LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1"

Transcript

1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME La programmazione cofinanziata dal Fondo sociale europeo nel periodo , in linea con le priorità individuate a livello comunitario dalla strategia europea per l occupazione, assegna un ruolo centrale alle politiche volte all adattabilità dei lavoratori e delle imprese. Le Regioni e le Province autonome, sia quelle del centro-nord sia quelle del Mezzogiorno, titolari della programmazione e della gestione delle risorse comunitarie finalizzate all occupazione e alla formazione, hanno condiviso, e pongono oggi in attuazione, la scelta di dedicare linee autonome di intervento allo sviluppo delle attività di formazione per la Pubblica Amministrazione nel più ampio contesto degli interventi rivolti agli occupati, che coprono una parte importante degli investimenti sostenuti finanziariamente dal FSE. Tale scelta trova fondamento in due rilevanti ragioni. In primo luogo, naturalmente, il delinearsi e il progredire di un processo complesso di decentramento alle Regioni e agli Enti locali sia delle funzioni amministrative, sia della competenza a legiferare su diverse materie. Non va dimenticato, infatti, che il negoziato fra Regioni, Amministrazioni centrali e Commissione europea per definire i contenuti e le strategie dell attuale programmazione, si è tenuto a cavallo fra il 1999 e il 2000 e, quindi, in un momento in cui il decentramento amministrativo, avviato con le cosiddette leggi Bassanini e i relativi decreti, entrava nel vivo e poco prima del compimento della discussione e del confronto istituzionale attorno alla revisione del Titolo V della Costituzione. La seconda motivazione è connessa in modo più specifico ai fondi strutturali: essendo stata infatti condivisa e riconosciuta, nel negoziato stesso, la competenza regionale tanto a programmare quanto a gestire le risorse comunitarie, la previsione di programmi a completa titolarità delle Regioni e delle Province autonome ha accresciuto la consapevolezza di un aumento dell impegno gestionale e di coordinamento delle Regioni. I due elementi sopra ricordati hanno chiaramente concorso a determinare la scelta di costruire programmi di intervento articolati, con l obiettivo di migliorare le competenze del personale delle PA tanto a livello regionale quanto a livello delle Province delegate alla gestione. Nel contributo dello scorso anno per il 6 Rapporto, sono state ampiamente illustrate le principali linee di programmazione, tuttavia vale la pena ricordare alcuni elementi utili a definire il quadro nel quale le Regioni/Province autonome hanno articolato la propria programmazione. 1 Il presente contributo si pone in continuità con quello prodotto dal Coordinamento interregionale alla formazione professionale e al lavoro per il 6 Rapporto sulla Formazione nelle Pubbliche Amministrazioni. 7 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2 PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE In primo luogo, si rammenta che la programmazione comunitaria è costruita su obiettivi strategici. In particolare, quello che guida le amministrazioni titolari di programma rispetto alle Pubbliche Amministrazioni è, a livello generale, quello di promuovere una forza lavoro competente, qualificata e adattabile, insieme a quello di sostenere l innovazione e l adattabilità nell organizzazione del lavoro. Quest obiettivo generale è stato poi declinato, in dettaglio e in modo vario, in ciascun programma regionale (POR) e precisato, fino al livello di tipologia di azione prevista, nelle misure inserite nel Complemento di programmazione (CdP), indicando le categorie di utenza cui far riferimento, le Amministrazioni coinvolte nel processo, le risorse dedicate a questa linea di intervento. Nella programmazione delle Regioni e Province autonome del centro-nord (Obiettivo 3) e per la Regione Basilicata, la Misura dedicata esclusivamente alla formazione nella PA è la D2; per quanto riguarda il Mezzogiorno (Obiettivo1), si avverte che in tutte le Regioni la Misura dedicata è la 3.10, ad eccezione della Regione Sardegna che ha programmato tali interventi nella Misura 3.9. Si precisa infine che la Regione Molise, che in questa programmazione beneficia di un sostegno transitorio, non ha previsto una Misura specifica, ma ha messo in atto le azioni per la PA nella Misura D1 assieme ad altri interventi di formazione continua per occupati. Va sottolineato infatti che la programmazione comunitaria, sebbene basata su linee dedicate di intervento, si caratterizza per una forte integrazione fra le attività, pertanto è necessario tener presente che interventi di cui possa beneficiare, in modo diretto o indiretto, il personale delle Pubbliche Amministrazioni sono previsti e attuati anche in altre Misure dei POR. In particolare, si ritrovano interventi per dipendenti della PA sia nella Misura finalizzata alla formazione lungo l intero arco della vita (lifelong learning), sia in quella rivolta al miglioramento della partecipazione femminile al mercato del lavoro nonché, appunto, nel più ampio contesto delle politiche di formazione continua. Si avverte, infine, che nella Misura dei POR volta allo sviluppo e all implementazione dei Servizi per l impiego sono previste numerose azioni formative del personale dei centri che, ovviamente, dipende da Amministrazioni pubbliche (Regioni e Province). Il contributo al presente Rapporto dà conto delle principali linee strategiche attuate dalle Regioni e dalle Province autonome con il supporto finanziario del FSE nel corso del triennio A tal fine appare utile ripercorrere brevemente alcuni elementi, caratterizzanti la programmazione, comuni alle diverse Amministrazioni. In primo luogo, si ricorda l articolazione degli interventi secondo le tre macrotipologie di azione del FSE, vale a dire azioni rivolte alle persone, azioni di assistenza a strutture e sistemi e misure di accompagnamento. In questo contesto, in linea con l obiettivo di mettere in condizione gli occupati del settore pubblico di rispondere in modo sempre più adeguato ed efficace alla riorganizzazione funzionale e alla maggiore flessibilità gestionale che discendono dal processo di decentramento, il dettaglio delle azioni immaginato dalle Amministrazioni è ampio e originale RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2003

3 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 Gli elementi comuni possono comunque essere sintetizzati in alcune principali linee di intervento dirette ai funzionari pubblici che si ricordano a titolo esemplificativo: Formazione finalizzata a migliorare la qualità dei processi di programmazione, progettazione e gestione dei servizi pubblici e all acquisizione di competenze gestionali e di coordinamento connesse al decentramento; Adeguamento delle competenze trasversali e tecnico-specialistiche; Adeguamento delle abilità manageriali in materia di politiche del lavoro, programmi comunitari, promozione di progetti territoriali di sviluppo; Interventi per lo sviluppo dei processi di innovazione amministrativa organizzativa e tecnologica; Sostegno alla sperimentazione di nuove forme di accesso e di organizzazione del lavoro (job sharing, job rotation, telelavoro). Per quanto riguarda la programmazione finanziaria, la Tabella 1 fornisce un quadro analitico delle risorse messe a disposizione delle Regioni e delle Province autonome. Le Amministrazioni, nei POR, hanno complessivamente programmato risorse per le linee specificamente dedicate alla formazione e alla riqualificazione del personale delle Pubbliche Amministrazioni (come detto, le Misure D2 e 3.9/3.10) per oltre 285 milioni di Euro; in particolare, in Obiettivo 1 la programmazione ammonta a Euro, mentre in Obiettivo 3 essa sfiora i 175 milioni di Euro. Nel presente contributo, al fine di accompagnare la descrizione qualitativa dell attuazione con la dimensione finanziaria degli interventi si è scelto di dar conto solo dell attuazione di quelle Misure esplicitamente dedicate alla PA, pertanto, per quanto già accennato in relazione ai servizi per l impiego o ad attività inerenti percorsi di carriera femminili ecc., si rinvia ad analisi più approfondite che potranno essere eventualmente svolte nel prosieguo della programmazione. Le risorse per la PA, raffrontate con quanto previsto per il complesso della formazione degli occupati del settore pubblico e del settore privato, ammontano a circa il 17% della formazione continua. Rispetto al totale della programmazione comunitaria per il sono dedicati alla PA il 2,20% dei finanziamenti. Il Grafico 1 evidenzia il peso delle attività considerate rispetto al totale del FSE. Come noto, i finanziamenti strutturali intervengono a complemento di attività programmate dalle Regioni con proprie risorse, pertanto l investimento su questa linea non si configura come marginale bensì piuttosto significativo se considerato in relazione alla priorità per gli occupati nel settore privato, tenendo conto del fatto che le azioni previste sono particolarmente mirate e non generiche. L elemento della complementarietà, caratteristico degli interventi finanziati dall Unione europea all interno della politica di coesione, ha infatti l obiettivo di determinare un effetto moltiplicatore nei territori e quindi di far convergere risorse finanziarie di origine diversa sulla medesima priorità. L ATTUAZIONE FINANZIARIA E FISICA La Tabella che segue mostra l andamento finanziario delle Misure che le Regioni/Province autonome Obiettivo 3 e Obiettivo 1 hanno dedicato alla Pubblica Amministrazio- 7 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE Tabella 1 - RISORSE MESSE A DISPOSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME REGIONI/PA PROGRAMMATO PROGRAMMATO PROGRAMMATO % % FSE FORMAZIONE CONTINUA MISURA PUBBLICA AMM.NE Abruzzo ,03% 4,41% Bolzano ,33% 3,51% Emilia-Romagna ,91% 1,52% Friuli-Venezia Giulia ,00% 2,97% Lazio ,13% 2,60% Liguria ,76% 1,35% Lombardia ,02% 1,61% Marche ,54% 2,71% Piemonte ,73% 0,90% Toscana ,67% 2,20% Trento ,22% 5,05% Umbria ,28% 1,82% Valle D Aosta ,31% 2,15% Veneto ,33% 2,37% Totale Ob ,18% 2,11% Basilicata ,38% 0,99% Calabria ,75% 1,98% Campania ,22% 1,34% Molise * Puglia ,66% 1,01% Sardegna ,00% 3,98% Sicilia ,57% 3,44% Totale Ob ,15% 2,35% Totale ,68% 2,20% Fonte: Complementi di programmazione dei POR, * Per la Regione Molise è stato considerato il totale della Misura D1 Risorse destinate alla formazione della PA Altre risorse destinate alla formazione continua Grafico 1 PESO DELLE ATTIVITÀ RISPETTO AL TOTALE FSE Risorse destinate ad azioni diverse della formazione continua RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2003

5 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 ne. Le quote già impegnate nel primo periodo di programmazione sono state poste a confronto con le risorse complessivamente stanziate per il periodo Analogamente, la Tabella riporta i dati e il confronto con il programmato anche per quanto concerne i livelli di spesa raggiunti. Tabella 2 - MISURE DEDICATE ALLA PA DALLE REGIONI/PROVINCE AUTONOME OBIETTIVO 3 E 1 ANNUALITÀ PROGRAMMATO IMPEGNI PAGAMENTI % % MISURA PA 31/12/ /12/2003 REGIONI/PROV. AUT. OB. 1 OB. 3 A B C B/A C/A ,98% 8,81% ,32% 21,95% Fonte: dati di monitoraggio finanziario delle Regioni/pa Anche al fine di raffrontare i dati delle attuali realizzazioni (31/12/2003) con quanto a base del contributo fornito lo scorso anno, si riportano in Tabella anche gli impegni assunti e le spese sostenute al 31/12/2002. Come si evince dalla Tabella, l attuazione finanziaria della Misura dedicata alla PA risulta, a metà programmazione, particolarmente soddisfacente. Le risorse impegnate corrispondono al 47,32% della Misura e la spesa realizzata è intorno al 22% del programmato. Più nel dettaglio si specifica che la media dell impegno in Obiettivo 3 supera il 63% del programmato. È un dato decisamente significativo e in linea con la media dell impegno delle Regioni dell Obiettivo 3 su tutte le Misure dei POR, che ha raggiunto la percentuale del 65%. Senz altro da segnalare il caso della Provincia autonoma di Bolzano che al risultava aver impegnato il 214,79% delle risorse e che necessariamente, in fase di riprogrammazione dedicherà alla Misura nuove dotazioni finanziarie. Va rilevato ad ogni modo che la metà delle Regioni e Province autonome Obiettivo 3 si trova al di sopra della media del 63%. In Obiettivo 1 si segnalano le Regioni Campania e Calabria che hanno impegnato sinora rispettivamente il 48,02% e il 30,42% e la Sardegna che ha un dato di impegno al 27,9% delle risorse della Misura concorrendo a determinare la media di impegni nell Obiettivo pari ad oltre il 21%. Per quanto concerne la spesa, la media delle Regioni si attesta intorno al 22%: spicca ancora il dato delle Provincia autonoma di Bolzano, che ha raggiunto un livello di pagamenti pari al 76,08% della programmazione sulla Misura, della Regione Piemonte che ha impegnato il 63,08% e, per l Obiettivo1, il dato della Regione Campania (35,5%). Anche la progressione rilevata per gli impegni e per i pagamenti fra il 2002 e il 2003 (si veda il Grafico 2) appare del tutto interessante. L avvio a regime della Misura in molte Amministrazioni ha determinato una decisa accelerazione dell impegno e della spesa. Nello specifico, gli impegni hanno avuto un incremento del 57% circa e i pagamenti un 7 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

6 PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE Grafico 2 ATTUAZIONE MISURA FORMAZIONE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Impegni Pagamenti aumento del 149%. In particolare, e in linea con l incremento generale, si segnalano la Regione Veneto, che ha raddoppiato il proprio livello di pagamenti e la Regione Umbria, che è passata dal 20,3% al 52,37% degli impegni. Naturalmente l attuazione finanziaria va letta alla luce di una serie di altri elementi che consentono di coniugare elementi di carattere qualitativo all avanzamento efficiente delle Amministrazioni. Tabella 3 - LIVELLI DI GOVERNO PUBBLICO COINVOLTI REGIONE, COMUNI E AZIENDE SANITARIE OPERATORI PARTI SOCIALI E TIPOLOGIA DI LIVELLO DI GOVERNO PROVINCIA AUTONOMA, PROVINCE COMPRENSORI COMUNITÀ MONTANE E OSPEDALIERE DI PUBBLICA SICUREZZA CAMERE ENTI STRUMENTALI DI COMUNI (PROT. CIVILE) DI COMMERCIO Numero di Amministrazioni che hanno attuato per ciascun livello di governo Fonte: indagine attivata presso le Regioni/Province autonome In primo luogo appare utile evidenziare (Tabella 3) quali siano stati i livelli di governo pubblico coinvolti. Si osserva che circa la metà delle Regioni e delle Province autonome ha finanziato interventi per l Amministrazione stessa o per propri Enti strumentali. Si tratta, in larga prevalenza, di interventi complementari ai Piani formativi regionali e che tuttavia si caratterizzano per l innovatività e per un marcato orientamento al miglioramento della qualità dei processi. Si pensi per esempio a progetti di sviluppo organizzativo o diretti all acquisizione di metodologie e strumenti finalizzati all acquisizione e al consolidamento di capacità direzionali e tesi al controllo strategico e di gestione. È il caso per esempio, della Regione Sicilia e anche della Puglia e della Basilicata. Vi sono poi Regioni che hanno finanziato attività variamente diretta al territorio regionale, individuando come beneficiari della formazione sia dipendenti della Regione stessa, sia quelli che appartengono alle Province, ai Comuni, anche associati in comprensori, e alle Comunità montane RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2003

7 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 In diversi di questi casi, ad esempio nella Regione Marche o in Emilia-Romagna, le attività di formazione sono spesso finalizzate al miglioramento delle funzioni di coordinamento regionale dell attività delegata alle Province e di ottimizzazione dei processi di decentramento. A loro volta le Province, in queste Amministrazioni, mettono a bando e finanziano attività per livelli di governo ulteriori. Sono state infatti sperimentate diverse modalità di coordinamento dei bisogni formativi dei territori, fra queste si segnala la conclusione di specifici accordi di programma con le Province da parte della Regione Campania. Le Amministrazioni che invece hanno dato attuazione ad interventi ad esclusivo beneficio di livelli di governo subregionali hanno intrapreso tale scelta strategica alla luce di una riflessione congiunta con gli Enti locali del territorio circa le priorità di programmazione. Pertanto, sebbene in alcuni casi fossero previsti nei documenti di programmazione, gli interventi a favore della Regione stessa sono stati rinviati al secondo triennio di attuazione e, attraverso gli avvisi per la selezione dei progetti, l offerta è stata diretta a segmenti di utenza prevalentemente appartenente al personale delle Province, dei Comuni e delle Comunità montane, nonché, come si evince dalla Tabella, in alcuni casi, alle parti sociali. Non è ancora possibile fornire informazioni di puntuale dettaglio sul numero di Province e Comuni coinvolti, tuttavia da una prima ricognizione risulta che la formazione è stata promossa a favore di Enti locali di tutte le dimensioni. La Regione Friuli-Venezia Giulia, per esempio, ha emesso un bando per attività di sistema a favore di comuni con meno di abitanti; in particolare, sono finanziati studi connessi alla riorganizzazione della struttura dell Amministrazione comunale interessata anche con l obiettivo di realizzare una progettazione formativa tesa a snellire il funzionamento dell Amministrazione interessata in vista del conseguimento di una maggiore efficacia ed efficienza dell azione amministrativa. Si osserva che se, da un lato gli Enti locali di maggiori dimensioni utilizzano di norma finanziamenti FSE in quota aggiuntiva alle risorse accantonate in applicazione delle norme contrattuali, per i Comuni medio piccoli le azioni finanziate, a fronte di accantonamenti poco significativi, hanno consentito l avvio e la realizzazione di attività il cui fabbisogno rischiava di non essere soddisfatto attraverso l utilizzo di sole risorse proprie. Anche la formazione legata al settore sanitario, sia rivolta agli assessorati regionali competenti sia a favore del personale delle Aziende Sanitarie è stata attuata con successo da diverse Regioni; in particolare si segnalano le esperienze della Provincia autonoma di Trento in campo di monitoraggio della qualità nei servizi di assistenza, nonché finalizzata alla riqualificazione degli operatori nel comparto sanitario e socio-assistenziale. La Regione Calabria, in Obiettivo 1, ha promosso formazione sull E-government sanitario a beneficio di dirigenti e quadri delle ASL, mentre la Regione Valle d Aosta ha dato forte impulso ad attività di formazione relative alla qualità dei processi nel settore, con una particolare attenzione ad aspetti peculiari quali, ad esempio un approccio globale delle terapie del dolore per medici e paramedici dipendenti delle Aziende Sanitarie. Andando più nel dettaglio delle scelte di contenuto riguardo la formazione, si osserva, come evidenziato già lo scorso anno, che numerosi sono gli interventi di formazione tesi a migliorare il rapporto del personale pubblico con l utenza, basti pensare all imple- 7 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

8 PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE mentazione degli Sportelli unici per le attività produttive; la Regione Abruzzo, ad esempio, nel corso del 2003 ha supportato finanziariamente la realizzazione di attività di formazione per gli Sportelli presso tutte le Province del territorio. L attenzione alla qualità nel processo amministrativo, sino all elemento della relazione con il pubblico, appare molto presente; si tratta di una formazione piuttosto orizzontale, che si accompagna spesso agli interventi di aggiornamento e di adeguamento delle competenze linguistiche e informatiche. Sono diverse le Amministrazioni che hanno scelto di favorire una formazione più specialistica o di livello più elevato: in particolare, le attività finanziate sono tese all incremento delle capacità gestionali, molto spesso connesse all utilizzo dei fondi strutturali che costituiscono un vero e proprio filone di interventi formativi per il rafforzamento delle competenze. In particolare, vale la pena segnalare il grande impulso dato dalle Regioni a interventi di formazione in tema di sviluppo locale e progettazione territoriale integrata sia per funzionari pubblici che per il partenariato sociale, fra queste la Regione Lazio che, attraverso le Province, ha reso disponibili risorse per progetti integrati finalizzate a creare figure professionali, negli Enti locali e nelle parti sociali, con capacità e competenze proprio nei campi appena ricordati. Anche alla formazione a domanda individuale è stata data attuazione da diverse Regioni, in particolare la Regione Toscana ha messo in formazione più di 15 mila soggetti (circa la metà degli avviati sulla D2) attraverso l utilizzo del voucher. Da segnalare due esperienze in tema di azioni di sistema. In Liguria è stata messa a bando un attività integrata che prevede l analisi del fabbisogno formativo dei funzionari regionali e degli operatori pubblici, l accompagnamento nella fase di definizione del percorso progettuale per le iniziative che saranno poi realizzate, assicurando la coerenza con altri interventi formativi regionali, il monitoraggio e la valutazione dei risultati. Altra significativa azione di sistema è quella della Regione Molise che ha dato impulso ad uno studio di fattibilità, realizzato dall Università di Campobasso attraverso l analisi dei fabbisogni formativi, per l avvio di una Scuola regionale di formazione continua per i dipendenti della Pubblica Amministrazione i cui risultati dovrebbero essere disponibili a breve. I dati fisici della Misura per la Pubblica Amministrazione, che si riportano in Tabella e che sono relativi a 17 Amministrazioni su 21, possono fornire una prima e, naturalmente, parziale e sottostimata, dimensione dei progetti messi in campo e dei destinatari coinvolti. Tabella 4 - I DATI FISICI DELLA MISURA PER LA PA PROGETTI APPROVATI PROGETTI AVVIATI PROGETTI CONCLUSI DESTINATARI APPROVATI DESTINATARI AVVIATI DESTINATARI CONCLUSI Fonte: indagine attivata presso le Regioni e Province autonome relativa ai dati di monitoraggio fisico RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2003

9 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 Considerando che i dati della Tabella sono inerenti ai progetti approvati e avviati, si avverte che in realtà il fabbisogno espresso dalle Amministrazioni e dagli Enti locali dei territori è effettivamente molto consistente e tale da determinare una necessaria selezione delle iniziative progettuali da finanziare in base alle risorse messe a disposizione. Da un punto di vista procedurale va infatti evidenziato come tutte le Amministrazioni procedano sempre attraverso avvisi pubblici di chiamata a progetti per la selezione delle iniziative da ammettere a finanziamento, in linea con quanto previsto per il complesso della programmazione del FSE. I progetti sono chiaramente riferiti sia ad azioni alle persone che a attività rivolte ai sistemi e all accompagnamento. Per quanto concerne i destinatari, invece, si evidenzia che la platea dei soggetti messi in formazione è varia, oltre che vasta, come evidenziato dai dati. In particolare partecipano alle attività formative sia dirigenti e quadri delle Regioni e degli Enti locali, sia personale impiegatizio. Il 2003 è stato per le Regioni l anno della revisione di metà periodo, in cui ciascuna Amministrazione ha proceduto a valutare l andamento dei propri interventi ed ha eventualmente ha stabilito di riorientare o reindirizzare le proprie strategie anche in rapporto alle attività rivolte alla PA. In linea generale, la strategia di intervento sinora messa in campo risulta sostanzialmente confermata. Nello scorso mese di marzo le Regioni dell Obiettivo 3 hanno proposto per l approvazione alla Commissione europea i propri programmi operativi modificati anche nelle dotazioni finanziarie degli assi prioritari. Dal momento che, come si diceva precedentemente, il dettaglio della programmazione, in particolare a livello di Misura, è declinato nei complementi di programmazione, si segnala che le modifiche di tali documenti saranno oggetto dei prossimi comitati di sorveglianza del mese di giugno per cui al momento le scelte non sono ancora note. Si rileva tuttavia che fra le Regioni dell Obiettivo 3 che hanno già approvato il complemento di programmazione, Lombardia e Piemonte hanno già decisamente incrementato la quota finanziaria in dotazione alla Misura D2. In particolare la Regione Lombardia, la cui quota impegnata ammontava al al 91,4%, ha deciso di incrementare la dotazione della Misura di oltre 13 milioni di Euro e la Regione Piemonte, la cui attuazione a livello di impegni risultava essere pari al 99.2% del totale programmato per la Misura, ha assegnato alla Misura risorse ulteriori per circa 9 milioni di Euro. Quelli appena citati sono solo esempi a conferma della rilevanza che anche nella seconda fase della programmazione le Regioni e Province autonome riconoscono alle attività rivolte alla Pubblica Amministrazione. Rispetto ai contenuti delle Misure riprogrammate, si evince una scelta che va nella direzione di affinare sempre più gli strumenti di analisi del fabbisogno anche alla luce delle primissime indicazioni valutative emerse e di individuare, con un livello sempre maggiore di dettaglio, i gruppi bersaglio delle iniziative da attivare. Numerose Amministrazioni intendono rivolgere le attività di formazione a livelli di governo diversi da quelli sinora interessati, attraverso i nuovi bandi, di conseguenza a conclusione degli interventi si prevede che saranno state coin- 7 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

10 PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE volte tutte le Amministrazioni potenziali beneficiarie degli interventi FSE. A partire dal prossimo anno saranno disponibili i primi risultati di indagini mirate a valutare l efficacia delle azioni formative e di sistema sinora realizzate. I relativi dati saranno preziosi per una prima valutazione dell impatto che gli interventi finanziati dal FSE hanno avuto sulle Amministrazioni pubbliche in questo primo triennio di attuazione, anche in vista di una riflessione più articolata sui contenuti della programmazione post A fronte infatti di primissime indicazioni comunitarie sulla possibilità di finanziare interventi per le Istituzioni e le Amministrazioni in quelle che saranno le Regioni più svantaggiate dell Europa a 25 Stati, in un ottica di acquisizione di capacità amministrative e gestionali, sarà possibile e necessario valutare l eventuale persistere di un fabbisogno formativo da supportare con il FSE anche per le Regioni e le Province autonome che in questi anni hanno accumulato maggiore esperienza e competenze RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2003

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA Attuazione finanziaria, situazione al 31 dicembre 2013 Sistema Nazionale di Monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale

Dettagli

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione -------------------- ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 La politica regionale nazionale del FAS

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia

L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia Al 30 giugno 2015, i progetti finanziati dagli strumenti programmatici delle

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari Roma, 15 Maggio 2015 Dott.ssa Flavia Pesce - IRS Istituto per la Ricerca Sociale BRIGHT.LY LE FASI DEL PROGETTO

Dettagli

Programmazione e tempi di riparto

Programmazione e tempi di riparto Laboratorio FIASO sul riparto dei fondi sanitari regionali Programmazione e tempi di riparto La ripartizione dei fondi tra le Aziende sanitarie avviene in quadro di programmazione definito dai Piani sanitari

Dettagli

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 Direzione Affari economici e Centro Studi Ing. Romain Bocognani «I finanziamenti europei diretti ed indiretti per il settore delle

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi OGGETTO: Progetto interregionale Verso un sistema integrato di alta formazione. Approvazione dell Avviso Parte prima Ammissione degli organismi e delle offerte formative, destinato all ammissione di organismi

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 26 febbraio 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9 Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9.1. Gli investimenti strutturali per la riqualificazione dell offerta sanitaria Le politiche di zione degli investimenti pubblici dedicati al patrimonio

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

ASSE II. Obiettivo Operativo II.4. Rafforzamento delle strutture operative e delle competenze nella Pubblica Amministrazione

ASSE II. Obiettivo Operativo II.4. Rafforzamento delle strutture operative e delle competenze nella Pubblica Amministrazione Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione ASSE II Obiettivo Operativo II.4 Rafforzamento delle strutture operative e delle competenze nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 13 marzo 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

La Garanzia Giovani alla prova dei fatti. Stato dell arte in Italia e in Europa

La Garanzia Giovani alla prova dei fatti. Stato dell arte in Italia e in Europa La Garanzia Giovani alla prova dei fatti. Stato dell arte in Italia e in Europa Un primo bilancio: le esperienze di successo nelle regioni italiane Tiziana Lang, MLPS-ISFOL Quadro nazionale Un anno fa

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 16 giugno 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 4 febbraio 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. A seguito della prima edizione della Newsletter del Progetto Monitoraggio ("Progetto"),

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE ALLEGATO D.D. n. del pag. 1/12 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO Allegato A FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni Verona, 28 gennaio 2011 3 Domande Perché siamo arrivati alla costruzione di un sistema informativo

Dettagli

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Intervento a Metano e Trasporti per il governo della

Dettagli

~~~/~ ~~~~~e~~ .0~#'~~~~ Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

~~~/~ ~~~~~e~~ .0~#'~~~~ Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI - Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0003801-17/04/2014 - USCITA ~~~~~e~~ ~~~/~.0~#'~~~~ ~~ Ai Direttori

Dettagli

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata Programmazione, attuazione e monitoraggio degli investimenti pubblici finanziati con le risorse del fondo per le aree sottoutilizzate La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l -SI della Regione

Dettagli

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento REGIONI ABRUZZO Coincidenza ambiti territoriali sociali e ambiti del distretto sanitario No 73 distretti sanitari 35 ambiti sociali Normativa di riferimento Note Il Piano sociale regionale 2002-04 (D.C.R.

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A.

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Premessa La spesa per consumi intermedi costituisce una parte rilevante delle uscite

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 (ai sensi della delibera CIPE 6 agosto 2015, n.65) L anno 2016, il giorno 11 del mese di febbraio,

Dettagli

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Sono disponibili sul sito internet del SIAN i dati di vendita dei prodotti fitosanitari relativi alle dichiarazioni

Dettagli

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI LE MISURE DI SICUREZZA OGGI La legge 9/2012, come modificata dal Decreto Legge 25 marzo 2013, n. 24, sancisce che "Dal 1 aprile 2014

Dettagli

Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008

Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008 Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008 La Priorità Donna nel PO FSE Abruzzo 2007/2013 e nel Piano 2007/08: il tema della Conciliazione Presentazione a cura di Antonio

Dettagli

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE Alberto Ricchiuti Italia Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Il Rapporto sull innovazione nelle regioni d Italia Ad oggi, citate, ma mai approfondite

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

LA PRESENZA SUL TERRITORIO L attività di formazione della Scuola viene svolta prevalentemente a livello territoriale.

LA PRESENZA SUL TERRITORIO L attività di formazione della Scuola viene svolta prevalentemente a livello territoriale. schede descrittive delle scuole e degli organismi formativi per la pa allegato i 1 0. s c u o l a s u p e r i o r e d e l l a p u B B l i c a a m m i n i s t r a Z i o n e l o c a l e La Scuola Superiore

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

Posizioni dirigenziali di prima fascia.

Posizioni dirigenziali di prima fascia. Nota informativa alle Organizzazioni Sindacali sulla proposta di ristrutturazione degli assetti organizzativi dell Agenzia delle Dogane (posizioni dirigenziali di vertice e posizioni dirigenziali di seconda

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV.

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV. Arpa Toscana Arpa Veneto Arpa Piemonte LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ Arpa Emilia-Romagna Comitato Pari Opportunità Arpa Campania Arpa Lombardia Comitato

Dettagli

Monitoraggio del Piano di sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia

Monitoraggio del Piano di sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Presidenza del Consiglio dei ministri Dipartimento per le politiche della famiglia Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Monitoraggio del Piano di sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale Cagliari, 1 febbraio 2006 Iscritti all università per regione Anno 2004 - tasso di iscritti all università per regione di residenza

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca 201407171150 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca D.D:G. n. 314 28 luglio 2014 VISTA la Legge 31 dicembre 2009, n. 196 "Legge di contabilità e finanza pubblica" VISTO il decreto legislativo

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Norme di riferimento - D.lgs.15 aprile 2005, n. 77, "Definizione delle norme generali relative all'alternanza scuola-lavoro, a norma dell'articolo

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS programmi e stato dell arte Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio 1 PROGRAMMA APPROVATO DALL ASSEMBLEA ASSEMBLEA MAGGIO 2010: Per quanto concerne

Dettagli

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Annalisa Del Prete, Catia Zumpano - 1 Aprile 2014, Sala Cavour- Mipaaf Indice - L approccio di genere nelle politiche

Dettagli

I flussi di spesa del Settore Pubblico Allargato nelle Marche

I flussi di spesa del Settore Pubblico Allargato nelle Marche I flussi di spesa del Settore Pubblico Allargato nelle Marche Emanuele Palanga Componente Nucleo CPT Regione Marche 10 ottobre 2008 - Villa Favorita Sede ISTAO - Ancona La monografia L Italia secondo i

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Il sistema dei Controlli

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007/2013 STATO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007/2013 STATO DI ATTUAZIONE PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007/2013 STATO DI ATTUAZIONE Cagliari 14 ottobre 2010 PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007/2013 STATO DI ATTUAZIONE DEI PO: EVOLUZIONE DAL 31/12/2009 AL 31/8/2010 STATO DI ATTUAZIONE

Dettagli

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI I servizi educativi per l infanzia di San Miniato festeggiano e discutono 30 anni di esperienze e progetti San Miniato, 11 e 12 novembre 2011 Intervento di

Dettagli

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione...

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione... PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO SPERIMENTALE VOLTO ALLA CREAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO SULLA CURA E LAPROTEZIONE DEI BAMBINI E DELLA LORO FAMIGLIA PARTE DEL

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA

SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 8. SCUOLE REGIONALI SCUOLE INTERNE Solamente la Regione Marche dispone di una Scuola regionale di formazione, quale propria

Dettagli

IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI. Monitoraggio annualità 2008

IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI. Monitoraggio annualità 2008 11 IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI Monitoraggio annualità 2008 Indice Premessa...3 1. Il riparto del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali. Anno 2008...6 2. Le fonti di finanziamento della

Dettagli