COMUNE DI QUINTO DI TREVISO. Studio di fattibilità ART. 11 c. 2 DPR 554/99

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI QUINTO DI TREVISO. Studio di fattibilità ART. 11 c. 2 DPR 554/99"

Transcript

1 COMUNE DI QUINTO DI TREVISO PROVINCIA DI TREVISO SERVIZIO III - TECNICO lavori AMPLIAMENTO DELLA COPERTURA DELLE TRIBUNE E REALIZZAZIONE DI SPOGLIATOI ED ALTRI LOCALI A SERVIZIO DELL IMPIANTO SPORTIVO DI VIA O. TENNI Studio di fattibilità ART. 11 c. 2 DPR 554/99 18 APRILE 2011 Ufficio Lavori Pubblici 1

2 PREMESSA Il presente studio di fattibilità è stato redatto prevedendo che per la realizzazione dell opera il Comune di Quinto di Treviso si avvalga di finanziamento esclusivo con capitale privato. Sono state valutate forme di partnership pubblico-privata, accertando che l opera pubblica da realizzare non possiede le caratteristiche delle opere che nel project financing sono dette calde (l investimento del promotore viene ripagato dai ricavi di gestione dell opera), trattandosi di lavori di ampliamento di un impianto sportivo esistente già affidato in gestione, sul quale comunque si possono ipotizzare solo esigui ricavi di gestione. Si è pertanto ritenuto di procedere prevedendo la concessione del diritto reale di superficie dei beni immobili di proprietà comunale, in sostituzione totale delle somme di denaro costituenti il corrispettivo del contratto per la realizzazione dell opera pubblica in questione, ai sensi dell art. 53 comma 6 del D.Lgs. 163/2006. In particolare, si è ritenuto di individuare delle aree da concedere al privato in diritto di superficie per realizzarvi impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Le aree individuate allo scopo sono: la copertura delle tribune del campo sportivo comunale di Via O. Tenni (lastrico solare), per l installazione di un impianto fotovoltaico; due aree marginali rispettivamente nell impianto sportivo di Via O. Tenni e nell area scoperta della Scuola Media e Palestra Ciardi in Via Donatori del Sangue, da destinare alla collocazione di due impianti di cogenerazione a biomassa vegetale in grado di produrre energia elettrica ed energia termica da utilizzare per il riscaldamento di immobili comunali; tali aree andranno indicate nel programma triennale delle opere pubbliche tra i beni che, ai sensi dell art. 128 comma 4 del D. Lgs. 163/2006, possono essere oggetto di diretta alienazione anche del solo diritto di superficie, previo esperimento di una gara, al fine di quanto previsto dall'articolo 53, comma 6; Verrà pertanto analizzata, oltre alla fattibilità tecnica, quella economico-finanziaria, alla luce della modalità di finanziamento dell opera come sopra indicato. 2

3 INDICE A - RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE 1. Inquadramento territoriale e socio-economico dell area oggetto dell intervento 2. Corografia 3. Confini catastali 4. Stralcio del Piano Regolatore Comunale e verifica con gli strumenti urbanistici 5. Analisi della domanda e dell attuale offerta e di previsione 6. Analisi delle alternative progettuali 7. Studio dell impatto ambientale riferito alla soluzione progettuale individuata e alla possibili alternative B - RELAZIONE TECNICA 1. Le caratteristiche funzionali e tecniche dei lavori da realizzare 2. Descrizione, ai fini della valutazione preventiva della sostenibilità ambientale e della compatibilità paesaggistica dell intervento, dei requisiti dell opera da progettare, delle caratteristiche e dei collegamenti con contesto nel quale l intervento si inserisce nonché delle misure idonee a salvaguardare la tutela ambientali i valori culturali e paesaggistici 3. Analisi sommaria delle tecniche costruttive e indicazione delle norme tecniche da applicare 4. Cronoprogramma 5. Stima sommaria dell intervento C - ELABORATI PROGETTUALI PREVISTI D ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA 1. Analisi della fattibilità economica con finanziamento esclusivo mediante capitale privato 2. Elementi essenziali dello schema di contratto e modalità di scelta del il soggetto attuatore E ELABORATI GRAFICI 1. Planimetria generale con individuate le aree da concedere in diritto di superficie 2. Planimetria stato di fatto con indicata la localizzazione dell opera pubblica da realizzare: piante, prospetti e sezioni 3

4 A - RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE 1. Inquadramento territoriale e socio-economico dell area oggetto dell intervento Le aree oggetto di intervento si trovano relativamente vicine tra loro; posizionate ad ovest del centro del paese di Quinto di Treviso; a sud dell ansa del Fiume Sile in una porzione del territorio relativamente poco urbanizzata ed ospitante attrezzature pubbliche. Le due aree sono in relazione tra loro dalla presenza della ex-ferrovia Ostiglia, segno caratteristico del territorio dove attualmente è in corso un progetto di ampio respiro per trasformare il lungo tratto in una pista ciclabile immersa nel Parco del Sile. Il campo sportivo comunale si trova in via O. Tenni, servito a nord da via Francesco Baracca e da via O. Tenni, strada chiusa, che conduce all ampio parcheggio dello stadio e quindi all accesso delle tribune e dei locali a servizi degli impianti. A sud del campo sportivo principale, servito anche da una pista di atletica, si trovano i fabbricati adibiti a spogliatoi, struttura staccata che confina a sud con un ampia ansa del fiume Sile. Ad ovest è presente un ampia area agricola con sporadiche abitazioni a congrua distanza, mentre ad est sono presenti altre aree destinate a servizi attualmente coltivate a campo aperto, tale spazio permette un cuscinetto con l inizio dell abitato del paese. 4

5 La zona in particolare si presenta divisa in diverse unità: il campo sportivo principale al centro con circostante pista di atletica, campi di allenamento nella parte nord, la struttura delle tribune coperte al fianco ovest del campo sportivo principale, seguita dalla zona accessi al pubblico e dal parcheggio. Attualmente le strutture adibite a spogliatoi ed a sede della società sportiva di calcio si trovano a sud del campo sportivo, insieme a campi di calcetto e tennis coperti. L area confinante con il fiume è attrezzata a parco. L intera struttura è di proprietà comunale ed è affidata in gestione. Per quanto riguarda campo da calcio e atletica e relative strutture di supporto alla società Sportiva del A.S.D. Union Quinto Calcio e alla società Atletica Quinto; mentre per gli spazi adibiti a campi da calcetto e tennis, la gestione è in corso di affidamento. La struttura è utilizzata sia per la pratica dello sport Calcio sia per la pratica dello sport Atletica, sia per l utilizzo non agonistico dei campi da calcetto e di tennis senza tralasciare poi un'area pubblica a ridosso dell'ansa del fiume Sile attrezzata come area pic-nic per tutte le persone che ne volessero fare uso tenendo anche conto che la stessa è raggiunta dal percorso ciclopedonale di visita del Parco Sile denominato La via dei Mulini nell ambito della più ampia rete di percorsi Girasile. 5

6 Proprio per questa sinergia di attività, nelle giornate di manifestazioni sportive agonistiche e non, nell area vengono richiamate numerose persone come spettatori, come atleti e dirigenti (allenamenti, riunioni, rappresentanza e partite dei vari campionati) o come semplici utilizzatori delle strutture a disposizione (calcetto, tennis, pic-nic ). Questa multidisciplinarietà di attività permette un utilizzazione importante e costante da parte della comunità locale ma anche da utenti residenti in altri comuni più o meno vicini che la classifica a tutti gli effetti un'area di pregio adatta a molteplici attività promosse sia dal Comune stesso che da eventuali privati. 6

7 2. COROGRAFIA ESTRATTO I.G.M. scala 1: ESTRATTO C.T.R. scala 1: elemento n

8 3. CONFINI CATASTALI ESTRATTO MAPPA scala 1:2000 Foglio 4 m.n

9 4. STRALCIO DEL PIANO REGOLATORE COMUNALE E VERIFICA CON GLI STRUMENTI URBANISTICI ESTRATTO P.R.G. scala 1:5000 QUINTO DI TREVISO 2009 TAV

10 Dal punto di vista urbanistico l area è regolamentata dal Piano Regolatore Comunale del Comune di Quinto di Treviso ed in particolare dalla Variante di assestamento comma 4 art. 50 del P.R.G. con approvazione del C.C. n 38 del La zonizzazione prevede per l area una ZTO F impianti pubblici, di uso pubblico e di interesse collettivo. Per tali zone il Comune può consentire l esecuzione di opere, da parte di privati o di associazioni, mediante convenzionamento, le finalità proprie della zona art.48 delle N.T.d A. c.1). Le modalità di intervento si attuano per l area specifica con intervento edilizio diretto (IED) (art.48 delle N.T.d A.c.3). Altre prescrizioni, riguardano in questo caso, l interazione del procedimento autorizzativo con il Parco Naturale Regionale del fiume Sile ed in particolare le direttive di cui al titolo VII delle N.T.A. del Piano Ambientale (art.48 delle N.T.d A.c.5b). Nei paragrafi seguenti dello Studio di Fattibilità verrà ripreso più approfonditamente la legislazione dell Ente sopracitato. All articolo 49 delle N.T.A. del P.R.G. vengono focalizzati alcuni aspetti dettagliati dell area in oggetto; in particolare il comma 5 Attrezzature per il gioco e lo sport stabilisce i seguenti indici urbanistici : Uf (indice di utilizzazione fondiaria) calcolato come la massima superficie utile (Su), come definita nell art.7, espressa in mq edificabili per ogni mq di superficie fondiaria(sf) = 0,8 mq/mq di cui non più del 50% per attrezzature coperte Rc (rapporto di copertura) definito in percentuale come il rapporto la superficie coperta (Sc) e la superficie fondiaria (Sf) = 40%; le sistemazioni a parcheggio e le altre superfici pavimentate non dovranno interessare più del 10% dell area. Per impianti esistenti anteriormente alla adozione del PRG i parametri di cui sopra sono aumentati del 50%. 5. Analisi della domanda e dell attuale offerta e di previsione con riferimento: I. Al bacino d utenza L ampliamento della copertura delle tribune permetterà di garantire a un maggior numero di persone di assistere agli eventi sportivi (sia di atletica che calcistici) in programma protetti dagli agenti atmosferici, potenziando quindi il numero di spettatori paganti anche nei mesi invernali. La realizzazione di nuovi spogliatoi accompagnata alla ristrutturazione di quelli esistenti, oggetto di altro intervento inserito nell elenco opere pubbliche 2011, permetterà di offrire un servizio migliore sia alle Società Sportive di prima squadra sia ai numerosi settori giovanili. La possibilità di disporre di più spogliatoi permette quindi una migliore organizzazione logistica e oraria venendo incontro quindi alle esigenze delle famiglie e dei cittadini della comunità. La struttura è utilizzata durante la settimana in maniera diversa in base ai giorni in cui è aperta: i fine settimana e durante le occasioni di manifestazioni sportive la struttura è attrezzata per accogliere sia gli atleti che gli spettatori. 10

11 Durante i giorni lavorativi non in concomitanza con eventi, la struttura è praticamente sempre utilizzata dalle Società per allenamenti delle giovanile e delle squadre più grandi, nonché per la pratica non agonistica di tennis e calcetto da parte di dilettanti. II. Alla stima dei bisogni dell utenza mediante l utilizzo di parametri fisici riferiti alla specifica tipologia di intervento, quali i flussi di traffico e il numero di accessi L ampliamento della copertura non andrà ad incidere con il numero massimo dei posti disponibili delle tribune e quindi rimarranno inalterati il numero di posti auto esistenti, l impianto è comunque dotato di ampio parcheggio che garantisce di soddisfare gli standard normativi di riferimento. La realizzazione degli spogliatoi sotto la pensilina di copertura adeguatamente ampliata, non andrà ad incidere con i flussi di traffico dell intero comparto, in quanto la struttura dovrà essere realizzata all interno della recinzione esistente che delimita l accesso al campo sportivo dalla zona a parcheggio. Attualmente la struttura è accessibile per gli spettatori attraverso due accessi distinti (ospiti e locali senza commistione tra loro) che rendono fruibili le tribune; mentre agli atleti ed ai direttori di gara viene garantito un accesso indipendente agli spogliatoi. La realizzazione della nuova struttura spogliatoi sotto la copertura della tribuna dovrà prevedere un nuovo accesso agli atleti ed arbitri senza commistione con gli accessi agli spettatori, secondo quanto previsto dalle norme C.O.N.I. per garantire l incolumità degli sportivi. Analizzando l area e le planimetrie esistenti ciò non pregiudica l intervento in quanto durante le manifestazioni l area di parcheggio frontale agli spogliatoi dovrà essere transennata o separata con strutture mobili e riservare i parcheggi promiscui agli atleti ed arbitri. L accesso agli spogliatoio attuali rimarrà inalterato. III. All individuazione, in termini quantitativi di gradimento, dell offerta attuale e di quella prevista nei medesimi settori dell intervento A giovare dell intervento saranno sicuramente le Società Sportive, le quali permetteranno un miglior servizio ai cittadini, sia in termini di visibilità degli eventi sportivi, sia in termini di utilizzazione delle strutture sportive. Inoltre, secondo le necessità delle società sportive che utilizzano l impianto, la nuova struttura dovrà ospitare dei locali attrezzati per uffici e segreteria liberando ulteriore spazio nella struttura esistente. Tali locali si dovranno ricavare possibilmente in aderenza ai nuovi spogliatoi. 6. Analisi delle alternative progettuali Per quanto riguarda le scelte tecnologiche, l ampliamento della pensilina della tribuna sarà necessariamente in analogia a quella esistente, escludendo quindi la demolizione con totale rifacimento. La realizzazione degli spogliatoi ed altri locali di servizio nello spazio sottostante la pensilina ampliata in aderenza alle tribune è preferibile per compattare i volumi ed 11

12 evitare di realizzare un nuovo fabbricato, per il quale mancherebbe anche un area adeguata al interno dell attuale perimetro di proprietà dell impianto. Anche per quanto riguarda le scelte organizzative la collocazione degli spogliatoi centrale è la soluzione migliore rispetto ad una collocazione decentrata come quella attuale Relativamente alle scelte finanziarie, è da escludere l esposizione del Comune per la realizzazione di tale opera, stante i ristretti vincoli di spesa imposti dal patto di stabilità. Come richiamato in premessa, anche forme di concessione di lavori pubblici in cui il corrispettivo del privato consiste nei ricavi della gestione dell opera, sono da escludere, considerato che questo tipo di impianto consente esigui ricavi di gestione. Per questa ragione si intende reperire il finanziamento con capitale privato mediante la concessione del diritto reale di superficie dei beni immobili di proprietà comunale, in sostituzione totale delle somme di denaro costituenti il corrispettivo del contratto per la realizzazione dell opera pubblica in questione, ai sensi dell art. 53 comma 6 del D.Lgs. 163/2006. Condizioni e modalità sono precisate di seguito nel presente studio di fattibilità. 12

13 7. Studio dell impatto ambientale riferito alla soluzione progettuale individuata e alla possibili alternative I. Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnica, idraulici, desunti dalle cartografie disponibili o interenti ricadenti in zona CARTA DEI SUOLI della Provincia di Treviso 2008 Provincia di Treviso - Arpav ESTRATTO scala 1:

14 Da un analisi sommaria della cartografia tecnica si evince che i terreni che interessano lo Studio di Fattibilità, ed in particolare la zona del campo sportivo di Quinto, sono caratterizzati dalla presenza di terreni sabbiosi-limosi con la presenza d acqua a quote inferiori al metro. Dato le particolari caratteristiche sono sconsigliate opere interrate e semi-interrate. Una relazione geologica e geotecnica più specifica dovrà, in sede di inizio lavori, stabilire l eventuale piano di posa delle fondazioni per le opere edili in oggetto. Da un punto di vista idraulico, l ampliamento che si andrà a realizzare non prevede sostanziali aumenti della superficie impermeabile del sito, in quanto gli impianti di cogenerazione occuperanno una superficie coperta molto modesta; mentre la copertura degli spalti, in parte già esistente, coprirà un area attualmente pavimentata ed occupata dal volume delle tribune. La superficie coperta di progetto che occuperanno gli spogliatoi dovrà prevedere un minor impatto idrogeologico possibile, compatibilmente con gli spazi richiesti. 14

15 II. Verifica dei vincoli ambientali, storici, archeologici, paesaggistici interferenti sulle aree o sugli immobili interessati dall intervento PIANO AMBIENTALE Regione Veneto Ente Parco Naturale Regionale del Fiume Sile ESTRATTO scala 1: TAV AZZONAMENTO 15

16 L area dello stadio di Quinto di Treviso rientra all interno del Parco Regionale del Fiume Sile; l intervento è pertanto soggetto alla relativa autorizzazione ambientale. La relativa zonizzazione nel Piano Ambientale è Zona ad urbanizzazione controllata con funzioni di interesse pubblico ( tavola grafica Azzonamento n scheda urbanistica di dettaglio n. 2 - capo IV Zone urbanizzate art. n. 21 delle Norme di Attuazione del Piano Ambientale ). In particolare le destinazioni funzionali in progetto ( spogliatoi e spazi per lo sport ), sono compatibili con le finalità del Piano Ambientale e il criterio dell intervento delle funzioni sopra citate prescrivono quali interventi possibili l ampliamento di edifici esistenti. Nel caso in esame, la realizzazione dell ampliamento della copertura degli spalti con soprastante impianto fotovoltaico dovrà prevedere sistemi di mascheramento dei pannelli, qualora inclinati, mentre per quanto riguarda i pannelli posati in aderenza alla copertura non necessitano particolari accorgimenti. La realizzazione degli impianti di cogenerazione a biomassa vegetale dovranno prevedere sistemi adeguati per l insonorizzazione dei motori. La costruzione degli spogliatoi dovrà avvenire sotto la copertura delle tribune o in aderenza ad essa e l unico aspetto importante per le questioni paesaggistiche riguarderà lo scarico delle acque reflue mediante sistemi di depurazione consoni. Questo studio di fattibilità e le progettazioni successive non avranno l obbligo di produrre un nuovo progetto del verde in quanto sull area esiste già un progetto del verde in parte realizzato ed approvato durante l iter di approvazione per la realizzazione delle tribune esistenti. 16

17 B - RELAZIONE TECNICA 1. Le caratteristiche funzionali e tecniche dei lavori da realizzare Nella relazione tecnica dello studio di fattibilità verrà posto l accento soprattutto sull ampliamento della copertura delle tribune e sulla realizzazione dell immobile ad uso spogliatoi e altri locali per le attività a servizio dell impianto sportivo di Via O. Tenni, in quanto le lavorazioni che necessitano la messa in uso degli impianti di cogenerazione non risultano particolarmente impegnative, trattandosi di apparecchiature già pronte che necessitano della sola installazione e messa in rete. La copertura delle tribune dovrà essere realizzata con strutture che si accompagnano ai materiali esistenti prevedendo un loro inserimento nel conteso circostante. L ingresso degli ufficiali di gara e dei calciatori deve essere indipendente senza interessare la zona percorsa dal pubblico, dall esterno del campo sportivo agli spogliatoi, e da questi al terreno di gioco, in modo che gli ufficiali di gara e gli atleti abbiano tutte le garanzie, le protezioni idonee e illuminazione agli effetti della loro incolumità L ingresso in campo dei partecipanti al gioco, qualsiasi esso sia ( tunnel,sottopassaggio,ecc ), deve essere separato dal pubblico e protetto dal lancio degli oggetti, petardi, ecc, mediante sistemi che non devono impedire o ridurre la visibilità del pubblico. In caso di accesso di campo mediante protezioni mobili, lo spostamento di queste deve potere avvenire in un tempo massimo di 30 secondi. Nel caso di accesso al campo di gioco mediante sottopassaggio questo dovrà essere nel illuminato artificialmente. L ingombro del nuovo immobile non dovrà modificare gli accessi esistenti degli spettatori o quanto meno dovrà prevedere le stesse caratteristiche di sicurezza e separazione. Per soddisfare le esigenze funzionali della struttura, nella progettazione si dovranno prevedere: - due spogliatoi per gli atleti con locali di superficie netta non inferiori a mq. 30, esclusi i servizi; dotati di almeno n. 6 docce, n. 2 w.c., n. 2 orinatoi, n. 2 lavabi; - due spogliatoi per gli ufficiali di gara di superficie non inferiore di mq.10 dotati di n. 2 docce, n. 1 w.c. n.1 lavabi; - n. 1 locale sala medica di superficie non inferiore a mq. 10 igienicamente idoneo e adeguatamente areato provvisto di n. 1 lavandino; - adeguati spazi per magazzini e ripostigli; - spazi per uffici e per rappresentanza per la società di calcio U.S. Quinto con adeguato accesso; - un locale lavanderia. L impianto di cogenerazione istallato in prossimità delle tribune dovrà servire anche alla produzione di calore per il riscaldamento degli spogliatoi esistenti, che saranno oggetto di ristrutturazione con un intervento da parte dell Amministrazione già inserito nell elenco opere pubbliche

18 2. Descrizione, ai fini della valutazione preventiva della sostenibilità ambientale e della compatibilità paesaggistica dell intervento, dei requisiti dell opera da progettare, delle caratteristiche e dei collegamenti con contesto nel quale l intervento si inserisce nonché delle misure idonee a salvaguardare la tutela ambientali i valori culturali e paesaggistici Come già descritto in precedenza l intervento verrà realizzato nell area tutelata dal Parco del Sile; per cui richiede un autorizzazione paesaggistica da parte dell Ente. Le prime indicazioni per la valutazione preventiva sulla sostenibilità ambientale e sulla compatibilità paesaggistica riguarderanno le eventuali opere di mitigazione dell opera. La realizzazione degli impianti di cogenerazione a biomassa vegetale è consentita, purché siano presi in considerazione un idonea insonorizzazione della struttura e una documentata emissione in atmosfera dei gas di scarico. L impianto fotovoltaico della copertura, con l adeguato ampliamento della stessa, è assentibile senza particolari vincoli se aderente alla copertura. Qualora, per motivi funzionali, i moduli fotovoltaici fossero installati con una certa inclinazione, si dovranno attuare alcuni accorgimenti tecnici per il mascheramento nei prospetti dei pannelli. La realizzazione degli spogliatoi sottostanti la copertura in progetto non necessita di particolari accorgimenti, in quanto l area di interesse della struttura risulterà completamente inglobata dalla copertura. Accorgimenti particolari dovranno riguardare la realizzazione degli scarichi delle acque reflue, in quanto la zona non è servita da fognatura comunale. Negli interventi in questore non viene richiesto un nuovo progetto del verde in quanto basterà attuare il progetto richiesto al momento della realizzazione delle tribune esistenti. Dal punto di vista della sostenibilità ambientale va infine tenuto conto della previsione che il soggetto attuatore privato realizzi sulle aree concesse in diritto di superficie degli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, in particolare fotovoltaico e biomassa vegetale. Infine per gli impianti a biomassa vegetale è prevista la cogenerazione, consentendo che la produzione di energia termica, prodotto di scarto dei motori a biomassa vegetale, venga impiegata per il riscaldamento degli spogliatoi e dei locali in progetto ed esistenti nell impianto sportivo, nonché delle scuole medie e della palestra Ciardi. 3. Analisi sommaria delle tecniche costruttive e indicazione delle norme tecniche da applicare La pensilina di copertura delle tribune andrà ampliata con struttura analoga all esistente, per conservare una omogeneità d aspetto. Il fabbricato in progetto ad uso spogliatoi ed altri locali attinenti alla gestione del campo sportivo, verrà realizzato nello spazio sottostante la pensilina ampliata in aderenza alla struttura esistente delle tribune, rimanendone tuttavia del tutto indipendente dal punto di vista strutturale. Per tale fabbricato saranno da preferirsi le soluzioni tecniche costruttive che garantiscano, nella gestione del cantiere, la minore interferenza possibile e per il minor tempo possibile, con le strutture esistenti e il loro utilizzo. 18

19 La soluzione prefabbricata potrebbe rappresentare un opportunità in quanto ridurrebbe le lavorazioni in sito, con un sensibile abbattimento dei tempi di realizzazione dell opera. Inoltre il sistema prefabbricato consentirebbe un utilizzo della struttura esistente senza l intralcio del nuovo cantiere. In questo senso andrà inserito, tra gli elementi di valutazione dei concorrenti nella scelta del soggetto attuatore, un piano di cantierizzazione che riduca l'impatto sulla fruibilità dell'impianto esistente. Di seguito viene proposto un elenco di normative di cui tener conto per la progettazione: Normativa urbanistica - Variante di assestamento comma 4 art. 50 del P.R.G. con approvazione del C.C. n 38 del Regolamento Edilizio e Norme di Attuazione - D.P.R. n 380 del Normativa Parco del Fiume Sile - Piano Ambientale, Norme di Attuazione Normativa sportiva per la realizzazione di impianti sportivi - Regolamento F.I.G.C. interno del Regolamento C.O.N.I. n 1379 del Costruzioni in genere - Legge 05/11/1971 n : Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio armato normale e precompresso ed a struttura metallica - D.M. 14/01/2008 : Nuove norme tecniche per le costruzioni Sicurezza nei cantieri edili - D.L. 09/04/08 n 81, attuazione dell articolo 1 della legge 03/08/07 n 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 19

20 4. Cronoprogramma FASI PERIODO (X = 1 MESE) STUDIO DI FATTIBILITA X PREPARAZIONE DEL BANDO X PROGETTOPRELIMINALE (GARA) X X AGGIUDICAZIONE E STIPULA CONTRATTO X PROGETTO DEFINITIVO X X X PROGETTO ESECUTIVO X REALIZZAZIONE IMPIANTO DI COGENERAZIONE PALESTRA CIARDI REALIZZAZIONE IMPIANTO DI COGENERAZIONE CAMPO SPORTIVO REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ED AMPLIAMENTO COPERTURA TRIBUNE CONNESIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA NAZIONALE X X X X X X X X X X X X X X X COLLAUDI COPERTURA E IMPIANTI X REALIZZAZIONE NUOVI SPOGLIATOI X X X X X X X X X X X X COLLAUDI SPOGLIATOI X ACCATASTAMENTO IMPIANTI E SPOGLIATOI X 20

21 5. Stima sommaria dell intervento STIMA COSTO OPERE ampliamento della pensilina di copertura delle tribune opere di fondazione ,00 opere in elevazione ,00 opere strutturali in acciaio ,00 opere di copertura ,00 sommano ,00 oneri di sicurezza ,00 Totale opere ,00 fabbricato ad uso spogliatoi ed altri locali per attività di servizio dell impianto sportivo opere di fondazione ,00 opere in elevazione ,00 opere di copertura , finiture di opere generali di natura edile e tecnica ,00 finiture di opere generali in materiali lignei, plastici, metallici e vetrosi ,00 impianto idrico-sanitario ,00 impianto termici e di condizionamento ,00 impianto elettrico ,00 sommano ,00 oneri di sicurezza ,00 Totale opere ,00 21

22 STIMA DEL QUADRO ECONOMICO DELL OPERA LAVORI opere ,00 costi per la sicurezza ,00 SOMME A DISPOSIZIONE sommano ,00 spese tecniche relative alla progettazione ,00 spese tecniche relative alla direzione lavori e contabilità ,00 spese per il coordinatore della sicurezza (progettazione ed esecuzione) 5.500,00 spese tecniche per indagini geologiche 2.500,00 spese tecniche per accatastamento 3.000,00 imprevisti 3.200,00 i.v.a. su spese tecniche 9.800,00 i.v.a. su lavori ,00 sommano ,00 TOTALE IMPORTO PROGETTO ,00 22

23 C - ELABORATI PROGETTUALI PREVISTI L opera è di importo inferiore a ,00 e per l inserimento nell elenco annuale opere pubbliche è sufficiente il presente studio di fattibilità, che ai sensi del comma 2 dell art. 5 della L.R. 27/2003 sostituisce il documento preliminare alla progettazione Si prevedono 3 livelli di progettazione: il progetto preliminare verrà redatto dai concorrenti alla procedura ad evidenza pubblica per la scelta del soggetto attuatore dell intervento; successivamente andranno redatti il progetto definitivo e il progetto esecutivo. I livelli definitivo ed esecutivo potranno essere unificati, prevedendo eventualmente la stesura di elaborati finalizzati alla richiesta di autorizzazioni da parte di vari enti (ambientale, sanitaria, VV.F., C.O.N.I.), per anticipare i tempi di richiesta e consentire modifiche prima della stesura finale nel caso si rendesse necessario ottemperare ad eventuali prescrizioni. Gli elaborati delle varie fasi progettuali sono indicati di seguito, tenendo conto che per il loro contenuto si rimanda al d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207, che entrerà in vigore il 9 Giugno 2011: PROGETTO PRELIMINARE relazione illustrativa; relazione tecnica; studio di prefattibilità ambientale; accertamenti ed indagini preliminari - ambientali, geologiche, geotecniche e relative relazioni ed elaborati grafici; planimetria generale e elaborati grafici; prime indicazioni e misure finalizzate alla tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro per la stesura dei piani di sicurezza con i contenuti minimi di cui al comma 2; calcolo sommario della spesa; quadro economico di progetto; rilievo sommario degli immobili esistenti (già disponibile agli atti). PROGETTO DEFINITIVO relazione generale; relazioni tecniche e relazioni specialistiche; rilievi planoaltimetrici; elaborati grafici; studio studio di fattibilità ambientale; calcoli delle strutture e degli impianti secondo quanto specificato all articolo 28, comma 2, lettere h) ed i) del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207; disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici; 23

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 Le novità introdotte dal terzo decreto correttivo Project Financing Il

Dettagli

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma)

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma) ATTIVITA PROFESSIONALE PREZZI (*esclusi: IVA e CNPAIA 4%, diritti di segreteria P.A.- COMPUTO-METRICI, CAPITOLATI, CONTRATTI, DIREZIONE LAVORI, N.O. VINCOLI, PROGETTO STRUTTURALE, RELAZIONE GEOLOGICA,

Dettagli

SERVIZI TECNICI INGEGNERIA E ARCHITETTURA RELATIVI

SERVIZI TECNICI INGEGNERIA E ARCHITETTURA RELATIVI COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO 09086 Piazza SEDDA, 5 Tel.0783/64023-64256 fax 0783/64697 c.f. 00073500951 E mail comsam@tiscali.it comunedisamugheo@virgilio.it SERVIZI TECNICI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

Dettagli

ATTO DELLA GIUNTA COMUNALE

ATTO DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL PARCHEGGIO ADIACENTE IL PALABALDINELLI - APPROVAZIONE PROGETTO DEFINITIVO. L'Anno Duemilanove il giorno Ventisette del

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI 151 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Settore Ambiente e Attività Produttive Servizio Ambiente Unità Organizzativa Energia PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone

Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone Via Trattenero 15-10053 Bussoleno (To) Tel: (+39)0122-642800 Fax: (+39)0122-642850 http://www.cmvss.it e-mail: info@cmvss.it Progettazione preliminare, definitiva

Dettagli

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SUMIRAGO PROVINCIA DI VARESE AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Progettisti: Geom. Giuseppe Pugliese Geom. Fabio Reho INTRODUZIONE Il progetto

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Il comune di Casto intende realizzare un impianto fotovoltaico capace di produrre l intera l energia elettrica consumata dalla pubblica amministrazione e dai cittadini residenti,

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena SCUOLA PRIMARIA in via aldo moro a poggibonsi DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE RUP: Arch. Adriano Bartoli 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Atto della Giunta Comunale Seduta del 18/10/2012 nr. 91

Atto della Giunta Comunale Seduta del 18/10/2012 nr. 91 Seduta del 18/10/2012 nr. 91 COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA) ORIGINALE Atto della Giunta Comunale Seduta del 18/10/2012 nr. 91 Oggetto: REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI A PANNELLI

Dettagli

Newsletter n.83 Gennaio 2011

Newsletter n.83 Gennaio 2011 Newsletter n.83 Gennaio 2011 Approfondimento_41 STUDI DI FATTIBILITÀ: Dal DPR 207 del 5/10/2010 disposizioni per lo sviluppo, composizione e contenuti Schema dettagliato per project financing e dialogo

Dettagli

COMUNE DI FAENZA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI FAENZA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FAENZA PROVINCIA DI RAVENNA PROGRAMMA PROVINCIALE RAVENNA GREEN ENERGY PROGETTO PRELIMINARE VALORIZZAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI (2) ENERGIA DAI TETTI DI EDIFICI PUBBLICI Il responsabile per

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI COMUNE DI NICOLOSI Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI Indice: A) RELAZIONE ILLUSTRATIVA: pag: 3 1. Inquadramento

Dettagli

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap.

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap. Comune di Novara RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 Legge 241/1990 come modificato e integrato dall art. 49 della Legge 122/2010)

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA PER LA CONCESSIONE DI AREE DI PERTINENZA STRUTTURA SPORTIVA PALALIXIUS

STUDIO DI FATTIBILITA PER LA CONCESSIONE DI AREE DI PERTINENZA STRUTTURA SPORTIVA PALALIXIUS STUDIO DI FATTIBILITA PER LA CONCESSIONE DI AREE DI PERTINENZA STRUTTURA SPORTIVA PALALIXIUS Premessa: La struttura denominata di Palalixius è oggi adoperata da differenti società per lo svolgimento delle

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

- SI - NO precede. b) Elaborati e adempimenti specifici e ulteriori da predisporre (compresi nei corrispettivi): - SI - NO 3/5

- SI - NO precede. b) Elaborati e adempimenti specifici e ulteriori da predisporre (compresi nei corrispettivi): - SI - NO 3/5 Allegato «A»: distinta delle prestazioni oggetto dell incarico e dei corrispettivi A.1 Fase di progettazione ATTIVITA DI SUPPORTO RILIEVI PRELIMINARE DEFINITIVA ESECUTIVA Attività di supporto in fase di

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Provincia di Bologna C.F. 80062730371 P. I.V.A. 00702791203

COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Provincia di Bologna C.F. 80062730371 P. I.V.A. 00702791203 IMPIANTI FOTOVOLTAICI DA UBICARSI SU IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Determinazione n. 157 del 13.10.2010, affidamento incarico allo Studio REIA s.r.l. per consulenza alla redazione del progetto preliminare;

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Comune di Scandicci Variante al Piano di Recupero RQ 05a* - Area ex fonderia Le Cure, approvato con Deliberazione di C.C. n. 83 del 21.07.2009, già in variante rispetto all originario Piano di Recupero

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Oggetto del presente appalto è la progettazione esecutiva, (da redigersi sulla base del progetto preliminare della Stazione Appaltante e del progetto definitivo acquisito dalla Stazione

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1702 23 FEBBRAIO 2005 DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO. stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE. L area comprende i seguenti elementi:

Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO. stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE. L area comprende i seguenti elementi: Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE L area comprende i seguenti elementi: a) fabbricato, adiacente all area mercatale di quartiere,

Dettagli

IL PROCESSO EDILIZIO

IL PROCESSO EDILIZIO IL PROCESSO EDILIZIO RELATIVO A UNA OPERA DI ARCHITETTURA È INSIEME DI FASI E ATTIVITÀ IDEATIVE, OPERATIVE, ORGANIZZATIVE E GESTIONALI CONNESSE DA RELAZIONI LOGICHE E SUCCESSIONI TEMPORALI CHE FANNO CAPO

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA PROTOCOLLO GENERALE COMUNICAZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA N DEL Al COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA Sportello Unico per l edilizia COMUNICAZIONE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine Riservato al protocollo Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine ALLEGATA ALLA : SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (art. 20 e 21 L.R. 31/2002) RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA

Dettagli

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI-PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNALE

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI-PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI CANICATTINI BAGNI-PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNALE OGGETTO: COSTRUZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASSERVITI AD IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE LOCAZIONE FINANZIARIA. PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI MELICUCCA Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it Sommario STUDIO DI FATTIBILITA PROJECT FINANCING INTERVENTO INSERITO NEL BILANCIO 2010-2012 REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Città di Ugento Provincia di Lecce SETTORE LAVORI PUBBLICI Tel. 0833/557222-224-246 - Fax 0833/955128 Codice Fiscale 81003470754 www.comune.ugento.le.it e-mail: ufficiolavoripubblici@comune.ugento.le.it

Dettagli

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici.

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Premessa Dal 27 Agosto entra pienamente in funzione il il DM 5 luglio 2012 definito (Quinto Conto Energia), le tariffe incentivanti

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti

PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti Newsletter n.83 Gennaio 2011 Approfondimento_40 PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti Il ruolo della PROIND SRL a supporto dei proponenti

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici;

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici; REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER IL MIGLIORAMENTO ESTETICO ED IL RISANAMENTO DEI CENTRI STORICI DI SCANZO E ROSCIATE ART. 1 - CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Il Comune

Dettagli

1. Sistema di incentivazione del fotovoltaico con il Quarto conto energia del maggio 2011

1. Sistema di incentivazione del fotovoltaico con il Quarto conto energia del maggio 2011 1. Sistema di incentivazione del fotovoltaico con il Quarto conto energia del maggio 2011 Il sistema di incentivazione degli impianti fotovoltaici è stato definito nel Decreto del Ministro dello Sviluppo

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici SETTORE URBANISTICA AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici Premesso: - che è intendimento del comune di Francofonte

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

DELIBERA N. 183 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERA N. 183 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 183 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: SERVIZIO DI GESTIONE ENERGETICA DI ALCUNI EDIFICI E BENI COMUNALI AI FINI DEL MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA ED APPROVAZIONE

Dettagli

NOTA SUI LAVORI DI SOSTITUZIONE DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO DI EDIFICI DI PROPRIETA COMUNALE

NOTA SUI LAVORI DI SOSTITUZIONE DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO DI EDIFICI DI PROPRIETA COMUNALE NOTA SUI LAVORI DI SOSTITUZIONE DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO DI EDIFICI DI PROPRIETA COMUNALE (approvato dalla Giunta Comunale di Lecco il 15 settembre 2011) DESCRIZIONE DELL INTERVENTO RELATIVO

Dettagli

Impianti eolici (produzione di energia elettrica)

Impianti eolici (produzione di energia elettrica) Autorizzazioni BOZZA Le procedure autorizzative da seguire per richiedere l installazione di un impianto, anche se semplificate al massimo, variano in base alla tipologia, alla sua grandezza e alla sua

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

PROGETTISTA INCARICATO

PROGETTISTA INCARICATO 06032013 TIMBRO PROTOCOLLO C I T T A D I S A C I L E N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda

Dettagli

Ritenuto necessario provvedere in merito;

Ritenuto necessario provvedere in merito; PROGRAMMA TRIENNALE LL.PP. 2010/2012. AGGIORNAMENTO SCHEMA. APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO.- LA GIUNTA COMUNALE Premesso: 1. che la direttiva dell Unione Europea

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA OGGETTO: Recupero e ristrutturazione

Dettagli

AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. 35 IN DATA 14/08/2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. 35 IN DATA 14/08/2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI GRANOZZO CON MONTICELLO Provincia di Novara Via Matteotti 15 28060 Granozzo con Monticello - Tel. 0321/55113 Fax 0321/550002 Codice fiscale 80013960036 - Partita Iva 00467930038 granozzo.con.monticello@ruparpiemonte.it

Dettagli

Comune di Lazise Provincia di Verona

Comune di Lazise Provincia di Verona Comune di Lazise Provincia di Verona Edilizia Privata-Urbanistica Piazza Vittorio Emanuele II n. 20 37017 - LAZISE VR Tel. 045 6445111 - Fax 045 7580722 P.IVA 0413860230 www.comune.lazise.vr.it ediliziaprivatalazise@halleypec.it

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici ALLEGATO B Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli edifici Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili,

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

COD. FISC. 80014650925 Parco delle Rimembranze 09048 Sinnai (CA)

COD. FISC. 80014650925 Parco delle Rimembranze 09048 Sinnai (CA) Pratica edilizia del Protocollo AL COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Edilizia Privata e SUAP COD. FISC. 80014650925 Parco delle Rimembranze 09048 Sinnai (CA) Fax 070 781412 Centralino 070

Dettagli

COMUNE DI BALSORANO PROVINCIA DI L AQUILA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BALSORANO PROVINCIA DI L AQUILA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BALSORANO PROVINCIA DI L AQUILA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N.. 40 Data 13.06.2015 OGGETTO: Approvazione progetto esecutivo dei lavori di realizzazione nuovo edificio scolastico

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente P ČERNIC

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO (estratto)

REGOLAMENTO EDILIZIO (estratto) Variante Parziale al P.R.G. n. 26 L.R 61/85 50 comma 4, lettera l) Adottata con Del. di C.C. n.. del. Approvata con Del. di C.C. n.. del. TAV. 3 REGOLAMENTO EDILIZIO (estratto) Il Sindaco : Trentini Luca

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 HCA_Testalin_DOC.rev00.doc AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza Interventi di adeguamento funzionale e messa a norma finalizzati allo sviluppo

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Urbanistica Rigenerazione Urbana DIRETTORE CARLETTI arch. RUGGERO Numero di registro Data dell'atto 723 14/05/2015 Oggetto : Approvazione in linea tecnica

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese Sportello Unico Tel. 059 971112 fax 059 971125 C.F. 00273460360 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Da presentare entro 15 giorni dalla Comunicazione

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

LA CONTABILITA' LAVORI

LA CONTABILITA' LAVORI LA CONTABILITA' LAVORI Prof. Domenico Natale 1 Finalità Scopo della contabilità lavori è quello di definire: nel momento del progetto l importo preventivo dell opera fase progettuale preventiva a lavoro

Dettagli

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00 AREA ASSOGGETTATA A PEC L area interessata dall intervento è posta nel Comune di Quattordio, in provincia di Alessandria, fuori dal centro storico principale. Attualmente la zona interessata dall intervento

Dettagli

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano COMUNE DI ARESE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI PRIVATI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN ETERNIT DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI REGOLAMENTO

Dettagli

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto. Note introduttive Il presente documento fa proprie le indicazioni di cui all Art. 34. Relazione generale del progetto esecutivo del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207: 1. La relazione generale del progetto

Dettagli

DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013

DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013 (D.P.C.M. 21 gennaio 2011) DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013 OGGETTO: Accordo di Programma sottoscritto il 14 dicembre 2010 tra il MATTM e la Regione Basilicata. - Intervento di Consolidamento

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI MURO LECCESE (Provincia di LECCE) Lavori di COMPLETAMENTO E MIGLIORAMENTO INFRASTRUTTURALE DELLA ZONA PIP CUP: CIG: RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA Premesso che: con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

enerpl s o c i e t à d i i n g e g n e r i a Carpi, Campogalliano, Soliera, Novi di Modena

enerpl s o c i e t à d i i n g e g n e r i a Carpi, Campogalliano, Soliera, Novi di Modena enerpl s o c i e t à d i i n g e g n e r i a n S.r.l. PROGETTO PRELIMINARE IMPIANTI ELETTRICI per la realizzazione di impianti fotovoltaici a servizio di Edifici Pubblici PALESTRA Gallesi Via Ugo Da Carpi,

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

Art.4 Criteri di scelta del concessionario

Art.4 Criteri di scelta del concessionario REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE SU AREE COMUNALI PER LA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI PERTINENZIALI AI SENSI DELL ART.9, COMMA 4, DELLA LEGGE 24 MARZO 1989 N.122 (Deliberazione del

Dettagli

Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche

Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche Filippo Romano Giuseppe Failla Roma, 11-14 maggio 2009 Filippo

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU)

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) protocollo BOLLO PRATICA N PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice

Dettagli

TABELLE ONERI CONCESSORI

TABELLE ONERI CONCESSORI TABELLE ONERI CONCESSORI 1 - INSEDIAMENTI RESIDENZIALI (costi che si applicano per mc.) INTERVENTI Zona A Zona B Zona C Zona D Zona F primaria 1,85 2,12 2,25 2,25 2,25 secondaria 5,60 5,60 5,60 5,60 5,60

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

LA GIUNTA. con propria Deliberazione n. 311 del 23.12.2003 è stato approvato il progetto preliminare dell intervento, ammontante a. 1.090.

LA GIUNTA. con propria Deliberazione n. 311 del 23.12.2003 è stato approvato il progetto preliminare dell intervento, ammontante a. 1.090. LA GIUNTA Premesso che: l Amministrazione Comunale intende provvedere alla ristrutturazione del fabbricato adiacente Via Gobetti della ex caserma Piglione (ex distretto militare) per ospitare il centro

Dettagli