Trasporto traffico multimediale in Internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trasporto traffico multimediale in Internet"

Transcript

1 Trasporto traffico multimediale in Internet Andrea BIANCO MULTIMEDIA IN INTERNET - 1 Tassonomia delle applicazioni Due classi (dal punto di vista del controllo del traffico) Applicazioni elastiche (opportunistiche) Se ci sono risorse, le applicazioni elastiche cercano di usarle Se le risorse sono temporaneamente indisponibili, le applicazioni elastiche possono attendere (es: WWW, , FTP ) Applicazioni multimedia Ogni applicazione richiede una minima quantità di risorse Se la quantità minima è presente, l applicazione funziona Se la quantità minima è indisponibile, l applicazione non funziona MULTIMEDIA IN INTERNET - 2

2 Applicazioni elastiche e multimediali in tempo reale Applicazioni elastiche Un utente umano attende informazioni da un server Preferibile un basso ritardo end-to-end (non essenziale) Banda istantanea richiesta: bassa Perdite di pacchetti recuperate dal protocollo di trasporto, a scapito del ritardo end-to-end Applicazioni multimediali Due utenti umani interagiscono ai capi della rete Essenziale un basso ritardo (un pacchetto in ritardo equivale ad un pacchetto perso) Banda richiesta elevata Robuste a perdite contenute di pacchetti MULTIMEDIA IN INTERNET - 3 Applicazioni multimediali Applicazioni multimediali conversazionali Voce o video su IP per audio/videoconferenze Applicazioni multimediali interattive Simulazioni distribuite, giochi in rete Applicazioni multimediali non interattive (streaming) Insegnamento a distanza, video on demand MULTIMEDIA IN INTERNET - 4

3 Applicazioni e stack protocollare > < 2 DNS Telnet http ftp NFS BGP TCP IP UDP Non Specificati DNS RTP Real Audio NFS SNMP Real time apps Internet Protocol Suite Quale protocollo di trasporto? UDP è adatto a: Richieste-risposte (LAN) Applicazioni multimediali Multicast TCP (affidabilità) è adatto a : Trasferimenti di file Emulazione di terminale Richiesta-risposta (WAN) Unicast MULTIMEDIA IN INTERNET - 5 Il protocollo UDP UDP (User Datagram Protocol ) permette alle applicazioni di un host l invio di datagram ad altre applicazioni di un host remoto Definito da RFC-768 (1980) UDP fornisce un servizio di livello 4, ma: connectionless (pacchetti fuori sequenza) non affidabile (pacchetti persi) senza controllo di flusso (saturazione del ricevitore) MULTIMEDIA IN INTERNET - 6

4 Il protocollo UDP Pacchetti di formato semplice con checksum opzionale Applicazioni end-to-end identificate da: Indirizzo IP sorgente, Indirizzo IP destinazione Porta UDP sorgente, porta UDP sorgente MULTIMEDIA IN INTERNET - 7 Formato del pacchetto UDP UDP Source Port UDP Destination Port UDP Message Length UDP Checksum (opt.) DATA 32 bit MULTIMEDIA IN INTERNET - 8

5 Il protocollo TCP TCP (Transmission Control Protocol ) è un protocollo di livello 4 (trasporto) Definito da RFC 1122/1123 e decine di altri! E un protocollo full-duplex connection-oriented garantisce consegna affidabile ed in sequenza controllo velocità di emissione dati MULTIMEDIA IN INTERNET - 9 Il protocollo TCP Ritrasmette se non riceve conferma di ricezione Esegue controllo di congestione end-to-end per evitare che la rete venga utilizzata oltre la sua capacità Esegue controllo di flusso end-to-end perchè un host veloce non saturi un host lento Frammenta (o raccoglie) l informazione in segmenti di dimensione opportuna Mette in sequenza i datagram IP che arrivano fuori sequenza MULTIMEDIA IN INTERNET - 10

6 Formato pacchetto TCP Source port Number Destin. Port Number Sequence Number Acknowledgement Number HLEN Resv. flags Dimens. Finestra TCP checksum Urgent Pointer 32 bit MULTIMEDIA IN INTERNET - 11 Comunicazioni multimediali: problemi La pacchettizzazione Campioni audio pari a pochi bit Immagine singola di dimensioni molto elevate Come si distingue tra codifiche differenti in ricezione? Come porre rimedio ai limiti di IP? Perdita di pacchetti Riordinamento di pacchetti Duplicazione di pacchetti Come notificare la corretta ricezione alla sorgente? Come supportare comunicazioni tra più utenti? MULTIMEDIA IN INTERNET - 12

7 Trasporto di comunicazioni multimediali: TCP Si può usare TCP? TCP offre un trasporto affidabile, ma le ritrasmissioni e il controllo di flusso/congestione causano ritardi in caso di perdita Variazione della banda disponibile TCP non supporta multicast TCP può essere usato per trasferire file multimediali (in o in pagine Web) MULTIMEDIA IN INTERNET - 13 Trasporto di comunicazioni multimediali: UDP Si può usare UDP? UDP supporta multicast Non riordina dati ricevuti fuori sequenza Non rileva perdite Non reagisce a variazioni del ritardo Non identifica contenuti multimediali IETF: introduzione di RTP sopra UDP MULTIMEDIA IN INTERNET - 14

8 RTP: Real-time Transport Protocol Introdotto dall RFC 1889 Costituisce un framework su cui realizzare applicazioni multimediali Fornisce i meccanismi di base per il trasferimento di dati multimediali Composto da due sotto-protocolli : RTP: governa il flusso di dati multimediali (porte pari) RTCP: fornisce un feedback al trasmettitore sulla qualità della trasmissione in corso (porte dispari) Deve essere inglobato nell applicazione (non esiste API di interfaccia) MULTIMEDIA IN INTERNET - 15 H.323 SIP RTP RTCP Esempio: applicazione multimediale Telefonia su IP: tre differenti problematiche Stabilire la comunicazione, trovare l indirizzi IP per raggiungere l interlocutore, negoziare il tipo di codifica o compressione Quando la sessione è stata stabilita, trasferire i pacchetti audio Periodicamente, inviare delle informazioni di feedback al trasmettitore per indicare la qualità della ricezione MULTIMEDIA IN INTERNET - 16

9 RTP + RTCP Funzioni fornite Identificazione del tipo di payload (codifica) Gestione di numeri di sequenza Gestione del timestamping Servizi di monitoraggio e analisi delle prestazioni Supporto identificazione partecipanti Funzioni NON fornite Non è pensato per fornire QoS NO Affidabilità, banda, ritardi Non fornisce garanzie in ricezione su consegna e ordine dei pacchetti Sfrutta checksum UDP per riconoscere errori MULTIMEDIA IN INTERNET - 17 RTP e la perdita di pacchetti UDP/IP non garantiscono che ogni pacchetto percorra la stessa strada verso la destinazione Pacchetti possono essere persi o essere consegnati fuori sequenza RTP prevede numeri di sequenza nell intestazione RTP MULTIMEDIA IN INTERNET - 18

10 RTP e il problema del jitter In presenza di segnali sincroni (voce), viene inviato un pacchetto ogni T secondi La rete introduce ritardi variabili anche se non ci sono perdite (es., in un buffer di un router) R Come recuperare il segnale sincrono in ricezione? MULTIMEDIA IN INTERNET - 19 RTP e il problema del jitter Possibile soluzione: introdurre ritardo alla destinazione Uso buffer di playback Distr. # pacchetti ritardo massimo D m Pacchetti in arrivo sono memorizzati Viene letto un pacchetto ogni T secondi D f La dimensione del buffer emula un ritardo fisso di Dm secondi Dm compromesso tra bassi ritardi e basse perdite MULTIMEDIA IN INTERNET - 20 ritardo

11 RTP e il problema del jitter Se ho soppressione del silenzio in trasmissione? Durante intervalli parlati: un pacchetto ogni T secondi Durante silenzi: nessun pacchetto un pacchetto può essere in ritardo perché è stato ritardato nella rete è stato preceduto da un periodo di silenzio Il numero di sequenza non basta Bisogna introdurre un timestamp nell intestazione del pacchetto RTP per recuperare info sull istante di generazione MULTIMEDIA IN INTERNET - 21 RTP: Applicazioni Gli applicativi che utilizzano RTP sono multicast Se la rete non offre funzionalità di gestione multicast Si deve aprire una connessione unicast tra ogni coppia di partecipanti Il numero di connessioni cresce in modo quadratico rispetto al numero di utenti Un applicazione deve specificare due parametri RTP: Il profilo Una tabella che associa ad ogni tipo di payload un codice univoco In che modo RTP debba usare il payload Informazioni quali la dimensione del pacchetto RTP, il numero di campioni contenuti al suo interno... MULTIMEDIA IN INTERNET - 22

12 RTP: Esempio audio Una conferenza multiutente audio su RTP Elementi base: Un indirizzo IP di tipo multicast Gli utenti vi si registrano per accedere al servizio Due porte UDP Una per RTP, l altra per RTCP RTP non specifica come sceglierli MULTIMEDIA IN INTERNET - 23 RTP - Esempio audio L audio è creato mediante un opportuna codifica I campioni audio vengono raggruppati in pacchetti Inviati all indirizzo multicast Il numero di campioni per pacchetto dipende da come è stato configurato RTP MULTIMEDIA IN INTERNET - 24

13 RTP - Esempio audio I pacchetti devono essere piccoli Il ritardo di pacchettizzazione deve essere basso ( < 20 millisecondi) Non si possono mettere molti campioni I pacchetti contengono anche un intestazione RTP Intest. RTP Intest. UDP Intest. IP Campioni MULTIMEDIA IN INTERNET - 25 RTP: Esempio audio Mediante RTCP ogni partecipante invia dati di tipo statistico E possibile analizzare le prestazioni del servizio In caso di problemi si può provare a capire se sono globali o locali Il traffico RTCP è di tipo broadcast tra partecipanti La banda richiesta può essere molta MULTIMEDIA IN INTERNET - 26

14 RTP - Esempio audio e video - La conferenza è audio e video Lo standard consiglia di usare due flussi RTP indipendenti Vantaggio: un utente può accedere al servizio in maniera limitata Per sincronizzare i flussi si utilizzano i meccanismi di timestamping di RTP MULTIMEDIA IN INTERNET - 27 RTP: Sessione RTP Una sessione RTP permette a un certo numero di utenti di comunicare mediante l uso del protocollo RTP Una sessione RTP è identificata da una coppia di indirizzi di trasporto Un indirizzo di trasporto è costituito da un indirizzo IP e una porta UDP Un indirizzo di trasporto serve per RTP, l altro per RTCP ma l indirizzo IP di tipo multicast è lo stesso per entrambe le coppie MULTIMEDIA IN INTERNET - 28

15 RTP: Host L host o end-system (ES) rappresenta la macchina dell utente su cui girano gli applicativi basati su RTP Gli host generano i flussi multimediali e li consumano MULTIMEDIA IN INTERNET - 29 RTP: Translator I translator sono dei traduttori di codifiche Modificano il tipo di codifica di un flusso e lo ritrasmettono sulla rete Possono anche funzionare come dei gateway Permettono l esecuzione del servizio anche su isole non IP MULTIMEDIA IN INTERNET - 30

16 RTP: Mixer I mixer aggregano i flussi Più flussi in ingresso a un mixer vengono aggregati in un unico flusso uscente Tipicamente con un bit rate inferiore della somma dei flussi originali Sono più complicati dei translator Devono gestire anche la sincronizzazione tra flussi correlati MULTIMEDIA IN INTERNET - 31 RTP: Monitor I monitor osservano dall esterno i pacchetti di controllo Non partecipano alla comunicazione Ricavano informazioni sulla QoS e altri parametri Utili per i provider per valutare la bontà del servizio MULTIMEDIA IN INTERNET - 32

17 RTP: SSRC Il SSRC (Synchronization SouRCe) rappresenta l identificativo di chi genera un flusso dati E un numero su 32 bit presente nell header RTP Attenzione: mixer hanno un proprio SSRC E univoco all interno di una sessione MULTIMEDIA IN INTERNET - 33 RTP: CSRC Deve essere possibile risalire alle vere sorgenti di un flusso proveniente da un mixer I CSRC (Contributing SouRCe) sono campi opzionalmente presenti nell header RTP che contengono gli SSRC delle vere sorgenti del flusso MULTIMEDIA IN INTERNET - 34

18 RTP: host SSRC 18 SSRC 39 18,DVI4 39,C16 Gli host inviano dati: il primo invia un flusso con SSRC 18 e codifica DVI4 il secondo con SSRC 39 e codifica C16 MULTIMEDIA IN INTERNET - 35 RTP: Translator 18,DVI4 39,C16 18,DVI4 39,GSM Il translator ha cambiato la codifica del flusso Con SSRC 39 MULTIMEDIA IN INTERNET - 36

19 RTP: Mixer 18,DVI4 39,GSM SSRC=12 12,GSM,(18,39) Il flusso in uscita ha SSRC 12 e CSRC 18 e 39 MULTIMEDIA IN INTERNET - 37 RTP: Multicasting Gli applicativi che utilizzano RTP sono tipicamente multicast Se la rete non offre funzionalità avanzate per gestire il multicasting: Si deve aprire una connessione unicast tra ogni coppia di partecipanti Il numero di connessioni cresce in modo quadratico rispetto al numero di utenti MULTIMEDIA IN INTERNET - 38

20 RTP - Applicazioni Per definire RTP in un applicazione si devono specificare due parametri: Il profilo Una tabella che associa ad ogni tipo di payload un codice univoco In che modo RTP debba usare il payload Specifica informazioni fondamentali, quali la dimensione del pacchetto RTP, il numero di campioni contenuti al suo interno... MULTIMEDIA IN INTERNET - 39 RTP - RTP e RTCP Nel RFC 1889 si fa riferimento a due protocolli distinti: RTP (Real Time Protocol) Si occupa del trasporto del traffico dati RTCP (Real Time Control Protocol) Offre servizi di monitoring e controllo Permette di commutare tra diverse codifiche Può aiutare a gestire le liste dei partecipanti MULTIMEDIA IN INTERNET - 40

21 RTP - Prime considerazioni RTP non basta per fare videoconferenza da solo Lo standard non specifica come comportarsi in presenza di svariati problemi Il progettista deve fare molte scelte fuori da un contesto RTP RTP va inglobato nell applicativo MULTIMEDIA IN INTERNET - 41 Formato pacchetto RTP Marker Può essere usato per indicare estremi di un fotogramma PType Indica il tipo di codifica usato nel payload del pacchetto Sequence number Sequenza monotona crescente (+1 per ogni RTP PDU) 32 bits Source port Destination port Length Checksum V PX CC M PType Sequence number Timestamp Synchronization source (SSRC) identifier Possible header extension UDP Header 8 B RTP Header 12 B Timestamp Istante in cui l informazione contenuta nella PDU è stata prodotta. Diverse PDU possono avere lo stesso timestamp. Il timestamp è generato da un clock indipendente dall applicazione SSRC Identificativo della sorgente che ha creato il contenuto del payload. L identificativo è scelto a caso dalla sorgente Payload Contenuto in formato dipendente dall applicazione MULTIMEDIA IN INTERNET - 42

22 Intestazione RTP V PX CC M PT Sequence Number Timestamp SSRC CSRC_1 MULTIMEDIA IN INTERNET - 43 V (Versione) (2bit) Intestazione RTP Versione protocollo RTP utilizzata P (padding) (1bit) Esistenza di padding nei dati X (extension header) (1bit) Proprietaria MULTIMEDIA IN INTERNET - 44

23 Intestazione RTP CC (CSRC count) (4 bit) Numero di campi CSRC presenti nell header Marker (1 bit) Il suo uso dipende dal profilo della sessione RTP in corso Può essere usato per indicare estremi di un fotogramma PT (Payload Type) (7 bit) Indica il tipo di codifica usato nel payload del pacchetto MULTIMEDIA IN INTERNET - 45 Intestazione RTP Numero di sequenza (16 bit) All inizio di una sessione viene estratto in modo casuale un numero X X è inserito nel campo sequence number del primo pacchetto trasmesso Il secondo pacchetto trasmesso avrà numero di sequenza X+1, il terzo X+2... Estrarre il numero di sequenza in modo casuale minimizza la probabilità di avere pacchetti di connessioni vecchie ancora in rete con lo stesso numero di sequenza MULTIMEDIA IN INTERNET - 46

24 Intestazione RTP Timestamp (32 bit) Rappresenta istante in cui l informazione contenuta nella PDU è stata prodotta. PDU diverse possono avere lo stesso timestamp. Il primo timestamp inviato nello stream RTP viene estratto in modo casule Si riferisce all istante di creazione del primo campione contenuto all interno del payload Se ogni pacchetto RTP di una sessione audio contiene 160 campioni: Se il pacchetto I ha timestamp X allora il pacchetto I+1 avrà timestamp X+160 MULTIMEDIA IN INTERNET - 47 SSRC (32 bit) Intestazione RTP Identificativo della sorgente che ha creato il contenuto del payload. L identificativo è scelto a caso dalla sorgente CSRC (32 bit) Campo opzionale Identificato della sorgente che ha originariamente generato I dati MULTIMEDIA IN INTERNET - 48

25 RTCP: obiettivi Qualità del servizio e controllo di congestione I pacchetti RTCP sono usati come ACK a bassa frequenza per indicare la qualità della ricezione In base ai report RTCP, il server può adattare la codifica allo stato della comunicazione Identificazione Fornisce più informazioni sui partecipanti alla trasmissione (segnalazione) Stima del numero di partecipanti multicast Necessaria per controllare la velocità di invio dei segnali di controllo RTCP che crescerebbe troppo se numero partecipanti cresce troppo MULTIMEDIA IN INTERNET - 49 RTP Control Protocol (RTCP) Protocollo di controllo per il flusso dati RTP Definisce lo scambio di informazioni tra sorgente e destinazione Vari tipi di pacchetti RTCP: SR (Sender Report): inviato da tutte le sorgenti attive a tutti i partecipanti; include statistiche di TX e RX RR (Receiver Report): inviato da tutte le sorgenti passive a tutti i partecipanti; include statistiche di RX SDES (Source DEScriptor): descrizione della sorgente mediante identificativo unico BYE: disconnessione di un partecipante o termine della sessione MULTIMEDIA IN INTERNET - 50 APP: application-specific

26 RTCP Sender Report Il SR è usato per riassumere la quantità di informazione appena inviata Un SR contiene: Timestamp assoluto (NTP) all istante di invio Timestamp relativo al flusso RTP in corso Quantità di dati inviati dall inizio della sessione Numero totale di pacchetti RTP inviati Numero totale di byte inviati MULTIMEDIA IN INTERNET - 51 RTCP Receiver Report I RR vengono inviati per informare i mittenti della qualità della ricezione Viene inviato un RR ad ogni sorgente da cui si è ricevuto un SR Un RR contiene: Indicazione della sorgente ascoltata Timestamp dell ultimo SR ricevuto Ritardo dalla ricezione dell ultimo SR Numero di sequenza più alto ricevuto dalla sorgente Numero di pacchetti RTP della connessione persi Frazione di pacchetti RTP della connessione persi Stima del jitter dei pacchetti RTP della connessione MULTIMEDIA IN INTERNET - 52

27 RTCP SDES Usato dalle sorgenti e dai ricevitori per presentarsi Un SDES può contenere: CNAME: identificativo dell utente NAME: nome della persona che usa l applicazione PHONE LOC: indicazione geografica dell utente TOOL: applicazione che sta usando RTP NOTE MULTIMEDIA IN INTERNET - 53 RTCP: velocità di invio report La generazione di pacchetti RTCP segue quattro regole Il traffico RTCP deve essere limitato ad una certa percentuale del traffico dati (5%) Il 25% della banda è destinato a pacchetti SR, la parte rimanente per gli altri pacchetti Prima di trasmettere bisogna attendere 5 s. Prima di trasmettere bisogna ulteriormente attendere un tempo variabile P MULTIMEDIA IN INTERNET - 54

28 RTCP: velocità di invio report P si calcola estraendo un numero casuale tra 0,5 e 15 e moltiplicandolo per Tsr dove T = sr NumeroSend er 1 1 * * * ( Dimensione MediaPacch ettirtcp BandaSessi one 0, ) MULTIMEDIA IN INTERNET - 55 Interattivo Traffico Multimediale Telefonia su IP la gestione dei ritardi Streaming RTSP il controllo del playback MULTIMEDIA IN INTERNET - 56

29 Traffico Multimedia interattivo: Internet Phone Audio in ingresso: alternanza di suoni e silenzi Pacchetti generati a rate costante o quando potenza sonora è oltre un certo valore: Es: 20 ms di campioni audio a 8kb/s Pacchetti subiscono ritardi (da compensare) e perdite: Perdite in rete, congestione (max tollerabili: 10%) Perdite per ritardi (datagram IP troppo tardi per playout) ritardo max tollerabile: 400 ms Tecniche di compensazione Al trasmettitore (codifiche adattative) Al ricevitore (bufferizzazione) MULTIMEDIA IN INTERNET - 57 Reazione a perdite, ritardo e jitter Uso codificatore a bit-rate variabile Invio pacchetti di piccole dimensioni quando c è congestione e il ritardo è elevato Invio pacchetti di grosse dimensioni se la rete è scarica Occorrono meccanismi di stima della qualità di ricezione, ed un algoritmo di controllo del bit rate del trasmettitore, reazionato in funzione di: Perdite istantanee e medie Ritardo relativo e/o assoluto jitter MULTIMEDIA IN INTERNET - 58

30 Compensazione del ritardo e del jitter: buffering trasmissione audio CBR Ricezione audio Riproduzione di audio CBR Dati complessivi Ritardo di rete variabile Buffering dal lato ricevitore, il ritardo di playout compensa il ritardo e il jitter di rete Ritardo fisso Ritardo adattativo audio in buffer Ritardo di playout al ricevitore MULTIMEDIA IN INTERNET - 59 tempo Ritardo di playout fisso Il ricevitore riproduce ogni campione esattamente q secondi dopo la generazione del campione Se il campione ha timestamp t, riproduco a t+q Se il campione arriva dopo t+q, il campione è considerato perso Il valore di q : q elevato: meno pacchetti persi, più ritardo, più buffer q basso: migliore interattività MULTIMEDIA IN INTERNET - 60

31 Ritardo di playout fisso packets packets generated packets received loss playout schedule p' - r playout schedule p - r time r p p' MULTIMEDIA IN INTERNET - 61 Ritardo di playout adattativo Obiettivo: minimizzare il ritardo di playout, mantenendo basso il livello di perdite Stima del ritardo di rete, adattività del ritardo di playout all inizio del parlato Periodi di silenzio compressi o allungati Campioni sempre riprodotti a distanza di 20 ms nei periodi di attività MULTIMEDIA IN INTERNET - 62

32 Multimedia Streaming Streaming File multimediale memorizzato alla sorgente Trasmesso al client La riproduzione al client inizia mentre il trasferimento è ancora in corso Vincolo: dati mancanti devono arrivare prima che la riproduzione abbia termine MULTIMEDIA IN INTERNET - 63 Multimedia Streaming Dati complessivi 1. video registrato 2. video inviato Ritardo di rete 3. video ricevuto, riprodotto dal client tempo Video server streaming: a questo istante, il client inizia a riprodurre la parte iniziale del video, mentre il server sta ancora inviando MULTIMEDIA IN INTERNET - 64

33 Multimedia: l approccio più semplice audio o video memorizzato in un file File trasferito come oggetto HTTP Ricevuto per intero dal client Inviato al player Approccio non streaming : non vi è pipelining, ritardi elevati prima di riproduzione MULTIMEDIA IN INTERNET - 65 Multimedia: l approccio streaming Il browser del client riceve il metafile con la descrizione del file multimedia streaming Il browser lancia il player e gli passa il metafile Il player contatta il server Il server manda in streaming l audio e il video MULTIMEDIA IN INTERNET - 66

34 Multimedia Streaming con buffering del client MULTIMEDIA IN INTERNET - 67 Controllo utente di streaming multimedia: il protocollo RTSP Real Time Streaming Protocol (RTSP): RFC 2326 Supporta controllo utente: rewind, FF, pausa, riprendi Protocollo fuori banda: Una porta (544) per messaggi di controllo e segnalazione Una porta per lo stream multimediale Uso TCP o UDP per connessione di controllo Operazioni Invio di un metafile al browser Il browser attiva il player appropriato Il player attiva una connessione di controllo e una connessione dati RTSP verso il server MULTIMEDIA IN INTERNET - 68

35 Esempio di metafile <title>twister</title> <session> <group language=en lipsync> <switch> <track type=audio e="pcmu/8000/1" src = "rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/lofi"> <track type=audio e="dvi4/16000/2" pt="90 DVI4/8000/1" src = "rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/hifi"> </switch> <track type="video/jpeg" src = "rtsp://video.example.com/twister/video"> </group> </session> MULTIMEDIA IN INTERNET - 69 Operazioni RTSP MULTIMEDIA IN INTERNET - 70

36 Esempio di messaggi RTSP C: SETUP rtsp://audio.example.com/twister/audio RTSP/1.0 Transport: rtp/udp; compression; port=3056; mode=play S: RTSP/ OK Session 4231 C: PLAY rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/lofi RTSP/1.0 Session: 4231 Range: npt=0- C: PAUSE rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/lofi RTSP/1.0 Session: 4231 Range: npt=37 C: TEARDOWN rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/lofi RTSP/1.0 Session: 4231 S: OK MULTIMEDIA IN INTERNET - 71

Trasporto traffico multimediale in Internet

Trasporto traffico multimediale in Internet Trasporto traffico multimediale in Internet Andrea BIANCO Andrea.Bianco@polito.it http://www.telematica.polito.it/ MULTIMEDIA IN INTERNET - 1 Tassonomia delle applicazioni Due classi (dal punto di vista

Dettagli

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.3 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.4 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Trasferimento di informazioni multimediali in Internet

Dettagli

Il Trasporto di Dati Real-time

Il Trasporto di Dati Real-time Il Trasporto di Dati Real-time Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza, Meeting

Dettagli

Applicazioni Multimediali Reti per la multimedialità. Applicazioni multimediali: audio e video in rete ( continuous media )

Applicazioni Multimediali Reti per la multimedialità. Applicazioni multimediali: audio e video in rete ( continuous media ) Applicazioni Multimediali Reti per la multimedialità Applicazioni multimediali: audio e video in rete ( continuous media ) 1 Applicazioni Multimediali Tipicamente sensibili a ritardi ed alle variazioni

Dettagli

Real Time Transport Protocol. Maria Luisa MERANI

Real Time Transport Protocol. Maria Luisa MERANI RTP Real Time Transport Protocol e RTCP, RTP Control Protocol Maria Luisa MERANI 1 PREMESSA Dal momento che le applicazioni real-time (o near realtime) dovrebbero fare la parte del leone sulla Internet

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 3 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Education Italia 2005 7-1 Multimedia - Qualità del servizio: di cosa si tratta?

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Distribuzione di contenuti multimediali

Distribuzione di contenuti multimediali PARTE 13 Distribuzione di contenuti multimediali Parte 13 Modulo 1: Introduzione Contenuti multimediali La definizione di multimediale è molto arbitraria Tipicamente, si intende la combinazione di più

Dettagli

Introduzione (parte III)

Introduzione (parte III) Introduzione (parte III) Argomenti della lezione Ripasso degli argomenti del primo corso: il livello di trasporto, il meccanismo di controllo delle congestioni e le applicazioni Il livello di trasporto

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005 Francesco Chiti Andrea De Cristofaro VoIP Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Vedere i termini di uso in appendice

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni 2015 - Roberta Gerboni Caratteristiche del livello Trasporto Il livello Trasporto si occupa del trasferimento delle informazioni, chiamate segmenti, tra due processi in esecuzione su due computer collegati

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

I protocolli UDP e TCP

I protocolli UDP e TCP I protocolli UDP e TCP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il livello di trasporto in Internet APP. APP. TCP UDP IP collegamento logico tra diversi processi applicativi collegamento logico tra diversi host IP

Dettagli

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto Livello Trasporto Fornire un trasporto affidabile ed efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata Gestisce una conversazione diretta fra sorgente e destinazione

Dettagli

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Davide Quaglia a.a. 2006/2007 1 Sommario Architettura di riferimento Classificazione per funzionalità

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 9. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP Prof. Raffaele Bolla dist Reti per servizi multimediali

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

VideoStreaming su IP

VideoStreaming su IP VideoStreaming su IP Anno Accademico 2007/2008 Agenda Principi di video Streaming Come prevenire gli errori e come mascherarli Appendice Come si realizza la codifica/decodifca Protocollidirete Overview

Dettagli

Voce su IP. Il flusso vocale. Fulvio Risso. Politecnico di Torino

Voce su IP. Il flusso vocale. Fulvio Risso. Politecnico di Torino Voce su IP Il flusso vocale Fulvio Risso Politecnico di Torino fulvio.risso[at]polito.it http://netgroup.polito.it/netlibrary/voip-intro/text.htm#9 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it

Dettagli

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Liv Trasporto TCP/UDP 1 Motivazioni Su un host vengono eseguiti diversi processi che usano la rete Problemi Distinguere le coppie

Dettagli

Prova in itinere - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Mercoledì 23 Maggio 2007, ore 15.00

Prova in itinere - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Mercoledì 23 Maggio 2007, ore 15.00 Prova in itinere - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Mercoledì 23 Maggio 2007, ore 15.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome:

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Protocollo RTP/RTCP. di Sebastiano Vascon 788442. A.A 2008/2009 Corso di Reti di Calcolatori Docente S. Balsamo

Protocollo RTP/RTCP. di Sebastiano Vascon 788442. A.A 2008/2009 Corso di Reti di Calcolatori Docente S. Balsamo Protocollo RTP/RTCP di Sebastiano Vascon 788442 A.A 2008/2009 Corso di Reti di Calcolatori Docente S. Balsamo Comunicazione Real-Time Definiremo Real-Time una comunicazione tra due o più host nella quale

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario. ICMP Internet Control Message Protocol Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ICMP - 1 Copyright: si

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome: Corso di laurea e anno: Matricola:

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 200, ore 1.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Livello di Trasporto

Livello di Trasporto Livello di Trasporto Introduzione Problemi e requisiti Livello di trasporto in Internet UDP -UserDatagramProtocol TCP - Transmission Control Protocol Meccanismo di ritrasmissione Controllo del flusso Three-way

Dettagli

Applicazioni Real-Time in Internet

Applicazioni Real-Time in Internet 1 Applicazioni Real-Time in Internet Multimedia Networking: Overview Classi di Applicazioni streaming audio/video streaming unidirezionale (multicast) di a/v realtime real-time interattivo audio/video

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio topdown 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross All material copyright 1996 2007 J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved Pearson

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Tappe evolutive della rete Internet

Tappe evolutive della rete Internet UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica e Automatica Internet della nuova generazione: protocolli e prestazioni Laureando: ANDREA CAPRIOTTI Relatore: Ing. E.GAMBI

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

3) Real time protocol (RTP).

3) Real time protocol (RTP). 3) Real time protocol (RTP). 3.1 Introduzione a RTP. In questo capitolo vedremo il protocollo RTP, il quale costituisce un valido supporto per il trasferimento dati in tempo reale, come per esempio gli

Dettagli

Uso di UDP per client-server UDP. Porte e multiplexing. TCP e UDP. Connessione TCP (o messaggio UDP) Caratteristiche delle porte TCP e UDP

Uso di UDP per client-server UDP. Porte e multiplexing. TCP e UDP. Connessione TCP (o messaggio UDP) Caratteristiche delle porte TCP e UDP CP e UDP: il livello trasporto dell'architettura CP/IP Antonio Lioy < lioy@polito.it > 7 6 5 4 3 network OSI vs. CP/IP packet process (DNS, HP, SMP, ) (CP, UDP) network (IP) Politecnico di orino Dip. Automatica

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

3 Caratteristiche del servizio

3 Caratteristiche del servizio 3 Caratteristiche del servizio Il GPRS offre all utente la possibilità di inviare e ricevere dati in modalità a commutazione di pacchetto, con diverse modalità e qualità. Il servizio di trasporto è particolarmente

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Livello di Applicazione in Internet

Livello di Applicazione in Internet Università di Genova Facoltà di Ingegneria Livello di in Internet 1. Introduzione Prof. Raffaele Bolla Ing. Matteo Repetto dist Caratteristiche del corso: Docenti o Docente titolare Prof. Raffaele Bolla

Dettagli

Livello trasporto in Internet

Livello trasporto in Internet Livello trasporto in Internet Livello trasporto in Internet Due protocolli di trasporto alternativi: TCP e UDP Modelli di servizio diversi TCP orientato alla connessione, affidabile, controllo di flusso

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia Reti Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN WAN Router multiprotocollo (gateway) Terminologia internet - internetwork :interconnessione di più reti generiche Internet - la specifica internetwork,

Dettagli

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Accesso remoto ad impianti domotici Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Domotica

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Si svolga il compito su questi fogli. Nel caso di domande a risposta aperta, lo spazio lasciato sul foglio

Dettagli

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688 Sockets e DatagramSocket Windows Phone prevede un interfaccia di programmazione per garantire agli sviluppatori

Dettagli

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura Il protocollo TCP Obiettivo In questo esercizio studieremo il funzionamento del protocollo TCP. In particolare analizzeremo la traccia di segmenti TCP scambiati tra il vostro calcolatore ed un server remoto.

Dettagli

Capitolo 3 Modelli per i protocolli del Non Access Stratum

Capitolo 3 Modelli per i protocolli del Non Access Stratum Capitolo 3 Modelli per i protocolli del Non Access Stratum Lo scopo di questo lavoro di tesi è di creare dei modelli di traffico real time da introdurre, come sorgenti di dati, nel simulatore di reti di

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP

Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP 11.1 TCP/IP Transport Layer 11.1.1 Introduzione al transport layer Lo scopo primario del livello transport, livello 4 del modello OSI, è di

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS)

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS) Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e su IP 1.1 Introduzione alle QoS su IP Prof. Raffaele Bolla dist! Due possibili QdS: Misurata sul traffico generato dal servizio (traffico

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP: Problematiche di Deployment Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Antonio Capone, Flaminio Borgonovo e Stefano Paris IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Livello trasporto: TCP / UDP. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 14 TCP/UDP - 1/35.

Livello trasporto: TCP / UDP. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 14 TCP/UDP - 1/35. Livello trasporto: TCP / UDP Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 14 TCP/UDP - 1/35 TCP e UDP Internet Protocol (IP) fornisce un servizio non affidabile di trasmissione

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.6 RTP - SDP Prof. Raffaele Bolla Telematica 2 Trasporto di flussi multimediali! La rete è stata concepita

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 4 Giovedì 13-03-2014 1 Ritardi e perdite nelle reti a commutazione

Dettagli

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4 Esercizio Data la rete in figura, si assuma che i terminali T1-T12 e T13-T24 siano connessi tramite collegamenti di tipo UTP a due switch Fast Ethernet. Si assuma che le tabelle ARP di tutti i dispositivi

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli