COSTI DI APPROVVIGIONAMENTO E DISTRIBUZIONE NELLA SUPPLY CHAIN DELL ORTOFRUTTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSTI DI APPROVVIGIONAMENTO E DISTRIBUZIONE NELLA SUPPLY CHAIN DELL ORTOFRUTTA"

Transcript

1 COSTI DI APPROVVIGIONAMENTO E DISTRIBUZIONE NELLA SUPPLY CHAIN DELL ORTOFRUTTA Domenico Gattuso 1, Gian Carla Cassone 2 1. Introduzione Il successo di un prodotto sul mercato dipende in maniera determinante dalla possibilità di gestire con rapidità ed efficacia la sua Supply Chain. Questo richiede un organizzazione ben strutturata dell azienda produttrice, un servizio logistico affidabile e sistemi di trasporto flessibili e reattivi soprattutto quando i prodotti trattati sono beni deperibili come l ortofrutta. La nota propone una procedura, implementata attraverso un apposito tool, per la stima dei costi associati alle fasi di approvvigionamento/ distribuzione nella supply chain dell ortofrutta. Nello specifico, la procedura consente la valutazione dei costi di trasporto su rete ed in corrispondenza dei nodi di interscambio per alternative di trasporto monomodali ed intermodali con lo scopo di fornire agli operatori del settore uno strumento analitico e flessibile per la valutazione di fattibilità e la verifica delle fasi di approvvigionamento e distribuzione all interno della catena logistica in genere ed in particolare dell ortofrutta. La nota si inquadra all interno di un programma di ricerca scientifico, denominato INLOCO (INnovazione LOgistica COordinata), avente come obiettivo la promozione di un distretto tecnologico logistico nell area di Gioia Tauro attraverso la messa a punto di una serie di servizi orientati alla domanda delle imprese e degli operatori. L attenzione è stata indirizzata al settore dell ortofrutta in quanto lo scambio di prodotti agricoli a livello mondiale è in continua crescita e l Italia gioca un ruolo di primo piano nel contesto mondiale. Negli ultimi venti anni la componente agro-alimentare degli scambi commerciali 1 Università Mediterranea di Reggio Calabria, Feo di Vito, 2 Università Mediterranea di Reggio Calabria, Feo di Vito,

2 internazionali è più che raddoppiata, dal 25% al 58% circa. Alcuni prodotti tradizionali, come il caffè e lo zucchero, hanno perso importanza nel tempo a vantaggio di altri come frutta, verdure e prodotti caseari (Da Silva 2005). L industria agro-alimentare occupa la prima posizione nel settore industriale mondiale, rappresentando il 4% del PIL, con 22 milioni di addetti ed una produttività annuale pari a milioni di dollari (ANIMA 2005). Essa rappresenta anche il primo settore industriale in Europa (Federalimentare, 2006), con 840 miliardi di Euro di vendite e 4 milioni di addetti, e il secondo settore in Italia con 107 miliardi di Euro di vendite, imprese (2.500 di queste hanno più di 20 addetti) e lavoratori (dati 2005). 2. Procedure di stima dei costi di trasporto merci. Stato dell arte La stima dei costi, temporali e monetari, associati al trasporto delle merci ed alla gestione logistica, costituisce un elemento di primaria importanza per le aziende perché, unitamente alle stime relative alla domanda, consente di indirizzare le scelte in modo razionale contribuendo alla sua affermazione sul mercato. Per un azienda ottimizzare e controllare i costi dei viaggi comporta vantaggi immediati quali l aumento del livello di servizio offerto ai clienti, la riduzione dei costi di trasporto, la riduzione dei tempi di pianificazione dei trasporti e dei carichi. Sul mercato esistono diversi strumenti software (SW) finalizzati alla gestione operativa e/o amministrativa dei trasporti merci; tali SW si diversificano in relazione alla tipologia di trasporto considerato ed alle funzionalità caratteristiche. La tabella 1 riporta un quadro sinottico di alcuni di questi strumenti software. Alcuni offrono funzioni di gestione amministrativa ovvero hanno come scopo la velocizzazione e la semplificazione dei flussi informativi connessi al trasporto merci (APP Trasporti), altri permettono, oltre alla gestione delle pratiche amministrative, anche la simulazione e la valutazione dei costi e dei tempi associati alle spedizioni merci (CONTROLLER, GULLIVER, SOFTWAY); altri ancora consentono la costruzione dei percorsi e la valutazione dei costi associati (VEGA, Map&Guide).

3 Tab.1: SW commerciali per il trasporto merci SW Produttore VEGA AT2000 CONTROLLER REPLICA Map&Guide TPS-PTV APP Trasporti APP Gulliver Tresporti Gulliver SOFTWAY Zucchetti Modo Strada; Mare Strada; Ferro Mare ; Aria Strada Strada; Ferro Mare ; Aria Strada Strada; Ferro Mare ; Aria Funzionalità Costruzione dei percorsi minimi e loro visualizzazione Valutazione dei costi diretti del trasporto Amministrazione delle attività di trasporto e calcolo dei costi Calcolo dei percorsi stradali e dei relativi tempi e costi Ottimizzazione della sequenza delle tappe. Dati per mezzi pesanti e merci pericolose. Gestione pratiche amministrative Pianificazione ed ottimizzazione dei viaggi Monitoraggio consegne Calcolo e controllo dei costi Gestione ordini e contratti e contabilità Gestione viaggi e logistica (calcolo costi)

4 VEGA e Map&Guide sono applicazioni che consentono la stima del costo per il trasporto delle merci via strada. Entrambi consentono la visualizzazione dei percorsi, una indicazione di percorso ottimo, il calcolo ed il controllo dei costi. VEGA permette la valutazione del costo generalizzato di trasporto su percorrenze nazionali considerando tra le alternative possibili anche il trasporto combinato strada-mare. Map&Guide invece consente di stimare i costi interni (costo monetario e temporale) del trasporto e le relative emissioni inquinanti su percorsi che si sviluppano attraverso tutta l Europa. CONTROLLER e SOFTWAY sono applicazioni che hanno una doppia funzionalità: gestione operativa ed amministrativa del trasporto delle merci. A livello operativo i due software consentono il calcolo dei costi per trasporti monomodali ed intermodali su basi statistiche, in modo aggregato ovvero non distinguendo tra la componente di costo legata ai nodi di interscambio e quella legata alle percorrenze su rete. 3. La supply chain dell ortofrutta Oggi la logistica ricopre un ruolo strategico per la competitività aziendale soprattutto con riferimento all industria agro-alimentare. Tale settore, infatti, ingloba in sé gran parte degli aspetti critici della logistica; la necessità di consegnare la merce in tempi brevi, le medio-lunghe distanze da percorrere, la stagionalità dei prodotti e il loro basso costo unitario, rappresentano solo alcuni degli elementi della complessa organizzazione della logistica interna ed esterna, di produzione e distribuzione di una filiera agro-alimentare. Per filiera agro-alimentare si intende l insieme delle attività associate alla trasformazione dei prodotti agricoli in prodotti alimentari; la filiera può essere articolata nelle seguenti componenti: fornitura/produzione: fase in cui si esegue la coltivazione del prodotto e la relativa raccolta, con eventuale stoccaggio temporaneo della merce; trasporto in approvvigionamento: fase in cui il prodotto viene trasportato dai campi ai centri di lavorazione; manipolazione/condizionamento: fase in cui il prodotto viene selezionato, lavato, calibrato, impacchettato e stoccato;

5 trasporto in distribuzione: fase in cui il prodotto viene trasferito dal centro di lavorazione ai centri di distribuzione intermedi o al cliente finale. Tali fasi sono schematizzate nella figura 1; in essa è possibile distinguere attività a costo aggiunto e attività a valore aggiunto; tra le prime rientrano quei servizi logistici che non comportano una crescita del valore del prodotto, ma solo un aumento dei costi dell intera catena (stoccaggio). Tra le attività a valore aggiunto sono incluse invece tutte quelle fasi in cui ad un incremento del costo corrisponde un incremento della qualità e del valore del prodotto (produzione, lavorazione, trasporto). Fig. 1 Esempio di catena logistica agro-alimentare Valore aggiunto Prodotto finito Stock Ordine utente Trasporto Coltivazione e Raccolta Stock materie prime Lavorazione In rapporto alle fasi in cui la filiera alimentare è scomponibile, si possono distinguere diverse tipologie di soggetti coinvolti, il cui numero varia sensibilmente in rapporto all entità della catena logistica stessa (fig.2). Costo aggiunto Fig. 2 Soggetti coinvolti in una catena logistica agro-alimentare Produttori Centri di raccolta OP Org. Produttori Mercati Industrie l f l

6 4. Approccio metodologico All interno di una catena logistica la funzione di approvvigionamento/ distribuzione rappresenta una parte importante del processo di flusso tra le diverse attività logistiche. Materiali e prodotti si spostano tra diversi punti attraverso due differenti tipi di trasporto, il trasporto primario e il trasporto legato alle consegne locali. A ciascuna attività/fase della distribuzione, corrisponde un costo che concorre alla formazione del prezzo finale del prodotto. Ciascuna componente dipende dall entità del servizio prestato e dal tempo di stazionamento/trasferimento con cui l attività viene svolta. La valutazione dei costi e dei tempi associati alle fasi di approvvigionamento/distribuzione dei prodotti diventa quindi fondamentale per l analisi di una catena logistica più o meno articolata. La metodologia messa a punto per l analisi della fase di distribuzione di una catena logistica in genere e più specificatamente della catena logistica dell ortofrutta si articola in 3 step successivi (fig.3). Fig. 3 Metodologia di analisi dei costi Definizione della spedizione Nodi Costruzione delle alternative Archi Condizioni di trasporto Parametri Modello di offerta Output Costo monetario alternative Costo temporale alternative In particolare, definita la spedizione ovvero fissate le caratteristiche della spedizione in termini di destinazioni da raggiungere, tipologia e quantitativo di merce da trasportare, occorre procedere alla costruzione delle alternative di trasporto possibili per la realizzazione della spedizione attraverso la definizione dei nodi e degli archi costituenti i singoli percorsi di distribuzione nonché delle caratteristiche di trasporto

7 (capacità dei veicoli, tipologia di trasporto, numero di carri ferroviari, etc.) associate al singolo percorso. Definite le alternative percorso-modo, si procede alla stima dei costi temporali e monetari associati attraverso un set di funzioni di costo costituenti il modello di offerta di riferimento utilizzato. Nel caso della filiera considerata, il modello di offerta è costruito sia in relazione agli studi ed alle analisi effettuate sui modelli di calcolo ritrovati nella letteratura di settore per la stima dei costi di trasporto su rete ed in corrispondenza dei nodi di interscambio, sia sulla base delle indicazioni e dei dati forniti da imprese di spedizione e di produzione di ortofrutta operative nell area di Gioia Tauro, in Calabria. Il modello di offerta utilizzato segue un approccio di tipo non generalizzato, ovvero il costo di trasporto associato ai singoli rami della rete ed ai nodi di interscambio viene valutato considerando in maniera separata le componenti non omogenee di costo (costo monetario e costo temporale). In tal modo si può valutare l incidenza del singolo fattore ed è possibile fornire agli operatori dati maggiormente significativi per l interpretazione dei fenomeni e per la realizzazione di analisi comparate tra differenti catene di trasporto. Le funzioni di costo utilizzate sono aggregate e/o disaggregate in relazione alla scala territoriale di riferimento (nazionale, europea, continentale) ed alla tipologia di servizio considerato (trasporto via strada, trasporto via ferro, trasporto via mare) Trasporto via strada Il computo dei costi, monetario e temporale, associato alla percorrenza stradale può essere effettuato mediante funzioni di costo di tipo disaggregato per le percorrenze in ambito nazionale e di tipo aggregato per le percorrenze in ambito internazionale (più specificatamente europeo). Nelle tabelle 2 e 3 sono riassunte in maniera sintetica le funzioni prese in esame. I valori dei parametri delle funzioni per la stima del costo monetario del trasporto su strada per percorrenze nazionali sono variabili in relazione alla tipologia del mezzo utilizzato per la spedizione. A titolo esemplificativo nella tabella 4 si riportano i valori rappresentativi dei consumi e dei costi unitari medi per un autoarticolato a 5 assi di massa complessiva pari a 44 tonnellate. Nella tabella 5 sono invece riportati i costi medi chilometrici per il trasporto via strada in alcune nazioni europee di interesse.

8 Tab.2: Modelli per la valutazione del costo monetario nel trasporto via strada Nazionale Funzione di costo C = C + C + C C C t p t p l ( c + c + c ) L = α = c p gas L a C = c T l c gas pn v Variabili C t costo tecnico/operativo C p costo pedaggi C l costo lavoro α gas consumo carburante [litri/km] c gas costo gasolio [ /litro] c pn costo pneumatici [ /km] c v costi vari [ /km]* L lunghezza percorrenza [km] c p costo medio pedaggio [ /km] L a percorrenza su strade a pedaggio [km] c c costo orario conducente [ /h] T tempo di viaggio [h] Intern. C α = i i L i L i lunghezza percorso nella nazione i [km] α i costo unitario nella nazione i [ /km] * costo di manutenzione/riparazione, ammortamento, assicurazione, tasse. Tab.3: Modelli per la valutazione del costo temporale nel trasporto via strada Nazionale Intern. Funzione di costo T = T + T + T + T T T T v F S v F Li = i vi Tv = 0,5 int 4,5 T + T v = 2,5 int 10 T = T v Li = v i i S W F Variabili T v tempo di viaggio T F tempo di sosta breve T S tempo sosta lunga T W tempo perso L i lunghezza strada di tipo i [km] v i velocità di percorrenza su strada di tipo i [km/h] L i lunghezza percorrenza nella nazione i [km] v i velocità commerciale nella nazione i [km/h] Tab.4: Valori dei parametri delle funzioni di costo stradali percorrenze nazionali Parametri α gas [l/km] c pn [ /km] c v [ /km] c p [ /km] Valore 0,33 0,129 0,461 0,114

9 Fonte: Comitato Centrale dell'albo degli Autotrasportatori (2008) Tab. 5: Valori del parametro α i Area α i [ /km] Germania 1,437 Polonia 1,043 Slovenia 1,202 Ungheria 1,029 Romania 0,893 Fonte: Comitato Centrale Albo Autotrasportatori (2008) 4.2. Trasporto via ferro La stima dei costi monetari associati alla percorrenza su percorsi ferroviari della rete italiana ed europea è da rapportare alla tipologia di servizio ferroviario considerato: carro singolo, treno blocco, treno shuttle (Tabella 6). Per servizi a carro singolo si può fare ricorso a funzioni di costo aggregate (Tabella 7), per servizi di tipo treno blocco e treno shuttle a funzioni di costo disaggregate. Tab.6: Modelli per la valutazione del costo monetario nel trasporto via ferro Servizio Funzione di costo Variabili Carro singolo C = α L Q i i i L i lunghezza percorso nella nazione i [km] Treno blocco Treno shuttle C=(0,0342 L+12,46)Q* C=(0,0140 L+11,38)Q* α i costo unitario nella nazione i [ /km*ton] L distanza percorsa [km] Q quantità trasportate [ton] *Fonte: SCENES 2000 Tab.7: Valori del parametro α i Area Valori di α i [ /km t] Italia 0,10 Germania 0,13 Polonia 0,05 Slovenia 0,07 Ungheria 0,11

10 *Fonte: COMPETE 2006 Il costo temporale viene stimato utilizzando una funzione di tipo aggregato: T=L/v essendo L la lunghezza del percorso stazione-stazione e v la velocità media di transito di un treno merci sulla rete ferroviaria europea. Secondo uno studio europeo (http://ec.europa.eu/transport) un treno merci internazionale viaggia in Europa ad una velocità commerciale media di 18 km/h; questa velocità risulta modesta per motivi legati al cambio di personale o dei mezzi di trazione, a verifiche tecniche, alla formazione dei treni e soprattutto ai controlli doganali. Per i treni shuttle, treni navetta a composizione bloccata che fanno la spola tra due destinazioni, si può assumere una velocità media di 80 km/h Trasporto via mare Per la valutazione dei costi associati al trasporto delle merci via mare occorre distinguere tra due differenti tipologie di trasporto: trasporto combinato Ro-Ro (Roll on Roll off) e trasporto intermodale container. Nel caso di trasporto Ro-Ro il costo di trasporto via mare nasce dalla somma della tariffa p e del costo del conducente C C nel caso di trasporto accompagnato. C=p l+x C C con l lunghezza del mezzo imbarcato sul traghetto e x variabile ombra che assume valore 0 se il trasporto è di tipo non accompagnato e valore 1 altrimenti. Nello specifico, la tariffa p viene valutata attraverso una funzione di costo lineare (Gattuso et al., 2007): [ m] p = 0,03 L + 0,44 v 0,02 P + 2,96 y / dove L è la lunghezza della tratta marittima, v è la velocità di crociera, P è la capacità del traghetto utilizzato per fornire il servizio, y è una variabile ombra che vale 1 se il mezzo traghettato è pieno, 0 altrimenti. La valutazione dei costi associati al trasporto container via mare può essere operata assumendo i noli medi riferiti a differenti aree geografiche fornite dall UIC (UIC, 2006). In particolare il costo di trasporto è valutabile come:

11 C = ( c + c + c ) N [ $ ] nolo BAF in cui: c nolo è il costo unitario del nolo; c BAF è il costo addizionale che viene addebitato dalle compagnie di navigazione nei periodi in cui il costo del carburante aumenta; c CAF è il costo unitario addizionale volto a compensare le fluttuazioni valutarie; N è il numero di TEUs spediti. In tabella 8 sono forniti alcuni valori indicativi dei noli per spedizioni aventi con origine/destinazione in un porto italiano. CAF Tab. 8: Valori unitari di c nolo, c BAF, c CAF c nolo [$/TEU] c BAF c CAF Area geografica Import Export [$/TEU] [$/TEU] Nord America Estremo Oriente 1.100* 150* India 1.100* 300* Medio Oriente Mediterraneo 300* 400* 104 n.d. Resto dell Africa n.d. Centro/Sud America Pacifico Sud America Atlantico 1.350* 1.200* 220 n.d. Oceania n.d. Media *Dati forniti da operatori di settore attivi nell area di Gioia Tauro Il costo temporale associato alle percorrenze via mare è valutabile mediante una relazione di tipo aggregato del tipo T=L/v con L distanza porto-porto e v velocità media di crociera. La velocità di crociera dipende dalla tipologia di servizio (Tabella 9). Tab. 9: Velocità media di crociera per diverse tipologie di servizio marittimo Tipologia di servizio Velocità Unità Variabili Trasporto combinato 18 nodi - (servizio Ro-Ro) Servizio di v=15,355+0,0025w nodi w capacità della nave Trasporto linea (*) in TEUs intermodale Servizio 15,43 nodi - feeder (**) (*) Gattuso e Musolino 2002 (**) Russo, Transito attraverso nodi di interscambio

12 All interno della catena di trasporto per la distribuzione della merce sul territorio i nodi di interscambio giocano un ruolo importante in termini di costo e tempo. Nella tabella 10 sono riportati alcuni modelli utilizzati per la valutazione del costo monetario associato al transito della merce attraverso il nodo intermodale ferroviario e i nodi portuali distinguando tra porto Ro-Ro e porto Container. Tab. 10: Costo associato al transito attraverso i nodi di interscambio Nodo Funzione di costo Variabili Ferroviario C = β Q β area costo un. mov. In stazione [ /ton] stazione area Porto Ro-Ro CRo Ro = 25, 5 Q β c costo un. mov. container [ /TEU] Q quantità merce movimentata [ton] Porto Container C container = β N c N numero TEUs movimentati Il costo di handling nel nodo intermodale ferroviario è funzione dell area geografica in cui è localizzato il terminale e del quantitativo di merce trasportata (Tabella 11). Tab. 11: Costi di Handling nel trasporto ferroviario Area geografica β area ( /t) Unione Europea 3,4 Est Europa-CSI 6,6 Fonte UIC, 2006 Il costo di attraversamento del porto container dipende dal numero di TEUs movimentati al nodo e dalla loro origine/destinazione. Nella tabella 12 sono riportati alcuni valori unitari di costo (THC Terminal Handling Charge) per merci originate in porti italiani e destinate in varie parti del mondo. Tab.12: Costo di handling medio nei porti italiani Area geografica di destinazione THC medi ( /TEU pieno) Nord America 157 Estremo oriente 152 India 136 Medio Oriente 144 Mediterraneo 160

13 Resto dell Africa 139 Centro America-Sud America Pacifico 158 Sud America Atlantico 159 Oceania 136 Fonte: UIC, 2006 I costi temporali associati al transito della merce al nodo intermodale ferroviario possono essere desunti in relazione alla Delibera 16/1998 dell Amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato che definisce i limiti temporali per la presa/consegna della merce in corrispondenza del nodo. Invece il costo temporale associato al transito della merce attraverso il nodo porto è stimabile come somma del tempo di ingresso/uscita dal porto T a, del tempo di attesa sulla nave prima dello sbarco T w e del tempo perso per lo svolgimento delle operazioni di carico/scarico della merce T op. T = Ta + Tw + Top In tabella 13 sono riportate alcune indicazioni per la valutazione dei tempi di attraversamento del nodo porto Ro-Ro ottenute sulla base di analisi statistiche (Cartisano, 1999; Marino, 2000). Tab.13: Costo temporale per il nodo porto Ro-Ro Tempi Funzione di costo T a T a =30 [min] T W T W =1,32 n [min] con n numero di veicoli sbarcati prima di quello in oggetto T op T op =20 [min] per trasporto accompagnato T op =120 [min] per trasporto non accompagnato Per un porto container i tempi di attraversamento del nodo variano significativamente in relazione alle caratteristiche fisiche ed operative del porto stesso; a titolo esemplificativo in tabella 14 si riportano i tempi di movimentazione medi che si registrano in corrispondenza del porto Hub di Gioia Tauro. Tab..14: Costo temporale in corrispondenza del porto di Gioia Tauro h Nave madre 2 Tempo di attracco Nave feeder 1 Tempo operazioni al porto scarico nave madre-carico su camion 24

14 Fonte: C-Log (2008) Scarico nave madre-carico su treno 36 Scarico nave madre-carico nave feeder Applicativo per la stima dei costi di approvvigionamento/ distribuzione A partire dalla base modellistica strutturata in modo organico, è stato implementato un applicativo specifico, pensato come uno strumento flessibile per la stima analitica ed il controllo dei costi monetari e temporali di approvvigionamento e distribuzione per spedizioni definite. L applicativo è stato messo a punto e costruito in sinergia con imprese di spedizione e produzione operative nel settore dell ortofrutta nel distretto di Gioia Tauro; questo allo scopo di disporre di uno strumento versatile e direttamente utilizzabile dagli attori coinvolti nella catena logistica di riferimento. L applicativo è stato sviluppato in ambiente Microsoft Visual Studio 2008 con linguaggio Visual Basic.NET; esso si interfaccia e gestisce una base dati creata in Microsoft SQL Server Tale base dati è costituita da due differenti tipologie di tabelle: le prime contengono informazioni relative a Spedizioni, Percorsi, Nodi e Archi, le seconde sono tabelle parametriche con i valori aggiornati dei parametri utilizzati nelle funzioni di costo del modello di offerta di riferimento sulla base del quale si sviluppa l intero software. Le informazioni introdotte per la definizione di nodi e archi vengono memorizzate ed archiviate nella banca dati e sono potenzialmente utilizzabili per la costruzione di nuove alternative di trasporto in relazione a nuove spedizioni da realizzare; in tal modo il programma consente la graduale costruzione di una rete per il trasporto delle merci aggiornabile e modificabile in maniera interattiva. Anche le informazioni relative alla spedizione e al calcolo dei costi ad essa associati vengono archiviate nella banca dati; in tal modo è possibile effettuare analisi comparate tra differenti spedizioni e per una stessa spedizione in tempi differenti. Il software consente anche la modifica dei parametri caratteristici dei modelli utilizzati per la stima dei costi; in tal modo l applicativo si configura come uno strumento dinamico e versatile. La struttura organizzativa del software ricalca la metodologia descritta nel paragrafo 3 e si esplica attraverso le seguenti funzionalità: gestione dei

15 parametri; gestione dei nodi; gestione degli archi; procedura di costruzione delle alternative; output. 6. Un caso applicativo: valutazioni per la Supply Chain dell ortofrutta tra Sud America ed Europa Orientale La metodologia messa a punto è stata testata in riferimento alla supply chain dell ortofrutta fra Sud America (Argentina) ed Europa Orientale (Romania), in rapporto ad interessi espressi da operatori logistici insediati nell area di Gioia Tauro. Nel valutare le possibili alternative di distribuzione dei prodotti ortofrutticoli argentini verso i mercati romeni sono state considerate due differenti spedizioni: la prima riferita ad un quantitativo di merce pari a 12 tonnellate (1 TEU), la seconda riferita ad un quantitativo di merce più consistente pari a 624 tonnellate (52 TEUs). In entrambe le spedizioni la tratta Buones Aires Gioia Tauro è realizzata con il trasporto marittimo container, mentre la successiva fase di distribuzione in Europa può essere realizzata secondo differenti alternative di trasporto che nascono dall opportuna combinazione dei modi di base: strada, ferro nelle differenti tipologie di servizio (carro singolo, treno blocco e treno shuttle e mare (intermodale e Ro-Ro). Nella tabella 15 sono illustrate in modo sintetico le alternative di percorso considerate per le due spedizioni rappresentate. Tab.15: Alternative di percorso Buenos Aires Gioia Tauro Mare Intermodale Sped.1 Sped. 2 Mare Intermodale Gioia Tauro Alternativa Bucarest Tutto Strada 1.1 Strada Ferro (carro singolo) 1.2 Strada Mare (Ro-Ro) A 1.3 Strada Mare (Ro-Ro) NA 1.4 Strada Mare Intermodale 1.5 Tutto Ferro treno blocco 2.1 Tutto Ferro treno shuttle 2.2 Mare Intermodale 2.3 Nella tabella 16 sono riportati i costi (monetari e temporali) associati alle differenti alternative esaminate per lo svolgimento delle spedizioni 1 e

16 2 per la distribuzione dei prodotti ortofrutticoli argentini sui mercati romeni. Tab. 16: Costi monetari e temporali per le spedizioni considerate Spedizione 1 Spedizione 2 Alternativa Su rete Ai nodi Totale 1.1 Costo ( ) Tempo (h) Costo ( ) Tempo (h) Costo ( ) Tempo (h) Costo ( ) Tempo (h) Costo ( ) Tempo (h) Costo ( ) Tempo (h) Costo ( ) Tempo (h) Costo ( ) Tempo (h) Per la spedizione 1 l alternativa di distribuzione più conveniente dal punto di vista monetario appare la 1.5 che prevede un trasporto intermodale strada-mare, ma i tempi di realizzazione del trasporto in tal caso risultano quasi doppi rispetto alle altre alternative a causa delle movimentazioni che devono essere effettuate nei nodi di interscambio; infatti per l alternativa 1.5 il tempo perso ai nodi risulta di gran lunga superiore rispetto agli altri casi. A livello temporale, l alternativa 1.3, che prevede un trasporto combinato strada-mare, appare più conveniente. Per la spedizione 2 le alternative di distribuzione si riducono; infatti, in ragione del maggiore quantitativo di merce da trasportare, sono escluse a priori le alternative che prevedono l uso esclusivo del mezzo stradale come unità di movimentazione o unità di carico. L alternativa 2.3, trasporto intermodale strada-mare, appare la più conveniente da un punto di vista monetario, ma non temporale a causa dei tempi spesi al nodo particolarmente elevati. L alternativa più efficiente dal punto di vista temporale appare la 2.2 che prevede un trasporto combinato strada-ferro con servizio di tipo treno shuttle.

17 7. Conclusioni La nota propone una metodologia per il calcolo dei costi di trasporto, monetari e temporali, associati alla fase di distribuzione/ approvvigionamento della catena logistica dell ortofrutta, implementata attraverso un tool dedicato. La metodologia e l applicativo sono stati costruiti ad hoc per fornire alle imprese operative nel settore agro-alimentare uno strumento per la realizzazione di analisi di fattibilità ed operazioni di controllo relativamente alle fasi di approvvigionamento e distribuzione. Gli strumenti descritti nella nota sono suscettibili di generalizzazione vista la versatilità e l adattabilità degli stessi a qualsiasi contesto produttivo. Bibliografia AA.VV. (2000), SCENES. European Forecasting Model. Deriverable 7 (www.iww.uni-karlsruke.de/scenes). AA.VV. (2006), I costi del trasporto internazionale di merci-anno Sintesi dei risultati dell indagine campionaria. Ufficio Italiano dei Cambi (http://uif.bancaitalia.it). Albo Autotrasportatori conto terzi Italia (2007), Indagine comparativa sui costi delle imprese di autotrasporto conto terzi (www.alboautotrasporto.it) ANIMA (2005). Le secteur agro-alimentaire dans la région euro-méditerranéenne. Notes et études ANIMA, n.16 (a cura di F.Hatem). Agence française pour les investissements internationaux. C Log. (2008). Analisi delle opportunità logistiche dell area retro portuale di Gioia Tauro, Centro di Ricerca sulla Logistica Università C. Cattaneo LIUC. Cassone G., Gattuso D. (2007), Metodi di rilevazione statistica dei costi di trasporto e della logistica in Progetto MATAARI: Logistica agro-alimentare nell area del Mediterraneo a cura di Gattuso D. Edizioni Franco Angeli Milano. Da Silva C.A.B. (2005). The growing role of contract farming in agri-food systems development: drivers, theory and practice. Proceedings of Meeting Agricultural Management, marketing and Finance Service. FAO. Roma. Gattuso D., Cassone G. (2007), Rassegna di modelli di costo di trasporto merci in Progetto MATAARI: Logistica agro-alimentare nell area del Mediterraneo a cura di Gattuso D. Edizioni Franco Angeli Milano Gattuso D., Cassone G., Polimeni A., (2009), Un modello per la stima delle tariffe di trasporto Ro-Ro fondato sull analisi delle caratteristiche del cabotaggio italiano, in Atti della IX Riunione scientifica annuale della Società Italiana di Economia dei Trasporti e della Logistica, Napoli, 3-5 ottobre 2007.

18 Marino S. (2000), Modelli di nodo portuale e strategie per lo sviluppo dell intermodalità strada/mare, Tesi di Laurea. Università degli studi Mediterranea di Reggio Calabria Russo F. (2005), Sistemi di trasporto merci. Approcci quantitativi per il supporto alle decisioni di pianificazione strategica tattica ed operativa a scala nazionale, Ed Franco Angeli Milano

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

Struttura del trasporto merci

Struttura del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Struttura del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica MERCI

Dettagli

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Guido Porta LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e Privato possono vincere insieme Genova, 30 novembre 2007 I.Log è una società nata per

Dettagli

I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI

I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI MAGGIO 2005 I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI ANNO 2004 Sintesi dei risultati dell indagine campionaria Pag. I INDICE Introduzione... 1 1. Aggiornamento dell indagine sui costi del trasporto...

Dettagli

5 ottobre 2012 INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA

5 ottobre 2012 INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA 5 ottobre 2012 INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA BENCHMARK 2011 INDICE INTRODUZIONE... 1 1. METODOLOGIA... 2 1.1 ESTRAZIONE DEL CAMPIONE... 3 1.2 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELL

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA BENCHMARK 2008 - RAPPORTO FINALE

INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA BENCHMARK 2008 - RAPPORTO FINALE INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA BENCHMARK 2008 - RAPPORTO FINALE INDICE INTRODUZIONE... 5 1. METODOLOGIA... 7 1.1 ESTRAZIONE DEL CAMPIONE... 7 1.2 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA

INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA AGGIORNAMENTO 2009-2010 INDICE 1. INTRODUZIONE...2 2. TRASPORTO STRADALE...3 2.1 TRASPORTI A CARICO COMPLETO...3 2.2 TRASPORTI GROUPAGE...7

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORDICII/DUEMILAQUINDICI 15 dicembre 2014 Laboratorio di Analisi dei Sistemi di Trasporto L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci Francesco Russo francesco.russo@unirc.it

Dettagli

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA 2 Il Gruppo Casillo Sede: Settore: Stabilimenti: Corato (Bari) Trading di cereali e produzione sfarinati per panificazione

Dettagli

L azienda. I prodotti. TSP modulo terra

L azienda. I prodotti. TSP modulo terra 1 L azienda I prodotti La J.D.I. è una società di informatica che propone soluzioni software verticali per aziende di servizi, produzione e commerciali. Il nostro gruppo di lavoro è formato da persone

Dettagli

INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DI MERCI E PASSEGGERI - ANNO 1999

INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DI MERCI E PASSEGGERI - ANNO 1999 INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DI MERCI E PASSEGGERI - ANNO 1999 INDICE INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DI MERCI E PASSEGGERI...1 INDICE...1 1. OBIETTIVI E ASPETTI

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - ANNO 2002. Sintesi dei risultati dell indagine campionaria. Settembre 2003

I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - ANNO 2002. Sintesi dei risultati dell indagine campionaria. Settembre 2003 I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - ANNO 2002 Sintesi dei risultati dell indagine campionaria Settembre 2003 INDICE I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - ANNO 2002... 1 INDICE...

Dettagli

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets)

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) Source: Matthias Wagner SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) RISULTATI IN LOMBARDIA Una crescita economica

Dettagli

BSH Bosch und Siemens. vertici dell efficienza. BSH: un magazzino ai

BSH Bosch und Siemens. vertici dell efficienza. BSH: un magazzino ai magazzino BSH: un magazzino ai vertici dell efficienza di Cecilia Biondi In occasione del pre-lancio della nuova serie di carrelli elettrici RX-50, Still ha voluto lasciar parlare più che altro i fatti.

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Genova, 23 novembre 2010 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione

Dettagli

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia Direttore Generale Massimo DEANDREIS Università Bocconi Milano, 25 Maggio 2015 L incremento del traffico nel Mediterraneo Sta crescendo

Dettagli

Rapporto sulla Domanda di Trasporto Marittimo

Rapporto sulla Domanda di Trasporto Marittimo SVILUPPO DEL CABOTAGGIO NAZIONALE E MEDITERRANEO Sviluppo del Cabotaggio Nazionale e Mediterraneo pagina 2 SOMMARIO 1. OBIETTIVI E METODOLOGIA... 4 2. CONSIDERAZIONI DI SINTESI... 6 3. LA DOMANDA... 15

Dettagli

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Comune: Lugo Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 9-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r.

Dettagli

Load Building. Riduzione dei costi grazie a un sistema intelligente di carico

Load Building. Riduzione dei costi grazie a un sistema intelligente di carico Load Building Riduzione dei costi grazie a un sistema intelligente di carico Un uso più economico delle unità di imballaggio e trasporto... Avete a disposizione opportunità di ottimizzazione che aspettano

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012 Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012 Direzione centrale finanze, patrimonio e programmazione Servizio Statistica e affari generali Corso Cavour, 1-34132 Trieste tel. +39 040 377 2228 - fax +39

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Sistemi di trasporti 132 132 132 Tecnologie informatiche, dell automazione e della comunicazione 66

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per il trasporto stradale e per l intermodalità Pubblicazione

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Aggiornamento al 01.01. dei costi delle imprese italiane di autotrasporto di cose per conto di terzi raffrontati con quelli di analoghe imprese appartenenti

Dettagli

Ing. Fabio Nussio STA

Ing. Fabio Nussio STA Il progetto HEAVEN, suoi risultati e sviluppi della catena Traffico-Ambiente a Roma Ing. Fabio Nussio STA La S.T.A. S.p.A. ha partecipato in qualità di co-ordinatore e in collaborazione con il Dip. X del

Dettagli

Caso pratico 1. Caso pratico 2

Caso pratico 1. Caso pratico 2 Caso pratico 1 (Diritto civile, diritto tributario, accesso al mercato, diritto sociale) Occorre trasportare su strada un carico completo di 20 tonnellate di prodotti siderurgici da Terni a Madrid, dire:

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est 1 Contenuti Cos è HUB-LOG A. Hub logistico multimodale del sistema portuale

Dettagli

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Milano, 24 giugno 2014 Trenitalia Trenitalia, società del Gruppo Ferrovie

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

CALENDARIO DIVIETI DI CIRCOLAZIONE FUORI CENTRI ABITATI VEICOLI PTT>7,5T ANNO 2011

CALENDARIO DIVIETI DI CIRCOLAZIONE FUORI CENTRI ABITATI VEICOLI PTT>7,5T ANNO 2011 Oggetto: Direttive e calendario 2012 per le limitazioni alla circolazione dei veicoli pesanti fuori dai centri abitati Firmato ed in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il Decreto del Ministro

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con il Decreto Ministeriale 15 febbraio 2001, n. 28T, il Ministero dei Trasporti ha recepito la Direttiva

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

重 庆 保 税 商 品 展 示 交 易 中 心

重 庆 保 税 商 品 展 示 交 易 中 心 重 庆 保 税 商 品 展 示 交 易 中 心 Chongqing Esposizione Internazionale & Centro Commerciale 重 庆 两 路 寸 滩 保 税 港 区 管 理 委 员 会 Chongqing Lianglu-Cuntan Commissione Amministrativa dell'area Portuale di Libero Scambio

Dettagli

Costi della logistica troppo alti: la riduzione passa dal trasporto merci

Costi della logistica troppo alti: la riduzione passa dal trasporto merci Costi della logistica troppo alti: la riduzione passa dal trasporto merci Il primo centro studio aziendale interamente dedicato alla gestione della catena di fornitura, la Supply Chain Academy di Makeitalia,

Dettagli

Il trasporto merci su strada: evoluzione del mercato e del parco circolante autocarri in Italia

Il trasporto merci su strada: evoluzione del mercato e del parco circolante autocarri in Italia Il trasporto merci su strada: evoluzione del mercato e del parco circolante autocarri in Italia Meeting Fabbricazione e Distribuzione Ricambi Autocarro 31 ottobre 2014 Trade Mondo e Italia Traffico merci

Dettagli

FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/A Tel (06) 441881 Fax (06) 44249506 E Mail : fita@cna.

FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/A Tel (06) 441881 Fax (06) 44249506 E Mail : fita@cna. FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/A Tel (06) 441881 Fax (06) 44249506 E Mail : fita@cna.it Sede di Bruxelles ISB 36-38, Rue Joseph II 1000 Bruxelles

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-08-Logistica

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO TRASPORTI E LOGISTICA Articolazione LOGISTICA Cos è la logistica Insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano i flussi di materiali e delle relative

Dettagli

La strada migliore per portare la merce in Sardegna

La strada migliore per portare la merce in Sardegna La strada migliore per portare la merce in Sardegna 1 Obiettivo Ottimizzare la tempistica e ridurre le tratte terrestri nel trasporto su gomma dei traffici merci Penisola - Sardegna 2 Introduzione Attualmente

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

VANTAGGI OPERATIVI, COMMERCIALI E FISCALI DEL REGIME DI PUNTO FRANCO DEL PORTO DI TRIESTE AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE

VANTAGGI OPERATIVI, COMMERCIALI E FISCALI DEL REGIME DI PUNTO FRANCO DEL PORTO DI TRIESTE AUTORITA PORTUALE DI TRIESTE VANTAGGI OPERATIVI, COMMERCIALI E FISCALI DEL REGIME DI PUNTO FRANCO DEL PORTO DI TRIESTE PREMESSA_1 Il particolare regime dei punti franchi del porto internazionale di Trieste si basa su due semplici

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Introduzione alla Logistica: Definizioni principali Problemi di decisione

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Introduzione alla Logistica: Definizioni principali Problemi di decisione Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili Introduzione alla Logistica: Definizioni principali Problemi di decisione Introduzione La logistica è la disciplina che studia le procedure

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica INFRASTRUTTURE PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Aree attrezzate per consentire la movimentazione,

Dettagli

Auto TEU's Gen. Cargo

Auto TEU's Gen. Cargo Esigenze dell Armamento Dr.Ing. Giancarlo Coletta Direttore acquisti Direttore R&D Grimaldi Group AGENDA Il Gruppo Grimaldi Napoli Le esigenze per sviluppo & competitività Il ruolo degli utenti e dei fornitori

Dettagli

Progettazione terminali

Progettazione terminali Terminale Progettazione terminali Differenti tipologie di terminali: Rinfuse liquide o solide Merci varie Container Traffico Ro-Ro Crociere 1) Definizione layout 2) Profondità fondali 3) Lunghezza banchine

Dettagli

Contenuto e scopo presentazione. Logistica Distributiva. Altri siti in rete. Siti in rete

Contenuto e scopo presentazione. Logistica Distributiva. Altri siti in rete. Siti in rete Contenuto e scopo presentazione Logistica Distributiva Elio Padoano Raffaele Pesenti Contenuto viene introdotto il concetto di logistica distributiva e le problematiche ad esso associate Scopo permettere

Dettagli

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK P r o v i d i n g S o l u t i o n s Forum Internazionale sull innovazione e la cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK 2015 Mercoledì 16,

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

L innovazione possibile nella logistica in Puglia

L innovazione possibile nella logistica in Puglia Ottobre 2008 UNIONE EUROPEA Regione Puglia Agenzia regionale per la tecnologia e l innovazione Osservatorio permanente dell innovazione L innovazione possibile nella logistica in Puglia UNIONE EUROPEA

Dettagli

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica L Italia in Europa: le politiche dei trasporti e della logistica in grado di influenzarne la competitività Torino 25 Giugno 2012 Oliviero Baccelli

Dettagli

È sufficiente ridurre i costi di produzione per rilanciare il trasporto ferroviario?

È sufficiente ridurre i costi di produzione per rilanciare il trasporto ferroviario? Roma, 30 settembre 2014 È sufficiente ridurre i costi di produzione per rilanciare il trasporto ferroviario? Mercintreno 2014 Dott. Mario Castaldo, Direttore Divisione Cargo di Trenitalia Il rilancio del

Dettagli

TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA

TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO

Dettagli

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo di Sergio Rossato D.G. Interporto di Padova S.p.A. A.D. di NET Nord Est Terminal S.p.A. Il traffico intermodale COMPLESSIVO dell Interporto di Padova

Dettagli

Trasporto multimodale

Trasporto multimodale Magazzino del mese Si presenta il caso di un trasportatore conto terzi che offre servizi di trasporto multimodale su tratte internazionali. In risposta alla crescente domanda di riduzione dei tempi di

Dettagli

Ultimo Miglio: la manovra nei porti

Ultimo Miglio: la manovra nei porti Ultimo Miglio: la manovra nei porti I porti italiani in cui FerCargo è presente con i propri treni Venezia Trieste San Giorgio Di Nogaro Ravenna Savona Genova La Spezia Civitavecchia Napoli Gioia Tauro

Dettagli

DISTANZE, TEMPI E COSTI. COME CALCOLARLI? MAP&GUIDE

DISTANZE, TEMPI E COSTI. COME CALCOLARLI? MAP&GUIDE MAP&GUIDE DISTANZE, TEMPI E COSTI. COME CALCOLARLI? Chi lavora nel mondo del trasporto merci deve tenere sempre sotto controllo chilometri, costi e tempi. PTV Map&Guide calcola il percorso ottimale in

Dettagli

Trasporti al passo, economia ferma

Trasporti al passo, economia ferma Infrastrutture Trasporti Logistica e Mobilità Trasporti al passo, economia ferma Accessibilità, trasporti e mobilità al tempo della crisi Analisi a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia Roma, 15 maggio

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

Le Soluzioni per il Traffico delle Merci

Le Soluzioni per il Traffico delle Merci Le Soluzioni per il Traffico delle Merci Il Sistema Informativo Integrato che risponde a tutte le esigenze del Trasporto e della Logistica Lo strumento necessario per: Autotrasportatori Completi Groupages

Dettagli

Trasporto merci. Luglio 2014

Trasporto merci. Luglio 2014 INDAGINE CONGIUNTURALE SUL SETTORE DEI TRASPORTI n. 38 SINTESI Luglio 2014 Trasporto merci Dopo aver chiuso il 2012 con una dinamica settoriale complessivamente negativa, il 2013 mette in evidenza per

Dettagli

I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI

I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI SISTEMI OPERATIVI S.R.L. SAN POLO, 2466/A 30125 VENEZIA TEL. 041 718519 FAX 041 5241758 e-mail: info@sistemioperativi.com http://www.sistemioperativi.com Venezia, luglio

Dettagli

La soluzione professionale per la Gestione Flotte via Web

La soluzione professionale per la Gestione Flotte via Web La soluzione professionale per la Gestione Flotte via Web Marzo 2010 Cefin Systems Italia S.r.l La soluzione professionale per la Gestione Flotte via Web La soluzione per ogni settore della mobilità Architettura

Dettagli

Definizione di flussi e del profilo di missione di veicoli commerciali pesanti in ambito portuale

Definizione di flussi e del profilo di missione di veicoli commerciali pesanti in ambito portuale XVI Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO Milano, 20-21 giugno 2011 Definizione di flussi e del profilo di missione di veicoli commerciali pesanti in ambito portuale G. Zamboni, S. Malfettani, M.

Dettagli

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010 Federico Di Palma Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia Tel: 0382-985796 - Fax:0382-985373 email:federico.dipalma@unipv.it

Dettagli

Sviluppo Applicazione di BI/DWH. con tecnologia Microsoft. per il supporto della catena logistica

Sviluppo Applicazione di BI/DWH. con tecnologia Microsoft. per il supporto della catena logistica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari di Modena Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (270/04) Sviluppo Applicazione di BI/DWH con tecnologia

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO European Academy Bolzano (Mathias Wagner) RVDI Regional Association Donau-Iller Obiettivi del progetto TRANSITECTS Soluzioni comuni per i nodi del

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

XIV Convention Nazionale

XIV Convention Nazionale XIV Convention Nazionale LA LOGISTICA ITALIANA, LEVA STRATEGICA PER L ECONOMIA INTERNAZIONALE Riccardo Fuochi, Presidente The International Propeller Club Port of Milan Milano, 23 ottobre 2015 Benvenuti

Dettagli

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE PROGETTI PADOVA INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE L'interporto di Padova mostra un modo diverso di intendere questo tipo di strutture, collocandosi al centro del comprensorio industriale

Dettagli

il perno intermodale nell Italia Centrale

il perno intermodale nell Italia Centrale il perno intermodale nell Italia Centrale Un frigorifero non è un frigorifero, se si trova a Detroit, mentre è richiesto a Huston (J.L. Heskett) Nel mondo globale. EUROP E la complessità Subsidiaries legatain

Dettagli

L intermodalità nel trasporto dei rifiuti: strumento di innovazione per ottimizzare la gestione di un impianto complesso ed integrato di RSU

L intermodalità nel trasporto dei rifiuti: strumento di innovazione per ottimizzare la gestione di un impianto complesso ed integrato di RSU L intermodalità nel trasporto dei rifiuti: strumento di innovazione per ottimizzare la gestione di un impianto complesso ed integrato di RSU Antonella Lomoro alomoro@eco-logicasrl.it, Massimo Guido, Patrizia

Dettagli

3.1 Le reti dei trasporti

3.1 Le reti dei trasporti 3.1 Le reti dei trasporti La Rivoluzione Industriale, il progresso tecnico e tecnologico, la tendenza al decentramento della produzione ed il processo di Globalizzazione hanno determinato la cosiddetta

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci confetra - nota congiunturale sul trasporto merci a cura del Centro Studi Confetra Periodo di osservazione gennaio-dicembre 2003 Anno VII - n 1 febbraio 2004 La nota congiunturale Confetra sul trasporto

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA Anno accademico 2012/13

OFFERTA FORMATIVA Anno accademico 2012/13 OFFERTA FORMATIVA Anno accademico 2012/13 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PEGASUS AREA MOBILITA SOSTENIBILE GESTIONE INFOMOBILITA E INFRASTRUTTURE LOGISTICHE SITO DEL CORSO: ITIS M.M.Milano Polistena Via dello

Dettagli

Roma, 17 dicembre 2014. Circolare n. 231/2014

Roma, 17 dicembre 2014. Circolare n. 231/2014 Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 17 dicembre

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale Milano 9 Luglio 2013 Relatore Lorenzo Leone Gruppo Arcese: chi siamo Arcese Trasporti è stata fondata nel 1966. In oltre 40

Dettagli

Logi.C.A. Consulting 1

Logi.C.A. Consulting 1 La Logistica La logistica, nell ambito del processo di gestione della supply chain : Pianifica Implementa Controlla l efficiente ed efficace flusso e immagazzinamento dei beni commerciali, l efficiente

Dettagli

Contenuto e scopo presentazione. I sistemi di trasporto e le loro problematiche decisionali. Attori. Attori

Contenuto e scopo presentazione. I sistemi di trasporto e le loro problematiche decisionali. Attori. Attori Contenuto e scopo presentazione I sistemi di trasporto e le loro problematiche decisionali 24/10/2005 11.31 Contenuto viene descritta la struttura base dei sistemi di trasporto e le problematiche gestionali

Dettagli

Milano e i suoi flussi logistici

Milano e i suoi flussi logistici Primo piano La logistica di Milano non è un fatto del territorio milanese: è certamente milanese, ma si realizza anche e soprattutto fuori del territorio milanese. 18 febbraio 2011 Milano e i suoi flussi

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

Progetto DICIOTTO - Piano per la sperimentazione di complessi veicolari da 18 metri

Progetto DICIOTTO - Piano per la sperimentazione di complessi veicolari da 18 metri - Piano per la sperimentazione di complessi veicolari da 18 metri Pagina 1 di 13 INDICE 1. Introduzione 2 1.1. Premessa 2 2. Descrizione della Sperimentazione 4 2.1. Obiettivo 4 2.2. Soggetti Coinvolti

Dettagli