METODI E STRUMENTI. Introduzione 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODI E STRUMENTI. Introduzione 1"

Transcript

1 Controllo METODI LA COMPONENTE FINANZIARIA DEL PIANO INDUSTRIALE di Andrea Panizza Senior Partner di Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione, Revisore Legale, Vice Presidente A.P.R.I. Associazione Professionisti Risanamento Imprese. Mattia Iotti Università degli Studi di Parma, Senior Partner di Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione, Dottore Commercialista e Revisore Legale, Presidente Comitato A.P.R.I. Academy Associazione Professionisti Risanamento Imprese. e Edoardo Ferrari Consulente di Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione. 1 Del presente lavoro, benché frutto della riflessione congiunta degli autori, sono da attribuirsi a: - Edoardo Ferrari: Introduzione, - Mattia Iotti: La sostenibilità del servizio del debito - Andrea Panizza: Il rendiconto finanziario «mensilizzato», Conclusioni. 2 Elaborato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili in collaborazione con l Università degli Studi di Firenze e Assonime Associazione fra le società italiane per azioni, Roma, Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili in collaborazione con l'università degli Studi di Firenze e Assonime - Associazione fra le società italiane per azioni, Lineeguida per il finanziamento alle imprese in crisi, Roma, 2010, pag Si veda Borsa Italiana, Guida al piano industriale, Milano, 2003, pag Borsa Italiana, Le caratteristiche del piano industriale ai fini della quotazione in borsa in Guida al Piano industriale, Milano, 2003, pag Elaborato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (a cura del Gruppo di Lavoro Area Finanza Aziendale), Roma, L analisi della sostenibilità finanziaria del progetto che è alla base di un piano industriale rappresenta una delle componenti più importanti da sviluppare nel processo di elaborazione del piano stesso. E solo con la puntuale analisi dei previsionali flussi di cassa che si può stabilire se gli obiettivi prefissati sono raggiungibili. Un rendiconto finanziario elaborato su base mensile, che possa individuare il momento nel quale ha origine la necessità o la disponibilità finanziaria, rappresenta strumento indispensabile per la pianificazione finanziaria dell intero progetto e per favorire il successivo monitoraggio degli scostamenti rispetto al dato preventivato. Introduzione 1 Il piano industriale è uno strumento di pianificazione strategica impiegato per supportare decisioni di lungo periodo. Il documento, composto da una parte qualitativa e una quantitativa, raccoglie, nella prima, le informazioni di carattere generale inerenti l impresa, quali la descrizione dell attività, il contesto in cui la stessa opera e la descrizione degli obiettivi che il management aziendale intende raggiungere, nonché gli indirizzi strategici da intraprendere nel periodo considerato; la seconda componente, quella quantitativa, rappresenta la traduzione numerica di quanto esposto nella parte «descrittiva» e comprende tutti gli schemi necessari alla descrizione dell andamento economico, finanziario e patrimoniale previsto negli anni del piano. Il processo di trasformazione delle informazioni in «numeri» è possibile solamente attraverso l individuazione di specifici criteri di previsione (assumption). La descrizione di questi criteri deve avvenire in modo chiaro ed efficace per consentire al lettore, sia esso interno o esterno all azienda, di percepire l attendibilità dei dati preventivati e la successiva sostenibilità delle ipotesi alla base del piano. Il richiamo alla «trasparenza» nella descrizione delle modalità di redazione del piano è presente nelle «Linee-guida per il finanziamento alle imprese in crisi» 2, documento in cui è previsto, in corrispondenza della Raccomandazione n. 4, «Esplicitazione delle ipotesi e delle metodologie», che «la trasparenza nella esplicazione delle modalità di costruzione del piano costituisce una condizione necessaria per consentire all attestatore di esprimere un giudizio positivo 3». Nonostante il documento richiamato faccia riferimento a un piano di risanamento, si ritiene che tale principio possa, o ancor meglio debba, essere adottato nell elaborazione del piano industriale, nei vari contesti in cui questa avvenga. Una corretta ed esaustiva informazione delle modalità con cui i dati sono stati stimati mette in condizione il soggetto a cui è indirizzato il piano di valutarne la fattibilità. La componente finanziaria dovrà essere descritta all interno del piano seguendo questo criterio, in quanto, così come espresso dalla Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana, la «sostenibilità finanziaria», assieme alla «coerenza», intesa come assenza di «fattori di incoerenza» e all «attendibilità», da porsi in relazione alla fondatezza delle ipotesi, è uno dei tre requisiti previsti per l ammissione alla quotazione 4. Questo in quanto «la sostenibilità finanziaria di un piano industriale deve essere considerata in relazione alla qualità e alla quantità delle fonti di finanziamento che il management intende utilizzare per fronteggiare i fabbisogni correlati alla realizzazione della strategia. A tal fine, durante l arco temporale del piano sarebbe opportuno che i cash flow [ ] coprissero almeno gli assorbimenti di capitale circolante e gli investimenti netti di sostituzione/ mantenimento, mentre il ricorso ad ulteriore capitale di debito e/o di rischio [ ] dovrebbe avvenire per fronteggiare parzialmente o totalmente gli investimenti finalizzati alla crescita 5». Traspare, pertanto, come la componente finanziaria del piano debba essere considerata quale elemento predominante nello sviluppo delle scelte aziendali e come queste ultime debbano essere sempre adottate valutandone la sostenibilità finanziaria. La centralità della problematica finanziaria è ribadita nel documento Linee guida alla redazione del business plan 6, secondo cui: il piano finanziario deve «indicare i flussi finanziari di ciascun periodo

2 METODI Controllo oggetto di previsione e, in particolare, deve riportare un contenuto minimo necessario e sufficiente di informazioni così sintetizzabili: indicazione del fabbisogno da finanziare; quantificazione del flusso finanziario corrente; quantificazione dei finanziamenti da acquisire; descrizione dei finanziamenti da acquisire; quantificazione degli oneri finanziari conseguenti; descrizione e quantificazione dei flussi finanziari derivanti dall apporto di mezzi propri 7». All interno del piano sarà, pertanto, opportuno creare delle simulazioni di rendiconto finanziario mensilizzato (perlomeno per il primo anno dello stesso piano) al fine di permettere al lettore una più chiara individuazione dei flussi finanziari e, conseguentemente, «intercettare» per tempo la formazione di disponibilità o necessità finanziarie. La sostenibilità del servizio del debito finanziario La valutazione di sostenibilità del servizio del debito è una verifica fondamentale che deve essere svolta nell ambito della redazione del piano industriale. La sostenibilità del servizio del debito completa la valutazione di sostenibilità del ciclo del capitale circolante e degli investimenti con l analisi della componente finanziaria del piano industriale; infatti, se la realizzazione dell investimento necessita di finanziamento con capitale di debito, la valutazione deve considerare anche la sostenibilità finanziaria, periodo per periodo, del servizio del debito contratto. L approccio alla sostenibilità del servizio del debito ha quindi l obiettivo di quantificare la capacità del ciclo aziendale di generare flussi finanziari positivi per sostenere l onere dell indebitamento finanziario; per cui è necessario verificare che i flussi finanziari positivi siano in grado di consentire il pagamento degli interessi passivi sul debito e il rimborso del debito in scadenza, tempo per tempo. La valutazione di sostenibilità del servizio del debito è svolta anche nell ambito della valutazione sul merito di credito condotta dai finanziatori dell impresa; la possibilità di accedere al credito si fonda infatti anche sulla capacità dell impresa di onorare gli impegni finanziari assunti, con la generazione di flussi finanziari positivi superiori all assorbimento di liquidità determinato dalla gestione e dal servizio del debito. La valutazione di sostenibilità del servizio del debito assume quindi rilievo particolare nelle operazioni analizzate con piani industriali che prevedono investimenti elevati ed è centrale valutare la capacità di restituire il debito finanziario preso a prestito. Se nella redazione dei piani industriali viene spesso considerato quale periodo base di calcolo l anno, per la valutazione di sostenibilità del servizio del debito è preferibile la mensilizzazione dei flussi finanziari, attivi e passivi; solo la comparazione mensile dei flussi finanziari attivi con il servizio del debito mensilizzato consente una valutazione di sostenibilità svolta correttamente, senza distorsioni che potrebbero derivare da stagionalità dei flussi finanziari e/o concentrazione del servizio del debito in particolari momenti dell anno (si pensi ad esempio al caso di scadenze semestrali delle rate di mutuo). La valutazione di sostenibilità del servizio del debito ha quindi importanza ai fini interni ed esterni. Nel primo caso è svolta, internamente all azienda, per valutare in sede previsionale la sostenibilità del debito finanziario. Nel secondo caso la valutazione è svolta da parte di un soggetto terzo, quale un intermediario finanziario. Il livello informativo potrà essere differenziato nei due casi, variando il livello di dettaglio previsto nel piano al variare dei destinatari della valutazione. Ai fini del calcolo, il servizio del debito (DS) è dato dal costo esplicito del debito finanziario (OF), espresso dagli oneri finanziari, aumentato del rimborso del debito a scadenze predeterminate contrattualmente tra impresa ed ente finanziatore (D), da cui si ha che DS = OF + D. La valutazione di sostenibilità del servizio del debito finanziario ha quindi come obiettivo quello di valutare se e quanto i flussi generati dalla gestione sono in grado di fare fronte al servizio del debito. Nella valutazione di accesso al credito si terrà conto della capacità dell impresa di generare flussi finanziari positivi (F) superiori al servizio del debito (DS), cioè superiori al capitale preso a prestito in rimborso (D), aumentato del costo del debito per interessi passivi sul debito contratto (OF). La condizione minima di equilibrio è quella per cui, in un tempo dato, si ha che F > DS. Altre valutazioni di sostenibilità sono quelle relative alla capacità dell impresa di pagare il costo del debito (OF) oppure di rimborsare la posizione finanziaria netta (PFN). La valutazione di sostenibilità del servizio del debito finanziario assume un rilievo particolare in alcune situazioni aziendali: 1) valutazioni nell ambito di operazioni di finanza di progetto (project financing): in questo caso il piano industriale è redatto per la valutazione di un investimento realizzato da un soggetto giuridico autonomo (quale una special purpose vehicle) che è valutato per l accesso al credito soprattutto in base alla capacità di generare flussi finanziari positivi a servizio della gestione e del debito; 2) valutazioni nell ambito di start up d impresa: in questo caso la valutazione è di particolare complessità e rilievo in quanto l elemento di incertezza connesso ad un progetto in avvio si somma all assorbimento di capitale che 7 Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (a cura del Gruppo di Lavoro Area Finanza Aziendale), Linee guida alla redazione del business plan, Roma, 2011, pag

3 Controllo METODI generalmente caratterizza la fase iniziale di un iniziativa imprenditoriale, tanto nel ciclo del capitale circolante (stock iniziale di magazzino e dilazione crediti) quanto nel ciclo degli investimenti (oneri di costituzione, spese di ricerca e sviluppo, investimenti in strutture e impianti e così oltre); 3) valutazioni nell ambito di operazioni di riassetto d impresa: queste operazioni possono richiedere l accesso a nuova finanza o il consolidamento della finanza già erogata all azienda. In tali casi la situazione di criticità dello stato aziendale necessita di sottoporre a verifica preliminare di sostenibilità sia l eventuale indebitamento finanziario aggiuntivo, sia l indebitamento finanziario in essere alle rispettive scadenze; 4) valutazioni nell ambito di operazioni di M&A condotte con leva finanziaria: queste operazioni necessitano di valutazioni in quanto il servizio del debito contratto per l acquisizione ha come fonte di copertura i flussi finanziari positivi post M&A. La valutazione può essere effettuata considerando flussi reddituali e/o finanziari; nel caso di una valutazione fondata sui flussi reddituali (quali EBITDA ed EBIT) la quantificazione non risulta totalmente corretta; infatti, il servizio del debito è valore finanziario e la sua comparazione con un flusso reddituale determina un confronto tra valori disomogenei. Per la valutazione di sostenibilità è preferibile l utilizzo di flussi finanziari calcolati con il rendiconto finanziario, cioè cash flow (CF), operating cash flow (OCF), unlevered free cash flow (UFCF) (Tavola 1). La prima coppia di indici 1 e 2, cioè OCF/OF ed UFCF/OF, rappresenta un approfondimento metodologico sulla valutazione di sostenibilità del costo del debito (OF) utilizzando margini finanziari (OCF ed UFCF) che, come per i margini reddituali più frequentemente utilizzati nella valutazione (cioè EBITDA ed EBIT) devono risultare, al fine della sostenibilità, superiori in valore assoluto rispetto ad OF. Questi indici esprimono un primo approccio alla valutazione di sostenibilità, considerando il solo costo del debito. La relazione tra OCF e UFCF dipende dalla dinamica degli investimenti e, in presenza di investimenti netti positivi, si ha OCF > UFCF, viceversa nel caso in cui gli investimenti netti siano negativi, cioè in una situazione di disinvestimento. Il valore soglia dei due indici è un valore maggiore di 1. La prima coppia di indici, utilizzati frequentemente nelle valutazioni di sostenibilità finanziaria, deve essere integrata con gli indici 3 e 4, cioè OCF/DS e UFCF/DS; questa coppia di indici, considerando al denominatore il servizio del debito (DS), esprime in modo più corretto la sostenibilità del servizio del debito; in particolare l indice 4 è frequentemente utilizzato nella valutazione di sostenibilità delle operazioni di project financing ed assume la denominazione di rapporto di copertura del servizio del debito (debt service coverage ratio o anche debt service cover ratio), cioè DSCR. La capacità del rimborso del debito utilizza gli indici 5 e 6 nella quantificazione della capacità dell impresa di generare flussi (finanziari) sufficienti per il rimborso della PFN; nel caso si suggerisce di approfondire l analisi con Tavola 1 Indici di valutazione N. Indice Indice Applicazione Indice 1 OCF / OF Valutazione di sostenibilità del pagamento degli oneri finanziari; valore soglia dell indice > 1 Indice 2 UFCF / OF Valutazione di sostenibilità del pagamento degli oneri finanziari; valore soglia dell indice > 1 Indice 3 OCF / DS Valutazione di sostenibilità del pagamento del servizio del debito (DS); valore soglia dell indice > 1; (consigliato almeno 1,50) Indice 4 UFCF / DS Valutazione di sostenibilità del pagamento del servizio del debito (DS); valore soglia dell indice > 1 (consigliato almeno 1,25) Indice 5 OCF / PFN Valutazione di sostenibilità del rimborso della posizione finanziaria netta (PFN); valore soglia dell indice > 0; preferibili valori progressivamente crescenti. Indice 6 UFCF / PFN Valutazione di sostenibilità del rimborso della posizione finanziaria netta (PFN); valore soglia dell indice > 0 Indice 7 (OCF OF) / PFN Valutazione di sostenibilità del rimborso della posizione finanziaria netta (PFN) al netto del costo del debito (OF); valore soglia dell indice > 0. Indice 8 (UFCF OF) / PFN Valutazione di sostenibilità del rimborso della posizione finanziaria netta (PFN) al netto del costo del debito (OF); valore soglia dell indice > 0 18

4 METODI Controllo gli indici 7 ed 8 che considerano i margini finanziari per il rimborso della PFN al netto del costo del debito (OF). Ai fini dell applicazione operativa del piano industriale è opportuno calcolare gli indici considerati su base mensile, prendendo quale base dati di riferimento il rendiconto finanziario mensilizzato; può essere consigliabile, sulla base dei dati del piano, costituire eventuali debt service reserve account (DSRA) per fronteggiare situazioni in cui il dato previsionale evidenzia temporanee situazioni di deficit finanziario nell area del servizio del debito. Il rendiconto finanziario mensilizzato I diversi contesti nei quali può essere prevista la elaborazione di un piano industriale, così come sopra evidenziati, fanno generalmente emergere condizioni nelle quali è necessario prevedere la pianificazione dei flussi di cassa con una cadenza temporale ristretta nel tempo. In situazioni di start-up o di turnaround, ma anche «nei business altamente stagionali e nei casi di SBU appena costituite o che sono state oggetto di un rilevante progetto di ristrutturazione, sarebbe opportuno dare un dettaglio del budget (vale a dire del primo anno del piano industriale) trimestrale o addirittura mensile» 8. La previsione dei flussi di cassa, effettuata su base mensile, oltre a favorire l individuazione dei periodi dell anno nei quali si originano particolari esigenze o risorse finanziarie, consente la loro riconducibilità alle attività che le hanno generate (attività operativa, di investimento, finanziaria). La sua realizzazione necessita, però, della disponibilità di molteplici informazioni da elaborare con l applicazione di metodiche che potrebbero differire da quelle applicabili per l effettuazione di previsioni riferibili all intero esercizio. Di seguito si propone un modello (sintetizzato nello schema di cui alla Tavola 2) che, applicato nell ambito della realizzazione della componente quantitativa del piano industriale, produce, per il primo anno del piano, un rendiconto finanziario elaborato su base mensile (Tavola 3). Il foglio di input, alla base dell intera elaborazione, può essere strutturato così come esposto nelle tavole seguenti e composto dalle seguenti parti 9 : - schema di conto economico riclassificato (Tavola 4) nel quale annotare le percentuali di ripartizione dei costi e dei ricavi che si ritengono di competenza dei singoli mesi dell anno rispetto a quelli complessivi annuali (ad esempio percentuale del 10% dei ricavi previsti nel mese di giugno); - schema di conto economico riclassificato (Tavola 5) nel quale riepilogare, con modalità automatica, gli importi derivanti dalle ripartizioni previste nello schema del precedente punto; - schema di stato patrimoniale riclassificato (Tavole 6 e 7) nel quale annotare, in corrispondenza dell attivo e del passivo, il risultato delle singole previsioni ottenute sulla base dell applicazione dei criteri previsti per le singole righe di riclassificato. Espressione dell applicazione delle assumption individuate per l effettuazione delle previsioni, la corretta esposizione delle singole componenti, in particolare di quelle riconducibili allo stato patrimoniale, risulta ancor più complessa in presenza di mensilizzazione delle stime. In particolare, la previsione di elementi quali i crediti e i debiti di Tavola 2 Schema del modello mensilizzazione del Rendiconto Finanziario 8 Borsa italiana, Guida al piano industriale, 2003, Milano, pag Gli schemi richiamati ed esposti nelle tavole di cui al presente contributo sono quelli del software SI-planalysis sviluppato da Studio Impresa Spa ed allegato al testo Crisi aziendali e processi di risanamento, di A. Danovi e A. Quagli, II Edizione, IPSOA, Milano,

5 Controllo METODI Tavola 3 Schema di rendiconto finanziario mensilizzato (metodo indiretto) 20

6 METODI Controllo natura commerciale può risultare articolata e meritevole di interventi correttivi finalizzati a rendere più attendibile il dato, soprattutto in presenza di contesti caratterizzati da una spiccata stagionalità. La previsione dei flussi di cassa originati dall attività operativa La variazione dei crediti e debiti commerciali La ricerca di una quantificazione previsionale della variazione intervenuta nel corso di ogni singolo mese dell anno nell ammontare dei crediti commerciali, componente prioritaria tra quelle che contribuiscono alla definizione del flusso di cassa dell attività operativa, risulta di particolare importanza e strettamente legata alla puntuale combinazione di informazioni quali: - i ricavi realizzati in ogni singolo mese dell anno di previsione del piano e quelli riferibili ai mesi dell esercizio precedente (generalmente quello in corso al momento della redazione del piano) che hanno originato crediti ancora in essere nel primo anno del documento, periodo cui si riferisce l elaborazione del rendiconto finanziario mensilizzato. In particolare, nel caso in cui la durata media dei crediti commerciali sia pari a sessanta giorni, i ricavi dell esercizio antecedente quello di previsione per i quali è necessario fornire la quantificazione mensile sono quelli degli ultimi due mesi dell anno (novembre e dicembre); - i ricavi realizzati progressivamente nel corso dell esercizio oggetto di previsione (Ricavi Year to date - RicYTD); - l aliquota IVA media annuale applicata sulle vendite; - i ricavi mensili e progressivi (YTD) al lordo dell IVA mediamente applicata nel corso dell anno; - la durata media dei crediti commerciali prevista in corrispondenza dei ricavi realizzati nei singoli mesi. L esposizione creditoria in essere alla fine di ogni Tavola 4 Foglio Input - schema di conto economico (con percentuali «di periodo») 21

7 Controllo METODI singolo mese può essere, pertanto, determinata sulla base dei ricavi mensili e tempi medi d incasso previsti per gli stessi, ovvero tenendo conto di una sorta di stratificazione dei crediti derivanti dalla combinazione degli elementi descritti (per semplicità criterio «rolling»). In alternativa, la definizione dell ammontare dei crediti commerciali in essere al termine di ogni mese potrebbe scaturire dall applicazione della formula di seguito riportata (per semplicità criterio «RicYTD»): Risulta evidente come con l applicazione di questo secondo metodo in contesti infrannuali, al di là della discutibilità della sua correttezza di fondo, non sia possibile intercettare «punte» di esposizione a fronte di concentrazione di ricavi, ad esempio, in un solo mese o la variabilità di condizioni commerciali associate a tali ricavi. In poche parole risulta più difficoltoso individuare gli effetti derivanti dalla presenza di fenomeni di stagionalità. Con l applicazione del modello descritto e al fine di eliminare l effetto distorsivo derivante dalla diversa ripartizione infrannuale dei ricavi si propone il seguente metodo: si provvede a: - determinare alla fine del primo anno (dicembre) il saldo dei crediti commerciali in essere con l applicazione del criterio cosiddetto RicYTD, in quanto metodo applicato per la determinazione del saldo al termine degli altri anni del piano (quelli per i quali non è prevista l elaborazione del rendiconto finanziario mensilizzato). In questo modo viene garantita una «continuità di risultato» tra i vari anni del piano; - determinare i saldi dei rimanenti mesi (da gennaio a novembre) partendo dai saldi calcolati con l applicazione del metodo «rolling», ma con la previsione di un correttivo che deriva dall utilizzo della seguente formula: Dove: Tavola 5 Foglio Input - schema di conto economico (con importi «di periodo») 22

8 METODI Controllo a = saldo singolo mese «rolling»; b = somma saldi da gennaio a novembre «rolling»; c = somma saldi da gennaio a dicembre «rolling»; d = saldi dicembre «RicYTD». Come evidenziato dalla Tavola 9, in questo modo si attribuisce nel mese di dicembre, metodo rolling, l intera differenza derivante dall applicazione dei due criteri nel periodo da gennaio a novembre. In corrispondenza degli altri mesi dell esercizio (da gennaio a novembre) sono identificati i saldi che derivano dall applicazione del criterio «RicYTD» (tenendo conto della stagionalità rilevata dal metodo «rolling») con l effetto del «correttivo» determinato secondo la formula sopra descritta. I saldi dei crediti commerciali esposti in Tavola 9 sono quelli utilizzati nel rendiconto finanziario «mensilizzato». La Tavola 10 pone in risalto le differenze che derivano dall applicazione dei due criteri («rolling» e «RicYTD») escludendo l intervento «correttivo» di cui alla formula di cui sopra. L evidenziazione della differenza derivante dall applicazione dei due metodi consente di riconoscere per tempo i periodi nei quali si concentreranno gli effetti di una potenziale stagionalità, favorendo lo svolgimento dell attività di programmazione finanziaria. Le logiche che stanno alla base della determinazione del saldo dei crediti commerciali su base mensile possono essere sostanzialmente applicate anche nella definizione del saldo dei debiti commerciali. La variazione delle rimanenze Tra le poste che, all interno del rendiconto finanziario, contribuiscono alla definizione della variazione della liquidità generata dall attività operativa, particolare importanza ricopre la componente riconducibile alle rimanenze. Questo elemento, condizionato dal valore degli acquisti di periodo e dai giorni medi (obiettivo) di rotazione delle giacenze, risente, a sua volta, della variazione delle rimanenze intercorse nel periodo. La definizione degli importi da attribuire ai singoli mesi dell anno del piano oggetto di mensilizzazione può essere ricercata tramite l applicazione della formula: Tavola 6 Foglio Input - schema di stato patrimoniale (Attivo) 23

9 Controllo METODI dove: Rf = valore delle rimanenze alla fine del periodo (ad es. al 30 aprile). Ri = valore delle rimanenze all inizio del periodo (ad es. al 01 aprile). Acq. = acquisti di beni o servizi, che contribuiscono alla determinazione del valore delle rimanenze, effettuati nel corso dell esercizio fino alla fine del periodo (ad es. al 30 aprile). Gg rot. = giorni medi obiettivo di rotazione delle giacenze. Gg per. = giorni riconducibili al singolo periodo (ad es. 120 nel caso in cui il periodo si riferisca dal 1 gennaio al 30 aprile) 10. Utilizzando questa formula, la variazione delle rimanenze considera, unitamente ai giorni obiettivo, anche i consumi di materie senza che il dato sia influenzato dalle altre voci che compongono il costo dei prodotti finiti. In alternativa, le rimanenze dovrebbero essere considerate, in sede di previsione, come parte del costo dei prodotti finiti e, di conseguenza, come un valore a quadratura dell incidenza ricercata e non come un valore calcolato. La previsione della variazione nelle attività di investimento e disinvestimento Il flusso di cassa assorbito o generato dalle attività d investimento e disinvestimento è riconducibile alle operazioni di acquisto o vendita di immobilizzazioni materiali e immateriali, all acquisizione o cessione di partecipazioni societarie, nonché all erogazione o rimborso di prestiti a terzi. Poiché le risorse finanziarie assorbite o generate dalle operazioni riferibili a quest area possono essere di ammontare anche rilevante, una puntuale identificazione del periodo nel quale avverrà l esborso (legato agli acquisti o concessione di prestiti) o l incasso (legato alle dismissioni, vendite o rimborsi) risulta fondamentale al fine di una puntuale pianificazione finanziaria e del raggiungimento della conseguente Tavola 7 Foglio Input - schema di stato patrimoniale (Passivo) 10 A. Panizza in Appendice di Crisi aziendali e processi di risanamento, Danovi e A. Quagli (a cura di), II Edizione, Ipsoa, Milano, 2010, pag

10 METODI Controllo Tavola 8 Crediti commerciali mensilizzati con applicazione dei criteri «rolling» e «RicYTD») 25

11 Controllo METODI fattibilità finanziaria del progetto. All interno del foglio di lavoro «input», così come sopra descritto, è possibile provvedere all annotazione degli importi concernenti le variazioni intervenute nel corso dei singoli mesi del primo anno del piano. La variazione di elementi quali, ad esempio, i fondi ammortamento relativi alle immobilizzazioni materiali deve tenere conto anche dell effetto derivante dalla stima del costo di ammortamento (non monetario) di competenza di ogni singolo mese. La previsione delle variazioni nelle attività di finanziamento La variazione delle risorse ottenute e restituite sia sotto forma di capitale che sotto forma di debito rappresenta il flusso generato o assorbito dall attività di finanziamento 11. La disponibilità d informazioni come ad esempio il momento della manifestazione finanziaria di operazioni quali il rimborso delle quote a breve dei mutui, dei prestiti obbligazionari e di altri finanziamenti a medio/lungo periodo, nonché del momento in cui si riceveranno delle somme di danaro in seguito alla sottoscrizione di nuovi mutui, prestiti obbligazionari e altri finanziamenti, consente l evidenziazione dell evoluzione dei debiti a medio-lungo termine nel corso dei singoli mesi. Considerato che frequentemente gli istituti di credito procedono all erogazione di finanziamenti a medio/lungo periodo prevalentemente a copertura di investimenti in immobilizzazioni (ad esempio acquisti di macchinari produttivi) di ammontare anche rilevante, una corretta pianificazione dei flussi in entrata (l erogazione del finanziamento) e in uscita (il pagamento del fornitore del bene) risulta fondamentale per contribuire alla definizione della sostenibilità finanziaria del progetto illustrato nel piano. Allo stesso modo, il preciso collocamento temporale delle variazioni di natura monetaria che presumibilmente interverranno nelle poste del patrimonio netto, riferendosi a casistiche quali l immissione di nuova equity o la distribuzione di dividendi, generalmente di ammontare rilevante, rappresenta elemento che contribuisce alla definizione della sostenibilità dell intero elaborato. Conclusioni La revisione dei flussi di cassa espressa su base mensile, almeno per il primo anno del piano, rappresenta una sorta di garanzia, non tanto sul fatto che tali previsioni saranno rispettate, quanto invece al fatto che l elaborazione del rendiconto finanziario mensilizzato impone un affidabile e indicativa individuazione e analisi delle operazioni che sono alla base dell andamento dei flussi di cassa. La ricerca di un equilibrio complessivo, sia di natura economica sia finanziaria, quale obiettivo insito del piano, viene agevolata dall adozione di strumenti come il rendiconto finanziario, che mette in condizione l imprenditore, ancor prima Tavola 9 Crediti commerciali mensilizzati (differenze tra metodi con applicazione di correttivo ) 11 Si veda A. Fazzini, Analisi di bilancio. Metodi e strumenti per l interpretazione delle dinamiche aziendali, Ipsoa, Milano, 2011, pag

12 METODI Controllo dell ambiente esterno, di verificare, tra le altre, se l onerosità delle fonti è sostenibile da un punto di vista economico, e se le stesse fonti sono da ritenersi sufficienti e temporalmente ben programmate per gestire al meglio l esposizione o la disponibilità di tesoreria. Il tutto in un ottica di continua revisione delle assunzioni che sono alla base delle previsioni e conseguente loro affinamento 12. Bibliografia Antonelli V. D Alessio R. Dell Atti V., (2007), Analisi di bilancio e Basilea 2, Indici, rating di settore, valutazioni, II Edizione, IPSOA, Milano. Avi M.S., «Programmazione finanziaria nelle PMI» in Contabilità finanza e controllo, n. 7/2009, Il Sole 24 Ore, Milano. Berardino & Partners Srl per la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino, Guida pratica alla redazione del business plan, Torino, Borsa Italiana, Guida al Piano industriale, Milano, Busco C., Giovannoni E, Riccaboni A. (a cura di), Controllo di gestione., II Edizione, Ipsoa, Milano, 2011 Dadovi A. Quagli A. (a cura di), Crisi aziendali e processi di risanamento, II Edizione, Ipsoa, Milano, Donna G. Riccaboni A. (a cura di), Manuale del controllo di gestione. Analisi dei costi, budget, reporting. ERP, balanced scorecard: applicazioni e soluzioni innovative, II Edizione, Ipsoa, Milano, Fazzini M., Analisi di bilancio. Metodi e strumenti per l interpretazione delle dinamiche aziendali, Ipsoa, Milano, Lenoci F., Rocca E., Il rendiconto finanziario. Procedure e tecniche di redazione, II Edizione, Ipsoa, Milano, Quagli A., Panizza A., Gennari M., «La sostenibilità del piano industriale: applicazione degli stress test», in Controllo di Gestione n. 1/2011, Ipsoa, Milano. Vivas U. J. N., Finanza d impresa e decisioni strategiche. Un approccio pratico per creare valore, Ipsoa, Milano, Tavola 10 Crediti commerciali mensilizzati (differenze tra metodi senza applicazione di «correttivo») 12 Si veda anche Berardino & Partners per la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino, Guida partica alla redazione del business plan, Torino,

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Classificazione delle opere in PPP Progetti dotati di generare reddito Progetti dove il soggetto privato fornisce direttamente servizi alla

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012 CRISI

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

La crisi di tipo strutturale vissuta

La crisi di tipo strutturale vissuta Il controllo in tempo di crisi e dopo la crisi: spunti per il monitoraggio delle PMI di Andrea Panizza 1 Senior Partner Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione, Revisore Legale, Vice Presidente A.P.R.I.

Dettagli

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE FIRENZE, 6 FEBBRAIO 2014 DOTT. EMILIO PASQUETTI IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE Sommario 1. Quadro macroeconomico

Dettagli

Il software è rivolto esclusivamente a Start up per la verifica della sostenibilità del proprio business e può essere distinto in due parti:

Il software è rivolto esclusivamente a Start up per la verifica della sostenibilità del proprio business e può essere distinto in due parti: BUSINESS PLAN START UP Stesura di Business plan per start up per verificare la fattibilità e la sostenibilità finanziaria del progetto/investimento. Adatto sia per uso interno sia per l eventuale presentazione

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Redazione del Business Plan. Andrea Gabola Dottore Commercialista in Torino

Redazione del Business Plan. Andrea Gabola Dottore Commercialista in Torino Redazione del Business Plan Andrea Gabola Dottore Commercialista in Torino 1 Agenda Definizione Chi lo redige e verso chi è diretto? Contesti di utilizzo Struttura e contenuti Suggerimenti per la redazione

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A.

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. di Andrea Panizza (*) Una corretta quantificazione del costo di prodotto rappresenta uno dei più importanti fattori di successo dell impresa.

Dettagli

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo Memorandum sul Sistema di di gestione Format esemplificativo Settembre 2011 Borsa Italiana S.p.A. Tutti i diritti riservati. Ai sensi della legge sui diritti d autore e del codice civile è vietata la riproduzione

Dettagli

CALENDARIO DELLE LEZIONI IN AULA A seguire il calendario completo delle lezioni in aula di esercitazione con l uso di Excel. LEZ.

CALENDARIO DELLE LEZIONI IN AULA A seguire il calendario completo delle lezioni in aula di esercitazione con l uso di Excel. LEZ. Master experience in FINANZA AZIENDALE Analisi, Pianificazione e Programmazione Finanziaria, Treasury Management e Gestione della crisi finanziaria d'impresa Esercitazioni in aula a ROMA e MILANO Pensato

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO

BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO BUSINESS PLAN EASY ISTRUZIONI PER L UTILIZZO Introduzione Raccorda automaticamente i dati economico finanziari dell ultimo bilancio disponibile dell azienda con quelli previsionali inseriti dall utente

Dettagli

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese

Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Materiali redatti da Stefano Favallesi e Pietro Ramirez INDICE FUNZIONALITA

Dettagli

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione)

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) OBIETTIVI E COMPETENZE La finanza aziendale sta diventando sempre di più uno strumento fondamentale per la crescita delle imprese,

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

1. LA LOGICA DEL RENDICONTO FINANZIARIO

1. LA LOGICA DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1. LA LOGICA DEL RENDICONTO FINANZIARIO Prima di addentrarci nell applicazione della metodologia di calcolo, occorre sgombrare il campo da un equivoco: il rendiconto finanziario non serve a verificare

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

ANALISI DEI FINANZIAMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEI FINANZIAMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEI FINANZIAMENTI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il Debt Service Coverage Ratio (DSCR) Equilibrio finanziario Equilibrio finanziario: il quoziente di indebitamento Equilibrio finanziario:

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE CAPITALI UTILIZZANDO AL MEGLIO LE INFORMAZIONI. LE FONTI DI FINANZIAMENTO L attività d impresa, esaminata in un ottica puramente finanziaria, si sviluppa e si concretizza

Dettagli

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) Mc Graw-Hill 2001, cap. 5 1 GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

La pianificazione strategica

La pianificazione strategica Esempio budget 1 Obiettivi 1. Capire cosa si intende per pianificazione strategica e in quale contesto si inserisce il processo di formazione del budget 2. Capire perché le aziende preparano il budget

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Master Controllo di gestione, Finanza e Business plan su excel. Taranto

Master Controllo di gestione, Finanza e Business plan su excel. Taranto Master Controllo di gestione, Finanza e Business plan su excel Taranto Gli obiettivi del Master Controllo di gestione, In collaborazione Finanza con e Business Plan Su Excel Taranto Il Master Controllo

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

Territorio e Impresa

Territorio e Impresa Territorio e Impresa 23 marzo 2012-15:00 Catania - Le Ciminiere Il Business Plan e il nuovo ruolo dei consulenti Aurelio Alizzio T E R R I T O R I O E I M P R E S A LA STRUTTURA DI UN BUSINESS PLAN 2 1.

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

IL FINANCING DELLE START UP

IL FINANCING DELLE START UP IL FINANCING DELLE START UP Facoltà Medicina e Chirurgia Verona Lunedì 4 maggio 2009 1 Il Business Plan (BP) è uno strumento di pianificazione strategica 2 1 Il processo di redazione del BP 1 - Executive

Dettagli

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori.

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. GIULIANO SOLDI

Dettagli

l analisi dei flussi finanziari

l analisi dei flussi finanziari L analisi Lanalisi di Bilancio e l analisi dei flussi finanziari Il marginedistruttura complessivo (o primario) è definitodalladalla differenza fra capitale netto e attività immobilizzate (materiali,

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare i Previsionali Patrimoniale,

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. XVII Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO SEZIONE PRIMA LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1. GLI OBIETTIVI DELLE ANALISI PER INDICI 1.1. L

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Dott. Livio Pasquetti Studio Paratore Pasquetti & Partners Seminario introduttivo Strumenti finanziari alternativi per l»edilizia residenziale

Dettagli

WEB OFFER DIAMAN TECH SRL

WEB OFFER DIAMAN TECH SRL RELAZIONE WEB OFFER DIAMAN TECH SRL Indice Introduzione pag. 3 Parte generale..pag. 3 Il caso specifico...pag. 4 Conclusioni..pag. 6 INTRODUZIONE Il sottoscritto dott. Costantino Magro, nato a Padova il

Dettagli

Istruzioni passo a passo sull'uso del software BUDGET & BUSINESS PLAN

Istruzioni passo a passo sull'uso del software BUDGET & BUSINESS PLAN Istruzioni passo a passo sull'uso del software BUDGET & BUSINESS PLAN IL MODULO IN BREVE SCOPO. Questo Modulo consente di sviluppare Budget e Business plan attraverso la costruzione dei singoli Budgets

Dettagli

CONSULENZA COSTO FUNDING

CONSULENZA COSTO FUNDING CONSULENZA COSTO FUNDING (compresa nell abbonamento ad entrambe le membership Tassi Imprese & Professionisti e Plus Tesorerie aziendali ). Il Cliente ha a disposizione il servizio di consulenza denominato

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli

il Project Financing per lo sviluppo dei sistemi di trasporto la valorizzazione del progetto: il piano industriale e finanziario

il Project Financing per lo sviluppo dei sistemi di trasporto la valorizzazione del progetto: il piano industriale e finanziario il Project Financing per lo sviluppo dei sistemi trasporto la valorizzazione del progetto: il piano industriale e finanziario 7 Marzo 2002 1 definizione definizione Project Project Financing Financing

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato

Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA Dott. Stefano Lunardi 31 gennaio 2014 Dallo standstill

Dettagli

GESTIONE DEL CREDITO

GESTIONE DEL CREDITO GESTIONE DEL CREDITO SOMMARIO schema di sintesi chiarimenti costo del credito nelle valutazioni aziendali La gestione del credito commerciale dall inizio della crisi finanziaria sta diventando sempre più

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 Geox S.p.A. Sede in Biadene di Montebelluna (TV) - Via Feltrina Centro 16 Capitale Sociale euro 25.884.400 = int. versato Codice fiscale

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE ISTRUZIONI PER L UTILIZZO

PIANO INDUSTRIALE ISTRUZIONI PER L UTILIZZO PIANO INDUSTRIALE ISTRUZIONI PER L UTILIZZO Struttura del software Il software raccorda i dati dell ultimo bilancio con quelli previsionali, definiti dall utente, e può essere distinto in due parti: Fogli

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche Allegato 2 Provincia di Viterbo Assessorato Formazione Professionale e Politiche per il lavoro Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche BUSINESS PLAN Denominazione Impresa: Data 1 Indice 1 La società

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO

I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI DEI FLUSSI MONETARI AZIENDALI RIGUARDA ESSENZIALMENTE IL TRATTAMENTO DA RISERVARE ALLE TRE TIPOLOGIE DI FLUSSI CHE COMPONGONO IL FLUSSO FINANZIARIO

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli