Prima grande distinzione fra i due macro-sistemi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prima grande distinzione fra i due macro-sistemi"

Transcript

1 A cura di Villiam Zanoni 1 Legge n 335/95 Prima grande distinzione fra i due macro-sistemi SISTEMA RETRIBUTIVO SISTEMA MISTO SISTEMA CONTRIBUTIVO A cura di Villiam Zanoni 2 1

2 LA DISCRIMINANTE ERA LA DATA DEL... A cura di Villiam Zanoni 3 Decreto Legge 31 maggio 2010, n 78 (Gazzetta Ufficiale n 125 del Supplemento Ordinario n 114/L) Convertito in Legge 30 luglio 2010, n 122 (Gazzetta Ufficiale n 176 del Supplemento Ordinario n 174/L) Circolare INPS n 126 del 24 settembre 2010 Circolare INPDAP n 18 del 8 ottobre 2010 A cura di Villiam Zanoni 4 2

3 Decreto Legge 6 luglio 2011, n 98 (Gazzetta Ufficiale n 155 del Convertito in Legge 15 luglio 2011, n 111 (Gazzetta Ufficiale n 164 del Decreto Legge 13 agosto 2011, n 138 (Gazzetta Ufficiale n 188 del Convertito in Legge 14 settembre 2011, n 148 (Gazzetta Ufficiale n 216 del A cura di Villiam Zanoni 5 MA ORA E ANCHE LA DATA DEL... A cura di Villiam Zanoni 6 3

4 A cura di Villiam Zanoni 7 Legge n 335/95 e D.L. n 201/2011 News! Dal 1 gennaio 2012 La nuova distinzione fra i due macro-sistemi SISTEMA MISTO SISTEMA CONTRIBUTIVO A cura di Villiam Zanoni 8 4

5 Decreto Legge 6 dicembre 2011, n 201 (Gazzetta Ufficiale n 284 del Supplemento Ordinario n 251/L) Convertito in Legge 22 dicembre 2011, n 214 (Gazzetta Ufficiale n 300 del Supplemento Ordinario n 276/L) A cura di Villiam Zanoni 9 Decreto Legge 29 dicembre 2011, n 216 (Gazzetta Ufficiale n 302 del ) Convertito in Legge 24 febbraio 2012, n 14 (Gazzetta Ufficiale n 48 del Supplemento Ordinario n 36) Milleproroghe 2012 A cura di Villiam Zanoni 10 5

6 Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica Servizio Studi e Consulenza Trattamento Personale Circolare n 2 del 8 marzo 2012 A cura di Villiam Zanoni 11 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il Personale scolastico Circolare n 23 del 12 marzo 2012 A cura di Villiam Zanoni 12 6

7 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Circolari n del 14 marzo 2012 A cura di Villiam Zanoni 13 Legge n 335/95 e D.L. n 201/2011 Dal 1 gennaio 2012 (Art. 24) La sostenibilità di lungo periodo del sistema pensionistico viene garantita attraverso: a) equità e convergenza intragenerazionale? e intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi; b) flessibilità nell accesso ai trattamenti pensionistici anche attraverso incentivi alla prosecuzione della vita lavorativa; c) adeguamento dei requisiti di accesso alle variazioni della speranza di vita. A cura di Villiam Zanoni 14 7

8 Decreto Legge n 201/2011 Comma 2 Il passaggio viene generato attraverso la introduzione del concetto di pro-rata contributivo per tutti per le anzianità contributive maturate a partire dal 1 gennaio 2012, a prescindere dalla anzianità contributiva maturata al A cura di Villiam Zanoni 15 Decreto Legge n 201/2011 Comma 3 Tutto è completato con la precisazione relativa alla conservazione dei diritti acquisiti al e con l introduzione dal 1 gennaio 2012, sia nel sistema misto, sia nel sistema contributivo, delle sole: a) pensioni di vecchiaia b) pensioni anticipate in luogo delle pensioni di vecchiaia, di vecchiaia anticipata e di anzianità. A cura di Villiam Zanoni 16 8

9 Decreto Legge n 201/2011 Comma 3 a) la pensione di vecchiaia è conseguita esclusivamente sulla base dei requisiti di cui ai commi 6 e 7, salvo quanto stabilito ai commi 14, 15-bis, 17 e 18 b) la pensione anticipata è conseguita esclusivamente sulla base dei requisiti di cui ai commi 10 e 11, salvo quanto stabilito ai commi 14, 15-bis, 17 e 18. A cura di Villiam Zanoni 17 Decreto Legge n 201/2011 Comma 4 Si ripristina poi lo spirito originale della riforma del 1995 con la reintroduzione della flessibilità che si realizza attraverso lo strumento dei coefficienti di trasformazione, che si svilupperanno fino all età di 70 anni, anche questi indicizzati alla variazione della speranza di vita, fermi restando i limiti ordinamentali dei rispettivi settori di appartenenza. A cura di Villiam Zanoni 18 9

10 Decreto Legge n 201/2011 Comma 4 Per garantire ai lavoratori l esercizio del diritto alla flessibilità viene previsto che le disposizioni di cui all articolo 18 dello statuto dei lavoratori, e quindi delle norme sui licenziamenti individuali per giusta causa, trovino applicazione fino alla età di 70 anni (e nel settore pubblico?) A cura di Villiam Zanoni 19 Decreto Legge n 201/2011 Comma 4 (e nel settore pubblico?) Discende da quanto detto che nel settore del lavoro pubblico non opera il principio di incentivazione alla permanenza in servizio sino a 70 anni enunciato dal comma 4 dell articolo 24 citato. (Circolare n 2/2012 Funzione Pubblica) A cura di Villiam Zanoni 20 10

11 Decreto Legge n 201/2011 Comma 5 Vengono infine abrogate tutte le norme relative all istituto delle finestre (definite inutili bizantinismi), procedendo tuttavia alla loro incorporazione negli elementi di diritto alla pensione, sia per quelle mobili già in vigore, sia per quelle ancora da introdurre (40 anni). A cura di Villiam Zanoni 21 A cura di Villiam Zanoni 22 11

12 IL SISTEMI PREVIDENZIALI Il sistema retributivo Le prestazioni: Pensione di vecchiaia Pensione di anzianità Pensioni di invalidità Pensione di reversibilità A cura di Villiam Zanoni 23 A cura di Villiam Zanoni 24 12

13 La pensione di vecchiaia Limiti di età Il D.Lgs. n 503/92 (modificato dalla legge n 724/94) ha disposto, con decorrenza , l innalzamento dell età prevista per il pensionamento di vecchiaia per i lavoratori privati e pubblici a 60 anni per le donne e 65 anni per gli uomini fermi restando i limiti di età previgenti se più elevati A cura di Villiam Zanoni 25 La pensione di vecchiaia Limiti di contribuzione Il D.Lgs. n 503/92 ha disposto, con decorrenza , l innalzamento dei requisiti contributivi previsti per il pensionamento di vecchiaia per i lavoratori privati e pubblici a 20 anni per uomini e donne A cura di Villiam Zanoni 26 13

14 La pensione di vecchiaia La fase transitoria Età pensionabile Requisito Periodo Uomini Donne Anni / / / / / / / / in poi 20 A cura di Villiam Zanoni 27 La pensione di vecchiaia Limiti di età Il D.Lgs. n 503/92 ha previsto la conferma dei vecchi limiti di età per: - Lavoratori non vedenti - Invalidi in misura non inferiore al 80% - Personale viaggiante autoferrotranvie, ferrovieri, marittimi A cura di Villiam Zanoni 28 14

15 La pensione di vecchiaia Limiti di contribuzione Il D.Lgs. n 503/92 ha anche previsto il mantenimento dei vecchi limiti di contribuzione per: - chi li aveva già maturati al chi era già assicurato alla stessa data e al compimento dell età non sarebbe arrivato ai nuovi 20 anni - autorizzati ai VV al precari (25 anni di assicurazione di cui 10 con meno di 52 settimane) A cura di Villiam Zanoni 29 La pensione di vecchiaia LIMITE DI ETA PER IL COLLOCAMENTO A RIPOSO D UFFICIO Normalmente per le donne esistono gli stessi limiti di età degli uomini, fermo restando che se sono inferiori resta sempre l opportunità di rimanere in servizio fino allo stesso limite degli uomini (legge 903/77) A cura di Villiam Zanoni 30 15

16 La pensione di vecchiaia LIMITE DI ETA PER IL COLLOCAMENTO A RIPOSO D UFFICIO Se erano uguali restava sempre l opportunità per la donna di accedere a pensione ad una età compresa fra i 60 anni ed il limite (articolo 2, comma 21, legge 335/95)?? Sentenza Corte di Giustizia Europea n 46/07 del 13 novembre 2008 L Italia viola le norme del Trattato europeo (art. 141) e deve quindi rimuovere i diversi limiti di etàprevisti fra uomo e donna nel settore del pubblico impiego A cura di Villiam Zanoni 31 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in legge n 102/1009 art. 22-ter) 1. In attuazione., all articolo 2, comma 21, della legge 8 agosto 1995, n 335, sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi: «A decorrere dal 1 gennaio 2010, per le predette lavoratrici il requisito anagrafico di sessanta anni di cui al primo periodo del presente comma e il requisito anagrafico di sessanta anni di cui all articolo 1, comma 6, lettera b), della legge 23 agosto 2004, n 243, e successive modificazioni, sono incrementati di un anno. Tali requisiti anagrafici sono ulteriormente incrementati di un anno, a decorrere dal 1 gennaio 2012, nonché di un ulteriore anno per ogni biennio successivo, fino al raggiungimento dell età di sessantacinque anni. A cura di Villiam Zanoni 32 16

17 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in legge n 102/2009 art. 22-ter) Legge 8 agosto 1995 n 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare. estratto Articolo 2 (Armonizzazione) Comma 21. Con effetto dal 1 gennaio 1996, le lavoratrici iscritte alle forme esclusive dell assicurazione generale obbligatoria per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti al compimento del sessantesimo anno di età, possono conseguire il trattamento pensionistico secondo le regole previste dai singoli ordinamenti di appartenenza per il pensionamento di vecchiaia ovvero per il collocamento a riposo per raggiunti limiti di età. A cura di Villiam Zanoni 33 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in legge n 102/2009 art. 22-ter) Legge 8 agosto 1995 n 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare. Articolo 1 (Principi generali; sistema di calcolo dei trattamenti pensionistici obbligatori e requisiti di accesso; regime dei cumuli) Comma 6. Al fine di assicurare la sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico,. con effetto dal 1 gennaio 2008.: a). b) per i lavoratori la cui pensione è liquidata esclusivamente con il sistema contributivo, il requisito anagrafico di cui all'articolo 1, comma 20, primo periodo, della legge 8 agosto 1995, n. 335, è elevato a 60 anni per le donne e a 65 per gli uomini. A cura di Villiam Zanoni 34 17

18 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in legge n 102/2009 art. 22-ter) 1. Restano ferme la disciplina vigente in materia di decorrenza del trattamento pensionistico e le disposizioni vigenti relative a specifici ordinamenti che prevedono requisiti anagrafici più elevati, nonché le disposizioni di cui all articolo 2 del decreto legislativo 30 aprile 1997, n 165. Le lavoratrici di cui al presente comma, che abbiano maturato entro il 31 dicembre 2009 i requisiti di età e di anzianità contributiva previsti dalla normativa vigente prima della data di entrata in vigore della presente disposizione ai fini del diritto all accesso al trattamento pensionistico di vecchiaia, conseguono il diritto alla prestazione pensionistica secondo la predetta normativa e possono chiedere all ente di appartenenza la certificazione di tale diritto». A cura di Villiam Zanoni 35 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in legge n 102/2009 art. 22-ter) Requisiti al : 60 anni di età e 20 anni di contribuzione Nessuna deroga per i 60 anni Possibile deroga per i 20 anni Attenzione: la deroga ai 20 anni con il mantenimento dei vecchi 15 anni per alcune sedi INPDAP vale solo per chi era già iscritto come dipendente pubblico al A cura di Villiam Zanoni 36 18

19 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in legge n 102/2009 art. 22-ter) Requisiti al : Esempio lavoratrice: - nata il iscritta INPDAP dal Al ha 60 anni di età e 18 anni di contribuzione: ha il diritto acquisito e può andare in pensione quando vuole. A cura di Villiam Zanoni 37 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in legge n 102/2009 art. 22-ter) Requisiti al : Esempio lavoratrice: - nata il iscritta INPDAP dal anni di OBG con legge 29/79 Al ha 60 anni di età e 18 anni (15 + 3) di contribuzione: non avrebbe il diritto acquisito e dovrebbe rincorrere i nuovi requisiti, ma A cura di Villiam Zanoni 38 19

20 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in legge n 102/2009 art. 22-ter) 2. A decorrere dal 1 gennaio 2015 i requisiti di età anagrafica per l'accesso al sistema pensionistico italiano sono adeguati all'incremento della speranza di vita accertato dall'istituto nazionale di statistica e validato dall'eurostat, con riferimento al quinquennio precedente. Con regolamento da emanare entro il 31 dicembre 2014,, su proposta del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, è emanata la normativa tecnica di attuazione. In sede di prima attuazione, l'incremento dell'età pensionabile riferito al primo quinquennio antecedente non può comunque superare i tre mesi. Lo schema di regolamento di cui al presente comma, corredato di relazione tecnica, è trasmesso alle Camere per il parere delle Commissioni competenti per materia e per i profili di carattere finanziario. A cura di Villiam Zanoni 39 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in Legge n 102/2009 art. 22-ter) (D.L. n 78/2010 in Legge n 122/2010 articolo 12, comma 12-sexies) 1. In attuazione., all articolo 2, comma 21, della legge 8 agosto 1995, n 335, sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi: «A decorrere dal 1 gennaio 2010, per le predette lavoratrici il requisito anagrafico di sessanta anni di cui al primo periodo del presente comma e il requisito anagrafico di sessanta anni di cui all articolo 1, comma 6, lettera b), della legge 23 agosto 2004, n 243, e successive modificazioni, sono incrementati di un anno. Tali requisiti anagrafici sono ulteriormente incrementati di 4 anni dal 1 gennaio 2012 ai fini del raggiungimento dell età di sessantacinque anni. A cura di Villiam Zanoni 40 20

21 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in Legge n 102/2009 e D.L. n 78/2010 in Legge n 122/2010) Età Anno INPDAP Uomini Donne e 3 mesi 65 e 3 mesi 65 e 10 mesi 65 e 10 mesi 66 e 4 mesi 66 e 4 mesi AGO e altri fondi Uomini Donne e 3 mesi 60 e 3 mesi 65 e 10 mesi 60 e 10 mesi 66 e 4 mesi 61 e 4 mesi A cura di Villiam Zanoni 41 News! La pensione di vecchiaia D.L. n 98/2011 in Legge n 111/2011 art. 18 Confermando il principio di indicizzazione dei requisiti anagrafici alla speranza di vita, ne viene anticipata l entrata in vigore al , eliminando la fase transitoria con cadenze diverse rispetto alla triennalità. A cura di Villiam Zanoni 42 21

22 News! Età Anni INDICIZZAZIONE 3 mesi 4 mesi 4 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 3 mesi 2 mesi 2 mesi 2 mesi 2 mesi 2 mesi 2 mesi 2 mesi RISULTATO COMBINATO 3 mesi 7 mesi 11 mesi 1 anno e 2 mesi 1 anno e 5 mesi 1 anno e 8 mesi 1 anni e 11 mesi 2 anni e 1 mese 2 anni e 3 mesi 2 anni e 5 mesi 2 anni e 7 mesi 2 anni e 9 mesi 2 anni e 11 mesi 3 anni e 1 mese A cura di Villiam Zanoni 43 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2009 in legge n 102/ Art. 22-ter) Possibili soluzioni elusive: - Se ci sono contributi INPS articolo 1, legge n 29/79; - Cessazione dal servizio senza diritto a pensione e legge n 322/58; - ma.. Poste FFSS A cura di Villiam Zanoni 44 22

23 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2010 in Legge n 122/2010) 12-septies. A decorrere dal 1 luglio 2010 alle ricongiunzioni di cui all'articolo 1, comma 1, della legge 7 febbraio 1979, n 29 si applicano le disposizioni di cui all'articolo 2, commi 3, 4 e 5, della medesima legge. L'onere da porre a carico dei richiedenti è determinato in base ai criteri fissati dall'articolo 2, commi da 3 a 5, del decreto legislativo 30 aprile 1997, n 184. A cura di Villiam Zanoni 45 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2010 in Legge n 122/2010) 12- decies.. All'articolo 4, comma 1, della legge 7 luglio 1980, n 299, di conversione del decreto- legge 7 maggio 1980 n 153, le parole: "approvati con decreto ministeriale 27 gennaio 1964" sono sostituite dalle seguenti: "come successivamente adeguati in base alla normativa vigente.". 12-undecies undecies.. Sono abrogate le seguenti disposizioni normative: - la legge 2 aprile 1958, n 322, - l'art. 40 della legge 22 novembre 1962, n 1646, - l'art. 124 del DPR 29 dicembre 1973, n 1092, - l'art. 21, comma 4, e l'art. 40, comma 3, della legge 24 dicembre 1986, n 958. A cura di Villiam Zanoni 46 23

24 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2010 in Legge n 122/2010) Circolare INPDAP n 18/2010 L'abrogazione della legge 2 aprile 1958 n 322, che, attraverso il trasferimento dei contributi, consentiva comunque agli iscritti all'lnpdap di ricevere una prestazione dall'assicurazione generale obbligatoria gestita dall'lnps, comporta la possibilità per l'istituto di attribuire il diritto a pensione di anzianità o di vecchiaia, in presenza dei requisiti contributivi minimi prescritti, indipendentemente se l'interessato, al raggiungimento del requisito anagrafico minimo previsto dalla legge, sia ancora in attività di servizio o abbia cessato il rapporto di lavoro. A cura di Villiam Zanoni 47 La pensione di vecchiaia (D.L. n 78/2010 in Legge n 122/2010) Nota operativa INPDAP n 56/2010 Attenzione alle cessazioni dal servizio avvenute prima del 31 luglio 2010 e alle differenze fra ex 4 Casse (CPDEL, CPS, CPI, CPUG) e Cassa Stato (CTPS): la diversa gestione della legge n 322/58 genera aspettative diverse da parte dei singoli lavoratori. A cura di Villiam Zanoni 48 24

25 News! La pensione di vecchiaia (D.L. n 138/2011 in Legge n 148/2011) (Articolo 1, comma 20) 1. A decorrere dal 1 gennaio 2014, per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici autonome la cui pensione è liquidata a carico dell assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive della medesima, nonché della gestione separata di cui all articolo 2, comma 26, della legge 8agosto 1995, n 335, il requisito anagrafico di sessanta anniper l accesso alla pensione di vecchiaia nel sistema retributivo e misto e il requisito anagrafico di sessanta anni(nel sistema contributivo), sono incrementati di un mese. Tali requisiti anagrafici sono incrementati di ulteriori due mesia decorrere dal 1 gennaio 2015, di ulteriori tre mesia decorrere dal 1 gennaio 2016, di ulteriori quattro mesia decorrere dal 1 gennaio 2017, di ulteriori cinque mesia decorrere dal 1 gennaio 2018, di ulteriori sei mesia decorrere dal 1 gennaio 2019 e per ogni anno successivo fino al2025e di ulteriori tre mesi a decorrere dal 1 gennaio A cura di Villiam Zanoni 49 News! Età Anni INPDAP 61 anni 65 anni AGO E FONDI SOSTITUTIVI 60 anni 60 anni 60 anni e 1 mese 60 anni e 3 mesi 60 anni e 6 mesi 60 anni e 10 mesi 61 anni e 3 mesi 61 anni e 9 mesi 62 anni e 3 mesi 62 anni e 9 mesi 63 anni e 3 mesi 63 anni e 9 mesi 64 anni e 3 mesi 64 anni e 9 mesi 65 anni A cura di Villiam Zanoni 50 25

26 News! La pensione di vecchiaia (Effetto combinato fra D.L. n 98/2011 e D.L. n 138/2011 Età Anni UOMINI TUTTI 65 anni 65 anni 65 anni e 3 mesi 65 anni e 7 mesi 65 anni e 11 mesi INPDAP 61 anni 65 anni 65 anni e 3 mesi 65 anni e 7 mesi 65 anni e 11 mesi DONNE AGO E FONDI SOSTITUTIVI 60 anni 60 anni 60 anni e 3 mesi 60 anni e 4 mesi 60 anni e 6 mesi 61 anni e 1 mesi 61 anni e 5 mesi 61 anni e 10 mesi 62 anni e 8 mesi A cura di Villiam Zanoni 51 News! La pensione di vecchiaia (Effetto combinato fra D.L. n 98/2011 e D.L. n 138/2011 Età Anni UOMINI TUTTI 65 anni e 11 mesi 66 anni e 3 mesi 66 anni e 7 mesi INPDAP 65 anni e 11 mesi 66 anni e 3 mesi 66 anni e 7 mesi DONNE AGO E FONDI SOSTITUTIVI 62 anni e 8 mesi 63 anni e 2 mesi 63 anni e 8 mesi 64 anni e 6 mesi 65 anni 65 anni e 6 mesi 66 anni e 4 mesi 66 anni e 7 mesi A cura di Villiam Zanoni 52 26

27 News! La pensione di vecchiaia (Effetto combinato fra D.L. n 98/2011 e D.L. n 138/2011 Età Anni UOMINI TUTTI 66 anni e 11 mesi 67 anni e 2 mesi 67 anni e 5 mesi 67 anni e 8 mesi 67 anni e 11 mesi 68 anni e 2 mesi 68 anni e 5 mesi 68 anni e 8 mesi 68 anni e 11 mesi INPDAP 66 anni e 11 mesi 67 anni e 2 mesi 67 anni e 5 mesi 67 anni e 8 mesi 67 anni e 11 mesi 68 anni e 2 mesi 68 anni e 5 mesi 68 anni e 8 mesi 68 anni e 11 mesi DONNE AGO E FONDI SOSTITUTIVI 66 anni e 11 mesi 67 anni e 2 mesi 67 anni e 5 mesi 67 anni e 8 mesi 67 anni e 11 mesi 68 anni e 2 mesi 68 anni e 5 mesi 68 anni e 8 mesi 68 anni e 11 mesi A cura di Villiam Zanoni 53 La pensione di vecchiaia LIMITE DI ETA PER LA PENSIONE E PER IL COLLOCAMENTO A RIPOSO D UFFICIO Alla luce dello scenario illustrato sorgono due problemi: - la gestione dei limiti pensionistici di età che si rincorrono nell evoluzione; - la gestione dei limiti lavoristici di età che non sono raccordati. A cura di Villiam Zanoni 54 27

28 La pensione di vecchiaia LIMITE DI ETA PER LA PENSIONE E PER IL COLLOCAMENTO A RIPOSO D UFFICIO La gestione dei limiti pensionistici di età che si rincorrono nell evoluzione, va verificata alla luce delle precedenti esperienze. Ci insegna qualcosa quanto accadde dopo l entrata in vigore della Riforma Amato. A cura di Villiam Zanoni 55 La pensione di vecchiaia LIMITE DI ETA PER LA PENSIONE E PER IL COLLOCAMENTO A RIPOSO D UFFICIO La gestione dei limiti lavoristici di età che non sono raccordati dal legislatore, trova anche in questo caso qualche insegnamento sia nel passato più remoto, sia nel passato più recente. D.Lgs 503/92 D.L. 78/2009 A cura di Villiam Zanoni 56 28

29 La pensione di vecchiaia LIMITE DI ETA PER IL COLLOCAMENTO A RIPOSO D UFFICIO Altre norme hanno poi nel tempo introdotto altre facoltà: - le sentenze n 282/1991 e n 90/1992 della Corte Costituzionale, hanno previsto la possibilità di chiedere di rimanere in servizio oltre i limiti di età al fine di maturare il diritto a pensione, ma non oltre il compimento del 70 anno di età. A cura di Villiam Zanoni 57 La pensione di vecchiaia LIMITE DI ETA PER IL COLLOCAMENTO A RIPOSO D UFFICIO Per tutti i pubblici dipendenti esisteva il diritto di continuare a lavorare per un biennio oltre l età per il collocamento a riposo (articolo 16 decreto legislativo 503/92). A cura di Villiam Zanoni 58 29

30 La pensione di vecchiaia Limiti di età Limiti di contribuzione Con la legge n 243/2004 resta tutto invariato sia fino al , sia a partire dal 1 gennaio 2008 ma.. A cura di Villiam Zanoni 59 Legge n 247/2007 (Articolo 1, commi 4 e 5) LA PENSIONE DI VECCHIAIA FINESTRE DI USCITA (Lavoratori dipendenti e parasubordinati) Perfezionamento requisiti 1 trimestre 2 trimestre 3 trimestre 4 trimestre Decorrenza pensione 1 luglio 1 ottobre 1 gennaio 1 aprile A cura di Villiam Zanoni 60 30

31 LA PENSIONE DI VECCHIAIA FINESTRE DI USCITA Problemi aperti: - decorrenze successive al 1 gennaio e raccordo con le normative relative ai requisiti per il collocamento a riposo d ufficio - servirà una esplicita previsione normativa? - oppure sarà sufficiente appellarsi ai generali principi giurisprudenziali? (Sentenze Corte Costituzionale n 444/1990, n 282/1991, n 90/1992) A cura di Villiam Zanoni 61 LA PENSIONE DI VECCHIAIA FINESTRE DI USCITA Problemi aperti: Circolare INPS n 5 del 15 gennaio 2008 su nota del Ministero del Lavoro del 10 gennaio 2008, protocollo 15/V/ / E la soluzione del problema? A cura di Villiam Zanoni 62 31

32 LA PENSIONE DI VECCHIAIA FINESTRE DI USCITA Il predetto Ministero ha espresso l opinione che così come viene riconosciuta la tutela alle donne - da costante orientamento giurisprudenziale -, secondo il quale l età limite per il pensionamento non coincide con quella lavorativa, oltre la quale è consentito il recesso ad nutum, allo stesso modo deve essere riconosciuta anche alla generalità dei lavoratori dipendenti nel momento in cui il godimento della pensione di vecchiaia è condizionato all apertura della finestra di accesso. Pertanto, sulla base anche delle indicazioni fornite dal Ministero del Lavoro, la possibilità di recesso ad nutum viene differita, alla luce delle nuove disposizioni previdenziali sulle decorrenze della pensione di vecchiaia, alla data di effettiva apertura della finestra di accesso. A cura di Villiam Zanoni 63 LA PENSIONE DI VECCHIAIA FINESTRE DI USCITA Tanto non era la soluzione del problema, tant è che nel decreto milleproroghe si è trovata la quadratura normativa (ma solo per il privato). D.L. 31/12/2007, n 248 convertito in legge 28/2/2008, n 31 Articolo 6. Proroghe in materia previdenziale. 2-bis. L'efficacia delle disposizioni di cui all'articolo 18della legge 20 maggio 1970, n. 300, e successive modificazioni, nei confronti del prestatore di lavoro nelle condizioni previste dall'articolo 4, comma 2, della legge 11 maggio 1990, n. 108, è comunque prorogata fino al momento della decorrenza del trattamento pensionistico di vecchiaia spettante al prestatore medesimo. A cura di Villiam Zanoni 64 32

33 LA PENSIONE DI VECCHIAIA FINESTRE DI USCITA E l INPDAP? Finalmente è arrivata la circolare n 7/2008. Si scioglie quindi ogni riserva in ordine alla possibilità di ottenere nel 2008 la pensione con decorrenza immediata per chi ha raggiunto i requisiti (anche per l anzianità) entro il 31 dicembre Analogo ragionamento per le donne che alla stessa data avevano già compiuto i 60 anni. A cura di Villiam Zanoni 65 CIRCOLARE N. 7 Roma, 13/05/2008 Si rende opportuno precisare che nei confronti dei lavoratori dipendenti di enti o aziende privatizzate, iscritti all INPDAP,.. Nei confronti dei lavoratori ultrasessantenni, dipendenti degli enti e aziende sopra ricordate, che non abbiano in corso il periodo di preavviso al ma che maturano il diritto alla pensione di vecchiaia successivamente a tale data, trova applicazione l articolo 6, comma 2-bis, del Decreto legge n 248/2007 così come modificato dalla legge n 31 del 28 febbraio 2008 (di conversione del citato decreto legge), che differisce al momento della decorrenza del trattamento pensionistico di vecchiaia spettante al dipendente medesimo la possibilità del datore di lavoro di licenziare ad nutum detti lavoratori ai sensi dell articolo 4 comma 2 della Legge 11 maggio 1990 n 108. A cura di Villiam Zanoni 66 33

34 Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica Servizio Studi e Consulenza Trattamento Personale Circolare n 2 del 8 marzo 2012 In base ai principi generali, una volta raggiunto il limite di età ordinamentale l amministrazione prosegue il rapporto di lavoro o di impiego con il dipendente sino al conseguimento del requisito minimo per il diritto alla pensione (il principio della prosecuzione si desume dall articolo 6, comma 2 bis, del decreto legge n 278 del 2007, convertito in legge n 31 del 2008, a proposito del reintegro sul posto di lavoro a seguito di licenziamento). A cura di Villiam Zanoni 67 LA PENSIONE DI VECCHIAIA FINESTRE DI USCITA E l INPDAP? Che fare? Nessuna deroga è ipotizzabile. Veniva tuttavia implicitamente suggerito di far chiedere a tutti i lavoratori il trattenimento di cui all articolo 16 del decreto legislativo n 503/1992, quantomeno nel periodo minimo necessario all accompagnamento alla apertura della finestra. A cura di Villiam Zanoni 68 34

35 Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008 Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria. Articolo 72, comma 7 (trattenimento) E data facoltà all amministrazione, in base alle proprie esigenze organizzative e funzionali, di accogliere la richiesta di trattenimento di cui all articolo 16 del D.Lgs. n 503/92 in relazione alla particolare esperienza professionale acquisita dal richiedente in determinati o specifici ambiti ed in funzione dell efficiente andamento dei servizi. La domanda di trattenimento va presentata Termine all amministrazione di appartenenza dai 24 ai 12 ordinatorio mesi precedenti il compimento del limite di età per il collocamento a riposo previsto dal proprio ordinamento. A cura di Villiam Zanoni 69 News! Il D.L. n 138/2011 in legge n 148/2011 Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo. Modifiche all articolo 16 del D.Lgs. n 503/ È in facoltàdei dipendenti civili dello Stato e degli enti pubblici non economici di permanere in servizio, con effetto dalla data di entrata in vigore della legge 23 ottobre 1992, n. 421, per un periodo massimo di un biennio oltre i limiti di età per il collocamento a riposo per essi previsti. In tal caso è data facoltàall'amministrazione, in base alle proprie esigenze organizzative e funzionali, di trattenere in servizio il dipendente in relazione alla particolare esperienza professionale acquisita dal dipendente in determinati o specifici ambiti ed in funzione dell'efficiente andamento dei servizi. La disponibilità al trattenimento va presentata all'amministrazione di appartenenza dai ventiquattro ai dodici mesi precedenti il compimento del limite di età per il collocamento a riposo previsto dal proprio ordinamento. I dipendenti in aspettativa non retribuita che ricoprono cariche elettive esprimono la disponibilità almeno novanta giorni prima del compimento del limite di età per il collocamento a riposo. A cura di Villiam Zanoni 70 35

36 Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008 Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria. Articolo 72 (cessazioni e pensionamento) Si sono quindi aperti diversi problemi in ordine all intreccio fra diritto a pensione di vecchiaia, collocamento a riposo, finestre di decorrenza, in attesa di chiarimenti da parte degli organi competenti. A cura di Villiam Zanoni 71 E dal 1 gennaio 2011 che succede? D.L. n 78/2010, articolo 12 (diritti maturati dal ) Unica finestra flessibile a scorrimento dopo 1 anno dalla maturazione del diritto per i dipendenti e 18 mesi per gli autonomi A cura di Villiam Zanoni 72 36

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186 Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it Roma lì, 23 ottobre 2008 Prot. n 186 Ai Coordinatori

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università Marisa Grillo EUT EDIZIONI UNIVERSITÀ DI TRIESTE impaginazione Francesco Bernasconi EUT - Edizioni Università di Trieste

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino

GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino I Pilastri della Previdenza pag. 01 Legge 23 agosto 2004, n. 243 pag. 04 Legge 24 dicembre 2007, n. 247 pag. 14 Legge 06 agosto 2008, n. 133 art. 72 pag. 20 Circolare

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli