Lo studio di settore VG40U è stato approvato con decreto ministeriale del 28 dicembre 2012.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo studio di settore VG40U è stato approvato con decreto ministeriale del 28 dicembre 2012."

Transcript

1 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore VG40U deve essere compilato con riferimento al periodo d imposta 2013 e deve essere utilizzato dai soggetti che svolgono come attività prevalente una tra quelle di seguito elencate: Sviluppo di progetti immobiliari senza costruzione ; Lottizzazione dei terreni connessa con l urbanizzazione ; Compravendita di beni immobili effettuata su beni propri ; Locazione immobiliare di beni propri o in leasing (affitto) ; Affitto di aziende Il presente modello è così composto: quadro A Personale addetto all attività; quadro B Unità locale destinata all esercizio dell attività; quadro D Elementi specifici dell attività; quadro F Elementi contabili relativi all attività d impresa; quadro X Altre informazioni rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore; quadro V Ulteriori dati specifici; quadro Z Dati complementari; quadro T Congiuntura economica. Nella presente Parte specifica sono contenute le istruzioni relative alla modalità di compilazione dello studio di settore VG40U, ad eccezione di quelle relative ai seguenti quadri: quadro A Personale addetto all attività ; quadro X Altre informazioni rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore ; quadro V Ulteriori dati specifici, cui si rinvia per le relative istruzioni. Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, invece, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale. Tutti i documenti citati ( Istruzioni Parte generale, Istruzioni quadro A, Istruzioni quadro X e Istruzioni quadro V ) fanno parte integrante delle presenti istruzioni. Lo studio di settore VG40U è stato approvato con decreto ministeriale del 28 dicembre CAUSE DI ESCLUSIONE Per le cause di esclusione dall applicazione degli studi di settore, si rimanda a quanto esposto nel paragrafo 2.3 ( Chi non li applica ) delle Istruzioni parte generale. In particolare, per questo studio si precisa che, ai fini della verifica del limite di esclusione dall applicazione, i ricavi delle imprese interessate devono essere aumentati delle rimanenze finali e diminuiti delle esistenze iniziali valutate ai sensi degli articoli 92 e 93 del TUIR. 3. FRONTESPIZIO Nel frontespizio vanno indicati: in alto a destra, il codice fiscale; barrando la relativa casella, il codice dell attività esercitata, secondo le indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale, uniche per tutti i modelli; negli appositi campi, il comune e la provincia di domicilio fiscale, l anno in cui il contribuente ha iniziato l attività. Si fa presente che, nel frontespizio, vengono richieste ulteriori informazioni relative alle fattispecie previste dall art. 10, commi 1 e 4, della legge 146 del In particolare deve essere indicato:

2 nel primo campo il codice 1, se l attività è iniziata, da parte dello stesso soggetto, entro sei mesi dalla sua cessazione, nel corso dello stesso periodo d imposta. Il codice 1 dovrà essere indicato, ad esempio, nel caso in cui l attività sia cessata il 4 marzo 2013 e nuovamente iniziata il 18 luglio 2013; il codice 2, se l attività è cessata nel periodo d imposta in corso alla data del 31 dicembre 2012 e nuovamente iniziata, da parte dello stesso soggetto, nel periodo d imposta 2013, e, comunque, entro sei mesi dalla sua cessazione (es. attività cessata il 4 ottobre 2012 e nuovamente iniziata il 14 febbraio 2013). Lo stesso codice dovrà essere utilizzato anche se l attività è cessata nel periodo d imposta in corso alla data del 31 dicembre 2013 e nuovamente iniziata, da parte dello stesso soggetto, nel periodo d imposta 2014 e, comunque, entro sei mesi dalla sua cessazione (es. attività cessata il 15 settembre 2013 e nuovamente iniziata il 27 gennaio 2014). il codice 3, se l attività è iniziata, nel corso del periodo d imposta, come mera prosecuzione di attività svolte da altri soggetti. Tale fattispecie si verifica quando l attività viene svolta, ancorché da un altro soggetto, in sostanziale continuità con la precedente, presentando il carattere della novità unicamente sotto l aspetto formale. A titolo esemplificativo, devono comunque ritenersi mera prosecuzione di attività svolte da altri soggetti le seguenti situazioni di inizio di attività derivante da: acquisto o affitto d azienda; successione o donazione d azienda; operazioni di trasformazione; operazioni di scissione e fusione d azienda; il codice 4, se il periodo d imposta è diverso da dodici mesi; il codice 5, se l attività è cessata nel periodo d imposta in corso alla data del 31 dicembre 2013 e non è stata successivamente iniziata, da parte dello stesso soggetto, entro sei mesi dalla sua cessazione. Il codice 5 dovrà essere indicato, ad esempio, nel caso in cui l attività sia stata cessata definitivamente il 16 settembre 2013; analogamente, dovrà essere utilizzato lo stesso codice anche qualora l attività sia stata cessata il 16 marzo 2013 e venga nuovamente iniziata, da parte dello stesso soggetto, il 21 novembre Si precisa, inoltre, che le ipotesi di inizio/cessazione attività (codici 1 e 2) e di mera prosecuzione dell attività (codice 3) ricorrono nel caso in cui vi sia omogeneità dell attività rispetto a quella preesistente. Il requisito della omogeneità sussiste se le attività sono contraddistinte da un medesimo codice attività, ovvero i codici attività sono compresi nel medesimo studio di settore; nel secondo campo, con riferimento alle ipotesi previste ai codici 1, 2, 3 e 5, il numero complessivo dei mesi durante i quali si è svolta l attività nel corso del periodo d imposta. Si precisa a tal fine che si considerano pari ad un mese le frazioni di esso uguali o superiori a 15 giorni. Nel caso, ad esempio, di un attività d impresa esercitata nel periodo di tempo compreso tra il 1 gennaio 2013 e il 14 novembre 2013, il numero di mesi da riportare nella casella in oggetto sarà pari a 10. Nell ipotesi prevista dal codice 4 occorre, invece, indicare il numero dei mesi di durata del periodo d imposta. Se, ad esempio, il periodo d imposta inizia in data 1 febbraio 2013 e termina in data 31 dicembre 2013, il numero di mesi da riportare nella casella in oggetto sarà pari a 11. Imprese multiattività Tale prospetto deve essere compilato esclusivamente dai soggetti che esercitano due o più attività d impresa, non rientranti nel medesimo studio di settore, qualora l importo complessivo dei ricavi dichiarati relativi alle attività non rientranti tra quelle prese in considerazione dallo studio di settore, relativo all attività prevalente, supera il 30 per cento dell ammontare totale dei ricavi dichiarati. Esempio. Ricavi derivanti dall attività X (studio UMXX) (18%) Ricavi derivanti dall attività Y (studio UMXX) (36%) Ricavi derivanti dall attività Z (studio TDXX) (46%) Totale ricavi Il contribuente, in tale ipotesi, dovrà compilare il modello dei dati rilevanti per l applicazione dello studio di settore UMXX, con l indicazione dei dati (contabili ed extracontabili) riferiti all intera attività d impresa esercitata. Nel presente prospetto, però, occorrerà indicare, al rigo 1, il codice dello studio UMXX e i ricavi pari a ; mentre, al rigo 2, il codice studio TDXX e i ricavi pari a

3 Nel calcolo della verifica della predetta quota del 30 per cento devono essere considerati i ricavi derivanti dalle attività dalle quali derivino aggi o ricavi fissi (indicati nel rigo 5 del prospetto). In tale rigo devono, infatti, essere indicati i ricavi delle attività per le quali si percepiscono aggi o ricavi fissi considerati per l entità dell aggio percepito e del ricavo al netto del prezzo corrisposto al fornitore dei beni. Esempio. Ricavi derivanti dall attività X (studio UMXX) (18%) Ricavi derivanti dall attività Y (studio UMXX) (36%) Ricavi fissi netti (46%) Totale ricavi Anche in tal caso il soggetto sarà tenuto alla compilazione del prospetto. Di seguito vengono descritte le modalità di compilazione. In particolare, indicare: nel rigo 1, il codice e i ricavi derivanti dalle attività rientranti nello studio di settore (studio prevalente) riferito al presente modello; nel rigo 2, i codici degli studi e i relativi ricavi, in ordine decrescente, derivanti dalle altre attività soggette ad altri studi di settore (studi secondari); nel rigo 3, l ammontare dei ricavi derivanti dalle altre attività soggette a studi di settore (altri studi secondari), non rientranti nei righi 1 e 2; nel rigo 4, i ricavi derivanti dalle altre attività non soggette a studi di settore (es. parametri); nel rigo 5, i ricavi derivanti dalle attività per le quali si percepiscono aggi o ricavi fissi, al netto del prezzo corrisposto al fornitore. Si tratta, ad esempio: degli aggi conseguiti dai rivenditori di generi di monopolio, valori bollati e postali, marche assicurative e valori similari, indipendentemente dal regime di contabilità adottato; dei ricavi derivanti dalla gestione di ricevitorie totocalcio, totogol, totip, totosei; dalla vendita di schede e ricariche telefoniche, schede e ricariche prepagate per la visione di programmi pay per-view, abbonamenti, biglietti e tessere per i mezzi pubblici, viacard, tessere e biglietti per parcheggi; dalla gestione di concessionarie superenalotto, lotto; dei ricavi conseguiti per la vendita dei carburanti e dai rivenditori in base a contratti estimatori di giornali, di libri e di periodici anche su supporti audiovideomagnetici. L importo da indicare nel presente prospetto nel campo Ricavi è costituito dalla sommatoria dei ricavi di cui all articolo 85, comma 1, esclusi quelli di cui alle lettere c), d), e) del testo unico delle imposte sui redditi approvato con d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917, degli altri proventi considerati ricavi (ad esclusione di quelli di cui all art. 85, lett. f) del Tuir) nonché delle variazioni delle rimanenze relative ad opere forniture e servizi di durata ultrannuale (al netto di quelle valutate al costo) riferiti allo studio di settore indicato nel corrispondente campo. Pertanto, l importo da indicare nel campo Ricavi corrisponde alla descrizione degli importi previsti nei righi F01 + F02 (campo 1) F02 (campo 2) + [F07 (campo 1) F07 (campo2)] [F06 (campo 1) F06 (campo2)] del quadro F degli elementi contabili. 4. QUADRO A PERSONALE ADDETTO ALL ATTIVITÀ Nel quadro A sono richieste informazioni relative al personale addetto all attività. Per quanto riguarda le istruzioni relative alla compilazione di tale quadro si rinvia al documento Istruzioni quadro A. 5. QUADRO B UNITÀ LOCALI DESTINATE ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ Nel quadro B sono richieste informazioni relative alle unità locali che, a qualsiasi titolo, vengono utilizzate per l esercizio dell attività. La superficie deve essere quella effettiva, indipendentemente da quanto risulta dalla eventuale licenza amministrativa. I dati da indicare sono quelli riferiti a tutte le unità locali utilizzate nel corso del periodo d imposta, indipendentemente dalla loro esistenza alla data di chiusura del periodo d imposta. Nel caso in cui nel corso del periodo d imposta si sia verificata l apertura e/o la chiusura di una o più unità locali, nelle note esplicative, contenute nella procedura applicativa GE.RI.CO., dovrà essere riportata tale informazione con l indicazione della data di apertura e/o di chiusura.

4 In particolare indicare: nel rigo B00, il numero complessivo delle unità locali utilizzate per l esercizio dell attività; in corrispondenza di Progressivo unità locale, barrando la casella corrispondente, il numero progressivo attribuito alla unità locale di cui sono indicati i dati; nel rigo B01, il comune in cui è situata l unità locale; nel rigo B02, la sigla della provincia; nel rigo B03, la superficie complessiva, espressa in metri quadrati, dei locali destinati ad uffici. 6. QUADRO D ELEMENTI SPECIFICI DELL ATTIVITÀ Nel quadro D sono richieste informazioni relative agli elementi specifici dell attività. Si precisa che per individuare se un immobile deve essere indicato tra quelli locati o tra quelli non locati, ovvero, nel caso di attività cd. mista, se va inserito tra gli immobili non locati o non venduti, andrà valutata la prevalenza d uso effettivo nel corso del periodo d imposta, confrontata con la destinazione d uso attribuita dal contribuente stesso. A tal fine si riportano i seguenti esempi: Esempio1: il contribuente dispone di un immobile destinato alla locazione: a) qualora l immobile venga locato per il periodo compreso tra il 1 marzo ed il 30 settembre 2013 dovrà essere indicato tra gli immobili locati; b) qualora l immobile venga locato per il periodo compreso tra il 1 agosto ed il 31 dicembre 2013, dovrà essere indicato tra gli immobili non locati; Esempio 2: il contribuente dispone di un immobile destinato alla vendita, che non risulta venduto alla data di chiusura del periodo d imposta: a) qualora l immobile venga dato in locazione per il periodo compreso tra il 13 giugno ed il 31 dicembre 2013, dovrà essere indicato tra gli immobili locati; b) qualora l immobile venga dato in locazione per il periodo compreso tra il 1 agosto ed il 31 dicembre 2013, dovrà essere indicato tra gli immobili invenduti; c) qualora l immobile non venga dato in locazione, dovrà essere indicato tra gli immobili invenduti; In particolare, indicare: Tipologia dell attività nei righi da D01 a D14, per ciascuna tipologia di attività individuata, la percentuale dei ricavi conseguiti in rapporto ai ricavi complessivi. Con riferimento al rigo D08, si precisa che in tale rigo devono essere indicati, tra gli altri, i dati relativi alla locazione di posti barca. Si precisa che le attività indicate nei righi D12 e D13 sono attività complementari ed hanno rilevanza solo se sono fatturate distintamente. Il totale delle percentuali indicate nei righi da D01 a D14 deve risultare pari a 100. Si precisa che nel rigo D09 la percentuale da indicare relativa all affitto dei terreni ad uso agricolo deve essere calcolata sul totale dei ricavi aumentato del reddito dominicale rilevante ai fini fiscali. Pertanto, non bisogna fare riferimento ai canoni di affitto percepiti; Si precisa che, ai fini della compilazione delle sezioni seguenti, occorre fare riferimento alla superficie indicata nei contratti di vendita e/o di locazione o, qualora la stessa non sia riportata in tali atti, alla superficie, determinata secondo i criteri stabiliti dal Decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n. 138, cui si rimanda. Con riferimento all attività di locazione, devono essere considerati gli immobili posseduti a titolo di proprietà e quelli detenuti o in possesso in ragione di un valido titolo giuridico (es. usufrutto, locazione, comodato, leasing, etc.). Vanno quindi indicati tutti gli immobili destinati alla locazione, indipendentemente dalla natura del rapporto giuridico in base al quale essi sono nella disponibilità dell impresa. Con riguardo agli immobili concessi in comodato, si precisa che gli stessi non assumono rilievo per le imprese concedenti ai fini della compilazione del presente quadro. ATTIVITÀ DI VENDITA

5 Fabbricati venduti nei righi da D15 a D22, per ciascuna delle fasce di valore individuate, il numero e i metri quadrati complessivi dei fabbricati venduti nel corso del periodo d imposta, a seconda della destinazione d uso dell immobile; nei righi D23 e D24, per ciascuna delle fasce di valore individuate, il numero e i metri quadrati complessivi delle aree edificabili vendute nel periodo d imposta; nei righi D25 e D26, per ciascuna delle fasce di valore individuate, il numero e i metri quadrati complessivi dei terreni venduti nel periodo d imposta, diversi da quelli dei righi precedenti; Si precisa che in caso di comproprietà di beni (ad esempio immobile posseduto da due società), i dati relativi ai metri quadrati devono essere rapportati alla quota di possesso. A tal fine si riporta il seguente esempio: il contribuente vende un fabbricato uso abitazione di 120 mq con un prezzo di vendita al metro quadrato pari a euro. Qualora la quota di possesso dell immobile sia pari al 50%, nel rigo D15 dovrà essere indicato 1 in corrispondenza della fascia oltre fino a euro e nel rigo D16 dovrà essere indicato 60 in corrispondenza della fascia oltre fino a euro. Fabbricati invenduti nei righi da D27 a D30, il numero e i metri quadrati complessivi dei fabbricati finiti invenduti, per ciascuna destinazione d uso individuata. Si precisa che in tale sezione vanno indicati esclusivamente gli immobili destinati alla vendita e non venduti; nel rigo D31, il numero e i metri quadrati complessivi delle aree edificabili invendute; nel rigo D32, il numero e i metri quadrati complessivi dei terreni invenduti diversi da quelli del rigo precedente. Si precisa che i box, se destinati alla vendita insieme ad un immobile, sono da considerarsi come pertinenza dello stesso, mentre nel caso in cui siano destinati alla vendita singolarmente, andranno considerati nella destinazione altro uso. Esempio 1: se nel corso del periodo d imposta viene venduto un solo immobile ad uso abitazione completo di box, andrà conteggiato nei righi D15 e D16 - Uso abitazione, indicando, nella fascia di valore corrispondente (calcolata dividendo il prezzo totale per i metri quadrati del solo immobile ad uso abitazione), rispettivamente il numero 1 ed i metri quadrati del solo immobile ad uso abitazione; Esempio 2: nel caso in cui si disponga di un unico box destinato alla vendita singolarmente: se è stato venduto nel corso del periodo d imposta, dovrà essere inserito nei righi D21 e D22 - Altro uso, indicando rispettivamente il numero 1 ed i metri quadrati dello stesso, nella fascia di valore corrispondente; se non è stato venduto, dovrà essere inserito nel rigo D30, indicando, nella prima colonna, il numero 1 e, nella seconda colonna, i metri quadrati; ATTIVITÀ DI LOCAZIONE Fabbricati locati nei righi D33 e D34, per ciascuna delle fasce di valore individuate, rispettivamente il numero e i metri quadrati complessivi dei fabbricati locati nel corso del periodo d imposta; nei righi da D35 a D39, per ciascuna destinazione d uso individuata, il numero e la rendita catastale complessiva dei fabbricati locati nel corso del periodo d imposta; nel rigo D40, il numero, i metri quadrati complessivi e il reddito dominicale dei terreni agricoli affittati nel corso del periodo d imposta; nei righi D41 e D42, per ciascuna delle fasce di valore individuate, rispettivamente il numero e i metri quadrati complessivi dei terreni affittati nel corso del periodo d imposta diversi da quelli del rigo precedente; Si precisa che in caso di comproprietà di beni (ad esempio immobile posseduto da due società), i dati relativi ai metri quadrati e alle rendite (catastale, dominicale) devono essere rapportati alla quota di possesso. A tal fine si riportano i seguenti esempi. Esempio 1: il contribuente loca un fabbricato uso abitazione di 120 mq con un prezzo di locazione al metro quadrato annuo pari a 75 euro e una rendita catastale pari a 1000 euro. Qualora la quota di possesso

6 dell immobile sia pari al 50%, nel rigo D33 dovrà essere indicato 1 in corrispondenza della fascia oltre 50 fino a 150 euro, nel rigo D34 dovrà essere indicato 60 in corrispondenza della fascia oltre 50 fino a 150 euro e nel rigo D35 dovranno essere indicati nella prima colonna 1 e nella seconda colonna 500. Esempio 2: il contribuente affitta un terreno agricolo di metri quadrati con un reddito dominicale pari a 100 euro. Qualora la quota di possesso dell immobile sia pari al 50%, nel rigo D40 dovranno essere indicati nella prima colonna 1, nella seconda colonna e nella terza colonna 50. Fabbricati locati ad uso industriale fino a 150 mq nei righi D43 e D44, per ciascuna delle fasce di prezzo (di locazione al mq) individuate, rispettivamente il numero e i metri quadrati complessivi dei fabbricati locati nel corso del periodo d imposta; Fabbricati locati ad uso industriale oltre 150 mq fino a 600 mq nei righi D45 e D46, per ciascuna delle fasce di prezzo (di locazione al mq) individuate, rispettivamente il numero e i metri quadrati complessivi dei fabbricati locati nel corso del periodo d imposta; Fabbricati locati ad uso industriale oltre 600 mq fino a 1200 mq nei righi D47 e D48, per ciascuna delle fasce di prezzo (di locazione al mq) individuate, rispettivamente il numero e i metri quadrati complessivi dei fabbricati locati nel corso del periodo d imposta; Fabbricati locati ad uso industriale oltre 1200 mq fino a 4800 mq nei righi D49 e D50, per ciascuna delle fasce di prezzo (di locazione al mq) individuate, rispettivamente il numero e i metri quadrati complessivi dei fabbricati locati nel corso del periodo d imposta; Fabbricati locati ad uso industriale oltre 4800 mq nei righi D51 e D52, per ciascuna delle fasce di prezzo (di locazione al mq) individuate, rispettivamente il numero e i metri quadrati complessivi dei fabbricati locati nel corso del periodo d imposta; Si precisa che i dati da indicare ai righi da D43 a D52 costituiscono un dettaglio dei dati indicati ai righi da D33 a D39. Pertanto i dati in questione devono essere riportati in entrambe le sezioni. Fabbricati non locati nei righi da D53 a D57, per ciascuna destinazione d uso individuata, il numero, i metri quadrati complessivi e la rendita catastale dei fabbricati non locati. Si precisa che i box, se destinati alla locazione insieme ad un immobile, sono da considerarsi come pertinenza dello stesso. Esempio 1: se un contribuente ha locato nel corso del periodo d imposta un unico immobile ad uso abitazione comprensivo di box, dovrà indicare: nei righi D33 e D34, nella fascia di valore corrispondente (calcolata dividendo il prezzo totale per i metri quadrati del solo immobile ad uso abitazione), il numero 1 ed i metri quadrati del solo immobile; nel rigo D35, nella prima colonna, il numero 1 e, nella seconda colonna, la rendita catastale dell immobile ad uso abitazione; Esempio 2: se un contribuente ha locato nel corso del periodo d imposta un unico box singolarmente, dovrà indicare: nei righi D33 e D34, nella fascia di valore corrispondente, il numero 1 ed i metri quadrati del box; nel rigo D39, nella prima colonna, il numero 1 e, nella seconda colonna, la rendita catastale dell immobile destinato ad altro uso; nel rigo D58, il numero e i metri quadrati complessivi dei terreni agricoli non affittati nel corso del periodo d imposta; nel rigo D59, il numero e i metri quadrati complessivi dei terreni diversi da quelli del rigo precedente non affittati nel corso del periodo d imposta;

7 Affitto di aziende nel rigo D60, il numero ed il valore complessivo delle aziende affittate nel corso del periodo d imposta. Ai soli fini della compilazione del presente campo, per valore dell azienda affittata, si intende il valore indicato nei libri aziendali o in altra documentazione agli stessi allegata o correlata, ovvero, in mancanza di tale indicazione, nel contratto di affitto stipulato tra le parti; Immobili di interesse storico-artistico (legge 1089/39) nel rigo D61, il numero, i metri quadrati complessivi e la rendita catastale imponibile complessiva degli immobili di interesse storico e/o artistico (ai sensi della legge 1 giugno 1939, n. 1089), locati nel corso del periodo d imposta. Si fa presente che l interesse storico e/o artistico degli immobili è riconosciuto in base al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42. Si precisa che i dati da indicare in tale rigo sono già compresi nelle informazioni richieste nei righi da D33 a D39; nel rigo D62, l ammontare dei canoni di locazione percepiti relativamente agli immobili di cui al rigo precedente. Si precisa, altresì, che l importo da indicare in tale rigo è compreso nell ammontare richiesto nel rigo D106; Localizzazione degli immobili venduti/locati/affittati nei righi da D63 a D71, la percentuale dei ricavi conseguiti in rapporto ai ricavi complessivi, derivante dalla vendita, dalla locazione e/o dall affitto degli immobili ubicati in ciascuna delle aree geografiche individuate. Il totale delle percentuali indicate deve risultare pari a 100; nei righi D72 e D73, nel caso in cui sia stato compilato il rigo D71, barrando la relativa casella, se gli immobili sono ubicati all interno e/o al di fuori dell Unione Europea; Tipologia della clientela nei righi da D74 a D78, per ciascuna tipologia di clientela individuata, la percentuale dei ricavi conseguiti in rapporto ai ricavi complessivi. Il totale delle percentuali indicate nei righi da D74 a D78 deve risultare pari a 100; Tipologia delle spese nei righi da D79 a D91, per ciascuna tipologia individuata, le spese e gli oneri sostenuti nel corso del periodo d imposta; Spese e oneri non afferenti la produzione nel rigo D92, le spese per il personale dipendente non direttamente impiegato nella produzione e non imputate ad incremento del valore delle rimanenze finali ai sensi dell art. 92 del Tuir o a incremento di opere, forniture e servizi di durata ultrannuale valutati a costo ai sensi dell art. 93, comma 5, del Tuir (es. spese di segreteria). Si precisa che tali spese devono essere indicate nel rigo F19 del Quadro F Elementi contabili; si precisa altresì che, per le società di persone, in tale rigo non vanno considerati gli importi relativi ai compensi corrisposti ai soci per l attività di amministratore (rigo F19, campo 5 del Quadro F Elementi contabili); nel rigo D93, gli interessi e gli oneri finanziari non imputati ad incremento del valore delle rimanenze finali ai sensi dell art. 92 del Tuir. o a incremento di opere, forniture e servizi di durata ultrannuale valutati a costo ai sensi dell art. 93, comma 5, del Tuir. Si precisa che tali spese devono essere indicate nel rigo F25 del Quadro F Elementi contabili; nel rigo D94, altri costi ed oneri, diversi da quelli di cui ai righi D92 e D93, non imputati ad incremento del valore delle rimanenze finali ai sensi dell art. 92 del Tuir o a incremento di opere, forniture e servizi di durata ultrannuale valutati a costo ai sensi dell art. 93, comma 5, del Tuir (es. spese per servizi amministrativi, spese di vendita, costi di ricerca e sviluppo, ecc.). Si precisa che tali costi e oneri devono essere inclusi nei righi F15, F16, F17, F20 (campo 2), F22 (campo 2) e F22 (campo 3), del Quadro F Elementi contabili; si precisa altresì che, per le società di capitali, in tale rigo non vanno considerati gli importi relativi ai compensi corrisposti ai soci per l attività di amministratore (rigo F16, campo 2 del Quadro F Elementi contabili). Si precisa che i righi da D92 a D94 non devono essere compilati da chi effettua esclusivamente l attività di locazione e/o affitto. Prodotti in corso di lavorazione e finiti

8 nel rigo D95, il valore delle esistenze iniziali di prodotti in corso di lavorazione e dei servizi non di durata ultrannuale valutate in base alle spese sostenute, ai sensi dell art. 92, comma 6 del Tuir. Si precisa che l ammontare da indicare in tale rigo è anche compreso nel valore da riportare nel rigo F12 del Quadro F Elementi contabili. In particolare, vanno indicati i costi per i lavori in corso valorizzati all inizio del periodo d imposta e sostenuti nel periodo d imposta precedente. Tali costi afferiscono a lavori in corso promossi direttamente dall impresa e/o eseguiti su commessa di durata inferiore a 12 mesi (a cavallo tra due esercizi); nel rigo D96, il valore delle rimanenze finali di prodotti in corso di lavorazione e dei servizi non di durata ultrannuale valutate in base alle spese sostenute, ai sensi dell art. 92, comma 6, del Tuir. Si precisa che l ammontare da indicare in tale rigo è anche compreso nel valore da riportare nel rigo F13 del Quadro F Elementi contabili. In particolare, vanno indicati i costi sostenuti per i lavori in corso al termine del periodo d imposta, promossi direttamente dall impresa e/o eseguiti su commessa di durata inferiore a 12 mesi (a cavallo tra due esercizi); nel rigo D97, il valore delle esistenze iniziali relative ai soli prodotti finiti. Si precisa che l ammontare da indicare in tale rigo è anche compreso nel valore da riportare nel rigo F12 del Quadro F Elementi contabili In particolare, vanno indicati i costi sostenuti per i lavori ultimati, direttamente promossi dall impresa, cioè non eseguiti su commessa (ad esempio, edifici e opere ultimate presenti all inizio del periodo di imposta e, quindi, realizzati con costi sostenuti in periodi d imposta precedenti); nel rigo D98, il valore delle rimanenze finali relative ai soli prodotti finiti. Si precisa che l ammontare da indicare in tale rigo è anche compreso nel valore da riportare nel rigo F13 del Quadro F Elementi contabili. In particolare, vanno indicati i costi sostenuti per lavori ultimati, direttamente promossi dall impresa, cioè, non eseguiti su commessa (ad esempio, edifici o opere ultimate indicati tra le rimanenze alla fine del periodo di imposta); Cambio di destinazione di beni immobili In tale sezione devono essere fornite informazioni relative ad eventuali operazioni di riclassificazione contabile di beni immobili operate, nel corso del periodo d imposta, a seguito di cambi di destinazione degli stessi. In particolare indicare: nel rigo D99, il valore dei beni immobili per i quali si è registrato, nel corso del periodo d imposta, il passaggio da rimanenze ad immobilizzazioni; nel rigo D100, il valore dei beni immobili per i quali si è registrato, nel corso del periodo d imposta, il passaggio da immobilizzazioni a rimanenze; Elementi specifici nel rigo D101, il numero e i metri quadrati complessivi dei fabbricati acquistati nel corso del periodo d imposta; nel rigo D102, il numero e i metri quadrati complessivi delle aree edificabili acquistate nel corso del periodo d imposta; nel rigo D103, il numero e i metri quadrati complessivi dei terreni acquistati nel corso del periodo d imposta diversi da quelli del rigo precedente; nei righi D104 e D105, rispettivamente, il numero dei progetti immobiliari e degli studi di fattibilità realizzati nel corso del periodo d imposta; nel rigo D106, l ammontare complessivo dei canoni di locazione e/o affitto percepiti nel corso del periodo d imposta relativi agli immobili destinati alla locazione e non alla vendita; nel rigo D107, l ammontare complessivo dei canoni percepiti nel corso del periodo d imposta per la locazione temporanea di immobili destinati alla vendita e invenduti; nel rigo D108, la percentuale di ricavi conseguiti dall attività di locazione turistica, rispetto ai ricavi complessivamente conseguiti nel corso del periodo d imposta; nel rigo D109, la percentuale di ricavi conseguiti dalla locazione di spazi all interno di centri commerciali, rispetto ai ricavi complessivi; nel rigo D110, la percentuale di ricavi derivanti dai canoni di locazione e/o affitto, percepiti dal cliente principale, in rapporto ai ricavi complessivi; nel rigo D111, l ammontare dei canoni sostenuti nel corso del periodo d imposta per la locazione di immobili destinati alla sublocazione; nel rigo D112 l ammontare complessivo dei ricavi derivanti dall attività di sublocazione di immobili; nel rigo D113, barrando l apposita casella, se il contribuente interessato alla compilazione del modello, appartiene a gruppi societari immobiliari e/o di costruzioni.

9 7. QUADRO F ELEMENTI CONTABILI 8. QUADRO X ALTRE INFORMAZIONI RILEVANTI AI FINI DELL APPLICAZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE Nel quadro X è prevista l indicazione di ulteriori informazioni rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore. Per quanto riguarda le istruzioni relative alla compilazione di tale quadro si rinvia al documento Istruzioni quadro X. 9. QUADRO V ULTERIORI DATI SPECIFICI Nel quadro V sono richieste informazioni relative alle modalità applicative degli studi nei confronti di determinate tipologie di soggetti, previste dal DM 11 febbraio 2008, come modificato, da ultimo, dall articolo 6 del DM 28 dicembre Per quanto riguarda le istruzioni relative alla compilazione di tale quadro si rinvia al documento Istruzioni quadro V. 10. QUADRO Z DATI COMPLEMENTARI Nel quadro Z devono essere fornite ulteriori informazioni utili per l aggiornamento dello studio di settore. In particolare, indicare: ATTIVITÀ DI LOCAZIONE nei righi da Z01 a Z03, per ciascuna delle fasce di valore individuate, rispettivamente il numero, i metri quadrati e i mesi di locazione complessivi dei fabbricati locati nel corso del periodo d imposta; nel rigo Z04, per ciascuna delle fasce di valore individuate, i mesi di locazione complessivi dei terreni diversi da quelli agricoli, affittati nel corso del periodo d imposta. Si precisa che per individuare se un immobile debba essere indicato tra quelli locati o tra quelli non locati, ovvero, nel caso di attività cd. mista, tra gli immobili non locati o non venduti, andrà valutata la prevalenza d uso effettivo nel corso del periodo d imposta, confrontata con la destinazione d uso attribuita dal contribuente stesso. A tal fine si riportano i seguenti esempi: Esempio1: il contribuente dispone di un immobile destinato alla locazione: a) qualora l immobile venga locato per il periodo compreso tra il 1 marzo ed il 30 settembre 2013 dovrà essere indicato tra gli immobili locati; b) qualora l immobile venga locato per il periodo compreso tra il 1 agosto ed il 31 dicembre 2013, dovrà essere indicato tra gli immobili non locati; Esempio 2: il contribuente dispone di un immobile destinato alla vendita, che non risulta venduto alla data di chiusura del periodo d imposta: a) qualora l immobile venga dato in locazione per il periodo compreso tra il 13 giugno ed il 31 dicembre 2013, dovrà essere indicato tra gli immobili locati; b) qualora l immobile venga dato in locazione per il periodo compreso tra il 1 agosto ed il 31 dicembre 2013, dovrà essere indicato tra gli immobili invenduti; c) qualora l immobile non venga dato in locazione, dovrà essere indicato tra gli immobili invenduti. Si precisa che in caso di comproprietà di beni (ad esempio immobile posseduto da due società), i dati relativi ai metri quadrati devono essere rapportati alla quota di possesso. A tal fine si riporta il seguente esempio: il contribuente loca per un periodo di 10 mesi un fabbricato di 120 mq con un prezzo di locazione al metro quadro annuo pari a 75 euro. Qualora la quota di possesso dell immobile sia pari al 50%, nel rigo Z01 dovrà essere indicato 1 in corrispondenza della fascia oltre 50 fino a 150 euro, nel rigo Z02 dovrà essere indicato 60 in corrispondenza della fascia oltre 50 fino a 150 euro e nel rigo Z03 dovrà essere indicato 10 in corrispondenza della fascia oltre 50 fino a 150 euro. Apprendisti

10 nel rigo Z05, l ammontare totale, già indicato tra le spese per lavoro dipendente, delle spese sostenute per il lavoro prestato dagli apprendisti (compilare solo se tale importo non è già stato indicato al rigo X01); nel rigo Z06, il numero complessivo dei mesi di apprendistato indicati nei singoli contratti dei lavoratori interessati da tale tipologia di contratto; nel rigo Z07, il numero complessivo dei mesi di apprendistato svolto, alla data di inizio del periodo di imposta, dai lavoratori interessati da tale tipologia di contratto; nel rigo Z08, il numero complessivo dei mesi di apprendistato svolto, alla data di fine del periodo di imposta, dai lavoratori interessati da tale tipologia di contratto; si precisa che in tale rigo vanno ricompresi anche i mesi di apprendistato svolti presso il contribuente da coloro che hanno concluso il periodo di apprendistato nel corso del periodo d imposta. Per maggior chiarimento si riporta il seguente esempio: un artigiano, con periodo d imposta coincidente con l anno solare, ha un apprendista con un contratto di 3 anni (36 mesi) iniziato in data 1/6/2011 e un altro apprendista con un contratto di 2 anni (24 mesi) iniziato in data 1/1/2012. Supponendo che alla data di fine del periodo di imposta entrambi gli apprendisti siano presenti nell impresa, il contribuente dovrà indicare: nel rigo Z06, il numero di mesi pari a 60 (somma di ); nel rigo Z07, il numero di mesi pari a 31 (somma di ); nel rigo Z08, il numero di mesi pari a 55 (somma di ). 11. QUADRO T CONGIUNTURA ECONOMICA