ALLEGATO A1 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A1 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A"

Transcript

1 ALLEGATO A1 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E PER IL TERRITORIO TRACCIA N. 1 Il Candidato progetti una capriata in legno massiccio (C30) avente schema strutturale all italiana (due montanti, una catena, due saette ed un monaco centrale). La configurazione geometrica è lasciata alla libera determinazione del Concorrente nel rispetto delle sotto-indicate prescrizioni dimensionali: luce L=10 m, freccia F=5 m e interasse fra elementi I=4 m. Ai fini della determinazione dei carichi si consideri: - Permanete portato: carico uniformemente ripartito pari a 15 kn/mq - Accidentale principale: come da Tabella 3.1.II delle Norme Tecniche sulle Costruzioni - Neve: Zona III, quota a s =250 m s.l.m. - Vento: Assente - Sisma Assente Il Candidato può assumere quanto non espressamente specificato dalla traccia sulla scorta dei valori comunemente impiegati nella pratica tecnica, purché la scelta sia opportunamente giustificata. TRACCIA N. 2 In un impianto di depurazione occorre realizzare un canale dissabbiatore che deve garantire una velocità di 0.30 m/s con portate variabili fra Qmin = 50 l/s e Qmax = 350 l/s. Si tenga presente che il collettore in ingresso all impianto di depurazione è un canale in gres a sezione circolare avente Diametro pari a 800 mm e pendenza longitudinale i = Si progetti la sezione del dissabbiatore e il restringimento di un venturimetro da collocare a valle di esso, in maniera da garantire un tirante hmax, opportunamente scelto in base ai dati suindicati, a valle del dissabbiatore in corrispondenza del passaggio della portata Qmax. Si valutino differenti forme della sezione del dissabbiatore. Si realizzino, utilizzando opportune scale grafiche, degli schemi rappresentativi dell opera, così come alcuni particolari esecutivi. Il candidato discuta, inoltre, possibili soluzioni tecnologiche alternative all uso del dissabbiatore a canale.

2 TRACCIA N. 3 Si prenda in esame il pendio riportato schematicamente nella figura sottostante. L= 22.5 m O H= 22.5 m Si calcoli, adottando il metodo Ordinario delle strisce (Metodo di Fellenius ovvero Svedese), il coefficiente di sicurezza relativo alla superficie di scivolamento circolare avente centro nel punto O (intersezione tra la verticale passante per il piede del pendio ed il piano orizzontale superiore). Il terreno costituente il pendio è omogeneo e dotato delle seguenti caratteristiche: peso dell unità di volume γ dry = 19.8 kn/m 3 (pendio asciutto) γ sat = kn/m 3 (pendio saturo) coesione c =22 kpa angolo d attrito φ =34 Si effettui il calcolo per i seguenti due casi: falda assente pendio interamente sommerso con pelo libero della falda coincidente con il piano orizzontale superiore Il calcolo dovrà essere svolto avvalendosi di calcolatrice tascabile (e non con impiego di software dedicato), dividendo il terreno in 15 strisce dello spessore di 1.5 m ciascuna. I dati numerici relativi a ciascuna striscia dovranno essere riportati in un opportuna tabella.

3 ALLEGATO A2 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA CIVILE TRACCIA N. 1 L'oggetto della progettazione è una struttura intelaiata in c.a. La struttura ha 5 piani con altezza interpiano pari a 3.2 m e planimetria riportata in figura. La destinazione d uso è civile abitazione. 6 m 6 m 6 m 6 m 6 m Il Candidato: 1. effettui il pre-dimensionamento degli elementi strutturali; 2. definisca le azioni di progetto secondo le Norme Tecniche per le Costruzioni, in particolare: - i carichi permanenti (strutturali e non strutturali); - l'azione sismica (definita, in maniera semplificata, come una forza statica equivalente applicata a ciascun telaio) Stato Limite di ag Fa T*c Danno (SLD) 0.10 g sec Salvaguardia della Vita (SLV) 0.25 g sec 3. effettui il calcolo delle sollecitazioni degli elementi della struttura; 4. descriva sinteticamente le verifiche necessarie per il raggiungimento dei requisiti prestazionali relativi allo Stato Limite ultimo SLV ed allo Stato Limite di Esercizio SLD. 5. progetti le armature della travata e della pilastrata maggiormente sollecitate (con disegni esecutivi in scala opportuna). 6. Si descrivano i criteri di progetto delle fondazioni.

4 Ai fini delle verifiche si definiscano le combinazioni delle azioni secondo le NTC Le caratteristiche dei materiali sono a scelta del candidato. TRACCIA N. 2 Si consideri la trave di fondazione di un telaio in c.a. per un edificio di 5 piani. Ciascun pilastro trasferisce i seguenti carichi. 260 kn 490 kn 510 kn 280 kn Carichi fissi 23 kn*m 12 kn*m 15 kn*m 25 kn*m 195 kn 368 kn 382 kn 210 kn Carichi variabili 43 kn*m 12 kn*m 15 kn*m 50 kn*m 5.20 m 4.50 m 5.60 m Si immagini la fondazione sovrapposta ad un banco di sabbie, aventi peso unitario secco pari a 17.5 kn/m 3, peso specifico dei grani pari a 2.68, e caratterizzate dal seguente profilo di una prova CPT. La falda idrica oscilla tra le profondità di 2 e 5 m dal p.c. Sulla base dei dati sopra forniti: Si progetti la trave di fondazione nel rispetto del D.M Si stimino i cedimenti e se ne verifichi la compatibilità; Si effettui il dimensionamento strutturale della trave.

5 TRACCIA N. 3 Il collettore in arrivo a un impianto di depurazione a servizio di 40'000 abitanti equivalenti, è costituito da una tubazione in gres avente sezione circolare con diametro D = 1200 mm e pendenza longitudinale i = Lo studio idrologico ha consentito la stima della massima portata bianca al prefissato periodo di ritorno, valutata in 490 l/s. Si dimensioni un manufatto scolmatore che, in corrispondenza di eventi meteorici, provveda all allontanamento delle portate eccedenti quella da trattare, e si realizzino alcuni grafici rappresentativi dell opera. Il candidato ha facoltà di integrare eventuali dati dovesse ritenere necessari.

6 ALLEGATO A3 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA ELETTRICA TRACCIA N kw 300 kw 500 kw P = A L 12 km I 8 km 11 km 13 km H G F 400 kw 10 km B 13 km C 9 km D 14 km E 350 kw 500 kw 400 kw Figura 1 Con riferimento allo schema unifilare di figura 1 e ai dati riportati in tabella I, supponendo la linea alimentata da entrambe le estremità ( interruttori B ed L chiusi), si richiede: 1) il progetto di massima e la verifica elettrica della linea aerea BL in conduttore di rame (distanza tra i conduttori 1200 mm) esercita a tensione nominale 20 kv, ammettendo una caduta di tensione massima del 4%. Successivamente, considerando la linea a sbalzo (interruttore B chiuso ed L aperto), si richiede: 2) la determinazione della massima caduta di tensione percentuale; 3) il calcolo delle potenze capacitive richieste localmente per rifasare tutti i carichi fino ad un fattore di potenza pari a 0.9; 4) la determinazione della massima caduta di tensione percentuale dopo il rifasamento localizzato dei carichi. Tabella I - Conduttori a corda di rame crudo per linee elettriche aeree Tipo di conduttore Sezione teorica [mm 2 ] Diametro [mm] Resistenza elettrica teorica a 20 C [Ω/m] 16/ / / / /

7 65/ / / / / / TRACCIA N. 2 Il candidato imposti il dimensionamento di un generatore sincrono trifase ad eccitazione amperiana e statore esterno che presenti le seguenti caratteristiche: Potenza apparente: 300kVA frequenza nominale: 50Hz tensione nominale: 1kV fattore di potenza: 0.8 rit velocità nominale: 1500 giri/min Connessione a stella Isolamento: classe F Come caratteristica magnetica del lamierino si utilizzi la seguente: TRACCIA N. 3 Il candidato progetti un sistema automatico per la misura dell energia che sia capace di misurare anche i disturbi della qualità dell alimentazione elettrica (PQ) in regime monofase. In particolare il sistema deve essere in grado di misurare potenze attiva e reattiva anche in condizioni di fornitura non sinusoidale con i seguenti dati di targa : potenza nominale 3 kw. tensione nominale 500 V frequenza nominale 50 Hz fattore di potenza nominale da -0.5 induttivo a 0,8 capacitivo

8 Analisi fino alla 50 armonica della 50Hz: Nello sviluppo del progetto si evidenzino i seguenti aspetti: - l architettura proposta; - l eventuale elaborazione delle informazioni acquisite (metriche, tempi di osservazione, tempi di integrazione, etc.); - le prestazioni in termini di risoluzione e accuratezza ottenibili; - le cause di incertezza presenti; - i vantaggi della soluzione proposta rispetto ad altre possibili.

9 ALLEGATO A4 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA GESTIONALE TRACCIA N. 1 Un giovane ingegnere gestionale spagnolo possiede un imbarcazione di sua proprietà con cui trasporta passeggeri dal porto di Ibiza a Formentera. La vita residua dell imbarcazione è di tre anni e il suo valore di libro è pari a 7500 (da ammortizzare nei 3 anni a quote costanti). PARTE 1 Dall inizio del primo anno lo stesso servizio verrà anche offerto gratuitamente da un traghetto di proprietà del comune di Formentera, al fine di incrementare il turismo. Pertanto l imprenditore non potrà più ottenere alcun ricavo dalla sua attività. Inoltre si consideri che: Il giovane ingegnere può impiegare diversamente l imbarcazione, proseguendo a tempo pieno in una attività autonoma di offerta di gite ai turisti, ottenendo i seguenti risultati economici: Anno 1 Anno 2 Anno 3 Ricavi Costi operativi variabili L imbarcazione può essere venduta all inizio dell anno 1 per un valore pari a Se interrompe la sua attività autonoma, il giovane ingegnere può essere assunto, con un contratto triennale di lordi l anno, dal comune di Formentera. Trascurando gli effetti fiscali, verificare se per il giovane ingegnere sia o meno conveniente proseguire nella sua attività autonoma, ipotizzando un costo opportunità del capitale del 7%. PARTE 2 Si ipotizzi adesso che il giovane ingegnere voglia ampliare la sua attività di trasporto passeggeri tra Ibiza e Formentera acquistando altre cinque imbarcazioni. Si progetti un business plan contenente le seguenti voci: analisi della domanda e analisi del settore (facendo riferimento alla SWOT analysis ed al modello delle cinque forze di Porter); descrizione dell impresa (in termini di prodotti/servizi, modello di business e modello organizzativo); piano di marketing e piano commerciale; analisi economico-finanziaria (contenente ipotesi di pianificazione, conto economico previsionale, stato patrimoniale previsionale, analisi dei flussi di cassa e valutazione dell investimento previsionale). Per ciascuna delle voci precedenti, il candidato effettui ipotesi realistiche, sia quantitative sia qualitative, argomentando le scelte effettuate. Le ipotesi effettuate dovranno dimostrare la capacità di ragionamento e di svolgimento dei punti specifici.

10 TRACCIA N. 2 La Spicy è una delle unità di misura mondiali della piccantezza del peperoncino. Supponete che il grado di piccantezza si possa rappresentare lungo un segmento di lunghezza unitaria [0;1] dove lo 0 rappresenta il peperoncino non piccante e l'1 indica il peperoncino super-piccante. Le aziende D e R sono le uniche due produttrici di salsa di peperoncino nell'isola. Ognuna è caratterizzata da una funzione di costo totale pari a TC(q i ) = cq i + F, dove i = D; R e produce una sola varietà del prodotto, che indichiamo con X D e X R, come nella figura seguente: Supponete che ogni consumatore della città abbia una propria varietà ideale preferita e acquisti un solo vasetto di salsa. Le preferenze dei consumatori sono per ipotesi distribuite uniformemente lungo il segmento. Ogni consumatore, oltre al prezzo del prodotto, deve anche "sopportare" una disutilità associata al fatto che non consuma la propria varietà ideale del prodotto: tale fattore si traduce in un costo unitario pari a t. Assumete che tali "costi" di trasporto siano lineari. a) Calcolate la funzione di costo totale di acquisto del prodotto dell'impresa D e dell'impresa R, per un generico consumatore le cui preferenze sono situate in x b) Calcolate la funzione di domanda delle due imprese. c) Trovate le funzioni di risposta ottima per le due imprese. d) Calcolate i prezzi di equilibrio per le due imprese. e) Determinate l'espressione dei profitti. f) Calcolate l'espressione dell'effetto diretto (scelta della posizione) e dell'effetto strategico (scelta del prezzo). Mostrate analiticamente e discutete quale dei due effetti prevale. g) Supponete che il costo c sia pari a 5, e che l'avversione dei consumato verso 1'acquisto di un peperoncino con grado di piccantezza diverso quello preferito sia rappresentata dal valore t = 2. Se l'impresa D decidesse di produrre una salsa di peperoncino con grado di piccantezza pari a 0,2 Spicy mentre l'impresa R decidesse di produrne una pari a 0,7 Spicy, quali sarebbero i prezzi di equilibrio nell isola? E quali sarebbero i profitti delle due imprese? h) Ripetere i punti a) ad f) nel caso in cui i costi di trasporto avessero forma quadratica. TRACCIA N. 3 Si deve produrre un lotto di 500 pezzi del corpo della pompa oleodinamica rappresentato nella figura sottostante in acciaio C40, mediante lavorazione alle macchine utensili.

11 Il candidato scelga opportunamente il grezzo di partenza. Il candidato fornisca una descrizione globale del ciclo di lavorazione. Il candidato deve descrivere e motivare le scelte delle macchine utensili impiegate, le impostazioni delle singole lavorazioni, un possibile layout del sistema di lavorazione. Il candidato fornisca una descrizione schematica del ciclo mettendo in evidenza i piazzamenti del componente, le superfici da lavorare, gli utensili, i parametri di lavorazione. Il candidato calcoli per le diverse lavorazioni le forze e le potenze di lavorazione. Il candidato esegua, infine, una stima dei tempi di realizzazione e dei costi di produzione previsti e definisca alcune strategie di gestione e vendita del prodotto finito. Il candidato scriva il part program per l'esecuzione di una lavorazione del ciclo di lavorazione pianificato attraverso un tornio a controllo numerico.

12 ALLEGATO A5 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA MECCANICA TRACCIA N. 1 Il candidato scelga un sistema di cogenerazione atto a soddisfare la richiesta elettrica e termica di un utenza industriale le cui rispettive curve di carico sono di seguito riportate. Si consideri, a tal scopo, un cogeneratore costituito da un motore a gas i cui reflui termici sono in parte recuperati ed inviati all utenza. Si giustifichi la fattibilità tecnico-economica-ambientale del sistema proposto rispetto ad un sistema tradizionale sulla base dei vincoli normativi previsti dalla normativa Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR2011 (Decreti del Ministero dello Sviluppo Economico del 4 Agosto 2011 e del 5 Settembre 2011). Dati dell utenza: o sito = Cassino; o allacciamento industria alla rete nazionale = Media Tensione; o temperatura utenza termica = 90 C; o rendimento di conversione dell energia elettrica del sistema tradizionale (rete nazionale): η el,naz =0,46; o rendimento di conversione dell energia termica del sistema tradizionale (caldaia): η cald =0,9. Il candidato scelga opportunamente ulteriori parametri non esplicitamente forniti.

13 MODELLO Caratteristiche dei cogeneratori Potenza elettrica P e Rendimento elettrico η e Potenza termica P t,tot Rendimento termico η t Potenza immessa P i Costo unitario macchina (kw e ) (kw t ) (kw i ) ( /kw e ) M , , ,99 M , , ,59 M , , ,61 M , , ,00 M , , ,81 M , , ,00 M , , ,13 M , , ,69 Costo dell energia elettrica: Tariffa o Costo fisso (per punto di prelievo): 692 /pdp/anno; o Costo fisso (quota potenza): 28 /kw/anno; o Costo energia: F1=0,1478 /kwh e ; F2=0,1478 /kwh e ; F3=0,1280 /kwh e Accisa: 0,0121 /kwhe Prezzo di cessione alla rete (ritiro dedicato) dell energia elettrica: o F1=0, /kwh e ; F2=0, /kwh e ; F3=0, /kwh e Costo del metano: Tariffa per scaglioni di consumo scaglioni di consumo quota fissa quota variabile da Nm 3 a Nm 3 ( /anno) ( /Nm 3 ) , , , , , , , , > , Accisa per scaglioni di consumo scaglioni di consumo quota variabile da Nm 3 ( /Nm 3 ) ( /anno) , > , PCI metano: 9,59 kwh/nm 3 (CH 4 ); Fattori d emissione CO 2 0,483 kg(co 2 )/KWh e ; 2 t(co 2 )/Nm 3 (CH 4 ); TRACCIA N. 2 In figura è schematizzata una gruetta da officina. Progettare il sistema tenendo in conto le seguenti caratteristiche: struttura in acciaio;

14 braccio regolabile su tre posizioni; portata massima 1 tonnellata. Dimensionare gli elementi, scegliere opportunamente il martinetto idraulico e fornire i limiti di portata per ciascuna posizione del braccio estraibile. Fornire, inoltre, le proiezioni ortogonali dell assieme. TRACCIA N. 3 Si deve produrre un lotto di 500 pezzi del corpo della pompa oleodinamica rappresentato nella figura sottostante in acciaio C40, mediante lavorazione alle macchine utensili. Il candidato scelga opportunamente il grezzo di partenza.

15 Il candidato fornisca una descrizione globale del ciclo di lavorazione. Il candidato deve descrivere e motivare le scelte delle macchine utensili impiegate, le impostazioni delle singole lavorazioni, un possibile layout del sistema di lavorazione. Il candidato fornisca una descrizione schematica del ciclo mettendo in evidenza i piazzamenti del componente, le superfici da lavorare, gli utensili, i parametri di lavorazione. Il candidato calcoli per le diverse lavorazioni le forze e le potenze di lavorazione. Il candidato esegua, infine, una stima dei tempi di realizzazione e dei costi di produzione previsti e definisca alcune strategie di gestione e vendita del prodotto finito. Il candidato scriva il part program per l'esecuzione di una lavorazione del ciclo di lavorazione pianificato attraverso un tornio a controllo numerico.

16 ALLEGATO A6 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA BIOMEDICA TRACCIA N. 1 In un azienda di componenti biomedici deve effettuarsi il collaudo dimensionale di una spina cilindrica di stagno (coefficiente di dilatazione lineare C -1, Modulo di Young N/mm 2 ) delle dimensioni da progetto (quota e tolleranza): i) lunghezza L= 20.0±0.04 mm e ii) diametro D=5.0±0.02 mm. Il candidato scelga adeguatamente lo strumento idoneo tra i due disponibili: 1. calibro centesimale con errore max dichiarato nel certificato di taratura di 0.02 mm ed incertezza di taratura di 0.02 mm con un livello di confidenza pari a circa il 95%; 2. micrometro centesimale analogico con errore max dichiarato nel certificato di taratura di 0.04 mm ed incertezza di taratura di 0.02 mm con un livello di confidenza pari a circa il 95%. Il candidato giustifichi le motivazioni della scelta sulla base delle prestazioni metrologiche, della facilità di misura e dell economicità del processo. Le misure sono successivamente condotte all interno del laboratorio metrologico dell azienda alla temperatura puntuale di 18.7 C (misurata con uno strumento avente incertezza dichiarata pari a 0.5 C ad un livello di confidenza di circa il 95%). Si supponga che vengano effettuate 5 misurazioni successive con i seguenti risultati: Lunghezza, mm Diametro, mm L D L D L D L D L D Il candidato, alla luce del risultato della misura e dell incertezza estesa stimata (tipo A e tipo B), valuti se per il componente in collaudo sia possibile dichiarare la conformità alle specifiche e, se applicabile, la percentuale di rischio associata alla decisione. In ultimo il candidato illustri sinteticamente il processo di taratura applicabile allo strumento prescelto ai fini della garanzia della riferibilità metrologica. TRACCIA N. 2 Si consideri un locale medico con presenza di apparecchiature elettromedicali e di una sala operatoria costituito da quattro stanze e due bagni avente superficie di circa 250 m 2. Il candidato, con riferimento ai dati forniti, rispettando le norme di progettazione e realizzazione degli impianti in ambiente medicale e proponendo le necessarie ipotesi aggiuntive: a) disegni lo schema unifilare dell intero impianto e ne dimensioni le relative condutture; b) disegni e dimensioni l'impianto di terra.

17 TRACCIA N. 3 Con riferimento allo schema di controllo a retroazione ed assegnato un processo descritto dalla funzione di trasferimento: P ( s) = ( s + 5) ( s + 1)( s + 2)( s + 10) K progettare un controllore tempo continuo, del tipo C( s) = R( s), tale che: h s l errore assoluto a regime per l inseguimento di un segnale a rampa lineare e A.4 la pulsazione di attraversamento del sistema sia ω t 0. 5rad il margine di fase sia m 40 ϕ s y d ( t) = t sia finito e Per comodità di utilizzo, si riportano di seguito le formule di inversione delle reti correttrici per apportare una correzione dei moduli di M (in numeri naturali) ed una correzione della fase di ϕ (in radianti) in corrispondenza della pulsazione di lavoroω. c Rete anticipatrice 1+ jωτ R( jω) = 1 + jωατ cos( ϕ) ω τ = M c sin( ϕ) 1 cos( ϕ) ατ = M ω sin( ϕ) c Rete ritardatrice 1+ jαωτ R( jω) = 1 + jωτ 1 cos( ϕ) ω τ = M c sin( ϕ) M cos( ϕ) ατ = ω sin( ϕ) c 0 < α <1 0 < α < 1 M >1 0 < M < 1 0 < ϕ < π / 2 π / 2 < ϕ < 0 Immaginando di voler implementare l algoritmo di controllo sviluppato su un sistema digitale, si scelga opportunamente il passo di campionamento T dei componenti digitali e se ne motivi la scelta. Si descriva infine una tecnica di sintesi del controllore tempo discreto per discretizzazione della funzione di trasferimento del controllore C (s).

18 ALLEGATO A7 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole progettare un ponte radio in visibilità, bidirezionale, alla frequenza f 0 =15 GHz e con tasso di trasmissione di 40 Mbit/s per ciascuna direzione. Sono date le specifiche di seguito elencate. La lunghezza del collegamento è R=20km. La comunicazione bi-direzionale è realizzata mediante accesso multiplo a divisione di tempo (TDM, time-division multiplexing). Si utilizza la modulazione 256-QAM. Se non altrimenti indicato, si assuma assenza di codifica di canale. Si hanno a disposizione antenne paraboliche, sia in trasmissione che in ricezione, con diametro D=0.5m ed efficienza η=0.6. Il ricevitore ha una cifra di rumore F=5dB. Il rumore additivo può essere modellato come un processo Gaussiano bianco con densità spettrale di potenza N 0 /2=2x10-21 [Watt/Hertz]. Si può assumere valido il modello di propagazione (path-loss) in spazio libero. Non idealità sono portate in conto considerando un attenuazione aggiuntiva L=10dB. Si assuma che canale di propagazione sia flat-flat (ovvero, non selettivo nel tempo e non selettivo in frequenza). Il candidato è libero di scegliere eventuali parametri di progetto non specificati. Quesiti: 1) Determinare la banda monolatera W da usare e l efficienza in banda del sistema di trasmissione (ovvero il numero di bit al secondo per Hz trasmessi) nel caso in cui si utilizzino forme d onda di Nyquist a coseno rialzato con fattore di roll-off α=0.2. 2) Assumendo che il canale di propagazione non sia affetto da fading, determinare la potenza media erogata dal trasmettitore necessaria a conseguire una probabilità di errore per bit a valle del demodulatore minore di 10-6 (nello svolgere tale punto e nel seguito, si assuma di usare una codifica di Gray e che la banda equivalente di rumore del filtro in ricezione coincida con W). 3) In riferimento al punto precedente, per ridurre la potenza trasmessa a parità di probabilità di errore sul bit, si hanno a disposizione due strade: a) usare un formato di modulazione 128- QAM (che richiede di allargare la banda del collegamento), oppure b) utilizzare antenne più performanti con diametro di 0.7 metri. Stabilire quale delle due soluzioni è preferibile. 4) Assumendo che il canale di propagazione introduca fading di Rayleigh, determinare la potenza media da trasmettere per avere un rapporto segnale rumore in ricezione alla stazione ripetitrice di 15 db per il 95% del tempo.

19 5) In riferimento al punto precedente, il candidato proponga una tecnica di trasmissione e/o ricezione in diversità a sua scelta per mitigare gli effetti del fading, quantificando il guadagno (in termini di minor potenza trasmessa) da essa fornito ed il costo di implementazione (in termini di risorse fisiche richieste). 6) Si assuma che la probabilità di errore su bit sia Si assuma di trasmettere pacchetti dati contenenti 10 5 bit e di usare un codice binario a rivelazione d errore in grado di individuare la presenza di non più p errori nel pacchetto. a. Calcolare la probabilità di ricevere un pacchetto errato (ovvero contenente almeno un errore); b. Progettare p in modo che il decoder si accorga della ricezione di un pacchetto errato almeno nel 99% dei casi. TRACCIA N. 2 Una sorgente discreta, senza memoria e con alfabeto A={x 1,, x 8 } emette simboli ogni T s =9.9219e-7 s; sia p i la probabilità del simbolo x i ; si assuma p 1 =1/2, p 2 =1/4, p 3 =1/8, p 4 =1/16, p 5 =1/32, p 6 =1/64, p 7 =p 8 =1/128. I simboli emessi dalla sorgente vengono compressi e convertiti in un flusso binario mediante l algoritmo di Huffman (codifica di sorgente). 1. Calcolare il tasso entropico della sorgente, il codice di Huffman, ed il numero medio di bit al secondo (R b ) prodotti. Il flusso di bit così prodotto viene inviato ad un modulatore numerico multilivello che trasmette 3 bit per ogni uso del canale mediante le seguenti forme d onda: s m (t) = E 1)π (m 1)π cos (m p T 4 1 (t) + sin p 4 2 (t), m = 1,,8 dove E > 0, T = 3 R b e p 1 (t) e p 2 (t) sono le forme d onda rappresentate qui di seguito. 2. Trovare una base ortonormale per lo spazio dei segnali e la rappresentazione geometrica delle forme d onda. Calcolare inoltre l energia media e la distanza minima della costellazione dei segnali. Il segnale modulato è trasmesso attraverso un cavo con banda monolatera B, lungo 20 Km e con attenuazione di 2 db/km. Si assuma che in ricezione il segnale sia corrotto da rumore additivo Gaussiano bianco, indipendente dal segnale trasmesso, con densità spettrale di potenza N 0 /2=2x10-14 [Watt/Hertz]. Si assuma inoltre assenza di interferenza intersimbolica. 3. Calcolare la densità spettrale di potenza del segnale in uscita dal modulatore e discutere la scelta della banda B del canale. 4. Disegnare lo schema a blocchi del ricevitore a minima probabilità di errore e descrivere il suo funzionamento. Si assuma nel seguito di utilizzare tale ricevitore.

20 5. Trovare la nearest neighbor approximation per la probabilità di errore su simbolo (P s ) in funzione del rapporto segnale rumore in ricezione. Sfruttando tale relazione, calcolare minima la potenza da trasmettere per avere P s Il candidato proponga a sua scelta una strategia per ridurre la potenza trasmessa a parità di probabilità di errore su simbolo, quantificando il guadagno (in termini di minor potenza trasmessa) da essa fornito ed il costo di implementazione (in termini di risorse fisiche richieste). Il candidato è libero di scegliere eventuali parametri di progetto non specificati. TRACCIA N. 3 Il sistema radiante in figura presenta un'antenna filiforme a λ/2 disposta verticalmente su un piano di C.E.P. infinito ad un'altezza h dal suolo, ed un'antenna filiforme a λ/2, disposta orizzontalmente sul piano di C.E.P. ad un'altezza h. La distanza tra le due antenne è h. Si trascurino i mutui accoppiamenti tra le antenne. Parametri di progetto: f= 3.4GHz d = 2.52km I 1 = 4.5mA θ = 42 ε r =3.38 h=9cm q=1.2cm b=1.1m 1. Calcolare la corrente I 2 tale da ottenere polarizzazione circolare per l'onda irradiata a grande distanza dalle due antenne per l'angolo θ. 2. Con il valore di corrente ottenuto al punto precedente, calcolare il campo elettrico e la sua polarizzazione nel punto P disegnato in figura, distante q da uno strato di dielettrico di permittività relativa ε r e spessore q, che si trova ad una distanza d dalle antenne. 3. Con il valore di corrente ottenuto al punto 1, calcolare la potenza massima ricevibile usando come antenna in ricezione una parabola di area efficace pari a 0.7 m 2, che si trova ad una distanza b a destra dello strato di dielettrico. La parabola lavora in polarizzazione lineare e può essere orientata in modo da massimizzare la potenza ricevuta. 4. Progettare una rete di adattamento per le due antenne filiformi in trasmissione, in modo da ottenere un coefficiente di riflessione massimo di -30dB per una banda frazionaria del 35%, sapendo che l'impedenza di uscita dei generatori in trasmissione è 300Ω.

21 ALLEGATO A8 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE II SESSIONE 2014 IV PROVA SCRITTA (04/02/2015) SEZIONE A INGEGNERIA INFORMATICA TRACCIA N. 1 La società Cassino ICT vuole offrire un servizio per la vendita on-line di biglietti per eventi (teatro, Fiere, mostre, ecc), da mettere a disposizione di soggetti terzi. La società si occuperà di: a) pubblicizzare gli eventi dei soggetti terzi affiliati; b) raccogliere gli ordini di acquisto dei biglietti da parte dei clienti; c) informare i soggetti terzi dei biglietti richiesti dai clienti, d) gestire la spedizione dei biglietti tramite corriere. Gli utenti del servizio sono di tre tipologie, descritte di seguito con alcuni rilevanti casi d'uso. 1. Utenti finali, ovvero i clienti che intendono acquistare i biglietti Casi d'uso: 1. consultazione degli eventi disponibili 2. ricerca per tipologia di evento 3. emissione e pagamento del biglietto 2. Utenti affiliati, ovvero le aziende che intendono vendere i biglietti Casi d'uso: 1. affiliazione dei soggetti terzi alla rete gestita dalla società 2. immissione eventi con le relative caratteristiche 3. ricezione ordine di acquisto dei biglietti 3. Utenti amministratori, ovvero il personale dell'azienda Cassino ICT adibito alla gestione Casi d'uso: 1. gestione degli ordini dagli utenti finali 2. gestione dei pagamenti 3. gestione della consegna dei biglietti per mezzo di un corriere Ulteriori specifiche possono essere liberamente aggiunte dal candidato, ove ritenuto necessario. Il candidato, usando metodologie e notazioni standard (es. UML, ER, ecc.), progetti: 1. l'architettura ad alto livello del sistema; 2. le basi di dati previste dall'architettura a livello concettuale e logico (ricorrendo a ragionevoli ipotesi sul carico applicativo); 3. il servizio web usufruibile da Internet per gli utenti finali. Si commentino le scelte progettuali adottate dove opportuno e si indichino anche delle adeguate scelte tecnologiche per la realizzazione. Si mostrino, infine, i dettagli realizzativi relativi ad un caso d'uso a scelta con riferimento alle tecnologie adottate.

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C.

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C. P R O B I N G ARTICOLO SELEZIONATO DA PROBING N 10 Notiziario semestrale di tecnica ed informazione dell Associazione CMM Club Italia STIMA DELL INCERTEZZA DI UN PROCESSO DI MISURAZIONE CON CMM di Gianfranco

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

sensori di livello Sensori di livello Interruttori tt idi livello Usata nei sistemi di regolazione

sensori di livello Sensori di livello Interruttori tt idi livello Usata nei sistemi di regolazione sensori di livello Introduzione Misura di livello: determinare la posizione, rispetto ad un piano di riferimento, dell interfaccia tra due fluidi separati per azione della forza di gravità Usata nei sistemi

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli