Competenze e Soluzioni per la Disinfestazione Professionale nel rispetto dell uomo e dell ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Competenze e Soluzioni per la Disinfestazione Professionale nel rispetto dell uomo e dell ambiente"

Transcript

1 C A T A L O G O 2015

2

3 C A T A L O G O 2015

4

5 Competenze e Soluzioni per la Disinfestazione Professionale nel rispetto dell uomo e dell ambiente

6 La formulazione di un prodotto non è un singolo atto, ma una serie di azioni che hanno lo scopo di aggiungere valore al formulato stesso. Conscious Care per I.N.D.I.A. significa scegliere la migliore soluzione ad un problema, lavorare con cura e consapevolezza per offrire e proporre il miglior risultato possibile. Le attività di ricerca e sviluppo sono sempre finalizzate all ottenimento di uno specifico vantaggio per il Professionista della Disinfestazione.

7 Sommario INDIA 6 Come scegliere un Formulato 8 Legende 14 Tabelle Riassuntive 18 Insetticidi Antilarvali 27 Insetticidi Adulticidi 39 Complementari a Insetticidi 67 Disinfettanti Ambientali 99 Rodenticidi 107 Complementari a Rodenticidi 117 Indici 127 Indice Prodotti per Categoria 128 Indice Alfabetico dei Prodotti 130 Condizioni Generali di Vendita 132

8 INDIA OGGI INDUCHIM GROUP INDUSTRIALCHIMICA 1990 INDIA 1932 Ricerca & Sviluppo Produzione Logistica m m 2 Rodenticidi Lumachicidi Insetticidi Linee produttive automatizzate Linee complete per la Formulazione e il Confezionamento Asset Registrativo Consolidato Network di vendita nazionale capillare Corsi di Formazione per Disinfestatori Professionali Assistenza Tecnica e Regolatoria Antilarvali Adulticidi Complementari Lumachicidi Rodenticidi 6 INDIA CATALOGO 2015

9 Una nuova sfida: orientare lo sguardo di una solida azienda verso il futuro esplorare nuovi orizzonti per una continua evoluzione. INDIA è una realtà che si colloca da sempre ai vertici del settore della Disinfestazione Professionale, riconosciuta come marchio di riferimento nella produzione e commercializzazione di Insetticidi e Rodenticidi per uso civile e industriale, per l alto livello di qualità, competenza e servizio. La recente confluenza in Induchim Group, con il conseguente trasferimento nella nuova sede di Arre (PD), permetterà a INDIA di affrontare il mercato in una logica di crescita e razionalizzazione e di concentrarsi sulla propria attività per offrire prodotti, servizi e una consulenza sempre più completi e significativi. LA QUALITÀ Dal 1932 India lavora in una logica di ricerca della qualità che viene perseguita e attuata in tutti i processi aziendali con determinazione, chiarezza e coerenza. La Certficazione UNI EN ISO 9001, attesta la conformità del sistema di gestione aziendale, ai paramentri previsti dalla normativa ISO. FORNITORI INDIA CATALOGO

10 Come scegliere un formulato La formulazione degli insetticidi Nel mettere a punto una ricetta formulativa gli elementi fondamentali da determinare sono il contenuto in principio attivo, il suo grado di purezza e la sua struttura molecolare Lo stesso principio attivo, formulato in modo diverso, spesso dà luogo ad azioni biologiche (attività insetticida) differenti. Per esempio alcuni tipi di formulati si disperdono meglio in acqua, di conseguenza l uniformità dell applicazione è maggiore; altri offrono maggiori possibilità di impiego e sono attivi in condizioni ambientali differenti. Si tratta pertanto di scegliere il formulato più adatto alle condizioni di specifico impiego raccogliendo informazioni e valutando i seguenti fattori: Caratteristiche e titolo in principio attivo Facilità di manipolazione e diluizione Rischi per l operatore Tipo di ambiente in cui si deve operare (interni, esterni, superfici porose o lisce, caldo, freddo...) Abitudini e biologia dell infestante Tipo di attrezzatura utilizzabile per l applicazione Rischio di deriva o dispersione Costo LA FORMULAZIONE DEGLI INSETTICIDI I principi attivi attualmente in uso riescono ad esplicare la propria azione biologica a dosaggi molto contenuti (nell ordine di alcuni mg per m 2 o m 3 ) e, nella maggior parte dei casi, sono pressoché insolubili in acqua. Di conseguenza non possono essere impiegati tali e quali ma devono essere in qualche modo diluiti o veicolati così da assicurarne l omogenea distribuzione sulle superfici o negli ambienti. Questa operazione avviene a livello industriale e i prodotti che si ottengono vengono chiamati formulati. I formulati sono costituiti da una certa quantità di principio attivo (p.a.) che può essere associato ad un sinergizzante (una sostanza che non ha una propria attività insetticida, ma che riesce ad esaltare quella del principio attivo), a coformulanti e a diluenti. I principi attivi sono quasi sempre ottenuti per sintesi industriale e la loro efficacia e tossicità dipendono dalla loro purezza (generalmente compresa tra 90 e 99%) e dalla loro struttura molecolare. Pertanto nel mettere a punto una ricetta formulativa, gli elementi fondamentali da determinare sono oltre al contenuto in principio attivo, il grado di purezza ed il rapporto con cui sono presenti le forme isomeriche del principio attivo. Questi elementi sono essenziali per definire i corretti dosaggi di utilizzo. 8 INDIA CATALOGO 2015

11 I dati relativi alla efficacia biologica degli insetticidi per i quali si richiedeva la registrazione come Presidi Medico Chirurgici erano ottenuti, sino ai primi anni 2000, solo tramite test di laboratorio. Pertanto poco o nulla veniva indagato per stimare la reale attività biologica del prodotto in condizioni reali di impiego. Dai primi anni 2000, in particolare per i prodotti insetticidi utilizzati nella lotta contro le larve delle zanzare è stato introdotto l obbligo di provvedere alla esecuzione di test di efficacia di pieno campo. Più recentemente i test di efficacia in condizioni simili a quelle reali di impiego sono stati introdotti per gli insetticidi destinati al controllo di altri infestanti: blatte, zecche, formiche. L attuale legislazione, definita dai contenuti del Regolamento Biocidi, prevede l obbligo di test di efficacia di campo o semi campo solo per i prodotti di utilizzo professionale. I formulatori sanno da tempo che l attività biologica di un insetticida è strettamente legata alle caratteristiche del tipo di formulazione e non solo a quelle del principio attivo contenuto nel prodotto I formulatori sanno da tempo che l attività biologica di un insetticida è strettamente legata alle caratteristiche del tipo di formulazione e non solo a quelle del principio attivo contenuto nel prodotto. I principi attivi dotati di maggiore attività biologica sono contenuti in concentrazioni minori rispetto a quelli meno attivi, ma è la formulazione che permette a tutti i principi attivi di esprimere la propria attività nelle condizioni pratiche di impiego. Ad esempio riferendosi alla formulazione in emulsione concentrata, una delle più antiche tutt oggi utilizzata, la spontaneità con cui si forma l emulsione in acqua, la stabilità dell emulsione sino al momento della sua applicazione e la dimensione delle particelle in cui si suddivide il principio attivo insetticida si pongono in stretta relazione con l attività biologica del prodotto. PRINCIPALI ASPETTI DA ESAMINARE PRIMA DI RITENERE UN FORMULATO IDONEO ALL IMPIEGO NEL SETTORE PROFESSIONALE. Viscosità. Parametro importante per prevedere e monitorare la stabilità fisica di alcuni formulati, si verifica con un viscosimetro. Stabilità dell emulsione. È necessario verificare che l emulsione in acqua del prodotto sia stabile per il periodo di tempo necessario ad effettuarne l applicazione. Migliore è la stabilità dell emulsione migliore sarà la resa in fase di applicazione del prodotto. INDIA CATALOGO

12 Come scegliere un formulato La densità di un formulato è importante per garantire la corretta conversione tra chilogrammi e litri Spontaneità dell emulsione. Importante per valutare la qualità di una emulsione e più precisamente per capire quanto uniforme sia la naturale dispersione in acqua del prodotto. Densità. Controllare la densità è importante per garantire la corretta conversione tra kg e litri e operare il corretto riempimento di taniche e flaconi. La densità deve essere nota per fornire le indicazioni di diluizione del prodotto per il suo impiego. Stabilità chimica e fisica. Viene determinata al momento dello sviluppo del prodotto, collocando il formulato in una stufa termostatica generalmente a 54 C per 14 giorni e verificando tramite specifiche analisi il tasso di degradazione del principio attivo e le caratteristiche fisiche del prodotto alla fine del periodo di osservazione. Si stima che i 14 giorni possano efficacemente simulare un periodo di conservazione di due anni a temperatura ambiente, Dimensione delle particelle. Produrre un formulato del quale sia nota la dimensione media delle particelle in cui è suddiviso il principio attivo insetticida è fondamentale per prevedere il grado di attività biologica del prodotto. La dimensione delle particelle si misura mediante un granulomentro a diffrazione laser. COMUNI TIPOLOGIE DI FORMULAZIONE DEGLI INSETTICIDI PER IL SETTORE CIVILE. EC Concentrati Emulsionabili Questi prodotti si compongono di principi attivi, emulsionanti e solventi in proporzioni variabili. Si possono diluire in acqua o veicolanti oleosi, per ottenere una emulsione. Si possono applicare con pompe a mano, atomizzatori, nebulizzatori o con termo nebbiogeni. L emulsione in acqua di un formulato EC di buona qualità dovrebbe portare alla formazione di particelle di prodotto (sospese in acqua) di dimensioni medie inferiori ai 3 micron. L emulsione dovrebbe avvenire rapidamente e in tutto il volume dell acqua (emulsione omogenea). Un tempo si utilizzavano solventi aromatici, ora non più. Permane l utilizzo di solventi alifatici, ma oggi sono disponibili solventi di origine vegetale che hanno importanti vantaggi rispetto ai solventi tradizionali. 10 INDIA CATALOGO 2015

13 I solventi di origine vegetale hanno un migliore profilo tossicologico sia come tossicità acuta nei confronti dell uomo, sia in termini di una minore tendenza all evaporazione e più rapida degradazione nell ambiente (minor impatto ambientale). Alcuni di essi non sono classificati pericolosi per contatto o inalazione e ciò li differenzia dai solventi tradizionali spesso classificati irritanti. Alcuni solventi di origine vegetale si sono dimostrati non tossici nei confronti dei pesci, di microrganismi acquatici (Daphnia), delle alghe e dei crostacei. Solitamente non sono infiammabili. ME Microemulsioni acquose Questi prodotti possono essere definiti come emulsioni termo dinamicamente stabili costituite da uno o più principi attivi solubilizzati in acqua. Si ritiene che la ridotta dimensione delle particelle tra 0,1 e 0,01 micron favorisca la penetrazione del principio attivo attraverso le membrane cellulari dei tessuti degli insetti. Ciò determina una maggiore attività biologica (azione insetticida) della microemulsione rispetto ai formulati in emulsione concentrata (EC) e macroemulsione acquosa (EW). La produzione di insetticidi micro incapsulati richiede impianti e tecnologie di produzione complessi EW Macreomulsioni acquose I formulati EW sono sistemi bifasici, consistono in una fase acquosa e una fase oleosa, pertanto devono essere sempre agitati bene prima dell uso. Solitamente sono ottenuti utilizzando solo principi attivi, acqua ed una quantità molto ridotta (rispetto ad altri formulati) di emulsionanti. Come conseguenza della loro particolare preparazione, l impatto ambientale degli insetticidi EW è inferiore a quello conseguente all impiego di altri formulati, come le ME e le EC. Per una formulazione ottimale di un insetticida in EW la dimensione delle particelle che contengono i principi attivi dovrebbe essere compresa tra 0,5 e 3 micron. Queste dimensioni permettono di contenere gli effetti irritanti sull uomo pur mantenendo una discreta attività insetticida. CS Microincapsulati Gli insetticidi microincapsulati sono liquidi contenenti minuscole capsule di materiale polimerico poroso. All interno di queste capsule è presente il principio attivo insetticida. La dimensione media delle microcapsule può andare da 10 a 50 micron: controllare con efficacia questo parametro è particolarmente importante perché deve essere commisurato alle caratteristiche dell ambiente ove il prodotto deve essere applicato e a quelle degli infestanti presenti. La produzione di INDIA CATALOGO

14 Come scegliere un formulato insetticidi microincapsulati richiede solitamente impianti e tecnologie di produzione complessi. Il controllo dei parametri fisici e chimici durante il processo di produzione deve essere seguito da personale altamente specializzato, infatti variazioni improvvise di temperatura o della velocità di agitazione portano alla perdita del controllo delle dimensioni delle capsule o al mancato inserimento dei principio attivo al loro interno, che rimane libero nella fase liquida che circonda le capsule. Si perde pertanto il contenimento della tossicità del prodotto nei confronti dell uomo e il caratteristico effetto di lento rilascio. Le sospensioni concentrate impediscono che i principi attivi siano assorbiti nelle porosità delle superfici trattate ed esaltano l azione residuale SC Sospensioni concentrate Gli insetticidi in sospensione concentrata sono formulati liquidi che contengono un principio attivo solido micronizzato e sospeso in acqua grazie alla presenza di speciali sostanze liquide che impediscono la formazione di aggregati delle microscopiche particelle solide (sospensivanti, disperdenti, bagnanti e viscosizzanti). La dimensione ottimale delle particelle di principio attivo insetticida contenute in una sospensione concentrata è inferiore ai 3 micron. Le sospensioni concentrate impediscono che i principi attivi siano assorbiti nelle porosità delle superfici trattate ed esaltano l azione residuale. Non contenendo solventi sono pressoché inodori e non aggrediscono le superfici con cui vengono a contatto. Le SC non sono idonee alla nebulizzazione spinta (trattamenti mediante ULV o termonebbiogeni). RTU Liquidi pronti all uso Gli insetticidi pronti all uso sono prodotti a basso contenuto di principio attivo e contenenti emulsionanti e un veicolante che può essere un solvente, un inerte o acqua. I pronti all uso sono consigliati in situazioni dove si vuole evitare le diluizione per motivi di comodità o per ridurre i rischi associati alla manipolazione dei prodotti concentrati che necessitano delle operazioni di diluizione. DP Polveri secche Le polveri secche sono miscele di principi attivi finemente macinati e di polveri minerali insolubili in acqua. Le dimensioni dei granuli non superano i 50 micron. Sono pronte all uso e generalmente vengono impiegate per il controllo di insetti che si annidano all interno di crepe, fessure o in punti ove non è possibile applicare insetticidi in veicolo acquoso come scatole di derivazione impianti elettrici, trasformatori, 12 INDIA CATALOGO 2015

15 Attualmente le compresse effervescenti a rilascio rapido hanno soppiantato le compresse a lenta cessione cabine elettriche, etc. Prima di procedere al loro impiego è opportuno verificare l assenza di rischio di deriva. TB Compresse Gli insetticidi in compresse rappresentano una tipologia particolarmente sviluppata in Italia ove è necessario operare la periodica disinfestazione contro le larve delle zanzare nelle camere sifonate di pozzetti e caditoie stradali. Attualmente le compresse effervescenti a rilascio rapido hanno soppiantato le compresse a lenta cessione, ma la loro produzione, che è operata con attrezzature di derivazione farmaceutica, è particolarmente delicata e può avvenire solo in locali ad atmosfera controllata per ridurre il contenuto di umidità delle sostanze che compongono la compressa. GR Granulari Negli insetticidi granulari una sostanza inerte inorganica (sepiolite, bentonite...) od organica (tutolo di mais) viene impregnata con il principio attivo. Pertanto i singoli granuli fungono da micro serbatoio di principio attivo e lo proteggono dall aria e dalla luce. Nella disinfestazione civile gli insetticidi granulari trovano il principale impiego nei trattamenti antilarvali contro zanzare e mosche. L attività biologica è tanto maggiore quanto più omogenea è l impregnazione dei granuli. AE Aerosol Gli aerosol sono ottenuti mediante principi attivi solubilizzati in solventi o dispersi in acqua e quindi confezionati sotto pressione, mediante l uso di gas propellenti, in bombole idonee. A causa dei rischi legati all inalazione delle particelle di piccole dimensioni per la produzione degli aerosol si utilizzano piretroidi fotolabili a bassa tossicità. Le tradizionali bombole aerosol sono per lo più destinate al mercato domestico perché permettono applicazioni ripetute. Nella disinfestazione professionale è maggiormente diffuso l uso di bombole a svuotamento totale perché permettono la saturazione di un ambiente e l eliminazione della maggior parte degli infestanti. INDIA CATALOGO

16 Legenda Simboli, icone e pittogrammi Simbologia relativa a Insetti e Infestanti Acaro Ratto Afide Scorpione Blatta Talpa Cimice Tarlo Formica Tignola Larva di Mosca Topo domestico Larva di Psicodidi Tribolio Larva di Zanzara Vespa Mosca Zanzara Processionaria Zanzara Tigre Pulce Zecca Ragno 14 INDIA CATALOGO 2015

17 Simbologia relativa alle Destinazioni d Uso Hospitality Prodotti idonei per il settore dell ospitalità, alberghi, collettività Interni e Condomini Prodotti idonei per case appartamenti, garage, cantine magazzini Igiene Urbana Prodotti idonei per l igiene ambientale Industrie e Logistica Prodotti idonei per il settore dell industria Industria Alimentare Prodotti idonei per il settore dell industria alimentare Acque Stagnanti Prodotti idonei per il trattamento di ristagni Strutture Pubbliche, Uffici Prodotti idonei per uffici, scuole centri commerciali Esterni Prodotti idonei per ambienti esterni pubblici e privati Settore Horeca Prodotti idonei per ristoranti, mense, bar Settore Zootecnico Prodotti idonei per il settore dell allevamento Strutture Sanitarie Prodotti idonei per il settore ospedaliero e industria farmaceutica Tombini e Fognature Prodotti idonei per interventi negli scarichi delle unità abitative Discariche e Depositi Rifiuti Prodotti idonei per discariche Mezzi di trasporto Prodotti idonei per il settore dei trasporti delle derrate alimentari Mezzi di trasporto Prodotti idonei per il settore dei trasporti Altre Simbologie BIOCIDA Formulato Conforme al Regolamento UE 528/2012 Formulati a Basso Impatto Ambientale Prodotto a Base Solvente H2O Prodotto a Base Acqua CAPS Prodotto Microincapsulato idoneo per il Settore Alimentare Prodotto idoneo per il Settore Alimentare Novità Nuovo Prodotto INDIA CATALOGO

18 Legenda Classificazione, etichettatura e imballaggio Etichettatura Segnali di pericolo Il Regolamento CLP 1272/2008 Il Regolamento Europeo 1272/2008, meglio conosciuto con l acronimo CLP (Classification, Labelling and Packaging), costituisce la normativa di riferimento per quanto riguarda la classificazione, l etichettatura e l imballaggio delle sostanze e delle miscele pericolose. Entrato in vigore nell Unione Europea il 20 Gennaio 2009, si rivolge a tutti coloro i quali fabbricano, importano, fanno uso o distribuiscono sostanze chimiche o miscele, inclusi agrofarmaci, fertilizzanti e biocidi. Il CLP recepisce quanto previsto dal Sistema Globale Armonizzato GHS, voluto dalle Nazioni Unite per uniformare a livello internazionale regole di classificazione, pittogrammi e frasi di rischio, garantendo così un elevato e diffuso livello di protezione per l uomo e l ambiente. L APPLICAZIONE Il CLP prevede tempistiche di applicazione diverse per le sostanze e per le miscele. Le sostanze sono classificate ed etichettate secondo il CLP già dal 1 dicembre 2010, mentre per le miscele diventerà obbligatorio dal 1 giugno Per quanto riguarda però i prodotti già immessi in commercio prima del 1 giugno 2015 con la vecchia etichetta (Dir. 1999/45) è importante sottolineare che potranno essere commercializzati senza necessità di ri-etichettatura fino al 31 maggio 2017, termine ultimo per lo smaltimento delle scorte. Simbolo di pericolo N Prodotto pericoloso per l ambiente Simbolo di pericolo O Prodotto comburente Simbolo di pericolo Xi Prodotto irritante Simbolo di pericolo T Prodotto tossico Xn Simbolo di pericolo Xn Prodotto nocivo Simbolo di pericolo C Prodotto corrosivo Simbolo di pericolo F+ Prodotto molto infiammabile 16 INDIA CATALOGO 2015

19 La nuova Normativa Che cosa cambia I CAMBIAMENTI Con il CLP cambiano significativamente : i criteri di classificazione le avvertenze e i simboli di pericolo (nuovi pittogrammi romboidali) le frasi di rischio e i consigli di prudenza Le schede di sicurezza delle miscele dal 1 giugno 2015 dovranno riportare al punto 2, la nuova classificazione secondo il CLP. COME CAMBIA L ETICHETTATURA Una grande novità consiste nel numero di pittogrammi. La vecchia normativa prevedeva l utilizzo al massimo di 2 pittogrammi in ciascuna etichetta. In base ad alcune regole infatti venivano scelti i simboli che descrivevano i pericoli più significativi. Con il CLP è invece possibile trovare anche 4 o 5 pittogrammi nella stessa etichetta. I pittogrammi di pericolo CLP, riprendono i pittogrammi del Sistema Globale Armonizzato GHS, non sono più quadrati e con fondo arancione, ma romboidali. In etichetta verrà riportata anche, sotto al simbolo, un avvertenza che può indicare il livello di gravità del pericolo: la dicitura Pericolo per i più gravi, Attenzione per i meno gravi. Le frasi di rischio e i consigli di prudenza sono stati ricodificati, in frasi H e P, il cui testo comunque è molto simile a quello della vecchia normativa. Come cambiano le Etichette Xn INDIA CATALOGO

20 Tabelle Riassuntive Insetticidi Elenco dei prodotti Insetticidi Adulticidi con indicazioni relative alla formulazione alle diluizioni consigliate a seconda dell utilizzo. Insetticidi Adulticidi PRODOTTO N REGISTR. MINISTERIALE FORMULAZIONE AMPLAT Concentrato emulsionabile Cipermetrina Tetrametrina PBO BIO AMPLAT Emulsione concentrata in solventi di origine vegetale CYPERBASE Macroemulsione acquosa (EW) Cipermetrina Tetrametrina PBO Cipermetrina Tetrametrina PBO CYPESECT CAPS Microincapsulato Cipermetrina PBO COMPOSIZIONE 5% 2,5% 12,5 % 5% 2,5% 12,5% 8% 1% 4,85% 10% 10% CONCENTRAZIONI D USO INDICATIVE Volanti Striscianti Volanti Striscianti Volanti Striscianti 0,2% - 1% 1% - 2% 0,2% - 1% 1% - 2% 0,5% 1% - 2% Con pompe 0,5-1% DELTABIOS Sospensione acquosa (flowable) DELTASECT Emulsione concentrata in solventi di origine vegetale DELTRIN FLOW Sospensione acquosa (flowable) Deltametrina Esbiotrina PBO Deltametrina Tetrametrina PBO Deltametrina Esbiotrina 1% 2,5% 5% 2% 6% 12,5% 1% 2% Volanti Striscianti Volanti Striscianti Volanti Striscianti 0,75% - 1% 1,25% - 1,5% 0,3% 0,5% - 0,7% 0,75% - 1% 1,25% - 1,5% DETRAL SUPER Emulsione concentrata in solventi di origine vegetale ETOFENASE Aerosol in bombola autosvuotante Deltametrina Esbiotrina PBO Etofenprox Tetrametrina PBO ETOMAX FORTE Microemulsione acquosa Etofenprox PBO 0,70% 0,70% 7% 0,40% 1,50% 3% 10% 20% Volanti Strscianti 1 bombola in m 2 Volanti Striscianti 1% 2% 0,5% - 0,7% 1%-2% FACTOR ULV Microemulsione acquosa D-phenotrin 10% Con pompe Con ULV 1% 5% IMAGEL BLATTE Esca in gel Imidacloprid 2,15% 1-3 gocce per m 2 INDOPYR Emulsione in solvente pronta all uso Estratto piretro al 25-1,6% PBO 4% Per nebulizzazioni a caldo e a freddo MICROSENE Microemulsione acquosa Permetrina Tetrametrina PBO MICROSIN Microemulsione acquosa Cipermetrina Tetrametrina PBO 15% 2,5% 5% 10% 2% 5% Volanti Striscianti Volanti Striscianti PERCYTOX Microemulsione acquosa Cipermetrina 2,5% Volanti Striscianti 0,8% - 1,2% 1,5% - 2% 0,75% - 1% 1,25% - 1,5% 0,3% 0,5% - 0,7% 18 INDIA CATALOGO 2015

21 Insetticidi Adulticidi PRODOTTO N REGISTR. MINISTERIALE FORMULAZIONE COMPOSIZIONE PERMAPLUS Microemulsione acquosa Permetrina 6,8% Volanti Striscianti CONCENTRAZIONI D USO INDICATIVE 0,5% - 1% 1% - 1,5% PERMEFUM 14-P Insetticida fumogeno in barattoli pronto uso Permetrina 14% Volanti Striscianti 1% - 2% 2% - 4% PERMESECT 150 SV Emulsione concentrata in solventi di origine vegetale Permetrina Tetrametrina PBO PIRETRUM MICRO Microemulsione acquosa Piretrine Naturali pure PBO PLURICID Sospensione acquosa (flowable) POWER AC Sospensiona acquosa (flowable) Deltametrina Tetrametrina PBO 15% 2,5% 5% 1,5% 11,5% 2% 3% 6% Volanti Striscianti Volanti Striscianti Volanti Striscianti Alfametrina 6% Volanti Striscianti 0,4% sino al 2% 1% 2% 0,3% 0,7% 0,5% - 0,7% 1%-2% PULCINEX Emulsione acquosa pronta all uso PULNEX Polvere secca disperdibile t. quale Etofenprox D-Tetrametrina Pyriproxyfen PBO Denatonium benz. 0,75% 0,10% 0,02% 0,50% 0,001% 1 litro per 10 m 2 circa Permetrina 0,5% 1 Kg per m 2 ROTRYN Concentrato emulsionabile Cipermetrina 5% Volanti Striscianti ROTRYN Concentrato emulsionabile Cipermetrina 20% Volanti: Striscianti: 0,5% - 1,5% 1,5% - 2% 0,1% - 0,2% 0,5% SIGURAN Liquido pronto all uso Etofenprox D-Tetrametrina Pyriproxyfen PBO SINTRADE PU Liquido pronto all uso Permetrina Tetrametrina PBO SINTRINA PLUS Concentrato emulsionabile Permetrina Tetrametrina PBO 0,75% 0,10% 0,02% 0,5% 0,5% 0,15% 0,75% 5% 1% 5% 1 litro su 10 m 2 circa Tale quale, anche per fumigazioni a caldo o a freddo. Volanti Striscianti 0,3% - 2% 2% - 4% INDIA CATALOGO

22 Tabelle Riassuntive Insetticidi In queste pagine i prodotti Insetticidi Adulticidi sono selezionati in base al Principio Attivo, con indicazioni relative alla formulazione alla composizione, alle diluizioni consigliate a seconda dell utilizzo. Insetticidi che contengono Cipermetrina PRODOTTO N REGISTR. MINISTERIALE FORMULAZIONE AMPLAT Concentrato emulsionabile BIO AMPLAT Emulsione concentrata in solventi di origine vegetale CYPERBASE Macroemulsione acquosa (EW) Cipermetrina Tetrametrina PBO Cipermetrina Tetrametrina PBO Cipermetrina Tetrametrina PBO CYPESECT CAPS Microincapsulato Cipermetrina PBO COMPOSIZIONE 5% 2,5% 12,5 % 5% 2,5% 12,5% 8% 1% 4,85% 10% 10% CONCENTRAZIONI D USO INDICATIVE Volanti Striscianti Volanti Striscianti Volanti Striscianti 0,2% - 1% 1% - 2% 0,2% - 1% 1% - 2% 0,5% 1% - 2% Con pompe 0,5 1% MICROSIN Microemulsione acquosa ROTRYN Concentrato emulsionabile ROTRYN Concentrato emulsionabile Cipermetrina Tetrametrina PBO 10% 2% 5% Volanti Striscianti Cipermetrina 5% Volanti Striscianti Cipermetrina 20% Volanti Striscianti 0,75% - 1% 1,25% - 1,5% 0,5% - 1,5% 1,5% - 2% 0,1% - 0,2% 0,5% Insetticidi che contengono Permetrina PRODOTTO N REGISTR. MINISTERIALE FORMULAZIONE MICROSENE Microemulsione acquosa PERMAPLUS Microemulsione acquosa COMPOSIZIONE Permetrina Tetrametrina PBO 15% 2,5% 5% Volanti Striscianti Permetrina 6,8% Volanti Striscianti CONCENTRAZIONI D USO INDICATIVE 0,8% - 1,2% 1,5% - 2% 0,5% - 1% 1% - 1,5% PERMEFUM 14-P Insetticida fumogeno in barattoli pronto uso Permetrina 14% Volanti Striscianti 1% - 2% 2% - 4% PERMESECT 150 SV Emulsione concentrata in solventi di origine vegetale PULNEX Polvere secca disperdibile t. quale Permetrina Tetrametrina PBO 15% 2,5% 5% Volanti Striscianti Permetrina 0,5% 1 Kg per m 2 0,4% sino a 2% SINTRADE PU Liquido pronto all uso Permetrina Tetrametrina PBO SINTRINA PLUS Concentrato emulsionabile Permetrina Tetrametrina PBO 0,5% 0,15% 0,75% 5% 1% 5% Tale quale, anche per fumigazioni a caldo o a freddo. Volanti Striscianti 0,3% - 2% 2% - 4% 20 INDIA CATALOGO 2015

23 Insetticidi che contengono Deltametrina PRODOTTO N REGISTR. MINISTERIALE FORMULAZIONE COMPOSIZIONE CONCENTRAZIONI D USO INDICATIVE DELTABIOS Sospensione acquosa (flowable) Deltametrina Esbiotrina PBO 1% 2,5% 5% Volanti Striscianti 0,75% - 1% 1,25% - 1,5% DELTASECT Emulsione concentrata in solventi di origine vegetale Deltametrina Tetrametrina PBO 2% 6% 12,5% Volanti Striscianti 0,3% 0,5% - 0,7% DELTRIN FLOW Sospensione acquosa (flowable) Deltametrina Esbiotrina 1% 2% Volanti Striscianti 0,75% - 1% 1,25% - 1,5% DETRAL SUPER Emulsione concentrata in solventi di origine vegetale Deltametrina Esbiotrina PBO 0,70% 0,70% 7% Volanti Strscianti 1% 2% Insetticidi che contengono Etofenprox PRODOTTO N REGISTR. MINISTERIALE FORMULAZIONE COMPOSIZIONE CONCENTRAZIONI D USO INDICATIVE ETOFENASE Aerosol in bombola autosvuotante ETOMAX FORTE Microemulsione acquosa PULCINEX Emulsione acquosa pronta all uso Etofenprox Tetrametrina PBO Etofenprox PBO 0,40% 1,50% 3% 10% 20% Etofenprox 0,75% D-Tetrametrina 0,10% Pyriproxyfen 0,02% PBO 0,50% Denatonium benz. 0,001% SIGURAN Liquido pronto all uso Etofenprox D-Tetrametrina Pyriproxyfen PBO 0,75% 0,10% 0,02% 0,5% Denatonium benz. 0,001% 1 bombola in m 2 Volanti Strscianti 1 litro per 10 m 2 circa 1 litro su 10 m 2 circa Insetticidi che contengono Alfacipermetrina / Alfametrina 0,5% - 0,7% 1%-2% PRODOTTO N REGISTR. MINISTERIALE FORMULAZIONE COMPOSIZIONE CONCENTRAZIONI D USO INDICATIVE POWER AC Sospensiona acquosa (flowable) Alfametrina 6% Volanti Strscianti 0,5% - 0,7% 1%-2% Insetticidi che contengono Piretrine Naturali PRODOTTO N REGISTR. MINISTERIALE FORMULAZIONE COMPOSIZIONE CONCENTRAZIONI D USO INDICATIVE INDOPYR Emulsione in solvente pronta all uso PIRETRUM MICRO Microemulsione acquosa Estratto piretro al 25-1,6% PBO 4% Piretrine Naturali pure PBO Insetticidi che contengono D-Fenotrina 1,5% 11,5% Per nebulizzazioni a caldo e a freddo Volanti Striscianti 1% 2% PRODOTTO N REGISTR. MINISTERIALE FORMULAZIONE COMPOSIZIONE CONCENTRAZIONI D USO INDICATIVE FACTOR ULV Microemulsione acquosa D-Phenotrin 10% Con pompe Con ULV 1% 5% INDIA CATALOGO

24 Tabelle Riassuntive In queste pagine gli Infestanti e i Prodotti, anche quelli consigliati come alternativi, vengono associati ai differenti Ambienti di riferimento. Tabella 1 - Insetti / Ambienti di intervento TARGET INFESTANTI Blattella germanica Supella longipalpa Blatta orientalis Periplaneta americana Interni civili pubblici e privati frequentati: case appartamenti, hotel, scuole IMAGEL BLATTE CYPESECT CAPS Interni civili poco frequentati: cantine, magazzini, sottotetti garage, vani tecnici CYPESECT CAPS DELTABIOS CYPESECT CAPS MAXICARB FORTE Cimice dei letti MICROSENE CYPESECT CAPS PULNEX canaline elettriche Pulci del gatto e del cane PULCINEX BIO AMPLAT Tabella 2 - Insetti / Ambienti di intervento TARGET Formiche INFESTANTI Interni civili frequentati: case, appartamenti, hotel CYPESECT CAPS POWER AC Interni civili poco frequentati: cantine, magazzini, sottotetti garage, vani tecnici CYPESECT CAPS POWER AC Mosche forme adulte Mosche stadi larvali Tarli DETRAL SUPER Vedi Tabella 5 - Larve / Ambienti di intervento SINTRADE PU Tarme della lana e delle pelli ETOFENASE ETOMAX FORTE PERMEFUM 14P Vespe e calabroni Zanzare forme adulte Zanzare stadi larvali Vedi Tabella 4 - Larve / Ambienti di intervento 22 INDIA CATALOGO 2015

Note relative al controllo delle blatte

Note relative al controllo delle blatte Estratto dal sito www.disinfestanti.it Note relative al controllo delle blatte La lotta alle blatte è estremamente diffusa perchè questi insetti possono fungere da veicolo per svariati microrganismi patogeni

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

CATALOGO 2013. Come consultare il nuovo catalogo

CATALOGO 2013. Come consultare il nuovo catalogo CATALOGO 2013 Come consultare il nuovo catalogo Frutto dell impegno e dell esperienza COPYR, vi presentiamo il catalogo 2013 che offre ai professionisti del Pest Control prodotti e soluzioni sempre innovative

Dettagli

INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA

INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA Il Benessere animale e l igiene ambientale zootecnica costituiscono fattori chiave nella gestione di successo di ogni tipologia di allevamento. Le mosche negli allevamenti causano

Dettagli

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA Il benessere animale e l igiene ambientale zootecnica costituiscono fattori chiave nella gestione

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

PROTEZIONE CEREALI. prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini

PROTEZIONE CEREALI. prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini PROTEZIONE CEREALI prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini ACCORGIMENTI CHE FANNO LA DIFFERENZA Per una corretta impostazione del progetto è importante INDIVIDUARE GLI INSETTI

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana SERVIZIO PER GLI INTERVENTI LARVICIDI ED ADULTICIDI PER LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE, DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE CONTRO ALTRI INFESTANTI, IN AREE

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci Associazione nazionale imprese agrofarmaci La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole Finito di stampare nel mese di Marzo 2014 dalla Compagnia della Stampa - Massetti Rodella

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE Eugenio Veca Laboratorio di Biologia ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno Luca Spinelli Theolab spa Milano, 15 aprile 2015 Le novità dall Europa I 2 nuovi provvedimenti UE «Regolamento (UE) n. 1357/2014

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 05.04.2007 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 5 CAPITOLO I - PRINCIPI, DEFINIZIONI

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu)

Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu) Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu) L Assessorato dell Igiene e Sanità ha predisposto un piano di profilassi che ha come obiettivo principale la prevenzione del

Dettagli

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 Convegno Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 AGRICENTER S.r.l. Import Export Via Facchinelle, 1 37014

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente

Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente PRODOTTI FITOSANITARI: Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente 1 DEFINIZIONE: I Prodotti Fitosanitari, definiti dall'art.2 del D. Lgs. n. 194/955 e dall art.2 del DPR 290/01,

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 13.04.2010 Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005 LINEE DIRETTRICI PRATICHE DI CARATTERE NON OBBLIGATORIO SULLA PROTEZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI CONNESSI CON GLI AGENTI CHIMICI SUL LAVORO (Articoli 3, 4, 5, 6 e

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero:chr../cosvud../cosvue../ CR../COSVI../TENDERFP Usi pertinenti identificati

Dettagli

Primo caso italiano di resi al larvicida ciromazina da di musca domestica

Primo caso italiano di resi al larvicida ciromazina da di musca domestica TECNICA Primo caso italiano di resi al larvicida ciromazina da di musca domestica di Davide Di Domenico ( 1 ) Luigi Ruggeri ( 1 ) Guglielmo Pampiglione ( 2 ) Il problema dell inefficacia dei prodotti utilizzati

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 26.10.2009 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 9006.0137 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

MASSAGGIATORE E OPERATORE DELLA SALUTE

MASSAGGIATORE E OPERATORE DELLA SALUTE MASSAGGIATORE E OPERATORE DELLA SALUTE I ANNO CORSO DI IGIENE Dott.ssa Tatiana Caccia Disinfestazione La disinfestazione è ogni misura profilattica rivolta a distruggere, rimuovere o evitare il contatto

Dettagli