Produzione di energia elettrica e termica da biomasse solide. L impianto di Gassificazione GenGas da 200 kwe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Produzione di energia elettrica e termica da biomasse solide. L impianto di Gassificazione GenGas da 200 kwe"

Transcript

1 "#$%&'%(()*+( Produzione di energia elettrica e termica da biomasse solide L impianto di Gassificazione GenGas da 200 kwe aprile 2013 Tecn.Av. srl - Capitale Sociale ,00 i.v. C.F P. IVA SEDE LEGALE ed UFFICIO OPERATIVO: Roma Via Cosseria, 5 Tel Fax pag. 1

2 "#$%&'%(()*+( 1. LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: LE BIOMASSE La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile. La promozione e l utilizzo delle fonti rinnovabili, il risparmio e l efficienza energetica, la graduale riduzione dell uso dei combustibili fossili sono scelte strategiche ormai acquisite: è fondamentale un intelligente sfruttamento delle risorse naturali quali il sole, il vento, l acqua, il geotermico e le biomasse. Tra tutte queste fonti energetiche pulite, negli anni scorsi vi è stata un ampia diffusione soprattutto delle prime tre (sole, vento ed acqua). L energia solare e quella eolica hanno però grandi limiti nella non programmabilità e non accumulabilità dell energia prodotta; l idroelettrico ha ormai espresso gran parte del suo potenziale e il geotermico per ora si limita come applicazione alla sola energia termica. Oggi le biomasse appaiono essere la risorsa energetica più promettente e sfruttabile nel passaggio tra la attuale economia basata sulle fonti fossili e il futuro; esse sono rinnovabili, disponibili ovunque ed inesauribili, spesso sono sottoprodotti o residui dell industria e dell agricoltura ed in più il loro utilizzo energetico può perfino evitare costosi smaltimenti. Gli impianti alimentati a biomasse ( i gassificatori, come vedremo) producono h24 come le centrali tradizionali e dunque rendono quattro volte più del fotovoltaico e del l eolico; emanano minime emissioni in atmosfera, il loro impatto ambientale è vicino allo zero; sono unità molto flessibili, hanno il vantaggio di potere essere piccoli, diffusi e decentralizzati evitando costosi trasporti dell energia; ed infine cogenerano ossia producono non solo elettricità ma anche calore. Tecn.Av. crede fortemente nello sviluppo delle biomasse, ha sposato questa filosofia e si impegna a fondo nella ricerca e nella diffusione delle migliori tecnologie per il settore. Per questo collabora strettamente con le aziende italiane più innovative e qualificate nella trasformazione della biomassa in energia. pag. 2

3 "#$%&'%(()*+( Le principali biomasse = fonti energetiche rinnovabili di origine organica - legname in tutte le sue forme: residui di potature di ogni tipo, residui della manutenzione del verde pubblico e privato, pulitura argini ecc. - scarti della lavorazione industriale del legno (mobilifici, segherie, ecc.) - sottoprodotti dell attività agricola, paglia, fieni, stocchi, ecc. - reflui, letame e liquami di allevamenti zootecnici bovini, suini ecc. - colture agricole dedicate come sorgo, triticale, canapa, tabacco,canna, miscanto ecc. - colture arboree dedicate come acacia,eucalipto, pioppo ecc, bosco ceduo, abbattimenti controllati, short rotation ecc. - residui dell industria agroalimentare, della molitura, dell olivicoltura, vinacce, sanse, gusci, scarti come il buccino di pomodoro, il pastazzo di agrumi, ecc - frazione organica dei rifiuti urbani (Forsu) I principali parametri da valutare ai fini della valorizzazione energetica sono: " Il potere combustibile o potere calorifico è la quantità massima di energia che si può ricavare convertendo completamente la massa (o volume) di un vettore energetico (ad es. una biomassa); si esprime in cal/kg oppure in cal/nm3. " La percentuale di umidità che nei processi di valorizzazione energetica si trasforma in acqua; essa non dà quindi un contributo energetico, anzi deve essere o utilizzata o smaltita. " La geometria o forma, che ne misura l utilizzo o limita l utilità: di norma sono utili geometrie standard. La determinazione dei parametri di cui sopra risulta fondamentale nella scelta della tecnologia ottimale e nelle ricadute economiche del progetto. pag. 3

4 "#$%&'%(()*+( 2. - IL DM 6 LUGLIO 2012 L Italia, per rispondere agli impegni del protocollo di Kyoto e dell accordo riduzione del 20% delle emissioni di gas a effetto serra, raggiungimento del 20% di risparmio energetico ed aumento al 20% del consumo di energia da fonti rinnovabili -- ha da tempo attivato un regime incentivante che agevola l energia prodotta da fonti rinnovabili. Il DM 6 Luglio 2012 aggiorna il quadro normativo complessivo del periodo per accedere agli incentivi stabiliti e gestiti dal GSE, Gestore Servizi Energetici (si tratta di contributi poliennali molto rilevanti collegati alla produzione energetica). Come previsto il Decreto ha ridotto e calmierato gli aiuti al fotovoltaico ed all eolico, mentre viceversa ha premiato il settore delle biomasse con miglioramenti delle tariffe incentivanti ed un allungamento a 20 anni del periodo di contribuzione, confermandone la priorità e la volontà di creare un quadro molto attrattivo per la fattibilità e la redditività dell investimento. Il decreto ha poi dato alcune definizioni fondamentali delle biomasse, stabilendo che il verde pubblico, l umido della raccolta differenziata, la sansa, le vinacce, gli stocchi, la frutta e la verdura non più commercializzabili, le potature, non sono più considerati rifiuti ma biomasse, e come tali utilizzabili senza particolari autorizzazioni come matrici per produrre energia, generando un duplice vantaggio: Trasformare in ricavi energetici i costi di gestione e di smaltimento Produrre energia da fonti rinnovabili, con indubbi vantaggi ambientali Sinteticamente il DM 6 Luglio 2012 applicato agli impianti alimentati da Biomassa ed in specifico alla nostra tecnologia GenGas, che è stata realizzata in piena conformità alle norme, prevede la possibilità di scegliere tra due tipologie di contratto con il GSE: o Tariffa Omnicomprensiva (TO) che prevede la cessione totale al GSE dell energia netta prodotta che riconosce per 20 anni una tariffa complessiva. o Regime incentivato che prevede di ricevere sempre per 20 anni dal GSE un incentivo sull energia prodotta, ma di rimanere proprietario dell energia scegliendo se utilizzarla in proprio o cederla a terzi. Questo regime produce mediamente maggiori ricavi complessivi ed in molti casi costituisce la scelta più remunerativa. Nel primo caso si ha una garanzia per 20 anni di accedere alla tariffa omnicomprensiva per tutta la produzione elettrica meno il17% che il GSE sottrae forfettariamente come autoconsumo convenzionale dell impianto. Per tale quota del 17% non incentivata è previsto un rimborso alla tariffa minima stabilita dall Authority. Nel secondo caso invece, si riconosce un incentivo sui kwh netti prodotti ed immessi in rete (cioè l 83% di quelli realmente prodotti), ma l energia resta tutta di proprietà dell investitore e pag. 4

5 "#$%&'%(()*+( quindi consumabile in proprio o vendibile a terzi ad una tariffa che è maggiore rispetto a quella riconosciuta dall Authority (mediamente circa 0,10-0,12 /kwh contro 0,07/kWh ufficiale). Sono previste tariffe base a seconda delle matrici ( biomasse) utilizzate: Il Decreto prevede tariffe diverse a seconda delle tipologie di tecnologia impiegata differenziando tra Biodigestione e Biomasse, suddivide l ammontare della tariffa concessa per potenza installata (kwe) e differenzia le matrici utilizzate individuando prodotti di origine biologica, sottoprodotti di origine biologica e rifiuti: Impianti a Biomassa kwe kwe kwe >5000 kwe Prodotti di origine biologica 0,229 0,18 0,133 0,122 Sottoprodotti di origine biologica 0,257 0,209 0,161 0,145 Rifiuti 0,174 0,125 Tabella 1: tariffe base per impianti a biomassa (/kwh) Nel caso dei nostri impianti GenGas con potenza entro i 300 kwe la tariffa base applicata sarà 0,257/kwh (più premialità). Sono previste anche premialità aggiuntive: Impianti a Biomassa CAR Teleriscal. Emissioni filiera Risp. CO2 Prodotti di origine biologica 0,04 0,03 0,02 0,01 Sottoprodotti di origine biologica 0,01 0,04 0,03 0,02 0,01 Rifiuti 0,01 Tabella 2: premialità per impianti a biomassa (/kwh) Per beneficiare della premialità sulla CAR (= Cogenerazione ad Alto Rendimento) o sul teleriscaldamento occorre avere o costruire un progetto intelligente sull utilizzo dell energia termica. Tutti i nostri impianti GenGas soddisfano i requisiti richiesti per le Emissioni e la CO2 e quindi beneficiano delle relative premialità aggiuntive (0,03 + 0,01/kwh). pag. 5

6 "#$%&'%(()*+( 3. - LE TECNOLOGIE PER PRODURRE ENERGIA DA BIOMASSE Le famiglie di tecnologie di trattamento delle biomasse ai fini energetici sono sostanzialmente tre: Biodigestione Processo di fermentazione anaerobica nel quale la biomassa viene omogeneizzata e poi aggredita da una flora batterica di fermentazione che produce un biogas, con un pc medio di kcal/m", utilizzabile in un motore endotermico per produrre energia. Le biomasse devono essere processate con un elevato tenore di umidità, di norma superiore all 80%. La Biodigestione si basa su tecnologie stabili e diffuse ma, presenta alcuni gravi problemi e criticità: " notevole ingombro degli impianti " consumi elevati di acqua e/o liquidi " olezzo del processo Digestato " necessità di trattamento e smaltimento degli scarti È inoltre una scelta interessante solo in presenza di biomasse molto liquide, con oltre il 55-60% di umidità, a cui va aggiunta acqua per arrivare al quantitativo corretto per attivare il processo di biodigestione. Combustione: caldaia e turbina L impianto tipico è composto da una caldaia che brucia biomassa in grandi quantità e produce calore di varia tipologia e temperatura, il quale viene poi utilizzato per alimentare un motoreturbina con rese elettriche complessive variabili tra 8% e 18% netto, in funzione del tipo di turbina utilizzata. La combustione è scarsamente efficiente soprattutto nelle taglie piccole e medie, mentre diventa vincente in impianti di molti Megawatt, ma che hanno sempre dimensioni e costi spesso elevati. La combustione dal punto di vista ambientale comporta un impatto critico a causa delle emissioni generate, fumi inquinanti che sono direttamente correlati al materiale in ingresso che viene bruciato; ed anche un impatto sul territorio per la movimentazione della biomassa in entrata ed per l allontanamento delle ceneri se non si dispone di una discarica autorizzata a servizio dell impianto. Le criticità sono riconducibili a: " necessità di impianti di grande taglia (dai 10 Mwe in su) " necessità di ampi spazi " necessità di ingenti quantitativi di biomassa " problematiche ambientali connesse alle emissioni in atmosfera, alle movimentazioni di materie ed agli smaltimenti delle ceneri " complesso processo autorizzativo pag. 6

7 "#$%&'%(()*+( La Gassificazione La Gassificazione e la Pirogassificazione sono le tecnologie con maggiori potenzialità per la valorizzazione delle Biomasse organiche nella produzione di energia elettrica in impianti di taglia fino ad 1 MWe. La tecnologia è antica e risale alla fine dell 800. In oltre due secoli ha avuto fortune alterne, ma oggi si assiste ad una sua vera e propria rivincita. Infatti la tecnologia concorrente, la combustione con caldaia e turbina, negli impianti fino ad 1 MWe, ha una capacità di conversione del potere combustibile in energia elettrica variabile tra l 8% ed il 18%, contro una resa complessiva del 32-35% del moderno processo di gassificazione con uso di unità motore endotermico/generatore. Nel reattore di gassificazione la matrice organica (biomassa), viene sublimata, ovvero trasformata ad elevate temperature (comprese tra i 550 e gli oltre C) da solida a gassosa in assenza di ossigeno. In questo processo si genera una miscela di gas denominata Syngas, che sebbene abbia un basso potere combustibile (intorno ai p.c.), può essere trattata (cioè filtrata e depurata) e poi valorizzata in un motore endotermico. Il processo non prevede alcuna combustione: nulla viene bruciato e nessuna emissione viene liberata in atmosfera. Poiché la biomassa può essere processata con umidità fino al 45% ma a fine ciclo tutta l umidità in ingresso viene resa come acqua di processo, spesso può essere preferibile trattarla prima della fase di gassificazione, riducendo l umidità a monte tramite trattamento di essiccazione o pellettizzazione. Altre tipologie di processi A livello teorico esistono altre metodologie di produzione di energia da biomassa: dai Biodigestori a secco che utilizzano matrici a basso tenore di umidità, ai distillatori, dai pirolizzatori ai convertitori pirolitici fino ai dissociatori molecolari (ma ad oggi non ancora industrializzati). Al momento risultano industrializzati solo i Biodigestori a secco. pag. 7

8 "#$%&'%(()*+( 4. - LA TECNOLOGIA DI GASSIFICAZIONE PROPOSTA: L impianto di gassificazione GenGas Dalla collaborazione tra ROMANA MACERI (RM) ed Energy Life Group (ELG) e dal know-how di ciascuna delle due società è nato il Prodotto GenGas che contraddistingue una nuova linea di impianti che, su base tecnologica RM, si differenzia, per le soluzioni tecniche e per l industrializzazione e per il livello di automazione. La linea GenGas è progettata con know-how italiano e realizzata interamente in Italia. La tecnologia GenGas introduce delle fondamentali innovazioni nel processo di gassificazione di sottoprodotti di origine biologica che risolvono molti dei problemi classici degli impianti di categoria; inoltre introduce rilevanti modifiche anche nella componente motoristica e di cogenerazione. Tra queste innovazioni citiamo: o Il reattore di gassificazione accetta in ingresso quasi tutte le tipologie di matrici organiche purché con umidità inferiori al 45% e con geometrie un minimo consistenti (non solo polvere). Ciò assicura una grande flessibilità d uso in presenza di un processo di gassificazione comunque stabile e efficiente. o Assicura il miglior rapporto tra consumi e rendimenti, infatti, con meno di 0,8 kg di cippato produciamo 1 kwh elettrico e 2,2 kwh termici (Nella versione DRY accetta tutti i materiali, ma solo in forma pellettata). o Il sistema di generazione del gas è un prodotto innovativo, sviluppato dal partner e protetto da diritti di proprietà intellettuale, non subisce l effetto Klinker (impaccamento della griglia) e produce solo poche tracce di catrami che vengono peraltro smaltite parte nel reattore e parte nelle acque (dell ordine dello 0,15%, circa 3ton/anno). o Una produzione di ceneri molto ridotta: in media un 2% della matrice secca in ingresso al gassificatore, consentendo un facile smaltimento od utilizzo come ammendante. o L innovazione del Kit-Gas, anch essa protetta da proprietà intellettuale, consente di trasformare un motore endotermico diesel in un motore DUAL FUEL, alimentato cioè a Syngas con una minima adduzione di gasolio (circa 600 gr/h per il motore da 125 kwe). Consente di trasformare una vasta gamma di motori sia diesel che ad olio vegetale in motori a gas che abbiano un pc maggiore di 350 e, in specifico, a Syngas da biomassa povera. pag. 8

9 "#$%&'%(()*+( Le linee GenGas sono due distinte: " la prima, Normal, che si alimenta con biomasse organiche tal quali (ossia con elevati tassi di umidità, fino al 40-45%) ma con la necessità di integrazione al 30/40% con matrici solide aventi adeguata geometria in ingresso; " la seconda, denominata Dry, accetta tutti i materiali organici purché lavorati in formato Pellet. L alimentazione in pellets assicura un rendimento alto e stabile del processo di gassificazione e garantisce una riduzione nella logistica e nel trasporto delle materie pari a 5-6 volte gli ingombri rispetto al cippato o anche più rispetto ad altre biomasse come reflui zootecnici. Sono disponibili i seguenti dimensionamenti di potenza: GenGas 50 impianto della potenza di 50 kwe GenGas 100 impianto della potenza di 125 kwe depotenziato per allaccio in - bassa tensione GenGas 125 impianto della potenza di 125 kwe GenGas 200 impianto della potenza di 200 kwe,senza iscrizione al registro - - GSE GenGas 250 impianto della potenza di 250 kwe GenGas 500 impianto della potenza di 500 kwe con 2 moduli da 250 kwe. GenGas 1000 impianto della potenza di kwe con 4 moduli da 250 kwe o L impianto da 50 kwe si allaccia in bassa tensione ed ottiene l autorizzazione con semplice Comunicazione di Avvio Lavori al Comune. o L impianto da 125 kwe, depotenziato a 100 kwe, ha gli stessi vantaggi del 50 kwh, bassa tensione ed autorizzazione con semplice comunicazione. o L impianto da 250 kwe si allaccia in media tensione, ma volendo evitare l iscrizione al registro impianti si può depotenziare a 200 kwe con la sostituzione dell alternatore. In realtà, il 250 kwe ha poi una capacità produttiva di 300 kwe, viene garantito prudenzialmente a 250. o L impianto da 200/250 kwe è dotato di due motori e quindi non si spegne mai. La manutenzione sui motori viene effettuata in tempi differenziati (un motore per volta) in modo tale da garantire una produttività minima di kwe, che derivano dall aumento di potenza del motore in funzione. o L impianto da 250 kwe è soggetto alla PAS (Procedura Autorizzativa Semplificata), pag. 9

10 "#$%&'%(()*+( Caratteristiche e vantaggi specifici del GenGas o Possibilità di alimentare con qualsiasi biomassa organica in qualsiasi formato e con qualsiasi grado di umidità (in alcuni casi con trattamenti pre o post processo). o Alimentazione tal quale nella versione GenGas Normal e con biomassa qualsiasi ma pellettizzata nella versione GenGas DRY (dove si ottiene una riduzione dei volumi della biomassa fino a 6 volte). o La tecnologia GenGas garantisce robustezza ed affidabilità, in quanto è nata per gassificare rifiuti e pneumatici, con oltre 15 anni di esperienza e track record di funzionamento in condizioni critiche. Si ricorda che il GenGas è una versione adatta esclusivamente alle biomasse organiche e non può trattare rifiuti (però può processare con successo l umido della raccolta differenziata ossia la frazione organica soprattutto nelle configurazione DualTech, vedi qui di seguito). o Possibilità di essiccare le matrici in ingresso oppure recuperare l acqua in uscita. Si recupera tutta la quantità di umidità contenuta + il 3% dal processo (ad esempio se abbiamo ton di cippato al 40% di umido in ingresso, otterremo 430 m 3 di acqua di processo). L acqua depurata può essere così smaltita secondo tabella in fognatura oppure riutilizzata per irrigazione o in zootecnia; oppure anche potabilizzata con un idoneo up-grade del depuratore. o Il GenGas, al netto dello stoccaggio delle biomasse, ha ingombri molto contenuti, tra i 25 m 2 (nella versione del 50 kwe) ed i 60 m 2 (per quella del 250 kwe). o La tecnologia GenGas oltre alla flessibilità del lay-out per dimensioni e tipologie, è fornibile in contenitori in C.A.V. manufatto prefabbricato in cemento precompresso insonorizzato, in Container ISO metallici, con tettoia o inserito in un locale tecnico o capannone. o Impatto acustico ridotto ed a richiesta eliminabile totalmente: la soluzione base emette meno di 65 decibel a 7 m; la versione silenziata arriva sotto i 30 decibel a 3 m. Con la soluzione super silent il rumore può essere anche eliminato totalmente o Emissioni inquinanti insignificanti (vedi Parametri ambientali più avanti) e rumore abbattibile secondo necessità. Configurazione dell impianto GenGas L impianto nella sua configurazione base è composto da: Un contenitore/silos per la biomassa con linea automatica di carico Un Gassificatore standard dimensionato per produrre Syngas per alimentare 1-2 motori pag. 10

11 "#$%&'%(()*+( Un sistema di depurazione del Syngas con uno scrambler ad acqua ed almeno un filtro a secco (segatura riciclabile nell impianto) e torcia di sicurezza Uno o più Motori IVECO serie Cursor con alternatore sincrono Due o più scambiatori per recupero calore per ciascun motore Una stazione di controllo ed una cabina elettrica Vista di assieme dell impianto di gassificazione Nei diversi casi specifici, a seconda della tipologia e umidità della matrice, in funzione delle svariate esigenze di sfruttamento dell energia termica l impianto può avere delle dotazioni aggiuntive quali la linea per il trattamento delle biomasse, un sistema di stoccaggio automatizzato e più capiente, un impianto termico specifico con caldaia di back-up, chile ad assorbimento per il fresco, sistema di essiccazione o sistema di depurazione acque reflue ecc. A valle dell impianto, possono essere anche inseriti altri dispositivi di sfruttamento dell energia termica in cogenerazione, trigenerazione o per la ulteriore conversione dell energia termica in energia elettrica. pag. 11

12 "#$%&'%(()*+( Vista contenitore del motore/generatore Dimensioni approssimate degli impianti GenGas L impianto nel suo lay-out base è contenuto in meno di 45 m 2 al netto dello stoccaggio e carico del materiale. Inoltre, essendo composto di quattro sottosistemi, può essere sviluppato con un lay-out su misura a seconda dei casi e delle necessità. Potenza elettrica Lay-out minimo senza stoccaggio in m2 Lay-out stoccaggio 1 settimana in m2 Lay-out complessivo in m2 Lay-out containerizzato 1 settimana autonomia in m2 50 kwe kwe kwe kwe kwe kwe kwe pag. 12

13 "#$%&'%(()*+( Vista e lay-out esemplificativi per un impianto GenGas 200kwe : pag. 13

14 "#$%&'%(()*+( 5.- IL SERVIZIO E LE PRESTAZIONI di Tecn.Av. e di Energy Life Group: Tutti gli impianti GenGas sono offerti chiavi in mano ed il cliente, se non lo desidera, non è costretto ad occuparsi di alcuna incombenza e/o attività. Energy Life Group assume il ruolo di General Contractor e garantisce tutte le prestazioni necessarie per arrivare all allaccio alla rete elettrica ed al raggiungimento delle performance di progetto, nonché fornire tutti i servizi necessari per il mantenimento in funzione (conduzione e manutenzione full service ). Viene offerta anche la possibilità del Full Target, ossia una formula che offre una totale copertura dei rischi garantendo all investitore le ore contrattuali di funzionamento dell impianto (7500) ed il raggiungimento di tutti gli obiettivi del business plan stabilito (garanzia di business plan). L impianto può essere realizzato anche in partnership con Energy Life Group, che può decidere una sua partecipazione in associazione fino al 25% dell investimento. Iter autorizzativo: Le due società congiuntamente si occupano dell intero iter autorizzativo e di tutte le problematiche connesse. L attuale normativa nazionale prevede che gli impianti al di sotto dei 200 kwe siano autorizzabili anche tramite semplice notifica al Comune, mentre quelli sotto 1 MWe che però abbiano un uso del termico (anche parziale) è prevista la PAS (Procedura Autorizzativa Semplificata), ossia una conferenza di servizi convocata dal Comune, a cui intervengono tutti i soggetti preposti, che deve poi deliberare entro 60 gg. pag. 14

15 "#$%&'%(()*+( Prestazioni previste: Verifica di prefattibilità (autorizzabilità dell impianto in relazione al sito prescelto e finanziabilità del soggetto richiedente) Progettazione ed iter autorizzativo: o TICA o preventivo ENEL o altro gestore rete o PAS (Procedura Autorizzativa Semplificata) o A.U. o Pratica con l ufficio delle dogane (autorizzazione per officina elettrica) o Pratica GSE (codifica IAFR e contratto) o Allaccio ENEL o altro gestore Supporto al finanziamento Realizzazione impianto e fornitura Gestione cantiere ed installazione Allaccio e collaudo Avviamento e raggiungimento delle performance attese (superamento del 95%) Conduzione dell impianto Manutenzione full service con garanzia della produzione e del Business Plan (Full Target) Fornitura matrici lignee (facoltativa) 6. PARAMETRI AMBIENTALI DEL GenGas a titolo esemplificativo Un impianto di gassificazione da 200 kwe alimentato a biomassa produce oltre di kwh annui di energia elettrica, circa di kwh di energia termica, consumando tonnellate annue di biomasse varie. " Non produce scarichi, in quanto la biomassa viene essiccata con parte minima del calore di processo, ma solo 40 ton/anno di cenere (poco più di 100 kg/giorno), smaltibile in discarica o reimpiegata come ammendante per agricoltura; e poche tracce di TAR e catrami. " Non vi sono emissioni in atmosfera, tranne quelle dovute al funzionamento dei motori endotermici, che hanno emissioni confrontabili a quelle di uno scooter di ultima generazione che proceda in pianura a 40 km/h. Infatti un ciclomotore produce 90 gr di CO2 per ogni km percorso quindi se ipotizziamo 100 km/gg emetterà 9 kg/gg cioè 3,2 ton/anno. Un impianto di gassificazione da 125 kwe (20 volte la potenza di uno scooter) emetterà meno di 10 tonnellate circa di CO2. Motore montato sul GenGas : qui di seguito una tabella prestazioni ambientali del motore montato sul GenGas, differenziato per le varie taglie di impianto. pag. 15

16 "#$%&'%(()*+( Vantaggi Ambientali 50 kw 100 kw 125 kw 200 kw 250 kw 500 kw 1000 kw Risparmio tonn/anno CO2 Equivalente nuovi alberi piantati In 20 anni di esercizio un impianto GenGas da 200 kwe avrà generato un risparmio in TEP (Tonnellate di Petrolio Equivalenti) pari ad oltre ton., una diminuzione delle emissioni di CO2 di oltre tonnellate che equivalgono ad aver piantato circa nuovi alberi. Avrà fatto così risparmiare milioni di litri di carburante in inutili trasporti, avrà eliminato problemi ambientali ed onerosi costi di smaltimento. Tabella emissioni di legge per impianti di potenza termica inferiore ai 6 MW : Inquinanti DA DECRETO 6 Target Performance standard Luglio 2012 GenGas GenGas Mg/Nm 3 Mg/Nm 3 Mg/Nm 3 NO x (espressi come NO 2) NH 3* 5 2 4,9 CO SO COT Polveri Tabella emissioni di legge, potenziali e standard del gengas Segnaliamo che i valori del DECRETO non riguardano le emissioni consentite, ma quelle più basse che danno diritto ad usufruire delle premialità del GSE come impianto non inquinante. In realtà l impianto produce meno di 300 ppm di NOX e meno di 30 ppm di particolato (il particolato nella combustione del syngas è quasi 0). Per abbattere sotto i 200 ppm di NOX, utilizziamo un abbattitore, ma data la minima quantità di NOX, i costi di gestione sono minimi. Come mostra la colonna Target i risultati possono ancora migliorare adottando ulteriori sistemi di abbattimento a costi sostenibili. Si fa notare che un impianto tradizionale con caldaia a metano o GPL emette mediamente tra i ed i ppm di NOx, ovvero ha emissioni volte superiori ad un impianto di gassificazione GenGas ed analogamente per gli altri parametri inclusa la CO2. pag. 16

17 "#$%&'%(()*+( Dati oggettivi e verificabili su molteplici fonti web, ARPA, Province, Regioni. """""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""" pag. 17

18 "#$%&'%(()*+( 7. - PROPOSTA ECONOMICA di massima per impianto GenGas 200 e Business Plan esemplificativo L ipotesi qui di seguito illustrata prevede uno sfruttamento dell impianto basato su: " la vendita integrale dell energia elettrica (regime incentivato GSE vedi pag. 4); " un utilizzo interno di circa il 20% dell energia termica ( riscaldamento e raffrescamento degli ambienti, alimentazione caldaie, ecc); " per il restante 80% di termica si ipotizza la cessione a terzi del per usi diversi; NB: E possibile in alternativa optare di trasformare l energia termica prodotta in eccedenza (fermo restando un certo utilizzo per usi interni da determinare) in ulteriore energia elettrica: ciò si ottiene mediante l istallazione di una turbina a ciclo ORC a bassa entalpia della Zuccato Energia che lavorando sul salto termico da 90 a 60 C, consente di recuperare energia elettrica dall energia termica non utilizzata (circa 8-9% di recupero). Descrizione Descrizione Progetto Unità Valore Costo impianto GenGas (escluso lavori civili, allaccio cabina Enel) IVA TOTALE Investimento Costo impianto Equity (percentuale) % 25,00 Equity Finanziamento Pagamenti Anticipo progettazione ed autorizzazioni anticipo alla accettazione TICA Anticipo Impianto (saldo Equity) SAL forniture in azienda 30% SAL merce pronta in stabilimento 30% SAL consegna impianto 15% SAL collaudo ed allaccio 15% SAL finale al superamento del 90% delle performance contrattualizzate 10% TOTALE pag. 18

19 "#$%&'%(()*+( Alcune note sulla redazione del Business plan o L impianto necessita di meno di 300 ore annue di manutenzione e quindi realisticamente può funzionare fino a ore/anno; nel contratto è prevista una garanzia per ore annue. Questo prevedibile surplus di produzione potrà incrementare sensibilmente i ricavi. o I valori economici espressi sono prudenziali per il numero di ore imputato, per il tasso di interesse bancario sul finanziamento e per la valorizzazione dell energia termica. La biomassa (cippato) è stata calcolata a 90 /ton, per un costo annuale stimato di Importante: nel caso di biomasse da smaltire e/o disponibili gratis (potature, sottoprodotti, forsu ) è evidente il rilevante vantaggio che può risultare nel conto economico. La manutenzione è a 0,034 per kwh prodotto: comprende non solo la manutenzione full service ma anche le garanzie sul mancato guadagno e la polizza Assicurativa. L energia elettrica si ipotizza venga venduta con tariffe rispettivamente di: o 0,12 /kwh per l energia venduta al mercato o 0,085* /kwh per quella venduta ad Energy Life Group *il valore medio zonale dell Authority dell Energia è di norma 0,07 /kwh. L energia termica si ipotizza venga utilizzata per un 20% in autoconsumo dal proprietario ed al 80% venduta con tariffe rispettivamente di: o 0,05 /kwh per l energia utilizzata in proprio o 0,03** /kwh per quella venduta a terzi ** il valore medio del kwh termico prodotto con la miglior efficienza (Metano) è oggi tra i 0,07 ed i 0,09 /kwh. Nei costi si è previsto un incremento dei costi (tasso di indicizzazione medio del 3%) o per la biomassa il prezzo è bloccato per i primi 5 anni come da contratto e poi indicizzato al 3% annuo. o per i costi generali indicizzazione al 3% annuo Analogamente nei ricavi si è previsto un incremento dei ricavi nel valore del termico e dell elettrico con un tasso di indicizzazione del 3% annuo. Previsione di finanziamento del 75% tramite leasing a 8 anni interesse dell 8% pag. 19

20 "#$%&'%(()*+( Business Plan Indicativo dell impianto GenGas 200kwe Il Business plan dell iniziativa è redatto sulla base delle attuali informazioni disponibili ed è composto di 6 distinte tabelle numeriche: La prima è riepilogativa e contiene i principali valori ed indici finanziari dell iniziativa. La seconda contiene i dati annuali dell impianto La terza contiene i parametri economici e di impiego La quarta il risultato economico del primo anno e medio dei 20 anni La quinta simula uno scenario probabile per i 20 anni. La sesta simula uno scenario probabile per ulteriori 10 anni dopo la fine del periodo incentivato. Riepilogo valori economici "#$"%&'&(")*"+"(#+&)&,"+"(*#%($-&'#..&( /#0+-"1"&)#( 2)".3( 45%&-#( 6&0.&(",$"5).&( 7( 899:;:::( <=>".?( 7( 7( EE;FGG;AE9( 7( A;I99;GBA( 7( A;EGI;EFI( <JKL(.&.5%#($#-("(E:(5))"(0>++#00"M"( 7( E;EE9;GB:( 7( <JKL(,#*"&(5))>&($#-("(E:(5))"(0>++#00"M"( 7( EEE;9GB( <JKL/N(*#"($-","(C(5))"(( O5?(J5+P( 5))"( FQB(( 5$$&-.&(RST(8(-5.5(*#U".&(( V( S<($#-("(E:(5))"(0>++#00"M"( V( pag. 20

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Rapporto commissionato da AEEG al Politecnico di Milano - Dipartimento di Energia DICEMBRE 2010 Hanno collaborato alla realizzazione del rapporto:

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica

Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica Marta Bazzoffi Mariachiara D Aniello GISMAP, Firenze Beglar Ingegneria srl, Firenze Glossario... 2 PREMESSA... 4 1. Parte

Dettagli

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia di Fabio Orecchini L adozione diffusa dell idrogeno come vettore energetico di larghissimo utilizzo mostra tutto il suo interesse nel

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 ottobre 2014. Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Dossier Energia dai rifiuti senza CO2: la gestione sostenibile degli scarti organici

Dossier Energia dai rifiuti senza CO2: la gestione sostenibile degli scarti organici Dossier Energia dai rifiuti senza CO2: la gestione sostenibile degli scarti organici Ridurre l'uso dei combustibili fossili e ridurre le emissioni di gas serra per far fronte al cambiamento climatico:

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Latina Roma Milano Dubai

Latina Roma Milano Dubai Latina Roma Milano Dubai BENEFICI E CRITICITA DELLA REALIZZAZIONE IMPIANTO A BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ELETTRICA Ing. G. Cicerone Ing. M. Romani GENNAIO 2007 Potenza netta esportabile 5 Rif. Biomassa

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli