Modulo 1: Introduzione alla Banca

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo 1: Introduzione alla Banca"

Transcript

1 Modulo 1: Introduzione alla Banca dott. Claudio Rossi

2 L attività bancaria La legge 12 marzo 1936 n. 375 (Legge Bancaria) detta disposizioni su la raccolta del risparmio fra il pubblico sotto ogni forma e l esercizio del credito L attività bancaria oltre che con la raccolta del risparmio e con l esercizio del credito, che costituiscono le operazioni principali passive ed attive, si estrinseca anche con operazioni di intermediazione in titoli e cambi e con servizi vari e speciali, questi ultimi svolti sia in proprio, sia tramite società controllate o collegate. I soggetti che intendono svolgere attività bancaria debbono tenere adeguato il patrimonio secondo le norme di Basilea 2, al fine di fare fronte al rischio inatteso (volatilità dei mercati, congiuntura etc)

3 L Associazione Bancaria Italiana Fra i soggetti bancari è stata costituita l A.B.I. ( con sede a Roma e Milano avente per oggetto la trattazione dei problemi tecnici ed economici del settore bancario e finanzario. Essa fra l altro si propone di: esercitare e promuovere gli interessi collettivi delle Aziende aderenti; collaborare con autorità, enti o associazioni alla risoluzione dei problemi riguardanti il settore creditizio; compiere ed incoraggiare studi e pubblicazioni di economia, tecnica e diritto nel campo bancario; svolgere attività di informazione e di consulenza a favore delle Aziende aderenti; promuovere e favorire accordi di interesse comune fra gli Associati

4 Le funzioni della Banca La Banca esplica le sue funzioni attraverso una continua opera di raccolta e di impiego del risparmio, nel rispetto, beninteso, delle disposizioni previste dall Organo di Vigilanza per la tutela dei depositanti e l esercizio del credito; Oltre a questi compiti ne vengono svolti altri, quali le operazioni di intermediazione ed i servizi vari e speciali (o parabancari) a favore della clientela;

5 Le funzioni della Banca Depositi fruttiferi; Conti correnti; Assegni circolari; Risconto di ptf; Raccolta Aperture di credito; Anticipazioni/Sconto Mutui/Finanziamenti; Aperture di credito Impieghi Cambi Fidejussioni; Intermediazione in titoli Collocamento Servizi Investimenti Immobili Arte Acquisto Titoli di Stato

6 Proviamo a dire qualche operazione di intermediazione! F C A C I C G C C Gestione F... Comuni d Investimento Operazioni in C... Sottoscrizione, Collocamento o Acquisto di A... od Obbligazioni C... ed Amministrazione Titoli Assunzione all I... di effetti ed in generale di titoli di credito C... Continua G... e Bonifici per conto terzi C... di Sicurezza C... in genere

7 Qualche operazione di intermediazione! F C A C I C G C C Gestione Fondi Comuni d Investimento Operazioni in Cambi Sottoscrizione, Collocamento o Acquisto di Azioni od Obbligazioni Custodia ed Amministrazione Titoli Assunzione all Incasso di effetti ed in generale di titoli di credito Cassa Continua Giriconto e Bonifici per conto terzi Cassette di Sicurezza Consulenza in genere

8 La riservatezza bancaria Argomento sicuramente dibattuto: nella prassi bancaria italiana si è sempre tassativamente rispettato l obbligo del segreto bancario, inteso come riserbo del banchiere in ordine ai rapporti da esso intrattenuti con la clientela, obbligo della cui esistenza anche la dottrina e la giurisprudenza non hanno mai dubitato Sull argomento si è molto discusso anche per identificarne le fonti da cui tale obbligo derivi, talvolta individuandola negli usi (contrattuali ex art C.C. o extracontrattuali dalla cui inosservanza potrebbe derivare una responsabilità ex art C.C.) talaltra recependo il segreto bancario nella più ampia accezione del segreto professionale.

9 La struttura della Banca Corporate & SME/Retail Division Private Division Mercato A Mercato B Mercato A Mercato B Area AA Area AB Area AA Area BA Area BB

10 Le divisioni e le funzioni Private Division Corporate Div. SME & Retail Division A B C Le attività Private riguardano la gestione dei patrimoni superiori ai Le attività Corporate riguardano la gestione e gli affidamenti di aziende con g.a. superiore ai Le attività SME&Retail riguardano la gestione di investimenti e affidamenti di aziende con g.a inferiore ai ed i privati

11 Il conto corrente di corrispondenza Il conto corrente di corrispondenza è il rapporto più comune messo a disposizione dalla Banca alla sua clientela; Esso consente prestazioni molto elastiche ed articolate e su di esso si possono innestare tutte le operazioni bancarie. Il c/c è il prospetto che raccoglie partite a debito ed a credito del cliente, il cui saldo mette in evidenza il credito o il debito del cliente stesso nei confronti della banca; Il c/c può anche presentare delle scoperture allorquando gli addebitamenti risultano superiori agli accreditamenti effettuati; La disponibilità del denaro per il cliente è immediata; l utilizzo delle somme depositate e di quelle messe a disposizione dalla Banca non è soggetto ad alcun vincolo o preavviso (a vista, cioà a richiesta).

12 Il conto corrente di corrispondenza: fonti normative Le Norme che regolano i Conti Correnti di corrispondenza e servizi connessi vengono considerate un contratto atipico in quanto non trovano una loro specifica regolamentazione nel Codice Civile, confluendo in esse gli estremi di diversi istituti giuridici: - Il mandato (Il mandato è il contratto con il quale una parte si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto di un altra-art C.C.) - Il deposito bancario (Depositi in danaro-nei depositi di una somma di danaro presso una banca, questa ne acquista la proprietà ed è obbligata a restituirla nella stessa specie monetaria, alla scadenza del termine convenuto ovvero a richiesta del depositante, con l osservanza del periodo di preavviso stabilito dalle parti o dagli usi Art C.C.) - Il conto corrente (Il conto corrente è il contratto col quale le parti si obbligano ad annotare in un conto i crediti derivanti da reciproche rimesse, considerandoli inesigibili ed indisponibili fino alla chiusura del conto. Il saldo del conto è esigibile alla scadenza stabilità. Se non è richiesto il pagamento, il saldo si considera quale prima rimessa di un nuovo conto ed il contratto s intende rinnovato a tempo indeterminato Art C.C.) - L apertura di credito bancario (L apertura di credito bancario è il contratto col quale la Banca si obbliga a tenere a disposizione dell altra parte una somma di danaro per un dato periodo di tempo od a tempo indeterminato Art C.C.)

13 Caratteristiche generali dei c/c di corrispondenza Nominatività. I conti debbono essere intestati a: - persone fisiche capaci di agire, compresi i minori emancipati autorizzati all esercizio del commercio; - persone giuridiche; Deve essere depositato l esemplare della firma: - persona singola; - ditte individuali; - più persone fisiche con firme disgiunte o congiunte; - società di qualsiasi tipo; Si possono conferire procure o deleghe: - I titolari di conto corrente possono conferire a terzi che abbiano piena capacità di agire, il potere di eseguire operazioni per loro conto ed in nome con piena liberazione della Banca; Si possono utilizzare assegni bancari: - Il c/c è l unico rapporto che consente di utilizzare le disponibilità anche a mezzo di assegni bancari. All atto dell accensione del conto o in epoca immediatamente successiva dopo aver espletato quanto previsto dall art.141 della Legge 14/11/1981 n.689 in ordine alla valutazione della moralità e serietà del cliente viene pertanto consegnato al titolare del conto un certo numero di moduli (10 o 20) raccolti in un libretto di assegni.

14 C/C : gli estratti conto e le chiusure contabili Per estratto conto s intende il documento contabile che la banca invia periodicamente (di solito mensilmente) al correntista per permettergli di controllare l esattezza delle singole operazioni iscritte nel conto: l estratto riporta quindi in ordine cronologico, tutte le operazioni registrate nel conto durante il periodo cui si riferisce. In sostanza il c/c costituisce uno strumento di raccolta o di impego del denaro a seconda che il saldo risulti creditore oppure debitore: nel primo caso la Banca corrisponde un interesse al correntista mentre nel secondo glielo addebita: I conti vengono di norma chiusi trimestralmente e cioè alla fine dei mesi di marzo, giugno, settembre e dicembre per addebitare o accreditare gli interessi relativi alle scoperture o alle giacenze verificatesi nel trimestre.

15 I depositi fruttiferi I depositi fruttiferi costituiscono la più tipica categoria di rapporti sui quali la clientela fa affluire i propri risparmi monetari, affinchè la banca li custodisca e li remuneri; A differenza dei conti correnti i depositi fruttiferi possono presentare solo saldi a favore del cliente escludendo quindi che il titolare del deposito possa andare a debito, possa cioè ottenere un credito da parte della banca; Il rapporto si avvia e si perfeziona con il deposito in Banca di una somma di denaro contro il rilascio di un apposito documento, definito Libretto di risparmio sul quale viene indicato il versamento iniziale e sul quale verranno poi annotate di volta in volta le successive operazioni; Il regolamento dei libretti di deposito ricalca le disposizioni di Legge che riguardano i depositi in danaro;

16 Depositi fruttiferi: caratteristiche Liberi o vincolati nominativi od al portatore Hanno limitazioni circa il tipo di Operazioni ammesse (solo per contanti) Non prevedono l invio l di Estratto Conto in quanto fa fede la risultanza del libretto

17 Depositi fruttiferi: fonti normative Art C.C. Depositi in danaro Nei depositi di una somma di danaro presso una banca, questa ne acquista la proprietà ed è obbligata a restituirla nella stessa specie monetaria, alla scadenza del termine convenuto ovvero a richiesta del depositante, con l osservanza l del periodo di preavviso stabilito dalle parti e dagli usi. Art C.C. Libretto risparmio Se la banca rilascia un libretto di deposito a risparmio, i versamenti ed i prelevamenti si devono annotare sul libretto Le annotazioni sul libretto, firmate dall impiegato della banca che appare addetto al servizio, fanno piena prova nei rapporti tra banca e depositante. E nullo ogni patto contrario Art C.C. Legittimazione del possessore Se il libretto di deposito è pagabile al portatore, la banca che senza dolo o colpa grave adempie le prestazioni nei confronti del possessore è liberata, anche se questi non è il depositante. Sono salve le disposizioni delle Leggi speciali

18 C/C e Risparmi: modalità di esecuzione delle operazioni La posizione è l effettiva situazione debitoria o creditoria del cliente. Essa non è sempre rappresentata dal saldo contabile potendo da questo differire per effetto di...

19 Incremento ( Avere ) Decremento ( Dare ) Vincoli su assegni Prenotazioni per operazioni dare Versamento di effetti al s.b.f. C/C e Risparmi: la posizione Prenotazioni per operazioni avere Concessione di crediti per cassa

20 Versamento assegni: vincoli e valute Il conto corrente viene generalmente alimentato con i versamenti di contanti e/o assegni; Mentre l importo versato totalmente o parzialmente in contanti risulta immediatamente disponibile per il correntista, quello versato in assegni non gli conferisce subito la possibilità di disporne, venendo accreditato con riserva di verifica e salvo buon fine per la necessità della Banca di accertare la regolarità formale degli assegni stessi e di ottenere una ragionevole certezza di avvenuto pagamento; A tal fine l importo degli assegni versati viene vincolato, cioè reso indisponibile per il depositante per un certo numero di giorni ritenuti sufficienti per ottenere eventuale avviso del mancato pagamento.

21 Versamento di effetti con accreditamento salvo buon fine Sul conto corrente possono essere versati effetti (ricevute, cambiali, ecc) con scadenze differite nel tempo che vengono accreditati salvo buon fine all atto della presentazione, con una valuta rapportata alla scadenza degli effetti stessi. Es: In data 10/7 vengono versati effetti per accreditati s.b.f. con valuta 20/8. 9/7 Saldo contabile Avere 9/7 Situazione di liquidità Avere 10/7 Saldo contabile Avere 10/7 Effetti sbf val 20/ Dare 10/7 Situazione di liquidità Avere

22 L assegno bancario 1: caratteristiche In generale gli assegni ed i vaglia sono strumenti di pagamento surrogati dalla moneta e si distinguono in bancari e postali che si identificano rispettivamente: assegni bancari ordinari, assegni circolari, vaglia cambiari, vaglia postali e assegni postali. Gli assegni e vaglia bancari sono disciplinati da disposizioni di legge (R.D. 21/12/1933 n.1736); quelli postali, dal Regolamento postale. I requisiti di forma essenziali sono rappresentati da: - Denominazione di Assegno Bancario - Ordine incondizionato di pagare - Somma determinata (in caso di discordanza tra imp in cifre e lettere vale quest ultimo) ultimo) - Emittente o traente trattario o trassato beneficiario o prenditore - Esigibilità dell assegno bancario - Luogo e data di emissione - Bollo - Sottoscrizione dell emittente emittente - Indicazione del beneficiario (se non figura si considera al portatore)

23 L assegno bancario 2: riepilogo Requisiti essenziali (in mancanza di uno o più di questi il titolo non vale come A/B): - Denominazione di A/B prestampata nel contesto del titolo - Ordine incondizionato di pagare a vista espresso con la dicitura a a vista pagate senza alcuna condizione - Somma determinata indicata normalmente in cifre e lettere - Nome del trattario si identifica dempre con una banca ed è prestampato nel contesto del titolo - Luogo di emissione deve essere apposto sul titolo - Data di emissione deve essere sempre indicata - Luogo di pagamento prestampato sull A/B normalmente anche con l indicazione l dell indirizzo - Sottoscrizione dell emittente emittente deve essere autografa Altre particolarità: - Bollo imposta fissa, pagata in modo virtuale dalla banca e recuperata dal correntista - Indicazione del beneficiario: - all ordine, trasferibile mediante girata - al portatore, trasferibile anche mediante girata

24 La girata Caratteristiche - La girata è il mezzo mediante il quale si trasferisce l A/B all ordine ; e consiste nell apposizione della firma, sul verso del titolo, da parte del portatore legittimo che intenda cederlo ad altri; - Chi appone la girata è detto GIRANTE, chi riceve il titolo per effetto della girata è detto GIRATARIO; quest ultimo a sua volta, puo trasferire l A/B ad altra persona mediante un ulteriore girata. - La girata puo essere piena od in bianco; Funzioni della girata. - La girata trasferisce tutti i diritti inerenti all A/B - Negli assegni all ordine, oltre alla funzione di trasferimento, la girata adempie ad una funzione di garanzia; infatti i giranti ed il traente sono responsabili solidalmente nei confronti del portatore legittimo dell A/B in caso di mancato pagamento dello stesso. Continuità delle girate. - Il detentore di un A/B trasferibile per girata è considerato portatore legittimo se giustifica il suo diritto con una serie continua di girate. - Si ha una serie continua di girate quando la prima è apposta dal beneficiario ed ognuna delle successive è apposta dalla persona che nella precedente è indicata come giratario.

25 Esecutività e protesto L A/B è un titolo esecutivo, cioè in caso di mancato pagamento, conferisce al portatore legittimo l esecuzione forzata sul patrimonio del debitore intendendo come tale sia il traente (o emittente) sia i giranti, i quali sono responsabili solidalmente nei suoi confronti. Il mancato pagamento di un A/B deve essere constatato da un pubblico ufficiale o da un altro Ente a ciò facoltizzato, il quale nella maggioranza dei casi deve presentarsi materialmente allo sportello trattario richiedendo il pagamento dell A/B e, in caso di motivato rifiuto di pagare il titolo, redigere un atto di ufficiale constatazione del mancato pagamento; Se non pagato si puo adire all az.di regresso. La richiesta del pubblico ufficiale viene definita Accesso e l atto Protesto ; quest ultimo contiene sia la richiesta di pagamento che il rifiuto del pagamento con specificata la relativa motivazione.

26 Termine di presentazione e di prescrizione Il protesto deve sempre essere elevato entro un preciso termine detto termine di presentazione scaduto il quale non puo essere di conseguenza esercitata l azione di regresso nei confronti dei giranti, che comunque resta nei confronti del traente Il termine varia a seconda che l A/B sia stato emesso su o fuori piazza: - 8 giorni dopo la data di emissione per i titoli emessi sulla stessa ssa piazza in cui sono pagabili; - 15 giorni dopo la data di emissione per i titoli emessi su piazze e diverse da quella in cui è pagabile. - se il termine cade in un giorno festivo o non lavorativo tale termine viene prorogato al primo giorno feriale successivo; Il termine di prescrizione dell A/B è il termine oltre il quale il portatore perde il diritto ad esercitare l azione di regresso nei confronti dei giranti e del traente: - 6 mesi dopo la scadenza del termine di presentazione;

27 L assegno circolare: principali caratteristiche L A/C riporta la denominazione di assegno circolare inserita nel contesto del titolo e contiene la promessa incondizionata della banca di pagare a vista una somma determinata; Precostituzione dei fondi: emesso dietro versamento della somma corrispondente Egibilità: presso tutti gli sportedell Istituto emittente; Termine di presentazione: 30 giorni dalla data di emissione Termine di prescrizione: 3 anni dalla data di emissione;

28 L assegno circolare: requisiti essenziali Denominazione di assegno circolare nel contesto titolo Promessa senza condizioni di pagare a vista una det. somma Sottoscrizione dell Istituto emittente Indicazione del prenditore Luogo e data di emissione

29 Disposizioni comuni su assegni bancari e circolari Clausola non trasferibile. L A/B e l A/C emessi con la clausola non trasferibile devono essere pagati solamente al beneficiario e questi non puo girare l assegno se non ad una Banca per l incasso. Clausola di sbarramento. Lo sbarramento consiste in due linee parallele apposte trasversalmente sul recto (assegno bancario o circolare), impone alla Banca trattaria di effettuare il pagamento solo ad un proprio cliente oppure ad un altra Banca (sbarramento generale o sbarramento speciale);

30 Assunzione dei titoli di credito In questa parte analizziamo l assunzione dei titoli di credito da parte delle Banche. L assunzione presuppone la girata dei titoli in favore della Banca e ciò anche per gli assegni al portatore; I titoli di credito possono essere assunti - al dopo incasso.. La Banca si impegna a riconoscere al presentatore la somma indicata icata sul titolo solo dopo l avvenuto l esito della riscossione dello stesso; - per l accredito l salvo buon fine.. La Banca accredita immediatamente l importo l del titolo nel conto corrente del versante, riservandosi peraltro di stornare l accredito l in caso di mancato incasso dello stesso; - per la negoziazione.. Si ha nel caso in cui il pagamento di un assegno avvenga liberatoriamente da parte di uno sportello diverso da quello obbligato a pagare; - per l estinzionel estinzione.. Si intende il pagamento di un assegno da parte dello sportello obbligato a pagarlo.

31 La cambiale La cambiale è un titolo di credito che reca nel contesto l obbligo incondizionato di pagare o di far pagare una somma determinata alla scadenza e nel luogo indicato sul titolo: - La cambiale che contiene l obbligazione l di pagare (promessa di pagamento), è definita vaglia cambiario o più comunemente pagherò,, termine assunto nella pratica per definire questo tipo di cambiale; - La cambiale che contiene l ordine l di far pagare (ordine di pagamento) è definita invece cambiale-tratta o più comunemente tratta.. L ordine L deve sempre comparire nel titolo. I soggetti ricorrenti nella cambiale sono: - emittente, traente, sottoscrittore: : colui che sottoscrive la cambiale, ossia che impartisce l ordine di pagare nella tratta o che si obbliga a pagare nel pagherò ò. - trattario, trassato: : colui a carico del quale viene emesso il titolo, vale a dire chi c riceve l ordine di pagare nella tratta o chi si obbliga a pagare nel pagherò ò,, dove pertanto sottoscrittore e trassato coincidono; - beneficiario, ordinatario, prenditore: : colui a favore del quale viene emessa la cambiale nella tratta emittente e benficiario possono coincidere, ovverosia il traente e puo emetterla a proprio favore;

32 Cambiale: titolo di credito Formale deve osservare una certa forma. All ordine trasferibile mediante girata Esecutivo il possessore in base al titolo può agire esclusivamente contro ii debitori

33 Cambiale: figure ricorrenti Emittente, traente o sottoscrittore Colui che sottoscrive la cambiale Beneficiario, ordinatario o prenditore Colui a favore del quale viene emessa la cambiale 1)Trassato o trattario 2) Accettante 3) Girante 1) Il debitore; 2) Chi nella tratta accetta l ordine di pagare 3) Chi trasferisce la cambiale per girata 1) Giratario 2) Avallante 3) Avallato 1) Colui a cui viene girata la cambiale 2) Chi ne garantisce il pagamento 3) Colui a favore del quale è dato l avallo.

34 Cambiale: requisiti essenziali Denominazione di Cambiale Nome di colui al quale o all ordine del quale deve essere effettuato il pagamento Nome di chi è designato a pagare Sottoscrizione di colui che emette la cambiale Ordine o promessa senza condizioni di pagare una determinata somma Indicazione del luogo di pagamento Indicazione della data e del luogo di emissione Indicazione della scadenza: (vista, a certo tempo vista, a certo tempo data, a data fissa)

35 Ricevute bancarie o RI.BA. Elettroniche La ricevuta è la dichiarazione, scritta e firmata, rilasciata da che riceve una somma di denaro a colui che ha effettuato il pagamento medesimo. Essa presuppone in genere un rapporto commerciale fra le parti, emittente e debitore, per cui fa di solito riferimento alle fatture oggetto di pagamento; Possono avere forma cartacea oppure elettronica; La forma della ricevuta è libera e riporta generalmente: - la data ed il luogo di emissione; - la dichiarazione di ricevuta espressa con la formula riceviamo la somma di... a saldo (o in conto) delle nostre fatture... - indicazione del numero, data e importo della fattura; - importo della somma ricevuta espressa in cifre e lettere; - sottoscrizione dell emittente; emittente; - il nome e l indirizzo l del debitore e la data in cui deve essere pagata (scadenza).

36 I servizi di portafoglio Il Portafoglio è il servizio della Banca che si occupa di tutte le operazioni relative agli effetti e altri titoli presentati dalla clientela per lo sconto e per l incasso. Le operazioni di Portafoglio possono concretarsi in: - Assunzione per lo sconto (le operazioni di sconto effetti sono giuridicamente disciplinate dagli artt Lo sconto è il contratto tipico con il quale la Banca, previa deduzione dell interesse, anticipa al cliente l importo l di un credito verso terzi non ancora scaduto, mediante cessione, salvo buon fine, del credito stesso e 1859 del C.C. Se lo sconto avviene mediante girata di cambiale o di assegno bancario, la Banca, nel caso di mancato pagamento, oltre ai diritti derivanti dal titolo, ha anche diritto to alla restituzione della somma anticipata) - Assunzione per l incasso l con accreditamento immediato salvo buon fine (nel portafoglio incasso l importo l degli effetti assunti viene accreditato nel conto corrente del cedente all atto atto stesso dell assunzione, ma con valuta riferita alla scadenza del titolo) - Assunzione per l incasso l con rimborso o accreditamento ad incasso effettuato (Gli effetti vengono accreditati solo ad avvenuta notifica di pagamento avvenuto).

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di investimento e di pagamento I servizi di investimento Prodotti che soddisfano le esigenze di investimento della clientela Raccolta diretta (raccolta

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi DFA Studio Legale Associato In materia di «titoli di credito» possiamo considerare due macro aree: Paesi di Common

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

Capitolo 1 - USI BANCARI Sommario

Capitolo 1 - USI BANCARI Sommario Capitolo 1 - USI BANCARI Sommario Operazioni di credito documentario (Articoli 1527, 1530 cod. civ.) Art. 1 Pagamento del prezzo nella vendita contro documenti (Articolo 1528 cod. civ.) 2 Pagamento diretto

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie Depositi e Titoli di Stato Le attività finanziarie Il primo degli elementi che compongono il sistema finanziario è rappresentato

Dettagli

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Pagina 1 di 7 Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Economia delle aziende di credito.. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito,.. 2008/2009 1 Indice degli argomenti

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE Prof. Pietro Samarelli La cessione di credito E l istituto giuridico mediante il quale il creditore originario viene sostituito da un altro soggetto,

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni)

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni) Testo Decreto Delegato Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini del presente decreto delegato si intendono per: a) Assegno

Dettagli

CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE

CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE scheda prodotto CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE aggiornato al 30.08.2013 FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE INFORMAZIONI

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche che giuridiche) in conformità all'art. 18 lettera 4 dello

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

CREDITO, LEASING, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI

CREDITO, LEASING, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI TITOLO VI CREDITO, LEASING, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I USI BANCARI 894. Operazioni di credito documentario (artt. 1527, 1530 C.C.). Le Banche, nelle operazioni di credito documentario, si attengono,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO RIBA AL SALVO BUON FINE (SBF) E/O IMMEDIATA DISPONIBILITA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO RIBA AL SALVO BUON FINE (SBF) E/O IMMEDIATA DISPONIBILITA FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO RIBA AL SALVO BUON FINE (SBF) E/O IMMEDIATA DISPONIBILITA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Maierato (Provincia di Vibo Valentia)

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO FOGLIO INFORMATIVO N 1 relativo al DEPOSITO AL RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Buonabitacolo Soc. Coop. Sede legale in Buonabitacolo, via S.Francesco Tel.: 0975 91541/2

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

CODICE CIVILE. Libro Quarto Delle obbligazioni. Titolo III Dei singoli contratti. Capo XVII Dei contratti bancari. Sezione I Dei depositi bancari

CODICE CIVILE. Libro Quarto Delle obbligazioni. Titolo III Dei singoli contratti. Capo XVII Dei contratti bancari. Sezione I Dei depositi bancari CODICE CIVILE Libro Quarto Delle obbligazioni Titolo III Dei singoli contratti Capo XVII Dei contratti bancari Sezione I Dei depositi bancari Depositi di danaro. Art. 1834. Nei depositi di una somma di

Dettagli

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE Appunti sul libro Economia della Banca DEFINIZIONI Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

verifiche di ingresso

verifiche di ingresso 114 PARTE TERZA erifiche di ingresso ed esercizi riepilogativi ERIICHE DI INGRESSO NOTA BENE: 1 2 3 Il diverso grado di difficoltà degli esercizi è così contrassegnato: livello di difficoltà basso livello

Dettagli

Servizi incasso crediti commerciali Portafoglio elettronico Portafoglio cartaceo

Servizi incasso crediti commerciali Portafoglio elettronico Portafoglio cartaceo Servizi incasso crediti commerciali Portafoglio elettronico Portafoglio cartaceo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Reale S.p.A. Corso Vittorio Emanuele II, 101 10128 Torino Numero Verde: 803.808 Indirizzo

Dettagli

DOCUMENTI AL DOPO INCASSO

DOCUMENTI AL DOPO INCASSO Aggiornato al 01/10/2015 N release 0010 Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore.

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore. DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO GIUSEPPE TONIOLO Via Sebastiano Silvestri n.113 - cap 00045 - Genzano di Roma (RM) Capitale e riserve al 31/12/2013-34.368.294

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO C/5 FIDO ANTICIPO CREDITI (clienti non consumatori)

FOGLIO INFORMATIVO C/5 FIDO ANTICIPO CREDITI (clienti non consumatori) FOGLIO INFORMATIVO C/5 FIDO ANTICIPO CREDITI (clienti non consumatori) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni a responsabilità limitata (di seguito la

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE TIPICHE DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE BREVITA' FUORI PIAZZA

FOGLIO INFORMATIVO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE TIPICHE DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE BREVITA' FUORI PIAZZA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 Email: info@bancapadovana.it

Dettagli

TITOLO VI Credito, assicurazioni, borse valori

TITOLO VI Credito, assicurazioni, borse valori TITOLO VI Credito, assicurazioni, borse valori CAPITOLO 1 USI BANCARI ITER DELL ACCERTAMENTO Primo accertamento: a) Raccolta provinciale degli usi e consuetudini 1965 b) Approvazione della Giunta: deliberazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso)

FOGLIO INFORMATIVO. SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso) SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso) (trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari D.lgs.1/9/93 n.385 Delibera CICR 4/3/03 INFORMAZIONI SULLA BANCA:

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA 1 CAMBIALE Contenuto Pagherò cambiario Cambiale tratta Scadenza Garanzie e pagamento Contenuto ASSEGNO Assegno bancario Assegno circolare Garanzie

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

EFFETTI AL DOPO INCASSO Foglio informativo

EFFETTI AL DOPO INCASSO Foglio informativo Informazioni sulla Banca Caratteristiche e rischi tipici del servizio Struttura e funzione economica Con questo servizio la banca cura per conto del Cliente l incasso di effetti, ricevute e documenti presentati.

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

Tabella generale dei movimenti, delle operazioni e dei servizi Allegato 1

Tabella generale dei movimenti, delle operazioni e dei servizi Allegato 1 Tabella generale dei movimenti, delle operazioni e dei servizi Allegato 1 Codice Descrizione 05 Prelevamento a mezzo sport. autom. Stesso intermediario 06 Accredito per incassi con addebito in c/c preautorizzato

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

Prof. Salvatore Loprevite

Prof. Salvatore Loprevite Sezione Economia aziendale Le cambiali attive e passive Prof. Salvatore Loprevite sloprevite@unime.it Le cambiali Pagherò (o vaglia) cambiario Dichiarazione scritta e firmata dal debitore con cui questo

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI 1005

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale.

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Tale raccolta, da impiegare esclusivamente per il conseguimento

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta ALLEGATO TARIFFA (PARTE I) Articolo della tariffa Indicazione degli atti soggetti ad imposta 1. 1. Atti rogati, ricevuti o autenticati da notai o da altri pubblici ufficiali e certificati, estratti di

Dettagli

SERVIZIO INCASSI E PAGAMENTI

SERVIZIO INCASSI E PAGAMENTI 10 FOGLIO INFORMATIVO AGGIORNATO AL 05.07.2010 SERVIZIO INCASSI E PAGAMENTI DATI INFORMATIVI DELLA BANCA DENOMINAZIONE Cassa Rurale di Tassullo e Nanno BCC - Società Cooperativa INDIRIZZO Piazza C.A. Pilati,

Dettagli

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Roma Società Cooperativa fondata nel 1954 Sede Legale, Presidenza e Direzione Generale in Via Sardegna, 129-00187 Roma Tel. 06 5286.1 - Fax 06 5286.3305

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 CORSI DI RIALLINEAMENTO ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 Sommario Compilazione estratto conto e staffa Sbilancio delle competenze Tutor: Dott.ssa Lixi Marta 1 2 Conto corrente Il conto corrente è il contratto

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO Il presente documento descrive le attività amministrativo-contabili inerenti la gestione dei pagamenti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso)

FOGLIO INFORMATIVO. SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso) SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso) INFORMAZIONI SULLA BANCA: DENOMINAZIONE e FORMA GIURIDICA SEDE LEGALE SEDE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO TELEMATICO Banca delle Marche

Dettagli

CONTO CORRENTE PER LE IMPRESE E PER I PROFESSIONISTI

CONTO CORRENTE PER LE IMPRESE E PER I PROFESSIONISTI FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE PER LE IMPRESE E PER I PROFESSIONISTI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE OPEN GROUP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE OPEN GROUP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. 1 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE OPEN GROUP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. con sede legale in Mura di Porta Galliera n. 1/2 A 40126 Bologna 051242557 e sede amministrativa:

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

IL CONTO CORRENTE INFORMAZIONI UTILI

IL CONTO CORRENTE INFORMAZIONI UTILI IL CONTO CORRENTE INFORMAZIONI UTILI IL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE Il conto corrente è il contratto con il quale le parti si obbligano ad annotare in un conto i crediti derivanti da reciproche rimesse

Dettagli

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto.

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto. Foglio informativo relativo all' APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Sezione I - Informazioni sulla Banca Banca di Credito Cooperativo di Tarsia (CS) soc. coop. Sede legale e amministrativa: Tarsia (CS),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 3a Servizi di incasso e pagamento / Italia

FOGLIO INFORMATIVO. 3a Servizi di incasso e pagamento / Italia Pagina 1/15 FOGLIO INFORMATIVO 3a Servizi di incasso e pagamento / Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

LEZIONE: TESORERIA 1/2

LEZIONE: TESORERIA 1/2 Corso Responsabile Amministrativo E. Marcelli C. Marcelli LEZIONE: TESORERIA 1/2 Tesoreria 1/2 AGENDA 1. Tenuta cassa 1.1 Prima nota cassa 1.2 Prima nota cassa esempio 1.3 Controllo cassa 2. Banca: Tipologie

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

C.C.I.A.A. BIELLA Raccolta Provinciale degli Usi anno 2010 TITOLO VI. Credito, assicurazione, borse valori

C.C.I.A.A. BIELLA Raccolta Provinciale degli Usi anno 2010 TITOLO VI. Credito, assicurazione, borse valori TITOLO VI Credito, assicurazione, borse valori 1 Capitolo - Usi bancari 2 Capitolo - Usi delle assicurazioni 3 Capitolo - Usi delle borse valori 231 1 CAPITOLO USI BANCARI I. - USI DI BANCA RICHIAMATI

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE 1 CORSO BASE DI CONTABILITA' BILANCIO e DIRITTO TRIBUTARIO 2011 1 MODULO REGOLE BASE DI CONTABILITA DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE PROGRAMMA La rilevazione

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 5. Emanuela Giachin INDIVIDUAZIONE

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 5. Emanuela Giachin INDIVIDUAZIONE Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 5 Strumenti di pagamento a confronto Risultati attesi Sapere: gli aspetti giuridici e formali dei principali strumenti. Emanuela Giachin Contenuti

Dettagli

APERTURA DI CREDITO PER ANTICIPI PORTAFOGLIO S.B.F., FATTURE ED ALTRI CREDITI

APERTURA DI CREDITO PER ANTICIPI PORTAFOGLIO S.B.F., FATTURE ED ALTRI CREDITI , Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. APERTURA DI CREDITO PER ANTICIPI PORTAFOGLIO S.B.F., FATTURE ED ALTRI CREDITI Sezione I - Informazioni

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE ORDINARIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE ORDINARIO FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE ORDINARIO Questo conto é particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire,

Dettagli

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI Pagina 1 di 29 UTILIZZO DELLO SCADENZARIO Di seguito vengono indicate le operazioni preliminari necessarie per poter gestire lo Scadenzario, e alcuni esempi di utilizzo. OPERAZIONI PRELIMINARI impostare

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA E DEPOSITO PER LA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA E DEPOSITO PER LA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA E DEPOSITO PER LA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra La CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO (di seguito CCSE), con sede in Roma, alla Via

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM Obiettivi di apprendimento ( come da linee guida) Al termine del biennio lo studente deve possedere: 1. Conoscenze

Dettagli

Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese!

Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese! Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese! 2 Il Prestito Sociale di Coop Centro Italia Il Prestito Sociale è uno strumento semplice, sicuro e conveniente attraverso il quale puoi

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito

Foglio Informativo Conto Deposito INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Terra d Otranto Società Cooperativa. Sede Legale Via Cesare Battisti, n. 27, 73041 Carmiano (Lecce) Sede Amministrativa Viale Leopardi, n. 73, 73100,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Gestione Incassi S.B.F. (Salvo Buon Fine) e D.I. (Dopo Incasso)

FOGLIO INFORMATIVO. Gestione Incassi S.B.F. (Salvo Buon Fine) e D.I. (Dopo Incasso) FOGLIO INFORMATIVO Gestione Incassi S.B.F. (Salvo Buon Fine) e D.I. (Dopo Incasso) INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-4138 San Felice sul Panaro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE CONVENZIONE DIPENDENTI COMUNE DI SAN RUFO COMUNE DI SALA CONSILINA

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE CONVENZIONE DIPENDENTI COMUNE DI SAN RUFO COMUNE DI SALA CONSILINA FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE CONVENZIONE DIPENDENTI COMUNE DI SAN RUFO COMUNE DI SALA CONSILINA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI Operazioni di Raccolta Foglio Informativo N.: 010202 BCCRESCO (Depositi a Risparmio per minori) TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

Dettagli

CARTE DI CREDITO CORPORATE

CARTE DI CREDITO CORPORATE CARTE DI CREDITO CORPORATE FOGLIO INFORMATIVO Ai sensi del Provvedimento della Banca d Italia del 15 febbraio 2010 e successivi aggiornamenti di recepimento della Direttiva sui servizi di pagamento e delle

Dettagli

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 Email: info@bancapadovana.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO LIBERI

DEPOSITI A RISPARMIO LIBERI Data release 22/05/2015 N release 0024 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede legale: P.za Ferrari 15-47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE Qualora il titolare sia un consumatore, si avverte che questo conto è particolarmente adatto a chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANTICIPAZIONI SBF INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO ANTICIPAZIONI SBF INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO DI SCHIO E PEDEMONTE SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale, Amministrativa e Direzione Generale Via Pista dei Veneti, 14 36015 Schio (VI) Tel.:

Dettagli