Analisi Tecnica: il Money Management. Alessandro Angeli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi Tecnica: il Money Management. Alessandro Angeli"

Transcript

1 Analisi Tecnica: il Money Management Alessandro Angeli

2 Contenuti Introduzione Il controllo del rischio: lo Stop-Loss e il ratio Target-Stop Diversificazione e Forza relativa Discrezionalità vs Non-Discrezionalità Le 24 regole comportamentali di W.D. Gann Conclusioni

3 Introduzione L Analisi Tecnica Grafica e Algoritmica, come abbiamo visto nelle precedenti dispense, è di notevole aiuto per segnalare momenti di ingresso in acquisto (o anche in vendita se si può vendere allo scoperto) sui mercati finanziari. Tuttavia, una volta che si è presa una posizione, quest ultima andrà gestita nel migliore dei modi affinchè possa concludersi effettivamente con un profitto reale. Questa attività di gestione della posizione è in realtà molto più complessa di quanto ci si potrebbe attendere in quanto spesso subentrano problematiche di natura psicologica che possono riuscire ad annientare la razionalità e la logica del trader.

4 Introduzione Con Money Management si intende tutto ciò che riguarda la gestione di una determinata posizione sui mercati finanziari con criteri che dipendono esclusivamente da ciò che il trader è disposto a perdere e da ciò che vorrebbe invece guadagnare da una determinata operazione. Il Money Management non è certo l unica metodologia per gestire l operatività sui mercati finanziari ma è certamente quella che si unisce nel modo migliore con gli strumenti di Analisi Tecnica. Alla base del Money Management vi sono i concetti di Stop-Loss e Take-Profit (o anche Target).

5 Contenuti Introduzione Il controllo del del rischio: lo lo Stop-Loss e il ratio e il ratio Target-Stop Target-Stop Diversificazione e Forza relativa Discrezionalità vs Non-Discrezionalità Le 24 regole comportamentali di W.D. Gann Conclusioni

6 Stop-Loss e Take-Profit Con il temine Stop-Loss ci si riferisce ad un livello di prezzo deciso al momento dell ingresso sul mercato che, se raggiunto, determinerà la chiusura in perdita della nostra posizione. Allo stesso modo con il temine Take-Profit ci si riferisce ad un livello di prezzo deciso al momento dell ingresso sul mercato che, se raggiunto, determinerà la chiusura in utile della nostra posizione. Secondo il Money Management più classico lo Stop-Loss e il Take-Profit vengono posizionati senza una precisa logica tecnica ma semplicemente basandosi su quanto denaro il trader è disposto a perdere e quanto ne desidererebbe invece guadagnare da una determinata operazione.

7 Stop-Loss e Take-Profit Tuttavia sarebbe preferibile determinare almeno il livello di Stop-Loss cercando di scegliere un livello di prezzo che possa avere una logica dal punto di vista dell Analisi Tecnica. Nel caso di una posizione rialzista si potrebbe sistemare lo Stop-Loss al di sotto dell ultimo minimo relativo oppure al di sotto della Trend Line che sostiene il rialzo. Potremmo invece sistemare il Take-Profit di una posizione rialzista poco sotto una resistenza statica o dinamica che ha funzionato spesso in passato o, se siamo in presenza di una figura grafica (Testa e Spalle, Doppio Minimo, ecc), potremmo utilizzare il suo target per identicare il livello di Take-Profit ottimale.

8 Stop-Loss e Take-Profit Una tecnica molto utilizzata dai traders tuttavia è quella di sistemare il livello di Take-Profit ad un valore che dipende da quello di Stop-Loss partendo dall importantissimo presupposto che da una determinata operazione dobbiamo sempre aspettarci di guadagnare più di quanto siamo disposti a perdere. Infatti se in un determinato trade siamo disposti a perdere il 5% dobbiamo augurarci di guadagnare più del 5%. Almeno il 10%. Altrimenti perché rischiare. Quando si gioca alla lotteria si compra un biglietto a 5 Euro ma ci si augura di vincere molto più di 5 Euro.

9 Il ratio Take-Profit / Stop-Loss Una volta che siamo in possesso di un sistema di Analisi Tecnica in grado di segnalarci sistematicamente livelli di acquisto e livelli di vendita, ci possiamo facilmente rendere conto che le variabili che ci consentono di conseguire un profitto, al termine di un periodo sufficientemente lungo sono sostanzialmente due: 1. Il numero delle operazioni vincenti in relazione a quelle perdenti. 2. Il guadagno medio delle operazioni vincenti in relazione alla perdita media di quelle perdenti. Lavorando su questi due concetti possiamo ottenere risultati inaspettati.

10 Il ratio Take-Profit / Stop-Loss Immaginiamo di aver svolto in totale 50 trades, di cui 25 vincenti e 25 perdenti. Tuttavia tutte le volte che abbiamo avuto ragione abbiamo guadagnato 500 e tutte le volte che abbiamo avuto torto abbiamo perso 250. Abbiamo perso o guadagnato con la nostra attività di trading? Proviamo a fare i calcoli: Totale operazioni: 50 Operazioni vincenti: 25 Operazioni perdenti: 25 guadagnati: 500 x 25 = persi: 250 x 25 = Profitto netto: 12'500 6'250 = Commissions & Slippage: 20 x 50 = Profitto effettivo : 6'250-1'000 = Con il termine Commissions & Slippage intendiamo i costi per le transazioni da conferire all intermediario finanziario e i costi dovuti a disallineamenti di prezzo tra il nostro modello di trading e il prezzo che effettivamente riusciamo a segnare sul mercato.

11 Il ratio Take-Profit / Stop-Loss Prendiamo in considerazione ora un secondo esempio in cui le operazioni vincenti sono solo il 40%. Cosa succede adesso? Proviamo a fare nuovamente i calcoli: Totale operazioni: 50 Operazioni vincenti: 20 Operazioni perdenti: 30 guadagnati: 500 x 20 = persi: 250 x 30 = Profitto netto: 10'000 7'500 = Commissions & Slippage: 20 x 50 = Profitto effettivo : '000 = 1 500

12 Il ratio Take-Profit / Stop-Loss Come terzo e ultimo esempio prendiamo in considerazione l eventualità di essere in possesso di un modello che sia vincente il 60% delle volte. E facile capire che guadagneremo ma solo i calcoli potranno dimostrare quanto, che è molto più di quello che possiamo immaginare Totale operazioni: 50 Operazioni vincenti: 30 Operazioni perdenti: 20 guadagnati: 500 x 30 = persi: 250 x 20 = Profitto netto: 15'000 5'000 = Commissions & Slippage: 20 x 50 = Profitto effettivo : '000 = 9 000

13 Alcuni esempi grafici dei concetti esposti Il future sull indice italiano Mib30 in intraday

14 Alcuni esempi grafici dei concetti esposti Il future sull indice italiano Mib30 in intraday

15 Contenuti Introduzione Il controllo del rischio: lo Stop-Loss e il ratio Target-Stop Diversificazione e e Forza relativa Discrezionalità vs Non-Discrezionalità Le 24 regole comportamentali di W.D. Gann Conclusioni

16 La Diversificazione Diversificare in ambito finanziario significa non concentare tutte le risorse monetarie disponibili su un singolo strumento finanziario ma ripartire il capitale su più attività, il più possibile meno correlate fra loro. In questa sede sarà sufficiente capire il semplice assioma che si rischia molto meno acquistando uno strumento finanziario rappresentativo di 30 titoli azionari (Fondo, ETF, Future annullando la leva, ecc.) piuttosto che un singolo titolo azionario. Naturalmente è opportuno diversificare i propri investimenti su strumenti poco correlati fra loro.

17 Diversificazione e Forza relativa Come abbiamo visto la Diversificazione è certamente importante e aiuta a ridurre il rischio negli investimenti. Tuttavia la Diversificazione è un concetto soprattutto matematico-statistico che tutto sommato ha poco a che vedere con l Analisi Tecnica. Infatti qualcuno potrebbe obiettare che un bravo analista tecnico dovrebbe essere in grado di scegliere sempre i titoli appartenenti ai settori e alle aree geografiche migliori e potrebbe dunque permettersi di ignorare il concetto di Diversificazione. Quanto appena esposto è solo parzialmente corretto. Infatti, se da un lato è vero che attraverso l Analisi Tecnica è possibile arrivare a scegliere i titoli azionari che dovrebbero sovraperformare, è anche vero che sarebbe stupido comunque concentrarsi su un singolo titolo.

18 La Forza relativa Per giungere ad identificare rapidamente quali sono questi titoli è possibile utilizzare il concetto di Forza relativa. La Forza Relativa mette in relazione uno strumento finanziario con un altro (titolo-titolo, titolo-indice, titolosettore, ecc.) attraverso la costruzione di un ratio tra le due serie storiche. Quando il grafico della Forza relativa sale significa che il titolo si sta comportando meglio dell indice mentre quando scende accade l opposto. Applicando strumenti di Analisi Tecnica sul grafico della Forza relativa è possibile riuscire ad identificare e seguire le sue fasi di rialzo e quindi i momenti in cui quel determinato titolo si comporta meglio del suo indice di riferimento.

19 La Forza relativa La Forza relativa di Enel rispetto l indice Mib30 Enel Mib30 Grafico di Forza relativa: Enel / Mib MACD calcolato sulla Forza relativa MEGLIO DETENERE MIB30 MEGLIO DETENERE ENEL July August September October Nov ember Decem ber2004 February March 0

20 La Forza relativa La Forza relativa di Fiat rispetto l indice Mib30 Mib Fiat Grafico di Forza relativa: Fiat / Mib30 MACD calcolato sulla Forza relativa 0 MEGLIO DETENERE FIAT MEGLIO DETENERE MIB30 August September October Nov ember Decem ber2004 February March

21 La Forza relativa Dagli esempi pratici abbiamo dimostrato che attraverso l Analisi Tecnica dei grafici di Forza relativa è possibile identificare le fasi in cui uno strumento finanziario è in grado di sovraperformarne un altro e viceversa. Questa informazione può diventare molto utile quando per esempio abbiamo solo la possibilità di operare al rialzo e quindi c è l effettiva necessità di lavorare su strumenti che abbiano più probabilità di salire che di scendere. Diversificando sui titoli azionari che presentano grafici di Forza relativa favorevoli può non solo ridurre il rischio ma anche contribuire ad aumentare la probabilità di incrementare il rendimento.

22 Contenuti Introduzione Il controllo del rischio: lo Stop-Loss e il ratio Target-Stop Diversificazione e Forza relativa Discrezionalità vs vs Non-Discrezionalità Le 24 regole comportamentali di W.D. Gann Conclusioni

23 Discrezionalità vs. Non-Discrezionalità L Analisi Tecnica è qualificabile come una disciplina discrezionale in cui molto spesso l output di un analista è differente da quello di un altro. Inoltre potrebbe perfino capitare che il medesimo analista, che osservi lo stesso grafico a distanza di qualche tempo, giunga a conclusioni diverse se non addirittura opposte. Tuttavia, il fatto che un analista tecnico arrivi a conclusioni differenti da quelle di un altro non riguarda solo l Analisi Tecnica, ma tutte le tecniche di analisi. Tuttavia, se possiamo accettare che gli analisti sono e continueranno ad essere discordi fra loro, non è invece accettabile il fatto che un analista interpreti il mercato con metodologie sempre diverse e giunga quindi a conclusioni incoerenti con i sistemi di analisi utilizzati in precedenza.

24 Discrezionalità vs. Non-Discrezionalità In poche parole stiamo dicendo che un analista deve cercare di utilizzare sempre lo stesso metro di giudizio per giudicare le differenti fasi di mercato che dovrà analizzare. Se affronteremo le diverse fasi di mercato con indicatori sempre diversi (senza una regola fissa che giustifichi il cambiamento), o comunque settati in modo differente, o ancora, interpretandoli in altro modo, non ci sarà coerenza nel nostro modo di lavorare e il fatto di ottenere o meno un utile dalla nostra operatività sarà puramente dovuto al caso. Per evitare questo è opportuno fare in modo che il nostro modo di lavorare sul mercato, e quindi le nostre tecniche di analisi, sia il meno possibile discrezionale. La programmazione informatica di Trading Systems ci può aiutare notevolmente in questo senso.

25 Discrezionalità vs. Non-Discrezionalità Tuttavia, per risolvere il problemi derivanti dalla Discrezionalità, non sempre è necessario ricorrere all impostazione di un Trading System che è un processo complesso, faticoso e totalmente inflessibile. La soluzione che riteniamo migliore è quella fornita dalla costruzione di un Trading Method (o anche Trading Plan), ovvero dalla definizione di una serie di regole che non vengono tuttavia programmate in un PC, ma semplicemente scritte su un foglio o memorizzate. Tali regole, benchè da rispettare in modo ferreo, potranno lasciare un minimo di interpretazione discrezionale all analista.

26 Contenuti Introduzione Il controllo del rischio: lo Stop-Loss e il ratio Target-Stop Diversificazione e Forza relativa Discrezionalità vs Non-Discrezionalità Le 24 regole comportamentali di W.D. di Gann D. Gann Conclusioni

27 Chi era William Delbert Gann Gann naque in Texas nel 1878 da una coppia di immigrati inglesi che si occupavano della produzione e raccolta del cotone. Al giovane William fu impartita una rigida educazione religiosa e proprio nei Testi Sacri e soprattutto nella Bibbia individuò particolari cicli e armonie che diventarono in seguito il punto focale delle sue teorie sui mercati finanziari. Le prime esperienze lavorative riguardarono il trading sul cotone all età di 24 anni e, dopo essersi trasferito ad Oklahoma nel 1906 per svolgere la professione di broker, cominciò ad accumulare una vera e propria fortuna. In quegli anni compì numerosi viaggi in Egitto e in Oriente (India) e si dedicò assiduamente allo studio della matematica e dell astrologia. Successivamente, nel 1919, si trasferì a New York per mettersi in proprio e accumulò l incredibile somma di 50 milioni di dollari. Alla sua ricerca si devono non solo le sue innovative metodologie ma anche una serie di sagge regole di gestione delle proprie emozioni e di money management che oggi sono di notevole interesse e attualità. Secondo Gann infatti esistono due capitali di trading: quello monetario e quello psicologico ed il secondo ha un importanza molto maggiore del primo.

28 Le 24 regole comportamentali di W. D. Gann Tali regole saranno elencate nelle slide successive. Molte appariranno ovvie per chi già conosce almeno un poco l ambiente del trading ma crediamo sia comunque interessante e importante leggere questo elenco definito da Gann. Alla fine ci si chiederà quasi certamente se il vero segreto della fortuna accumulata da Gann non sia consistito proprio nel ferreo rispetto di queste regole, ormai così note a tutti ma sostanzialmente così difficili da rispettare. 1. Il capitale investibile dovrà essere diviso in 10 parti uguali. Mai investire più della decima parte in ogni speculazione. 2. Usare sempre ordini di stop loss che non dovranno mai essere annullati. 3. Mai operare su più mercati con un alto numero di titoli. In questo modo si viola la regola che soprassiede tutte le altre. Meglio approfondire la conoscenza su un solo mercato. 4. Mai trasformare un profitto in una perdita. Trasformare gli ordini di stop loss in ordini di stop profit non appena possibile.

29 Le 24 regole comportamentali di W. D. Gann 5. Evitare vendite o acquisti qualora non si fosse certi del trend che viene evidenziato dal grafico. 6. Mai operare nel dubbio. Attendere fasi maggiormente chiare e operativamente interpretabili. 7. Dare sempre la preferenza ai titoli maggiormente liquidi. 8. Uguale distribuzione del rischio. Meglio operare su 4 o 5 valori mobiliari azionari. 9. Mai limitare i propri ordini o fissare rigidi prezzi di acquisto o di vendita. Seguire il mercato. 10. Mai chiudere l operazione senza un ottimo motivo. 11. Cercare di accumulare profitti che serviranno per fronteggiare periodi sfavorevoli. 12. Mai acquistare per il dividendo. 13. Mai mediare le perdite. La media al ribasso dei prezzi è una delle peggiori procedure e spesso produce ulteriori perdite. 14. Mai uscire dal mercato per aver perso la pazienza e mai entrare per essere stanchi di aspettare.

30 Le 24 regole comportamentali di W. D. Gann 15. Evitare piccoli guadagni e le grandi perdite. 16. Mai cancellare un ordine di stop. 17. Evitare di intervenire troppo spesso sul mercato. 18. Cercare di operare con lo stesso spirito in acquisto e in vendita. L obiettivo è muoversi con il mercato e ottenere profitto. 19. Mai acquistare perché un prezzo sembra troppo basso o vendere perché un certo prezzo sembra troppo alto. 20. Cercare di applicare il sistema di incremento a piramide nel momento giusto. Ulteriori acquisti andrebbero effettuati su rottura di valida resistenza e ulteriori vendite andrebbero effettuate su violazione di un supporto. 21. Sui titoli scarsamente liquidi non si devono effettuare incrementi piramidali rialzisti. 22. Evitare di coprire i rischi qualora il mercato dovesse andarci contro. Meglio uscire dal mercato per tempo e approfittare di altre occasioni che effettuare hedging che per definizione e nel migliore dei casi ci farà uscire alla pari.

31 Le 24 regole comportamentali di W. D. Gann 23. Mai cambiare la propria posizione sul mercato senza un ottimo motivo. Quando si decide di effettuare un operazione lo si fa per certe motivazioni e seguendo un preciso piano; di conseguenza non bisogna cambiare idea senza valide motivazioni. 24. Evitare di aumentare il numero delle operazioni dopo un lungo periodo di successi.

32 Contenuti Introduzione Il controllo del rischio: lo Stop-Loss e il ratio Target-Stop Diversificazione e Forza relativa Discrezionalità vs Non-Discrezionalità Le 24 regole comportamentali di W.D. Gann Conclusioni

33 Conclusioni In questa dispensa abbiamo visto come l utilizzo di opportune regole di Money Management come lo Stop Loss, il Ratio 2:1 e un opportuna Diversificazione, unite con la ricerca della maggior coerenza possibile nel modo di lavorare, quindi con scarsa discrezionalità nei modelli, e la capacità di controllare in modo ottimale le proprie emozioni, inevitabilmente soggette all ottenimento o meno di un utile, possa conferire un valore aggiunto alla nostra operatività. L Analisi Tecnica da sola resta infatti solo una metodologia previsionale dei mercati che non è certamente perfetta. In questo modo non l abbiamo resa infallibile ma abbiamo presumibilmente portato dalla nostra parte le probabilità di vittoria. Per chi è rimasto affascinato da questa materia e desidera approfondirla la strada giusta non è quella di correre ad aprire un conto di trading online (perdereste tutto nel giro di qualche settimana) ma quella di cominciare a studiarla in modo sempre maggiore. Nelle prossime pagine troverete testi di approfondimento generico e specifico. Un ultima cosa. In bocca al lupo.

34 Testi consigliati Manuali generici e completi PRING M.J., 2002, Analisi tecnica dei mercati finanziari, Mc Graw Hill, Usa. MURPHY J.J., 2001, Analisi tecnica dei mercati finanziari, Hoepli, Usa. FORNASINI A., 2003, Analisi tecnica dei mercati finanziari e trading online, Etas, Ita. Analisi Tecnica Grafica EDWARDS R., MAGEE J., th Edition, Technical analysis of stock trends, Amacom, Usa.

35 Testi consigliati Analisi Tecnica Algoritmica KAUFMAN. P., rd edition, Trading systems and methods, Wiley, Usa WILDER W., 1978, New concepts in technical trading systems, Trend Research, Usa. ACHELIS S., 1995, Technical Analysis from A to Z, Mc Graw Hill, Usa. Forza relativa MURPHY J.J., 1996, Analisi tecnica intermarket, Il Sole 24 ore, Usa.

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

guida giocare in borsa

guida giocare in borsa guida giocare in borsa Dedicato a chi vuole imparare a giocare in borsa da casa e guadagnare soldi velocemente. Consigli per sfruttare l'andamento dei mercati finanziari investendo tramite internet. Guida

Dettagli

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX DailyFX Strategies Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini INTRO Dopo anni di ricerca

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO 13 Edizione del corso FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO L unico corso che ti accompagna passo dopo passo fino a selezionare, affittare, gestire un trading

Dettagli

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX DailyFX Strategies Breakout e medie mobili Davide Marone, Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Breakout e medie mobili Davide Marone INTRO Prima di costruire una qualsiasi

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

LA SPECULAZIONE DI BORSA

LA SPECULAZIONE DI BORSA Via Pascoli 7 41057 Spilamberto-MO tel. 059-782910 fax 059-785974 www.lombardfutures.com LA SPECULAZIONE DI BORSA Di Emilio Tomasini LE DUE METODOLOGIE OPERATIVE DEGLI SPECULATORI: ANALISI FONDAMENTALE

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

Collective2: un confronto sorprendente su scala mondiale

Collective2: un confronto sorprendente su scala mondiale Collective2: un confronto sorprendente su scala mondiale Collective2 è un sito web americano che accoglie 20800 trading systems e pubblica le relative descrizioni, i dati più significativi dell andamento

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO GOLD 2.0 NEWSLETTER OPERATIVA SUL MERCATO AZIONARIO a cura di Pierluigi Gerbino ISTRUZIONI PER L USO Quelle che seguono sono le istruzioni ufficiali per il corretto utilizzo operativo della newsletter

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Indice 1. Riguardo al MARCHIO... 2 2. Piattaforme di Trading... 3 3. Su cosa si Opera nel Mercato Forex?... 4 4. Cos è il Forex?... 4 5. Vantaggi del Mercato Forex...

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures Manuale operativo Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. MERCATO REGOLAMENTATO DEI FUTURES O FOREX? Vediamo qual è la differenza tra questi due mercati e soprattutto

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

IL Forex facile si fa per dire

IL Forex facile si fa per dire IL Forex facile si fa per dire Guida Introduttiva al Mercato Spot delle Valute Tecniche, strategie e idee per il trading delle valute QUALSIASI IMPRESA SI COSTRUISCE CON UNA SAGGIA GESTIONE, DIVIENE FORTE

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu 1 Benvenuti dagli ideatori e sviluppatori del Chart Risk Manager Tool per MetaTrader 4. Raccomandiamo

Dettagli

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI A cura di Maurizio Milano Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella INDICE: Analisi Fondamentale Analisi Tecnica I tre pilastri dell Analisi Tecnica

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Dal 9 settembre al 17 ottobre 2015 8 lezioni in streaming e 2 giornate conclusive a COMANO TERME (TN)

Dal 9 settembre al 17 ottobre 2015 8 lezioni in streaming e 2 giornate conclusive a COMANO TERME (TN) QUANT MASTER (Entry level) Un percorso formativo unico per progettare il tuo trading system con i migliori esperti italiani Dal 9 settembre al 17 ottobre 2015 8 lezioni in streaming e 2 giornate conclusive

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

DAILY REPORT 20 Agosto 2014

DAILY REPORT 20 Agosto 2014 DAILY REPORT 20 Agosto 2014 I DATI DELLA GIORNATA PROVE DI TENUTA? Ieri abbiamo esaminato l indice Dax. Per certi versi le dinamiche degli ultimi 2 anni sembrano le stesse, anche se il terreno un tantino

Dettagli

INDICE Capitolo1 Capitolo2 Capitolo3 Capitolo4 Capitolo5 Capitolo6 Capitolo7 Capitolo8 Capitolo9 Capitolo10 Capitolo11 Capitolo12 Capitolo13

INDICE Capitolo1 Capitolo2 Capitolo3 Capitolo4 Capitolo5 Capitolo6 Capitolo7 Capitolo8 Capitolo9 Capitolo10 Capitolo11 Capitolo12 Capitolo13 INDICE Introduzione dell autore 4 Glossario 6 Premessa 7 Capitolo1. La regola d oro dell investimento azionario 8 Capitolo2. Il settore in cui l azienda opera è di gran lunga l elemento più importante

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente 1 MetaTrader 4/5 per Android Guida per l utente 2 Contenuto Come ottenere il MT4/5 App per Android... 3 Come accedere al vostro Conto Esistente oppure creare un nuovo conto Demo... 3 1. Scheda Quotes...

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Guida per lo Smart Order

Guida per lo Smart Order Guida per lo Smart Order (Novembre 2010) ActivTrades PLC 1 Indice dei contenuti 1. Informazioni Generali... 3 2. Installazione... 3 3. Avvio l`applicazione... 3 4. Usi e funzionalita`... 4 4.1. Selezionare

Dettagli

PROFESSIONAL TRADER Autore: Arduino Schenato

PROFESSIONAL TRADER Autore: Arduino Schenato PROFESSIONAL TRADER Autore: Arduino Schenato Tutti i diritti riservati Arduino Schenato Pagina 1 INDICE Prefazione Perché proprio il mercato forex CAPITOLO 1 Perché i CFD? CAPITOLO 2 L'azione del prezzo

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Giacomo Bruno INVESTIRE IN BORSA

Giacomo Bruno INVESTIRE IN BORSA Giacomo Bruno Capitolo 1 estratto da: INVESTIRE IN BORSA Segreti e Investimenti per Guadagnare Denaro con il Trading Online Titolo INVESTIRE IN BORSA Autore Giacomo Bruno Editore Bruno Editore Siti Internet

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA Tesi di Laurea ASPETTI DELL ANALISI TECNICA APPLICATI AL TITOLO ENI Relatore: Prof. NUNZIO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli