atti 55258/5.8/2011/1 Relazione al Rendiconto della gestione 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "atti 55258/5.8/2011/1 Relazione al Rendiconto della gestione 2010"

Transcript

1 Relazione al Rendiconto della gestione allegato A Milano aprile 2011 allegato alla delibera atti 55258/5.8/2011/1

2

3 Relazione al Rendiconto della gestione

4

5 Relazione al Rendiconto della gestione INDICE Parte generale e valutazione complessiva Premessa pag. 7 Conto del Bilancio pag. 11 Lo scenario di riferimento 13 Approvazione del Bilancio e relative variazioni 14 Le risultanze di bilancio 19 Il patto di stabilità interno 21 Condizioni strutturali del Bilancio provinciale 25 Gestione della competenza pag. 27 Parte Entrate 29 Entrate correnti 29 Entrate per investimenti 35 Parte Spese 37 Spese di parte corrente e per il rimborso di prestiti 37 Spese per investimenti 45 Gestione residui 2009 ed esercizi precedenti pag. 49 Premessa 51 Risultato della gestione dei residui 51 Parte corrente 52 Parte investimenti 53 Situazione di cassa pag. 55 Tabelle finanziarie pag. 59 Nota integrativa sui contratti in strumenti finanziari derivati pag. 77 Note al conto del patrimonio, conto economico e prospetto di conciliazione pag. 83 I programmi realizzati: analisi delle risorse e dei risultati pag. 117 Capacità di programmazione 120 La realizzazione delle opere pubbliche 128 3

6 Relazione al Rendiconto della gestione atti 55258/5.8/2011/1 L'attività autorizzatoria 131 La gestione dei trasferimenti 131 La programmazione negoziata 134 Le relazioni di programma pag. 149 Programma 1: Affari istituzionali 151 Programma 2: Sviluppo economico, Formazione e Lavoro 175 Programma 3: Istruzione ed edilizia scolastica 187 Programma 4: Cultura, beni ed eventi culturali, politiche per 199 l'integrazione Programma 5: Politiche per lo sport e il tempo libero, il 209 turismo, i giovani e le pari opportunità Programma 6: Politiche sociali 221 Programma 7: Politiche per la Sicurezza e Protezione Civile 231 Programma 8: Agricoltura, Parchi, Caccia e Pesca 241 Programma 9: Politiche per l'ambiente 251 Programma 10: Governo del territorio e Casa 265 Programma 11: Viabilità e trasporti 273 Programma 12: Sviluppo delle funzioni di supporto e 287 semplificazione amministrativa Programma 13: Politiche finanziarie e valorizzazione del 297 patrimonio Programma 14: Ente 307 4

7 Parte generale e Valutazione complessiva

8

9 Premessa

10

11 Relazione al Rendiconto della gestione Premessa La rilevazione e la dimostrazione dei risultati di gestione sono disciplinati dal Titolo VI del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, recante: Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali. In particolare, l articolo 227, avente per oggetto: Rendiconto della gestione, al 1 comma statuisce che: la dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il rendiconto, il quale comprende il conto del bilancio, il conto economico ed il conto del patrimonio. Inoltre, il successivo comma 5 include, tra gli allegati obbligatori al rendiconto, la relazione dell organo esecutivo, ulteriormente disciplinata dall articolo 151, comma n. 6, finalizzata ad esprimere le valutazioni di efficacia dell azione condotta sulla base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi ed ai costi sostenuti. E evidente quindi che il rendiconto è costituito da un complesso coordinato di scritture idonee a dimostrare, partendo dalle grandezze finanziarie e patrimoniali tracciate in sede di approvazione del bilancio di previsione, le variazioni che dette grandezze hanno subito a seguito della gestione che si rendiconta e la conseguente consistenza finale delle stesse. Sinteticamente, questo complesso sistema di scritture evidenzia lo svolgersi della gestione sotto l aspetto: finanziario, relativamente alla gestione autorizzatoria del bilancio per consentire di rilevare, per ciascuna risorsa e intervento rispettivamente la situazione degli accertamenti di entrata e degli impegni di spesa confrontata con i relativi stanziamenti definitivi, nonché, partendo dal conto del tesoriere, la situazione delle somme riscosse e pagate e di quelle rimaste da riscuotere e pagare, anche con riferimento alla gestione dei residui; patrimoniale, per la rilevazione a valore degli elementi attivi e passivi del patrimonio, consentendo così la dimostrazione della consistenza del patrimonio all inizio dell esercizio finanziario, delle variazioni intervenute in corso di esercizio per effetto della gestione del bilancio o per altra causa, nonché la consistenza del patrimonio alla chiusura della gestione; economico, al fine di consentire la rilevazione dei componenti positivi e negativi secondo i criteri della competenza economica, altresì denominata dei costi e ricavi, determinando la ricchezza netta che costituisce il reddito di esercizio. La Relazione al rendiconto della gestione si propone, invece, di valutare l attività svolta nel corso dell anno cercando di dare un adeguata interpretazione ai risultati ottenuti e fornendo la spiegazione dei risultati contabili e gestionali conseguiti; essa quindi sintetizza aspetti diversi che guidano il lettore nella formulazione del giudizio complessivo sull azione di governo. La prima parte della Relazione illustra gli aspetti della gestione nelle sue linee generali e nei valori finanziari conclusivi (per quelli economici e patrimoniali si rimanda alla relazione aggiuntiva). La seconda è dedicata a illustrare l efficacia dell azione condotta attraverso l analisi di carattere generale e specifica dei risultati raggiunti e delle risorse utilizzate per la realizzazione dei Programmi previsti dalla Relazione Previsionale Programmatica / Premessa 9 Parte generale

12 Relazione al Rendiconto della gestione atti 55258/5.8/2011/ con riferimento all esercizio in esame, sia attraverso l analisi complessiva sia in riferimento a ciascun Programma. Si ricorda che la legge 4 dicembre 2009, n. 189 ( conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 7 ottobre 2009, n. 154, recante disposizioni urgenti per il contenimento della spesa sanitaria e in materia di regolazioni contabili con le autonomie locali ) con l art. 2-quater ha così modificato il comma 7 dell art. 151del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267: Il rendiconto è deliberato dall organo consiliare entro il 30 aprile dell anno successivo. Parte generale 10 Premessa

13 Conto del bilancio

14

15 Relazione al Rendiconto della gestione Lo scenario di riferimento L anno è stato ancora un anno transizione per le autonomie locali: si è mantenuta nella sostanza la normativa relativa al patto di stabilità, il sistema dei trasferimenti erariali è rimasto quello degli anni precedenti e non sono stati possibili aumenti delle aliquote dei tributi comunali e provinciali. Il federalismo municipale e locale non ha ancora trovato una concreta attuazione pur essendo ormai vigenti, per effetto della l , n. 42 di delega al Governo in materia di federalismo, il d.lgs , n. 85 (federalismo demaniale), il d.lgs , n. 156 (Roma Capitale), il d.lgs , n. 216 (determinazione costi e dei fabbisogni standard degli enti locali). Seguiranno altri decreti legislativi sul federalismo fiscale municipale (già approvato) e sulle entrate delle Regioni e delle Province. In questo scenario la gestione del Bilancio ha presentato aspetti problematici. La stagnazione delle entrate tributarie, la riduzione dei trasferimenti erariali - che si ripercuote sul conguaglio da corrispondere annualmente allo Stato - l entrata in ammortamento di un importo ragguardevole di prestiti flessibili già contratti in esercizi passati hanno inciso pesantemente sulle risorse disponibili. E stato anche notevolmente impegnativo l obiettivo del patto di stabilità. La risposta delle Provincia si è sviluppata su più direttrici: si sono sfruttate le opportunità di razionalizzazione delle strutture e delle procedure; si è provveduto all alienazione del patrimonio non strategico (stabili di via Petrarca e via Pancrazi in Milano e azioni della società autostradale Cisa spa); si è limitata la contrazione di nuovi prestiti; sono state individuate le spese di sviluppo e se ne è razionalizzata la gestione. Nelle prossime pagine saranno evidenziati i principali aspetti del rendiconto. Intanto, in attesa dell auspicato un riassetto della finanza locale, è opportuno segnalare quanto segue. In termini di potere d acquisto reale, come già evidenziato in sede di presentazione del bilancio di previsione 2011, il gettito tributario di questa amministrazione, a parità di aliquote e al netto dei conguagli dovuti allo Stato, rispetto alla fine degli anni 90 è diminuito. Se si opera il raffronto rispetto al 2007, anno di massimo delle entrate tributarie, la diminuzione supera i 30 milioni di euro. Nel si è stati agevolati dal basso livello dei tassi d interesse e ciò ha evitato l espansione dell onere del debito che in ogni caso anche al netto della quota afferente la Provincia di Monza e Brianza si pone, come stock, ad un livello molto elevato (circa il 160% rispetto alle entrate correnti). Non si è potuto però fare a meno di intervenire con provvedimenti di riequilibrio del bilancio utilizzando i proventi dell alienazione dei cespiti patrimoniali vista l insufficienza delle entrate correnti. Significativi e andati a buon fine sono stati gli sforzi per raggiungere l obiettivo del patto di stabilità. Tali sforzi sono stati molto rilevanti e difficilmente ripetibili per cui si auspica l adozione di regole che comportino obiettivi realmente sostenibili anche nel medio periodo. E continuato il confronto con la Provincia di Monza e della Brianza per la definizione dei conguagli finanziari e patrimoniali. Per altre considerazioni si invita alla lettura delle pagine seguenti in cui l illustrazione della gestione contabile adotta una versione rinnovata e di più lettura, rispetto al passato, negli aspetti finanziari, economici e patrimoniali. Conto del Bilancio 13 Parte generale

16 Relazione al Rendiconto della gestione atti 55258/5.8/2011/1 Approvazione del bilancio e relative variazioni Il Bilancio di previsione dell esercizio della Provincia di Milano è stato approvato il 12 aprile con provvedimento consiliare R.G. n. 14/ in atti 33152/5.3/2009/34, ad oggetto Approvazione del Bilancio di previsione dell esercizio finanziario, della Relazione Previsionale Programmatica /2012, del Bilancio Pluriennale /2012, dell elenco annuale dei lavori anno e del Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari /2012 a seguito del differimento dei termini stabilito con Decreto del Ministero dell Interno del 17/12/2009 (differimento al 30/04/). Nel corso dell esercizio sono state apportate 6 variazioni al bilancio di previsione ed ai suoi allegati, compresa quella obbligatoria di assestamento generale, delle quali si fornisce una sintetica illustrazione, rimandando il lettore, per ulteriori approfondimenti, ai singoli provvedimenti consiliari. La prima variazione, approvata dal Consiglio il 10/06/ (R.G. 22/), atti 90025/ 6.6/2008/25, nell ambito del provvedimento ad oggetto Devoluzione del finanziamento dell intervento di adeguamento normativo della sede distaccata dell Istituto Oriani Mazzini di Milano con quota a favore dell intervento di riqualificazione degli Istituti di Legnano, già inserito nell elenco annuale OO.PP. anno, ha modificato le fonti di finanziamento per la realizzazione di un opera di edilizia scolastica prevista nell elenco annuale, attraverso la devoluzione di risorse già disponibili che ha consentito di evitare la contrazione di nuovi mutui. La seconda variazione è stata approvata dal Consiglio il 21/07/ (R.G. 38/), atti /11.3/2008/18, con provvedimento avente ad oggetto Accordo tra Regione Lombardia, Provincia di Milano, Provincia di Monza e Brianza, comune di Milano, [ ], in ordine alla realizzazione della Metrotranvia Milano Parco Nord - Seregno [ ] e conseguente variazione di Bilancio. Attraverso tale intervento sono state allineate le poste di entrata e di spesa del Bilancio relativamente all intervento infrastrutturale citato, in coerenza con gli impegni assunti dalla Provincia nell ambito dell accordo tra gli Enti interessati. L importo complessivo dell opera è pari a 216, 3 milioni di euro, di cui 128,5 a carico dello Stato, 30,3 a carico della Regione, 20,2 della Provincia di Milano, 19 dei comuni coinvolti, 18,2 della Provincia di Monza e Brianza. La terza variazione, approvata dal Consiglio il 27/07/ (R.G. 40/), atti / 5.3/2009/34 nell ambito del provvedimento ad oggetto Variazione al Bilancio di, si è resa necessaria per fare fronte ad una variazione negativa delle entrate tributarie di 14,6 milioni di euro, determinata dal persistere delle difficili condizioni dell economia nazionale ed in particolare dall andamento del mercato dell auto (che condiziona fortemente il gettito tributario provinciale). La conseguente manovra di bilancio è stata caratterizzata principalmente dalla riduzione di spese comprimibili o facoltative per circa 6 milioni di euro, da un risparmio delle spese per interessi passivi per 19 milioni di euro (determinato dal permanere di un basso livello dei tassi di interesse), da maggiori trasferimenti regionali nel campo sociale (1 milione) ed infine dall applicazione dell Avanzo di amministrazione - rilevato a seguito dell approvazione del Conto del Bilancio per un importo di 5,3 milioni di euro, finalizzati agli investimenti. Parte generale 14 Conto del Bilancio

17 Relazione al Rendiconto della gestione Inoltre, è stata rideterminata la quota dei trasferimenti attesi dalla Provincia di Monza e della Brianza a titolo di recupero di attività svolte per suo conto, con una riduzione rispetto alle previsioni per un importo di 19,3 milioni di euro. Tale minor provento è stato compensato da una riduzione delle somme (-14,7 milioni di euro) dovute allo Stato dalla Provincia di Milano per conto della Provincia di Monza e Brianza, a titolo di conguaglio dei maggiori introiti delle entrate tributarie rispetto ai trasferimenti erariali spettanti. La quarta variazione è stata adottata dal Consiglio Provinciale il 30/09/ (R.G. 46/ ), atti /5.3/2009/34, nell ambito del provvedimento ad oggetto Salvaguardia degli equilibri di bilancio, art.193 del D.Lgs 267/2000 (TUEL) - Adozione di provvedimenti di riequilibrio e quarta variazione al bilancio di previsione. L intervento si è reso necessario per riportare in equilibrio un disavanzo tendenziale della gestione finanziaria di competenza stimato in 20,5 milioni di euro, determinato da minori entrate per 19 milioni (di cui tributarie per 12,5 milioni ed extratributarie per 6,5 milioni) e maggiori spese per 1,5 milioni. Le principali variazioni agli stanziamenti di entrata e di spesa hanno riguardato: L iscrizione a bilancio di proventi derivanti dall alienazione di beni patrimoniali per 19,5 milioni di euro, stima prudenziale dell esito della prima fase di gestione del Piano di Valorizzazione Patrimoniale approvato dal Consiglio Provinciale con delibera del 01/ 07/ (RG. 32/), atti /6.3/2008/2, che prevedeva per l esercizio la vendita di 3 edifici di proprietà della Provincia. L utilizzo di un ulteriore quota dell Avanzo di Amministrazione accertato con il Conto del Bilancio 2009, pari a 1 milione di euro, destinata al finanziamento di spese correnti, come previsto dall art. 187, comma 2, lettera c) del D.Lgs. 267/2000. La riduzione delle spese per il personale per 1 milione di euro. La quinta variazione è stata adottata dalla Giunta in via di urgenza (ex art. 175 del T.U. dell ordinamento degli EE.LL.) il 12/10/ (R.G. 428/), atti /5.3/2009/34, per adeguare alcune voci di entrata e di spesa, corrente e di investimento, che presentavano i caratteri della indifferibilità, riferite alla gestione ordinaria e prive di impatto sulla programmazione. Tale variazione è stata poi ratificata dal Consiglio Provinciale con provvedimento del 04/11/ (R.G. 51/), atti /1.10//11 La variazione di assestamento generale al bilancio di previsione è stata assunta dal Consiglio in data 30 novembre (R.G. 55/) atti /2009/5.3/2009/34 al fine di garantire il mantenimento dell equilibrio complessivo del bilancio e la conferma del rispetto delle norme del Patto di stabilità interno che contemplano il miglioramento del saldo finanziario di competenza mista rispetto al valore medio degli esercizi dal 2006 al Le linee generali della manovra hanno riguardato: L iscrizione di maggiori entrate in conto capitale per un importo di 20,2 milioni di euro, di cui la metà derivanti dall alienazione dell immobile sito in via Petrarca (limitatamente alla quota prudenzialmente non appostata nelle variazioni precedenti) e dalla vendita alla società T.E.M. - Tangenziali esterne Milano S.p.a della quota di partecipazione provinciale nelle società Autocamionale della CISA S.p.a. L incremento delle entrate correnti per 13,4 milioni di euro, di cui 9,2 milioni di entrate extratributarie e 4,2 milioni derivanti da trasferimenti correnti, e l applicazione della restante quota dell avanzo di amministrazione 2009 per 0,5 milioni di euro. Conto del Bilancio 15 Parte generale

18 Relazione al Rendiconto della gestione atti 55258/5.8/2011/1 L adeguamento degli stanziamenti di spesa alle esigenze gestionali in vista della chiusura dell esercizio, per un importo netto di 18,6 milioni di euro in parte corrente e 15,1 milioni in conto capitale, mediante storni di spese iscritte su funzioni, servizi ed interventi che presentano disponibilità e mediante destinazione di maggiori entrate accertate; in particolare, parte del finanziamento delle maggiori spese correnti è stato garantito dagli introiti delle alienazioni, vista l insufficienza delle maggiori entrate di natura corrente; si fa riferimento a: conguagli della gestione calore (4,9 milioni di euro), trasferimenti alla Fondazione Teatro alla Scala di Milano (4 milioni), conguaglio alla Provincia di Monza e della Brianza in conto interessi attivi su titoli per giacenze liquide (1 milione). L iscrizione e l adeguamento delle spese finalizzate, assicurate da trasferimenti di terzi, alle risorse effettivamente accertate o acquisite. La definizione delle ulteriori spese di investimento mediante l aggiornamento del bilancio pluriennale /2012: intervento di adeguamento del sistema idraulico del Canale Scolmatore Nord - Ovest per 9 milioni di euro; interventi sulla rete in fibra ottica relativa al progetto di collegamento autostradale Milano - Brescia per 0,6 milioni. Tutte le variazioni consiliari adottate nel corso dell esercizio sono state assentite favorevolmente dal parere del Collegio dei Revisori. Per quanto concerne l utilizzo del Fondo di riserva nel corso dell esercizio sono stati deliberati n. 4 prelievi, per il complessivo importo di Euro ,00. Lo stanziamento del fondo, inizialmente previsto in Euro ,00, si è ridotto a seguito dei prelievi a Euro ,00. Alla chiusura dell esercizio, in base alle previsioni definitive gli equilibri del bilancio risultavano i seguenti (in Euro): Equilibri di Bilancio Bilancio di parte corrente Entrate Spese (dati in Euro) Entrate: titoli Spese: titoli 1 e Disavanzo economico risultante Equilibri di Bilancio (dati in Euro) Bilancio investimenti Entrate Spese Entrate: titoli 4 e Avanzo di amministrazione Avanzo economico 0 Spese: titoli Totale bilancio investimenti In relazione alla variazioni di Bilancio intervenute in corso d anno, si riportano di seguito le analisi di confronto tra gli stanziamenti iniziali e le previsioni definitive per gli aggregati di entrata e di spesa. Parte generale 16 Conto del Bilancio

19 Relazione al Rendiconto della gestione Entrate Dall analisi dei dati riportati in tabella 1, si evidenzia una variazione negativa delle entrate correnti (Titoli I, II, III) pari a 31,6 milioni di euro (da 477,4 milioni a 445,8 milioni, pari a - 6,6%). Tale diminuzione è stata determinata principalmente da un andamento delle entrate tributarie inferiore alle attese per 27,1 milioni di euro, pari al 9,3% delle previsioni iniziali di Bilancio. Analizzando nel dettaglio le singole voci di entrata, i minori importi sono principalmente determinati da: Imposta sulle assicurazioni contro la responsabilità civile verso terzi derivante dai veicoli a motore (RC Auto): - 13,7 milioni di euro (da 128,8 a 115,1); Imposta provinciale di trascrizione veicoli (IPT): - 4,2 milioni di euro (da 79,2 a 75); Addizionale provinciale sui consumi di energia elettrica: - 9,2 milioni di euro (da 63,7 a 54,5). Le cause del minor gettito sono da ascrivere al perdurare delle difficili condizioni dell economia nazionale ed in particolare all andamento del mercato dell auto, che condiziona direttamente il gettito tributario provinciale. Anche i trasferimenti correnti hanno riportato una riduzione rispetto alle attese di complessivi 10,5 milioni di euro (-7,8%), da ricondurre essenzialmente alla rideterminazione degli importi dovuti dalla Provincia di Monza e della Brianza per funzioni svolte a suo favore; in termini monetari il minore introito è pari a 19,3 milioni di euro (in parte compensati da minori trasferimenti verso lo Stato, si veda la sezione successiva). Al contrario, i trasferimenti regionali hanno segnato un incremento di 7,5 milioni di euro (+9,2%), con particolare riferimento a quelli finalizzati all incremento dei corrispettivi e all indicizzazione dei contratti di servizio di trasporto pubblico locale (6,6 milioni) ed all assistenza all infanzia resa dal CAM di via Pusiano (1 milione). In controtendenza rispetto ai primi due Titoli, le entrate extratributarie sono aumentate di 6 milioni di euro (+12,2%) rispetto a quanto stanziato in fase previsionale. L incremento è dipeso dai proventi per servizi pubblici per 2,4 milioni di euro e dai proventi diversi per 4,2 milioni, in prevalenza consistenti in diritti di reimpiego di fondi regionali destinati alla formazione professionale. Le entrate in conto capitale sono passate da una previsione iniziale di 176,8 milioni di euro ad uno stanziamento definitivo di 368,9 milioni. Tale aumento (+108,7%) discende in primo luogo dalla formalizzazione delle quote di finanziamento della metrotranvia Milano - Desio - Seregno tra le diverse istituzioni interessate al progetto ed alla conseguente iscrizione delle somme a Bilancio (Stato: 128,5 milioni; Regione Lombardia: 30,3 milioni, Provincia di Monza e Brianza: 18,2 milioni, comuni diversi: 19,1 milioni; l importo a carico della Provincia di Milano è pari 18.3 milioni, finanziato tramite la devoluzione di mutui precedentemente accesi). Inoltre, sono state inserite nuove entrate per 28,5 milioni di euro derivanti dall alienazione dell immobile di proprietà della Provincia sito in via Petrarca ed è stato ridotto da 22,5 milioni a 18,5 milioni l importo dei proventi dell alienazione delle azioni Cisa S.p.a. Conto del Bilancio 17 Parte generale

20 Relazione al Rendiconto della gestione atti 55258/5.8/2011/1 In ultimo, sono aumentate le entrate derivanti da accensioni di prestiti grazie alla devoluzione delle disponibilità su mutui già contratti negli anni precedenti (24,7 milioni di euro) a vantaggio di nuovi investimenti. Spese La tabella 2 riporta il confronto tra le previsioni iniziali di spesa e gli stanziamenti finali definiti in fase di assestamento. Dalla lettura dei dati emerge che sul fronte delle spese correnti è stato condotto in corso d esercizio un intervento di contenimento, concretizzatosi nella riduzione degli stanziamenti finali rispetto a quelli iniziali di 7 milioni di euro (da 436,6 milioni a 429,6 milioni, pari a -1,6%), a parziale compensazione dell andamento negativo delle entrate tributarie precedentemente descritto. Le spese in conto capitale, invece, hanno subito un incremento 193,5 milioni di euro (da 235,2 milioni a 428,7 milioni, pari a +82,3%), dovuto in gran parte all iscrizione in Bilancio delle poste attive e passive relative al finanziamento della Metrotranvia Milano - Desio - Seregno (+170 milioni), oltre che alla definizione di altri investimenti quali - tra gli altri - l adeguamento del sistema idraulico del Canale Scolmatore Nord Ovest (+9 milioni) ed il prolungamento della metropolitana M2 da Famagosta ad Assago (3,1 milioni, finanziamento statale). Analizzando nel dettaglio l andamento della spesa corrente per funzione di Bilancio (tabella 3), il maggior risparmio di spesa rispetto alle previsioni è da riferirsi alle funzioni generali di amministrazione, gestione e controllo (-8,3 milioni di euro, equivalente a - 4,5%), alle funzioni riguardanti la gestione del territorio (-5,1 milioni / -23,5%) ed a quelle nel campo della tutela ambientale (-2,2 milioni / -10,3%); per contro sono state destinate maggiori risorse alle funzioni nel campo dei trasporti (+ 7,1 milioni / +9,7%), a quelle relative alla cultura ed ai beni culturali (+1,8 milioni / +21,8%) ed a quelle relative allo sviluppo economico (+1,1 milioni / + 5,4%). In relazione alla natura della spesa (tabella 4), il contenimento è da ricondurre principalmente ad un minor stanziamento di 20,9 milioni di euro (-41%) per interessi passivi rispetto alle previsioni, che avevano tenuto conto prudenzialmente di una struttura di tassi più elevata di quanto effettivamente si è registrato in corso d anno, a causa dell andamento sfavorevole dell economia nazionale. Una riduzione significativa, pari a 1,2 milioni di euro (-1,5%), ha riguardato le spese per il personale. Gli effetti delle riduzioni sopra descritte sono stati in parte controbilanciati da un incremento delle spese per prestazioni di servizi complessivamente pari 12,5 milioni di euro, di cui 4,8 milioni relativi al riscaldamento degli edifici scolastici e 5,8 milioni a titolo di maggiori corrispettivi per i contratti di trasporto pubblico locale (finanziati dalla Regione). Parte generale 18 Conto del Bilancio

21 Relazione al Rendiconto della gestione Le risultanze di Bilancio Con la predisposizione del conto del bilancio, le verifiche sugli accertamenti delle entrate e sugli impegni delle spese hanno determinato un valore dell avanzo di amministrazione pari a circa 13,5 milioni di euro. Analizzando nel dettaglio la composizione dell avanzo (tabella 5) è possibile cogliere le dinamiche gestionali che hanno comportato tale incremento. L avanzo complessivo comprende somme non vincolate e somme a cui viene conferita una precisa destinazione. La parte dell avanzo di amministrazione composto da fondi non vincolati rappresenta la quota di risorse finanziarie rese disponibili dalla gestione che potranno essere reimpiegate nell esercizio successivo senza vincolo di destinazione. Per il, essa è pari a 0,6 milioni di euro, un importo modesto in termini assoluti e di fatto dimezzato rispetto al precedente esercizio, in cui presentava un valore di 1,3 milioni. Le quote vincolate, a loro volta, riguardano fondi che non hanno trovato impiego ed impegno nel corso del e che tuttavia mantengono una precisa finalizzazione; per tale ragione non possono considerarsi assimilabili ad un reale risparmio per l amministrazione. Tali fondi sono pari a 12,9 milioni di euro, di cui 2,1 finalizzati a spese correnti e 10,8 ad investimenti, in aumento rispetto al 2009 (+7,4 milioni). Essi da un lato derivano da operazioni di alienazione immobiliari e mobiliari, i cui introiti non sono stati per intero destinati; dall altro sono l esito di una attenta azione di revisione dei residui passivi in conto capitale, che ha permesso di liberare le relative fonti di finanziamento sia in Titolo IV che in Titolo V. Esaminando gli aggregati che hanno determinato l avanzo, riportati in tabella 5, si può notare che le giacenze di cassa di fine periodo aumentano in modo rilevante, da 154,8 milioni di euro a 249,7 milioni. Tale risultato è in parte riconducibile al patto di stabilità ed in particolare ad i suoi effetti di contenimento dei pagamenti in conto capitale. A riprova di ciò, i valori dei residui passivi sono aumentati rispetto al 2009 di 167,1 milioni (+17,2%), un incremento superiore in termini assoluti e relativi a quello registrato dai residui attivi, di 78,8 milioni (+9,6%). La tabella 6 offre una dimostrazione alternativa dell avanzo di amministrazione, dalla quale risulta in che misura la gestione dell esercizio abbia modificato l avanzo realizzato nell esercizio precedente, per effetto delle minori entrate e delle minori spese rispetto alle previsioni. Nel, le minori entrate sono state inferiori alle minori uscite, il che ha determinato un incremento dell avanzo di amministrazione (+6,7 milioni di euro). Dalla tabella si evidenzia in particolare che l avanzo di amministrazione di un esercizio non dipende solo dalle minori entrate ed uscite verificate nell anno di riferimento, ma anche dalla consistenza dell avanzo precedente. Si precisa che in questo calcolo la quota di avanzo dell anno precedente applicata alla gestione corrente incide come posta negativa (minore entrata). Nel, pressochè l intera somma dell avanzo 2009 è stata utilizzata per rispondere alle esigenze della gestione. La tabella 7 fornisce il prospetto dimostrativo della composizione dell avanzo, riclassificando i dati esposti nel precedente riquadro. Conto del Bilancio 19 Parte generale

22 Relazione al Rendiconto della gestione atti 55258/5.8/2011/1 Essa evidenzia il contributo delle tre fonti dell avanzo: la quota non applicata dell avanzo dell esercizio precedente, la gestione dei residui e la gestione di competenza. Nel la prima fonte incide in quantità minima (16,42 euro) poichè, come sopra anticipato, quasi l intera somma dell avanzo 2009 è stata applicata alla gestione corrente (nel 2009 tale fonte aveva inciso per una quota pari euro). La gestione dei residui mostra un risultato negativo, pari a 1,6 milioni di euro (mentre nel 2009 aveva influito positivamente, per 11,4 milioni). Su di esso hanno inciso minori entrate extratributarie per 10,6 milioni e minori entrate da trasferimenti in conto capitale per 10,8 milioni (per la gran parte riferibili a trasferimenti comunali). Inoltre sono state registrate economie su entrate derivanti da accessioni di prestiti (mutui) per 10 milioni di euro, che per altro sono state rese disponibili in conto competenza per il finanziamento di nuove opere. La gestione della competenza ha generato rispetto alle previsioni un risultato positivo pari a 15,2 milioni di euro (comprensiva della quota di avanzo applicata alla gestione ), in controtendenza rispetto al 2009, in cui si era riscontrato un risultato negativo per un importo di 4,6 milioni; essa costituisce la fonte principale per la determinazione dell avanzo di amministrazione. Si precisa che, in tale saldo, l avanzo della gestione precedente utilizzato nell esercizio corrente è contato con segno positivo come quota applicata e con segno negativo tra le minori entrate ; pertanto, ai fini della determinazione dell avanzo della gestione corrente, risulta ininfluente. La tabella 8 fornisce dimostrazione degli equilibri di bilancio di fine esercizio ed evidenzia per la gestione di competenza (senza considerare i residui) alcuni differenziali fondamentali. Il primo risultato è costituito dalla differenza tra entrate correnti e spese correnti (comprensive di interessi passivi) aumentate delle spese per il rimborso delle quote capitale dei prestiti. Il differenziale tra accertamenti ed impegni ha registrato risultato negativo (-16,7 milioni di euro), che mette in evidenza una situazione di squilibrio economico-finanziario della gestione corrente, per la cui copertura si è dovuto ricorrere ad entrate in conto capitale derivanti da alienazioni del patrimonio dell Ente ed all applicazione della parte non vincolata dell avanzo di amministrazione dell esercizio Tale differenziale si è anche manifestato in termini di cassa (-21,4 milioni di euro) e la sua copertura è stata garantita dalla gestione di incassi e pagamenti in conto capitale. Il secondo risultato è costituito dalla differenza tra entrate in conto capitale (classificate nei titoli IV e V) e le spese in conto capitale. In questo caso il differenziale è positivo ed è determinato dall accertamento di entrate da alienazioni patrimoniali (immobiliari e mobiliari), in parte impiegate per il finanziamento delle spese correnti, in parte confluite nell avanzo di amministrazione tra i fondi vincolati al finanziamento di investimenti. Il risultato di cassa è positivo grazie all incasso parziale dei proventi delle alienazioni patrimoniali di cui sopra, e totale dei trasferimenti per il canale scolmatore nord-ovest da parte dell Agenzia Interregionale per il PO (A.i.po). Il terzo risultato riguarda la gestione della liquidità provinciale, caratterizzata da un risultato nullo in termini di saldo accertamenti / impegni, mentre evidenzia un leggero squilibrio in termini di cassa, pari a euro. Parte generale 20 Conto del Bilancio

23 Relazione al Rendiconto della gestione Il quarto risultato, relativo alle anticipazioni, è nullo in mancanza di movimenti. L ultimo risultato corrisponde ai servizi per conto terzi: riferito alla competenza correttamente pareggia; il differenziale di cassa è positivo. Il patto di stabilità interno Le norme che regolano il patto di stabilità per il triennio e dunque anche per l esercizio sono state, come nell esercizio 2009, dettate principalmente dagli art. 77, 77-bis e 77-ter del decreto legge 25/06/2008 n 112, convertito, con modificazioni, nella legge 06/08/2008 n 133. Pertanto, è rimasto in vigore il criterio di competenza mista sia per il calcolo dell obiettivo programmatico, sia per l individuazione del saldo effettivamente conseguito dagli enti utile per il rispetto del patto. Ulteriori disposizioni che hanno variato, in modo sostanziale, l impianto configurato dal decreto legge n 112 sono dettate dalla legge 22/12/2008 n 203 (finanziaria 2009), dal decreto legge 30/12/2008 n 20, convertito nella legge 27/02/2009 n 14, ed infine dal comma 7 - quater del decreto legge 10/02/2009 n 5 incentivi, convertito nella legge 09/04/2009 n 33. Con la legge 26/03/ n 42 è stato convertito con modificazioni il decreto legge 25/ 01/ n 2 interventi urgenti concernenti enti locali e Regioni che in merito alla normativa sul patto ha apportato le modifiche sotto specificate, chiarite inoltre nella circolare del Ministero dell Economia e delle Finanze del 30/03/ n 15: D.L. 25/01/10 n 2 art. 4 - comma 4 quinquies. Gli enti che abbiano operato, sia dalla base del calcolo 2007 sia dai risultati utili per il 2009, l esclusione delle risorse originate dalla cessione di azioni di società quotate nei mercati regolamentati e dalla vendita del patrimonio immobiliare sono tenuti ad operarla anche per gli anni e Tale norma non riguarda la Provincia di Milano. D. L. 25/01/10 n 2 art. 4 - comma 4 sexies. Le disposizioni dei commi 1 lettera a) e b) e dell articolo 7-quater del D.L. 10/02/2009 (pagamenti in conto residui concernenti spese di investimento, a fronte di impegni regolarmente assunti e nei limiti delle disponibilità di cassa ed, inoltre, l esclusione dei pagamenti in conto capitale finanziati dal minor onere per gli interessi conseguente alla rinegoziazione dei mutui) si applicano anche per l anno per gli enti che: hanno rispettato il patto di stabilità per l anno 2008; presentano un rapporto tra il numero dei dipendenti e gli abitanti inferiore alla media nazionale per la classe demografica; infine hanno registrato nel 2009 impegni di spesa corrente, al netto degli adeguamenti contrattuali del personale, non superiori al valore medio registrato nel triennio 2006/2008. Nel non si sono verificate le condizioni per usufruire dei benefici di cui al citato comma 1, lettere a) e b) dell art. 7-quater del D.L. n 5 nei limiti degli importi autorizzati dalla regione. D.L. 25/01/10 n 2 art. 4 - comma 4 septies lettera b). Le province ed i comuni devono escludere, sia dal saldo finanziario considerato quale base di riferimento, sia dai saldi utili al fine del rispetto del patto per gli anni e 2011, le risorse provenienti direttamente o indirettamente dall Unione europea e le relative spese di parte corrente ed in conto capitale sostenute dalle province e dai comuni, anche se effettuate in più anni, nei limiti complessivi delle medesime risorse. Conto del Bilancio 21 Parte generale

24 Relazione al Rendiconto della gestione atti 55258/5.8/2011/1 Ai sensi di tale articolo, l obiettivo programmatico della Provincia di Milano, precedentemente individuato pari a migliaia di euro, è stato variato. Le strutture dell ente hanno provveduto alla ricognizione delle entrate e delle spese del 2007 e del riconducibili all Unione Europea che hanno portato a ridefinire lo stesso in migliaia di euro e ad apportare detrazioni agli accertamenti ed impegni di parte corrente nel calcolo del saldo utile per il raggiungimento del patto. D.L. 25/06/2008 n 112 art. 77 bis commi 7 bis e ter integrato dal D.L. 25/01/10 art. 4 - comma 4 novies. Anche per gli anni e 2011 è possibile escludere, sia dal saldo di riferimento sia dai saldi utili ai fini del rispetto dell obiettivo le risorse provenienti dallo Stato, anche se trasferite tramite la regione, ed i relativi impegni di parte corrente e pagamenti in conto capitale effettuati per l attuazione di ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri a seguito di dichiarazione dello stato di emergenza. Tale fattispecie non ricorre per la Provincia di Milano. Nell anno ha continuato a trovare applicazione quanto disposto dal comma 11 art. 77 ter del D.L. 112/08 che ha introdotto la facoltà alle Regioni di rivedere il patto di stabilità per i propri enti locali, sulla base dei criteri stabiliti in sede di consiglio delle autonomie locali, fermo restando l obiettivo determinato complessivamente per gli enti locali sulla base delle regole statali. Sfortunatamente la Regione Lombardia non ha potuto adottare interventi migliorativi in tal senso a causa della stretta alla stessa imposta dal D.L. 78/ e della difficoltà rispetto all obiettivo del patto in cui si sono trovate tutte le provincie lombarde. Un contenuto alleggerimento dei vincoli del patto è stato previsto, invece, nello stesso D.L. 78/ all art. 14, commi 11 e 33ter - lett.a), che ha dato agli enti locali la possibilità di detrarre dai pagamenti in conto capitale una quota pari allo 0,75% dei residui passivi in conto capitale rimasti alla data del 31/12/2008, che per la Provincia si è tradotto in una detrazione di migliaia di euro. Il rispetto del patto di stabilità per l anno risulta essere stato conseguito dalla Provincia attraverso un rigoroso controllo durante tutto l esercizio sia degli accertamenti e degli impegni di parte corrente, sia degli incassi e dei pagamenti in conto capitale. Per quanto riguarda in particolare il saldo di parte capitale, l ente ha determinato la capacità di spesa in conto capitale sulla base delle entrate incassabili nell esercizio, adottando lo strumento dei budget per ripartirla tra le varie strutture organizzative (Aree). Pertanto, sono stati individuati i saldi obiettivo dati dalla differenza tra entrate e spese in conto capitale attribuiti ad ogni Area. Inoltre, l ente ha adottato una politica di alienazione di alcuni beni immobili e valori mobiliari che si sono tradotti in incassi in conto capitale, al fine di recuperare una maggiore capacità di spesa. Alla fine dell esercizio, dopo aver effettuato le operazioni di accertamento di consuntivo, i valori finanziari risultano attestati sui seguenti livelli: il totale degli accertamenti relativi ai primi tre titoli dell entrata (entrate correnti) ha raggiunto migliaia di euro, corrispondenti al 94% delle previsioni di bilancio assestate; le spese correnti, sempre al 31 dicembre, hanno registrato impegni complessivamente per migliaia di Euro, corrispondenti al 93,09% delle previsioni assestate. Il saldo di parte corrente si attesta sul valore di migliaia di euro. Passando ad analizzare la seconda componente del saldo, riferita alla gestione di cassa del conto capitale, si rileva che gli incassi al 31 dicembre hanno raggiunto Parte generale 22 Conto del Bilancio

25 Relazione al Rendiconto della gestione migliaia di euro. Sul versante della spesa sono stati effettuati pagamenti per migliaia di euro, valore inferiore a quello raggiunto nello scorso anno di Il saldo della gestione di cassa, con l applicazione del bonus introdotto dal D.L.78/, raggiunge migliaia di euro. Occorre precisare che tali erogazioni rappresentano degli anticipi rispetto ai pagamenti delle correlate spese e ciò comporterà un "appesantimento" della gestione del patto sul successivo esercizio. In sintesi, a fronte di un obbiettivo programmatico annuale di migliaia di euro, il saldo di competenza mista si attesta, al 31 dicembre a migliaia di euro con un margine positivo di 810 migliaia di euro. Si segnala che un ruolo decisivo per il raggiungimento dell obiettivo è spettato alle erogazioni della Regione particolarmente significative nell ultima fase dell esercizio. L attestazione del raggiungimento dell obiettivo posto dal patto di stabilità interno per l anno è stata effettuata dal Direttore dell Area Programmazione risorse finanziarie con nota del 31 gennaio protocollo (di seguito riportata). E stata inoltre garantita la trasmissione al Ministero dell Economia e delle finanze, tramite sistema web, delle informazioni riguardanti gli obiettivi annuali e i risultati semestrali nei termini e modi stabiliti dalla legge. In particolare, in data 31/1/2011 sono state inviate le risultanze relative al secondo semestre. La certificazione conclusiva del Patto, che si allega, è stata inviata al MEF - Ragioneria Generale dello Stato - entro il termine prefissato del 31 marzo sulla base del modello definito dallo specifico Decreto Ministeriale. Conto del Bilancio 23 Parte generale

26 24

27 Relazione al Rendiconto della gestione Condizioni strutturali del Bilancio provinciale Le condizioni strutturali del Bilancio sono definite tramite una serie di indicatori che costituiscono allegati obbligatori al Conto del Bilancio. Innanzitutto ci sono i parametri di rilevazione delle condizioni di deficitarietà così come aggiornati dal decreto del Ministero dell Interno del 24/9/2009 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale 238 del 13/10/2009. Dalla loro analisi, risulta che la Provincia di Milano non si trova in condizioni strutturalmente deficitarie; tuttavia due degli otto parametri hanno raggiunto valori prossimi (uno in difetto ed uno in eccesso) alla soglia critica. Si fa riferimento in primo luogo al parametro relativo all indebitamento (n. 4), che mette a confronto lo stock dei debiti di finanziamento non assistiti da contribuzione con il totale delle entrate correnti. Per l esercizio in esame, il rapporto tra le due grandezze è pari al 159%, appena sotto la soglia critica, fissata al 160% in quanto l ente nel corso del ha conseguito un risultato contabile di gestione positivo. Nel calcolo del parametro è stato considerato il debito al netto della quota riferita alla Provincia di Monza e della Brianza (167,2 milioni di euro) e, coerentemente, le entrate correnti sono state calcolate escludendo i rimborsi per il servizio del debito di detta Provincia (7,2 milioni di euro). L anno scorso il parametro in questione si era attestato su un valore pari al 147% e non aveva rispettato il limite di criticità, che era non già del 160% bensì del 140%, in quanto il risultato di gestione 2009 aveva conseguito un risultato negativo. Da quanto detto, quindi, emerge che nel se è vero che l indicatore è tornato al di sotto del valore considerato critico, è anche vero che ciò non deriva da un miglioramento nella gestione dell indebitamento, ma dal fatto che il valore soglia è aumentato. Il parametro relativo all impiego dell avanzo di amministrazione e dei proventi derivanti dalle alienazioni patrimoniali per il ripiano degli squilibri di parte corrente (n. 8) ha riportato un valore peggiore rispetto alla valore soglia. Se infatti, in condizioni ordinarie di gestione, gli importi derivanti dalle entrate sopra menzionate non dovrebbero superare il 5% delle spese correnti; invece, per l esercizio attraverso l applicazione dell avanzo per 1 milione di euro e l utilizzo delle entrate derivanti da operazioni immobiliari per 19,5 milioni, sono state finanziate il 5,1% delle spese correnti. Il differenziale rispetto al limite è minimo; tuttavia mette in evidenza la difficoltà a garantire l equilibrio gestione corrente con le sole entrate correnti, a causa anche dell andamento decrescente delle entrate tributarie determinato dalle condizioni critiche che attraversano l economia nazionale in generale ed il settore automobilistico in particolare. Passando ad analizzare la tabella degli indicatori finanziari ed economici generali - anch essa allegato obbligatorio al Conto del Bilancio - che presenta il confronto tra i dati attuali con quelli dei due esercizi precedenti, occorre preliminarmente precisare che tali valori si riferiscono a due organizzazioni strutturalmente differenti: fino al 2009 la Provincia di Milano precedente allo scorporo di Monza e Brianza, nel la Provincia di Milano nel suo assetto attuale. Il confronto tra i dati, dunque, consente di valutare come si sono modificati gli assetti e gli equilibri di bilancio a seguito dell acquisizione della quasi totale autonomia della nuova Provincia, sia in termini di processi di funzionamento, che in termini di gestione finanziaria e di bilancio. Con riferimento al Conto del Bilancio della Provincia di Milano risulta: Conto del Bilancio 25 Parte generale

28 Relazione al Rendiconto della gestione atti 55258/5.8/2011/1 l autonomia finanziaria (73,22%) rimane elevata ed è in leggera crescita rispetto all esercizio precedente; l autonomia impositiva è rimasta sostanzialmente costante nel triennio, attestandosi ad un valore oscillante tra il 61%-62%, anche se la diminuzione dei gettiti di imposta avvenuti nel corso dell esercizio in esame ha portato il valore dell indicatore al livello più basso dal la pressione finanziaria pro-capite, determinata dall andamento delle entrate tributarie e dei trasferimenti, si riduce a 118,52 euro, contro i 127,10 euro del 2009; anche la pressione tributaria pro-capite scende al 82,37 euro, mostrando un trend in continua riduzione nel triennio; l intervento erariale pro capite è ridotto a 1,09 euro da 3,06 del 2008 e 2,31 del 2009, a dimostrazione dello scarso peso che hanno i trasferimenti statali sul bilancio provinciale; l intervento regionale pro-capite è in leggera diminuzione rispetto al 2009; l incidenza dei residui attivi è in forte aumento rispetto al 2009, con un aumento di circa il 9,5%; analogamente l incidenza dei residui passivi è aumentata di quasi il 10%; l indebitamento locale pro-capite è in costante aumento e si attesta a 212,97 euro; la velocità di riscossione delle entrate proprie è stabile rispetto al precedente esercizio; la rigidità della spesa corrente ha registrato un deciso aumento (da 22,51 euro a 27,01 euro) risentendo, più dei precedenti indicatori, delle dinamiche organizzative e delle scelte di ripartizione del personale che hanno contraddistinto la separazione dalla Provincia di Monza e della Brianza; la velocità della gestione delle spese correnti è in crescita rispetto al 2009; il rapporto dipendenti-popolazione, dopo lo scorporo della Provincia di Monza e della Brianza, denota un aumento. Parte generale 26 Conto del Bilancio

29 Gestione della competenza

30

31 Relazione al Rendiconto della gestione Parte entrate Entrate correnti Il riepilogo generale delle entrate, esposto in tabella 9, guida l analisi sotto riportata. Le entrate correnti, corrispondenti ai primi tre titoli del conto, vengono accertate in 421,6 milioni di euro, a fronte di 556,0 milioni del 2009, con un decremento del 24,2%, in gran parte riconducibile all istituzione della Provincia di Monza e della Brianza ed al consolidarsi della sua piena autonomia operativa e di bilancio. Rispetto alle previsioni definitive del, invece, la percentuale di entrate accertate è pari al 94,6%, in quanto i minori accertamenti sono pari a 24,2 milioni di euro. Gli importi riscossi nel corso dell esercizio sono pari a 322,9 milioni di euro (ovvero il 76,6% delle entrate accertate), per cui i residui attivi di nuova formazione ammontano a 98,7 milioni. Come emerge dalla successiva tabella 10, le entrate correnti della Provincia di Milano sono composte per il 73,2% da entrate proprie, sia di natura tributaria (61%) che extratributaria (12,2%). La restante parte è costituita dai trasferimenti correnti da altri enti del settore pubblico, nell ambito dei quali maggior rilievo rivestono i trasferimenti provenienti dalla Regione Lombardia (19,2% delle entrate correnti totali) finalizzati al finanziamento delle funzioni trasferite e delegate, nonché per le competenze attribuite. Le entrate relative ai trasferimenti statali sono presenti nel bilancio della Provincia di Milano in misura modesta e comunque sono finalizzate a specifici progetti riconosciuti da leggi di settore. Mancano del tutto, quindi, i tradizionali trasferimenti erariali (ordinario, consolidato, perequativo) sostituiti, a partire dall anno 1999, dai gettiti delle imposte Ipt e Rc auto che lo Stato ha devoluto alle Province. Di seguito verranno forniti brevi commenti relativi alla gestione delle entrate correnti e per ciascun titolo verrà fornita illustrazione dell andamento dei cespiti più rilevanti. Entrate tributarie Il perdurare della crisi dell economia nazionale e internazionale ha pesato negativamente sulla gestione degli enti locali, in particolare delle Province, le quali hanno subito una progressiva riduzione dei gettiti fiscali a partire dal In particolare nel 2009 ed ancora nel il rallentamento delle attività finanziarie e produttive ha colpito significativamente il mercato automobilistico con una conseguente flessione delle entrate tributarie ad esso correlate: Ipt - imposta provinciale trascrizione veicoli ed Rc auto - responsabilità civile sui rischi della circolazione dei veicoli. Andamento entrate tributarie: confronto 2009/ Cespite di entrata Accertamenti 2009 (a) Previsioni definitive (b) Accertamenti (c) (dati in migliaia di Euro) Scostamento (c)/(a) Scostamento (c)/(b) Imposte ,4% -3,0% Tasse ed altre entrate tributarie ,0% +17,6% Totale ,4% -3,0% Gestione della competenza 29 Parte generale

Il Bilancio 2013 in sintesi

Il Bilancio 2013 in sintesi Il Bilancio 2013 in sintesi Analisi dei principali aggregati di entrata e di spesa Giugno 2013 ENTRATE IL BILANCIO IN POCHI NUMERI Il bilancio dell anno 2013 della Provincia di Milano ammonta a 848,6 milioni

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

atti 81375/5.8/2012/11 Relazione al Rendiconto della gestione 2012

atti 81375/5.8/2012/11 Relazione al Rendiconto della gestione 2012 Relazione al Rendiconto della gestione allegato A Milano aprile 2013 allegato alla delibera atti 81375/5.8//11 atti 81375/5.8//11 Relazione al Rendiconto della gestione atti 81375/5.8//11 Relazione al

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 Il testo normativo vigente in materia di patto di stabilità discende dall art. 77 bis del D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008 e s.m.i.

Dettagli

PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO 2009 NOTE ILLUSTRATIVE

PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO 2009 NOTE ILLUSTRATIVE Bilancio di Previsione 2009 Note illustrative PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO 2009 NOTE ILLUSTRATIVE La manovra di Bilancio per il prossimo esercizio evidenzia ampie difficoltà provocate da diversi

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi Relazione al Rendiconto della gestione Milano, marzo 2009 Relazione al Rendiconto della gestione e Valutazione complessiva INDICE e valutazione complessiva

Dettagli

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 La Spezia 17 novembre 2010 Si è riunito in data odierna il Collegio dei Revisori del Comune della Spezia. Il Collegio è formato da:

Dettagli

Relazione al Rendiconto della gestione 2009

Relazione al Rendiconto della gestione 2009 Relazione al Rendiconto della gestione Milano aprile 2010 Relazione al Rendiconto della gestione INDICE Parte generale e valutazione complessiva Premessa pag. 9 Conto del Bilancio pag. 11 La finanza

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari Il Servizio Finanziario ESERCIZIO 2011 Relazione tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 9 aprile 2013 ESAMINATI

Dettagli

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 I CONTI DEL SETTORE PUBBLICO 2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 Il conto degli Enti previdenziali (Tabella 2.2-1) a tutto il terzo trimestre 2009 evidenzia

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2.

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2. 12 5.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 dell articolo 2, commi 60, 61 e 62, del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 (Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria),

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA X LEGISLATURA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 23 DICEMBRE, N. 15 BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 pdl 24

Dettagli

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi dei servizi. Quelle per gli investimenti derivano da

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione PATTO DI STABILITÀ 2015 Relazione allegata al Bilancio di previsione Aspetti introduttivi La legge di stabilità 2015 (L. n. 190/2014) torna a modificare le disposizioni riguardanti il patto di stabilità

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2010 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 09/03/2011 ESAMINATI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI

RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO ANNO 2012 Aosta, ottobre 2012 IL DIRIGENTE DELL AREA FINANZIARIA - D.ssa Valeria Zardo - PREMESSE L ordinamento finanziario e contabile degli

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Patto di stabilità interno degli enti locali

Patto di stabilità interno degli enti locali Patto di stabilità interno degli enti locali (da www.ilsole24ore.com) PER CAPIRE Il patto di stabilità si riferisce a province e comuni con più di 5mila abitanti ed è vincolato alla crescita del saldo

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2010. 4.2 SETTORE STATALE 4.2.1 I risultati del triennio 2007-2009

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2010. 4.2 SETTORE STATALE 4.2.1 I risultati del triennio 2007-2009 Il fabbisogno non include gli eventuali finanziamenti che saranno erogati su richiesta del Governo greco, in seguito all accordo dell 11 aprile 2010 con il quale è stato definito un programma triennale

Dettagli

COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania)

COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania) COMUNE DI RAMACCA (Provincia di Catania) Allegato alla delibera della Giunta Municipale n. 41 del 20.05.2015 OGGETTO: Relazione illustrativa dei dati consuntivi dell esercizio finanziario 2014 Atteso che

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce

C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce Ufficio: RAGIONERIA SETTORE PROPONENTE: PROPOSTA DI DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 11-11-2013 N.51 Oggetto: APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE PREVISIONALE

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali.

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali. Roma, 17 luglio 2015 AC 3262 Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali Ordini del giorno Sommario Fondo integrativo IMU-Tasi

Dettagli

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio.

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio. 1 LE RISORSE ECONOMICO FINANZIARIE Obiettivi Riduzione indebitamento Ente. Mantenimento parametri Patto Stabilità. Miglioramento tempi di pagamento alle imprese e attivazione procedure di cui al D.L. 35/2013.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

Comune di BIBBONA (LI)

Comune di BIBBONA (LI) RELAZIONE AL BILANCIO SUL RISPETTO DEL PATTO DI STABILITA' 2013 1 IL QUADRO NORMATIVO VIGENTE 1.1 Aspetti introduttivi Le norme che disciplinano il patto di stabilità degli enti locali per l anno 2013

Dettagli

OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI

OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: con delibera del Consiglio

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga 770 N. 6 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 9-2-2016 Parte I Legge Regionale 9 febbraio 2016, n. 4 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA

GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE FINANZIARIA SCELTE QUALIFICANTI Considerato che il bilancio di un Ente locale deve garantire equilibrio tra il rigore dei numeri e i bisogni dei cittadini, tra la necessità del raggiungimento

Dettagli

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Provincia di Foggia Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Il documento contabile che si sottopone alla discussione ed all approvazione del Consiglio Provinciale concernente

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2011 E DOCUMENTI ALLEGATI L organo di revisione Prof.ssa Anna Paris Dott. Marco Fossi Dott.

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Introduzione In base all art. 162 comma 7 del T.U.E.L. 167/2000: Gli enti assicurano ai cittadini ed agli organismi di partecipazione, di cui all'art. 8,

Dettagli

Comune di Rodengo Saiano

Comune di Rodengo Saiano Comune di Rodengo Saiano RELAZIONE DELLA GIUNTA AL 2013 Prospetti di confronto e considerazioni sul Rendiconto dell esercizio 2013 Analisi dei dati di rendiconto Risultato economico e Stato patrimoniale

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO PROVINCIA DI LECCE PATTO DI STABILITÀ 2013 Relazione allegata al Bilancio di previsione Cod. 05-3046-003 CEL EDITRICE 1. Il quadro normativo vigente 1.1 Aspetti introduttivi

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara)

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara) COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) VERBALE N. 4 DEL 3 APRILE 2014 Il giorno tre del mese di aprile dell anno duemilaquattordici, alle ore 15,00 il Revisore dei Conti: Dott.ssa Angela Caselli,

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline il BILANCIO dell Ente Locale e i vincoli del PATTO di STABILITA interno In collaborazione con 26 luglio 2014 / MILANO MILANO, Palazzo delle Stelline www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Oggetto: Ricognizione stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di bilancio.

Oggetto: Ricognizione stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di bilancio. Oggetto: Ricognizione stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di bilancio. RELAZIONA IL SINDACO: L art. 193 del testo unico, approvato con il D.Lgs. 18 Agosto 2000, n. 267, dispone

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 UNIONE RENO GALLIERA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE 1 VERIFICHE PRELIMINARI Il giorno 09 del mese di dicembre

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

COMUNE DI BOLSENA Provincia di Viterbo

COMUNE DI BOLSENA Provincia di Viterbo COMUNE DI BOLSENA Provincia di Viterbo REFERTO DI CONTROLLO DI GESTIONE ANNO In conformità alle previsioni dell art. 198 del d lgs 267/2000 il presente referto ha lo scopo di esprimere le valutazioni sullo

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 174 20/11/2012) Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 - ASSESTAMENTO GENERALE DI BILANCIO Premesso: IL - che con iberazione Consiglio Comunale n. 56 26/07/2012

Dettagli

Comune di Campegine Provincia di Reggio nell Emilia

Comune di Campegine Provincia di Reggio nell Emilia Comune di Campegine Provincia di Reggio nell Emilia PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 37 DEL 25/07/2014 OGGETTO: EMENDAMENTO AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 2016. PREMESSO: che il Consiglio

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres.

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. Regolamento per la determinazione dei criteri e delle modalità per il concorso delle

Dettagli

Piobbico Corrado Componente ASSENTE. Bocchi Giancarlo Componente ASSENTE

Piobbico Corrado Componente ASSENTE. Bocchi Giancarlo Componente ASSENTE COMMISSIONE DI BILANCIO E FINANZA DEL 14/04/2015 Il giorno 14 del mese di Aprile dell anno 2015 si è riunita presso la sala sede municipale Villa Morando, la Commissione di Bilancio e Finanza, convocata

Dettagli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli C.O.VE.VA.R. Consorzio Obbligatorio Comuni del Vercellese e della Valsesia per la gestione dei rifiuti urbani della Provincia di Vercelli PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Dettagli

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 ..... Bilancio e contabilità... Armonizzazione contabile degli enti territoriali Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 di Stefano Ranucci

Dettagli

L art. 28 della Legge 448/98 prevedeva la riduzione del rapporto tra il proprio ammontare di debito e il prodotto interno lordo (P.I.L.).

L art. 28 della Legge 448/98 prevedeva la riduzione del rapporto tra il proprio ammontare di debito e il prodotto interno lordo (P.I.L.). COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese PATTO DI STABILITA Il patto di stabilità interno, istituito con l art. 28 della Legge n. 448/98, ha esteso agli Enti Locali, in applicazione del federalismo fiscale,

Dettagli

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali LA RILEVAZIONE DEI DATI L indagine sulla situazione finanziaria

Dettagli

Relazione al Rendiconto della Gestione 2010

Relazione al Rendiconto della Gestione 2010 Relazione al Rendiconto della Gestione 2010 ai sensi dell art. 151 del D. L.vo n. 267/2000 I N D I C E QUADRO DI SINTESI DELLA GESTIONE pag. 1 L andamento della gestione di competenza pag. 2 L andamento

Dettagli

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Verbale n. 04 Sig. Presidente, Sigg. Consiglieri, RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore ha esaminato nel giorno 02 aprile 2013,

Dettagli

VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000)

VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000) VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000) SALVAGUARDIA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO 2015 La corretta ed economica

Dettagli

VERIFICHE PRELIMINARI

VERIFICHE PRELIMINARI COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA **** PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI **** REVISORE UNICO Marco Rossi Commercialista Revisore Contabile Pubblicista

Dettagli

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza DI PREVISIONE 2015 - ISTITUZIONE CENTRO OLIMPIA COMUNALE Allegato n.9 - Bilancio di previsione al D.Lgs 118/2011 DI PREVISIONE ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 199 19/11/2013) OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA DI MUTUI CONTRATTI CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SPA E VARIAZIONE DI BILANCIO AI SENSI DELL ART. 175, COMMA 2 E 3 DEL D.LGS. 267/2000. PREMESSO che:

Dettagli

Situazione indebitamento al 31.12.2009

Situazione indebitamento al 31.12.2009 Situazione indebitamento al 31.12.2009 Situazione indebitamento al 31.12.2009 A cura del Servizio Credito dell Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio Cagliari, Dicembre

Dettagli

Oggetto: Proposta di legge regionale concernente: Bilancio di previsione della Regione Lazio per l esercizio finanziario 2007. LA GIUNTA REGIONALE

Oggetto: Proposta di legge regionale concernente: Bilancio di previsione della Regione Lazio per l esercizio finanziario 2007. LA GIUNTA REGIONALE Oggetto: Proposta di legge regionale concernente: Bilancio di previsione della Regione Lazio per l esercizio finanziario 2007. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore al Bilancio, Programmazione

Dettagli

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000 Finanza, contabilità e revisione economico-finanziaria Sommario 1 L ordinamento contabile: fonti normative. 2 Il regolamento di contabilità. 3 Gli strumenti della programmazione finanziaria. 4 Il rendiconto

Dettagli

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Ricavi a 24,5 milioni (26,3 mln nel 2010) EBITDA 1 a -2,3 milioni (-4,0 mln

Dettagli