METODI E STRUMENTI. Introduzione 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODI E STRUMENTI. Introduzione 1"

Transcript

1 Controllo METODI LA COMPONENTE FINANZIARIA DEL PIANO INDUSTRIALE di Andrea Panizza Senior Partner di Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione, Revisore Legale, Vice Presidente A.P.R.I. Associazione Professionisti Risanamento Imprese. Mattia Iotti Università degli Studi di Parma, Senior Partner di Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione, Dottore Commercialista e Revisore Legale, Presidente Comitato A.P.R.I. Academy Associazione Professionisti Risanamento Imprese. e Edoardo Ferrari Consulente di Studio Impresa Spa Consulenti di Direzione. 1 Del presente lavoro, benché frutto della riflessione congiunta degli autori, sono da attribuirsi a: - Edoardo Ferrari: Introduzione, - Mattia Iotti: La sostenibilità del servizio del debito - Andrea Panizza: Il rendiconto finanziario «mensilizzato», Conclusioni. 2 Elaborato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili in collaborazione con l Università degli Studi di Firenze e Assonime Associazione fra le società italiane per azioni, Roma, Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili in collaborazione con l'università degli Studi di Firenze e Assonime - Associazione fra le società italiane per azioni, Lineeguida per il finanziamento alle imprese in crisi, Roma, 2010, pag Si veda Borsa Italiana, Guida al piano industriale, Milano, 2003, pag Borsa Italiana, Le caratteristiche del piano industriale ai fini della quotazione in borsa in Guida al Piano industriale, Milano, 2003, pag Elaborato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (a cura del Gruppo di Lavoro Area Finanza Aziendale), Roma, L analisi della sostenibilità finanziaria del progetto che è alla base di un piano industriale rappresenta una delle componenti più importanti da sviluppare nel processo di elaborazione del piano stesso. E solo con la puntuale analisi dei previsionali flussi di cassa che si può stabilire se gli obiettivi prefissati sono raggiungibili. Un rendiconto finanziario elaborato su base mensile, che possa individuare il momento nel quale ha origine la necessità o la disponibilità finanziaria, rappresenta strumento indispensabile per la pianificazione finanziaria dell intero progetto e per favorire il successivo monitoraggio degli scostamenti rispetto al dato preventivato. Introduzione 1 Il piano industriale è uno strumento di pianificazione strategica impiegato per supportare decisioni di lungo periodo. Il documento, composto da una parte qualitativa e una quantitativa, raccoglie, nella prima, le informazioni di carattere generale inerenti l impresa, quali la descrizione dell attività, il contesto in cui la stessa opera e la descrizione degli obiettivi che il management aziendale intende raggiungere, nonché gli indirizzi strategici da intraprendere nel periodo considerato; la seconda componente, quella quantitativa, rappresenta la traduzione numerica di quanto esposto nella parte «descrittiva» e comprende tutti gli schemi necessari alla descrizione dell andamento economico, finanziario e patrimoniale previsto negli anni del piano. Il processo di trasformazione delle informazioni in «numeri» è possibile solamente attraverso l individuazione di specifici criteri di previsione (assumption). La descrizione di questi criteri deve avvenire in modo chiaro ed efficace per consentire al lettore, sia esso interno o esterno all azienda, di percepire l attendibilità dei dati preventivati e la successiva sostenibilità delle ipotesi alla base del piano. Il richiamo alla «trasparenza» nella descrizione delle modalità di redazione del piano è presente nelle «Linee-guida per il finanziamento alle imprese in crisi» 2, documento in cui è previsto, in corrispondenza della Raccomandazione n. 4, «Esplicitazione delle ipotesi e delle metodologie», che «la trasparenza nella esplicazione delle modalità di costruzione del piano costituisce una condizione necessaria per consentire all attestatore di esprimere un giudizio positivo 3». Nonostante il documento richiamato faccia riferimento a un piano di risanamento, si ritiene che tale principio possa, o ancor meglio debba, essere adottato nell elaborazione del piano industriale, nei vari contesti in cui questa avvenga. Una corretta ed esaustiva informazione delle modalità con cui i dati sono stati stimati mette in condizione il soggetto a cui è indirizzato il piano di valutarne la fattibilità. La componente finanziaria dovrà essere descritta all interno del piano seguendo questo criterio, in quanto, così come espresso dalla Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana, la «sostenibilità finanziaria», assieme alla «coerenza», intesa come assenza di «fattori di incoerenza» e all «attendibilità», da porsi in relazione alla fondatezza delle ipotesi, è uno dei tre requisiti previsti per l ammissione alla quotazione 4. Questo in quanto «la sostenibilità finanziaria di un piano industriale deve essere considerata in relazione alla qualità e alla quantità delle fonti di finanziamento che il management intende utilizzare per fronteggiare i fabbisogni correlati alla realizzazione della strategia. A tal fine, durante l arco temporale del piano sarebbe opportuno che i cash flow [ ] coprissero almeno gli assorbimenti di capitale circolante e gli investimenti netti di sostituzione/ mantenimento, mentre il ricorso ad ulteriore capitale di debito e/o di rischio [ ] dovrebbe avvenire per fronteggiare parzialmente o totalmente gli investimenti finalizzati alla crescita 5». Traspare, pertanto, come la componente finanziaria del piano debba essere considerata quale elemento predominante nello sviluppo delle scelte aziendali e come queste ultime debbano essere sempre adottate valutandone la sostenibilità finanziaria. La centralità della problematica finanziaria è ribadita nel documento Linee guida alla redazione del business plan 6, secondo cui: il piano finanziario deve «indicare i flussi finanziari di ciascun periodo

2 METODI Controllo oggetto di previsione e, in particolare, deve riportare un contenuto minimo necessario e sufficiente di informazioni così sintetizzabili: indicazione del fabbisogno da finanziare; quantificazione del flusso finanziario corrente; quantificazione dei finanziamenti da acquisire; descrizione dei finanziamenti da acquisire; quantificazione degli oneri finanziari conseguenti; descrizione e quantificazione dei flussi finanziari derivanti dall apporto di mezzi propri 7». All interno del piano sarà, pertanto, opportuno creare delle simulazioni di rendiconto finanziario mensilizzato (perlomeno per il primo anno dello stesso piano) al fine di permettere al lettore una più chiara individuazione dei flussi finanziari e, conseguentemente, «intercettare» per tempo la formazione di disponibilità o necessità finanziarie. La sostenibilità del servizio del debito finanziario La valutazione di sostenibilità del servizio del debito è una verifica fondamentale che deve essere svolta nell ambito della redazione del piano industriale. La sostenibilità del servizio del debito completa la valutazione di sostenibilità del ciclo del capitale circolante e degli investimenti con l analisi della componente finanziaria del piano industriale; infatti, se la realizzazione dell investimento necessita di finanziamento con capitale di debito, la valutazione deve considerare anche la sostenibilità finanziaria, periodo per periodo, del servizio del debito contratto. L approccio alla sostenibilità del servizio del debito ha quindi l obiettivo di quantificare la capacità del ciclo aziendale di generare flussi finanziari positivi per sostenere l onere dell indebitamento finanziario; per cui è necessario verificare che i flussi finanziari positivi siano in grado di consentire il pagamento degli interessi passivi sul debito e il rimborso del debito in scadenza, tempo per tempo. La valutazione di sostenibilità del servizio del debito è svolta anche nell ambito della valutazione sul merito di credito condotta dai finanziatori dell impresa; la possibilità di accedere al credito si fonda infatti anche sulla capacità dell impresa di onorare gli impegni finanziari assunti, con la generazione di flussi finanziari positivi superiori all assorbimento di liquidità determinato dalla gestione e dal servizio del debito. La valutazione di sostenibilità del servizio del debito assume quindi rilievo particolare nelle operazioni analizzate con piani industriali che prevedono investimenti elevati ed è centrale valutare la capacità di restituire il debito finanziario preso a prestito. Se nella redazione dei piani industriali viene spesso considerato quale periodo base di calcolo l anno, per la valutazione di sostenibilità del servizio del debito è preferibile la mensilizzazione dei flussi finanziari, attivi e passivi; solo la comparazione mensile dei flussi finanziari attivi con il servizio del debito mensilizzato consente una valutazione di sostenibilità svolta correttamente, senza distorsioni che potrebbero derivare da stagionalità dei flussi finanziari e/o concentrazione del servizio del debito in particolari momenti dell anno (si pensi ad esempio al caso di scadenze semestrali delle rate di mutuo). La valutazione di sostenibilità del servizio del debito ha quindi importanza ai fini interni ed esterni. Nel primo caso è svolta, internamente all azienda, per valutare in sede previsionale la sostenibilità del debito finanziario. Nel secondo caso la valutazione è svolta da parte di un soggetto terzo, quale un intermediario finanziario. Il livello informativo potrà essere differenziato nei due casi, variando il livello di dettaglio previsto nel piano al variare dei destinatari della valutazione. Ai fini del calcolo, il servizio del debito (DS) è dato dal costo esplicito del debito finanziario (OF), espresso dagli oneri finanziari, aumentato del rimborso del debito a scadenze predeterminate contrattualmente tra impresa ed ente finanziatore (D), da cui si ha che DS = OF + D. La valutazione di sostenibilità del servizio del debito finanziario ha quindi come obiettivo quello di valutare se e quanto i flussi generati dalla gestione sono in grado di fare fronte al servizio del debito. Nella valutazione di accesso al credito si terrà conto della capacità dell impresa di generare flussi finanziari positivi (F) superiori al servizio del debito (DS), cioè superiori al capitale preso a prestito in rimborso (D), aumentato del costo del debito per interessi passivi sul debito contratto (OF). La condizione minima di equilibrio è quella per cui, in un tempo dato, si ha che F > DS. Altre valutazioni di sostenibilità sono quelle relative alla capacità dell impresa di pagare il costo del debito (OF) oppure di rimborsare la posizione finanziaria netta (PFN). La valutazione di sostenibilità del servizio del debito finanziario assume un rilievo particolare in alcune situazioni aziendali: 1) valutazioni nell ambito di operazioni di finanza di progetto (project financing): in questo caso il piano industriale è redatto per la valutazione di un investimento realizzato da un soggetto giuridico autonomo (quale una special purpose vehicle) che è valutato per l accesso al credito soprattutto in base alla capacità di generare flussi finanziari positivi a servizio della gestione e del debito; 2) valutazioni nell ambito di start up d impresa: in questo caso la valutazione è di particolare complessità e rilievo in quanto l elemento di incertezza connesso ad un progetto in avvio si somma all assorbimento di capitale che 7 Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (a cura del Gruppo di Lavoro Area Finanza Aziendale), Linee guida alla redazione del business plan, Roma, 2011, pag

3 Controllo METODI generalmente caratterizza la fase iniziale di un iniziativa imprenditoriale, tanto nel ciclo del capitale circolante (stock iniziale di magazzino e dilazione crediti) quanto nel ciclo degli investimenti (oneri di costituzione, spese di ricerca e sviluppo, investimenti in strutture e impianti e così oltre); 3) valutazioni nell ambito di operazioni di riassetto d impresa: queste operazioni possono richiedere l accesso a nuova finanza o il consolidamento della finanza già erogata all azienda. In tali casi la situazione di criticità dello stato aziendale necessita di sottoporre a verifica preliminare di sostenibilità sia l eventuale indebitamento finanziario aggiuntivo, sia l indebitamento finanziario in essere alle rispettive scadenze; 4) valutazioni nell ambito di operazioni di M&A condotte con leva finanziaria: queste operazioni necessitano di valutazioni in quanto il servizio del debito contratto per l acquisizione ha come fonte di copertura i flussi finanziari positivi post M&A. La valutazione può essere effettuata considerando flussi reddituali e/o finanziari; nel caso di una valutazione fondata sui flussi reddituali (quali EBITDA ed EBIT) la quantificazione non risulta totalmente corretta; infatti, il servizio del debito è valore finanziario e la sua comparazione con un flusso reddituale determina un confronto tra valori disomogenei. Per la valutazione di sostenibilità è preferibile l utilizzo di flussi finanziari calcolati con il rendiconto finanziario, cioè cash flow (CF), operating cash flow (OCF), unlevered free cash flow (UFCF) (Tavola 1). La prima coppia di indici 1 e 2, cioè OCF/OF ed UFCF/OF, rappresenta un approfondimento metodologico sulla valutazione di sostenibilità del costo del debito (OF) utilizzando margini finanziari (OCF ed UFCF) che, come per i margini reddituali più frequentemente utilizzati nella valutazione (cioè EBITDA ed EBIT) devono risultare, al fine della sostenibilità, superiori in valore assoluto rispetto ad OF. Questi indici esprimono un primo approccio alla valutazione di sostenibilità, considerando il solo costo del debito. La relazione tra OCF e UFCF dipende dalla dinamica degli investimenti e, in presenza di investimenti netti positivi, si ha OCF > UFCF, viceversa nel caso in cui gli investimenti netti siano negativi, cioè in una situazione di disinvestimento. Il valore soglia dei due indici è un valore maggiore di 1. La prima coppia di indici, utilizzati frequentemente nelle valutazioni di sostenibilità finanziaria, deve essere integrata con gli indici 3 e 4, cioè OCF/DS e UFCF/DS; questa coppia di indici, considerando al denominatore il servizio del debito (DS), esprime in modo più corretto la sostenibilità del servizio del debito; in particolare l indice 4 è frequentemente utilizzato nella valutazione di sostenibilità delle operazioni di project financing ed assume la denominazione di rapporto di copertura del servizio del debito (debt service coverage ratio o anche debt service cover ratio), cioè DSCR. La capacità del rimborso del debito utilizza gli indici 5 e 6 nella quantificazione della capacità dell impresa di generare flussi (finanziari) sufficienti per il rimborso della PFN; nel caso si suggerisce di approfondire l analisi con Tavola 1 Indici di valutazione N. Indice Indice Applicazione Indice 1 OCF / OF Valutazione di sostenibilità del pagamento degli oneri finanziari; valore soglia dell indice > 1 Indice 2 UFCF / OF Valutazione di sostenibilità del pagamento degli oneri finanziari; valore soglia dell indice > 1 Indice 3 OCF / DS Valutazione di sostenibilità del pagamento del servizio del debito (DS); valore soglia dell indice > 1; (consigliato almeno 1,50) Indice 4 UFCF / DS Valutazione di sostenibilità del pagamento del servizio del debito (DS); valore soglia dell indice > 1 (consigliato almeno 1,25) Indice 5 OCF / PFN Valutazione di sostenibilità del rimborso della posizione finanziaria netta (PFN); valore soglia dell indice > 0; preferibili valori progressivamente crescenti. Indice 6 UFCF / PFN Valutazione di sostenibilità del rimborso della posizione finanziaria netta (PFN); valore soglia dell indice > 0 Indice 7 (OCF OF) / PFN Valutazione di sostenibilità del rimborso della posizione finanziaria netta (PFN) al netto del costo del debito (OF); valore soglia dell indice > 0. Indice 8 (UFCF OF) / PFN Valutazione di sostenibilità del rimborso della posizione finanziaria netta (PFN) al netto del costo del debito (OF); valore soglia dell indice > 0 18

4 METODI Controllo gli indici 7 ed 8 che considerano i margini finanziari per il rimborso della PFN al netto del costo del debito (OF). Ai fini dell applicazione operativa del piano industriale è opportuno calcolare gli indici considerati su base mensile, prendendo quale base dati di riferimento il rendiconto finanziario mensilizzato; può essere consigliabile, sulla base dei dati del piano, costituire eventuali debt service reserve account (DSRA) per fronteggiare situazioni in cui il dato previsionale evidenzia temporanee situazioni di deficit finanziario nell area del servizio del debito. Il rendiconto finanziario mensilizzato I diversi contesti nei quali può essere prevista la elaborazione di un piano industriale, così come sopra evidenziati, fanno generalmente emergere condizioni nelle quali è necessario prevedere la pianificazione dei flussi di cassa con una cadenza temporale ristretta nel tempo. In situazioni di start-up o di turnaround, ma anche «nei business altamente stagionali e nei casi di SBU appena costituite o che sono state oggetto di un rilevante progetto di ristrutturazione, sarebbe opportuno dare un dettaglio del budget (vale a dire del primo anno del piano industriale) trimestrale o addirittura mensile» 8. La previsione dei flussi di cassa, effettuata su base mensile, oltre a favorire l individuazione dei periodi dell anno nei quali si originano particolari esigenze o risorse finanziarie, consente la loro riconducibilità alle attività che le hanno generate (attività operativa, di investimento, finanziaria). La sua realizzazione necessita, però, della disponibilità di molteplici informazioni da elaborare con l applicazione di metodiche che potrebbero differire da quelle applicabili per l effettuazione di previsioni riferibili all intero esercizio. Di seguito si propone un modello (sintetizzato nello schema di cui alla Tavola 2) che, applicato nell ambito della realizzazione della componente quantitativa del piano industriale, produce, per il primo anno del piano, un rendiconto finanziario elaborato su base mensile (Tavola 3). Il foglio di input, alla base dell intera elaborazione, può essere strutturato così come esposto nelle tavole seguenti e composto dalle seguenti parti 9 : - schema di conto economico riclassificato (Tavola 4) nel quale annotare le percentuali di ripartizione dei costi e dei ricavi che si ritengono di competenza dei singoli mesi dell anno rispetto a quelli complessivi annuali (ad esempio percentuale del 10% dei ricavi previsti nel mese di giugno); - schema di conto economico riclassificato (Tavola 5) nel quale riepilogare, con modalità automatica, gli importi derivanti dalle ripartizioni previste nello schema del precedente punto; - schema di stato patrimoniale riclassificato (Tavole 6 e 7) nel quale annotare, in corrispondenza dell attivo e del passivo, il risultato delle singole previsioni ottenute sulla base dell applicazione dei criteri previsti per le singole righe di riclassificato. Espressione dell applicazione delle assumption individuate per l effettuazione delle previsioni, la corretta esposizione delle singole componenti, in particolare di quelle riconducibili allo stato patrimoniale, risulta ancor più complessa in presenza di mensilizzazione delle stime. In particolare, la previsione di elementi quali i crediti e i debiti di Tavola 2 Schema del modello mensilizzazione del Rendiconto Finanziario 8 Borsa italiana, Guida al piano industriale, 2003, Milano, pag Gli schemi richiamati ed esposti nelle tavole di cui al presente contributo sono quelli del software SI-planalysis sviluppato da Studio Impresa Spa ed allegato al testo Crisi aziendali e processi di risanamento, di A. Danovi e A. Quagli, II Edizione, IPSOA, Milano,

5 Controllo METODI Tavola 3 Schema di rendiconto finanziario mensilizzato (metodo indiretto) 20

6 METODI Controllo natura commerciale può risultare articolata e meritevole di interventi correttivi finalizzati a rendere più attendibile il dato, soprattutto in presenza di contesti caratterizzati da una spiccata stagionalità. La previsione dei flussi di cassa originati dall attività operativa La variazione dei crediti e debiti commerciali La ricerca di una quantificazione previsionale della variazione intervenuta nel corso di ogni singolo mese dell anno nell ammontare dei crediti commerciali, componente prioritaria tra quelle che contribuiscono alla definizione del flusso di cassa dell attività operativa, risulta di particolare importanza e strettamente legata alla puntuale combinazione di informazioni quali: - i ricavi realizzati in ogni singolo mese dell anno di previsione del piano e quelli riferibili ai mesi dell esercizio precedente (generalmente quello in corso al momento della redazione del piano) che hanno originato crediti ancora in essere nel primo anno del documento, periodo cui si riferisce l elaborazione del rendiconto finanziario mensilizzato. In particolare, nel caso in cui la durata media dei crediti commerciali sia pari a sessanta giorni, i ricavi dell esercizio antecedente quello di previsione per i quali è necessario fornire la quantificazione mensile sono quelli degli ultimi due mesi dell anno (novembre e dicembre); - i ricavi realizzati progressivamente nel corso dell esercizio oggetto di previsione (Ricavi Year to date - RicYTD); - l aliquota IVA media annuale applicata sulle vendite; - i ricavi mensili e progressivi (YTD) al lordo dell IVA mediamente applicata nel corso dell anno; - la durata media dei crediti commerciali prevista in corrispondenza dei ricavi realizzati nei singoli mesi. L esposizione creditoria in essere alla fine di ogni Tavola 4 Foglio Input - schema di conto economico (con percentuali «di periodo») 21

7 Controllo METODI singolo mese può essere, pertanto, determinata sulla base dei ricavi mensili e tempi medi d incasso previsti per gli stessi, ovvero tenendo conto di una sorta di stratificazione dei crediti derivanti dalla combinazione degli elementi descritti (per semplicità criterio «rolling»). In alternativa, la definizione dell ammontare dei crediti commerciali in essere al termine di ogni mese potrebbe scaturire dall applicazione della formula di seguito riportata (per semplicità criterio «RicYTD»): Risulta evidente come con l applicazione di questo secondo metodo in contesti infrannuali, al di là della discutibilità della sua correttezza di fondo, non sia possibile intercettare «punte» di esposizione a fronte di concentrazione di ricavi, ad esempio, in un solo mese o la variabilità di condizioni commerciali associate a tali ricavi. In poche parole risulta più difficoltoso individuare gli effetti derivanti dalla presenza di fenomeni di stagionalità. Con l applicazione del modello descritto e al fine di eliminare l effetto distorsivo derivante dalla diversa ripartizione infrannuale dei ricavi si propone il seguente metodo: si provvede a: - determinare alla fine del primo anno (dicembre) il saldo dei crediti commerciali in essere con l applicazione del criterio cosiddetto RicYTD, in quanto metodo applicato per la determinazione del saldo al termine degli altri anni del piano (quelli per i quali non è prevista l elaborazione del rendiconto finanziario mensilizzato). In questo modo viene garantita una «continuità di risultato» tra i vari anni del piano; - determinare i saldi dei rimanenti mesi (da gennaio a novembre) partendo dai saldi calcolati con l applicazione del metodo «rolling», ma con la previsione di un correttivo che deriva dall utilizzo della seguente formula: Dove: Tavola 5 Foglio Input - schema di conto economico (con importi «di periodo») 22

8 METODI Controllo a = saldo singolo mese «rolling»; b = somma saldi da gennaio a novembre «rolling»; c = somma saldi da gennaio a dicembre «rolling»; d = saldi dicembre «RicYTD». Come evidenziato dalla Tavola 9, in questo modo si attribuisce nel mese di dicembre, metodo rolling, l intera differenza derivante dall applicazione dei due criteri nel periodo da gennaio a novembre. In corrispondenza degli altri mesi dell esercizio (da gennaio a novembre) sono identificati i saldi che derivano dall applicazione del criterio «RicYTD» (tenendo conto della stagionalità rilevata dal metodo «rolling») con l effetto del «correttivo» determinato secondo la formula sopra descritta. I saldi dei crediti commerciali esposti in Tavola 9 sono quelli utilizzati nel rendiconto finanziario «mensilizzato». La Tavola 10 pone in risalto le differenze che derivano dall applicazione dei due criteri («rolling» e «RicYTD») escludendo l intervento «correttivo» di cui alla formula di cui sopra. L evidenziazione della differenza derivante dall applicazione dei due metodi consente di riconoscere per tempo i periodi nei quali si concentreranno gli effetti di una potenziale stagionalità, favorendo lo svolgimento dell attività di programmazione finanziaria. Le logiche che stanno alla base della determinazione del saldo dei crediti commerciali su base mensile possono essere sostanzialmente applicate anche nella definizione del saldo dei debiti commerciali. La variazione delle rimanenze Tra le poste che, all interno del rendiconto finanziario, contribuiscono alla definizione della variazione della liquidità generata dall attività operativa, particolare importanza ricopre la componente riconducibile alle rimanenze. Questo elemento, condizionato dal valore degli acquisti di periodo e dai giorni medi (obiettivo) di rotazione delle giacenze, risente, a sua volta, della variazione delle rimanenze intercorse nel periodo. La definizione degli importi da attribuire ai singoli mesi dell anno del piano oggetto di mensilizzazione può essere ricercata tramite l applicazione della formula: Tavola 6 Foglio Input - schema di stato patrimoniale (Attivo) 23

9 Controllo METODI dove: Rf = valore delle rimanenze alla fine del periodo (ad es. al 30 aprile). Ri = valore delle rimanenze all inizio del periodo (ad es. al 01 aprile). Acq. = acquisti di beni o servizi, che contribuiscono alla determinazione del valore delle rimanenze, effettuati nel corso dell esercizio fino alla fine del periodo (ad es. al 30 aprile). Gg rot. = giorni medi obiettivo di rotazione delle giacenze. Gg per. = giorni riconducibili al singolo periodo (ad es. 120 nel caso in cui il periodo si riferisca dal 1 gennaio al 30 aprile) 10. Utilizzando questa formula, la variazione delle rimanenze considera, unitamente ai giorni obiettivo, anche i consumi di materie senza che il dato sia influenzato dalle altre voci che compongono il costo dei prodotti finiti. In alternativa, le rimanenze dovrebbero essere considerate, in sede di previsione, come parte del costo dei prodotti finiti e, di conseguenza, come un valore a quadratura dell incidenza ricercata e non come un valore calcolato. La previsione della variazione nelle attività di investimento e disinvestimento Il flusso di cassa assorbito o generato dalle attività d investimento e disinvestimento è riconducibile alle operazioni di acquisto o vendita di immobilizzazioni materiali e immateriali, all acquisizione o cessione di partecipazioni societarie, nonché all erogazione o rimborso di prestiti a terzi. Poiché le risorse finanziarie assorbite o generate dalle operazioni riferibili a quest area possono essere di ammontare anche rilevante, una puntuale identificazione del periodo nel quale avverrà l esborso (legato agli acquisti o concessione di prestiti) o l incasso (legato alle dismissioni, vendite o rimborsi) risulta fondamentale al fine di una puntuale pianificazione finanziaria e del raggiungimento della conseguente Tavola 7 Foglio Input - schema di stato patrimoniale (Passivo) 10 A. Panizza in Appendice di Crisi aziendali e processi di risanamento, Danovi e A. Quagli (a cura di), II Edizione, Ipsoa, Milano, 2010, pag

10 METODI Controllo Tavola 8 Crediti commerciali mensilizzati con applicazione dei criteri «rolling» e «RicYTD») 25

11 Controllo METODI fattibilità finanziaria del progetto. All interno del foglio di lavoro «input», così come sopra descritto, è possibile provvedere all annotazione degli importi concernenti le variazioni intervenute nel corso dei singoli mesi del primo anno del piano. La variazione di elementi quali, ad esempio, i fondi ammortamento relativi alle immobilizzazioni materiali deve tenere conto anche dell effetto derivante dalla stima del costo di ammortamento (non monetario) di competenza di ogni singolo mese. La previsione delle variazioni nelle attività di finanziamento La variazione delle risorse ottenute e restituite sia sotto forma di capitale che sotto forma di debito rappresenta il flusso generato o assorbito dall attività di finanziamento 11. La disponibilità d informazioni come ad esempio il momento della manifestazione finanziaria di operazioni quali il rimborso delle quote a breve dei mutui, dei prestiti obbligazionari e di altri finanziamenti a medio/lungo periodo, nonché del momento in cui si riceveranno delle somme di danaro in seguito alla sottoscrizione di nuovi mutui, prestiti obbligazionari e altri finanziamenti, consente l evidenziazione dell evoluzione dei debiti a medio-lungo termine nel corso dei singoli mesi. Considerato che frequentemente gli istituti di credito procedono all erogazione di finanziamenti a medio/lungo periodo prevalentemente a copertura di investimenti in immobilizzazioni (ad esempio acquisti di macchinari produttivi) di ammontare anche rilevante, una corretta pianificazione dei flussi in entrata (l erogazione del finanziamento) e in uscita (il pagamento del fornitore del bene) risulta fondamentale per contribuire alla definizione della sostenibilità finanziaria del progetto illustrato nel piano. Allo stesso modo, il preciso collocamento temporale delle variazioni di natura monetaria che presumibilmente interverranno nelle poste del patrimonio netto, riferendosi a casistiche quali l immissione di nuova equity o la distribuzione di dividendi, generalmente di ammontare rilevante, rappresenta elemento che contribuisce alla definizione della sostenibilità dell intero elaborato. Conclusioni La revisione dei flussi di cassa espressa su base mensile, almeno per il primo anno del piano, rappresenta una sorta di garanzia, non tanto sul fatto che tali previsioni saranno rispettate, quanto invece al fatto che l elaborazione del rendiconto finanziario mensilizzato impone un affidabile e indicativa individuazione e analisi delle operazioni che sono alla base dell andamento dei flussi di cassa. La ricerca di un equilibrio complessivo, sia di natura economica sia finanziaria, quale obiettivo insito del piano, viene agevolata dall adozione di strumenti come il rendiconto finanziario, che mette in condizione l imprenditore, ancor prima Tavola 9 Crediti commerciali mensilizzati (differenze tra metodi con applicazione di correttivo ) 11 Si veda A. Fazzini, Analisi di bilancio. Metodi e strumenti per l interpretazione delle dinamiche aziendali, Ipsoa, Milano, 2011, pag

12 METODI Controllo dell ambiente esterno, di verificare, tra le altre, se l onerosità delle fonti è sostenibile da un punto di vista economico, e se le stesse fonti sono da ritenersi sufficienti e temporalmente ben programmate per gestire al meglio l esposizione o la disponibilità di tesoreria. Il tutto in un ottica di continua revisione delle assunzioni che sono alla base delle previsioni e conseguente loro affinamento 12. Bibliografia Antonelli V. D Alessio R. Dell Atti V., (2007), Analisi di bilancio e Basilea 2, Indici, rating di settore, valutazioni, II Edizione, IPSOA, Milano. Avi M.S., «Programmazione finanziaria nelle PMI» in Contabilità finanza e controllo, n. 7/2009, Il Sole 24 Ore, Milano. Berardino & Partners Srl per la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino, Guida pratica alla redazione del business plan, Torino, Borsa Italiana, Guida al Piano industriale, Milano, Busco C., Giovannoni E, Riccaboni A. (a cura di), Controllo di gestione., II Edizione, Ipsoa, Milano, 2011 Dadovi A. Quagli A. (a cura di), Crisi aziendali e processi di risanamento, II Edizione, Ipsoa, Milano, Donna G. Riccaboni A. (a cura di), Manuale del controllo di gestione. Analisi dei costi, budget, reporting. ERP, balanced scorecard: applicazioni e soluzioni innovative, II Edizione, Ipsoa, Milano, Fazzini M., Analisi di bilancio. Metodi e strumenti per l interpretazione delle dinamiche aziendali, Ipsoa, Milano, Lenoci F., Rocca E., Il rendiconto finanziario. Procedure e tecniche di redazione, II Edizione, Ipsoa, Milano, Quagli A., Panizza A., Gennari M., «La sostenibilità del piano industriale: applicazione degli stress test», in Controllo di Gestione n. 1/2011, Ipsoa, Milano. Vivas U. J. N., Finanza d impresa e decisioni strategiche. Un approccio pratico per creare valore, Ipsoa, Milano, Tavola 10 Crediti commerciali mensilizzati (differenze tra metodi senza applicazione di «correttivo») 12 Si veda anche Berardino & Partners per la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino, Guida partica alla redazione del business plan, Torino,

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE CONVEGNO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Dipartimento di Economia e Management ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FERRARA IPSOA LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI SUL BILANCIO Articolo 2409-ter 1. Il revisore o la società incaricata del controllo contabile: a).; b) verifica se il bilancio di esercizio e, ove redatto,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli