A.5 Quali sono i territori non direttamente transfrontalieri che possono partecipare ai progetti?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.5 Quali sono i territori non direttamente transfrontalieri che possono partecipare ai progetti?"

Transcript

1 A. PRIMA DI DEPOSITARE IL DOSSIER A.1 Come trovare un partner? Per trovare un partner si può: - Rivolgersi ad un'amministrazione italiana o francese che si occupi di progetti europei (vedi lista sul vademecum e pagina del sito ufficiale) - inserire la propria idea progettuale nello spazio dedicato sul sito ufficiale di ALCOTRA - rivolgersi alla Rete degli animatori ALCOTRA (vedi lista sul sito) A.2 Quanti partner servono per presentare un progetto? Un progetto ALCOTRA deve essere presentato da almeno due partner, uno italiano e uno francese. Non esiste un numero massimo di partner, ma il partenariato deve essere quanto più possibile equilibrato tra la parte francese e quella italiana. Occorre anche considerare che un numero elevato di partner richiede uno sforzo maggiore di coordinamento e gestione da parte del capofila. A.3 Che cosa si intende per territorio ammissibile e territorio adiacente? Quale è la differenza? I territori ammissibili solo quelli direttamente interessati dalla frontiera tra Italia e Francia, da cui possono provenire i partner dei progetti e nei quali devono necessariamente essere realizzate le attività progettuali (cfr. par del vademecum). I territori adiacenti sono territori vicini a quelli ammissibili: partner provenienti da queste aree possono partecipare ai progetti, ma non possono ricoprire il ruolo di capofila. Inoltre, il loro coinvolgimento deve essere ben giustificato e il programma riserva a questi territori una percentuale ridotta di finanziamento (20%). Tale percentuale non è calcolata a livello di progetto ma di programma, pertanto non esistono vincoli finanziari sul singolo beneficiario (cfr. par e del vademecum). A.4 Quali sono i territori ammissibili? I territori ammissibili sono (cfr. par del vademecum): la Regione Autonoma Valle d Aosta; le Province di Torino e di Cuneo (Regione Piemonte); la Provincia di Imperia (Regione Liguria); i Dipartimenti della Savoie e della Haute -Savoie (Regione Rhône-Alpes); i Dipartimenti delle Hautes-Alpes, delle Alpes-de-Haute-Provence e delle Alpes-Maritimes (Regione Provence-Alpes-Côte d'azur). A.5 Quali sono i territori non direttamente transfrontalieri che possono partecipare ai progetti? I territori non direttamente transfrontalieri sono (cfr. par del vademecum): le Province di Biella, Vercelli, Asti, Alessandria (Regione Piemonte); la Provincia di Savona (Regione Liguria);

2 i Dipartimenti dell'ain, dell'isère e della Drôme (Regione Rhône-Alpes); i Dipartimenti del Vaucluse e del Var (Regione PACA). la Provincia di Genova (Regione Liguria); i Dipartimenti del Rhône e delle Bouches-du-Rhône (Francia); paesi terzi non appartenenti all Unione europea: il Principato di Monaco e la Svizzera (i partner provenienti da tali aree non possono ricevere finanziamento dal programma ALCOTRA). A.6 Un partner localizzato in una zona adiacente può essere capofila? No. Il capofila deve obbligatoriamente avere sede (legale od operativa) in uno dei territori ammissibili (cfr. par del vademecum). A.7 Chi può partecipare ad un progetto? L'elenco dei beneficiari ammissibili per ogni misura è riportato sulle schede tecniche di misura del vademecum del programma. A titolo di esempio possono partecipare ad un progetto: Stato, Regioni, enti locali e altri soggetti pubblici, associazioni e soggetti privati, parchi, enti di protezione civile, enti di formazione e centri di ricerca, organizzazioni di categoria, Camere di commercio, Ognuno di questi soggetti può ricoprire sia il ruolo di capofila che di partner. La partecipazione delle imprese e dei soggetti che operano nel campo concorrenziale è prevista soltanto nell ambito delle regole sugli aiuti di Stato E importante che i partner abbiano fondi sufficienti per assicurare l autofinanziamento del progetto. Nel caso non si abbiano esperienze in progetti di cooperazione, sono ammissibili al finanziamento eventuali spese per assistenza tecnica nel limite del 6% del budget totale del progetto. A.8 Qual è la differenza tra un partner e un prestatore di servizio? I partner, attraverso la firma di una Convenzione di Cooperazione, si impegnano a svolgere determinate attività all interno del progetto, delle quali sono responsabili, e a partecipare con una quota di autofinanziamento. Di conseguenza essi ricevono la quota di cofinanziamento pubblico che gli spetta. Un prestatore di servizio, scelto secondo le procedure di selezione ad evidenza pubblica secondo le norme vigenti, è un fornitore dei partner a cui viene pagata una regolare fattura. Esso non firma la Convenzione di Cooperazione, non partecipa all'autofinanziamento e non riceve alcuna quota del contributo pubblico. A.9 Quanto tempo ci vuole dall idea al deposito del progetto? I progetti di cooperazione richiedono un lavoro intenso di preparazione. Prevedere almeno 6 mesi di preparazione per un progetto: da 1 a 3 mesi per la definizione dell idea e l identificazione di potenziali partner, da 3 a 6 mesi per strutturare il partenariato e pianificare le azioni e le spese, da 2 a 3 mesi per la ricerca dei cofinanziamenti francesi (non aspettare la stesura finale del progetto per un primo contatto con i cofinanziatori) e per la costituzione del fascicolo amministrativo. Non deve essere sottovalutato il tempo necessario per le delibere (non tutti gli enti si riuniscono ogni mese!) e per le traduzioni.

3 E importante nella fase di preparazione incontrarsi spesso con i partner transfrontalieri, per condividere gli elementi di conoscenza dei territori coinvolti e gli obiettivi del progetto. Le spese relative all elaborazione del progetto potranno essere finanziate se il progetto sarà approvato e se valutate ammissibili. In fase di preparazione del progetto i partner possono rivolgersi alla Rete degli animatori del Programma ALCOTRA. A.10 Un ente pubblico può affidare l attuazione di azioni del progetto a soggetti terzi non pubblici tipo associazioni, consorzi,? L affidamento è possibile solo nell ambito delle procedure di evidenza pubblica (gare d appalto/affidamento di incarichi). Non è possibile trasferire a tali soggetti sotto forma di contributo una parte della sovvenzione europea. A.11 Sono ammessi i contributi in natura? No, nella generazione del programma ALCOTRA non sono più ammessi i contributi in natura. A.12 Posso costruire il mio piano di finanziamento prevedendo ricavi generati dalle attività del progetto (biglietteria, vendita di prodotti e servizi, ecc.)? E possibile prevedere che le attività del progetto generino delle entrate, ma tutti i ricavi saranno dedotti dal budget del progetto ed andranno a diminuire il contributo FESR erogato. A.13 I partner sono liberi di scegliere il tema e il contenuto del progetto? Sì, entro i seguenti limiti: un progetto può iscriversi in una sola misura del programma (i progetti multi tematici non sono pertanto ammissibili) e le azioni previste devono rientrare tra una o più tipologie previste dalla misura, individuando quella prevalente, e contribuire agli obiettivi della misura. B. PRESENTARE UN PROGETTO B.1 Quali sono i documenti necessari a presentare un progetto? I documenti che compongono il fascicolo progettuale sono: la scheda progetto composta da una parte descrittiva e una parte finanziaria (budget) la convenzione di cooperazione tra partner la descrizione tecnica di dettaglio: tale documento non deve superare le 40 pagine per lingua gli atti di adesione al progetto e di impegno della quota di autofinanziamento la dichiarazione relativa all IVA i dati bancari tutti gli altri allegati richiesti in base alla natura giuridica dei partner

4 B.2 Il progetto deve essere scritto in italiano o in francese? Il progetto deve essere scritto in lingua italiana e in lingua francese. E' necessario che ci sia rispondenza tra le due versioni. Secondo quanto definito dal vademecum, " 5.5 MODALITÀ DI DEPOSITO DELLA DOCUMENTAZIONE PROGETTUALE", se un progetto riguarda, per la parte italiana, soltanto la Regione Autonoma Valle d Aosta, il fascicolo può essere depositato in 4 esemplari cartacei in lingua francese (2 originali e 2 copie). In tal caso, va allegata una copia informatica in italiano della scheda progettuale. B.3 Da chi deve essere firmata la scheda progetto? La scheda progetto deve essere firmata dal legale rappresentante del soggetto capofila o da un suo delegato autorizzato con atto formale. B.4 Da chi deve essere firmata la convenzione di cooperazione? La convenzione di cooperazione deve essere firmata dal legale rappresentante di ogni partner, incluso il capofila. B.5 La convenzione di cooperazione può essere firmata da ogni partner su più fogli distinti? No. I partner devono firmare la convenzione sullo stesso foglio; nel caso di un numero elevato di partner è possibile aggiungere altri fogli. B.6 Quante copie della convenzione di cooperazione e della scheda progettuale devono essere firmate in originale? Sono richieste almeno due copie (una per il fascicolo francese, una per il fascicolo in versione italiana). B.7 Nella parte finanziaria della scheda progettuale, quanto deve essere dettagliata la descrizione delle voci di spesa? I costi devono essere molto dettagliati sia nella colonna descrizione della spesa sia nella colonna unità di misura. Ad esempio relativamente alle attività di diffusione del progetto: Compilazione errata: Descrizione della spesa Attività di diffusione del progetto Unità di misura A corpo Compilazione corretta Descrizione della spesa Creazione del sito internet del progetto Grafica e stampa brochure di presentazione del progetto Seminario finale: affitto sala attrezzata Seminario finale: catering Unità di misura Sito internet Copie Quota affitto Pasti B.8 Che cosa si intende per la categoria di spesa personale interno? Il personale interno è il personale già dipendente dell organismo partner al momento del deposito del progetto.

5 Se alcuni dipendenti lavorano specificatamente sul progetto e se ne vuole valorizzare il costo, nella descrizione della spesa sarà necessario dettagliare categoria professionale, mansioni sul progetto, costo orario o giornaliero (retribuzione lorda), numero delle ore /giorni di impegno nelle attività del progetto. Compilazione errata: Descrizione della spesa Personale dipendente Unità di misura Costo annuo Compilazione corretta Descrizione della spesa Unità di misura 1 dirigente per il coordinamento interno del progetto Ora/giorno 1 istruttore amministrativo cat. C2 per redazione Ora/giorno rendiconto trimestrale 1 project manager senior Ora/giorno 1 tecnico informatico per aggiornamento pagine del sito Ora/giorno internet B.9 In quale percentuale vengono ammesse le spese per il personale interno? La spesa di personale interno non deve superare il 30% del costo totale per partner privato. Per i soggetti pubblici, la spesa di tale costo è ammessa sono nel limite della percentuale di autofinanziamento prevista per ogni misura del programma. Tale percentuale può essere superata nel limite del 30% del costo totale solo in caso di costi aggiuntivi (ad esempio straordinari, indennità, ). B.10 La valorizzazione delle attività, non remunerate, svolte da volontari, è ammissibile? No, in quanto contributo in natura, quindi non dimostrabile dal punto di vista contabile, tale costo non è ammissibile. B.11 Esiste un limite alle spese per prestazioni di servizi? In generale non esiste un limite su tale tipologia di spesa, ma è previsto un limite del 6% sul budget totale se le prestazioni di servizi si riferiscono ad attività di preparazione, gestione, coordinamento, monitoraggio del progetto. B.12 Sono ammissibili spese per formazione relativa alla gestione del progetto? Se i partner non hanno esperienza nella gestione di progetti europei, è possibile prevedere prestazioni di servizio per corsi di formazione dedicati a tale attività. Ovviamente tali spese rientrano nel limite del 6% di cui alla domanda B.11. B.13 Come possono i vari partner contribuire alle spese comuni del progetto (sito internet, valutazione, grafica e stampa )? I versamenti tra partner per contribuire ad una spesa comune non sono ammissibili in quanto non documentati da un giustificativo di spesa. I partner

6 hanno perciò due soluzioni: 1) imputare tutte le spese comuni sul budget del capofila o di altro partner; 2) imputare sul budget di ogni partner una spesa comune diversa (ad es. la valutazione al partner 1, il sito internet al partner 2, la grafica e la stampa al partner 3, ecc.). B.14 Sono ammissibili spese sostenute prima del deposito del progetto? Il programma ALCOTRA prevede che le spese siano ammissibili a partire dal 1 gennaio Ovviamente le spese precedenti al deposito devono essere riferite alle attività del progetto ed essere conformi alle regole di ammissibilità stabilite dal programma. In ogni caso, l ammissibilità di tali spese sarà validata dalle amministrazioni che effettuano l istruttoria tecnico-economica del progetto. E consigliabile allegare tutti i giustificativi relativi alle spese già sostenute al momento del deposito. In ogni caso il dettaglio delle spese dovrà essere inserito nella scheda progettuale, parte finanziaria, indicandole come già sostenute. B.15 Cosa deve contenere la dichiarazione relativa all IVA? La dichiarazione deve fare preciso riferimento al progetto e con essa si dichiara appunto se, per le attività previste in capo al partner, l IVA viene recuperata oppure no (quindi in tal caso rappresenta un costo). Con tale documento non si dichiara il regime IVA a cui si è sottoposti (ad es. non serve allegare una dichiarazione fatta dal proprio commercialista).( Vedi modello ) B.16 Le spese forfettarie sono ammissibili? Le spese con un importo forfettario non sono ammissibili: è necessario specificare gli importi sia in fase di progettazione che di rendicontazione B.17 Quali informazioni deve contenere la dichiarazione relativa al regime de minimis? La dichiarazione sul regime de minimis deve essere presentata da tutti i soggetti privati e contiene informazioni sui fondi pubblici ricevuti negli ultimi tre anni incluso quello relativo alla dichiarazione. (Vedi modello) C. AL MOMENTO DEL DEPOSITO DEL FASCICOLO PROGETTUALE C.1 Dove si deposita il fascicolo progettuale? I progetti devono essere presentati dal capofila presso il Segretariato Tecnico Congiunto che ha sede a Mentone (Francia). Se il capofila è italiano, una copia del fascicolo progettuale deve essere depositato anche presso la Regione territorialmente competente rispetto alla localizzazione del capofila. Contemporaneamente, è necessario inserire il progetto nel sistema informatico del programma ALCOTRA:

7 C.2 Quando si deposita il fascicolo progettuale per i progetti singoli? I progetti possono essere presentati in qualsiasi momento, senza scadenze predeterminate, salvo quella della durata del programma e comunque nei limiti della disponibilità finanziaria. Prima di presentare un progetto è tuttavia opportuno contattare la rete di animatori ALCOTRA o il STC per verificare eventuali sospensioni temporanee del bando. C.3 Come è composto il fascicolo progettuale che deve essere depositato? Il progetto che viene depositato deve essere così composto: A. Originale in italiano: scheda progettuale descrittiva e finanziaria firmata in originale, descrizione tecnica di dettaglio in italiano, convenzione di cooperazione firmata in originale, allegati (atti di approvazione/autofinanziamento, dichiarazioni IVA, dati bancari, ) B. Originale in francese: scheda progettuale descrittiva e finanziaria firmata in originale, descrizione tecnica di dettaglio in francese, convenzione di cooperazione firmata in originale, allegati (atti di approvazione/autofinanziamento, dichiarazioni IVA, dati bancari, ) C. Una copia di A D. Una copia di B E. Una copia su supporto informatico di: A + B + allegati Gli allegati (atti di approvazione, autofinanziamento, dati bancari ) non richiedono la traduzione. C.4 Il fascicolo progettuale deve essere consegnato a mano o può essere spedito? Il fascicolo può essere consegnato al STC a Mentone (Francia) sia a mano che spedito via posta ordinaria (fa fede il timbro postale); in caso di spedizione via corriere postale fa fede la ricevuta di consegna. D. ASPETTI FINANZIARI D.1 Che cosa si intende per autofinanziamento? E' l'impegno di ciascun partner a partecipare al finanziamento del progetto per la quota minima richiesta conformemente alle percentuali indicate per ogni misura. D.2 Qual è il tasso di cofinanziamento pubblico? Il Programma è cofinanziato dall'unione Europea a titolo del FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) e dagli Stati e collettività nazionali (CPN Contropartite Nazionali). A seconda della misura tematica, il cofinanziamento pubblico può variare tra il 70% e il 90%. Il contributo pubblico si compone del 74% di FESR e del 26% di CPN.

8 D.3 Quale è il massimo di contributo pubblico che si può ottenere? Ogni progetto singolo non può ottenere più di 1,5 milioni di euro come contributo pubblico. Il contributo è comunque concesso in base alle percentuali fissate per ogni misura. D.4 Esiste un limite minimo o massimo per il budget totale del progetto? Non esiste un minimo e nemmeno un massimo; il limite di 1,5 milioni di euro riguarda solo il contributo pubblico ottenibile. Se si applica la quota di autofinanziamento minima prevista da ogni misura, a titolo di esempio il massimo per il costo totale del progetto è pertanto di per le misure finanziate al 70%, per le misure finanziate all 80%, per le misure finanziate al 90 %. D.5 A chi possono essere richieste le contropartite francesi? Le Contropartite pubbliche nazionali francesi (CPN) devono essere richieste direttamente dai partner francesi a qualsiasi struttura pubblica francese, ad esempio: Stato, Consiglio Regionale, Consiglio Generale, Comunità di Comuni, Comuni. D.6 Chi deve richiedere le contropartite francesi? Ogni partner francese deve sollecitare le proprie contropartite rispettando il piano di finanziamento della misura e del proprio budget. Non è possibile fare una domanda unica a nome di tutti i partner francesi. D.7 Quando bisogna chiedere le contropartite francesi? Le CPN francesi devono essere richieste prima del deposito del progetto. E consigliabile contattare i potenziali cofinanziatori non appena si ha un idea definita del progetto, senza aspettare la versione finale. Alla richiesta deve essere allegata una presentazione del progetto. Nel caso in cui non si abbia la certezza della concessione delle CPN al momento del deposito del progetto (quindi quando non esiste ancora il documento che certifica la concessione delle CPN), la copia delle lettere di richiesta delle CPN e le risposte di esame (accusé de réception) sono due degli allegati obbligatori del progetto. Le CPN dovranno in ogni caso essere state acquisite (cioè confermate con apposito atto formale di concessione) al momento della programmazione (riunione del Comitato di Sorveglianza). In casi eccezionali, quando per esempio non sia possibile avere l atto formale per il CdS, è ammessa la lettera di intenti. In tal caso è considerata valida la lettera che indichi una data non superiore a 4 mesi dalla data del CdS e l atto formale deve pervenire all AdG entro 2 mesi dalla data indicata nella lettera di intenti.

9 E. DOPO IL DEPOSITO E.1 Quanto dura l'istruttoria del progetto? Le varie fasi dell'istruttoria richiedono in media quattro mesi. Nel caso di progetti particolarmente complessi l'istruttoria può essere più lunga. E.2 Come si svolge l'istruttoria? Il progetto viene sottoposto a istruttoria congiunta (Francia- Italia) che prevede: un esame preliminare di ammissibilità formale: condizioni di presentazione, completezza della documentazione, caratteristiche dei richiedenti e localizzazione delle azioni; una verifica di coerenza con il programma operativo: coerenza del progetto con la misura, validità del piano finanziario, ammissibilità delle spese e conformità con le politiche comunitarie; una verifica del carattere transfrontaliero; una valutazione tecnico-economica e ambientale. E.3 Chi approva i progetti? I progetti ritenuti idonei vengono sottoposti all'approvazione del Comitato di Sorveglianza (CdS), organo composto da un rappresentante di ognuna delle amministrazioni dei territori ammissibili coinvolti nel programma. Di norma, il CdS si riunisce tre volte l anno. F. GESTIONE DEL PROGETTO DOPO L'APPROVAZIONE F.1 Dopo l'approvazione, quando può partire il progetto? Dopo l'approvazione da parte del CdS (definita normalmente programmazione), l'autorità di gestione notifica la decisione al capofila ed indica nella lettera di notifica l'importo totale programmato e la sovvenzione FESR attribuita. La durata del progetto prevista parte dalla data della lettera di notifica. Sempre da tale data, il capofila ha 90 giorni di tempo per inviare all'adg una lettera in cui dichiara la data di avvio del progetto e, contestualmente, richiede il versamento del primo acconto, pari al 10% del totale, della contributo FESR totale. F.2 Quale è la data limite per la chiusura del progetto? La durata complessiva del progetto è calcolata a partire dalla data della lettera di notifica dell approvazione del progetto, corrispondente a quella inserita nella convenzione FESR firmata dal capofila con l AdG. Questo indipendentemente dalla data di avvio dichiarata dai beneficiari. F.3 Chi deve rendicontare le spese? Tutti i partner del progetto devono rendicontare le proprie spese.

10 F.4 Come devono essere rendicontate? Ogni partner deve inviare la rendicontazione delle spese ai servizi certificatori territorialmente competenti (Regioni per l Italia, servizi dello Stato per la Francia). I servizi competenti sono individuati nella convenzione FESR firmata tra capofila e AdG. Il rendiconto si compone di: - il prospetto riepilogativo delle spese (dichiarazione di spesa) - copia dei documenti giustificativi. E necessario inviare una copia cartacea di tutto + una copia informatica via e- mail del prospetto riepilogativo. Una copia del prospetto riepilogativo può essere mandata anche al capofila del progetto, affinché possa procedere con le operazioni di rendiconto e richiesta delle quote FESR a nome di tutto il partenariato. F.5 Ogni quanto è necessario rendicontare le spese? Il rendiconto delle spese deve essere presentato ogni tre mesi a partire dalla data di avvio del progetto; il periodo di riferimento per i trimestri è l anno solare e l ultimo rendiconto dell anno deve essere inviato entro il 15 novembre. F.6 Ogni quanto è necessario inviare lo stato di avanzamento fisico del progetto e a chi deve essere inviato? Ogni anno su richiesta del STC. Il modello è disponibile on-line sul sito del programma Alcotra. Tale compito spetta al capofila, che costruisce il documento in collaborazione con tutti i partner.

GIORNATA INFORMATIVA I NUOVI BANDI DEI PROGRAMMI ENPI e Italia-Francia ALCOTRA

GIORNATA INFORMATIVA I NUOVI BANDI DEI PROGRAMMI ENPI e Italia-Francia ALCOTRA GIORNATA INFORMATIVA I NUOVI BANDI DEI PROGRAMMI ENPI e Italia-Francia ALCOTRA GENOVA, 23 GENNAIO 2012 Facoltà di Ingegneria, Villa Cambiaso - Salone della Rappresentanza Via Montallegro, 1 Genova Albaro

Dettagli

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana Versione gennaio

Dettagli

Programma operativo di cooperazione tra Italia e Francia ALCOTRA 2007-2013 Circolare esplicativa dei controlli di primo livello

Programma operativo di cooperazione tra Italia e Francia ALCOTRA 2007-2013 Circolare esplicativa dei controlli di primo livello Programma operativo di cooperazione tra Italia e Francia ALCOTRA 2007-2013 Circolare esplicativa dei controlli di primo livello Documenti di riferimento Regolamenti comunitari Reg. (CE) 1080/2006, Reg.

Dettagli

Fondi strutturali 2007 2013 Obiettivo Cooperazione territoriale Europea

Fondi strutturali 2007 2013 Obiettivo Cooperazione territoriale Europea Fondi strutturali 2007 2013 Obiettivo Cooperazione territoriale Europea Programma di cooperazione transfrontaliera Italia Francia ALCOTRA LA PREPARAZIONE DI UN PROGETTO ALCOTRA - presentazione incontro

Dettagli

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione del Programma e del nuovo bando BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione Programma: zone ammissibili e zone adiacenti Presentazione Programma: Assi e risorse ASSE 1

Dettagli

La gestione finanziaria dei progetti

La gestione finanziaria dei progetti Progettazione sociale ed europea per le Associazioni Culturali La gestione finanziaria dei progetti Torino 18 Marzo 2014 1 Pianificazione economico finanziaria Uno dei momenti della pianificazione è la

Dettagli

Obiettivo Cooperazione territoriale europea 2007-2013. Programma ALCOTRA. Alpi latine cooperazione transfrontaliera Italia - Francia

Obiettivo Cooperazione territoriale europea 2007-2013. Programma ALCOTRA. Alpi latine cooperazione transfrontaliera Italia - Francia UNIONE EUROPEA Obiettivo Cooperazione territoriale europea 2007-2013 Programma ALCOTRA Alpi latine cooperazione transfrontaliera Italia - Francia VADEMECUM GUIDA PER I BENEFICIARI Allegato Bando Autunno

Dettagli

Elementi di progettazione europea La gestione dei progetti europei: aspetti tecnici, amministrativi, di rendicontazione e finanziari

Elementi di progettazione europea La gestione dei progetti europei: aspetti tecnici, amministrativi, di rendicontazione e finanziari Elementi di progettazione europea La gestione dei progetti europei: aspetti tecnici, amministrativi, di rendicontazione e finanziari Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio - dsga D. Di Lascio Promemoria per il personale amministrativo assegnato ai progetti P.O.N. 2000/2006 A cura del Direttore Servizi Generali e Amministrativi DI LASCIO Domenico Ogni progetto dovrà essere

Dettagli

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni.

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. LEGGERE UN BANDO DI FINANZIAMENTO PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. Data di scadenza Ho il tempo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO FAQ. Come si compila la scheda finanziaria e come si calcola la percentuale del contributo regionale?

AVVISO PUBBLICO FAQ. Come si compila la scheda finanziaria e come si calcola la percentuale del contributo regionale? AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DI PROGETTI DA ATTUARE NELLE SCUOLE DEL LAZIO. PRESENTAZIONE ON DEMAND DELLE PROPOSTE PROGETTUALI FAQ Come si compila la scheda finanziaria

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI Allegato 1 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI I. Contenuto generale dell Avviso Il Programma europeo di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Francia Marittimo (di seguito

Dettagli

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario Domanda 1. Il costo per adempimenti burocratico - amministrativi può essere rendicontato sul LIFE; se sì, in quale categoria di spesa? Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario 2. Se è prevista

Dettagli

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014)

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014) Decreto Direttoriale n. 2216 del 1 luglio 2014 Regole e modalità per la presentazione delle domande finalizzate alla concessione dei contributi previsti dalla Legge 6/2000 per gli strumenti di intervento:

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 INDICE 1. COME PRESENTARE DOMANDA... 3 1.1 Come si presenta una domanda?... 3 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 1.3 Quali sono i documenti obbligatori da allegare alla

Dettagli

Procedure per la presentazione del Rendiconto

Procedure per la presentazione del Rendiconto Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle Imprese Cooperative Procedure per la presentazione del Rendiconto - Gennaio 2013 - FON.COOP 0 Documenti per la presentazione

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia Slovenia 2007-2013 Navodila in obrazci za poročanje za upravičence Programa čezmejnega

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Pagina 1 di 6 BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Premessa Il Centro di Servizio al volontariato CESAVO emana il presente bando finalizzato al sostegno

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI L'attività di supporto alla creazione di imprese

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea Italia-Svizzera 2007-2013

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea Italia-Svizzera 2007-2013 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea Italia-Svizzera 2007-2013 CONVENZIONE DI ATTRIBUZIONE DEL CONTRIBUTO PUBBLICO PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO DESTINATION ID: 10013262 VISTI i Regolamenti (CE)

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente?

BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente? BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani F.A.Q. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente? Sì, purché i progetti appartengano a due aree tematiche

Dettagli

3. Rendicontazione finale

3. Rendicontazione finale BANDO GALILEO 2012-2013 REGOLAMENTO 1. Accettazione del contributo Il conferimento del contributo è subordinato alla ricezione da parte del Segretariato italiano dell della seguente documentazione, che

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

Asse 1. Competitività regionale e occupazione. Attività

Asse 1. Competitività regionale e occupazione. Attività FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE P.O.R. 2007 2013 Programma Operativo Regionale Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Attività I.1.3 Innovazione

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

Regione Puglia. Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Politiche Giovanili e Sport. Bando di concorso

Regione Puglia. Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Politiche Giovanili e Sport. Bando di concorso Regione Puglia Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva Settore Politiche Giovanili e Sport PRINCIPI ATTIVI Giovani idee per una Puglia migliore Bando di concorso Art. 1 - Descrizione dell iniziativa

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/10 marca da bollo Indicare il motivo di esenzione : 1 organismi di volontariato iscritti al Registro regionale di cui alla L.R.

Dettagli

Budget e Rendicontazione Finanziaria

Budget e Rendicontazione Finanziaria Budget e Rendicontazione Finanziaria DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 DALLA STRUTTURA DEL PROGETTO ALLA REDAZIONE DEL BUDGET 2 1. DALLA STRUTTURA DEL PROGETTO

Dettagli

Obiettivo Cooperazione territoriale europea 2007-2013. Programma ALCOTRA. Alpi latine cooperazione transfrontaliera Italia - Francia.

Obiettivo Cooperazione territoriale europea 2007-2013. Programma ALCOTRA. Alpi latine cooperazione transfrontaliera Italia - Francia. UNIONE EUROPEA Obiettivo Cooperazione territoriale europea 2007-2013 Programma ALCOTRA Alpi latine cooperazione transfrontaliera Italia - Francia VADEMECUM GUIDA PER I BENEFICIARI Parte Prima Dalla predisposizione

Dettagli

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL Unione Europea GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÁ DI RICERCA 1^ scadenza e 2^ scadenza: DGR n. 1988/2011 e successive modificazioni

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE SICILIANA PRESIDENZA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE INTERREG IIIC - ZONA SUD OPERAZIONE QUADRO REGIONALE TREND COMPOSANTE 4 - PROGETTI DIMOSTRATIVI SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA 1 Soggetto

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

Settore Welfare e Territorio. Scadenza 28 giugno 2013. Stanziamento 500.000,00

Settore Welfare e Territorio. Scadenza 28 giugno 2013. Stanziamento 500.000,00 Safety Vehicle Safety Vehicle opera nel campo della protezione civile e della tutela ambientale. Gli obiettivi del progetto sono contribuire all efficienza del servizio di Protezione Civile attraverso

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

PROGRAMMA ITALIA -TUNISIA 2007-2013

PROGRAMMA ITALIA -TUNISIA 2007-2013 COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA NEL QUADRO DELLO STRUMENTO EUROPEO DI VICINATO E PARTENARIATO (SEVP) PROGRAMMA ITALIA -TUNISIA 2007-2013 PRIMO APPELLO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTI STANDARD 17

Dettagli

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI Criteri generali Obiettivi del bando Il bando intende promuovere la vocazione turistico-culturale dei Comuni

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO PAR FSC 2007-2013: ATTUAZIONE, CONTROLLO E PROGRAMMAZIONE (CODICE CORSO 15003) Seminario conclusivo. Torino, 10 giugno 2015

PERCORSO FORMATIVO PAR FSC 2007-2013: ATTUAZIONE, CONTROLLO E PROGRAMMAZIONE (CODICE CORSO 15003) Seminario conclusivo. Torino, 10 giugno 2015 PERCORSO FORMATIVO PAR FSC 2007-2013: ATTUAZIONE, CONTROLLO E PROGRAMMAZIONE (CODICE CORSO 15003) Seminario conclusivo Torino, 10 giugno 2015 Maggio 2013 PERCORSO FORMATIVO PAR FSC 2007-2013: ATTUAZIONE,

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia 2007-2013

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia 2007-2013 Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Settore Politiche comunitarie Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia 2007-2013 CCI 2007 CB163 PO 034

Dettagli

Start Cup Bologna-Progettando 2008

Start Cup Bologna-Progettando 2008 Start Cup Bologna-Progettando 2008 dedicato ad aspiranti imprenditori della Provincia di Bologna per l assegnazione di 5.000,00 sottoforma di contributo a fondo perduto Bando 9 1. DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA SELEZIONE DI 2 ESPERTI P.I.C. Interreg III B Medocc progetto Medins - Identità è futuro

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA SELEZIONE DI 2 ESPERTI P.I.C. Interreg III B Medocc progetto Medins - Identità è futuro REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali ed Ambientali e della Pubblica Istruzione Dipartimento Beni Culturali ed Ambientali Ed Educazione Permanente AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BANDO N. 4 ANNO 2015 ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BUDGET COMPLESSIVO : Euro 110.000 messi a disposizione dalla Fondazione Cariplo per il tramite della Fondazione

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO?

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EM BLEM ATICI M INORI BANDO ANNO 2013 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DELLE CAMERE DI COMMERCIO, DEI PATLIB (PATENT LIBRARY), DEI PIP (PATENT INFORMATION POINT) E DELLE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER ATTIVITA DI SUPPORTO

Dettagli

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013 Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013 Bologna, 25 febbraio 2013 caratteristiche dei progetti Obiettivi: sostegno a giovani

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio per il Volontariato Asti e Alessandria, nel perseguire l obiettivo di sostenere e

Dettagli

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1 Bando per l accesso agli Innovation Voucher DOMANDE FREQUENTI Modalità di presentazione delle domande 1. La marca da bollo ogni 4

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

Dr.ssa Anna Maria Scuderi

Dr.ssa Anna Maria Scuderi D.M. MAP 593/2000 E SS.MM.II.: MODALITÀ PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO DEL 27 LUGLIO 1999, N. 297 (ARTT. DA 5 A 16) Tale decreto riunisce in un unico

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLA COOPERAZIONE, DEL COMMERCIO, DELL'ARTIGIANATO E DELLA PESCA DIPARTIMENTO COOPERAZIONE COMMERCIO ARTIGIANATO P.O.R. 2000-2006 ASSE 4 - SISTEMI LOCALI DI SVILUPPO

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO?

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 22 settembre 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per l Integrazione 2007 2013 MANUALE OPERATIVO REVISORI Versione Agosto 2013 INDICE 1. Premessa 3 2. Il Revisore

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 11 marzo 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1 SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER GLI ENTI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO ART. 1 - FINALITÀ... 2 ART. 2

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

BANDO IDEE PER LO SVILUPPO E PROMOZIONE TERRITORIALE DEL VOLONTARIATO

BANDO IDEE PER LO SVILUPPO E PROMOZIONE TERRITORIALE DEL VOLONTARIATO BANDO IDEE PER LO SVILUPPO E PROMOZIONE TERRITORIALE DEL VOLONTARIATO Supporto per sviluppo Eventi Anno 2016 1 ART.1 OBIETTIVI Il Centro Servizi al Volontariato della provincia di Terni nell ambito delle

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli