I rischi operativi. Francesco Romito. Università RomaTre, a.a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I rischi operativi. Francesco Romito. Università RomaTre, a.a. 2008-2009"

Transcript

1 I rischi operativi Francesco Romito Università RomaTre, a.a

2 Agenda Definizione La regolamentazione La misurazione e la valutazione Loss Distribution Approach (LDA) Risk Control Self Assessment Key Risk Indicators L integrazione delle informazioni La gestione e il controllo dei rischi operativi

3 Rischio e volatilità dei risultati Rischio = Volatilità dei risultati Capitale economico Rischio di credito Rischio di mercato Rischio operativo Rischio strategico Rischio reputazionale Rischio di liquidità Value-at-risk Perdite inattese (UL) OpVar Volatilità dei risultati non spiegata da VAR e UL

4 I rischi operativi: considerazioni generali Peculiarità dei rischi operativi: sorgono inevitabilmente con l esercizio dell attività d impresa rischio prevalentemente endogeno con sottostante caratterizzato da portafogli di processi (a differenza dei rischi di credito/mercato che sono esogeni) ha natura di rischio puro poiché comporta prevalentemente manifestazioni di perdita e non di guadagno eterogeneità dei fattori di rischio e del tipo di manifestazione nel sistema bancario, i rischi operativi sono significativamente aumentati in relazione a vari fattori (deregolamentazione e globalizzazione, incremento dell utilizzo della tecnologia informatica, innovazione finanziaria, fusioni e acquisizioni, ristrutturazioni aziendali, etc.)

5 Definizione regolamentare di rischio operativo Rischio di perdite derivanti dalla inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, oppure da eventi esogeni La definizione include il rischio legale ma esclude quello strategico e di reputazione

6 La catalogazione dei rischi operativi I possibili drivers 1) Why? Causal relationships utile per la determinazione dei punti di debolezza e dei rimedi organizzativi 2) What? Events Type preferibile per l identificazione delle perdite e per la misurazione/attenuazione dei rischi 3) Where? Effects/Accounts funzionale a garantire completezza/integrità dei dati raccolti nonché per l attribuzione di responsabilità e l allocazione del capitale CAUSA EFFETTO EVENTO Business A Business B Business C

7 La catalogazione dei rischi operativi Cause Event Effect categories categories categories People Internal Fraud Corporate finance Legal Liability Process Systems External External Fraud Employment Practices Clients, Products Business Practice Trading & Sales Retail Banking Commercial Banking Regulatory, Compliance & Taxation Penalties Write-down Damage to Physical Assets Payments & Settlements Restitution Business Disruption Agency Services Execution, Delivery Asset management Retail Brokerage

8 La catalogazione dei rischi operativi La scelta adottata nella normativa prudenziale italiana NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE TITOLO II Capitolo 5 AlLLEGATO B

9 La catalogazione dei rischi operativi La scelta adottata nella normativa prudenziale italiana

10 Agenda Definizione La regolamentazione La misurazione e la valutazione Loss Distribution Approach (LDA) Risk Control Self Assessment Key Risk Indicators L integrazione delle informazioni La gestione e il controllo dei rischi operativi

11 La regolamentazione Tre approcci: a) Basic Indicator Approach (BIA); Approccio top-down b) Standardised Approach (TSA); c) Advanced Measurement Approach (AMA) Approccio bottom-up

12 L approccio base Il Basic Indicator Approach (BIA) prevede il calcolo del requisito patrimoniale sulla base di una semplice aliquota dell indicatore rilevante (gross income) medio annuo riferito ai tre esercizi precedenti K BIA = GI * α dove α è stato fissato al 15%.

13 L approccio base L approccio base prevede requisiti qualitativi generali sul coinvolgimento degli organi aziendali nel governo e nella gestione dei rischi operativi (comuni agli approcci TSA e AMA): Definizione linee generali del sistema Responsabilità per la realizzazione Vigilanza sulla funzionalità Verifica della rispondenza ai requisiti regolamentari

14 L approccio standardizzato Nel metodo standard (Standardised Approach) l attività della banca viene suddivisa in 8 linee di business (business lines):

15 L approccio standardizzato Il requisito patrimoniale è dato da: K TSA = Σ 8 j=1 (GI j * β j ) dove GI j (j=1,, 8) rappresenta il livello medio annuo del gross income degli ultimi tre esercizi per ciascuna delle 8 business lines e β j èun coefficiente, stabilito dal Comitato di Basilea per ogni business lines. Tre livelli per β: 1. basso (12%) per le BL Retail banking, Asset management e Retail brokerage 2. medio (15%) per le BL Commercial banking e Agency services 3. alto (18%) per le BL Corporate Finance, Trading and Sales e Payment and Settlement

16 L approccio standardizzato: requisiti organizzativi Oltre ai requisiti generali comuni al metodo Base, le banche che intendono adottare il metodo Standard devono avere un efficace sistema di gestione dei rischi operativi: Classificazione delle attività nelle BL regolamentari Sistema di raccolta e conservazione dei dati sui rischi operativi Valutazione annuale dell esposizione ai rischi operativi Sistema di reporting (risultati della valutazione, perdite rilevanti, descrizione azioni di prevenzione e mitigazione) effettuare un processo di autovalutazione per valutare la qualità del sistema di gestione dei rischi operativi (documentato e sottoposto annualmente alla revisione interna).

17 Gli approcci avanzati (AMA) Gli intermediari possono calcolare il requisito patrimoniale per il rischio operativo utilizzando le risultanze di sistemi interni di calcolo e misurazione, nel rispetto di alcuni criteri quantitativi e qualitativi (bottom up approach). Obiettivi: sensitività al rischio incentivi economici al miglioramento dei sistemi di risk management garantire un elevata flessibilità, al fine di seguire l evoluzione dell industria

18 Gli approcci avanzati (AMA): requisiti organizzativi I requisiti qualitativi previsti per gli AMA sono più stringenti di quelli previsti per lo Standardised Approach. In particolare: la banca istituisce una funzione di controllo dei rischi operativi, il sistema di misurazione (e non di valutazione come nel caso di STA) deve essere integrato con il processo di gestione dei rischi day-to-day della banca (c.d. use test ); processo di convalida interna; revisione indipendente dell audit.

19 La funzione di controllo dei rischi operativi I compiti che spettano a tale funzione: progettazione, sviluppo e manutenzione dei sistemi di gestione e misurazione dei RO; raccolta e conservazione dei dati; valutazione del profilo di rischio operativo; determinazione del requisito patrimoniale sui rischi operativi; reporting (info sulle 4 componenti, aree di vulnerabilità, azioni di prevenzione e mitigazione, trasferimento del rischio, etc). Ai fini di un efficace svolgimento di tale funzione, la banca individua le soluzioni organizzative ritenute più idonee (unità indipendente di ORM non obbligatoria). Per lo svolgimento di tale funzione, la banca utilizza risorse con adeguata professionalità nella gestione e nelle metodologie di misurazione dei rischi operativi e con approfondita conoscenza dei processi aziendali.

20 Il sistema di misurazione: componenti Dati interni Dati esterni Analisi di scenario Fattori del contesto operativo e sistema dei controlli interni

21 Dati interni di perdita operativa Il sistema di rilevazione dei dati interni di perdita rappresenta un prerequisito essenziale per la realizzazione di un sistema di gestione/misurazione del rischio operativo. Esistono numerosi aspetti da tenere in considerazione: a) Definitori - Che cos è una perdita operativa? b) Organizzativi Come raccolgo le mie perdite? c) Informatici Come archivio le mie perdite?

22 Dati interni: aspetti definitori Che cos è una perdita operativa? Risposta non facile perché possono rientrare le seguenti definizioni di perdita: Perdite dirette (direttamente collegabili a voci di contabilità); Perdite stimate (deducibili da voci della contabilità e da archivi gestionali); Near misses (eventi pericolosi che non hanno prodotto perdite); Costi opportunità (perdite consistenti in un mancato guadagno); Guadagni operativi (eventi operativi che hanno comportato un guadagno anziché una perdita); ecc.

23 Dati interni: aspetti organizzativi Occorre disegnare un nuovo processo che permetta un accurata e completa raccolta dei dati di perdita. Il processo di rilevazione delle perdite dovrà, in ogni caso, garantire: copertura (tutte le linee di business e tutte le società del gruppo; correttezza (integrità della rilevazione); affidabilità (controllo sul processo di raccolta).

24 Dati interni: modello di raccolta Il processo di raccolta dei dati di perdita potrà seguire due modelli di costruzione : Event driven: il dato gestionale di perdita viene rilevato direttamente dove l evento pregiudizievole ha avuto origine; Accounting driven: il dato viene estratto dagli archivi contabili con eventuale arricchimento delle informazioni disponibili a livello gestionale.

25 Dati interni: modello di raccolta Event driven - (approccio bottom-up) Il dato viene segnalato direttamente dalle strutture organizzative decentrate in cui si è generata la perdita; Consente la tempestiva rilevazione di eventi di perdita presunti ; Favorisce la completezza della descrizione dell evento; Presuppone un attenzione delle strutture locali alle tematiche relative ai rischi operativi; Innalza la cultura aziendale e favorisce uno sviluppo gestionale dei rischi operativi attraverso una più agevole individuazione dei relativi interventi di prevenzione e/o mitigazione; Le strutture centrali svolgono prevalentemente un ruolo di coordinamento e validazione del processo di raccolta.

26 Dati interni: modello di raccolta Accounting driven - (approccio top-down) Il dato viene estratto direttamente dalla contabilità; Garantisce la rilevazione di eventi certi e non presunti; richiede l esistenza di un sistema di contabilità analitica che sia strutturato in modo coerente con la classificazione presente nel DB delle perdite operative; La rilevazione del fenomeno gestionale non è tempestiva; Il dato richiede un arricchimento di informazioni descrittive dell evento; Considera solo le perdite operative contabilizzate, trascurando gli eventi generatisi ma non ancora contabilizzati

27 Dati interni criteri di inclusione L importo delle perdite è considerato al lordo dei recuperi. Le perdite sequenziali e multi-effetto sono considerate come un unico dato. Boundary events: le perdite di confine con il rischio di mercato sono incluse, non quelle con il rischio di credito.

28 Dati esterni di perdita operativa Il sistema di misurazione deve tenere conto di dati di perdita esterni, soprattutto quelli ad alto impatto, ancorché poco frequenti. Finalità: completare il database di perdite operative interno; migliorare la qualità e la credibilità dell analisi di scenario; validare i risultati ottenuti dai dati interni; benchmarking. Individuazione di adeguate tecniche di scaling dei dati rispetto alla realtà aziendale.

29 Dati esterni Le principali fonti utilizzate dalle banche sono di natura consortile (informazioni fornite da un insieme di banche e altri intermediari finanziari), di mercato (archivi forniti da fornitori del settore) o elaborati internamente. Alcuni esempi: 1. DIPO 2. ORX 3. FITCH OPDATA

30 Analisi di scenario Tale analisi viene generata attraverso un processo strutturato che: Fissa criteri per la scelta delle classi di rischio e la definizione delle ipotesi sottostanti; Coinvolge gli esperti delle diverse linee di business; Permette un raffronto con i dati di perdita, interni ed esterni.

31 Fattori di contesto operativo e del sistema dei controlli interni Tali dati sono finalizzati all inclusione di una componente forward looking: cambiamenti nei processi, nei sistemi informativi e nel personale, possono far perdere di significatività i dati storici; mutamenti nella struttura di business sono difficili da incorporare nei dati di perdita storici; le nuove business line non possiedono una profondità storica delle perdite.

32 Agenda Definizione La regolamentazione La misurazione e la valutazione Loss Distribution Approach (LDA) Risk Control Self Assessment Key Risk Indicators L integrazione delle informazioni La gestione e il controllo dei rischi operativi

33 Metodologie di misurazione avanzata (AMA) Obiettivo della misurazione stimare l ammontare di capitale (CAR capital at risk) necessario a coprire le perdite attese e inattese derivanti dai rischi operativi su un holding period annuale ad un livello di confidenza del 99,9%

34 Loss Distribution Approach Le fasi della metodologia attuariale costruzione della distribuzione di frequency costruzione della distribuzione di severity costruzione della distribuzione aggregata delle perdite operative come convoluzione delle precedenti calcolo del 99,9 percentile di tale distribuzione

35 Loss Distribution Approach Severity distribution Frequency distribution relative frequency Aggregazione per mezzo di simulazione Monte Carlo o approssimazione analitica # events per period Distribuzione composta Unexpected losses Op. VaR 99.9 percentile

36 Determinazione della loss distribution Si definisce l impatto di perdita totale S per periodo (ad esempio per anno) n i S = x i = 0 j j dove n i è una v.a. che segue la distribuzione della frequenza e le x i sono v.a. i.i.d. che seguono la distribuzione della severity La S si può ottenere analiticamente o numericamente (Monte Carlo)

37 La stima della frequency Indagare quanti eventi accadranno in un dato periodo (es. un anno) Distribuzioni utilizzate: Poisson Binomiale Binomiale negativa Tecniche di stima: metodo dei momenti metodo della massima verosimiglianza probability Frequency distribution n

38 La stima della frequency Tale variabile si differenzia dalla severità per il fatto di essere di tipo discreto. Poisson e Geometrica hanno un solo parametro, Binomiale e Binomiale Negativa due. Considerata la natura del campionamento dei dati che a volte può presentare cluster di accadimenti, e di conseguenza una varianza maggiore, la binomiale negativa è senz altro teoricamente preferibile. Elementi da considerare per la scelta del tipo di frequenza sono: 1. la limitatezza dei dati a disposizione per la stima 2. la conveniente proprietà matematica della Poisson di chiusura rispetto alla somma (la somma di due variabili indipendenti di Poisson è ancora una variabile di Poisson) 3. la bassa sensibilità del VaR della distribuzione di perdita alle caratteristiche della frequenza. In particolare ciò vale per distribuzioni molto leptocurtiche: i quantili elevati della perdita annua sono influenzati solamente dal valore atteso del numero di eventi annui, ma non dalla sua intera distribuzione.

39 La distribuzione di Poisson dove λ = E [N], ovvero λ rappresenta il valor medio della variabile N. Utilizzando il metodo della massima verosimiglianza, lo stimatore λ viene a coincidere con la media campionaria delle osservazioni Questo parametro misura quindi il numero medio annuo di eventi di perdita:

40 Severity: non-normalità dei dati 0,09 Confronto tra la distribuzione empirica (Kernel) e una distribuzione Normale con la stessa μ e σ : " zoom " su lle cod e 0,08 0,07 F r e q u e n z a 0,06 0,05 0,04 0,03 0,02 0, VAR 99 (N)=630 VAR 99,5 (N)=692 VAR 99,9 (N)=820 VAR 99 (K)=820 VAR 99,5 (K)=1501 Loss (migliaia di Euro) VAR 99,9 (K)=2855

41 La stima della severity I rischi operativi danno luogo ad un gran numero di perdite di piccolo importo e ad un bassissimo numero di perdite estreme Non sempre il corpo e la coda dei dati provengono dalla stessa distribuzione La distribuzione tradizionale che presenta il valore migliore dei test di fitting sarà utilizzata per descrivere il corpo dei dati

42 La stima della severity: la coda delle distribuzioni PROBLEMA I test grafici e formali potrebbero indurre a rifiutare tutte le distribuzioni tradizionali Sottostima della probabilità della coda SOLUZIONE MODELLI EVT Indicazioni sul comportamento delle perdite estreme vengono tratte dall applicazione delle tecniche EVT ai dati nella coda

43 Extreme Value Theory Consente di modellare i valori estremi di una distribuzione di dati. I metodi tradizionali, siano essi parametrici o basati su tecniche numeriche, focalizzano l attenzione sui tratti della distribuzione empirica dei rendimenti con maggiore densità di frequenza e tendono ad ignorare gli eventi rari.

44 Extreme Value Theory Un applicazione estesa della cornice teorica dell EVT consente di stimare la coda delle distribuzioni di impatto. Inversione della logica comunemente adottata dai modelli tradizionali Peaks-over-threshold (POT) models: tecnica che sfrutta le proprietà asintotiche delle eccedenze dei valori di una serie rispetto ad una determinata soglia al fine di effettuare una stima parametrica della coda da cui ricavare le misure di rischiosità.

45 La distribuzione generalizzata di Pareto (GDP) Teorema di Pickands Balkema - de Haan: la distribuzione delle perdite eccedenti una determinata soglia, sufficientemente grande, è approssimata dalla distribuzione generalizzata di Pareto (GPD), indipendentemente dalla distribuzione di partenza Una volta individuata la soglia, sarà sufficiente stimare con metodi statistici i parametri della distribuzione teorica che meglio approssima i dati empirici dei valori eccedenti la soglia per ottenere una distribuzione di probabilità degli stessi indipendentemente dalla forma della distribuzione originaria.

46 La distribuzione generalizzata di Pareto (GDP) (2) Data una variabile casuale X con funzione di distribuzione cumulata F, la distribuzione delle eccedenze di X oltre una determinata soglia u può essere così rappresentata: F u (x) = P(X-u x X>u), con x 0. Si dimostra che, per u, ovvero per una soglia sufficientemente grande da approssimare tale condizione, F u (x) G ξ,β(u) (x), dove G ξ,β(u) (x) = 1- (1+ξx/β) -1/ξ G ξ,β(u) (x) = 1- exp x/β se ξ 0, ovvero se ξ=0.

47 La distribuzione generalizzata di Pareto (GDP) (3) La GPD dipende da 2 parametri: - β che identifica il parametro di scale - ξ che identifica il parametro di shape, regola la curtosi della distribuzione: più è alto maggiore è la probabilità di eventi estremi

48 Shape parameter

49 GPD: la scelta della soglia La scelta della soglia è un punto critico per l implementazione di tale metodologia : un valore basso aumenta il numero di osservazioni disponibili ma introduce osservazioni provenienti dalla parte centrale della distribuzione, così distorcendo la stima dei parametri rappresentativi della forma della coda un valore elevato riduce tale distorsione ma rende più volatile il tail index e le stime di capitale.

50 GPD: la stima dei parametri Esistono vari metodi per la stima dei parametri METODI GENERICI METODI SPECIFICI massima verosimiglianza (MLE) metodo dei momenti stimatore di Hill metodo dei momenti pesati (PWM)

51 GDP: stima dei paramentri La performance dei metodi di stima dipende dalla proprietà dei dati analizzati. Tranne MLE, gli altri stimatori sono calcolabili sono ad alcune condizioni (ad esempio quello basato sui momenti richiede l esistenza della varianza della distribuzione che, nel caso della GDP, per ξ > 1 non esiste). Alcuni modelli privilegiano l uso del metodo PWM per le seguenti ragioni: buone stime anche in situazioni di scarsità di dati ; risultati più stabili in presenza di outliers; risultati stabili al varia re della soglia, rispettivamente agli altri metodi; miglior fitting nella parte superiore della coda.

52 La funzione mistura Modello parametrico risultante da due diverse distribuzioni: una, la distribuzione F (x,θ), volta a descrivere il range di perdite medio piccole, l altra, la GPD, stimata mediante EVT. La cdf risultante è perciò definita a tratti nel seguente modo:

53 La funzione mistura L espressione della pdf associata è con

54 La funzione mistura

55 La funzione mistura Log body: internal data GDP Tail: Internal data, consortium data, public external data, Scenario based data Continuity condition threshold

56 Passaggi per la stima della severity Calcolo dei primi quattro momenti del campione (media, varianza, asimmetria e curtosi) Individuazione del tipo di funzione matematica da utilizzare per la rappresentazione del fenomeno osservato Stima dei parametri delle distribuzioni candidate al fitting Selezione dei migliori fit sulla base di metodi grafici (es. pp-plot, qqplot, etc) Esecuzione dei test di goodness of fit: Kolmogorov-Smirnov (K-S) e Anderson-Darling (A-D)

57 Metodi grafici di GoF: PP-plot Questo grafico è ottenuto unendo le coppie di prob teorica ed empirica calcolate in corrispondenza di ciascuna osservazione x i Se il modello replica bene i dati i due termini di ciascuna coppia tenderanno ad essere vicini: pertanto, da un punto di vista grafico, le coppie si allineeranno attorno alla bisettrice La figura giace quindi nel quadrato unitario, poiché ogni coordinata rappresenta una probabilità

58 PP-plot Se un punto del grafico è posizionato sotto (sopra) la bisettrice significa il modello stimato indica una probabilità di sforare il livello x i più grande (piccola) di quanto appaia dal puro dato empirico. In altre parole la stima risulta più (meno) conservativa rispetto ai dati, ovvero mostra un profilo di rischio maggiore (inferiore).

59 Inverted pp-plot Il PP-plot adotta una scala lineare sulle probabilità, quindi tende ad avere poco dettaglio sulla coda della distribuzione. Per ovviare a questo inconveniente: considerare il complemento a 1 delle probabilità calcolate (i.e. la funzione di survival), su scala doppio logaritmica; ciò è equivalente a rappresentare le coppie: In questo grafico, la coda della distribuzione occupa l area vicina all origine, mentre l effetto della scala logaritmica è di fornire un dettaglio maggiore sulla coda, evitando l effetto di schiacciamento.

60 Inverted PP-plot

61 PP-plot e Inverted PP-plot Confrontano livelli di probabilità e rendono immediato capire che percentuale dei dati osservati il modello stimato è in grado di descrivere adeguatamente. Non forniscono invece indicazione alcuna circa il range di valori della variabile casuale oggetto di studio: ad esempio, dall esame dell inverted Pp-plot emerge che il modello coglie il primo 95% della distribuzione, ma nulla sappiamo dell ordine di grandezze delle perdite sopra e sotto tale livello. Per rispondere a questa domanda occorre analizzare il cosiddetto qq-plot.

62 QQ-plot Questo grafico è ottenuto unendo le coppie di quantili calcolate in corrispondenza di ciascuna osservazione x i ; In sostanza si mappano uno contro l altro il p-quantile stimato ed empirico per diversi valori di p. Il p-quantile di una distribuzione parametrica F è quel valore x t.c. dove F -1 rappresenta la funzione inversa della cdf della distribuzione. Si tratta di quella valore che lascia alla sua sinistra una probabilità p.

63 QQ-plot

64 QQ-plot L interpretazione di questo grafico è analoga a quella del pp-plot. Se il modello coglie bene i dati la linea sarà prossima alla bisettrice; se la curva sta sotto (sopra) di essa i quantili stimati risultano superiori (inferiori) a quelli empirici, e dunque il modello è più (meno) conservativo di quanto i dati empirici rivelino. A differenza del pp-plot, tale grafico rende più immediato capire in che intervalli di perdita il fit è buono, ma soprattutto permette di valutare l entità dell errore; ad esempio dall esame del grafico appare chiaramente che il modello stimato è in grado di riprodurre correttamente le perdite fino a 1 milione. Le perdite maggiori (corrispondenti ai quantili più elevati della distribuzione) appaiono sottostimate all incirca del 50%.

65 Survival plot Un altra modalità di confrontare l aderenza di un fit ai dati è rappresentare le funzioni cdf stimate ed empiriche. In questo tipo di grafico, una curva stimata che si posizioni più a destra della corrispondente empirica indica una stima del profilo di rischio più conservativa della misura empirica. Analogamente al qq-plot, questa rappresentazione soffre di un effetto di schiacciamento nella parte più interessante, la coda, che non permette di valutare correttamente la distanza tra le due curve

66 Survival plot Una rappresentazione migliore della coda si ottiene allora confrontando la funzione di survival la stima è molto buona fino al quantile 99.9% (corrispondente al punto 10-3 sull asse verticale), mentre per quantili più elevati il modello sottostima le perdite storiche, posizionandosi alla sua sinistra.

67 Il me-plot riporta la media campionaria degli eccessi oltre la soglia u, al variare della soglia stessa, ovvero riporta sul grafico le coppie Mean excess plot (X i sono i dati maggiori di u). In particolare, tutte le distribuzioni continue per cui vale il teorema PBDH, con ξ > 0, hanno una me-function asintoticamente rettilinea. Per elevati valori di soglia, se la GDP ha un buon GoF, nel me-plot compare un tratto rettilineo da una certo valore in avanti. Regola pratica: nel procedimento di stima dei parametri della GPD si fissa la soglia ove il me-plot inizia a manifestare un certo grado di linearità.

68 La distribuzione aggregata delle perdite La distribuzione aggregata delle perdite operative viene determinata attraverso la convoluzione tra la distribuzione di severity e quella di frequency. Non sono possibili soluzioni analitiche, se non in casi particolari. In genere si utilizza la simulazione Monte Carlo

69 La simulazione Monte Carlo Si determinano un sufficiente numero di scenari di Frequency e Severity e si costruisce la variabile S procedendo in questo modo: si genera n campionandolo dalla distribuzione di frequency si generano n variabili x i campionate dalla distribuzione di severity e se ne costruisce la somma S si ripete il processo per un numero sufficientemente grande di scenari e si studia la distribuzione empirica delle S così ottenuta dalla distribuzione cumulativa empirica di S si determina il CaR come il percentile al livello desiderato

70 Capitale a rischio e perdita attesa Il capitale a rischio per una singola classe di rischio è pari al value at risk (VaR) tratto dalla distribuzione di perdita. VaR è il quantile individuato dall intervallo di confidenza α (i.e. α = 99,9 %) della distribuzione di perdita. Ordinando le perdite in maniera crescente: Il VaR è definito come:

71 La perdita attesa Il capitale regolamentare è calcolato come somma di expected loss (EL) e unexpected loss (UL): VaR = UL + EL Dove: e In considerazione della notevole sensitività della media delle perdite ai valori di perdita estremi, le banche utilizzano la mediana per ottenere uno stimatore più stabile delle perdite attese:

72 AMA: determinazione del requisito patrimoniale Il modello deve rappresentare adeguatamente il profilo di rischio operativo della banca Identificazione delle classi di rischio Granularità ed omogeneità

73 AMA: determinazione del requisito patrimoniale Somma delle perdite attese ed inattese riferite alle singole classi di rischio operativo Fattori di riduzione: Perdite attese Correlazione Assicurazione e altri meccanismi di trasferimento del rischio

74 Criticità LDA Ammontare delle stime e calibrazione del modello: ipotesi alternative di modellizzazione, ritenute ugualmente valide da un punto di vista statistico, possono dar luogo a risultati significativamente differenti Significativa variabilità dei risultati rispetto a variazioni minime dei parametri della distribuzione: trade-off fra utilizzo gestionale (stabilità) e accuratezza teorica (sensitività) Margini di arbitrarietà nel calcolo del requisito derivanti dalle modalità di individuazione grafica della soglia, dalla tecnica di stima dei parametri, etc.

75 I criteri di validazione La valutazione dei modelli ha tenuto presente taluni criteri derivanti dalle caratteristiche necessarie per un utilizzo a fini gestionali e regolamentari: stabilità dei risultati, ragionevolezza economica ed impronta conservativa nel dimensionamento del capitale, contenimento degli spazi di discrezionalità nel processo di misurazione, necessario rigore dell impianto modellistico. Benchmarking (TSA, economic capital)?

76 Risk Control Self Assessment (RCSA) L approccio qualitativo alla valutazione dell esposizione ai rischi operativi e della validità dei controlli in essere

77 RCSA : obiettivi Strumento qualitativo di autodiagnosi basato su indicazioni soggettive fornite da esperti OBIETTIVI Individuare le aree di operatività più esposte al rischio operativo e le cause sottostanti per attivare gli interventi di mitigazione più opportuni Elemento complementare all analisi quantitativa: forward looking, eventi LFHI, BE&IC factors (quarta componente regolamentare dei sistemi AMA) Sviluppare l attenzione alla gestione del rischio operativo, sensibilizzando tutta la struttura Non necessariamente associato a LDA: insufficienza dati di perdita, scelta metodologica

78 RCSA: le possibili alternative Scenario based approach Analisi dei processi e indicazioni qualitative (Audit scoring, Scorecard approach)

79 Scenario Based Approach Strumento di analisi qualitativa che mira a definire, attraverso indicazioni soggettive fornite dai business owners, scenari atti ad individuare e valutare i rischi operativi, misurare l esposizione, le vulnerabilità, la qualità dei controlli e l eventuale mitigazione La normativa richiede esplicitamente l utilizzo degli scenari nell ambito del sistema di misurazione dei rischi operativi Non c è uno standard metodologico per l applicazione di tale approccio, per l utilizzo dei risultati né per la determinazione del capitale a partire da tali risultati

80 Altri approcci qualitativi: Audit scoring, Scorecard Approach

81 Obiettivi delle altre tecniche qualitative Tradurre i giudizi qualitativi espressi a conclusione di processi di autovalutazione/analisi in giudizi quantitativi all interno di una scala di valori che forniscono un ranking tra le diverse esposizioni al rischio operativo Gli score possono essere aggregati per linee di business / processo / tipologia di evento e vengono utilizzati per aggiustare l ammontare di capitale per il rischio operativo calcolato secondo i metodi di stima quantitativi (ad es. sulla base di un approccio LDA). Le analisi possono essere condotte dai risk owner ovvero da strutture di controllo (Audit)

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Introduzione Metodo POT

Introduzione Metodo POT Introduzione Metodo POT 1 Un recente metodo di analisi dei valori estremi è un metodo detto POT ( Peak over thresholds ), inizialmente sviluppato per l analisi dei dati idrogeologici a partire dalla seconda

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli