RIFORMA PREVIDENZIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIFORMA PREVIDENZIALE"

Transcript

1 COME CAMBIANO PENSIONI E PREVIDENZA RIFORMA PREVIDENZIALE di Angelo Sica Risorse Umane >> Fondi pensione

2 Nella seduta del 28 luglio 2004, il Parlamento ha approvato definitivamente la riforma delle pensioni "Norme in materia pensionistica e deleghe al Governo nel settore della previdenza pubblica, per il sostegno alla previdenza complementare e all'occupazione stabile e per il riordino degli enti di previdenza e assistenza obbligatoria". Sono due gli obiettivi che la riforma intende raggiungere: elevare gradualmente l'età pensionabile, principalmente su base volontaria; sviluppare la previdenza complementare, da affiancare a quella pubblica. Per avere una visione organica, si può raggruppare la materia in tre parti: deleghe (che ineriscono i temi totalmente demandati alla normativa governativa), pensioni (che costituisce la parte centrale del provvedimento e che ha creato i maggiori problemi di accoglienza soprattutto in ambito sindacale, in cui sono contenute le novità di maggiore impatto sui destinatari finali, e cioè i lavoratori), altri interventi (che riguardano soprattutto l aspetto organizzativo e funzionale della previdenza). DELEGHE Tra le numerose deleghe affidate al Governo, che dovrà attuarle con i relativi decreti legislativi, vanno ricordate soprattutto quelle in materia di età pensionabile, di cumulo tra pensione e redditi da lavoro, di previdenza complementare e di totalizzazione dei contributi. Età pensionabile L età per l accesso alla pensione di vecchiaia verrà liberalizzata, secondo i seguenti criteri e principi. Lavoratore e datore di lavoro stipuleranno un accordo per il proseguimento dell attività del lavoratore che abbia già raggiunto i requisiti anagrafici per il diritto al trattamento pensionistico. Saranno applicati gli incentivi che lo stesso disegno di legge delega prevede a favore di chi posticipa la pensione di anzianità nel periodo dal 2004 al Perciò chi, in tale periodo, matura il diritto alla pensione di vecchiaia può continuare a lavorare rinunciando ai contributi per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti (contributo pensione). La somma gli viene corrisposta in busta paga interamente esentasse. Si tratta in sostanza di un incremento della retribuzione del 32,70%. Quando deciderà di lasciare l attività, il lavoratore avrà la pensione che gli sarebbe spettata alla data della rinuncia, maggiorata della scala mobile nel frattempo scattata. E ovvio che la pensione risentirà comunque, quanto all importo finale, del mancato versamento dei contributi. In ogni caso rimangono salve le norme in materia di pensione di vecchiaia previste per le lavoratrici. Nel caso in cui il trattamento pensionistico venga liquidato esclusivamente con il sistema contributivo, non occorrerà alcun accordo per proseguire l attività lavorativa fino al compimento del sessantacinquesimo anno di età. Va ricordato che, con le regole attuali, per maturare il diritto alla pensione di vecchiaia con le regole del sistema retributivo (che vale per chi era già assicurato prima del 1996), occorrono 65 o 60 anni di età (a seconda che si tratti di uomo o donna) e venti anni di contributi 1. Bastano però quindici anni di contributi a chi li aveva già raggiunti entro il 31 dicembre 1992, pur occorrendo sempre i suddetti limiti di età 2.Nel sistema contributivo, che è applicabile ai soggetti privi di anzianità contributiva prima del 1996 o che hanno esercitato il diritto di opzione per tale sistema 3, il diritto alla pensione di vecchiaia si consegue al compimento del 57 anno di età e con cinque anni di contributi, sempre che l importo del trattamento raggiunga almeno 1,2 volte l importo dell assegno sociale, a prescindere dalla circostanza che si tratti di uomo o donna 4. 1 D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 503, artt. 1 e 2. 2 D.Lgs. n. 503/1992, art. 2, c. 3, lett. a). 3 Legge 8 agosto 1995, n. 335, art. 1, c. 23, come modificato (con interpretazione autentica) dall art. 2 del decreto legge 28 settembre 2001, n Legge n. 335/1995, art. 1, c. 20. Pagina 2 di 12

3 Cumulo Il divieto di cumulo tra pensioni e redditi da lavoro è destinato a scomparire. La delega prevede infatti che il Governo emani norme per l eliminazione progressiva di tale divieto. Nell indicare i principi e i criteri ai quali il governo si deve uniformare, il ddl delega precisa che la possibilità di cumulare totalmente la pensione di anzianità con i redditi da lavoro dipendente e autonomo va ampliata progressivamente in funzione dell anzianità contributiva e dell età. Viene pertanto confermato l indirizzo di articolare la disciplina del cumulo secondo quei due elementi, età e contributi, già seguito dalla normativa precedente. La disciplina più recente sul cumulo della pensione di anzianità con i redditi da lavoro dipendente e autonomo risale alla legge 27 dicembre 2002, n. 289, art Essa prevede che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, il regime di totale cumulabilità della pensione di anzianità con i redditi da lavoro autonomo e dipendente, già previsto per i pensionati con 40 anni di contributi 6, è esteso a chi consegue la pensione con almeno 37 anni di contributi e 58 di età. I nuovi criteri si applicano a tutte le categorie di pensionati: dipendenti e autonomi. Questi requisiti di contribuzione e di età devono esistere al momento del pensionamento. Ciò significa che il cumulo integrale non si applica, e rimane il cumulo parziale, se anche uno solo dei requisiti viene maturato dopo la decorrenza della pensione. In caso di cumulo parziale, la trattenuta è pari al 30% della quota di pensione eccedente il trattamento minimo (412,18 euro nel 2004). Perciò chi ha una pensione, poniamo, di euro al mese, è soggetto a una trattenuta mensile di 326,35 euro ( ,18 x 30 : 100), mentre ha diritto a percepire gli altri 1.173,65 euro. In ogni caso la trattenuta non può superare il 30 per cento del reddito da lavoro dichiarato 7. TAVOLA 1 Pensione di anzianità e cumulo Pensione di anzianità e cumulo Requisiti Lavoro dipendente Lavoro autonomo o professionale a) Pensione con 40 anni di contributi senza limiti di età b) Pensione con 37 anni di contributi e 58 di età c) Pensionati non in possesso dei requisiti a) o b) Cumulo totale Cumulo totale Divieto di cumulo Cumulo totale Cumulo totale Cumulo parziale: minimo più il 70% dell eccedenza 6 Art. 72, legge 23 dicembre 2000, n I pensionati con reddito da lavoro autonomo devono dichiarare all Inps i redditi percepiti nell anno precedente entro lo stesso termine previsto per la presentazione della dichiarazione dei redditi ai fini Irpef. La denuncia serve per consentire agli enti di fare o di conguagliare (in più o in meno) la trattenuta sulla pensione eventualmente effettuata in via provvisoria. La sanzione per chi omette la dichiarazione consiste nel pagamento di una annualità di pensione. I redditi vanno dichiarati al netto delle ritenute previdenziali e assistenziali e al lordo delle imposte. Sono esentati dalla dichiarazione coloro che possono cumulare tutta la pensione con il reddito da lavoro autonomo: e cioè i titolari di pensione di vecchiaia, quelli di qualsiasi categoria con decorrenza anteriore al 31 dicembre 1994, i titolari di pensione liquidata con almeno 40 anni di contributi, indipendentemente dall età, o con 37 anni di contributi e 58 anni di età. Sono esentati anche i titolari di pensione esclusa dal divieto di cumulo in base alle varie leggi più favorevoli emanate di volta in volta e quelli che hanno usufruito della sanatoria a norma dell art. 44 della legge n. 289/2002. Non tutti i redditi vanno dichiarati. Non contano i compensi derivanti da attività svolte nell ambito di programmi di inserimento degli anziani in lavori socialmente utili, le indennità percepite per funzione di giudice di pace, le indennità connesse a cariche pubbliche (amministratori locali, presidenti e membri dei comitati regionali, parlamentari nazionali ed europei) e le indennità percepite dai giudici onorari per l esercizio delle loro funzioni. Pagina 3 di 12

4 Previdenza complementare Il finanziamento della previdenza complementare avrà maggiore impulso. In questa ottica sono stati riscritti i criteri per il passaggio del trattamento di fine rapporto ai fondi complementari. Il trasferimento non sarà più obbligatorio e automatico con la sola possibilità per il lavoratore di scegliere a quale fondo devolvere il proprio Tfr. Con la riforma il lavoratore che non ha ancora aderito alla previdenza complementare può decidere di mantenere il proprio Tfr; ma dovrà farlo in maniera esplicita entro sei mesi dell entrata in vigore del decreto legislativo o dall assunzione se successiva, altrimenti scatterà il silenzio assenso e cioè il consenso (presunto) della destinazione del Tfr a una forma di previdenza complementare. A garanzia del lavoratore che trasferisce il Tfr il decreto legislativo dovrà prevedere criteri per un adeguata informazione agli interessati sulla tipologia dei fondi, sulle condizioni di recesso anticipato, sui rendimenti stimati, sulla facoltà di scegliere le forme pensionistiche. Dovranno anche essere eliminati gli ostacoli alla libera adesione e circolazione dei lavoratori nel sistema della previdenza complementare. A tale scopo occorrerà definire regole comuni per consentire la comparabilità dei costi e garantire la trasparenza (in modo che l adesione dei lavoratori sia consapevole), equiparare le forme pensionistiche complementari (cosa che comporterà per il lavoratore la possibilità di scegliere al meglio tra fondi chiusi e fondi aperti), riconoscere al lavoratore dipendente il diritto di trasferire da un fondo all altro il contributo del datore di lavoro goduto precedentemente e le quote del Tfr. Infine saranno semplificate le procedure amministrative e perfezionato il sistema di vigilanza sull intero settore della previdenza complementare. Totalizzazione Il sistema della totalizzazione dei contributi ai fini pensionistici compie un ulteriore passo avanti. Va ricordato che la totalizzazione comporta il computo virtuale di tutti i contributi sparsi in varie casse o fondi al solo fine di maturare il diritto alla pensione presso i vari enti; determinato il quale, ciascuno di essi liquiderà il trattamento in base ai propri contributi e alla propria normativa. Con questo meccanismo possono essere utilizzati anche spezzoni di contributi, che altrimenti rimarrebbero improduttivi di effetti pensionistici. In alternativa alla totalizzazione l ordinamento prevede la possibilità di procedere alla riunificazione effettiva della contribuzione con l utilizzo dell istituto della ricongiunzione, al fine di conseguire un unica pensione a carico dell ente presso il quale vengono accentrate tutte le contribuzioni 8. Mentre la totalizzazione è in ogni caso gratuita, la ricongiunzione è, a seconda dei casi, gratuita o a pagamento. Il ddl delega intende allargare la possibilità di totalizzazione dei contributi, prevedendone: a) l estensione ai casi in cui si raggiungano i requisiti minimi per il diritto alla pensione in uno dei fondi presso i quali sono accreditati i contributi; b) l accesso ai lavoratori che abbiano compiuto 65 anni di età, nonché a quelli che abbiano maturato almeno 40 anni di contributi indipendentemente dall età anagrafica, e abbiano versato presso ogni cassa, gestione o fondo interessato dalla domanda di totalizzazione almeno cinque anni di contributi. Alla totalizzazione sono ammessi anche i superstiti di assicurato, anche se questi è deceduto prima del compimento dell età pensionabile. Ogni Ente presso cui sono stati versati i contributi liquiderà il proprio trattamento in pro-quota secondo le proprie regole di calcolo. 8 La ricongiunzione pertanto ha lo scopo di evitare che gli spezzoni di contribuzione diano luogo a singole pensioni, o quote di pensione, di modesto importo (la cui somma non remunererebbe gli anni di lavoro globalmente svolti), bensì, con la riunificazione in un unico fondo previdenziale, di assicurare al lavoratore la possibilità di conseguire una pensione unica di importo più elevato, liquidata in base al coacervo di tutta la contribuzione acquisita. Pagina 4 di 12

5 TAVOLA 2 Norme in materia di totalizzazione Norme attualmente vigenti in materia di totalizzazione a) Legge 9 novembre 1955, n. 1122, art. 3, riguardante i lavoratori con posizione assicurativa presso l Inps e l Inpgi (l Ente di previdenza dei giornalisti); b) Regolamento Cee 14 giugno 1971, n.1408, sui rapporti sociali tra i sistemi previdenziali dei Paesi dell Unione europea per i lavoratori migranti, la cui normativa è stata estesa ai pubblici dipendenti con il regolamento n. 1606/1998 del 29 giugno 1998 del Consiglio dell Unione europea; c) Convenzioni bilaterali tra l Italia e vari Paesi esteri per i lavoratori migranti; d) Legge 2 agosto 1990, n. 233, art. 16, che disciplina la totalizzazione dei contributi versati nel Fondo pensioni lavoratori dipendenti dell Inps e nelle gestioni dei lavoratori autonomi; e) Legge 30 aprile 1997, n. 184, art. 1, che ha introdotto il cumulo dei contributi esistenti presso diversi fondi previdenziali, facoltativo per le casse dei liberi professionisti, ai soli fini della pensione contributiva; f) Legge 23 dicembre 2000, n. 388, art. 71, e D.M. di attuazione 7 febbraio 2003, n. 57, che disciplina le ipotesi di cumulo contributivo, tra tutti i fondi previdenziali, da cui derivi almeno un trattamento pensionistico liquidabile con il sistema retributivo. PENSIONI Le modifiche al sistema pensionistico, soprattutto con riguardo ai trattamenti di anzianità, ritenuti tra le principali cause dello squilibrio della spesa previdenziale, costituiscono la parte più attesa e insieme più controversa della riforma. Va comunque subito precisato che questa opererà a partire dal Pertanto nel periodo intermedio rimangono in vigore le norme attuali e vengono previsti incentivi a favore dei soggetti che volontariamente rinviano l accesso alla pensione di anzianità. Fino al 2007 Nulla cambia per coloro che maturano entro il 31 dicembre 2007 i requisiti di età anagrafica e di anzianità contributiva per il diritto alla pensione di vecchiaia o di anzianità e alla pensione di vecchiaia nel sistema contributivo, in base alle norme vigenti prima dell entrata in vigore della riforma. Essi infatti, secondo l espressa previsione del ddl, conseguono la pensione usufruendo di tali norme. Per questi lavoratori perciò non è prevista alcuna novità. O meglio, una novità c è e riguarda la possibilità, da parte loro, di chiedere al proprio Ente previdenziale la certificazione di tale diritto. Anche ai fini del calcolo della misura della prestazione si applicano le norme precedenti alla riforma. Infatti i periodi di anzianità contributiva maturati fino alla data di perfezionamento del diritto alla pensione sono computati secondo i criteri ante riforma. Una volta maturato il diritto alla pensione, non ci sono limiti di tempo per utilizzarlo. Sicchè il lavoratore può liberamente esercitarlo in qualsiasi momento successivo, al sicuro da ogni modifica normativa che nel frattempo dovesse interviene. Si tratta in pratica di un incentivo a rimanere al lavoro anche dopo il perfezionamento dei requisiti, con l offerta della garanzia (certificata) che ogni cambiamento normativo non sortirà alcun effetto negativo su diritti che si possono considerare già acquisiti. Pagina 5 di 12

6 TAVOLA 3 Requisiti per il diritto attualmente in vigore Pensioni: requisiti per il diritto attualmente in vigore Pensione di vecchiaia Pensione di anzianità Pensione di vecchiaia contributiva Età uomini: 65 anni donne: 60 anni Contributi 20 anni Età 57 anni (uomini e donne) Contributi 35 anni in alternativa Età senza limiti Contributi: 2004: 38 anni 2005: 38 anni 2006: 39 anni 2007: 39 anni Età 57 anni (uomini e donne) Contributi: 5 anni Importo 1,2 volte l importo dell assegno sociale D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 503, artt.1 e 2 Legge 27 dicembre 1997, n. 449, art. 59, c.6, tab. C Legge 8 agosto 1995, n. 335, art. 1, c. 20 In ogni caso è obbligatoria la cessazione del rapporto di lavoro dipendente. Incentivo Ma un altro incentivo, più visibile e remunerativo è previsto a favore dei lavoratori che, maturato il diritto alla pensione di anzianità, intendono proseguire l attività lavorativa. Per il periodo , al fine di incentivare il posticipo del pensionamento, i lavoratori dipendenti del settore privato che abbiano maturato i requisiti per la pensione di anzianità previsti dalle leggi in vigore 9, possono rinunciare all accredito dei contributi per la pensione nell assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti e nelle forme sostitutive della stessa. In conseguenza viene meno ogni obbligo al versamento contributivo da parte del datore di lavoro, a decorrere dalla prima scadenza utile per il pensionamento successiva alla data di esercizio della facoltà di differire la pensione. La somma corrispondente ai contributi che il datore di lavoro avrebbe dovuto versare qualora non fosse stata esercitata tale opzione viene corrisposta interamente al lavoratore. Tale somma è integralmente esentasse, in quanto non concorre a determinare il reddito da lavoro dipendente ai fini dell imposta sul reddito delle persone fisiche Il ddl fa esplicito riferimento alle tabelle di cui all art. 59, c. 6 e 7 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, che indicano i requisiti di età e di contribuzione per l accesso alla pensione di anzianità dei lavoratori dipendenti comuni e appartenenti alle categorie protette (operai ed equivalenti e precoci). 10 Il ddl di riforma ha appositamente inserito all art. 51, c. 2, del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (Tuir, Testo unico delle imposte sui redditi), come modificato dai successivi provvedimenti, tra i redditi che non concorrono alla formazione del reddito da lavoro dipendente: i-bis) le quote di retribuzione derivanti dall esercizio, da parte del lavoratore, della facoltà di rinuncia all accredito contributivo presso l assicurazione generale obbligatoria per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti e le forme sostitutive della medesima per il periodo successivo alla prima scadenza utile per il pensionamento di anzianità, dopo aver maturato i requisiti minimi secondo la vigente normativa. Pagina 6 di 12

7 All atto del pensionamento, al lavoratore che avrà optato per la prosecuzione dell attività verrà corrisposta una pensione di importo pari a quello che gli sarebbe spettato alla data della prima finestra utile successiva all esercizio della facoltà, calcolato sulla base dell anzianità contributiva maturata fino allora e maggiorato degli adeguamenti spettanti per effetto della rivalutazione automatica al costo della vita intervenuta nel periodo di differimento. Il vantaggio della possibilità contenuta nel ddl in argomento, che non prevede limiti o condizioni né pone paletti all esercizio della facoltà, dovrebbe attrarre i lavoratori, che finora si sono mostrati piuttosto restii a questo tipo di opzione, che, per vero, secondo le vecchie formulazioni, non offrivano vantaggi tangibili. E ovvio che la pensione risentirà tuttavia del mancato versamento dei contributi. Conseguentemente il ddl abroga l articolo 75 della legge 23 dicembre 2000 n Sarà comunque compito di un decreto interministeriale (Lavoro ed Economia) dare attuazione alla norme sull incentivo. Dal 2008 Dal 2008 le norme cambiano radicalmente, sia per le pensioni di anzianità (previste nel solo sistema retributivo), sia per le pensioni di vecchiaia liquidate con il sistema contributivo. Dalle modifiche sono escluse le forme pensionistiche gestite dagli enti di diritto privato 12. Il Governo poi è delegato a prevedere regimi speciali per i lavoratori che svolgono attività usuranti e a potenziare i benefici agevolativi per le lavoratrici madri. Rispetto alle modifiche alla normativa attuale, indicate di seguito, il ddl prevede tuttavia una possibilità di soluzioni alternative (con delega al Governo), sempre che sia rispettato l equilibrio finanziario a cui la riforma mira. Pensioni di anzianità Dal 2008, oltre ai 35 anni di contributi (rimanendo al riguardo immodificata la normativa attuale), occorreranno 60 anni di età per i lavoratori dipendenti e 61 per gli autonomi (artigiani, commercianti e coltivatori diretti). La scansione fino al 2013 è fissata nella tabella A allegata al ddl. Dal 2014 i requisiti sono ulteriormente aumentati di un anno, sia per i dipendenti che per gli autonomi (a seconda dell andamento della spesa tuttavia tale ulteriore incremento potrà essere differito). Manca dunque, in difformità ai criteri finora seguiti in sede di riforme, la gradualità nel passaggio dai vecchi ai nuovi requisiti, cosa che ha provocato non pochi dissensi tra i destinatari delle nuove norme. La critica più ricorrente infatti si concentra proprio su questo aspetto, al punto che viene rilevato che chi non aveva maturato i requisiti entro il 2007 anche per un solo giorno, dovrà attendere per il pensionamento tre anni in più. La possibilità di andare in pensione più giovane rimane solo per chi può vantare almeno 40 anni di contributi. 11 Dopo il non riuscito tentativo di cui all art. 1, c. 185 ss. della legge 23 dicembre 1996, n. 662, la legge 23 dicembre 2000, n. 388, all art. 75, ha ancora riproposto la possibilità del differimento della pensione di anzianità. I lavoratori dipendenti del settore privato (esclusi quindi anche allora i pubblici dipendenti), che hanno maturato i requisiti per la pensione di anzianità, possono rinunciare alla copertura contributiva a partire dal periodo in cui si trattengono in servizio. Con la rinuncia del lavoratore viene meno l obbligo del datore di lavoro di versare i relativi contributi all assicurazione generale obbligatoria e alle gestioni sostitutive. Due le condizioni. Il lavoratore deve impegnarsi, al momento in cui esercita la rinuncia, a posticipare il pensionamento di almeno due anni. Il datore di lavoro e il lavoratore devono stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato per il periodo corrispondente alla rinuncia. Dopo la prima possono intervenire altre rinunce al versamento contributivo, che possono anche essere di durata inferiore al biennio. Ovviamente ogni ulteriore rinuncia del lavoratore deve essere accompagnata dal corrispondente contratto di lavoro a tempo determinato di pari durata. Il trattamento pensionistico viene cristallizzato alla contribuzione maturata fino alla data della prima finestra (vale a dire, decorrenza) utile per la pensione dopo la rinuncia. L importo viene tuttavia adeguato con gli aumenti di perequazione automatica (scala mobile) maturati anno dopo anno. La rinuncia comporta che il lavoratore non sarà più soggetto alla trattenuta previdenziale per tutto il periodo di prosecuzione del lavoro. Più consistente è il vantaggio per le imprese: esse infatti potranno avvalersi del lavoro dei soggetti più anziani ed esperti, senza l esborso del contributo-pensione. 12 Gli enti privati di previdenza obbligatoria sono quelli di cui ai D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509, e 10 febbraio 1996, n Pagina 7 di 12

8 TAVOLA 4 Requisiti per la pensione di anzianità Requisiti per la pensione di anzianità (tab. A allegata al ddl delega) Anno Lavoratori dipendenti pubblici e privati Lavoratori autonomi iscritti all Inps (età) Le vecchie regole sulla pensione di anzianità, quelle cioè vigenti prima dell entrata in vigore della legge di riforma, continuano ad applicarsi ai soggetti che erano stati autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione prima del 1 marzo Dato che il ddl parla semplicemente di autorizzazione, si ritiene, conformemente a quanto accaduto per il passato, che, per beneficiare della deroga, non sia necessario che siano stati effettivamente versati i contributi volontari. Le disposizioni vigenti prima della riforma continueranno ad applicarsi, ma solo nel limite di dieci mila soggetti, ai lavoratori collocati in mobilità sulla base di accordi sindacali stipulati anteriormente al 1 marzo 2004 e che maturano i requisiti per la pensione di anzianità entro il periodo di fruizione dell indennità di mobilità, nonché ai lavoratori destinatari dei fondi di solidarietà di settore di cui all art. 2, c. 28, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, per i quali siano già intervenuti, sempre alla data del 1 marzo 2004 i relativi accordi sindacali. Il monitoraggio sul numero delle domande sarà effettuato dall Inps, il quale, raggiunta la quota delle dieci mila, non procederà all esame di nuove domande. Una deroga è prevista anche per le donne. In via sperimentale, fino al 31 dicembre 2015, le lavoratrici possono scegliere di andare in pensione di anzianità anche dopo il 2007 con le regole attuali (57 o 58 anni di età, a seconda che siano dipendenti o autonome, e 35 anni di contributi), a condizione che optino per la liquidazione del trattamento con il sistema contributivo. A fronte dell anticipo della pensione avranno perciò una penalizzazione economica, che si porteranno dietro per tutta la vita. Pagina 8 di 12

9 TAVOLA 5 Pensione di anzianità: così aumenta l età Pensione di anzianità: cosi aumenta l età 35 anni di contributi + età (anni) Regole attuali Anno Dipendenti Autonomi Dopo la riforma Anno Dipendenti Autonomi In alternativa al requisito dell età + contributi, i lavoratori dipendenti possono far valere, a prescindere dall età: 38 anni di contributi ( ), 39 ( ), 40 (dal 2008 in poi). Per gli autonomi (artigiani, commercianti e coltivatori diretti), il requisito alternativo è sempre di 40 anni di contributi. Pensioni contributive I requisiti per l accesso alla pensione cambiano anche per i lavoratori la cui pensione va liquidata esclusivamente con il sistema contributivo. Si tratta dei soggetti privi di copertura contributiva obbligatoria prima del 1996 che hanno iniziato l assicurazione da tale anno in avanti. Per loro dal 2008 non basteranno più 57 anni di età 13, ma ne occorreranno 60 per le donne e 65 per gli uomini, avendosi con ciò la parificazione con il requisito anagrafico previsto per la pensione di vecchiaia in regime retributivo 14. Tali lavoratori possono comunque accedere alla pensione di vecchiaia contributiva, se hanno maturato un anzianità contributiva di 40 anni, a prescindere da qualsiasi soglia di età, o di 35 anni in concorrenza dell età anagrafica prevista dalla tabella A allegata al ddl fino al 2013 aumentata di un anno dal 2014 in poi. Nelle stesse regole rientrano anche i lavoratori parasubordinati e i professionisti senza propria cassa previdenziale iscritti alla Gestione separata presso l Inps 15. Finestre Sempre dal 2008 si dimezzano gli accessi alla pensione di anzianità, le finestre, appunto, che vengono ridotte da quattro a due. Il regime degli accessi limitati viene esteso anche ai lavoratori di età inferiore a quella pensionabile interessati dalla nuova pensione contributiva. Stabilisce infatti il ddl che i lavoratori dipendenti di cui sopra, che accedono al pensionamento con età inferiore ai 65 anni, se uomini, e ai 60, se donne, se sono in possesso dei requisiti entro il secondo trimestre dell anno, possono ottenere la pensione dal 1 gennaio dell anno successivo, sempre che abbiano compiuto i 57 anni di età entro il 31 dicembre dell anno precedente. Qualora maturino i requisiti entro il quarto trimestre dell anno, possono accedere al pensionamento dal 1 luglio dell anno successivo. 13 Art. 1, c. 20, legge 8 agosto 1995, n Art. 1, D.Lgs 30 dicembre 1992, n La Gestione separata è stata istituita dall art. 2, c. 26, legge 8 agosto 1995, n.335. Pagina 9 di 12

10 Il giro di vite riguarda anche per i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti e coltivatori diretti) con età inferiore ai 65/60 anni: per chi ha maturato i requisiti entro il secondo trimestre dell anno la finestra si apre il 1 luglio dell anno successivo; chi li ha maturati entro il quarto trimestre può accedere al pensionamento il 1 gennaio del secondo anno successivo. TAVOLA 6 Nuove finestre di accesso alla pensione di anzianità Nuove finestre di accesso alla pensione di anzianità Categorie Maturazione dei requisiti Decorrenza pensione Lavoratori dipendenti Secondo trimestre 1 gennaio dell anno successivo (lavoratori con 57, o più, anni di età al 31 dicembre dell anno precedente) Lavoratori autonomi Quarto trimestre Secondo trimestre 1 luglio dell anno successivo a prescindere dall età 1 luglio dell anno successivo Quarto trimestre 1 gennaio del secondo anno successivo Rimangono invece in vigore le vecchie date di accesso per coloro che, pur avendo maturato i requisiti per la pensione entro il 2007, scelgono di andare in pensione dal 2008 in poi. Così pure continuano a valere le regole speciali previste per il personale della scuola, che prevedono una sola finestra l anno fissata il 1 settembre 16. E delegata al Governo la definizione di termini di accesso alla pensione particolari per i soggetti che abbiano maturato un anzianità contributiva pari o superiore a 40 anni. ALTRI INTERVENTI Possono essere raggruppate in questo paragrafo le altre iniziative assunte dal ddl soprattutto in materia di razionalizzazione e riorganizzazione della macchina previdenziale. In alcuni casi si tratta di deleghe che dovranno essere attuate nei diversi tempi prestabiliti. Casellario delle posizioni previdenziali Sull esempio di quanto anni addietro era stato fatto per le posizioni pensionistiche, i cui dati vennero accentrati in unico Casellario presso l Inps, una analoga iniziativa il ddl ha assunto in merito alle posizioni contributive, e più in generale previdenziali, dei lavoratori. Anche questa volta presso l Inps, è istituito il Casellario centrale delle posizioni previdenziali attive, con la funzione di raccogliere, conservare e gestire informazioni e dati relativi ai lavoratori iscritti all assicurazione generale obbligatoria, ai regimi obbligatori sostitutivi, esclusivi o esonerativi dell Ago, ai regimi di previdenza obbligatori dei lavoratori autonomi, dei liberi professionisti, e dei lavoratori iscritti alla gestione separata dei parasubordinati e dei professionisti senza propria cassa previdenziale. Insomma, il Casellario dovrà essere 16 Legge 27 dicembre 1997, n. 449, art. 59, c. 9. Pagina 10 di 12

11 implementato (nei tempi strettissimi previsti dal ddl) di tutte le notizie riguardanti i lavoratori iscritti a qualunque regime previdenziale a carattere obbligatorio, come espressamente il ddl precisa, a chiusura dell elenco, evidentemente per includere anche quelli eventualmente non citati. Non solo; vanno registrate anche le posizioni dei lavoratori iscritti ai regimi facoltativi gestiti dagli enti previdenziali. Il data base presso il Casellario, che costituisce l anagrafe generale delle posizioni assicurative alla quale possono accedere tutte le amministrazioni dello Stato e gli enti che gestiscono la previdenza, consentirà di emettere l estratto conto contributivo e di calcolare la pensione nei casi di domanda sia della certificazione dei diritti acquisiti sia della pensione vera e propria. Altra funzione del Casellario sarà quella di monitorare lo stato dell occupazione e di verificare il regolare assolvimento degli obblighi contributivi. A tale scopo dovrà raccogliere i dati delle denunce nominative degli assicurati relative alle assunzioni, variazioni e cassazioni dei rapporti di lavoro trasmesse dai datori di lavoro; le informazioni sui permessi di soggiorno rilasciati ai lavoratore extracomunitari trasmesse dal ministero dell Interno; le informazioni sulle minorazioni o le malattie invalidanti secondo la classificazione dell Organizzazione mondiale della sanità trasmesse dalle varie istituzioni. Infine il Casellario dei lavoratori interagirà con il Casellario dei pensionati, soprattutto al fine di costituire una base per le previsioni e la valutazione preliminare sulle iniziative legislative e regolamentari in materia previdenziale. Enti di previdenza pubblici e privati Gli Enti previdenziali dovranno individuare, sulla base di direttive ministeriali, il settore economico di appartenenza delle aziende, dei lavoratori autonomi e parasubordinati, al fine di rivedere i termini di scadenza delle comunicazioni di inizio e fine dell attività e degli adempimenti contributivi. Ciò per permettere il tempestivo aggiornamento delle posizioni individuali dei lavoratori. Sono in arrivo anche norme dirette a riordinare gli Enti di previdenza e assistenza obbligatoria, al fine di conseguire una maggiore efficacia della loro azione e una riduzione dei costi gestionali. Quanto agli Enti privatizzati, è previsto un allargamento della loro sfera di azione, con la possibilità di istituire forme di tutela sanitaria integrativa e forme pensionistiche complementari. E poi loro attribuita la facoltà di accorparsi, nonchè di includere al loro interno altre categorie professionali similari di nuova istituzione e prive di tutela previdenziale. Testo unico delle leggi previdenziali Si torna a parlare di un vecchio progetto, già previsto nella riforma Dini del e rimasto nel cassetto per quasi dieci anni. Ora torna alla ribalta con la medesima connotazione di assoluta necessità, anzi di accresciuta necessità, viste le disposizioni che nel frattempo si sono affastellate in contenitori normativi il più delle volte eterogenei, prive di raccordo tra di loro e spesso incomplete e contraddittorie. Entro diciotto mesi dall entrata in vigore della legge delega il Governo è delegato ad emanare un decreto legislativo contenente il Testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia previdenziale. Tale corpo di norme dovrà essere improntato a una più precisa determinazione dei campi di applicazione delle diverse competenze, alla semplificazione delle procedure amministrative, all armonizzazione delle aliquote contributive, alla revisione delle norme vigenti in materia sia di contribuzione che di prestazioni, alla semplificazione e razionalizzazione delle norme previdenziali riguardanti il settore agricolo armonizzandole a quelle che regolano gli altri settori. 17 Art. 3, c. 21, legge 8 agosto 1995, n Pagina 11 di 12

12 GLOSSARIO Scala mobile La scala mobile o contingenza è l istituto che incrementa la retribuzione ogni volta che varia il costo della vita. La sua funzione fondamentale è di garantire il potere d'acquisto delle retribuzioni e metterle al riparo dall'aumento del costo della vita. La scala mobile è stata un'esperienza originale italiana. La storia della scala mobile inizia con l'accordo interconfederale del 6 dicembre 1945 e termina definitivamente con l'accordo interconfederale del 31 luglio Dal 1/07/99 è stata conglobata in paga base. Finestra d uscita Le date di apertura della finestra d uscita determinano il termine iniziale a decorrere dal quale il lavoratore che abbia maturato sia i requisiti contributivi che anagrafici può richiedere l erogazione del trattamento pensionistico. La pensione decorre dalla apertura della finestra, purchè la domanda sia stata presentata prima di quella data. In caso contrario, decorre dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di Ipsoa Editore S.r.l. Copyright Ipsoa Editore S.r.l. Fonte: Diritto e Pratica del lavoro-settimanale di amministrazione e gestione del personale, Ipsoa Editore Pagina 12 di 12

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti in materia di previdenza pubblica, di sostegno alla

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

articolo 3 e al comma 2 dell articolo 9 del DLgs 21 aprile 1993, n. 124 [1] articolo 9, comma 2, del DLgs 21 aprile 1993, n.

articolo 3 e al comma 2 dell articolo 9 del DLgs 21 aprile 1993, n. 124 [1] articolo 9, comma 2, del DLgs 21 aprile 1993, n. Legge 23 agosto 2004, n. 243. Norme in materia pensionistica e deleghe al Governo nel settore della previdenza pubblica, per il sostegno alla previdenza complementare e all occupazione stabile e per il

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058)

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058) Fino al 3//007 Riforma delle pensioni (3/5/004 - A.S. 058) Rimangono fermi i requisiti contributivi e di età per la pensione d anzianità L attuale norma prevede 35 anni di contributi e 57 di età oppure

Dettagli

I NUMERI DELLA PREVIDENZA NEL 2006 1. L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI:

I NUMERI DELLA PREVIDENZA NEL 2006 1. L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: Rassegna Previdenziale n. 1 - gennaio-aprile 2006 SOMMARIO I NUMERI DELLA PREVIDENZA NEL 2006 1. L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: Pag. III - I REQUISITI PER IL DIRITTO ALLE PRESTAZIONI

Dettagli

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Aggiornato al Febbraio 2006 La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l'età

Dettagli

Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale. M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno

Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale. M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno Sintetica descrizione del disegno di legge delega sulla riforma previdenziale M. Madìa, F. Pammolli e N. C. Salerno 7/04 Maggio 2004 Gennaio 2004 7/04 SINTETICA DESCRIZIONE DEL DISEGNO DI LEGGE DELEGA

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Previdenza pubblica: osservazioni al testo della delega

Previdenza pubblica: osservazioni al testo della delega Previdenza pubblica: osservazioni al testo della delega Età pensionabile fissa anche nel sistema contributivo. La nuova normativa cancella uno dei punti cardine della riforma DINI: la flessibilità dell

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1.1 - Nel sistema di calcolo retributivo e misto (legge 23.12.1994, n. 724, art. 11, comma 1; D.lgs. 30.12.1992 n. 503,

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI

RIFORMA DELLE PENSIONI RIFORMA DELLE PENSIONI I punti principali La proposta di legge delega di riforma del sistema previdenziale approvata dal Governo si propone di raggiungere due obiettivi, largamente condivisi a livello

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Ndr. La legge 18 ottobre 2001, n. 383, concerne Primi interventi per il rilancio dell economia.

Ndr. La legge 18 ottobre 2001, n. 383, concerne Primi interventi per il rilancio dell economia. Legge 23 agosto 2004, n. 243 Norme in materia pensionistica e deleghe al Governo nel settore della previdenza pubblica, per il sostegno alla previdenza complementare e all occupazione stabile e per il

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

1 - L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: - I REQUISITI PER IL DIRITTO ALLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE

1 - L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: - I REQUISITI PER IL DIRITTO ALLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE 1 - L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: - I REQUISITI PER IL DIRITTO ALLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE - I PARAMETRI PER IL LORO CALCOLO - LA LORO DECORRENZA: LE FINESTRE III 1.1 - LAVORATORI

Dettagli

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare Finestre che si chiudono e altre che si aprono, ma con una differenza sostanziale: la via di uscita dal mondo del lavoro è una sola volta all anno.

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

APPUNTI DI PREVIDENZA

APPUNTI DI PREVIDENZA Unione Italiana Lavoratori della COMunicazione Segreteria Provinciale e Regionale Via Alessandria, 21 10152 Torino tel. 011.232188 Fax 011.232176 Posta elettronica : uilcomunicazione@uilcomunicazione.net

Dettagli

di Patrizia Della Serra

di Patrizia Della Serra TFR E FONDI PENSIONE COSA CAMBIA PER LE AZIENDE di Patrizia Della Serra Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Il Tfr fino al 31 dicembre 2006...4 Il Tfr dall'1 gennaio 2007...4 Agevolazioni

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Interventi in materia previdenziale Roma, 14 marzo 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti anagrafici e contributivi per

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa SILENZIO/ASSENSO E TFR ALL INPS Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa di Giovanni Maggiorano Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Introduzione...3 Tre le ipotesi percorribili...4

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA A cura dello SPI CGIL di INDICE 1. CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 2. CONTRIBUZIONE 3. PEREQUAZIONE CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 Introduzione del pro-rata

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico LA MANOVRA SALVA ITALIA Legge 214 del 22 dicembre 2011 (G.U. n. 300 del 27-12-2011 supplemento ordinario n. 276) Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico Gennaio 2012 A cura di Vanna Giantin

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio LA PREVIDENZA PUBBLICA Docente: Andrea Milesio Il contesto Il contesto Il contesto Per quanto tempo ancora sarà sostenibile questa situazione? La Previdenza Pubblica ante riforma Fornero 6 Il sistema

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI 1 LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI DECRETO LEGISLATIVO N 42/2006 LEGGE N 247/2007 DECRETO LEGGE N 201/2011 CONVERTITO IN LEGGE N 214/2011 2 1 Totalizzazione La nuova disposizione esordisce con

Dettagli

di Marco Piacenti Risorse umane >> Fondi pensione www.intesasanpaoloimprese.com

di Marco Piacenti Risorse umane >> Fondi pensione www.intesasanpaoloimprese.com PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI di Marco Piacenti Risorse umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Iscritti dall'anno 2007...4 Soggetti già iscritti alla data della riforma: regime transitorio...7

Dettagli

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl 1 Obiettivi Rispetto vincoli di bilancio Stabilità economicofinanziaria Rafforzamento sostenibilità sistema pensionistico Principi Equità e convergenza

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

LA RIFORMA DEL SISTEMA PENSIONISTICO

LA RIFORMA DEL SISTEMA PENSIONISTICO LA RIFORMA DEL SISTEMA PENSIONISTICO Al solo fine di facilitare la conoscenza da parte di tutti coloro che sono interessati alla riforma del sistema pensionistico e per offrire informazioni a chi è destinato

Dettagli

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011 Dossier Rassegna.it Pensioni, cosa cambia La nostra guida Decorrenze di anzianità e vecchiaia, finestre, pensioni anticipate, aumento dell'età pensionabile per le donne del pubblico impiego, ricongiunzioni.

Dettagli

SINTESI DEL DOCUMENTO datato 29.12.2011 del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti della Cgil Nazionale

SINTESI DEL DOCUMENTO datato 29.12.2011 del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti della Cgil Nazionale Dipartimento Stato Sociale Cgil di Vicenza SINTESI DEL DOCUMENTO datato 29.12.2011 del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti della Cgil Nazionale GLI ASPETTI PREVIDENZIALI della Legge 22.12.2011, n. 214

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CRESCITA, L EQUITA E IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Questo dovrebbe essere il testo che va in discussione alle camere diverso in alcuni punti dal testo riportato sul precedente

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

Le informazioni sulla propria situazione contributiva e previdenziale

Le informazioni sulla propria situazione contributiva e previdenziale Check-up Pensione - Servizio di ricognizione dei contributi versati presso l Inps Check-up - Calcolo P Check-up settimane Pensione utili - Servizio ai fini di pensionistici ricognizione dei contributi

Dettagli

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Vita e lavoro in Italia La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Un periodo ricco di trasformazioni Come spiega il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

Roma, 17 gennaio 2014. Circolare n. 6/SDI-MC-CMon/pt. Oggetto: Legge di stabilità per l anno 2014

Roma, 17 gennaio 2014. Circolare n. 6/SDI-MC-CMon/pt. Oggetto: Legge di stabilità per l anno 2014 Dipartimento Politiche Previdenziali, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL All Ufficio Legale

Dettagli

Vademecum del decreto n. 201/2011. A cura della Presidenza del Gruppo e dei deputati PD della Commissione Lavoro Roma, 20 dicembre 2011

Vademecum del decreto n. 201/2011. A cura della Presidenza del Gruppo e dei deputati PD della Commissione Lavoro Roma, 20 dicembre 2011 Pensioni Vademecum del decreto n. 201/2011 A cura della Presidenza del Gruppo e dei deputati PD della Commissione Lavoro Roma, 20 dicembre 2011 La riforma delle pensioni contenuta nella manovra si presenta

Dettagli

Vademecum sulle pensioni

Vademecum sulle pensioni Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185 Roma tel.: 0670452452; fax: 0677206060. e-mail: mail@cobas-scuola.org

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

Lavoro & Previdenza N. 24. Legge di Stabilità 2014: il punto dei CdL. La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici 05.02.

Lavoro & Previdenza N. 24. Legge di Stabilità 2014: il punto dei CdL. La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici 05.02. Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 24 05.02.2014 Legge di Stabilità 2014: il punto dei CdL I CdL riepilogano le norme previdenziali introdotte dalla Legge di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli