De Filippo ospite degli Intoccabili Ambiente e petrolio. Questa sera alle su La7

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "De Filippo ospite degli Intoccabili Ambiente e petrolio. Questa sera alle su La7"

Transcript

1 Quotidiano Regione Basilicata inserto di Anno 2 Numero 42 del 29/02/2012 Reg. N 268/1999 Tribunale di Potenza. Editore: Regione Basilicata - Via V. Verrastro Potenza. Direttore: Giovanni Rivelli. Redazione: G. Fiorellini, G. Mafaro, N. Nicoletti Tel Fax Salute Gli inviati di Nuzzi hanno realizzato un inchiesta in Basilicata Chirurgia leggera a Matera Un equipe dell ospedale Madonna delle Grazie esegue una embolizzazione bronchiale ed evita un intervento ben più invasivo De Filippo ospite degli Intoccabili Ambiente e petrolio. Questa sera alle su La7 Ci saranno anche il leader della Fiom Maurizio Landini, il sottosegretario all Economia Gianfranco Polillo e l assessore al bilancio di Milano, Bruno Tabacci Eseguito per la prima volta a Matera dal dottor Michele Nardella, e dall equipe di Radiologia interventistica che dirige, un intervento radiologico mini invasivo per il trattamento di emorragia polmonare, utilizzando una procedura di angiografia interventistica in anestesia locale. Paziente, una donna di 51 anni, ricoverata al Madonna delle Grazie. Inquinamento ambientale, aumento del prezzo della benzina, le alternative, le liberalizzazioni e gli scenari, sia in campo eco- nomico che ecologico. Saranno questi i temi affrontati nella puntata de Gli intoccabili, il programma di inchiesta condotto da Gianluigi Nuzzi, che andrà in onda questa sera alle su La7. Il governatore della Lucania sarà ospite negli studi televisivi. A PAG. 3 A PAG. 2 Consiglio Alsia Occupazione Intensa attività ieri in consiglio regionale 40 ore di lezioni in aula e tra i campi Pari opportunità contro l abuso ricattatorio Fenice, prorogata la Commissione Sì al Piano di pubblica lettura Fattorie didattiche, a breve i nuovi corsi Dimissioni in bianco appello del Crpo Le domande entro il 9 marzo Botta si rivolge al ministro A PAG. 4 A PAG. 3 A PAG. 2 Una sola strada in rosa I diritti delle donne secondo Nina Trent anni all omicida di Anna Rosa Tutta al maschile la toponomastica Presentato il libro di Cecilia D Elia Il massimo della pena nel processo Fontana A Potenza c è una sola strada dedicata a un personaggio femminile: Ondina Valla (campionessa olimpica, vero nome Trebisonda). Per il resto, solo nomi maschili. E nel resto d Italia non è diverso. Lo dice uno studio effettuato Una storia, meglio, un excursus su quanto il potere maschile prevarichi l individualità femminile: questo è il libro Nina e i diritti delle donne, scritto da Cecilia d Elia - lucana d origine e oggi assessore alle Politiche culturali Al giudice ci sono voluti otto minuti per stilare la sentenza: trent anni a Paolo Chieco, assassino di Anna Rosa Fontana. Una storia terribile di prevaricazione, un precedente tentativo di omicidio e alla fine l assassinio, bru- da un insegnante romana, Maria Pia Ercolini. La Gazzetta del Mezzogiorno della Provincia di Roma - e presentato a Potenza. Il Quotidiano della Basilicata tale, consumato per strada davanti ai figli. La Nuova del Sud

2 N. 42 PAG. 2 Petrolio, inquinamento e occupazione nella regione che ospita il più grande giacimento d Europa Telecamere sulla Basilicata Questa sera il presidente De Filippo nello studio degli Intoccabili, ore su La7 Al centro della sesta puntata del programma di inchiesta condotto da Gianluigi Nuzzi, Gli Intoccabili, in onda questa sera su La7 alle 21.10, ci sarà: la crisi del mercato del petrolio con le sue conseguenze sull occupazione e la popolazione. Tra gli ospiti in studio il presidente della giunta regionale della Basilicata, Vito De Filippo. Gli inviati del programma sono stati in Basilicata, territorio che ospita il più grande giacimento petrolifero europeo ma considerata una tra le regioni più povere del continente. L invito che abbiamo da sempre fatto al governo - ha dichiarato De Filippo in un comunicato diffuso dopo la modifica dell articolo 21 e il taglio dell articolo 22 del decreto legge liberalizzazioni - è di guardare alla Basilicata non come a un problema ma come ad un opportunità che riesca a contemperare le esigenze locali di sviluppo con quelle nazionali in campo energetico e fiscale. Alla fine nella partita del petrolio affrontata nel decreto del governo - ha aggiunto il presidente lucano - le uniche misure passate sono quelle a sostegno della Basilicata, con la previsione di investimenti per sei miliardi di euro, mentre sono saltate quelle che riguardavano un ampliamento delle possibilità di ricerca in mare o la liberalizzazione dei permessi. Si tratta dell ennesimo episodio che conferma la bontà della strategia del dialogo e che indica come sia più utile ragionare sui problemi, che gridare al lupo. Nella puntata di questa sera de Gli Intoccabili, si affronterà anche la situazione di Cremona dopo la chiusura di una raffineria. Inquinamento ambientale, aumento del prezzo della benzina, le alternative, le liberalizzazioni e gli scenari, sia in campo economico che ecologico: tra gli ospiti in studio, oltre a De Filippo, ci saranno Maurizio Landini, leader della Fiom, il sottosegretario all Economia Gianfranco Polillo e l assessore al Bilancio di Milano, Bruno Tabacci che ha introdotto in città la cosiddetta Area C per combattere l inquinamento. (bm1) Gli argomenti: inquinamento, aumento del prezzo della benzina, le liberalizzazioni e gli scenari possibili Modifiche all art. 20, De Filippo: Le uniche misure passate sono quelle a sostegno della Basilicata. Previsti investimenti per 6 mld Fattorie didattiche, entro maggio Pici-Lapenna, i nuovi corsi di formazione l epilogo Percorsi di 40 ore tra lezioni in aula ed esperienze con realtà già avviate Le domande per le preiscrizioni entro il 9 marzo. Il modulo sul sito dell Alsia Cassazione: inammissibile il ricorso sulla presunta ineleggibilià Sono previsti entro maggio i nuovi corsi di formazione per imprenditori agricoli e agrituristici che vogliano diventare operatori di Fattorie didattiche. Per iscriversi all Elenco regionale ufficiale è necessario avere, tra i vari requisiti richiesti, quello di una adeguata formazione realizzata o promossa dalla Regione Basilicata. Per questo tipo di attività, il Dipartimento Agricoltura ha delegato l Alsia, che raccogliendo le richieste che arrivano dalle varie zone del territorio, periodicamente organizza queste giornate formative. Da quando è stato istituito l albo delle Fattorie didattiche, cioè dal luglio 2008, finora si sono tenute 8 repliche di questo corso, per un totale di 180 operatori formati, tra cui le 42 aziende (17 agricole e 25 agrituristiche) che hanno poi formalizzato l iscrizione all Elenco. I corsi, intitolati Avvio e gestione delle Fattorie didattiche, hanno una durata di 40 ore, in parte svolte in aula, in parte in viaggi studio, in regione o fuori, per l esperienza sul campo con realtà di Fattorie didattiche già avviate. I temi affrontati in aula spaziano tra i più vari ed utili per un azienda che voglia intraprendere la didattica in campagna : l organizzazione dei laboratori, come relazionarsi con le scuole, il marketing e la comunicazione, gli aspetti amministrativi e fiscali. Per partecipare a questi corsi, bisogna inviare una richiesta di preiscrizione alla sede centrale dell Alsia di Matera entro il 9 marzo prossimo. Angela Laguardia La Corte di Cassazione chiude definitivamente la questione sulla presunta ineleggibilità sollevata dall ex consigliere forzista, Sergio Lapenna, verso il consigliere regionale Il consigliere Pici (Pdl) eletto Mariano Pici. La Corte di cassazione - si legge nella nota diffusa agli organi di stampa - con la sentenza n. 2055/2012, dichiarando inammissibile il ricorso proposto dall avv. Sergio Lapenna, chiude definitivamente la questione sulla presunta ineleggibilità sollevata dall ex consigliere forzista avverso il consigliere regionale eletto dott. Mariano Pici. A seguito delle recenti elezioni regionali il candidato Sergio Lapenna propose ricorso al Tribunale di Potenza lamentando l ineleggibilità del dott. Mariano Pici in quanto quest ultimo era componente del comitato di indirizzo e verifica del Crob di Basilicata. Il Tribunale di Potenza già in prima istanza, accogliendo le controdeduzioni difensive del prof. avv. Ignazio Lagrotta, legale di fiducia del Pici, rigettava il ricorso. Allo stesso modo si è pronunciata la Corte d Appello di Potenza che, rigettando l appello proposto sempre dall avv. Lapenna, escludeva l assimilabilità della carica ricoperta dal Pici di componente del CIV dell IRCCS a quella di direttore generale dell ASL. La platea degli imprenditori agricoli e agrituristici in formazione Chi, come, quando Possono partecipare ai corsi: gli imprenditori agricoli ed agrituristici, loro coadiuvanti familiari, regolarmente iscritti all INPS, operai o tecnici stabilmente impegnati in azienda. Termine per l invio della preiscrizione: 9 marzo Modulo di preiscrizione scaricabile da: Novita/novita_0566.html

3 N. 42 PAG. 3 Procedura di embolizzazione bronchiale dell equipe di Radiologia interventistica al Madonna delle Grazie Una chirurgia più gentile Si è evitata un operazione che avrebbe portato alla resezione parziale del polmone Un operazione poco invasiva che ne ha evitato un altra dei cui effetti il paziente avrebbe sicuramente sofferto di più: è questo il senso della embolizzazione bronchiale eseguita, per la prima volta a Matera, dal dr Michele Nardella e dall equipe di Radiologia interventistica da lui diretta. Un intervento radiologico mini invasivo per il trattamento di emorragia polmonare, utilizzando una procedura di angiografia interventistica in anestesia locale. La paziente, una donna di 51 anni ricoverata nel reparto di Chirurgia dell ospedale Madonna delle Grazie per emottisi recidivanti, ha prima eseguito un esame angio-tac del torace con la nuova e performante apparecchiatura 64strati in dotazione presso la Radiologia, esame che ha rivelato la presenza di piccoli focolai di sanguinamento a livello del polmone destro. Dopo attente valutazioni di tipo clinico-chirurgico ed anestesiologico, si é deciso di sottoporre la paziente a un intervento radiologico di angiografia interventistica, sotto anestesia locale, ossia l embolizzazione dell arteria bronchiale responsabile del sanguinamento (emottisi). E stato introdotto un catetere angiografico attraverso l arteria femorale destra, e spingendolo lungo l aor- ta addominale e toracica fino a posizionarlo sotto controllo radioscopico nell arteria bronchiale responsabile dell emorragia; successivamente si é proceduto all intervento Hanno effettuato l intervento i dottori Nardella e Di Costanzo terapeutico di embolizzazione selettiva dei rami arteriosi patologici. La complessa e delicata procedura é stata eseguita dall equipe di Radiologia interventistica costituita dai dottori Michele Nardella e Gerardo Di Costanzo, con l ausilio anestesiologico del dr Francesco Dimona, e con la presenza degli infermieri A. Mariano e M. Bigherati e del tecnico R. Cetani. La paziente è stata dimessa dopo alcuni giorni di ricovero, senza presentare ulteriori episodi emorragici, evitando così di essere sottoposta a un interven- to di chirurgia toracica ben più demolitivo, che avrebbe comportato la resezione parziale del polmone interessato. Il servizio di radiologia interventistica si pone ormai come una realtà consolidata all interno sia dell ospedale Madonna delle Grazie che dell intera Asm, essendo attivo da circa 4 anni ed avendo eseguito solo nell anno 2011 più di 300 procedure. Tale branca permette di studiare e soprattutto curare innumerevoli patologie vascolari ed extravascolari, oltre al campo applicativo oncologico. Programma ministeriale coordinato dalla dottoressa Ammirati, Asp I Passi della salute Sorveglianza su tutte le abitudini che generano patologie Prosegue senza soste anche in Basilicata il programma ministeriale Passi. A occuparsene per la Regione Basilicata è la dottoressa Giuseppina Ammirati, direttore dell Osservatorio epidemiologico dell Asp di Potenza, che nel progetto ha il ruolo di coordinatrice regionale. Dal 2007 le Aziende Sanitarie hanno aderito a Passi, che significa Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia. L evidence applicata alla prevenzione: potrebbe essere questo il motto della sorveglianza Passi, una sperimentazione con l obiettivo di effettuare un monitoraggio a 360 gradi sullo stato di salute della popolazione adulta (18-69 anni) italiana, attraverso la rilevazione sistematica e continua delle abitudini, degli stili di vita e dello stato di attuazione dei programmi di intervento che il Paese sta realizzando per modificare i comportamenti a rischio. La partecipazione all indagine è libera e volontaria e le persone selezionate per l intervista telefonica sono informate prima da una lettera sugli obiettivi e sulle modalità di realizzazione dell indagine, sugli accorgimenti adottati per garantire la riservatezza delle informazioni raccolte e sulla possibilità di rifiutare preventivamente l intervista e/o interromperla in qualunque momento. Passi si inserisce nel cuore delle attività politiche e sanitarie intraprese in Italia per promuovere la prevenzione: l adozione di stili di vita non corretti rappresenta oggi una vera e propria emergenza sanitaria, che comporta l aumento di rischio di malattie cardiovascolari, tumori e diabete, le principali cause di mortalità e morbilità nella popolazione adulta. Nel 2005, un rapporto dell Organizzazione mondiale della sanità ha confermato che le patologie non trasmissibili (malattie cardiovascolari, tumori, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, malattie muscolo-scheletriche e problemi di salute mentale) sono responsabili dell 86% dei decessi nella Regione Europa, con tendenza costante all aumento anche dei relativi costi diretti e indiretti, che consumano in media il 77% del budget per la salute dei Paesi membri L immagine simbolo del programma ministeriale dell Unione europea. E stato dunque realizzato un questionario costituito da un nucleo fisso di domande, che esplorano i principali fattori di rischio comportamentali e interventi preventivi. Gli ambiti indagati sono: abitudini al fumo; attività fisica, abitudini alimentari; consumo di alcol; rischio cardiovascolare; screening oncologici; salute mentale; sicurezza stradale; incidenti domestici; ambiente;vaccinazioni contro l influenza e la rosolia; dati socio-anagrafici; utilizzo dei dispositivi di sicurezza figli/bambini fino a 14 anni. Obiettivo della sorveglianza Passi è costruire proprio una base di dati specifica per il livello aziendale, in continua crescita e aggiornamento, per monitorare l andamento dei fattori di rischio comportamentali e degli interventi di prevenzione ad essi orientati. Questa stessa base di dati permetterebbe di confrontare le diverse realtà aziendali fra di loro, seguendone l evoluzione nel tempo. Ma c è anche l obiettivo di registrare l opinione della popolazione sulla propria salute. Botta, della Commissione pari opportunità della Basilicata, punta il dito sull abuso perpetrato anche da alcuni datori di lavoro lucani La Crpo contro le dimissioni in bianco Già annunciati incontri con i prefetti di Matera e Potenza per rivolgere un accorato appello al ministro Fornero Una ingiusta quanto anacronistica ipoteca Far firmare in bianco un foglio ai lavoratori e alle lavoratrici all atto della loro assunzione, per poi poterlo utilizzare come spontanea richiesta di dimissioni al momento ritenuto più opportuno dal datore di lavoro, è un abuso ricattatorio che sfrutta impunemente un evidente stato di soggezione del lavoratore gravando di una ingiusta, quanto anacronistica ipoteca, il rapporto di lavoro prima ancora che questo abbia inizio : lo dice Antonietta Botta (nella foto), presidente della Commissione regionale pari opportunità di Basilicata. La Crpo di Basilicata afferma la presidente - non rimane insensibile al grido di dolore che proviene dal mondo del lavoro ed in particolare dalle donne lavoratrici. Pur condividendo le iniziative tese a sollecitare il ripristino della legge 188/2007 che impone, per le dimissioni dal servizio, moduli identificati da codici alfanumerici progressivi e validi non oltre 15 giorni dalla data di emissione, ritiene di andare oltre invocando l adozione di un più agile, indispensabile e più urgente strumento legislativo che si possa realizzare in tempi brevi, per evitare lungaggini istituzionali e burocratiche. Per questo motivo la Crpo di Basilicata rivolgerà, incontrando i prefetti di Matera e Potenza, un accorato appello al ministro Fornero.

4 N.42 PAG. 4 Continua l attività di Inchiesta su Fenice, sì al Piano pubblica lettura Le attività del Consiglio regionale, in seduta ordinaria ieri, sono state dense di risultati: voto favorevole a maggioranza anche per i fondi da ripartire per l eliminazione delle barriere architettoniche di Maria Fasano Chi ha votato Favorevoli: Pd, Pdl, Idv, Udc, Api e Gruppo Misto Contrari: Plb, Mpa e Ial Altri 8 mesi di proroga per la Commissione di Inchiesta sul termodistruttore Attività intensa e foriera di risultati ieri per il Consiglio regionale. La Commissione di Inchiesta su Fenice proseguirà la sua attività per altri 8 mesi. Lo ha deciso a maggioranza l assemblea riunitasi ieri in seduta ordinaria. Voti favorevoli da parte di Pd, Pdl, Idv, Udc, Api e Gruppo Misto, 3 voti contrari, quelli di Plb, Mpa e Ial, e 3 astenuti: Sel, Pu e Psi. La commissione era stata istituita il 4 ottobre 2011 con delibera n.188. La richiesta di proroga - ha spiegato Nicola Pagliuca, presidente della Commissione di inchiesta - nasce dal ritardo da parte di alcuni Enti pubblici, aziende ed uffici regionali, nell inoltro della documentazione richiesta. Documentazione utile per fare definitiva luce su quanto è accaduto in questi anni e se e quali responsabilità ci sono state nella trattazione dei dati del monitoraggio dell im- pianto Fenice di Melfi. Sono intervenuti nel dibattito oltre al presidente Pagliuca i consiglieri Rosa e Venezia (Pdl), Mollica (Mpa), Romaniello (Sel), Vita (Psi), Falotico (Plb), Straziuso e Braia (Pd), Mazzeo e Autilio (Idv), Scaglione (Pu), Navazio (Ial) e Singetta (Api). Sempre a maggioranza, con 17 voti a favore, quelli di Pd, Idv, Plb, Udc, Mpa, Sel, Pu, Psi e Gruppo Misto e 6 voti contrari da parte del Pdl, è stato approvato il Piano di pubblica lettura La dotazione finanziaria complessiva è di 80 mila euro: 40 mila saranno destinati all organizzazione di manifestazioni, convegni e indagini e 40 mila all organizzazione e al funzionamento delle strutture bibliotecarie presenti sul territorio. Nel Piano, infatti, le biblioteche sono individuate come beni culturali fondamentali per permettere l accesso alla conoscenza del passato e costruire il futuro della società. Da qui la decisione di pro- muovere il potenziamento, l incremento e la riqualificazione degli Istituti. In particolare, l intervento regionale ha la finalità di favorire l inclusione sociale attraverso l uso collettivo dei mezzi d informazione e comunicazione, di promuovere e divulgare l editoria regionale a livello nazionale ed internazionale, di coordinare ed incrementare sul territorio il servizio bibliotecario nazionale. Ma anche a sostenere progetti di catalogazione e digitalizzazione di Fondi librari antichi e di pregio all interno delle biblioteche pubbliche, ecclesiastiche e private della Basilicata. Sì della maggioranza -22 voti a favore, quelli di Pd, Idv, Pdl, Udc, Sel, Pu, Api, Psi e Gruppo Misto e 3 astensioni quelli di Plb, Ial e Mpa anche per la delibera di Giunta regionale riguardante un milione di euro destinato alla ripartizione dei fondi per il 2011 per la eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati e quelli per la concessione di contributi per l acquisto degli strumenti informatici. All unanimità è passato il disegno di legge della Giunta che integra la legge regionale n. 1 del 2009 sullo sviluppo e la compe- titività del sistema produttivo locale. Tra le agevolazioni previste dal ddl per rafforzare e migliorare il tessuto produttivo, sono state aggiunte le disposizioni che riguardano l introduzione del Credito d Imposta per l innovazione e del Fondo di Rotazione previsti dalla legge n. 296 del 2006 e del Credito d Imposta per l occupazione, previsto dalla legge n. 106 del Prima di chiudere i lavori è stata votata e approvata a maggioranza la delibera di Giunta n.1768, con la quale si creano i presupposti giuridici per poter riutilizzare una quota di risorse pari a circa 41 milioni di euro del bilancio regionale - risorse attualmente impegnate a titolo di anticipazione per il programma Valbasento- per poter avviare il processo di reindustrializzazione dei siti ex Daramic di Tito, ex Mahle di Potenza ed ex Lucania Metalli di Melfi. Reindustrializzazione che potrà avvenire solo dopo il trasferimento dei fondi statali a seguito di rendicontazione della spesa effettuata. Con la deliberà si andrà a coprire finanziariamente la graduatoria che prevede la reindustrializzazione del sito produttivo inattivo di proprietà della società MisterDay. Dal Consiglio Fiat, Trenitalia e Tibet Sì del consiglio a tre mozioni Il Consiglio regionale della Basilicata riunitosi ieri ha approvato tre mozioni riguardanti la drammatica situazione in Tibet, i problemi di trasporto su rotaia, in particolare la soppressione di alcune linee che collegano Nord e Sud del Paese (Trenitalia) e la nota vicenda dei tre operai della Fiat Sata di Melfi accusati di aver bloccato i processi produttivi durante uno sciopero interno. Tutte le mozioni impegano la Giunta regionale ad intervenire con ogni strumento possibile e adeguato che possa portare ad una soluzione delle questioni. Mozione Tibet Soddisfazione di Santochirico (Pd) Sull approvazione della mozione relativa alla libertà ed ai diritti umani in Tibet, il consigliere del Pd, Vincenzo Santochirico ha affermato che il Consiglio, ancora una volta, ha confermato la sensibilità della regione ai principi della libertà e dei diritti umani anche quando riguardano popoli, aree geografiche, professioni religiose distanti o comunque diverse. Ok a mozione Trenitalia Mollica (Mpa): Intervenire su gestione del gruppo ferroviario Il consigliere del Mpa, Francesco Mollica si è detto soddisfatto dell approvazione in Aula di una mozione da lui presentata che impegna il Presidente della Giunta e l Assessore alle Infrastrutture, a portare in discussione nella Conferenza Stato - Regioni la politica di gestione di Trenitalia che con la soppressione di alcuni treni a lunga percorrenza, come la tratta Trieste - Lecce, ha aumenttoa ancora di più il divario tra Nord e Sud. Fondo di garanzia per cooperative sociali del Sud Autilio (Idv): Opportunità per Terzo Settore Nasce il Fondo di Garanzia per i crediti delle cooperative sociali del Sud nei confronti della Pubblica Amministrazione, costituito dalla Fondazione per il Sud. Soddisfazione è stata espressa dal Presidente della II Commissione consiliare, Bilancio e Programmazione, Antonio Autilio, per il quale, il fondo rappresenta un opportunità importante per far crescere il Terzo Settore anche in Basilicata. Consiglio comunale Melfi Navazio (Ial) rassegna le dimissioni Rassegnate dal consigliere regionale di Ial, Alfonso Ernesto Navazio, le dimissioni da consigliere comunale di Melfi. Il sentimento - ha dichiarato - ha sempre guidato il mio operato, la ragione ha talvolta attenuato le mie passioni ed i miei istinti, ma è la libertà la mia forza più grande. Unità cardiochirurgica San Carlo di Potenza Presentata mozione del Pdl Presentata dai consiglieri del Popolo della libertà una mozione riguardante l Unità operativa di Cardiochirurgia dell Azienda ospedaliera San Carlo di Potenza, dopo l accertamento di una serie di irregolarità relative al sistema dei turni di lavoro dei dirigenti medici che hanno determinato l applicazione di una sanzione pecuniaria a carico del Direttore generale dell Azienda con obbligato in solido l Azienda stessa. Con la mozione si impegna la Giunta ad attivarsi affinchè la Direzione generale dell Azienda proceda a rimuovere tutte le criticità presenti.

5 Estratto da: La Gazzetta del Mezzogiorno PAG. 5 VI I POTENZA CITTÀ CURIOSITÀ POTENZA E LE VIE... ROSA INDAGINE NAZIONALE Le strade intitolate alle donne sono pochissime in tutta Italia. Una indagine da Roma fino al capoluogo lucano La toponomastica non ama le donne Solo via Ondina Valla celebra un personaggio femminile l La notizia è di quelle che a prima vista fanno sorridere. Poi, provando a ragionarci un po su, è una di quelle che lascia molto riflettere. Un insegnante romana, Maria Pia Ercolini, svolgendo alcune ricerche per realizzare guide turistiche per la capitale, si è resa conto che le strade intitolate a donne a Roma sono pari o addirittura inferiori al 5%. Siamo per caso di fronte ad un caso di misoginia toponomastica? Ebbene, sembrerebbe proprio così. Da qui è partita la provocazione di provare a contare le strade delle città italiane che portano il nome di una donna. Si è aperto addirittura un gruppo sul social network più popolare, Facebook, per tentare di fare la conta. Al momento, ma potremmo benissimo affermare che così dovrebbe in tutto lo stivale, la percentuale delle «strade femminili» sono davvero poche, anzi pochissime. Il «censimento» stradale è partito grazie ad iniziative di privati cittadini ma anche da parte di alcune amministrazioni locali che si sono messe a disposizione per la conta delle vie «rosa». Il nostro capoluogo di regione ancora non compare nella lista ma provando a fare una ricerca ci si rende conto che la situazione qui a Potenza è quasi drammatica. Su circa 168 tra vie, vicoli e piazze, sembrerebbe che solo 4 siano intitolate ad una donna. Ma anche qui ci sarebbe ancora da ridire. L unica strada intitolata ad una donna è via Ondina Valla, nel quartiere di Macchia Romana, in onore dell atleta italiana prima vincitrice di una medaglia d oro olimpica nella disciplina degli 80 metri ad ostacoli nelle Olimpiadi di Berlino del In realtà, le altre tre donne menzionate nella toponomastica potentina sono le sante, Santa Maria, Santa Lucia e Santa Caterina. Più che vere e proprie vie, la loro memoria si riferisce ad aree rionali adiacenti alle rispettive chiese. Nessun altra menzione d onore a donne che hanno fatto grande l Italia o a donne locali che pure meriterebbero citazione. Fino ad ora l unico comune lucano ad esprimersi ufficialmente nel gruppo è stato quello di San Paolo Albanese che segnala la presenza sul suo territorio di tre vie o piazze intitolate ad altrettante donne. Questa volta non si tratta di sante, infatti le tre vie del comune più piccolo della regione sono:. OLIMPIONICA A BERLINO Uno scorcio di via Ondina Valla [foto Tony Vece] Regina Margherita, Regina Elena e Bubolina. È curioso vedere come sia proprio il comune più piccolo a rispondere per primo all appello lanciato dalla professoressa romana. Sarebbe quasi il caso allora, per il capoluogo e per tutti gli altri comuni lucani, di partecipare al gioco «3 donne 3 strade» partito nel gruppo Facebook «Toponomastica femminile». Entro l 8 marzo, data altamente simbolica, tutti gli utenti registrati sul famoso social network, possono inoltrare la loro pro- posta per il comune di appartenenza. Un modo simpatico per proporre ai propri primi cittadini di dedicare le prossime tre titolazioni di strade a donne locali, nazionali ed internazionali. Purtroppo, però, sarebbe più giusto parlare di un retaggio culturale piuttosto che di misoginia toponomastica. Gli esempi di donne che hanno avuto un ruolo importante nella nostra nazione, infatti, sarebbero davvero tanti, ma la storia in percentuale menziona molti più uomini. [Em. Fer.] RIFIUTI Una montagna di immondizia lungo la strada a contrada Dragonara, alla periferia di Potenza. Una vergogna a due passi dalla chiesa [foto Tony Vece]. POTENZA L ACTA CONTA DI COMPLETARE IN UN GIORNO E MEZZO LA RIPULITURA STRAORDINARIA NELLE AREE LIMITROFE ALLA CITTÀ CON L AIUTO DI DITTE ESTERNE Spazzatura, operazione contrade Cumuli di sacchetti dopo l emergenza neve: protestano i residenti di Dragonara GIOVANNA LAGUARDIA l Spazzatura ancora oltre il... livello di guardia nelle contrade di potenza dopo l emergenza neve. Protestano gli abitanti di contrada Dragonara dove ancora ieri, come dimostra la foto scattata dal fotoreporter Tony Vece, i cumuli dei sacchetti fuori dalle postazioni avevano dimensioni assolutamente esorbitanti. Un problema comune anche ad altre contrade ed aree rurali della città, dovuto ai rallentamenti nella raccolta du- rante i giorni del maltempo. «Nel perimetro urbano - spiega il direttore dell Acta Marcello Tricarico - abbiamo recuperato quasi al 90 per cento, mentre per le contrade è già partito il piano straordinario di pulizia, che stiamo attuando grazie all intervento di alcune ditte esterne che hanno lavorato con noi anche durante l emergenza neve». In particolare in contrada Dragonara è già in azione da ieri il «ragno» dell Ageco, in grado di sollevare direttamente i rifiuti da terra e metterli nel cassone La polizia locale cambia il simbolo l La Polizia locale si riorganizza prevedendo tre aree d intervento: attività territoriali, ambiente e decoro urbano, polizia tributaria e area amministrativa e commerciale. Sono stati previsti per ogni area un coordinatore e ed un tavolo tecnico permanente di lavoro (costituito da tutti gli ufficiali/responsabili delle varie Unità operative) come cabina di regia, con alla guida il comandante, «al fine di porre in campo tutte le azioni necessarie per migliorare la gestione delle attività/funzioni della Polizia locale». Da domani, infine, tutti i vigili rubani si fregeranno delle nuove insegne che riportano, uniti, il simbolo della città e della regione e che sanciscono di fatto il passaggio da Polizia Municipale a Polizia Locale della città capoluogo di regione. del camion. Entro questa mattina i lavori dovrebbero essere completati. Sempre stamattina autocompattatori, bobcat e il ragno partiranno alla volta delle contrade ad ovest di Potenza, dove è stata riscontrata la situazione più grave (Tiera di Avigliano, Massa Capraia, San Francesco, Barrata, Bosco Piccolo, Bosco Grande, Avigliano Scalo e Lavangone), mentre altre due ditte saranno impegnate sulle contrade Trinità Sicilia, Cerreta, Montocchio, Sicilia e Masseria Monaco, dove la situa- zione, comunque, appare meno grave. Piano straordinario in partenza oggi anche a Botte, Torretta, Barrata, Capoiazzo, Cavalieri, Epitaffio e Canaletto. L intera operazione dovrebbe richiedere un giorno e mezzo o due. Resta, comunque, l incognita della contingentazione dei carichi da inviare alla stazione di trasferenza di Tito. Nella giornata di ieri sono state conferite 140 tonnellate di rifiuti e tra lunedì e sabato altre 120/130 al giorno. Oggi, però, saranno soltanto 80. «Giorno per giorno ci viene comunicato quante tonnellate possiamo conferire - dice Tricarico - per cui diventa anche difficile programmare. Abbiamo già dimostrato che quando non intervengono fattori esterni alla nostra organizzazione la gestione dei rifiuti, così come quella dell emergenza neve, è ottimale. Comunque, per ovviare al problema, ci siamo muniti di un numero maggiore di cassoni che accompagneranno i mezzi della raccolta, per tamponare la situazione qualora i conferimenti venissero limitati». Fili e tubicini elettrici mimetizzati protestano i residenti: un rischio COLLEGAMENTO La cassetta «incriminata» l Un tubicino «artigianale» spunta da una cassetta al cui interno ci sono fili elettrici e collegamenti vari. Il particolare è stato notato e fotografato da residenti di via delle Medaglie Olimpiche, a Potenza. L intervento, probabilmente di tecnici Enel, è stato fatto nella tarda serata tra lunedì e martedì. I cittadini parlano di scarsa sicurezza, soprattutto perché oltre a quel tubicino c è un filo penzolone e mimetizzato tra il cespuglio e l albero che si trovano a ridosso della cassetta. Sarebbe il caso di intervenire per eliminare insidie. le altre notizie CARABINIERI Furto nella notte all Automobile Club n Ignoti si sono introdotti nella notte tra lunedì e martedì all interno della sede potentina dell Automobile Club, in viale del Basento. Ieri mattina, all arrivo nell ufficio, i dipendenti hanno trovato i locali messi a soqquadro. A quanto pare i ladri, alla fine, hanno portato via soltanto un computer. Indagano i carabinieri. TELEVISIONE Il governatore lucano stasera su La7 n Oggi il presidente della Regione Vito De Filippo sarà ospite nella trasmissione «Gli intoccabili» condotta da Gianluigi Nuzzi su La7, con inizio alle 21, in uno speciale dedicato al petrolio. SINDACATI Rsu pubblico impiego l impegno della Cisl n «La sburocratizzazione delle procedure amministrative avviata dalla giunta regionale nell'ambito del patto di sistema per la crescita e il lavoro è una nostra battaglia e come tale la sosterremo con coerenza nel suo difficile percorso di attuazione». È quanto dichiara il segretario generale della Cisl Basilicata, Nino Falotico, in vista della prossima consultazione per il rinnovo delle Rsu nel pubblico impiego in programma dal 5 al 7 marzo. INCONTRI Professional Day in diretta a Tito scalo n I professionisti italiani organizzano domani la giornata delle professioni, il professional Day. La manifestazione si terrà alle presso l auditorium della conciliazione a Roma, con collegamenti in diretta televisiva con le sedi provinciali. Per la nostra provincia, l evento sarà trasmesso presso la Multisalacinema Ranieri a Tito scalo.

6 Estratto da: La Gazzetta del Mezzogiorno PAG. 6 MATERA CITTÀ I XI URBANISTICA LAVORI CONSEGNATI Sono ormai pronti a partire gli interventi nelle vie Arno, Monviso, Etna, Isonzo, Volturno, Tagliamento e Montebianco MANUTENZIONE ATTIVA PASQUALE DORIA l Di questi tempi, oltre 5 milioni e mezzo di euro destinati alla riqualificazione urbana non sono pochi. Anzi, siccome ai lavori è interessata La Martella, si può tranquillamente ammettere che è il primo serio finanziamento destinato al borgo da quando è stato edificato. Mezzo secolo dopo si metterà mano alle urbanizzazioni primarie con una spesa di 1 milione di euro, al restauro e risanamento conservativo del teatro antistante la piazza con fontana di Ludovico Quaroni, nonchè ai locali da adibire a biblioteca e in futuro a mediateca per conservare la documentazione storica della Fondazione Olivetti per 1 milione e 492 mila euro, ma anche alla realizzazione di 14 alloggi per un importo di 1 milione e 714 mila euro. Si tratta di 8 alloggi di edilizia sovvenzionata con uso di procedure bioclimatiche e materiali biocompatibili e di 6 alloggi di edilizia residenziale con sistemi domotici per classi deboli. In totale è di 4 milioni e 207 mila euro la cui genesi risale a un primo protocollo d intesa che risale al lontano 1995, ma divenuto con grande fatica accordo di programma solo pochi mesi fa. Ora, alle risorse dell accordo di programma si sono aggiunte quelle del Pisus (Programma integrato di sviluppo urbano sostenibile) per la riqualificazione del campo sportivo, le tribune e il parcheggio afferente alla struttura sportiva, pari a 214 mila euro, così come della scuola elementare con la realizzazione di una palestra per una spesa di 1 milione e 83 mila euro. Davvero niente male. Sono tutte UN AUSPICIO CONDIVISIBILE Da recuperare lo spirito smarrito di laboratorio urbano che ha fatto scuola ed è ancora oggi materia d insegnamento universitario Con 5,5 milioni di euro La Martella può rinascere All accordo di programma si sono aggiunti i fondi Pisus notizie diffuse che hanno trovato conferma ieri mattina in un conferenza stampa al sesto piano del Comune presenti il sindaco, Salvatore Adduce, gli assessori comunali all Urbanistica e ai Lavori pubblici, Piero Mazzei e Maria Pistone, il consigliere comunale Aldo Massari, nonchè il presidente della Provincia, Franco Stella, il presidente del Consiglio provinciale Aldo Chietera e l assessore provinciale Antonio Montemurro. Era presenta anche una folta delegazione di abitanti del borgo che ha deciso di diventare partecipe al processo di riqualificazione urbana ormai in corso recuperando, in fondo, un ruolo e un civismo che si spera IL BORGO La Martella vista dal satellite. A destra, si nota Ecopolis. A lato, il disegno della fontana realizzata da Quaroni IL PROGETTO In alto, l esterno del teatro e la resa grafica in sezione dei lavori di restauro e recupero dell architetto Belgrano UNA LUNGA ATTESA DURA DA OLTRE MEZZO SECOLO L ABBANDONO DEL BORGO Attualizzare tutte le funzioni Riqualificare anche le case Ma tutte quelle risorse si erano ormai perse È maturato un recupero provvidenziale l Il primo protocollo d intesa risale al Dopo, nel 1999, ne è stato siglato un altro. Tutto questo sempre in vista di un accordo di programma immaginato solo sulla carta e in realtà operativo solo da pochi mesi. È stato siglato a Roma alla fine di dicembre del L intricata vicenda burocratica, sbrogliata tramite via Moro a livello ministeriale, è ormai alle spalle di chi l ha risolta. Ma si è trattato di una vera e propria riesumazione quando 4 milioni e 207 mila euro stavano ormai per sfumare e prendere il volo verso chissà quali altri lidi. Bisogna dare atto al sindaco, Salvatore Adduce, che i termini della questione sono anche più complessi di come li ha descritti ieri mattina. Di più, quale «risarcimento» per i ritardi registrati in questi anni persi, sono stati finanziati ulteriori lavori di riqualificazione per un importo di 1 milione e 300 mila euro. Fatto salvo anche il capitolo dell erosione del potere di spesa di partenza, all epoca c era ancora la lira, si è già aperto il capitolo delle gare d appalto, i cui bandi sono praticamente partiti. Stiamo parlando di quel processo di manutenzione attiva di cui ha urgente bisogno tutta la parte della città contemporanea realizzata a valle dell opera di risanamento dei rioni Sassi. Il borgo La Martella fu il primo dei quartieri a suscitare un interesse così vivo ed intenso difficilmente ripetibile. Per l esemplarità degli interventi e, in particolare, sotto il profilo urbanistico, ha segnato una stagione importante della cultura riconosciuta a livello internazionale, nota anche come Neorealismo architettonico. Di più, nel contesto del borgo, che la stampa dell epoca definì «il più bello d Italia», si volle sperimentare una sorta di laboratorio sociale in cui misurare gli strumenti per un effettivo riscatto di popolazioni spesso costrette a condizione di vita disumane negli antichi rioni Sassi, uno stato di inaccettabile subalternità. Una sfida epocale. Non a caso furono coinvolte le migliori menti che poteva vantare l Italia del dopoguerra. Due nomi su tutti. Il primo è quello di Adriano Olivetti, imprenditore illuminato, padre di quell esperienza risultata feconda come poche nel campo della cultura economica, sociale e politica nazionale, il movimento Comunità. Il secondo nome è quello di Ludovico Quaroni, alimenti riverberi positivi a favore di tutte le attività future riguardanti la comunità dei martellesi. Nello specifico dei lavori che interessano le opere di urbanizzazione bisogna aggiungere che i lavori sono già stati consegnati e sono in procinto di partire nelle vie Etna, Volturno, Isonzo, Arno, Monviso, Tagliamento e Montebianco. Non sono potute rientrare in questo programma un paio di strade per le quali, però, è stato assicurato a più voci che saranno impegnate le somme residue dei ribassi di gara. Si tratta di risorse che quindi rimarranno a disposizione del borgo La Martella e non utilizzate per altro tipo di finalità. Insomma, bisogna ammettere che l attesa è stata lunga, ma che non mancano buone ragioni per ben sperare. Specialmente se gli interventi di manutenzione attiva del patrimonio urbano che interessa tutti i rioni materani realizzati a valle del risanamento Sassi riusciranno a maturare uguali attenzioni. Un obiettivo non impensabile. Lo ha fatto intendere chiaramente il sindaco quando ha fatto riferimento all concorso di figure di tecnici e soprattutto interne all Amministrazione comunale che hanno lavorato all Accordo di programma. «Non lo nascondo, l opera più importante che riusciremo a fare - ha evidenziato Adduce - sarà quella di mettere a disposizione della comunità una classe di dipendenti comunali all altezza dei bisogni della società. E il risultato dell accordo di programma La Martella ci dice che siamo sulla strada giusta». Speriamo che abbia ragione lui. urbanista che in compagnia di Luigi Piccinato, il redattore del primo piano regolatore di Matera (1956), e Giovanni Astengo, è considerato il più grande urbanista italiano del Novecento. Ovviamente bisogna tenere in debito conto le sacrosante attese dei residenti, per la verità, disattese da subito. Il borgo non era ancora stato completato che già s iniziò a tradire nella sostanza la spinta di partenza che aveva accompagnato tutta l intensa fase di progettazione. Da allora non si può certo dire che La Martella abbia ricevuto attenzioni particolari. Con gli oltre 5 milioni e mezzo di euro disponibili oggi, se non si tratta di una mera operazione di maquillage, l auspicio migliore è la ripresa e l attuazione di quello spirito smarrito di laboratorio urbano che ha fatto scuola ed è ancora oggi materia d insegnamento uni[p.d.] versitario. Staremo a vedere. AL SESTO PIANO Un momento della conferenza stampa che si è tenuta ieri mattina nella sede del Municipio [foto Genovese] Il presidente della Provincia, Franco Stella, si è augurato che si faccia presto e che il processo di riqualificazione del borgo La Martella non diventi una delle tante incompiute presenti sul territorio. Auspicio condivisibile. Ma bisogna fare anche bene, perchè ha detto il sindaco, Salvatore Adduce, si tratta di un intervento che non riguarda solo il patrimonio della nostra città e della nostra regione, ma dell intero Paese. Altro giudizio ineccepibile. Si potrebbe aggiungere che per completare l opera si dovrebbe iniziare a pensare ad un meccanismo non dissimile da quello del recupero dei rioni Sassi e a dare ai residenti del borgo La Martella l opportunità e l incentivo, il sostegno a riqualificare i loro alloggi. Solo così, attualizzando le funzioni che si andranno a realizzare con interventi come la restituzione del teatro alla comunità di tutti i materani e con la rinascita residenziale dell abitato si potrà dire di aver chiuso un cerchio che si era aperto oltre mezzo secolo fa. Un altro aspetto riguarda la volontà di dotare il borgo di una biblioteca che la Martella non ha mai avuto. Il meridionalista Leonardo Sacco, a maggio compirà 87 anni. È pronto a donare tremila dei suoi diecimila volumi senza nulla pretendere in cambio, se non d intitolare la biblioteca alla memoria di Adriano Olivetti. Il sindaco, in attesa del completamento della mediateca del borgo nella piazza progettata e intitolata a Ludovico Quaroni, ha detto di aver già individuato un locale demaniale alle spalle dell ex ufficio postale. Speriamo bene. [p.d.]

7 Estratto da: La Gazzetta del Mezzogiorno PAG. 7 XIV I POTENZA: RIPRENDE LA RASSEGNA POTENZA: FICHI D INDIA CON ROCCO IL GIGOLÒ n Riprende l'ormai consolidata iniziativa «Lezioni di cinema in biblioteca» con un nuovo ciclo dedicato alla storia risorgimentale nel cinema italiano. Il primo incontro della rassegna è in programma mercoledì 7 marzo con la proiezione del film «Piccolo mondo antico» di Mario Soldati, introdotto da Giacomo Martini. L appuntamento è nella biblioteca provinciale in via Maestri del Lavoro, a Potenza. n Rassegna di cabaret nell ambito del cartellone previsto da «Cose di teatro e musica» di Potenza. Un appuntamento da non mancare: in attesa di sapere quando si terrà lo spettacolo di Flavio Oreglio, rinviato a causa della neve, è stata fissata la data dell esibizione dei Fichi d India con Rocco il Gigolò. Saliranno sul palco del PalaPergola di Potenza il 4 marzo prossimo. Lezioni di cinema in biblioteca MOSTRE La Potenza dell Amore A Potenza, nei locali delle scale mobili di via Armellini, fino all 8 marzo, mostra d arte contemporanea di 24 artisti lucani intitolata La Potenza dell Amore e organizzata dall Associazione Art&venti 2012 in occasione della Festa di San Valentino. Ricordo di Antonio Sanfilippo A Matera, presso il Museo della scultura contemporanea (Musma), si concluderà il 18 marzo la mostra Ricordo di Antonio Sanfilippo, sculture, progetti, dipinti, disegni A Matera, presso la sede della scuola in via Cappuccini 27, resterà aperta fino al 25 marzo 2012 la mostra-convegno dei lavori realizzati da docenti e studenti del Liceo artistico statale Carlo Levi, a conclusione del progetto di Istituto Il Respiro dell Arte. Il Processo Di Vagno a Potenza A Potenza, presso l Archivio di Stato in via Nazario Sauro 1, si concluderà il 30 marzo la mostra documentaria Il Processo Di Vagno. Il primo omicidio fascista dinanzi alla Corte di Assise di Potenza (1947) (dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17; venerdì e sabato dalle 9 alle 13). Chiaravalle e Maratea unite in nome di San Biagio C Mostra fotografia in movimento A Matera, presso la Galleria di Porta Pepice, si concluderà a marzo la mostra fotografica Due anni di Intrasit/Fotografia in movimento. Italia, 150 anni di memorie A Muro Lucano, presso presso il museo archeologico nazionale, prosegue fino al 15 aprile la mostra multimediale La storia, le storie. 150 anni di memorie, organizzata dalla Soprintendenza per i beni archeologici della Basilicata in collaborazione con il Centro culturale franco-italiano. Mostra di artisti lucani a Potenza A Potenza, negli spazi espositivi all aperto di viale Dante, prosegue fino a maggio la mostra d arte di artisti lucani promossa dall Associazione Art&venti La libertà che vien sui venti A Potenza, presso il museo archeologico provinciale, si concluderà a maggio la mostra documentaria La libertà che vien sui venti. La Basilicata per l Unità d Italia: idealità, azione politica, istituzioni ( ) (dal martedì al sabato dalle 9 alle 20; domenica dalle 15 alle 20). Cabaret d autore al PalaPergola hiaravalle Centrale, in provincia di Cosenza, e Maratea unite nel nome di San Biagio. Una delegazione marateota è stata ricevuta dal sindaco di Chiaravalle Gregorio Tino che si è intrattenuto con il vice sindaco del comune Lucano Biagio Schettino. Un incontro cordiale per rilanciare i festeggiamenti ed avviare le fasi del gemellaggio. Gli amministratori di Chiaravalle restituiranno la visita la seconda domenica di maggio quando a Maratea sono previsti i festeggiamenti. Maratea detiene le reliquie del Santo e organizza imponenti festeggiamenti. Argomenti che hanno entusiasmato i presenti in sala. Ci sarà un pullman con fedeli al seguito che partirà da Chiaravalle Centrale alla volta di Maratea. Le due amministrazioni comunali si prodigheranno adesso per redigere tutti gli atti propedeutici per il gemellaggio in quanto li accomuna l identico patrono, San Biagio. Dopo la visita istituzionale alla presenza del Prefetto di Catanzaro Antonio Reppucci, dell assessore della Provincia di Catanzaro al Turi- smo Salvatore Garito e dal Luogotenente Alfredo Anselmo, Comandante della Stazione Carabinieri, ci sono stati i momenti intensi nella liturgia. Messa celebrata dai parroci don Enzo Iezzi e Gianni Giorgio, presenti i diaco- ni e padre Giuseppe guardiano del conventi dei Padri cappuccini. Parole intese durante l omelia e grande azione di rilancio del Santo patrono, con il rituale della benedizione delle candele. Chiesa invasa da fedeli e da tantissime famiglie. Per i bambini c è stata la particolare benedizione della gola. Giornata importante anche per Biagio Corrado 100 anni, festeggiato direttamente in chiesa dai parenti. Proprio il sindaco si è soffermato sulla figura del nonno centenario che ha compiuto gli anni proprio il giorno del suo onomastico. Esauriti i temi istituzioni e religiosi, i riflettori si sono accessi sull incontro medico scientifico che si è tenuto nella sala di Palazzo Staglianò. Illustri rappresentanti del Centro oncologico della Fondazione Campanella e dell Università Magna Grecia di Catanzaro si sono soffermati sul tema dei tumori API via Potenza LAURIA AGIP via Nazionale IES via Nazionale INCONTRO Una delegazione marateota ha incontrato gli amministratori di Chiaravalle centrale, in provincia di Cosenza Un gemellaggio sulle orme del patrono. Due paesi insieme per i festeggiamenti Raccolta di opere grafico-pittoriche A Matera, presso il complesso Le Monacelle, prosegue la mostra Sea Stories, raccolta di opere grafico-pittoriche dell artista milanese di origini lucane Renero (tutti i giorni dalle alle 20.30). Benedetto Croce, da Napoli a Valsinni A Valsinni, presso il castello Isabella Morra, prosegue la mostra Benedetto Croce: da Napoli a Valsinni sulle tracce di Isabella.. che interessano la testa ed il collo. In sala Aldo Quattrone Rettore dell università degli studi di Catanzaro, Sinibaldo Esposito diretto generale della Fondazione «Tommaso Campanella». La relazione di base è toccata al professor Aldo Garozzo docente universitario all università catanzarese, che ha parlato dei tumori del distretto testa collo, con tutto il susseguirsi di esperienze maturate in questi ultimi anni di lavoro. Nicola Lombardo primario dell unità operativa di otorinolaringoiatra, ha parlato del ruolo nella Regione Calabria della struttura sanitarie di Germaneto e del rapporto con i medici di base. Sulle problematiche che affliggono la gola sia il professor Aldo Garozzo che il dottor Nicola Lombardo, hanno parlato di servizi di eccellenza che la struttura universitaria riesce a garantire ai pazienti calabrese. L obiettivo è quello di abbassare il numero dei cosiddetti viaggi della speranza e fornire ai pazienti cure adeguate per uscire fuori dal tunnel dei tumori che attaccano la gola. NUMERI UTILI CARABINIERI 112 POLIZIA 113 EMERGENZA INFANZIA 114 VIGILI DEL FUOCO 115 GUARDIA DI FINANZA 117 EMERGENZA SANITARIA 118 CORPO FORESTALE 1515 TELEFONO AZZURRO TELECOM SERVIZIO GUASTI 187 ACI SOCCORDO STRAD FERROVIE DI STATO SOCCORSO IN MARE 1530 GUASTI ACQUA AMGAS ITALGAS PRONTO ENEL ACTA NETTEZZA URBANA COTRAP CASAM ACAT Ass. alcolisti in trattamento TELEFONO PER SORDI Centralino voce Centralino D.T.S FOND. ANTIUSURA / POTENZA FARMACIE APERTE DI NOTTE SAVINO p iazza Don Bosco, 18 AGIP raccordo aut. Q8 raccordo aut. MELFI GIUDICEvia Vittorio Emanuele, 5 AGIP largo Stazione IP S.S. 93 ESSO via A. Moro RIONERO OSPEDALE CERVONE via Fortunato, 4 PAPA via N. Sauro, 75 VENOSA API via Roma LAVELLO CAPRIOLI corso G. Fortunato ERG via Verdi ESSO via Roma LAGONEGRO COLANGELORione piano Lippi AGIP Ss DI TOMASO via Nazionale, 7 AGIP piazza Miraglia, via San Pietro CATANIA via Fontana Inferiore SENISE PISANO via Martiri D Angola, 128 AGIP Statale Sinnica uscita Senise VILLA D'AGRI CAIAZZA via V. Emanuele, 9 (Viggiano) MATERA SERVIZIO TAXI / FARMACIE APERTE DI NOTTE VISCANTI via Mattei ACI IP viale delle Nazioni Unite AGIP via Dante, via Lucana API statale 99 per Altamura ERG via La Zazzera ESSO via Dante, via Lucana IP via La Martella Q8 via Annunziatella, via Nazionale BERNALDA / POLIZIA MUNICIP. METAPONTO0835/ PALUMBO corso Umberto I, 199 FERRANDINA MORANOC. Vittorio Emanuele, 21 Q8 via Olmi MONTESCAGLIOSO / BEATRICEvia D Alessio, 13 PISTICCI / LOFRANCO C.so Margherita di Savoia, 55 POLICORO / DE SANTIS via Berlingieri, 80

8 Estratto da: Il Quotidiano della Basilicata PAG. 8 Potenza 19 REDAZIONE: Via Nazario Sauro, Potenza - Tel Spacciandosi per corrieri entrano negli appartamenti e imbavagliano le vittime Quel pacco per svaligiare le case Ieri a Macchia Giocoli la prontezza di una donna ha messo in fuga i ladri LO stratagemma che utilizzano è sempre il solito: citofonano e, spacciandosi per corrieri che devono consegnare un pacco, si fanno aprire il portone, raggiungono l appartamento preso di mira, bussano al campanello e si introducono nell abitazione dove probabilmente sanno che in quel momento si trova solo una persona. Una volta entrati immobilizzano la vittima, la legano e la imbavagliano e poi ripuliscono l appartamento. E accaduto anche ieri mattina intorno alle in un abitazione a Macchia Giocoli. In casa c era una signora con il suo bambino. La donna, figlia della proprietaria dell appartamento - la mamma in quel momento si trovava nel suo negozio di frutta e verdura che si trova poco distante dall abitazione, particolare questo che non è da escludere fosse noto a La Mobile quella che ferma non è da un gruppo escludere sia una vedi persone ra e probanda In Questura pria anche ben organiznotte di - ha interrogatori zata aperto la porta e i ladri hanno subito tentato di immobilizzarla. La donna, però, è riuscita a impedire che venisse legata, precipitandosi poi sul balcone e ha cominciato a gridare e a chiedere aiuto. Alle urla della donna i ladri si sono immediatamente dileguati, mentre nel frattempo alcuni vicini di casa hanno chiamato il 113. Gli agenti della Polizia sono giunti sul posto e hanno raccolto la denuncia della donna. Quello di ieri, però, non è un caso isolato. Negli ultimi giorni, infatti, utilizzando la stessa tattica il gruppo ha già agito anche a rione Murate dove hanno svaligiato almeno tre appartamenti. E intanto nel pomeriggio gli agenti della Squadra Mobile, agli ordini di Barbara Strappato, hanno fermato e portato in Questura un decina di persone, di nazionalità italiana, intercettate a quanto pare nei pressi di via Oscar Romeo, nel rione di Macchia Romana. Potrebbero essere loro gli autori dei colpi messi a segno negli ultimi giorni? Al momento di andare in stampa non si sono avute conferme ufficiali. Di certo si sa che alle persone fermate - gli investigatori li stanno interrogando da ore - sono state anche prese le impronte digitali forse per compararle con quelle raccolte dalla Scientifica negli appartamenti svaligiati. Il consiglio è comunque quello di non aprire né portoni, né porte a quanti si spacciano per corrieri che devono consegnare un pacco. Alessia Giammaria COLPO NELLA NOTTE Furto all Aci Rubati un pc e un televisore Alcune palazzine di Macchia Giocoli dove ieri la banda ha tentato un nuovo colpo. A destra il capo della Mobile, Barbara Strappato Il gruppo diretto ad Atene è stato accolto dal sindaco Santarsiero I Marcheros in piazza Oggi alle 18 assemblea pubblica con i cittadini «UNA battaglia pacifista di assoluto valore che vuole richiamare l attenzione di tutti sui valori della democrazia e della solidarietà con le popolazioni colpite dalla crisi economica». Con questa parole il sindaco di Potenza, Vito Santarsiero ha accolto, il gruppo di Marcheros che dopo le soste a Vietri e a Picerno ieri sono giunti a Potenza e hanno occupato pacificamente piazza Mario Pagano dove hanno montato le loro tende e hanno parcheggiato i carrelli che contengono tutte le loro poche cose. Tende e carrelli sono in fondo i simboli che contraddistinguono il gruppo di Indignados che dallo scorso novembre si sono messi in marcia - punto di partenza Nizza - alla volta di Atene divenuta la capitale simbolo della protesta contro il potere capitalista ed economico che oramai tiene sotto scacco non solo la Grecia ma anche l Italia. Il gruppo non è passato inosservato e ha destando anche qualchemugugno -più di qualcuno si è chiesto è mo chi sono questi? - tra i potentini che si sono trovati a passare per via Pretoria. Il sindaco Santarsiero, accompagnato dal comandante della Polizia locale, Donato Pace, appena ha saputo dell arrivo dei Marcheros ha deciso di salutare i ragazzi e dare loro il benvenuto in città. E l entusiasmo per questa visita inaspettata il primo cittadino lo ha espresso anche in un tweet: Tappa a Potenza degli Indignados pacifisti convinti per una causa giusta e di equità sociale. Benvenuti. Amministrazione comunale e Caritas vi sostengono. La loro idea di protesta è «certamente una modalità inedita - ha aggiunto - che comunque va apprezzata, anche per il forte valore simbolico che riveste». Ma non solo il sindaco ha accolto bene i ragazzi. Anche il prefetto, Antonio Nunziante, il questore, Romolo Panico, e tutti gli agenti della Digos, della Polizia municipale e di Stato si sonodimostrati ospitaligesten- Il sindaco Santarsiero e il comandante Pace appena giunti in piazza Pagano. In basso tende montate e due Marcheros mentre mostrano uno striscione (f.mattiacci) do nel miglior modo possibile una situazione sicuramente non consueta. Poi ci si è attivati per assicurare un ricovero dignitoso e un assistenza per quello che riguarda il vitto ai Marcheros. In prima linea gli uomini della Protezione civilecomunale emasoprattutto la Curia diocesana, la Caritas e il Cestrim. E per oggi Santarsiero ha messo a disposizione dei ragazzi la sala dell Arco dove il gruppo terrà un assemblea. Ad occuparsi dei diversi aspetti organizzativi è stato delegato l'assessore comunale alla Protezione civile Nicola Lovallo. I Marcheros, provenienti da diverse nazioni europee, Spagna, Francia, Olanda, Svizzera, Germania e Italia, a metà maggio raggiungeranno Atene, meta finale del loro viaggio. I ragazzi questa sera alle 18 terranno una riunione pubblica con i potentini in piazza Mario Pagano. al.g. L ingresso dell Aci CI hanno preso proprio gusto. Ovviamente stiamo parlando dei topi d appartamento che, però, questa volta non sono entrati in una casa ma nella sede dell'automobile club di Potenza, di viale del Basento. Prima hanno scavalcato la recinzione che delimita la strada dal parcheggio per i dipendenti e il personale interno, poi hanno letteralmente divelto la saracinesca vicina alla porta d ingresso e una volta entrati hanno cominciato a mettere a soqquadro la sede dell Aci. Dagli uffici sono stati prelevati un televisore e un computer portatile. I responsabili dell Aci di Potenza, il presidente Francesco Solimena, il direttore Francesco Guarino e il consigliere Francesco D Onofrio sono giunti intorno alle 7 di ieri mattina nella sede di viale del Basento per prelevare documenti da consegnare poi a Roma. Quando hanno notato la saracinesca divelta hanno capito subito che c era qualcosa che non andava e sono saliti immediatamente negli uffici dove si sono accorti che mancavano un televisore e un computer. Carte e documenti tecnici fortunatamente non sono stati portati via. I tre dirigenti prima di partire per Roma hanno immediatamente allertato i Carabinieri, giunti sul posto per le indagini. Per tutta la mattinata Francesco Guarino è rimasto nella Caserma dei Carabinieri per la denuncia del furto. Nel pomeriggio tutto è tornato alla normalità e tutte le attività sono riprese tranquillamente. La recrudescenza di questi fenomeni di micro-criminalità comincia a preoccupare non poco i cittadini alle prese, negli ultimi mesi, con diverse visite sgradite, nelle zone di Montereale, Parco Aurora, via Mazzini, via del Gallitello e Malvaccaro. Francesco Menonna

9 pelore ark o la ha conmi, il new. ana i à e a a he ai a PAG. 9 Potenza 21 AGENDA APPUNTAMENTI o 2012 Estratto da: Il Quotidiano della Basilicata Oggi allo Stabile di scena Socrate Chiude Corleto cuore del Risorgimento lucano QUESTA sera, con sipario alle 20, al teatro Francesco Stabile la compagnia Fedro porterà in scena Socrate, scritto da Pasquale Tucciariello, autore anche del film Quinto Orazio Flacco, per la regia di Giusi Zaccagnino. In scena Mauro Corona, Giuseppe Pergola, Chiara Lostaglio, Francesco Traficante, Cristian Strazza, Simonetta Rizzitiello, Rocco Gruosso, Antonella Sterlicchio, Maria Pia Boezio, Andrea Lapenna. SABATO 3 marzo si terrà la manifestazione di chiusura Corleto cuore del Risorgimento Lucano, a partire dalle 10 e 30 nella piazzetta coperta del Risorgimento Lucano (Piano terra palazzo municipale). Tra gli interventi, il sindaco Rosaria Vicino, il coordinatore del cammino d intesa. Le conclusioni saranno affidate al sottosegretario di Stato e coordinatore regionale 150esimo, Giampaolo D Andrea. CINEMA LA STORIA DEL FEMMINISMO ATTRAVERSO TRE GENERAZIONI Ranieri Tito scalo / Nina e le donne di Cecilia D Elia ha trasmesso il senso di una grande storia Sala 1 COM E BELLO FAR L AMORE..(pausa) «Contenta di essere femmina» «CONSEGNARE la consapevolezza di una grande storia». E questo il senso del libro Nina e i diritti delle donne, di Cecilia D Elia, lucana di nascita ma romana d adozione, vicepresidente e assessore alle Politiche culturali della Provincia di Roma. La storia che ha voluto raccontare in questo libro didattico, rivolto a bambini e adolescenti, è una storia complicata, ma gioiosa e ottimista. È la storia dell autodeterminazione delle donne, da quando non potevano nemmeno votare a oggi. «E l emersione della soggettività dei diritti delle donne - ha detto l autrice, durante la presentazione del volume al Museo provinciale di Potenza - singole storie di libertà in una storia collettiva». Un storia particolare, quella «di cui non si parla - ha aggiunto - e che non si insegna nelle scuole». Non è solo una sensazione. Lo testimoniano i racconti della preside del liceo scientifico di Potenza, Camilla Schiavo. «Sempre più spesso mi capita di imbattermi in ragazze affettivamente dipendenti dai propri fidanzati, che attraverso l uso delle nuove tecnologie esercitano su di loro un effetto di controllo. In ragazze che sanno poco o nulla delle leggi sull aborto o sul divorzio. E mancata la cultura dei diritti delle donne, soprattutto nelle scuole. Abbiamo dato per scontato ciò che in una relazione educativa non andrebbe mai dato per scontato». Lo ha fatto la scuola quanto la famiglia. Nina nel libro racconta la storia delle donne passando per quella della mamma e ancor prima della nonna. Fa ciò che i bambini normalmente fanno: domanda. «Mamma, perché solo tu hai il cognome diverso dal nostro?», riferendosi a lei, al fratellino e al papà. E allora che inizia la lunga chiacchierata che porterà Nina ad affermare: «Sono contenta di essere femmina». Nina fa conoscere ai bambini e fa domandare agli adulti: «Ognuno di noi ha saputo trasmettere tutto ciò con altrettanta semplicità nei luoghi opportuni, ovvero in famiglia?». L'adulta in questione è Liliana Guarino, consigliera provinciale delle pari opportunità che mette in discussione lo stesso ruolo della donna in questo percorso di emancipazione «lungo e lento, quando la più audace alza il dito per contestare le difficoltà». Si tratta di riprendere coraggio. Anche di fare figli. Lo dice chi ha riacceso il dibattito in Italia riunendo per la prima volta dal femminismo le donne: Francesca Izzo, promotrice della manifestazione Se non ora quando. «Nel nostro paese c è un indicatore sulle pari opportunità: il basso tasso di natalità. Le donne non fanno più figli». Per paura. Di perdere il lavoro, di Sala 2 QUASI AMICI Sala 3 HUGO CABRET (35 mm) BENVENUTI AL NORD (pausa) Sala 4 UN GIORNO QUESTO DOLORE Sala 5 VIAGGIO NELL ISOLA... (3D) (pausa) Sala 6 IN TIME Sala 7 PARADISO AMARO KNOCKOUT - RESA DEI CONTI Due Torri - via Due Torri Sala 1 VIAGGIO NELL ISOLA... (3D) Sala 2 COME E BELLO FAR l AMORE Don Bosco - piazza Cagliari THE IRON LADY Viaggio nell isola... Oreste Lo Pomo accanto all autrice del volume, Cecilia D Elia, durante la presentazione del libro al museo provinciale non farcela, «rinunciando alla possibilità di vivere con coraggio le proprie scelte». Tutte queste problematiche vengono affrontate dall autrice in modo fresco e leggero «per questo è prezioso - afferma Adriana Salvia, presidente della Libera Università delle donne di Basilicata - e ancor di più perché permette di passare un testimone. La Libera uni- versità in fondo nasce anche per questo, oltre che dal desiderio di mettere insieme idee, malcontenti ed energie». Di uomini e donne. Il libro, scritto con penna e taccuino in un parco, vicino a una giostra per bambini, termina con una immagine: Nina che gioca con il papà. Sono queste le pari opportunità. Anna Martino IL CONVEGNO Il rapporto tra Psicologia e sport PSICOLOGIA e sport, insieme verso il benessere. Questo il tema del convegno in programma il prossimo 3 marzo alle 9 nella sala conferenze dell Ordine degli psicologi in via della Chimica 61. La giornata di studio è organizzata dall'ordine degli Psicologi di Basilicata in collaborazione con la Basilia Basket Potenza e prevede l'intervento di esperti del settore e di esponenti delle istituzioni. All in contro parteciperanno l assessore regionale alla Sanità, Attilio Martorano, Eustachio Tortorelli, presidente regionale del Coni, la psicologa e psicoterapeuta Marina Pecoriello, la psicologa dello sport, Marina Gerin Brisa e l assessore regionale alla Formazione, Vincenzo Viti. BACCO RISTORANTI POTENZA HOTEL SUMMA Sean è un ragazzo scontroso, che con fatica prova a superare la scomparsa del padre, l arrivo del nuovo fidanzato della madre e l abbandono del nonno, da due anni sparito dai radar di famiglia. Fino a quando uno strano messaggio radio giunge nella sua cameretta. Decifrato il codice Sean scopre che la celebre Isola Misteriosa di Jules Verne è reale, e lo sta aspettando nel cuore dell Oceano Quasi amici Quasi amici, ispirato ad una storia vera, racconta l incontro tra due mondi apparentemente lontani. Dopo un incidente che lo ha reso paraplegico, il ricco aristocratico Philippe assume Driss, ragazzo di periferia appena uscito dalla prigione, come badante. L'improbabile connubio genera altrettanto improbabili incontri tra Vivaldi e gli Earth, Wind and Fire, dizione perfetta e slang di strada, completi eleganti e tute da ginnastica ANTICA OSTERIA MARCONI FUORI LE MURA LA TORRE GOBLIN S MOZART LO SFIZIO NINFE MILLE UNO AL DRAGO SACCO TOURIST C ERA UNAVOLTA AL DUOMO MIMI LA TRATTORIA DUE TORRI FILO D ORO SARRICCHIO LA TETTOIA TRIMINIEDD TRE MARI RISTORANTI PIGNOLA LA TAVERNA DEL BOSCAIOLO HURRICANE IL TRIANGOLO L OASI SINGAPORE SLING TAVERNA ORAZIANA ISUCCIO LA CANTINA DI ROSA PEPE IL GAMBERO ROSSO LA TAVERNA DEI BRIGANTI IMPERIAL OSTERIA GAGLIARDI LA PRIMULA RISTORANTI AVIGLIANO IL FORNO D ORO RISTORANTI BRIENZA HOTEL EDEN AL NORD AL VECCHIO LUME AGRITURISMO STELLA AL POGGIO DA TUCCIO MACCHIA PAOLO RIO BRAVO LOPARDO ANTONIO RISTORANTI BELLA IL GROTTINO LE TERME DI CARLUCCI LE ANFORE VERDI COLLI RISTORANTI MURO LUCANO IL CASERECCIO BARILE ANTONIETTA DELLE COLLINE LE TAVERNE MIRAMONTI RISTORANTI ALBANO TOMACCI NICOLA FONTANILI IL RIFUGIO RISTORANTI CALVELLO IL VOLTURINO PIETRAPANNA LA LANTERNA RISTORANTI TRIVIGNO MASSERIE MARINO FORESTERIA DI SAN LEO

10 Estratto da: Il Quotidiano della Basilicata PAG CULTURA E SPETTACOLI Dal 23 marzo Rocco torna al cinema con una commedia al fianco di Luciana Littizzetto e Pietro Castellitto Papaleo padre normodotato di un pornostar LA formula è accattivante. Rocco Papaleo, rivelazione dell ultimo Festival di Sanremo, padre normodotato di un figlio (Pietro Castellitto, figlio di Sergio e Margaret Mazzantini) che scopre essere un astro nascente del cinema porno. È quello che accade nel film E' nata una star di Lucio Pellegrini che sarà nelle sale dal 23 marzo distribuito dalla Warner. Moglie del disgraziato Luciana Littizzetto. Il film, tratto dall omonimo romanzo dello scrittore britannico Nick Hornby (pubblicato da Guanda), ha appunto al centro della storia Marco (Castellitto), ragazzo timido, impacciato e senza doti, ma che scopre all improvviso di averne una, perfetta per diventare pornostar. Ma nel film il cinema hard, come si legge nelle note di regia, è solo lo sfondo del vero soggetto: ovvero la crisi di due genitori abbastanza normali dopo l inattesa e più che imbarazzante scoperta. Tra le cose più divertenti del trailer i mille interrogativi che si fa il padre Fausto (Papaleo) sul perchè lui, da sempre normodotato, si ritrovi ad MATERA - Per antonomasia il violino è lo strumento del Diavolo e Niccolò Paganini ne è stato il sommo sacerdote : un artista demonico per il quale si arrivò a dire che non è l'uomo a suonare lo strumento, ma lo strumento stesso ad impadronirsi del corpo umano. A questo straordinario strumento sarà dedicato Sabor de España, il prossimo appuntamento della stagione concertistica Matera in Musica, organizzata dal Festival Duni e dall'orchestra Ico della Magna Grecia. Il concerto questa sera, alle ore 21, all'auditorium R. Gervasio di piazza Sedile a Matera. Con questo concerto Matera ospiterà uno dei massimi virtuosi del violino: lo svizzero Alexandre Dubach, artista dalla tecnica assoluta e capace di interpretazioni di grande spessore e profondità, non a caso ha inciso per diverse etichette anche le opere di Paganini. In Sabor de España a dirigere dal podio l'orchestra della Magna Grecia ci sarà la giapponese Keiko Mitsuhashi che, poco più che trentenne, si è già segnalata come una delle più promettenti bacchette del panorama internazionale: dopo gli studi in Giappone, Keiko Mitsuhashi si è poi specializzata in direzione d'orchestra in Europa, in particolare presso la Universität für Musik und dartstellende Kunst di Vienna e presso l'accademia Musicale Chigiana di Siena. Nella prima parte di Sabor de España sarà eseguita, con Alexandre Dubach solista, una composizione di grande fascino: la Sinfonia spagnola di Édouard Lalo. Si tratta di un concerto per violino e orchestra in cinque movimenti, ancora oggi molto popolare, nel quale il compositore francese ha attinto al folklore e ai ritmi popolari iberici reinterpretandoli in un avere un figlio così esageratamente esuberante. E ancora più divertente sono i modi in cui la vivace Luciana (proprio quella Littizzetto che vediamo ogni domenica nella trasmissione di Fabio Fazio parlare di sesso a modo suo) viene a scoprire questa dote nascosta del figlio. Ovvero da una vicina di casa pettegola, che una mattina gli fa perfidamente trovare nella buca delle lettere un video hard con Marco in copertina. Un Marco esplicitamente impegnato nel suo lavoro. E mentre il padre rifiuta la realtà e la madre cerca solo di capire quello che sta accadendo, entrambi, alla fine, si chiedono come sia stato possibile non saperne nulla. Il film, che ha avuto il sostegno della Film Commission Piemonte, si annuncia comunque in pieno stile Hornby, ovvero tanta leggerezza anche sui temi drammatici. Per Pietro Castellitto, 20 anni, studente di filosofia, è il primo lavoro da protagonista, dopo alcune parti nei film del padre come La bellezza del somaro fino a Venuto al mondo con Penelope Cruz. La locandina del film con Papaleo E nata una star Il maestro svizzero in concerto a Matera con l Orchestra Ico Sabor de España con il violino di Dubach Andrea Bocelli messo ko dalla faringite ANDREA Bocelli fermato da una grave forma di faringite acuta. Il tenore si è sottoposto ad una visita specialistica presso l Ospedale di Pisa e i medici gli hanno sconsigliato di sottoporsi ad ogni ulteriore sforzo vocale, costringendolo ad annullare tutti gli impegni fissati per le prossime settimane. Salta quindi l'appuntamento nell ultima delle tre recite in cui era prevista la sua presenza. Sarà il tenore francese Jean Francois Borras a sostituire Bocelli sul palco del Carlo Felice. Un giro di Walter su Rai 2 LE VALLI DEL TEATRO Eleonora e Gianfranco Due ragazzi irresistibili Alexandre Dubach contesto di indubbia personalità, fino ad ottenere una composizione caratterizzata da un affascinante spagnolismo non di maniera. Nella seconda parte del programma l'orchestra della Magna Grecia, ancora diretta da Keiko Mitsuhashi, eseguirà la Arlésienne di George Bizet: è una suite per grande orchestra in cui il compositore francese porta in musica, con straordinaria efficacia, il dramma di Alphonse Daudet in cui viene sviluppato il tema romantico di una passione che porta alla follia fino alla morte. L'Orchestra ICO della Magna Grecia è sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali, dalla Regione Basilicata, dalla Provincia di Matera, dal Comune di Matera; partner culturale per la Stagione la Banca Carime, con il sostegno della Shell Italia E&P S.p.A. Prossimo appuntamento il 7 marzo 2012, con variazione location presso il Teatro Duni: La chitarra gitana, Stochelo Rosenberg e Salvatore Russo con l'orchestra Ico della Magna Grecia, diretta dal maestro Maurizio Lomartire. STIGLIANO - Anticipato a questa sera l appuntamento a Stigliano di Gianfranco D Angelo e Eleonora Giorgi. Nell ambito della rassegna Le Valli del Teatro, i dueattori propongono la piéce teatrale Due ragazzi irresistibili di Mario Scaletta per la regia di Ennio Coltorti. Alle ore 21 al Centro Sociale D Angelo Giorgi replicano lo spettacolo proposto ieri sera al Teatro Mariele Ventre di Sasso di Castalda. Lo spettacolo è una gita in barca su un mare di risate intervallate da riflessioni ironiche ed amare ma sempredivertenti. Ildivertimento è assicurato. Gianfranco D Angelo ed Eleonora Giorgi sulle onde dei decenni intrecciano i loro ricordi umani e professionali. Il comico ironico e dissacrante. E poi l attore che fa commuovere e pensare. La bellissima interprete di tanti film di successo, alla quale lamaturità non ha tolto la voglia di ridere e di prendersi in giro. Un uo- Eleonora Giorgi e D Angelo mo e una donna: due bambini un po cresciuti ma con l anima da ragazzacci. Le loro parole sono scandite dalle canzoni, interpretate dalla giovane, calda voce di Tania: una autentica rivelazione. Emozionanti i balletti. Spettacolo spiritoso e graffiante per ridere e sorridere. Anzi, per ricordare e commuoversi attraverso gli occhi e l anima di: due ragazzi irresistibili. A Le Valli del teatro emozionarsi non è mai stato mai così divertente. RAI 150, per la serie La Storia siamo noi presenta, questa sera alle su Rai2, «Un giro di Walter». All indomani del grande successo riscosso dalla fiction di Rai1 dedicata alla vita di Walter Chiari, La Storia siamo noi propone un ritratto di colui che è stato definito «il primo comico italiano moderno» che ha cambiato il nostro modo di ridere. Attore di prosa, di rivista, di cinema e, soprattutto di televisione: in due parole Walter Chiari. Calopresti nel CdA della Fondazione Mimmo Rotella FOTOGRAFIA L arte di Di Lecce in mostra nello spazio Malatesta MATERA - Ultimo giorno utile per visitare l opera di febbraio nello spazio espositivo allestito dall associazione Tempa Rossa all Osteria Malatesta in via San Biagio. Valdrada, le città e gli occhi è la fotografia a colori in stampa digitale, realizzata da Michele Di Lecce, scelta dalla ideatrice e curatrice del progetto Adele Caputo. Michele Di Lecce nasce a Matera dove vive e lavora. Si dedica alla fotografia con particolare interesse verso le culture dei Paesi visitati nei suoi numerosi viaggi in Centro e Sud America e in Africa. Ricerca attraverso le immagini, le connessioni tradizionali e culturali fra il sud del mondo e il territorio in cui vive. Ha pubblicato con Maurizio Camerini Pedagogie africane per La Meridiana edizioni. Per definire l opera, l autore prede in prestito da Italo Calvino un passo de Le città invisibili : Gli antichi costruirono Valdrada sulle rive d'un lago con case tutte verande una sopra l'altra e vie alte che af- facciano sull'acqua i parapetti a balaustra. Così il viaggiatore vede arrivando due città: una dritta sopra il lago e una riflessa capovolta.. Lo specchio ora accresce il valore delle cose, ora lo nega. Non tutto quello che sembra valere sopra lo specchio resiste se specchiato. Le due città gemelle non sono uguali, perché nulla di ciò che esiste o avviene a Valfrada è simmetrico: a ogni viso e gesto rispondono dallo specchio un viso o gesto inverso punto per punto.. CAMBIO della guardia nel Cda della Fondazione Mimmo Rotella. Piero Mascitti ha indicato il regista calabrese Mimmo Calopresti al suo posto come Consigliere d Amministrazione a vita della Fondazione Mimmo Rotella. Mascitti, in ogni caso, conserverà il suo ruolo come membro del comitato scientifico e di Direttore generale della Fondazione Mimmo Rotella fino alla scadenza del contratto.

11 Estratto da: La Nuova del Sud PAG. 11 _Basilicata Primo Piano Basilicata _ 5 CRONACA GIUDIZIARIA Matera, pianto liberatorio durante le parole del giudice. Temevamo l avessero uccisa per la terza volta Trent anni a Paolo Chieco Omicidio Fontana, ieri la sentenza. La mamma di Anna Rosa: Ora ho fiducia nella giustizia di DEBORA DESIO MATERA - Udienza tan- Anna Rosa Fontana e to attesa quanto carica di Paolo Chieco tensione, quella che ieri ha visto la condanna di Paolo Chieco a 30 anni per Ma l avvocato Ruggi che l omicidio di Anna Rosa rappresenta la famiglia Fontana, ammazzata il 7 Fontana, ha mantenuto la dicembre 2010 con otto sua linea, ovvero non socoltellate. L imputato, a cui lo le aggravanti esistono era stato riconosciuto il ri- e andavano considerate, to abbreviato, conosceva ma per la crudeltà della richiesta del pm, Ales- l omicidio la pena avrebsandra Susca, appunto 30 be dovuto anni, ma il suo difensore, essere l erl avvocato Michele Scalcio- gastolo. In ne, durante la sua arrin- merito poi ga ha difeso l uomo adot- alla questiotando una linea difensiva ne stalking che rigettava le aggravan- l avvocato ti. La premeditazione e lo Ruggi ha stalking non esistono in ricordato questa vicenda ha dichia- che l uomo rato il difensore, ed ha ag- era colpito giunto bisogna essere da un provobiettivi ed analizzare la vedimento natura di questo rappor- restrittivo to, era un amore malato. nei confronil caso è stato amplifica- ti di Anna to dall attenzione media- Rosa, che tica, una scelta, quella di gli vietava apparire in tv, che riten- di avvicigo barbara e ingiusta. narsi, donon ha fatto altro che ac- vendo ricrescere e mistificare la si- spettare tuazione e di certo non 300 metri onora la vittima. L eco ri- di distanza servato a questo caso dalla donnon sta dando la giusta ca- na. Se vi era un provvediratura al procedimento. mento, di certo era stata Non esiste ancora una accertata una situazione sentenza passato ingiudi- di stalking in atto, il procato del processo per stal- cesso può confermare o abolire tale king che veadozione, de imputato La difesa del ma non il mio cliente, per cui di legale di Chieco: mette in discussione lo stalking Nessuna status. non si può premededitazione Anche la parlare. Per cui e stalking, Era un premeditaè cersecondo la amore malato zione ta, l uomo linea adotha preso da tata dalla difesa e, rigettando quin- casa sua un coltello di tidi le aggravanti, a giudi- po dissossatore, con una zio Chieco avrebbe preso lama da 44 cm ed ha atmeno anni, forse ventuno. teso la vittima sotto casa, POTENZA - Ha preso parte al processo come un teste dell accusa, ma la sua deposizione potrebbe giocare a favore della difesa. Il processo a carico di Domenico De Fina, unico imputato davanti alla corte d assise di Potenza con l accusa di aver ucciso il padre, Egidio Francesco De Fina, il pomeriggio del 30 settembre 2001 in un casolare di campagna alla periferia di Senise, è ri- aggredendola nel mo- tenza tutti i familiari di mento in cui rientrava. Anna Rosa sono scoppianon vi è stato un incon- ti in un pianto emozionatro casuale, ma un azione to e liberatorio. Mamma precisa, contravvenendo Camilla ha dichiarato per prima fianche al nalmente è provvedimamma Camilla: stata fatta mento re Se mia figlia non giustizia, strittivo. Abbiamo avesse incontrato ora possiamo tornare chiesto una quell uomo ad avere fipena più severa, come sarebbe stata una ducia nella Se l ergastolo, donna perfetta giustizia. mia figlia ma la sennon avesse tenza è coerente con i fatti ha sotto- incontrato quell uomo salineato l avvocato Carmi- rebbe stata una donna perfetta. Lui non solo le ha rone Ruggi. Alla lettura della sen- vinato l esistenza, ma me zione dai pubblici uffici (art. 29 e 32), ad ulterioil Palazzo di Giustizia di ri tre anni al termine delmatera la pena, in regime di libertà vigilata (art. 229 e 230), al risarcimento danni in l ha pure portata via. La sede civile per 2.718,00 sentenza di certo non mi più le spese processuali restituisce mia figlia, ma nei confronti di Camilla ha fatto giustizia. Le so- Schiuma e dei figli di Anrelle di Anna Rosa, Anto- na Rosa, 1.942,00 cianella e Paola sulla stessa scuno per le due sorelle linea della mamma han- Antonella e Paola, oltre ad no affermato durante la un provvisionale per la comattinata stituzione di parte civile, abbiamo te- che per mamma Camilla, muto che il padre Vito Fontana e dei non venis- tre figli di Anna Rosa il se fatta giu- giudice ha quantificato in stizia e che 100mila, mentre per le nostra so- sorelle di Anna Rosa sarrella venis- di ciascuna (art. se ammaz- 538 e 542). Il giudice ha zata per la preso 15 giorni di tempo terza volta. per depositare le motivapaola Fon- zioni. L avvocato Scalciotana ha ag- ne, ha anticipato che dogiunto po la lettura delle motiva ascoltando zioni potrebbe decidere di il giudice ricorrere alla Corte d Asmentre leg- sise d Appello per impugeva la sen- gnare la decisione. La sentenza mi so- tenza ha anche disposto no davvero di sospendere la patria poricreduta, testà nei confronti della fiora posso glia che Chieco ha avuto dire che da Anna Rosa. E stato una giusti- precisato inoltre che ladzia c è. An- dove l uomo - per motivi tonella Fontana invece ha di salute - dovesse uscire sottolineato era impor- - dovrà mantenersi lontatante per tutti noi riusci- no dalla figlia e dalla fare ad avere giustizia, ma miglia di Anna Rosa. Al soprattutto questa senten- momento, la sentenza ha za è imporregalato altante per i la famiglia Disposta la tre figli di Fontana Anna Rosa, sospensione della uno spirito ne avevano patria potestà nei ed una prebisogno ed confronti della disposizioora possone diversa no ricomin- figlia avuta dalla per affronciare ed antare la prosrelazione dare avansima udienti. La senza, del 2 tenza, nello specifico ha marzo dove Paolo Chieco condannato l uomo a 30 è imputato per stalking anni di carcere (art. 438, nei confronti dell ex con533, 535 cpp), all interdi- vivente. Omicidio De Fina, la testimonianza di un amico scagiona il ragazzo accusato di aver ucciso il padre Era con me, parlammo e passeggiammo preso ieri mattina con la testimonianza di un amico dell imputato che, davanti ai giudici, ha ribadito quanto dichiarato spontaneamente ai carabinieri il giorno dopo il delitto. Il pomeriggio del 30 settembre incontrai Domenico De Fina intorno alle 18 in corso De Gasperi e andammo insieme al bar a prendere una birra. Ci siamo poi intrattenuti lungo il corso fino alle 20:30. Mezz ora dopo sarebbero arrivati proprio i carabinieri che, nelle ore immediatamente successive al delitto, avevano già concentrato le loro attenzioni proprio sul figlio della vittima, invitato a se- guirli in caserma per un primo interrogatorio. Egidio Francesco De Fina sarebbe stato ucciso intorno alle 16:30. Dopo poco più di un ora, quindi, secondo quanto riferito in aula dal testimone, Domenico De Fina passeggiava per le vie del paese: Era abbastanza tranquillo ha continua- to il teste e così rimase fino a quando era in mia compagnia. Quella sera parlammo della sua vita a Milano, senza mai citare alcuna problematica riguardante i rapporti con la sua famiglia. Secondo l accusa, invece, quel pomeriggio di inizio autunno l uomo avrebbe raggiun- to il padre in campagna e, al termine di una lite scoppiata per questioni economiche, lo avrebbe ucciso, colpendolo violentemente con un corpo contundente, probabilmente un bastone. La perizia dei Ris di Roma sugli indumenti e i fazzoletti sequestrati all epoca del delitto, aveva però dato esito negativo, lasciando ancora aperti molti interrogativi. (F.D.V.)

12 Estratto da: La Nuova del Sud PAG. 12 _Potenza e Provincia_ 17 C è chi non sa rinunciare allo sport, chi ai fornelli, ma la vera novità è rappresentata dall arte POTENZA C è chi non rinuncia alla partita di calcetto, chi ama andare per boschi, chi passa ore in cucina o a intagliare bastoncini di legno. Chi si dedica esclusivamente a mogli, mariti, fidanzati e figli. Chi non facendone mistero non disdegna il divano. E la Basilicata del tempo libero che si divide fra sport, cinema, danza e social network, strizzando l occhio alle collezioni tradizionali. Per i lucani restano un autentica passione: autografi, francobolli, cartoline, figurine, e magliette. E se negli ultimi tempi si è rinnovato il gusto per il verde e il giardinaggio, la vera novità è rappresentata dall arte. La passione per la fotografia e per le macchine da presa è un vero must fra i giovani. Non si contano poi coloro che la domenica la passano a dipingere. Ma è con la musica che si raggiungono le percentuali più alte: da noi è uno dei passatempi preferiti. I lucani la musica la ascoltano, ma soprattutto la fanno, anche se spesso, a proprio uso e consumo. E il caso di Armando Possidente e Valerio Bulsara. Un 60enne e un 26enne. Due persone comuni legati da una comune passione. Il primo geometra, l altro grafico nel loro tempo libero amano giocare con le note e sognare una Basilicata diversa, come vi riferiamo accanto (L.P.). La musica prima di tutto Fra collezioni tradizionali e nuove tendenze, ecco la Basilicata del tempo libero L ultimo romantico edito da Albatros, riscuote sempre più consensi di critica di LUCIA PIETRAFESA POSSIDENTE - Un geometra con la passione per la musica e un sogno nel cassetto: Sanremo. Armando Possidente, 60 anni l 11 marzo, è nato ad Avigliano nel Lavora da trent anni presso l Ufficio tecnico del Comune di Avigliano e nei ritagli di tempo crea, canta e scrive canzoni. Una passione che neanche lui sa spiegare, perché - ci dice quasi imbarazzato - è nata con me. Ricordo solo - che a 14 anni volevo diventare a tutti i costi paroliere. Intanto nel segreto della mia stanza, scrivevo. Lo facevo quasi con vergogna e senso di colpa. Da noi (Avigliano, ndr) negli anni 70 uno che scriveva canzoni era visto come un fannullone. A quei tempi l arte era una passione incomprensibile, ma io ci ho creduto, tanto che alla fine sono riuscito a far musicare un pezzo. Il progetto musicale di Armando si è però interrotto presto, così come l ambizione di poter presentare un brano a Sanremo. Ci vuole tempo, creatività, passione e soldi, ma grazie al La copertina del libro di Possidente e la sua collezione di bottiglie e lattine Sin da giovane scrive canzoni, raccolte ora in un libro Il geometra che sogna Sanremo Il sogno di Armando Possidente, tecnico di Avigliano supporto di alcuni amici ho potuto realizzare in parte il mio sogno raccogliendo la mia arte in un libro: L ultimo romantico edito da Albatros, pubblicato nel pagine di autentica poesia, in cui sono racchiuse le mie canzoni mai musicate. E un libro di incompiute ci dice con un velo di tristezza Armando, dove il tema ricorrente è quello dell amore. I suoi versi nascono in seno al sentimento universale per eccellenza che si fonde con la na- tura circostante, con la preziosità di un ricordo o la sofferenza di un distacco non voluto. Come ogni artista che si rispetti, quasi si irrita quando gli chiediamo in quale canzone si riconosce di più. Per me sono tutte uguali, perché sono mie. Sono figlie della mia creazione e le amo tutte. Si incupisce poi quando alludiamo ai suoi progetti futuri. La prossima pubblicazione non esisterà, a meno che ci dice con l ironia che lo contraddistingue - non ci sia un nababbo pronto a scommettere su un povero sessantenne. Chissà. Intanto Armando continua a scrivere, cantare e sognare aggiungendo di tanto in tanto un pezzo alla sua collezione. Non solo quella di brani musicali. Nella sua soffitta conserva oltre millecinquecento cimeli: bottiglie e lattine di birra, calendari, tazze, penne e matite. Oggetti di poco valore a cui dice di essere legato quasi quanto alle sue canzoni. Ma questa è la storia di un altra passione che magari vi racconteremo in un altra occasione. Valerio Bulsara, 26enne potentino, fa impazzire la rete con il suo All I Do Il grafico che provoca le note Protagonista del video è un coniglio rosa POTENZA - Più di duemila click nel giro di pochi giorni. Per il popolo della rete All I do di Valerio Bulsara è già un tormentone. Appena pubblicato, il pezzo del 26enne potentino che non ama definirsi cantante ma solo un provocatore di note, sta facendo il giro del web. Grafico con la passione per l arte, Bulsa- ra è alla sua prima esperienza musicale ed ha fatto tutto da solo. E suo il pezzo, gli arrangiamenti e l ideazione del videoclip che fa parte di un più ampio progetto musicale a breve in uscita. Girato nel capoluogo, protagonista del video è un grande coniglio rosa, che girovaga per la città apparentemente senza meta. Girato nel capoluogo per il polo della rete, il pezzo di Valerio Bulsara è già un tormentone. Sul web oltre 2000 click registrati in pochi giorni Elemosina passaggi ed ha un cartello fra le mani: I love you. Una richiesta d amore a cui nessuno risponderà, tanto che ballare un walzer solitario in piazza sedile è tutto ciò che resta a quello strano personaggio che si aggira per le vie del capoluogo. Il videoclip - disponibile su facebook e youtube - è d impatto. Il Alcune immagini tratte dal video motivo della canzone, a dir poco travolgente. Assolutamente condivisibile il messaggio. All I do ci dice Bulsara - è un invito a indossare la maschera per mettersi a nudo. Ma non si tratta di un invito a sottrarsi alla realtà. All I do è prima di tutto un messaggio d amore per se stessi e un invito a fare le cose con passione. Perché io Io amo tutto quello che faccio. E ciò mi rende felice. Intanto un nuovo pezzo questa volta rigorosamente in italiano è già in uscita. Sarà disponibile on line a marzo. Si tratta di una ballata romantica dal titolo Tu dormi. Pronto per l estate poi un brano dance da realizzare con gli Indigo light club. Un omaggio al grande Bill Hicks perché ci ricorda Valerio -in fondo nasco attore. E lui il leader del trio cabarettistico Noncesperanza e il suo debole per il teatro traspare anche quando gioca a provocare le note, mentre di giorno continua a fare il grafico. Anche questo con autentica passione (L. P.).

13 Estratto da: La Nuova del Sud PAG. 13 _Matera e Provincia Alta Murgia_ Sulla scena i Sassi di quarant anni fa, quasi completamente svuotati e in una fase di degrado ambientale, sempre più pericoloso per i pochi abitanti MATERA - La commedia in vernacolo materano Uam sorta maij! sarà di scena domani alle 21 sul palcoscenico del teatro Duni di Matera. Lo spettacolo fa parte del cartellone della stagione teatrale , per la sezione Teatro per Passione e per Diletto ed è presentato dalla Compagnia Sipario. Il lavoro è stato scritto da Francesco Sciannarella e poi adattato in dialetto materano da Bruno Nicola Francione. Sulla scena i Sassi degli anni 70, quasi completamente svuotati e in una fase di degrado ambientale che si sta facendo sempre più pericoloso per i pochi abitanti che ancora abitano qualche vicinato. Sono gli anni della protesta giovanile e l eco dei figli dei fiori arriva anche nei Sassi di Matera, dove, proprio nelle vicinanze delle abitazioni dei MATERA - L 8 marzo, dalle ore 10 alle 14 e dalle 17 alle 21, in linea con le iniziative nazionali proposte dal Mibac, il Musma aderisce alla Festa della donna intitolando la giornata La parola alle donne e riservando l ingresso ridotto di 3,50 a tutte coloro che vorranno approfittare dell occasione per visitare la Collezione del Museo e le mostre in programma. Inoltre, alle ore 19.00, sarà offerta una visita guidata gratuita alle donne in attesa di un bambino: il piccolo apporto del Museo per contribuire all impegno di quanti, su tutto il territorio nazionale, si stanno adoperando nella campagna 188 firme per la legge 188, finalizzata a ripristinare la normativa abrogata nel 2008 che tutelava dalle dimissioni in bianco al momento dell assunzione, oggi maggiore causa di licenziamento per le donne alla nascita di un figlio. Nella settimana precedente l 8 marzo, il Musma avvierà sulla propria Fanpage di Facebook l iniziativa che porta il titolo della giornata. La parola alle donne, infatti, mira a sollecitare negli utenti la curiosità verso il panorama femminile nel mondo dell arte, attraverso l individuazione di frasi, citazioni, pensieri e scritti di artiste impegnate nei diversi linguaggi espressivi. Attraverso i contributi postati dal Musma, l iniziativa sarà anche un modo per conoscere la ricca rappresentanza femminile nella Collezione del Museo, che annovera ben 31 artiste tra protagonisti della commedia, si insediano quattro giovani ragazzi rappresentanti di un nuovo modello di società in netto contrasto con le famiglie dei Sassi alle prese con il problema di ottenere una casa popolare. L arrivo di questi estranei costituisce uno sconvolgimento del vivere quotidiano degli abitanti del vicinato che ricevono messaggi nuovi e quasi incomprensibili per il loro modo di pensare e di vivere. Il loro problema è ottenere la casa e combattere contro una burocrazia ostile che diventa quasi insuperabile per la presenza di un assessore che insegue a sua volta i suoi loschi pro- 21 Una suggestiva veduta dei Sassi di Matera l uso del dialetto che diventa un elemento essenziale del divertimento. Sipario nasce da un gruppo di amici innamorati della propria città, Matera, legati dalla passione per il teatro e che portano in scena personaggi che raccontano storie scritte ex novo o riprese da commedie già note, cercando di suscitare nel pubblico quel trasporto e immedesimazione che solo la magia del teatro può provocare. Ogni commedia costituisce una trasposizione in chiave materana di opere classiche. Non una singola interpretazione da lodare ma un gruppo di attori cresciuto e maturato nel corso degli ultimi anni, un gruppo di amici che continua a divertirsi e far divertire. Per informazioni e prenotazioni, è possibile rivolgersi al botteghino del Teatro Duni (tel. 0835/ e 0835/331812) o consultare il sito internet Antonietta Raphaël, Cloti Ricciardi, Germaine Richier, Barbara Salvucci, Yun - Jung Seo, Lydia Silvestri, Maria Luisa Tadei, Sophie Tauber Arp, Luisa Valentini, Thea Vallé, Antonella Zazzera. La presenza delle opere dell interno del Musma di le artiste negli spazi espomatera sitivi del Museo sarà segnalata su una piantina di Palazzo Ingresso ridotto a tutte le Pomarici, sede del donne che vorranno Musma, diapprofittare dell occasione stribuita gratuitaper visitare la Collezione del mente ad ogni visitamuseo e visite guidate Nel gratuite alle mamme in attesa trice. corso della mattinata, Franca Ghitti, Valeria nella Biblioteca Vanni Gramiccia, Barbara Hep- Scheiwiller del Museo, saworth, Alina Kalczyn- rà proiettato il video-interska, Maria Lai, Giovanna vista del 2011 Inventata Martinelli, Sabina Mirri, da un dio astratto di MaGiulia Napoleone, Bianca risa Piga e Nico Di Tarsio, Nappi, Alicia Penalba, che racconta la vita e il la- voro dell artista sarda Maria Lai. Nel pomeriggio, invece, sarà possibile prendere parte alla visione dello splendido documentario di Silvano Castano Qe vive Tina del 1997, storia dell attrice, fo- tografa e rivoluzionaria Tina Modotti. Infine, le visitatrici potranno usufruire del 70% di sconto sull acquisto dei Quaderni del Musma in vendita presso il Bookshop. La Compagnia Sipario porta in scena la commedia Uam sorta maij! Atmosfere anni 70 Il teatro in vernacolo approda al Duni di Matera positi. Ci sono, insomma, tanti ingredienti per rendere la commedia esilarante e piacevole, grazie anche alla grande efficacia del- Iniziativa nazionale del Mibac Per l 8 marzo il Musma regala l arte alle donne italiane e straniere: Carla Accardi, Mirella Bentivoglio, Giovanna Bolognini, Ania Borzobohaty, Lucilla Catania, Emily Collins, Dorothy Dehner, Niki de Saint Phalle, Giosetta Fioroni, Luisa Gardini, MATERA - Originariamente previsto il 12 febbraio, poi rimandato causa neve, avrà luogo domenica al Teatro Duni di Matera lo spettacolo Felicità di una stella, a cura del Teatro all Improvviso. L evento rientra nella sezione Il Teatro ricomincia dai bambini della stagione teatrale 2011/2012 organizzata nella città dei Sassi dall Associazione Culturale Incompagnia. Si tratta di uno spettacolo diretto e interpretato da Dario Moretti che si rivolge ai bambini, di età compresa tra i tre e gli otto anni, e alla loro A Matera lo spettacolo di Dario Moretti Felicità di una stella Il teatro ricomincia dai bambini capacità di stupirsi. I bambini, con le loro storie di tutti i giorni, la loro immaginazione, il loro mondo fantastico, sono i pro- tagonisti indiscussi sulla scena. A farli parlare è la matita di Dario Moretti e l arpa di Cecilia Chailly. Immagini e suoni si me- lazione tra immagine e il gesto grafico pittorico. Inoltre, l acquisto del biglietto entro due giorni scolano insieme per rac- dalla data dello spettacocontare l universo dei lo, darà ai bambini la posbambini. Non è da trascu- sibilità di partecipare al larare la natura didattica di boratorio gratuito La grammati Felicità di una stella Originariamente ca del Teatro, che si in quanto previsto il 12 terrà in coloffre la possibilità agli febbraio, avrà laborazione con il Ceninsegnanti di realizzare luogo domenica tro Iac il giorno priin autonomia delle attività labora- ma della rappresentaziotoriali (con l omonimo li- ne presso l Hotel San Dobro come supporto) e di la- menico alle 16. Il laboravorare su associazioni tra torio ha una durata di parole e immagini, e la re- un ora e trenta minuti.