy, quali sarebbero i prezzi di equilibrio nell isola? E quali sarebbero i profitti delle due imprese? h) Ripetere i punti a) ad f) nel caso in cui i costi di trasporto avessero forma quadratica. TRACCIA N. 3 Si deve produrre un lotto di 500 pezzi del corpo della pompa oleodinamica rappresentato nella figura sottostante in acciaio C40, mediante lavorazione alle macchine utensili.

11 Il candidato scelga opportunamente il grezzo di partenza. Il candidato fornisca una descrizione globale del ciclo di lavorazione. Il candidato deve descrivere e motivare le scelte delle macchine utensili impiegate, le impostazioni delle singole lavorazioni, un possibile layout del sistema di lavorazione. Il candidato fornisca una descrizione schematica del ciclo mettendo in evidenza i piazzamenti del componente, le superfici da lavorare, gli utensili, i parametri di lavorazione. Il candidato calcoli per le diverse lavorazioni le forze e le potenze di lavorazione. Il candidato esegua, infine, una stima dei tempi di realizzazione e dei costi di produzione previsti e definisca alcune strategie di gestione e vendita del prodotto finito. Il candidato scriva il part program per l'esecuzione di una lavorazione del ciclo di lavorazione pianificato attraverso un tornio a controllo numerico.

12 ALLEGATO A5 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA MECCANICA TRACCIA N. 1 Il candidato scelga un sistema di cogenerazione atto a soddisfare la richiesta elettrica e termica di un utenza industriale le cui rispettive curve di carico sono di seguito riportate. Si consideri, a tal scopo, un cogeneratore costituito da un motore a gas i cui reflui termici sono in parte recuperati ed inviati all utenza. Si giustifichi la fattibilità tecnico-economica-ambientale del sistema proposto rispetto ad un sistema tradizionale sulla base dei vincoli normativi previsti dalla normativa Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR2011 (Decreti del Ministero dello Sviluppo Economico del 4 Agosto 2011 e del 5 Settembre 2011). Dati dell utenza: o sito = Cassino; o allacciamento industria alla rete nazionale = Media Tensione; o temperatura utenza termica = 90 C; o rendimento di conversione dell energia elettrica del sistema tradizionale (rete nazionale): η el,naz =0,46; o rendimento di conversione dell energia termica del sistema tradizionale (caldaia): η cald =0,9. Il candidato scelga opportunamente ulteriori parametri non esplicitamente forniti.

13 MODELLO Caratteristiche dei cogeneratori Potenza elettrica P e Rendimento elettrico η e Potenza termica P t,tot Rendimento termico η t Potenza immessa P i Costo unitario macchina (kw e ) (kw t ) (kw i ) ( /kw e ) M , , ,99 M , , ,59 M , , ,61 M , , ,00 M , , ,81 M , , ,00 M , , ,13 M , , ,69 Costo dell energia elettrica: Tariffa o Costo fisso (per punto di prelievo): 692 /pdp/anno; o Costo fisso (quota potenza): 28 /kw/anno; o Costo energia: F1=0,1478 /kwh e ; F2=0,1478 /kwh e ; F3=0,1280 /kwh e Accisa: 0,0121 /kwhe Prezzo di cessione alla rete (ritiro dedicato) dell energia elettrica: o F1=0, /kwh e ; F2=0, /kwh e ; F3=0, /kwh e Costo del metano: Tariffa per scaglioni di consumo scaglioni di consumo quota fissa quota variabile da Nm 3 a Nm 3 ( /anno) ( /Nm 3 ) , , , , , , , , > , Accisa per scaglioni di consumo scaglioni di consumo quota variabile da Nm 3 ( /Nm 3 ) ( /anno) , > , PCI metano: 9,59 kwh/nm 3 (CH 4 ); Fattori d emissione CO 2 0,483 kg(co 2 )/KWh e ; 2 t(co 2 )/Nm 3 (CH 4 ); TRACCIA N. 2 In figura è schematizzata una gruetta da officina. Progettare il sistema tenendo in conto le seguenti caratteristiche: struttura in acciaio;

14 braccio regolabile su tre posizioni; portata massima 1 tonnellata. Dimensionare gli elementi, scegliere opportunamente il martinetto idraulico e fornire i limiti di portata per ciascuna posizione del braccio estraibile. Fornire, inoltre, le proiezioni ortogonali dell assieme. TRACCIA N. 3 Si deve produrre un lotto di 500 pezzi del corpo della pompa oleodinamica rappresentato nella figura sottostante in acciaio C40, mediante lavorazione alle macchine utensili. Il candidato scelga opportunamente il grezzo di partenza.

15 Il candidato fornisca una descrizione globale del ciclo di lavorazione. Il candidato deve descrivere e motivare le scelte delle macchine utensili impiegate, le impostazioni delle singole lavorazioni, un possibile layout del sistema di lavorazione. Il candidato fornisca una descrizione schematica del ciclo mettendo in evidenza i piazzamenti del componente, le superfici da lavorare, gli utensili, i parametri di lavorazione. Il candidato calcoli per le diverse lavorazioni le forze e le potenze di lavorazione. Il candidato esegua, infine, una stima dei tempi di realizzazione e dei costi di produzione previsti e definisca alcune strategie di gestione e vendita del prodotto finito. Il candidato scriva il part program per l'esecuzione di una lavorazione del ciclo di lavorazione pianificato attraverso un tornio a controllo numerico.

16 ALLEGATO A6 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA BIOMEDICA TRACCIA N. 1 In un azienda di componenti biomedici deve effettuarsi il collaudo dimensionale di una spina cilindrica di stagno (coefficiente di dilatazione lineare C -1, Modulo di Young N/mm 2 ) delle dimensioni da progetto (quota e tolleranza): i) lunghezza L= 20.0±0.04 mm e ii) diametro D=5.0±0.02 mm. Il candidato scelga adeguatamente lo strumento idoneo tra i due disponibili: 1. calibro centesimale con errore max dichiarato nel certificato di taratura di 0.02 mm ed incertezza di taratura di 0.02 mm con un livello di confidenza pari a circa il 95%; 2. micrometro centesimale analogico con errore max dichiarato nel certificato di taratura di 0.04 mm ed incertezza di taratura di 0.02 mm con un livello di confidenza pari a circa il 95%. Il candidato giustifichi le motivazioni della scelta sulla base delle prestazioni metrologiche, della facilità di misura e dell economicità del processo. Le misure sono successivamente condotte all interno del laboratorio metrologico dell azienda alla temperatura puntuale di 18.7 C (misurata con uno strumento avente incertezza dichiarata pari a 0.5 C ad un livello di confidenza di circa il 95%). Si supponga che vengano effettuate 5 misurazioni successive con i seguenti risultati: Lunghezza, mm Diametro, mm L D L D L D L D L D Il candidato, alla luce del risultato della misura e dell incertezza estesa stimata (tipo A e tipo B), valuti se per il componente in collaudo sia possibile dichiarare la conformità alle specifiche e, se applicabile, la percentuale di rischio associata alla decisione. In ultimo il candidato illustri sinteticamente il processo di taratura applicabile allo strumento prescelto ai fini della garanzia della riferibilità metrologica. TRACCIA N. 2 Si consideri un locale medico con presenza di apparecchiature elettromedicali e di una sala operatoria costituito da quattro stanze e due bagni avente superficie di circa 250 m 2. Il candidato, con riferimento ai dati forniti, rispettando le norme di progettazione e realizzazione degli impianti in ambiente medicale e proponendo le necessarie ipotesi aggiuntive: a) disegni lo schema unifilare dell intero impianto e ne dimensioni le relative condutture; b) disegni e dimensioni l'impianto di terra.

17 TRACCIA N. 3 Con riferimento allo schema di controllo a retroazione ed assegnato un processo descritto dalla funzione di trasferimento: P ( s) = ( s + 5) ( s + 1)( s + 2)( s + 10) K progettare un controllore tempo continuo, del tipo C( s) = R( s), tale che: h s l errore assoluto a regime per l inseguimento di un segnale a rampa lineare e A.4 la pulsazione di attraversamento del sistema sia ω t 0. 5rad il margine di fase sia m 40 ϕ s y d ( t) = t sia finito e Per comodità di utilizzo, si riportano di seguito le formule di inversione delle reti correttrici per apportare una correzione dei moduli di M (in numeri naturali) ed una correzione della fase di ϕ (in radianti) in corrispondenza della pulsazione di lavoroω. c Rete anticipatrice 1+ jωτ R( jω) = 1 + jωατ cos( ϕ) ω τ = M c sin( ϕ) 1 cos( ϕ) ατ = M ω sin( ϕ) c Rete ritardatrice 1+ jαωτ R( jω) = 1 + jωτ 1 cos( ϕ) ω τ = M c sin( ϕ) M cos( ϕ) ατ = ω sin( ϕ) c 0 < α <1 0 < α < 1 M >1 0 < M < 1 0 < ϕ < π / 2 π / 2 < ϕ < 0 Immaginando di voler implementare l algoritmo di controllo sviluppato su un sistema digitale, si scelga opportunamente il passo di campionamento T dei componenti digitali e se ne motivi la scelta. Si descriva infine una tecnica di sintesi del controllore tempo discreto per discretizzazione della funzione di trasferimento del controllore C (s).

18 ALLEGATO A7 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole progettare un ponte radio in visibilità, bidirezionale, alla frequenza f 0 =15 GHz e con tasso di trasmissione di 40 Mbit/s per ciascuna direzione. Sono date le specifiche di seguito elencate. La lunghezza del collegamento è R=20km. La comunicazione bi-direzionale è realizzata mediante accesso multiplo a divisione di tempo (TDM, time-division multiplexing). Si utilizza la modulazione 256-QAM. Se non altrimenti indicato, si assuma assenza di codifica di canale. Si hanno a disposizione antenne paraboliche, sia in trasmissione che in ricezione, con diametro D=0.5m ed efficienza η=0.6. Il ricevitore ha una cifra di rumore F=5dB. Il rumore additivo può essere modellato come un processo Gaussiano bianco con densità spettrale di potenza N 0 /2=2x10-21 [Watt/Hertz]. Si può assumere valido il modello di propagazione (path-loss) in spazio libero. Non idealità sono portate in conto considerando un attenuazione aggiuntiva L=10dB. Si assuma che canale di propagazione sia flat-flat (ovvero, non selettivo nel tempo e non selettivo in frequenza). Il candidato è libero di scegliere eventuali parametri di progetto non specificati. Quesiti: 1) Determinare la banda monolatera W da usare e l efficienza in banda del sistema di trasmissione (ovvero il numero di bit al secondo per Hz trasmessi) nel caso in cui si utilizzino forme d onda di Nyquist a coseno rialzato con fattore di roll-off α=0.2. 2) Assumendo che il canale di propagazione non sia affetto da fading, determinare la potenza media erogata dal trasmettitore necessaria a conseguire una probabilità di errore per bit a valle del demodulatore minore di 10-6 (nello svolgere tale punto e nel seguito, si assuma di usare una codifica di Gray e che la banda equivalente di rumore del filtro in ricezione coincida con W). 3) In riferimento al punto precedente, per ridurre la potenza trasmessa a parità di probabilità di errore sul bit, si hanno a disposizione due strade: a) usare un formato di modulazione 128- QAM (che richiede di allargare la banda del collegamento), oppure b) utilizzare antenne più performanti con diametro di 0.7 metri. Stabilire quale delle due soluzioni è preferibile. 4) Assumendo che il canale di propagazione introduca fading di Rayleigh, determinare la potenza media da trasmettere per avere un rapporto segnale rumore in ricezione alla stazione ripetitrice di 15 db per il 95% del tempo.

19 5) In riferimento al punto precedente, il candidato proponga una tecnica di trasmissione e/o ricezione in diversità a sua scelta per mitigare gli effetti del fading, quantificando il guadagno (in termini di minor potenza trasmessa) da essa fornito ed il costo di implementazione (in termini di risorse fisiche richieste). 6) Si assuma che la probabilità di errore su bit sia Si assuma di trasmettere pacchetti dati contenenti 10 5 bit e di usare un codice binario a rivelazione d errore in grado di individuare la presenza di non più p errori nel pacchetto. a. Calcolare la probabilità di ricevere un pacchetto errato (ovvero contenente almeno un errore); b. Progettare p in modo che il decoder si accorga della ricezione di un pacchetto errato almeno nel 99% dei casi. TRACCIA N. 2 Una sorgente discreta, senza memoria e con alfabeto A={x 1,, x 8 } emette simboli ogni T s =9.9219e-7 s; sia p i la probabilità del simbolo x i ; si assuma p 1 =1/2, p 2 =1/4, p 3 =1/8, p 4 =1/16, p 5 =1/32, p 6 =1/64, p 7 =p 8 =1/128. I simboli emessi dalla sorgente vengono compressi e convertiti in un flusso binario mediante l algoritmo di Huffman (codifica di sorgente). 1. Calcolare il tasso entropico della sorgente, il codice di Huffman, ed il numero medio di bit al secondo (R b ) prodotti. Il flusso di bit così prodotto viene inviato ad un modulatore numerico multilivello che trasmette 3 bit per ogni uso del canale mediante le seguenti forme d onda: s m (t) = E 1)π (m 1)π cos (m p T 4 1 (t) + sin p 4 2 (t), m = 1,,8 dove E > 0, T = 3 R b e p 1 (t) e p 2 (t) sono le forme d onda rappresentate qui di seguito. 2. Trovare una base ortonormale per lo spazio dei segnali e la rappresentazione geometrica delle forme d onda. Calcolare inoltre l energia media e la distanza minima della costellazione dei segnali. Il segnale modulato è trasmesso attraverso un cavo con banda monolatera B, lungo 20 Km e con attenuazione di 2 db/km. Si assuma che in ricezione il segnale sia corrotto da rumore additivo Gaussiano bianco, indipendente dal segnale trasmesso, con densità spettrale di potenza N 0 /2=2x10-14 [Watt/Hertz]. Si assuma inoltre assenza di interferenza intersimbolica. 3. Calcolare la densità spettrale di potenza del segnale in uscita dal modulatore e discutere la scelta della banda B del canale. 4. Disegnare lo schema a blocchi del ricevitore a minima probabilità di errore e descrivere il suo funzionamento. Si assuma nel seguito di utilizzare tale ricevitore.

20 5. Trovare la nearest neighbor approximation per la probabilità di errore su simbolo (P s ) in funzione del rapporto segnale rumore in ricezione. Sfruttando tale relazione, calcolare minima la potenza da trasmettere per avere P s Il candidato proponga a sua scelta una strategia per ridurre la potenza trasmessa a parità di probabilità di errore su simbolo, quantificando il guadagno (in termini di minor potenza trasmessa) da essa fornito ed il costo di implementazione (in termini di risorse fisiche richieste). Il candidato è libero di scegliere eventuali parametri di progetto non specificati. TRACCIA N. 3 Il sistema radiante in figura presenta un'antenna filiforme a λ/2 disposta verticalmente su un piano di C.E.P. infinito ad un'altezza h dal suolo, ed un'antenna filiforme a λ/2, disposta orizzontalmente sul piano di C.E.P. ad un'altezza h. La distanza tra le due antenne è h. Si trascurino i mutui accoppiamenti tra le antenne. Parametri di progetto: f= 3.4GHz d = 2.52km I 1 = 4.5mA θ = 42 ε r =3.38 h=9cm q=1.2cm b=1.1m 1. Calcolare la corrente I 2 tale da ottenere polarizzazione circolare per l'onda irradiata a grande distanza dalle due antenne per l'angolo θ. 2. Con il valore di corrente ottenuto al punto precedente, calcolare il campo elettrico e la sua polarizzazione nel punto P disegnato in figura, distante q da uno strato di dielettrico di permittività relativa ε r e spessore q, che si trova ad una distanza d dalle antenne. 3. Con il valore di corrente ottenuto al punto 1, calcolare la potenza massima ricevibile usando come antenna in ricezione una parabola di area efficace pari a 0.7 m 2, che si trova ad una distanza b a destra dello strato di dielettrico. La parabola lavora in polarizzazione lineare e può essere orientata in modo da massimizzare la potenza ricevuta. 4. Progettare una rete di adattamento per le due antenne filiformi in trasmissione, in modo da ottenere un coefficiente di riflessione massimo di -30dB per una banda frazionaria del 35%, sapendo che l'impedenza di uscita dei generatori in trasmissione è 300Ω.

21 ALLEGATO A8 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA INFORMATICA TRACCIA N. 1 La società Cassino ICT vuole offrire un servizio per la vendita on-line di biglietti per eventi (teatro, Fiere, mostre, ecc), da mettere a disposizione di soggetti terzi. La società si occuperà di: a) pubblicizzare gli eventi dei soggetti terzi affiliati; b) raccogliere gli ordini di acquisto dei biglietti da parte dei clienti; c) informare i soggetti terzi dei biglietti richiesti dai clienti, d) gestire la spedizione dei biglietti tramite corriere. Gli utenti del servizio sono di tre tipologie, descritte di seguito con alcuni rilevanti casi d'uso. 1. Utenti finali, ovvero i clienti che intendono acquistare i biglietti Casi d'uso: 1. consultazione degli eventi disponibili 2. ricerca per tipologia di evento 3. emissione e pagamento del biglietto 2. Utenti affiliati, ovvero le aziende che intendono vendere i biglietti Casi d'uso: 1. affiliazione dei soggetti terzi alla rete gestita dalla società 2. immissione eventi con le relative caratteristiche 3. ricezione ordine di acquisto dei biglietti 3. Utenti amministratori, ovvero il personale dell'azienda Cassino ICT adibito alla gestione Casi d'uso: 1. gestione degli ordini dagli utenti finali 2. gestione dei pagamenti 3. gestione della consegna dei biglietti per mezzo di un corriere Ulteriori specifiche possono essere liberamente aggiunte dal candidato, ove ritenuto necessario. Il candidato, usando metodologie e notazioni standard (es. UML, ER, ecc.), progetti: 1. l'architettura ad alto livello del sistema; 2. le basi di dati previste dall'architettura a livello concettuale e logico (ricorrendo a ragionevoli ipotesi sul carico applicativo); 3. il servizio web usufruibile da Internet per gli utenti finali. Si commentino le scelte progettuali adottate dove opportuno e si indichino anche delle adeguate scelte tecnologiche per la realizzazione. Si mostrino, infine, i dettagli realizzativi relativi ad un caso d'uso a scelta con riferimento alle tecnologie adottate.

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di Ingegnere II sessione 2009

Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di Ingegnere II sessione 2009 Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di Ingegnere II sessione 2009 Sezione B - L.S. Nuovo Ordinamento Prova pratica - Settore CIVILE e AMBIENTALE Tema Il candidato esegua la

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2008 TRACCIA N. 1

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2008 TRACCIA N. 1 SEZIONE A - SETTORE CIVILE E AMBIENTALE - II PROVA SCRITTA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (CLASSE 28/S) Il candidato inquadri la problematica dei cedimenti nelle costruzioni di Ingegneria Civile,

Dettagli

Fondamenti di Sperimentazione Aerospaziale Prova del 29 giugno 2012 Anno Accademico 2011-2012

Fondamenti di Sperimentazione Aerospaziale Prova del 29 giugno 2012 Anno Accademico 2011-2012 Fondamenti di Sperimentazione Aerospaziale Prova del 29 giugno 2012 Anno Accademico 2011-2012 Negli esercizi che prevedono un risultato numerico, PRIMA DELLO SVOLGIMENTO, il candidato descriva dettagliatamente

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Sezione 9.1: Macchine elettriche rotanti Problema 9.1 Relazione tra potenza nominale e temperatura ambiente mostrata in tabella. Un motore con funziona

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE. I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE. I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE Tema 1 Il candidato deve procedere al dimensionamento e

Dettagli

6.1 Macchine sincrone generalità

6.1 Macchine sincrone generalità Capitolo 6 (ultimo aggiornamento 31/05/04) 6.1 Macchine sincrone generalità La macchina sincrona è un particolare tipo di macchina elettrica rotante che ha velocità di rotazione strettamente correlata

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale Indice generale LE FIBRE OTTICHE... Sistema di trasmissione con fibre ottiche... Apparato Trasmissivo... Apparato Ricevitore... Trasduttori Ottici in Trasmissione (LED o LD)... Trasduttori Ottici in Ricezione

Dettagli

PIANO DI LAVORO COMUNE

PIANO DI LAVORO COMUNE PIANO DI LAVORO COMUNE Anno Scolastico 2014 2015 Materia: Elettrotecnica ed Elettronica Classe: 4^ elettrotecnici Data di presentazione: 16-09-2014 DOCENTE FIRMA Cottini Marzio Maulini Stefano Pagina 1

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

Capitolo 7 Istruzioni

Capitolo 7 Istruzioni Capitolo 7 Istruzioni Il Capitolo 7 affronta tutti gli aspetti importanti della potenza elettrica. Lo studio del capitolo 7 può seguire immediatamente quello del capitolo 4 o come parte di un successivo

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Esame di Stato per l abilitazione alla Professione di Ingegnere II Sessione 2013. Classe Sezione Prova Data Informazione A I 21 novembre 2013

Esame di Stato per l abilitazione alla Professione di Ingegnere II Sessione 2013. Classe Sezione Prova Data Informazione A I 21 novembre 2013 Classe Sezione Prova Data Informazione A I 21 novembre 2013 Elettronica Il candidato esponga il principio di funzionamento, potenzialità e limiti di almeno due tipi di convertitori A/D Informatica Dopo

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA Ing. Luigi Biagiotti e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI

MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI CONVEGNO Controlli innovativi per la costruzione e la manutenzione di componenti meccanici ed opere infrastrutturali MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI PARTE PRIMA Prof. Ing. Giacinto Porco

Dettagli

Esami di Stato per l abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere I Sessione 2009

Esami di Stato per l abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere I Sessione 2009 Sezione A Vecchio Ordinamento Prova scritta - Settore CIVILE e AMBIENTALE Tema Il candidato esegua la progettazione di massima architettonica e strutturale di un edificio destinato ad uffici costituito

Dettagli

Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti

Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ORNI) 814.710 del 23 dicembre 1999 (Stato 1 luglio 2012) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 12 capoverso 2, 13 capoverso 1, 16

Dettagli

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale e della Integrazione di Impresa http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Firenze, 20 Gennaio 2005 Corso di Sistemi Wireless in Area Locale Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Un approccio

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html Regolatore Proporzionale, Integrale, Derivativo - PID Tre azioni di combinate

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar)

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) www.studioingsapone.it Pagina 1 di 10 Premessa Questo modulo rappresenta una opzione

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Indice Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana VII IX Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Generalità 1 1.1 Dimensioni, unità di misura e notazione 2 1.2 La natura dell elettromagnetismo

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti.

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti. Premessa Il fattore di potenza, che viene indicato come coseno dell angolo ϕ, viene determinato dalle caratteristiche del carico che si comporta come un assorbitore di energia reattiva, in quadratura con

Dettagli

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova Amadasi G. (1), Mossa G. (1), Riva D. (1) 1) S.C.S. controlli

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

2) individui il numero "n" di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica;

2) individui il numero n di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica; ESAME DI STATO Istituto Tecnico Industriale Anno 2004 Indirizzo ELETTRONICI Tema di TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole realizzare un sistema che permetta di strutturare 20 canali informativi analogici

Dettagli

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Sez 2a FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Unità cinetica o PGM Funzionamento normale: l

Dettagli

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE?

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? A.R.I. Sezione di Parma Conversazioni del 1 Venerdì del Mese POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? Venerdi, 7 dicembre, ore 21:15 - Carlo, I4VIL Oscillatore e risuonatore di Hertz ( http://www.sparkmuseum.com

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

Disturbi e schermature

Disturbi e schermature Disturbi e schermature Introduzione Cause di degrado di un segnale: il rumore,, un contributo legato alla fisica del moto dei portatori di carica nei dispositivi, descritto da leggi statistiche; Filtraggio

Dettagli

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma d'esame CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma

Dettagli

Tabella 1 dati di targa del trasformatore

Tabella 1 dati di targa del trasformatore Ingegnere sezione Industriale - I sessione 205 TEMA N. - Diploma di Ingegneria Elettrica Macchine Elettriche Un trasformatore trifase, le cui caratteristiche di targa sono indicate nella Tabella, alimenta

Dettagli

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame.

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13 FIBRE OTTICHE T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13. Perché le fibre ottiche possono essere considerate

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1,

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, 35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, '(// $33/,&$=,21('(//$'*51 3RVL]LRQLGLPLVXUD - Il sensore deve essere posizionato ad un altezza di 1,5 m dal suolo - La misura deve essere eseguita

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO Cabina MT/BT Ex Regina Elena viale Regina Elena n 291 Roma Pag. 1 RELAZIONE DI CALCOLO INTRODUZIONE Oggetto della Relazione di calcolo è la descrizione dei metodi e dei criteri adottati per la progettazione,

Dettagli

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici Esame di Stato di Istituto Professionale Indirizzo: Tecnico delle industrie elettriche Tema di: Elettrotecnica, Elettronica e Applicazioni Luigi Manzo - Giuseppe Gallo In una piccola industria di floricoltura,

Dettagli

1. determinare la potenza convenzionale di 10 prese monofasi da 10 A, V=220V determinare la potenza convenzionale di 5 prese trifasi da 16 A, V=400V

1. determinare la potenza convenzionale di 10 prese monofasi da 10 A, V=220V determinare la potenza convenzionale di 5 prese trifasi da 16 A, V=400V 1 1. determinare la potenza convenzionale di 10 prese monofasi da 10 A, V=220V determinare la potenza convenzionale di 5 prese trifasi da 16 A, V=400V 2. determinare la potenza convenzionale di 5 motori

Dettagli

Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di Ingegnere II sessione 2009

Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di Ingegnere II sessione 2009 Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di Ingegnere II sessione 2009 Sezione A - L.S. Nuovo Ordinamento Prova pratica - Settore CIVILE e AMBIENTALE Tema N.1 Si deve realizzare,

Dettagli

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche IPIA PLANA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDE PROGRAMMA DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI CLASSE 3A MANUTENTORI E ASSISTENZA TECNICA PROF S. SECCIA CONTENUTI Norme di rappresentazione grafica

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie http://www.aztec.it/prodotto.aspx?cod=aztpac3d PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie Il calcolo delle paratie viene generalmente condotto nell ipotesi di deformazione piana, supponendo che

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA Lezione n 8: Caratteristiche acustiche dei materiali: Isolamento acustico e potere fonoisolante delle pareti Comportamento dei materiali nei confronti dell

Dettagli

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz Le caratteristiche d irradiazione di un antenna possono essere modificate, oltre che da eventi estranei, anche dal suolo sottostante. Infatti, quando l antenna

Dettagli

Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di Ingegnere I sessione 2009

Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di Ingegnere I sessione 2009 Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di Ingegnere I sessione 2009 Sezione A - L.S. Nuovo Ordinamento Prova pratica - Settore CIVILE e AMBIENTALE Tema Il candidato esegua la

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002 Esercizio 0 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 00 er regolare il regime di rotazione di un gruppo elettrogeno, viene calettato sull albero di trasmissione del motore un volano in ghisa.

Dettagli

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO...

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... Sommario 1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO....

Dettagli

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT

Figura 1 Planimetria schematica con indicazione della ubicazione dei sondaggi e delle prove CPT ESERCITAZIONE n. 1 Ai fini della caratterizzazione e modellazione geologica e geotecnica di un sito che sarà interessato dalla realizzazione di un edificio, con quattro piani fuori terra, da adibire a

Dettagli

OUT. Domande per Terza prova di Sistemi. Disegnare la struttura generale di un sistema di controllo. retroazionato. (schema a blocchi)

OUT. Domande per Terza prova di Sistemi. Disegnare la struttura generale di un sistema di controllo. retroazionato. (schema a blocchi) Domande per Terza prova di Sistemi Disegnare la struttura generale di un sistema di controllo retroazionato. (schema a blocchi) IN Amp. di Potenza Organo di Regolazione OUT ( ) Regolatore Attuatore Sistema

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO SPECIFICA TECNICA Codifica: RFI/DI/TC.TE/ ST TE 74-C Foglio 1 di 25 PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO Parte Titolo PARTE I I. GENERALITÀ PARTE II II. PROVE AL BANCO PARTE III III. PROVE IN LINEA PARTE IV

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 SECONDA PROVA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 24 Giugno 2010 Sez. A - Ingegneria INDUSTRIALE

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 SECONDA PROVA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 24 Giugno 2010 Sez. A - Ingegneria INDUSTRIALE Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 SECONDA PROVA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 24 Giugno 2010 Sez. A - Ingegneria INDUSTRIALE CLASSE 25/S Ing. AEROSPAZIALE Si consideri un velivolo ultraleggero

Dettagli

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1 Impianti Meccanici 1 Gli impianti sono soggetti ad una ampia normativa nazionale. Tali norme sono in continua evoluzione anche al fine di unificare internazionalmente le regole della buona tecnica e dell

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ing. Francesco Monni Le norme che regolano gli interventi su costruzioni esistenti in muratura (anche di carattere storico e monumentale)

Dettagli

MODULO RPR-MT. RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv

MODULO RPR-MT. RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv MODULO RPR-MT RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv 04/02/2011 Rev. 07 Pag. 1 di 7 Spettabile Consorzio Elettrico Industriale di Stenico s.c. Via G.Marconi,

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli