Valessentia. Il White Book della Lean. in Production

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valessentia. Il White Book della Lean. in Production"

Transcript

1 Valessentia Il White Book della Lean in Production Risposte semplici e originali alle domande che si fanno tutti quelli che vogliono condurre con successo il loro percorso di conversione e diventare rapidamente, intensamente e durevolmente lean Per lavorare serenamente in un ambiente instabile

2 1. COSA SIGNIFICA LEAN MANAGEMENT DELLA STRATEGIA? 2. QUALI SONO I VALORI ED I COMPORTAMENTI NECESSARI PER IMPLEMENTARE UN MANAGEMENT CENTRATO SULLA LEAN? 3. CHE BENEFICI PORTA AI CLIENTI E ALL AZIENDA? 4. PERCHÈ SI DICE IL PROCESSO PORTA AI RISULTATI? 5. CHE DIFFERENZA ESISTE TRA LA LEAN E LE ALTRE METODOLOGIE? 6. COME SI METTE IN PRATICA LA LEAN? 7. DA DOVE SI INIZIA? 8. MA LA LEAN COSTA, CI SARA UN RITORNO? 9. COME CONTABILIZZARE LE SPESE DELLE ATTIVITA LEAN E QUANTE RISORSE SI DEVONO DEDICARE? 10. COME MI DEVO PREPARARE PER IMPLEMENTARE UN PROCESSO DI CONVERSIONE LEAN? 11. QUALI SONO LE BUONE PRATICHE MANAGERIALI E I CONCETTI DA RISPETTARE PER GARANTIRE IL SUCCESSO DELLA CONVERSIONE LEAN? 12. QUALI POSSONO ESSERE LE CAUSE DI INSUCCESSO NELL IMPLEMENTAZIONE DELLA LEAN? 13. QUANTO TEMPO È NECESSARIO PER IMPLEMENTARE LA LEAN? 1

3 14. ESISTONO DELLE GRANDI DIFFERENZE SUI COSTI DELLA CONSULENZA. COME MAI? 15. TRA DIVERSE PROPOSTE, COME FARE PER VALUTARE QUELLA CHE PORTERA MAGGIOR SUCCESSO? 16. COME PROTEGERSI DAL RISCHIO DI BUSINESS INTELLIGENCE NELL UTILIZZO DI CONSULENTI ESTERNI? E VALESSENTIA?... 2

4 1. COSA SIGNIFICA LEAN MANAGEMENT DELLA STRATEGIA? Lean non significa MAGRO ma piuttosto SNELLO, AGILE. Esprime la capacità dell azienda di mettersi in discussione per adattarsi velocemente al contesto del mercato e puntare all eccellenza organizzativa basandosi su concetti organizzativi universalmente riconosciuti per la loro efficienza. Management significa un modo di gestire e non un modo di usare. Non si tratta di pescare in una tool box delle tecniche, ma di capire quali leve si devono usare per arrivare all obiettivo. Fare la lean non è il fine, ma il mezzo per raggiungere l eccellenza. Spesso si confonde strategia con tattica. La strategia esprime il cosa fare per raggiungere un risultato. La tattica indica il come farlo. Lo stratega è colui che indica su quale muro appoggiare la scala. Il tattico sa come salirci sopra con efficacia. LEAN MANAGEMENT DELLA STRATEGIA indica che s intende utilizzare la lean come modo di pensare, di organizzare e di operare per traguardare gli obiettivi. Suppone di sapere quello che si vuole diventare e il modo in cui lo si vuole ottenere. Pertanto il percorso di trasformazione lean non è un semplice progetto, ma un PROCESSO che non ha fine. 3

5 2. QUALI SONO I VALORI ED I COMPORTAMENTI NECESSARI PER IMPLEMENTARE UN MANAGEMENT CENTRATO SULLA LEAN? La lean richiede umiltà ed apertura mentale per mettersi in discussione o farsi mettere in discussione anche da persone che a volte si ritiene non essere preparate. Si basa sul lavoro di squadra e per la lean conta più il risultato della squadra che quello del singolo individuo (anche se molto bravo!). L uomo lean si impone di ragionare con i dati ed i fatti e non giudica e non biasima. Ordine e pulizia sono alla base di ogni attività efficace. Una grande curiosità, sete di imparare e volontà di migliorare caratterizza il vero lean practitioner che s incontra spesso sui sentieri difficili e non su vie facili e comuni. 4

6 3. CHE BENEFICI PORTA AI CLIENTI E ALL AZIENDA? Ogni azienda intende offrire ai propri clienti il massimo di valore e servizio in termini di QCDP. Dare cioè un prodotto di QUALITÀ ad un COSTO che sia allineato con le PRESTAZIONI offerte e consegnato nel rispetto dei tempi concordati (DELIVERY). Tre processi fondamentali costituiscono la matrice dove l azienda applicherà la sua strategia: Processo Marketing /R&D /Sviluppo Prodotto per creare il valore Processo Produzione e Supply Chain per produrre il valore Processo di gestione dell ordine per pianificare il valore A questi processi vengono associati i processi transazionali per la gestione amministrativa delle risorse e dell azienda Malgrado l intento di voler fare bene e farlo al primo colpo, questi processi mostrano molto spesso delle carenze che generano delle insoddisfazioni e rischi per la competitività e reddittività dell azienda. La lean porta delle soluzioni estremamente efficaci per rendere maggiormente robusto ogni tipo di processo aziendale. La lean è il modo efficace di rimanere competitivi sul mercato servendo al minor costo possibile il massimo del valore aggiunto per i clienti sempre nel rispetto della strategia aziendale. 5

7 4. PERCHÈ SI DICE IL PROCESSO PORTA AI RISULTATI? Curando i processi in modo lean, si garantisce la permanenza del livello di qualità progettato e si prepara l azienda ad essere maggiormente competitiva per il futuro. Una delle caratteristiche di base delle aziende leader è proprio quella di interessarsi al processo seguito più che ai risultati stessi che arriveranno comunque se il processo seguito è quello giusto ed è condotto in modo opportuno. La fiducia nei processi diventa, per un azienda che applica la LEAN MANAGEMENT DELLA STRATEGIA, una vera cultura che unisce valori e comportamenti. 6

8 5. CHE DIFFERENZA ESISTE TRA LA LEAN E LE ALTRE METODOLOGIE? Vi sono due grandi differenze. Una riguarda la metodologia di lavoro e l altra la messa in opera dei concetti organizzativi altamente efficienti. Tipicamente, si tende ad organizzare il miglioramento attorno alle grandi funzioni aziendali, ognuno cerca pertanto di migliorare il proprio territorio. Il concetto di base è che se ognuno migliora il suo singolo allora l azienda migliora globalmente. Questo paradigma più di una volta si è dimostrato errato. La lean, cercando di migliorare i flussi fa cambiare questo paradigma inducendo tutti gli attori a collaborare trasversalmente a favore del flusso globale quello che crea il vero valore per il cliente. La lean applica il concetto think global, act local con grande efficienza. La seconda grande differenza è proprio di carattere concettuale. La lean poggia sui concetti di JUST IN TIME e di AUTO ATTIVAZIONE che richiedono di evidenziare i problemi per affrontarli andando alla radice. L approccio convenzionale porta a pensare che i problemi siano cronici e pertanto, di doversi organizzare attorno ad essi. La grande efficienza della lean sta proprio nel fatto di saper affrontare i problemi e non di aggirarli. 7

9 6. COME SI METTE IN PRATICA LA LEAN? La lean utilizza le risorse stesse dell azienda per migliorare la performance. Scelta un area da migliorare, viene assegnata una sfida ad un gruppo di persone per migliorare l efficienza del processo di quell area. Il team, che raccoglie tutte le competenze necessarie a vincere la sfida, è sovrano nel proporre una soluzione ovviamente preparata con l aiuto del consulente e che poggi sui concetti della lean. Il team lavora con modalità full immersion per un periodo di 2-5gg dopodiché, lavora con frequenza regolare per rendere operative le modifiche che sono state definite e pianificate. Degli indicatori di performance sono definiti prima dell inizio dell attività di miglioramento e servono a misurarne la progressione confrontando lo stato prima e dopo. 8

10 7. DA DOVE SI INIZIA? Partendo dal processo più vicino al cliente. Per un azienda manifatturiera è la produzione. Per aziende di servizi o di distribuzione, possono essere la logistica oppure la gestione dell ordine. Strada facendo, si risale a monte del processo verso i fornitori, ma anche l Ufficio Tecnico, il Marketing senza dimenticare l Amministrazione, la Finanza o le Risorse Umane. Man mano, che vengono create le condizioni per lavorare con concetti lean, aumenta sempre più il numero di persone coinvolte dalla lean e che collaborano alla conversione. 9

11 8. MA LA LEAN COSTA, CI SARA UN RITORNO? Questa è la stessa domanda che ci si poneva 40 anni fa a proposito della qualità! La risposta è stata data a quei tempi dalle aziende leader: Non è la qualità che costa, è la non qualità!. Se la qualità costa, significa che non è ottenuta in modo efficiente. Per la lean, vale lo stesso. Chi vede gli effetti positivi continua il cammino e non si pone più la domanda. Chi no, si ferma adducendo la responsabilità dell insuccesso alla lean, ma la colpa non è della lean, ma di chi non la sa implementare bene. In molti casi, al consulente attiene una parte di responsabilità importante non avendo bene strutturato la progressione della conversione. Se fatta bene, la lean è un processo che si ripaga rapidamente col tempo. Nei primi mesi richiede un investimento consulenziale e qualche spesa operativa, ma mai investimenti importanti. 10

12 9. COME CONTABILIZZARE LE SPESE DELLE ATTIVITÀ LEAN E QUANTE RISORSE SI DEVONO DEDICARE? Le ore di impiego delle persone dedicate alla lean non vengono considerate in quanto le attività si svolgono all interno dell ordinario tempo di lavoro. Le prime attività svolte spesso consentono di recuperare efficienza operativa evitando di dover assumere personale per gestire il processo lean stesso. Per iniziare occorre circa l 1% delle risorse dedicate al 100% alle attività lean. Le aziende che ci credono fortemente raddoppiano le risorse il secondo anno e triplicano il terzo anno mettendo nel gruppo permanente di miglioramento continuo i migliori talenti, quelli che trascineranno tutti gli altri. La trasmissione del know-how viene cosi accelerata e i costi di consulenza si riducono velocemente per ogni metodologia appresa e possono essere spostati verso altre competenze da acquisire. Se il canone consulenziale rimane più o meno stabile fino a quando c è qualcosa da imparare dalla consulenza, il rapporto spese benefici migliora sempre più con l autonomia acquisita dalle persone. 11

13 10. COME MI DEVO PREPARARE PER IMPLEMENTARE UN PROCESSO DI CONVERSIONE LEAN? Prima di essere integrata alla strategia, il management deve essere fortemente convinto di quello che potrà ottenere e di come ottenerlo. Crederci significa che ha deciso di sposare l INTERO SISTEMA MANAGERIALE che poggia su TRE convinzioni fondamentali: Il potenziale di miglioramento supera sempre quello che si può immaginare. Si deve mettere in opera solo ciò che serve e sfruttare quello di cui si dispone prima di cercare ulteriore risorse. Le Buone Pratiche e Comportamenti Manageriali sono requisiti per il successo del processo: Esemplarità, livello di esigenza, coinvolgimento e impegno personale nel processo di conversione sono inderogabili a tutti i livelli della linea di management. 12

14 11. QUALI SONO LE BUONE PRATICHE MANAGERIALI E I CONCETTI DA RISPETTARE PER GARANTIRE IL SUCCESSO DELLA CONVERSIONE LEAN? Le stesse cause creano sempre gli stessi effetti. Se il processo è buono, i risultati non possono che essere presenti all appuntamento. Il management che è convinto deve poi comunicare le intenzioni al livello aziendale. La lean non deve essere un cadere dal cielo senza preparazione ed in particolare bisogna sapere che la lean può liberare molte risorse umane in poco tempo. La Direzione deve anticipare questo fenomeno per sapere come sfruttare [NB: Inteso come usare al meglio nel rispetto dell uomo!] queste nuove risorse rese disponibili: aumento della capacità produttiva, creazione di nuovi servizi al cliente, rinforzo di aree deboli, aumento della capacità di lavoro del gruppo permanente di miglioramento continuo,... A prescindere dall aspetto umano e della responsabilità sociale, il licenziamento di persone durante il percorso lean non è compatibile con la metodologia e fa perdere credibilità al processo stesso. La lean è una metodologia partecipativa che si basa sul coinvolgimento delle persone e non si può chiedere ad una persona di segare il ramo sul quale è seduto! C è un rischio d interpretazione negativa da parte del personale del processo lean. Una certa diffidenza può insinuarsi creando difficoltà alla diffusione della lean. La Direzione deve curare la comunicazione spiegando le sue intenzioni in modo da non creare situazioni di diffidenza nel confronto del processo di conversione e a volte anche di possibile rallentamento o blocco dello stesso. 13

15 12. QUALI POSSONO ESSERE LE CAUSE DI INSUCCESSO NELL IMPLEMENTAZIONE DELLA LEAN? La mortalità dei programmi di conversione lean è molto elevata. Le cause sono numerose, ma si possono raggruppare sotto tre voci principali: Il consulente non ha saputo guidare l azienda nella gestione del cambiamento Quantità di attività non allineate con le risorse disponibili Cronologia errata nella sequenza delle attività Comitato di pilotaggio poco efficace nel mantenere la rotta e affrontare i problemi Il consulente ha implementato in modo sbagliato i concetti lean Estremizzazione dei concetti Concetti generici che non prendono in conto il contesto dell azienda Le condizioni di auto mantenimento nel tempo dell organizzazione lean non sono state organizzate in modo corretto Il management non ha sostenuto il processo in modo visibile e permanente Delega la responsabilità di fare senza nessun audit Atteggiamento poco determinato nel sostenere il processo, cambio di moda Cambiamenti di manager che interrompono la continuità del processo di conversione lean 14

16 13. QUANTO TEMPO È NECESSARIO PER IMPLEMENTARE LA LEAN? La conversione lean è un processo non un progetto! Il miglioramento è permanente. Non si termina mai. Bisogna considerare la conversione lean come il viaggio di Marco Polo. Più si va avanti e più ci si arricchisce con quello che si vede e si capisce che si può fare ancora meglio. La curiosità crea la voglia e la metodologia porta i risultati. Quando questa epidemia culturale contagia tutta l azienda, il potenziale di cambiamento e di innovazione è di livello outstanding. Da 12 a 24 mesi sono necessari per avere i primi risultati sostenibili e visibili. Da 3 a 5 anni sono necessari per cominciare ad avere un po di cultura aziendale sulla lean e vedere le prime iniziative prese in autonomia. Un sistema diventa maturo dopo 5 anni di lavoro continuo, ma c è sempre da imparare. La collaborazione con uno dei nostri più vecchi clienti risale al 1996 e prosegue a tutt oggi. Quest azienda per la sua eccellenza organizzativa è diventata il fiore all occhiello del gruppo di cui fa parte ed ha vinto il premio promosso dalla JIPM Giapponese (Japan Institute of Plant Maintenance) per la performance del suo processo TPM (Total Productive Maintenance). 15

17 14. ESISTONO DELLE GRANDI DIFFERENZE SUI COSTI DELLA CONSULENZA. COME MAI? La domanda dovrebbe essere: Che beneficio ricevo da questo costo? Per saperlo, di seguito alcune considerazioni che spesso non vengono valutate al livello giusto: Investimento nella R&D. Molte aziende di consulenza operano basandosi sul know-how acquisito nel passato. Le tecniche sono viste come una competenza statica. Poche nuove metodologie vengono ideate e l investimento in formazione e visite di altre realtà è scarso. Se il prezzo proposto sembra buono, il rapporto costo/beneficio non sarà al massimo. Conoscenza teorica e esperienza pratica: Molti consulenti si auto dichiarano esperti lean senza che nessuno purtroppo abbia fatto una valutazione oggettiva delle loro competenze. Tanti sono i casi di società di consulenza lean, che non posseggono né la giusta competenza, né l esperienza operativa sufficiente oppure altre volte esse mancano di capacità produttiva (consulenti in proprio) per poter seguire adeguatamente i loro clienti pertanto, utilizzano risorse esterne (freelance) con metodologie e competenze non sempre validate e seguite. Vediamo sempre più gli effetti negativi di scelte fatte da consulenti improvvisati. L impatto sulle aziende è negativo sul medio/lungo termine. Si registrano casi di stress elevatissimo che porta a problemi di salute fisica e psichica: traumi muscolari, assunzione di farmaci o in casi estremi a suicidi sul posto di lavoro. Il processo di conversione lean stesso può essere fortemente rallentato o anche interrotto. 16

18 15. TRA DIVERSE PROPOSTE, COME FARE PER VALUTARE QUELLA CHE PORTERÀ MAGGIOR SUCCESSO? Per rispondere a questa domanda, bisogna prima definire quali sono le caratteristiche di un vero successo. Non a caso, le troveremo nel classico trittico QCD al quale occorre aggiungere la P di PERFORMANCE che si definisce come la capacità di portare RAPIDAMENTE dei risultati di FORTE INTENSITÀ...e che si MANTERANNO nel tempo! Numero di giorni: Per l esperto non servono tanti giorni per capire la problematica, spiegare come affrontarla e poi realizzare il lavoro. Pertanto, necessita di meno giorni per agire. Un programma, che richiede tanto tempo e la presenza di più consulenti in contemporanea, sono dei segnali da considerare. Sarà sicuramente più elevato il rischio di non ottenere risultati del livello desiderato e in tempi brevi. Basarsi esclusivamente sul costo giornaliero è sicuramente il modo meno valido. Conviene ragionare sul costo complessivo dell intero programma e confrontare le varie proposte. Bisogna stare molto attenti a proposte pluriennali con piani corposi e complessi. Fedeltà dei clienti: la fama di un azienda di consulenza di trasmette a voce. La capacità di portare regolarmente nuove idee e metodologie crea le condizioni per una collaborazione duratura. Molte aziende presentano una lista di clienti lunghissima. Facendo un rapporto tra questo numero ed il numero di consulenti disponibili, ci si fa un idea su quanto l azienda di consulenza abbia saputo soddisfare il cliente. Fare una prima piccola collaborazione consente spesso di scoprire il vero spessore del consulente! 17

19 16. COME PROTEGGERSI DAL RISCHIO DI BUSINESS INTELLIGENCE NELL UTILIZZO DI CONSULENTI? Il rischio è legato a comportamenti non etici ricorrenti nella professione. I danni sono pesanti, sia per i clienti di questi consulenti, sia per le altre aziende di consulenza. I modi e mezzi per rubare il know-how provengono da gente con una creatività tale che è difficile proteggersi. Meglio fare in modo che il lupo non entri nel pollaio. Riservatezza: la clausola deve essere espressa in modo chiaro nel contratto e coprire tutte le modalità di utilizzo delle informazioni che verranno trasmesse. Questa clausola deve essere estesa anche ai freelance che possono intervenire e l azienda di consulenza con la quale si firma l accordo deve poter spiegare il modo in cui operativamente prevede di garantire la riservatezza di dati e informazioni per i propri consulenti e quelli freelance. Contratto di esclusività: un consulente con esperienza e fama viene spesso richiesto da clienti che possono essere concorrenti diretti o parziali. Portare una soluzione sviluppata presso un cliente al suo concorrente è non solo un atto iniquo, ma anche non civile e criminale. Purtroppo, i casi anche se numerosi, non vengono spesso scoperti in tempo, ma i danni sono lì. Se il consulente si accontenta di portare metodologie e aiutare le squadre a partorire le proprie soluzioni, allora non serve una clausola di collaborazione esclusiva. Un contratto di esclusività è una sicurezza in più, ma costerà anche di più. A volte, le informazioni sono cosi sensibili o il contesto cosi concorrenziale che una clausola di questo tipo può rivelarsi necessaria. Non dimenticare di precisare bene i criteri di non rispetto dell accordo di esclusività! 18

20 E VALESSENTIA?... CHE VALORE VI PUÒ PORTARE? COSA LA CARATTERIZZA E CONTRADDISTINGUE RISPETTO AD UN ALTRA AZIENDA DI CONSULENZA? MANAGEMENT DELLA STRATEGIA Lo spettro di competenza di Valessentia copre tutti i principali processi strategici dell azienda. Dalla scoperta dei benefici presso i clienti, all ideazione della soluzione tecnica attraverso il management di progetto in modo lean, la produzione e la supply chain in JIT, processi di sourcing e tutti i processi amministrativi trasversali. MODELLO PROPOSTO Il modello organizzativo proposto da Valessentia realizza una piena sinergia tra approccio alla salute e performance creando un sistema manageriale dove il benessere al lavoro è la matrice della performance globale che supera l approccio convenzionale che poggia solo sulla produttività. Abbiamo fuso in un sistema olistico e armonioso approcci che fino ad oggi erano rimasti slegati oppure sempre contestati da campanilisti dalla mente poco aperta. I nostri maestri di pensiero sono Taichi Ohno, Ed. Demings, Dr. Akao, Dr. Kano, Ph. Crosby, Schewart, G. Altshuller, ma anche le tante anonime persone che negli anni ci hanno arricchito con la loro semplice saggezza. 19

21 COMPETENZE La nostra azienda investe 25% del suo tempo ad elaborare sistemi e metodologie partendo dalle migliori esperienze al mondo e dai problemi che ci sottopongono i nostri clienti. Collaborazioni con istituti internazionali come JUSE e QFD Institute sono permanenti. I consulenti Valessentia sono consulenti valutati regolarmente secondo una scala definita per la parte teorica e tramite l audit di esperti riconosciuti. I consulenti seguono un percorso di apprendimento che può durare fino a 12 mesi a seconda dall esperienza e della progressione in autonomia. La nostra azienda si è dotata di un ente di valutazione che riporta direttamente alla Direzione Generale. Per garantire la continuità della qualità e delle prestazioni, la squadra è composta di: Giovani ingegneri Consulenti junior Consulenti senior Consulenti esperti La nostra capacità di offerta è costituita da una ventina di consulenti dei quali circa l 80% di livello senior. Per i casi molto difficili, abbiamo dei consulenti esperti rinomati e riconosciuti dalla comunità della lean per intervenire nei processi di produzione/supply chain, di sviluppo prodotto, di sourcing, ma anche in office, finance o risorse umane. Pubblicano regolarmente articoli su riviste tecniche e sono chiamati nei congressi internazionali a portare le proprie testimonianze. Per Valessentia, un consulente esperto è una persona che deve dimostrare 10 anni di cantieri presso aziende di varie dimensioni e avere operato in diversi settori economici. 20

22 Per garantire sempre un livello premium di prestazione, tutti i consulenti svolgono regolarmente delle attività operative dal semplice junior al presidente. Tutti i nostri consulenti di livello senior ed esperto, hanno seguito un percorso operativo con responsabilità funzionali e di stabilimento. Non solo conoscono bene i concetti, ma soprattutto sono in grado di gestire i rischi culturali ed organizzativi legati alla conversione lean tutelando allo stesso tempo, sia i risultati sul corto termine, sia la costruzione della nuova organizzazione lean. VALORI E PERFORMANCE Il tasso di fedeltà dei clienti Valessentia è del 97,6%. Il più vecchio cliente è il gruppo Autoliv con il quale collaboriamo dal 1996 ad oggi. I consulenti freelance che collaborano per Valessentia hanno seguito lo stesso percorso di valutazione e la collaborazione prevede un rapporto esclusivo con Valessentia. Valessentia s impegna per etica e regole aziendali a rispettare la necessaria riservatezza e nel caso si presentasse una situazione di collaborazione presso aziende concorrenti, si autocensura dal divulgare soluzioni già implementate. La regola che ci guida è semplice: portare metodologie ed aiutare le persone a generare soluzioni originali e legate al contesto in cui operano. Su richiesta specifica del cliente, è possibile concordare un contratto di collaborazione in esclusiva. 21

23 Note sulla proprietà intellettuale. Questo materiale è proprietà intellettuale di Valessentia AG ed è protetto dalle leggi internazionali di tutela del diritto d autore. I contenuti di tale documento sono destinati ad esclusivo uso personale e non commerciale. Nessuna riproduzione anche parziale è consentita senza l autorizzazione scritta di Valessentia AG. Rappresenta la nostra conoscenza che è frutto di lunghi e costosi investimenti. Per evitare qualunque tipo di diffusione illecita, vi domandiamo di proteggere la vostra organizzazione contro le varie forme, anche elaborate, di spionaggio industriale e di aiutarci a contrastare i ripetuti tentativi di appropriazione indebita della nostra conoscenza. È una questione di responsabilità e di etica personale. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge. Per autorizzazioni contattare Valessentia: Tel.: Fax:

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl Il Business è nulla senza l etica. Il Codice di Comportamento esprime gli impegni e le responsabilità, nella conduzione degli affari, assunti da Right Hub verso tutti

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA Giorgio Munari, d.g. di Arca Vita e Arca Assicurazioni Una rete di agenzie per Arca di Maria Rosa Alaggio Da sempre attiva nella distribuzione di prodotti vita e danni attraverso il canale bancario, oggi

Dettagli

Essere Manager per creare valore

Essere Manager per creare valore FORMAZIONE E SERVIZI INNOVATIVI - RAVENNA CATALOGO CORSI www.ecipar.ra.it/som Essere Manager per creare valore Ecipar di Ravenna School of Management La School Of Management (SOM) realizzata da Ecipar

Dettagli

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Corso di Specializzazione LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Meno sprechi in azienda! La globalizzazione dei mercati ha imposto alle aziende standard qualitativi del prodotto/servizio offerto sempre

Dettagli

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it COMPANY PROFILE A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it 1 1 Il valore che offriamo FORMAZIONE IN AZIENDA - Personalizzazione - Applicazione sul

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Posso scegliere di valorizzare i talenti delle persone, perché è con loro che voglio camminare verso nuovi traguardi.

Posso scegliere di valorizzare i talenti delle persone, perché è con loro che voglio camminare verso nuovi traguardi. Io posso... Posso scegliere di ridare slancio alla mia azienda, recuperando la capacità di sognare e di creare, per scoprire che ci sono ancora oceani blu nei quali prosperare. Posso scegliere di valorizzare

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CULTURA AZIENDALE RITENIAMO CHE UNA FORTE CULTURA AZIENDALE COSTITUISCA UN ENORME VANTAGGIO CONCORRENZIALE. QUANDO PARLO DELLA CULTURA DELLA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11 INDICE Prefazione alla seconda edizione 9 Prefazione alla prima edizione 11 Mappatura, analisi e ottimizzazione dei processi 15 1. Il miglioramento dei processi aziendali 15 1.1. Il Business Process Modelling

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 A partire da una serie di turnaround di successo realizzati in P.M.I. del Nord est si cercherà di delineare una metodologia

Dettagli

Lean Leadership. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. 26 Marzo 2015 Alberto Portioli. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. 26 Marzo 2015 Alberto Portioli. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI PRESENTAZIONE DELL AZIENDA GRUEMP nasce nel 1993 come conseguenza di un percorso di formazione personale e professionale dei titolari e ispiratori del progetto, Claudio e Damiano Frasson, che hanno saputo

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Tecnologie e Logistiche di Magazzino. Ing. Peressi Andrea Resp. Programmazione Produzione e I.T.

Tecnologie e Logistiche di Magazzino. Ing. Peressi Andrea Resp. Programmazione Produzione e I.T. Tecnologie e Logistiche di Magazzino Ing. Peressi Andrea Resp. Programmazione Produzione e I.T. Azienda Mercato: Produzione di magazzini industriali Fatturato anno 2010: 28,5 ML Occupa 150 dipendenti in

Dettagli

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

Caso studio. Brunner AG passa ai servizi multicanale. Gennaio 2011

Caso studio. Brunner AG passa ai servizi multicanale. Gennaio 2011 Caso studio Gennaio 2011 L azienda svizzera realizza la transizione grazie all apparecchiatura di stampa di produzione digitale Commenti o domande? Sommario Introduzione... 3 Dalla stampa offset ai servizi

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli

Calendario Corsi di Formazione 2008-2009

Calendario Corsi di Formazione 2008-2009 Calendario Corsi di Formazione 2008-2009 2009 1 INTRODUZIONE Da anni di esperienza nella certificazione di sistemi gestionali e nella formazione specializzata, CerTo Training arricchisce il ventaglio di

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Eduteam Srl Tel. 02.36576780 Partita IVA e Codice Fiscale 04399510967. Via Alfredo Soffredini, 39 Fax 02.36576784 Cap. soc. 50.000 I.V.

Eduteam Srl Tel. 02.36576780 Partita IVA e Codice Fiscale 04399510967. Via Alfredo Soffredini, 39 Fax 02.36576784 Cap. soc. 50.000 I.V. Management Your knowledge, our passion requisiti richiesti agli entri di formazione accreditati presso la Regione Lombardia. Eduteam è un Microsoft Certified Partner. Dal 2003 si posiziona come Partner

Dettagli

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale LA PICCOLA SI FA GRANDE 4 percorsi per la crescita formativa delle PMI RELAZIONE BANCA/IMPRESA Lean thinking Marchi, brevetti e proprietà intellettuale internazionalizzazione Con il patrocinio di Piccolindustria

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

The New Leadership Paradigm

The New Leadership Paradigm Leadership del XXI secolo The New Leadership Paradigm Richard Barrett A cura di Luigi Spiga I 7 stati di coscienza della leadership Servizio Fare la differenza Trasformazione Stima di se stessi Relazione

Dettagli

Efficacia nel Lavoro

Efficacia nel Lavoro Piano di Formazione Efficacia nel Lavoro Percorso Relazioni Umane Informazioni: Questo progetto formativo è dedicato alle persone, ai singoli individui che sono al centro di qualsiasi risultato ottenuto.

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. Project Management Introduzione 2. Project Management Corso avanzato 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma Project

Dettagli

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma 2 ISIPM

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill ThinkGet S.r.l. nasce con una mission molto chiara: Sostenere gli individui e le organizzazioni nella realizzazione del successo desiderato. Costituita

Dettagli

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA PREFAZIONE DI MAURO VENTOLA Ci troviamo in un particolare momento storico, in cui dobbiamo affrontare una nuova grande

Dettagli

LE PROPOSTE. SUMMER SCHOOL estate 2014. LEAN GAME ottobre 2014. TEAM BUILDING novembre 2014. CRM (Crew Resource Management) dicembre 2014

LE PROPOSTE. SUMMER SCHOOL estate 2014. LEAN GAME ottobre 2014. TEAM BUILDING novembre 2014. CRM (Crew Resource Management) dicembre 2014 L Api di Lecco propone alle Aziende associate alcuni percorsi di formazione manageriale con l obiettivo di valorizzare la capacità di chi in azienda svolge ruoli di responsabilità ed è quindi chiamato

Dettagli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli I N D I C E Introduzione pag. 3 Lean Production pag. 4 Percorsi pag. 5 Zoom pag. 6 Contatti pag. 7 La formazione a firma Bosch TEC Bosch Training

Dettagli

Cost_. Quality_. Delivery_. L eccellenza della tua SuppLy chain parte da qui

Cost_. Quality_. Delivery_. L eccellenza della tua SuppLy chain parte da qui Quality_ Cost_ L eccellenza della tua SuppLy chain parte da qui Delivery_ Training for Excellence 2 FORMAZIONE INNOVAZIONE ESPERIENZA In un mercato competitivo come quello odierno, per gestire al meglio

Dettagli

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE BOTTO POALA SpA Pagina 1 di 5 Rev 00 del BOTTO POALA SPA CODICE ETICO AZIENDALE approvato dal CDA di Botto Poala SpA il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE 1 Premessa - Definizioni Pag 1 2 Obiettivi e valori Pag

Dettagli

Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Valori. Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02

Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Valori. Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02 Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02 September 18, 2013 Missione La nostra missione consiste nel dare valore ai nostri azionisti e clienti attraverso la prestazione

Dettagli

Executive Master in Logistica e Supply Chain

Executive Master in Logistica e Supply Chain Executive Master in Logistica e Supply Chain Management Governa l'insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nell'azienda i flussi di materiali e delle relative informazioni

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Agosto 2015 Chi siamo FIWA è una giovane e dinamica società di consulenza direzionale, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi portanti dello

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi www.leanfactoryschool.it catalogo corsi Lean Factory School Gli obiettivi 99 Capire i principi e le tecniche Lean mettendoli in pratica, in modo coinvolgente 99 Lavorare in un ambiente produttivo reale,

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali Catalogo Humanform 2015 Area Sviluppo competenze manageriali PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Formazione per le Vendite il Servizio Clienti il Management la Leadership il Cambiamento il Team Work le Relazioni Interpersonali

Formazione per le Vendite il Servizio Clienti il Management la Leadership il Cambiamento il Team Work le Relazioni Interpersonali Formazione per le Vendite il Servizio Clienti il Management la Leadership il Cambiamento il Team Work le Relazioni Interpersonali FORTIA La formazione aziendale davvero World Class Le aziende camminano

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

S p i a n a r e l a s t r a d a

S p i a n a r e l a s t r a d a S p i a n a r e l a s t r a d a insieme al fattore umano in azienda Sviluppare con successo l attività insieme al fattore umano Perché alcune aziende hanno meno successo di altre pur contando su strategie

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Chi siamo Finint & Wolfson Associati è una giovane e dinamica società di consulenza di Direzione, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi di Innovazione,

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

Proteggere il proprio Business con BSI.

Proteggere il proprio Business con BSI. Proteggere il proprio Business con BSI. Siamo i maggiori esperti nello standard ISO/IEC 27001, nato dalla nostra norma BS 7799: è per questo che CSA ci ha coinvolto nello sviluppo della Certificazione

Dettagli

LEADERSHIP E CAMBIAMENTO. Ponte di Nanto, 22 GENNAIO 2012. dott.ssa Cettina Mazzamuto

LEADERSHIP E CAMBIAMENTO. Ponte di Nanto, 22 GENNAIO 2012. dott.ssa Cettina Mazzamuto LEADERSHIP E CAMBIAMENTO Ponte di Nanto, 22 GENNAIO 2012 dott.ssa Cettina Mazzamuto 1 Se è vero che il cambiamento è la funzione della leadership, essere capaci di generare comportamenti altamente dinamici

Dettagli

Partnership con il Committente

Partnership con il Committente PRESENTAZIONE AZIENDALE N.T.A. Srl costituisce un unicum in grado di realizzare e gestire i servizi richiesti, con piena delega operativa e completa responsabilizzazione sui processi. Le referenze maturate

Dettagli

Dal campo di gioco al controllo del business: come leggere il bilancio della Juventus L ingegnere gestionale come controller

Dal campo di gioco al controllo del business: come leggere il bilancio della Juventus L ingegnere gestionale come controller Dal campo di gioco al controllo del business: come leggere il bilancio della Juventus L ingegnere gestionale come controller Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo 1 Agenda La nascita dell ingegnere

Dettagli

Lean Innovation Workshops

Lean Innovation Workshops Lean Innovation Workshops 10 workshop gratuiti in tutta Italia per capire come ridurre gli sprechi in azienda. Non accademia, non teoria, ma casi reali di successo su cui confrontarci e riflettere insieme

Dettagli

Consulenza e formazione dal 1967

Consulenza e formazione dal 1967 Consulenza e formazione dal 1967 PROFILO SOCIETARIO CIAgroup è un azienda che da 40 anni opera nella consulenza e formazione manageriale e tecnica. La sua strategia è fare squadra con i clienti e diventare

Dettagli

Ma come si raggiunge un elevata e continuativa redditività nel lungo periodo?

Ma come si raggiunge un elevata e continuativa redditività nel lungo periodo? 1 COS È UNA STRATEGIA? Siate vincenti. Imparate a leggere il mercato. Siate unici. Acquisite vantaggi competitivi. Governate i cambiamenti. Incrementate i profitti Michael E. Porter è una autorità nel

Dettagli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

La difesa della proprietà intellettuale è una problematica molto importante per una serie di differenti elementi.

La difesa della proprietà intellettuale è una problematica molto importante per una serie di differenti elementi. La difesa della proprietà intellettuale è una problematica molto importante per una serie di differenti elementi. I fattori per i quali il tessile abbigliamento soffre di consistenti fenomeni di contraffazione,

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Percorsi di formazione per l eccellenza commerciale

Percorsi di formazione per l eccellenza commerciale Percorsi di formazione per l eccellenza commerciale Introduzione La performance commerciale è il risultato dell unione di diversi fattori legati all azienda proponente (mission, strategie, know-how, mix

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori MBS Business School Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati Come sta reagendo il Suo settore alla crisi finanziaria in corso? Quali sono le previsioni per i prossimi

Dettagli

LA PROPOSTA FORMATIVA

LA PROPOSTA FORMATIVA LA PROPOSTA FORMATIVA FORMIAMO PERSONE, PRIMA DI FORMARE MANAGER E UOMINI DI AZIENDA IL METODO VALORIZZAZIONE DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI E CULTURALI TRASFERIBILITÀ DI QUANTO APPRESO AL CONTESTO LAVORATIVO

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone I 12 principi della Leadership Efficace in salone Leadership = capacita di condurre e di motivare Per condurre i tuoi dipendenti devono avere stima e fiducia di te. Tu devi essere credibile. Per motivare

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI ACQUISIRE NUOVI CLIENTI INTRODUZIONE L acquisiszione di nuovi clienti e il processo di ricerca di nuove relazioni di business, di valutazione delle esigenze dei clienti e delle relative offerte dei fornitori,

Dettagli

Executive Master INNOVAZIONE E SVILUPPO DI PRODOTTI E SERVIZI

Executive Master INNOVAZIONE E SVILUPPO DI PRODOTTI E SERVIZI Executive Master INNOVAZIONE E SVILUPPO DI PRODOTTI E SERVIZI OBIETTIVI E evidente, soprattutto nei momenti di crisi, quanto importante sia lo sviluppo e la gestione della gamma prodotti per il successo

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

Le nuove sfide per la Supply Chain

Le nuove sfide per la Supply Chain Ciò che ormai è chiesto con sempre maggiore insistenza ai responsabili della Supply Chain delle aziende più evolute non riguarda più tanto la riduzione dei costi di loro pertinenza, quanto piuttosto l'implementazione

Dettagli

aiutiamo i manager a far crescere l'azienda, educhiamo le aziende a far crescere i manager

aiutiamo i manager a far crescere l'azienda, educhiamo le aziende a far crescere i manager Lean Coaching System aiutiamo i manager a far crescere l'azienda, educhiamo le aziende a far crescere i manager Il nuovo sistema che permette alle aziende di produrre tati certi, durevoli e ripetibili

Dettagli

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Corso di Specializzazione In Comunicazione d Impresa Efficace messa a sistema perché l Intelligenza di

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli