Gli Autori. Domagnano SCUOLA PIÙ. Serravalle La Primavera. Fiorentino Il nostro mondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli Autori. Domagnano SCUOLA PIÙ. Serravalle La Primavera. Fiorentino Il nostro mondo"

Transcript

1 Gli Autori Domagnano SCUOLA PIÙ Serravalle La Primavera Fiorentino Il nostro mondo QUINTA A Alunni: Alpini Davide Bacciocchi Marco Casadei Luca Ceccaroni Matteo Cenci Beatrice Di Lorenzo Gemma Fiorini Michele Gasperoni Elisa Gatti Gian Marco Macchia Matteo Matteini Thomas Santolini Nicole Terenzi Alessandro Tura Francesca Venturini Jacopo Venturini Tommaso QUINTA B Alunni: Biordi Enea Calesini Luca Ercolani Tommaso Foschi Samuele Guidi Alessandro Guidi Christian Guidi Matteo Magnani Luca Maltoni Martina Meloni Davide Morri Francesca Pelliccioni William Francesco Pio Toccaceli Daisy Tura Sara Verbena Jasmine Zonzini Jasmine QUINTA A Alunni: Alexa Marius Alexandru Angelini Mariadea Bernardi Robin Cecchetti Alice Colonna Andrea Fiorani Leonardo Francioni Giacomo Frisoni Alex Guidi Ilenia Mazza Maria Chiara Mina Asia Molaroni Alessandro Piccanti Valentina Saraga Alessia Sarti Alessia Selva Francesco QUINTA A Alunni: Castellani Pietro Dolcini Federico Fabbri Michele Galassi Marta Marchetti Davide Mularoni Anna Muscioni Sofia Paoletti Stella Penserini Arianna Podeschi Sara Rossi Rosanna Roberta Serra Luca Terenzi Melissa Tomassoni Francesco Viroli Margherita Insegnanti: Ceccoli Morena Montanari Alessandra Insegnanti: Marinelli Cinzia Giardi Mirella Casali Barbara Togni Lorenzo Zanchini Erika Insegnanti: Guidi Marco Insegnanti: Serra Mirella Paci Rosa Zattini Elena

2

3 Ringraziamenti Desideriamo rivolgere un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito a questo progetto: il professor Tiziano Pera per avere gettato in noi insegnanti il seme della curiosità che ci ha portato a sperimentare un nuovo modo di fare scienze; il professor Sandro Casali e gli esperti del Centro Naturalistico Sammarinese per essere da tempo preziosi punti di riferimento per insegnanti e alunni nella conoscenza e valorizzazione dell ambiente naturale; il dottor Rinaldo Renzi per aver creduto nelle potenzialità divulgative della scuola; il Direttore delle Scuole Elementari Francesco Berardi, per aver sostenuto il progetto. Siamo inoltre particolarmente riconoscenti alla Segreteria di Stato per l Istruzione e la Cultura, l Università e gli Affari Sociali, alla Segreteria di Stato per la Sanità e la Sicurezza Sociale, la Previdenza, la Famiglia e gli Affari Sociali, le Pari Opportunità e alla Direzione della Scuola Elementare, per aver permesso la pubblicazione del libro. Auguriamo, infine, ai nostri alunni di continuare ad elaborare informazioni, contenuti e conoscenze con una mente critica, poiché una svolta epocale si ha quando non cambiano solo le cose, ma anche le teste per capirle. (V. Foa)

4

5 Sommario Presentazioni...pag. 7 Capitolo 1 FACCIAMO SCIENZE...pag. 15 Capitolo 2 VITA DA ZANZARA...pag. 29 Capitolo 3 LA ZANZARA TIGRE A SAN MARINO...pag. 35 Capitolo 4 PROBLEMI E SOLUZIONI...pag. 37 Capitolo 5 LA ZANZARA TIGRE IN PILLOLE...pag. 41 Capitolo 6 ZANZA PUBBLICITA...pag. 43 Capitolo 7 ZANZA QUIZ...pag. 45 Capitolo 8 ZANZA STORIE...pag. 49 Capitolo 9 ZANZA PENSIERI...pag. 123

6

7 Presentazione Una proposta da parte del Dipartimento di Prevenzione dell ISS sul problema della diffusione della zanzara tigre a San Marino, un innovativo corso di formazione di scienze per insegnanti, la voglia di sperimentare di un piccolo gruppo di colleghe, l entusiasmo e la fantasia dei bambini: questi sono gli ingredienti del libro Parlano di me. La zanzara tigre tra scienza e fantasia. L insegnamento delle scienze in questa originale esperienza ha visto gli alunni delle classi quinte di Domagnano, Fiorentino e Serravalle della Repubblica di San Marino protagonisti del loro personale processo di apprendimento e i loro insegnanti costanti punti di riferimento nel favorire l acquisizione di abilità e competenze. Nella prima parte del libro sono documentate le esperienze scientifiche, nelle quali avviene l incontro dei bambini con il problema e la formulazione di ipotesi da parte loro per la risoluzione. In questa fase è stato interessante osservare come i bambini utilizzino anche la fantasia per sviluppare le ipotesi e come curiosità e stupore siano sempre presenti nel loro viaggio di scoperta. L incontro con gli esperti è stato il momento per l approfondimento, il confronto e la riflessione sul lavoro svolto. I bambini hanno compreso gli errori che hanno causato il fallimento dei progetti e proprio il risultato fallimentare è divenuto punto di forza dell intera esperienza, consentendo l assimilazione di importanti conoscenze scientifiche sul mondo di un piccolo essere vivente come la zanzara tigre. In seguito è iniziato il lavoro di studio dettagliato inerente alla biologia della zanzara tigre, in tal modo gli alunni hanno preso consapevolezza dell importanza della prevenzione, creando anche simpatici messaggi pubblicitari. L ultima parte del libro raccoglie le storie dei bambini e testimonia, come dall incontro tra scienza e fantasia, possa emergere la competenza sull argomento trattato. La programmazione del progetto è avvenuta considerando l alunno come principale artefice del proprio processo di conoscenza: egli in prima persona ipotizza, sperimenta, osserva, confronta, sceglie, riflette, modifica, risolve. Per questo motivo il progetto è stato realizzato in più fasi di programmazione: inizialmente noi insegnanti abbiamo individuato i principali obiettivi (il ciclo della zanzara tigre e i metodi di prevenzione e di difesa), poi, in itinere, grazie ai contributi scaturiti dalla ricerca laboratoriale nei gruppi di lavoro, abbiamo organizzato le attività successive (incontro con gli esperti, confronto dei progetti, approfondimenti degli argomenti). Possiamo sostenere, dunque, di aver progettato insieme ai nostri alunni, di averli accompagnati nell affascinante universo del sapere e del saper fare, praticando la necessaria pedagogia della lumaca, cioè dedicando il tempo necessario nel rispetto della diversità dei bambini e concedendo a tutti loro la possibilità di sperimentare. 7

8 Durante lo svolgimento delle attività didattiche noi insegnanti abbiamo tenuto un diario di bordo, nel quale abbiamo annotato osservazioni, registrato dinamiche di gruppo, segnalato punti di forza e di debolezza del percorso affrontato. Tale procedura permette di avere, anche a distanza di tempo, una maggiore oggettività del percorso didattico affrontato e contemporaneamente avere una visione d insieme del progetto, indispensabile per raggiungere gli obiettivi preposti. Sono state somministrate agli alunni due prove di verifica: un questionario a scelta multipla per valutare gli apprendimenti e la scrittura di un racconto fantastico per verificare le competenze. Le storie presenti nel libro sono quindi le verifiche di competenza degli alunni, sono state svolte al termine del progetto e testimoniano come abbiano raggiunto una buona competenza dei contenuti affrontati, poiché hanno saputo rielaborare in modo creativo le conoscenze, trasferendole in una situazione differente rispetto a quella in cui hanno appreso. Questo lavoro d equipe ha entusiasmato i bambini che si sono sentiti coinvolti nella progettazione e narrazione delle proprie esperienze, nel confronto delle idee, nella discussione e nelle esercitazioni pratiche in laboratorio o sul campo. Ha entusiasmato anche noi insegnanti perché lavorare in gruppo è gratificante, rassicurante e ci ha arricchito notevolmente. È con viva soddisfazione che il progetto di scienze sulla zanzara tigre si è trasformato in un libro, che speriamo possa contribuire a diffondere un messaggio efficace sull importanza della prevenzione, per evitare la proliferazione delle zanzare nei nostri piccoli spazi domestici e in tutto il nostro territorio, ma ci auguriamo possa anche divertire come è accaduto ai suoi autori. Le insegnanti: Morena Ceccoli, Mirella Giardi, Rosa Paci, Elena Zattini

9 La zanzara della scuola nuova Prof. Tiziano Pera I pensieri spesso ronzano nella testa come zanzare nell aria, poi tutto si da una regola e ne nascono idee, racconti e poesia. Prego il lettore di cogliere la novità di questo piccolo prezioso libro per il quale vale la pena di fermarsi un attimo e di regalarsi un po di tempo, per gustarne la sostanza e il profumo di nuovo. Se infatti non è una novità che la scuola sappia a volte produrre informazione al servizio della comunità, è decisamente inconsueta una scuola che porti i bambini a costruirsi competenza. Leggendo La zanzara tigre tra scienza e fantasia è infatti possibile sentire come l aria della scuola sia tagliata da un ronzio costante, come se gli insetti di cui si parla avessero ricevuto l ordine di rompere la monotonia del tempo-scuola e l assordante vociare che si fa sul sistema formativo. In realtà il ronzio di una scuola diversa esiste nel sottofondo, anche se spesso è avvolto nel silenzio inquietante che non riesce a tagliare l aria. Il silenzio di cui parlo è ad esempio quello che ricopre una serie di parole, modi di dire o verbi che dovrebbero qualificare la nostra scuola, come centralità dell allievo, apprendere, assimilare, esperimento, esperienza, insegnare per competenze, diritto di cittadinanza. Molti accettano che l allievo sia posto al centro del processo di insegnamento apprendimento ma poi invece di educarlo ad assumersi questa responsabilità, finiscono per istruirlo assegnando la vera centralità al programma e all insegnante. Apprendere può essere anche operazione passiva mentre assimilare implica una trasformazione di sé e di ciò che si è appreso tanto da farlo diventare simile a noi, come accade per gli alimenti che si trasformano in sangue, carne ed energia a nostra disposizione. Un esperimento deve per sua natura essere riproducibile mentre una esperienza è di per sé irripetibile: occorre dunque distinguere questi due tipi di didattica laboratoriale ed è subito chiaro quale sia l importanza di accompagnare i bambini a frequentare entrambe le strutture per imparare facendo invece di eseguire passivamente istruzioni operative. Insegnare per competenze è, seppur in estrema sintesi, occuparsi di tutto questo perché il bambino impari ad affrontare le cose della vita come problemi da risolvere in autonomia, richiamando all occorrenza gli apprendimenti ma anche le esperienze e, con queste, anche tutte le altre risorse necessarie allo scopo (motivazione, assunzione di responsabilità, coscienza di sé, spirito di collaborazione, controllo della propria metacognizione, ecc.). Ebbene in questo libro vi è tutto questo! Ed è per allertare i nostri sensi verso qualcosa che ci sta ronzando intorno che occorre leggerlo: agli insegnanti di scuola viene esplicitamente chiesto di certificare le competenze ma come possono salvarsi dal vociare spesso inconcludente che accompagna questa richiesta? Come liberarsi dall impressione diffusissima che l introduzione del termine competenza alimenti semplicemente l ennesima moda ricorrente nella scuola che finisce per creare più confusione che reale innovazione? 9

10 Leggendolo ci si accorge subito che questo piccolo, importante libro non testimonia una moda: come il lettore può verificare, esso costituisce un convincente e concreto esempio di scuola per competenze, che non corrisponde affatto a quella che funziona per obiettivi di apprendimento, cioè a quella che abbiamo vissuto e sperimentato fino ad oggi. Il ronzio si fa allora messaggio e le parole abbandonano il silenzio per disegnare panorami e circostanze scolastiche ricche di senso. Il progetto La zanzara tigre tra scienza e fantasia mostra una scuola che persegue la centralità dell allievo che apprende frequentando esperienze di vita quotidiana, scoprendo l importanza di contenuti, concetti e abilità all interno di molteplici contesti di senso : quello della didattica d aula, quello delle aree disciplinari, quello dell esperienza di lavoro sul campo, quello che è dettato da un problema vero da affrontare e possibilmente da risolvere e quello che riguarda la comunicazione rivolta alla informazione a vantaggio della cittadinanza. Naturalmente aiutare un bambino di scuola elementare a costruire delle proprie competenze così che possa comunicare il proprio sapere ad altri significa accompagnarlo ad assimilare non solo per ripetere o per rispondere alle interrogazioni scolastiche, ma per progettare una possibilità di azione e decidere come sia possibile realizzarla effettivamente. Bambini che progettano sistemi per catturare insetti a scopo di studio e che, invece di limitarsi ad ascoltare passivamente la relazione di un esperto, la prevengono ricorrendo ad apprendimenti ed esperienze personali per formulare domande utili al proprio scopo mostrano di prendere le cose molto sul serio e di lavorare con il piacere di chi è davvero protagonista: bambini così mostrano di studiare per costruirsi competenza. D altra parte è pur vero che una Istituzione intenzionata ad informare i propri cittadini su una certa tematica affiderebbe il compito di preparare dei materiali divulgativi ad un professionista che sappia il fatto suo: la pubblicazione di questo libretto costituisce dunque il pieno riconoscimento della competenza di cui ho detto. Queste sono le ragioni per le quali credo importante fare i complimenti alle insegnanti che hanno accompagnato i bambini a costruire questo esito. Per la verità un gruppo di formatori dell associazione Il Baobab, l albero della ricerca che presiedo, ha lavorato con le autrici del libro nell ambito della serie di incontri denominata Facciamo Scienze per piacere e organizzata dalla Direzione Scuola Elementare della Repubblica di San Marino. E anche vero che nel corso degli incontri abbiamo condiviso il recupero di senso legato alle parole che ho citato in precedenza (competenza, assimilazione ecc.): si potrebbe dunque pensare che questo libro costituisca un esito del nostro comune lavoro e tuttavia io penso che non sia così. Conta poco mettere a dimora i semi ed accudirli: se il terreno non è fertile di suo, i semi non danno frutti. Ecco perché credo sia giusto che gran parte del merito di questa importante operazione di autentica riqualificazione del lavoro scolastico vada agli insegnanti che hanno saputo liberare i bambini dalla scuola del programma per accompagnarli alla scuola della cittadinanza consapevole a cui il programma deve essere asservito. Credo però anche che vi sia un altra parte di merito che, complementare a quella degli insegnanti, va assegnata alle Istituzioni ed ai responsabili che dirigono la Scuola Elementare sammarinese: è infatti chiaro che senza la loro convinta attenzione e senza la loro sensibilità rispetto ai bisogni di una scuola rinnovata questo libro non ci sarebbe e così i pensieri, le idee, i racconti e la poesia che lo attraversano sarebbero restati fili separati tra loro, privi di qualsiasi regola a dare tessuto come semplici ronzii che non fanno musica. 10

11 Premessa Segretari di Stato La pubblicazione di questo lavoro è frutto della collaborazione fra il mondo scolastico e sanitario. Riteniamo che sia un ottimo risultato che testimonia come un approccio multidisciplinare ed il coinvolgimento diretto dei bambini delle scuole elementari possa rivelarsi una strategia vincente per favorire, attraverso una corretta informazione, la prevenzione di malattie trasmesse dalla zanzara tigre. Tale iniziativa fa parte di un progetto più ampio di educazione alla salute, in quanto è ormai ampiamente dimostrato che un concetto chiave della promozione della salute è proprio lo sviluppo della capacità della comunità di gestire i determinanti della propria salute/benessere/qualità di vita. La scuola diviene, quindi, un contesto privilegiato in cui ragazzi e famiglie possono acquisire conoscenze sui fattori di rischio per la salute e sviluppare quelle abilità necessarie verso comportamenti nocivi, nonché attivare specifici interventi di prevenzione. Auspichiamo che questa bella esperienza vissuta da alcuni bambini e insegnanti in sinergia con gli esperti del settore sanitario possa essere approfondita e sviluppata, ognuno per le proprie competenze e sensibilità, da tutti gli studenti e insegnanti delle nostre scuole, per creare un vero e proprio laboratorio scientifico utile per fare vera prevenzione a partire dalle più giovani generazioni, perché prevenire è meglio che curare. IL SEGRETARIO ALLA SANITA Claudio Podeschi IL SEGRETARIO ALL ISTRUZIONE Romeo Morri 11

12

13 13

14 14

15 Capitolo 1 Facciamo Scienze Che cosa sappiamo della zanzara tigre? Durante l estate noi bambini abbiamo letto il libro Zanzare, che fare? curato da Claudio Venturelli, per il Servizio Sanitario Regionale dell Emilia Romagna. Ora grazie all esperienza e alle conoscenze personali realizziamo un brainstorming. Vola di giorno È bianca e nera Riconosce l uomo grazie al calore, all umidità, agli odori e alle vibrazioni che emette Le serve l acqua per deporre le uova E un insetto ZANZARA TIGRE Preferisce spazi riparati dal vento, freschi ed ombreggiati Il maschio si nutre di nettare Quando pizzica inietta un liquido anticoagulante Rientra nella catena alimentare di molti animali Pizzica solo la femmina Può trasmettere malattie La femmina si nutre di sangue che le serve per far maturare le uova Grazie alla discussione e al confronto in classe è sorta in noi la curiosità di osservare dal vero il ciclo vitale della zanzara tigre; sono nati così diversi progetti di ricerca scientifica rivolti a soddisfare i nostri interrogativi. Riportiamo alcune esperienze in cui i protagonisti siamo stati noi bambini: abbiamo infatti costruito autonomamente le nostre conoscenze, mentre le insegnanti ci hanno accompagnato e sostenuto in questo speciale viaggio nel mondo della zanzara tigre! 15

16 Situazione Problema Come possiamo osservare il ciclo vitale della zanzara tigre? 1. Formiamo gruppi di lavoro 2. Formuliamo ipotesi per risolvere il problema 4. Realizziamo un progetto 3. Scegliamo l ipotesi più interessante 5. Diamo un nome al nostro progetto Situazione-problema Nome del progetto Progetto (disegno e spiegazione) Come possiamo osservare il ciclo vitale della zanzara tigre? MISSIONEZANZA MATERIALE: fondo di bottiglia con acqua, un piccolo ombrello, lente d ingrandimento, tulle. PROCEDIMENTO: Collochiamo il fondo di bottiglia con un po d acqua nei boschetti della scuola, riparato da un ombrello per proteggerlo dalle intemperie. Controlleremo ogni giorno e, se con la lente d ingrandimento, vedremo le uova o le larve di zanzara tigre, porteremo il fondo di bottiglia in aula, lo copriremo con il tulle e attenderemo che il ciclo vitale si completi. Ipotesi Le zanzare tigre deporranno le uova nel fondo di bottiglia collocato nei boschetti, in seguito potremo osservare in aula le fasi del ciclo vitale. Situazione-problema Nome del progetto Progetto (disegno e spiegazione) Come possiamo osservare il ciclo vitale della zanzara tigre? IL CATTURATORE 1) Mettiamo l acqua dentro la bacinella. 2) Collochiamo il nostro progetto fuori, sotto il portico. 3) Quando vedremo le uova di zanzara tigre a filo d acqua, copriremo la bacinella con la pellicola trasparente. 4) Successivamente in aula osserveremo il ciclo vitale della zanzara tigre. Ipotesi Le zanzare tigre deporranno le uova nell ambiente creato da noi bambini. 16

17 Situazione-problema Nome del progetto Progetto (disegno e spiegazione) Ipotesi Come possiamo osservare il ciclo vitale della zanzara tigre? COME CRESCONO LE LARVE MATERIALE: barattolo di vetro, lente d ingrandimento, acqua del fosso che scorre nel parco della scuola, zanzariera, elastico. FASI DI LAVORO: Riempiamo il barattolo di vetro con l acqua del fosso. Collochiamo il barattolo vicino al fosso. Aspettiamo e controlliamo ogni giorno. Se le zanzare tigre faranno le uova, le osserveremo con la lente d ingrandimento. Porteremo il barattolo con le uova in classe e lo chiuderemo con la zanzariera in attesa che si compia il ciclo vitale. Aspettiamo che la zanzara tigre entri nel barattolo e faccia le uova nell acqua. Situazione-problema Nome del Progetto Progetto (disegno e spiegazione) Come possiamo osservare il ciclo vitale della zanzara tigre? TRAPPOLA PER ZANZARE TIGRE Prendiamo un barattolo lo riempiamo con acqua del rubinetto, poi catturiamo qualche zanzara tigre che vola nel parco della scuola. Mettiamo le zanzare catturate dentro il barattolo. Chiudiamo il barattolo con un bicchiere di plastica bucherellato. Aspettiamo che le zanzare tigre depongano le uova e che il ciclo vitale abbia inizio. Ipotesi Mettiamo dell acqua in un barattolo, catturiamo qualche zanzara e vediamo se fanno le uova. Le zanzare tigre troveranno l ambiente adatto per il loro ciclo vitale. Ora siamo pronti a realizzare i progetti ideati e a verificare le ipotesi formulate. Quotidianamente completeremo la tabella di osservazione. 17

18 Le nostre osservazioni PROGETTO: MISSIONE ZANZA LUOGO: SIEPE DEL PARCO Data 5/10/2010 Data 6/10/2010 Data 7/10/2010 Data 8/10/2010 Abbiamo realizzato il progetto e l abbiamo collocato nella siepe del parco della scuola. L ombrello è volato nel prato. Nell acqua ci sono foglioline e alcune chiocciole attaccate alla parete del contenitore. Nell acqua ci sono bacche, foglioline e moscerini. La situazione è identica a quella di ieri. Data 11/10/2010 Data 12/10/2010 Data 13/10/2010 Data 14/10/2010 Data 15/10/2010 Non ci sono novità. La situazione è invariata. L acqua è diminuita, ma non ci sono novità. Niente di nuovo. Ci sono 12 C e c è nebbia. Nel fondo di bottiglia sono cadute alcune foglie, ma non ci sono uova di zanzara tigre. 18

19 PROGETTO: IL CATTURATORE LUOGO: FUORI DALL AULA, SULLA SCALINATA ESTERNA Data 5/10/2010 Data 6/10/2010 Data 7/10/2010 Data 8/10/2010 Abbiamo realizzato il progetto e collocato la bacinella di fuori, sulla scalinata esterna. Sull acqua non galleggia niente, sul fondo della bacinella c è un po di terra. Nell acqua galleggia un insetto morto. Galleggiano moscerini e polvere. Una cavalletta nuota sull acqua: l abbiamo liberata. Data 11/10/2010 Data 12/10/2010 Data 13/10/2010 Data 14/10/10 Data 15/10/2010 Ci sono dei puntini bianchi che galleggiano. Ci siamo chiesti di che colore sono le uova di zanzara tigre. Decidiamo di fare una ricerca su Internet. Abbiamo scoperto che le uova di zanzara tigre sono piccole e scure, per cui non ci sono uova nel Catturatore, c è però una zanzara tigre morta. È annegata un altra zanzara tigre. Non ci sono novità. Sono caduti in acqua polvere, moscerini e granelli di terra, ma non c è traccia di uova. 19

20 Le nostre osservazioni PROGETTO: COME CRESCONO LE LARVE LUOGO: FUORI VICINO AL FOSSO CHE SCORRE NEL PARCO DELLA SCUOLA Data 4/10/10 Data 5/10/10 Data 6/10/10 Data 7/10/10 Data 8/10/10 Abbiamo riempito il barattolo con l acqua del fosso che scorre nel nostro parco. Nell acqua ci sono diversi pallini marroni e una foglia. Nell acqua c è una scolopendra morta, due foglie e ancora moltissimi puntini marroni. Alcuni puntini stanno prendendo una forma allungata, in superficie nuota un sottile verme rosso. È rimasto tutto uguale tranne il vermicello che è diventato marroncino e più grande. Decidiamo di chiudere il barattolo e portarlo in classe. Forse i pallini neri sono uova di zanzara tigre. Il vermicello si è allungato, invece i pallini neri sono rimasti uguali. Data 11/10/10 Data 12/10/10 Data 13/10/10 Data 14/10/10 Vediamo un nuovo puntino nero più grosso. Non è nato nulla. La situazione non è cambiata. Nulla di nuovo nel nostro barattolo. Come il giorno precedente. 20

21 PROGETTO: TRAPPOLA PER ZANZARE TIGRE LUOGO: SU UNA MENSOLA IN AULA Data 4/10/10 Data 5/10/10 Data 6/10/10 Data 7/10/10 Data 8/10/10 Abbiamo catturato tre zanzare tigre e le abbiamo chiuse in un barattolo con poca acqua del rubinetto. Una zanzara è morta. Nell acqua ci sono numerosi puntini bianchi. Le due zanzare tigre rimaste sono ancora vive. Nell acqua ci sono numerosi puntini bianchi Non è cambiato nulla. Ci sono ancora due zanzare vive. Nell acqua galleggiano i pezzi della zanzara morta. Ci sono puntini bianchi e neri e dei filamenti bianchi. Data 11/10/10 Data 12/10/10 Data 13/10/10 Data 14/10/10 Sono morte tutte le zanzare; sono diminuiti i puntini bianchi e neri. Ci poniamo alcune domande: perché sono morte le zanzare? Di che colore sono le uova? Le uova galleggiano o stanno sul fondo? Nell acqua ci sono sempre puntini bianchi e neri. Idem. Nulla di nuovo. 21

22 Incontriamo gli Esperti Giovedì 14 Ottobre 2010, presso la sala del castello di Domagnano, i nostri insegnanti hanno organizzato, un incontro informativo sulla zanzara tigre con i seguenti esperti: Dott. Sandro Casali, biologo del Centro Naturalistico Sammarinese, Dott. Renaldo Renzi, biologo del Dipartimento Prevenzione dell ISS, Dott.Claudio Venturelli, entomologo del Dipartimento Sanità Pubblica Azienda Usl di Cesena. Durante l incontro noi bambini abbiamo avuto la possibilità di ampliare le nostre conoscenze, fare domande e chiarire i dubbi, osservare allo stereomicroscopio i vari stadi del ciclo vitale della zanzara tigre e confrontare i nostri progetti. Il prof Sandro Casali illustra le caratteristiche principali della zanzara tigre. Il dott. Renaldo Renzi e il dott. Claudio Venturelli spiegano l importanza della prevenzione. 22

23 Osserviamo uova, larve e pupe di zanzara tigre con la lente d ingrandimento e allo stereomicroscopio. 23

24 Confrontiamo i nostri progetti Durante l incontro con gli esperti abbiamo confrontato i nostri progetti e abbiamo colto alcune somiglianze, ma anche importanti differenze. Noi a Domagnano Abbiamo catturato le zanzare tigre nella pineta della scuola. Le abbiamo chiuse in un contenitore con terra, fiori e pigne, pensando di fornire loro il nutrimento. Le zanzare tigre catturate sono comunque morte senza deporre le uova. Noi a Fiorentino Non siamo riusciti a catturare le zanzare tigre, perché non si vedevano volare. Abbiamo sistemato la trappola nel parco della nostra scuola. Abbiamo usato un ombrello come protezione dalle intemperie. Noi a Serravalle Abbiamo utilizzato l acqua del fosso che scorre vicino alla nostra scuola. Abbiamo catturato le zanzare nel parco della scuola. Le zanzare tigre catturate sono morte senza deporre uova. Le trappole ideate non hanno funzionato: non abbiamo potuto osservare il ciclo vitale della zanzara tigre, ma abbiamo ricavato importanti informazioni sulla sua vita. Confrontiamo i nostri progetti. 24

25 Abbiamo scoperto che gli esperti per monitorare la presenza della zanzara tigre sul territorio, utilizzano le ovitrappole. Le ovitrappole sono dei contenitori in plastica neri di 500 ml circa (tipo vasi per piantine non forati) riempiti di acqua, al cui interno viene posizionata una listella di masonite (o legno) sulla quale, appena sopra il livello dell acqua le zanzare depongono le uova, che vengono poi riconosciute osservandole allo stereomicroscopio. Alcuni progetti da noi ideati potevano funzionare! In Primavera sperimenteremo anche noi le ovitrappole, ma facendo molta attenzione a non contribuire alla diffusione della tigre. La prevenzione prima di tutto. 25

26 Le Nostre Conclusioni Dopo aver incontrato gli esperti, al nostro ritorno in classe, abbiamo formulato le conclusioni, ma soprattutto abbiamo compreso perché i nostri progetti non hanno funzionato! MISSIONE ZANZA Il nostro esperimento non è riuscito perché: - è freddo, la temperatura non ha mai superato i 15 C ; - siamo in Autunno, le ore di luce sono poche ( ne servono almeno undici); - non abbiamo pensato al nutrimento. Gli aspetti positivi del nostro progetto sono stati: - sistemare la trappola nei boschetti; - mettere l acqua nel fondo di bottiglia. L ovitrappola sarebbe stata più efficace per osservare il ciclo vitale della zanzara tigre. IL CATTURATORE Il nostro esperimento non è riuscito perché: - è freddo, la temperatura non ha mai superato i 15 C; - sono poche le ore di luce (ne servono almeno undici). Gli aspetti positivi del nostro progetto sono stati: - scegliere un recipiente scuro; - mettere l acqua sul fondo della bacinella; - collocare la trappola vicino alle classi (bambini = sangue = nutrimento per la zanzara). Non è facile ricreare le condizioni ambientali adatte a riprodurre il ciclo vitale della zanzara tigre. 26

27 TRAPPOLA PER ZANZARE COME CRESCONO LE LARVE Il nostro esperimento non è riuscito: le zanzare tigre sono tutte morte in una settimana senza deporre uova. I pallini bianchi sul fondo del barattolo, che noi ritenevamo uova di zanzare tigre, in realtà erano sostanze presenti nell acqua. Abbiamo scoperto che le uova ad occhio nudo si vedono appena, sono nere e stanno sul pelo dell acqua. Inoltre alle zanzare catturate mancava il cibo per sopravvivere ed era necessario che pungessero qualcuno: il sangue permette di far maturare le uova e successivamente avrebbero potuto deporle, sempre che fossero state zanzare tigre femmine!! La nostra trappola non ha funzionato, le zanzare tigre non hanno deposto le uova forse perché fuori era già troppo freddo. La trappola è risultata perfetta per le larve dei moscerini (chironomidi), nell acqua infatti nuota un piccolissimo vermicello rosso. Il nostro barattolo inoltre era trasparente, abbiamo saputo dagli esperti che era meglio utilizzare un contenitore nero, più simili ad una cavità naturale, era inoltre necessario inserire un listello di compensato per poter poi osservare da vicino le uova. 27

28 28

29 Capitolo 2 Vita da Zanzara ZANZARA TIGRE Il suo nome scientifico è Aedes albopictus E un insetto appartenente all ordine dei ditteri caratterizzato dall avere un solo paio d ali adatte al volo- 29

30 Ama vivere al riparo dal vento, in luoghi freschi e ombreggiati, nei prati e nelle siepi. Vive bene nei centri urbani poiché trova l ambiente adatto per riprodursi nei tombini stradali, nelle griglie di scolo e nei contenitori di ogni genere. 30

31 Catena Alimentare (Rete Trofica) La zanzara tigre rientra nella catena alimentare di molti animali: pesci, anfibi, uccelli e pipistrelli. Le larve di zanzara in acqua si nutrono di alghe, batteri e microrganismi. Le zanzare adulte si nutrono di sostanze zuccherine che succhiano dai fiori e dai frutti, ma le femmine anche di sangue che serve loro per far maturare le uova. 31

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

Chi è questo insetto? Piccola guida realizzata dai bambini per conoscere la zanzara tigre ed imparare come difenderci

Chi è questo insetto? Piccola guida realizzata dai bambini per conoscere la zanzara tigre ed imparare come difenderci Chi è questo insetto? Piccola guida realizzata dai bambini per conoscere la zanzara tigre ed imparare come difenderci Questo libretto di facile e rapida lettura è stato realizzato con l aiuto dei bambini

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO Classe terza Caspoggio UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO LO ZIO DI MARCO E SARA È UN FOTOGRAFO NATURALISTA E DEVE PREPARARE UN SERVIZIO FOTOGRAFICO SULLO STAGNO PER UNA RIVISTA CHE SI OCCUPA DI NATURA. LO

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

Contro. facciamoci in. la zanzara tigre. Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio

Contro. facciamoci in. la zanzara tigre. Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio Contro la zanzara tigre 4 Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio facciamoci in Nell estate del 2007 si è verificato nella nostra regione il primo

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

VADEMECUM SULLA. Culex pipiens o zanzara comune

VADEMECUM SULLA. Culex pipiens o zanzara comune VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE Reggio Emilia srl COME SI RICONOSCE LA ZANZARA TIGRE? 1. Aspetto (Fig.1): stesse dimensioni della zanzara comune (pochi millimetri), si distingue per la colorazione nera del

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

La zanzara tigre. Conoscere e prevenire: Come riconoscerla La puntura La prevenzione

La zanzara tigre. Conoscere e prevenire: Come riconoscerla La puntura La prevenzione Dipartimento di prevenzione medica Servizio Igiene e Sanità Pubblica La zanzara tigre Conoscere e prevenire: Come riconoscerla La puntura La prevenzione Come riconoscerla Le zanzare sono insetti presenti

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE SERVIZIO DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE Sede Reggio Emilia 0522/297664 fax 0522/297675 e-mail: ddd.re@gruppoiren.it VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE 1. COME SI RICONOSCE LA ZANZARA TIGRE?

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni Questo percorso scientifico è stato sperimentato più volte nel corso degli

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

CARTA DELLA PREVENZIONE PIANO DI IGIENE URBANA

CARTA DELLA PREVENZIONE PIANO DI IGIENE URBANA COMUNE DI TERNI CARTA DELLA PREVENZIONE PIANO DI IGIENE URBANA la zanzara CONTRO LA ZANZARA TIGRE facciamoci in 4 Da alcuni anni l Italia è diventata, suo malgrado, uno dei paesi sotto l occhio dei riflettori

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

5 a. Soluzioni di Maxi granita al limone 2011 De Agostini Scuola SpA Novara

5 a. Soluzioni di Maxi granita al limone 2011 De Agostini Scuola SpA Novara 5 a SETTIMANA L ORTO 62 DEI BAMBINI MAXI GRANITA Fai anche tu come i bambini che stanno lavorando nell orto. Procurati un vasetto, riempilo di terra e pianta un seme di fagiolo fresco. Ricordati di bagnarlo

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

Romano d Ezzelino Conferenza del 10 AGOSTO 2012. Zanzare: uso e manutenzione

Romano d Ezzelino Conferenza del 10 AGOSTO 2012. Zanzare: uso e manutenzione Romano d Ezzelino Conferenza del 10 AGOSTO 2012 Zanzare: uso e manutenzione LE ZANZARE Sono insetti presenti in tutto il mondo con circa 3.500 specie. Appartengono alla famiglia dei Culicidi, ordine dei

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia PROT. N. 6567 San Stino di Livenza 09/05/2013 ORDINANZA N. 31/2013 OGGETTO: provvedimenti urgenti per la prevenzione ed il controllo delle malattie da insetti vettori ed in particolare dalle zanzare. IL

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Perché un bollettino?

Perché un bollettino? Numero 00 M a r z o 2012 Anno 1 Perché un bollettino? Sommario: Il Pesce Rosso Carassius auratus 2 Arrivo a casa... 2 Pulizia 3 Terrari e Paludari 3 Attrezzatura indispensabile ed utile 3 Avete voglia

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Cirimpè

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Cirimpè La presenta il progetto Cirimpè Elmer Progetto Cirimpè!!! Progetto Nik-day 2012: prepariamo insieme il calendario della Solidarietà ed il nuovo libro! Scuola Scuola Primaria Primaria F. Busoni F. di Busoni

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Presentazione. di Donatella Spinelli*

Presentazione. di Donatella Spinelli* Presentazione di Donatella Spinelli* Parole in corso è un libro e allo stesso tempo un gioco, pieno di consigli e di strumenti preziosi per chi vuole aiutare i bambini con difficoltà di lettura a progredire

Dettagli

GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO. Gli e-book di

GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO. Gli e-book di GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO Gli e-book di SOMMARIO ACQUA, OMBRA, CESPUGLI: COSA PUÓ CHIEDERE DI MEGLIO UNA ZANZARA? DI CHE TAGLIA

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato,

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, oggi più che mai migliorati anche dall'ausilio delle tecnologie

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Provincia di Lecco. 23848 Oggiono Piazza Garibaldi, 14 ORDINANZA DEL SINDACO N. 129 DEL 17-06-2013

Provincia di Lecco. 23848 Oggiono Piazza Garibaldi, 14 ORDINANZA DEL SINDACO N. 129 DEL 17-06-2013 Comune di Oggiono Provincia di Lecco 23848 Oggiono Piazza Garibaldi, 14 ORDINANZA DEL SINDACO N. 129 DEL 17-06-2013 OGGETTO: ORDINANZA CONTINGIBILE E URGENTE PER IL CONTENIMENTO DELLE ZANZARE E, IN PARTICOLARE,

Dettagli

Storie d Inverno. Classe seconda di Novaglie Anno scolastico 2013/14

Storie d Inverno. Classe seconda di Novaglie Anno scolastico 2013/14 Storie d Inverno Classe seconda di Novaglie Anno scolastico 2013/14 1 La tigre dispettosa delle nevi C era una volta una tigre molto dispettosa e le piaceva la neve. Faceva i dispetti a tutti. Questa tigre,

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Zanzare: come creare una trappola da una bottiglia di plastica

Zanzare: come creare una trappola da una bottiglia di plastica Zanzare: come creare una trappola da una bottiglia di plastica Caldo in arrivo, e non da solo. Compagne inseparabili della stagione estive sono le zanzare. Come evitare che questi 'simpatici' insetti possano

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Elisa Fabemoli LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Ovvero come sensibilizzare genitori, insegnanti, educatori e bambini su un problema che tormenta i pensieri dentro e sopra le nostre teste 1 In una scuola

Dettagli

Ordinanza sindacale anno 2011

Ordinanza sindacale anno 2011 SCHEMA D INDIRIZZO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE anno 2011 DATI GENERALI Nome del Comune. Referente Comunale - Responsabile Uff. Ambiente o suo delegato

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015 CALENDARIO 2015 gennaio 2015 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Mus musculus domesticus È un piccolo roditore conosciuto come topo domestico. Presente in

Dettagli

CITTA' DI LEGNAGO. AMBIENTE, SIC. PROTEZIONE CIVILE, ESPROPRI 3 SETTORE Via XX Settembre 29-37045 Legnago (Verona) ORDINANZA SINDACALE IL SINDACO

CITTA' DI LEGNAGO. AMBIENTE, SIC. PROTEZIONE CIVILE, ESPROPRI 3 SETTORE Via XX Settembre 29-37045 Legnago (Verona) ORDINANZA SINDACALE IL SINDACO CITTA' DI LEGNAGO AMBIENTE, SIC. PROTEZIONE CIVILE, ESPROPRI 3 SETTORE Via XX Settembre 29-37045 Legnago (Verona) Reg. Ord. n.107 del 23/03/2015 prot. n. 9309 ORDINANZA SINDACALE OGGETTO: CONTENIMENTO

Dettagli

IL GRANO. L educazione ambientale abbraccia quella scientifica

IL GRANO. L educazione ambientale abbraccia quella scientifica IL GRANO L educazione ambientale abbraccia quella scientifica VIVERE L AMBIENTE I bambini vivono immersi nell ambiente e così si creano RELAZIONI tra persone ed ambiente ESPERIENZE CON L AMBIENTE Ogni

Dettagli

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI HOME SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI SCUOLA PRIMARIA «SANTORRE DI SANTAROSA» SAVIGLIANO CLASSE 2^C TEMPO PIENO a.s. 2014-2015 Insegnanti: Giordano Alessandra e Testa Tiziana LEGGIAMO INSIEME

Dettagli

Una classe amica dei pipistrelli

Una classe amica dei pipistrelli Una classe amica dei pipistrelli Progetto I I Chirotteri... animali strani e meravigliosi Classe 2 2 B Scuola primaria Livia Gereschi P I S A Anno scolastico 2008/2009 Aiuto! Attenti ai pipistrelli!!!

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE La Nostra Terra

PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE La Nostra Terra PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE La Nostra Terra Premessa: La scuola si configura come comunità di dialogo, di esperienza sociale e di ricerca volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni.

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Le PULCI possono rappresentare un vero disturbo per il tuo animale, tormentandolo senza tregua e

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione e il controllo della infestazione da ditteri culicidi nel territorio comunale.

Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione e il controllo della infestazione da ditteri culicidi nel territorio comunale. Provincia di Milano Via Viquarterio, n. 1 20090 Pieve Emanuele - Cod. Fisc. 80104290152 P. IVA 04239310156 Ufficio Ecologia - Tel.: 0290788357; Fax: 0290788355; sito: www.comune.pieveemanuele.m.it; e -mail:

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

VIAGGIO TRA LO SPAZIO

VIAGGIO TRA LO SPAZIO PROGETTO DI ASTRONOMIA VIAGGIO TRA LO SPAZIO Soggetti coinvolti: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia statale di Ceregnano SEZIONE TRILLY ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLADOSE (RO) Insegnanti impegnate

Dettagli

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Progetto realizzato in collaborazione tra: Sezione Azzurri scuola dell Infanzia Via Garibaldi Classe 1B scuola Primaria Omate Classe 1C scuola

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

PER MANO NEL MONDO DI OZ

PER MANO NEL MONDO DI OZ PER MANO NEL MONDO DI OZ BALLO INIZIALE base 1 NARRATORE: C era una volta una bambina di nome _SARA : Mirella! NARRATORE: No...la bambina si chiamava _CHIARA : Maria Pia! NARRATORE: No, si chiamava TUTTI:

Dettagli

Oggetto: Provvedimento per la prevenzione ed il controllo dell infestazione da Aedes Albopictus (zanzara tigre) nel territorio comunale Anno 2010.

Oggetto: Provvedimento per la prevenzione ed il controllo dell infestazione da Aedes Albopictus (zanzara tigre) nel territorio comunale Anno 2010. Comune di VILLASANTA SETTORE LAVORI PUBBLICI Ufficio Ecologia Piazza Martiri della Libertà, 7 20058 VILLASANTA Telefono 03923754222 Fax 0392050231 e-mail: tecnico@comune.villasanta.mi.it ORDINANZA N. 61/2010

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli