MANUALE DELLA PREVIDENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DELLA PREVIDENZA"

Transcript

1 MANUALE DELLA PREVIDENZA

2 Prima dell adesione a una forma pensionistica complementare leggere la nota informativa, lo statuto/il regolamento e il progetto esemplificativo standardizzato. Si ricorda che, ove riportati, i rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. Per maggiori informazioni e per ottenere ovvero consultare la nota informativa e gli statuti o i regolamenti delle forme pensionistiche complementari eventualmente richiamate, rivolgersi alla medesima forma pensionistica complementare, ovvero al suo soggetto istitutore o collocatore, ovvero visitare il relativo sito internet. Aprile 2015

3

4

5 Prefazione Prevenzione anziché assistenza: il risparmio previdenziale conviene L attuale sistema pensionistico contributivo e l allungamento della vita media pongono la nostra politica sociale di fronte a grandi sfide. L obiettivo che ci dobbiamo dare è quello di evitare una diffusa povertà tra gli anziani e le loro famiglie, costretti a fare i conti con pensioni pubbliche che saranno sempre più basse. I profondi mutamenti del mercato del lavoro attuale, con l incremento di contratti di lavoro atipici, lavoro a tempo parziale, maggiori rischi di disoccupazione e periodi di assenza dal lavoro (assenze per assistenza a familiari, maternità, ), possono inoltre determinare rischiosi buchi previdenziali i cui effetti peseranno maggiormente sul futuro degli attuali lavoratori. Risulta quindi sempre più importante la consapevolezza di ciascuno di noi, affinchè ci si interroghi tempestivamente rispetto alle scelte che riguardano il nostro futuro pensionistico e la nostra sicurezza sociale. La Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol, prima a livello nazionale, ha avuto la lungimiranza di istituire il progetto sociale Pensplan con il compito di promuovere e sviluppare un sistema pensionistico complementare all interno del territorio. Compito fondamentale della politica è anche sostenere i cittadini e le cittadine nelle scelte che riguardano il proprio futuro, attraverso l informazione e la consulenza costante e gratuita. Con la rete degli oltre 110 Pensplan Infopoint la Regione persegue proprio questo obiettivo. Molto importanti risultano, inoltre, i progetti della Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol per il sostegno economico a favore dei lavoratori in situazioni di difficoltà, attraverso apposite misure di intervento. La presente brochure offre un quadro generale sulle opportunità e sulle misure previste dalla Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol in materia di previdenza complementare. Desideriamo fornire strumenti utili per decidere, tempestivamente e in modo responsabile sulla propria serenità economica futura, per avere una vita dignitosa da anziani e liberare risorse per dare un futuro migliore alle nuove generazioni. Dott.ssa Violetta Plotegher Assessora regionale per la previdenza sociale, il pacchetto famiglia e la previdenza complementare

6 Sommario 1. Il sistema previdenziale ieri e oggi...6 a) Perché è importante assumersi la responsabilità della propria pensione..6 b) Come costruire il proprio futuro previdenziale La pensione pubblica...8 a) La pensione di vecchiaia...8 b) La pensione anticipata...10 c) Età pensionabile e speranza di vita d) Il calcolo della pensione La previdenza complementare a) Che cos è la previdenza complementare?...18 b) Qual è l obiettivo della previdenza complementare? c) Quali sono i vantaggi delle forme di previdenza complementare?...20 d) La previdenza complementare in dettaglio...23 I) Chi può aderire...23 II) Fondi pensione chiusi e aperti...23 III) Quali sono i fondi pensione complementare a cui posso aderire?...27 IV) La contribuzione. Quanto versare V) Le linee d investimento. Quale profilo scegliere...34 VI) Ho aderito a un fondo pensione complementare. E ora?...37 VII) Finalmente in pensione!... 41

7 4. Il ruolo della Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol...44 a) I principali interventi adottati per la costituzione di una pensione complementare...44 b) Ulteriori misure attuate dalle Province Autonome di Trento e Bolzano Dietro a tutto c è Pensplan, l Istituto regionale per la previdenza complementare...50 a) Pensplan Centrum S.p.A...50 b) I Pensplan Infopoint Dove posso trovare il mio Pensplan Infopoint di riferimento?...52 I nostri 52 Pensplan Infopoint in Alto Adige...54 I nostri 66 Pensplan Infopoint in Trentino...56 Panoramica dei servizi offerti dai Pensplan Infopoint...58

8 Sistema previdenziale 1. Il sistema previdenziale ieri e oggi a) Perché è importante assumersi la responsabilità della propria pensione 6 Sono sempre meno i lavoratori e le lavoratrici chiamati a dover finanziare, con i propri contributi, un numero di pensionati sempre maggiore. Il necessario allungamento della vita lavorativa dovrà essere allora accompagnato dall aumento della responsabilità individuale nei confronti della propria vecchiaia e perciò da una corretta pianificazione di quest ultima. Il sistema pensionistico pubblico funziona sulla base di un sistema a ripartizione : significa che i contributi versati dai lavoratori e dalle lavoratrici in attività vengono utilizzati per pagare le pensioni di quelli a riposo. Tuttavia, le trasformazioni demografiche e i cambiamenti del mercato del lavoro hanno determinato un progressivo squilibrio in questo sistema. Da una parte, infatti, il calo del tasso di natalità implica una diminuzione della popolazione attiva, mentre dall altro l aumento dell aspettativa di vita comporta una crescita del numero dei pensionati. Il moltiplicarsi di rapporti di lavoro precari e scarsamente tutelati, poi, determina un ulteriore riduzione dei contributi previdenziali che servono a finanziare il sistema. La conseguenza? Una spesa pensionistica sempre più alta, che lo Stato ha cercato di colmare con una serie di riforme e di interventi tra cui l innalzamento del requisito dell età anagrafica per accedere alla pensione e l introduzione di un nuovo sistema di calcolo, che rende necessaria l assunzione di una maggiore responsabilità da parte della popolazione per la propria pensione. In futuro, sarà infatti la somma dei contributi versati nel corso dell intera vita lavorativa a determinare l ammontare della pensione e non più la retribuzione percepita negli ultimi anni di lavoro. A fronte di una maggiore incertezza occupazionale, del contestuale aumento del precariato e di una conseguente diminuzione della copertura previdenziale, sarà quindi sempre più difficile mantenere un adeguato tenore di vita una volta raggiunta l età della pensione. Da qui la necessità di prendere in mano e costruire con responsabilità e consapevolezza il proprio futuro previdenziale.

9 Sistema previdenziale b) Come costruire il proprio futuro previdenziale Solo chi sceglie di abbinare la pensione pubblica alla previdenza complementare e/o a un altra forma di risparmio privata, potrà guardare al proprio futuro con serenità. Il modo migliore per avere un futuro economico sereno è quello di iniziare a costruirlo fin da subito utilizzando più strumenti. Un adeguata pianificazione previdenziale si basa, infatti, su tre pilastri: il sistema previdenziale pubblico, le forme di previdenza complementare e il risparmio individuale. Al termine dell attività lavorativa, la previdenza complementare consente di integrare il gap pensionistico rispetto all ultimo stipendio percepito. È dunque fondamentale tenere presente che quanto prima si intraprende la strada del risparmio previdenziale, tanto maggiore sarà la riserva cui si potrà fare ricorso a integrazione della pensione erogata dallo Stato. Chi potrà contare anche su risparmio e patrimonio privati, infine, si troverà nelle condizioni migliori per godersi la vecchiaia con serenità. La previdenza per la vecchiaia Previdenza pubblica + + Previdenza complementare Risparmio aggiuntivo individuale a scopi pensionistici Minimo di sussistenza Tenore di vita abituale 7

10 Pensione pubblica 2. La pensione pubblica All inizio del 2012, con l entrata in vigore della legge n. 214/2011, in Italia è stata avviata un ampia riforma pensionistica, le cui principali novità consistono in un progressivo innalzamento dell età pensionabile, nel passaggio a un sistema unicamente contributivo e nella trasformazione della pensione di anzianità in pensione anticipata. a) La pensione di vecchiaia Per accedere alla pensione di vecchiaia sono necessari determinati requisiti contributivi e anagrafici: almeno 20 anni di contributi versati e un età pensionabile che già a partire dal 2021 raggiungerà i 67 anni per tutti i lavoratori. La pensione di vecchiaia è legata al raggiungimento di un età anagrafica definita per legge che verrà innalzata gradualmente come di seguito illustrato: per tutti i lavoratori dipendenti e autonomi e per tutte le lavoratrici del settore pubblico, a partire dal 2015, l età pensionabile è fissata a 66 anni e 3 mesi; per le lavoratrici autonome e del settore privato l età pensionabile verrà progressivamente innalzata fino al raggiungimento dei 66 anni entro il 2018; a partire dal 2018, per tutti i lavoratori e le lavoratrici l età pensionabile sarà gradualmente equiparata; dal 2021 l età pensionabile non potrà essere inferiore di 67 anni. Si tratta, tuttavia, solamente di requisiti anagrafici minimi. I lavoratori e le lavoratrici possono, infatti, scegliere liberamente di proseguire l attività lavorativa fino all età di 70 anni, mantenendo il proprio posto di lavoro. Questa opzione offre loro il vantaggio economico di una pensione più elevata, grazie alla prosecuzione dei versamenti contributivi. 8

11 Pensione pubblica Un ulteriore presupposto previsto dalla legge per accedere alla pensione di vecchiaia è la maturazione di almeno 20 anni di contributi. Per chi ha iniziato a versare contributi previdenziali dopo il 1995 è previsto, inoltre, un importo minimo della pensione pari ad almeno 1,5 volte il corrispettivo dell assegno sociale. In assenza di tali requisiti, sarà necessario proseguire l attività lavorativa fino al loro raggiungimento. Età pensionabile tutti i settori settore pubblico settore privato settore autonomo anni e 3 mesi 66 anni e 3 mesi 63 anni e 9 mesi 64 anni e 9 mesi anni e 7 mesi 66 anni e 7 mesi 65 anni e 7 mesi 66 anni e 1 mese anni e 11 mesi 66 anni e 11 mesi anni e 2 mesi 67 anni e 2 mesi = = Assegno sociale: l assegno sociale è una prestazione di carattere assistenziale che spetta ai cittadini che si trovino in condizioni economiche disagiate e abbiano situazioni reddituali particolari previste dalla legge. Questa prestazione prescinde del tutto dal versamento dei contributi. L ammontare dell assegno è fissato, per il 2015 in 448,52 erogati per 13 mensilità (5.830,76 annui). 9

12 Pensione pubblica b) La pensione anticipata La pensione anticipata consente di andare in pensione prima di quanto previsto dalla pensione di vecchiaia. I requisiti necessari sono la maturazione di un determinato numero di anni di contribuzione e/o la titolarità di un trattamento pensionistico minimo. Chi può vantare un determinato numero di anni di contribuzione prima del raggiungimento dell età anagrafica minima prevista dalla pensione di vecchiaia, può accedere al pensionamento anticipato. I presupposti da soddisfare sono diversi, a seconda del momento di ingresso nella vita lavorativa. Per coloro che hanno iniziato a lavorare prima del 1996 e la cui pensione verrà calcolata almeno per una quota in base al sistema retributivo, l anzianità contributiva richiesta, nel 2015 pari rispettivamente a 41 anni e 6 mesi per le donne e 42 anni e 6 mesi per gli uomini, rimarrà il requisito di riferimento per poter accedere alla pensione anticipata. Rispetto alla pensione di anzianità precedentemente in vigore, il numero degli anni contributivi necessari continuerà, tuttavia, ad aumentare per effetto dell aggancio all aspettativa di vita. I requisiti minimi di contribuzione richiesti per i prossimi anni potranno variare in funzione dell evoluzione dell aspettativa di vita come da tabella seguente (successivamente al 2016 i dati sono stimati). Anno Anzianità contributiva minima indipendentemente dall età anagrafica anni e 6 mesi 41 anni e 6 mesi anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi anni e 2 mesi 42 anni e 2 mesi = = anni e 5 mesi 42 anni e 5 mesi Sistema retributivo: in base a questo sistema la pensione viene calcolata a partire dalla retribuzione percepita negli ultimi 5-10 anni lavorativi. 10

13 Pensione pubblica I lavoratori e le lavoratrici che hanno maturato tale anzianità contributiva prima dei 62 anni e vogliono accedere alla pensione anticipata dovrebbero tuttavia considerare che la pensione subirà dei tagli. Per chi decide di uscire dal mondo del lavoro prima dei 62 anni di età è prevista una decurtazione della quota retributiva pari all 1% per ogni anno di anticipo entro un massimo di due (60 anni) e pari al 2% per ogni anno inferiore ai 60. Per fare un esempio: chi decide di andare in pensione anticipata a 58 anni dovrà mettere in conto una riduzione della quota retributiva della pensione pari al 6%, cioè un 2% per ogni anno sino ai 60 e un 1% per ogni anno sino ai 62 anni di età. Anzianità contributiva 42 anni 1974 Inizio attività lavorativa 16 anni 2016 Pensione anticipata nel Età pensionabile 62 anni % % % % La penalizzazione = 6% NB: La legge di stabilità 2015 (190/2014) al comma 113 ha introdotto una deroga alle penalizzazioni nei confronti dei lavoratori, che andranno in pensione anticipata dal Tali penalizzazioni non verranno applicate a coloro che matureranno i requisiti di anzianità contributiva entro il

14 Pensione pubblica Chi ha iniziato la propria attività lavorativa dopo il 1 gennaio 1996 e rientra quindi esclusivamente nel sistema contributivo, ha un ulteriore possibilità di accedere al pensionamento anticipato sulla base dei seguenti requisiti: Età anagrafica pari a 63 anni (incrementata dagli aumenti legati all aspettativa di vita) Almeno 20 di contribuzione effettiva Trattamento pensionistico non inferiore a 2,8 volte l ammontare dell assegno sociale Anno Anzianità contributiva minima indipendentemente dall età anagrafica Età anagrafica minima se in possesso di un anzianità contributiva di 20 anni e un importo minimo pari a 2,8 volte l assegno sociale anni e 6 mesi 41 anni e 6 mesi 63 anni e 3 mesi anni e 10 mesi 41 anni 1 10 mesi 63 anni e 7 mesi anni e 2 mesi 42 anni e 2 mesi 63 anni e 11 mesi anni e 5 mesi 42 anni e 5 mesi 64 anni e 2 mesi = = Sistema contributivo: in base a questo sistema la pensione viene calcolata in base ai contributi versati durante l intero arco della vita lavorativa. 12

15 Pensione pubblica Disposizioni particolari per alcune categorie Per alcune categorie di lavoratori e lavoratrici sono state previste alcune particolari disposizioni in deroga alla normativa fin qui descritta: per esempio la cosiddetta opzione donna, gli esodati e le disposizioni per gli addetti ad attività usuranti. Maggiori informazioni sono disponibili presso gli sportelli della rete dei Pensplan Infopoint. (pag. 51) 13

16 Pensione pubblica c) Età pensionabile e speranza di vita L adeguamento dell età pensionabile alla speranza di vita è uno degli elementi centrali della riforma del sistema pensionistico. L innalzamento della speranza di vita è uno dei fattori demografici che incide in maniera determinante su tutti i trattamenti pensionistici e sul loro finanziamento. Per farvi fronte, il sistema pensionistico prevede di alzare progressivamente l età pensionabile. Ne consegue che tutti i requisiti necessari per l accesso al pensionamento saranno d ora in poi legati a un indice demografico (fornito dall ISTAT) che definisce l aspettativa di vita media a partire da una determinata età. Per questo motivo, nei prossimi anni, verranno innalzate progressivamente sia l età di accesso alla pensione di vecchiaia, sia quella di accesso alla pensione anticipata. Tali adeguamenti saranno applicati con cadenza triennale fino al 2019 e successivamente con cadenza biennale. 14

17 Pensione pubblica d) Il calcolo della pensione Dal 2012, per tutti i lavoratori e le lavoratrici la pensione verrà calcolata in base ai contributi versati nell arco della vita lavorativa. Dal 2012 il calcolo della pensione avviene esclusivamente sulla base dei contributi effettivamente versati durante la vita lavorativa (cosiddetto sistema contributivo). A partire da questa data non trova quindi più applicazione il vecchio sistema retributivo. Il trattamento pensionistico sarà calcolato in tre fasi. 1) Calcolo del montante contributivo Per ottenere la somma di tutti i contributi versati, è necessario moltiplicare la retribuzione annua per un aliquota fissata al 33% per i lavoratori e le lavoratrici dipendenti e al 20% per i lavoratori e le lavoratrici autonomi, percentuale quest ultima che verrà progressivamente innalzata di anno in anno fino ad arrivare al 24% nel 2018 (per il 2015 pari al 22,65% e 22,74% rispettivamente per artigiani e commercianti). 2) Rivalutazione del montante contributivo La somma dei contributi versati così calcolata viene rivalutata al termine di ogni anno in base alla variazione media quinquennale del PIL nominale (un indice che misura l andamento del prodotto interno lordo italiano nel periodo considerato). 15

18 Pensione pubblica 3) Calcolo della pensione L ammontare finale della pensione si ricava moltiplicando la somma dei contributi rivalutati (c.d. montante contributivo) per un coefficiente di trasformazione. Si tratta di un parametro che varia in base all età e all aspettativa di vita del/la lavoratore/lavoratrice al momento del pensionamento e che oscilla tra il 4,30% (pensionando/a di 57 anni) e il 6,54% (pensionando/a di 70 anni). contributi versati annualmente = retribuzione annua x aliquota montante contributivo = somma dei contributi versati rivalutati pensione = montante contributivo x coefficiente di trasformazione Per tutti coloro che hanno iniziato la propria attività lavorativa prima del 1996, la pensione verrà calcolata sia in base al sistema retributivo, sia in base a quello contributivo. 16

19 Pensione pubblica Di seguito vengono illustrate le tre differenti situazioni e relative modalità di calcolo in base al momento d inizio dell attività lavorativa. Lavoratori/lavoratrici che al avevano maturato più di 18 anni di contributi. L importo della pensione risulterà dalla somma di due quote calcolate rispettivamente secondo: Il sistema retributivo fino al Il sistema contributivo a partire dal Lavoratori/lavoratrici che al avevano maturato meno di 18 anni di contributi. La pensione sarà data dalla somma di due quote calcolate rispettivamente secondo: Il sistema retributivo fino al Il sistema contributivo a partire dal Lavoratori/lavoratrici che hanno iniziato a lavorare dopo il La pensione verrà calcolata soltanto secondo il sistema contributivo. contributi fino al contributi a partire dal contributi a partire dal al più di 18 anni di contributi al meno di 18 anni di contributi inizio attività dal Sistema retributivo: Il sistema retributivo si basa sulla retribuzione media degli ultimi 5-10 anni di attività. Il calcolo viene fatto accantonando il 2% per ogni singolo anno di contribuzione. Si cerca in tal modo di garantire al/la lavoratore/lavoratrice il reddito che ha ottenuto nell ultima parte della sua vita lavorativa. Sistema contributivo: In vigore dal , si basa sui contributi versati durante l intera vita lavorativa. Al montante individuale, che si ottiene sommando i contributi di ciascun anno lavorativo, viene applicato un coefficiente di trasformazione al fine di determinare il trattamento pensionistico. (cfr. pagg ) 17

20 Previdenza complementare 3. La previdenza complementare a) Che cos è la previdenza complementare? La previdenza complementare è una forma di previdenza che si aggiunge a quella obbligatoria, ma non la sostituisce. È fondata su un sistema di finanziamento a capitalizzazione che consiste nella creazione di un conto individuale presso un fondo pensione in cui affluiscono versamenti volontari, che vengono investiti sui mercati finanziari. Al momento del pensionamento la somma maturata verrà liquidata sotto forma di rendita o di capitale. La normativa relativa alle forme di previdenza complementare è stata rivisitata con il decreto legislativo n. 252/2005 entrato in vigore il 1 gennaio Questa riforma, tuttavia, riguarda esclusivamente i lavoratori e le lavoratrici del settore privato, mentre per i/le dipendenti del settore pubblico la normativa è stabilita dal decreto legislativo n. 124/1993. Le disposizioni che si riferiscono ai/alle dipendenti del settore pubblico e che differiscono dalla normativa generale sono segnalate, all interno di questo capitolo, mediante riquadri di colore grigio. 18

21 Previdenza complementare b) Qual è l obiettivo della previdenza complementare? La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati. Tutte le forme di previdenza complementare hanno come obiettivo quello di integrare la pensione pubblica attraverso una pensione complementare, in modo da garantire alla popolazione un tenore di vita adeguato a conclusione della vita lavorativa. La riforma del sistema pensionistico obbligatorio, prolungando la vita lavorativa, ha contrastato almeno in parte la riduzione della pensione pubblica. Nessuno può tuttavia sapere in anticipo quanto tempo sarà ancora in grado di lavorare e a quanto ammonterà, al momento del pensionamento, il totale dei contributi versati. Risulta quindi opportuno iniziare quanto prima a costruire un secondo pilastro pensionistico dato che, nel corso della vita, anche il versamento di piccoli importi può portare a grandi rendite. 19

22 Previdenza complementare c) Quali sono i vantaggi delle forme di previdenza complementare? Oltre ad assicurare una copertura finanziaria per la vecchiaia, la previdenza complementare presenta anche una serie di vantaggi fiscali ed economici. Un adeguata copertura previdenziale dopo il pensionamento rappresenta un importante obiettivo politico-sociale. È per questo che lo Stato promuove la previdenza complementare attraverso una serie di vantaggi fiscali. In Trentino-Alto Adige/Südtirol, a integrazione di quanto previsto a livello nazionale, sono state inoltre introdotte apposite misure di sostegno da parte della Regione. La previdenza complementare, oltre a contribuire alla creazione di un futuro economico sereno grazie a una pensione aggiuntiva, offre anche i vantaggi di seguito elencati. - Vantaggi fiscali I contributi versati a un fondo pensione complementare (sia la quota a carico del/la lavoratore/lavoratrice sia quella a carico del/la datore/datrice di lavoro) sono deducibili dal reddito complessivo fino a un limite massimo di 5.164,57. Dalla deducibilità rimane escluso il trattamento di fine rapporto (TFR). Trattamento di fine rapporto: somma corrisposta dal/la datore/datrice di lavoro al/la lavoratore/lavoratrice dipendente al termine del rapporto di lavoro, calcolata accantonando per ciascun anno di attività una quota pari al 6,91% della retribuzione lorda, rivalutata, al 31 dicembre di ogni anno, con l applicazione di un tasso costituito dall 1,5% in misura fissa e dal 75% dell aumento dell indice dei prezzi al consumo ISTAT (vedi art codice civile). 20

23 Previdenza complementare I/Le dipendenti del settore pubblico possono dedurre i contributi destinati al fondo pensione complementare fino a un importo pari al doppio delle quote di TFR versate, fino al 12% del proprio reddito complessivo. Il limite massimo per la deduzione è fissato in 5.164,57. Deducibilità fiscale: meccanismo in base al quale determinate spese sostenute nel corso dell anno dal/la contribuente possono essere sottratte dal reddito complessivo al fine di ottenere una riduzione della base imponibile e conseguentemente una diminuzione delle imposte da pagare. - Tassazione più bassa La Legge 23 dicembre 2014, n.190, ha disposto l aumento della tassazione sui rendimenti dei fondi pensione portandola al 20%. Rimane inferiore a quella prevista per la generalità degli investimenti finanziari pari al 26% con l esclusione dei titoli di Stato (ed equiparabili), per i quali l aliquota è del 12,5%. - Nessuna imposta di bollo I fondi pensione e i fondi sanitari sono esentati dal pagamento dell imposta di bollo che si applica invece a prodotti e strumenti finanziari, quali polizze assicurative sulla vita o le gestioni patrimoniali. - TUTELA DEI RISPARMI Grazie alle severe prescrizioni legislative in materia di fondi pensione e al controllo esercitato dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione (COVIP), il capitale da essi gestito risulta particolarmente protetto. 21

24 Previdenza complementare - Rendimenti Le forme di previdenza complementare generano rendimenti più stabili rispetto ad altre forme di investimento e generalmente superiori alla rivalutazione del TFR nel lungo periodo. - Sostegno da parte della Regione La Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol si impegna a sostenere i versamenti contributivi per soggetti in situazioni di difficoltà economica residenti nelle due Province. Offre, inoltre, un servizio di assistenza legale gratuita qualora le aziende omettano il versamento delle contribuzioni previdenziali a loro carico. La Regione fornisce, inoltre, i servizi amministrativi e contabili essenziali in forma gratuita agli aderenti dei fondi pensione convenzionati e accantona un importo pari a 7,50 annui, per garantire la gratuità degli stessi servizi anche agli iscritti dei fondi non convenzionati. Si tratta di servizi che vengono erogati su richiesta dell aderente o del fondo pensione non convenzionato. >> Per informazioni più approfondite vai a pagina 44 Il ruolo della Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol. 22

25 Previdenza complementare d) La previdenza complementare in dettaglio I) Chi può aderire La previdenza complementare è destinata a tutta la popolazione: sia ai lavoratori e alle lavoratrici, sia a coloro che percepiscono altre forme di reddito. Anche i soggetti fiscalmente a carico, come i figli o il coniuge, possono aderire a una forma di previdenza complementare: in questo modo sarà possibile garantire loro un adeguata copertura previdenziale. Familiari fiscalmente a carico: sono considerati tali i membri del nucleo familiare coloro che nel corso dell anno percepiscono un reddito complessivo non superiore a 2.840,51. II) Fondi pensione chiusi e aperti La previdenza complementare distingue tra forme pensionistiche chiuse e aperte. Le prime sono riservate esclusivamente a determinati gruppi di lavoratori, mentre le seconde sono aperte a tutti. Al momento della scelta del fondo pensione complementare più adatto alle proprie esigenze, la domanda che più frequentemente ci si pone è la seguente: chiuso o aperto? La risposta è strettamente legata alla propria situazione lavorativa: a seconda della tipologia di lavoro (dipendente, autonomo o libera professione), sarà infatti possibile prendere in considerazione entrambe le forme di previdenza complementare, oppure far riferimento solo a una di esse. 23

26 Previdenza complementare I fondi pensione chiusi (o negoziali) si rivolgono esclusivamente a lavoratori e a lavoratrici dipendenti e vengono istituiti sulla base di contratti e accordi collettivi, anche aziendali che prevedono il versamento di una quota di TFR a opera del/la datore/datrice di lavoro. Accordo aziendale: accordo che coinvolge da una parte il datore di lavoro e dall altra i sindacati dei lavoratori o le associazioni di categoria. Ha lo scopo di integrare i contratti collettivi nazionali migliorandone le condizioni. I fondi pensione aperti sono istituiti da banche, compagnie di assicurazione, società di intermediazione mobiliare e società di gestione del risparmio. L adesione a questi fondi non è vincolata ad alcuna particolare condizione e può avvenire sia in forma individuale, quindi con il versamento di propri contributi ed eventualmente di quote di TFR, sia in forma collettiva, attraverso il versamento di quote di TFR a opera del/la datore/datrice di lavoro sulla base di un accordo collettivo, anche aziendale. Adesione L adesione collettiva si tratta di una forma di adesione basata su un accordo collettivo, anche aziendale, che prevede il versamento del TFR (ed eventuali ulteriori quote) tramite il datore di lavoro. L adesione individuale è una forma di adesione basata esclusivamente su un versamento libero e volontario da parte dell aderente e che può consistere anche in quote di TFR. 24

27 Previdenza complementare Fonti istitutive Contribuzione Modalità di adesione Gestione del patrimonio Prestazione pensionistica Fondi pensione chiusi Istituiti da contratti e accordi collettivi, anche aziendali. TFR Contributo dell aderente Contributo del/la datore/ datrice di lavoro in base ai contratti collettivi Volontaria su base collettiva Le risorse sono custodite presso una banca depositaria e affidate a gestori finanziari esterni. Erogata direttamente dai fondi pensione, o da compagnie di assicurazione convenzionate. Fondi pensione aperti Istituiti da banche, compagnie di assicurazione, società di intermediazione mobiliare e società di gestione del risparmio. Individuale: Contributo nella misura determinata dall aderente Collettiva: TFR Contributo dell aderente Eventuale quota del/la datore/ datrice di lavoro Volontaria su base individuale o collettiva Le risorse sono custodite presso una banca depositaria e gestite direttamente, o affidate a gestori finanziari esterni. Erogata direttamente dai fondi pensione, o da compagnie di assicurazione convenzionate. I fondi pensione complementare raccolgono le quote contributive degli/ delle aderenti e le investono sui mercati finanziari. I fondi pensione raccolgono i versamenti contributivi degli/delle aderenti, li affidano a una banca depositaria e definiscono le modalità di gestione delle stesse. Nel caso di fondi pensione chiusi, che di norma sono soggetti giuridicamente autonomi, l amministrazione delle risorse viene affidata a gestori finanziari esterni abilitati. Le condizioni che i gestori finanziari devono soddisfare e i criteri in base ai quali vengono selezionati, sono stabiliti dalla COVIP. COVIP: (Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione): autorità pubblica che ha il compito di garantire e assicurare la trasparenza e la correttezza nella gestione e nell amministrazione dei fondi pensione, al fine di tutelare iscritti e beneficiari. 25

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli