COMUNE DI QUINTO DI TREVISO. Studio di fattibilità ART. 11 c. 2 DPR 554/99

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI QUINTO DI TREVISO. Studio di fattibilità ART. 11 c. 2 DPR 554/99"

Transcript

1 COMUNE DI QUINTO DI TREVISO PROVINCIA DI TREVISO SERVIZIO III - TECNICO lavori AMPLIAMENTO DELLA COPERTURA DELLE TRIBUNE E REALIZZAZIONE DI SPOGLIATOI ED ALTRI LOCALI A SERVIZIO DELL IMPIANTO SPORTIVO DI VIA O. TENNI Studio di fattibilità ART. 11 c. 2 DPR 554/99 18 APRILE 2011 Ufficio Lavori Pubblici 1

2 PREMESSA Il presente studio di fattibilità è stato redatto prevedendo che per la realizzazione dell opera il Comune di Quinto di Treviso si avvalga di finanziamento esclusivo con capitale privato. Sono state valutate forme di partnership pubblico-privata, accertando che l opera pubblica da realizzare non possiede le caratteristiche delle opere che nel project financing sono dette calde (l investimento del promotore viene ripagato dai ricavi di gestione dell opera), trattandosi di lavori di ampliamento di un impianto sportivo esistente già affidato in gestione, sul quale comunque si possono ipotizzare solo esigui ricavi di gestione. Si è pertanto ritenuto di procedere prevedendo la concessione del diritto reale di superficie dei beni immobili di proprietà comunale, in sostituzione totale delle somme di denaro costituenti il corrispettivo del contratto per la realizzazione dell opera pubblica in questione, ai sensi dell art. 53 comma 6 del D.Lgs. 163/2006. In particolare, si è ritenuto di individuare delle aree da concedere al privato in diritto di superficie per realizzarvi impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Le aree individuate allo scopo sono: la copertura delle tribune del campo sportivo comunale di Via O. Tenni (lastrico solare), per l installazione di un impianto fotovoltaico; due aree marginali rispettivamente nell impianto sportivo di Via O. Tenni e nell area scoperta della Scuola Media e Palestra Ciardi in Via Donatori del Sangue, da destinare alla collocazione di due impianti di cogenerazione a biomassa vegetale in grado di produrre energia elettrica ed energia termica da utilizzare per il riscaldamento di immobili comunali; tali aree andranno indicate nel programma triennale delle opere pubbliche tra i beni che, ai sensi dell art. 128 comma 4 del D. Lgs. 163/2006, possono essere oggetto di diretta alienazione anche del solo diritto di superficie, previo esperimento di una gara, al fine di quanto previsto dall'articolo 53, comma 6; Verrà pertanto analizzata, oltre alla fattibilità tecnica, quella economico-finanziaria, alla luce della modalità di finanziamento dell opera come sopra indicato. 2

3 INDICE A - RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE 1. Inquadramento territoriale e socio-economico dell area oggetto dell intervento 2. Corografia 3. Confini catastali 4. Stralcio del Piano Regolatore Comunale e verifica con gli strumenti urbanistici 5. Analisi della domanda e dell attuale offerta e di previsione 6. Analisi delle alternative progettuali 7. Studio dell impatto ambientale riferito alla soluzione progettuale individuata e alla possibili alternative B - RELAZIONE TECNICA 1. Le caratteristiche funzionali e tecniche dei lavori da realizzare 2. Descrizione, ai fini della valutazione preventiva della sostenibilità ambientale e della compatibilità paesaggistica dell intervento, dei requisiti dell opera da progettare, delle caratteristiche e dei collegamenti con contesto nel quale l intervento si inserisce nonché delle misure idonee a salvaguardare la tutela ambientali i valori culturali e paesaggistici 3. Analisi sommaria delle tecniche costruttive e indicazione delle norme tecniche da applicare 4. Cronoprogramma 5. Stima sommaria dell intervento C - ELABORATI PROGETTUALI PREVISTI D ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA 1. Analisi della fattibilità economica con finanziamento esclusivo mediante capitale privato 2. Elementi essenziali dello schema di contratto e modalità di scelta del il soggetto attuatore E ELABORATI GRAFICI 1. Planimetria generale con individuate le aree da concedere in diritto di superficie 2. Planimetria stato di fatto con indicata la localizzazione dell opera pubblica da realizzare: piante, prospetti e sezioni 3

4 A - RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE 1. Inquadramento territoriale e socio-economico dell area oggetto dell intervento Le aree oggetto di intervento si trovano relativamente vicine tra loro; posizionate ad ovest del centro del paese di Quinto di Treviso; a sud dell ansa del Fiume Sile in una porzione del territorio relativamente poco urbanizzata ed ospitante attrezzature pubbliche. Le due aree sono in relazione tra loro dalla presenza della ex-ferrovia Ostiglia, segno caratteristico del territorio dove attualmente è in corso un progetto di ampio respiro per trasformare il lungo tratto in una pista ciclabile immersa nel Parco del Sile. Il campo sportivo comunale si trova in via O. Tenni, servito a nord da via Francesco Baracca e da via O. Tenni, strada chiusa, che conduce all ampio parcheggio dello stadio e quindi all accesso delle tribune e dei locali a servizi degli impianti. A sud del campo sportivo principale, servito anche da una pista di atletica, si trovano i fabbricati adibiti a spogliatoi, struttura staccata che confina a sud con un ampia ansa del fiume Sile. Ad ovest è presente un ampia area agricola con sporadiche abitazioni a congrua distanza, mentre ad est sono presenti altre aree destinate a servizi attualmente coltivate a campo aperto, tale spazio permette un cuscinetto con l inizio dell abitato del paese. 4

5 La zona in particolare si presenta divisa in diverse unità: il campo sportivo principale al centro con circostante pista di atletica, campi di allenamento nella parte nord, la struttura delle tribune coperte al fianco ovest del campo sportivo principale, seguita dalla zona accessi al pubblico e dal parcheggio. Attualmente le strutture adibite a spogliatoi ed a sede della società sportiva di calcio si trovano a sud del campo sportivo, insieme a campi di calcetto e tennis coperti. L area confinante con il fiume è attrezzata a parco. L intera struttura è di proprietà comunale ed è affidata in gestione. Per quanto riguarda campo da calcio e atletica e relative strutture di supporto alla società Sportiva del A.S.D. Union Quinto Calcio e alla società Atletica Quinto; mentre per gli spazi adibiti a campi da calcetto e tennis, la gestione è in corso di affidamento. La struttura è utilizzata sia per la pratica dello sport Calcio sia per la pratica dello sport Atletica, sia per l utilizzo non agonistico dei campi da calcetto e di tennis senza tralasciare poi un'area pubblica a ridosso dell'ansa del fiume Sile attrezzata come area pic-nic per tutte le persone che ne volessero fare uso tenendo anche conto che la stessa è raggiunta dal percorso ciclopedonale di visita del Parco Sile denominato La via dei Mulini nell ambito della più ampia rete di percorsi Girasile. 5

6 Proprio per questa sinergia di attività, nelle giornate di manifestazioni sportive agonistiche e non, nell area vengono richiamate numerose persone come spettatori, come atleti e dirigenti (allenamenti, riunioni, rappresentanza e partite dei vari campionati) o come semplici utilizzatori delle strutture a disposizione (calcetto, tennis, pic-nic ). Questa multidisciplinarietà di attività permette un utilizzazione importante e costante da parte della comunità locale ma anche da utenti residenti in altri comuni più o meno vicini che la classifica a tutti gli effetti un'area di pregio adatta a molteplici attività promosse sia dal Comune stesso che da eventuali privati. 6

7 2. COROGRAFIA ESTRATTO I.G.M. scala 1: ESTRATTO C.T.R. scala 1: elemento n

8 3. CONFINI CATASTALI ESTRATTO MAPPA scala 1:2000 Foglio 4 m.n

9 4. STRALCIO DEL PIANO REGOLATORE COMUNALE E VERIFICA CON GLI STRUMENTI URBANISTICI ESTRATTO P.R.G. scala 1:5000 QUINTO DI TREVISO 2009 TAV

10 Dal punto di vista urbanistico l area è regolamentata dal Piano Regolatore Comunale del Comune di Quinto di Treviso ed in particolare dalla Variante di assestamento comma 4 art. 50 del P.R.G. con approvazione del C.C. n 38 del La zonizzazione prevede per l area una ZTO F impianti pubblici, di uso pubblico e di interesse collettivo. Per tali zone il Comune può consentire l esecuzione di opere, da parte di privati o di associazioni, mediante convenzionamento, le finalità proprie della zona art.48 delle N.T.d A. c.1). Le modalità di intervento si attuano per l area specifica con intervento edilizio diretto (IED) (art.48 delle N.T.d A.c.3). Altre prescrizioni, riguardano in questo caso, l interazione del procedimento autorizzativo con il Parco Naturale Regionale del fiume Sile ed in particolare le direttive di cui al titolo VII delle N.T.A. del Piano Ambientale (art.48 delle N.T.d A.c.5b). Nei paragrafi seguenti dello Studio di Fattibilità verrà ripreso più approfonditamente la legislazione dell Ente sopracitato. All articolo 49 delle N.T.A. del P.R.G. vengono focalizzati alcuni aspetti dettagliati dell area in oggetto; in particolare il comma 5 Attrezzature per il gioco e lo sport stabilisce i seguenti indici urbanistici : Uf (indice di utilizzazione fondiaria) calcolato come la massima superficie utile (Su), come definita nell art.7, espressa in mq edificabili per ogni mq di superficie fondiaria(sf) = 0,8 mq/mq di cui non più del 50% per attrezzature coperte Rc (rapporto di copertura) definito in percentuale come il rapporto la superficie coperta (Sc) e la superficie fondiaria (Sf) = 40%; le sistemazioni a parcheggio e le altre superfici pavimentate non dovranno interessare più del 10% dell area. Per impianti esistenti anteriormente alla adozione del PRG i parametri di cui sopra sono aumentati del 50%. 5. Analisi della domanda e dell attuale offerta e di previsione con riferimento: I. Al bacino d utenza L ampliamento della copertura delle tribune permetterà di garantire a un maggior numero di persone di assistere agli eventi sportivi (sia di atletica che calcistici) in programma protetti dagli agenti atmosferici, potenziando quindi il numero di spettatori paganti anche nei mesi invernali. La realizzazione di nuovi spogliatoi accompagnata alla ristrutturazione di quelli esistenti, oggetto di altro intervento inserito nell elenco opere pubbliche 2011, permetterà di offrire un servizio migliore sia alle Società Sportive di prima squadra sia ai numerosi settori giovanili. La possibilità di disporre di più spogliatoi permette quindi una migliore organizzazione logistica e oraria venendo incontro quindi alle esigenze delle famiglie e dei cittadini della comunità. La struttura è utilizzata durante la settimana in maniera diversa in base ai giorni in cui è aperta: i fine settimana e durante le occasioni di manifestazioni sportive la struttura è attrezzata per accogliere sia gli atleti che gli spettatori. 10

11 Durante i giorni lavorativi non in concomitanza con eventi, la struttura è praticamente sempre utilizzata dalle Società per allenamenti delle giovanile e delle squadre più grandi, nonché per la pratica non agonistica di tennis e calcetto da parte di dilettanti. II. Alla stima dei bisogni dell utenza mediante l utilizzo di parametri fisici riferiti alla specifica tipologia di intervento, quali i flussi di traffico e il numero di accessi L ampliamento della copertura non andrà ad incidere con il numero massimo dei posti disponibili delle tribune e quindi rimarranno inalterati il numero di posti auto esistenti, l impianto è comunque dotato di ampio parcheggio che garantisce di soddisfare gli standard normativi di riferimento. La realizzazione degli spogliatoi sotto la pensilina di copertura adeguatamente ampliata, non andrà ad incidere con i flussi di traffico dell intero comparto, in quanto la struttura dovrà essere realizzata all interno della recinzione esistente che delimita l accesso al campo sportivo dalla zona a parcheggio. Attualmente la struttura è accessibile per gli spettatori attraverso due accessi distinti (ospiti e locali senza commistione tra loro) che rendono fruibili le tribune; mentre agli atleti ed ai direttori di gara viene garantito un accesso indipendente agli spogliatoi. La realizzazione della nuova struttura spogliatoi sotto la copertura della tribuna dovrà prevedere un nuovo accesso agli atleti ed arbitri senza commistione con gli accessi agli spettatori, secondo quanto previsto dalle norme C.O.N.I. per garantire l incolumità degli sportivi. Analizzando l area e le planimetrie esistenti ciò non pregiudica l intervento in quanto durante le manifestazioni l area di parcheggio frontale agli spogliatoi dovrà essere transennata o separata con strutture mobili e riservare i parcheggi promiscui agli atleti ed arbitri. L accesso agli spogliatoio attuali rimarrà inalterato. III. All individuazione, in termini quantitativi di gradimento, dell offerta attuale e di quella prevista nei medesimi settori dell intervento A giovare dell intervento saranno sicuramente le Società Sportive, le quali permetteranno un miglior servizio ai cittadini, sia in termini di visibilità degli eventi sportivi, sia in termini di utilizzazione delle strutture sportive. Inoltre, secondo le necessità delle società sportive che utilizzano l impianto, la nuova struttura dovrà ospitare dei locali attrezzati per uffici e segreteria liberando ulteriore spazio nella struttura esistente. Tali locali si dovranno ricavare possibilmente in aderenza ai nuovi spogliatoi. 6. Analisi delle alternative progettuali Per quanto riguarda le scelte tecnologiche, l ampliamento della pensilina della tribuna sarà necessariamente in analogia a quella esistente, escludendo quindi la demolizione con totale rifacimento. La realizzazione degli spogliatoi ed altri locali di servizio nello spazio sottostante la pensilina ampliata in aderenza alle tribune è preferibile per compattare i volumi ed 11

12 evitare di realizzare un nuovo fabbricato, per il quale mancherebbe anche un area adeguata al interno dell attuale perimetro di proprietà dell impianto. Anche per quanto riguarda le scelte organizzative la collocazione degli spogliatoi centrale è la soluzione migliore rispetto ad una collocazione decentrata come quella attuale Relativamente alle scelte finanziarie, è da escludere l esposizione del Comune per la realizzazione di tale opera, stante i ristretti vincoli di spesa imposti dal patto di stabilità. Come richiamato in premessa, anche forme di concessione di lavori pubblici in cui il corrispettivo del privato consiste nei ricavi della gestione dell opera, sono da escludere, considerato che questo tipo di impianto consente esigui ricavi di gestione. Per questa ragione si intende reperire il finanziamento con capitale privato mediante la concessione del diritto reale di superficie dei beni immobili di proprietà comunale, in sostituzione totale delle somme di denaro costituenti il corrispettivo del contratto per la realizzazione dell opera pubblica in questione, ai sensi dell art. 53 comma 6 del D.Lgs. 163/2006. Condizioni e modalità sono precisate di seguito nel presente studio di fattibilità. 12

13 7. Studio dell impatto ambientale riferito alla soluzione progettuale individuata e alla possibili alternative I. Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnica, idraulici, desunti dalle cartografie disponibili o interenti ricadenti in zona CARTA DEI SUOLI della Provincia di Treviso 2008 Provincia di Treviso - Arpav ESTRATTO scala 1:

14 Da un analisi sommaria della cartografia tecnica si evince che i terreni che interessano lo Studio di Fattibilità, ed in particolare la zona del campo sportivo di Quinto, sono caratterizzati dalla presenza di terreni sabbiosi-limosi con la presenza d acqua a quote inferiori al metro. Dato le particolari caratteristiche sono sconsigliate opere interrate e semi-interrate. Una relazione geologica e geotecnica più specifica dovrà, in sede di inizio lavori, stabilire l eventuale piano di posa delle fondazioni per le opere edili in oggetto. Da un punto di vista idraulico, l ampliamento che si andrà a realizzare non prevede sostanziali aumenti della superficie impermeabile del sito, in quanto gli impianti di cogenerazione occuperanno una superficie coperta molto modesta; mentre la copertura degli spalti, in parte già esistente, coprirà un area attualmente pavimentata ed occupata dal volume delle tribune. La superficie coperta di progetto che occuperanno gli spogliatoi dovrà prevedere un minor impatto idrogeologico possibile, compatibilmente con gli spazi richiesti. 14

15 II. Verifica dei vincoli ambientali, storici, archeologici, paesaggistici interferenti sulle aree o sugli immobili interessati dall intervento PIANO AMBIENTALE Regione Veneto Ente Parco Naturale Regionale del Fiume Sile ESTRATTO scala 1: TAV AZZONAMENTO 15

16 L area dello stadio di Quinto di Treviso rientra all interno del Parco Regionale del Fiume Sile; l intervento è pertanto soggetto alla relativa autorizzazione ambientale. La relativa zonizzazione nel Piano Ambientale è Zona ad urbanizzazione controllata con funzioni di interesse pubblico ( tavola grafica Azzonamento n scheda urbanistica di dettaglio n. 2 - capo IV Zone urbanizzate art. n. 21 delle Norme di Attuazione del Piano Ambientale ). In particolare le destinazioni funzionali in progetto ( spogliatoi e spazi per lo sport ), sono compatibili con le finalità del Piano Ambientale e il criterio dell intervento delle funzioni sopra citate prescrivono quali interventi possibili l ampliamento di edifici esistenti. Nel caso in esame, la realizzazione dell ampliamento della copertura degli spalti con soprastante impianto fotovoltaico dovrà prevedere sistemi di mascheramento dei pannelli, qualora inclinati, mentre per quanto riguarda i pannelli posati in aderenza alla copertura non necessitano particolari accorgimenti. La realizzazione degli impianti di cogenerazione a biomassa vegetale dovranno prevedere sistemi adeguati per l insonorizzazione dei motori. La costruzione degli spogliatoi dovrà avvenire sotto la copertura delle tribune o in aderenza ad essa e l unico aspetto importante per le questioni paesaggistiche riguarderà lo scarico delle acque reflue mediante sistemi di depurazione consoni. Questo studio di fattibilità e le progettazioni successive non avranno l obbligo di produrre un nuovo progetto del verde in quanto sull area esiste già un progetto del verde in parte realizzato ed approvato durante l iter di approvazione per la realizzazione delle tribune esistenti. 16

17 B - RELAZIONE TECNICA 1. Le caratteristiche funzionali e tecniche dei lavori da realizzare Nella relazione tecnica dello studio di fattibilità verrà posto l accento soprattutto sull ampliamento della copertura delle tribune e sulla realizzazione dell immobile ad uso spogliatoi e altri locali per le attività a servizio dell impianto sportivo di Via O. Tenni, in quanto le lavorazioni che necessitano la messa in uso degli impianti di cogenerazione non risultano particolarmente impegnative, trattandosi di apparecchiature già pronte che necessitano della sola installazione e messa in rete. La copertura delle tribune dovrà essere realizzata con strutture che si accompagnano ai materiali esistenti prevedendo un loro inserimento nel conteso circostante. L ingresso degli ufficiali di gara e dei calciatori deve essere indipendente senza interessare la zona percorsa dal pubblico, dall esterno del campo sportivo agli spogliatoi, e da questi al terreno di gioco, in modo che gli ufficiali di gara e gli atleti abbiano tutte le garanzie, le protezioni idonee e illuminazione agli effetti della loro incolumità L ingresso in campo dei partecipanti al gioco, qualsiasi esso sia ( tunnel,sottopassaggio,ecc ), deve essere separato dal pubblico e protetto dal lancio degli oggetti, petardi, ecc, mediante sistemi che non devono impedire o ridurre la visibilità del pubblico. In caso di accesso di campo mediante protezioni mobili, lo spostamento di queste deve potere avvenire in un tempo massimo di 30 secondi. Nel caso di accesso al campo di gioco mediante sottopassaggio questo dovrà essere nel illuminato artificialmente. L ingombro del nuovo immobile non dovrà modificare gli accessi esistenti degli spettatori o quanto meno dovrà prevedere le stesse caratteristiche di sicurezza e separazione. Per soddisfare le esigenze funzionali della struttura, nella progettazione si dovranno prevedere: - due spogliatoi per gli atleti con locali di superficie netta non inferiori a mq. 30, esclusi i servizi; dotati di almeno n. 6 docce, n. 2 w.c., n. 2 orinatoi, n. 2 lavabi; - due spogliatoi per gli ufficiali di gara di superficie non inferiore di mq.10 dotati di n. 2 docce, n. 1 w.c. n.1 lavabi; - n. 1 locale sala medica di superficie non inferiore a mq. 10 igienicamente idoneo e adeguatamente areato provvisto di n. 1 lavandino; - adeguati spazi per magazzini e ripostigli; - spazi per uffici e per rappresentanza per la società di calcio U.S. Quinto con adeguato accesso; - un locale lavanderia. L impianto di cogenerazione istallato in prossimità delle tribune dovrà servire anche alla produzione di calore per il riscaldamento degli spogliatoi esistenti, che saranno oggetto di ristrutturazione con un intervento da parte dell Amministrazione già inserito nell elenco opere pubbliche

18 2. Descrizione, ai fini della valutazione preventiva della sostenibilità ambientale e della compatibilità paesaggistica dell intervento, dei requisiti dell opera da progettare, delle caratteristiche e dei collegamenti con contesto nel quale l intervento si inserisce nonché delle misure idonee a salvaguardare la tutela ambientali i valori culturali e paesaggistici Come già descritto in precedenza l intervento verrà realizzato nell area tutelata dal Parco del Sile; per cui richiede un autorizzazione paesaggistica da parte dell Ente. Le prime indicazioni per la valutazione preventiva sulla sostenibilità ambientale e sulla compatibilità paesaggistica riguarderanno le eventuali opere di mitigazione dell opera. La realizzazione degli impianti di cogenerazione a biomassa vegetale è consentita, purché siano presi in considerazione un idonea insonorizzazione della struttura e una documentata emissione in atmosfera dei gas di scarico. L impianto fotovoltaico della copertura, con l adeguato ampliamento della stessa, è assentibile senza particolari vincoli se aderente alla copertura. Qualora, per motivi funzionali, i moduli fotovoltaici fossero installati con una certa inclinazione, si dovranno attuare alcuni accorgimenti tecnici per il mascheramento nei prospetti dei pannelli. La realizzazione degli spogliatoi sottostanti la copertura in progetto non necessita di particolari accorgimenti, in quanto l area di interesse della struttura risulterà completamente inglobata dalla copertura. Accorgimenti particolari dovranno riguardare la realizzazione degli scarichi delle acque reflue, in quanto la zona non è servita da fognatura comunale. Negli interventi in questore non viene richiesto un nuovo progetto del verde in quanto basterà attuare il progetto richiesto al momento della realizzazione delle tribune esistenti. Dal punto di vista della sostenibilità ambientale va infine tenuto conto della previsione che il soggetto attuatore privato realizzi sulle aree concesse in diritto di superficie degli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, in particolare fotovoltaico e biomassa vegetale. Infine per gli impianti a biomassa vegetale è prevista la cogenerazione, consentendo che la produzione di energia termica, prodotto di scarto dei motori a biomassa vegetale, venga impiegata per il riscaldamento degli spogliatoi e dei locali in progetto ed esistenti nell impianto sportivo, nonché delle scuole medie e della palestra Ciardi. 3. Analisi sommaria delle tecniche costruttive e indicazione delle norme tecniche da applicare La pensilina di copertura delle tribune andrà ampliata con struttura analoga all esistente, per conservare una omogeneità d aspetto. Il fabbricato in progetto ad uso spogliatoi ed altri locali attinenti alla gestione del campo sportivo, verrà realizzato nello spazio sottostante la pensilina ampliata in aderenza alla struttura esistente delle tribune, rimanendone tuttavia del tutto indipendente dal punto di vista strutturale. Per tale fabbricato saranno da preferirsi le soluzioni tecniche costruttive che garantiscano, nella gestione del cantiere, la minore interferenza possibile e per il minor tempo possibile, con le strutture esistenti e il loro utilizzo. 18

19 La soluzione prefabbricata potrebbe rappresentare un opportunità in quanto ridurrebbe le lavorazioni in sito, con un sensibile abbattimento dei tempi di realizzazione dell opera. Inoltre il sistema prefabbricato consentirebbe un utilizzo della struttura esistente senza l intralcio del nuovo cantiere. In questo senso andrà inserito, tra gli elementi di valutazione dei concorrenti nella scelta del soggetto attuatore, un piano di cantierizzazione che riduca l'impatto sulla fruibilità dell'impianto esistente. Di seguito viene proposto un elenco di normative di cui tener conto per la progettazione: Normativa urbanistica - Variante di assestamento comma 4 art. 50 del P.R.G. con approvazione del C.C. n 38 del Regolamento Edilizio e Norme di Attuazione - D.P.R. n 380 del Normativa Parco del Fiume Sile - Piano Ambientale, Norme di Attuazione Normativa sportiva per la realizzazione di impianti sportivi - Regolamento F.I.G.C. interno del Regolamento C.O.N.I. n 1379 del Costruzioni in genere - Legge 05/11/1971 n : Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio armato normale e precompresso ed a struttura metallica - D.M. 14/01/2008 : Nuove norme tecniche per le costruzioni Sicurezza nei cantieri edili - D.L. 09/04/08 n 81, attuazione dell articolo 1 della legge 03/08/07 n 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 19

20 4. Cronoprogramma FASI PERIODO (X = 1 MESE) STUDIO DI FATTIBILITA X PREPARAZIONE DEL BANDO X PROGETTOPRELIMINALE (GARA) X X AGGIUDICAZIONE E STIPULA CONTRATTO X PROGETTO DEFINITIVO X X X PROGETTO ESECUTIVO X REALIZZAZIONE IMPIANTO DI COGENERAZIONE PALESTRA CIARDI REALIZZAZIONE IMPIANTO DI COGENERAZIONE CAMPO SPORTIVO REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ED AMPLIAMENTO COPERTURA TRIBUNE CONNESIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA NAZIONALE X X X X X X X X X X X X X X X COLLAUDI COPERTURA E IMPIANTI X REALIZZAZIONE NUOVI SPOGLIATOI X X X X X X X X X X X X COLLAUDI SPOGLIATOI X ACCATASTAMENTO IMPIANTI E SPOGLIATOI X 20

21 5. Stima sommaria dell intervento STIMA COSTO OPERE ampliamento della pensilina di copertura delle tribune opere di fondazione ,00 opere in elevazione ,00 opere strutturali in acciaio ,00 opere di copertura ,00 sommano ,00 oneri di sicurezza ,00 Totale opere ,00 fabbricato ad uso spogliatoi ed altri locali per attività di servizio dell impianto sportivo opere di fondazione ,00 opere in elevazione ,00 opere di copertura , finiture di opere generali di natura edile e tecnica ,00 finiture di opere generali in materiali lignei, plastici, metallici e vetrosi ,00 impianto idrico-sanitario ,00 impianto termici e di condizionamento ,00 impianto elettrico ,00 sommano ,00 oneri di sicurezza ,00 Totale opere ,00 21

22 STIMA DEL QUADRO ECONOMICO DELL OPERA LAVORI opere ,00 costi per la sicurezza ,00 SOMME A DISPOSIZIONE sommano ,00 spese tecniche relative alla progettazione ,00 spese tecniche relative alla direzione lavori e contabilità ,00 spese per il coordinatore della sicurezza (progettazione ed esecuzione) 5.500,00 spese tecniche per indagini geologiche 2.500,00 spese tecniche per accatastamento 3.000,00 imprevisti 3.200,00 i.v.a. su spese tecniche 9.800,00 i.v.a. su lavori ,00 sommano ,00 TOTALE IMPORTO PROGETTO ,00 22

23 C - ELABORATI PROGETTUALI PREVISTI L opera è di importo inferiore a ,00 e per l inserimento nell elenco annuale opere pubbliche è sufficiente il presente studio di fattibilità, che ai sensi del comma 2 dell art. 5 della L.R. 27/2003 sostituisce il documento preliminare alla progettazione Si prevedono 3 livelli di progettazione: il progetto preliminare verrà redatto dai concorrenti alla procedura ad evidenza pubblica per la scelta del soggetto attuatore dell intervento; successivamente andranno redatti il progetto definitivo e il progetto esecutivo. I livelli definitivo ed esecutivo potranno essere unificati, prevedendo eventualmente la stesura di elaborati finalizzati alla richiesta di autorizzazioni da parte di vari enti (ambientale, sanitaria, VV.F., C.O.N.I.), per anticipare i tempi di richiesta e consentire modifiche prima della stesura finale nel caso si rendesse necessario ottemperare ad eventuali prescrizioni. Gli elaborati delle varie fasi progettuali sono indicati di seguito, tenendo conto che per il loro contenuto si rimanda al d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207, che entrerà in vigore il 9 Giugno 2011: PROGETTO PRELIMINARE relazione illustrativa; relazione tecnica; studio di prefattibilità ambientale; accertamenti ed indagini preliminari - ambientali, geologiche, geotecniche e relative relazioni ed elaborati grafici; planimetria generale e elaborati grafici; prime indicazioni e misure finalizzate alla tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro per la stesura dei piani di sicurezza con i contenuti minimi di cui al comma 2; calcolo sommario della spesa; quadro economico di progetto; rilievo sommario degli immobili esistenti (già disponibile agli atti). PROGETTO DEFINITIVO relazione generale; relazioni tecniche e relazioni specialistiche; rilievi planoaltimetrici; elaborati grafici; studio studio di fattibilità ambientale; calcoli delle strutture e degli impianti secondo quanto specificato all articolo 28, comma 2, lettere h) ed i) del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207; disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici; 23

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI...

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... 2 PARTE I... 3 PIANI URBANISTICI ATTUATIVI... 3 PARTE II... 7 PROGRAMMI DI RICONVERSIONE E/O

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO TAVOLO TECNICO DI COORDINAMENTO delle Provincie della Regione Abruzzo (L.R. n. 28/2011, art. 2, comma 4) c/o Direzione Protezione Civile e Ambiente via Salaria Antica Est 27 67100 L Aquila fax 0862.364615

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO APPROVATO CON DELIB. C.C. n. 55 del 30/03/2009 REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA Progetto:

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli