REDEFINE THE FUTURE 2013 EMC Sustainability Report

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REDEFINE THE FUTURE 2013 EMC Sustainability Report"

Transcript

1 REDEFINE THE FUTURE 2013 EMC Sustainability Report

2

3 SOMMARIO SUPPLY CHAIN... 1 Supply Chain Social & Environmental Responsibility... 2 Supply Chain Business Continuity Planning Minerali Dei Conflitti... 14

4

5 SUPPLY CHAIN In EMC la sostenibilità è un pilastro strategico nella strategia globale della supply chain, gestita insieme a costi, qualità, availability e time-to-market. L'azienda collabora con centinaia di fornitori in oltre 20 paesi in tutto il mondo per realizzare un modello più resiliente che rispetti i lavoratori e l'ambiente e creare opportunità a vantaggio degli stakeholder in qualsiasi livello della supply chain. TARGET E OBIETTIVI TARGET AZIENDALI Supply Chain Social & Environmental Responsibility Il 100% dei fornitori tier 1 e tier 2 gestiti da EMC 1 pubblicherà un report sulla sostenibilità entro il 2020 Il 100% dei fornitori tier 2 gestiti da EMC effettuerà il monitoraggio delle prestazioni SER dei fornitori tier 3 rispetto agli standard EMC entro il 2020 GLI ARGOMENTI TRATTATI IN QUESTO REPORT SONO: Supply Chain Social & Environmental Responsibility (SER) Supply Chain Business Continuity Planning (BCP) Minerali Dei Conflitti 1 Fornitori tier 1: fornitori che vendono direttamente a EMC; fornitori tier 2: fornitori che vendono ai fornitori tier 1 SUPPLY CHAIN 1

6 SUPPLY CHAIN SOCIAL & ENVIRONMENTAL RESPONSIBILITY COLLABORAZIONE ALLA DEFINIZIONE DI STANDARD E AL MONITORAGGIO DEI FORNITORI Codice di condotta dei fornitori di EMC: standard per definire le aspettative dei fornitori. EMC segue il codice di condotta EICC, che riguarda manodopera, etica, ambiente, salute e sicurezza e sistemi di gestione. Questionario di autovalutazione EICC: strumento di valutazione dei rischi utilizzato da EMC per misurare la presenza di policy e procedure necessarie per supportare la conformità al codice di condotta, nonché fattori di rischio e controlli associati. Il questionario viene raccolto da tutti i fornitori strategici tier 1 e tier 2. Audit EICC: utilizzato per valutare condizioni e procedure nelle strutture di produzione dei fornitori. EMC utilizza audit EICC-VAP (Validated Audit Program) laddove possibile. Il risultato di questo audit rigoroso può essere condiviso con più aziende, riducendo pertanto il volume globale degli audit svolti. I VAP vengono svolti da auditor di terze parti e hanno una validità di due anni. Nei rari casi in cui EMC non utilizzi un audit VAP, segue comunque il protocollo di audit standard EICC e ricorre ad auditor certificati di terze parti. Piano di azione correttivo: piano per analizzare tutti i risultati di un audit. EMC collabora direttamente con i fornitori per conoscere le cause sottostanti, esaminare piani, eseguire valutazioni e accettare prove che dimostrino il completamento di tutte le azioni correttive. Un fornitore può inoltre essere sottoposto a un audit di chiusura o di approfondimento in seguito al completamento del piano di azione correttivo per convalidare i risultati delle azioni. EICC Environmental Reporting: questionario EICC condiviso allineato ai report CDP e GRI (Global Reporting Initiative) per raccogliere informazioni sui volumi di anidride carbonica, acqua e rifiuti, sugli obiettivi e sulle iniziative dei fornitori. Viene raccolto da tutti i fornitori strategici tier 1 e tier 2. Il programma Supply Chain Social & Environmental Responsibility (SER) di EMC è incentrato sulla mitigazione dei rischi, sull'identificazione e sulla creazione di opportunità e sul supporto mirato a garantire una supply chain resiliente. Nel tentativo di perseguire questi obiettivi, EMC collabora con i fornitori e con il settore per individuare e utilizzare standard e strumenti comuni, quali il perfezionamento e la ridefinizione costanti dell'approccio dell'azienda in base alle nozioni apprese. Nel 2013 EMC ha notato importanti progressi nel programma SER. Coerentemente con i pilastri strategici e le priorità, l'azienda ha potuto usufruire di dati migliorati per ottimizzare la valutazione dei rischi e definire priorità per iniziative mirate alla capacità, ha coinvolto in maniera innovativa il personale interno, i fornitori e gli stakeholder e ha integrato in modo più avanzato il programma SER nelle procedure di business. Presumibilmente, queste priorità rimarranno invariate nel MONITORAGGIO E GENERAZIONE DI REPORT Approccio EMC ha aderito all'eicc (Electronic Industry Citizenship Coalition) nel 2008 e da allora collabora con l'organizzazione a standard comuni, strumenti e questionari, tra cui il codice di condotta EICC, il questionario di autovalutazione, il protocollo di audit EICC-VAP e il questionario sui report ambientali. I riconoscimenti del codice di condotta vengono raccolti da tutti i fornitori di materiali diretti e la conformità è parte integrante del linguaggio di contratto standard per tutti i vendor. EMC raccoglie e valuta i questionari di autovalutazione e i report ambientali da tutti i fornitori strategici tier 1 e tier 2, quindi sottopone ad audit e controlli a campione una percentuale annua sempre maggiore di siti dei fornitori. La maggior parte degli strumenti utilizzati per valutare i rischi e monitorare i fornitori si rivolge a tutti gli aspetti della responsabilità sociale e ambientale. Manodopera, etica, ambiente, salute e sicurezza e sistemi di gestione vengono considerati componenti di un sistema strettamente intercorrelato. EMC integra questi strumenti con un processo interno di valutazione dei rischi (implementato per la prima volta nel 2011) e controlli a campione (introdotti in via sperimentale nel 2013). La valutazione dei rischi determina quali siti vengono considerati ad alto rischio da EMC e devono pertanto essere sottoposti per primi ad audit e controlli a campione nel corso dell'anno. Oltre agli strumenti EICC e al programma di controlli a campione, EMC consulta regolarmente il database delle aziende che hanno violato le normative sull'inquinamento gestito dall'ipe (Institute of Public & Environmental Affairs) in Cina. Eventuali problemi identificati tramite questi canali vengono corretti nell'immediato mediante discussioni dirette con i fornitori e piani di azione correttivi. EMC continua inoltre a impegnarsi nel tentativo di rafforzare la copertura dei problemi ambientali negli strumenti EICC e sviluppare awareness e coinvolgimento con l'ipe attraverso la leadership aziendale nell'environmental Sustainability Workgroup di EICC. 2 SUPPLY CHAIN/SUPPLY CHAIN SOCIAL & ENVIRONMENTAL RESPONSIBILITY

7 VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI SITI DEI FORNITORI VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI SITI DEI FORNITORI rischio totale 1. Area geografica I siti dei fornitori ricevono un punteggio di rischio geografico in base a diritti umani, etica e rischi ambientali del sito. Questi punteggi vengono ponderati in base a indicatori di governance e responsabilità. 2. Esposizione A partire dal 2013 i siti vengono valutati in base a dati di esposizione avanzati ricavati dal programma Business Continuity di EMC. Il programma include spese, sole sourcing e percentuale di parti acquistate nel sito. 3. Informazioni specifiche 4. Commodity dell'azienda Le commodity, ovvero il bene Le prestazioni passate indicano prodotto dal sito per EMC e il rischi specifici a seconda del punto in cui si trova il fornitore fornitore. I punteggi degli audit nella supply chain, forniscono passati forniscono la variabile l'input finale per il calcolo dei principale, supportata da piani di rischi. I fornitori ancora più a azione correttivi, approfondimenti monte o la cui produzione diretti del personale EMC, coinvolge più agenti chimici, ad questionari di autovalutazione e esempio, potrebbero porre report per media e NGO. maggiori rischi. Iniziative di monitoraggio e generazione di report per il 2013 Integrazione di business La responsabilità sociale e ambientale di un fornitore rientra nelle prestazioni di business generali e attraversa numerosi aspetti del monitoraggio SER, dalle responsabilità del team di sostenibilità a quelle del team delle commodity, tutti fattori che hanno contribuito a sottolinearne l'importanza. Nel 2013 i team delle commodity hanno ricevuto formazione su processi e contenuti, hanno avviato un dialogo con i fornitori su argomenti di sostenibilità a tutti i livelli di interazione e rispondono ora delle prestazioni di sostenibilità dei fornitori. Per ulteriori informazioni, visitare la sezione Formazione interna di "Impegno per il miglioramento" in questo report. EMC continuerà a formare il personale e migliorare l'infrastruttura aziendale per la condivisione di informazioni nel L'azienda intende lanciare un nuovo strumento, creato sulla piattaforma EMC Archer Governance Risk and Compliance, che consentirà l'automazione e la centralizzazione di ambiti, attività e dati sulle prestazioni e sui rischi in tutti i programmi di sostenibilità. In questo modo i team delle commodity potranno tenere traccia degli articoli aperti, confrontare le prestazioni di sostenibilità dei fornitori e accedere a formazione e risorse in modo ottimale. La piattaforma offre inoltre un portale che consentirà in modo analogo ai fornitori di accedere direttamente ad attività, stati, formazione e risorse. Scheda di valutazione EMC raccoglie punteggi in relazione alle prestazioni di sostenibilità dei fornitori strategici dal Queste informazioni vengono incorporate nella scheda di valutazione dei fornitori generale, che include anche altre metriche di business, tra cui qualità, costi e availability, e fornisce un input essenziale nelle decisioni di business. Nel 2013 EMC ha compiuto progressi significativi nella metodologia e nella ponderazione del punteggio. La sezione relativa alla sostenibilità della scheda, che valuta SER, BCP (Business Continuity Planning) e contenuti dei materiali, è più che triplicata a livello di punti, divenendo la terza sezione più ponderata nel punteggio totale (circa il 18% per la maggior parte dei fornitori), dopo costi e qualità. Sono state estese e chiarite le metriche per SER. Ad esempio, sono stati aggiunti punteggi per le prestazioni idriche e relative ai rifiuti in base ai dati segnalati nei report ambientali, nei questionari di autovalutazione e negli audit dei fornitori. SUPPLY CHAIN/SUPPLY CHAIN SOCIAL & ENVIRONMENTAL RESPONSIBILITY 3

8 CONTROLLI A CAMPIONE ESEGUITI NEL 2013 L'aumento della ponderazione e dell'ambito del punteggio ha già contribuito a concentrare maggiormente l'attenzione sugli impegni dei fornitori volti a comunicare le iniziative a EMC. In alcuni casi i fornitori hanno effettuato ulteriori investimenti per soddisfare le aspettative di EMC in termini di prestazioni SER. Questo trend dovrebbe continuare nel 2014, con i fornitori impegnati a soddisfare una nuova metrica della scheda di valutazione EMC incentrata sulla generazione di report pubblici sugli impegni e sulle iniziative di sostenibilità Controlli a campione Nel 2013 EMC ha iniziato a sperimentare controlli a campione presso cinque siti di fornitori in tre paesi. Questi controlli vengono condotti da personale tecnico e commerciale della supply chain di EMC nella regione che valuta i principali indicatori sociali e ambientali. I controlli a campione consentono di identificare e correggere problemi minori prima che assumano proporzioni più significative. Offrono una visuale più frequente delle condizioni sul campo, a integrazione del processo di auditing formale. I risultati vengono inoltre utilizzati per stabilire priorità inerenti agli audit. Il programma pilota ha rappresentato un'opportunità per testare l'approccio, identificare aree di miglioramento e interpretare meglio i risultati. Gli esiti iniziali hanno rivelato solo un numero ridotto di scoperte minori, tutte risolte rapidamente tramite piani di azioni correttive. Questi risultati erano coerenti con la conoscenza attuale dei siti da parte di EMC e riflettevano l'attenzione dei controlli a campione esclusivamente sui potenziali problemi più gravi, anziché su un esame approfondito e diversificato degli argomenti valutati in un audit formale. Nel 2014 EMC intende eseguire controlli a campione su almeno 20 siti, ampliandone la diversità di tipologia e incrementando il livello di visibilità dell'azienda. Tale visibilità, combinata a ulteriore formazione per il personale nella regione, sottolineerà in modo più incisivo l'impegno dell'azienda volto a creare procedure SER vigorose per i fornitori e migliorerà la capacità del personale della supply chain di identificare potenziali rischi. Report di sostenibilità pubblici Nell'ambito dell'impegno finalizzato alla trasparenza e alla responsabilità nella supply chain, l'azienda ha formalizzato il requisito per i fornitori diretti strategici di materiali di EMC di pubblicare un report di sostenibilità pubblico mediante lo standard GRI (Global Reporting Initiative). Nell'arco del 2013 EMC ha condotto un'ampia gamma di iniziative finalizzate a questo scopo, tra cui alcuni survey svolti tra i fornitori per comprendere meglio le procedure e i piani attuali per la generazione di report, la distribuzione di risorse e informazioni sulla formazione per la generazione di report GRI e di sostenibilità e la ridefinizione della metodologia delle schede di valutazione per consentire un'estensione nel 2014 che includerà i report di sostenibilità come metrica. Nel 2014 i fornitori avranno l'opportunità di partecipare a ulteriori corsi di formazione sulla generazione di report GRI e di sostenibilità prima di essere nuovamente sottoposti a un survey e ricevere un punteggio per i loro report. EMC inizierà a segnalare pubblicamente questa metrica nel SUPPLY CHAIN/SUPPLY CHAIN SOCIAL & ENVIRONMENTAL RESPONSIBILITY

9 Monitoraggio dei fornitori sub-tier di EMC EMC monitora in modo coerente i fornitori tier 1 e tier 2; tuttavia, man mano che l'azienda si allontana dalle relazioni dirette instaurate, aumentano i rischi e diminuisce la capacità di sfruttare al meglio le conoscenze acquisite. In passato l'azienda ha fissato un'aspettativa di gestione sub-tier tramite il codice di condotta e ha sottoposto ad audit i fornitori in relazione a questo standard, ma in futuro intende collaborare con loro in modo ancora più stretto. Nel 2013 i partner principali hanno iniziato a condividere informazioni di audit e promuovere collettivamente un'azione correttiva presso i siti dei fornitori sub-tier grazie alla collaborazione con EMC. In alcuni casi l'azienda ha individuato alcune perplessità al terzo o quarto tier, ad esempio correlate alle procedure di salute e sicurezza o alle condizioni di lavoro, e ha iniziato a implementare questo approccio, collaborando con un fornitore strategico per comprendere meglio i problemi e garantire azioni correttive appropriate. EMC espanderà e formalizzerà questa strategia nel 2014, con l'intenzione di creare una cultura di collaborazione attorno alla valutazione dei rischi e un impatto che consentirà al settore di procedere senza esitazioni verso responsabilità maggiori nella supply chain. Espansione di EICC Environmental Reporting Nel 2013 EMC ha ricoperto un ruolo leader nel workgroup responsabile della Carbon & Water Reporting Initiative di EICC. Il compito di EMC era quello di ampliare le domande sui rifiuti e semplificare quelle sull'acqua e sull'anidride carbonica al fine di ridurre la ripetizione di quesiti già affrontati nei questionari di autovalutazione e negli audit. Anche il workgroup è stato sottoposto al questionario, ora rinominato EICC Environmental Reporting Initiative, in EICC-ON. EMC ha supportato lo sviluppo e fornito formazione per i membri EICC e i fornitori in merito all'importanza della generazione di report e al modo in cui utilizzare il nuovo strumento. Metriche e risultati Audit Il numero e la posizione geografica dei siti sottoposti ad audit nel 2013 sono rimasti piuttosto coerenti rispetto all'anno precedente. Ciò riflette la decisione strategica di mantenere l'ambito aziendale dell'audit, sviluppando al contempo altri componenti critici del programma che includono una maggiore integrazione nel business, conoscenze avanzate sulle prestazioni dei singoli fornitori ed esposizione, e predisponendo l'infrastruttura al monitoraggio sub-tier. In questo modo l'azienda potrà contemporaneamente migliorare la capacità di scalabilità e creare incentivi per prestazioni autonome e sostenibili, impossibili da ottenere semplicemente tramite audit. EMC prevede inoltre di continuare ad aumentare la quantità dei siti dei fornitori sottoposti ad audit, man mano che l'approccio di audit EICC-VAP condiviso viene adottato da un numero sempre maggiore di aziende. Seppur coerenti con il 2012, le cifre del 2013 riflettono una maggiore enfasi sugli audit di approfondimento, che valutano la mitigazione o la chiusura di tutte le azioni correttive, nonché un lieve aumento nella percentuale dei siti ad alto rischio sottoposti ad audit. SUPPLY CHAIN/SUPPLY CHAIN SOCIAL & ENVIRONMENTAL RESPONSIBILITY 5

10 NUMERO DI AUDIT SER FORNITORI, NUMERO DI AUDIT SER FORNITORI, % di siti a rischio elevato sottoposti ad audit 27% 26% % Audit iniziali Audit di approfondimento Nuovi audit completi "Ho appena ricevuto un' dal responsabile dell'impianto in cui ci ringrazia per il modo in cui è stato eseguito il processo di audit e ci comunica di aver imparato molto durante l'audit e ora ha intenzione di sviluppare e implementare i vari consigli che ha ricevuto. Tutto questo è incoraggiante per noi ed è esattamente il risultato che puntiamo a ottenere con i nostri audit! Abbiamo percorso molta strada per arrivare fin qui, ma direi che si tratta di un risultato positivo". AUDITOR "È bello poter dire che, dopo aver risolto alcune problematiche del nostro piano di azione correttivo l'anno scorso, l'audit di chiusura appena eseguito ha riportato una conformità al 100%. I dati rappresentati nelle cifre e nei risultati di audit di questo report riflettono due forme di valutazione. Audit completi, in cui vengono poste tutte le domande sul protocollo di audit EICC, e audit di approfondimento o chiusura, che valutano la chiusura o i risultati di un audit precedente. EMC continua a incoraggiare l'uso degli audit di approfondimento nei casi in cui venga restituito un numero significativo di risultati. "audit iniziali" e "nuovi audit completi" sono entrambe forme di audit completi. Nel secondo caso, indicano che il sito era già stato sottoposto ad audit almeno due anni prima in base allo standard EICC-VAP e oggi è stato nuovamente ispezionato. EMC considera gli audit un meccanismo per eseguire la due diligence, ottenere linee di base delle prestazioni dei siti dei fornitori e valutare l'efficienza e la durata dei miglioramenti nel tempo. Possono inoltre rappresentare uno strumento utile per aumentare il livello di awareness nei confronti di sistemi di gestione e aspettative diversi precedentemente sconosciuti all'azienda o al sito. L'aumento dell'awareness dei fornitori risulta evidente nei piani di azioni correttive successivi a ogni audit. Complessivamente, i fornitori EMC mostrano una riduzione del 71% nel numero di risultati tra il primo audit e il secondo. 2 Questo progresso è indicativo dell'obiettivo principale degli audit: non solo valutare, ma anche identificare e approfondire le aree di miglioramento. I risultati dettagliati degli audit del 2013 indicati di seguito evidenziano le difficoltà relative alla risoluzione di alcune problematiche a livello di settore. Come nel 2012, ore di lavoro e preparazione alle emergenze continuano a rappresentare le non conformità più significative a livello di sistema (maggiori) al di fuori dei risultati generali ricavati dai sistemi di gestione. Inoltre, la libera scelta dell'impiego è diventata una delle categorie più importanti nei risultati del Sebbene EMC non abbia rilevato casi di lavoro forzato, è necessario per i fornitori migliorare i sistemi di gestione per il monitoraggio dei relativi fornitori vendor, soprattutto nel settore ad alto rischio della manodopera. EMC continua a collaborare a stretto contatto con i fornitori con l'obiettivo di migliorare i livelli di awareness e supporto per risolvere queste problematiche. Ha inoltre definito priorità per moduli e risorse attorno a questi argomenti per la libreria di risorse online, che verrà lanciata nel Per ulteriori informazioni sulla libreria, consultare la sezione Iniziative chiave di impregno SER di questo report. FORNITORE STRATEGICO TIER 2 2 Dal primo audit completo all'audit di chiusura e dal primo audit completo al secondo audit completo. 6 SUPPLY CHAIN/SUPPLY CHAIN SOCIAL & ENVIRONMENTAL RESPONSIBILITY

11 RISULTATI DETTAGLIATI DEGLI AUDIT SUI FORNITORI DI SUPPLY CHAIN SER DEL 2013 CODICE EICC PERCENTUALE DI MAGGIORE MINORE NON CONFORMITÀ 3 GENERALE 0% Codice di condotta Conformità alle leggi 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% MANODOPERA 32% L'orario di lavoro rappresenta una delle aree di conformità più impegnative per i fornitori del settore dell'elettronica. Nel 2013 il trend è proseguito e per EMC è diventata una delle principali priorità per la libreria di risorse online, il cui lancio è previsto per il L'azienda ha comunque notato gli effetti positivi dei tentativi più ampi e mirati a ridurre questo orario. In un caso, le azioni correttive, tra cui il controllo avanzato dei documenti, un piano di produzione adattato ed efficienze mirate, hanno ridotto le percentuali di lavoratori che hanno superato del 95% il limite dell'eicc in appena tre mesi. In un altro, vari obiettivi inerenti all'automazione, alla compensazione, al coinvolgimento dei dipendenti e alla produttività hanno ridotto il numero giorni di lavoro consecutivi e di ore di lavoro settimanali dal 40% e 15% al di sopra dei limiti EICC allo 0%. EMC non può prendersi direttamente il merito di questi miglioramenti, ma li interpreta come una conseguenza essenziale del lavoro svolto nel tentativo di applicare gli standard, supportando al contempo gli impegni dei fornitori, condividendo le soluzioni e fornendo un canale neutro per aiutarli ad apprendere da altri. Libera scelta dell'impiego Divieto del lavoro minorile Ore di lavoro Retribuzioni e sussidi Trattamento umano Non discriminazione Libertà di associazione ETICA Integrità aziendale Nessun vantaggio improprio Divulgazione di informazioni Proprietà intellettuale Business equo, pubblicità e concorrenza leale Protezione dell'identità Approvvigionamento responsabile dei materiali Privacy Non ritorsione SALUTE E SICUREZZA Sicurezza sul lavoro Preparazione alle emergenze Infortuni e malattia sul lavoro Igiene industriale Lavoro fisicamente impegnativo Sicurezza delle macchine Cibo, servizi sanitari e alloggi AMBIENTE Permessi e report ambientali Prevenzione dell'inquinamento e riduzione delle risorse Sostanze pericolose Acque reflue e rifiuti solidi Emissioni aeree Limitazione dei contenuti dei prodotti 12% 26% 9% 14,7% 2,3% 11,9% 5,1% 2,3% 1,7% 4,5% 10,4% 3,0% 3,0% 4,5% 10,4% 9,0% 6,0% 4,5% 4,5% 13,0% 25,4% 10,1% 8,7% 2,2% 2,2% 6,5% 10,8% 10,8% 37,8% 2,7% 5,4% 0,0% 11,9% 5,6% 7,3% 11,3% 2,8% 1,7% 1,7% 17,9% 9,0% 0,0% 1,5% 1,5% 6,0% 4,5% 0,0% 3,0% 5,8% 5,8% 7,2% 3,6% 2,2% 2,9% 1,4% 2,7% 0,0% 21,6% 2,7% 5,4% 0,0% SISTEMI DI GESTIONE 21% 64,6% 27,4% 3 La percentuale di non conformità in ciascuna categoria di livello superiore (ad esempio, manodopera) è superiore nel 2013 per via della variazione di EICC nella categorizzazione dei sistemi di gestione. Nel 2012 i sistemi di gestione per manodopera ed etica erano categorizzati separatamente rispetto a quelli per ambiente, salute e sicurezza. Nel 2013 sono stati combinati in un'unica categoria di sistemi di gestione. Poiché in precedenza molti siti presentavano risultati in entrambe le categorie dei sistemi di gestione, al posto di due risultati ne verrà ora visualizzato uno solo. Questo significa che il numero totale di risultati è ora minore e ognuno di essi rappresenta una percentuale maggiore del totale. SUPPLY CHAIN/SUPPLY CHAIN SOCIAL & ENVIRONMENTAL RESPONSIBILITY 7

12 Sebbene le tre aree più importanti dei risultati a livello di sistema (maggiori) nel 2013 fossero coerenti con quelle del 2012, la maggior parte delle aree comuni di risultati minori del 2012 (sostanze pericolose, business equo e divieto del lavoro minorile) non aveva una frequenza elevata nel Ciò potrebbe rivelare trend, ma più probabilmente riflette il fatto che ogni anno vengono sottoposti ad audit siti diversi e non è possibile ottenere un campione sufficiente a trarre conclusioni da siti diversi nei due set di dati. Oltre a osservare le variazioni dei trend negli anni, EMC valuta anche tutti i dati a livello aggregato, analizzando vari fattori per identificare modelli e definire priorità per formazione, incentivi ed eventuali variazioni alle policy relative alla gestione delle prestazioni dei fornitori. La mappa di copertura dell'audit di seguito illustra alcuni risultati ricavati da questo tipo di analisi. Sebbene non sia possibile trarre conclusioni omnicomprensive sulla produzione in un determinato paese esclusivamente da questi dati, per via delle dimensioni relativamente ridotte dei campioni, è comunque possibile isolare gli elementi comuni, nonché identificare argomenti e zone geografiche in cui i materiali di formazione potrebbero esercitare un impatto maggiore. COPERTURA AUDIT SUPPLY CHAIN E RISULTATI COPERTURA AUDIT SUPPLY CHAIN E RISULTATI NUMERO MEDIO DI RISULTATI PER CATEGORIA - PRIMI 5 PAESI SOTTOPOSTI AD AUDIT, sal. sic. = salute e sicurezza amb. = ambiente **man. et. = manodopera ed etica **amb. sal. sic. = ambiente, salute e sicurezza sist. gest. = sistemi di gestione CINA FILIPPINE *generale manodo pera etica sal. e sic. amb. sist. gest. man. et. sist. gest. amb. sal. sic. sist. gest. 1 0 *generale manodo pera etica sal. e sic. amb. sist. sist. gest. sist. gest. amb. sal. gest. man. et. sic. MESSICO MALESIA *generale manodo pera etica sal. e sic. amb. sist. gest. man. et. sist. gest. amb. sal. sic. sist. gest. THAILANDIA 1 0 *generale manodo pera etica sal. e sic. amb. sist. sist. gest. sist. gest. amb. sal. gest. man. et. sic *generalemanodo pera etica sal. e sic. amb. sist. gest. man. et. sist. gest. amb. sal. sic. sist. gest. *La categoria generale del protocollo di audit è stata eliminata nella revisione del 2013 ed è qui inclusa solo per gli audit precedenti a tale revisione. **I sistemi di gestione di manodopera ed etica e i sistemi di gestione di ambiente, salute e sicurezza venivano valutati separatamente ma, dalla revisione del 2012, rientrano ora in una sola categoria di sistemi di gestione. Il numero inferiore di risultati per "sistemi di gestione" riflette il fatto che il nuovo protocollo potrebbe produrre un solo risultato omnicomprensivo, a differenza del precedente che ne avrebbe potuti generare due. Qui vengono illustrate tutte le categorie, dal momento che vengono aggregati i risultati storici e quelli più recenti. *La categoria generale del protocollo di audit è stata eliminata nella revisione del 2013 ed è qui inclusa solo per gli audit precedenti a tale revisione. **I sistemi di gestione di manodopera ed etica e i sistemi di gestione di ambiente, salute e sicurezza venivano valutati separatamente ma, dalla revisione del 2012, rientrano ora in una sola categoria di sistemi di gestione. Il numero inferiore di risultati per "sistemi di gestione" riflette il fatto che il nuovo protocollo potrebbe produrre un solo risultato omnicomprensivo, a differenza del precedente che ne avrebbe potuti generare due. Qui vengono illustrate tutte le categorie, dal momento che vengono aggregati i risultati storici e quelli più recenti. 8 SUPPLY CHAIN/SUPPLY CHAIN SOCIAL & ENVIRONMENTAL RESPONSIBILITY

13 Rischi e prestazioni ambientali Nel 2013 il 99% dei fornitori tier 1 e tier 2 di spesa di EMC ha completato i report ambientali. È stata inoltre rilevata una crescita continua nella percentuale di fornitori che hanno riferito in merito alla richiesta di EMC. Sebbene i numeri dei report ambientali in relazione alle acque e ai rifiuti siano inferiori rispetto a quelli correlati all'anidride carbonica, le percentuali globali sono considerevoli e riflettono una maggiore familiarità, un'infrastruttura avanzata e un'attenzione particolare rivolta al tracciamento e alla generazione di report ambientali nel settore e all'interno della supply chain. EMC continua a utilizzare strumenti standard di settore tramite EICC, che accetta anche report CDP e GRI, per ottimizzare la capacità di sfruttare questo trend. L'azienda continua inoltre a promuovere efficaci programmi ambientali attraverso le schede di valutazione, i corsi di formazione, il Blue Sky Award e la newsletter, premiando impegno e idee innovative ben al di là di una semplice gestione ambientale responsabile. Inoltre, man mano che l'analisi e la normalizzazione dei dati vengono affinate, EMC continuerà a rivolgersi a specifici fornitori che potrebbero trarre vantaggio da indicazioni o formazione mirata. La crescita nell'impegno, nelle iniziative e nei sistemi di gestione è illustrata nel grafico statistico di seguito. REPORT AMBIENTALI DEI REPORT AMBIENTALI DEI FORNITORI * % 80 82% 88% 88% 78% % 59% 43% 53% 68% 46% 51% 20 0 REPORT DI CO2, H20 O ACQUE REFLUE 33% REPORT H20 N/A N/A REPORT ACQUE REFLUE Percentuale di intervistati con risposte affermative a queste domande OBIETTIVI PER MIGLIORARE LA GESTIONE IDRICA ACQUE REFLUE DI PRODUZIONE TRATTATE** * Dati relativi esclusivamente ai fornitori che hanno completato il modulo EICC Environmental Reporting. ** Per via delle modifiche apportate al questionario EICC Environmental Reporting, non è possibile confrontare direttamente le statistiche di gestione idrica indicate nel 2012 con quelle del Verranno quindi combinate le informazioni ricavate dal questionario EICC Environmental Reporting con quelle del questionario di autovalutazione EICC. Questi dati vengono ricavati dai fornitori che rappresentano oltre l'80% delle spese tier 1, nonché dai fornitori strategici tier 2. 69% 80% % di fornitori che hanno indicato un obiettivo di riduzione di emissioni di gas a effetto serra* * Obiettivo definito in base a un target di riduzione quantificato e un intervallo di tempo entro cui conseguirlo % di fornitori che hanno indicato iniziative di riduzione del consumo energetico** ** Iniziativa definita in base a un'azione completata o pianificata di riduzione del consumo energetico SUPPLY CHAIN/SUPPLY CHAIN SOCIAL & ENVIRONMENTAL RESPONSIBILITY 9

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati?

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? Articolo pubblicato sul numero di febbraio 2010 di La rivista del business ad alte performance Information Technology Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? di Alastair MacWillson L'approccio aziendale

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli