Spi-Cgil Fnp-Cisl Uilp-Uil Via dei Frentani, 4/a Via Castelfidardo, 47 Via Po, Roma Roma Roma tel. 06/ tel. 06/44881.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spi-Cgil Fnp-Cisl Uilp-Uil Via dei Frentani, 4/a Via Castelfidardo, 47 Via Po, 162 00185 Roma 00185 Roma 00198 Roma tel. 06/44481.1 tel. 06/44881."

Transcript

1

2 Spi-Cgil Fnp-Cisl Uilp-Uil Via dei Frentani, 4/a Via Castelfidardo, 47 Via Po, Roma Roma Roma tel. 06/ tel. 06/ tel. 06/ A cura dei dipartimenti Previdenza dei Sindacati confederali dei pensionati Grafica e impaginazione: MEDIAGRAPHICS Stampa: Litografia Colitti & figli - Roma Finito di stampare nel mese di aprile 2004

3 Indice Presentazione pag. 11 PARTE SECONDA: SCHEDE DI APPROFONDIMENTO Il recupero sulla pensione dei periodi di maternità PARTE TERZA: TABELLE E PRONTUARI IN MATERIA DI PREVIDENZA E ASSISTENZA C come CALCOLO I due sistemi di calcolo delle pensioni Il sistema retributivo Il calcolo per i lavoratori dipendenti del settore privato iscritti al FPLD e per i lavoratori autonomi Il calcolo per i dipendenti pubblici Il calcolo per i lavoratori iscritti ai Fondi sostitutivi dell AGO Il sistema contributivo Il calcolo pro rata e misto Il calcolo in caso di opzione per il sistema contributivo Elementi per il calcolo delle pensioni Aliquota di trasformazione retribuzione/pensione per anni di servizio alla data del pensionamento Lavoratori iscritti agli ex Istituti di previdenza del Ministero del tesoro Dipendenti civili dello Stato con meno di 15 anni di servizio al per anni e mesi di servizio alla data del pensionamento Dipendenti civili dello Stato che avevano già 15 anni di servizio al per frazioni di anno Dipendenti civili dello Stato con meno di 15 anni di servizio al Lavoratori iscritti agli ex Istituti di previdenza del Ministero del tesoro

4 IIS corrisposta in maniera separata sulle pensioni INPDAP Pensioni con decorrenza precedente al 1 luglio pag. 47 Pensioni con decorrenza dal 1 luglio 1988 in poi Riduzione dell importo delle pensioni di anzianità dei dipendenti pubblici liquidate con meno di 35 anni di contributi Limite massimo di reddito pensionabile artigiani e commercianti Coefficienti di rivalutazione delle retribuzioni / redditi pensionabili Fasce di retribuzione pensionabile (tetto) Limite massimo di retribuzione imponibile nel sistema contributivo Coefficienti di capitalizzazione da applicare al montante contributivo Coefficienti di calcolo della pensione contributiva Aliquote contributive IVS e fattore di riduzione dell anzianità contributiva in caso di opzione C come CONTRIBUTI Contributi obbligatori Limite minimo di retribuzione imponibile per il versamento dei contributi previdenziali Contributi volontari Contributi figurativi Contributi da riscatto La totalizzazione dei periodi assicurativi Il limite minimo settimanale per l accredito dei contributi Maggiorazioni dell anzianità contributiva C come CUMULO Il cumulo delle pensioni con i redditi da lavoro Diagrammi per la determinazione della disciplina di cumulo applicabile trattamenti di invalidità lavoro dipendente trattamenti di invalidità lavoro autonomo pensione di anzianità lavoro dipendente pensione di anzianità lavoro autonomo Il cumulo di più indennità integrative speciali

5 F come FAMIGLIA Assegni familiari pag. 102 Limiti di reddito individuale mensile per il diritto Limiti di reddito familiare annuale per la corresponsione Tasso d inflazione programmato Assegno al nucleo familiare Quadro riepilogativo delle tabelle ANF per tipologia e situazione familiare Tabelle degli importi mensili tab. 11: nuclei con entrambi i genitori e almeno un figlio minore (in cui non siano presenti componenti inabili) tab. 12: nuclei con un solo genitore e almeno un figlio minore (in cui non siano presenti componenti inabili) tab. 13: nuclei orfanili composti solo da minori non inabili tab. 14: nuclei con entrambi i genitori e almeno un figlio minore (in cui sia presente almeno un componente inabile) tab. 15: nuclei con un solo genitore e almeno un figlio minore (in cui sia presente almeno componente inabile) tab. 16: nuclei orfanili composti da almeno un minore (in cui sia presente almeno un componente inabile) tab. 17: nuclei con entrambi i genitori, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile tab. 18: nuclei con un solo genitore, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile tab. 19: nuclei orfanili composti solo da maggiorenni inabili tab. 20 A: nuclei con entrambi i coniugi e senza figli (in cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile) tab. 20 B: nuclei monoparentali (in cui, cioè, il/la richiedente sia celibe/nubile, separato/a, divorziato/a, vedovo/a, abbandonato/a) senza figli (in cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile) tab. 21 A: nuclei senza figli, con i soli coniugi o con entrambi i coniugi e almeno un fratello, sorella o nipote (in cui non siano presenti componenti inabili) tab. 21 B: nuclei monoparentali (in cui, cioè, il/la richiedente sia celibe/nubile, separato/a, divorziato/a, vedovo/a, abbandonato/a) senza figli e con almeno un fratello, sorella o nipote (in cui non siano presenti componenti inabili) tab. 21 C: nuclei senza figli, con i soli coniugi o con entrambi i coniugi e almeno un fratello, sorella o nipote (in cui sia presente almeno un coniuge inabile e nessun altro componente inabile)

6 tab. 21 D: nuclei monoparentali (in cui, cioè, il/la richiedente sia celibe/nubile, separato/a, divorziato/a, vedovo/a, abbandonato/a) senza figli e con almeno un fratello, sorella o nipote (in cui solo il richiedente sia inabile)... pag. 140 G come GESTIONI Le gestioni previdenziali italiane Fondi, gestioni e casse di previdenza obbligatoria Fondi contrattuali di previdenza complementare I come INTERESSI Gli interessi legali di mora e la rivalutazione monetaria del credito I come IRPEF Il calcolo dell imposta sui redditi Il calcolo dell imposta sui redditi - Normativa vigente base imponibile mensile base imponibile annua azzeramento e riduzione imposta per i pensionati Importo aggiuntivo delle pensioni al minimo P come PENSIONI Pensione di vecchiaia Nel regime retributivo Tabella per l individuazione dei requisiti nel periodo transitorio Schema per la ricerca del requisito contributivo ridotto Nel regime contributivo Pensione di anzianità I requisiti per il diritto Lavoratori dipendenti del settore privato e pubblico Lavoratori dipendenti derogati

7 Le decorrenze pag. 171 Lavoratori dipendenti del settore privato e pubblico Lavoratori autonomi Trattamenti di invalidità di natura previdenziale Limite di reddito per il diritto all integrazione al minimo dell assegno di invalidità Limite di reddito oltre il quale la pensione di invalidità viene sospesa Riduzione dell importo dell assegno di invalidità in presenza di altri redditi Il supplemento di pensione La pensione supplementare Le pensioni ai superstiti Riduzione dell importo della pensione ai superstiti in presenza di altri redditi L integrazione al trattamento minimo Importo della pensione integrata al minimo Limiti di reddito per il diritto all integrazione al minimo Fasce di reddito coniugale per l integrazione al minimo ex L 385/ La maggiorazione sociale della pensione Limiti di reddito per il diritto alla maggiorazione sociale della pensione Importo pensione con maggiorazione sociale La maggiorazione della pensione per gli ex combattenti Importo di pensione al minimo con maggiorazione decorrenza fra aprile 1968 e gennaio decorrenza precedente il mese di aprile Le pensioni di guerra Trattamenti tabellari ai pensionati di guerra Pensione sociale Importo della pensione sociale Importo della pensione sociale con aumento della pensione sociale (APS) Limiti di reddito per il diritto alla pensione sociale Calcolo dell importo mensile della pensione sociale in base al reddito posseduto

8 Limiti di reddito per il diritto all aumento della pensione sociale (APS) pag. 220 Calcolo dell importo mensile dell aumento della pensione sociale (APS) in base al reddito posseduto Assegno sociale Importo dell assegno sociale Importo dell assegno sociale con maggiorazione dell assegno sociale (MAS) Limiti di reddito per il diritto all assegno sociale Calcolo dell importo mensile dell assegno sociale in base al reddito posseduto Limiti di reddito per il diritto alla maggiorazione dell assegno sociale (MAS) Calcolo dell importo mensile della maggiorazione dell assegno sociale (MAS) in base al reddito posseduto Le prestazioni economiche in favore dei disabili tab. 1: Le categorie di disabili ai fini dei trattamenti economici tab. 2: I diversi trattamenti economici previsti per i disabili tab. 3: I trattamenti economici previsti per le diverse categorie di disabili Pensione di inabilità (invalidi) - pensione non reversibile (ciechi parziali e ciechi assoluti ricoverati) - assegno di assistenza (sordomuti) Pensione non riversibile per i ciechi assoluti Assegno mensile di assistenza Indennità di frequenza Assegno a vita Maggiorazione della pensione o dell assegno Pensione sociale e assegno sociale sostitutivi Aumento dell importo della pensione sociale e dell assegno sociale Aumento dell importo del trattamento ai ciechi civili con almeno 65 anni di età Aumento della pensione sociale (APS) e maggiorazione dell assegno sociale (MAS) Nuovo aumento del trattamento ai ciechi civili con almeno 65 anni di età Incremento fino a 516,46 euro Indennità di accompagnamento Indennità di accompagnamento per i ciechi assoluti Indennità speciale Indennità di comunicazione La pensione sociale opzionale (assegni vitalizi)

9 La perequazione delle pensioni pag. 297 Le aliquote di aumento delle pensioni dal 1992 ad oggi Perequazione automatica delle pensioni di importo superiore al triplo del trattamento minimo INPS Le prestazioni collegate a limiti di reddito Le prestazioni collegate a limiti di reddito (rilevanze) Redditi influenti sulle rilevanze Redditi influenti per rilevanza e componenti il nucleo familiare Richieste RED INPS inviate nel La composizione della stringa di caratteri che individua la prestazione soggetta a verifica (codice a barre) Le sedi dell INPS per codice numerico Le pensioni erogate dall INPS per codice numerico e sigla Le sedi regionali delle Organizzazioni sindacali dei pensionati SPI-CGIL, FNP-CISL e UILP-UIL Indice alfabetico in terza di copertina: prospetto riassuntivo degli importi e dei limiti di reddito 2004

10

11 Presentazione C on l edizione 2004, la settima, il Vademecum sulle pensioni italiane assume decisamente i connotati di una tradizione editoriale ormai consolidata per le organizzazioni sindacali dei pensionati di CGIL, CISL e UIL. In altre parole, ci troviamo ormai di fronte ad uno strumento di lavoro che, di volta in volta, è stato costantemente migliorato dagli esperti di SPI, FNP e UILP, attraverso un rapporto di collaborazione e confronto pressochè quotidiano, sino a porlo ai vertici qualitativi tra le pubblicazioni tecniche in ambito previdenziale. Sappiamo bene quanto l azione sindacale a difesa dei pensionati, che ogni giorno ci contraddistingue in tutto il Paese (ed anche oltre i suoi confini nel caso dei nostri concittadini emigrati ed in pensione), non possa assolutamente prescindere dalla conoscenza profonda delle materie su cui quest ultima si realizza e, soprattutto, non possa fare a meno di un costante aggiornamento sull evoluzione normativa delle materie stesse. È tutta qui la ratio con cui decidemmo, sette anni fa, di avviare questa nostra esperienza del vademecum e, ad ogni edizione, di fare un piccolo ulteriore sforzo per renderlo sempre più chiaro, completo e facilmente fruibile da parte di ogni dirigente e militante impegnato sul territorio. È, dunque, il gradimento manifestato dai nostri quadri a convincerci della bontà di questo lavoro e spronarci a fare sempre meglio guardando costantemente al nostro fine ultimo: rispondere efficacemente ai bisogni degli anziani. Per tutti i motivi appena accennati si è deciso di mantenere, anche per quest anno, l impostazione generale dei precedenti volumi, con un attenzione particolare alle più significative novità introdotte negli ultimi mesi, tra le quali annoveriamo, a titolo esemplificativo, l emanazione del decreto attuativo disciplinante l istituto della totalizzazione dei periodi assicurativi - per coloro che vanno in pensione con il sistema retributivo o misto - in alternativa alla ricongiunzione, l emissione dei modelli RED anche per i pensionati provenienti dalla Pubblica Amministrazione, il riconoscimento della possibilità di accredito figurativo e riscatto dei periodi di maternità, il mutamento di titolo delle pensioni. 11

12 Presentazione Come sempre, inoltre, nel volume sono contenute schede di approfondimento, prontuari e tabelle ad indispensabile corollario delle norme di cui la disciplina previdenziale si compone. Vale la pena ricordare, infine, che anche al vademecum 2004 abbiamo abbinato una edizione su supporto informatico CD-ROM, contenente il testo integrale delle disposizioni di legge delle quali si fa riferimento nella versione cartacea, con l intento di dare completezza di informazione pur lasciando al volume i caratteri di maneggevolezza e facilità di consultazione che sono necessari per un proficuo lavoro al servizio dei nostri iscritti e di tutti coloro che si avvicinano all universo sindacale confederale dei pensionati con la legittima aspettativa di vedere chiariti i propri dubbi e risolti i propri problemi. Le segreterie nazionali SPI FNP UILP 12

13 Schede di approfondimento 13

14

15 Maternità e contributi Come farsi riconoscere sulla pensione i periodi di maternità non valutati Da quando esiste l obbligo assicurativo previdenziale, una madre lavoratrice ha diritto al riconoscimento dei periodi di assenza dal lavoro per maternità ai fini della pensione. Se si diventa madri quando non si lavora, invece, fino a tutto il 1993 non era previsto niente: è soltanto dal 1 gennaio 1994 che si aprì la possibilità, per le lavoratrici dipendenti del settore privato e pubblico, di ottenere l accredito figurativo gratuito dei periodi di maternità intervenuti al di fuori del rapporto di lavoro, in misura corrispondente alla durata dell astensione obbligatoria dal lavoro per gravidanza e puerperio, e la possibilità di riscattare - dietro pagamento della riserva matematica - il periodo corrispondente all astensione facoltativa. La pervicacia dell INPS e dell INPDAP nell insistere in una interpretazione sbagliata, prima dell art. 14 del DLgs 503/92 e poi del DLgs 564/96, ha impedito di fatto l esercizio di questo diritto fino all entrata in vigore del Testo unico delle disposizioni legislative a tutela della maternità e paternità (DLgs 151/2001). Oggi è possibile completare la posizione assicurativa di tante donne che lavorano, permettendo loro di raggiungere prima il requisito contributivo per la pensione, o di tante che hanno smesso di lavorare senza averlo raggiunto e di quelle che stanno versando costosi contributi volontari. Inoltre, la contribuzione così recuperata è utile per raggiungere livelli minimi contributivi per avere, ad esempio, la pensione calcolata con un criterio invece di un altro, o per il diritto ad indennità di mobilità ed altre prestazioni di carattere temporaneo. Per chi è già in pensione, il riconoscimento di periodi corrispondenti a maternità fuori del rapporto di lavoro si traduce in miglioramenti dell importo di pensione, perché aumenta retroattivamente l anzianità contributiva presa in considerazione per il calcolo; in alcuni casi, inoltre, l aumento dell anzianità contributiva utile per il diritto ha permesso l anticipo di qualche mese della stessa decorrenza originaria della pensione. Per rendersi conto dei termini nei quali può avvenire il recupero dei periodi corrispondenti a maternità intervenute fuori del rapporto di lavoro, è necessario avere chiari gli aspetti principali della tutela previdenziale della maternità sul lavoro, come si sono venuti configurando nel tempo. 15

16 Maternità e contributi Il congedo di maternità Nel 1951 fu rivista la vigente disciplina legislativa dell obbligo dell astensione della donna dal lavoro nell ultima parte della gravidanza e nel periodo puerperale. Il periodo fu fissato in misura diversa tra categoria e categoria, eccetto lavoro a domicilio e collaboratrici familiari per le quali non era prevista alcuna tutela, salva previsione di un periodo più lungo, disposto dall Ispettorato del lavoro a tutela di particolari casi di salute o di lavorazioni gravose o nocive. Dall entrata in vigore della legge per la tutela delle lavoratrici madri, la legge del 30 dicembre 1971, il periodo minimo di astensione fu portato a 22 settimane in tutti i settori, compresi quelli del lavoro domestico o a domicilio, e tale è rimasto fino a oggi. Inizialmente, solo la madre poteva usufruire del periodo di astensione obbligatoria: dal 1977, invece, il diritto di assentarsi dal lavoro per un periodo corrispondente all astensione obbligatoria post partum è riconosciuto anche al padre, in caso di decesso o grave infermità della madre che ne avrebbe avuto diritto; questa sostanziale parificazione dei diritti è stata ottenuta con la sentenza della Corte costituzionale n. 1 del Dal 2000, inoltre, sono ammessi anche i casi di abbandono del nucleo familiare da parte della madre o di affidamento del figlio al padre in via esclusiva. A partire dal 1977, le regole del periodo di astensione obbligatoria dopo il parto sono estese ai casi di adozione o affidamento preadottivo di minori in età fino a 6 anni (18 anni se adozione internazionale) e, dal 1983 (legge 184) anche nei casi di affidamento provvisorio: lo stesso diritto è stato esteso agli uomini con la sentenza della Corte costituzionale n. 341/ Il congedo parentale Nel giugno 1951, 6 mesi dopo l entrata in vigore della precedente, una nuova legge stabilì l obbligo di conservazione del posto di lavoro della donna lavoratrice anche nei casi di astensione facoltativa dal lavoro, trascorso il periodo di astensione obbligatoria, per un massimo di 6 mesi entro il 1 anno di vita del bambino. Nel 1977, con la legge di parità uomo-donna, il diritto ad usufruire della astensione facoltativa per accudire il figlio entro il 1 anno di vita fu esteso al padre, in luogo della madre che gli cedesse tutto o parte del periodo, entro il limite massimo complessivo di 6 mesi. Dall entrata in vigore della legge 104/92 (legge quadro sull handicap), la madre o il padre in alternativa possono chiedere il prolungamento dell astensione facoltativa per assistere il figlio in situazione di handicap grave fino al compimento del 3 anno di vita.

17 Infine, dal 28 marzo 2000, del congedo parentale possono usufruire indifferentemente il padre e la madre che lo richiedano, indipendentemente dall esistenza del diritto dell altro genitore, ed anche contemporaneamente, entro l 8 anno di età del figlio o equiparato. Il diritto spetta nel limite di 6 mesi per ciascun genitore, purché entro il limite complessivo di 10 mesi per la coppia di genitori. Per incentivare il coinvolgimento dei padri, il limite complessivo è elevato a 11 mesi quando egli si astenga dal lavoro per un periodo continuativo o frazionato non inferiore a tre mesi; in questo caso il limite per il padre è elevato a 7. Dal 28 marzo 2000 tutti i limiti sono da intendersi per ogni figlio: in caso di parto gemellare o plurimo, quindi, vanno moltiplicati per il numero dei figli. Schede di approfondimento Come recuperare sulla pensione i periodi corrispondenti al congedo Con il testo unico del 2001, la possibilità di recuperare i periodi corrispondenti ai congedi, che era stata introdotta con il DLgs 503/92 limitatamente agli eventi dal 1994 in poi, fu estesa ai casi precedenti, mantenendo gli altri aspetti della normativa previgente: il diverso modo di recupero (accredito figurativo gratuito o riscatto oneroso), il periodo massimo riscattabile ed il requisito minimo di contribuzione all atto della domanda. Per quanto qui riguarda, si limita l analisi ai casi in cui la pensione è già in pagamento. L accredito e il riscatto I periodi non già coperti da contribuzione e corrispondenti ai periodi di congedo per maternità o - nei casi ammessi - di paternità sono accreditabili a domanda come contribuzione figurativa. I periodi corrispondenti al congedo parentale, invece, possono solo essere riscattati, nel limite massimo di 5 anni, pagando l onere derivante dal calcolo secondo le modalità stabilite dalla legge 1.338/62 (anche se, in costanza di rapporto di lavoro, danno luogo invece a contribuzione figurativa). L onere di riscatto, così come l onere di ricongiunzione, è interamente deducibile dal reddito assoggettabile ad imposta: in altre parole, non entra nell imponibile IRPEF. Il requisito contributivo In ambedue i casi il diritto può essere attivato soltanto in presenza di almeno 5 anni di contribuzione versata in costanza di rapporto di lavoro. L espressione della legge esclude quindi eventuale contribuzione da lavoro autonomo, mentre include contribuzione da lavoro dipendente versata in costanza di attività lavorative come il lavoro di collaborazione ai servizi domestici e familiari o come il lavoro a domicilio che, di per sé, per un certo tempo non davano titolo a contribuzione previdenziale a copertura dei periodi di assenza per maternità perché la legge non lo prevedeva. 17

18 Maternità e contributi In presenza di contribuzione mista, da attività lavorativa dipendente e autonoma, è sufficiente che la parte di contribuzione relativa ad attività dipendente raggiunga i 5 anni: in questo quadro, il beneficio dell accredito dei periodi di maternità può riguardare anche i titolari di pensioni a carico di una delle Gestioni speciali dei lavoratori autonomi, artigiani, commercianti, coltivatori diretti, se hanno conseguito la pensione con il concorso di almeno 5 anni di contribuzione FPLD. Per la stessa ragione, anche titolari di assegno o pensione sociale potrebbero avere spezzoni di posizione assicurativa che raggiunge e supera i 5 anni, ancorché non utilizzati per il diritto a pensione: in questo caso, l accredito di periodi corrispondenti a quelli di maternità potrebbe essere utile per anticipare la corresponsione dell incremento della maggiorazione sociale, ove spettante. I cinque anni di contribuzione e l evento maternità sono indipendenti, nel senso che la maternità può essere intervenuta prima del primo lavoro, dopo l ultimo o tra un periodo di lavoro e l altro. La durata del periodo da far riconoscere con accredito o riscatto Dato che fino al 1972 la durata dell astensione obbligatoria era diversa a seconda del tipo di attività lavorativa svolta, per stabilire i limiti entro i quali accreditare un periodo relativo a maternità intervenuta fuori dal rapporto di lavoro, si fa riferimento alla prima attività lavorativa svolta dopo ogni evento di maternità. In assenza di contribuzione successiva all evento (o in presenza di contribuzione in settori privi di tutela previdenziale per maternità), si fa riferimento all ultimo lavoro prima della maternità. Per quanto riguarda il periodo corrispondente all astensione facoltativa, si ricorda che dall entrata in vigore della legge 104/92, la madre o il padre in alternativa possono chiedere il prolungamento dell astensione facoltativa per assistere il figlio in situazione di handicap grave. Pertanto, per maternità intervenute dal 4 marzo 1992, data di entrata in vigore di tale legge, è possibile sostenere il diritto al riscatto del periodo corrispondente al prolungamento del congedo parentale (ex astensione facoltativa) fino al compimento del terzo anno di vita del figlio con grave handicap. Poiché il prolungamento in questione può essere attivato in costanza di rapporto di lavoro- solo a decorrere dalla data, anche teorica, in cui termina il congedo parentale normale, per quanto riguarda il riscatto dei periodi corrispondenti, il limite massimo (fra il padre e la madre, che ne possono usufruire alternativamente) è di 27 mesi: 3 mesi di congedo obbligatorio + 6 mesi di congedo parentale normale + 27 mesi di prolungamento del congedo parentale = 36 mesi, i tre anni di età del figlio con handicap. 18 Gli arretrati Per i richiedenti già in pensione, il riconoscimento di ulteriore contribuzione comporta l aumento dell importo in pagamento e il pagamento degli arretrati fin

19 dalla data di decorrenza della stessa, comunque non oltre il periodo di prescrizione che è di 10 anni dalla data di riconoscimento del periodo. Tuttavia, per gli eventi che si collocano prima del 1994, gli Enti previdenziali limitano l efficacia della contribuzione figurativa ed anche quella da riscatto al primo giorno del mese successivo a quello in cui è entrato in vigore il Testo unico che ha reso possibile il riconoscimento, cioè al 1 maggio Gli arretrati spetterebbero in misura piena, secondo gli Enti previdenziali, solo se l evento è avvenuto dal 1994, perché in questi casi la possibilità di riconoscimento era già stabilita con il DLgs 503/92. In altre parole, l aumento di pensione derivante dal riconoscimento di un periodo relativo ad una nascita del 1965 verrà corrisposto in arretrato per tutti i ratei di pensione dal 1 maggio 2001 fino alla data della domanda, mentre una nascita del 1995 può dar luogo ad arretrati fin dalla data di decorrenza della pensione, se successiva al parto (non sono ancora passati 10 anni alla data di oggi) o fin dallo stesso 1995, nell ipotesi improbabile - ma non impossibile - che si tratti di persona divenuta madre quando è già titolare di pensione, ad esempio un assegno di invalidità. In realtà, la limitazione alle nascite avvenute dopo il 1993 è illegittima. Già nel 1996, il DLgs 564/96 aveva abrogato la parte del DLgs precedente in cui si faceva esplicito riferimento alla data del 1994, mentre non poneva alcun nuovo termine. Nel 2001, la Corte costituzionale, chiamata a decidere se il Decreto del 1996, col suo silenzio, potesse o meno far considerare decaduto il termine precedente, che impediva l accredito figurativo di due maternità intervenute prima del 1994 in favore di una signora di Firenze, fu scavalcata dall entrata in vigore del Testo unico, col quale sono stati abrogati ambedue i provvedimenti precedenti. La causa si è conclusa così in senso favorevole alla ricorrente, ma solo per quanto riguarda il diritto al riconoscimento: per quanto riguarda l importo degli arretrati, si consiglia di proseguire nell opera giudiziaria tesa a far riconoscere l insussistenza del limite fin dall entrata in vigore del DLgs 564/96 e quindi il riconoscimento di arretrati in misura piena anche per maternità intervenute prima del Schede di approfondimento Chi può azionare il diritto Può recuperare il periodo sulla pensione in pagamento chi, se fosse stato al lavoro al tempo in cui è avvenuto l evento (nascita o, dopo il 1977, nascita, adozione e affidamento), avrebbe avuto diritto al periodo di astensione. Inoltre, possono chiedere la ricostituzione della pensione di reversibilità o indiretta i superstiti del soggetto così individuato. L INPDAP pone come condizione che il richiedente sia ancora in servizio al momento della domanda di riconoscimento dei periodi corrispondenti a quelli di maternità o che lo fosse stato alla data del 27 aprile In altre parole, nega il diritto ai pensionati divenuti tali prima di tale data: gli istituti di patronato della CGIL, della CISL e della UIL sono attrezzati per contrastare questa aberrante interpretazione. 19

20 Maternità e contributi I periodi riconoscibili Dal momento che l accredito figurativo e il riscatto riguardano i periodi corrispondenti a quelli di astensione obbligatoria e astensione facoltativa dal lavoro, i periodi possono essere accreditati e riscattati nella misura massima purché non vi si sovrappongano periodi di lavoro, di per sé coperti di contribuzione obbligatoria, o altri periodi di contribuzione. Tuttavia, nel caso in cui il periodo da accreditare figurativamente per maternità si trovi già coperto da contribuzione per disoccupazione, l INPS procederà comunque all accredito della contribuzione figurativa, più efficace (ad esempio per quanto riguarda il diritto alla pensione di anzianità) di quella per disoccupazione. In ordine di data di nascita, di seguito si esaminano le possibilità di accredito e di riscatto con tutte le variazioni intervenute nel tempo riguardo al periodo massimo che è possibile recuperare, ai soggetti che possono farlo, alle altre condizioni e agli effetti che ciò comporta. Per ogni nascita fino al 30 giugno 1951 Soggetti che possono azionare il diritto: la madre (e suoi superstiti). Contribuzione figurativa accreditabile: - industria: 21 settimane (3 mesi prima e 8 settimane dopo il parto); - agricoltura: 16 settimane (8 e 8); - altri settori (escluso lavoro domestico o a domicilio): 14 settimane (6 e 8). Periodo riscattabile: nessuno. Arretrati sulla pensione: dal 1 maggio Per quanto riguarda i periodi corrispondenti all astensione obbligatoria, gli Enti previdenziali sogliono far riferimento alle nascite intervenute dal 4 gennaio 1951 in poi, data di entrata in vigore della legge 860/50. Quando si presenti l eventualità di riconoscere un periodo precedente, è opportuno consultare il patronato per valutare gli spazi di intervento legale, dato che quella del 1950 non era la prima legge che sancisse il divieto di adibizione al lavoro di gestante o puerpera. 20 Per ogni nascita dal 1 luglio 1951 al 17 gennaio 1972 Soggetti che possono azionare il diritto: la madre (e suoi superstiti). Contribuzione figurativa accreditabile: - industria: 21 settimane (3 mesi prima e 8 settimane dopo il parto); - agricoltura: 16 settimane (8 e 8); - altri settori (escluso lavoro domestico o a domicilio): 14 settimane (6 e 8).

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri,

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, I trattamenti di famiglia Assegni familiari Assegno al nucleo familiare STAMPA Assegni familiari Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, caratisti imbarcati)

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle Organizzazioni

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio LA PREVIDENZA PUBBLICA Docente: Andrea Milesio Il contesto Il contesto Il contesto Per quanto tempo ancora sarà sostenibile questa situazione? La Previdenza Pubblica ante riforma Fornero 6 Il sistema

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

VADEMECUM SULLE PENSIONI

VADEMECUM SULLE PENSIONI VADEMECUM SULLE PENSIONI Si è cercato, con questo vademecum, di fornire alcune fondamentali informazioni ai lavoratori in merito alla materia pensionistica. Ovviamente non si sono potute affrontare tecnicamente

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

I Dipendenti dello Stato

I Dipendenti dello Stato I Dipendenti dello Stato In Servizio Presso le scuole Pescara 13-14 Marzo 2006 1 Lo Stato e i suoi dipendenti Fino al 31/12/1995 Con i propri dipendenti lo Stato non instaurava solo un rapporto di lavoro

Dettagli

FONDO DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DALL'ENEL E DALLE AZIENDE ELETTRICHE PRIVATE

FONDO DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DALL'ENEL E DALLE AZIENDE ELETTRICHE PRIVATE In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento dei maggiori fondi speciali gestiti dall Istituto. Questo vuole essere un

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET)

FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) Il Fondo di previdenza per il personale addetto ai pubblici servizi di trasporto è sostitutivo dell' Assicurazione generale obbligatoria (AGO). A questo

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Interventi in materia previdenziale Roma, 14 marzo 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti anagrafici e contributivi per

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

COME SI CALCOLANO LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI ISCRITTI ALL INPS

COME SI CALCOLANO LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI ISCRITTI ALL INPS Numero 16 - corretto - Marzo 2011 COME SI CALCOLANO LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI ISCRITTI ALL INPS Salvatore Martorelli 1 Sommario Premessa... 3 I sistemi di calcolo... 3 Calcolo della pensione

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

Locali. Dipendenti Dello Stato

Locali. Dipendenti Dello Stato IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA A cura di: Alessandra Carta Cassa Pensione dei Dipendenti degli Enti Locali Cassa Pensione Insegnanti di asilo e di scuole elementari parificate Cassa Pensione Ufficiali Giudiziari

Dettagli

LA VITA ASSICURATIVA DEL LAVORATORE: DALL ASSUNZIONE ALLA PENSIONE INPS

LA VITA ASSICURATIVA DEL LAVORATORE: DALL ASSUNZIONE ALLA PENSIONE INPS SOMMARIO La contribuzione per la pensione pag. 3 Versamenti volontari pag. 5 Pensione di vecchiaia - Gestione INPS pag. 6 Pensione di anzianità pag. 12 Cumulo pensione lavoro pag. 18 Assegno di invalidità

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il calcolo di pensione del Personale Operativo

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il calcolo di pensione del Personale Operativo Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Il calcolo di pensione del Personale Operativo Castiglione delle Stiviere 19 20 settembre 2011 PATRONATO INCA CGIL Lombardia - Viale Marelli 497 20099 Sesto S. Giovanni

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo; il Dott.ssa Paola Celli ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo;

Dettagli

Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010

Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010 Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010 Ogni diritto non conosciuto è un diritto negato Premessa fondamentale L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro e.. sulle domande!!!!! Perché

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). Personale appartenente al Comparto Difesa, Sicurezza e soccorso pubblico

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). Personale appartenente al Comparto Difesa, Sicurezza e soccorso pubblico In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori Gestioni pensionistiche amministrate dall Istituto. Questo

Dettagli

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003 LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE Marzo 2003 ENPAM LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM A cura della Direzione dei Servizi del Dipartimento della Previdenza Marzo 2003 I INDICE Contributi FONDO DI PREVIDENZA

Dettagli

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva INPS- ex INPDAP ENPAM Vantaggi e svantaggi di una scelta difficile L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013 Alla fine del mese di gennaio arrivano come sempre i dati Istat sull inflazione registrata nell anno precedente e si può

Dettagli

Le prestazioni collegate al reddito

Le prestazioni collegate al reddito Sindacato Pensionati Italiani Le prestazioni collegate al reddito 1 Le prestazioni soggette a controllo a. integrazione al minimo b. maggiorazioni sociali c. importo aggiuntivo d. somma aggiuntiva e. pensione

Dettagli

Diritto della previdenza sociale:

Diritto della previdenza sociale: Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Diritto della previdenza sociale: la tutela per l invalidità, vecchiaia e superstiti Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Università

Dettagli

Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale

Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale I documenti contenuti in questo manuale hanno la funzione

Dettagli

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche.

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche. In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori Gestioni pensionistiche amministrate dall Istituto. Questo

Dettagli

Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è

Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è stata messa a disposizione delle Sedi la funzione di acquisizione,

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1.1 - Nel sistema di calcolo retributivo e misto (legge 23.12.1994, n. 724, art. 11, comma 1; D.lgs. 30.12.1992 n. 503,

Dettagli

Pag. 1 di 5 FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) RIFERIMENTI STORICI E NORMATIVI SOGGETTI ASSICURATI SOGGETTI ESCLUSI

Pag. 1 di 5 FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) RIFERIMENTI STORICI E NORMATIVI SOGGETTI ASSICURATI SOGGETTI ESCLUSI FONDO AUTOFERROTRANVIERI O FONDO TRASPORTI (ET) Il Fondo di previdenza per il personale addetto ai pubblici servizi di trasporto è sostitutivo dell' Assicurazione generale obbligatoria (AGO). A questo

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum 2015 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto Quota A

Dettagli

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro)

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro) -1.888-1.986-2.084 17/7/2015 In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori gestioni pensionistiche amministrate

Dettagli

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151)

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151) Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 26 Aprile 2002 Circolare n. 85 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Le parole della previdenza.

Le parole della previdenza. Le parole della previdenza. Aliquota contributiva percentuale della retribuzione imponibile utilizzata per determinare l importo della contribuzione previdenziale dovuta in parte dal datore di lavoro e

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

Congedo parentale. Definizione

Congedo parentale. Definizione Congedo parentale Definizione Oltre al congedo di maternità obbligatorio, la legge riconosce alla madre lavoratrice e al padre lavoratore il diritto al congedo parentale (ex astensione facoltativa, art.

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione.

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione. Introduzione La legge 53/2000 (conosciuta con il titolo di Congedi Parentali) e altre norme ad essa collegata introducono rilevanti modifiche a importanti leggi dello Stato quali: La Legge 1204 del 30/12/1971

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

INSIEME PER I PROPRI FIGLI. Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità

INSIEME PER I PROPRI FIGLI. Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità INSIEME PER I PROPRI FIGLI Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità 1 Dipartimento Pari Opportunità Testi: Flavia Castiglioni Illustrazioni: Andrea Sorice Impaginazione:

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

Prestazioni Previdenziali INPS, ex INPDAP, ex ENPALS, ecc..

Prestazioni Previdenziali INPS, ex INPDAP, ex ENPALS, ecc.. Presentazione L ENAC è il Patronato dell Unione Coltivatori Italiani, che si occupa su tutto il territorio nazionale della tutela sociale di tutti i cittadini, per la richiesta di tutte le prestazioni

Dettagli