MBA Imprenditori Imprenditori a tutto tondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MBA Imprenditori Imprenditori a tutto tondo"

Transcript

1 MBA Imprenditori Imprenditori a tutto tondo CERIMONIA DI CONSEGNA DEI DIPLOMI MBA IMPRENDITORI 5 a EDIZIONE 29 GIUGNO 2012 CUOA EXECUTIVE EDUCATION

2 MBA Imprenditori (part time) MBA Imprenditori CUOA è un percorso di crescita imprenditoriale progettato per chi quotidianamente ha la responsabilità di guidare persone e gestire risorse per generare valore. È il MBA progettato sulle competenze ed esperienze degli Imprenditori, sviluppato sulle loro necessità di affrontare l innovazione, il cambiamento e l incertezza dei mercati per cogliere le opportunità e far crescere le loro imprese. Il Master è pensato per Imprenditori, loro familiari, amministratori e soci. Donne e uomini con almeno 4 anni di esperienza in posizioni di responsabilità strategica e direzionale, motivate ad accrescere le loro conoscenze e competenze, propense al lavoro in team. Dura 18 mesi: due fine settimana al mese alternati, alcuni "Venerdì a cena e seminari di approfondimento. Un ambiente web, totalmente dedicato al MBA Imprenditori, consente di interagire con docenti e colleghi, di svolgere lavori di gruppo e accedere a materiali di studio, documenti di approfondimento e dispense. Al termine del master viene assegnato il Diploma MBA. Alle prime 6 edizioni hanno partecipato complessivamente 115 imprenditori: 25% donne, 75% uomini; il 55% è Amministratore Delegato o Direttore Generale e il 45% è Responsabile di funzione o area (dal commerciale al marketing, dalla produzione all amministrazione, dalla gestione delle qualità ai sistemi informativi). Tutti fanno parte della compagine proprietaria e sono direttamente coinvolti nelle decisioni fondamentali dell' azienda. Fondazione CUOA la 1 Scuola di Management del Nordest, dal 1957 Un modello istituzionale unico, che rappresenta i principali attori del mondo accademico, aziendale, economico-finanziario, pubblico e delle istituzioni. Un forte radicamento in un contesto unico di imprenditorialità, di cui conosce profondamente problemi e caratteristiche. Un esperienza unica di conoscenze, competenze, professionalità, relazioni, alleanze e un organizzazione all altezza dei migliori standard europei. Un network unico di migliaia di persone preparate al CUOA, presenti nell intero tessuto economico-sociale e culturale. 1

3 Imprenditori a tutto tondo, di Paolo Gubitta Mario Carraro, un imprenditore a tutto tondo Crescita dimensionale e performance, di Diego Campagnolo Estetica e organizzazione, di Martina Gianecchini Le vie della modernizzazione dell impresa piccola e media, di Giovanni Costa La scuola di musica Thelonious Monk: un altra eccellenza del Nord Est Allievi MBA Imprenditori 5^ ed. ( ) Alumni MBA Imprenditori Faculty MBA Imprenditori 5^ ed. ( ) Staff Area Imprenditorialità CUOA Quaderni MBA Imprenditori 2

4 Imprenditori a tutto tondo, di Paolo Gubitta La Cerimonia di Diploma MBA del mio MBA Imprenditori è sempre un evento carico di significati. È carico di significati perché tutta la squadra coinvolta (gli imprenditori allievi e noi dello staff CUOA) parte sempre con tante aspettative: di imparare cose nuove, di consolidare le competenze, di conoscere persone interessanti, di crescere sul piano professionale e sociale. Per quel che mi riguarda, le mie aspettative nei vostri confronti sono state tutte ampiamente soddisfatte, e spero che lo siano state anche una buona parte delle vostre. È carico di significati perché chiude un percorso di diciotto mesi impegnativo sia per voi imprenditori che lo avete frequentato, sia per tutti noi che lo abbiamo immaginato, progettato e gestito. Il terzo motivo che carica di significati la Cerimonia di Diploma è vedere persone adulte, con posizioni di vertice strategico nelle proprie aziende e spesso con ruoli di responsabilità nelle istituzioni e nella società civile, orgogliose di essere tornate per un periodo sui banchi di scuola, consapevoli del fatto che il lifelong learning riguarda tutti e che sarebbe irresponsabile continuare a guidare un impresa da cui dipendono le sorti di alcune, di decine o di centinaia di famiglie senza aggiornarsi periodicamente sugli strumenti manageriali e sulle tecniche di gestione emergenti. Insisto molto sul tema del lifelong learning per gli imprenditori per una duplice ragione. È noto che un economia cresce di più e meglio quando è dotata di meccanismi istituzionali che portano i capitali verso gli individui che hanno buone idee, verso le persone adeguate, ovvero quelle che, indipendentemente dalla famiglia in cui sono nate, esprimono idee e progetti meritevoli. Tali meccanismi dovrebbero agire in due direzioni. Da un lato, si dovrebbero sostenere iniziative a favore sia della nuova imprenditorialità sia dello sviluppo di operatori specializzati nel finanziamento delle prime fasi di vita delle imprese, quando le risorse più significative in possesso dei nuovi imprenditori sono più difficili da valutare, in quanto immateriali (idee e progetti di business, nuove tecnologie in fieri, e così via). Dall altro, come da 3

5 tempo segnalano parecchi studiosi, bisogna rendere contendibili le imprese esistenti. Noi però viviamo in un Paese nel quale, nonostante annosi dibattiti e una serie di riforme e controriforme, non si vede ancora all orizzonte un vero mercato dove si possano scambiare in modo efficiente le quote di controllo delle imprese. I colleghi della Banca d Italia segnalano da anni che la difficoltà a crescere è in parte causata dagli assetti proprietari e di controllo (concentrati e stabili) e dai modelli di governance (chiusi e un po opachi). Il loro ragionamento è lineare: chi ha le quote di controllo di un impresa e in passato è stato capace di avviare iniziative di successo potrebbe non essere il più adatto a favorire la trasformazione tecnologica e organizzativa o il salto di scala richiesto dal nuovo contesto competitivo; per tale ragione bisognerebbe favorire la riallocazione di risorse verso le persone in grado di gestire le tecnologie più moderne, di riorganizzare le imprese, di facilitare la transizione verso nuovi settori. È veramente difficile non essere d accordo con una simile affermazione. Come ben argomentò Fabrizio Barca in un libro dal titolo illuminante, Imprese in cerca di padrone, le competenze manageriali e l attitudine imprenditoriale non si distribuiscono tra la popolazione in base alla professione svolta dai genitori. Ma se non esiste un vero mercato dove si scambiano le quote di controllo, allora il trasferimento intra-familiare della proprietà è la soluzione più semplice e praticabile, anche se per la ragioni appena dette a volte può non essere la migliore astrattamente possibile. Io penso che per costruire un mercato in cui si possano scambiare in modo efficiente le quote di controllo non basti disegnare efficaci assetti istituzionali: servono anche imprenditori preparati, aggiornati e con un senso di responsabilità talmente sviluppato da rendersi conto di quando è arrivato il momento di tornare per un po sui banchi di scuola. Le caratteristiche più belle di voi, cari Allievi, sono il senso di responsabilità e il desiderio di miglioramento che vi hanno portato a cercare il CUOA in una certa fase del vostro ciclo di vita professionale per fare un salto di qualità. Quando i colleghi della Banca d Italia auspicano un mercato della proprietà delle imprese più fluido anche per facilitare la transizione verso nuovi settori, in pratica ci vogliono dire che l economia italiana deve sforzarsi di migrare verso specializzazioni settoriali a maggiore contenuto tecnologico, in cui è più elevato il livello degli investimenti in ricerca e sviluppo. Le imprese che continuano a operare nei settori a basso contenuto di tecnologia, oltre a correre maggiormente il rischio di entrare in competizione con i Paesi low cost, esprimono anche una più bassa 4

6 domanda di personale ad elevata qualificazione. Da qui può mettersi in moto un circolo vizioso: le aziende non riescono a spostarsi su prodotti o servizi a maggiore contenuto di tecnologia e innovazione perché manca personale qualificato; il personale qualificato non è attratto perché non ci sono abbastanza aziende che richiedono professionalità elevate. Questo rischio non è solo teorico. Secondo gli studi della Banca d Italia, ad esempio, anche se tra il 2000 e il 2007 la quota di laureati sul totale della popolazione attiva del Nord Est è passata dal 7,0% al 13,4%, l area ha perso la capacità di attirare capitale umano da altre Regioni: nel questo indicatore era pari all 1,5%, ma si è azzerato nel quinquennio (mentre in Emilia Romagna è pari al 5,6%). Per avviare le strategie di innovazione, per ripensare i modelli di business, per riqualificare i prodotti e progettare nuove politiche commerciali servono capitani d impresa preparati e una squadra manageriale altrettanto preparata. Ed è qui che si innesta la seconda ragione che rende strategico il lifelong learning per gli imprenditori. Se un imprenditore smette di studiare avrà qualche difficoltà in più nell avviare e gestire progetti innovativi e potrà diventare un partner meno interessante con cui fare affari. Ma soprattutto la sua impresa sarà meno interessante agli occhi di manager brillanti e giovani talentuosi. Io penso che aver frequentato con impegno il nostro MBA Imprenditori porterà vantaggi reali anche alla vostra immagine agli occhi di partner, colleghi, collaboratori e aspiranti tali. C è un ultimo motivo che carica di significati la Cerimonia di Diploma MBA della quinta edizione del MBA Imprenditori. In queste prime edizioni sono più di cento gli imprenditori che, come voi, hanno partecipato al nostro MBA. Avendoli frequentati tutti in modo non occasionale e non superficiale ho avuto modo di conoscerli in modo approfondito e di confrontarmi anche su aspetti che non riguardano la sfera professionale: l impegno sociale e civile, le passioni sportive, gli hobby più svariati, l attenzione alle varie espressioni artistiche e così via. Fino a qualche mese fa, tutte queste informazioni erano frammenti disordinati nella mia testa. Poi venne giovedì 6 ottobre 2011, quando il nostro Davide Coletto mi invitò a cena Ai Molini di Mirano per farmi incontrare Nicola Fazzini e Mauro Bordignon della scuola di musica Thelonius Monk, dove aveva studiato jazz. L obiettivo di Davide era farmi capire che la logica sottostante la musica jazz può essere trasferita con 5

7 benefici effetti alla gestione d impresa. Fu una serata a base di management e musica, strumenti e coordinamento decisionale. Non ricordo bene tutti i contenuti. Ma ricordo la sensazione che provai al termine. Tra me e me dissi: «Davide è veramente un imprenditore a tutto tondo». Dal 6 ottobre 2011 al 29 giugno 2012, il passo è stato breve. Collegando i vari frammenti raccolti in questi anni, mi sono sempre più convinto che voi, cari Allievi, siete imprenditori a tutto tondo : ciascuno a suo modo e con caratteristiche e passioni proprie, con impegno e coinvolgimento in certe aree piuttosto che in altre e così via; ma nessuno di voi, parafrasando Marcuse, è una persona a una dimensione. È per questa ragione che ho chiesto a Mario Carraro di essere qui con noi in occasione della Cerimonia di Diploma MBA. Mario Carraro è senza ombra di dubbio il primo moderno imprenditore a tutto tondo del Nord Est: colto, illuminato, impegnato nella società e sensibile alle espressioni artistiche. Chi meglio di lui può testimoniare che per essere imprenditori eccellenti non basta saper guidare un impresa, ma ci vuole anche dell altro? Nel documento che abbiamo preparato in occasione della vostra Cerimonia avete diversi contributi. Ho riportato alcuni passaggi di un intervista a Mario Carraro, in cui si parla della sua formazione e dell importanza che nella sua vita hanno avuto il cinema, la musica, l arte, l impegno civile e nelle istituzioni. Nel contributo di Martina Gianecchini, invece, sono indicate alcune buone ragioni per attribuire la giusta importanza alla dimensione estetica nelle vostre aziende. Il suo breve saggio si conclude con una domanda auto-esplicativa: «è opportuno superare la visione superficiale che un investimento nell estetica dei luoghi di lavoro sia solamente frutto di un vezzo dell imprenditore oppure abbia solamente uno scopo di marketing. Chi di noi vorrebbe lavorare in un azienda brutta?». Troverete anche un breve saggio di Diego Campagnolo e il testo della Prolusione che Giovanni Costa lesse all apertura della prima edizione del nostro MBA Imprenditori nel novembre del Il primo lavoro ci ricorda che la crescita dimensionale è necessaria, ma non è gratuita e che essa ha carattere imprenditoriale, perché può prendere avvio dall intuizione dell imprenditore, ma ha anche elementi di managerialità che intervengono nella fase (iniziale) di pianificazione, (contestuale) di attuazione e (successiva) di gestione di un organizzazione più complessa. Il contributo di Giovanni Costa, infine, ci esorta a sconfiggere la sindrome del turione, per 6

8 provare invece a emergere, a crescere, a respirare aria nuova, a confrontarsi, a fare nuove esperienze e ad acquisire nuove competenze. Tutte cose che voi in questi diciotto mesi di MBA Imprenditori CUOA avete imparato a fare meglio di come già facevate prima. Note Profilo dell autore Paolo Gubitta è professore straordinario di Organizzazione aziendale all Università di Padova e direttore scientifico del MBA Imprenditori della Fondazione CUOA. 7

9 Mario Carraro, un imprenditore a tutto tondo Mario Carraro è senza ombra di dubbio uno degli imprenditori di cui l Italia, e il Nord Est in particolare, devono esser fieri. La sua storia imprenditoriale è stata approfondita in numerosi lavori di ricerca. Uno di questi è il libro Gruppo Carraro. La cultura dell eccellenza, scritto da Giovanni Costa e Paolo Gubitta, pubblicato nel 2001 per i tipi di Isedi. Nel libro è contenuta una lunga intervista che Giovanni Costa fece a Mario Carraro e che parla anche delle esperienze che lo hanno formato come uomo e come imprenditore. Cinema, musica, lettura, pittura e architettura, cura estetica e attenzione al design, impegno civile e nelle istituzioni: Mario Carraro è un imprenditore a tutto tondo anche grazie a queste esperienze e a queste passioni. Di seguito sono riportati alcuni passaggi dell intervista relativi in particolare a questi aspetti. Chi è Mario Carraro Mario Carraro, nato nel 1929, è stato Presidente del Gruppo Carraro fino ad aprile Il Gruppo Carraro è leader mondiale nei sistemi per la trasmissione di potenza, ha sede principale a Campodarsego (Pd) ed ha insediamenti produttivi in Italia (7), India (2), Argentina e Cina (2), Germania, Polonia e Stati Uniti. Negli anni recenti è divenuto molto attivo anche nel settore delle energie rinnovabili. Nominato Cavaliere del Lavoro nel 1990, è stato Presidente della Federazione degli Industriali Veneti da aprile 1994 a dicembre Nel maggio 2001 il Senato Accademico dell Università di Padova gli ha conferito la laurea ad honorem in Economia e Commercio. Da aprile 2008 è Presidente dell Advisory Board della Facoltà di Economia dell Università di Padova, un organismo informale che la Facoltà ha costituito per confrontare le proprie scelte didattiche con le imprese, il mondo della finanza e gli Enti pubblici. Da luglio 2008 è Presidente della Fondazione Antonveneta, da luglio 2009 è Presidente del Centro Studi Economici Antonveneta (CSEA) e dal 2011 è socio onorario dell'accademia Galileiana di Scienze Lettere ed Arti. Alle radici di un imprenditore a tutto tondo Data la lunga amicizia che ci lega, usiamo senza ipocrisie il tu anche per togliere formalità a questa intervista, d accordo? D accordo. 8

10 La Carraro nasce nel 1932 ad opera di Giovanni Carraro, tuo padre. Quale fu la molla? In realtà, già prima del 1932 mio padre aveva iniziato una attività simile a quella che poi io e mio fratello Oscar continuammo. Mio padre aveva iniziato a vent anni, nel Credo avesse anche esposto i suoi prodotti alla fiera di Ponte Vigodarzere (vicino a Campodarsego), che era la fiera da cui poi nacque la fiera di Padova. Se non erro, espose una macchina che arava, seminava ed erpicava. Già allora manifestava quella creatività che caratterizzò tutta la sua vita di imprenditore. Inoltre, pur avendo solo la quinta elementare, leggeva regolarmente il giornale. Era sempre attento a quello che gli capitava attorno. Aveva una curiosità mai sazia, l ambizione di emergere attraverso le conoscenze che poi ha trasmesso anche a noi figli. Il gusto per l innovazione e la creazione, probabilmente, gli proveniva dalla famiglia di origine. Già mio nonno faceva il fabbro, tanto che il sopranome della mia famiglia era Favaro. Producevano piccola attrezzatura agricola. L attività del nonno venne portata avanti da mio padre, mentre suo fratello Domenico inizia una attività di produzione di cucine economiche, che non ebbe grande sviluppo. Pur provenendo da una famiglia di fabbri, tuo padre inizia una attività ex novo. Sì. All inizio partì rilevando da un fallimento alcune attrezzature agricole. Nei primi tempi faceva dei pezzi unici. Con la seminatrice fece il primo salto, approdando alla produzione in piccola serie. La seminatrice di mio padre era una macchina un po inventata, costruita aggregando alcune parti di seminatrici già esistenti ed aggiungendo qualche elemento di fantasia e di innovazione, che la rendevano distinguibile sul mercato, personalizzabile sulle esigenze del cliente, economica rispetto alle impostazioni più classiche. Per promuovere il prodotto, mio padre attuò un forma di pubblicità non tradizionale. Alla fine della stagione agricola realizzava una indagine tra i clienti, chiedendo loro un giudizio sulle prestazioni della seminatrice. Inviava una cartolina, già affrancata per il ritorno; quindi, raccoglieva le risposte e le divideva in plichi per provincia. Queste informazioni, in fase di contatto con nuovi potenziali clienti, diventavano formidabili referenze. Se, ad esempio, si trovava sul mercato di Cremona, tirava fuori le lettere provenienti da quella zona e diceva al suo interlocutore L hanno comprata anche Tizio, Caio e Sempronio. L imitazione negli acquisti è un fenomeno davvero rilevante. Succedeva anche con i trattori. C erano comuni in cui vendevamo più mezzi ed altri in cui non eravamo presenti. Ma era rarissimo che in un comune ci fosse un trattore solo. Chi acquista il trattore non vuole restare da solo. Perché non vuole avere sbagliato. E un meccanismo che si rinforza. Tuttavia, l attività commerciale non si basava solo sul passaparola. Per tutti gli anni dell anteguerra, mio padre frequentava regolarmente i mercati periodici veneti, lombardi e in parte quelli emiliani. Erano, comunque, i mercati dei bovini le grandi occasioni per vendere, perché in questi luoghi si trovavano i contadini. Le attività di vendita erano concentrate nei mesi di agosto e settembre. Mio padre si faceva aiutare anche da qualche operaio, per essere presente nei diversi mercati. Stavano fuori una settimana e tornavano a casa con gli ordini. Non si usavano contratti scritti ma solo 9

11 accordi verbali garantiti da una caparra. Fin da giovani, i miei fratelli Oscar e Antonio furono coinvolti nell attività commerciale. A tal proposito, c è un episodio curioso che riguarda mio fratello Oscar. In una delle sue prime trattative, pur di vendere una seminatrice abbassò il prezzo in modo eccessivo. Riuscì a concludere l affare, ma venne ripreso da mio padre. Oscar propose di tornare dal cliente a rinegoziare il prezzo. Mio padre lo bloccò dicendogli «Mai! Tu sei Carraro e la tua parola è quella che vale. Un operaio può tornare e dire Mi sono sbagliato, guardi, il padrone mi ha detto che..., ma non certo tu» Questo per quanto riguarda la vendita. E la produzione? La produzione, come la vendita, era stagionale e si concentrava nei mesi estivi fino ai primi di agosto. In quel periodo c era un grande caldo. Quando si montavano le ruote delle seminatrici, che avevano il cerchio di ferro esterno ed il legno all interno, bisognava scaldare il ferro. Questo lavoro si faceva dalle tre di notte. Si finiva verso le otto con una colazione fantastica di carne con tocio e polenta. Gli operai lavoravano da primavera ad autunno. Quindi venivano licenziati, per ritornare nella primavera successiva. Rimaneva solo un gruppo che continuava per i lavori di manutenzione e per la riparazione degli aratri e degli altri attrezzi. La ruota era l ultimo elemento per il montaggio. I mesi di agosto, settembre e primi di ottobre erano tutti dedicati alla vendita. La produzione era impostata su campioni, schizzi e istruzioni. Il capo analizzava il disegno e attribuiva i compiti. C erano componenti in legno che richiedevano l abilità del falegname ed altre in ferro e lamiera tipicamente da fabbro; poi c era la parte meccanica, che era fatta con torni, presse ed altri attrezzi; infine la verniciatura. Questa fase si completava, coerentemente con il gusto dell epoca, con alcune decorazioni ad opera di un pittore. Mio padre aveva uno specialista, con esperienza nel settore delle biciclette, dove tale pratica era molto diffusa. [ ] Parli spesso di leader, di leadership, di personalità. E indubbio che questi tratti derivano almeno in parte dal percorso formativo. Sì, la storia familiare influenza molto. Cominciamo con ordine. Dopo la morte di mia madre, che avvenne nel gennaio del 1934, siamo stati accuditi dalla nonna materna. I figli si divisero in due gruppi: i grandi che avevano conosciuto direttamente la mamma (Clara del 1921, Oscar del 1923 e Bianca del 1925) e i piccoli che conobbero la mamma nel ricordo degli altri (io del 1929, Francesco del 1930 e Antonio del 1932). Mio padre ci fece studiare tutti. Tra i grandi, Clara frequentò le scuole al collegio, Oscar completò la quarta all istituto tecnico, mentre Bianca continuò gli studi fino alla laurea. Noi piccoli, invece, frequentammo le elementari a Campodarsego e le medie a Possagno. Da notare che io da piccolo non parlavo. Don Francesco Canella, che poi fu l indimenticato direttore del giornale diocesano La difesa del Popolo, mi fece fare la Prima Comunione a sei anni, ma le suore avevano proposto di rimandarmi, perché apparivo ritardato: parlavo male, pronunciavo male le parole ed ebbi la erre 10

12 a 9 anni. Questo difetto mi fece iniziare la scuola con un anno di ritardo, insieme a Francesco. Dopo fui brillantissimo e completai elementari e medie. Durante le vacanze del 1944 feci la prima liceo scientifico, recuperando l anno perso. E lì sbagliai, visto che nella pagella del Cavanis ero stato molto raccomandato per una scuola di tipo umanistico, il classico. Invece, io scelsi lo scientifico, con grande gioia di mio padre. Nel complesso, mio padre pur essendo una presenza costante in famiglia, ci lasciava molto liberi. Aveva comunque dei punti fissi: Fino a anni fate quello che volete. Ma a 24 anni avreste comunque finito di studiare. Allora fino a quell età io vi posso sostenere. Dopo, vi dovete arrangiare. Ciascuno di noi fratelli ebbe interessi culturali differenti: Antonio si appassiona all architettura, Francesco si dedica alla musica, Clara pubblica qualche novella, io mi appassiono al cinema e alla lettura. Poi, in modo abbastanza naturale, ci avvicinammo all azienda di famiglia. Anche in questo mio padre ebbe un ruolo: sin da piccoli a cena ci parlava in maniera chiara degli affari di famiglia, coinvolgendo, Oscar in testa, tutti i figli nel business. Tuo padre aveva una formazione tecnica? Mio padre aveva la quinta elementare e credo avesse frequentato dei corsi serali di disegno. Lo ricordo sempre con il giornale e con una forte attenzione per quello che gli capitava attorno. Era molto curioso ed ha trasmesso a noi l ambizione di emergere attraverso le conoscenze. Da mio padre ereditammo anche una certa insofferenza per il regime, al quale aveva ceduto solo nel 1938 (ben sedici anni dopo la Marcia su Roma), sottoscrivendo la tessera in qualità di ex-combattente. Lui era contro la guerra. Percepì che la guerra non si sarebbe vinta ben prima della disfatta. La caduta del fascismo il 25 luglio del 1943, lo trovò lontano da casa e così riuscì ad evitare l irrigidimento del partito, che date le sue profonde convinzioni poteva essere pericoloso. Poco dopo, divenne il primo sindaco con il CNL di Campodarsego, carica che ricoprì per pochi mesi, perché poi l attività economica riprese e dovette dedicarsi a tempo pieno all azienda. La sua vicinanza mi fece vivere la guerra, fin da ragazzino, con grande intensità politica. Era l anno scolastico e frequentavo la seconda media. Svolsi un tema sulla guerra, con alcune considerazioni sul nostro contingente in Grecia. Il prof. Franceschi mi chiamò e mi disse: Guarda, tu hai fatto un bel tema. Però te lo cancello, perché non devi scrivere queste cose. Anche Oscar fu contagiato da questa insofferenza. All inizio del 1944 andò in Svizzera, perché in Italia era ricercato per aver fatto distribuzione di manifesti. Nei campi di lavoro conobbe molti rifugiati politici. Sempre con mio padre, infine, si ascoltava la radio. Inizialmente si andava dallo zio, visto che la radio arrivò in ritardo nella mia famiglia, per rispetto alla nonna. Lei riteneva che si trattava di un diversivo gioioso, non necessario, che non conveniva ad una famiglia in lutto. Durante la guerra ci si sintonizzava su Radio Londra. Quel periodo produsse in me un incondizionato appoggio per tutto quello che facevano gli americani: ricordo che non disapprovai né il bombardamento di Dresda, né il bombardamento nel 1944 della vicina Treviso, che provocò oltre quattromila morti; entrambi episodi per i quali oggi provo orrore al solo pensiero. 11

13 Nel tuo percorso formativo, quali sono i momenti più significativi oltre l esperienza scolastica? Io sono stato sostanzialmente un autodidatta. Avevo degli amici: chi faceva musica, chi faceva pittura, chi si interessava di letteratura. Ci si trovava la sera a discutere ed a scambiarci idee. Poi, nel 1951, ci fu il militare. In quel periodo lessi Proust. Ho fatto il fante per 15 mesi a Palermo. Ero nella Compagnia Comando, all Ufficio Benessere del Soldato alle Armi, ed avevo una relativa autonomia nell organizzare il cinema, libertà che in qualche caso mi procurò i richiami dei superiori, come quando organizzammo la proiezione di un film del periodo bellico, Lungo viaggio di ritorno di John Ford. Il cinema ed il jazz sono stati due costanti per molti giovani nel secondo Dopoguerra, me compreso. Il cinema era il pane comune, una passione che ti portava nelle sale alle dieci del mattino, alla domenica, ma che nascondeva la voglia di fare del cinema. Questo contagio portò un amico del mio gruppo a fare la scuola a Roma. Era un momento di fervore incredibile: il Centro d Arte, il Centro Universitario Cinematografico, il teatro dell Università, che era quello di De Bosio e che portò per primo in Italia Brecht. Il jazz, invece, era la musica per eccellenza, anche se io prediligevo i concerti d camera del Centro D Arte. Mi risulta difficile individuare un legame diretto tra queste esperienze giovanili e la successiva attività imprenditoriale. Devo dire, però, che ho sempre cercato un approccio creativo nella gestione dell azienda, anche nel modello organizzativo. Una delle cose a cui ho tenuto sempre in modo particolare, e questo forse deriva da una esperienza umanistica, è il rapporto con le risorse umane, che viene proprio dall interesse per gli uomini, dal desiderio di capire la loro personalità, di imparare a gestirla guardandola da dietro le quinte. A questo proposito, ricordo quando invitai per la cena di Natale i dirigenti della prima generazione, i Fabris, i Tonin, i Casarotto. Tutta gente che viveva qui vicino a pochi chilometri, ma che non aveva mai avuto rapporti al di fuori dei cancelli della fabbrica. Le famiglie non si conoscevano, non si erano mai incontrate. Dietro un rapporto professionale formalmente ineccepibile a volte trovi gelosie o tensioni, che non riconosci con facilità. Cinema e jazz sono un esperienza comune di quelli della tua generazione che guardavano oltre. Quale ruolo hanno avuto nella tua formazione? Il cinema non significava solo la visione della pellicola. Nella mia esperienza voleva dire anche tutte le discussioni prima e dopo la proiezione. In questo senso, il cinema si differenzia nettamente dalla televisione. La mia grande passione, comunque, è stata la lettura. Il cinema, nonostante tutto, consente un approccio passivo. La lettura, invece, richiede sempre una partecipazione attiva. La storia raccontata nel libro senza la fantasia che ci mette il lettore non esiste. E poi il libro contiene il tempo: ci vogliono parecchie ore per leggerlo, è cadenzato da interruzioni, viene ripreso e meditato. Negli ultimi anni, ho ripreso alcune letture giovanili: da I Promessi Sposi, un romanzo delizioso che ho gustato per la terza volta; a Guerra e Pace di Tolstoj; fino al capolavoro di Proust, Alla ricerca del tempo perduto, che ho finalmente letto in francese. Accanto ai libri, nella mia formazione hanno svolto un ruolo da protagonisti i giornali. Alla lettura dei giornali 12

14 si deve la mia laicità, anche in campo politico. Per molti anni ho letto Il Mondo. E stato un cenacolo culturale incredibile. C era la seconda pagina, I taccuini, in cui con serietà assoluta si discuteva di politica estera, di politica italiana e che assomigliava un po agli editoriali, I Leaders, del The Economist. Con Ernesto Rossi è stata una grande scuola di cultura e di trasparenza, che viene da questi grandi personaggi. Compravo saltuariamente anche Il Borghese di Longanesi e Prezzolini, che era un giornale conservatore, molto lontano da Il Mondo. Ma si era pur sempre in presenza di un grandissimo intellettuale. Il Borghese e Il Mondo erano le due alternative laiche. Forse era più laico il primo, perché Il Mondo aveva l aggancio con alcuni valori sociali, che potevano essere vicini a quelli della Chiesa. In sintesi, cinema, musica e lettura hanno accompagnato la tua formazione intellettuale e in parte imprenditoriale. Il terzo millennio, però, sarà governato dalle reti, da internet, dai cambiamenti veloci. E un problema di atteggiamenti e di strumenti adeguati ai tempi. Quando io andavo alle elementari, il primo giorno di scuola ci davano uno strumento che ci accompagnava per tutta la vita: la penna. Oggi si finisce la scuola senza avere visto il computer, che poi è quello che troviamo ogni giorno, la penna nell era telematica. Una simile discrasia si riscontra anche in altri contesti. Si pensi alla lettura dei giornali. Un indagine su un campione di studenti rileva che meno del 5% legge il giornale, mentre un 30-40% passa due ore davanti alla televisione. La lettura del giornale è importante e il telegiornale non è il suo surrogato, perché il primo permette di approfondire la materia. La persona che oggi non legge il quotidiano ma guarda il telegiornale, è l antico lettore dei soli titoli del giornale. Oppure si pensi alla scuola. Frequentando i salotti, ci si imbatte ancora in vacui dibattiti cechoviani sulla relazione tra la frequenza del liceo classico e la possibilità di far carriera, senza cogliere il vero nodo dell istruzione in Italia. Ho telefonato a Marchesini (all epoca Magnifico Rettore dell Università di Padova), quando ho visto le statistiche dell università con le lauree a 27 anni e mezzo. Scusa un momento Giovanni, gli ho detto, qui i ragazzi non hanno nessuna colpa; la responsabilità è del sistema, che ha programmi non compatibili con un percorso di quattro anni. In realtà, se osservi il piano di studi degli ingegneri, trovi delle cose che sono adatte agli storici dell ingegneria e non agli ingegneri di domani. Ti sei sempre dedicato alla musica, sei un appassionato di pittura, a cavallo tra gli anni 60 e 70 hai costruito una fabbrica di scuola scarpiana. Quale ruolo gioca l estetica nel mondo degli affari e nella vita di un imprenditore? Secondo me, l elemento estetico è sempre molto forte nell imprenditore. L imprenditore dedica un tempo immenso all oggetto che produce: lo modella, lo guarda, lo cura e lo porta a un livello estetico per lui sublime. Non è retorica. Se tu guardi le macchine utensili, vedi come evolve il gusto estetico. Noi stessi avevamo assunto uno specialista per abbellire le nostre seminatrici! Ogni imprenditore ha dentro di sé l istinto dell artigiano. E il confine tra 13

15 artigiano e artista è molto labile. Insomma, penso che l estetica esprima proprio l amore dell inventore per il suo prodotto o, se vuoi, per la sua creatura. Il caso dell automobile è emblematico. Se vai nel museo dell Alfa Romeo, ti accorgi in che modo si possa materializzare il gusto estetico, che poi contagia tutto l ambiente lavorativo e non solo la componente tecnica. Tu hai citato l impronta scarpiana della mia fabbrica. Ma io aggiungo che i nostri assali, quando sono nati, erano più belli di quelli della concorrenza. E ti assicuro che tutti i produttori, almeno da un certo punto in poi, hanno considerato l importanza dell estetica, anche perché il design spesso si abbina a funzionalità e quindi a qualità del prodotto. Oggi, poi, non c è alcun oggetto industriale che non incorpori questo elemento di design. In definitiva, quindi, l interesse estetico può essere un elemento che completa la creatività dell imprenditore. O almeno, così è stato nel mio caso. [ ] La tua vicenda personale è ricca di impegno civile, sia in campo associativo che nell arena politica. Eppure, per molto tempo sei rimasto ai margini. Sì, è vero. Bisogna ricordare che Confindustria allora svolgeva un azione di appoggio politico che io non condividevo e che faceva ombra, a mio parere, all attività di rappresentanza sindacale e di lobbing che giustifica un associazione di imprenditori. Il mio primo contatto con l Associazione di Padova avvenne nel 1969 mentre si viveva il terribile autunno caldo, le cui conseguenze pesarono negli anni successivi sull economia industriale del Paese. Nell occasione partecipai ad una animata assemblea dei metalmeccanici dove si dava resoconto dello stato di avanzamento del contratto di categoria. Buona parte del dibattito verteva sulla concessione o meno di informazioni alle rappresentanze dei lavoratori sulle linee di sviluppo delle nostre aziende. Mi trattenni dall intervenire. All interno della nostra azienda già esisteva questo tipo di rapporto. La maggioranza, al contrario, tendeva a erigere un muro contro questa possibilità, disposti piuttosto a monetizzarla con qualche punto percentuale in più da aggiungere alle concessioni economiche già fortemente gravose. Visto a posteriori, non so dire se ero io avanzato o in ritardo il sistema industriale di allora visto che qualche decennio dopo, a partire dall introduzione della qualità totale, il sistema delle informazioni ai lavoratori venne adottato come base di nuove e moderne relazioni industriali. Dopo quell episodio non ci furono altri contatti ma nel 1982 ritenni maturi i tempi per la partecipazione associativa della nostra industria, per evitare un isolamento che poteva passare per snobistico e nell idea che questo potesse servire alla cultura di sistema. Alla fine assumi una posizione di rilievo e responsabilità. Come la giudichi a posteriori? All ingresso della Carraro nell Associazione, fui subito coinvolto in alcune iniziative ma tenuto in disparte dall assunzione di responsabilità ufficiali. Quando, ad esempio, nella sezione metalmeccanici si aprì la prospettiva di una mia nomina alla presidenza, tale possibilità fu sventata da una vera operazione di tipo politico 14

16 del Presidente dell Associazione, allora Prof. Angelo Ferro, che indusse il Presidente dimissionario della sezione stessa a riprendere l incarico contro la sua manifesta volontà. Ciò non impedì un mio rapporto leale, ancorché dialettico, nelle attività associative tanto da meritare qualche anno dopo la nomina a Presidente di Confindustria veneta pur nell anomalia di una mancanza di esperienze precedenti in incarichi ufficiali. Pur nella stima da cui ero attorniato come imprenditore, non mi fu facile in questa funzione adattarmi ai meccanismi che reggono i rapporti associativi e che allora impedivano una organizzazione sinergica delle attività delle associazioni provinciali, tutte fortemente gelose del proprio status. Il radicamento del confronto politico dopo la scesa in campo di Berlusconi rese ancora più difficile la mia posizione e sospetta la relazione personale con il Presidente Prodi ancorché io intendessi svolgere solo un attività di collaborazione aperta e leale con le istituzioni centrali ma soprattutto con quelle regionali, anche se potevano dividermi differenze di sentimento politico a cui non attribuivo rilevanza nella mia funzione. Ciò non tolse che le crescenti difficoltà di rapporto con i colleghi più vicini mi costrinsero alle dimissioni che ebbero un eco clamorosa anche a livello nazionale. Puoi spiegare meglio questo passaggio. Come dovrebbero evolvere le istituzioni per far rispondere a questi bisogni? Più che di istituzioni, parliamo di strutture di rappresentanza a cui le istituzioni stesse dello Stato fanno riferimento nel confronto legato a problemi dell economia o alla sua trasformazione. Il mio giudizio sulle rappresentanze di categoria sia delle imprese (Confindustria) che dei lavoratori (Sindacato) mi porta all impressione di ritardi gravi. Non vorrei che, come abbiamo affrontato il boom economico dei primi anni sessanta nel retaggio di una cultura contadina, affrontassimo oggi i temi della New Economy, per la certa evoluzione cui essa porterà, non per i suoi effetti discontinui sui mercati finanziari. Penso ad un dibattito apparso sul Corriere, a gennaio 2001, dove pur nella diversa angolazione politica i partecipanti al forum giudicavano i salari italiani troppo bassi ma non si davano preoccupazione dei ritardi tecnologici che toccano prodotti e processi e che sono una delle grandi cause del ritardo di competitività e quindi di una redditività in grado di generare ricadute significative sulla nostra economia. Si continua a prendere in riferimento in questi dibattiti la figura del tornitore, profilo che dovrebbe lasciare posto a professionalità più evolute. In pratica non ci si preoccupa abbastanza della transizione, a mio avviso drammatica, che il Paese e la sua economia dovranno affrontare. Del resto, se vogliamo rimanere nel gruppo di punta dell economia mondiale, dobbiamo facilitare lo sviluppo di settori tecnologici nuovi. Viviamo in un Paese la cui curva demografica sta accelerando verso il basso e dove presto rischierà di essere dominante la categoria degli anziani. Ciò sta provocando l intensificazione di un processo di immigrazione su cui manca una visione che ci permetta, anche con strumenti legislativi, che esso corrisponda a un momento evolutivo, nel quale, con il mantenimento di attività tradizionali, si aprano 15

17 prospettive a nuovi assetti di un economia che fondi il suo sviluppo sulla innovazione. Quanto detto necessita di uno sforzo sul piano politico, sociale e culturale di grandissima portata. Ora a me sembra, per rimanere nell ambito di un giudizio sulle rappresentanze di categoria in tutti i settori, ma per quanto ci riguarda quello industriale particolarmente, siamo distanti da una configurazione moderna del sistema. Confindustria e specularmente il sistema sindacale, ad esempio, sono cresciuti in maniera elefantiaca evitando di affrontare un processo di modernizzazione che impedisce loro, oggi, di favorire le fasi innovative destinate a incidere nei grandi cambiamenti sui quali è insita la reale capacità di mantenerci competitivi nel futuro. L eccessiva difesa dell esistente, in una logica poco aperta ai cambiamenti, finirà in uno scollamento tra rappresentanze e rappresentati in particolare per i settori che si aspettano dalla modernizzazione profonda del sistema (a partire dalla scuola, l università la finanza ecc.) un terreno più fertile per il fiorire e lo sviluppo dell economia del futuro. Dopo la Confindustria, è arrivato l impegno politico Da quanto ti ho detto fin qui, puoi capire la ragione che mi ha spinto a prendere un ruolo attivo sulla scena politica. Sono partito dalla lettura di alcune caratteristiche del modello veneto e dalla necessità di avviare dei cambiamenti a sostegno dello sviluppo futuro. Non sono entrato in politica per aprire una nuova fase della mia carriera, ma solo per passione politica e civile. Se la politica mi fosse interessata tout court, non avrei certo rinunciato al Dicastero dei Lavori Pubblici che mi propose Romano Prodi (anche se avrei preferito, per evidenti affinità culturali, il Ministero dell Industria). Ho sposato l idea di un cambiamento dello Stato in senso federalista, perché penso che solo in questo modo si possa rispondere adeguatamente ai bisogni di modernizzazione di un Paese che presenta grandi squilibri, impossibili da affrontare in modo uniforme sull intero territorio. Il federalismo nelle esperienze degli Stati Uniti e di altri paesi europei ci dicono che i maggiori successi si hanno a livello di piccolo Stato o di regione, dove è più facile contare su una cultura omogenea e su un comportamento coeso di quanti vi vivono. Il federalismo, però, è il cavallo di battaglia di moda. Confesso che non mi pare più molto di moda il federalismo e tanto meno mi sembra oggi un cavallo di battaglia. Di recente, tra l altro, lo si è trasformato in devoluzione, nel significato di devolution, termine inglese che vuol dire ben meno di federalismo anche se recentemente ha facilitato una forte accelerazione nell autonomia di Scozia e Galles. Per quanto mi riguarda lo considero, e lo faccio con amarezza, un sogno tramontato. Attraverso le considerazioni svolte poco fa parlando di Confindustria, mi ero fatto la convinzione che la modernizzazione del Paese dovesse partire dal territorio, 16

18 tanto sono squilibrate le situazioni sul piano economico, scolastico e sociale tra regione e regione. All unità d Italia fu dibattuto tra Cavour e Minghetti (si passi questa rozza sintesi storica) se privilegiare un processo di Stato nazionale o federale. Prevalse l idea di Cavour che peraltro guardava a uno Stato, seppur con forti squilibri economici, che fondava la propria economia prevalentemente sull agricoltura. Nell ultimo secolo e mezzo, non solo non possiamo affermare che le disparità siano scomparse ma addirittura la vasta varietà di attività economiche e sociali ha approfondito nelle scelte di sviluppo il divario tra regioni o gruppi di regioni. Nelle sfide che in campo economico ci dobbiamo preparare a sostenere, esistono condizioni e culture diverse su cui sviluppare i progetti del futuro che per le implicazioni di carattere sociale che comportano necessitano di forte coesione. Il federalismo poteva favorire questo sforzo là dove vedo nel federalismo la capacità autonoma (che si verifica sia negli U.S.A. che in Germania, due Paesi a costituzione federale) di incidere nella riforma della scuola, della finanza e nella dotazione infrastrutturale consona ai processi evolutivi necessari a competere nella globalizzazione. Il Nord Est che, in particolare negli ultimi due decenni, ha vissuto una fase di sviluppo straordinaria creando un sistema di imprese dinamico, non poteva e continua a non poter rimanere inerme di fronte ai processi di modernizzazione più volte conclamati con cui ci dobbiamo confrontare nella competizione mondiale. Di fatto in questo dibattito sul federalismo, che da parte di Bossi veniva invocato come rivolta all oppressione frenante della burocrazia, era mancata, da parte delle stesse forze politiche che lo reclamavano, l indicazione di un progetto di trasformazione che, sciolti lacci e lacciuoli della burocrazia dello Stato, si permettesse l avvio di un modello economico innovativo. Questi, in sintesi, i motivi che mi avevano spinto a cimentarmi in qualche modo in una esperienza politica legata al solo federalismo e con l idea, alla mia età, di passare alle generazioni future il testimonio di una competizione moderna verso il futuro. 17

19 Crescita dimensionale e performance, di Diego Campagnolo La crescita delle imprese: opportunità e minacce Il tema della crescita è quanto mai attuale soprattutto nel contesto italiano. È noto che il sistema produttivo italiano si caratterizza per una forte presenza di imprese di dimensione media e piccola, molto spesso clusterizzate in distretti industriali e specializzate in settori tradizionalmente considerati maturi. Secondo dati Eurostat riferiti al primo decennio del nuovo secolo, in Italia il 94,5% delle imprese ha meno di 9 dipendenti, il 4,9% impiega tra i 10 e i 49 dipendenti, lo 0,5% impiega un numero di dipendenti compreso tra 50 e 249, mentre solo lo 0,1% delle imprese ha più di 250 dipendenti. La forte presenza di questo segmento di imprese è tuttavia un dato comune ai maggiori paesi industrializzati. In Germania e Francia per esempio, le imprese fino a 49 dipendenti rappresentano rispettivamente il 97,2% e il 98,7% del totale. Pertanto, ciò che differenzia l Italia è la forte concentrazione di piccole imprese (quelle fino a 49 dipendenti), e la conseguente minore presenza di medie e grandi imprese. Se intendiamo per medie imprese quelle con un numero di dipendenti compreso tra 50 e 249, l incidenza in Italia è meno della metà rispetto alla media europea e meno di un quarto rispetto alla sola Germania. Queste caratteristiche hanno iniziato a manifestare tutti i loro limiti in corrispondenza dell aumento della competizione internazionale nei settori di specializzazione dell Italia a partire dagli anni Novanta. È infatti in questo periodo che inizia un percorso caratterizzato dall abbassamento di molte barriere doganali e un più diffuso utilizzo di nuove tecnologie dell informazione e delle comunicazione. La cosiddetta globalizzazione e la diffusione dell information technology hanno favorito l emergere della competizione dei paesi in via di sviluppo (che possono contare su una dotazione di risorse a buon mercato ). Questo ha portato con sé minacce alla posizione competitiva delle imprese dei paesi sviluppati ma anche opportunità di internazionalizzazione, di innovazione e nuovi modelli di business anche in settori tradizionalmente considerati maturi. In altri termini, si può dire che le trasformazioni dell ambiente competitivo hanno creato la necessità di un nuovo adattamento delle organizzazioni e delle imprese in particolare. Molte ricerche indicano nell aumento della dimensione media delle imprese uno dei modi attraverso cui mantenere il fit con l ambiente esterno. I dati sulla dimensione media delle imprese italiane non lasciano dubbi sull opportunità di crescere, tuttavia il tema va affrontato mettendone in luce tutte le sue peculiarità. La crescita è in primo luogo un fenomeno relativo. La dimensione di un impresa si può ritenere appropriata solo in relazione alle caratteristiche del settore di riferimento. Se il settore è popolato da grandi imprese, presenta bassi tassi di crescita e una tecnologia consolidata e stabile, un impresa potrebbe non avere una 18

20 massa critica sufficiente per competere, seppur grande secondo i criteri occupazionali. La crescita è in secondo luogo un fenomeno multi-dimensionale. Le imprese possono crescere facendo ricorso a risorse proprie, di cui già dispongono (crescita organica o per linee interne), o acquisendo risorse di altre imprese attraverso alleanze o acquisizioni (crescita per linee esterne). Molto spesso sono diverse le ragioni che spiegano l una o l altra scelta. Tuttavia la crescita implica una riflessione strategica in primo luogo sull opportunità di intraprendere un percorso di crescita e contestualmente sulle modalità più appropriate per attuarlo. La crescita è in terzo luogo un fenomeno complesso caratterizzato da una pluralità di conseguenze. Questo, tra i temi sollevati, sembra quello di maggiore attualità. La crisi manifestatasi a partire dal 2008 e in particolare le sue conseguenze sull economia reale e sul credito, hanno contributo a rendere evidenti alcuni effetti della crescita, non sempre adeguatamente sottolineati. La stretta creditizia ha riportato all attualità il tema degli equilibri patrimoniali e finanziari e quindi quello del finanziamento della crescita. Il lungo periodo di tassi relativamente bassi ha fortemente incentivato un ricorso (rivelatosi in molti casi) eccessivo alla leva finanziaria. Il finanziamento dei percorsi di crescita esclusivamente attraverso mezzi di terzi rischia di scardinare gli equilibri patrimoniali e finanziari dell impresa e impone un ritorno (quasi) immediato dagli investimenti effettuati. Un percorso di crescita sollecita inoltre l equilibrio organizzativo dell impresa. La crescita dimensionale (indipendentemente dalle modalità con cui è realizzata) impone un contestuale adattamento dei meccanismi di governance, della struttura organizzativa e dei sistemi operativi. In altre parole l adattamento verso l esterno (external fi) va accompagnato da un necessario adattamento interno (internal fit). La crescita dimensionale potrebbe infatti mettere in luce l inadeguatezza dell attuale struttura organizzativa, la mancanza di adeguate competenze manageriali (per esempio per la creazione di una funzione finanza o di controllo di gestione), e la necessità di rivedere ruoli e meccanismi di coordinamento. I percorsi di crescita sono pertanto fonte di incertezza e di instabilità organizzative. Le teorie sul legame crescita-performance La conoscenza del fenomeno della crescita delle PMI appare lacunoso e poco strutturato: l eterogeneità dei percorsi e delle conseguenze della crescita comportano difficoltà di sintesi. Inoltre, affiancando alla crescita il concetto di performance si va incontro a un ulteriore criticità: la comune accettazione, più o meno esplicita, che crescere è positivo ha portato molti studiosi a considerare la crescita stessa come indicatore di performance. Se da un lato esistono diversi approcci teorici che dimostrano come la crescita porti necessariamente a una maggiore profittabilità come per esempio economie di scala, effetti dell esperienza, vantaggi da first mover ed esternalità di rete, dall altro lato le eccezioni alla positività della crescita sono altrettanto frequenti. Anche le poche ricerche empiriche effettuate sul tema non evidenziano risultati univoci sulla relazione tra crescita e profittabilità. Nel corso degli anni sono state utilizzate prospettive teoriche e approcci molto diversi tra loro. 19

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA pro FRANCESCA BERTAGNA Parmamoda D E L L E M I L I A R O M A G N A 2 L AZIENDA Un laboratorio di idee, abilità e tecniche: dalla formazione alle

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

Formazione Manageriale e Imprenditoriale nelle PMI Risultati di una Ricerca Empirica

Formazione Manageriale e Imprenditoriale nelle PMI Risultati di una Ricerca Empirica Convegno nazionale ASFOR Osservatorio ASFOR PMI Formazione Manageriale e Imprenditoriale nelle PMI Risultati di una Ricerca Empirica promossa da ASFOR Altavilla Vicentina, 28 novembre 2012 Hosted by Fondazione

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

Formazione. Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004

Formazione. Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004 Formazione Mediatore culturale ISTITUTO: PERIODO E VOTO: PRINCIPALI MATERIE: COSA MI HA LASCIATO: Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004 Front office di orientamento (ascolto attivo, comprensione

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE E-book HRP 1_2013 LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE Questo e-book è stato realizzato per esaudire la richiesta di molti partecipanti all evento V.I.P. Very Important Person. Ridiamo valore alle Persone

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini.

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. 6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. (Dante Alighieri) LUCIA RIZZI è una pedagogista, scrittrice e personaggio televisivo (reality «S.O.S.

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

KateyFelton, Silversmith. Foto

KateyFelton, Silversmith. Foto Nome KateyFelton, Silversmith KateyFelton è un designer e orafo che lavora in laboratorio a Sheffield Centro. Katey è diventata un imprenditrice dopo aver lasciato l'università ed ora ha lavorato da 10

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

3 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda

3 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda 3 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda Sommario INTRODUZIONE... 3 LA MISSION... 4 I RUOLI... 5 Aziende e istituzioni... 5 Imprenditori e manager...

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

FEDERPOL Federazione Italiana degli Istituti Privati per le Investigazioni, le Informazioni e la Sicurezza Ufficio Stampa

FEDERPOL Federazione Italiana degli Istituti Privati per le Investigazioni, le Informazioni e la Sicurezza Ufficio Stampa INTERVISTA ANTONINO RESTINO titolare AZ Holding S.p.A. Nell ambito di un tessuto economico-aziendale come quello italiano, caratterizzato dalla netta prevalenza di piccole (se non piccolissime) e medie

Dettagli

Player mondiale con un identità globale

Player mondiale con un identità globale PROTAGONISTI. Parla il presidente di Indesit Company Player mondiale con un identità globale Nata come impresa familiare, oggi è una multinazionale che persegue una politica di brand acquisition. Vittorio

Dettagli

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane L'Università per la pace, costituita ai sensi della L.R n. 9 del 2002

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Intervento del dr. Paolo scaroni

Intervento del dr. Paolo scaroni Convegno giovani Confindustria Santa Margherita Ligure, 8-9 giugno 2012 Intervento del dr. Paolo scaroni Buongiorno a tutti. Ringrazio Jacopo Morelli per avermi invitato al tradizionale convegno dei giovani

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Valutare la Business Idea

Valutare la Business Idea Valutare la Business Idea Paolo Gubitta () paolo.gubitta@unipd.it 2 aprile 2007 Obiettivi dell incontro Chiarire concetto, componenti e dinamiche della Business Idea Illustrare gli strumenti per compiere

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Silvia Trampetti. il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta

Silvia Trampetti. il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta Silvia Trampetti il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta Riflessioni e idee per l inclusione finanziaria di studenti universitari meritevoli Prefazione a cura del Prof. Dott. G.

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTI

QUESTIONARIO STUDENTI Ministero della Pubblica Istruzione CEDE Centro Europeo Dell Educazione Italia Italiano QUESTIONARIO STUDENTI Nome della scuola Codice studente Data di nascita / / 198 Mese Giorno Anno Consorzio internazionale

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero PREMESSA La creazione di un ambiente sempre più favorevole allo scambio interculturale è uno degli obiettivi primari della scuola ed i programmi

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Energy Management. Corso executive

EDUCATION EXECUTIVE. Energy Management. Corso executive EXECUTIVE EDUCATION Energy Management Corso executive NOVEMBRE 2010 - APRILE 2011 Il sistema Jobleader: un metodo evoluto per potenziare le competenze delle figure chiave aziendali Jobleader è il nuovo

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

IL CONTROLLER IN AZIENDA ANALISI, STRUMENTI, SISTEMI GESTIONALI CORSO EXECUTIVE PART TIME 18 SETTEMBRE 19 DICEMBRE 2015 7ª EDIZIONE

IL CONTROLLER IN AZIENDA ANALISI, STRUMENTI, SISTEMI GESTIONALI CORSO EXECUTIVE PART TIME 18 SETTEMBRE 19 DICEMBRE 2015 7ª EDIZIONE IL CONTROLLER IN AZIENDA ANALISI, STRUMENTI, SISTEMI GESTIONALI CORSO EXECUTIVE PART TIME 18 SETTEMBRE 19 DICEMBRE 2015 7ª EDIZIONE CUOA Business school Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova

Dettagli

All interno: VIDEO NOVITA + GUIDA PRATICA IL POTERE DEL MOMENTUM GUIDA COMPLETA!

All interno: VIDEO NOVITA + GUIDA PRATICA IL POTERE DEL MOMENTUM GUIDA COMPLETA! ROBBINS n. 4 Il Magazine Multimediale di Anthony Robbins, Formatore n. 1 al mondo 2009: L ANNO MIGLIORE DELLA TUA VITA All interno: VIDEO NOVITA + GUIDA PRATICA TONY IL POTERE DEL MOMENTUM GUIDA COMPLETA!

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

"Stai per sviluppare le competenze che faranno di te un vero grande leader"

Stai per sviluppare le competenze che faranno di te un vero grande leader Finalmente rivelati tutti i segreti per diventare un grande leader del cambiamento "Stai per sviluppare le competenze che faranno di te un vero grande leader" Non accontentarti di essere un discreto manager!

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte La domanda iniziale La signora M.B. si è avvicinata

Dettagli

5 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda

5 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda 5 Master manageriale Competenza, Convinzione, Cuore per la gestione delle risorse in azienda Sommario INTRODUZIONE... 3 LA MISSION... 4 I RUOLI... 5 Aziende e istituzioni... 5 Imprenditori e manager...

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

è una ricerca sul tema dell'internazionalizzazione d'impresa promossa da

è una ricerca sul tema dell'internazionalizzazione d'impresa promossa da BECOMING INTERNATIONAL è una ricerca sul tema dell'internazionalizzazione d'impresa promossa da CUOA Esploratorio Studio Legale Tonucci&Partners Bonucchi e associati srl Research Draft 1, febbraio 2013

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli