Unicredit, ricavi 2013 stabili e nell ordine dei 25 miliardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unicredit, ricavi 2013 stabili e nell ordine dei 25 miliardi"

Transcript

1 Unicredit, ricavi 2013 stabili e nell ordine dei 25 miliardi Semplificazione della struttura organizzativa, snellimento delle strutture centrali, riduzione del costo del rischio, ottimizzazione dei patrimoni immobiliari e sviluppo delle attività bancarie commerciali facendo leva sull importante rete internazionale del Gruppo. Sono queste, puntualizza Federico Ghizzoni, amministratore delegato di UniCredit, le leve per incrementare la redditività in questo 2013; un esercizio di transizione, che resta caratterizzato da uno scenario macroeconomico debole, anche se le proiezioni indicano un recupero dalla seconda parte dell anno con dinamica di uscita confortante. Federico Ghizzoni racconta il piano strategico di UniCredit Una serie di iniziative che, prosegue il capo azienda, si innestano con coerenza sui 4 pilastri del nostro piano industriale al Un piano i cui target dovranno essere sottoposti a rivisitazione a causa dell andamento di una congiuntura più dura e lunga delle attese, anche se confermiamo la validità dei pilastri del piano e quindi delle iniziative ancora in corso sulla struttura dello stato patrimoniale, sulla semplificazione organizzativa e sulla gestione dei costi, oltreché sulla rifocalizzazione del business e sul rilancio dell Italia, dove continuiamo a investire nonostante il quadro economico negativo. Piano impegnativo, ma compatibile, come dimostra il percorso fatto sino ad ora poiché, specifica Ghizzoni, nell ultimo anno e mezzo abbiamo realizzato un grande lavoro, mantenendo l impegno assunto 18 mesi fa di trasformare il gruppo sulla base di un chiaro piano di ristrutturazione, taglio dei costi, rafforzamento dello stato patrimoniale e riduzione del rischio. Ed oggi, prosegue il

2 Ceo di UniCredit, siamo molto più forti dal punto di vista del capitale, dello stato patrimoniale e della liquidità, ma siamo anche più semplici e concentrati sui clienti. Siamo una banca commerciale europea estremamente solida ed efficiente e possiamo guardare con fiducia alle sfide di questo non facile 2013 traguardandolo verso un futuro di ripresa. E se è sicuramente vero che molto deve ancora essere fatto sulla strada dell efficienza e della redditività, in particolare in Italia, è altrettanto vero che i successi conseguiti sono evidenti in pressoché tutti i cantieri del piano, a partire da quello inerente la struttura dello stato patrimoniale, ove, abbiamo incrementato il patrimonio di circa 11 miliardi grazie anche al successo dell aumento di capitale. Ma c è pure altro poiché, aggiungono al quartier generale dell istituto, tale rafforzamento è stato combinato con le azioni di ottimizzazione dell attivo ponderato per il rischio e il tutto ha portato a un significativo miglioramento dei coefficienti patrimoniali, con il Core Tier 1 passato dall 8,4% al 10,86% e il Common Equity Tier 1 al 9,4 per cento, uno dei valori più alti in Europa. Iniziative affiancate dall avvio del ribilanciamento tra impieghi e raccolta diretta, il cui rapporto è sceso a 1,13 a fine 2012 con una riduzione dello sbilancio di quasi 35 miliardi: dai 96 miliardi di fine 2011 ai 62 miliardi di 12 mesi dopo; un percorso ancora in divenire poiché gli obiettivi sono ancora più ambiziosi, anche se non è previsto il pareggio fra impieghi e raccolta diretta. Gli interventi di carattere straordinario sulla struttura patrimoniale sono quindi sostanzialmente completati e ora, prosegue Ghizzoni, proseguiremo con operazioni di manutenzione ordinaria, cogliendo ogni opportunità di mercato per ottimizzare la struttura e rafforzare ulteriormente i coefficienti come con la recente operazione di riacquisto di obbligazioni detenute da investitori retail, per oltre quattro miliardi di euro di valore nominale. Operazione che ci ha permesso di migliorare il profilo temporale delle passività e conseguire benefici tangibili sui conti. Operazione resa possibile dalla presenza di una liquidità stimata in 150 miliardi, che garantisce solidità e flessibilità alla banca. Significative anche le iniziative attuate sul versante della semplificazione del gruppo, ove a inizio 2013, come spiega il Ceo, è scattato il progetto GOLD con la connessa riorganizzazione delle

3 attività commerciali su base geografica, la riduzione dei livelli gerarchici e la riduzione dei tempi per le decisioni, avvicinando la banca alle esigenze della clientela. Un altro passo determinante è rappresentato dalla riduzione dei costi nei principali mercati europei attraverso vari progetti, per un valore attuale netto totale di 1,8 miliardi di euro, mentre è in fase di accelerazione la razionalizzazione della rete di sportelli secondo il principio di una crescente integrazione tra il canale fisico e le modalità alternative di fruizione dei servizi offerte dalle nuove tecnologie, assecondando con flessibilità la naturale evoluzione delle esigenze dei clienti. Iniziative particolarmente rilevanti per il nostro Paese poiché, spiegano in Piazza Cordusio a Milano, il progetto prevede la riduzione del numero complessivo di sportelli, da a nell arco del piano, con annesso ridisegno della rete tramite un forte incremento di quelli focalizzati sui servizi di consulenza. Le filiali operative su tutte le attività scenderanno infatti nel triennio dal 92 al 26 per cento, mentre quelle leggere con operatività limitata più servizi di tipo Cash Light saliranno dal 7 al 60% e quelle totalmente automatizzate Cash Less passeranno dallo 0,5 al 14 per cento. Una vera rivoluzione che modificherà profondamente il ruolo del personale occupato presso gli sportelli, a cui sarà sempre più affidato un mandato di carattere consulenziale, mentre le attività transazionali saranno sempre più riservate a canali automatizzati, mantenendo però il presidio sul territorio. Un riposizionamento interesserà pure le controllate tedesche e austriache, ove sono scattati i progetti miranti a innovare i canali di vendita e riorganizzare le reti di sportelli con significativi sforzi per creare filiali virtuali con consulenti dedicati in Germania e rafforzare i servizi di multicanalità in Austria. Prosegue nel contempo il Progetto Newton finalizzato al conseguimento di elevati livelli di efficienza interna attraverso la valorizzazione del know-how di processo e degli asset tecnologici del Gruppo in collaborazione con partner di standing internazionale. Progetto cui sono abbinati risparmi per complessivi di oltre 1,3 miliardi di euro in dieci anni.

4 Novità di rilievo assoluto pure sulla rifocalizzazione del business, anche se, ricordano, la CEE continuerà a rappresentare un'area di importanza fondamentale per UniCredit considerando che il margine operativo lordo della regione nel 2012 è stato pari a 3,5 miliardi (+4,3% a/a), grazie alla forte generazione di ricavi (+3,1% nel 2012). Più in particolare, puntualizza Ghizzoni, confermiamo la volontà di mantenere la leadership indiscussa raggiunta nella CEE, seppur con un approccio maggiormente focalizzato e selettivo rispetto al passato. Approccio volto a perseguire opportunità di crescita redditizia nell area sulla base di specifiche strategie per Paese guidate dalle previsioni di redditività attesa e basate sul principio dell autofinanziamento. Iniziative inserite nel progetto mirante a razionalizzare la presenza nell area attraverso l ottimizzazione in alcuni Paesi e ulteriori investimenti in mercati chiave come Russia, Polonia, Turchia e Repubblica Ceca. Da rilevare al riguardo che UniCredit ha recentemente stipulato in Russia un accordo con Renault-Nissan Alliance per la creazione di una banca specializzata nell'offerta di servizi finanziari dedicati ai clienti e ai concessionari dei marchi Renault, Nissan e Infiniti, in vista del forte sviluppo del mercato automotive nel Paese. Sul fronte della razionalizzazione della presenza è opportuno ricordare la fusione, prevista per la fine del 2013, delle controllate nella Repubblica Ceca e in Slovacchia in un'unica banca transnazionale con sede a Praga, mentre verranno fuse in un unica banca pure le due controllate in Ucraina nell ottica di una maggiore semplificazione e riduzione di costi. È stata inoltre perfezionata la cessione delle attività in Kazakhstan tramite la vendita 99,75% di ATFBank a un investitore locale, mentre le attività condotte da UniCredit in Estonia, Lettonia e Lituania verranno centralizzate in Lettonia con forti sinergie in termini di efficienza, gestione del bilancio e della liquidità. Il Gruppo ha inoltre concluso un accordo per la cessione ad Allianz del business assicurativo della controllata turca Yapi Kredi, al fine di focalizzarsi sull attività bancaria. Il piano al 2015, come ricordato, riserva un ruolo centrale all Italia, ove UniCredit conferma il ruolo di banca commerciale leader per efficienza e innovazione, radicata nei territori di riferimento grazie anche al pieno accesso al proprio network internazionale. Ed è anche per tutto ciò che noi faremo leva su un offerta avanzata di prodotti e servizi multi-canale, costruita su forti legami con

5 gli imprenditori, e investiremo sulla crescita di Fineco quale piattaforma aggiuntiva per soddisfare in modo innovativo i bisogni dei clienti in termini di prodotti e canali di distribuzione. Nel contempo, proseguono al quartier generale di UniCredit, considerevoli sforzi sono stati e saranno effettuati sul fronte del miglioramento del costo del rischio, anche attraverso l introduzione di rigorosi criteri di concessione del credito e una crescente efficacia nell identificazione dei crediti dubbi oltrechè nel processo di recupero. È doveroso ricordare al riguardo che UniCredit, grazie anche agli accantonamenti straordinari per rischi su crediti, ha raggiunto a fine 2012 un livello di copertura dei crediti dubbi pari al 43,4 per cento, il più alto fra le banche quotate italiane a testimonianza della solidità della banca. Una serie di iniziative di assoluta valenza strategica i cui effetti emergeranno appieno nei prossimi anni, ma emersi con evidenza anche nei conti 2012 poiché, ricordano, i risultati hanno mostrato una buona tenuta, nonostante le persistenti difficoltà del contesto economico e ciò è stato possibile grazie all'implementazione delle iniziative previste dal piano, tra cui le misure di contenimento dei costi, il focus sugli attivi ponderati per il rischio (RWA) e sulla ricerca di una sempre maggiore efficienza. I ricavi 2012 si sono così fissati a 25 miliardi, poco sopra il livello 2011, ma inferiori del 3% al netto dei proventi da riacquisto obbligazioni, e sono risultati condizionati dai bassi tassi e dalla scarsa domanda di prestiti, mentre la redditività ha beneficiato della riduzione del 2,9% dei costi operativi e il cost/income ratio è così sceso al 61,8 per cento. I margini sono stati poi erosi dal balzo del 67,7% degli accantonamenti su crediti resi necessari per fronteggiare gli effetti del permanere della difficile congiuntura in Europa, con recessione in Italia, e per migliorare il rapporto di copertura delle attività italiane. Sempre in Italia è stato identificato un portafoglio di crediti di circa 45 miliardi che saranno gestiti con strategie specifiche in modo da migliorare la redditività aggiustata per il rischio. Crediti in massima parte in bonis, ma con un profilo rischio/rendimento non ottimale, gestiti con strategie ad hoc anche per ottimizzare ulteriormente lo stato patrimoniale.

6 Da rilevare al riguardo che il totale dell'attivo a fine 2012 ammonta a 926,8 miliardi, di cui 547 rappresentato dai crediti verso la clientela. Di questi quasi 80 miliardi sono deteriorati ma il numero si dimezza a 44, al netto delle coperture, grazie anche al balzo degli accantonamenti tanto che il rapporto di copertura del totale dei crediti deteriorati lordi è salito al 44,8% merito anche agli accantonamenti straordinari contabilizzati nell ultimo trimestre come sopra ricordato. Positiva anche la dinamica dei depositi, che si sono avvicinati ai 410 miliardi, mentre la raccolta diretta, che comprende depositi della clientela e titoli detenuti dalla clientela, è aumentata di oltre il 5% a 485 miliardi. Dinamiche grazie alle quali, come ricordato, il funding gap è migliorato a 62 miliardi rispetto ai 95 di 12 mesi prima e il rapporto crediti/raccolta diretta è giunto al 112,8% lungo un percorso che dovrebbe migliorarlo ulteriormente anche se la capacità di accesso ai mercati internazionali a condizioni competitive ha consentito di raccogliere già nel 2012 una parte del funding previsto per quest anno riducendo la pressione sugli aggregati. L esercizio, nonostante gli oltre nove miliardi di accantonamenti a fondi rischi crediti, parzialmente compensati dall affrancamento a fini fiscali degli avviamenti, è stato così caratterizzato dal ritorno all utile, 865 milioni, e al dividendo, 9 centesimi. E la decisione di proporre all'assemblea la distribuzione di un dividendo vuole sottolineare la fiducia che nutriamo nella capacità di UniCredit di creare valore ricorrente per gli azionisti precisa Ghizzoni sull argomento. Ed è sempre il Ceo che puntualizza come in Italia lo scorso anno i ricavi sono cresciuti e i costi sono diminuiti in misura significativa, anche se i margini hanno sofferto per l eccezionale livello degli accantonamenti come sopra ricordato. Ma è anche per tutto ciò che, completa il capo azienda, possiamo affrontare il 2013 ben posizionati per ridurre gradualmente l impatto delle rettifiche su crediti, avendo messo in campo azioni per minimizzare i flussi futuri di crediti deteriorati e il loro impatto sul conto economico. Il 2013 sarà comunque un anno di transizione nel quale peserà il permanere di un contesto macro che si conferma negativo, anche se dovrebbe mostrare segnali di miglioramento apprezzabili dalla seconda parte dell anno salvo sorprese. E il contesto sarà mitigato dalle azioni intraprese e in corso poiché noi, assicura Ghizzoni, portiamo avanti con determinazione le iniziative di rilancio

7 della redditività. Abbiamo e avremo tassi d'interesse ancora bassi abbinati ad una domanda di finanziamenti ancora contenuta, ma noi lavoriamo per contrastare il calo inerziale del margine d'interesse attraverso attività di riprezzamento dei volumi e remix di impieghi e raccolta, oltreché ottimizzazione nell impiego della liquidità. Sul fronte dei costi, invece, abbiamo l'obiettivo minimo di confermare i livelli 2012 nonostante gli investimenti in programma per lo sviluppo del business e l adeguamento alle nuove normative. Più in particolare, come ricordato, si continuerà a lavorare sulla semplificazione della struttura organizzativa, sullo snellimento delle strutture centrali, sulla riduzione del costo del rischio e sull ottimizzazione dei patrimoni immobiliari. Iniziative i cui effetti si affiancheranno a quelli attesi sul fronte del costo del credito poiché, dopo l eccezionalità del 2012, gli accantonamenti dovrebbero registrare una lieve flessione anche per la componente ordinaria. Il 2013 dovrebbe così presentare ricavi sostanzialmente stabili nell ordine dei 25 miliardi, con interessi nell intorno dei 14 miliardi come nel 2012 e commissioni stabili vicine agli otto miliardi. Questo anche perché il permanere di uno scenario macro difficile nella prima parte dell esercizio dovrebbe essere gradualmente sostituito da una progressiva ripresa. E se non subentreranno eventi inattesi dovrebbe consolidarsi un uscita dal 2013 in tendenziale rialzo in tutti e tre i principali aggregati poiché i tassi e il relativo differenziale fra quelli attivi e passivi (spread) dovrebbe aver toccato il suo minimo e quindi il futuro dovrebbe essere in miglioramento così come la domanda di credito dopo la sofferenza degli ultimi semestri causa recessione in Italia e condizioni macro non eccellenti in alcune degli altri Paesi di operatività. Sostanzialmente simile la dinamica delle commissioni, sia di quelle inerenti il risparmio gestito sia quelle bancarie tradizionali proprio per i motivi sopra indicati, mentre risulta più difficile la stima sull andamento dei ricavi da trading poiché il 2012 è risultato molto positivo, con un sostanziale raddoppio ben al di sopra dei due miliardi. I primi mesi dell esercizio sono stati comunque positivi e non si attendono cambiamenti significativi, ma una certa cautela è d obbligo, anche se un contributo sulla redditività corrente dovrebbe giungere pure dal riprezzamento e da mix prodotti più favorevoli oltreché da un parziale ribilanciamento dell attivo fruttifero.

8 La redditività potrà poi contare sulla capacità di migliorare l efficienza e tenere sotto controllo i costi, che dovrebbero restare complessivamente stabili a circa 15 miliardi nonostante i previsti investimenti e la crescita della componente legata ad automatismi contrattuali e di adeguamento alla nuova regolamentazione. Dati grazie ai quali il gruppo potrà assorbire un costo del credito elevato senza minare la capacità di salvaguardare utili e dividendi. Gli accantonamenti a fondo rischi dovrebbero infatti ridursi significativamente, ma restare in prossimità dei sette miliardi del 2012 espressi al netto delle componenti straordinarie, permettendo di raggiungere un utile pre tasse nell ordine dei 2,5 miliardi; risultato grazie al quale sarà possibile proporre ai soci un dividendo sostenibile, anche se ancora lontano dalle potenzialità del gruppo in presenza di uno scenario macro normalizzato. E tutto ciò avverrà nella salvaguardia di ratios patrimoniali al top del settore e di una liquidità in grado di sostenere l attesa ripresa della domanda di credito. Giuseppe Vita, Presidente gruppo... Roberto Nicastro Direttore Generale... Struttura vertici UniCredit

9 Organigramma gruppo UniCredit Stato Patrimoniale e grado di copertura Conto economico e indici di bilancio Dati storici Analisti - Apprezzata il piano industriale e l execution ma domina la cautela Equita è passata da hold a buy a fine gennaio quando è stato alzato il target price da 3,9 a 5,5 euro perché ci attendiamo un significativo miglioramento del costo del credito in Italia dopo gli extra-accantonamenti effettuati nel 2012 sul portafoglio domestico e la creazione di un portafoglio dedicato da 40 miliardi gestito in modo proattivo per ridurre il rischio. Siamo positivi anche perché,

10 completa l analista, tratta con multipli a forte sconto sui competitor al netto delle valutazioni delle controllate estere quotate. Intermonte conferma il neutral in quanto i ricavi resteranno sotto pressione e le azioni di taglio costi non riusciranno a compensare tale flessione anche perché il primo semestre 2013 resterà caratterizzato da un elevato livello di accantonamenti su crediti anche per il permanere della recessione. Il tutto, aggiunge l analista, pur apprezzando gli sforzi della banca per alzare le coperture sui crediti problematici pur salvaguardando un elevato livello di capital ratios. Deutsche Bank rilancia il buy con prezzo obiettivo a 4,9 euro perché rappresenta una delle più importanti storie di ristrutturazione nel nostro Paese e verrà valorizzata nel medio termine anche a seguito del miglioramento macro atteso in Italia e in Europa. Siamo positivi anche perché, completa l analista, c è un forte potenziale di ottimizzazione e taglio costi, mentre rappresenta l istituto meglio posizionato per beneficiare dell attesa approvazione della normativa europea che darà il via all unione bancaria con un unica normativa su tutto il territorio dell unione. Kepler mantiene l hold con target a 4,1 euro in quanto tratta con un leggero sconto sulle nostre valutazioni, ma ciò è giustificato dal contesto macro e dalle prospettive di un settore ove la visibilità resta decisamente ridotta. Questo anche se, conclude l analista, il lavoro fatto negli ultimi trimestri rappresenta un segnale importante perché la riorganizzazione interna, la razionalizzazione in Europa e la pulizia del portafoglio crediti unita al controllo dei costi sono segnali importanti che si coniugano con ratios patrimoniali a livello di sicurezza. Mediobanca ripropone l outperform con prezzo obiettivo a 5 euro perché apprezziamo la ristrutturazione messa in atto e in particolare l efficientamento nel corporate & investment banking, il taglio dei costi e la capacità di attuare una pulizia di bilancio senza impattare sui ratios patrimoniali poiché la banca, se risulterà necessario, potrà effettuare fino ad altri otto miliardi di accantonamenti su crediti senza compromettere la forza patrimoniale. Siamo positivi anche perché, completa l analista, abbiamo apprezzato l attenzione sulla necessità di aumentare i dividendi per remunerare gli azionisti, ricollocare 2,5 miliardi dalla Germania all Est Europa con impatti positivi sulla redditività strutturale futura.

11 Banca Imi conferma l hold con target a 3,6 euro in quanto la redditività nel 2013 resterà contenuta poiché i ricavi resteranno ancora deboli, mentre gli accantonamenti sui crediti saranno solo in leggera flessione sul 2012 al netto della componente straordinaria. Questo anche se, conclude l analista, abbiamo apprezzato il rafforzamento patrimoniale e l attenzione sulla liquidità. Banca Akros mantiene l hold con target a 4 euro perché anche nel 2013 la redditività resterà insoddisfacente in quanto il pessimo andamento del mercato italiano, ove la qualità del credito è peggiore dei concorrenti, non potrà essere bilanciata dal buon andamento delle attività internazionali. Fidentiis ripropone l hold con prezzo obiettivo a 3,1 euro in quanto le iniziative attuate per rafforzare la struttura patrimoniale penalizzeranno la redditività corrente, anche se darà frutti nel momento in cui si realizzerà la ripresa dell economia. Centrobanca mantiene il sell anche se il ridimensionamento delle quotazioni ha ridotto il down side anche perché abbiamo aumentato il target price da 3,02 a 3,46 in quanto sono migliorate le condizioni di mercato, a partire dallo spread, e abbiamo valutato positivamente il progresso nel livello di rischio degli asset, in particolare nel corporate & investment banking. Iniziative con positive ricadute pure sul rafforzamento patrimoniale. Il tutto anche se, completa l analista, la redditività resterà sotto pressione per il persistere della recessione in Italia, con annesso peggioramento della qualità del credito. Morgan Stanley conferma l overweight e il target price a 5,5 euro perché le operazioni di ristrutturazione e il taglio dei costi hanno contribuito a migliorare la qualità del bilancio. Apprezziamo inoltre la riallocazione del capitale da Germania e Polonia verso l Italia, mentre il margine di interesse netto risulta inferiore alle nostre attese. HSBC mantiene il neutral ma alza il prezzo obiettivo da 3,95 a 4,05 euro per i progressi conseguiti nella struttura patrimoniale e sulla tenuta dei ricavi nonostante il permanere di una difficile congiuntura.

12 UBS conferma il neutral ma taglia il target price da 5 a 4,15 euro per incorporare il peggioramento dello scenario macro. Rimaniamo cauti anche se ha conseguito un forte rafforzamento nella struttura patrimoniale e prevediamo un ulteriore riduzione dei costi nel Crediamo inoltre possibile un progresso nel margine di interesse se saprà cogliere le opportunità dalla rete. Macquarie ribadisce l outperform ma riduce il prezzo obiettivo da 4,85 a 4,75 euro perché la reddittività è sotto pressione, con possibilità di recupero solo nel medio termine. Le nostre aspettative sul 2013 sono inoltre condizionate anche dal momento politico del Paese. Citi resta in neutral con target a 3,7 euro per le difficili condizioni macro, la bassa reddittività e i cambiamenti che stanno investendo l Italia, anche se apprezziamo l alto potenziale di ristrutturazione oltreché l operato del management nell execution e nell efficientamento della rete. Borsa - Volatilità elevata, ma il titolo continua a crescere UniCredit consolida il recupero e chiude la settimana con un progresso dello 0,36% a 3,918 euro portando all 11,48% la performance cumulate in sette giorni e vicina al 9% quella realizzata nell ultimo mese, il tutto pur all interno di una volatilità che resta oggettivamente elevata come testimonia anche l andamento sui tre mesi, che evidenzia una flessione prossima al 13 per cento. Questo anche se il segno più ricompare sui sei mesi (+13,49%) e si posizione bel al di sopra del 44% sui 12 mesi, ma pur sempre all interno di una elevata volatilità. Le quotazioni delle azioni UniCredit sono infatti passate dai 3,35 euro del 16 novembre 2012 ai 4,48 euro del 30 gennaio 2013 per poi ridiscendere a 3,16 euro il 27 marzo e risalire a 3,926 il 24 aprile. Una dinamica che mostra, limitatamente ai primi mesi dell esercizio in corso, un crollo del 35% in 39 giorni borsa prima di ritrovare la forza di invertire il trend poiché i prezzi sono passati dal massimo di 4,88 euro di fine gennaio al minimo di 3,16 euro del 27 marzo. E la volatilità risulta ancora più marcata se risaliamo negli ultimi cinque anni poiché, pur senza considerare i picchi registrati prima dello tsunami generato dalla crisi dei mutui sub-prime americani, UniCredit è passata dai 27,58 euro del 7 maggio 2008 ai 3,88 euro del 9 marzo 2009, uno dei tanti giorni neri che si sono succeduti in questi anni terribili, per poi risalire a 17,31 euro il 19 ottobre 2009 prima di imboccare l inesorabile

13 trend discendente sino al minimo storco dei 2,24 euro del 10 gennaio 2012 sopra ricordato. Un brusco ridimensionamento a cui hanno contribuito una pluralità di fattori, alcuni generali come la crisi con tutte le sue conseguenze, ed altri specifici come le problematiche emerse dopo l uscita di colui che ha costruito il colosso multinazionale, Alessandro Profumo. Il gruppo sembra comunque aver superato oggi i momenti più critici e così gli analisti negativi sul titolo sono scesi al 25 per cento, otto su 31, mentre i positivi sono saliti al 16 per cento, cinque su 31, ed i cauti sono balzati a quasi il 60 per cento, 18 su 31. Dati dai quali emerge una certa fiducia nella capacità del colosso del credito italiano a superare le difficoltà del passato e ritornare verso risultati più consoli alla sua storia e al suo posizionamento. Andamento titolo UniCredit 12 mesi Criticità - La recessione non molla e il sistema Paese condizione la ripresa UniCredit supera la fase più acuta delle criticità che lo hanno colpito nel recente passato e si avvia a completare le impegnative azioni individuate dal nuovo vertice per uscire dalla profonda crisi nella quale era scivolato l unico vero istituto di credito transnazionale italiano con una massiccia presenza oltrefrontiera. Un percorso accolto con una punta di bonarietà dagli analisti, che hanno apprezzato il piglio pragmatico con il quale si è mosso il Ceo Federico Ghizzoni nella gestione quotidiana, anche se molti di loro ricordano pure i lunghi mesi persi nell avvio del percorso seguito alla messa a punto di un piano industriale. Un piano che oltretutto dovrà essere presto profondamente rivisitato nei suoi target numerici proprio perché la congiuntura si è dimostrata più dura e lunga delle attese ipotizzate alla fine del 2011 quando il piano industriale al 2015 è stato licenziato da consiglio dell istituto di Piazza Cordusio a Milano. Lo scenario macro resta infatti difficile in alcune delle aree di operatività del gruppo e la crisi morde molti Paesi dell area euro, mantenendo viva l attenzione sulla tenuta della moneta comunitaria proprio mentre non si vede ancora un percorso di uscita dalle recessione che da troppi trimestri annichilisce l economia italiana. Una crisi che si è riflessa pesantemente sui conti del sistema bancario e della stessa

14 UniCredit come emerge anche dai dati sui crediti problematici e sul costo del credito dopo gli accantonamenti straordinari a fondi rischi; accantonamenti la cui straordinarietà risiede pure nelle iniziative dell organo di vigilanza, che ha portato molti istituti a dover riscrivere i bilanci per assecondare le indicazioni miranti a una maggiore copertura. Il tutto con effetti traumatici anche sulla prosecuzione dei rapporti con i clienti, e non solo dei settori sottoposti a maggior monitoraggio, dopo i danni causati da una stretta del credito giunta improvvisa e inattesa anche perché seguita a un periodo in cui erano le banche stesse a ricercare opportunità offrendo denaro anche dove il semplice buon senso avrebbe suggerito maggiore cautela; ed anche questo, pare, senza nessun intervento da parte di chi era proposto al controllo, che ancora una volta si è mosso dopo che le pecore avevano abbandonato l ovile. Ed è proprio all interno di questo scenario assolutamente straordinario, come straordinari sono gli effetti sui conti della banca, che emergono con chiarezza i limiti strutturali delle iniziative messe in campo dal vertice per riportare UniCredit sui binari della compatibilità strutturale e della redditività. Più in particolare, il mercato ha accolto l aumento di capitale come un atto assolutamente necessario, magari non condividendo appieno forme e modalità, ma resta scettico su modi, forme e tempo con i quali saranno concretizzati gli obiettivi di riposizionamento sui mercati e sui prodotti oltreché sulla struttura dell attivo. Secondo gli osservatori più critici manca la visione strategica e la forza per perseguirla, anche se queste lacune sono condivise con il settore e più in generale con la classe dirigente di questo Paese. E l osservazione non è di poco conto in quanto il rilancio dell istituto di Piazza Cordusio passa dall uscita dell Italia dalla crisi, ma ciò sarà possibile solo se chi è alla guida del Paese troverà la forza per reagire e individuare un percorso fattibile per imboccare la strada della ripresa. Solo così acquisiranno senso compiuto gli sforzi in corso per razionalizzare la presenza internazionale e ridurre quelle inefficienze da complessità che preoccupano una parte importante degli osservatori. Solo con la ripresa in Italia acquisiranno senso compiuto anche gli sforzi indirizzati alla rifocalizzazione dei diversi business e al riposizionamento degli sportelli, con i suoi effetti sull organizzazione, ma non solo, oltreché la più generale riorganizzazione sul cosiddetto bancone superando i tre livelli in cui si era spacchettato l istituto nel passato.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER BECOMING BPER 5 S : Solidità - Semplicità Specializzazione Selettività Stakeholders Linee Guida del Piano 1. Rafforzamento

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 Il nuovo piano si basa su quello presentato a marzo 2015, accelerando la creazione di valore nell ambito dei quattro principi fondamentali ed aggiungendone

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

Piano Industriale 2012-2015 La forza del cambiamento: un piano che unisce tradizione e futuro per il rilancio del Gruppo Bipiemme

Piano Industriale 2012-2015 La forza del cambiamento: un piano che unisce tradizione e futuro per il rilancio del Gruppo Bipiemme Piano Industriale 2012-2015 La forza del cambiamento: un piano che unisce tradizione e futuro per il rilancio del Gruppo Bipiemme Le Linee Guida UN MODO NUOVO DI LAVORARE: semplicità, efficienza e meritocrazia;

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 Si prevede che efficienza operativa e crescita industriale possano produrre un robusto incremento dell Ebitda e generazione di cassa, a sostegno della crescita

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 COMUNICATO STAMPA PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 Qualità coniugata a redditività alla base del nuovo Piano Industriale di UBI UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l effetto della PPA) pari

Dettagli

Banca Fideuram in sintesi

Banca Fideuram in sintesi Banca in sintesi Principali indicatori di gestione 2012 2011 2010 2009 2008 ATTIVITÀ FINANZIARIE DELLA CLIENTELA Raccolta netta di risparmio gestito (milioni di euro) 2.749 (31) 4.234 2.928 (3.850) Raccolta

Dettagli

UTILE NETTO A 132,4 MILIONI (+26%) ACCELERA LA RACCOLTA NETTA OLTRE GLI OBIETTIVI L INTEGRAZIONE DEL RAMO D AZIENDA DI CREDIT SUISSE

UTILE NETTO A 132,4 MILIONI (+26%) ACCELERA LA RACCOLTA NETTA OLTRE GLI OBIETTIVI L INTEGRAZIONE DEL RAMO D AZIENDA DI CREDIT SUISSE Risultati nove mesi UTILE NETTO A 132,4 MILIONI (+26%) - Utile del 3 trimestre a 43,9 milioni (+31%) - Commissioni di gestione a 262 milioni (+21%) - Cost/Income in calo al 35,4% ACCELERA LA RACCOLTA NETTA

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 33 Macroarea Nord 33 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 38 Macroarea Sud2 41

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 33 Macroarea Nord 33 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 38 Macroarea Sud2 41 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA DELLE BANCHE EUROPEE 7 L attivo 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 15 I titoli in portafoglio 16 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività 20

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

Il contesto del credito

Il contesto del credito Il contesto del credito Italia & Puglia Francesco Paolo ACITO Direttore Territoriale Corporate SUD Trani, 23 novembre 2012 Agenda Il contesto ed il sistema PMI I driver per la crescita e le Reti di Impresa

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer:

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Comunicato stampa di Julius Baer Holding SA Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Redditività sostenuta dall aumento delle masse gestite eccellente andamento dell

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Storia e Missione. 1946 Fondazione

Storia e Missione. 1946 Fondazione Storia e Missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione

Dettagli

Approvati i risultati al 31 marzo 2015

Approvati i risultati al 31 marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati al 31 marzo 2015 UTILE NETTO: 47,8 milioni ( 36,9 milioni al 31 marzo 2014, +29,4%) Ricavi totali: 137 milioni ( 113 milioni al 31 marzo 2014, +20,9%) Cost/Income

Dettagli

26 gennaio 2014 Roberto Russo

26 gennaio 2014 Roberto Russo Nota sull aumento di capitale del gruppo Banco Popolare 26 gennaio 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Lo scorso 24 gennaio si è riunito il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Banco Popolare per

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Bellinzona, venerdì 14 marzo 2014. Risultati finanziari 2013

Bellinzona, venerdì 14 marzo 2014. Risultati finanziari 2013 Bellinzona, venerdì 14 marzo 2014 Risultati finanziari 2013 Presentazione dei risultati finanziari 2013 Rispetto al 2012 la Banca dello Stato del Cantone Ticino registra una buona progressione dell utile

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Approvati risultati al 30 settembre 2015

Approvati risultati al 30 settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati risultati al 30 settembre 2015 Risultati record nei primi nove mesi, con il miglior trimestre di sempre Utile netto: 148,8 milioni ( 109,3 milioni al 30 settembre 2014, +36,2%)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Bper accelera sul piano e vede il ritorno al dividendo già dal 2013

Bper accelera sul piano e vede il ritorno al dividendo già dal 2013 Bper accelera sul piano e vede il ritorno al dividendo già dal 2013 "Lo scenario 2013 si delinea complesso e non scevro di difficoltà poiché la congiuntura si conferma difficile, per effetto di un prodotto

Dettagli

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti 1 FORUM HR 2015 Roma, 9/10 giugno 2015 Le nuove professioni in Banca La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti ripercussioni, oltreché a livello sociale, sulla redditività

Dettagli

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva nel mercato del risparmio gestito italiano Dal 7 Luglio 2004 è quotata alla Borsa di Milano e

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

Corporate e Private Banking. Sezione 2

Corporate e Private Banking. Sezione 2 Corporate e Private Banking Sezione 2 CIB Mediobanca : punti di forza Marchio affermato, forte identità aziendale Modello di business in linea con le nuove normative Approccio integrato orientato al cliente

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Fondo Invest Real Security Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Considerazioni generali del mercato Il mercato immobiliare italiano nel corso degli ultimi mesi ha assistito ad una attenuazione della

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa presentazione a Roma, 15 Dicembre 2010 I. L Industria del Private Equity Totale Fondi raccolti worldwide Nonostante i fondi raccolti

Dettagli

Piano Strategico * * * * * * * * 1 P a g e

Piano Strategico * * * * * * * * 1 P a g e TARGET FINANZIARI DEL PIANO STRATEGICO 2018: CET1 RATIO A 12,6% GRAZIE ALLA GENERAZIONE ORGANICA DI CAPITALE CHE CONSENTE UN MONTE DIVIDENDI COSPICUO MAGGIORE RITORNO DELL INVESTIMENTO CON UN ROTE DELL

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

In cerca di un nuovo equilibrio

In cerca di un nuovo equilibrio Advisory In cerca di un nuovo equilibrio Le banche italiane tra qualità del credito, requisiti patrimoniali, recupero di redditività ed efficienza kpmg.com/it Indice Executive summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Allianz, Axa, Le Generali a confronto Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Elaborazioni dai bilanci consolidati dei 3 big assicurativi europei A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino 2012

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali Aida Maisano Responsabile ABIFormazione FORUM HR 2015, 9 e 10 giugno 2015 Banche e Risorse Umane Le

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli