Manuale utente GRAPHIC TOOL PRO (GT PRO) PER IW QUICK TRADE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale utente GRAPHIC TOOL PRO (GT PRO) PER IW QUICK TRADE"

Transcript

1 Sommario 1 INTRODUZIONE NOVITA. FUNZIONE CONFRONTA ESEMPI DI PERSONALIZZAZIONE Creazione di grafici Creazione di una curva che collega le chiusure alle candele giapponesi: Introduzione di una media mobile a 5 giorni, le Bande di Bollinger a 20 giorni ed il Parabolic SAR Aggiunta di un oscillatore MACD ed un Relative Strength Index a 14 giorni Inversione delle finestre del"relative Strength Index" e del MACD VISTA E DURATA Apertura di grafici multipli INTRODUZIONE AL DISEGNO ATTREZZI DI DISEGNO ALLARMI INVIO DEL GRAFICO COME ALLEGATO MAIL SALVATAGGIO E STAMPA DEL GRAFICO PROBUILDER GUIDA ALLA COSTRUZIONE DI INDICATORI PER IW GRAPHIC TOOL PRO PRESENTAZIONE DEL PROBUILDER USARE PROBUILDER. SUPPORTO VELOCE PER LA CREAZIONE DI INDICATORI SCORCIATOIE DI TASTIERA NELLA FINESTRA DI PROGRAMMAZIONE LE COSTANTI FINANZIARIE PROBUILDER Le constanti giornaliere di prezzo Le costanti temporali LE COSTANTI DERIVATE DEI PREZZI LA COSTANTE INDEFINITA UTILIZZO DI INDICATORI PRE-ESISTENTI OTTIMIZZAZIONE VARIABILI FUNZIONI MATEMATICHE E ISTRUZIONI PROBUILDER. STRUTTURE DI CONTROLLO APPLICAZIONI PRATICHE ESERCIZI PATTERN DI PREZZO GLOSSARIO /08/2015 PAG 1/65

2 1 INTRODUZIONE Con il presente manuale puoi comprendere le basi di utilizzo di GT PRO in pochi minuti. GT PRO è completamente personalizzabile: è possibile cambiare i colori, gli stili,il tipo di scala temporale, cambiare e aggiungere indicatori, i parametri degli indicatori, fare confronti tra diversi titoli e ridimensionare le varie finestre. NB: le immagini presenti in questo documento si riferiscono alla versione standard di GT Pro. All interno della piattaforma IW Quick Trade è invece presente una versione del tool grafico leggermente differente. E pertanto possibile che alcune funzioni descritte nel Manuale di IW GT Pro, in quello di programmazione del Backtesting e in quello di costruzione degli indicatori (ProBuilder) siano utilizzabili in modo differente oppure non siano attualmente disponibili. 1.1 NOVITA. FUNZIONE CONFRONTA E possibile confrontare l andamento di due oppure più strumenti (max 5). Per fare questo è sufficiente: 1) Accedere a GT Pro; 2) Inserire il simbolo di uno strumento (definito come strumento principale ) all interno del campo Simbolo. Se non si conosce il simbolo di negoziazione dello strumento è possibile cercarlo tramite la Ricerca (F11) e trascinandolo all interno del perimetro del grafico; 3) Inserire, all interno del campo Confronta con, il simbolo di negoziazione dello strumento che si desidera confrontare. A differenza di quanto avviene per lo strumento Principale, in questo caso è necessario digitare il simbolo dello strumento all interno dell apposito campo e cliccare sul pulsante INVIO della tastiera; 4) Se il simbolo dello strumento è corretto, sarà visualizzato all interno del menu a tendina visualizzato in alto a destra. Come è possibile notare, all interno della finestra principale sarà visualizzato un nuovo grafico, dove le candele rialziste saranno blu e le candele ribassiste saranno grigie. Le candele del titolo principale continueranno ad essere, come di consueto, verdi e rosse; 5) Cliccando sul campo prezzo si apre una finestra dalla quale è possibile scegliere alcuni parametri, tra cui: a. Colore delle candele ribassiste e rialziste per ciascun titolo; b. Spessore e stile di ciascun grafico; c. Tipo di scala. (E possibile confrontare l andamento dei graifici basandosi sui valori assoluti, su valori logaritmici oppure (scelta predefinita) basandosi sulle variazioni % di ciascuna candela rispetto a quelle precedenti. 6) Per rimuovere un titolo, infine, è sufficiente selezionare il rispettivo simbolo dal menu a tendina e cliccare sulla X azzurra presente in alto a destra. 06/08/2015 PAG 2/65

3 7) Attenzione: è possibile aggiungere al massimo 4 simboli nella lista di Confronto. 1.2 ESEMPI DI PERSONALIZZAZIONE Creazione di grafici Dopo aver cliccato sull icona del GT Pro cliccate sul tasto "Proprietà Grafico" in basso a destra: E' possibile visualizzare i giorni pari e dispari con colori diversi, aggiustare l'intervallo tra i numeri visibili sulla scala verticale e visualizzare/nascondere le quadrettature orizzontali e verticali. E' inoltre possibile applicare queste scelte alla finestra in corso o all'insieme delle finestre grafiche. L'immagine sottostante mostra come cambiare il colore dello sfondo fra i giorni pari e dispari. 06/08/2015 PAG 3/65

4 06/08/2015 PAG 4/65

5 L'immagine sotto riportata spiega, invece, come visualizzare o nascondere i titoli dei tuoi indicatori: 06/08/2015 PAG 5/65

6 Qui, invece, è possibile visualizzare come impostare il tipo di scala che è possibile visualizzare: 06/08/2015 PAG 6/65

7 Qui sotto vengono riportati alcuni esempi di personalizzazione: Cominciamo con un grafico dell indice FTSE MIB con grafico a chiusure su 3 mesi e senza nessun indicatore. 06/08/2015 PAG 7/65

8 1.2.2 Creazione di una curva che collega le chiusure alle candele giapponesi: Ci sono 2 possibilità: cliccare con il tasto destro sulla curva e selezionare "Proprietà prezzo" oppure cliccare sull'oggetto contornato qui sotto in giallo. Le due azioni aprono la finestra "Proprietà Prezzo". 06/08/2015 PAG 8/65

9 In seguito clicca sul menu a tendina "Stile" e scegli "Candela". Si noti che é possibile scegliere il colore da attribuire alle candele in rialzo e in ribasso, come indicato nella figura sottostante 06/08/2015 PAG 9/65

10 1.2.3 Introduzione di una media mobile a 5 giorni, le Bande di Bollinger a 20 giorni ed il Parabolic SAR. E sufficiente aprire la finestra "Impostazioni prezzo" e cliccare sul menù a tendina "Aggiungi" per includerli uno a uno. Verifica di avere nel lato sinistro della finestra "Proprietà Prezzo": Media Mobile, Parabolic SAR ( Boll up, Boll down, Boll middle). Clicca su Media Mobile e scegli "Numero Periodi" 5. Ricorda che puoi ugualmente modificare altri parametri. Ecco un esempio con una linea un po più spessa, un colore azzurro e un metodo di calcolo esponenziale (Media Mobile Esponenziale): Per ridimensionare la scala orizzontale, clicca come indicato nel rettangolo giallo sottostante e sposta il mouse a sinistra o a destra, lasciando sempre il tasto premuto. Noterete che è possibile ridimensionare la scala verticale: cliccate con il mouse sul rettangolo contornato qui sotto in giallo e, mantenendo il tasto premuto, spostate il mouse verso l'alto o verso il basso. L'intervallo cambierà di conseguenza. E anche possibile personalizzare l'intervallo fra due numeri visualizzati sulla scala verticale, cliccando con il mouse sulla scala e spostandovi verso l'alto o verso il basso, fino ad ottenere la visione desiderata. 06/08/2015 PAG 10/65

11 Per tornare indietro e visualizzare la vista ottimizzata è sufficiente cliccare sul bottone 06/08/2015 PAG 11/65

12 1.2.4 Aggiunta di un oscillatore MACD ed un Relative Strength Index a 14 giorni Clicca col tasto sinistro sull'icona "Indicatori / Backtest" situata in alto a destra del grafico. Scegli l'macd nella lista degli "Indicatori" ed in seguito clicca su "Aggiungi indicatore". Ripeti questa procedura per il Relative Strenght Index. Adesso vediamo insieme come cambiare la vista Istogramma del MACD in una vista MACD a due linee (e non più una sola linea rappresentante la differenza del MACD e del Segnale): o Clicca sullo strumento a forma di chiave, contornato qui sotto in giallo, per cambiare le proprietà del MACD. o Seleziona MACD-signal, poi clicca sul menu a tendina "Stile" e seleziona "invisibile". o In seguito seleziona Segnale, clicca sul menu a tendina "Stile" e seleziona "------" o Infine, seleziona MACD e clicca sul menu a tendina "Stile" e seleziona "------" E' possibile scegliere di visualizzare o meno il nome ogni indicatore. Selezionando "mai" ne nascondi il nome; "Con cursore mouse", permette di visualizzare il nome solo quando il cursore passa sulla la finestra e "Sempre" (modo predefinito) permette di 06/08/2015 PAG 12/65

13 visualizzarlo in modo permanente. Per impostare questa configurazione per tutti gli indicatori, clicca su "Applica a tutti i grafici", situato sopra il tasto Chiudi della finestra "Proprietà Grafico" Inversione delle finestre del"relative Strength Index" e del MACD Clicca sull'indicatore "Relative Strength Index", contornato qui sotto in giallo, e sposta il mouse verso l'alto mantenendo il tasto premuto, fino a quando non apparirà il rettangolo con la scritta: SWAP MACD- Relative Strength Index. Si noti che si può ugualmente ingrandire la dimensione della finestra "Relative Strength Index" cliccando sulla zona bianca che separa la finestra "Prezzo" dalla finestra "Relative Strength Index" e spostando il mouse verso l'alto mantenendo il tasto premuto. 06/08/2015 PAG 13/65

14 1.3 VISTA E DURATA Manuale utente E' possibile selezionare i tre parametri seguenti: il numero di quotazioni da scaricare ('Durata'), la risoluzione ('Vista')e il tipo di scala ('Tipo di Scala'). Menù a tendina di sinistra: definisce il numero di quotazioni da caricare Quest'opzione è disponibile sia in modalità "Intraday" sia in End of Day. Definisce la quantità di dati da scaricare. Per esempio, per scaricare 2 anni di quotazioni borsistiche, seleziona '2 anni' nell'indice a tendina 'Durata'. Per cambiare il valore visualizzato, modifica la scelta della quantità di dati da scaricare: allo stesso esempio, se carichiamo 2 anni di quotazioni del titolo Fiat e poi passiamo alla visualizzazione del titolo ENI, in automatico saranno mostrati 2 anni di quotazioni per questo nuovo titolo. Il tempo necessario per caricare delle quotazioni è direttamente legato alla quantità di quotazioni selezionata nel menu a tendina: un giorno di quotazioni richiede un minor tempo di caricamento rispetto a 5 anni di quotazioni, a parità di timeframe. Si noti che è anche possibile selezionare la quantità di quotazioni in "unità". Un'unità corrisponde alle quotazioni di un giorno. Quindi, 50 unità corrispondono a 50 giorni di quotazioni o 10 settimane in giorni lavorativi, ovviamente di quotazioni. Suggeriamo di creare almeno due Piani di lavoro (vai alla sezione corrispondente): un primo piano di lavoro che utilizza pochi dati e si carica più rapidamente e un secondo piano che utilizza più quotazioni per effettuare studi più approfonditi. Menù a tendina centrale: rappresentazione di ogni candela o bar-chart Modificare la risoluzione temporale muta direttamente il significato di ogni candela (o di ogni bar chart, o di tutt'altra rappresentazione scelta nell'indice a tendina 'stile' dell'indice 'I Miei Indicatori'). La risoluzione temporale definisce il numero di unità di tempo che una candela contiene. Osserviamo per esempio, l'indice a tendina chiamato "Vista". Si può scegliere tra una risoluzione per minuto, per ora, per settimana, per mese e per anno. L'opzione 'tick per tick' è una nuova funzione della piattaforma e permette di visualizzare le quotazioni in tempo reale. 06/08/2015 PAG 14/65

15 Apertura di grafici multipli Dalla piattaforma Quick Trade, cliccando sull'icona la finestra principale., viene aperto un nuovo grafico in una finestra separata, senza sostituire 2 INTRODUZIONE AL DISEGNO Questa sessione illustra 3 esempi di utilizzazione dell'interfaccia di disegno Attrezzi disegno'. Si prega di farvi riferimento per leggere una descrizione completa degli strumenti di disegno disponibili. Tracciato di line Delle linee di supporto, di resistenza e di canali possono essere tracciate. Per farlo, seleziona l'attrezzo di disegno appropriato nella finestra "Attrezzi" inquadrata qui sotto. Clicca per definire il primo punto della linea. Sposta il mouse e clicca nuovamente per definire il secondo punto della linea. La linea è tracciata. Aggiungi commenti I commenti possono essere aggiunti utilizzando l'icona "T" nella finestra principale come si vede sopra. Modifica La piattaforma GTPro ti permette di modificare e gestire ogni impostazione, parametro o elemento. Per farlo clicca col tasto destro del mouse sull'elemento corrispondente. 06/08/2015 PAG 15/65

16 2.1 ATTREZZI DI DISEGNO Manuale utente La descrizione seguente permette di capire l'utilizzo dei diversi attrezzi situati nella finestra "attrezzi". Ogni attrezzo é analizzato in seguito, cominciando dal primo attrezzo a sinistra per poi spostarsi verso destra. Nota bene: se si clicca sul tasto destro del mouse utilizzando qualsiasi strumento descritto in questa sezione l'effetto sarà di cancellare l'ultima azione. Questo è utile quando si clicca sul grafico per errore, avendo prima cliccato sull'icona di un oggetto. A. Modo Cursore (Predefinito) L'icona rappresenta la modalità Cursore Standard che è attiva di default. Clicca in un punto qualsiasi sul grafico e sposta il mouse continuando a mantenere il tasto premuto. B. Creare un allarme L'icona permette di creare un allarme cliccando sul grafico su cui si desidera impostarlo. C. Zoom sul grafico L'icona rappresenta la funzione zoom. Cliccando sull'icona, potete definire la prima data dell'arco di tempo sul quale zoomare. Sposta il mouse verso destra e clicca di nuovo per definire la seconda data. Puoi utilizzare la barra di scorrimento orizzontale per visualizzare, con lo stesso zoom, le quotazioni di altre date. D. Tracciare un segmento o una linea L'icona permette di disegnare dei segmenti. Clicca sul punto a partire dal quale vuoi che parta il segmento, quindi clicca su un secondo punto che sarà l'altra estremità del segmento che verrà automaticamente tracciato. L'icona permette di tracciare delle linee. Il metodo per tracciare delle linee è simile al metodo di tracciamento di un segmento: clicca per definire i due punti di inizio e fine della linea. L'icona permette di disegnare delle linee orizzontali. L'icona permette di tracciare linee verticali. Linee di supporto e resistenza: ponendo il mouse in un punto specifico (max, min, chiusura...) o su un indicatore, questo punto sarà automaticamente il punto di partenza della linea. L'assistenza al disegno vi aiuterà poi a trovare il secondo punto. E. Livelli di Fibonacci Seleziona l'icona relativa ai livelli di Fibonacci e clicca su 2 punti del grafico per definire le estremità dei livelli di Fibonacci. Una successione di linee orizzontali é tracciata ai livelli di Fibonacci di 0.0%, 23.6%, 38.2%, 50%, 61.8% e 100% della linea di tendenza. I livelli di Fibonacci sono editabili utilizzando l'opzione di configurazione delle caratteristiche di un oggetto, accessibile a partire della finestra principale:. Le linee conserveranno il loro livello attuale fino a quando non verrà modificata la scala verticale. 06/08/2015 PAG 16/65

17 F. Scrivere un testo Cliccando sul tasto è possibile aggiungere del testo nei grafici. Quando il tasto è premuto, clicca in qualsiasi punto all'interno del grafico principale per scrivere dei commenti. Una finestra si apre automaticamente, permettendo di scegliere i caratteri, la dimensione, lo stile e il colore del testo. Ricordati che puoi modificare la localizzazione del testo (riferirsi al paragrafo H) e le opzioni di stile del testo (vedi paragrafo J). G. Copiare un oggetto L'icona permette di clonare una linea già presente nel grafico, oppure di copiare un elemento di testo già inserito. Clicca sull'oggetto da copiare e clicca in un altro punto del grafico per incollarlo. Si noti che avvicinando il mouse ad un oggetto questo diventa di colore azzurro chiaro. Questo significa che si può subito cliccare per modificarlo. Questo evita di dover centrare precisamente un oggetto potendo scegliere un piano più largo nel quale cliccare e selezionare l'oggetto. H. Spostare un oggetto L'icona è molto simile a quella precedente, ma invece di copiare un oggetto, lo sposta. E' una funzione molto simile al taglia e incolla di word I. Cancellare un oggetto Clicca sul tasto ed in seguito su un oggetto all'interno del tuo grafico (testo o linea). L'oggetto sarà cancellato. Anche in questo caso l oggetto vicino alla freccia del mouse assume una colorazione azzurra, ciò significa che può essere selezionato per la successiva rimozione. J. Modificare le opzioni di un oggetto L'icona permette di modificare le opzioni di un oggetto, sia un elemento del testo sia una linea. Clicca sull'oggetto da modificare; così facendo si apre una finestra dove scegliere le proprietà da attribuire a questo oggetto (stile, carattere, dimensione e colore del testo, spessore, colore, stile e limiti per una linea). 06/08/2015 PAG 17/65

18 2.2 ALLARMI Puoi creare degli allarmi su: Un prezzo specifico di un valore; Un prezzo specifico di un indicatore personalizzato; Un certo momento della giornata (Ore e Minuti); Sull'incrocio di una linea di tendenza con qualunque indicatore; Sull'incrocio di un indicatore personalizzato con qualunque indicatore. Un allarme può attivarsi quando si verifica una sola condizione, oppure quando si verificano varie condizioni contemporaneamente. In poche parole, tutti i tipi d'allarmi grafici sono possibili! Questi sono i passi per creare un allarme: Per creare un allarme, clicca sull'icona situata nella finestra "Strumenti" come viene indicato nella figura sottostante: Poi clicca sul grafico del valore che sarà messo in allarme. Per esempio, se desideri creare un allarme sulle quotazioni del future FTSE MIB, dovrai cliccare sulla zona gialla evidenziata qui sotto: 06/08/2015 PAG 18/65

19 Si aprirà allora una nuova finestra nella quale è possibile definire l'insieme delle caratteristiche di un allarme: per esempio essere avvertito del superamento della soglia di prezzo del future sull indice NASDAQ 100. Proviamo ora a creare ora un altro allarme basato su due condizioni : che il prezzo del future FTSE MIB sia sotto la sua media mobile a 20 giorni (Condizione 1, qui sotto in giallo) E che l'macd diventi negativo ( Condizione 2)Per creare la condizione 1, riproduci la tappa 1 qui sotto e scegli "Media Mobile 1" nel menu a tendina come è indicato nella figura sottostante. Per creare la Condizione 2, clicca sul tasto "Aggiungi una condizione" (immagine qui sotto), poi clicca sulla zona del grafico MACD visibile e inserisci il valore 0 nella casella evidenziata qui sotto in giallo. Clicca infine sul tasto "Installa allarme" 06/08/2015 PAG 19/65

20 06/08/2015 PAG 20/65

21 Proviamo ora, a titolo di esempio, a creare un altro allarme, questa volta sull'indicatore stocastico: vogliamo essere avvertiti quando la %K Stocastico incrocia la linea rossa tracciata qui sotto. Clicca su, poi sulla linea rossa. Le caratteristiche dell'allarme sono automaticamente riempite come indica la figura sottostante, si deve solo cliccare su "Crea un allarme". 06/08/2015 PAG 21/65

22 Se si modifica una retta che è usata come allarme, le caratteristiche di quest'allarme cambieranno di conseguenza. Si può modificare il grafico incluso nella finestra come se fosse una finestra di un grafico normale. (modificare scale, spostare linee...) La finestra Allarmi permette di visualizzare lo stato degli allarmi che abbiamo creato. La finestra Allarmi si avvia a partire del menu a tendina "Visualizza" della finestra principale. La figura sottostante riporta i 3 allarmi (id=0;1;2) creati insieme; si notino le 2 condizioni dell'allarme id=1. Si noti inoltre la differenza fra gli allarmi visualizzati e quelli non ancora scattati. Con poche e semplici operazioni possono essere create diverse serie di allarmi personalizzati. 06/08/2015 PAG 22/65

23 2.3 SALVATAGGIO DEI GRAFICI Manuale utente E' possibile salvare tutte le liste e i commenti creati o modificati nel corso della sessione cliccando su "Salva" presente in basso a sinistra. Cliccando su questo tasto si apre questo menu, che contiene il comando per salvare uno studio, ricaricare gli studi precedentemente salvati (oppure l impostazione di default), cancellare quelli precedentemente salvati. 2.4 INVIO DEL GRAFICO COME ALLEGATO MAIL Oltre alla procedura sopra indicata, è possibile tenere traccia del grafico e dei relativi studi salvando o stampando un grafico inviandolo via ed, eventualmente, spedendolo contemporaneamente a più persone. Ti consigliamo di scegliere questa funzione se desideri inviare i tuoi studi nei forum o se desideri inviare i tuoi studi a diversi contatti contemporaneamente. Per inserire la tua tabella in una mail, clicca sopra l'icona contornata di giallo qui sotto. 06/08/2015 PAG 23/65

24 Innanzitutto, è necessario creare una lista di contatti. Puoi per esempio cominciare aggiungendo il tuo indirizzo e poi gli indirizzi dei tuoi contatti come indicato qui sotto. Una volta che un indirizzo è salvato può essere utilizzato per invii futuri. E' possibile scegliere nella lista gli indirizzi cui inviare il grafico, cliccando sugli indirizzi corrispondenti. Gli indirizzi selezionati appaiono nel quadro "Destinatari" in alto a sinistra come indicato qui sotto. 06/08/2015 PAG 24/65

25 Scegli il titolo della mail, la larghezza e l'altezza dell'immagine oltre al commento eventuale da aggiungere. Il grafico verrà inviato ad ogni persona inserita nella casella DESTINATARI. 06/08/2015 PAG 25/65

26 2.5 SALVATAGGIO E STAMPA DEL GRAFICO Per salvare o stampare i grafici, clicca sull'icona inquadrata qui sotto in giallo. Scegli la larghezza e l'altezza dell'immagine e poi salvala o stampala. In entrambi i casi si aprirà una nuova finestra. Se vuoi salvare il grafico nel disco rigido, clicca sull'icona "Stampa" e scegli "Salva" nella finestra che si aprirà in seguito. 06/08/2015 PAG 26/65

27 06/08/2015 PAG 27/65

28 3 PROBUILDER. GUIDA ALLA COSTRUZIONE DI INDICATORI PER IW GRAPHIC TOOL PRO 3.1 PRESENTAZIONE DEL PROBUILDER ProBuilder é il linguaggio di programmazione utilizzato per costruire indicatori tecnici personalizzati, strategie di trading (ProBackTest), si tratta di un linguaggio di tipo BASIC, di utilizzo molto semplice e esaustivo nelle possibilità offerte. Potrete costruire i vostri propri programmi che utilizzano le quotazioni di qualsiasi strumento quotato, a partire dagli elementi di base: le quotazione d apertura di ogni barra : Open le quotazione di chiusura di ogni barra : Close il massimo di ogni barra : High il minimo di ogni barra : Low la quantità di titoli scambiati : Volume. Le barre, o candele, sono le rappresentazioni grafiche standard delle quotazioni ricevute in tempo reale. GTPro vi offre la possibiltà di personalizzare lo stile ed il tipo di grafico, proponendovi, tra le altre, viste tipo Renko, Kagi, Haikin-Ashi. L interprete ProBuilder valuta i dati di ogni barra di prezzo dalla più anziana alla più recente, e esegue la formula sviluppata nel linguaggio per determinare il valore degli indicatori sulla barra in questione. Gli indicatori sviluppati in ProBuilder possono essere visualizzati all interno del grafico del prezzo oppure in un grafico individuale, a seconda del tipo di scala utilizzata dall indicatore. Durante la lettura del presente capitol assimilirete i comandi che permettono di programmare in ProBuilder, aiutandovi con una esposizione chiara e degli esempi concreti. Al termine del presente manuale, troverete un indice che vi permetterà di ritrovare tutte le istruzioni ProBuilder, gli indicatori illustrati e d altre funzioni che completano l apprendimento della programmazione in GT Pro. I lettori già familiari con la programmazione potranno passare direttamente alla lettura del capitolo II, opure consultare l indice per ritrovare immediatamente la risposta a quesiti specifici. 06/08/2015 PAG 28/65

29 3.2 USARE PROBUILDER. SUPPORTO VELOCE PER LA CREAZIONE DI INDICATORI La zona di programmazione di un indicatore é disponibile a partire dal tasto "Indicatori/Backtest" che si trova in alto a destra di ogni grafico della piattaforma GT Pro. Accederete dunque alla finestra di gestione degli indicatori, dove potrete: Visulizzare un indicatore predefinito Creare un indicatore personalizzato che potrà in seguito essere applicato a un qualsiasi valore. In questo secondo caso, cliccate su "Nuovo", per accedere alla finestra di programmazione, che permette di: programmare direttemente un indicatore nella zona di testo riservata al codice, oppure utilizzare il tasto "Inserisci Funzione", che permette di ritrovare in una nuova finestra la biblioteca delle funzioni disponibili, divise in sette categorie, in modo da permettere una più immediata identificazione. 06/08/2015 PAG 29/65

30 Prendiamo per esempio l elemento caratteristico degli indicatori ProBuilder, cioé la funzione "RETURN" (disponibile nella sezione "Parole Chiave", come da immagine). Selezionate la parola RETURN e cliccate su "Aggiungi": il comando sarà aggiunto alla zona di programmazione. NOTA BENE: RETURN vi permette di visualizzare il risultato come indicatore. 06/08/2015 PAG 30/65

31 Supponiamo ora di voler creare un indicatore che illustri il Volume. Poiché abbiamo già inserito il comando RETURN, sarà sufficiente cliccare nuovamente su "Inserisci Funzione", nella lista selezionare "Costanti" e poi dal lato destro cliccare (scorrendo in basso nella lista) su Volume. Cliccate infine su "Aggiungi". Prima di cliccare su "Convalida Programma", precisate il nome da attribuire all indicatore personalizzato che abbiamo appena creato : in questo caso l abbiamo chiamato "VolumeDAX". Selezionate dunque "Convalida Programma", e vedrete l indicatore apparire al di sotto del vostro grafico del prezzo. 06/08/2015 PAG 31/65

32 3.3 SCORCIATOIE DI TASTIERA NELLA FINESTRA DI PROGRAMMAZIONE La finestra di programmazione ha un serie di funzionalità a cui é possibile accedere dalle scorciatoie di tastiera a partire della versione 10 di GT Pro: Seleziona tutto (Ctrl + A) Copia (Ctrl + C) Incolla (Ctrl + X) Annulla (Ctrl + Z) Ripristina (Ctrl + Y) Trova / Sostituisci (Ctrl + F) Commenta / Decommenta (Ctrl + R) Seleziona tutto il testo nella finestra programmazione Copia il testo selezionato Incolla il testo copiato Annulla l'ultima azione nella finestra programmazione Ripristina l'ultima azione nella finestra programmazione Trova un testo nella finestra programmazione / sostituisci un testo nella finestra programmazione (questa funzionalità é minuscola maiuscola) Commenta il codice selezionato / Decommenta il codice selezionato (il codice commentato sarà preceduto da "//" o "REM" e di colore grigio. Sarà preso in considerazione quando il codice é eseguito). Per gli utenti Mac, la stessa scorciatoia di tastiera puo' essere accessibile con il tasto "Apple" al posto del tasto "Ctrl". La maggior parte di queste funzionalità possono essere accessibili con un clic destro nella finestra di programmazione. 06/08/2015 PAG 32/65

33 SPECIFICITÀ DI PROGRAMMAZIONE DEL LINGUAGGIO PROBUILDER Il linguaggio ProBuilder permette l utilizzo di numerosi comandi classici e più elaborati, specifici all analisi tecnica, che vi daranno la possibilità di programmare degli indicatori dai più semplici ai più sofisticati. I principi chiave del linguaggio ProBuilder sono : Non é necessario dichiarare le variabili Non é necessario definire il tipo di variabile Non c é differenza tra minuscole e maiuscole (esiste pero una particolarità che vedremo in seguito) Si utilizza lo stesso segno per l attribuzione e l uguaglianza matematica Che cosa significa? Dichiarare una variabile X, significa indicarne l esistenza. In ProBuilder, potete direttamente utilizzare X senza doverne definire precedentemente l esistenza. Facciamo un esempio scrivendo : Con dichiarazione : Abbiamo la variabile X, attribuiamo a X il valore 5 Senza dichiarazione : Attribuiamo a X il valore 5 (quindi implicitamente, X esiste e vale 5) in ProBuilder basta scrivere : X=5 Definire il tipo di variabile, significa definire la natura della variabile: si tratta di un intero naturale (ex: 3; 8; 21; 643; ), un intero relativo (ex: 3; 632; -37; ), un decimale (ex: ), un booleano (VERO, FALSO),? In ProBuilder, é possibile scrivere i comandi indifferentemente con maiuscole e minuscole. Per esempio, l insieme dei comandi IF / THEN / ELSE / ENDIF potrà essere scritto come if / then / ELse / endif (e in tutte le altre varianti!) Eccezione: quando decidete di utilizzare una variabile, sarà necessario rispettare l ortografia del nome definito. Se per esempio avete scritto "variabile", e desiderate richiamare questa variabile nel programma, dovrete rispettarne l ortografia; Attribuire un valore ad una variabile. Per comprendere questo principio, é necessario considerare una variabile come una scatola vuota che aspetta di essere riempita. Lo schema sotto illustrato vi illustra il principio applicato al Volume: X Volume Come potete notare, la lettura viene effettuata da destra a sinistra : il volume é attribuito a X. Ora, per scrivere in codice ProBuilder, basta semplicemente sostituire la freccia ocn il segno = X = Volume Il simbolo = é utilizzato: Per l attribuzione di una variabile (come nell esempio precedente) Come operatore matematico binario (1+ 1= 2 é equivalente a 2 = 1 + 1). 3.4 LE COSTANTI FINANZIARIE PROBUILDER Prima di cominciare a programmare i vostri indicatori personali, é necessario passare in rssegna gli elementi a partire dai quali potrete costruire il vostro codice, quali i prezzi di apertura, di chiusura, il volume etc... Si tratta dei "fondamentali" dell analisi tecnica e della base di conoscenza essenziale per codificare gli indicatori. Potrete combinarli al fine di mettere in luce determinati aspetti dei mercati finanziari. Possiamo raggrupparli in 5 categorie: Le constanti di prezzo e di volume che si adattano al timeframe del grafico Si tratta delle costanti classiche più utilizzate. Riportano per defaut il valore della barra in corso (non importa l unità di tempo) e sono presentati nel modo seguente : Open : la quotazione d apertura della barra corrente High : il massimo della barra corrente 06/08/2015 PAG 33/65

34 Low : il minimo della barra corrente Close : la quotazione di chiusura di ogni barra Volume : il numero di titoli scambiati sulla barra corrente Esempio : Range della barra corrente a = High b = Low MyRange = a b RETURN MyRange Per richiamare i valori delle barre precedenti, é sufficiente aggiungere una parentesi quadra relativa contenente un numero relativo alla barra da considerare (a contare dalla barra in corso). Prendiamo l esempio della costante del prezzo di chiusura. Il richiamo alla barra del passato viene effettuato nel modo seguente : Quotazione di chiusura della barra corrente: Quotazione di chiusura della barra precedente alla barra corrente: Quotazione di chiusura della ennesima barra precedente alla barra corrente: Close Close[1] Close [n] Questa regola vale per qualsiasi costante. Per esempio, il prezzo di apertura della seconda barra precente alla barra in corso sarà chiamato da: Open[2]. Il valore che sarà rinviato, dipenderà dal timeframe del grafico Le constanti giornaliere di prezzo Contrariamente constanti di prezzo e di volume che si adattano al timeframe del grafico, le constanti giornaliere di prezzo si riferiscono ai valori della giornata, indipendentemente dal periodo illustrato sul grafico. Una seconda differenza da constatare, consiste nel fatto che le costanti giornaliere utilizzano le parentesi per ottenere i valori delle barre del passato DOpen(n) : apertura della nesima giornata precedente al giorno in corso DHigh(n) : massimo della nesima giornata precedente al giorno in corso DLow(n) : minimo della nesima giornata precedente al giorno in corso DClose(n) : chiusura della nesima giornata precedente al giorno in corso Attenzione: se il valore tra parentesi é uguale a 0, recuperiamo il valore del giorno in corso (come illustrato nell esempio seguente). Tutti i daytraders conoscono l importanza particolare della quotazione di chiusura della vigilia (quella su cui tutti gli amatori rifletteranno durante la notte) e della quotazione d apertura del giorno, risultante dall emozione estrema di questi stessi amatori. I più alti e più bassi danno anche delle indicazioni interessanti sul probabile range del giorno. Esempio : Range giornaliero a = DHigh(0) b = DLow(0) 06/08/2015 PAG 34/65

ITCharts Advanced. Manuale

ITCharts Advanced. Manuale ITCharts Advanced Manuale Sommario Introduzione...2 Esempi di personalizzazione...2 Strumenti di disegno...11 Modo Cursore (Predefinito)...11 Creare un'allarme...11 Zoom sul grafico...11 Tracciare un segmento

Dettagli

INDICE. Introduzione. Viste. Durata: selezionare il numero di barre visibili. Funzioni di disegno. Descrizione dei tasti della barra degli strumenti

INDICE. Introduzione. Viste. Durata: selezionare il numero di barre visibili. Funzioni di disegno. Descrizione dei tasti della barra degli strumenti INDICE Introduzione Viste Durata: selezionare il numero di barre visibili Funzioni di disegno Descrizione dei tasti della barra degli strumenti Modo Cursore (Predefinito)...5 Zoom ad un determinato periodo

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione del ProBuilder. Capitolo 1: Le nozioni fondamentali

SOMMARIO. Presentazione del ProBuilder. Capitolo 1: Le nozioni fondamentali SOMMARIO Presentazione del ProBuilder Capitolo 1: Le nozioni fondamentali Usare ProBuilder... 2 Supporto veloce per la creazione di indicatori...2 Scorciatoie di tastiera nella finestra di programmazione...5

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 5 - Parte 2. Disegni e Immagini

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 5 - Parte 2. Disegni e Immagini Università degli studi di Verona Corso di Informatica di Base Lezione 5 - Parte 2 Disegni e Immagini In questa seconda parte ci occuperemo della gestione di disegni e immagini. In particolare vedremo come:

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Gli strumenti di presentazione servono a creare presentazioni informatiche

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a: Lab 2.1 Guida e assistente LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE In questa lezione imparerete a: Descrivere la Guida in linea e l'assistente Office, Descrivere gli strumenti della Guida in linea di Windows XP,Utilizzare

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

GUIDA. a cura di Maddalena Dal Degan

GUIDA. a cura di Maddalena Dal Degan ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERONELLA E ZIMELLA Commissione Informatica a.s. 2010-2011 Coordinatore di commissione Maddalena Dal Degan GUIDA a cura di Maddalena Dal Degan - Iniziare il progetto pag 3 - I segnalibri

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

MetaTrader 4 Builder

MetaTrader 4 Builder X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A. MetaTrader 4 Builder Tutorial 2010-08-05 1/24 Indice Installazione...3 Notifica Legale...8 Impostazioni iniziali/preferenze...8 Lingua...9 Cartella piattaforma...9 Problemi

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery Writer è il programma per l'elaborazione di testi della suite OpenOffice.org che ti consente di creare documenti, lettere, newsletter, brochures, grafici, etc. Gli elementi dello schermo: Di seguito le

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino 7 Word prima lezione Word per iniziare aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 Usiamo Gmail In questo capitolo vedremo come creare un proprio accesso alla posta elettronica (account) ad uno dei servizi di mail on line più diffusi: Gmail, la

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1 Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea 1-1 Introduzione Microsoft Word 2000 è un programma di trattamento testi, in inglese Word Processor, che può essere installato nel proprio computer o come singolo

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo Pratica 3 Creare e salvare un documento Creare e salvare un file di testo Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi Luglio 2015 Realizzato da RTI Ismo

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle Foglio di calcolo Il foglio di calcolo: Excel I dati inseriti in Excel sono organizzati in Cartelle di lavoro a loro volta suddivise in Fogli elettronici. I fogli sono formati da celle disposte per righe

Dettagli

Guida OpenOffice.org Writer

Guida OpenOffice.org Writer Guida OpenOffice.org Writer Le visualizzazioni di Writer Writer permette di visualizzare un documento in diverse maniere tramite: Visualizza->Schermo intero: permette di visualizzare il documento Writer

Dettagli

Word per iniziare: aprire il programma

Word per iniziare: aprire il programma Word Lezione 1 Word per iniziare: aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera WORD per WINDOWS95 1.Introduzione Un word processor e` come una macchina da scrivere ma con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera ed appare sullo schermo. Per scrivere delle maiuscole

Dettagli

I PROGRAMMI PER L ELABORAZIONE DEL TESTO

I PROGRAMMI PER L ELABORAZIONE DEL TESTO I PROGRAMMI PER L ELABORAZIONE DEL TESTO Modulo 3 dell ECDL Terza Parte pag. 1 di 10 CopyLeft Multazzu Salvatore I programmi per elaborazione del testo: Terza Parte SOMMARIO Stili... 3 Inserire il numero

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

USO DI EXCEL COME DATABASE

USO DI EXCEL COME DATABASE USO DI EXCEL COME DATABASE Le funzionalità di calcolo intrinseche di un foglio di lavoro ne fanno uno strumento eccellente per registrarvi pochi dati essenziali, elaborarli con formule di vario tipo e

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

Sistema Informativo Alice

Sistema Informativo Alice Sistema Informativo Alice Urbanistica MANUALE UTENTE MODULO PROFESSIONISTI WEB settembre 2007 INDICE 1. INTRODUZIONE...2 1.1. Cos è MPWEB?... 2 1.2. Conoscenze richieste... 2 1.3. Modalità di utilizzo...

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

Sistema Web. Gestione Documenti Elettronici

Sistema Web. Gestione Documenti Elettronici GUIDA RAPIDA Sistema Web CONSORZIO CO.D.IN. M A R C H E Gestione Documenti Elettronici INDICE Capitolo 1: Avvio Applicazione Capitolo 2: Autenticazione Utente e Accesso al Sistema Capitolo 3: Navigazione

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP)

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) 7.4 POSTA ELETTRONICA MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) prima parte 7.4.1 Concetti e termini 7.4.1.1 Capire come è strutturato un indirizzo di posta elettronica Tre parti

Dettagli

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento:

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento: Introduzione a Word Word è una potente applicazione di elaborazione testi e layout, ma per utilizzarla nel modo più efficace è necessario comprenderne gli elementi di base. Questa esercitazione illustra

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

SCRIVERE CON WORD. Per iniziare. Scrivere un testo

SCRIVERE CON WORD. Per iniziare. Scrivere un testo SCRIVERE CON WORD Per iniziare Dopo aver acceso il computer, attiviamo il programma con un doppio clic sull icona di Word o utilizzando l opzione Programmi del menu Avvio. Compare l iniziale finestra di

Dettagli

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio 69 2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio In questo paragrafo sono presentati i principali tipi di grafici che si possono utilizzare per descrivere l andamento dei prezzi e per compiere

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

Manuale. ITCharts Advanced. Front-end 2.01

Manuale. ITCharts Advanced. Front-end 2.01 Manuale ITCharts Advanced 2.01 Front-end Edizione 2006 Indice Introduzione...4 Aiuto contestuale...9 Caricare titoli...10 Visualizzazione del grafico di un valore incluso in una delle tue liste...12 Visualizzazione

Dettagli

3.6 Preparazione stampa

3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina Le impostazioni del documento utili ai

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

bla bla Documents Manuale utente

bla bla Documents Manuale utente bla bla Documents Manuale utente Documents Documents: Manuale utente Data di pubblicazione lunedì, 14. settembre 2015 Version 7.8.0 Diritto d'autore 2006-2013 OPEN-XCHANGE Inc., Questo documento è proprietà

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

Corso completo di Excel 2003 per Certificazione Microsoft Office Specialist e Patente Europea (ECDL) - Prof. Roberto Fantaccione

Corso completo di Excel 2003 per Certificazione Microsoft Office Specialist e Patente Europea (ECDL) - Prof. Roberto Fantaccione Corso completo di Excel 2003 per Certificazione Microsoft Office Specialist e Patente Europea (ECDL) - Premessa Excel 2003 è un programma della suite di office 2003, in grado di organizzare e gestire tabelle

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Esercizi mirati Esercizio 1. Utilizzare una maschera per scrivere una lettera, una domanda, un curriculum,

Esercizi mirati Esercizio 1. Utilizzare una maschera per scrivere una lettera, una domanda, un curriculum, Esercizi mirati Esercizio 1. Utilizzare una maschera per scrivere una lettera, una domanda, un curriculum, Scegliere una maschera adatta ad una specifica applicazione.: scrivere un fax Lavorare con una

Dettagli

Guida n 7 ! " # $ % & 10. " & ' " & ' ( ) " ) * 14. + $, 15. 16. -

Guida n 7 !  # $ % & 10.  & '  & ' ( )  ) * 14. + $, 15. 16. - Guida n 7! " # $ % & 10. " & ' " & ' ( ) " ) * 14. + $, 15. 16. -! L'Assistente di Office oltre a rispondere alle tue domande, può fornirti anche dei suggerimenti o inviarti dei messaggi. Questi messaggi

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 Stampa unione buste: passaggio 2 di 6 Con il pulsante Sfoglia, come nei casi precedenti, seleziona il file elenco per i destinatari da stampare sulle buste. Nel quarto

Dettagli

INIZIAMO A IMPARARE WORD

INIZIAMO A IMPARARE WORD Associazione Nazionale Seniores Enel Associazione di solidarietà tra dipendenti e pensionati delle Aziende del Gruppo Enel Sezione Territoriale Lombardia - Nucleo di Milano E-Mail del Nucleo di Milano:

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

www.renatopatrignani.it 1

www.renatopatrignani.it 1 APRIRE UN PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA MODIFICARE IL TIPO DI VISUALIZZAZIONE LEGGERE UN CHIUDERE IL PROGRAMMA ESERCITAZIONI Outlook Express, il programma più diffuso per la gestione della posta elettronica,

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

Guida OpenOffice.org Impress

Guida OpenOffice.org Impress Guida OpenOffice.org Impress Introduzione ad Impress IMPRESS è un programma nato per creare presentazioni e lezioni di aspetto professionale. È un programma inserito nella versione standard del pacchetto

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Guida rapida. Esplorazione dell interfaccia. Strumenti per visualizzare l immagine

Guida rapida. Esplorazione dell interfaccia. Strumenti per visualizzare l immagine Guida rapida Esplorazione dell interfaccia Questa guida indica come: Visualizzare le immagini ricostruite Utilizzare le funzionalità e gli strumenti principali per ottimizzare un immagine. 2 3 5 6 7 NOTA:

Dettagli

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi Lezioni di EXCEL Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi 1 Il foglio elettronico Excel Excel è un foglio elettronico che consente di effettuare svariate operazioni nel campo matematico,

Dettagli

GUIDA SISTEMA OPERATIVO WINDOWS

GUIDA SISTEMA OPERATIVO WINDOWS GUIDA SISTEMA OPERATIVO WINDOWS Windows 1 Il sistema operativo Windows Il sistema operativo Windows...1 Nota introduttiva...3 Il mouse...3 Lo schermo come scrivania...3 Barra delle applicazioni...4 Icone

Dettagli

&RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD. Microsoft Word. Tutorial

&RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD. Microsoft Word. Tutorial &RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD Microsoft Word Tutorial Sommario Introduzione Formattazione del documento Formattazione della pagina Layout di pagina particolari Personalizzazione del documento Integrazione

Dettagli

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it TEST: Word & Excel 1. Come viene detta la barra contenente il nome del documento? A. barra del titolo B. barra di stato C. barra del nome D. barra dei menu 2. A cosa serve la barra degli strumenti? A.

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

SICURF@D: istruzioni per l uso

SICURF@D: istruzioni per l uso : istruzioni per l uso : istruzioni per l uso Indice 1. Premessa 2 2. La registrazione 2 3. L accesso all area per utenti registrati 2 4. La consultazione dei manuali 3 5. L utilizzo degli strumenti di

Dettagli

Sistema Gestione Turni. Istruzioni Operative per il Gestore

Sistema Gestione Turni. Istruzioni Operative per il Gestore Sistema Gestione Turni Istruzioni Operative per il Gestore Antares 3000 S.r.l.s. - Sistema Gestione Turni Istruzioni Operative per il Gestore Pagina 1 Sommario Premessa... 3 Presentazione iniziale... 4

Dettagli

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 Esistono molte versioni di Microsoft Word, dalle più vecchie ( Word 97, Word 2000, Word 2003 e infine Word 2010 ). Creazione di documenti Avvio di Word 1. Fare clic sul

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli

Guida di Keyboard Builder. 2009 Sielco Sistemi Srl

Guida di Keyboard Builder. 2009 Sielco Sistemi Srl Guida di Keyboard Builder Guida di Keyboard Builder Keyboard Builder è uno strumento che permette di costruire tastiere da visualizzare sullo schermo, utili per la realizzazione di applicazioni che operano

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite Microsoft Excel Corso presso la scuola G. Carducci E. Tramontana E. Tramontana - Excel - Settembre -2010 1 Apertura Excel Avviare tramite Avvio>Programmi>Microsoft Office>Microsoft Excel Oppure Cliccare

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

4. Fondamenti per la produttività informatica

4. Fondamenti per la produttività informatica Pagina 36 di 47 4. Fondamenti per la produttività informatica In questo modulo saranno compiuti i primi passi con i software applicativi più diffusi (elaboratore testi, elaboratore presentazioni ed elaboratore

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli