XII - 3/2008 1, 2, DCB/43/2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XII - 3/2008 1, 2, DCB/43/2004"

Transcript

1 Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/ Arezzo - Anno XII n 3/2008 Chiamati dal futuro 1

2 3 Primapagina C è un poeta nel cuore dell universo 4 6 È il futuro che muove il presente Attraversati dal vento 8 10 Il futuro, oltre ogni sbarra La capacità di scegliere Una parola nuova nel libro del mondo Gli infiniti orizzonti 18 SOMMARIO La storia ha bisogno di noi Le parole e il silenzio 22 Una nuova pubblicazione La nuova agenda La nuova veglia di Romena Ciao Luigi 28 Avvisi Graffiti 30 trimestrale Anno XII - Numero 3 - Ottobre 2008 REDAZIONE località Romena, Pratovecchio (AR) tel./fax 0575/ DIRETTORE RESPONSABILE: Massimo Orlandi REDAZIONE e GRAFICA: Simone Pieri, Alessandro Bartolini Massimo Schiavo FOTO: Massimo Schiavo, Eliseo Pieri, Piero Checcaglini Copertina: tratta dal film Tempi moderni Charlie Chaplin Hanno collaborato: Luigi Verdi, Stefania Ermini, Maria Teresa Abignente, Luca Buccheri, Luigi Padovese. Filiale E.P.I Arezzo Aut. N. 14 del 8/10/1996

3 Ricordi come tutto era possibile e pareva che aspettasse solo noi? Leggo queste parole di Giovanni Arpino e mi ripenso bambino. Sono stato molte cose allora: campione di sci (con le pattine, in camera), finalista agli internazionali di tennis (il muro dietro casa), stella del calcio (il prato davanti), telecronista (di me stesso negli sport di cui sopra). La tv lasciava libere le menti, almeno di pomeriggio, e la fantasia galoppava sul nostro tempo. Il sogno era una dimensione del gioco, la bellezza consisteva nel lasciarlo andare ovunque volesse. Non erano sogni premonitori. Non avevano l urgenza né l aspettativa di esserlo. Bastavano a se stessi, erano fuoco che scaldava una stagione ancora acerba, erano un irresistibile invito ad andare a vedere cosa sarebbe successo davvero. Se li richiamo non è per nostalgia, ma per ritrovarne il sapore. E perché quel senso di proiezione infinita, quella gioia di slanci impossibili è un grande bisogno del nostro presente. Oggi, infatti, sentiamo che quei sogni bambini non si sono evoluti, ma sono scomparsi, come evaporati. In un bellissimo articolo Concita De Gregorio scrive: I miei genitori sapevano che il mio futuro sarebbe stato migliore del loro. Per i nostri figli sappiamo che non sarà così. È una frase cupa, ma vera, che dà conto dello stato d animo di questa epoca: siamo consapevoli di poter fare solo peggio. Il futuro è divenuto un punto minaccioso oltre che indefinito: con mezzi sempre più sofisticati proviamo a controllarlo, a programmarlo, ma non siamo più capaci di sognarlo. Temiamo che domani sarà peggio perché se guardiamo lo scivolamento verso il basso delle istituzioni, della vita sociale, dei valori condivisi, se consideriamo l indifferenza e la distrazione con cui viviamo le vicende a noi contemporanee, non potrà che essere così. Questa frustrante percezione del domani ha un pregio di analisi (è fondata e realistica), ma un pericoloso difetto di prospettiva: rischia di bloccare, sotto una cappa di timori e di rinunce, l unico terreno che può in qualche modo dialogare col futuro, preparandolo, facendogli spazio: il terreno delle speranze, dei sogni, delle aspirazioni. Non so come, ma è necessario risvegliare questi sogni, smettendo di confonderli con i desideri e i bisogni, spesso falsi, che ci vengono infusi via endovena dal mondo dei mass media. Se il Dio della Bibbia ci invita a custodire e coltivare il giardino, la prima operazione da fare è quella di immaginare, di sognare continuamente quello che potremmo essere, quello che vorremmo fare in questo giardino. Questa fase creativa non va ingabbiata; non contano i suoi risultati, conta il movimento che produce in noi: una voglia di andare oltre, una spinta sul futuro capace di accendere la passione, di rintracciare energie insospettabili. E anche se il futuro ci porterà comunque verso situazioni che sono aldilà di quelle che possiamo immaginare, questa attività del sognare non è vana, perché ci esercita a guardare avanti, perché ci allena allo stupore del nuovo. Ho una malattia, sono contaminato dai sogni ha detto lo scrittore Maurizio Maggiani parlando del rapporto tra realtà e fantasia nei suoi libri Sono un uomo che non sa distinguere bene, e non gli interessa neanche, tra ciò che vede e ciò che sogna, tra ciò che ascolta e ciò che immagina Chiamiamo questa malattia virus dei sogni o della fantasia. E se possibile cerchiamo di capire non come si cura ma come, anche a piccole dosi, si può propagare. PRIMAPAGINA Massimo Orlandi

4 C è UN POETA NEL DELL UNIVERSO Ti chiamo avvenire perché non vieni mai. Non vieni mai così come vorrei, così come ti ho sognato. Io ti voglio progettare e non sopporto che tu non giunga a me come ti ho pensato, ti aspetto come un pacco postale che ha con sé quello che comodamente, da casa, senza fare un passo ho scelto come su un catalogo. Noi abbiamo la pretesa di erigere la casa sul futuro, con la prepotenza di uomini realizzati, sicuri nell armatura splendente del successo e della responsabilità, tu ci lasci vivere il nostro trionfo per quel poco che vale Ci manca l umiltà di attendere qualcosa di nuovo non programmato, la pazienza di colui il cui ora è eterno, la rettitudine di chi non è ancora arrivato. Incontro Luigi, ultimo saluto prima di affidarlo al custode del raccolto dei chicchi d amore. Lui privo di forze, in me senso di miseria. Tutti noi intorno al suo corpo a trattenerlo, come quando chi ama desidera che il treno ritardi. Terminata l unzione del corpo un brivido crepuscolare, noi a trattenerlo ancora, lui incerto ondeggia, poi chi lo chiama dal futuro è più potente e convincente di noi, e noi con Luigi ci abbandoniamo al richiamo, e con lui ci indirizziamo verso il futuro. In quel momento catena di luce e sapore di cielo scendono su di noi. Il vento di ottobre trae il tesoro di luce dalle foglie che cadono verso più luce. Cadono le foglie, cadono le stelle, cade il giorno, è caduto Luigi, ma tutto ciò che cade, qualcuno con dolcezza infinita lo tiene nella mano. 4 C è un poeta nel cuore dell universo. Descrive sempre la bellezza dei fiori, cancella spesso le insoddisfazioni dell animo, ma non riesce a far tacere mai il grido del dolore. di Luigi Verdi Cosa può cambiare se i tuoi occhi attendono l alba di un nuovo giorno, se la tua vita si sente chiamata dal futuro? Mi risveglio quando sento fuori dalla finestra un respirare più forte, è l alba che arriva. Alba di un nuovo giorno senza nessun invito e un vento sereno di semente viene dal futuro. Occorre abbandonarsi al suono senza pausa della terra. C è un inno dentro al grido di dolore di Luigi, un canto sottile, c è un inno nella gioia come un concerto selvaggio. C è un inno nella vita che è la vita di ciò che ho vissuto e ho salvato diligentemente Tagore dallo sterminio feroce dei giorni. C è un inno nel caos di quel mio incostante cercare di risposte che viene sempre defraudato dalle futilità delle ricerche. Devo chiudere con fede gli occhi ed essere capace di udire questi inni nascosti e chiedere alla chiarezza di non andarsene dai miei occhi, non schernire la ragione che mi spinge a proseguire. Cerco di ascoltare il futuro che mi chiama a seguire i suoi passi come quando impariamo a ballare e ci pieghiamo ad un ritmo che insiste più di noi. Un inno che ci anima a qualcosa di più bello di tanta diffidenza di tanto smarrimento e mi chiede di costruire la mia vita chiamato dal futuro. Mastico lentamente i minuti dopo avergli levato ogni spina e quando la vita mi maltratta, mi ricordo che non può stancarsi d aspettare colui che non si stanca di guardarti.

5 Foto di Piero Checcaglini Il futuro entra in noi, per trasformarsi in noi, molto prima che accada. Rainer Maria Rilke

6 è IL FUTURO CHE MUOVE IL PRESENTE Qual è la direzione del tempo? In questo testo, tratto dalle conversazioni tenute a Sotto il Monte (Bergamo) nel 1977, padre Giovanni Vannucci sovverte le nostre convinzioni razionali e ci invita a guardare la realtà con occhi nuovi: come nel seme di grano c è già un sogno di spiga, così nel nostro oggi c è già il segno, invisibile, del nostro domani. La nostra numerazione considera il tempo in un processo, in una direzione, che va dal passato al presente, e che è protesa verso il futuro. In realtà com è il tempo? Osservate il bimbo che sta crescendo nel seno di una donna, di sua madre. La crescita di questo bambino è determinata dal passato o dal futuro? Il bambino cresce per raggiungere una figura che ancora non ha e che raggiungerà nel seno materno il nono mese. E perché cresce? Cresce: c è stato il primo giorno o perché c è il termine del nono mese, quando avrà raggiunto la sua figura di bambino e verrà proiettato nel mondo con la nascita? Vedete che nel reale, nel vivente, il tempo ha un movimento differente: ha un movimento che parte dal futuro e che influisce sul presente. I cinesi usano raccontare un episodio molto intelligente a proposito della sconfitta di un loro generale: «Questo generale è stato sconfitto perché il giorno dei suoi funerali non sono state adempiute alcune cerimonie rituali». Questo episodio lo riferiva un ambasciatore cinese a Parigi, ed era presente Teilhard de Chardin. Tutti si misero a ridere pensando fosse una battuta di spirito orientale, cinese, ma Teilhard de Chardin disse: «No, l ambasciatore ha ragione». Vedete, noi stasera siamo qui insieme. Considerando il nostro incontro da un punto di vista razionale diciamo: «Io sono partito da Milano», «Io sono partito da Bergamo», «Io sono partito Dio ci parla sempre dal futuro; e anche quando ci rivolge la parola nel presente, la parola è protesa verso il futuro, come il chicco di grano che mettiamo nella terra è proteso verso la spiga che apparirà al momento della maturazione di Giovanni Vannucci da Firenze», e ci troviamo qui, e il nostro incontro è puramente casuale, cioè è avvenuto perché c è stato un richiamo: amiamo trovarci insieme qui a Sotto il Monte, tutto qui. Questa è la descrizione razionale del nostro incontro. Non potrebbe darsi che fra dieci anni noi comprendiamo i motivi che ci hanno portato qui? Non vi è mai successo nella vita di capire dopo degli anni perché avete incontrato quella persona, o perché avete preso quel libro, o perché siete andati in quel determinato posto, così, spinti da una curiosità oppure da una sollecitazione momentanea che non vi attendevate? Dopo un certo tempo comprendete il perché di quell incontro e di quel colloquio, della lettura di quel determinato libro, il perché della partecipazione a quella determinata ricerca, a quella conferenza, a quella lezione. Lo comprendete dopo un certo tempo. Questo mi preme farvi comprendere: il tempo vitale, il tempo vissuto non parte dal passato verso il presente, ma parte dal futuro verso il presente. Il seme che cresce nei nostri campi, il seme di grano che ora sta sviluppando le radici, perché sviluppa ora le radici? Perché c è il tempo vivente che lo chiama dal futuro, e il grano che cresce sogna la spiga, la figura che un giorno riuscirà a raggiungere nella sua maturazione. Il presente è una risposta nella vita concreta, nel reale, agli appelli che ci vengono dal futuro. 6 * Il testo è tratto da Il richiamo dell infinito, Edizioni Romena

7 Maria non si è lasciata condizionare dal passato ma dal futuro. Da quello che diventerà. Luigi Verdi

8 ATTRAVERSATI DAL VENTO di Maria Teresa Marra Abignente Ogni gestazione è qualcosa di segretamente nascosto: nel ventre della madre o della terra tutto avviene nell intimità di un calore che è impalpabile, nell oscurità di trasformazioni che sono invisibili agli occhi. La vita fa così: si nasconde e poi esplode, si occulta e poi si rivela. È il suo gioco, è il suo continuo fluire che noi vorremmo lento e costante, ma che in realtà è a volte straripante ed a volte sommerso, a volte inebriante altre volte incerto e stentato, come il cammino tortuoso di un fiume. Troppo spesso ci sentiamo gli autori della nostra vita, troppo spesso pensiamo, con grande presunzione, di essere noi a plasmare e a dar forma al nostro esistere, come fossimo noi creatori e non creature. E nella furia di gestire e rivoltare il nostro destino, nell opporci con mille strategie ed astuzie al solo pensiero di essere limitati finiamo per perderci, anzi, ci ritroviamo a remare in uno stagno. E pensare che invece siamo fatti per navigare l immensità! Non so se a voi è mai capitato, a me sì e sono stati momenti di una pienezza incontenibile. Forse tutto è successo in un attimo o comunque in un barlume di maggiore chiarezza. Forse è maturato come un frutto estivo o come uno scroscio di pioggia sulla terra riarsa. La sensazione nitida, fulminante che, finalmente, hai capito; che cioè quel che sembrava star dentro a marcire acquista finalmente senso e tutto, finalmente, si illumina. Si accende però di una luce che non è nuova, di una luce che già covava dentro, già contenuta in tutto quel che sembrava marciume o peso o incomprensibile fatica della vita e che ne era in fondo la sostanza. Come se si fosse aperta una porta, dietro alla quale in silenzio c eri tu che guardavi e ti interrogavi e aspettavi chissà quale misterioso aprirsi. Come se al di sotto di tante scorze e gusci, nascosto come un embrione ci fosse un nocciolo luccicante. E in quel momento 8 brividi di gratitudine ti salgono per la schiena, una vertigine ti afferra e ti solleva e tutto sembra leggero e chiaro, finalmente. I frammenti di vita, gli spezzoni d incomprensibile materia attraverso cui si snoda la nostra esistenza, si ricollegano in una compiutezza insperata; è come quando comprendiamo che tutte le acque della terra sono collegate tra loro da un continuo gioco di profondità e superficie: che sorpresa e che gioia ci dà avvertire tutto questo. Perchè allora vuol dire che non esiste dispersione, ma tutto è intrecciato; non c è spreco, ma tutto si accorda in un armonia che le nostre dita non sanno suonare e la nostra mente nemmeno immaginare, ma che esiste, aldilà di Christiane Singer noi. E questa armonia è la vita, la vita che gioca attraverso di noi, gioca nella nostra pelle, nelle nostre braccia, nei nostri piedi, nel nostro cuore; gioca anche quando noi non capiamo e vorremmo sfuggire al suo gioco, ma se la si lascia fare Se la si lascia libera di attraversarci, come fanno le foglie con il vento, se le si concede di vivere in noi, di respirare la nostra aria, se le prestiamo la nostra pelle, le nostre gambe e mani può riannodarci ad una dimensione che ci trascende e ci dà senso, ci immerge nell immensità a cui apparteniamo. Si tratta solo di far scorrere attraverso di noi questi giochi di luce, si tratta di umilmente attendere, si tratta di pazientemente credere che non siamo soli e sganciati dal creato, ma ne siamo parte. E come il creato siamo custoditi da una saggezza irrefrenabile e misteriosa. Quando tentiamo di confinare questa saggezza o quando vogliamo sostituirci ad essa diventiamo come alberi stanchi a cui sembra di portare sui rami e sulle chiome tutto il peso del cielo: ma è il cielo che chiama i rami in alto attirandoli delicatamente; è il cielo, l aria pulita e fresca e la luce che dà loro lo slancio. Solo così il vento tra le foglie può giocare. L autunno, spogliando i rami, lascia vedere il cielo.

9 Foto di Massimo Schiavo L eternità è il miracolo della prima volta che si ripete sempre. L eternità è non abituarsi. Ermes Ronchi

10 IL FUTURO, OLTRE OGNI SBARRA Questo articolo ci arriva dal luogo dove la parola futuro non gira mai a vuoto. Perchè in prigione il futuro è necessario come l aria. Il nostro mondo ci scrive Enrico viaggia a velocità incredibili. Ognuno di noi, per scelta per necessità, va ad una velocità diversa dalla sua. Ma ora, finalmente, sono arrivato a capire. E quando mi accorgo che sto variando la mia velocità (spesso per soddisfare un bisogno inutile, magari di qualcun altro), mi fermo e ricerco il mio io. Uno degli strumenti che uso è il giornalino di Romena. Le copie che ho ricevuto in questi anni le conservo come pietre preziose e sono una delle pochissime cose di cui non mi sono spogliato durante i tanti trasferimenti che ho fatto (mi vengono concessi 7kg. di bagaglio). Enrico allega alla sua lettera un articolo. Nei 7kg che sposterà, se dovrà spostarsi di nuovo in un altro istituto di pena, ci sarà anche il peso, e la forza, delle sue parole. Sono in carcere. Per altri, tanti anni dovrò starci, le carte mi dicono che uscirò il 23 marzo Potrei, anzi posso, gestire questi anni come meglio credo, facendo ciò che voglio. In fondo è la realtà; mi è stato detto così una mattina di quasi cinque anni fa e di questo ne ho fatto e ne sto facendo tesoro: puoi vivere il carcere anche come un opportunità. Mai nessuno più di una persona spogliata di tutte le sue quotidianità, di tutto il suo essere, può sentire la chiamata dal futuro. E ognuno se lo costruisce il suo futuro. Passo dopo passo. Se resta fedele a quelli che sono i suoi sogni riuscirà a esaudire questa chiamata. Per me, il futuro è rappresentato dai miei affetti. Il resto non mi importa. Nella mia vita passata ho fatto un po di tutto, lavorato tanto, troppo, e alla fine ero diventato una persona arrivata, ma diversa da quella che nel mio intimo avrei voluto diventare, perché stavo esaudendo le aspettative di altri, non le mie. Ero ricco di tutte quelle cose inutili che la società ormai ci impone, ma mai nel mio intimo sono stato tanto povero come in quei momenti. Con il lavoro che svolgevo avevo soddisfatto i bisogni primari, secondari, terziari miei e delle persone che mi circondavano, ma non bastava mai e un giorno si è spento definitivamente quel lume che ognuno di noi ha nel cuore e che gli dice chi è, e sono esploso. La mia chiamata dal futuro è rappresentata dall esaudire il mio bisogno di aiutare chi è meno fortunato di me e il mondo ad essere meglio di ciò che è. Stamattina guardando il telegiornale i titoli erano sempre gli stessi: qualche morto, il governo che si inventa qualcosa di bizzarro, incidenti sulle strade e via di seguito. Io in tutto questo non mi riconosco più. Ho capito che bisogna tornare all origine, a quell essere bambini, per recepire realmente le cose come sono e andare verso il nostro futuro. Il perdere di vista chi sono e cosa voglio, mi ha portato in carcere. Pigi nel suo libro descrive un esercizio che ha fatto con alcuni ragazzi, mettendo una bottiglia su un armadio e chiedendo a loro di raggiungerla partendo dall altro lato della stanza. L unica che ce l ha fatta è stata una ragazza che non ha perso di vista l obiettivo. Ho adottato abbastanza facilmente questa tecnica, che è poi molto semplice e cioè quella di non perdere di vista me stesso. So che solamente rispondendo alla chiamata dal futuro, esaudendo i bisogni del mio intimo, riuscirò a combinare qualcosa nella mia esistenza e solamente dopo questo avrò vissuto. Enrico 10

11 Foto di Massimo Schiavo Occorrono segni, cioè fessure da cui oggi qui sulla terra intravedere Dio. Gesù sulla terra aprì segni, aprì con la sua vita fessure; da cui sorprendere la gloria futura. Angelo Casati 11

12 LA CAPACITÀ DI SCEGLIERE di Luigi Padovese La vita è come un laboratorio. Ci sono dei momenti in cui questo appare più vero. Momenti in cui senti forte il bisogno di trasformazione. In natura, questo bisogno si esprime bene con il cambio delle stagioni. È in questa fase che si possono vedere bene i contrasti e i conflitti connessi al cambiamento, ma anche le opportunità, le novità possibili, le speranze. È un cammino che si definisce camminando. E, in questa ricerca, spesso mi chiedo se conti solo l affidarsi o se c è anche uno spazio reale per progettare, per influenzare e far accadere le cose. Mi chiedo, cioè, quanto pesi in tutto questo la volontà, il nostro volere. A te dico, alzati!. Mi colpisce ogni volta che lo leggo e che prendo in mano le lodi del mattino. Un richiamo forte e un invito altrettanto forte alla nostra volontà, un indicazione di fiducia e di speranza. Alzarsi, partire, mettersi in cammino verso una meta, seguendo una direzione. Ma questa post modernità in cui viviamo si presenta spesso come l epoca del disorientamento. Non si sa dove andare, che direzione prendere. Essere disorientati, non saper scegliere: rappresentano l uomo senza volontà. Chi perde la propria identità perde la propria volontà. Assaggioli, fondatore della psicosintesi, diceva che quando non c è volontà, quando una persona non è capace o ha paura di scegliere c è sofferenza, depressione, ansia. La capacità di scegliere è forse ciò che più di tutto può definire un essere umano: ecco allora l importanza fondamentale di riscoprire e coltivare la nostra volontà, che è la funzione psicologica da cui la scelta ha origine. Senza scelta consapevole, senza volontà non ci alziamo, non guardiamo da nessuna parte, non andiamo in nessuna direzione. Se ignoriamo la volontà tendiamo a reprimere il nostro stesso potere personale, le nostre facoltà più importanti. Riconoscere e dar valore alla volontà significa essere responsabili della propria vita. Dobbiamo però distinguere tra questa volontà, che ci fa evolvere e che ci fa sentire padroni di noi stessi, dalla volontà di stampo vittoriano che ci fa sentire schiavi e ci pone su di una strada di involuzione e irrigidimento. Dunque non una volontà intesa come ansioso senso del dovere, come condanna, come repressione di una parte di noi stessi, ma una volontà che ha origine dal centro del nostro essere, che si comporta come il nostro personale regista interno che armonizza, dirige e permette di decidere ciò che vogliamo fare e farlo. Questa consapevolezza ci aiuta a crescere e a guarire superando quell atteggiamento di vittima impotente tale per cui le ingiustizie avvengono perché non facciamo nulla per impedirle, ci ammaliamo perché non ci curiamo della nostra salute, siamo soli perché temiamo il contatto con gli altri, le disavventure ci perseguitano perché vediamo solo ciò che è negativo, le prepotenze ci opprimono perché ce le aspettiamo e le permettiamo, ecc. La volontà ci aiuta in questo cammino evolutivo. Una volontà al servizio, dunque, dell autorealizzazione: ciascuno possa essere ciò che può essere e così esprimere tutte le potenzialità che possiede. Possiamo lasciarci condizionare da fattori esterni, o andare avanti per forza dell abitudine, inserendo il pilota automatico, oppure scoprire in noi stessi la facoltà di scegliere, di dirigere, di guardare nella direzione voluta, di essere causa. Tutto questo lo possiamo scoprire, provare ed esercitare in ogni situazione della vita, nella quotidianità, nella crisi, nella routine e nel cambiamento, nel fare le cose e nell incontrare l altro. Questo succede se vediamo la vita come un laboratorio, dove possiamo esercitare la nostra volontà, la nostra capacità di dominare una situazione con competenza e consapevolezza. E questo, come molte ricerche dicono, dà gioia, gioia di vivere. La volontà, dunque, ci aiuta a rispondere alla chiamata del futuro. È l augurio che faccio a me stesso in questo momento della mia vita! 12

13 Foto di Piero Checcaglini I beni più preziosi non devono essere cercati e conquistati, ma attesi. Simone Weil 13

14 UNA PAROLA NUOVA NEL LIBRO DEL MONDO di Luca Buccheri «I sogni di oggi sono il futuro che muove il presente» diceva l indimenticato padre Giovanni Vannucci. In effetti se noi abbiamo un sogno, un desiderio profondo, non è il passato, ma il futuro a influenzarlo. Agiamo, creiamo, progettiamo senza avere certezze davanti a noi, solo perché c è un oltre che ci spinge, che ci mostra ciò che ancora non si vede ad occhio nudo, e ci chiama a rischiare, a non calcolare, ma solo a muovere le cose perché sia raggiunto quello che muove e abita il cuore. Anche la natura, la creazione risponde al comando ad esistere che le viene dal futuro: «E Dio disse: la luce sarà! ; e la luce fu» (Gen 1,3). L autore biblico usa un verbo all imperfetto, che però in ebraico esprime il senso del futuro, anche con una tonalità imperativa. Ogni creatura viene all esistenza nella misura in cui obbedisce a questo comando, a questa Parola che le viene dal futuro. Come a dire che fin dalle primissime pagine della Bibbia la condizione della vita è dettata dal futuro non dal passato. Il passato è descritto come un caos primordiale in cui Dio crea separando, attraverso una parola che squarcia il presente immettendo i semi del futuro. Se questa chiamata dal futuro che mi piace anche intendere come speranza è primordiale e costitutiva di ogni vivente, possiamo allora capire come il rifugio nel passato, nelle sicurezze date dalle tradizioni e dalle abitudini possa generare disperazione e tristezza. Come quella del giovane ricco che rifiuta la chiamata di Gesù per voltarsi indietro ai suoi beni, alle sue sicurezze, al suo passato. Il fascino che Gesù esercitava su questo giovane non è stato sufficiente ad aprirgli un futuro nuovo anche se incerto. La fiducia è sempre un atto di speranza, che risponde positivamente agli appelli provocanti del futuro. La vita ci provoca continuamente, ci chiama ad una sfida dopo l altra, ad un cammino di novità. In ebraico piede (regel) e abitudine (herguel) derivano dalla stessa radice. Perché questa associazione? In una lingua povera di vocaboli il fenomeno della polisemia (una parola con più significati) è frequente e va osservato attentamente 14 perché spesso nasconde un legame assai ricco tra i diversi significati. Nel nostro caso, si potrebbe definire l abitudine come l andare dove ti porta il piede per strade già note, senza che la mente se ne accorga. Come sfuggire all alienazione dei ritmi consolidati, al rifugio nella sicurezza delle abitudini? La terza parola del Decalogo indica una strada: è lo shabbat, il sabato. Nel sabato, che vuol dire riposo, tu impari a fermarti e a fermare il tempo. Ad aprire un nuovo sguardo, a lasciare entrare la novità. Nel sabato il cessare ogni attività non va letto in senso moralistico, ma come un recupero di quegli spazi di gratuità e silenzio, bellezza e creatività che spesso sono preclusi nella ferialità. In altre parole, lo shabbat vuole restituire all uomo quello sguardo sul futuro che spesso gli sfugge, travolto dagli ingranaggi del presente o dai blocchi del passato. Istintivamente siamo portati a seguire strade già conosciute, già percorse da noi o da altri. Ma l essere umano non si sviluppa pienamente, non mette a frutto tutte le sue potenzialità in un contesto in cui tutto è già definito e codificato dai ruoli e dalle regole. C è bisogno di uno spazio interiore ed esteriore libero perché ciascuno trovi la sua strada seguendo ciò che preme maggiormente nel suo cuore, ciò che lo libera dai condizionamenti e lo rende felice. C è uno spazio di unicità che solo ognuno di noi deve occupare per abitare pienamente la Vita. Ognuno è una lettera e perché il libro del mondo sia terminato devi scrivere anche la tua parola, per rinnovare il libro aggiungendo il tuo significato! Qualcuno diceva, giustamente: non sarà un caso se abbiamo gli occhi davanti. Siamo fatti per guardare avanti e non per voltarci indietro. La vita è avanti a noi, non è rifugio nel ricordo o nostalgia «del tempo che non tornerà più», come recita una bella canzone di Fiorella Mannoia. La Vita, il futuro, ci chiama. Siamo invitati, dolcemente, ad esserci, a lasciarci trovare quando l amore busserà ancora, a vivere già oggi quei sogni che anticipano la realtà.

15 Foto di Alfredo Altafini La porta della felicità si apre solo verso l esterno: chi cerca di forzarla in senso contrario finisce col chiuderla ancora di più. S. Kierkegaard

16 16

17 Foto di Nassimo Schiavo 17

18 Gli infiniti orizzonti di Massimo Orlandi Adnane Mokrani e Sharzad Houshmand sono due teologi musulmani. Lui è tunisino, lei iraniana. Sono marito e moglie. Da molti anni vivono a Roma, entrambi insegnano all Università gregoriana. A Romena hanno portato i frutti del loro cammino spirituale, la bellezza della loro religione e anche i segni di quanta strada possediamo in comune. Senza saperlo. da sinistra: Sharzad Houshmand, Raffaele Luise e Adnane Mokrani Nel nome di Dio, pienezza di amore e di misericordia. Sharzad pronuncia in arabo le prime parole del Corano. Si apre così la prima fessura su un mondo nuovo, conosciuto solo per i suoi riflessi, per ciò che è cronaca, dibattito, pregiudizio. La spiritualità è altro. Sono i volti dei nostri ospiti che assorbono la luce del mattino, è la loro accoglienza discreta, il loro porgerci se stessi e la loro cultura con delicatezza, con cura. Sharzad e Adnane avevano già regalato a Romena un gesto. Erano stati qui nei giorni di Pasqua. Avevano voluto incontrare le nostre tradizioni in silenzio, in punta di piedi, in ascolto. Ed è da quell incontro che parte il loro intervento. La prima cosa che vorremmo dirvi oggi è grazie. Già a Pasqua avevamo sentito Romena come un luogo dei primi discepoli di Gesù, un luogo semplice, pulito, alla ricerca della spiritualità. Oggi quella sensazione ci viene confermata. È un tappeto di amicizia quello che ci offrono. Ci si può appoggiare, liberi. Abbiamo invitato Sharzad e Adnane a parlarci della beatitudine della misericordia. E la misericordia è al cuore del Corano, è uno dei nomi di eccellenza di Dio: Quando parliamo dei 99 nomi di Dio spiega Adnane il numero 99 è simbolico perché i nomi di Dio sono infiniti. Dentro questo Dio unico, troviamo una pluralità, la pluralità dei nomi, la diversità interiore che si riflette nella diversità del Creato: ogni cosa, ogni creatura, ogni persona riflette un nome divino, ci dice qualcosa di Dio. Ma dentro questa pluralità troviamo anche una dualità: ci sono i nomi della maestà che esprimono la grandezza, l energia, la forza di Dio, e ci sono i nomi della Bellezza, che esprimono la dolcezza, la tenerezza, l amore, la misericordia. I nomi della Maestà esprimono, in qualche maniera, il lato maschile di Dio, invece la parte della Bellezza esprime il lato femminile di Dio. Ma queste due categorie non sono uguali: c è un detto del Profeta che dice La mia misericordia ha vinto, ha superato la mia ira, la mia vendetta. 18

19 Dunque il lato della tenerezza è più grande del lato della Grandezza. E questi due lati insieme, uniti, rappresentano il Dio unico. Anche Sharzad insiste su questo aspetto femminile, materno di Allah: È interessante vedere che le due parole, Amore e misericordia, Rachman e Rachim, si riferiscono alla parola Rachem che significa letteralmente, in arabo, l utero materno. Per l Islam Dio non è un essere umano, non ha una figura materiale, non è né maschio né femmina, ma se volete proprio dare una forma, un simbolo, è molto più vicino ad una madre, ad una madre che abbraccia il suo feto già dentro l utero, ed è un abbraccio totale, un nutrimento continuo. Amore e Misericordia. Ma, intanto, incalza Raffaele Luise che conduce l incontro, intorno a noi c è tanta violenza e questa violenza spesso si fa scudo con la religione. L essere umano è fisiologicamente violento ci dice Adnane. C è un egoismo individuale e un egoismo di gruppo, da cui nasce la violenza. Scopo delle religioni deve essere proprio quello di aiutare l essere umano a liberarsi dall egoismo che causa questa violenza, di aiutarlo a essere più umano, più libero. Perché nel momento in cui l essere umano è libero da questo egoismo riesce a guardare le persone, il mondo, con l occhio di Dio, con l occhio della misericordia. Le religioni devono liberare, non tenere prigionieri, e devono unire, non dividere: Trovo che un grande peccato religioso sia l esclusivismo, cioè il dire che solo noi siamo i salvi, che gli altri sono condannati solo perché appartengono a un altra realtà religiosa. È un atteggiamento antireligioso perché è contro la natura misericordiosa di Dio che include tutti in sé. Sono chiare, nette, ma anche straordinariamente morbide le parole che ci arrivano da questi teologi. Ribaltano prospettive, luoghi comuni, e lo fanno accostando alla forza del ragionamento, l ispirazione del cuore; ragione e cuore insieme. È così che tanti antagonismi vani potrebbero essere abbattuti, e che questa paura della diversità che oggi attanaglia il nostro Occidente, potrebbe essere superata. Io sottolinea Sharzad penso che la paura sia contro la fede. Anche personalmente, quando ho paura di qualcosa, in quel momento perdo la fede. Vedo proprio un contrasto fortissimo fra la fede e la paura, sia nelle piccole cose della vita che quando si ha paura di un altra creatura, di una creatura di Dio. Eppure. Eppure questa paura che accomuna tanta parte del nostro mondo moderno può essere affrontata. Solo che occorre unire, mettere insieme, ascoltarci. È un esercizio in grande, che assomiglia a quello che stiamo facendo oggi in piccolo, in questa pieve che trabocca stupore e affetto. Voi dice Adnane mi parlate della crisi della società occidentale e del cristianesimo, ma anche il mondo islamico vive le sue crisi, crisi di politica, crisi per i diritti umani, per i diritti delle minoranze, per i diritti delle donne. E per affrontare queste crisi abbiamo bisogno gli uni degli altri: credo in questa cultura del Mediterraneo che ci unisce, non ci separa, credo che possiamo dirci e fare tante cose insieme. Tocca a Sharzad: Sono convinta che l Islam, come il cristianesimo, come altre religioni siano delle proposte all essere umano per migliorare, per cominciare un cammino di purificazione. Per questo credo che le due religioni, l Islam e il Cristianesimo (anche il Corano nomina i cristiani come coloro che sono i più vicini ai musulmani) potranno aiutarci molto per rispondere alla crisi del mondo. I cristiani potranno aiutare i musulmani a non essere magari così chiusi sulla Legge perché, sì, c è questa debolezza purtroppo di chiudersi un po sulla lettera e sulla legge. E i musulmani magari potranno aiutare i cristiani a leggere di nuovo il Vangelo, a vedere con occhi nuovi Cristo, a vederlo come un Cristo universale, a non vedere solo un Cristo per i cristiani. C è una strada possibile, un sentiero, che sembra possibile percorrere alla fine di questa mattina. Risuonano nell aria di Romena le parole di padre Giovanni Vannucci: Le religioni sono come i raggi di una ruota, tutti puntano verso il centro. E, in fondo, si riflettono sulla frase del Corano che Sharzad pronuncia per salutarci: Venite, raduniamoci tutti insieme intorno alla parola perché in fondo il nostro Dio e il vostro Dio è uno solo. 19

20 La storia ha bisogno di noi Un pomeriggio con don Luigi Ciotti, piccolo grande testimone del nostro tempo. La riflessione è sul tema della giustizia, ma la parola che più ritorna è responsabilità. La responsabilità, cioè il contributo che ciascuno di noi, con le sue forze, può dare, per costruire una società più umana, più pacifica, più giusta. di Stefania Ermini Romena e don Luigi Ciotti si incontrano in una calda giornata d estate. C è voglia di ascoltare questo uomo di parte : dalla parte dei diritti, della dignità, della vita, della giustizia, della ricerca della verità, della libertà. Fondatore del Gruppo Abele, organizzazione che opera all interno delle carceri minorili ed aiuta le vittime della droga; primo presidente della Lega italiana per la lotta contro l Aids (LILA), presidente di Libera, rete di organizzazioni impegnate nella lotta alla mafia. Un piccolo, piccolo, piccolo testimone, con tutte le mie miserie, dell incontro di Dio. Così si definisce Don Ciotti. Piccolo, piccolo uomo dalla parte della giustizia e della verità: Non si costruisce giustizia senza ricerca della verità. Dobbiamo fare, dobbiamo dare coerenza. La prima responsabilità che abbiamo rispetto alla giustizia è di fare in modo che i diritti dell uomo diventino per tutti noi carne! Don Ciotti è seduto su un panchetto di paglia vissuta mentre prendono forma parole che scuotono e spingono ad aprirsi all azione. Il problema non è la mafia, non sono i mafiosi. Il problema siamo noi. Se c è una malattia mortale oggi è proprio la crescita dell indifferenza, di perbenismo, di rassegnazione, di delega in molti contesti e in molte realtà. Allora qui noi abbiamo una grande responsabilità. Non dobbiamo perdere la capacità di portare un contributo. Ripiegato sul panchetto di paglia vissuta chiede lo sciopero degli applausi di chi lo sta ascoltando. Quasi a chiedere invece, di ascoltare, pensare bene e poi agire per creare una società responsabile: proviamo a parlare di una società responsabile. Cioè di uomini e donne che ridefiniscono una responsabilità. Che non ci mettiamo a far solo denunce, ma che facciamo proposte. Dobbiamo cominciare a vivere con coerenza questi contenuti e questi valori, dandone continuità. La giustizia si crea anche non facendo sconti a nessuno, con atteggiamento rispettoso, propositivo, ma chiaro. Non diventiamo complici con il nostro silenzio. Don Ciotti chiama certamente alla gioia e alla festa, ma anche alla consapevolezza che il cambiamento ha bisogno di ciascuno di noi. È importante non dimenticarci che senza giustizia non c è pace e quando nel Vangelo di Matteo c è quel passo categorico che dice cercate prima il Regno di Dio e la sua giustizia noi siamo chiamati a cominciare a portare qui il nostro contributo, a realizzare il Regno di Dio 20

21 e la sua giustizia. E per quel che mi riguarda e ci riguarda, incomincia proprio da quei volti e da quell affermazione di diritti della libertà e della dignità umana e della giustizia sociale. Ecco perché noi non possiamo tacere, dobbiamo evitare le scorciatoie, dobbiamo conoscere, dobbiamo ascoltare, dobbiamo evitare di vivere per sentito dire. Abbiamo sempre il dovere di andare in profondità. Non venga meno la profondità in ciascuno di noi rispetto alle cose che facciamo, ma anche alle letture che facciamo. Prima di esprimere dobbiamo essere seri, attenti e documentati, ma poi non possiamo e non dobbiamo tacere. Don Ciotti ci indirizza verso un futuro che può essere costruito solo rompendo il silenzio e creando reti di relazioni forti che si muovono insieme per scardinare la malattia dell indifferenza. Quel fame e sete di giustizia deve essere prepotente dentro di noi, non dimenticandoci che è un dono che Dio ci fa e che ci affida. Lui l ha vissuto e l ha testimoniato. Il futuro della Giustizia sta nelle nostre gambe, nei nostri movimenti, nella nostra azione. Non senza fatica e difficoltà, ricorda Don Ciotti. Ma sperare significa anche fidarsi delle curve perché la strada non è sempre dritta e comoda. E io non l ho mai dimenticato questo, e non lo dimentico mai. Come non dimentico mai quel passo di Isaia che dice Le acque non ti travolgeranno, non temere. A volte abbiamo un momento di smarrimento, di fatica. Credo che ciascuno di noi abbia trovato nel cammino della sua vita un momento di sofferenza, di dubbi, di interrogativi. Spesso mi sono chiesto se i anni di attività con Libera, sono serviti. Se i 43 anni di Gruppo Abele sulla strada con quei volti di uomini e di donne sfruttate, dei ragazzi senza fissa dimora sono serviti. Me lo devo chiedere e devo dirvi che noi siamo chiamati La prima dimensione della giustizia è la prossimità, l ascolto, la relazione a non dimenticarci che la storia ha bisogno di noi. Anche noi possiamo scrivere una pagina meravigliosa di storia. Cominciando con quel faccia a faccia quotidiano con la storia delle persone. Noi siamo chiamati a scrivere la nostra pagina di storia qui. Sul Vangelo, c è una pagina bianca che siamo chiamati a scrivere. È nostra, ci è affidata. Dio ci dice: Scrivila tu. Siamo chiamati a scrivere nella coerenza una pagina di vita. Una pagina che ci è affidata e che ci chiede di incontrare e di costruire Amore. Ma l amore è l impegno. L impegno costruisce l amore. L amore comincia dalla responsabilità. L amore comincia dalla consapevolezza che i percorsi non hanno bisogno di navigatori solitari, ma solo il noi ci permette di costruire le strade. Piccolo, piccolo, piccolo uomo dell incontro con Dio e con l altro. Perché è la storia delle persone che ci cambia, sono gli altri che definiscono, è la nostra relazione con l altro, è l ascolto dell altro che definisce chi siamo, dove siamo, dove stiamo andando. Io ho sempre creduto che bisogna unire forze ed energie di mondi diversi. Avere dei compagni di viaggio che ci arricchiscono per la loro storia, i loro percorsi, le loro idee, le loro intuizioni, le loro diversità. Fermo su quella sedia di paglia vissuta su cui è immobile e ripiegato Don Ciotti ci spinge ad accogliere le domande aggressive e quelle mute dell altro, ad accarezzare le ferite, ad aprire varchi verso la propria e l altrui libertà coi piedi per terra, saldando cielo e terra, chiedendo ogni giorno perdono a tanti fratelli e a Dio della mia fragilità. Che vi accompagni la passione perché l incontro con le persone ha bisogno di passione: è fatto di testa, ma è fatto anche di cuore. E la prima dimensione della giustizia è la prossimità, l ascolto, la relazione. Allora io credo che questo debba appartenere veramente a tutti 21

22 Le parole e il silenzio Sulle orme di Tiziano Terzani La vostra iniziativa è bellissima, onora Tiziano e aiuta a farne conoscere i pensieri. Soprattutto è larga, ampia, comprende tanti altri che la pensano come lui, ma si esprimono in altri modi o con altri mezzi e questo è esattamente quello che Tiziano sperava succedesse: che si andasse avanti Angela Terzani 10,00 ISBN A Romena e in tutte le librerie Nel silenzio dei castelli, delle pievi e dei monasteri del Casentino si calano le parole di importanti testimoni del nostro tempo, da Erri De Luca a Rita Borsellino, da Lucio Luzzatto a Angela e Folco Terzani intervistati da Massimo Orlandi e Paolo Ciampi. E se è l esperienza di Tiziano Terzani che disegna le mappe di questo itinerario, è nel vissuto, nei pensieri, nelle intuizioni di queste voci, libere e liberanti, che il cammino prende forma per offrire a ciascuno l occasione di riflettere sui grandi temi della vita: il rapporto con la malattia, il desiderio di pace, la dimensione del viaggio, il richiamo dell infinito. Il libro Le parole e silenzio, pubblicato dalle Edizioni Romena, insieme alla Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi, raccoglie i frutti preziosi di questo percorso. Prossimi incontri SABATO 18 OTTOBRE ore 16,30 castello di poppi Giudicare nelle aule dei tribunali nei cuori degli uomini Pierluigi vigna - carol beebe tarantelli SABATO 8 novembre ore 16,30 Pieve di Romena Ritirarsi - ritrovarsi Tito BARBINI - ELENA TUCCITTO - WOLFGANG FASSER 22

23 UNA NUOVA PUBBLICAZIONE CharlesDe Foucauld Un tempo per seminare e uno più lungo per aspettare Guardando le vostre immagini e ascoltando le parole del mistico del deserto, cari amici di Romena voi offrite un invito, quello che viene dal deserto, illuminato di quelle bellezze che appaiono nelle vostre immagini. Non dovrebbero stimolare unicamente un sentimento estetico e soddisfare quel bisogno di bellezza che è in ciascuno di noi, ma un bisogno di silenzio che è l unico ambiente che può trasformare il nostro cuore e creare relazioni nuove fra noi e, grazie al quale, le cose scoperte possono essere messe al servizio della vita di tutti i fratelli del mondo. (dalla prefazione di Arturo Paoli) 11,00 ISBN A Romena e in tutte le librerie PAROLE E IMMAGINI Charles De Foucauld vedeva il deserto, e nel deserto c era Dio, vedeva i tuareg, e lì incontrava Gesù, vedeva il silenzio, il vento e la luce, e di tutto questo era fatta la sua vita. Lasciarci penetrare dalle sue parole, dai luoghi che ha amato, dai volti che lo hanno cambiato: è questo il cammino che proviamo a compiere con queste immagini e le loro parole, le une e le altre inscindibilmente insieme. foto di Massimo Schiavo 23

24 LA NUOVA AGENDA 2009 È sempre bello veder nascere un libro, in questo caso un agenda. Gli amici di Romena hanno pensato di costruire per il 2009 un agenda al femminile. E così alcune di noi hanno cominciato a leggere, leggere, leggere per raccogliere testi, scritti da donne, che accompagnassero lo sgranare dei giorni del prossimo anno. Ci siamo imbattute in testi meravigliosi, caratterizzati da uno stile squisitamente femminile: la sensibilità, la concretezza, la passione, la tenerezza, la partecipazione al dolore di tutte le creature e dell intero universo, lo spirito materno e di fraternità, la dolcezza, ma anche la determinazione con cui venivano trattati i diversi temi, ci hanno commosso profondamente e ci hanno spinto a continuare a cercare. E penso che continueremo a farlo, perché la rivelazione di donne a donne ci ha fatto intuire, capire, comprendere meglio lo sguardo femminile sul mistero. Sguardo che sempre tocca e si rivolge ad uno spazio più grande, forse più alto, perché partorito dalla creatività e dalla vita. Che ci comprende tutti. Elena Berlanda 24 Con gli occhi delle donne Quest anno abbiamo deciso di scegliere gli interventi del mese e il commento al Vangelo della domenica tra testi scritti da donne

25 Leggere la nostra storia, i nostri sogni accompagnati dalla ricerca femminile che ci invita all inquietudine e ci spinge al cammino. Essere terra d accoglienza Io chiamo «femminile» la qualità che la donna risveglia nel cuore dell uomo. Chiamo «femminile» il perdono delle offese, il gesto di rimettere nel fodero la spada quando l avversario è al suolo, l emozione che si sente ad inchinarsi. «Al di là del bene e del male, c è un prato dove ti attendo». Questo verso di Rûmi è il loro regno: uno spazio in cui esse credono, che gestiscono, che inventano e che immergono nella luce del loro amore; uno spazio al di là del fatto di aver ragione o di aver torto, al di là dei violenti strattonamenti a destra e a manca, al di là delle rivendicazioni giustificate o ingiustificate, al di là delle ferite terribili e delle vendette, al di là della guerra e della pace stesse. Uno spazio folle, uno spazio logicamente impossibile, politicamente scorretto, razionalmente indifendibile, in cui i morti di ogni sponda terroristi e vittime, kamikaze e passanti assassinati, combattenti e civili uccisi vengano a farsi cullare in silenzio. E da questo spazio nasce un campo di coscienza che si diffonde come un sottile profumo e che nessun muro è in grado di fermare. Chi lo inspira viene contaminato. «Al di là del bene e del male, del vero e del falso, del giusto e dell ingiusto, c è un prato dove ti aspetto». Ecco il regno delle donne. Il femminile è una vasca, un ricettacolo vuoto. Una terra d accoglienza. Christiane Singer Di cosa parlano le donne quando parlano d amore? Del mistero della vita, dell ineluttabilità della morte. Della paura. Del sogno. Dell ingiustizia e della bellezza. Soprattutto di se stesse. Perché noi donne abbiamo conosciuto il mondo attraverso l amore. Iaia Caputo A Romena e in tutte le librerie 14,00 ISBN

26 LA NUOVA VEGLIA DI ROMENA Abitare la Vita 35 incontri nelle varie cittˆ per ritrovarci e continuare il cammino 26

27 LE VEGLIA DI ROMENA Rovereto Parrocchia di Santa Caterina - Frati Cappuccini ore 21,00 Udine Parrocchia di San Marco ore 21,00 Padova Parrocchia SS. Trinità - via Bernardi ore 21,00 Brescia Chiesa di San Cristo dei Padri Saveriani ore 21,00 Bergamo Chiesa dei Frati Cappuccini ore 21,00 Milano Parrocchia Beata Vergine - Lavanderie Segrate ore 21,00 Catania Parrocchia SS. Pietro e Paolo - via Siena ore 20,30 TRAPANI - SALEMI Chiesa Padri Cappuccini ore 20,30 LAMEZIA TERME Chiesa del Carmine - Sambiase ore 20,30 ROSSANO CALABRO Comunità Santa Maria delle Grazie ore 20,30 Valdarno Pieve di Cascia - Reggello ore 21,00 Firenze Parrocchia dei Salesiani - via Gioberti ore 21,00 14 Ottobre 15 Ottobre 16 Ottobre 21 Ottobre 22 Ottobre 23 Ottobre 10 Novembre 11 Novembre 12 Novembre 13 Novembre 26 Novembre 10 Dicembre 27

28 Ciao Luigi Non dimenticheremo mai quell ultima volta, due anni fa. Alla fine della messa ti avvicinasti all altare e, in poche parole, ci raccontasti della sfida per la vita che ti era toccata. Avevi un sorriso morbido, che catturava amore. Spendesti lucenti parole, il resto lo dicesti cantando con la chitarra, nel modo che ti piaceva di più. Ma questo è solo uno dei mille momenti con cui chi ti ha incontrato, ti tiene con sè. A Romena ti ascoltiamo sempre, la tua voce è nelle canzoni che ci accompagnano, molte di queste le hai composte con tuo fratello Antonio. Già, Antonio. Questa canzone, questa poesia Antonio l ha scritta per te dopo che avevi imboccato il nuovo viaggio. La ascoltiamo col cuore, abbracciandoti, abbracciandovi con tenerezza. Fratellino ra la pioggia scende sulla terra fresca della tua tomba ti bagna come un grembo come un pianto di mamma, mamma piangendo ti culla ancora un altra volta. Le lacrime e la luce fanno l arcobaleno, così ti dice Gigi, e la polvere è aria che si solleva. Noi di polvere tanta ne abbiamo raccattata, a volte anche i capelli erano solo polvere scompigliata, e a forza di blue jeans l abbiamo consumata. Fino agli occhi di polvere posata, uno sguardo di cielo 28 dagli occhiali di un sole a una frangia di luna su una spalla di sera quasi appena toccata. E poi la notte ancora a volte, disabitata. Ora la pioggia scende con morbidezza, e delicata bagna la tua terra bagna il tuo sonno, che è diventato sempre più leggero. Non smetterò mai di cantare con te. Fratellino, fratellino mio non ti avrei mai pensato in fondo a quella terra, né a fare questo viaggio, tu da solo, quando ogni volta ti accompagnavo io. Antonio Salis

29 Festa d'autunno Domenica 19 Ottobre Stiamo lavorando al programma che scandirà i momenti della giornata. Vi invitiamo a consultare il nostro sito, per conoscere gli incontri e gli orari della festa. Nuovi Corsi dicembre I gesti quotidiani con Maria Teresa Abignente Nella semplicità dei piccoli gesti ritrovare l attenzione, la calma, la cura che merita la vita: perché è nella semplicità che avvengono i miracoli dicembre I profeti ieri e oggi con Dino Liberatori Sono la voce di Colui che non ha voce: gridano la giustizia, l amore per la pace. Hanno occhi che guardano più dentro, oltre il visibile. Iscrizioni dal 1 novembre segreteria di Romena: Iscrizioni dal 1 novembre segreteria di Romena:

30 30GRAFFITI scolto il telegiornale e lo sconforto mi A piega ad una triste riflessione. È drammaticamente vero che qualsiasi guerra, anche la più atroce, non insegna niente all uomo. È vero, come dicono i grandi, che la vera unica pace, sta e risiede nel cuore dell uomo, ed è partendo da lì, che l uomo sempre e ovunque, potrà chiamarsi tale. Credo però che lo scenario sociale sia lontano, molto lontano da ciò. Mi viene incontro un passo di Desiderata, che cosi recita: Conserva l interesse per il tuo lavoro, per quanto umile, è ciò che realmente possiedi per cambiare le sorti del tempo. La piccola goccia nell oceano è l amore che ognuno di noi ha dentro di sé per quella scintilla divina che tocca e ha toccato tutti noi. L unico vero momento a nostra disposizione è il presente, ed è qui che vive tutto, in particolare la vita che non chiede mai perchè vive ma vive. Credo che siamo nati per amare, per imparare ad amare, anche se le vie o le vite possono essere tormentose e ingrate. Credo che chi è in rapporto con questo sentimento di fondo sappia che ogni cosa, ogni esperienza insegni veramente qualcosa, l importante è non giudicare e non giudicarsi per rischiare di bloccare quel flusso di energia pronto ad insegnarci che la vita è da vivere, e stranamente ha sempre qualcosa da dirti. Il futuro il passato è qui con noi, in questo eterno presente, con le nostre piccole gocce d amore pronte a darci quel contenuto tanto prezioso, chiamato esperienza. E sono certa che, anche questa non razionalizza i passi compiuti, ma li vive si! li vive in un incessante movimento dove l unico rumore è il nostro cuore che batte, aperto a nuova vita! Ora è già cosi mentre scrivo si è affacciato un nuovo giorno. Paola o un immagine di madre che partorisce, H qualcuno viene chiamato alla vita, accompagnato con amore o disperazione verso un inevitabile arrivo, la nascita. Quante aspettative per un figlio chiamato al futuro, al suo amore pensato, vissuto, sentito; voglia di donare, di spandere energia pensando a lui. E il suo futuro si dipana, cresce, prende forma nei fatti, nelle scelte, negli eventi imprevisti. Tanto amore scorre, si intreccia con pazienza ed ansia, chiede a volte conferme. Chiamare al futuro qualcuno è un grande impegno, come lo è stato essere stati chiamati da qualcuno a suo tempo. In questa legge di vita a doppio canale qualcosa accarezza l orizzonte come un vento d amore più grande e ci chiede di chiamarci al futuro. Il più grande gesto d amore

31 è questo: essere capaci di chiamare noi stessi al nostro futuro, vivere per fare il passo successivo, infondere coraggio al nostro gesto per quello che verrà dopo, che troveremo strada facendo. Nella scoperta di quello che accadrà, che riusciremo ad accettare come fioritura dei semi dell oggi, vedo la meraviglia del divenire, l avventura di un chiamarsi al futuro seguendo l eco di noi stessi. Giulietta ualche tempo fa una parente che non Q vedevo da diversi anni, al mio invito di incontrarci rispose: per quale motivo?. Io le dissi, sempre per sms: per vederci, abbracciarci, ricordare. Lei mi rispose: vederci e abbracciarci mi sta bene, ma ricordare assolutamente no! Li per lì pensai: ma guarda che str Poi invece le risposi: Viva il presente e il futuro!. Così ci siamo incontrate ed è stato bello! Questo mi ha fatto riflettere un bel po sul richiamo del futuro, sulla mia vita trascorsa: gioie, dolori, sofferenze, prove, amore, difficoltà di intesa, tristezza del non essere capita ed ultimamente la scoperta che io non posso decidere per situazioni che altri devono vivere e risolvere. È così che oggi (ho 70 anni) il mio cuore e la mia mente guardano oltre. La vita, questo dono splendido ricevuto per amore, è dentro di me e corre oltre, va avanti e (pur non rinnegando niente di ciò che è stato, chiedendo perdono per quanto ho sbagliato) mi spinge verso un futuro che, breve o lungo che sia sarà ancora pieno di bello, di amore, di tenerezza, di gioia. Ultimamente ho tenuto la barca della mia vita troppo ancorata ed è ora che molli gli ormeggi e prenda il largo. Forse da qualche parte qualcuno è in attesa e sarà felice di dire: eccola, arriva!. Sono qui davanti ad un mare splendido dove i colori si fondono. C è addirittura un delfino, al largo, che corre e salta nell azzurro che si fa verde E mi sento serena chiamata dal futuro, piena di domande, con una voglia di inventarmi di nuovo. O forse questo è un sogno di follia?! Gioia PROSSIMO NUMERO: il giornale in uscita a Dicembre approfondirà il tema: Abitare la vita. Inviateci lettere, idee, articoli, foto (termine ultimo: 20 Novembre 2008), preferibilmente alla nostra UN CONTRIBUTO: se volete darci una mano a realizzare il giornalino e a sostenere le spese potete inoltrare il vostro contributo sul c.c.p allegato. CASSA COMUNE: è composta dai vostri c.c.p. più offerte libere. La cassa sarà utilizzata per continuare a realizzare il giornale e ampliarne la diffusione (in carceri, istituti, associazioni, gruppi, ecc.) PASSAPAROLA: se sai di qualcuno a cui non è arrivato il giornale o ha cambiato indirizzo, o se desideri farlo avere a qualche altra persona, informaci. SEGRETERIA: l orario per le iscrizioni ai corsi è preferibilmente dal mercoledì al venerdì dalle 17,30 alle 19,30, sabato e domenica quando vuoi. Le iscrizioni ai corsi si aprono il primo giorno del mese precedente al corso stesso. 31

32 Foto di Massimo Schiavo N on voleva saperne di edifici, la divinità era nomade e nomade è restata. Erri De Luca 32

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch Una delle persone più straordinarie che ho conosciuto in questi ultimi anni è sicuramente Claudia Koll. Attrice di successo, affianca attualmente

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp a c l I s l te lo dei tuoi an n i v e r d i ARCHIVIO www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp 1 Stai per addentrarti in un affascinante viaggio alla scoperta di 3 Stelle. Come in ogni favola non può

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

VIVO CON TE NON VIVO PER TE

VIVO CON TE NON VIVO PER TE JHONNY MARIOTTO VIVO CON TE NON VIVO PER TE RIEDUCA IL TUO CUORE E ABBRACCIA COSÌ UN AMORE VERO VIVO CON TE NON VIVO PER TE rieduca il tuo cuore e abbraccia così un amore vero 2015 Jhonny Mariotto Prima

Dettagli

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI 31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI Ciao e benvenuto, sono sicura che troverai questo piccolo ebook molto speciale e sai perché? Perché è dedicato alla persona più importante su questo pianeta.. quella persona

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

della tematica e azioni per favorire la formazione e la pratica della nonviolenza nelle scuole, attraverso lo sport e nelle carceri.

della tematica e azioni per favorire la formazione e la pratica della nonviolenza nelle scuole, attraverso lo sport e nelle carceri. Presentazione È interessante notare come, oggi, il tema del perdono sia passato da un ambito specificamente religioso a uno psicologico, sociale, umano. Da un po di tempo (primi anni 2000), in Colombia,

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

NELL'ATTESA CI AFFIDIAMO AL SIGNORE

NELL'ATTESA CI AFFIDIAMO AL SIGNORE I A4 NELL'ATTESA CI AFFIDIAMO AL SIGNORE Preghiere per il tempo dell' attesa INNO ALLA VITA La vita è bellezza, ammirala. La vita è un opportunità, coglila. La vita è beatitudine, assaporala. La vita è

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi Cammino di perfezione/20 Vinci le antipatie con l amore sii amico di tutti Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi sull amore come anima di ogni comunità familiare, ecclesiale, sociale. Una comunità

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli