Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5

6 INDICE PARTE PRIMA: L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE I PRINCIPI 1. L Azinda Ospdalira S. Maria dgli Angli di Pordnon 1.1 Dnominazion, natura giuridica, sdi pag Logo azindal pag Mission pag Rifrimnti normativi pag Principi di organizzazion funzionamnto pag Sistma di budgt Cntri di pag Sistma dll in matria di sicurzza pag Organi Azindali 2.1 Organi azindali Dirzion Stratgica pag Il Dirttor Gnral pag Il Dirttor Sanitario pag Il Dirttor Amministrativo pag Il Collgio Sindacal pag Struttur Azindali 3.1 La organizzativa pag I Dipartimnti pag Tipologi di Dipartimnti organizzazion dipartimntal pag Finalità dl Dipartimnto pag Struttur complss pag Struttur smplici pag Incarichi profssionali pag Incarichi non dirignziali: posizioni organizzativ pag. 25 funzioni di coordinamnto - 2 -

7 PARTE SECONDA: L ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA 4. Organizzazion Azindal 4.1 L articolazion dlla Dirzion Sanitaria pag L articolazion dlla Dirzion Amministrativa pag Lo Staff dlla Dirzion Stratgica pag Ara Vasta 5.1 L Ara Vasta pag Intgrazion di Ara Vasta pag Dipartimnti intrazindali pag Struttur complss smplici intrazindali pag Gli Organismi Azindali 6.1 Il Consiglio di Sanitari pag Il Collgio di Dirzion pag L Organismo Indipndnt di Valutazion pag I Collgi Tcnici pag Il Comitato Etico pag Incarichi dirignziali 7.1 Confrimnto dgli incarichi dirignziali pag Valutazion dgli incarichi dirignziali pag Attività contrattual pag Modalità di modifica dll atto Azindal pag

8 ALLEGATI 1. Dipartimnti Struttur 1.1 Organigramma Azindal pag Dirzion Stratgica rlativ tabll pag Dirzion Amministrativa rlativ tabll pag Dirzion Sanitaria rlativ tabll pag Dipartimnti Ospdaliri Vrticali Gstionali 2.1 Dipartimnto Emrgnza, Mdicina Priopratoria pag. 88 Cur Intnsiv rlativ tabll 2.2 Dipartimnto Cardiologia rlativ tabll pag Dipartimnto Mdicina Intrna rlativ tabll pag Dipartimnto Mdicina Spcialistica rlativ tabll pag Dipartimnto Mdicina Riabilitativa Nurologia pag.135 rlativ tabll 2.6 Dipartimnto Chirurgia Gnral rlativ tabll pag Dipartimnto Chirurgia Spcialistica rlativ tabll pag Dipartimnto Matrno Infantil rlativ tabll pag Dipartimnto Diagnostica pr Immagini rlativ tabll pag Dipartimnto Mdicina di Laboratorio rlativ tabll pag Dipartimnto Mdicina Trasfusional rlativ tabll pag

9 PARTE PRIMA: L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE I PRINCIPI 1. L AZIENDA OSPEDALIERA S. MARIA DEGLI ANGELI DI PORDENONE 1.1 DENOMINAZIONE, NATURA GIURIDICA, SEDI 1. A far data dal 1 gnnaio 2011, ai snsi dlla L.R. n. 22/2010, la dnominazion dll Azinda è Azinda Ospdalira S. Maria dgli Angli di Pordnon, di sguito AOSMA. 2. L AOSMA è un nt dl Srvizio Sanitario dlla Rgion Friuli-Vnzia Giulia, con prsonalità giuridica pubblica autonomia finanziaria, d organizzativa. 3. L AOSMA ha sd lgal a Pordnon, in via Montral, n. 24 prsso l Ospdal S. Maria dgli Angli. 4. L AOSMA ha inoltr l sgunti sdi rogativ di srvizi sanitari idntificabili con gli Ospdali di rt d Ospdali x art. 21 indicati nl PSSR : - via Savorgnano, n. 2, S. Vito al Tagliamnto (Pn) Ospdal S. Maria di Battuti - via Cavour, n. 1, Spilimbrgo (Pn) Ospdal S. Giovanni di Battuti ; - via Ettoro, n. 4, Sacil (Pn) Ospdal S. Grgorio ; - via Unità d Italia, n. 19, Maniago (Pn) Ospdal Immacolata Conczion. 5. Il codic fiscal la partita I.V.A. dll AOSMA sono:

10 1.2 LOGO AZIENDALE Il logo azindal è il sgunt: 1.3 MISSION 1. L AOSMA, nl risptto dlla programmazion sanitaria nazional rgional dgli accordi di Ara Vasta, prsta assistnza sanitaria spcialistica pr acuti, in rgim di ricovro (ordinario Day Hospital) ambulatorial, d roga prstazioni di mrgnzaurgnza, al fin di soddisfar i bisogni di salut di tutt l prson ch richidono assistnza, snza distinzion alcuna. 2. L AOSMA, in qualità di unica Azinda Ospdalira dll Ara Vasta Pordnons, è impgnata in particolar modo a fornir assistnza a prson con patologi mdich /o chirurgich ch, pr gravità, complssità o intnsità, non possono ssr assistit nll ambito di srvizi distrttuali dll Azinda pr i Srvizi Sanitari n. 6 Friuli Occidntal. L AOSMA sviluppa rapporti collaborativi con qust ultima, al fin di garantir la continuità assistnzial d il monitoraggio dl prcorso dl pazint, con il Rifrimnto Oncologico di Aviano (Pn), fornndo prstazioni in forma intgrata al fin di compltar l offrta spcialistica

11 1.4 RIFERIMENTI NORMATIVI L principali fonti normativ di rifrimnto, nazionali rgionali, cui l Atto azindal si è uniformato sono: Il D.Lgs. n. 502/92 s.m.i., ch disciplina i principi d i critri sulla bas di quali l Rgioni stabiliscono l organizzazion dll Azind sanitari; Il D.Lgs. n. 165/2001 s.m.i., ch ha dfinito l norm sull attribuzioni propri di dirignti; I CC.CC.NN.LL. ch hanno disciplinato l modalità di affidamnto dgli incarichi dirignziali la graduazion dll rlativ ; Lgg rgional , n. 12, avnt ad oggtto la disciplina dll asstto istituzional d organizzativo dl Srvizio sanitario rgional; Lgg rgional , n. 13, ch, qual lgg di pianificazion sanitaria, rca l norm pr la rvision ospdalira rgional; Lgg rgional , n. 49, avnt ad oggtto l norm in matria di programmazion, contabilità controllo dl Srvizio sanitario rgional; Lgg rgional , n. 8, con la qual è stato avviato il parzial rcpimnto dl D.Lgs , n. 502, così com modificato d intgrato dal D.Lgs , n. 229; Lgg rgional , n. 23, rcant Disposizioni sulla partcipazion dgli Enti locali ai procssi programmatori di vrifica in matria sanitaria, social sociosanitaria disciplina di rlativi strumnti di programmazion nonché altr disposizioni urgnti in matria sanitaria social ; Lgg rgional , n. 12, art. 10, con la qual si è procduto alla ridfinizion, pr signz funzionali di razionalizzazion dlla spsa sanitaria, dll asstto istituzional d organizzativo dl Srvizio sanitario rgional; Lgg rgional , n. 22, art. 8 con la qual si procduto al trasfrimnto dll funzioni inrnti l attività ospdalir dgli ospdali di San Vito al Tagliamnto di Spilimbrgo dll funzioni ospdalir dll ospdal x art. 21 L.R , n. 13 di Maniago; D.G.R. n dl 26/11/2009 Approvazion dll lin pr la gstion 2010 dl srvizio sanitario rgional ; - 7 -

12 D.G.R. n dl 10/12/2009 DGR 2643/2009: Lin annuali pr la gstion dl srvizio sanitario rgional nl 2010 intgrazion ; D.G.R. n. 465 dll 11/03/2010 Approvazion dl Piano Sanitario Socio sanitario Rgional ; D.G.R. n. 936 dl 19/05/2010 Intgrazion all lin pr la gstion dl srvizio sanitario rgional nl 2010 (D.G.R. 2643/2009) ; D.G.R. n dl 04/08/2010 Approvazion dlla Programmazion annual 2010 plurinnal dl S.S.R. ; D.G.R. n dl L.R. 49/1996, art Lin annuali pr la gstion dl SSR pr l anno 2011:approvazion dfinitiva ; D.G.R. n dl L.R. 49/1996: lin annuali pr la gstion dl SSR pr l anno 2012 ; D.G.R. n. 834 dl Principi critri pr l adozion dll Atto Azindal ; D.G.R. n. 902 dl DGR 834/2005: L.R. 8/2001 art. 2 Principi critri pr l adozion dll Atto Azindal modificazion. 1.5 PRINCIPI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO 1. L AOSMA dà attuazion al principio, sprsso dall art. 4 dl D.Lgs. n. 165/2001 s.m.i. (Norm gnrali sull ordinamnto dl lavoro all dipndnz dll amministrazioni pubblich), dlla sparazion tra funzioni di indirizzo, srcitat dall organo di govrno dll nt, funzioni di gstion, svolt dai dirignti. 2. La Dirzion Stratgica dfinisc, sulla bas dll indicazioni dlla pianificazion rgional, l stratgi di programmazion azindal n controlla la ralizzazion. 3. L Struttur azindali gstiscono, in pina autonomia, l attività sanitaria amministrativa, garantndo il raggiungimnto dgli obittivi assgnati, nll ambito dll uman, tcnich finanziari. 4. L AOSMA svolg la propria attività scondo i sgunti principi di funzionamnto: Cntralità dll utnt: l utnt è posto al cntro dll azion azindal, al fin di soddisfarn nl modo ottimal il diritto alla salut l altr signz (di informazion, di comfort..)

13 Equità: a tutti i cittadini dvono ssr assicurat, in rlazion ai loro bisogni, uguali opportunità di fruizion dll prstazioni. Appropriatzza: dvono ssr fornit l più fficaci prstazioni sanitari alla luc dllo stato più avanzato dll conoscnz tcnico-scintifich, compatibilmnt con l migliori uman, strumntali d organizzativ disponibili. Qualità: AOSMA prsgu il miglioramnto continuo dlla qualità, anch tramit sistmi di accrditamnto, voluzion tcnologica, prfzionamnto dl consnso informato all attività mdico-chirurgica, miglioramnto dlla sicurzza pr utnti, opratori visitatori, lo sviluppo dlla comunicazion all intrno all strno dll Azinda, gstion pr procssi. Programmazion, controllo valutazion dll attività: l AOSMA, nl prsguimnto dll propri attività istituzionali, adotta il principio/mtodo dlla programmazion, dl controllo dlla valutazion dll attività. In particolar, adotta annualmnt, sulla bas dll Lin Guida rgionali, il Piano Attuativo Ospdaliro (PAO) il rlativo bilancio prvntivo, ngoziando quindi con i singoli Dipartimnti Struttur azindali i rlativi budgt. I budgt sono costantmnt monitorati dalla funzion di controllo di gstion. Il procsso di programmazion controllo, il sistma di gstion pr budgt i cntri di sono individuati disciplinati da apposito Rgolamnto azindal. Trasparnza: è garantita la trasparnza nll modalità di rogazion accsso ai srvizi, al fin di assicurar l uguaglianza l imparzialità, nlla acquisizion gstion dll, al fin di rndr palsi i procssi dcisionali. Valorizzazion dll uman: l uman dvono ssr motivat pr favorir l sprssion dll loro migliori potnzialità favorndo lo sviluppo di un ambint lavorativo positivo stimolant promuovndo il bnssr organizzativo attravrso programmi azindali finalizzati alla crscnt rsponsabilizzazion dgli opratori, alla formazion continua, all acquisizion consolidamnto dll comptnz, all apprndimnto d applicazion dll buon pratich

14 A tal fin l AOSMA favorisc mccanismi oprativi ch prvdono la partcipazion dl proprio prsonal alla dfinizion dll lin stratgich, l incntivazion la valutazion di singoli, di tam, nl risptto dlla normativa vignt. Efficinza, fficacia d conomicità: AOSMA tnd a prsguir l migliori prformanc compatibilmnt con l a disposizion (lgg n. 241/1990). 1.6 SISTEMA DI BUDGET E CENTRI DI RESPONSABILITA 1. Nlla propria attività l AOSMA adotta il principio/mtodo dlla programmazion, dl controllo dlla valutazion dll attività. In particolar, adotta annualmnt, sulla bas dll Lin guida rgionali, il Piano Attuativo Ospdaliro (PAO) il rlativo bilancio prvntivo. L AOSMA adotta il sistma di budgt qual strumnto ch consnt l attribuzion ai cntri di di obittivi di (in sd di programmazion) la vrifica di risultati (in sd di rndicontazion). Il budgt non è quindi solo un indicator conomico bnsì un misurator di attività (di quantità di qualità). 2. I budgt sono ngoziati con i singoli Dipartimnti Struttur azindali vngono mnsilmnt monitorati dalla funzion di controllo di gstion. 3. Nll articolazion organizzativa dll Azinda vngono idntificat du divrs tipologi di (coincidnti con i dipartimnti, l complss l smplici): I. di attività: Sono l articolazioni azindali dputat allo svolgimnto di srvizi istituzionali carattristici dll Azinda ospdalira ( in particolar l attività sanitari). Tali sono rsponsabili dll fficacia d fficinza dll attività produttiv, hanno autonomia rlativamnt all utilizzo all organizzazion dll assgnat (prsonal, bni srvizi), sclusa qualsiasi forma di discrzionalità rlativa all modalità di acquisizion dll stss

15 II. di risorsa: Sono l articolazioni azindali dputat a gstir l acquisizion dll ncssari all spltamnto dll attività istituzionali (in particolar gli uffici amministrativi). Tali sono rsponsabili dl procsso di acquisizion dll ch dovranno ssr utilizzat dai cntri di attività. I rsponsabili di Cntri di risorsa dvono curar la prvision dlla quantità dlla qualità, l acquisizion al miglior rapporto qualità/przzo, la razionalizzazion, lo sviluppo la dismission dll di comptnza, snza intrfrir sull modalità di utilizzo di qusti fattori ch spttano ai rsponsabili di Cntri di attività, fatt salv l indicazioni drivanti dalla ragionvolzza dal buon andamnto amministrativo. 4. Salva la comptnza dl Dipartimnto pr i Srvizi Condivisi, i rsponsabili di Cntri di risorsa, nl risptto dlla normativa vignt ni limiti dlla programmazion rgional azindal dl budgt annualmnt dtrminato, acquisiscono l di rgola tramit gar (opr, fornitur, srvizi) ovvro concorsi/avvisi pubblici (prsonal), adottando i rlativi atti in forma di dtrminazion (Rgolamnto azindal di attuazion dlla lgg n. 241/1990). 5. A ciascun vin annualmnt attribuito, prvia ngoziazion, un budgt spcifico (di attività /o di risorsa) l connss di raggiungimnto dgli obittivi prfissati. Il total di costi prvisti pr i cntri di attività di risorsa dovrà trovar corrispondnza nl total dl budgt prvisto a livllo gnral d Azinda nl conto conomico prvntivo. L utilizzat da più unità oprativ, sono affidat alla dl Dirttor dllo stsso Dipartimnto. 6. Il procsso di programmazion controllo, il sistma di gstion pr budgt i Cntri di sono disciplinati da apposito Rgolamnto azindal

16 1.7 SISTEMA DELLE RESPONSABILITA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. I rsponsabili di Cntri di, com dfiniti prcdntmnt, (Dirttori di Dipartimnto, di complssa di smplic a valnza dipartimntal o di smplic con organizzazion dl lavoro distaccata), ai quali sia affidata la gstion dl prsonal, assumono anch l comptnz l rlativ, di Dirignti in matria di tutla dlla salut sicurzza di lavoratori, ai snsi dll art. 18 dl D.Lgs. n. 81/2008 s.m.i. In dtta funzion potranno avvalrsi dl supporto dlla S.S. Srvizio di Prvnzion Protzion. 2. L Posizioni organizzativ i Coordinamnti, nll ambito ni limiti dl loro incarico, sono individuati quali Prposti ai snsi dll art. 19 dl D.Lgs. n. 81/2008 s.m.i. sono tnuti all ossrvanza dll disposizioni in matria di prvnzion sicurzza sui luoghi di lavoro dl citato Dcrto. 2. ORGANI AZIENDALI 2.1 ORGANI AZIENDALI E DIREZIONE STRATEGICA 1. Sono organi azindali il Dirttor gnral d il Collgio sindacal. 2. Il Dirttor gnral è coadiuvato, nll srcizio dll propri funzioni, dal Dirttor sanitario dal Dirttor amministrativo d insim costituiscono la Dirzion stratgica. 3. La Dirzion stratgica è la sd di govrno dll Azinda. 4. Nl risptto dlla distinzion tra l funzioni di programmazion, indirizzo controllo in capo agli organi di govrno l funzioni di gstion in capo alla dirignza, la Dirzion stratgica dfinisc l stratgi l politich azindali sulla bas dlla pianificazion rgional vrifica il raggiungimnto dgli obittivi prfissati d il corrtto impigo dll assgnat

17 5. La Dirzion stratgica, pr consguir il prsguimnto di fini azindali, garantisc l ncssari intrrlazioni con: il Collgio sindacal; gli organismi azindali (Collgio di dirzion, Consiglio di sanitari, Organismo Indipndnt di valutazion, Collgi tcnici); l istituzioni (in particolar la Confrnza prmannt pr la programmazion sanitaria, social socio-sanitaria rgional). 6. La Dirzion stratgica è supportata nll su funzioni dallo Staff dlla Dirzion stratgica (v. par. 4.3). 2.2 IL DIRETTORE GENERALE 1. E l organo rsponsabil dlla pianificazion stratgica, dlla programmazion dl controllo sulla gstion complssiva dll AOSMA, di cui è il lgal rapprsntant. Nlla sua funzion è coadiuvato dal Dirttor sanitario dal Dirttor amministrativo, nll ambito dll rispttiv comptnz. Si avval dllo Staff dlla Dirzion Stratgica (v. par. 4.3). 2. E nominato dal Prsidnt dlla Giunta Rgional dl Friuli Vnzia Giulia, con proprio Dcrto in scuzion di spcifica Dlibra di Giunta Rgional. Assicura il rgolar funzionamnto dll AOSMA, rispondndo dl proprio mandato al Prsidnt dlla Rgion Friuli Vnzia Giulia nll ambito dlla programmazion dgli indirizzi rgionali la cui corrtta, fficac d fficint ralizzazion è monitorata valutata dai comptnti organismi d uffici rgionali. 3. La di govrno complssivo dll AOSMA è da intndrsi in snso pino risptto all stratgi, nonché risptto all azion di indirizzo ni confronti di rsponsabili dll Struttur, ch dal Dirttor gnral sono nominati allo stsso rispondono. 4. E altrsì rsponsabil dlla gstion dl budgt gnral azindal, nl risptto dl vincolo dll assgnat dalla Rgion, nonché dll assgnazion di budgt di sttor ai singoli dirignti, i quali rispondono dlla gstion di propria comptnza, scondo quanto prvisto dal Rgolamnto azindal

18 5. Pr quanto concrn gli atti, occorr distingur qulli adottati dal Dirttor gnral, di sua sclusiva comptnza, da qulli la cui comptnza appartin ai singoli dirignti dagli stssi adottati di quali rispondono. Anch pr gli atti di comptnza dl Dirttor gnral rstano comunqu di comptnza dl singolo dirignt la formulazion prdisposizion dgli atti da sottoporr alla firma dl Dirttor gnral, intndndosi con ciò la vrifica garanzia dlla sussistnza corrttzza di prsupposti giuridici, tcnici d amministrativi la rlativa coprtura finanziaria, ch stanno alla bas dlla manifstazion di volontà dll organo di govrno ch vin rsa pubblica con la formal adozion di un atto, dnominato dcrto, proposto dal Dirignt comptnt pr matria. 6. Al Dirttor gnral, in particolar, compt l adozion di sgunti atti: nomina rvoca dl Dirttor amministrativo dl Dirttor sanitario ; nomina dl Collgio Sindacal, ch è organo dll Azinda; adozion modifica dll Atto Azindal; nomina dl Collgio di Dirzion; nomina dl Consiglio di Sanitari; nomina dll Organismo Indipndnt di Valutazion; adozion dl Piano Attuativo Ospdaliro (PAO), così com dfinito dall art. 10 dlla lgg rgional n. 23/2004 (piano annual dgli invstimnti, bilancio prvntivo annual); adozion di piani programmi plurinnali di invstimnto, dl bilancio prvntivo plurinnal; adozion dl bilancio consuntivo rlativa rlazion; attribuzion dirtta di budgt ai rsponsabili dll Struttur azindali dll AOSMA; controllo annual trimstral dl budgt; dfinizion dlla dotazion organica complssiva azindal; assunzion di prsonal dipndnt non (rapporti di lavoro autonomo); adozion convnzioni con Enti Pubblici Privati; adozion di rgolamnti intrni di portata gnral;

19 nomina rvoca di Dirttori di Dipartimnti Azindali, di Dirttori dll Struttur Complss, di Rsponsabili dll Struttur Smplici Smplici Dipartimntali, di titolari di incarichi profssionali; nomina di Collgi Tcnici; provvdimnti consgunti alla valutazion di Dirttori di Dipartimnto, di Dirignti di Complssa Smplic Smplic Dipartimntal; dcision di star in giudizio; adozion stipulazion di contratti intgrativi azindali dl prsonal dipndnt; adozion dl documnto di valutazion di rischi nomina dl Rsponsabil dl Srvizio di Prvnzion Protzion azindal ai snsi dll art. 17 dl D.Lgs. n. 81 dl 09/04/2008 s.m.i.; ogni altro atto ad lvata valnza stratgica, non di natura sclusivamnt tcnico-profssional, la cui matria non sia stata prvntivamnt rgolamntata non sia risrvata, sprssamnt, ad altri soggtti azindali. 7. Tutti gli atti provvdimnti, non spcificatamnt attribuiti al Dirttor gnral, sono di sclusiva comptnza di dirignti ch li adottano, ni limiti pr il raggiungimnto dgli obittivi di budgt loro assgnati dal Dirttor gnral nl risptto dlla programmazion azindal dll dirttiv in matria vntualmnt impartit. 8. La dfinizion, pr singola funzion, dll spcifich comptnz dirignziali con l individuazion dgli atti (dtrmin dirignziali) ch, pr l assnza o la marginalità di contnuti discrzionali la prvalnza dgli asptti tcnico-profssionali, sono di sclusiva comptnza di Dirignti, la cui adozion è a loro dmandata, è contnuta in apposito Rgolamnto azindal. 9.Il Dirttor gnral, qualora ravvisi ngli atti manati dai dirignti prgiudizio alla lgalità o al buon andamnto dll AOSMA, ovvro la non corrtta gstion dll assgnat ni budgt, sntito il Dirttor amministrativo il dirignt ch ha adottato l atto, annulla gli atti illgittimi nonché rvoca gli atti in contrasto con i principi di buon andamnto di corrtta gstion dll

20 10. Il Dirttor gnral, in caso di inrzia dl dirignt nll adottar gli atti di propria comptnza, n affida l adozion ad altro dirignt. 11. Il Dirttor gnral ha la funzion di dator di lavoro x D.Lgs. 81/2008 s.m.i.. Ai snsi dll art. 16 dl dcrto citato, con spcifici provvdimnti, organizza il sistma dll dlgh di funzioni in matria di salut sicurzza dl lavoro. 2.3 IL DIRETTORE SANITARIO 1. Il Dirttor sanitario partcipa alla dirzion dll Azinda coadiuvando il Dirttor gnral nl govrno dlla stssa d in particolar nlla dfinizion dll lin stratgich dll politich azindali finalizzat al raggiungimnto dgli obittivi di salut. E dirttamnt rsponsabil dll funzioni assgnat alla sua comptnza. 2. Il Dirttor sanitario è rsponsabil dl govrno clinico complssivo azindal intso com insim organizzato dll attività volt ad assicurar la qualità clinica dll prstazioni rogat, nonché il loro costant miglioramnto. Dirig ai fini organizzativi iginico sanitari l sanitari, scondo l modalità propri dl modllo indirizzo/controllo, salv prtanto l comptnz gstionali profssionali propri di dirignti sanitari rsponsabili di dipartimnto /o struttura. 3. Il Dirttor sanitario in particolar: assicura il coordinamnto l intgrazion dll funzioni attribuit all sanitari dll Azinda, vrificando il risptto dgli standard qualitativi di fficinza ni procssi clinico-assistnziali; coordina i progtti di sviluppo finalizzati al miglioramnto qualitativo di procssi clinico-assitnziali; promuov la valorizzazion dll profssioni sanitari lo sviluppo dlla loro autonomia rsponsabilizzazion, in cornza con i principi disposti dalla lgg 251/2000; formula propost fornisc parri obbligatori nll matri di propria comptnza al Dirttor gnral;

21 coadiuva il Dirttor gnral nlla dtrminazion d assgnazion di budgt ai rsponsabili dll sanitari d è, altrsì, rsponsabil dl controllo di budgt di attività inrnti all prdtt, frmo rstando ch i rsponsabili dll stss rispondono, in pina autonomia, dll attività prstat di risultati consguiti risptto agli obittivi assgnati; prsid il Consiglio di sanitari. 2.4 IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO 1. Il Dirttor amministrativo partcipa alla dirzion dll Azinda coadiuvando il Dirttor gnral nl govrno dlla stssa d in particolar nlla dfinizion dll lin stratgich dll politich azindali finalizzat al raggiungimnto dgli obittivi di salut d assicurando il corrtto funzionamnto dll ch forniscono supporto tcnico, amministrativo logistico ai cntri di attività. E dirttamnt rsponsabil dll funzioni assgnat alla sua comptnza. 2. Il Dirttor amministrativo dirig, curando in particolar modo gli asptti giuridicoamministrativi d conomico-finanziari, l tcnico-amministrativ scondo l modalità propri dl modllo indirizzo/controllo, salv prtanto l comptnz gstionali profssionali propri di dirignti rsponsabili di dipartimnto /o struttura, fornisc supporto giuridico, conomico tcnico nll assunzion dgli atti di comptnza di dirignti. 3. Il Dirttor amministrativo in particolar: assicura il coordinamnto dll amministrativ tcnich dll Azinda l intgrazion dll stss; assicura il coordinamnto l intgrazion dll amministrativ tcnich dll Azinda con l funzioni tcnico-amministrativ svolt da soggtti trzi (s. altr Azind Sanitari); coordina i progtti di sviluppo finalizzati al miglioramnto qualitativo di procssi amministrativi; assicura il buon andamnto l imparzialità dll azion amministrativa;

22 vigila sulla lgittimità dgli atti amministrativi dll Azinda; formula propost fornisc parri obbligatori nll matri di propria comptnza al Dirttor gnral; coadiuva il Dirttor gnral nlla dtrminazion d assgnazion di budgt di risorsa ai rsponsabili dll amministrativ tcnich d è, altrsì, rsponsabil dl controllo sull attività raggiungimnto dgli obittivi inrnti all prdtt, frmo rstando ch i rsponsabili dll stss rispondono dl budgt di risorsa assgnato. 2.5 IL COLLEGIO SINDACALE 1. Il Collgio Sindacal è organo dll Azinda ospdalira incaricato di sgunti compiti: vrifica l amministrazion dll Azinda sotto il profilo conomico; vigila sull ossrvanza dll lggi; accrta la rgolar tnuta dlla contabilità la conformità dl bilancio all risultanz di libri dll scrittur contabili, d ffttua priodicamnt vrifich di cassa; rifrisc almno trimstralmnt alla Rgion, anch su richista di qust ultima, sui risultati dl riscontro sguito, dnunciando immdiatamnt i fatti s vi sia un fondato sosptto di gravi irrgolarità; trasmtt priodicamnt, comunqu con cadnza almno smstral, una propria rlazion sull andamnto dll attività dll Azinda alla Confrnza prmannt pr la programmazion sanitaria socio-sanitaria rgional; i componnti dl Collgio Sindacal possono procdr ad atti di ispzion controllo, anch individualmnt; ai snsi dll art. 37 dlla L.R , n. 49, in particolar samina il bilancio plurinnal di prvision l rlativ variazioni, il bilancio prvntivo l rlativ variazioni vrifica il bilancio di srcizio

23 2. Il Dirttor gnral, nlla fas di prdisposizion di bilanci dll rlativ variazioni, può chidr al Collgio formali parri, di natura tcnico-amministrativa. 3. Il Collgio Sindacal dura in carica tr anni d è composto da cinqu componnti, iscritti nl rgistro di rvisori contabili, di cui tr dsignati dalla Rgion, ch individua altrsì il componnt cui attribuir l funzioni di Prsidnt, du dsignati dalla Confrnza prmannt pr la programmazion sanitaria socio-sanitaria rgional. 4. Il Dirttor Gnral nomina i componnti dl Collgio Sindacal con spcifico provvdimnto li convoca pr la prima sduta. 5. Sino alla nomina dl nuovo Collgio Sindacal riman in carica il prcdnt. 3. STRUTTURE AZIENDALI 3.1. LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 1. La struttura organizzativa dll AOSMA si conforma all indicazioni normativ a carattr nazional (D.Lgs. n. 502/1992 s.m.i.) rgional (LL.RR. n. 12/1994, n. 13/1995 n. 49/1996) oltrché agli atti di programmazion pianificazion rgional. 2. L AOSMA adotta com modllo ordinario di gstion oprativa dll attività il modllo organizzativo dipartimntal. La struttura organizzativa azindal si articola, prtanto, in dipartimnti, complss, smplici ch costituiscono articolazioni di Dipartimnti (cd. smplici dipartimntali) smplici ch costituiscono articolazioni di complss. E prvista altrsì una struttura smplic dirttamnt affrnt alla Dirzion Stratgica dnominata Srvizio Prvnzion Protzion pr la gstion dlla salut sicurzza sul lavoro, così com prvisto disciplinato dal D.Lgs. 81/2008 s.m.i.. 3. Di rgola, i Dipartimnti sono costituiti da almno tr Struttur Complss o da du Struttur Complss du Struttur Smplici Dipartimntali, fatt salv spcifich disposizioni normativ

24 3.2 I DIPARTIMENTI TIPOLOGIE DI DIPARTIMENTI E ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTALE 1. I dipartimnti sono aggrgazioni di complss, smplici dipartimntali smplici di Struttur complss ch partcipano a procssi/funzioni azindali pr i quali è ncssaria una fort intgrazion tra l divrs componnti. Possono ssr di tipo o funzional. Sono dfiniti gstionali quando l aggrgazion dll è basata principalmnt sulla condivision di fattori produttivi; sono dfiniti funzionali quando l aggrgazion dll è finalizzata al consguimnto di risultati clinici. 2. L asstto struttural dll Azinda prvd l sgunti tipologi di dipartimnti: a) DIPARTIMENTO VERTICALE GESTIONALE: struttura organizzativa complssa, costituita dall aggrgazion di più Struttur complss Struttur smplici dipartimntali, raggruppat in bas all affinità dl loro sistma tcnico di rifrimnto, di spcialità o di ara assistnzial omogna o dlla loro intrdipndnza nll assistnza da rogar a dfiniti targt (di popolazion, di patologia, d organo/apparato), allo scopo di ottimizzar conomich, strumntali d uman d attività nllo svolgimnto di procssi/funzioni azindali pr i quali è ncssaria una fort intgrazion tra l divrs componnti. L organizzazion intrna dlla dgnza è articolata, di norma, pr intnsità di cura (intnsiva, smintnsiva, ordinaria, post - acuta). Il Dipartimnto vrtical è composto da organizzativ propri, chiamat a svolgr produzion. Assum la valnza di soggtto ngozial con la Dirzion azindal con gli altri Dipartimnti. E dotato di budgt di autonomia, è organizzato in cntri di articolato ai fini dll rilvazioni analitich contabili in cntri di costo, è soggtto a rndicontazion analitica nll ambito dll assgnat

25 Al vrtic dl Dipartimnto vrtical è prposto il Dirttor di Dipartimnto (nominato ai snsi dll art. 17 bis dl D.Lgs. n. 502/1992 s.m.i.) ch assicura il funzionamnto dl Dipartimnto, partcipa al procsso azindal di programmazion controllo, gstisc l rapprsnta il Dipartimnto. b) DIPARTIMENTO ORIZZONTALE FUNZIONALE: aggrga Struttur complss Struttur smplici dipartimntali, ancorchè affrnti a Dipartimnti vrticali gstionali divrsi, dputat a consguir l obittivo dlla massima fficacia nl procsso di cura, di norma rlativamnt al trattamnto di pazinti con quadri morbosi ch coinvolgano singoli organi o apparati, sttori nosologici, fasc d tà o pculiari sttori clinici idntificabili in bas all intnsità gradualità dll cur. E finalizzato a govrnar gli asptti più critici di procssi clinici, quali l intrdipndnz di cntri di, l intrconnssioni tra profssionisti, l introduzion di nuov tcnologi, la formazion l addstramnto, la produzion scintifica, l approccio la prsa in carico di pazinti, la continuità diagnostica traputica. E finalizzato in particolar al raggiungimnto di un obittivo spcifico individuato dalla Dirzion stratgica all atto dlla sua costituzion. Il Dipartimnto orizzontal funzional aggrga totalmnt indipndnti già comprs in più Dipartimnti vrticali gstionali, prtanto, non è dotato di budgt proprio. E finalizzato al raggiungimnto di un dtrminato obittivo o ad assicurar in modo ottimal la continuità diagnostica traputica agli utnti. Al vrtic dl Dipartimnto orizzontal funzional è prposto il Dirttor di Dipartimnto (nominato ai snsi dll art. 17 bis dl D.Lgs. n. 502/1992 s.m.i.), ch assicura il funzionamnto dl Dipartimnto dfinndo applicando protocolli clinici, lin guida comuni sviluppando procssi di intrdisciplinarità. c) DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE: aggrga organizzativ ch fanno capo all Azind di Ara vasta pordnons, Azinda ospdalira S. Maria dgli Angli di Pordnon, Azinda pr i Srvizi Sanitari n. 6 Friuli Occidntal, Rifrimnto Oncologico di Aviano; l aggrgazion può riguardar tutti i soggtti di Ara Vasta o part di qusti. E finalizzato alla gstion di uno spcifico sgmnto produttivo spcialistico o al raggiungimnto di obittivi comuni indicati dalla programmazion sanitaria rgional. Nl primo caso assum l carattristich dl Dipartimnto vrtical nl scondo caso qull dl Dipartimnto orizzontal funzional. E rgolato da spcifici accordi provvdimnti formali ch impgnano l rispttiv dirzioni gnrali d i profssionisti coinvolti

26 3. La disciplina dl funzionamnto di Dipartimnti vrticali d orizzontali, così com l individuazion di modlli organizzativi innovativi basati su una ffttiva distinzion tra assistnziali clinich, è dmandata ad un apposito rgolamnto, ch disciplina anch la composizion il funzionamnto dl Comitato di Dipartimnto. Tal rgolamnto disciplina altrsì la composizion i compiti dll organismo collgial consultivo di dipartimnto con funzioni di indirizzo di vrifica d attnzion ai livlli di. 4. I Dirttori di Dipartimnti vrticali srcitano una funzion di coordinamnto dirzion, fornndo lin di indirizzo oprativ gstionali ai Dirttori dll Struttur complss Struttur smplici dipartimntali ch mantngono l autonomia dll spcifich attività clinich/tcnich ai quali compt l adozion dll rlativ dcisioni ncssari pr il corrtto d appropriato svolgimnto di ss. L attività di dirignti sanitari, incardinati nll dipartimntali, è comunqu carattrizzata da autonomia tcnico-profssional, con l connss, ch si srcita nll ambito dgli indirizzi oprativi di programmi promossi, valutati vrificati a livllo dipartimntal azindal. 5. Al fin di assicurar il miglior utilizzo dll uman, il prsonal dl comparto è, di norma, assgnato al Dipartimnto. L attività è coordinata dal Rfrnt di Dipartimnto (RID/RDT), d attuata dai Coordinatori affrnti all SS.CC. aggrgat ni Dipartimnti o rsponsabili di spcifich lin produttiv. 6. I Dirttori di Dipartimnti orizzontali srcitano una funzion di coordinamnto pr lo sviluppo di protocolli GLs finalizzati all ottimizzazion di procssi intrdisciplinari di cura assistnza, di formazion di ogni altro obittivo assgnato al dipartimnto stsso FINALITA DEL DIPARTIMENTO Il modllo organizzativo dipartimntal prsgu l sgunti finalità : favorir l'intgrazion l'utilizzo in comun dgli spazi, dll uman tcnologich, anch attravrso la gstion dlla mobilità intrna dl prsonal;

27 attuar la sprimntazion di modalità organizzativ ch migliorino il coordinamnto lo sviluppo dll attività clinich /o tcnico-amministrativ, di ricrca, di studio di audit sulla qualità dll prstazioni pr l ottimizzazion di prcorsi clinici /o tcnico-amministrativi; favorir l fficacia l appropriatzza dgli intrvnti clinico assistnziali, l accssibilità ai srvizi d il livllo di umanizzazion nonché l fficinza dll organizzazion; promuovr procssi di rsponsabilizzazion dlla dirignza, con i sgunti mzzi: a. un fficac impigo dll ; b. lo sviluppo dlla profssionalità comptnza dgli opratori, mdiant la loro valorizzazion rsponsabilizzazion; l adozion di una mtodologia di lavoro intrdisciplinar, carattrizzata dalla ricrca dal confronto; la prdisposizion di lin guida, /o protocolli, /o prcorsi assistnziali, con particolar attnzion agli asptti dll vidnza clinica dl rapporto fficinza fficacia; l attivazion di modalità organizzativ ch favoriscano un procsso di continuità assistnzial, anch a livllo trritorial. 3.3 STRUTTURE COMPLESSE 1. Ai snsi dl D.Lgs. n. 502/1992 s.m.i., dlla vignt normativa rgional attuativa dl citato dcrto, nonché di Contratti collttivi nazionali di lavoro dll ar dirignziali dl comparto sanità si dfiniscono quali Struttur complss: l Struttur complss ch costituiscono articolazioni di Dipartimnti; l Struttur complss dlla Dirzion Sanitaria, dlla Dirzion Amministrativa di Staff dlla Dirzion Stratgica. 2. All Struttur complss è attribuita la gstion dll uman, tcnich finanziari si carattrizzano pr: rilvanza stratgica complssità dll azion svolta, risptto alla gstion complssiva, agli obittivi azindali, anch in forza dll indicazioni dlla programmazion rgional;

28 gstion di procssi profssionali ad lvata complssità d intgrazion implicanti intrsttorialità, intrdisciplinarità d intrprofssionalità, pr i quali si richidono ddicat; articolazion organizzativa intrna in più Struttur smplici /o incarichi profssionali, data la comprsnza di sgmnti gstionali /o spcialistici trogni nonché l ntità dll ntrat propri dll uman, tcnologich finanziari allocat; ampizza dl bacino di utnza pr l Struttur carattrizzat da tal lmnto; assunzion dll dcisioni ch impgnano l Azinda all strno. 3.4 STRUTTURE SEMPLICI 1. Sono Struttur smplici, ai snsi dl D.Lgs. n. 502/1992 s.m.i., dlla vignt normativa rgional attuativa dl citato dcrto di Contratti collttivi nazionali di lavoro dll ar dirignziali dl comparto sanità, l Struttur ints quali articolazioni dll Struttur complss o a valnza dipartimntal nonché qull dlla Dirzion stratgica, carattrizzat pr la prsnza, anch non contstual, di sgunti critri: l srcizio di funzioni limitat ad un particolar sttor oprativo o pr contribuir a funzioni più ampi nll ambito dl Dipartimnto ch, comunqu, richidono autonomia dcisional /o attribuzion di uman, tcnich o finanziari; lo svolgimnto di attività ch prsntano spcificità tcnica o ch ncssitano di intgrazion tra sttori o profssionalità divrs, di continuità di prcorsi assistnziali, tcnici o amministrativi; l utilizzo di strumntazioni significativamnt innovativ a valnza stratgica pr l Azinda. 2. La smplic può dipndr dalla Dirzion stratgica, dal dirttor dlla complssa ovvro, qualora svolga supporto o comun a più Struttur complss, dal Dirttor dl Dipartimnto

29 3.5 INCARICHI PROFESSIONALI 1. Al fin di assicurar la rilvanza dll funzioni ad alto contnuto tcnicoprofssional, sono individuat ar di comptnza spcialistica pr l quali confrir incarichi di natura profssional, di alta spcializzazion, di consulnza, di studio di ricrca. 2. Gli incarichi di alta spcializzazion possono riguardar anch ambiti di prstazioni non sanitari, tsi a produrr srvizi particolarmnt complssi oppur a fornir attività di consulnza pr matri ad lvato contnuto tcnico-profssional, nonché pr la ralizzazion di programmi di ricrca, aggiornamnto, tirocinio formazion, in rapporto all signz dll AOSMA. In qusta fattispci prval la spcifica comptnza profssional, risptto all comptnz gstionali organizzativ richist, invc, pr la dirzion dll Struttur complss smplici. 3. Nlla graduazion conomica dgli incarichi profssionali, l AOSMA considrrà, sulla bas dlla valnza stratgica dl grado di spcializzazion, l attribuzion dlla rtribuzion di posizion variabil azindal ch, in rlazion ai suddtti lmnti, potrà configurarsi anch con valnza conomica suprior a qulla corrlata alla graduazion dgli incarichi di di smplic. 3.6 INCARICHI NON DIRIGENZIALI: POSIZIONI ORGANIZZATIVE E FUNZIONI DI COORDINAMENTO 1. L Azinda istituisc posizioni organizzativ in numro pari ai dipartimnti o, nl caso di dipartimnti con prsnza significativa di appartnnti a profssioni divrs, in numro corrispondnt a ciascuna profssion. Possono ssr attribuit altr posizioni organizzativ al prsonal infrmiristico, tcnico - sanitario, dlla riabilitazion, dlla prvnzion d al prsonal amministrativo/tcnico in rlazion a situazioni organizzativ particolarmnt complss o a valnza intrdipartimntal

30 2. L posizioni organizzativ istituit all intrno di dipartimnti sanitari dipndono funzionalmnt dal Rsponsabil dlla smplic Profssioni Sanitari pr gli asptti organizzativi dipndono dal Dirttor dl dipartimnto di affrnza. L posizioni organizzativ dll ara amministrativa/tcnica dipndono funzionalmnt dal Dirttor dlla complssa di affrnza. 3. L posizioni organizzativ sono rsponsabili dll funzioni dl raggiungimnto dgli obittivi assgnati con spcifico atto. 4. All articolazioni organizzativ carattrizzat da una significativa prsnza di appartnnti all spcifich profssioni sanitari vngono prposti opratori con funzioni di coordinamnto. I coordinatori coadiuvano l Posizioni organizzativ nl raggiungimnto dgli obittivi di budgt assgnati, con rifrimnto all ncssità organizzativ d all comptnz profssionali, nlla gstion dl prsonal dlla rlativa profssion dl prsonal di assistnza. 5. Il coordinator, sulla bas dll indicazioni dlla posizion organizzativa assicura lo svolgimnto dll attività assistnziali, tcnich d albrghir, avvalndosi dlla propria quip assistnzial. Il coordinator si intgra funzionalmnt con il rsponsabil dlla struttura con la posizion organizzativa. L quip assistnzial è collocata con il coordinator. 6. Il coordinator, in ragion dll comptnz profssionali ni limiti di potri grarchici funzionali adguati alla natura dll incarico confritogli, sovraintnd all attività lavorativa garantisc l attuazion dll dirttiv ricvut, controllandon la corrtta scuzion. 7. L modalità di confrimnto dll incarico di posizion organizzativa di coordinamnto, sono disciplinat da apposito rgolamnto azindal

31 PARTE SECONDA: L ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA 4. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 4.1. L ARTICOLAZIONE DELLA DIREZIONE SANITARIA 1. Al vrtic dlla Dirzion Sanitaria è posto il Dirttor sanitario ch, pr lo svolgimnto di propri compiti funzioni, si avval di dipartimnti, complss smplici, ch costituiscono l articolazion dlla Dirzion sanitaria. 2. La Dirzion sanitaria prsnta la sgunt strutturazion organizzativa, mglio dscritta nll tabll allgat: S.C. Dirzion Mdica Ospdalira S. Vito Spilimbrgo articolata in 1 S.S.: S.S. Dirzion Mdica Ospdalira Spilimbrgo/Maniago S.C. Dirzion Mdica Ospdalira PN articolata in 1 S.S.: S.S. Igin Tcnica Ospdalira S.C. Assistnza Farmacutica Ospdalira articolata in 1 S.S.: S.S. Farmacia ospdalira S. Vito - Spilimbrgo S.S. Profssioni sanitari S.S. Sorvglianza Sanitaria Dipartimnto Emrgnza, Mdicina Priopratoria Cur Intnsiv; Dipartimnto Cardiologia; Dipartimnto Mdicina Intrna; Dipartimnto Mdicina Spcialistica; Dipartimnto Mdicina Riabilitativa Nurologia; Dipartimnto Chirurgia Gnral; Dipartimnto Chirurgia Spcialistica; Dipartimnto Matrno Infantil; Dipartimnto Diagnostica pr Immagini; Dipartimnto Mdicina di Laboratorio; Dipartimnto Mdicina Trasfusional

32 3. Nll tabll allgat sono riportat, pr ciascun Dipartimnto, ciascuna complssa, ciascuna smplic l indicazioni riguardanti: - la dnominazion; - il mandato; - l principali funzioni; - gli obittivi da raggiungr; - gli vntuali organismi intrni (dipartimnto); - l funzioni dl Dirttor o dl Rsponsabil dll articolazion organizzativa; - la comptnza (budgt di attività /o risorsa); - i rapporti tra ; - l articolazioni. L lnco complto dll funzioni dll connss comptnz tcnico-profssionali sarà contnuto in adottando Rgolamnto azindal. 4.2 L ARTICOLAZIONE DELLA DIREZIONE AMMINISTRATIVA 1. Al vrtic dlla Dirzion Amministrativa è posto il Dirttor amministrativo ch, pr lo svolgimnto di propri compiti funzioni, si avval di smplici complss ch costituiscono l articolazion dlla Dirzion amministrativa. 2. La Dirzion Amministrativa, intsa com insim coordinato dll organizzativ ch la compongono, assicura tutt l attività l funzioni amministrativ di natura tcnica, giuridica finanziaria ch consntono il funzionamnto dll Azinda provvdndo all acquisizion all amministrazion dll uman, strumntali finanziari scondo critri di conomicità, fficacia d fficinza; svolg, inoltr, attività di supporto consulnza a tutt l azindali

33 4. La Dirzion amministrativa è articolata nll sgunti Struttur complss (S.C.), Struttur smplici (S.S.): S.C. Politich Gstion dl Prsonal (PGP) articolata in 1 S.S.: S.S. Trattamnto conomico rlazioni sindacali S.C. Affari Gnrali Lgali (AGL) articolata in 1 S.S.: S.S. Affari Lgali S.C. Economico Finanziario S.C. Approvvigionamnti Logistica (APL) S.C. Inggnria Biomdical Sistma Informatico (IBSI) articolata in 1 S.S.: S.S. Inggnria Biomdical S.C. Srvizio Tcnico (ST) articolata in 1 S.S.: S.S. Nuovo Ospdal 5. Nll tabll allgat sono riportat pr ciascuna complssa pr l Struttur smplici, l indicazioni riguardanti: - la dnominazion; - il mandato; - l principali funzioni; - gli obittivi da raggiungr; - gli vntuali organismi intrni; - l funzioni dl Dirttor o dl Rsponsabil dll articolazion organizzativa; - la comptnza (budgt di attività /o risorsa); - i rapporti tra ; - l articolazioni. L lnco complto dll funzioni dll connss comptnz tcnico-profssionali sarà contnuto in adottando Rgolamnto azindal

34 4.3 LO STAFF DELLA DIREZIONE STRATEGICA 1. La Dirzion stratgica si avval dll sgunti da ssa dirttamnt dipndnti: S.S. Srvizio di Prvnzion Protzion; S.C. Programmazion, Controllo, Qualità, Accrditamnto Risk Managmnt, con funzioni di programmazion controllo dirzional (piani azindali, controllo di gstion), progtti spciali, accrditamnto/qualità, risk managmnt articolata in 1 S.S.: S.S. Formazion. 2. Nll tabll allgat sono riportat pr ciascuna complssa pr l Struttur smplici, l indicazioni riguardanti: - la dnominazion; - il mandato; - l principali funzioni; - gli obittivi da raggiungr; - gli vntuali organismi intrni; - l funzioni dl Dirttor o dl Rsponsabil dll articolazion organizzativa; - la comptnza (budgt di attività /o risorsa); - i rapporti tra ; - l articolazioni. L lnco complto dll funzioni dll connss comptnz tcnico-profssionali sarà contnuto in adottando Rgolamnto azindal. 5. AREA VASTA 5.1 L AREA VASTA 1. L Ara Vasta costituisc, in lina con l indicazioni di Piano Sociosanitario rgional 2006/2008 da ultimo con il PSSR 2010/2012, strumnto fondamntal pr l attuazion dlla pianificazion rgional. La programmazion pr Ara Vasta si ralizza in sno alla Confrnza di Ara Vasta, a cui partcipano i Dirttori Gnrali dll Azind ch n fanno part

35 Pr l Ara Vasta dlla Provincia di Pordnon il coordinamnto compt al Dirttor Gnral dll ASS n. 6 Friuli Occidntal il qual garantisc anch gli asptti organizzativi di sgrtria attravrso, di norma, l propri azindali. 2. La Confrnza dv obbligatoriamnt riunirsi pr la programmazion attuativa annual plurinnal corrlata ngoziazion sul riparto dll assgnat all Ara Vasta, pr l sam trimstral di risultati di monitoraggi priodici, su richista dlla Rgion o quando lo richida anch una sola dll Azind facnti part dll Ara. 3. L dcisioni dlla Confrnza riguardanti intrvnti programmatori avnti ricadut sull attività, sull organizzazion sull dll Azind si traducono nlla stipula di un accordo di Ara Vasta. Qust ultimo costituisc part intgrant di Piani Attuativi Locali di Piani Attuativi Ospdaliri dll Azind vin prtanto consolidato a livllo rgional. L dcisioni sugli accordi di Ara Vasta richidono l unanimità. 4. La Confrnza di Ara Vasta ha facoltà di autorgolamntarsi pr gli argomnti ch non attngono dirttamnt agli accordi di Ara Vasta connssi alla programmazion attuativa annual plurinnal. In mancanza di rgolamnto pr tali fattispci, l riunioni dlla Confrnza sono valid con la prsnza di almno tr quarti di Dirttori Gnrali partcipanti l dcisioni sono assunt con la maggioranza di almno i du trzi di prsnti. Evntuali dcisioni in tal modo assunt a maggioranza, divntano praltro inapplicabili qualora una o più Azind dimostrino il prodursi a proprio carico di ricadut in trmini di squilibrio organizzativo od conomico non prvntivamnt concordat. Evntuali controvrsi all intrno dlla Confrnza dovranno trovar soluzion attravrso l intrvnto dlla Rgion, prioritariamnt con disamina dll rlativ tmatich a cura dlla Dirzion Cntral dlla Salut, Intgrazion Sociosanitaria Protzion Social. Qualora la programmazion rgional postuli l accordo di Ara Vasta la Confrnza non lo raggiunga, la dcision sarà dfinitivamnt assunta dalla Dirzion Cntral suddtta. 5.2 INTEGRAZIONE DI AREA VASTA Il procsso di intgrazion intrazindal, ralizzato in collaborazion tra gli nti dll ara vasta pordnons (Azinda ospdalira S. Maria dgli Angli di Pordnon, A.S.S. n. 6 Friuli Occidntal, Rifrimnto Oncologico di Aviano a

36 dtrminat condizioni Casa di Cura Policlinico San Giorgio ) punta, scondo l indicazioni dlla programmazion rgional, a promuovr il govrno clinico dll funzioni ospdalir al fin di garantir la continuità assistnzial dl pazint di consguir conomi di scala. 5.3 DIPARTIMENTI INTERAZIENDALI 1. Il Dipartimnto intrazindal aggrga organizzativ ch fanno capo ad nti divrsi appartnnti alla stssa Ara vasta d è finalizzato alla gstion di uno spcifico sgmnto produttivo spcialistico (dipartimnto intrazindal vrtical ) (vdi punto 3.2.1) o al raggiungimnto di obittivi comuni indicati dalla programmazion rgional d azindal (dipartimnto intrazindal orizzontal funzional) (vdi punto 3.2.1). 2. In particolar il Dipartimnto intrazindal orizzontal funzional è finalizzato al raggiungimnto dll obittivo dlla produzion d applicazion di uniformi protocolli /o lin guida pr il trattamnto di dtrminat patologi o pr affrontar sttori clinici/assistnziali idntificabili in bas all intnsità gradualità dll cur, in modo da garantir all utnza un adguato prcorso la continuità diagnostico-traputica. L divrs azindali aggrgat al Dipartimnto dfiniscono anch stratgi comuni rlativamnt all formazion, di ricrca di valutazion dll prstazioni. 3. La costituzion dl Dipartimnto intrazindal vrtical, finalizzato alla gstion di uno spcifico sgmnto produttivo spcialistico, è rgolata da uno spcifico accordo stipulato tra l Azind costitunti, nl risptto dll norm contrattuali prvia informativa sindacal. Gli accordi disciplinano i sgunti asptti: gstion dll uman assgnat al Dipartimnto, con rifrimnto anch all applicazion dgli istituti contrattuali giuridici d conomici; gstion conomica di rapporti tra l Azinda capofila l altr Azind; individuazion di livlli di clinica/assistnzial, in modo da stabilir l funzioni d il ruolo dl Dirttor di Dipartimnto nlla gstion sia dll attività ch il Dipartimnto svolg in comun pr l intro ambito di rifrimnto, sia dll fornitura dll prstazioni all ch n fruiscono prsso l altr Azind;

37 rlazion tra l Dirzioni gnrali dll Azind ch costituiscono il Dipartimnto intrazindal, all quali è dmandata la di vrifica in ordin al funzionamnto dl Dipartimnto scondo l accordo stipulato; rlazion tra l Dirzioni sanitari dll mdsim Azind, all quali è dmandata la vrifica dlla qualità dll prstazioni rs dal Dipartimnto. 4. In sito alla dfinizion dll funzioni coordinat saranno istituiti i dipartimnti intrazindali individuat l spcifich carattristich (dnominazion, mandato, principali funzioni ). 5.4 STRUTTURE COMPLESSE E SEMPLICI INTERAZIENDALI 1. Spcifici accordi tra gli nti dll ara vasta pordnons potranno prvdr l istituzion, in un ottica di intgrazion, di complss smplici intrazindali. Il fin prsguito è la massima fficacia d fficinza nll utilizzo dll uman tcnologich pr la gstion ottimal di srvizi /o attività. 2. In sito alla dfinizion dl piano di riorganizzazion pr il miglioramnto dl livlli di fficinza di srvizi amministrativi, l Azind di ara vasta laborano ralizzano progtti di intgrazion cntralizzazion di funzioni amministrativ. 6. GLI ORGANISMI AZIENDALI 6.1 IL CONSIGLIO DEI SANITARI 1.Il Consiglio di sanitari è organismo lttivo svolg l funzioni di consulnza tcnico-sanitaria ad sso attribuit dalla normativa statal rgional in matria. 2. E prsiduto dal Dirttor sanitario. 3. Il Dirttor gnral richid il parr obbligatorio dl Consiglio di sanitari sui principali atti di programmazion d organizzazion di srvizi sanitari sui corrlati principali invstimnti piani di assgnazion dll rlativ ai srvizi sanitari, quali: la programmazion plurinnal annual azindal, con particolar rifrimnto alla programmazion di acquisto dll attrzzatur tcnich scintifich di rilivo sanitario nonché sugli obittivi dlla formazion dl prsonal;

38 istituzion, sopprssion o modificazion di dll Azinda; provvdimnti sull dotazioni organich di rgolamntazion dll organizzazion di srvizi sanitari; provvdimnti di disciplina dll prstazioni mdich di fissazion dll rlativ tariff; trasfrimnto /o sistmazioni logistich, con vntuali invstimnti, di azindali. 4. Il parr dl Consiglio di sanitari è da intndrsi favorvol ov non formulato ntro il tmin di vnti giorni dalla richista. 5. L Azinda disciplina l organizzazion d il funzionamnto dl Consiglio di sanitari con apposito rgolamnto. 6.2 IL COLLEGIO DI DIREZIONE 1. Il Collgio di dirzion coadiuva consultivamnt la Dirzion stratgica nll assunzion dll dcisioni gstionali collabora all laborazion d attuazion dgli indirizzi dlla programmazion azindal. 2. Al Collgio di dirzion comptono spcifich attribuzioni in ordin all sgunti matri: programmazion valutazion dll attività tcnico-sanitari, tramit proposizion di obittivi azindali, individuazion succssivamnt valutazion dll attività ch in ambito azindal possono rivstir valnza stratgica; programmazion valutazion dll attività ch richidono la partcipazion all intgrazion di ar di divrsa appartnnza allo scopo di garantir srvizi intgrati funzionali all sclt stratgich azindali; formulazion dgli asptti organizzativi in matria di funzionamnto di srvizi sviluppo dll tcnologi; formulazion di programmi di formazion pr il prsonal dirtti sia all acquisizion di nuov tcnich assistnziali /o clinich, sia all acquisizion di mtodi strumnti gstionali in tma di sistmi di programmazion, controllo valutazion;

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA Esnt dall imposta di bollo ai snsi dll art. 16 dlla tablla allgato B) al D.P.R. 26/10/1972 N. 642 succ. modif. COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani; CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, L UNIONE RENO GALLIERA E I COMUNI DI ARGELATO, BENTIVOGLIO, SAN GIORGIO DI PIANO, SAN PIETRO IN CASALE, CASTELLO D ARGILE, PIEVE DI CENTO, GALLIERA, PER LA

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT 1 Prima Stsura Data: 14-08-2014 Rdattori: Gasbarri, Rizzo SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT Indic 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A AREA PERSONALE Ufficio Prsonal tcnico amministrativo Macrata, li 30.10.2008 Prot. N. 11694 IPP/29 d Ai Magnifici Rttori dll Univrsità Ai Dirttori

Dettagli

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna Oggtto: Convnzion intratno pr la ralizzazion dl mastr di I livllo in Global managmnt for China (GMC) dizion anno accadmico 2015/2016 N. o.d.g.: 05.1 C.d.A. 30.10.2015 Vrbal n. 9/2015 UOR: Ara affari gnrali

Dettagli

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna Accordo quadro fra l Azinda USL di Bologna il CEA Coordinamnto Enti Ausiliari dlla Provincia di Bologna La Comunità Papa Giovanni XXIII coop. s.r.l. di Rimini Prmssa L parti prndono atto dl buon livllo

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE CADUTA NEVE-FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO Roma, 02/2015 Rv.06/annual Pagina 1 di 6 Sd lgal Circonvallazion Gianicolns 87-00152 Roma A.Orlli. Tl. 3387 PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

Dettagli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INRICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACDEMICO

Dettagli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACCADEMICO

Dettagli

RISERVATO AI DIPENDENTI DEL SISTEMA REGIONE

RISERVATO AI DIPENDENTI DEL SISTEMA REGIONE AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ASSEGNAZIONE TEMPORANEA AI SENSI DELL ART. 39 C. 1 LR 31/1998 PRESSO L ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA RISERVATO AI DIPENDENTI DEL SISTEMA REGIONE

Dettagli

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UN IVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Rgional Vill Vnt VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE PROTOCOLLO D'INTESA TRA l'ufficio Scolastico Rgional pr il Vnto l' A~sociazion pr l

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazion/Spcialist Lad Auditor Sistmi di Gstion pr la Sicurzza (ISO 19011:2012 - ) (40 or) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 or Augusto di Prima Porta (particolar

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

IL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA il sgunt bando pr la coprtura di insgnamnti dl Dipartimnto di ECONOMIA, SCIENZE E DIRITTO mdiant contratti di diritto privato

Dettagli

Piano di Comunicazione Aziendale 2015

Piano di Comunicazione Aziendale 2015 Piano di Comunicazion Azindal 2015 Ai snsi dll Lin Guida contnut nl dcrto 2511/2013 dll Assssor alla Salut dlla Rgion Siciliana Mtodologia rifrimnti Qusto Piano di comunicazion è stato rdatto in ossrvanza

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Rprtorio n. 712/2014 Prot. n. 39292/X/4 dl 19.12.2014 Oggtto: dtrminazioni in ordin al subntro dll Univrsità di Brgamo, mdiant la cssion dl contratto disciplinata dal cod.civ. artt. 1406 sgg., ni contratti

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro 1 Task Forc dlgh al trritorio Scondo incontro Roma 03 novmbr 2008 2 Immobili acquisti Esignz rilvat Strumnti gstionali Stratgia intrvnto Attività di gruppi lavoro trritoriali Prossimi Ambiti Analisi: S&S

Dettagli

Approvato con Det. Dir. N. 541 del 21/04/2009 pubblicato sul BURPuglia n. 62 suppl. del 23/4/2009

Approvato con Det. Dir. N. 541 del 21/04/2009 pubblicato sul BURPuglia n. 62 suppl. del 23/4/2009 C.I.F.I.R. Istituto Antoniano Maschil Via A. Manzoni, 3-72024 ORIA (BR) 0831 848178 0831 846252 E-mail: cfp.oria@cifir.it C.F. / P.Iva: 02486990720 Schda Progtto Corso Oprator Socio Sanitario Cod. Corso

Dettagli

Caccia Programmazione e controllo nelle aziende sanitarie

Caccia Programmazione e controllo nelle aziende sanitarie Caccia Programmazion controllo nll azind sanitari approccio tradizional:stratgia posta all'strno di P & C formulazion di budgt STRATEGIE programmazion svolgimnto attività rporting valutazion approccio

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

POR Calabria 2014-2020

POR Calabria 2014-2020 POR Calabria 20142020 Obittivo Tmatico 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE Priorità 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Corso di Laura Magistral in SCIEZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIOI SAITARIE CAPO I Disposizioni gnrali Art. 1 Prmssa ambito di comptnza 1. Il prsnt Rgolamnto, in conformità allo Statuto al Rgolamnto Didattico

Dettagli

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9"-* "/4

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9-* /4 UNIONE EUROPEA lnlzìitlrva n J:ì\,)ra dr 1 ()al::tii,..ìtìrì,rf iì,{ìy,ì,r,lrì! 0rltJ(ì Sr)(jrilÌr ì)jlrír..) # A.N.AC. Autó.it! N.rrronalr tutlcorrurron. Ona-*,*,1*". **-,a; ",1,/9",*,*o-'6*,Jàr*Z w,r#h.'úr*h,*,

Dettagli

Il paziente finalmente garantito.

Il paziente finalmente garantito. Il pazint finalmnt garantito. Dal nonato alla sala opratoria sicurzza in ospdal. Esprinz al Buzzi CTO di Milano. Gianluca Lista Gli Istituti Clinici di Prfzionamnto di Milano Azinda Ospdalira di rilivo

Dettagli

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE ANALISI PROGRAMMA ANNUALE VERBALE N. 2015/001 Prsso l'istituto I.I.S. "CASSATA - GATTAPONE" di GUBBIO, l'anno 2015 il giorno 12, dl ms di marzo, all or 11:00, si sono riuniti i Rvisori di Conti dll'ambito

Dettagli

Matrice storica delle emissioni del documento

Matrice storica delle emissioni del documento (Rdatto dal Consiglio Dirttivo ai snsi pr gli fftti dll articolo 23. punto 6) dllo STATUTO dll Associazion ONLUS IL BRUCO, approvato dall Assmbla di Soci firmato dal Prsidnt dlla stssa. Ragion Social Sd

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ANNO ACCADEMICO 2006/2007 Mastr Univrsitario

Dettagli

Integrazione e Integratori delle Informazioni

Integrazione e Integratori delle Informazioni SC.S.I. A.S.O. Ordin Mauriziano Workshop intrrgional sui sistmi informativi pr la gstion la valutazion dll rti oncologich Torino 24-25 maggio 2007 Intgratori dll Andra Bo - A.S.O. Ordin Mauriziano - S.C.

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA Anno scolastico 2015/ Allgato al Piano dll Offrta Formativa Dlibra dl Consiglio di Istituto n.4 dl 14/10/2015 PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

IL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UIVERSITÀ DEGLI STUDI DI APOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICIA E CHIRURGIA BADO DI SELEZIOE PER L AFFIDAMETO DI ICARICHI DIDATTICI EI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIOI SAITARIE PER L AO ACCADEMICO 2015-2016

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA (D.Lgs. n. 517/1999 - Art. 3 L.R.Vnto n. 18/2009) SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Dirttor: Ing. Maurizio Lornzi Sd di Borgo Roma P.l L.A. Scuro, 10-37134

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Zerouno Executive Dinner

Zerouno Executive Dinner Zrouno Excutiv Dinnr Outsourcing stratgico Flssibilizzar l IT snza prdrn il controllo Annamaria Di Ruscio ruscio@ntconsulting.it Milano, 2 Dicmbr 2010 L priorità businss stanno cambiando: non più solo

Dettagli

Tra. di seguito le Parti

Tra. di seguito le Parti Protocollo di intsa SERVIRE CON LODE Tra il Politcnico di Torino C.F. n. 00518460019, con sd lgal in Torino, Corso Duca dgli Abruzzi, 24, rapprsntato dal Vic Rttor pr la Didattica Prof.ssa Anita Tabacco

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brscia AREA DEMOGRAFICA, COMMERCIO, SPORTIVA E INFORMATICA DETERMINAZIONE N. 350 R.G. DEL 16-12-11 N. 41 Rg. Int. UFFICI COMUNALI, BIBLIOTECA COMUNALE, SCUOLA STATALE

Dettagli

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE ANALISI PROGRAMMA ANNUALE VERBALE N. 2014/002 Prsso l'istituto I.I.S. "CASSATA - GATTAPONE" di GUBBIO, l'anno 2014 il giorno 16, dl ms di ottobr, all or 10:00, si sono riuniti i Rvisori di Conti dll'ambito

Dettagli

PIANO DELLA FORMAZIONE 2015-2017

PIANO DELLA FORMAZIONE 2015-2017 DIREZIONE CENTRALE RISORSE UMANE Ufficio V - FORMAZIONE Procsso Pianificazion, programmazion monitoraggio dll attività PIANO DELLA FORMAZIONE - 017 1 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO Gli intrvnti normativi dll

Dettagli

Il Rgistro E-PRTR (Europan Pollutant Rlas and Transfr Rgistr) Attuazion dl Rgolamnto (CE) n. 166/06 LA DICHIARAZIONE PRTR Dlgs 46/2014 (rcpimnto IED), con l art. 30 introduc pr la prima volta l sanzioni

Dettagli

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO Comun di Frossasco Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE,

Dettagli

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012 Comitato Tcnico Scintifico Attività 2012 fdback sul 2011 Roma, 15 fbbraio 2012 Fdback 2011 ITS national rports ITS Commit mting 15.12.2011 Stakholdrs platform ITSAdvisoryGroup Lgg comunitaria i 2011 2

Dettagli

Pag. 1 di 7. 26 ore. SDA Bocconi. 26 ore F.S.G.M. Docente responsabile. Il concetto di CSR e i suoi impatti sulla governance aziendale.

Pag. 1 di 7. 26 ore. SDA Bocconi. 26 ore F.S.G.M. Docente responsabile. Il concetto di CSR e i suoi impatti sulla governance aziendale. Il conctto di CSR i suoi impatti sulla govrnanc azindal. 25-27 Ottobr 2012 conctti, principi strumnti di gstion in Italia nlla UE Gioacchino D Anglo I livlli di adozion gli strumnti dlla CSR. La gstion

Dettagli

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29 - Rpubblica di Malta - Rpubblika ta' Malta - Rpublic of Malta - LEGGE pr il riconoscimnto la rgistrazion dl gnr di una prsona pr rgolar gli fftti di tal cambiamnto, nonché il riconoscimnto la tutla dll

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO PRESTITO DELLA SPERANZA PROMOSSO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO PRESTITO DELLA SPERANZA PROMOSSO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO PRESTITO DELLA SPERANZA PROMOSSO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA Confrnza Episcopal Italiana (di sguito anch CEI ) con sd in Roma, Circonvallazion Aurlia

Dettagli

CLASSE DELLE LAUREE NELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI

CLASSE DELLE LAUREE NELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI CLASSE DELLE LAUREE NELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI I laurati nlla class sono, ai snsi dlla lgg 10 agosto 2000, n. 251, articolo 2, comma 1, opratori dll

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2015-2017 Programma trinnal pr la trasparnza l'intgrità 2015-2017 Sommario Art. 1 - Introduzion...pag. 2 Art. 2 - Accsso Civico..pag. 4 Art. 3 - Garanzia di pubblicazion..pag. 4 Art. 4 - Organizzazion dll Ent.pag.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. fra. Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione (di seguito MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. fra. Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione (di seguito MIUR) PROTOCOLLO D INTESA fra Il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr l Istruzion (di sguito MIUR) Il Ministro pr i Bni l Attività Culturali Dirzion Gnral pr lo Spttacolo dal Vivo

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

COMUNE DI VALDASTICO

COMUNE DI VALDASTICO COPIA COMUNE DI VALDASTICO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 27 Ltto, confrmato sottoscritto IL PRESIDENTE F.to GUGLIELMI CLAUDIO IL SEGRETARIO COMUNALE F.to DOTT. LAVEDINI GIUSEPPE REFERTO

Dettagli

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW PREMESSA 1. La spnding rviw, ch trova appoggio su numros sprinz intrnazionali, è una procdura di govrno lgata all dcisioni, alla gstion al controllo dlla spsa pubblica ch

Dettagli

ENTE PARCO NATURALE REGIONALE DEI MONTI LUCRETILI

ENTE PARCO NATURALE REGIONALE DEI MONTI LUCRETILI ENTE PARCO NATURALE REGIONALE DEI MONTI LUCRETILI DEL IBERAZIONE DEL COMM ISSA IUO STRAORDINARIO N. J. i DEL,1.1, I 06 / ~A Ù OGGETTO: POR FESR LAZIO 2007-2013 INTERVENTO DENOMINATO " DA r.'tonte r.'iat

Dettagli

COMUNE di SOLAROLO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di SOLAROLO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di SOLAROLO Vrbal Numro 8 OGGETTO: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SOLAROLO E L'ASSOCIAZIONE VOLONTARI SOLAROLO "MONS.G.BABINI". Priodo 1.1.2010-31.12.2014. MODIFICA

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

SCHEDA ELENCO TIPOLOGIE DI CONTROLLO SULLE IMPRESE Art. 25 D.Lgs. n. 33/2013

SCHEDA ELENCO TIPOLOGIE DI CONTROLLO SULLE IMPRESE Art. 25 D.Lgs. n. 33/2013 SCHEDA ELENCO TIPOLOGIE DI CONTROLLO SULLE IMPRESE Art. 25 D.Lgs. n. 33/2013 TRASPORTI Tipo procdimnto Normativa Tipologia imprs Tipologia controllo Organismo di controllo Critri di controllo Modalità

Dettagli

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento COMUNE DI PALERMO Ara dll Politich di Sviluppo Fondi Strutturali Palazzo Calltti - Piazza Marìna, n.46-90133 PALERMO Tl.0917406363 Sito inlrnt h h h.comun.!alrmo it c.a.p. 90133 c.f. 80016350821 Al Sig.

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA COMUNE DI CIVITAVECCHIA PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEGLI IMMOBILI AD USO ABITATIVO O DI SERVIZIO 2013-2015 1 Prmssa pag. 4 1 Sps

Dettagli

L evoluzione dei Servizi IT vista dalle due discipline di Project e Service Management

L evoluzione dei Servizi IT vista dalle due discipline di Project e Service Management Con il patrocinio di: Sponsorizzato da: Il Framwork ITIL gli Standard di PMI : possibili sinrgi Milano, Vnrdì, 11 Luglio 2008 L voluzion di Srvizi IT vista dall du disciplin di Projct Srvic Managmnt Christian

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

Corso di Laurea in TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Corso di Laura in TECICA DELLA RIABILITAZIOE PSICHIATRICA CAPO I Disposizioni gnrali Art. 1 Prmssa ambito di comptnza 1. Il prsnt Rgolamnto, in conformità allo Statuto al Rgolamnto Didattico di Atno, disciplina

Dettagli

Programmazione e DLB Modifica dell'assegnazione del budget per centri di responsabilità per Programmazione e 330 14/10/2014 normale d ufficio.

Programmazione e DLB Modifica dell'assegnazione del budget per centri di responsabilità per Programmazione e 330 14/10/2014 normale d ufficio. 4 trim 2014 dal n. 319 al n. 435 Sttor di attività Dirzion Dirzion Sanitaria Oggtto Approvazion schma di convnzion con il Comun di Vito d'asio pr la gstion di oprazioni dll'anagraf sanitaria. Confrimnto

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Univrsità dgli Studi di Firnz Dipartimnto di Inggnria Civil d Ambintal TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI IN CONTO TERZI (Approvato dal Consiglio di Dipartimnto dl 24/01/2002) ATTIVITÀ E SERVIZI OFFERTI PROVE

Dettagli

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto Gstion Imprsa social vs altr form non profit: costi gstionali amministrativi a confronto di Maurizio Stti Lo studio di un caso Tra imprsa social form giuridich concorrnti (ONLUS, associazioni di promozion

Dettagli

REPORT APPRENDISTATO

REPORT APPRENDISTATO REPORT APPRENDISTATO Rilascio 9 gnnaio 2015 Aggiornamnto 7 gnnaio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazion Trritorial Oprativa Sommario DOCUMENTI ATTUATIVI DELLA MISURA APPRENDISTATO... 3 Tab. 1 Apprndistato pr

Dettagli

Corso di Laurea in TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITÀ DELL ETÀ EVOLUTIVA

Corso di Laurea in TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITÀ DELL ETÀ EVOLUTIVA Corso di Laura in TERAPIA DELLA EURO E PSICOMOTRICITÀ DELL ETÀ EVOLUTIVA CAPO I Disposizioni gnrali Art. 1 Prmssa ambito di comptnza 1. Il prsnt Rgolamnto, in conformità allo Statuto al Rgolamnto Didattico

Dettagli