MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI"

Transcript

1 MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber 1. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni di contabilità 1.1 I beni pubblici Il conto del patrimonio di un ente pubblico. L attività di controllo della Corte dei conti La gestione del patrimonio immobiliare pubblico: il fenomeno delle cartolarizzazioni 1.2 Che cosa significa rendere conto della gestione delle risorse assegnate 1.3 Gli strumenti matematici per effettuare il controllo finanziario. Gli indicatori finanziari. 1.4 Introduzione alla contabilità degli Enti pubblici: il pensiero della dottrina 1.5 L evoluzione del bilancio pubblico dello Stato: comprensione e leggibilità. Per una nuova struttura La riforma della contabilità e della finanza pubblica, nel La legge n. 196 e la sua progressiva attuazione. Materiali di studio (Prima parte) La riforma della contabilità e della finanza pubblica, nel La legge n. 196 e la sua progressiva attuazione. Materiali di studio (Seconda parte) Le missioni e i programmi nel bilancio dello Stato. Nell esercizio finanziario 2015 ( 2017) L armonizzazione dei bilanci delle Regioni Le missioni e i programmi dell ente Regione (dal 2015) L armonizzazione dei bilanci degli Enti Locali (dal 2015) Le missioni e i programmi dell Ente Provincia (dal 2015) Le missioni e i programmi di un Comune, dal Il ciclo dei documenti di bilancio: la programmazione economico-finanziaria Le parole della contabilità pubblica 1.7 Il bilancio pubblico dello Stato (per centri di responsabilità; per centri di costo) 1.8 Il bilancio pubblico di una Regione: dalla legge di approvazione alla lettura dei suoi effetti 1.9 Il lessico amministrativo-contabile dallo Stato alla Regione, all Ente Locale. La gestione finanziaria del bilancio pubblico 2. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni di contabilità 1

2 2.1 Il controllo indipendente della Corte dei conti dopo la legge n. 131/ Le procedure contabili dell entrata e della spesa dello Stato 2.3 Le procedure contabili dell entrata e della spesa degli Enti pubblici non economici 2.4 Le procedure contabili dell entrata e della spesa delle Regioni 2.5 Le procedure contabili dell entrata e della spesa delle Province 2.6 Le procedure contabili dell entrata e della spesa dei Comuni 2.7 Le procedure contabili dell entrata e della spesa dell Unione di Comuni 3. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni di contabilità 3.1 Il costo dei conferimenti delle funzioni amministrative dallo Stato, dalla Regione agli altri livelli di governo. 3.2 Economia e bilanci pubblici: interazioni e condizionamenti. Schede di lettura. 3.3 La contabilità economico-funzionale I Ministeri nel bilancio di previsione dello Stato del I Ministeri nel bilancio di previsione dello Stato del La contabilità patrimoniale 3.5 Come si assicura esecuzione al bilancio pubblico: la contabilità finanziaria 3.6 La contabilità analitica (per centro di costo) nei Ministeri, dopo la legge n. 196/ Il coordinamento della finanza locale ( ) di competenza del Parlamento nazionale. 4.1 Il coordinamento della finanza locale ( ) di competenza del Parlamento nazionale. Il rispetto del Patto di stabilità interno da parte di Regioni ed Enti locali: materiali di studio Il rispetto del Patto di stabilità interno da parte degli Enti locali: materiali di studio Il potere del Parlamento nazionale nella materia del coordinamento della finanza pubblica: l area di intervento, la giurisprudenza della Corte Costituzionale 4.3 Controllo e responsabilità amministrativa e contabile nel sistema delle entrate. Casi di studio L interazione tra controllo esterno della Corte dei conti e il sistema dei controlli interni. Il Manifesto di Lima : schede di lettura Corte dei conti e responsabilità del Collegio sindacale delle AUSL Corte dei conti e responsabilità del Collegio dei revisori dell Ente Locale Corte dei conti e responsabilità del Collegio dei revisori di una Regione Corte dei conti e responsabilità del Collegio dei revisori di una Università 2

3 5. La legislazione di base per la programmazione statale, presupposto per la gestione dello sviluppo economico locale. 5.1 La legislazione di base per la programmazione regionale: lo sviluppo economico e sociale 5.2 La legislazione di base per la programmazione provinciale 5.3 La legislazione di base per la programmazione comunale 6. Essere responsabili per il danno arrecato all erario. 6.1 Essere responsabili per il danno arrecato all erario. Struttura della responsabilità amministrativa. 6.2 Essere responsabili per il danno arrecato all erario. Il giudizio di responsabilità amministrativa dinanzi alla Corte dei conti. 6.3 Essere responsabili per il danno arrecato all erario. La responsabilità amministrativa del decisore politico. 6.4 Governo e Parlamento: dialettica tra Organi dello Stato per salvaguardare l etica dello svolgimento di pubbliche funzioni. Un caso di studio: la legge finanziaria per il 2007 Art. 1, c La responsabilità amministrativa del commissario prefettizio 6.6 La resa dei conti, dal conto amministrativo al conto giudiziale 7. Il controllo economico-finanziario di un centro di responsabilità. Il caso della Regione Lazio. La politica pubblica della formazione professionale. 7.1 La politica pubblica della formazione professionale. 7.2 La politica pubblica dell assistenza all inserimento lavorativo La politica pubblica dell assistenza all inserimento lavorativo: una bibliografia, un glossario La politica pubblica dell assistenza all inserimento lavorativo: il ruolo dell Ente Provincia 7.3 La politica pubblica a sostegno del diritto all istruzione La politica pubblica a sostegno del diritto all istruzione: il ruolo del Ministero dell istruzione La politica pubblica a sostegno del diritto all istruzione: il ruolo dell Ente Regione La politica pubblica a sostegno del diritto all istruzione: il ruolo della Provincia La politica pubblica a sostegno del diritto all istruzione: il ruolo del Comune 7.4 La politica pubblica del trasporto e della mobilità La politica pubblica del trasporto marittimo 7.5 La politica pubblica dell urbanistica e della casa. 3

4 7.5.1 Controllare lo stato di esecuzione della legge regionale di riforma degli istituti autonomi delle case popolari 7.6 La politica pubblica dell ambiente e della protezione civile. 7.7 La politica pubblica a sostegno delle infrastrutture e del territorio. 7.8 La politica pubblica dello sviluppo economico (lo sportello unico delle attività produttive e per l internazionalizzazione). 7.9 La politica pubblica dello sviluppo economico (il caso della Regione Lazio) L affidamento a enti della gestione delle politiche pubbliche: lo sviluppo economico. Il caso della Regione Lazio La politica pubblica dello sviluppo delle zone montane La politica pubblica della formazione professionale. Il sostegno all alta formazione e il ruolo delle Università 7.12 La politica pubblica dell orientamento scolastico e professionale. Il ruolo dei distretti scolastici 7.13 La politica pubblica dell assistenza all inserimento dei disabili nel mondo del lavoro 7.14 Le politiche pubbliche a sostegno della ricerca scientifica 7.15 Le politiche pubbliche a sostegno dell assistenza e della beneficenza. Il caso delle IPAB Le IPAB nel Lazio: formare per migliorare l efficienza istituzionale 7.16 La politica pubblica dell assistenza sanitaria e dell assistenza sociale: un glossario Il controllo della spesa sanitaria. Il settore farmaceutico Il controllo della spesa del personale della sanità. Il caso del Lazio Il modello gestionale dei Policlinici universitari Il controllo della spesa dei servizi affidati all esterno 8. Vincoli e prescrizioni per ridurre i costi dell attività amministrativa. 8.1 Il monitoraggio del costo del lavoro. Il caso di una Regione Il monitoraggio del costo del lavoro. L avvio di un esperienza di controllo ex post da parte della Corte dei conti 8.2 I questionari di controllo per monitorare il costo del lavoro dei dipendenti pubblici 8.3 Il costo del lavoro, il costo della partecipazione sindacale 8.4 Il controllo ex ante della contrattazione collettiva del pubblico impiego: il caso delle aziende e amministrazioni autonome 8.5. Il controllo del costo del lavoro: una competenza delle strutture periferiche della Corte dei conti 8.6 Il controllo del costo del lavoro. Il caso delle fondazioni liriche 9. Controllare le spese destinate all automazione degli uffici pubblici. 4

5 10. L influenza della legislazione finanziaria statale sulla gestione delle Università pubbliche e private Le risorse finanziarie dello Stato destinate alle Università del Lazio 10.2 La disciplina della contabilità pubblica delle Università degli studi. L analisi degli Statuti 10.3 I regolamenti di contabilità delle Università degli studi del Lazio 10.4 Il regolamento di contabilità dell Università degli studi della Basilicata 11. Il controllo finanziario della Corte dei conti nei riguardi degli Enti locali In che modo la Corte dei conti dovrebbe svolgere l attività di controllo sulla sana gestione finanziaria degli Enti Locali. Schede di lettura 11.1 Il controllo finanziario della Sezione regionale di controllo per il Lazio sugli Enti locali: i Comuni della Provincia di Roma ( ) 11.2 Il controllo finanziario della Sezione regionale di controllo per il Lazio sugli Enti locali: i Comuni della Provincia di Rieti ( ) 11.3 Il controllo finanziario della Sezione regionale di controllo per il Lazio sugli Enti locali: i Comuni della Provincia di Frosinone ( ) 11.4 Il controllo finanziario della Sezione regionale di controllo per il Lazio sugli Enti locali: i Comuni della Provincia di Viterbo ( ) 11.5 Il controllo finanziario della Sezione regionale di controllo per il Lazio sugli Enti locali: i Comuni della Provincia di Latina ( ) 11.6 La salvaguardia degli equilibri di bilancio di un Comune: parametri e indicatori 11.7 Il controllo finanziario delle Sezioni regionali di controllo dopo il d.l. n. 174/ Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici: il controllo finanziario della Corte dei conti nei riguardi dell Ente Regione 12.0 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto Generale della Regione Lazio (anno 1999) 12.1 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto Generale della Regione Lazio (anno 2000) 12.2 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto Generale della Regione Lazio (anno 2001) 12.3 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto Generale della Regione Lazio (anno 2002) 12.4 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto Generale della Regione Lazio (anni ) 12.5 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto Generale della Regione Lazio (anno 2005) 12.6 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto Generale della Regione Lazio (anno 2006) 5

6 12.7 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto generale della Regione Lazio (anno 2007) 12.8 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto generale della Regione Lazio (anno 2008) 12.9 Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto generale della Regione Lazio (anno 2009) Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto generale della Regione Lazio (anno 2010) Il controllo finanziario della Corte dei conti sul Rendiconto generale della Regione Lazio (anno 2011) La parifica del Rendiconto generale della Regione Lazio (anno 2012) La parifica del Rendiconto generale della Regione Lazio (anno 2013) La parifica del Rendiconto generale della Regione Lazio (anno 2014) 13. Il sistema nazionale dei controlli interni 13.1 Il sistema dei controlli interni (diversi da quelli finanziario-contabili) delle Regioni. Il caso della Regione Lazio 13.2 Il sistema dei controlli interni (diversi da quelli finanziario-contabili) delle Province 13.3 Il sistema dei controlli interni (diversi da quelli finanziario-contabili) dei Comuni 13.4 Il sistema dei controlli interni (diversi da quelli finanziario-contabili) delle AUSL 13.5 Il sistema dei controlli interni (diversi da quelli finanziario-contabili) dei Policlinici universitari 13.6 Il sistema dei controlli interni dopo il d.l. n. 174/ Il controllo della produttività del lavoro pubblico 14.1 Metodi e tecniche per monitorare la produttività del lavoro 14.2 Il progetto FEPA e la sua realizzazione 15. Il controllo di gestione: valutare la produttività degli uffici pubblici 15.1 Il controllo di gestione: strumenti e tecniche per valutare la produttività degli uffici pubblici 15.2 Valutare lo stato di esecuzione di un provvedimento legislativo e i suoi effetti sulla collettività. Dall art. 3, legge n. 20/94 ad oggi 15.3 Il lessico del controllo di gestione e degli altri tipi di controllo 15.4 Il lessico del controllo strategico (o sul programma/sui programmi) 15.5 Il lessico della valutazione delle dirigenze 15.6 Riflessioni sul ruolo della corte dei conti. Un convegno sulla revisione della spesa, a marzo

7 16. Controllare perché il Patto di stabilità e di crescita sia rispettato: il ruolo della Corte dei conti Il Patto di stabilità e di crescita in Italia, dal 1999 ad oggi Il Patto di stabilità interno: la legislazione nazionale 16.3 Le politiche economiche, la politica monetaria, tra Stato ed Europa 16.4 Il tempo della vacche grasse, il tempo della vacche magre: il ciclo economico. Schede di lettura Il ruolo della Banca Centrale Europea: per la stabilità dei prezzi, contro l inflazione 16.6 La disciplina del Patto di stabilità interno dopo la riforma costituzionale del 2012 (fiscal compact) 17. I principi costituzionali nella materia del controllo: il pensiero della dottrina 17.1 Cosa dice l articolo 119 della Costituzione I principi contabili degli Enti locali L armonizzazione dei bilanci pubblici. Come si attua il coordinamento della finanza locale La Corte dei conti nella giurisprudenza della Corte Costituzionale La posizione della Corte dei conti nell'ordinamento costituzionale italiano Il fondamento costituzionale del controllo di legittimità-regolarità Il controllo preventivo di legittimità Il controllo di legittimità-regolarità sui conti degli enti territoriali Il controllo delle sezioni regionali della Corte dei conti sui rendiconti dei gruppi consiliari La parifica del rendiconto dello Stato, delle Regioni e delle Province autonome di Trento e di Bolzano La legittimazione a sollevare questioni di costituzionalità in via incidentale in sede di controllo di legittimità e di parificazione Il fondamento costituzionale del controllo sulla gestione Il controllo sui contratti collettivi Le verifiche finalizzate all'esercizio dei controlli e strumentali al coordinamento della finanza pubblica La funzione di controllo, il coordinamento della finanza pubblica e la salvaguardia degli equilibri di bilancio La giurisdizione della Corte dei conti Sulla nozione "materie di contabilità pubblica" di cui all'art. 103, secondo comma Cost La disciplina degli aspetti sostanziali e processuali della responsabilità amministrativa non spetta alle regioni 7

8 I giudizi di responsabilità La responsabilità amministrativa dei rappresentanti dei gruppi consiliari delle Regioni I giudizi di conto, ieri e oggi I giudizi ad istanza di parte 18. La legislazione nazionale nella materia della contabilità degli Enti Locali: il d.lgs. 267 del 2000 artt (all ) 18.1 Dallo Statuto al regolamento di organizzazione: il caso del Comune di Roma 18.2 Il sistema contabile del Comune di Roma 18.3 Il bilancio a consuntivo del Comune di Roma: il sistema delle entrate 18.4 Il bilancio a consuntivo del Comune di Roma: il sistema delle spese 18.5 Il bilancio a consuntivo del Comune di Roma: una lettura per centri di responsabilità 18.6 La legislazione in materia di contabilità degli Enti Locali, nel L attuazione del d.l. n L armonizzazione dei bilanci degli Enti Locali (dal 2015) 18.8 I nuovi principi contabili. Il ruolo della Ragioneria negli Enti Locali 19. I regolamenti di contabilità pubblica I regolamenti di contabilità delle Regioni 19.2 I regolamenti di contabilità degli enti pubblici non economici I regolamenti di contabilità degli enti pubblici non economici: l INPDAP I regolamenti di contabilità degli enti pubblici non economici: l INAIL 19.3 I regolamenti di contabilità delle Province 19.4 I regolamenti di contabilità dei Comuni 19.5 I regolamenti di contabilità delle Città metropolitane 19.6 I regolamenti di contabilità delle istituzioni universitarie 20. Il controllo indipendente della Corte dei conti sui contratti pubblici 20.1 Come si controllano i costi delle opere pubbliche: affidamento e gestione 20.2 Come si controllano i costi dei beni che sono necessari al funzionamento delle organizzazioni pubbliche. Dall affidamento alla gestione 20.3 Come si controllano i costi dei servizi esternalizzabili dalla P.A. al sistema delle imprese private 21. Il controllo indipendente esterno della Corte dei conti sull amministrazione indiretta 21.1 Evoluzione del controllo della Corte dei conti sul sistema delle società partecipate dagli Enti territoriali 8

9 21.2 Il controllo della Corte dei conti sulle partecipate. Verso il bilancio consolidato, nel Il controllo dei costi della politica affidato alla Corte dei conti 22.1 L intervento delle Sezioni regionali di controllo 22.2 Il controllo delle spese dei Gruppi consiliari nelle Regioni 22.3 Le spese elettorali negli Enti Locali. Strumenti e modelli organizzativi per ridurre i costi della politica 23. La legislazione nazionale nella materia della contabilità delle Regioni 24. La legislazione nazionale nella materia della contabilità degli enti del SSN 25. L armonizzazione dei bilanci pubblici. Materiali di studio 26. L attività consultiva della Corte dei conti 26.1 Il ruolo di indirizzo della Sezione delle autonomie 26.2 L attività consultiva nella materia della contabilità pubblica. La definizione del perimetro 26.3 L attività consultiva a tutela dei vincoli posti dal Legislatore nazionale (spesa del personale) 26.4 L attività consultiva a tutela dei vincoli posti dal Legislatore nazionale (spesa per consulenze ed altro) 26.5 L attività consultiva a tutela dei vincoli posti dal Legislatore nazionale (spesa per remunerare specifiche attività professionali) 26.6 L attività consultiva a tutela dei vincoli posti dal Legislatore nazionale (spesa derivante dalla contrattazione integrativa decentrata) 27. Il finanziamento della politica pubblica della sanità 27.1 Il Patto della salute. Documenti di studio 27.2 Il fabbisogno finanziario del settore sanità. Al tempo della crisi 28. L amministrazione indiretta, a livello locale: i modelli organizzativi 28.1 I servizi pubblici locali: modelli organizzativi e costi 28.2 L analisi dei costi dei servizi pubblici locali 28.3 La presenza del privato nei servizi pubblici locali: quando e come 29. L acquisizione di opere pubbliche, beni e servizi da parte delle pubbliche istituzioni 29.1 La costruzione e la manutenzione delle strade di comunicazione 29.2 La costruzione degli edifici scolastici 29.3 La costruzione delle strutture ospedaliere 29.4 La costruzione dei musei 29.5 La costruzione delle strutture socio-assistenziali 9

10 30. La corte dei conti in Italia: il controllo al centro e alla periferia 30.1 La legislazione nazionale, i regolamenti interni 30.2 L autonomia finanziaria della Corte dei conti 30.3 Il sistema dei bilanci della Corte dei conti 30.4 Gli organi della Corte dei conti: la presenza sul territorio 30.5 I discorsi e gli interventi del Presidente della Corte dei conti 30.6 L inaugurazione dell anno giudiziario, dal La Sezione delle autonomie 30.8 La Sezione centrale di legittimità 30.9 La Sezione degli affari internazionali e comunitari Le Sezioni riunite in speciale composizione La programmazione delle attività di controllo La programmazione dell attività di controllo delle Sezioni regionali 31. La lotta agli sprechi 31.1 Il rispetto del principio di legalità: il ruolo del diritto amministrativo 31.2 Il rispetto del principio della libera concorrenza 31.3 Il rispetto del principio di economicità 31.4 La normativa di contrasto all illegalità e ai fenomeni di corruzione 31.5 Il ruolo dell ANAC. Il protocollo d intesa stipulato con la Corte dei conti 31.6 Il ruolo dell ANAC. Il protocollo d intesa stipulato con le Prefetture 31.7 Il Piano nazionale anticorruzione. Materiali di studio 31.8 Il ruolo del responsabile anticorruzione nel sistema organizzativo di una Regione 31.9 Il ruolo del responsabile anticorruzione nel sistema organizzativo di un Comune Ed

POLITICHE PUBBLICHE, GESTIONE, CONTROLLO Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber ------------

POLITICHE PUBBLICHE, GESTIONE, CONTROLLO Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber ------------ POLITICHE PUBBLICHE, GESTIONE, CONTROLLO Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber ------------ Indice dei dossiers di ricerca e di studio 1. Un confronto tra burocrazie:

Dettagli

POLITICHE PUBBLICHE, GESTIONE, CONTROLLO Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber ------------

POLITICHE PUBBLICHE, GESTIONE, CONTROLLO Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber ------------ POLITICHE PUBBLICHE, GESTIONE, CONTROLLO Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber ------------ Indice dei dossiers di ricerca e di studio 1. Un confronto tra burocrazie:

Dettagli

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber 1. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA INDICE Prefazione... Pag. XIII CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA 1.1. La concezione arcaica della salute pubblica... Pag. 1 1.2. Le prime leggi amministrative

Dettagli

Domicilio: VIA VIRGILIO, 13 04023 FORMIA (LT) TELEFONO 338 6116031 Indirizzo mail: marta.cristiani@gmail.com MARTA CRISTIANI

Domicilio: VIA VIRGILIO, 13 04023 FORMIA (LT) TELEFONO 338 6116031 Indirizzo mail: marta.cristiani@gmail.com MARTA CRISTIANI Domicilio: VIA VIRGILIO, 13 04023 FORMIA (LT) TELEFONO 338 6116031 Indirizzo mail: marta.cristiani@gmail.com MARTA CRISTIANI INFORMAZIONI PERSONALI * Nazionalità: Italiana * Data di nascita: 01/11/1961

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

Contabilità e fiscalità pubblica

Contabilità e fiscalità pubblica Contabilità e fiscalità pubblica Corso 60 ore Negli ultimi anni è in corso un consistente sforzo - che partendo dal piano normativo si ripercuote sull ordinamento e sulla gestione contabile di tutte le

Dettagli

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO IL CONTROLLO SULLA GESTIONE FINANZIARIA DELLE REGIONI: IL RUOLO DELLA CORTE DEI CONTI ALLA LUCE DELLE MODIFICHE INTRODOTTE DAGLI ARTT. 1 E 1 BIS DEL D.L. 174/2012 (CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA L.

Dettagli

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI PAOLA MARIANI Udine 26 marzo 2014 PRESENTAZIONE: 1) L ARMONIZZAZIONE 2) IL QUADRO NORMATIVO 3) I SISTEMI CONTABILI ARMONIZZATI 4) GLI STRUMENTI DELL ARMONIZZAZIONE

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE L. 1888 legge Pagliai (Legge Riforma sanitaria) istituzione Medici Comunali istituzione Medici Provinciali istituzione Direzione Generale Sanità L. 1890 legge

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale Progetto di Gemellaggio TR 08 IB FI 02 Improving Data Quality in Public Accounts Workshop internazionale Public accounting data quality and IPSAS implementation strategies in UE countries Istanbul, 3-5

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Direttore Generale - Organismo Indipendente di Valutazione della performance

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Direttore Generale - Organismo Indipendente di Valutazione della performance INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giuseppone Marina Data di nascita 03/10/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI

Dettagli

Comune di Sondalo (Provincia di Sondrio) SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Elenco tipologie di procedimento DENOMINAZIONE PROCEDIMENTO

Comune di Sondalo (Provincia di Sondrio) SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Elenco tipologie di procedimento DENOMINAZIONE PROCEDIMENTO Comune di Sondalo (Provincia di Sondrio) SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Elenco tipologie di procedimento NR 1 DENOMINAZIONE PROCEDIMENTO Predisposizione del bilancio di previsione e dei relativi allegati

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente:

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente: CURRICULUM VITAE dati anagrafici: Giuseppe DAIDONE nato a NOTO (SR) il 28 ottobre 1962 residente a AUGUSTA, in via Siracusa, 14 mail: g.daidone@plemmirio.it cell.: 3357702907 studi: - ha conseguito la

Dettagli

LA REVISIONE E L ARMONIZZAZIONE CONTABILE NEGLI ENTI LOCALI: come strutturare i controlli a fronte della nuova architettura contabile

LA REVISIONE E L ARMONIZZAZIONE CONTABILE NEGLI ENTI LOCALI: come strutturare i controlli a fronte della nuova architettura contabile Corso di formazione 2014 LA REVISIONE E L ARMONIZZAZIONE CONTABILE NEGLI ENTI LOCALI: come strutturare i controlli a fronte della nuova architettura contabile Ferrara 3 e 10 ottobre 2014 Iscrizioni entro

Dettagli

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 CONTABILITA PUBBLICA(130 h) DIRITTO DEI CONTRATTI PUBBLICI La gestione delle gare d appalto. Profili teorici e pratici

Dettagli

ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI

ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI Denominazione sottosezione livello 1 Disposizioni generali Organizzazione (art. 10, c. 1, d.lgs. n. ) (art. 10, c. 1, d.lgs. n. Programma per la Trasparenza e Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. Responsabile

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Telefono Fax E-mail Cittadinanza Via Valentino Mazzola, 14 00142 Roma Mobile:00393346901090 maurizio.bruschi@tiscali.it italiana

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

Regolamento. sui. Controlli interni

Regolamento. sui. Controlli interni COMUNE di TARVISIO Provincia di Udine Regolamento sui Controlli interni Adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 26 febbraio 2013 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di decreto recante: Organizzazione e compiti degli uffici di livello dirigenziale non generale istituiti presso l Ufficio scolastico regionale per il Lazio. 07.11.2014 IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE,

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI

ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI sotto-sezione 2 livello Disposizioni generali Organizzazione Programma per la Trasparenza e l'integrità Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. Responsabile della

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DEL CONTROLLO PER LA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. composta dai magistrati: PRESIDENTE F.F.

CORTE DEI CONTI SEZIONE DEL CONTROLLO PER LA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. composta dai magistrati: PRESIDENTE F.F. REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI in SEZIONE DEL CONTROLLO PER LA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA composta dai magistrati: PRESIDENTE F.F.: Giorgio Longu CONSIGLIERE: Leone Nicola CONSIGLIERE : Maria

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 gennaio 2008, n. 026/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 gennaio 2008, n. 026/Pres. L.R. 1/2007, art. 8, cc. 55 e 56 B.U.R. 13/2/2008, n. 7 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 gennaio 2008, n. 026/Pres. Regolamento recante le indicazioni per l articolazione del bilancio consuntivo

Dettagli

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto 1 Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto (Approvato con delibera della Giunta regionale della regione Lazio in data 01 luglio 2008 n. 461) 1 Capo I Origine - Sede Fini Redditi

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213 Allegato alla delib. C.C. n.3 del 20/3/2013 REGOLAMENTO COMUNITARIO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Dettagli

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI MASTER 2014 livello avanzato IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NECESSARIA PER L ISCRIZIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA STESSA NEGLI ELENCHI DELLA PREFETTURA (CREDITI FORMATIVI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di decreto recante: 11.11.2014 Organizzazione e compiti degli uffici di livello dirigenziale non generale istituiti presso l Ufficio scolastico regionale per il Molise. IL MINISTRO Visti gli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE Allegato alla delibera del Consiglio Comunale n. 05 del 08 gennaio 2013 IL VICE SEGRETARIO COMUNALE R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I C O N T R O L L I

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER I REVISORI DEGLI ENTI LOCALI

CORSO DI FORMAZIONE PER I REVISORI DEGLI ENTI LOCALI CORSO DI FORMAZIONE PER I REVISORI DEGLI ENTI LOCALI Organizzato da: Premessa La gestione degli Enti Pubblici e Locali è in continua evoluzione e negli ultimo anno è sempre maggiore l esigenza di una costante

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ;

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ; Delibera n. 49/2015 Misure regolatorie per la redazione dei bandi e delle convenzioni relativi alle gare per l assegnazione in esclusiva dei servizi di trasporto pubblico locale passeggeri e definizione

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Regolamento. sui. Controlli interni

Regolamento. sui. Controlli interni COMUNITA MONTANA DEL GEMONESE, CANAL DEL FERRO E VAL CANALE (PROVINCIA DI UDINE) Regolamento sui Controlli interni 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1).

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1). D.Lgs. 30-6-1994 n. 509 Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma 32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori di forme

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato Deliberazione n.2/2002/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza del

Dettagli

INDICE. Volume II. La gestione del bilancio dello Stato 2012

INDICE. Volume II. La gestione del bilancio dello Stato 2012 INDICE INDICE Volume II La gestione del bilancio dello Stato 2012 Pag. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI CENTRALI 1 L andamento della spesa nell esercizio 2012 1 L attività di revisione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 - Supplemento Ordinario n. 162 TITOLO

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE APPROVATO IN SEDE REFERENTE DALLA 1 a COMMISSIONE DEL SENATO NELLA SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2014 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

Materiali per l autonomia

Materiali per l autonomia Direzione didattica di Pavone Canavese Materiali per l autonomia Quello che segue è un estratto del Documento ufficiale di bilancio dello Stato per l anno 2009. L estratto è del tutto conforme al testo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n. 185/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio dell adunanza generale del 23 aprile 2015; visto il T.U. delle

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI AREA SERVIZI ECONOMICO FINANZIARIA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO EQUILIBRI FINANZIARI UFFICIO BILANCIO

CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI AREA SERVIZI ECONOMICO FINANZIARIA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO EQUILIBRI FINANZIARI UFFICIO BILANCIO CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI DETERMINAZIONE N. DEL Oggetto: variazione fra gli stanziamenti del fondo pluriennale vincolato e gli stanziamenti di spesa ad esso correlato esercizio provvisorio 2015 progetto

Dettagli

REGOLAMENTO CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO CONTROLLI INTERNI COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ 070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 REGOLAMENTO CONTROLLI INTERNI I N D I C E TITOLO

Dettagli

- Gli interessi pubblici rilevanti: dalla tutela della concorrenza al contenimento della spesa pubblica passando per l imparzialità amministrativa

- Gli interessi pubblici rilevanti: dalla tutela della concorrenza al contenimento della spesa pubblica passando per l imparzialità amministrativa Calendario Corso Corso di formazione sulle Società pubbliche 1^ EDIZIONE ROMA I 19 gennaio ARGOMENTI Introduzione al tema. Tipi societari - Scopo lucrativo in senso oggettivo e fine pubblico - Società

Dettagli

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE VITERBO

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE VITERBO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE VITERBO DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N : CS548 DEL : 12/06/2013 STRUTTURA PROPONENTE : U.O.C. ACQUISIZIONE E GESTIONE GIURIDICO-ECONOMICA DELLE RISORSE UMANE

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

INDICE. Presentazione... Introduzione. La legge costituzionale n. 3 del 2001 all origine di una lunga serie di conflitti...

INDICE. Presentazione... Introduzione. La legge costituzionale n. 3 del 2001 all origine di una lunga serie di conflitti... INDICE Presentazione... Introduzione. La legge costituzionale n. 3 del 2001 all origine di una lunga serie di conflitti... VII XVII Parte Generale Capitolo I LA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3 DEL 2001: LINEE

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili Riferimenti normativi Atti normativi comunitari, nazionali e regionali, unitamente alle principali disposizioni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI

IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI MASTER IL REVISORE DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NECESSARIA PER L ISCRIZIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA STESSA NEGLI ELENCHI DELLA PREFETTURA (CREDITI FORMATIVI VALIDI PER L ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DELL AERO CLUB D ITALIA

REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DELL AERO CLUB D ITALIA REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DELL AERO CLUB D ITALIA Approvato con delibera C. F. n. 109/2014 REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI

Dettagli

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II 1. Premesse Lo scenario di riferimento Il profondo mutamento del panorama normativo posto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 216/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013 SOMMARIO TITOLO I 3 Controllo Di

Dettagli

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979 Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Mariangela Mazzaglia Indirizzo (residenza) Via Flarer, n. 25 27100 Pavia Telefono 06 97727075 (MIUR) Fax 06 97727391 (MIUR) E-mail mariangela.mazzaglia@miur.it

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

16.543.588,52 14.245.717,32 3.993.518,66 6.207.535,93 13.023.569,60 13.018.747,59 4.008.530,00 1.275.957,39

16.543.588,52 14.245.717,32 3.993.518,66 6.207.535,93 13.023.569,60 13.018.747,59 4.008.530,00 1.275.957,39 011 Competitività e sviluppo delle imprese 005 Regolamentazione, incentivazione dei settori imprenditoriali, riassetti industriali, sperimentazione tecnologica, lotta alla contraffazione, tutela della

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

UNIONE VALDERA Agenzia formativa Via Brigate Partigiane n. 4 56025 Pontedera (PI)

UNIONE VALDERA Agenzia formativa Via Brigate Partigiane n. 4 56025 Pontedera (PI) METODOLOGIA DIDATTICA Il corso è suddiviso in: - 2 giornate iniziali, aperte a tutti i partecipanti ( Il federalismo fiscale negli Enti Locali e la Riforma della contabilità pubblica e del bilancio degli

Dettagli

Deliberazione n. 1/pareri/2005

Deliberazione n. 1/pareri/2005 Deliberazione n. 1/pareri/2005 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Enrico Gustapane (relatore) dott. Mario Donno dott.

Dettagli

UNIONE VALDERA Agenzia formativa Via Brigate Partigiane n. 4 56025 Pontedera (PI)

UNIONE VALDERA Agenzia formativa Via Brigate Partigiane n. 4 56025 Pontedera (PI) METODOLOGIA DIDATTICA Il corso è suddiviso in: - 2 giornate iniziali, aperte a tutti i partecipanti ( Il federalismo fiscale negli Enti Locali e la Riforma della contabilità pubblica e del bilancio degli

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI Secondo le nostre stime, sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile.

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile. REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del eseguibile. 06 marzo 2013, resa immediatamente ENTRATO IN VIGORE IL 06 MARZO 2013 1 REGOLAMENTO DEI CONTROLLI

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASTALDI PASQUALINO Indirizzo VIA PACUVIO, 20 00136 ROMA Telefono Fax 06 47616838 E-mail LINO.CASTALDI@TESORO.IT Nazionalità Data di

Dettagli

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H Agorà, il portale Formiur: valorizzare l informazione e la conoscenza per il miglioramento dei servizi scolastici

Dettagli

DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI AMMINISTRATIVI Numero Tel. Ufficio 2688 Numero Fax Ufficio 3007 E-mail istituzionale

DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI AMMINISTRATIVI Numero Tel. Ufficio 2688 Numero Fax Ufficio 3007 E-mail istituzionale CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome MARTOCCIA ROSA MARIA Anno di nascita 1959 Qualifica DIRIGENTE I FASCIA Incarico attuale DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI

Dettagli

Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche.

Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche.it

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati Presentazione 1 Autonomie locali e finanza pubblica 1.1 Principi generali 1.1.1 La finanza locale nel sistema delle autonomie locali 1.1.2 Enti locali e riforma della pubblica amministrazione 1.1.3 Le

Dettagli

Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per la Basilicata Potenza

Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per la Basilicata Potenza CORTE DEI CONTI - CODICE UFF. T93.I~~.~.. ~INTERNO N.29826896 del 05/03/2013 ~ Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per la Basilicata Potenza Deliberazione n. 45/2013/1NPR La Sezione regionale

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione consiliare n.5 del 16/01/2013 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli