Unicredit, ricavi 2013 stabili e nell ordine dei 25 miliardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unicredit, ricavi 2013 stabili e nell ordine dei 25 miliardi"

Transcript

1 Unicredit, ricavi 2013 stabili e nell ordine dei 25 miliardi Semplificazione della struttura organizzativa, snellimento delle strutture centrali, riduzione del costo del rischio, ottimizzazione dei patrimoni immobiliari e sviluppo delle attività bancarie commerciali facendo leva sull importante rete internazionale del Gruppo. Sono queste, puntualizza Federico Ghizzoni, amministratore delegato di UniCredit, le leve per incrementare la redditività in questo 2013; un esercizio di transizione, che resta caratterizzato da uno scenario macroeconomico debole, anche se le proiezioni indicano un recupero dalla seconda parte dell anno con dinamica di uscita confortante. Federico Ghizzoni racconta il piano strategico di UniCredit Una serie di iniziative che, prosegue il capo azienda, si innestano con coerenza sui 4 pilastri del nostro piano industriale al Un piano i cui target dovranno essere sottoposti a rivisitazione a causa dell andamento di una congiuntura più dura e lunga delle attese, anche se confermiamo la validità dei pilastri del piano e quindi delle iniziative ancora in corso sulla struttura dello stato patrimoniale, sulla semplificazione organizzativa e sulla gestione dei costi, oltreché sulla rifocalizzazione del business e sul rilancio dell Italia, dove continuiamo a investire nonostante il quadro economico negativo. Piano impegnativo, ma compatibile, come dimostra il percorso fatto sino ad ora poiché, specifica Ghizzoni, nell ultimo anno e mezzo abbiamo realizzato un grande lavoro, mantenendo l impegno assunto 18 mesi fa di trasformare il gruppo sulla base di un chiaro piano di ristrutturazione, taglio dei costi, rafforzamento dello stato patrimoniale e riduzione del rischio. Ed oggi, prosegue il

2 Ceo di UniCredit, siamo molto più forti dal punto di vista del capitale, dello stato patrimoniale e della liquidità, ma siamo anche più semplici e concentrati sui clienti. Siamo una banca commerciale europea estremamente solida ed efficiente e possiamo guardare con fiducia alle sfide di questo non facile 2013 traguardandolo verso un futuro di ripresa. E se è sicuramente vero che molto deve ancora essere fatto sulla strada dell efficienza e della redditività, in particolare in Italia, è altrettanto vero che i successi conseguiti sono evidenti in pressoché tutti i cantieri del piano, a partire da quello inerente la struttura dello stato patrimoniale, ove, abbiamo incrementato il patrimonio di circa 11 miliardi grazie anche al successo dell aumento di capitale. Ma c è pure altro poiché, aggiungono al quartier generale dell istituto, tale rafforzamento è stato combinato con le azioni di ottimizzazione dell attivo ponderato per il rischio e il tutto ha portato a un significativo miglioramento dei coefficienti patrimoniali, con il Core Tier 1 passato dall 8,4% al 10,86% e il Common Equity Tier 1 al 9,4 per cento, uno dei valori più alti in Europa. Iniziative affiancate dall avvio del ribilanciamento tra impieghi e raccolta diretta, il cui rapporto è sceso a 1,13 a fine 2012 con una riduzione dello sbilancio di quasi 35 miliardi: dai 96 miliardi di fine 2011 ai 62 miliardi di 12 mesi dopo; un percorso ancora in divenire poiché gli obiettivi sono ancora più ambiziosi, anche se non è previsto il pareggio fra impieghi e raccolta diretta. Gli interventi di carattere straordinario sulla struttura patrimoniale sono quindi sostanzialmente completati e ora, prosegue Ghizzoni, proseguiremo con operazioni di manutenzione ordinaria, cogliendo ogni opportunità di mercato per ottimizzare la struttura e rafforzare ulteriormente i coefficienti come con la recente operazione di riacquisto di obbligazioni detenute da investitori retail, per oltre quattro miliardi di euro di valore nominale. Operazione che ci ha permesso di migliorare il profilo temporale delle passività e conseguire benefici tangibili sui conti. Operazione resa possibile dalla presenza di una liquidità stimata in 150 miliardi, che garantisce solidità e flessibilità alla banca. Significative anche le iniziative attuate sul versante della semplificazione del gruppo, ove a inizio 2013, come spiega il Ceo, è scattato il progetto GOLD con la connessa riorganizzazione delle

3 attività commerciali su base geografica, la riduzione dei livelli gerarchici e la riduzione dei tempi per le decisioni, avvicinando la banca alle esigenze della clientela. Un altro passo determinante è rappresentato dalla riduzione dei costi nei principali mercati europei attraverso vari progetti, per un valore attuale netto totale di 1,8 miliardi di euro, mentre è in fase di accelerazione la razionalizzazione della rete di sportelli secondo il principio di una crescente integrazione tra il canale fisico e le modalità alternative di fruizione dei servizi offerte dalle nuove tecnologie, assecondando con flessibilità la naturale evoluzione delle esigenze dei clienti. Iniziative particolarmente rilevanti per il nostro Paese poiché, spiegano in Piazza Cordusio a Milano, il progetto prevede la riduzione del numero complessivo di sportelli, da a nell arco del piano, con annesso ridisegno della rete tramite un forte incremento di quelli focalizzati sui servizi di consulenza. Le filiali operative su tutte le attività scenderanno infatti nel triennio dal 92 al 26 per cento, mentre quelle leggere con operatività limitata più servizi di tipo Cash Light saliranno dal 7 al 60% e quelle totalmente automatizzate Cash Less passeranno dallo 0,5 al 14 per cento. Una vera rivoluzione che modificherà profondamente il ruolo del personale occupato presso gli sportelli, a cui sarà sempre più affidato un mandato di carattere consulenziale, mentre le attività transazionali saranno sempre più riservate a canali automatizzati, mantenendo però il presidio sul territorio. Un riposizionamento interesserà pure le controllate tedesche e austriache, ove sono scattati i progetti miranti a innovare i canali di vendita e riorganizzare le reti di sportelli con significativi sforzi per creare filiali virtuali con consulenti dedicati in Germania e rafforzare i servizi di multicanalità in Austria. Prosegue nel contempo il Progetto Newton finalizzato al conseguimento di elevati livelli di efficienza interna attraverso la valorizzazione del know-how di processo e degli asset tecnologici del Gruppo in collaborazione con partner di standing internazionale. Progetto cui sono abbinati risparmi per complessivi di oltre 1,3 miliardi di euro in dieci anni.

4 Novità di rilievo assoluto pure sulla rifocalizzazione del business, anche se, ricordano, la CEE continuerà a rappresentare un'area di importanza fondamentale per UniCredit considerando che il margine operativo lordo della regione nel 2012 è stato pari a 3,5 miliardi (+4,3% a/a), grazie alla forte generazione di ricavi (+3,1% nel 2012). Più in particolare, puntualizza Ghizzoni, confermiamo la volontà di mantenere la leadership indiscussa raggiunta nella CEE, seppur con un approccio maggiormente focalizzato e selettivo rispetto al passato. Approccio volto a perseguire opportunità di crescita redditizia nell area sulla base di specifiche strategie per Paese guidate dalle previsioni di redditività attesa e basate sul principio dell autofinanziamento. Iniziative inserite nel progetto mirante a razionalizzare la presenza nell area attraverso l ottimizzazione in alcuni Paesi e ulteriori investimenti in mercati chiave come Russia, Polonia, Turchia e Repubblica Ceca. Da rilevare al riguardo che UniCredit ha recentemente stipulato in Russia un accordo con Renault-Nissan Alliance per la creazione di una banca specializzata nell'offerta di servizi finanziari dedicati ai clienti e ai concessionari dei marchi Renault, Nissan e Infiniti, in vista del forte sviluppo del mercato automotive nel Paese. Sul fronte della razionalizzazione della presenza è opportuno ricordare la fusione, prevista per la fine del 2013, delle controllate nella Repubblica Ceca e in Slovacchia in un'unica banca transnazionale con sede a Praga, mentre verranno fuse in un unica banca pure le due controllate in Ucraina nell ottica di una maggiore semplificazione e riduzione di costi. È stata inoltre perfezionata la cessione delle attività in Kazakhstan tramite la vendita 99,75% di ATFBank a un investitore locale, mentre le attività condotte da UniCredit in Estonia, Lettonia e Lituania verranno centralizzate in Lettonia con forti sinergie in termini di efficienza, gestione del bilancio e della liquidità. Il Gruppo ha inoltre concluso un accordo per la cessione ad Allianz del business assicurativo della controllata turca Yapi Kredi, al fine di focalizzarsi sull attività bancaria. Il piano al 2015, come ricordato, riserva un ruolo centrale all Italia, ove UniCredit conferma il ruolo di banca commerciale leader per efficienza e innovazione, radicata nei territori di riferimento grazie anche al pieno accesso al proprio network internazionale. Ed è anche per tutto ciò che noi faremo leva su un offerta avanzata di prodotti e servizi multi-canale, costruita su forti legami con

5 gli imprenditori, e investiremo sulla crescita di Fineco quale piattaforma aggiuntiva per soddisfare in modo innovativo i bisogni dei clienti in termini di prodotti e canali di distribuzione. Nel contempo, proseguono al quartier generale di UniCredit, considerevoli sforzi sono stati e saranno effettuati sul fronte del miglioramento del costo del rischio, anche attraverso l introduzione di rigorosi criteri di concessione del credito e una crescente efficacia nell identificazione dei crediti dubbi oltrechè nel processo di recupero. È doveroso ricordare al riguardo che UniCredit, grazie anche agli accantonamenti straordinari per rischi su crediti, ha raggiunto a fine 2012 un livello di copertura dei crediti dubbi pari al 43,4 per cento, il più alto fra le banche quotate italiane a testimonianza della solidità della banca. Una serie di iniziative di assoluta valenza strategica i cui effetti emergeranno appieno nei prossimi anni, ma emersi con evidenza anche nei conti 2012 poiché, ricordano, i risultati hanno mostrato una buona tenuta, nonostante le persistenti difficoltà del contesto economico e ciò è stato possibile grazie all'implementazione delle iniziative previste dal piano, tra cui le misure di contenimento dei costi, il focus sugli attivi ponderati per il rischio (RWA) e sulla ricerca di una sempre maggiore efficienza. I ricavi 2012 si sono così fissati a 25 miliardi, poco sopra il livello 2011, ma inferiori del 3% al netto dei proventi da riacquisto obbligazioni, e sono risultati condizionati dai bassi tassi e dalla scarsa domanda di prestiti, mentre la redditività ha beneficiato della riduzione del 2,9% dei costi operativi e il cost/income ratio è così sceso al 61,8 per cento. I margini sono stati poi erosi dal balzo del 67,7% degli accantonamenti su crediti resi necessari per fronteggiare gli effetti del permanere della difficile congiuntura in Europa, con recessione in Italia, e per migliorare il rapporto di copertura delle attività italiane. Sempre in Italia è stato identificato un portafoglio di crediti di circa 45 miliardi che saranno gestiti con strategie specifiche in modo da migliorare la redditività aggiustata per il rischio. Crediti in massima parte in bonis, ma con un profilo rischio/rendimento non ottimale, gestiti con strategie ad hoc anche per ottimizzare ulteriormente lo stato patrimoniale.

6 Da rilevare al riguardo che il totale dell'attivo a fine 2012 ammonta a 926,8 miliardi, di cui 547 rappresentato dai crediti verso la clientela. Di questi quasi 80 miliardi sono deteriorati ma il numero si dimezza a 44, al netto delle coperture, grazie anche al balzo degli accantonamenti tanto che il rapporto di copertura del totale dei crediti deteriorati lordi è salito al 44,8% merito anche agli accantonamenti straordinari contabilizzati nell ultimo trimestre come sopra ricordato. Positiva anche la dinamica dei depositi, che si sono avvicinati ai 410 miliardi, mentre la raccolta diretta, che comprende depositi della clientela e titoli detenuti dalla clientela, è aumentata di oltre il 5% a 485 miliardi. Dinamiche grazie alle quali, come ricordato, il funding gap è migliorato a 62 miliardi rispetto ai 95 di 12 mesi prima e il rapporto crediti/raccolta diretta è giunto al 112,8% lungo un percorso che dovrebbe migliorarlo ulteriormente anche se la capacità di accesso ai mercati internazionali a condizioni competitive ha consentito di raccogliere già nel 2012 una parte del funding previsto per quest anno riducendo la pressione sugli aggregati. L esercizio, nonostante gli oltre nove miliardi di accantonamenti a fondi rischi crediti, parzialmente compensati dall affrancamento a fini fiscali degli avviamenti, è stato così caratterizzato dal ritorno all utile, 865 milioni, e al dividendo, 9 centesimi. E la decisione di proporre all'assemblea la distribuzione di un dividendo vuole sottolineare la fiducia che nutriamo nella capacità di UniCredit di creare valore ricorrente per gli azionisti precisa Ghizzoni sull argomento. Ed è sempre il Ceo che puntualizza come in Italia lo scorso anno i ricavi sono cresciuti e i costi sono diminuiti in misura significativa, anche se i margini hanno sofferto per l eccezionale livello degli accantonamenti come sopra ricordato. Ma è anche per tutto ciò che, completa il capo azienda, possiamo affrontare il 2013 ben posizionati per ridurre gradualmente l impatto delle rettifiche su crediti, avendo messo in campo azioni per minimizzare i flussi futuri di crediti deteriorati e il loro impatto sul conto economico. Il 2013 sarà comunque un anno di transizione nel quale peserà il permanere di un contesto macro che si conferma negativo, anche se dovrebbe mostrare segnali di miglioramento apprezzabili dalla seconda parte dell anno salvo sorprese. E il contesto sarà mitigato dalle azioni intraprese e in corso poiché noi, assicura Ghizzoni, portiamo avanti con determinazione le iniziative di rilancio

7 della redditività. Abbiamo e avremo tassi d'interesse ancora bassi abbinati ad una domanda di finanziamenti ancora contenuta, ma noi lavoriamo per contrastare il calo inerziale del margine d'interesse attraverso attività di riprezzamento dei volumi e remix di impieghi e raccolta, oltreché ottimizzazione nell impiego della liquidità. Sul fronte dei costi, invece, abbiamo l'obiettivo minimo di confermare i livelli 2012 nonostante gli investimenti in programma per lo sviluppo del business e l adeguamento alle nuove normative. Più in particolare, come ricordato, si continuerà a lavorare sulla semplificazione della struttura organizzativa, sullo snellimento delle strutture centrali, sulla riduzione del costo del rischio e sull ottimizzazione dei patrimoni immobiliari. Iniziative i cui effetti si affiancheranno a quelli attesi sul fronte del costo del credito poiché, dopo l eccezionalità del 2012, gli accantonamenti dovrebbero registrare una lieve flessione anche per la componente ordinaria. Il 2013 dovrebbe così presentare ricavi sostanzialmente stabili nell ordine dei 25 miliardi, con interessi nell intorno dei 14 miliardi come nel 2012 e commissioni stabili vicine agli otto miliardi. Questo anche perché il permanere di uno scenario macro difficile nella prima parte dell esercizio dovrebbe essere gradualmente sostituito da una progressiva ripresa. E se non subentreranno eventi inattesi dovrebbe consolidarsi un uscita dal 2013 in tendenziale rialzo in tutti e tre i principali aggregati poiché i tassi e il relativo differenziale fra quelli attivi e passivi (spread) dovrebbe aver toccato il suo minimo e quindi il futuro dovrebbe essere in miglioramento così come la domanda di credito dopo la sofferenza degli ultimi semestri causa recessione in Italia e condizioni macro non eccellenti in alcune degli altri Paesi di operatività. Sostanzialmente simile la dinamica delle commissioni, sia di quelle inerenti il risparmio gestito sia quelle bancarie tradizionali proprio per i motivi sopra indicati, mentre risulta più difficile la stima sull andamento dei ricavi da trading poiché il 2012 è risultato molto positivo, con un sostanziale raddoppio ben al di sopra dei due miliardi. I primi mesi dell esercizio sono stati comunque positivi e non si attendono cambiamenti significativi, ma una certa cautela è d obbligo, anche se un contributo sulla redditività corrente dovrebbe giungere pure dal riprezzamento e da mix prodotti più favorevoli oltreché da un parziale ribilanciamento dell attivo fruttifero.

8 La redditività potrà poi contare sulla capacità di migliorare l efficienza e tenere sotto controllo i costi, che dovrebbero restare complessivamente stabili a circa 15 miliardi nonostante i previsti investimenti e la crescita della componente legata ad automatismi contrattuali e di adeguamento alla nuova regolamentazione. Dati grazie ai quali il gruppo potrà assorbire un costo del credito elevato senza minare la capacità di salvaguardare utili e dividendi. Gli accantonamenti a fondo rischi dovrebbero infatti ridursi significativamente, ma restare in prossimità dei sette miliardi del 2012 espressi al netto delle componenti straordinarie, permettendo di raggiungere un utile pre tasse nell ordine dei 2,5 miliardi; risultato grazie al quale sarà possibile proporre ai soci un dividendo sostenibile, anche se ancora lontano dalle potenzialità del gruppo in presenza di uno scenario macro normalizzato. E tutto ciò avverrà nella salvaguardia di ratios patrimoniali al top del settore e di una liquidità in grado di sostenere l attesa ripresa della domanda di credito. Giuseppe Vita, Presidente gruppo... Roberto Nicastro Direttore Generale... Struttura vertici UniCredit

9 Organigramma gruppo UniCredit Stato Patrimoniale e grado di copertura Conto economico e indici di bilancio Dati storici Analisti - Apprezzata il piano industriale e l execution ma domina la cautela Equita è passata da hold a buy a fine gennaio quando è stato alzato il target price da 3,9 a 5,5 euro perché ci attendiamo un significativo miglioramento del costo del credito in Italia dopo gli extra-accantonamenti effettuati nel 2012 sul portafoglio domestico e la creazione di un portafoglio dedicato da 40 miliardi gestito in modo proattivo per ridurre il rischio. Siamo positivi anche perché,

10 completa l analista, tratta con multipli a forte sconto sui competitor al netto delle valutazioni delle controllate estere quotate. Intermonte conferma il neutral in quanto i ricavi resteranno sotto pressione e le azioni di taglio costi non riusciranno a compensare tale flessione anche perché il primo semestre 2013 resterà caratterizzato da un elevato livello di accantonamenti su crediti anche per il permanere della recessione. Il tutto, aggiunge l analista, pur apprezzando gli sforzi della banca per alzare le coperture sui crediti problematici pur salvaguardando un elevato livello di capital ratios. Deutsche Bank rilancia il buy con prezzo obiettivo a 4,9 euro perché rappresenta una delle più importanti storie di ristrutturazione nel nostro Paese e verrà valorizzata nel medio termine anche a seguito del miglioramento macro atteso in Italia e in Europa. Siamo positivi anche perché, completa l analista, c è un forte potenziale di ottimizzazione e taglio costi, mentre rappresenta l istituto meglio posizionato per beneficiare dell attesa approvazione della normativa europea che darà il via all unione bancaria con un unica normativa su tutto il territorio dell unione. Kepler mantiene l hold con target a 4,1 euro in quanto tratta con un leggero sconto sulle nostre valutazioni, ma ciò è giustificato dal contesto macro e dalle prospettive di un settore ove la visibilità resta decisamente ridotta. Questo anche se, conclude l analista, il lavoro fatto negli ultimi trimestri rappresenta un segnale importante perché la riorganizzazione interna, la razionalizzazione in Europa e la pulizia del portafoglio crediti unita al controllo dei costi sono segnali importanti che si coniugano con ratios patrimoniali a livello di sicurezza. Mediobanca ripropone l outperform con prezzo obiettivo a 5 euro perché apprezziamo la ristrutturazione messa in atto e in particolare l efficientamento nel corporate & investment banking, il taglio dei costi e la capacità di attuare una pulizia di bilancio senza impattare sui ratios patrimoniali poiché la banca, se risulterà necessario, potrà effettuare fino ad altri otto miliardi di accantonamenti su crediti senza compromettere la forza patrimoniale. Siamo positivi anche perché, completa l analista, abbiamo apprezzato l attenzione sulla necessità di aumentare i dividendi per remunerare gli azionisti, ricollocare 2,5 miliardi dalla Germania all Est Europa con impatti positivi sulla redditività strutturale futura.

11 Banca Imi conferma l hold con target a 3,6 euro in quanto la redditività nel 2013 resterà contenuta poiché i ricavi resteranno ancora deboli, mentre gli accantonamenti sui crediti saranno solo in leggera flessione sul 2012 al netto della componente straordinaria. Questo anche se, conclude l analista, abbiamo apprezzato il rafforzamento patrimoniale e l attenzione sulla liquidità. Banca Akros mantiene l hold con target a 4 euro perché anche nel 2013 la redditività resterà insoddisfacente in quanto il pessimo andamento del mercato italiano, ove la qualità del credito è peggiore dei concorrenti, non potrà essere bilanciata dal buon andamento delle attività internazionali. Fidentiis ripropone l hold con prezzo obiettivo a 3,1 euro in quanto le iniziative attuate per rafforzare la struttura patrimoniale penalizzeranno la redditività corrente, anche se darà frutti nel momento in cui si realizzerà la ripresa dell economia. Centrobanca mantiene il sell anche se il ridimensionamento delle quotazioni ha ridotto il down side anche perché abbiamo aumentato il target price da 3,02 a 3,46 in quanto sono migliorate le condizioni di mercato, a partire dallo spread, e abbiamo valutato positivamente il progresso nel livello di rischio degli asset, in particolare nel corporate & investment banking. Iniziative con positive ricadute pure sul rafforzamento patrimoniale. Il tutto anche se, completa l analista, la redditività resterà sotto pressione per il persistere della recessione in Italia, con annesso peggioramento della qualità del credito. Morgan Stanley conferma l overweight e il target price a 5,5 euro perché le operazioni di ristrutturazione e il taglio dei costi hanno contribuito a migliorare la qualità del bilancio. Apprezziamo inoltre la riallocazione del capitale da Germania e Polonia verso l Italia, mentre il margine di interesse netto risulta inferiore alle nostre attese. HSBC mantiene il neutral ma alza il prezzo obiettivo da 3,95 a 4,05 euro per i progressi conseguiti nella struttura patrimoniale e sulla tenuta dei ricavi nonostante il permanere di una difficile congiuntura.

12 UBS conferma il neutral ma taglia il target price da 5 a 4,15 euro per incorporare il peggioramento dello scenario macro. Rimaniamo cauti anche se ha conseguito un forte rafforzamento nella struttura patrimoniale e prevediamo un ulteriore riduzione dei costi nel Crediamo inoltre possibile un progresso nel margine di interesse se saprà cogliere le opportunità dalla rete. Macquarie ribadisce l outperform ma riduce il prezzo obiettivo da 4,85 a 4,75 euro perché la reddittività è sotto pressione, con possibilità di recupero solo nel medio termine. Le nostre aspettative sul 2013 sono inoltre condizionate anche dal momento politico del Paese. Citi resta in neutral con target a 3,7 euro per le difficili condizioni macro, la bassa reddittività e i cambiamenti che stanno investendo l Italia, anche se apprezziamo l alto potenziale di ristrutturazione oltreché l operato del management nell execution e nell efficientamento della rete. Borsa - Volatilità elevata, ma il titolo continua a crescere UniCredit consolida il recupero e chiude la settimana con un progresso dello 0,36% a 3,918 euro portando all 11,48% la performance cumulate in sette giorni e vicina al 9% quella realizzata nell ultimo mese, il tutto pur all interno di una volatilità che resta oggettivamente elevata come testimonia anche l andamento sui tre mesi, che evidenzia una flessione prossima al 13 per cento. Questo anche se il segno più ricompare sui sei mesi (+13,49%) e si posizione bel al di sopra del 44% sui 12 mesi, ma pur sempre all interno di una elevata volatilità. Le quotazioni delle azioni UniCredit sono infatti passate dai 3,35 euro del 16 novembre 2012 ai 4,48 euro del 30 gennaio 2013 per poi ridiscendere a 3,16 euro il 27 marzo e risalire a 3,926 il 24 aprile. Una dinamica che mostra, limitatamente ai primi mesi dell esercizio in corso, un crollo del 35% in 39 giorni borsa prima di ritrovare la forza di invertire il trend poiché i prezzi sono passati dal massimo di 4,88 euro di fine gennaio al minimo di 3,16 euro del 27 marzo. E la volatilità risulta ancora più marcata se risaliamo negli ultimi cinque anni poiché, pur senza considerare i picchi registrati prima dello tsunami generato dalla crisi dei mutui sub-prime americani, UniCredit è passata dai 27,58 euro del 7 maggio 2008 ai 3,88 euro del 9 marzo 2009, uno dei tanti giorni neri che si sono succeduti in questi anni terribili, per poi risalire a 17,31 euro il 19 ottobre 2009 prima di imboccare l inesorabile

13 trend discendente sino al minimo storco dei 2,24 euro del 10 gennaio 2012 sopra ricordato. Un brusco ridimensionamento a cui hanno contribuito una pluralità di fattori, alcuni generali come la crisi con tutte le sue conseguenze, ed altri specifici come le problematiche emerse dopo l uscita di colui che ha costruito il colosso multinazionale, Alessandro Profumo. Il gruppo sembra comunque aver superato oggi i momenti più critici e così gli analisti negativi sul titolo sono scesi al 25 per cento, otto su 31, mentre i positivi sono saliti al 16 per cento, cinque su 31, ed i cauti sono balzati a quasi il 60 per cento, 18 su 31. Dati dai quali emerge una certa fiducia nella capacità del colosso del credito italiano a superare le difficoltà del passato e ritornare verso risultati più consoli alla sua storia e al suo posizionamento. Andamento titolo UniCredit 12 mesi Criticità - La recessione non molla e il sistema Paese condizione la ripresa UniCredit supera la fase più acuta delle criticità che lo hanno colpito nel recente passato e si avvia a completare le impegnative azioni individuate dal nuovo vertice per uscire dalla profonda crisi nella quale era scivolato l unico vero istituto di credito transnazionale italiano con una massiccia presenza oltrefrontiera. Un percorso accolto con una punta di bonarietà dagli analisti, che hanno apprezzato il piglio pragmatico con il quale si è mosso il Ceo Federico Ghizzoni nella gestione quotidiana, anche se molti di loro ricordano pure i lunghi mesi persi nell avvio del percorso seguito alla messa a punto di un piano industriale. Un piano che oltretutto dovrà essere presto profondamente rivisitato nei suoi target numerici proprio perché la congiuntura si è dimostrata più dura e lunga delle attese ipotizzate alla fine del 2011 quando il piano industriale al 2015 è stato licenziato da consiglio dell istituto di Piazza Cordusio a Milano. Lo scenario macro resta infatti difficile in alcune delle aree di operatività del gruppo e la crisi morde molti Paesi dell area euro, mantenendo viva l attenzione sulla tenuta della moneta comunitaria proprio mentre non si vede ancora un percorso di uscita dalle recessione che da troppi trimestri annichilisce l economia italiana. Una crisi che si è riflessa pesantemente sui conti del sistema bancario e della stessa

14 UniCredit come emerge anche dai dati sui crediti problematici e sul costo del credito dopo gli accantonamenti straordinari a fondi rischi; accantonamenti la cui straordinarietà risiede pure nelle iniziative dell organo di vigilanza, che ha portato molti istituti a dover riscrivere i bilanci per assecondare le indicazioni miranti a una maggiore copertura. Il tutto con effetti traumatici anche sulla prosecuzione dei rapporti con i clienti, e non solo dei settori sottoposti a maggior monitoraggio, dopo i danni causati da una stretta del credito giunta improvvisa e inattesa anche perché seguita a un periodo in cui erano le banche stesse a ricercare opportunità offrendo denaro anche dove il semplice buon senso avrebbe suggerito maggiore cautela; ed anche questo, pare, senza nessun intervento da parte di chi era proposto al controllo, che ancora una volta si è mosso dopo che le pecore avevano abbandonato l ovile. Ed è proprio all interno di questo scenario assolutamente straordinario, come straordinari sono gli effetti sui conti della banca, che emergono con chiarezza i limiti strutturali delle iniziative messe in campo dal vertice per riportare UniCredit sui binari della compatibilità strutturale e della redditività. Più in particolare, il mercato ha accolto l aumento di capitale come un atto assolutamente necessario, magari non condividendo appieno forme e modalità, ma resta scettico su modi, forme e tempo con i quali saranno concretizzati gli obiettivi di riposizionamento sui mercati e sui prodotti oltreché sulla struttura dell attivo. Secondo gli osservatori più critici manca la visione strategica e la forza per perseguirla, anche se queste lacune sono condivise con il settore e più in generale con la classe dirigente di questo Paese. E l osservazione non è di poco conto in quanto il rilancio dell istituto di Piazza Cordusio passa dall uscita dell Italia dalla crisi, ma ciò sarà possibile solo se chi è alla guida del Paese troverà la forza per reagire e individuare un percorso fattibile per imboccare la strada della ripresa. Solo così acquisiranno senso compiuto gli sforzi in corso per razionalizzare la presenza internazionale e ridurre quelle inefficienze da complessità che preoccupano una parte importante degli osservatori. Solo con la ripresa in Italia acquisiranno senso compiuto anche gli sforzi indirizzati alla rifocalizzazione dei diversi business e al riposizionamento degli sportelli, con i suoi effetti sull organizzazione, ma non solo, oltreché la più generale riorganizzazione sul cosiddetto bancone superando i tre livelli in cui si era spacchettato l istituto nel passato.

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli