B R O C H U R E D E I C O R S I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "B R O C H U R E D E I C O R S I"

Transcript

1 Dipartimento di Scienze Economico-Sociali e Matematico-Statistiche B R O C H U R E D E I C O R S I Corso di studio in Economia e Management Printed by Campusnet - 23/08/ :43

2 Indice Indice DIRITTO COMMERCIALE II A COMMERCIAL LAW II DIRITTO COMPARATO DEI CONSUMI Consumer Comparative Law DIRITTO TRIBUTARIO INTERNAZIONALE, EUROPEO E COMPARATO TAX LAW INTERNATIONAL, EUROPEAN AND COMPARATIVE ECONOMIA DELLE ISTITUZIONI ECONOMICS OF INSTITUTIONS ECONOMIA E GESTIONE DELL'INNOVAZIONE INNOVATION MANAGEMENT ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI DI WELFARE ECONOMICS AND ORGANIZATION OF WELFARE SYSTEMS ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI TRIBUTARI ECONOMICS AND ORGANIZATION OF THE TAX SYSTEMS ECONOMIA E POLITICA DEL LAVORO LABOR ECONOMICS AND POLICY ECONOMIA E POLITICA DELLA CONCORRENZA COMPETITION ECONOMICS AND POLICY ECONOMIA E STORIA DELL'UNIONE EUROPEA ECONOMICS AND HISTORY OF THE EUROPEAN UNION ECONOMIA MANAGERIALE MANAGERIAL ECONOMICS FINANZA E MANAGEMENT - CORSO INTEGRATO FINANZA E MANAGEMENT - MODULO: ANALISI FINANZIARIA FINANCIAL ANALYSIS FINANZA E MANAGEMENT - MODULO: CORPORATE FINANCE AND MANAGEMENT CORPORATE FINANCE AND MANAGEMENT FINANZA E MERCATI FINANZIARI INTERNAZIONALI INTERNATIONAL FINANCE AND INTERNATIONAL FINANCIAL MARKETS LINGUA FRANCESE French langauge LINGUA INGLESE ENGLISH LINGUA SPAGNOLA SPANISH LINGUA TEDESCA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE E GESTIONE DEI PROCESSI BUSINESS AND PROCESSES MANAGEMENT PIANIFICAZIONE E CONTROLLO STRATEGICO STRATEGIC PLANNING AND CONTROL POLITICA ECONOMICA INTERNAZIONALE INTERNATIONAL ECONOMIC POLICY PROCESSI ORGANIZZATIVI INTERCULTURALI Intercultural organisational processes SISTEMI ECONOMICI MONDIALI WORLD ECONOMIC SYSTEM STATISTICA SOCIALE E DECISIONI D'IMPRESA - CORSO INTEGRATO STATISTICA SOCIALE E DECISIONI D'IMPRESA - MODULO: DECISIONI D'IMPRESA social statistic and decision making for managers - decision making STATISTICA SOCIALE E DECISIONI D'IMPRESA - MODULO: STATISTICA SOCIALE SOCIAL STATISTICS AND DECISIONS OF BUSINESS - Modulo: Social Statistics STORIA DELLO SVILUPPO ECONOMICO

3 HISTORY OF ECONOMIC DEVELOPMENT STORIA E SOCIOLOGIA DELLO SVILUPPO ECONOMICO - CORSO INTEGRATO STORIA E SOCIOLOGIA DELLO SVILUPPO ECONOMICO - MODULO DI SOCIOLOGIA DELLO SVILUPPO ECONOMICO HISTORY AND SOCIOLOGY OF ECONOMIC DEVELOPMENT - MODULE OF SOCIOLOGY OF ECONOMIC DEVELOPMENT STORIA E SOCIOLOGIA DELLO SVILUPPO ECONOMICO - MODULO DI STORIA HISTORY AND SOCIOLOGY OF ECONOMIC DEVELOPMENT STRATEGIE INTERNAZIONALI D'IMPRESA - CORSO INTEGRATO STRATEGIE INTERNAZIONALI D'IMPRESA - MODULO ECONOMIA DELLE IMPRESE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STRATEGIES OF COMPANIES STRATEGIE INTERNAZIONALI D'IMPRESA - MODULO ECONOMIA DELLE RISORSE ENERGETICHE

4 DIRITTO COMMERCIALE II A COMMERCIAL LAW II Anno accademico: 2015/2016 Codice attività didattica: ECO0209 Docente: Contatti docente: Corso di studio: Anno: Tipologia: Crediti/Valenza: 6 SSD attvità didattica: Erogazione: Lingua: Frequenza: Tipologia esame: PREREQUISITI OBIETTIVI FORMATIVI Prof. Patrizia Grosso (Titolare del corso) , Economia Organizzazione e Management Economia Management Internazionale 1 anno Caratterizzante IUS/04 - diritto commerciale Tradizionale Italiano Facoltativa Orale Il corso esamina i principali contratti d'impresa nazionali ed internazionali. RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI Rendere lo studente consapevole delle insidie nascoste in un contratto. MODALITA' DI INSEGNAMENTO Analisi discipline generali e particolari, esame singoli contratti specifici. MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO Esame orale finale preceduto da riepilogo temi più importanti alla fine delle lezioni ATTIVITÀ DI SUPPORTO PROGRAMMA L'imprenditore I principali contratti d'impresa nazionali ed internazionali - 3 -

5 Nazionali: Contratto estimatorio Contratto di vendita Contratto di agenzia Contratto di somministrazione Contratto di factoring Contratto di leasing Contratto di franchising Internazionali Contratto di compravendita di beni mobili Contratto di agenzia Contratto di franchising Contratto di leasing Contratto di factoring TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA Parte nazionale: Galgano, Imprenditori-Società, ed. compatta, Giuffrè, MIlano, ultima edizione (capitoli 1-7) Parte Internazionale: Frignani-Torsello, Il contratto internazionale, Trattato di Diritto commerciale, vol. 12, 2 edizione, Cedam, Padova parte I - capitoli II parte II - capitoli III, IV, V, VI parte III - capitoli IX, X, XII, XVI e XVII Pagina web del corso:

6 DIRITTO COMPARATO DEI CONSUMI Consumer Comparative Law Anno accademico: 2015/2016 Codice attività didattica: SEM0029 Docente: Contatti docente: Corso di studio: Anno: Tipologia: Crediti/Valenza: 6 SSD attvità didattica: Erogazione: Lingua: Frequenza: Tipologia esame: PREREQUISITI Prof. Oreste Calliano (Titolare del corso) , Economia Organizzazione e Management Economia Management Internazionale Istituzioni e Territorio Management e Scambi Internazionali Istituzioni Economiche Internazionali 2 anno A scelta dello studente IUS/02 - diritto privato comparato Tradizionale Italiano Facoltativa Orale Conoscenze di diritto privato e di diritto pubblico dell'economia OBIETTIVI FORMATIVI Il corso è volto ad introdurre alla conoscenza delle regole giuridiche utilizzate nella distribuzione e negli scambi internazionali. In particolare le regole che si sono sviluppate nel Mercato unico europeo in tema di tutela del consumatore e di Internet law. RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI Lo studente al termine del corso, dopo avere avuto una inquadratura sulle fonti del diritto europeo, avrà esaminato le principali direttive in tema di Diritto europeo dei Consumi e il loro recepimento in Italia, nonchè lo sviluppo e l'evoluzione del diritto dell'internet in USA e in Europa e la sua utilizzazione nell'ambito del commercio elettronico. Ciò consentirà di esaminarein termini di costi e benefici le strategie giuridiche di impresa volte a sviluppare l'internazionalizzazione MODALITA' DI INSEGNAMENTO L'insegnamento utilizza il metodo comparatistico, individuando i principali modelli di regolamentazione e la loro diffusione a livello globale ( Internet Law) o europeo ( Consumer law) a mezzo delle direttive comunitarie Verrà quindi utilizzata la casistica sia statunitense, che dei principali paesi europei con particolare riferimento alle decisioni della corte di giustizia delle comunità europee, attraverso la partecipazione attiva e il metodo dialogico e problematico

7 E' prevista la partecipazione di operatori economici e professionisti quali testimoni aziendali. MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO L'accertamento delle conoscenze acquisite verterà sugli aspetti istituzionali I frequentanti potranno inoltre discutere un caso giurisprudenziale ( europeo o nazionale) e le strategie di impresa conseguenti. ATTIVITÀ DI SUPPORTO PROGRAMMA 1. Le fonti del diritto comunitario : direttive di armonizzazione e ruolo della Corte di giustizia 2. Nascita in USA ed evoluzione in Europa del diritto dei consumi 3. La direttiva clausole abusive nei contratti di consumo 4. La responsabilità del produttore e la sicurezza dei prodotti 5. L'informazione e la pubblicità 6. Le vendite speciali e il diritto di recesso 7. Le garanzie post-vendita 8. Le pratiche commerciali sleali 9. L'accesso dei consumatori alla giustizia 10. Origine ed evoluzione del Computer Law e dell'internet law 11. La libertà di informazione in rete 12. la Privacy in rete 13. la tutela del software 14. I domani name 15. I contratti dell'informatica 16. La conclusione del contratto on line 17. La responsabilità degli Internet Provider 18. Il documento informatico 19. La firma digitale 20. I reati informatici - 6 -

8 TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA Gianantonio Benacchio, Diritto Privato della Unione Europea. Fonti, modelli, regole. Cedam, ult. ed. Cap.1,3,4,8,9, Alberto Gambino, Andrea Stazi, Diritto dell'informatica e della comunicazione, Giappichelli Pagina web del corso: -

9 DIRITTO TRIBUTARIO INTERNAZIONALE, EUROPEO E COMPARATO TAX LAW INTERNATIONAL, EUROPEAN AND COMPARATIVE Anno accademico: 2015/2016 Codice attività didattica: SEM0030 Docente: Contatti docente: Corso di studio: Anno: Tipologia: Crediti/Valenza: 6 SSD attvità didattica: Erogazione: Lingua: Frequenza: Tipologia esame: OBIETTIVI FORMATIVI Prof. Claudio Sacchetto (Titolare del corso) Prof. Alessandro Vicini Ronchetti (Titolare del corso) , Economia Organizzazione e Management Economia Management Internazionale 2 anno Affine o integrativo IUS/12 - diritto tributario Tradizionale Italiano Facoltativa Orale Il corso si propone l'obiettivo di illustrare le nozioni fondamentali del diritto tributario internazionale e del diritto tributario europeo, i principi, la disciplina e le problematiche, anche applicative, relative all'imposizione delle fattispecie transnazionali, nonché la disciplina di istituti e categorie di altri ordinamenti che disciplinano le fattispecie tributarie transnazionali (diritto tributario comparato). The course will explain the basics of international tax law and tax law European principles, and practice related to the taxation of transnational activities; moreover, the course will analyze the legislation of other countries dealing with the taxation of transnational activities (comparative tax law). RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI 1) Conoscenza e capacità di comprensione. Gli studenti acquisiscono conoscenza e capacità di comprensione dei principi fondamentali del diritto tributario internazionale, del diritto tributario europeo e del diritto tributario comparato. 2) Capacità di applicare conoscenza e comprensione. Gli studenti sono in grado di applicare i principi generali indicati nella sezione precedente per ciò che attiene alla metodologia della pianificazione fiscale internazionale. 3) Autonomia di giudizio. Gli studenti acquisiscono capacità critiche al fine di discutere, anche in gruppo, i casi di studio sottoposti alla loro attenzione. 4) Abilità comunicative. Gli studenti sono in grado di valutare i collegamenti del diritto tributario nazionale, europeo ed internazionale, al fine di individuare i principali strumenti teorici per una corretta impostazione della problematica oggetto di studio. 5) Capacità di apprendimento. Gli studenti acquisendo i fondamentali strumenti per la ricerca giuridica sono in grado di analizzare la problematica fiscale sia in ambito nazionale, sia europeo e internazionale. ATTIVITÀ DI SUPPORTO - 8 -

10 PROGRAMMA Il programma del corso è suddiviso in tre parti. Parte prima: le fonti del diritto internazionale tributario; le convenzioni contro le doppie imposizioni (il Modello OCSE); il diritto tributario comunitario; le norme di diritto tributario internazionale italiane; i principi della fiscalità internazionale: neutralità, territorialità, tassazione mondiale, non discriminazione, ecc.; Parte seconda: i principi della fiscalità comunitaria: armonizzazione fiscale, direttive comunitarie, principio di non discriminazione, ecc.; l'imposta sul valore aggiunto nei rapporti internazionali. Parte terza: il metodo della comparazione nel diritto tributario; lo studio del diritto straniero; l'interpretazione nella comparazione tributaria; esame della struttura di alcuni sistemi fiscali europei ed extraeuropei; la comparazione della nozione di tributo; la comparazione delle nozioni di reddito; la comparazione delle imposte sulle società; profili di comparazione dei metodi di accertamento e contenzioso. Program The course is divided into three parts. Part One: the sources of international tax law: double taxation agreements (the OECD Model), the EC Tax Law, the Italian international tax law, the principles of international tax neutrality, territoriality, global taxation, non-discrimination etc..; Part Two: the principles of EC taxation: tax harmonization, EU directives, the principle of non discrimination, etc.., the value added tax in international relations. Part Three: the method of comparison in tax law and the study of foreign law, the interpretation in comparing fiscal administration, examining the structure of certain tax systems in Europe and beyond, the comparison of the concept of tribute, the comparison of the concepts of income, the comparison of corporate tax; comparison of methods of investigation and litigation. TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA C. Sacchetto ( a cura di), Principi di Diritto Tributario Europeo e Internazionale Giappichelli, Pagina web del corso:

11 ECONOMIA DELLE ISTITUZIONI ECONOMICS OF INSTITUTIONS Anno accademico: 2015/2016 Codice attività didattica: ECO0145 Docente: Contatti docente: Corso di studio: Anno: Tipologia: Crediti/Valenza: 9 SSD attvità didattica: Erogazione: Lingua: Frequenza: Tipologia esame: PREREQUISITI Prof. Gilberto Turati (Titolare del corso) Prof. Massimiliano Piacenza (Titolare del corso) , Economia Organizzazione e Management 1 anno Caratterizzante SECS-P/03 - scienza delle finanze Tradizionale Italiano Facoltativa Scritto Conoscenze di base di Microeconomia ed Economia Pubblica. Basic knowledge of Microeconomics and Public Economics. OBIETTIVI FORMATIVI Obiettivo del corso è introdurre gli studenti all'analisi delle istituzioni e del loro funzionamento all'interno dei sistemi economici moderni, attraverso i principali strumenti analitici sviluppati dalla microeconomia dell'organizzazione (quali la teoria dei contratti e la teoria dei giochi). Saranno analizzate le tematiche relative agli obiettivi, alla struttura e all'organizzazione interna delle diverse tipologie di istituzioni, nell'ambito sia del settore privato (Modulo A) sia del settore pubblico (Modulo B). In particolare, la discussione verterà sulle differenti modalità organizzative dell'attività privata (mercati, imprese) e sui principali aspetti critici delle decisioni collettive (voto, lobby, livelli di governo). The aim of the course is to introduce the students to the analysis of institutions within modern market economies, relying on analytical tools developed by the microeconomics of organization (contract theory, game theory). The issues concerning the objectives, the structure and the internal organization of different types of institutions will be analysed, with reference to both the private sector (Module A) and the public sector (Module B). In particular, the lectures will be focused on the alternative organizational settings of private economic activity (markets, firms) and the main critical aspects of collective decision making (voting, lobbying, multiple jurisdictions). RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI Dopo il corso lo studente dovrebbe essere in grado di: conoscere istituzioni economiche alternative, pubbliche e private; applicare la moderna teoria microeconomica per studiare le funzioni di vari tipi di istituzioni;

12 conoscere l'evidenza empirica rilevante ed utilizzare questa evidenza per discriminare fra teorie alternative; capire l'impatto di diverse istituzioni sulla crescita di lungo periodo di un paese; conoscere la letteratura rilevante sull'analisi economica delle istituzioni. After the course the student should be able to: learn about alternative economic institutions, public and private; apply the modern microeconomic theory to analyse the functions of various types of institutions; know the relevant empirical evidence and use this evidence to choice among alternative theories; understand the impact of different institutions on long-term growth of a country; know the relevant literature on the economic analysis of institutions. MODALITA' DI INSEGNAMENTO Lezioni frontali con frequenti interazioni tra docenti e studenti. Lectures with frequent interactions between teachers and students. MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO L'esame è scritto e consta di una parte con domande a scelta multipla e di una parte con domande aperte di carattere teorico e/o applicato. La durata della prova è di 1 ora. Il numero massimo di prove che possono essere sostenute in un anno accademico è pari a tre. The exam is written. Students are required to answer multiple choice questions and open questions. Time: 1 hour. It is possible to seat for this exam up to three times per academic year. ATTIVITÀ DI SUPPORTO Ricevimento studenti. Office hours. PROGRAMMA Modulo A. ISTITUZIONI PRIVATE - Proprietà delle imprese e mercati walrasiani - La scelta tra impresa e mercato - L'organizzazione interna dell'impresa - Una rivisitazione della teoria degli incentivi - Teorie endogene dei diritti di proprietà delle imprese

13 - Imprese particolari: organizzazioni nonprofit e imprese cooperative Modulo B. ISTITUZIONI PUBBLICHE - Fatti stilizzati sulle attività e le dimensioni del settore pubblico - Teorie sulla crescita del settore pubblico - Teorie sui fallimenti del settore pubblico - Scelte collettive e meccanismi di voto - Comportamenti rent-seeking e ruolo delle lobby - Livelli di governo e teorie sul federalismo fiscale Part A. PRIVATE INSTITUTIONS - Firm ownership and Walrasian markets - The choice between firm and market - The internal organization of firms - The theory of incentives - Endogenous theories of firm property rights - Particular firms: nonprofit organizations and cooperatives Part B. PUBLIC INSTITUTIONS - Stylized facts about the activities and the size of public sector - Theories on the growth of public sector - Theories on the failures of public sector - Collective choices and voting mechanisms - Rent-seeking behavior and the role of lobbies - Levels of government and fiscal federalism theories TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA BROSIO G., Introduzione all'economia dell'organizzazione, Carocci, Roma, HINDRIKS J., MYLES G.D., Intermediate Public Economics, MIT Press, MILGROM P., ROBERTS J., Economia, organizzazione e management, Il Mulino, Bologna, Le parti dei libri di testo da studiare e le ulteriori indicazioni bibliografiche verranno comunicate a lezione. Il materiale didattico utilizzato a lezione sarà reso disponibile sul sito Moodle del corso e costituisce parte integrante del programma

14 BROSIO G., Introduzione all'economia dell'organizzazione, Carocci, Roma, HINDRIKS J., MYLES G.D., Intermediate Public Economics, MIT Press, MILGROM P., ROBERTS J., Economia, organizzazione e management, Il Mulino, Bologna, The parts of the textbooks to be prepared for the examination, jointly with additional references, will be communicated in the class. The teaching material (lecture slides, papers) will be available on Moodle web site and is a compulsory part of the program. Pagina web del corso:

15 ECONOMIA E GESTIONE DELL'INNOVAZIONE INNOVATION MANAGEMENT Anno accademico: 2015/2016 Codice attività didattica: ECO0147 Docente: Contatti docente: Corso di studio: Economia Organizzazione e Management Anno: 1 anno Tipologia: Caratterizzante Crediti/Valenza: 9 SSD attvità didattica: SECS-P/08 - economia e gestione delle imprese Erogazione: Tradizionale Lingua: Italiano Frequenza: Facoltativa Tipologia esame: Scritto Mutuato da: Pagina web del corso:

16 ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI DI WELFARE ECONOMICS AND ORGANIZATION OF WELFARE SYSTEMS Anno accademico: 2015/2016 Codice attività didattica: SEM0031 Docente: Contatti docente: Corso di studio: Anno: Tipologia: Crediti/Valenza: 6 SSD attvità didattica: Erogazione: Lingua: Frequenza: Tipologia esame: PREREQUISITI Prof. Gilberto Turati (Titolare del corso) Prof. Massimiliano Piacenza (Titolare del corso) , Economia Organizzazione e Management Economia Management Internazionale 2 anno Affine o integrativo SECS-P/03 - scienza delle finanze Tradizionale Italiano Facoltativa Scritto Conoscenze di base di Microeconomia ed Economia Pubblica. Basic knowledge of Microeconomics and Public Economics. OBIETTIVI FORMATIVI Obiettivo del corso è introdurre gli studenti all'analisi delle istituzioni che caratterizzano il Welfare State e del loro funzionamento all'interno dei sistemi economici moderni, attraverso i principali strumenti analitici sviluppati dalla microeconomia dell'organizzazione (quali la teoria dei contratti e la teoria dei giochi). Saranno analizzati in particolare i settori della previdenza e dell'assistenza sociale, dei servizi sanitari e dei servizi di istruzione. The course aims at introducing the students to the analysis of the institutions that characterize the Welfare State and how they work within the modern economic systems, through the main analytical tools developed by the microeconomics of the organization (contract theory and game theory). In particular, they will be analyzed the sectors of pensions and social assistance, health services and education services. RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI Dopo il corso lo studente dovrebbe essere in grado di: conoscere il funzionamento delle istituzioni che caratterizzano il Welfare State; applicare la moderna teoria microeconomica per studiare le funzioni di vari tipi di istituzioni; conoscere l'evidenza empirica rilevante sul funzionamento di diversi strumenti e istituzioni nell'ambito del Welfare State; conoscere la letteratura rilevante sull'analisi economica delle istituzioni del Welfare State

17 After the course the student should be able to: learn about the functioning of the institutions that characterize the welfare state; apply the modern microeconomic theory to study the functions of different types of welfare state institutions; know the relevant empirical evidence about the functioning of different instruments and institutions within the welfare state; know the relevant literature on the economic analysis of welfare state institutions. MODALITA' DI INSEGNAMENTO Lezioni frontali con frequenti interazioni tra docenti e studenti. Lectures with frequent interactions between teachers and students. MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO L'esame è scritto e consta di una parte con domande a scelta multipla e di una parte con domande aperte di carattere teorico e/o applicato. La durata della prova è di 1 ora. Il numero massimo di prove che possono essere sostenute in un anno accademico è pari a tre. The exam is written. Students are required to answer multiple choice questions and open questions. Time: 1 hour. It is possible to seat for this exam up to three times per academic year. ATTIVITÀ DI SUPPORTO Ricevimento studenti. Office hours. PROGRAMMA Il Welfare State nell'ambito dell'intervento pubblico. L'intervento nell'ambito della previdenza sociale. L'intervento nell'ambito dell'assistenza sociale. L'intervento nell'ambito dei servizi sanitari. L'intervento nell'ambito dei servizi di istruzione. The Welfare State in the context of public intervention. The intervention in the field of social security. The intervention in the field of social assistance. The intervention in health services. The intervention in the field of education services. TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA - Barbetta G.P., Turati G. (2007), Organizzazione industriale dei sistemi di welfare, Vita e Pensiero. - Bosi P. (2012), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino. - Altri articoli. Le parti dei libri di testo da studiare e le ulteriori indicazioni bibliografiche verranno comunicate a lezione. Il

18 materiale didattico utilizzato a lezione sarà reso disponibile sul sito Moodle del corso e costituisce parte integrante del programma. - Barbetta G.P., Turati G. (2007), Organizzazione industriale dei sistemi di welfare, Vita e Pensiero. - Bosi P. (2012), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino. - Other papers. The parts of the textbooks to be prepared for the examination, jointly with additional references, will be communicated in the class. The teaching material (lecture slides, papers) will be available on Moodle web site and is a compulsory part of the program. Pagina web del corso: -

19 ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI TRIBUTARI ECONOMICS AND ORGANIZATION OF THE TAX SYSTEMS Anno accademico: 2015/2016 Codice attività didattica: SEM0032 Docente: Contatti docente: Corso di studio: Anno: Tipologia: Crediti/Valenza: 6 SSD attvità didattica: Erogazione: Lingua: Frequenza: Tipologia esame: Prof. Simone Pellegrino (Titolare del corso) , Economia Organizzazione e Management Economia Management Internazionale Istituzioni e Territorio Management e Scambi Internazionali Istituzioni Economiche Internazionali 2 anno Affine o integrativo SECS-P/03 - scienza delle finanze Tradizionale Italiano Facoltativa Scritto PREREQUISITI Microeconomia, Macroeconomia, Statistica, Economia pubblica. PROPEDEUTICO A Nessun corso. OBIETTIVI FORMATIVI Il corso si pone l'obiettivo di illustrare le giustificazioni economiche alla base della struttura dei sistemi impositivi moderni, con particolare riferimento al sistema fiscale attualmente vigente in Italia. La parte iniziale del corso è di carattere teorico ed è diretta a fornire agli studenti gli elementi essenziali di teoria della tassazione; la parte restante analizza le principali imposte oggi in vigore nel nostro paese. RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI Alla fine del corso gli studenti potranno: 1) conoscere gli aspetti fondamentali di teoria della tassazione; 2) capire le giustificazioni economiche alla base della struttura dei sistemi impositivi moderni e di quello in particolare; 3) studiare nel dettaglio gli aspetti istituzionali del sistema fiscale ; 4) imparare il calcolo e i meccanismi applicativi delle principali imposte. Gli studenti potranno acquisire la capacità di analizzare in modo critico le leggi tributarie, i documenti di finanza pubblica e gli studi empirici che valutano gli effetti delle imposte e delle riforme fiscali, con particolare riferimento alla distribuzione e alla redistribuzione del reddito e della ricchezza. MODALITA' DI INSEGNAMENTO Lezioni di didattica frontale. Durante le lezioni saranno presentati esempi di calcolo per ogni argomento oggetto di

20 studio. MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO L'esame è scritto. La prova ha una durata di 2 ore ed è strutturata come segue: - prima parte (10 punti): 10 domande a risposta multipla; - seconda parte (10 punti): una o due domande di carattere qualitativo; - terza parte (10 punti): una o due domande di carattere quantitativo. ATTIVITÀ DI SUPPORTO Sono previste solamente lezioni di didattica frontale. PROGRAMMA Il corso è strutturato in 10 parti: la classificazione dei tributi; gli effetti economici delle imposte; progressività e misure di disuguaglianza; l'imposta personale e progressiva sul reddito; la tassazione dei lavoratori indipendenti e delle società di persone; la tassazione delle società di capitali; la tassazione delle attività finanziarie; la tassazione del consumo; la tassazione degli immobili; evasione, accertamento, riscossione e condoni. TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA Il materiale oggetto di studio sarà comunicato all'inizio del corso e inserito su moodle. Pagina web del corso: -

21 ECONOMIA E POLITICA DEL LAVORO LABOR ECONOMICS AND POLICY Anno accademico: 2015/2016 Codice attività didattica: SEM0033 Docente: Contatti docente: Corso di studio: Anno: Tipologia: Crediti/Valenza: 9 SSD attvità didattica: Erogazione: Lingua: Frequenza: Tipologia esame: PREREQUISITI OBIETTIVI FORMATIVI Prof. Francesco Serafino M. Devicienti (Titolare del corso) Prof. Maria Maddalena Favro-Paris (Titolare del corso) , Economia Organizzazione e Management 1 anno Caratterizzante SECS-P/01 - economia politica Tradizionale Italiano Facoltativa Scritto Il corso di economia e politica del lavoro intende presentare le principali tematiche inerenti al funzionamento del mercato del lavoro. La struttura del corso approfondisce, da un lato, i problemi teorici relativi al comportamento dei lavoratori, delle imprese e delle istituzioni nella determinazione dei salari e dell'occupazione; dall'altro, fornisce alcune indicazioni relativamente alla metodologia di analisi applicata ai problemi del mercato del lavoro e presenta l'evidenza empirica per i principali paesi industrializzati. Il corso affronta inoltre le tematiche legate alla gestione delle risorse umane ed alle relazioni industriali. L'obiettivo finale è quello di far acquisire una padronanza degli strumenti analitici per poter studiare e operare nel campo del mercato del lavoro e delle politiche del lavoro. The course deals with all main topics related to the functioning of the labor market. It covers the theoretical problems related to the behavior of workers, firms and institutions in the determination of wages and employment. It also provides students with the basic methodological tools used in empirical labor economics and surveys the available empirical evidence for both OECD countries and developing economies. The course also covers topics of human resource management and industrial relations. The final objective is to RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI Alla fine del corso, lo studente avrà acquisito il necessario bagaglio teorico per analizzare e comprendere le recenti evoluzioni delle dinamiche e delle caratteristiche strutturali del mercato del lavoro, sia dal punto di vista della domanda, sia da quello dell'offerta di lavoro. Avrà inoltre approfondito gli strumenti necessari per disegnare, implementare e valutare le politiche del lavoro

22 At the end of the course, students will acquire the theoretical and empirical tools necessary to analyze and understand the structural characteristics of the labor market and its recent evolution, from both a labor demand and a labor supply perspectives. Students will also learn the tools to design, implement and evaluate labor policies. The objective of the course is provide students with a sound knowledge of the modern analytical tools to study and operate in the field of labor economics and of labor policies. MODALITA' DI INSEGNAMENTO lezioni in aula; utilizzo di slides classroom lectures, using slides MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO esame scritto. Durata 90'. Written 90' exam. ATTIVITÀ DI SUPPORTO PROGRAMMA Programma del corso 1) Introduzione e ripasso dei concetti fondamentali della microeconomia 2) Scuola formazione e mercato del lavoro 3) Offerta di lavoro 4) Domanda di lavoro 5) Equilibrio nel mercato del lavoro in concorrenza perfetta 6) Introduzione ai mercati non concorrenziali 7) Determinazione dei salari e discriminazione 8) Economia del personale 9) Salari di efficienza 10) I sindacati e la contrattazione collettiva 11) Regimi di protezione dell'impiego 12) Politiche del lavoro

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO )

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA ESTRATTO DA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI RECLUTAMENTO DI RICERCATORI E DOCENTI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) 1 Requisiti

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M

C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M Personal information Name Address E-mail FRANCESCA BIONDI DAL MONTE VIA E. FERMI N. 2-56021 CASCINA (PISA) f.biondi@sssup.it Place and date of birth

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Debora de Chiusole PhD Candidate deboratn@libero.it Università degli Studi di Padova Dipartimento FISPPA

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Corso di Studio in (Classe L-18) (Classe LM-77) Guida dello studente A.A. 2014/2015. Agli Studenti del Dipartimento di Economia Aziendale

Corso di Studio in (Classe L-18) (Classe LM-77) Guida dello studente A.A. 2014/2015. Agli Studenti del Dipartimento di Economia Aziendale Guida dello studente A.A. 2014/2015 Agli Studenti del Dipartimento di Economia Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO CHIETI-PESCARA GUIDA DELLO STUDENTEE OFFERTA FORMATIVAA e PROGRAMMI di INSEGNAMENTO

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Guida alla Lingua Inglese. Anno Accademico 2013/2014

Guida alla Lingua Inglese. Anno Accademico 2013/2014 Guida alla Lingua Inglese Anno Accademico 2013/2014 Redazione e coordinamento: Area Servizi agli Studenti e ai Dottorandi Servizio Segreterie Studenti Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2014 Tutti gli studenti

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli